Issuu on Google+

MAGAZINE BOLOGNA

ELISA DI FRANCISCA

INTERVISTE

ELISA DI FRANCISCA, REGINA DELLA SCHERMA LAPO ELKANN, ITALIA INDIPENDENT SEVER

MODA

- SERVIZIO DI MARCO SCORZA

LA FEMME EN NOIR - WOOL IN LIGHT

BELLEZZA

COME FERMARE IL TEMPO

WEEK END E DINTORNI

UN SOGNO CHIAMATO FERRARA


WWW.KONTATTO.IT

The pop Collection BOLOGNA INDIPENDENZA 15

MILANO MARITTIMA


Ovyè Store via Indipendenza 33/B Tel: 051 272855 www.ovyebycristinalucchi.com bologna@ovyebycristinalucchi.com


Editoriale

una

firma

è per sempre di Germana Urbani mente su tailleur e tubini che contrapposti al candido bianco, creano una sfiziosa dicotomia tra rigore e romanticismo. Le stampe floreali e animalier compaiono, invece, quasi esclusivamente negli abiti da sera, davvero mozzafiato e in puro stile Dolce & Gabbana. Sensazionale ed eclettica la sfilata Just Cavalli ripropone echi in puro stile hippy anni ’70, trasgressivo e colorato si accompagna ad un attento studio dei particolari e un’altissima qualità dei tessuti che spaziano dal patchwork al jacquard, dai ricami agli inserti in mongolia, dal leggero ed etereo chiffon, fino all’immancabile denim, a cui Cavalli dà un tocco personale, riempendolo di ogni tipo di applicazioni coloratissime, per un effetto new hippy d’alta moda. Le stampe sono come sempre multicolor, non mancano il maculato e lo zebrato, marchi di fabbrica di Roberto Cavalli, che si mescolano a stampe floreali romantiche e vistose, mentre le frange creano sinuosità e movimento ad ogni passo. I pantaloni sono attillati e lavorati come opere d’arte, mentre gli abiti hanno gonne ampie stile gitano, vaporose e impalpabili, ma anche qualche elegante mini per un’estate mozzafiato.

reatività, stile e tradizione sartoriale, che tutto il mondo ci invidia, sono stati anche quest’anno i tratti distintivi della Milano Fashion Week di fine settembre. Una meravigliosa maratona tra 104 sfilate e 93 presentazioni delle case di moda più importanti del mondo del prêt-à-porter che hanno presentato le collezioni Primavera Estate 2011.

Decisamente glamour la collezione di Gucci che sceglie il ritorno deciso al lusso che fa sognare, molto prezioso e sicuramente destinato a pochi come gran parte delle creazioni che sfilano nelle settimane della moda di tutto il mondo.

Bianco e nero e pochissime fantasie per Dolce & Gabbana che porta in passerella abiti immacolati e impreziositi da pizzi e merletti d’altri tempi, usciti dalle abili mani di ricamatrici esperte, che si rifanno probabilmente alla tradizione siciliana cui i due stilisti sono molto affezionati. Per nulla eccentrici i capi proposti sembrano pensati per una donna dall’eleganza sofisticata ma mai esagerata, pronti ad essere indossati durante una tranquilla passeggiata pomeridiana in centro o un incontro romantico su qualche litorale esotico. Il nero compare prevalente-

Capi inarrivabili per la gente comune che però, passata la stagione, trovano altra vita nei nuovi paradisi dello shopping: gli outlet. Queste cittadelle della moda, sono ormai diffuse in tutto il territorio nazionale e offrono a metà prezzo anche i capi più ambiti dell’anno precedente. Ma si sa, l’alta moda non passa mai di moda e quindi l’affare resta comunque d’oro e la firma si vede nella qualità e nel taglio del capo non nel prezzo. E poi, come dice John Galliano: “Nell’abbigliamento mai dire mai. Tutto si rimescola e diventa cool”. Se dunque avete un sogno … non lasciatevi scappare l’affare! m

>look@promomedia.it< >lookmagazine.it<

5


MAGAZINE

ELISA DI FRANCISCA

INTERVISTE

ELISA DI FRANCISCA, REGINA DELLA SCHERMA LAPO ELKANN, ITALIA INDIPENDENT SEVER

MODA

- SERVIZIO DI MARCO SCORZA

LA FEMME EN NOIR - WOOL IN LIGHT

BELLEZZA

COME FERMARE IL TEMPO

WEEK END E DINTORNI

UN SOGNO CHIAMATO FERRARA

www.lookmagazine.it

Ottobre 2010

Autorizzazione del Tribunale di Torino n° 5995 Iscrizione del marchio presso l’Ufficio Italiano Marchi e Brevetti n° RM2005C006957 del 22/12/2005 Periodicità mensile - TUTTI I DIRITTI RISERVATI

Promomedia Communication S.r.l. Via Svezia 9 - 35127 Padova - Tel 049/8704884 www.promomedia.it EDITORE Giuseppe Bergantin DIRETTORE RESPONSABILE Germana Urbani COORDINAMENTO EDITORIALE Valeria Marcato REDAZIONE Germana Urbani, Ornella Jovane HANNO COLLABORATO Lucrezia Argentiero, Antonio Biasioli, Claudio Capovilla, Angela D’Amelio, Maria De Los Angeles, Marco Garbin, Isa Grassano, Massimo Labraca, Renato Malaman, Andrea Maniezza, Maria Valeria Marcato, Cesare Marretti, Marco Scorza, Germana Urbani, Vincent Urbani, Francesco Veronesi GRAFICA Studio grafico Promomedia TIPOGRAFIA Reggiani SpA Brezzo di Bedero (VA) REDAZIONI LOCALI PADOVA - VENEZIA - TREVISO - ROVIGO - VERONA Promomedia Communications 049/8704884 - look@promomedia.it ROMA Teseo Editore Enrico Orsingher - 06/5744679 - look@teseoeditore.it BOLOGNA Promomedia Communications Numero Verde 800.46.50.40 - lookbologna@promomedia.it PUBBLICITÀ PADOVA - VENEZIA - TREVISO - ROVIGO - VERONA Promomedia Communications Via Svezia, 9 - Padova - 049/8704884 - look@promomedia.it Responsabile Pubblicità Urbana: Luca Duse ROMA PUBLIEPolis S.p.A. Concessionaria di pubblicità in esclusiva Corso Vittorio Emanuele II, 21 - Tel. 06 96037460 pubblicita@publiepolis.it BOLOGNA Promomedia Communications Numero Verde 800.46.50.40 - Tel. 338 5289692 lookbologna@promomedia.it Responsabile Pubblicità Urbana: Massimo Pupillo

bo pbl luca parrucchieri.indd 1

10/10/28 10-56-49


8

Sommario

MAGAZINE

ELISA DI FRANCISCA

>> fAsHion Monocolor La femme en noir

- SERVIZIO DI MARCO SCORZA

44

INTERVISTE

ELISA DI FRANCISCA, REGINA DELLA SCHERMA LAPO ELKANN, ITALIA INDIPENDENT SEVER

MODA

LA FEMME EN NOIR - WOOL IN LIGHT

BELLEZZA

COME FERMARE IL TEMPO

WEEK END E DINTORNI

UN SOGNO CHIAMATO FERRARA

>> in copertinA foTo STone66


10 >> Accadrà in Italia 12 >> Accadrà in Città 14 >> Visto per voi

Dino Gavina, Lampi di design

16

>> Look & art Le provocazioni di Thomas Hirschhorn

18

>> Il crucilibro Il bello delle donne

20 >> Marketing e comunicazione La marca comunica con i sensi

56 >> Moda

22 >> Ambiente Aboliamo i sacchetti di plastica 24 >> No profit Il Sogno di Stefano 28

>> Happening Domenica 31 ottobre orologi indietro di un’ora, anzi, di 20 anni!

31

>> Attualità Dalle passerelle … alle passeggiate negli outlet center

36

>> Intervista Elisa di Francisca, la nuova regina della scherma italiana

40

>> Intervista Lapo Elkann: la moda passa, lo stile resta

63 >> Salute Il tumore al seno si sconfigge 64 >> Bellezza Antiage, rito di bellezza quotidiano 67 >> La ricetta Ciccia chiama ciccia 68 >> Sport The olistic training 70 >> Viaggi Un sogno chiamato Ferrara 96

>> Oroscopo Le stelle parlano

76 >> Week-end e dintorni La Sardegna è differente

56 >> Moda Wool in light

9


Agenda mese

accadrà

in italia Robert Doisneau Dal mestiere all’opera Palm Springs 1960

Dal mestiere all’opera presenta una selezione di circa cento stampe originali, le più celebri accanto ad altre praticamente inedite, scelte in gran parte nel suo atelier e in importanti collezioni pubbliche e private francesi. Era il 1960 quando la rivista Fortune incaricò il fotografo francese di raccontare la vita di una città particolare, nata come un fiore sgargiante nel deserto della California: Palm Springs. Le immagini dell’album Palm Springs 1960, presentate ora per la prima volta in Italia, mostrano un aspetto poco conosciuto del grande fotografo e sorprende-

ranno anche il visitatore più esperto trasportandolo in un universo festoso e ironico. Dal 22 settembre al 17 novembre, tutti i giorni dalle 10 alle 20, giovedì e venerdì fino alle 22. Chiuso il lunedì - Fondazione Forma per la Fotografia, Milano, Piazza Tito Lucrezio Caro, 1

People Meet in Architecture

Si è aperta domenica 29 agosto al pubblico (fino a domenica 21 novembre 2010), ai Giardini della Biennale e all’Arsenale, la 12. Mostra Internazionale di Architettura dal titolo People meet in architec-

10

ture, diretta da Kazuyo Sejima e organizzata dalla Biennale di Venezia presieduta da Paolo Baratta. La vernice ha avuto luogo nei giorni 26, 27 e 28 agosto 2010. La Mostra People meet in architecture è allestita al Palazzo delle Esposizioni della Biennale (Giardini) e all’Arsenale e forma un unico percorso espositivo, con 46 partecipanti tra studi, architetti, ingegneri e artisti da tutto il mondo. Venezia - 29 agosto-21 novembre 2010

Gardaland Halloween 2010

Dal 2 ottobre, fino al 31 ottobre 2010 e il 1 novembre, in tutti i week end Gardaland si veste per Halloween e tra zombie, mostri, streghe

e vampiri, si può ammirare anche la bellezza di Aida Yespica, madrina di Gardaland Magic Halloween. Molti gli spettacoli in tema con Halloween, dallo Scary Welcome, che da il benvenuto a inizio giornata, allo spettacolo de Il Castello dei Misteri, fino a Nightmare - Halloween Final Ceremony, lo spettacolo di chiusura della giornata. Gardaland - Località Ronchi, Castelnuovo del Garda, Verona

Dopo 8 anni Prince in Italia

Ad otto anni dall’ultimo concerto in Italia, Prince ritornerà nei palchi del nostro paese con due date

>www.formafoto.it< >www.labiennale.org< >www.gardaland.it<

programmate il 2 novembre 2010 al Palalottomatica di Roma e il giorno successivo al Mediolanum Forum di Assago (Milano) nel corso del suo tour mondiale 20Ten Tour 2010. Nei due show, la star di Minneapolis proporrà i grandi successi che lo hanno reso uno degli artisti più importanti nella storia e presenterà i nuovi brani del suo ultimo lavoro “20ten”. Prince in Italia - 2 novembre 2010, Roma, Palalottomatica - 3 novembre 2010, Assago (MI), MediolanumForum

Fenice Day 2010

Il Teatro La Fenice rinnova anche quest’anno l’appuntamento con il FeniceDay, l’annuale gala di fund raising a favore della Fondazione. L’edizione 2010 avrà come protagonista il maestro Daniel Barenboim che si esibirà in un concerto al pianoforte. L’appuntamento è per domenica 14 novembre alle ore 18,00. Al termine dello spettacolo la serata proseguirà, per quanti intendano aderire, con una cena placé alle Sale Apollinee. Diverse le modalità per partecipare all’evento: con una do-

nazione minima; con l’acquisto del biglietto per lo spettacolo (prezzi da € 15,00 a € 200); con una donazione suggerita si potrà assistere allo spettacolo in posti di prima categoria e partecipare alla cena di gala. I nomi di tutti i donatori verranno poi citati nel programma di sala e nei supporti informativi messi a disposizione dal media partner. La generosità di quanti sosterranno l’evento contribuirà a mantenere alta la qualità artistica del Teatro: il sostegno dei privati è infatti un elemento sempre più indispensabile. Daniel Barenboim - 14 novembre 2010 Teatro La Fenice - Venezia


BOLOGNA 4-12 DICEMBRE M O T O R S H O W . I T


Agenda mese

accadrà in

CITTà a cura di Lucrezia Argentiero e Isa Grassano

Autunno in tavola

La tavola dell’Emilia Romagna celebra in autunno la festa dei sapori con tanti eventi, dalle sagre alle mostre mercato, che si tengono a Bologna e provincia (ma anche in tutta la regione), dedicati ai prodotti Dop e Igp (il paniere di prodotti Dop e Igp regionali conta ben 33 voci) e alle tradizioni enogastronomiche della regione. Una serie di appuntamenti golosi, fino a dicembre, riuniti nel

Wine Food Festival (un’iniziativa congiunta degli Assessorati regionali all’Agricoltura e al Turismo, in collaborazione con APT Servizi Emilia Romagna). Tra questi il Baccanale di Imola dal 6 al 21 novembre. Varie sedi - fino a dicembre - info: APT Servizi 0541-430190 - calendario su: www.winefoodfestival.it

Cioccoshow

Tre giorni, dal 24 al 28 novembre, per tuffarsi in un mondo goloso. L’appuntamento è con la sesta edizione di Cioccoshow, kermesse al cioccolato artigianale. Il centro sto-

12

rico profumerà di cacao e le forme più disparate di cioccolato (bianco, al latte, fondente, con le nocciole) preparate da maestri artigiani faranno bella mostra di sé sui vari stand del cento storico. Tanti gli eventi in programma tra cui la “Ciocconight”, dove si potrà gustare “il cibo degli dei” in ogni declinazione, ascoltando musica o partecipando a performance ed incontri a tema. Bologna - dal 24 al 28 novembre - www. winefoodfestival.it

Mafie in pentola

Il cibo che si fa memoria ed occasione di riscatto sociale. I prodotti di Libera Terra, ricavati dai terreni confiscati alla mafia. Da tutto questo trae spunto Mafie in pentola, un progetto di teatro, legalità e cultura gastronomica a cura dell’attrice Tiziana Di Masi e del giornalista Andrea Guolo. Lo spettacolo propone, da sud a nord, un esemplare “menù della legalità”, dall’antipasto al dolce, in un crescendo di gusto e di emozione che si accompagna alle parole di chi, quei prodotti, li ha seminati, coltivati e portati nelle tavole degli

italiani. Testimonianze, odori, sapori e impegno sociale, per un intreccio gustoso ed esilarante, che va a riempire la coscienza e lo stomaco di ciascuno. Varie date dello spettacolo, consultabili sul sito www.tizianadimasi.it

Vino e moda insieme

Nell’Olimpo della moda, Galleria Cavour, ha fatto il suo ingresso un’inebriante vetrina di eccellenze: lo showroom enoteca Condé (azienda vitivinicola di Predappio). Il fiore all’occhiello? La produzione di vino Sangiovese. Aperta dal lunedì al sabato, rappresenterà per la città felsinea una vera “gioielleria dei sensi” dove poter trovare il meglio della produzione romagnola, insieme ad una selezione di gustose praline e bon bon, prodotte da un artigiano del cioccolato e arricchite da un ripieno di crema al sangiovese Condé. Bologna - Galleria Cavour, 6 info: www.conde.it

Un negozio a spreco zero

Il biologico come scelta quotidiana, e vero stile di vita, anche per i pasti fuori casa. Ora è possibile anche a Bologna, dove apre Cibo Cucina Caffè BIO, promosso da Alce Nero. Un mix tra un punto vendita di alimenti biologici e un ristorantecaffetteria, con un’ampia offerta di menu per colazioni, brunch, aperitivi e pranzi; tutto rigorosamente bio e nel rispetto dell’ambiente. La novità? Sarà a “Spreco Zero” ed avrà informazioni in Braille per i non vedenti. Bologna - Via Petroni 9 www.alceneromielizia.it

>www.winefoodfestival.it< >www.tizianadimasi.it< >www.conde.it< >www.alceneromielizia.it<


Visto per voi

Dino Gavina

Lampi di design Il MaMbo, Museo d’Arte ModernA dI BolognA, conclude Il 2010, Anno che hA vIsto Il Museo IMpegnAto nellA vAlorIzzAzIone del dIstretto culturAle dellA Manifattura delle arti, con un’AMpIA MostrA dedIcAtA AllA polIedrIcA fIgurA dI dino Gavina.

