Page 1

NUMERo 3 / 2011

la rivista login degli apprendisti per gli apprendisti

› www.login.org

log into England 

› Pagina 6

Il mio posto di tirocinio presso Bernmobil › Pagina 7

Un roseo futuro per 592 nuovi apprendisti login American Hobby › Pagina 9

Dalla scuola al mondo dei trasporti! Ad agosto 592 ragazzi e ragazze hanno dato inizio alla loro vita lavorativa. Durante la settimana login, hanno scoper-

to insieme non solo la varietà del mondo dei trasporti, ma anche l’intera Svizzera.

Nascita di uno JBT 

› Pagina 5

› Pagina 2


2 Fischio di partenza per 592 apprendisti Nell’agosto 2011, 592 apprendisti hanno dato inizio alla loro vita lavorativa: 34 dal Canton Ticino, 108 dalla Svizzera romanda e 450 dalla Svizzera tedesca. Durante la settimana login gli apprendisti non solo imparano molte cose sul loro tirocinio, ma stringono anche nuove amicizie e portano a termine i primi compiti difficoltosi. Sara Riesen, specialista PR

Martedì 9 agosto 2011, ore 9.39: l’S5 proveniente da Berna ferma davanti alla fermata MuntelierCentre Löwenberg. Le porte si aprono e sulla strada si riversano

157 ragazzi e ragazze – la classe login 2011! Di corsa lasciano borse e zainetti e si dirigono in tutta fretta verso l’aula magna del Centre Löwenberg. Il consigliere di formazione Andreas Schelbert tiene il discorso di benvenuto e rac-

conta di come è stato il suo primo giorno di tirocinio. Gli apprendisti ascoltano emozionati. In giro per la Svizzera per il login-Trophy Per quattro giorni gli apprendisti vivono al Centre Löwenberg vicino a Murten, apprendono il programma del loro tirocinio e acquisiscono lo spirito dell’imprenditore. Il primo passo in questa direzione è il progetto «login-Trophy». All’interno di team trasversali alle professioni bisogna risolvere tanti compiti difficili. E così si parte tutti in giro per la Svizzera.

«Una settimana splendida» La settimana login rimarrà un bel ricordo per tutti i partecipanti, sia per gli apprendisti che per i consiglieri di formazione. «È stata una settimana splendida! Gli apprendisti hanno collaborato con motivazione e hanno preso parte con entusiasmo al login-Trophy», è il commento del consigliere di formazione Markus Hauser. 592 storie di successo in quattro sedi diverse Non solo a Murten, ma anche a Sursee, Losanna e Bellinzona, 592 apprendisti hanno dato inizio alle loro storie di successo nel mondo dei trasporti. In tale occasione sono state scattate tante foto divertenti. Altre foto e video sono disponibili su www.login.org/community.


3 › Notizie in breve Vice campione regionale Benjamin Fankhauser, informatico al 4° anno di formazione, ha conquistato il secondo posto ai campionati regio­ nali di informatica. Con questo titolo Benjamin si è qualificato per i cam­ pionati nazionali che si terranno ad ottobre. Congratulazioni da login per il titolo di vice campione regionale!

››››››››››››››››››››››››››››››››››››››››››››› Sulla strada per diventare  un ciclista professionista Lukas Gerber, ICTP al 3° anno di for­ mazione (tirocinio sportivo), è tra i 10 migliori giovani ciclisti della Svizzera. Lukas ha concluso la stagione cicli­ stica 2011 con il primo posto al Grand Prix Oberbaselbiet. Auguri vivissimi da login per questi successi!