MAMbo Museo d’Arte ModernA di BolognA Dino GAvinA. LAMpi Di DesiGn a cura di ElEna Brigi E daniElE VincEnzi dal 23 sEttEmBrE al 12 dicEmBrE 2010

a mostra ripercorre l’avventura intellettuale e impren imprenditoriale di Gavina, facendo riferimento agli artisti, designer e architetti che con lui hanno condiviso il cammino nel mondo dell’arte e del design, tra i quali Lucio Fontana, Marcel Duchamp, Man Ray, Sebastian Matta, i fratelli Castiglioni, Marcel Breuer, Carlo e Tobia Scarpa, Kazuhide Takahama, Luigi Cacciai Dominioni. Un cammino interpretato anche attraverso le aziende che a vario titolo e in periodi diversi ne hanno portato l’impronta, Gavina, Simon International, Flos, Sirrah, Simongavina Paradisoterrestre. Risulta centrale, nella mostra di MAMbo, la capacità di Gavina di farsi catalizzatore di creatività e, pur non essendo un designer, di cambiare il volto del design italiano, dettando nuovi canoni della cultura visuale e dell’esperienza estetica. Vero e proprio maestro dell’innovazione e dell’intuizione sovversiva, Gavina rende possibile la diffusione su scala industriale dei principi delle avanguardie, dalle quali ha tratto idee e compagni di strada, applicando al design i principi del ready made. È esposta un’ampia selezione di modelli, realizzati a partire dal 1950, molti dei quali ancora in produzione, in grado di evidenziare l’approccio alle varie dinamiche industriali. Prodotti che sono stati il frutto di una eterogenea vicenda creativa, interrotta solo nel 2007 dalla scomparsa del suo protagonista. m

14

>www.mambo-bologna.org< >info@mambo-bologna.org< >associazioneartgallery.org<


Look & art

Thomas hirschhorn è un arTisTa svizzero famoso per le sue provocaTorie incursioni nel mondo della pubbliciTà e della culTura pop. Angela D’Amelio Presidente Associazione ArtGallery

ll’inizio degli anni ’80 Thomas Hirschhorn partecipò al gruppo artistico Grapus, insieme a grafici e designer. La loro arte reinterpretava il linguaggio dell’advertising per mandare un forte messaggio politico e culturale. Nel primo periodo della sua carriera Hirschhorn realizzò opere controverse come “Boss”. Questo lavoro fa parte di una serie: denuncia il potere e l’abilità dei marchi nell’affascinare i consumatori. La pubblicità utilizza una foto seducente? Hirschhorn la violenta con pennellate e collage, riappropriandosene. Lavorando direttamente su pagine di riviste di moda, ritagliando annunci di marchi come Hugo Boss o Calvin Klein, Hirschhorn interviene in modo frenetico e aggressivo. L’artista smaschera le immagini con i suoi potenti segni grafici. Utilizza il collage fotografico per dipingere la cruda realtà del mondo: violenza, repressione, fame. Nel caso di questa opera, la ripetizione senza fine della parola ’boss’ serve a sopraffare l’esclusività del logo. Con

16

>associazioneartgallery.org<

Le provocazioni di Thomas Hirschhorn questo gesto Hirschhorn reclama la sua impronta autoriale, sottomettendo la pubblicità originale alla sua estetica, affermando in modo indiscutibile di essere il “boss”. Negli anni, Hirschhorn si è specializzato nel creare installazioni: altari, monumenti e chioschi dedicati a filosofi e importanti figure culturali, senza dimenticare quel sottile legame con la cultura pop. Ha realizzato una scultura ironica intitolata “Nietzsche Car”, accostando l’immagine del filosofo a quella del marchio Hello Kitty. Il pubblico, sconcertato, si è chiesto cosa avessero in comune. L’artista ha risposto scherzosamente: “hanno tutti e due i baffi!” Più seriamente, “Nietzsche Car” è una dichiarazione d’affetto al suo filosofo preferito. Hirschhorn, col suo solito gusto per l’ironia, lo ha dimostrato accostandogli un personaggio tenero e affettuoso. Nel corso della sua carriera, Hirschhorn è diventato famoso per installazioni artistiche realizzate con materiali comuni: cartone, plastica e nastro adesivo. Queste opere sono spesso situate fuori delle gallerie e invitano il pubblico a interagirvi. Per costruire l’opera “Caveman” ha trasformato una galleria in una caverna dell’età della pietra, utilizzando cartone, legno e materiali di scarto, collocandovi varie icone della filosofia e della cultura pop.

L’opera, premiatissima, ha portato l’artista al successo. Hirschhorn ha comunque sempre mantenuto una posizione politica intransigente. Nel 2003 boicottò la Svizzera per l’elezione di una frangia estremista, decidendo di non esporvi più le sue opere. Le opinioni di Hirschhorn sono ben espresse da un’opera come “Hotel Democracy”, una colossale scultura a due piani realizzata con materiali di recupero come fogli di plastica, nastro da imballaggio e cartone. Il lavoro denuncia la democrazia come un traguardo incompiuto, che può solo migliorare. Un valore che non può essere esportato. Una parola senza significato, in un mondo dove esistono ancora troppe dittature. Hotel Democracy è un’opera più attuale che mai, e per questo Hirschhorn l’ha riproposta in mostre recenti sebbene fosse stata realizzata nel 2003. L’artista si è attirato le critiche degli ambientalisti per il suo utilizzo di materiali di scarto che danno l’idea di un grande spreco. Hirschhorn ha risposto, come prevedibile, in modo provocatorio. Ha affermato che l’arte è esagerazione, non economia. L’arte è uno spreco. Uno spreco di amore, uno spreco di passione, uno spreco di energia, di estasi, di estetica, di forza, di bellezza. Uno spreco di vita. Hirschhorn è così. Un artista infaticabile che ama scuotere il pubblico dal torpore attraverso le sue creazioni. Senza risparmiarsi. m


Il crucilibro

Il bello delle donne

Quanto un passato sconosciuto può influenzare il presente e cambiarlo? un ambiente duro segna per forza un’esistenza oppure no? basterà scendere sotto la superfice del Quotidiano per dipanare il filo di una vita? scelti da Germana Urbani

EroE Eroina altEr Ego location co-Protagonisti

intrigo

FinalE

cosa dirE

dEl libro

lEggErE…

18

LEtiziA MurAtori

JEnn AShworth

JoSé EduArdo AguALuSA

SiLviA AvALLonE

Emilia, ex indossatrice

Annie, una ragazza obesa

Laurentina, una ragazza adottata

Anna e Francesca, quattordicenni

Persone che attraversano Il lato oscuro dell’amore. strade e ponti del sub Annie ha incontri erotici con conscio come in una grande uomini che amano donne avventura obese

Un segreto custodito a lungo che ne genera altri

L’adolescenza in un ambiente difficile

Il mondo della moda romana degli anni sessanta

Da Luanda all’Angola per poi peregrinare per mezzo continente africano

Via Stalingrado, Piombino, una città dove incombe una grande acciaieria

La palazzina dove Annie si trasferisce

Tre generazioni di donne, Emilia, la madre sarta e la figlia fotografa, e uomini che non si interrogano mai

Neil, il vicino di casa, Lucy, la I genitori adottivi e il sua fidanzata, una bellissima fantasma del vero padre diciannovenne e Sarita, una morto prima che lei potesse vicina incontrarlo

Una vecchia conoscenza del mondo della moda propone ad Emilia di curare nei minimi particolari l’organizzazione di un matrimonio. Lei accetta innescando così una serie di eventi surreali che la portano al cuore nero del suo book

Annie si innamora di Neil e il fatto che lui sia fidanzato non la ferma nei suoi folli propositi, convinta di essere ricambiata pensa che Lucy e i vicini di casa abbiano messo in atto una congiura contro di lei, che si vendica con dispetti sempre più pericolosi

Rivelazioni inaspettate ed intime che regalano alle diverse esistenze delle co-protagoniste una luce diversa e nuova

Imprevedibile per un libro che prende man mano le tinte di un noir e una trama ricca di eventi e di elucubrazioni paradossali

Un romanzo che sa sorprendere, dalla punteggiatura folle ma dal grande stile

Un romanzo noir dallo stile lucido che cattura il lettore dall’inizio alla fine

Un viaggio attraverso l’Africa degli uomini che nella notte vivono la storia delle storie

Appassionante, un ritratto di periferie difficili dove crescere è una sfida

Letizia Muratori Sole senza nessuno Adelphi, p. 133, € 16.00

Jenn Ashworth Un certo tipo di intimità Edizioni e/o, € 18.00

José Eduardo Agualusa Le donne di mio padre La nuova Frontiera, p. 362, € 17.50

Silvia Avallone Acciaio Rizzoli, p. 368, € 18.00

Laurentina scopre di essere stata adottata. Figlia di Alima, che muore dandola alla luce, e di Faustino Manso, un cantante noto in Angola. Laurentina parte per cercarlo ma lui è già morto. Dai giornali apprende che ebbe molte donne e numerosi figli che la protagonista decide di cercare

Maschi rudi e pericolosi

Due ragazzine amiche inseparabili diventano grandi e cercano di sopravvivere come possono in un ambiente violento. Quando arriva l’amore, però, l’amicizia si incrina e perdono le poche certezze che avevano

Un viaggio alla ricerca della Amaro: per sopravvivere verità non può concludersi non basta solo lottare che nella consapevolezza perchè la vita è feroce e non che la verità è l’unica risorsa si piega facilmente di chi non ha immaginazione

>adelphi.it< >edizionieo.it< >lanuovafrontiera.it< >rizzoli.rcslibri.corriere.it<


20

Marketing e comunicazione

Claudio Capovilla Direttore di strategia di Gruppo Icat

La marca comunica con i sensi I moderni punti vendita, secondo le strategie del marketing polisensoriale, seducono il consumatore con atmosfere coinvolgenti, capaci di creare esperienze piacevoli e memorabili.

In un mercato che presenta prodotti molto simili tra loro, oggi per le aziende farsi riconoscere è diventato un imperativo di fondamentale importanza; nello scenario estremamente competitivo che si è venuto a creare, è infatti sempre più difficile per un brand differenziarsi e spiccare sulla concorrenza. Partendo dal presupposto che è necessario inventare nuovi strumenti per far leva sul consumatore - sapendo che si tratta di un soggetto non completamente razionale - il marketing si è evoluto e, accantonando la logica “bisogno-acquisto-beneficio” (le caratteristiche funzionali dei prodotti sono date per scontate), ha creato nuove strategie capaci di instaurare con i consumatori dei veri e propri legami emotivi. Ed è così che il marketing esperienziale/polisensoriale mira a coinvolgere il cliente in un’esperienza “memorabile”, capace di arrivare in profondità nel vissuto individuale tramite l’associazione a sen-

sazioni e ricordi piacevoli. I sensi diventano quindi strumento privilegiato per arricchire la percezione della marca e costruire la sua unicità e identità, instaurando con i consumatori rapporti di affezione, preferenza e fedeltà. Ma come si crea una comunicazione capace di sedurre l’acquirente generando valore e competitività per un’attività commerciale? Innanzi tutto, se si pensa a come il punto vendita rappresenta il reale punto di contatto tra cliente ed azienda, è facile intuire come l’atmosfera possa giocare un ruolo fondamentale nel processo di acquisto andando a colpire tutte le sfere della personalità (cognitiva, affettiva, sensoriale): ed è così che il negozio cambia concezione trasformandosi da “point of purchase” in “point of permanence” o “point of meeting”. Spazi relazionali e di svago in grado di attirare l’attenzione;


luoghi dove il cliente avrà l’opportunità di vivere esperienze nuove, in ambienti emotivamente coinvolgenti. E i cinque sensi vengono colpiti a 360°: diffondendo profumi (olfatto); curando il design e l’estetica, e magari posizionando monitor al plasma (vista); aumentando gli info-point touch-screen (tatto); trasmettendo musica tramite impianti sofisticati (udito); offrendo caramelle, dolcetti o qualche stuzzichino (gusto). Gli odori, in particolare, sono dei potenti mezzi perché capaci di imprimersi a lungo nella memoria: la loro elaborazione coinvolge la parte istintiva del cervello, che li registra sotto forma di emozioni strettamente legate alle situazioni in cui sono stati percepiti per la prima volta (tema affascinante, trattato nella letteratura da celebri autori come Proust e Suskind). I ricercatori hanno dimostrato che i profumi vengono ricordati addirittura più delle immagini, perché questi arrivano dritti al cervello, senza intermediari. La memoria olfattiva richiama i ricordi vissuti e influenza l’individuo a ripetere l’esperienza per godere nuovamente delle medesime emozioni positive: legando quindi i prodotti da promuovere a odori dal forte significato emotivo, tramite un processo di associazione si sarà in grado di favorire l’acquisto. Per tale motivo, l’utilizzo degli aromi a fini commerciali è un trend che si va sempre più affermando secondo la filosofia del “sell with smell”: dagli agenti immobiliari che profumano di caffè o di torta le case da mostrare ai potenziali acquirenti (per attivare emozioni positive, legate a concetti come “infanzia” e “mamma”), ai grandi magazzini che diffondono profumi di campo per indurre il rallentamento dell’andatura dei clienti (che quindi possono dedicare più tempo agli acquisti); le catene internazionali di Harrod’s a Londra e Macy’s a New York sfruttano abitualmente questo mezzo secondo il principio che il buon odore del locale si identifica nell’inconscio del cliente con la bontà del prodotto o del servizio proposto. Lo stesso avviene da Bloomingdale’s dove in ogni reparto viene diffuso un aroma diverso, talco nell’area neonati, cocco nel reparto mare; o nelle 36 boutiques elettroniche di Sony, caratterizzate da pro-

“I sensi diventano strumento privilegiato per arricchire la percezione della marca e costruire la sua unicità e identità, instaurando con i consumatori rapporti di affezione, preferenza e fedeltà.”

fumi di mandarino e vaniglia; o negli hotel Sheraton, che inebriano i clienti con gelsomino, chiodo di garofano e fico; mentre Samsung ha addirittura coniato un’essenza ad hoc. Anche la musica è fortemente legata alle emozioni ed è molto sfruttata a fini commerciali in quanto capace di richiamare emozioni sopite: una canzone estiva o di vecchia data si rivela in grado di rievocare sensazioni passate. Per questo in genere in pubblicità si utilizzano brani famosi capaci di suscitare emozioni positive legate alle situazioni in cui la canzone è stata udita precedentemente, aumentando così la popolarità del prodotto in questione. Una comunicazione di successo è dunque pensata e progettata per far leva sui desideri inconsci, le memorie d’infanzia, i pensieri più nascosti di ogni consumatore attivando riflessi, comportamenti, azioni che lo inducono ad acquistare sotto l’influenza del ricordo di una sensazione piacevole impressa nel cervello. E i numeri sono la diretta testimonianza dell’efficacia di queste strategie: gli studi dimostrano che se il consumatore lega ad un prodotto delle impressioni sensoriali, la fidelizzazione si aggira intorno al 60%, mentre se l’esperienza è monosensoriale, la percentuale risulta essere adm dirittura dimezzata. Claudio Capovilla

è Direttore di Strategia di Gruppo Icat, agenzia di comunicazione e marketing padovana attiva in tutto il territorio nazionale. Ricopre la carica di Consigliere all’interno del direttivo di UNICOM (Unione Nazionale Imprese di Comunicazione).

21


Ambiente

aboliamo i sacchetti di plastica Una petizione Legambiente presenta Un dossier con nUmeri e danni degLi shoppers: itaLia magLia nera eUropea con 300 sacchetti a testa aLL’anno. di Germana Urbani osta pochi centesimi, è grande e soprattutto comodo e resistente. Il sacchetto di plastica, però, è uno dei fattori d’inquinamento dei giorni nostri. Si pensi che solo in Italia consumiamo ogni anno 300 sacchetti di plastica a testa, neonati compresi, che corrispondono a 180 mila tonnellate di petrolio e altrettante di emissioni di CO2. Ma la cosa più grave è che questi miliardi di sacchetti vengono in gran parte dispersi nei campi, lungo le rive dei fiumi e nei mari. Proprio alla luce di questi dati allarmanti Legambiente ha lanciato una petizione per dire Stop ai sacchetti di plastica, in nome del rispetto per l’ambiente dell’Italia e del pianeta. “Qualche migliaio di cittadini hanno già firmato sul web - ha dichiarato Andrea Poggio, vicedirettore di Legambiente - e non chiedono solo a governo e negozi di decretare la fine dell’inutile orgia di plastica a perdere, ma si impegnano individualmente a farne a meno. Il sacchetto di plastica è l’emblema dell’economia dello spreco, la sporta o il sacchetto elegante riutilizzabili sono tornati di moda: milioni di tartarughe, pesci e uccelli marini ci ringrazieranno”.

22

I sacchetti di plastica utilizzati nei negozi e nei supermercati costituiscono, infatti, un grave problema d’inquinamento ambientale diffuso in tutto il mondo. Consumiamo in Italia circa 20 miliardi di buste all’anno, assicurando così al nostro paese la maglia nera europea. In Europa le buste consumate sono 100 miliardi e le stime parlano di una commercializzazione annua mondiale di 1000 miliardi di sacchetti. Anche se solo una frazione di questi viene dispersa nell’ambiente, provoca la morte di milioni di pesci, balene, delfini, tartarughe e altri animali. L’Unep stima in un milione il numero di uccelli marini uccisi. Si sono trovati frammenti di plastica perfino nei nidi degli albatros in remote isole dell’Oceano Pacifico. Non ultimo, il problema della tossicità: nella stampa dei sacchetti, specialmente nei paesi in via di sviluppo, sono spesso utilizzati coloranti cancerogeni e metalli come additivi che vengono rilasciati nell’ambiente per poi riconcentrarsi negli organi interni delle specie, esseri umani compresi. Certo è che convincere milioni di consumatori e migliaia di negozi non sarà facile, non basterà un de-

>www.legambiente.it< >www.puliamoilmondo.it< >www.unep.org<

creto del governo. Occorre l’azione congiunta dei consumatori più consapevoli, delle istituzioni locali a cominciare dai comuni che debbono raccogliere i rifiuti, dei negozi, in primis della grande distribuzione che deve dare l’esempio. Per fortuna il processo è iniziato: più di un centinaio di comuni - tra cui Torino, Amelia in Umbria e alcuni piccoli comuni campani - hanno diffuso ordinanze che mettono in mora i sacchetti di plastica e centinaia di supermercati già ne fanno a meno o promuovono azioni di sensibilizzazione per ridurne l’uso indiscriminato. Nel frattempo ognuno di noi può fare la sua parte sottoscrivendo la petizione di Legambiente anche online su www.legambiente.it o www. puliamoilmondo.it che vede tra i primi firmatari anche l’attore Sergio Muñiz. Il documento chiede al ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare di impegnarsi a non prorogare ulteriormente, oltre il 31 dicembre 2010, il divieto di commercializzazione di sacchi non biodegradabili non rispondenti ai criteri fissati dalla norma tecnica comunitaria EN 13432. m


Milano-210x275.qxd Milano-210x275.qxd 22-07-2010 22-07-2010 12:06 12:06 Pagina Pagina 1 1

PerPer dare dare unun accento accento nuovo nuovo al al mio mio risotto, risotto, hoho scelto scelto unun ricciolo ricciolo di di burro burro Meggle Meggle concon pezzi pezzi di di vero vero tartufo, tartufo, cheche arricchiscono arricchiscono la la semplice semplice eleganza eleganza deldel risotto risotto di di una una dimensione dimensione in in più. più.

PerPer prepararlo, prepararlo, rosolo rosolo il riso il riso nella nella cipolla cipolla bianca bianca e loe lo bagno bagno in in vino vino bianco, bianco, aggiungo aggiungo il brodo il brodo poco poco alla alla volta volta e porto e porto a cottura a cottura in in 1515 minuti. minuti. Solo Solo alla alla fine, fine, la la mantecatura mantecatura concon burro burro tartufato tartufato e parmigiano, e parmigiano, lascia lascia esplodere esplodere i suoi i suoi profumi profumi in in tutta tutta la la loro loro ricchezza. ricchezza. Con Con l’accento l’accento tedesco, tedesco, il risotto il risotto italiano italiano diventa diventa ancora ancora piùpiù unico. unico.

Per Perfare faregrande grandeuno unochef chefitaliano italiano cicivuole vuoleun unricciolo ricciolotedesco. tedesco.

Il burro Il burro Meggle Meggle con con pezzi pezzi di di vero vero tartufo tartufo èè il grande il grande burro burro nato nato dalla dalla prima prima lavorazione lavorazione del del latte latte dei dei verdi verdi pascoli pascoli tedeschi, tedeschi, dalla dalla cura cura nell’alimentazione nell’alimentazione ee dada rigorosi rigorosi controlli controlli di di qualità. qualità. Il meglio Il meglio della della tradizione tradizione tedesca tedesca ee italiana italiana si si incontrano, incontrano, per per la la gioia gioia del del vostro vostro palato. palato.

Per Perfortuna fortunac’è! c’è!

www.meggle.it www.meggle.it

Risotto Risotto al al burro burro tartufato tartufato di di Roberto Roberto Montina, Montina, Trattoria Trattoria LaLa Montina, Montina, Milano Milano


No profit

Il Sogno di Stefano L’associazione no profit Il Sogno di Stefano Stefano, nata nel 2004, ha iniziato il proprio operato presso il reparto di Nefrologia e Urologia Pediatrica dell’Azienda Ospedaliera di Padova, da più di 30 anni reparto di riferimento nazionale per i bambini con malattie renali ed urologiche e con necessità di trattamento dialitico. Dallo scorso anno, l’Associazione ha allargato il suo raggio d’azione su tutto il territorio nazionale; oggi è già presente presso l’Ospedale S. Orsola di Bologna, con l’idea di avvicinarsi presto anche ad altri centri di nefrologia pediatrica. Stefano, a cui l’associazione si intitola, era un bambino sensibile e con un semplice sogno, quello di avere una vita normale come i suoi coetanei. L’Associazione, nata in sua memoria, da anni sostiene la ricerca e si impegna a restituire a tanti bambini con malattie renali il “sogno” di una vita normale, cercando di garantire un inserimento sociale e un sostegno psicologico, e di fornire un supporto logistico, ambientale ed educativo in ospedale, adeguato alle esigenze dei piccoli pazienti. La splendida cornice di Villa da Schio a Castelgomberto (Vi), ha ospitato una serata di beneficenza in favore dell’Associazione Il Sogno di Stefano - ONLUS. La serata è stata

24

organizzata da Fenice Pr di Alessandra Ferri. Dalla prestigiosa asta di vini, battuta dallo storico produttore di vino in toscana e consulente vinicolo internazionale Gelasio Gaetani d’Aragona Lovatelli, scrittore di libri sul vino e consigliere enologico, sono stati ricavati 10.000 euro che saranno devoluti a Il Sogno di Stefano. All’asta hanno partecipato importanti nomi del Nord Est come la famiglia Scaroni, Riello, Tognana, Businaro e molti produttori di vino tra cui Francesco Zonin, Giordano Emo Capodilista, Massimiliano Costa, Carla Bianchi Michiel di Villa Angarano, Gianluigi Maravalle e tanti altri. “Il ricavato dell’asta sarà destinato a proseguire due importanti programmi attualmente in essere, l’uno rivolto ad una ricerca farmacologica, e l’altro destinato alla progettazione e realizzazione di macchine per la dialisi in periodo neonatale - afferma Giovanni da Schio Presidente dell’Associazione - ma l’attività dell’associazione si rivolge anche al sostegno di tutte le famiglie che debbono sopportare periodi di cure piuttosto lunghi, per le quali avere una persona che rivolge loro un aiuto concreto, oltre che un sorriso, costituisce un aiuto ben più grande m di quanto pensiamo.“

Il sogno di stefano - onlus via Rossato, 3 · 35138 Padova-Italy · tel e fax +39 049 9740380 >www.ilsognodistefano.it< >info@ilsognodistefano.it<


LOOK sett.indd 1

07/09/10 11:06


Benessere

Poliambulatorio Plinio

… la vostra “bellezza” è al centro della nostra attenzione … COME SPOSTARE INDIETRO LE LANCETTE DELL’OROLOGIO BIOLOGICO ATTRAVERSO UN SISTEMA UNICO ED EFFICACE PER RIPARARE I DANNI ALLA PELLE DOVUTI ALL’ETÀ ED AL SOLE. PIXEL DOPO PIXEL, PUNTO DOPO PUNTO.

Dr.ssa Patrizia Palomba ià dopo il primo trattamento laser Fraxel, sentirete la vostra pelle diversa, poiché gradatamente migliora diventando più morbida, elastica, luminosa e fresca. Le rughe si attenuano progressivamente, così pure le macchie scure della pelle dovute al sole o all’età. Immaginate un quadro danneggiato che viene restaurato minuziosamente, oppure una fotografia digitale rielaborata. Proprio così andremo a trattare le aree dove si desidera migliorare l’aspetto della vostra pelle colpendone una frazione alla volta e ristrutturandola con migliaia di punti luce. Prima di procedere con il trattamento del laser vi informeremo sulle aree consigliate da trattare, sui risultati che potrete ottenere, sulle indicazioni pre-post trattamento. Il laser Fraxel è particolarmente indicato ed efficace nel trattamento di zone molto delicate come il collo, il décolleté e le mani oltre che il viso. Studi clinici suggeriscono che un efficace regime di trattamento comprenda dalle 3 alle 5 sedute, distanziate l’una dall’altra circa 4 settimane. Comunque, i programmi di trattamento possono essere molto variabili e personalizzati, mantenendo l’efficacia, anche se distanziati di alcune settimane o mesi a

26

seconda delle esigenze soggettive. Durante il trattamento la maggior parte dei pazienti avverte un leggero fastidio, alleviato dall’applicazione di un gel lenitivo ed un getto d’aria fredda sull’area interessata per aumentare il comfort.

MELASMA: PRIMA DEL TRATTAMENTO E DOPO IL TRATTAMENTO

COLLO E DECOLLETE: PRIMA DEL TRATTAMENTO E DOPO 3 TRATTAMENTI

RESURFACING FACCIALE COMPLETO: PRIMA DEL TRATTAMENTO E DOPO 4 TRATTAMENTI

CICATRICI DA ACNE: PRIMA DEL TRATTAMENTO E DOPO 5 TRATTAMENTI

MACCHIE SENILI: PRIMA DEL TRATTAMENTO E DOPO 3 TRATTAMENTI

Il trattamento laser Fraxel® ha ottenuto l’approvazione FDA da parte dell’Ente Governativo degli USA per i seguenti trattamenti: Skin resurfacing, Rughe periorbitali, Melasma, Coagulazione di tessuti molli, Lesioni pigmentate, Macchie solari-senili, discromie e cicatrici atrofiche. Proverete una leggera sensazione di bruciore, simile ad una lieve scottatura solare per circ a un’ora dopo il trattamento. La pelle successivamente può risultare leggermente arrossata per qualche giorno. Il nuovo strato epidermico si sviluppa immediatamente entro 24 ore e questo processo di “ricostruzione” della pelle prevede: • Aspetto abbronzato: la vostra pelle appare abbronzata e questo colorito dura comunque dai 3 ai 4 giorni, a seconda dell’intensità del trattamento. • Esfoliazione: la vostra pelle va incontro ad un leggero processo di esfoliazione mano a mano che i tessuti rinnovati rimpiazzano quelli morti. L’esfoliazione è simile a quella conseguente ad una leggera scottatura solare, ma senza il relativo dolore. L’uso di un buon idratante attenua l’aspetto esfoliato della pelle. • Schermo protettivo: applicate una crema solare con schermo ad ampio raggio (SPF +30) 2 volte al giorno per alcuni mesi dopo il trattamento. Nei mesi successivi al trattamento, è il corpo stesso che provvede a riparare il derma più profondo colpito dal laser, producendo benefici cambiamenti e donando un aspetto sano e luminoso alla vostra pelle. 