4 Nuovi corsi di formazione A partire da agosto login, in colla­ borazione con le FFS, formerà due mediamatici AFC. Si tratta di un ruolo che riunisce in sé competenze in ambito informatico e della comu­ nicazione: il mediamatico si occu­ pa di progettare siti web, produrre immagini e filmati ed editare il lay­ out di documenti. Questo tirocinio professionale è al momento offerto solo a Berna. Nell’officina login a Zurigo-Altstet­ ten un apprendista ha incominciato la sua formazione come aiuto mec­ canico CFP. Tale formazione dura due anni e si conclude con il rilascio dell’attestato professionale federa­ le. Dopo il primo anno dedicato alla formazione di base, l’apprendista passerà nell’azienda Carlo Vanoli AG di Samstagern (ZH). login e le sue ditte associate hanno intenzio­ ne, in futuro, di offrire altri posti di tirocinio CFP.

››››››››››››››››››››››››››››››››››››››››››››› Nuova denominazione La denominazione francese per re­ sponsabile della circolazione dei treni è cambiata da Opérateur/trice trafic ferroviaire (OTF) in Chef-fe circulation des trains (CCT). login e le FFS uti­ lizzeranno in futuro soltanto la nuova dicitura.

››››››››››››››››››››››››››››››››››››››››››››› Nuove ditte associate SBB Cargo International conduce treni combinati e treni completi lun­ go tutto l’asse europeo nord-sud. La società affiliata FFS con sede a Olten offre 3 posti di tirocinio per ICTP e un posto di praticante MP. RCSmobility gestisce il bus locale a Aigle ed elabora concetti di mobilità per le zone a bassa intensità di traffi­ co (ad es. sistemi di bus a chiamata). A partire da agosto la società acco­ glierà un nuovo/una nuova apprendi­ sta ICTP.

Visti da vicino: un anno presso login – com’è andata? Già 12 mesi passati presso login! Questa esperienza ha portato nuovile colleghile, tante sfide e momenti di successo: ma vediamo un po’ più da vicino com’è andata. Martina Hartmann, ICTP

Nel primo semestre ho lavorato presso login formazione professio­ nale nel team Selezione. Ho ela­ borato le candidature nell’ambito logistica, ho organizzato gli stage e invitato candidati/e al test atti­ tudinale. Nel secondo semestre ho ­lavorato alla stazione FFS di Woh­ len, perlopiù allo sportello. Nella mia vita sono cambiate alcu­ ne cose: sono diventata molto più aperta, più comunicativa, più sicu­ ra di me stessa. Sia per la scuola, sia a volte per il lavoro, ho redatto un piano riguardante tutte le atti­ vità che dovevo svolgere. Ho stret­ to tante nuove amicizie e quindi in ogni corso conosco già qualcuno. Sono soddisfatta delle mie presta­ zioni a scuola e sul lavoro. Fino ad ora ho sempre raggiunto tutto ciò che volevo e spero che anche in fu­ turo sarà così. Samuel Stadler, ICTP

Dalla settimana login in poi ho co­ nosciuto più persone di quante non ne abbia mai conosciute in tutto il resto della mia vita. Dopo que­ sta prima settimana sono stato let­ teralmente gettato nella mischia, cioè alla biglietteria. All’inizio ero completamente sopraffatto (dover sorridere ed essere sempre cortese, ricordare tutto, conoscere tutti gli articoli, essere competente...); ho dovuto imparare in fretta a gestire le situazioni più disparate. Adesso non solo conosco gli articoli prin­ cipali delle FFS, ma ho anche im­ parato ad accettare le critiche (per tutti quelli che non hanno ancora mai lavorato a uno sportello: lo si impara per forza).

Dopo sei mesi allo sportello ero felice di lavorare per un semestre «dietro le quinte», cioè nel team nuove leve RCT di Zurigo. È lì che ho davvero imparato qualco­ sa del mondo dei trasporti ferro­ viari. La prima volta in cui sono stato all’apparecchio centrale ve­ devo solo lampadine che si accen­ devano a destra e sinistra e pensa­ vo: ma dove sono capitato? Invece poi ho imparato presto i coman­ di più semplici e dopo un mese di stage a Winterthur ho capito mol­ te cose.

Nel servizio movimento di Huttwil, dove sono al momento operativo, mi trovo molto bene. È bello ve­ dere i progressi che compio ogni giorno nel lavoro.