Plinio Poliambulatorio Specialistico via Monte Verena, 2/4 · Cazzago di Pianiga (Venezia) · tel. 041 5101340 · fax 041 5128050 >www.poliambulatorioplinio.it< >info@poliambulatorioplinio.it<


eventi . sfilate di moda . mostre . vernissage . meeting aziendali workshop . convegni . servizi fotografici

Il loft ideale per i tuoi

eventi speciali a due passi dal centro storico

w w w . B - e 2 0 . i t

Bologna - Via Jacopo Barozzi, 3 gh - per info 348 5205720 - 335 6638595


Happening

Domenica 31 ottobre orologi indietro di un’ora

anzi, di 20 anni! di Massimo Labraca

Ammettiamolo: preferiamo Halloween alla Festa dei Morti (o Ognissanti). È più colorato, ironico, sarcastico rispetto ai tradizionali crisantemi. E se potessimo, sceglieremmo sempre l’ora legale, relegando l’ora solare ai libri di storia. Due eventi di cui sappiamo poco o niente. In un’epoca Drag e Drop, prendiamo e trasciniamo/usiamo/viviamo oggetti, situazioni di cui molto spesso non ne conosciamo l’origine. E in quei rari casi in cui ci poniamo qualche domanda, ecco che Wikipedia, Google o altra fonte del “sapere contemporaneo”, ma spesso superficiale, ci viene in aiuto. Perché la zucca ad Halloween? Perché lancette indietro di un’ora? Soprattutto: perché chiederselo? Se mio figlio vuole andare in giro vestito da Conte Dracula con i suoi amichetti, suonando il campanello dei simpatici vicini e dicendo loro “dolcetto o scherzetto”, perché dovrei chiedermi… ”dove nasce questa tradizione”? E poi, d’accordo, l’ora solare ci porta via un’ora di luce, ma sapere che l’ora legale, quella delle lunghe giornate, è una semplice convenzione tra umani e non frutto del movimento terrestre, poco ci aiuta a superare lo shock del “salto nel buio” che vivremo da Domenica 31 ottobre, quando l’orologio tornerà indietro di un’ora. Insomma, sapere aiuta? Non sempre. Invece di affannarsi per diventare tuttologi, sarebbe preferibile conservare come un panda in via d’estinzione le briciole della propria ingenuità infantile, se riti di passag gio non le hanno spazzate via.

28

A VOLTE RITORNANO… DOMENICA 31 OTTOBRE, OROLOGI INDIETRO DI UN’ORA. ANZI, DI VENTI ANNI. L A NOTTE DI HALLOWEEN, INFATTI, TORNANO QUEI “MOSTRUOSI” ANNI 90. TRA GLI EVENTI PIÙ IMPORTANTI, ORMAI QUELLO CHE È DIVENTATO UN VERO E PROPRIO MITO È IL 9.0 (SI LEGGE NOVEPUNTOZERO) DI STEREOCITTÀ. DOMENICA 31 OTTOBRE, 9.0, IN COLLABORAZIONE CON IL TEAM DI PUBBLICHE RELAZIONI MASCALZONI MARINI, FA TAPPA ALLA DISCOTECA TOMATO DI SOTTOMARINA E PORTA CON SÈ TRE VERE ICONE DELLA MUSICA ANNI 90: PAP’N’SKAR, NEJA E REGINA. PAP’N’SKAR È IL DUO MILANESE CHE HA CREATO VERI TORMENTONI ESTIVI, PRESTATI POI ALLA PUBBLICITÀ. COME I SINGOLI MIRAGE (CHI NON HA CANTATO “STASERA LA LUNA TI PORTERÀ FORTUNA”?) E VIENI CON ME: DUE COLONNE SONORE DEGLI SPOT TIM NELLE ESTATI ITALIANE. L A DOTT.SSA AGNESE C ACCIOLA, IN ARTE NEJA, HA SCALATO LE CLASSIFICHE DANCE EUROPEE CON I SINGOLI RESTLESS, SHOCK E THE GAME. DIRETTAMENTE DAL CHIAMBRETTI NIGHT, UNA DELLE SISTERS, LA BRASILIANA REGINA. IL SUO RIFACIMENTO IN CHIAVE DANCE DI KILLING ME SOFTLY, UN BRANO STO RICO DI ROBERTA FLACK , NELL’ESTATE DEL 1996 HA LETTERALMENTE INVASO LE RADIO E LE MAIN ROOM DEI LOCALI EUROPEI. RIEPILOGANDO DOMENICA 31 OTTOBRE, RICORDARSI DI: • PORTARE INDIETRO DI UN’ORA GLI OROLOGI (SVEGLIA, POLSO, AUTO, TELEFONINO, ECC…) • TORNARE AGLI ANNI 90 CON IL 9.0 DI STEREOCITTÀ ALLA DISCOTECA TOMATO • VIVERE, PER UNA VOLTA, SENZA FARSI DOMANDE.


nasce la nuova compagnia aerea del Nord Est

VENEZIA - LAMEZIA TERME - REGGIO CALABRIA - ROMA WWW.EAGLESAIRLINES.COM


WWW.KONTATTO.IT

BOLOGNA INDIPENDENZA 15

MILANO MARITTIMA


Attualità

dalle passerelle … alle passeggiate

negli outlet center Maria Valeria Marcato

ravamo abituati ad associare il mondo della moda e dei suoi grandi marchi alle passerelle che stagionalmente si alternano nelle più importanti capitali del mondo, ma da ormai alcuni anni la moda si associa anche alle passeggiate domenicali nei grandi villaggi dello shopping che offrono capi firmati a prezzi molto interessanti. Stiamo parlando degli outlet center, vere e proprie città costruite attorno al desiderio della qualità dei capi firmati, ma a prezzi contenuti. Non è più come una volta, quando si trovavano solo rimanenze di magazzino o, peggio, capi fallati. Oggi sono i grandi brand nazionali ed internazionali che apprezzano questa formula e per questo aprono dei veri e propri negozi monomarca, con capi appena usciti dai cataloghi delle ultime collezioni e per questo scontati. Non vogliamo entrare nel merito delle polemiche, vere o fasulle, sulle produzioni fatte ad hoc per questo tipo di mercato, tant’è, il consu-

31


32 matore apprezza, visto che parliamo di milioni e milioni di visitatori che annualmente comprano negli outlet center! E non parliamo solo di consumatori occasionali o di reddito medio oppure in ristrettezze economiche, perché un capo firmato a buon prezzo non si traduce comunque in pochi euro di acquisto. Anzi. La comodità di avere tutte le merceologie e tutti i marchi in rapida sequenza, in un bel “villaggio” organizzato e servito di tutti i confort spesso induce ad aumentare la propensione all’acquisto, per comodità, per disponibilità e per opportunità. E questo l’hanno capito da molto tempo negli Stati Uniti, da dove, come sempre, arriva questa filosofia di vendita e di acquisto. E l’hanno capito molto bene anche importanti società specializzate nel settore che, nell’arco di qualche anno, hanno inaugurato molti outlet center sparsi per l’Italia, sempre in aree ben servite dalla rete autostradale e ferroviaria e addirittura con servizi shuttle dalle più importanti città quali Milano e Roma.

La seconda generazione degli outlet center, che sta nascendo di questi tempi, è rappresentata invece dall’omogeneità tematica dei negozi, che dunque vendono tutto e solo di un determinato genere di prodotti e che sempre più spesso si trovano in aree turistiche o di grande attrattiva culturale, proprio per allungare il periodo di permanenza. Un giro d’affari insomma davvero molto considerevole, sia per i brand che per i consumatori. Ma anche a volte l’unico modo per coinvolgere mariti, fidanzati, papà e figli nel rito dello shopping, che negli outlet center è sempre allietato da aree di divertimento, mostre d’arte, intrattenimento e ovviamente ristorazione. E non ce ne vogliano i negozi del centro storico delle nostre città, perché tutti sappiamo quanto il servizio tailor made e le novità delle collezioni siano importanti per i nostri guardaroba! m

FASHION DISTRICT OUTLET

Fashion District Group é il gruppo interamente italiano che progetta, costruisce, commercializza e gestisce grandi superfici commerciali ad indirizzo outlet, integrate con funzioni ricreative del tempo libero e dell’intrattenimento quali parchi a tema, family entertainment center, multiplex cinematografici e spazi espositivi.Fashion District ha rivoluzionato il mondo del retail italiano aprendo, a partire dall’anno 2003, tre Factory Outlet Center con oltre 300 negozi, per un totale di 100.000 mq di superficie commerciale e coinvolgendo 200 aziende. Oggi Fashion District é il primo network italiano di Outlet. Il gruppo ha sviluppato ex-novo un format commerciale distributivo, in cui lo shopping si fonde con l’intrattenimento in una formula outlet che offre una vasta gamma di marchi

italiani ed internazionali di eccellenza a prezzi scontati dal 30 al 70%. Nel 2009 ha superato gli 11 milioni di visitatori. Il network conta, al momento, tre Factory Outlet Center, distribuiti in tre punti geograficamente strategici della penisola: nel Nord Italia Fashion District Mantova Outlet, al Centro Fashion District Valmontone Outlet e al Sud Italia Fashion District Molfetta Outlet.

Il fattore District è

di specificità degli

Outlet

di

Fashion

il forte legame con l’intrattenimento,

grazie al quale i

Fashion District si accingono a “magneti turistici”. Due già negli Outlet di Valmontone

diventare veri e propri esempi si trovano

e Molfetta. A Valmontone, proprio di fronte all’Outlet Fashion District, è in corso di avanzata realizzazione “R ainbow MagicL and”, un parco a tema dedicato alla magia , che sarà uno dei primi parchi a livello nazionale, con apertura prevista per la prossima primavera. A Molfetta, accanto ad un cinema multi-sala (ad insegna UCI) all’interno del factory outlet e, di fronte all’Outlet, è aperto dal 2009 il parco a Tema “Miragica-Terra di Giganti”.


MCARTHURGLEN DESIGNER OUTLET

Mc ArthurGlen ha dato vita in Italia a cinque importanti e prestigiosi Designer Outlet in Italia. Con Serravalle Scrivia (Alessandria) nel 2000 inizia l’esperienza italiana di Mc ArthurGlen, che si consolida in seguito con l’apertura dei quattro Designer Outlet di C astel Romano (Roma), Barberino di Mugello (Firenze), Noventa di Piave (Venezia) e Marcianise (Caserta). Cinque grandi Centri, localizzati in aree strategiche e caratterizzati da un grande successo di pubblico. Il gruppo Mc ArthurGlen propone nei suoi Centri oltre 750 marchi distribuiti su 1800 negozi. Una vasta e qualificata scelta delle migliori marche nel campo della moda, dell’abbigliamento sportivo, degli accessori, dell’arredo casa e dei cosmetici. Atmosfere rilassanti, ambienti raffinati, architetture studiate fin nei minimi dettagli per essere in armonia con il paesaggio circostante. I negozi offrono un assortimento vastissimo di capi d’abbigliamento, scarpe, accessori e articoli per la casa, provenienti dalle collezioni degli anni precedenti e dalle eccedenze di produzione, con prezzi ridotti tutto l’anno dal 30% al 70%. Oltre a questo i Designer Outlet offrono bar, ristoranti, aree gioco per i bambini e vasti parcheggi gratuiti, comfort indispensabili per vivere una piacevole giornata di shopping lontano dallo stress del traffico cittadino.

CASTELGUELFO THE STYLE OUTLETS C astel Guelfo The Style Outlets,

con oltre 100 negozi, propone una vasta selezione di firme con sconti che vanno dal 30% al 70% tutto l’anno in una cornice rilassante e ricca di stile. A Castel Guelfo l’atmosfera è intima e raccolta, gli spazi vivibili, ben curati, confortevoli e rilassanti, per offrire ad ognuno un’esperienza di shopping speciale e suggestiva. Proposte moda dal formale al casual, dai prodotti di bellezza agli accessori, dall’intimo agli articoli per la casa. C astel Guelfo oltre ad offrire shopping conveniente e di qualità, è anche luogo di intrattenimento culturale incentrato sulla valorizzazione del territorio e di artisti locali. L a Sala Mostre, infatti, ospita frequentemente esposizioni e installazioni diventando così “vetrina culturale” per artisti emergenti. Aree verdi, spazi dediti alla ristorazione e angoli dedicati ai bambini rendono piacevoli momenti trascorsi da soli o con tutta la famiglia.

CASTELGUELFO THE STYLE OUTLETS via del commercio

20/a - castel guelfo di bologna (bo)

VICOLUNGO OUTLETS Gli outlet di Vicolungo propongono uno shopping con sconti dal 30% al 70% su abbigliamento donna, uomo e bambino, sportswear, accessori, articoli per la casa, cosmetici e idee per il benessere, assicurando il divertimento con eventi dedicati a tutta la famiglia e con spazi ideali per il relax. Gli outlet di Vicolungo sono il luogo ideale dove far convivere piacevolmente voglia di shopping, divertimento e vita urbana. L a particolarità infatti è che gli oltre 130 negozi si sviluppano in un vero e proprio centro urbano, con le strade e le piazze tipiche delle nostre città italiane, così da favorire lo svago, ma anche la socializzazione.

VICOLUNGO OUTLETS

piazza s. caterina, angolo via papa giovanni xxiii

- vicolungo (no)

33


FRANCIACORTA OUTLET VILLAGE Un centro interamente dedicato alla moda dove le più prestigiose griffe propongono le migliori collezioni a ‘prezzo outlet’, che garantisce un risparmio fino al 70% sui prezzi normalmente praticati all’esterno. Un modo nuovo di pensare la moda e il risparmio grazie ai 160 negozi in un villaggio dedicato alle firme, acquistando 7 giorni su 7, in un elegante contesto dove trovare abbigliamento, accessori, biancheria ed articoli per la casa delle migliori marche. Un’ampia scelta nella ristorazione ed un moderno parco giochi sono a disposizione per trascorrere un’intera giornata ‘a misura’ di famiglia. Il Franciacorta Outlet Village è costruito attorno ad un’antica cascina, con strade e piazze pubbliche dove si affacciano negozi, bar e ristoranti; un vero e proprio borgo dove passeggiare, divertirsi ed esaudire i propri desideri.

FRANCIACORTA OUTLET VILLAGE rodengo saiano

- brescia

FIDENZA VILLAGE Fidenza Village, uno dei 9 Villaggi Chic Outlet Shopping®, è l’unico villaggio italiano del gruppo Value Retail. Fidenza Village vuol dire shopping a prezzi vantaggiosi nei 100 prestigiosi negozi. Aperto 7 giorni su 7 dalle 10.00 alle 20.00, con 100 negozi, due ristoranti e tre bar /gelateria, a Fidenza Village si trovano tutti i marchi più importanti dell’abbigliamento e degli accessori per la famiglia e per la casa a prezzi scontati fino al 70% tutto l’anno. Fidenza Village vuole essere un crocevia di attività e idee che si trasforma continuamente e che invita a scoprire una dimensione più ampia dell’esperienza di shopping, che abbracci anche arte e cultura, gastronomia ed eventi creando così un’esperienza esclusiva, emozionale. Fidenza Village ha da poco annunciato l’apertura della prima boutique dedicata a Convivio, la più importante Mostra Mercato di beneficenza organizzata in Italia a favore di ANLAIDS Lombardia (Associazione Nazionale per la Lotta contro l’AIDS). L’iniziativa nasce con l’obiettivo di sostenere l’impegno di ANLAIDS e far sì che la moda non faccia passare mai di moda la lotta all’AIDS.

FIDENZA VILLAGE

via san michele campagna, località chiusa ferranda , fidenza (parma)

PALMANOVA OUTLET VILLAGE Il Palmanova Outlet Village è una cittadella commerciale che ospita, al posto dei negozi tradizionali, più di 90 spacci aziendali di importanti marchi italiani ed europei di abbigliamento ed accessori, casalinghi e cosmetici, ma anche ristoranti, caffè e luoghi di socializzazione. L a vendita diretta consente a produttori e rivenditori rigorosamente autorizzati di commercializzare le proprie sovrapproduzioni e rimanenze, controllando costantemente la qualità e l’immagine di marca, ma soprattutto tagliando ogni ulteriore costo di intermediazione. Tutti i prodotti sono dunque in vendita a prezzi ribassati, con sconti minimi del 30% durante tutto l’anno e riduzioni fino al 70% nei periodi di fine stagione o in occasione di particolari promozioni. Eventi ed attività di animazione rendono poi più interessante la visita al Village, che si propone come luogo sicuro dove trascorrere piacevolmente il tempo libero, all’aria aperta, con la famiglia o gli amici.