Elena Bader, IC agenzia viaggi

Elodie Maye, IC agenzia viaggi

Da quando frequento il tirocinio, ho pochissimo tempo libero. Non solo devo studiare per la scuola, c’è anche il lavoro in agenzia che mi richiede grande impegno. Nel primo anno di formazione avevo molti corsi login da seguire. Lì ho conosciuto persone sempre nuove e mi sono anche divertita molto in­ sieme a loro.

L’inizio del tirocinio ha cambiato tante cose: attraverso il lavoro mi assumo delle responsabilità e cre­ sco grazie ad esse. Con il salario imparo a gestire i soldi.

Io svolgo il mio tirocinio in agen­ zia viaggi e a volte devo lavorare alla biglietteria. Questo tipo di la­ voro non mi piace granché. Nel pri­ mo semestre del secondo anno an­ drò in un ufficio a Berna. Non vedo l’ora di provare questo cambio e di scoprire cosa mi aspetta lì.

La scuola professionale e il lavo­ ro mi piacciono molto. Ho cono­ sciuto tanti nuovi colleghi che si specializzano in altre professioni. Sono felice di poter conoscere tan­ te persone provenienti da tutta la Svizzera, e questo grazie a login. Hanan Mufti, impiegato in logistica

Dopo un anno presso login: sono il capo a Zurigo Herdern! :-)

Benjamin Rohrbach, ICTP

In quest’anno ho potuto notare che adesso si pretende molto di più da me rispetto a prima, ai tempi della scuola. Alle ferrovie ho trovato dei colleghi sia in login che in BLS.

I buoni propositi degli apprendisti login per il loro ultimo anno si possono leggere a pagina 10.


5 › La storia di successo

Nascita di uno JBT Christoph Rickli l’ha sognato per tanto tempo: uno JBT nel suo reparto presso la BLS a Spiez. Ad agosto questo sogno è finalmente divenuto realtà. Maren Truffer era una delle apprendiste che hanno sostenuto Christoph Rickli durante i preparativi. Maren Truffer, ICTP 2008-2011

Christoph Rickli è il responsabile della formazione presso l’unità organizzativa Infrastruttura Esercizio (IE) della BLS Netz AG di Spiez. Dall’inizio del nuovo semestre Christoph lavorerà con il nuovo JBT Formazione e formazione continua IE di Spiez. Lo JBT comprende 3 apprendisti ICTP e si

occupa dalla A alla Z dell’organizzazione della formazione. Inoltre, organizza gli eventi per i collaboratori, amministra la rete Intranet ed è responsabile della spedizione delle cartoline di auguri.

La prima idea Lo JBT ha avuto origine dalla necessità di riorganizzare l’unità organizzativa IE. Bisognava ridistribuire le competenze e definire con chiarezza i pacchetti di compiti per gli apprendisti. Christoph Rickli ha colto al volo l’occasione e ha lanciato il progetto JBT Formazione e formazione continua a Spiez. La trasformazione Dall’idea dello JBT fino alla sua realiz-

zazione c’è stato un lungo percorso. È stata richiesta l’autorizzazione ad ottenere il posto di tirocinio aggiuntivo, si sono svolte riunioni per valutare la fattibilità del progetto e sono state sbrigate tutte le incombenze burocratiche per giungere infine all’allestimento di un concetto. Come se non bastasse, si dovevano definire e documentare tutti i processi che sarebbero stati elaborati dallo JBT – un’impresa titanica. Eppure il team di Christoph­Rickli ce l’ha fatta – e il lavoro ha dato i suoi frutti. Lo JBT è attivo e lavora con successo. Il prossimo passo A novembre 2011 lo JBT insieme a tutto il reparto si trasferirà in un nuovo e moderno ufficio all’interno della stazione di Spiez. Il 12 novembre lo JBT e la BLS invitano tutti ufficialmente alla giornata delle porte aperte. › Nuovi JBT anche a Olten e Lucerna Nello stabilimento industriale delle FFS a Olten è stato costituito per l’inizio del­ la formazione uno JBT Logistica ma­ gazzino. Tre futuri impiegati/e in logisti­ ca dei trasporti, provenienti da diversi anni di formazione, amministreranno autonomamente il magazzino dell’ap­ parecchio centrale presso lo stabili­ mento industriale, acquisendo così co­ noscenze sul lavoro in magazzino.