PALMANOVA OUTLET VILLAGE s.p.

34

126 km 1.6 - loc. joannis - aiello del friuli (ud)


MARINARA YACHT OUTLET È situato all’interno del porto turistico internazionale di Marina di R avenna ed è in gestione della Designo & co., società sammarinese del settore. È un outlet tematizzato, specializzato cioè in abbigliamento e accessori casual e sportswear. Si tratta di una novità assoluta, il primo outlet all’interno di un porto turistico internazionale; vanta più di 30 marchi sportswear&fashion ed è in grado di offrire sconti a -70% rispetto al prezzo originario. Al Marinara Shopping Center si vive un’esperienza di shopping unica, come una passeggiata all’insegna della moda in una suggestiva location. Un centro commerciale da 1.300 metri quadrati, specializzato nella vendita al dettaglio di prodotti di marche famose, invenduti o usciti dal catalogo più recente del produttore. L a formula è innovativa nel settore: i negozi sono una trentina, ma i marchi saranno più del doppio, secondo una formula che prevede più ’brand’ nello stesso negozio. I promotori dell’iniziativa hanno puntato molte energie su questo nuovo concetto di negozio basato sulla complementarietà delle varie marche. Fra le novità, anche quella dei temporary store, ovvero spazi vendita dove si alterneranno marchi a cadenza settimanale o mensile. Nel periodo estivo gli orari sono molto ampi, con aperture anche oltre la mezzanotte. In inverno invece si seguono orari specifici, con tuttavia l’apertura domenicale garantita.

MARINARA YACHT OUTLET via marinara ,

73 - marina di ravenna (ra)

Servizio fotografico realizzato nel Porto Turistico Internazionale di Marina di R avenna e nel Marinara Yacht Outlet Photo: Mattia C andiotti (www.mattiacandiotti.com) · Make up & Hair: C arlo d’Enza (www.carlodenzahairgroup.it) · Agenzia C asting: A.D. Agency - Bologna Location: Marinara - Porto Internazionale Turistico di Marina di R avenna (R a) (www.marinara.it) · Organizzazione evento e pr: Massimo Pupillo

35


36

Intervista


elisa di francisca la nuova regina della scherma italiana di Marco Scorza

37


“Largo ai giovani” questo è un po’ il motto che il popolo italiano sta cercando di usare negli ultimi anni. Lo cogliamo al volo presentandovi una campionessa di scherma italiana che, seppur molto giovane, è riuscita a distinguersi per le vittorie conseguite. Agli europei di Lipsia ha da poco vinto il bronzo individuale e l’oro a squadre insieme alle sue compagne Valentina Vezzali, Arianna Errigo, Ilaria Salvatori. Di recente per i campionati assoluti italiani ha battuto la collega Vezzali, pluricampionessa olimpica. Ci confessa che ora aspetta i mondiali di Parigi a novembre per portare a casa il suo primo oro individuale… Ma noi, vedendo in lei non solo una campionessa, ma una bellissima giovane donna, abbiamo deciso di dare spazio alla sua immagine, da cui viene fuori un’aggressiva e sexy schermitrice. Ci svela che ha un motto: “se non ce la fai, stai a casa” … e un segreto ancora più piccante: “fare sesso prima di una gara mi rilassa”. Non possiamo che non domandarti, guardando queste foto, qual è l’immagine che ti piace dare? Mi piace dare un’immagine aggressiva, così come sono aggressiva sotto quella maschera che poco lascia trasparire. Ora la domanda che ti faranno tutti: quando hai iniziato a tirare a scherma e perché hai scelto la scherma? Ho iniziato a 7 anni, anche se prima avevo iniziato a ballare. Ma poi ho capito che quello che ci voleva per farmi sentire viva era la competizione, e con la scherma era solo quella! Non ho più potuto separarmene. Quello che ci interessa molto sapere è: come concili il tuo essere donna con l’essere atleta? Ci vuole sicuramente impegno e dedizione, ma mai dimenticarsi che quando si ritorna a casa bisogna essere belle e sensuali e in cerca di attenzioni come lo siamo tutte noi donne!! Non voglio allora far perdere tempo alla tua bellezza, solo ti chiediamo di dare un consiglio a chi voglia intraprendere questo sport… Bè, è uno sport pieno di sacrifici, quindi bisogna essere spinti veramente da tanta e tanta m passione.

38


39

Servizio: Marco Scorza fashion editor e styling: Marco Scorza make- up artist: Rocco Santamorena foto: Stone66 abiti / total look: Pianura Studio


40

Intervista

lapo elkann: la moda passa, lo stile resta


Sono i dettagli a fare la differenza. È il motto di Lapo ELkann, rampollo di caSa agnelli, che a Bologna (preSSo la Boutique FoLLi FoLLiE, in piazza cavour) ha preSentato la Sua coLLEzionE autunno-invErno 2010-2011, firmata itaLia indEpEndEnt SEvEr. aBiti e acceSSori di Stile e non di moda, come Sottolinea Sempre, perché “La moda paSSa, Lo StiLE rESta”. di Isa Grassano. Foto di Lucrezia Argentiero

Cosa rappresenta Italia Independent? È il marchio che ho fondato (insieme a Giovanni Accongiagioco e Andrea Tessitore) e che coniuga creatività e stile. Un marchio dedicato alle “persone indipendenti”, come sono io, ovvero libere di scrivere la propria storia e di guardare sempre avanti.

terno camouflage. Le giacche hanno un’impostazione importante ma possono essere indossate con la stessa disinvoltura di un monopetto. Minuziosa è la cura dei particolari ed accurata la personalizzazione, come le asole ricamate con i colori del tricolore, a sottolineare come i miei abiti siano tutti “made in Italy”.

Quali sono i punti di forza della sua collezione? Sicuramente una costante ricerca dei materiali, la termonastratura a contrasto, la lana infeltrita cotta a 100 gradi per garantire la giusta compattezza e mantenere il calore come un piumino, la costruzione di ciascun capo. Spiccano le re-interpretazioni dei capospalla sfoderati tra cui il classico cappotto, il parka militare con la coda a punta e l’impermeabile. Il piumino con in-

A proposito di tricolore, la nostra bandiera l’ha anche messa sui jeans? È l’elemento che contraddistingue il jeans in denim e carbonio, creato di recente con il mio amico Renzo Rosso. Il nome è “Safado Indipendet” e si riconoscono appunto per il tricolore ricamato su tasca e passante.

41


A chi si rivolge Italia Independent? Noi operiamo nei settori più diversi, dall’abbigliamento all’home decor, dagli occhiali - ne abbiamo lanciato anche un paio in velluto - (venduti a 1000 euro, ndr), ai cappelli (una reinterpretazione personale del classico modello Trilby di Borsalino), alle auto. Ci piace remixare esperienze differenti, reinterpretare e attualizzare icone di stile mantenendo una forte riconoscibilità, ma soprattutto il nostro obiettivo è quello di esportare ed importare il bello in giro per il mondo. Tradizione o innovazione? Ci vuole l’una e l’altra cosa. Essere all’avanguardia ma pensare anche alla storia, al vintage. Ma sempre garantire il massimo dell’eleganza, della raffinatezza e del comfort. Per creare stile ci vuole anche ironia? Un pizzico di ironia è fondamentale. Io, ad esempio, ho preso spunto dall’incredibile gaffe, durante la partita di NBA americana (è intervenuto su un pallone ancora in gioco colpendolo e penalizzando una delle due squadre, ndr) per creare una nuova linea di t-shirt. Ecco quindi modificato il nome dei Lakers, la storica squadra di basket di Los Angeles, in “Lapers”, con tanto di simbolo simpaticamente adeguato. Cosa significa per lei Bologna? Soprattutto ricordi e amici. Ho vissuto sotto le Due Torri per un po’ di tempo, nel periodo in cui ho lavorato in Maserati e in Ferrari. Conosco tante persone, tra cui l’ex presidente del Bologna Gazzoni, con cui spesso andavo allo stadio. Mi piace questa città, è in fermento, non dorme mai, vive bene e si gode la vita. E poi si mangia da Dio. Il suo piatto preferito? Il tortellino, forse perchè come dicono i bolognesi ricorda l’ombelico di Venere, quindi di una donna Dea. Dove va a mangiare quando è in zona? Difficile scegliere perchè ognuno ha una sua caratteristica. Il Diana, in via Indipendenza, è la meta preferita se voglio una cucina più tradizionale. Oppure il ristorante Rodrigo, in via della Zecca. A Modena scelgo il Montana o la trattoria Bianca, ma ovunque si mangia benissimo. Del resto anche a tavola m ci vuole stile.

42

>www.italiaindependent.com<


44

Fashion monocolor


abito MIRCO GIOVANNINI giacca GIULIANO FUJIWARA collant PHILIPPE MATIGNON scarpe L’AUTRE CHOSE bracciale vintage

45


vestito TIBI orecchino DONATA STRANIERI collant PHILIPPE MATIGNON bracciale vintage


47

abito TIBI giacca GIULIANO FUJIWARA calze a rete PHILIPPE MATIGNON scarpe L’AUTRE CHOSE


48


abito MIRCO GIOVANNINI pantacollant KRISTINA T anello DONATA STRANIERI borsetta vintage

49


cappotto MIRCO GIOVANNINI spilla DONATA STRANIERI


51

camicia ISSEY MYAKE gilet TWIN SET SIMONA BARBIERI gonna MIRCO GIOVANNINI giaccone PIER ANTONIO GASPARI collana DONATA STRANIERI collant PHILIPPE MATIGNON copricapo vintage


52

vestito NORMALUISA collant PHILIPPE MATIGNON scarpe JANET&JANET anello DONATA STRANIERI bracciale BLACK LILY collane vintage


abito PIER ANTONIO GASPARI calze a rete PHILIPPE MATIGNON stivali JANET&JANET

>www.donatastranieri.com<

53


C


C

M

Y

CM

MY

CY CMY

K


56

Moda

wool in light


La maglieria fa da protagonista nei look del prossimo autunnoinverno con volumi maxi, soluzioni innovative e confortevoli, in una palette dalle sfumature di tendenza

Volume oversize per la maglia avvolgente dallâ&#x20AC;&#x2122;ampio scollo, perfetta se abbinata ai pantaloni in velluto. Martino Midali

57


58


Versatile ed elegante l’ampio poncho dai grossi titoli. Martino Midali L’abito v-neck verde scuro si abbina all’ampio pull

con profili e maniche a contrasto. Martino Midali

Vestibilità oversize per il cappotto con scollo avvolgente, da allacciare in vita. Perfetto se coordinato alla sciarpa tono su tono. Martino Midali Il mini abito valorizza la silhouette ed esibisce lo scollo morbido e la gonna a portafoglio. K aos

59


60


Il cardigan con maniche pipistrello e profili lavorati si indossa con i leggings dallâ&#x20AC;&#x2122;effetto leather. Kontatto Impalpabile e ricco di dettagli lâ&#x20AC;&#x2122;abito con microstampa all-over, da indossare sotto alla giacca di pelle. K aos Soffice e confortevole la maglia da strizzare in vita con una cintura. In abbinamento i leggings in stile denim. Kontatto

Foto: Francesco

Veronesi >www.francescoveronesi.com< Styling: Lucia

Trucco e make up:

Dakini Makeup >www.dakinimakeup.com< Modella: Sandy

Collection: Model

Nava

Donzella

Si ringrazia:

Management >www.collectionmodels.com<

61


Smile 68 DonnaBimbi La Liberta’ di vestire alla moda... Operà Silvan Heach Relish Fly Girl Papeete Koralline Coccodè Quiksilver Tuc Tuc Rubacuori Rams 23 Gaudi Pucca Tutto Piccolo Katsuya

Smile 68

Abbigliamento donna+bimbi Via Marzabotto, 10/2c - Bologna - Tel. 051 6467018 email: laurataddia.smile68@libero.it


Salute

Il tumore al seno

si sconfigge

Negli ultimi 5 aNNi il tasso di mortalità Nelle doNNe al di sotto dei 49 aNNi è sceso dell’11,2%. ottobre è il mese dedicato alla preveNzioNe e all’iNformazioNe: Numerosi i ceNtri per la diagNosi gratuita. di Germana Urbani

na donna su dieci si ammala di tumore al seno. Una percentuale molto alta per questa terribile malattia per la quale è sempre più necessario sviluppare una prevenzione attenta e puntuale. Il mese di ottobre anche quest’anno è il mese dedicato al famoso Nastro Rosa, dedicato alla prevenzione per il tumore al seno che impegna la LILT (Lega Italiana per la Lotta al Tumore), in numerosi centri dove le donne si possono rivolgere per avere una visita gratuita e soprattutto preziose informazioni. È importante sapere, per esempio, che ormai il tumore al seno

è guaribile in molti casi e che sono oltre 400 mila le italiane che lo hanno superato. Oggi si guarda oltre la malattia vera e propria perché il tumore al seno, anche se sconfitto, lascia delle cicatrici profonde sul corpo femminile e, quindi, un pesante risvolto psicologico. A dirlo sono i dati relativi alla prima indagine nazionale promossa dall’Associazione Ricerca ed Educazione in Oncologia (Areo) in tre centri oncologici di eccellenza: il Dipartimento di Oncologia dell’Università di Modena e Reggio Emilia, la Divisione di Oncologia dell’Istituto Nazionale per la ricerca sul cancro di Genova e presso il Dipartimento di Oncologia dell’Irccs Regina Elena di Roma. Parlando di tumore al seno occorre considerare che nei Paesi industrializzati questa patologia è la prima causa di morte femminile fra i 35 e i 44 anni. Nel 2008, nel nostro paese si sono registrati quasi 38 mila casi, ma ovunque, oltre che in Italia, vi è stato un deciso calo del tasso di mortalità. Ad esempio, negli ultimi 5 anni nelle donne al di sotto dei 49 anni è sceso dell’11,2%. L’indagine ha però messo in evidenza un altro dato allarmante. Sono state intervistate 150 ex-pazienti dopo 5 e 10 anni dalla diagnosi ricavandone un quadro preoccupante. Infatti il 60% delle donne ha sofferto e talvolta continua a soffrire di depressione. Tre su dieci si sentono private della propria femminilità e il 20% la-

menta dei cambiamenti sia nei rapporti in famiglia che in quelli sociali. Inoltre, il 65% teme di ammalarsi di nuovo. La prevenzione, anche per questa malattia, è fondamentale. Occorre prima di tutto ridurre i fattori di rischio, conducendo una vita sana, scegliendo un’alimentazione equilibrata, non fumando, praticando attività sportive ecc… Secondariamente bisogna sottoporsi a controlli periodici: si tratta di tutti quegli accertamenti da effettuare con personale specializzato e presso strutture pubbliche o private. Fare un’ecografia o una mammografia ogni annno soprattutto dopo l’età di 40 anni. Il Servizio Sanitario Nazionale ci dà la possibilità di farli gratuitamente presso le strutture pubbliche in maniera totalmente gratis soltanto ogni due anni. Ancora prima di effettuare questi esami possiamo rivolgerci al nostro medico specializzato in tale campo che con la palpazione vedrà se c’è qualcosa che non va. Nel mese di ottobre, il mese del nastro rosa dedicato alla prevenzione e all’informazione, ci si può rivolgere ai centri specializzati per fare una visita o avere dei chiarimenti in merito a questa patologia. È bene non perdere l’occasione perché di tumore alla mammella si guarisce e prenderlo per tempo è sempre la cosa migliore. Quindi se avete anche solo un dubbio non rinunciate a farvi vim sitare da un medico.

>www.legatumori.it< >www.nastrorosa.it<

63


64

Bellezza

Antiage

rito di bellezza quotidiano

“Come vorrei fermare il tempo”! Se è queSto il penSiero Che vi Coglie guardandovi allo SpeCChio allora penSate Seriamente a Correre ai ripari.

opo i 40 anni è molto importante prendersi cura della propria pelle e, soprattutto, è necessario usare prodotti specifici per combattere l’invecchiamento cutaneo. Va anche detto che una sana alimentazione e dei massaggi a viso e collo fatti con regolarità aiutano a rimanere giovani ma il consiglio è: non rinunciate ad un buon siero antiage. Per combattere i segni del tempo e ridare tono e lucentezza alla pelle ormai c’è l’imbarazzo della scelta. Ogni mese escono nuovi sieri e creme in cui sono impiegati i migliori ritrovati della scienza, prodotti antiage che nutrono a fondo la pelle e la mantengono tonica e levigata.


Dai laboratori L ancôme, Dopo Dieci anni Di stuDi, Diversi riconoscimenti internazionali, 4400 geni Diversi analizzati in vitro e 1300 tipi Di proteine stuDiate clinicamente, è nato L ancôme Génifique, D un proDotto che promette un visibile cambiamento Del vostro aspetto già Dopo l’applicazione nei primi 7 giorni. Questo siero nasce Dal presupposto che non si Debba aggiungere Qualcosa Di estraneo alla nostra pelle per rivitalizzarla , Dal momento che in essa sono presenti tutti i principi naturali, che sono semplicemente Da “rimettere in moto”. infatti, seconDo gli stuDiosi Di L ancôme, la giovinezza e la freschezza Della pelle Del viso sono vincolate alla presenza Di proteine contenute in essa che negli anni Della giovinezza si rigenerano continuamente ma che con l’anDare Del tempo si assopiscono. come se la pelle fosse un puzzle, in Quella giovane le proteine, paragonabili alle tessere Del mosaico, sono moltissime e in continua rigenerazione, mentre con l’anDare Del tempo il numero si riDuce a causa Di una stasi, creanDo Degli spazi tra una tessera e l’altra che creano l’effetto eQuivalente Di una pelle con poco tono eD elasticità e Di conseguenza più spenta. Queste proteine sono presenti nei nostri geni e Devono essere semplicemente risvegliate. grazie aD una tecnologia brevettata si propone come un proDotto aD altissima Qualità e, nonostante il prezzo, l’azienDa Dichiara che in italia se ne venDe un flacone ogni Due minuti.

Siero Génifique attivatore di Giovinezza di L ancôme (€ 98)

trattamento high tech anche per la nuova linea cosmetica antiage Di cLinique che ci regala un sieto antietà tre in uno composto, appunto, Da tecnologie brevettate e innovative. epairwear è un cocktail Di enzimi, peptiDi e antiossiDanti che agiscono in sinergia con il ciclo Di riparazione naturale Della pelle per contrastare linee e rughe esistenti mentre ripara visibilmente e aiuta a prevenire i Danni uv. un’azione congiunta contro il tempo che passa: ultrasomi v stimolano la naturale riparazione Della pelle, i fotosomi v utilizzano la luce per accelerare la riparazione cellulare, i roxisomi Derivanti Dalla pianta Della senape aiutano a proteggere la pelle Da Danni solari e inQuinamento. i ricercatori cLinique promettono che in circa tre mesi l’attenuazione Delle rughe è pari al 63% Della forza Di un trattamento al laser Dermatologico.

r

Siero antiruGhe riparatore repairwear L aSer focuS di cLinique (€ 65)

molto tecnologica anche la nuova linea antiage Della roc, che ha ricreato in laboratorio impulsi bio -elettrici simili alla naturale bio -elettricità cutanea. Da Questa ricerca nasce la linea SubLime enerGy, composta Da tre proDotti, il trattamento Giorno Spf 20, il trattamento occhi, e il trattamento notte, ognuno Dei Quali è costituito Da 1 siero concentrato e 1 iDratante attivatore. l a ricerca roc è partita Dall’assunto che il corpo umano Dispone Di un proprio sistema bio -elettrico che regola le funzioni organiche attraverso Distinte comunicazioni cellulari. con il passare Degli anni, il Derma perDe graDualmente il suo contenuto Di elastina e collagene manifestanDo sulla pelle Danni visibili: rilassamento, rughe, pigmentazione irregolare. con l’età il livello Della bio elettricità cutanea Diminuisce progressivamente e significativamente influenzanDo i bio - meccanismi cellulari eD acceleranDo l’invecchiamento Della pelle. il trattamento antietà è costituito DunQue Da un Siero concentrato (tubo) con tecnoLoGia e-puLSe e Da un idratante attivatore (pump) con inGredienti anti-età. l’applicazione progressiva e combinata Dei 2 componenti attiva le micro-particelle minerali che generano immeDiatamente impercettibili impulsi bio elettrici, Di Questa nuova energia si avvarranno tutte le cellule cutanee la cui funzionalità era Diminuita. l a casa proDuttrice assicura che l’uso Di Questi proDotti regala risultati visibili già Dopo 3 ore: la pelle risulta ringiovanita , le rughe riDotte, le borse e le occhiaie Diminuite e le macchie Della pelle schiarite.

SubLime enerGy Giorno Spf 20 di roc (€ 59)

combatte il rilassamento cutaneo il nuovo firminG

S

erum Di SiSLey che contiene una combinazione Di ingreDiente botanici attivi che agiscono sui segni Del tempo e aiutano a riDisegnare l’ovale Del viso. il siero forma una “rete” naturale alla superficie Della pelle con effetto tensore riDanDole tonicità e corpo. in Questo moDo, in appena otto setimane - promette la casa proDuttrice - i segni Del tempo appaiono levigati, le guance piene e risollevate e il collo liscio e giovane. il iSLeya irminG erum va applicato su viso e collo sia la mattina che la sera, può essere utilizzato Da solo o in combinazione con altre creme specifiche e il metoDo migliore per applicare il proDotto è stenDerlo con Dei massaggi che tenDono a tirare la pelle Di viso e collo, in moDo Da aiutare la sua azione anti-age.

S

f

S

SiSLeya firminG Serum di SiSLey (€ 77) >lancome.it< >cliniqueitaly.it< >it.roc.com< >sislwy.it<

65


Abbigliamento Ristorazione Estetica Ottica

TITOLO IMMAGINE LOGO

PDF


La ricetta

Ciccia chiama ciccia Cesare Marretti

L’ESTATE 2010 è FINITA E UN ANNO SE NE VA, MA, NOI RESTIAMO E VOGLIAMO CONTINUARE A RIDERE, GIOCARE, BALLARE E DIVERTIRCI. CON UN BICCHIERE DI COGNAC MI AFFACCIO SUL BANCONE E CAPISCO CHE CON LA SERA INIZIA IL PRIMO FREDDO, MA LA NOTTE è SEMPRE CALDA E HO VOGLIA DI GIOCARE … PRENDO 10 TOCCHETTI DI MANZO, LI PASSO SULLA BRACE E LI INFILZO CON STECCHINI DI LEGNO CHE VANNO AD AFFOGARSI DENTRO UN CALICE DI PINZIMONIO. BUON APPETITO A TUTTI, CON LA CICCIA CALDA!!! Cesare Marretti

Cuocere una bistecca alla fiorentina sulla piastra, tagliarla a cubetti e, con l’aiuto degli spiedini, intingere in un pinzimonio formato da rosmarino, olio extravergine di oliva, sale e pepe. m

Ristorante “è cucina senzanome” Bologna · via Senzanome, 42/A · tel. 051 2750069 >cesaremarretti@gmail.com< >www.cesaremarretti.com<

67


Sport

the olistic training di Marco Scorza

a qualche tempo in Italia è nata OLIT, la prima attività olistico-propriocettiva-posturale che segue le battute musicali. Si tratta di un allenamento vero e proprio, che alza il livello della percezione del corpo, aiuta in caso di blocchi articolari dovuti a cattive posture o a stress e migliora la respirazione e di conseguenza la qualità di qualsiasi altra prestazione sportiva. OLIT nasce dall’esperienza di atleti, ballerini medici e si fa completa grazie ad un team italiano d’eccezione, che ha creato, partendo dalla musica, dalle antiche discipline orientali e dal rigore di quelle occidentali, un nuovo e validissimo metodo per armonizzare corpo e mente. Proprio per le sue caratteristiche, OLIT è un allenamento che è rivolto a tutti e può essere praticato da sportivi e non.

68

>olit-trainingolistico.com<

I suoi principi sono 4: il controllo del movimento, la fluidità d’esecuzione, il controllo della respirazione e la concentrazione massima. Novità assoluta nel campo delle discipline olistiche e del mondo dello sport, OLIT compare sulle nostre scene come una danza al rallentatore, elegante ma molto “di concentrazione” e che riporta immediatamente alla tecnica del Tai Chi e alla sublimazione dello Yoga e riprende dalle basi il tanto ormai diffuso Pilates. La grande sorpresa nel praticare questo tipo di lezioni è quella di sentirsi progressivamente in forma e tonificati senza annoiarsi, anzi! La mente lavora ed evade allo stesso tempo grazie all’ausilio di meravigliosa musica chill out. È la nuova disciplina del 2010, destinata ad essere il nuovo cult del fitness-danza del 2011. OLIT aiuta a prendere consapevolezza del bisogno di educare il proprio corpo a vivere meglio. m


PURO TANGO

CENA + TANGO show GRAN MILONGA

presenta lo spettacolo “ATMOSFERE DI TANGO” passione, eleganza e buon “gusto” sulle suggestive note del tango argentino...

Sabato 13 NOVEMBRE 2010

ore 20.30 Cena+Tango Show ore 22.45 GranMilonga Puro Tango Bailarines: Veronica Lorenzoni, Andrea Gasperini, Simona Gnudi, Fernando Morani, Tiziana Catino, Marco Montanari Musica en vivo: violin Francesco Giorgi, cantor Enrico Piccinini Leopardi Audio/video scenografie: Stefania Alberti Direzione artistica: Veronica Lorenzoni Musicalizador per la serata: El Popúl Castello

Ristorante Del Parco c/o Relais Bellaria Hotel & Congressi Via Altura 11/bis 40139 Bologna Tel. +39 051453103 Fax +39 0516278796 info@hotelrelaisbellaria.com www.hotelrelaisbellaria.com

WWW.SCUOLAPUROTANGO.COM


70

Viaggi

Renato Malaman

Vista dal cielo la città dell’Ariosto è un trionfo di mattoncini rossi sul cui orizzonte i pinnacoli del castello Estense e le guglie della cattedrale assumono suggestivi contorni di fiaba. L’emozione di ammirare il centro storico dall’alto è offerta dal Balloon Festival e dal volo a bordo di colorate mongolfiere di Renato Malaman - foto di Antonio Biasioli e Andrea Maniezzo


un sogno chiamato

Ferrara

errara vista dal cielo è una ammaliante distesa di mattoncini rossi, che via via si appiattiscono mentre si sale verso l’alto e che assumono invece forme fantasiose quando l’osservazione avviene a volo radente. I pinnacoli del castello degli Estensi e le guglie della cattedrale, specie quando i loro contorni sono sfumati dalle prime brume, visti dal cielo evocano mondi fiabeschi. I bastioni delle mura rinascimentali appaioni come ricami che fanno da cornice al cuore storico della città. I campanili delle tante chiese di epoca pontificia appaiono come torri di un grande borgo che sembra addor-

mentato nel tempo, dove cardo e decumano sono i rettilinei corsi Ercole I e della Giovecca. Da lontano la grande fiamma che svetta su quell’ammasso informe di tubazioni che è il petrolchimico lancia messaggi inquietanti, che solo la rasserenante vista delle tante “delizie” di campagna (i piccoli castelli costruiti dagli Estensi per la loro villeggiatura breve) contribuisce a stemperare. Lo stadio dove gioca la mitica Spal sembra l’area di tornei cavallereschi, con i suoi scranni azzurri e celesti che sembrano in perenne attesa di accogliere i signori della città.

71


IL VOLO SUL PALLONE: UN MONDO DA SCOPRIRE Si

deve a Paolo Barbieri (nella foto in alto a destra) l’idea del Ferrara Balloon Festival. Il pilota bolognese, titolare di una delle più importanti scuole di volo in Italia , seppur ancora giovane, è stato fra i pionieri del volo aerostatico in Italia. Oggi dispone di una flotta di sei palloni che all’occorrenza si muovono in qualsiasi direzione. Barbieri è titolare della società Comunicazione in volo che ha fornito il supporto tecnico anche al recente meeting aerostatico svoltosi a Montegrotto Terme. L a società propone raduni, la scuola di volo, escursioni in mon golfiera , progettazione e organizzazione di eventi. Barbieri con la sua esperienza sta dimostrando che il volo in mongolfiera non è solo un romantico retaggio del passato per realizzare il sogno di Icaro, ma è anche un efficace strumento di comunicazione (specie a livello pubblicitario) e di divertimento. Barbieri consiglia di provare l’emozione del volo a C arpineti, sull’Ap pennino reggiano, sorvolando la spettacolare Pietra di Bismantova e il castello di Matilde di C anossa. I voli, della durata media di un’ora , possono essere effettuati tutto l’anno e costituiscono un’esperienza assolutamente indi menticabile. Info: 335 329239.

72


73


74

Ferrara dall’alto, contornata dai suoi fiumi e dai suoi parchi, è un regalo del Balloon Festival, la kermesse di volo aerostatico che si svolge ogni anno a fine settembre nel parco Bassani a ridosso delle mura rinascimentali. Evento nell’evento, perchè il raduno di mongolfiere (a cui partecipano anche numerosi palloni di piloti stranieri) sta diventando sempre più il pretesto per fare festa a 360 gradi, un contenitore dove ogni anno vengono aggiunti ulteriori appuntamenti di richiamo, spazi dedicati al gioco e alla musica. Un grande happening popolare che ridesta la città del ducato dopo la pausa seguita al Buskers Festival, l’evento di cui sono protagonisti ogni anno a fine agosto artisti di strada provenienti da tutto il mondo, con le loro coreografie e i loro strumenti. I bambini sono fra i primi estimatori di questa manifestazione davvero unica nel suo genere e oggi, senza timore di smentita, il più grosso raduno di mongolfiere d’Italia.