Tanja, Bettina e Ramon (da sinistra) si danno daffare: a novembre il nuovo JBT si trasferirà in un nuovo edificio

Nel reparto per il management dei pro­ getti di Infrastruttura presso le FFS a Lucerna ha iniziato la sua attività un al­ tro JBT. Due apprendisti ICTP (al 1° e 2° anno di formazione) e una praticante MP prenderanno in carico diverse man­ sioni di segreteria e ricevimento. Oltre a questo, si occuperanno anche di affian­ care i/le responsabili di progetto.


6 log into England È la prima volta che così tanti apprendisti partecipano a un soggiorno linguistico in Inghilterra! 97 partecipanti provenienti da tutte le regioni hanno sgobbato per due settimane su testi di grammatica e dizionari. Poi però hanno potuto mettere subito alla prova le loro conoscenze nel programma per il tempo libero. Tanja Amacker e Sandrine Meichtry, ICTP, 2° anno di formazione

Sul treno che ci portava in Inghilterra avevamo già fatto amicizia con gli apprendisti di lingua francese e così abbiamo potuto migliorare anche le nostre conoscenze di questa lingua. Alle 18, appena scesi a Bournemouth, siamo stati subito accolti dalle nostre famiglie-ospiti inglesi. La nostra mamma-ospite Debbie ci è apparsa subito molto simpatica. Il giorno dopo – di domenica – abbiamo dovuto sostenere un test d’ingresso, dopodiché siamo andati a fare un sightseeing tour della città di Bournemouth. Il lunedì successivo è cominciata la scuola; le lezioni erano molto più leggere di quelle in Svizzera! Abbiamo trascorso i pomeriggi facendo shopping e visitando luoghi diversi. La sera ci ritrovavamo perlopiù sulla spiaggia o al surf-­

restaurant «Hot Rocks». Durante il fine settimana abbiamo fatto una gita a Londra e al parco di divertimenti «Thorpe Park». Nella seconda settimana abbiamo visitato Stonehenge. Non avremmo mai pensato che un paio di massi sarebbero potuti essere così affascinanti! Credo che la parola più amata dagli inglesi sia «lovely». Sandrine, invece, per via dei suoi atteggiamenti un po’ imbranati, è stata soprannominata «clumsy» dalla nostra mamma-ospite. Nadine Sutter, ICTP, 2° anno di formazione

Più di ogni altra cosa, ho imparato l’inglese dai discorsi fatti con la famiglia-ospite. Li capivo molto bene, ma non sempre riuscivo a trovare le espressioni più appropriate. La parola «squirrel» mi è rimasta particolarmente impressa, che è il loro modo di dire di scoiattolo.

Melvin Schwab, ICTP, 2° anno di formazione

Il viaggio in treno è stato lungo ma anche divertente, perché ho passato tutto il tempo insieme ai miei compagni. La mia famiglia-ospite era molto gentile e disponibile. Abbiamo riso molto insieme. A scuola ho ripetuto molti argomenti e ho potuto migliorare il mio vocabolario e le mie conoscenze di grammatica. Durante il programma per il tempo libero la mia attività preferita è stata la gita al Thorpe Park, ma mi sono piaciuti anche Paintball e il Laser Game. Avevo già quasi l’impressione di vivere davvero a Bournemouth e di non essere lì solo in vacanza. Il viaggio di ritorno l’abbiamo fatto in aereo – era la prima volta che volavo. All’inizio ero un po’ preoccupato, ma poi invece mi sono divertito tantissimo!