74

>www.comunicazioneinvolo.com<

A Ferrara ogni occasione è buona per fare festa, perchè la città ha una vocazione diversa da quella di tante altre città del nord e della ricca Emilia. Fare soldi sì, ma senza dimenticare che la qualità della vita resta il valore più importante a cui ispirarsi. Non è un caso come la cittadina dell’Ariosto sia ritenuta una piccola Olanda in chiave padana per la radicata e diffusa abitudine dei suoi abitanti di percorrerla in bicicletta, senza fretta e con la curiosità di guardarsi attorno. Ferrara è un monumento al vivere bene, dove anche l’arte è a misura d’uomo: basta recarsi a Palazzo dei Diamanti o a Palazzo Roverella, magari in bicicletta. Grandi mostre a portata di tutti, perchè il gusto del bello aiuta a vivere meglio. Esattamente come quello del buono, che a Ferrara si traduce in una gastronomia ricca e variegata, dove la salama da sugo, l’anguilla delle valli di Comacchio, l’aglio di Voghiera e il “panpepato” spiccano fra le tipicità. m


Teatro Eden A4 ottobre:Layout 1 02/09/10 17:29 Page 1

TEATRO

EDEN

dinner show

cena con spettacolo executive Chef Guido Haverkock

Programmazione oTToBre • noVemBre • DiCemBre 2010

sabato 2 ottobrE 27 noVEmbrE

sabato 9 ottobrE

sabato 16 ottobrE 13 noVEmbrE

TEATRO

GiorGio ComasCHi

Jimmy ViLLotti

LaLa mcCaLLan

Cena con delitto

Da Duke Ellington athelonious monk

semplicemente...Diva!

Puarò e la Casa di madame Clicot Parigi, 1914, siamo alle soglie della prima guerra mondiale, la casa di tolleranza di madame Clicot è la più rinomata e la meglio frequentata della città, vi si possono incontrare militari di carriera, alti funzionari dello stato e politici potenti, ma anche nobili, avventurieri e loschi figuri. Ad un certo punto un delitto…E Puarò indaga. Ognuno dovrà calarsi nei panni di un detective per scoprire l’intrigo. Alla fine Puarò premierà gli “investigatori” che lo avranno aiutato a risolvere il caso.

Jimmy Villotti è nato a Bologna nel 1944. È stato per anni il partner ideale dei maggiori artisti nazionali: Lucio Dalla, Francesco Guccini, Ornella Vanoni, Sergio Endrigo e Paolo Conte, col quale ha stretto un sodalizio lungo e proficuo (Conte gli ha dedicato la canzone “Jimmy ballando”). Dagli anni Novanta si è dedicato interamente alla sua passione più vera e profonda, il jazz. Negli ultimi anni, l’artista ha scritto vari libri nei quali ha raccontato se stesso e la sua Bologna, l’arte del vivere la notte, sotto la spinta della spensieratezza, della voglia di ridere, della naturale comicità che scaturiva dagli incontri con i protagonisti del mondo della musica a Bologna negli anni Sessanta.

La diva en travesti LaLa McCallan torna dopo il successo della scorsa stagione con il suo divertentissimo e spettacolare dinner show e la sua straordinaria voce, che con oltre tre ottave annulla i confini tra il maschile e il femminile. LaLa offre un tributo musicale alla figura della Diva nella storia dell'uomo che va dal pop di Barbra Streisand alle "Follie" di Verdi, per finire con un classicissimo Sinatra. LaLa dimostra che con grazie e autoironia anche la più ostentata eleganza diviene solo un accessorio per un'artista che è semplicemente irresistibile, semplicemente sorprendente, semplicemente... Diva!

EDEN sabato 23 ottobrE 20 noVEmbrE

sabato 6 noVEmbrE

sabato 4 DiCEmbrE

EVE La PLumE

DaViDE DaLfiumE

Dario VErGassoLa

bourlesque rouge

Eroi a tavola

sparla con me

La performance “Bourlesque Rouge” rievoca le atmosfere Burlesque della seconda metà dell’ottocento. Già ospite del Chiambretti Night 2010 su Italia uno, Eve La Plume, raffinata e retrò, porta in scena uno spettacolo di fine seduzione, ironico sensuale, con elementi scenici di forte impatto e supportata da costumi di ispirazione vintage. Bustini succinti, ventagli di piume, sfavillanti ombrellini sottolineano il carattere seduttivo e malizioso dell’esibizione. Eve dall’incarnato avorio e dalla bocca scarlatta, delizia e ammicca accompagnata da musica swing.

Con questo spettacolo pluripremiato di umorismo culinario, unico nel suo genere, Davide Dalfiume ripropone la sua orignale prospettiva dell’ambiente della ristorazione vista con gli occhi del cliente medio che cerca a tavola un po' di conforto. Con il talento dell'intrattenitore completo ha calcato il palco di Zelig, fa parte del cast dello storico Derby e ha al suo attivo numerose partecipazioni a film, fiction e trasmissioni televisive. Un attore dalla parte del pubblico con le caratteristiche dei grandi comici senza tempo. Quando si esce dai suoi spettacoli non se ne esce mai del tutto: c’è sempre un “dopo” di riflessione che accompagna lo spettatore nella sua quotidianità. Da non perdere.

Dopo i successi televisivi di "Parla con me" ritorna in teatro presentando al pubblico i momenti più esilaranti dei suoi tanti incontri nel salotto di Serena Dandini, mentre ripercorre a ritroso la strada segnata dal calore degli amici del bar, la non semplice relazione familiare con l'impertinente suocera, la movida davanti all'unico bancomat di La Spezia, i suoi ricordi di bambino quando sognava di poter divenire un moderno Robin Hood, di quando gli fu regalato il vestito da Zorro in occasione del suo ventiseiesimo compleanno. Ma più di tutto viene messo in scena l'esilarante sconcerto di chi si rende conto che solo una risata potrà seppellire la vacuità, il silicone e il sorriso a trentadue denti.

dinner show

La serata comprende un aperitivo animato nella Hall, lo spettacolo con cena a 3 portate, acqua, vino e caffè.

GiorGio ComasCHi

€60,00

LaLa mCCaLLan

€60,00

DaViDE DaLfiumE

€50,00

Jimmy ViLLotti

€50,00

EVE La PLumE

€50,00

Dario VErGassoLa €65,00

I Portici Hotel Bologna Via Indipendenza, 69 Bologna Tel. +39 051 42185 iporticihotel.com


76

Week-end e dintorni

la sardegna

GIlda dell’aGrIturIsmo salorIGhItta, nel centro storIco dI morGonGIorI anzIane In sardeGna l’artIsta pInuccIo scIola

Il panorama su le GIare


è differente

di Isa Grassano e Lucrezia Argentiero · foto di Lucrezia Argentiero

“Un tempo gli orecchini erano il mio più grande vezzo, ma dalla scomparsa di mio marito, non li porto più. Così, oggi, gli unici pendenti che amo sfoggiare sono le lorighittas, i doppi fili di pasta casereccia, intrecciati a ricordare proprio un paio di orecchini”. Eccola Gilda, quasi una donna simbolo della Marmilla in Sardegna (l’entroterra compresa tra Oristano e Cagliari che prende il nome dalle colline circostanti che sembrano sinuose mammelle), una delle tante signore dalle vedovanze eterne e gli abiti neri indossati a vita, ma sempre con il sorriso sulle labbra, nonostante la fatica di vivere. Sono “donne che hanno i pantaloni”, laboriose, capaci di prendere il posto dei propri uomini e di badare alla famiglia e al lavoro. Così Gilda porta avanti il suo agriturismo, Salorighitta, nel centro storico di Morgongiori, ed accoglie gli ospiti intonando una canzone popolare “vi voglio ringraziare con gioia ed allegria, di essere venuti qui a casa mia”. Poi conquista tutti con il suo piatto forte, appunto le lorighittas (dal sardo “loriga”): fino a qualche anno fa, si preparavano solo in occasione della ricorrenza di Ognissanti, il 1 novembre, ma oggi sono i protagonisti delle tavole della festa. Un sapiente connubio di sapori e aromi, che ha resistito alle mode. Ce ne vogliono circa mille per fare un piatto (e almeno 3 ore di preparazione per un chilo), condito poi con salsa di pomodoro e cinghiale, e arricchito con formaggio pecorino.

77


Siamo nel cuore del monte Arci (e Morgongiori, nella parlata locale, vuol dire appunto zona pietrosa), famoso per avere una delle più ricche cave di Ossidiana del Mediterraneo (una roccia vulcanica simile al vetro), punto di partenza per il commercio dei manufatti in pietra scura lucida. E sembra di camminare su un tappeto nero, percorrendo i sentieri dell’Ossidiana, intorno ai più grandi giacimenti, nei paesi di Masullas (da vedere il GeoMuseo del Monte Arci, allestito nel seicentesco ex Convento dei Cappuccini, con una raccolta di fossili, minerali e persino i minerali fluorescenti) e Pau (sede del Museo dell’Ossidiana, il cui pezzo forte è una calcite dalla forma esagonale, dalle enormi dimensioni e circa 40 kg di peso). Si capisce subito che lo spettacolo della natura è uno dei protagonisti della zona. Il fascino di una terra ancora intatta, dove la luce scolpisce ogni cosa e sembra avere qualcosa di magico: al mattino tende all’argento, di pomeriggio all’oro. E ovunque si sentono i profumi delle piante che si sprigionano nell’aria, come l’odore di lentisco e di mirto. Le torri abbarbicate alle rocce sembrano sentinelle solitarie, i complessi nuragici che immobili appaiono all’improvviso lungo un sentiero, sembrano raccontare storie perse nella notte dei tempi. Come il villaggio nuragico di Brunk’e s’Om, nel cuore del parco del Monte Arci (www.parcomontearci.it). Proseguendo, sino al punto più alto, lo sguardo spazia in lontananza sui costoni rocciosi delle due Giare (altopiano basaltico con un’estensione di 42 km quadrati compreso tra la Giara di Gesturi e quella di Siddi). E la Giara è famosa anche per essere popolata dagli ultimi esemplari di cavalli selvatici in Europa, belli con il loro manto baio scuro e gli occhi a mandorla. Occorre avere un po’ di fortuna per incontrarli, ma assistere, da lontano, ad un loro galoppo in libertà è una grande emozione (il Consorzio Due Giare propone degli itinerari archeo-ambientalistici per andare alla scoperta del territorio).

78


IL PANE QUOTIDIANO “Dacci oggi il nostro pane quotidiano…”. In Sardegna c’è solo l’imbarazzo della scelta. Ne esistono più di 500 tipi, dalle forme più svariate: ogni paese ha il suo, così come ogni ricorrenza sacra o pro fana , al punto da creare dei pani ornamentali parago nabili a vere opere d’arte. Per i pani soffici (Civraxiu e Modditzosu), si lavora la pasta con i pugni chiusi dentro i contenitori; per il pane croccante (C arasau) la modellatura avviene su un piano mediante l’uso del mattarello per ottenere sfoglie sottilissime. Dopo averlo modellato, s’introduce nel forno ben caldo: la cottura ha una durata diversa a seconda del tipo di pane: per un Civraxiu occorre un’ora , per un Coccoi bastano 30 minuti. Se il pane si brucia è un segno nefasto, se si rovescia dentro il forno annuncia addirittura una disgrazia. Inoltre, non deve essere buttato per terra e, se questo accade, deve essere raccolto e baciato, non deve essere posto capovolto sulla tavola , non può essere trafitto dal coltello se non per mangiarlo, di venerdì non può essere tagliato, ma solo spezzato con le mani. Per conoscere tutti i segreti legati alla lavorazione di questo alimento fondamentale e ammirarne le svariate forme, si va al Museo del Pane, a C agliari, allestito presso il Convento San Giuseppe (via Paracelso; su prenotazione visite e degustazioni; 070-503343), una dimora storica , oggi anche ristorante, che conserva tutte le forme e le varietà di pane, in un percorso affascinante, tra storia e tradizioni. Il Consorzio Sardegna Costa Sud (www.sardegnasud.it; 070-307982) propone dei pacchetti speciali che prevedono il soggiorno a C agliari in hotel a tre stelle a partire da 35 euro a persona. È possibile poi, acquistare un voucher da 23 euro che include la visita al Museo contadino di Villa Muscas sempre a C agliari, l’ingresso al Museo del grano di Ortacesus, un pranzo degustazione Strade del Grano in uno dei ristoranti del Consorzio”. Con il voucher da 45 euro, si aggiunge anche l’ingresso alla Grande Miniera di Serbariu a C arbonia (CI).

Baradili, il più piccolo comune della Sardegna I cavallini de L a Giara L aboratorio Tessile C asu a Pompu Agriturismo Su Massaiu Vari tipi di pasta

L a preparazione a mano del pane

Pane coccoi

79


Ritornati sull’asfalto, le strade solitarie si srotolano sinuose in infinite curve incontro a borghi e paesi caratteristici. Tra questi Baradili, il più piccolo comune della Sardegna (solo 96 abitanti ed il più anziano ha 96 anni), situato in prossimità delle falde della Giara, che racchiude una buona qualità della vita e i sapori genuini della pasta. Ha sede qui il pastificio artigianale Santa Margherita (via Turri, 18e, 0783-95139) dove acquistare i malloreddus, ovvero i famosi gnocchetti, le seadas (di sfoglia sottile ed un cuore di formaggio) oltre ad invitanti cruguxionis ravioli, ripieni di ricotta e limone, o spinaci, fino ai ravioli dolci con le mandorle. E ancora Ales, cittadina natale di Antonio Gramsci, con la piazza a lui intitolata, dove troneggia un’opera (in calcare e basalto del Monte Arci) realizzata da Giò Pomodoro, per ricordare il 40 esimo anniversario della morte del filosofo alerese. Sembra invece una galleria d’arte a cielo aperto, il paese di Nureci, un borgo antico, silenzioso e discreto, dove la luce è unica e sa spalmarsi sull’arenaria abbarbagliando il paesaggio di un colore quasi azzurro. È una delizia gironzolare per le vie strette e le stradine acciottolate, nel rarefatto traffico d’auto, con lo sguardo sui grandi portoni, sui balconi fioriti, fra le numerose fontane e le pietre sonore dello scultore Pinuccio Sciola. Una cornice naturale e paesaggistica che lascia stupefatti per la cura meticolosa. L’impressione di trovarsi in un luogo speciale diventa certezza osservando le facciate delle case, che sono splendidi quadri da ammirare e sembrano dialogare con i turisti. Nureci è ricco di numerosi e affascinanti murales, realizzati dall’artista Angelo Pilloni. C’è la nonna che prega e snocciola il rosario, quello che sella il cavallo. E ancora le dame alla finestra, la donna alla fontana, fino al vecchietto che ti guarda fisso negli occhi e ti sorride. Ed è per tutto questo, e ancora di più, che la Marmilla è differente. m

80

Consorzio Due Giare via Roma · Baressa (Or) · tel. 0783-910013 >www.agenziasviluppoduegiare.it<

nurecI, l’artIsta anGelo pIllonI che realIzza I murales Interno della mInIera dI carbone dI serbarIu


shoppInG l aboratorIo tessIle casu

le

abIlI mano dI gIuSeppIna In treccIano pazIentemente trame dI lIno, cotone e lana e danno vIta a SplendIdI arazzI e tappetI, nelle tonalItà del roSSo, blu, gIallo che rIprendono I colorI e le Stampe del paSSato. vIa regIna elena 16 · pompu (or) tel. 0783-999121

cos.med cosmesI medIterranea alle

pendIcI del monte arcI, un laboratorIo che produce coSmetIcI a baSe dI eSSenze e profumI del medIterraneo, come mIrto, menta , roSmarIno, elIcrISIo, lavanda. vIa ceSare battIStI 44 · aleS (or) www.cosMesiMeDiterranea .it

GIara mIele

mIele artIgIanale dI lItà , tra cuI quello

ottIma quadI Sulla (un fIore vIolaceo che nella tarda prImavera dIpInge le collIne della marmIlla), ma anche dI corbezzolo, cardo, agrumI. vIa nuova 2 · SInI (or) tel- 0783-935009

manGIare

dormIre

l a lorIGhItta

aGrIturIsmo su massaIu

sa scrussura

s’omu antIGa

In

cucIna c’è gIlda che propone pIattI della tradIzIone, tra cuI la paSta “lorIghIttaS”, ma anche Il rInomato porchetto del monte arcI. l’agrIturISmo, aperto Su prenotazIone, ha anche tre raffInate camere (da 48 euro a perSona In mezza penSIone). vIa Santa lucIa, 6 · morgongIorI (or) tel. 0783-932117

SItuato Su dI della gIara ,

una collIna , aI pIedI ha otto camere realIzzate In mattonI crudI e dotate dI ognI comfort. vende anche pro dottI derIvantI da agrIcoltura bIo logIca ed Il pregIatISSImo zafferano dI turrI. loc. coarvIgu · turrI (c a) tel. 0783-95339 www.agriturisMosuMassaiu.it

É SItuata aI pIedI geSturI, ImmerSa

della gIara dI nella valle deglI ulIvI mIllenarI valle deglI ulIvI mIllenarI. cucIna tIpIca caSereccIa con prodottI bIologIcI certIfIcatI. anche camere. loc. Su padroSu · SInI (or) tel. 0783-936167

SI dorme In una caSa padronale rISalente alla metà del 1800. a dI SpoSIzIone dell’oSpIte quattro con fortevolI Stanze, con bagno. vIa conte toufanI, 1 · nurecI (or) tel. 0783-96692

una Grande mInIera la

mInIera dI carbone dI serbarIu a c arbonIa (nel perIodo dI maSSImo Sfruttamento produceva 100 mIla tonnellate al meSe) è chIuSa ormaI da decennI (nel 1964), ma vale la pena vISItarla per non dImentIcare Il vISSuto mInerarIo che In manIera profonda ha modI fIcato queSto terrItorIo. Il perIodo d’oro fu nel 1930 con muSSolInI, Il quale SoSteneva che bISognava eman cIparSI dallo StranIero e valorIzzare ognI rISorSa del paeSe, coSì c arbonIa , ovvero Il bacIno carbonIfero del SucIS gIà Sfruttato a metà dell’800, Incarnava perfettamente Il Suo dISegno polItIco. dal 1937, anno In cuI SI coStruì Il prImo pozzo, l’aSceSa del grande gIacImento dI SIraI -SerbarIu crebbe velocemente. oggI oltre alle mInIere, a SerbarIu SI vISItano una grande laverIa e la lampISterIa , Il grande capannone che ServIva da Spo glIatoIo per I mInatorI e dove avvenIva la dIStrIbuzIone delle lampade, l’unIco oggetto conSentIto per Scendere In mInIera: dIvISI In tre turnI da 4 mIla perSone l’uno, I mInatorI lavoravano tutta la SettImana , Senza SoSta , otto ore al gIorno. o tto ore che Sembravano InfInIte Senza maI vedere la luce del Sole: al buIo, all’umIdItà e con numeroSI topolInI che facevano quaSI da pedana. Info: 0781-670591; www.muSeodelcarbone.It

Consorzio Sardegna Costa Sud via Bembo 25 · Cagliari · tel. 070-307982 >www.sardegnasud.it<

81


CNA Federmoda

Manifattura Italiana Grande successo a PariGi Per Manifattura italiana. La creatività deLL’artiGianato itaLiano a ModaMont e ZooM by fatex.

a riscosso grande successo Manifattura Italiana il progetto di CNA Federmoda realizzato nell’ambito dell’Intesa Operativa sottoscritta tra Ministero dello Sviluppo Economico, ICE e CNA per sostenere le imprese italiane produttrici di accessori quali bordure, bottoni, passamanerie, fiori, complementi, ricami e le imprese operanti in conto terzi o come private label. Estremamente soddisfatte le imprese che hanno avuto il supporto per esporre, molte di queste per la prima volta, i loro prodotti nelle aree appositamente allestite all’interno di ModAmont e Zoom by Fatex. All’interno dell’area The Lab un nuovo spazio dedicato da ModAmont alla creatività dell’artigianato italiano, su un’area di 144 mq, hanno esposto le loro collezioni di bottoni, piume, fiori, passamaneria, serigrafie, ricami, ecc. 12 aziende; mentre gli 11 espositori, aziende operanti in c/t, di Zoom by Fatex si sono distribuiti su 108 mq. Centinaia i contatti realizzati con operatori commerciali internazionali che hanno apprezzato la capacità del saper fare italiano. Oltre al supporto per la partecipazione alle fiere che hanno visto il loro svolgimento nell’ambito dell’ormai consolidata piattaforma espositiva di Première Vision Pluriel, sono state realizzate azioni di comunicazione che hanno coinvolto anche altre imprese, espositrici nei tradizionali spazi di ModAmont. Complessivamente sono state 74 le imprese che hanno aderito al progetto Manifattura Italiana proposto da CNA Federmoda. L’area allestita all’interno di ModAmont ha riscosso un grande successo non solo dal punto di vista commerciale, ma anche d’immagine, gli operatori internazionali hanno salutato con grandi complimenti la creazione di uno spazio definito dove incontrare creatività e saper fare, uno spazio dove era palpabile il coniugarsi tra virtuosismo creativo e virtuosismo produttivo, la vera cifra de made in Italy. m

82

Unione CNA FEDERMODA via G. A. Guattani, 13 - 00161 Roma • Ufficio di Bologna: via Rimini, 7 - 40128 Bologna tel. 051 213 3141 fax 051 213 3340 >www.cna.it/federmoda< >federmoda@cna.it<


a n e c s n i i t o n n e v n e a v igliori ! i ml nord est de


84

Eventi

GiusEppE Zanotti DEsiGn Primavera estate 2011 Presso lo showroom Vicini di Via montenaPoleone a milano ha aVuto luogo la Presentazione della nuoVa Collezione Giuseppe zanotti DesiGn primavera estate 2011. alla Presentazione erano Presenti, tra gli altri, maddalena corVaglia, giorgia Palmas, Federica Fontana, caterina BaliVo, ana laura riBas, Jo sQuillo, FiliPPa lagerBacK, elena santarelli, luisa corna, millY carlucci e alessia Ventura. www.giusePPezanottidesign.com 路 Press@Vicinishoes.com


eventi

A Riccione, elenA e lARissA inAuguRAno LE DESIR Profumi, immagini, sorPrese, angeli e acrobati, musica dal vivo e tanta gente della moda, dello sPettacolo e della televisione, come fabrizio corona e flaminia romeo, accorsi a riccione Per l’inaugurazione della boutique Le Desir. Le Desir una location di moda che si affaccia nel Panorama glamour internazionale con Prodotti di eleganza e qualità, con brand di assoluto Prestigio, ma semPre alla ricerca di nuovi stilisti fashion e talentuosi. Passione, originalità, stile, ricerca e tanto talento, questi sono i Punti di forza dell’universo Le Desir.

85


86

Eventi

CONDÉ, “LA GRIFFE” DEL VINO in GallEria Cavour In pIeno quadrIlatero bolognese, cuore pulsante dell’alta moda, non poteva mancare la “grIffe” del vIno. Ha aperto In gallerIa cavour, lo sHowroom-enoteca Condé, azIenda vItIvInIcola dI predappIo (forlì) voluta da francesco condello, un passato da stImato broker fInanzIarIo sotto le due torrI, ed ora “vIgnaIolo” come ama defInIrsI. Condé è una vera boutIque enologIca cHe ben sI armonIzza con le altre realtà e “veste” un sapore unIco: arredI elegantI e mInImal, pIccole bottI In legno e numerose bottIglIe dI sangIovese In purezza, cHe fanno bella mostra dI sé su glI scaffalI. Ig foto dI lucrezIa argentIero


87


88

Eventi

Una CoUntaCh pEr i 18 anni di Ginevra LamborGhini Compleanno a 12 Cilindri per Ginevra LamborGhini, Che ha festeggiato i suoi 18 anni insieme a tutta la famiglia lamborghini e a tanti amiCi d’eCCellenza. nel Corso della festa, alla quale hanno parteCipato amiCi e Compagni di sCuola della neomaggiorenne, ginevra ha riCevuto dalle mani del papà le Chiavi di una speCiale CountaCh rossa: l’originale auto storiCa personale lasCiatagli in eredità da suo nonno, il famoso ferruCCio lamborghini, fondatore dell’omonimo gruppo industriale Celebre in tutto il mondo, sinora religiosamente e gelosamente Conservata presso il “museo ferruCCio lamborghini” di dosso (fe).


89


90

Eventi

Deluxe Bologna inaugurazione allâ&#x20AC;&#x2122;insegna del glamour Occh i ch i u si, m i st e r iOsa m e n t e velati, labbr a dal cOlOr rOssO f uOcO, i n t r iga n t e, sensua l e e dallâ&#x20AC;&#x2122;immancabile tOccO glamOur. QuestO il vOltO della nuOva stagiOne 2010-2011 del deluxe, il fantasticO dehOr restaurant hamam sitO nel cuOre di bOlOgna che apre le pOrte al grande pubblicO cOl suO riccO prOgramma di appuntamenti. mp fOtO di luca ciavatella vigliOtti


91


92

Eventi

ArrivA A BolognA lo stilE di Lapo ELkann Lo scorso 13 ottobre, grande festa per La presentazione degLi abiti firmati ItalIa Independent, marchio di cui iL giovane eLkann è direttore creativo. aLL’interno deLLa prestigiosa boutique di piazza cavour, ItalIa Independent ha ricreato iL mondo di Lapo attraverso La nuova coLLezione moda autunno-inverno 2011, coLLezione esposta neLLe grandi vetrine e aLL’interno deLLa boutique con degLi aLLestimenti moLto suggestivi. tra gLi ospiti, moLti nomi noti deLLa moda e deLLa cuLtura boLognese. mp foto di meLissa iannace per studio siLmar


93


94

Eventi

THE RED AFFAIR IL CALENDARIO CAMPARI 2011 Campari annuncia che è miChel Comte il fotogr a fo che h a catturato lo stile seducente di the red affair, il calendario campari 2011. internazionalmente acclamato, Comte porterà la sua particolare interpretazione dell’intensità tipica di Campari al prossimo calendario campari; un’avventura emozionante volta a combinare charme e un intrigo irresistibile. ecco in anteprima gli scatti esclusivi del backstage.


95


Oroscopo

le stelle parlano Un mese ancora vivo, grazie alle vivaci tonalità delle foglie aUtUnnali. regalatevi passeggiate romantiche tra viali alberati e tinti di caldi colori. riete dAl

Per

21/03

Al

20/04

influsso di Giove ed urano otreste diventare un Pò troPPo reattivi e mettere in crisi raPPorti consolidati. Prima di aGire: diPlomazia! · sAlute l’oPPosizione del sole vi darà filo da torcere voi avete tra le mani un buon aGo. non tralasciate nulla e tutto si risolverà. scino

toro

dAl

21/04

Al

ottobre

20/05

vi reGalarerà ottime chance e ideee brillanti. oPPortunità inasPettate nella sfera sentimentale. sPerimentate. · sAlute Guardatevi attorno con ottimismo e buonumore, il Pen siero Positivo ositivo è sPesso l’unica via Giusta da Percorrere Per star bene. Ascino

emelli dAl

21/05

Al

21/06

FAscino è Giunto il momento di mettere in atto i Piani di conquista che studiate da tanto. Per i sinGles di lunGa data è in arrivo una bella svolta romantica. · sAlute il sole nel seGno Porta con sè la caPacità acità di vedere le cose da un’anGolatura amPia. aProfittatene Per fare un controllo a tutto tondo.

c Ancro

dAl

FAscino Grazie

22/06

Al

22/07

al favore deGli astri Gli affetti saranno Più intensi, Godetene senza dimenticare che nulla è mai Perduto, il deci asPetta dietro l’anGolo. · sAlute siate Prudenti e dedicatevi a qualche attività manuale Per sfoGare le tensioni, ne nasceranno buone soddisfazioni. autocontrollo.

eone dAl

23/07

Al

con l’entrata

23/08

del sole nel seGno otrete finalmente avere un incoraGGiamento, al momento Giusto, Per decidere quale strada sceGliere. non Perdete temPo. · s Alute un consiGlio non fa mai male ma se i vostri fastidi continuano rivolGetevi ad un medico. bevete sPort all’aria aPerta.

scino

erGine dAl

96

siete

24/08

Al

22/09

in Grado di coGliere e an ticiPare i desideri di chi vi sta accanto. emPus fuGit, coGliete l’attimo fuGGente con discrezione e siate sicuri di voi. · Alute o ttobre Porta con sè i Primi maione. niente Paura , riPosatevi strinGendo in mano una bevanda calda e state sereni. Ascino

B il A AnciA

dAl

23/09

FAscino finalmente

Al

22/10

saPrete Guardare occhi diversi vecchi Problemi e Po trete voltare PaGina. chiudete i conti in Peso e valorizzate ciò che Già avete. · avete sottovalutato da temPo un Problema , ora è temPo di andare a fondo e cercare di risolverlo con aiuto di sPecialisti.

s corpione

dAl

FAscino non

23/10

Al

22/11

vi mancano vivacità e sex aPPeal ma Prima di buttarvi a caPofitto in situazioni eccittanti ma Pericolose fermatevi e valutate Pro e contro. · s Alute o ttobre è un mese che vi rilassa con i suoi colori caldi e i Profumi autunnali. Godete di un ottimo stato Psi cofisico.

s AG AGit tArio

dAl

23/11

FA Ascino romanticismo

Al

21/12

al toP nella Prima Parte del mese, coccolate il Patner, la vo P stra relazione ne ha bisoGno. Per i sinGles: siate dolci. · s Alute i vostri arti vi chiedono attenzione. Pensate seriamente di in Piscina o a qualche corso che inseGni il rilassamento.

c Apricorno FAscino a

dAl

22/12

Al

20/01

inizio mese sarete troPPo imPeGnati nel lavoro Per rendervi conto che state trascurando qualcuno di davvero imPortante. aPrite Gli occhi e datevi una im calmata. · s Alute Weekend in montaGna e qualche baGno alle terme saranno la cura Giusta Per i vostri mali, reali o immaGinari. il consiGnio: lunGhe PasseGGiat.

A cquArio

dAl

21/01

FA Ascino rimboccatevi

Al

19/02

le maniche è temPo di mettercela tutta Per vincere la sfida che si staGlia sull’orizzonte romantico che vi asPetta. · s Alute uscite da un Periodo GriGio. ora è temPo di riPresa lenta ma G costante. voletevi bene e fate qualcosa di bello Per voi stessi.

p esci

dAl

FAscino in

20/02

Al

20/03

amore non saltate subito alle conclusioni, dietro ad oGni anGolo c’è uno ssPicchio di cielo azzurro. siate ottimisti. · sAlute arricchite l’alimentazione con frutta e verdura di staGione. è il momento di darsi una reGolata in vista dell’inverno Per arrivare al freddo rafforzati.


www.lamborghini.it

Ph. Damiano Fiorentini

ADVTL_Look_Settembre_210x283_Layout 1 08/09/2010 10.06 Pagina 1

BOLOGNA: Via Calzolerie 1/D - Piazza San Francesco 11/A


Look Bologna n25-1010