7 Il mio posto di tirocinio presso Bernmobil Mentre gli altri si godevano le vacanze estive, l’apprendista in costruzione di binari Lars Wittwer lavorava presso il cantiere di Bernmobil, nel centro storico di Berna. Vicino alla Torre «Zytglogge» è stato infatti sostituito il cuore della mobilità cittadina di Berna: lo scambio triangolare del tram. Anche i media si sono interessati all’evento. Lars Wittwer, costruttore di binari, 2° anno di formazione

Dopo la formazione di base ho potuto scegliere fra tre posti di tirocinio. La mia scelta è caduta su Bern­mobil. Da un lato perché vivo proprio a Berna e conosco bene Bernmobil, dall’altro perché così posso imparare le tecniche di costruzione dei binari del tram, le quali differiscono in molti punti da quelle per la costruzione dei binari delle ferrovie. Nella costruzione dei binari del tram non si usa pietrisco per attutire le vibrazioni, bensì uno speciale materiale plastico, che viene posto sotto le rotaie. Al centro del cantiere Presso Bernmobil lavorano molte brave persone, nel team per la costruzione dei binari si ride e si scherza spesso. Adesso che ci sono le vacanze estive abbiamo molto da fare. Nei pressi della Torre Zytglog-

ge, nel centro storico di Berna, stiamo sostituendo il grande scambio triangolare. Per due mesi qui circoleranno solo le macchine da costruzione, mentre tutte le linee del tram e dell’autobus verranno deviate. Per la sistemazione dei nuovi binari io ho preparato gli elementi di sostegno che vengono collocati sui nuovi binari. Poi li ho anche fissati. È un lavoro di precisione millimetrica! I binari vengono in seguito saldati assieme e incorporati nel cemento. Questo lavoro viene fatto di notte. Intervista e foto per il giornale Il cantiere attira molti spettatori e spettatrici. Anche i media fanno sempre dei resoconti sui lavori di costruzione. Per un articolo del Berner Zeitung sono stato anche intervistato e fotografato. Certo, per me è stato un po’ strano, ma sono stato volentieri al gioco.

Un’ultima occhiata di controllo, prima che i binari vengano saldati e incorporati nel cemento

Lars e il team di Bernmobil durante i lavori di costruzione dei nuovi binari del tram


8 Beneamati soldi… Verso la fine del primo anno di formazione si tiene sempre la riunione degli apprendisti sul tema budget. loginfo è andata a osservare gli apprendisti a Zurigo e ha scoperto come la pensano in fatto di denaro. Sara Riesen, specialista PR

Il primo salario! Gli apprendisti hanno lavorato duro per meritarselo. Tuttavia spesso il denaro finisce in un battibaleno. Tutto speso, già a metà mese. E la rata dell’assicurazione sanitaria non è stata nemmeno pagata... Bisogna imparare a gestire i soldi. Nella riunione degli apprendisti sul tema budget, si discute non solo di come si guadagnano i soldi, ma an-

che di come destinare il salario secondo le necessità, nonché dei pericoli che corrono gli apprendisti. Grandi sogni, piccoli guadagni Cosa fare se il salario non basta per grandi acquisti? Per capirlo, gli apprendisti si sono scelti un oggetto del valore di più di 1000 franchi che vorrebbero comprare. Tra gli oggetti più desiderati ci sono molti apparecchi elettronici (come TV, PC portatile e fotocamera), ma anche un’automobile o uno scooter. Gli

apprendisti calcolano quanto tempo dovrebbero risparmiare per realizzare il proprio sogno. Il periodo di tempo varia da alcuni mesi per il portatile, fino a vari anni nel caso dell’acquisto di un’auto. Il budget – come far bastare il denaro fino alla fine del mese Spesso però non si tiene conto delle spese fisse mensili. Quanto costa la cassa malattia, il proprio hobby o l’uscita con gli amici? Per tutte queste spese, gli apprendisti stilano

un budget in funzione del loro salario. Messi nero su bianco, i conti sono più chiari. Attenzione alla trappola dei debiti! Che in realtà non sia sempre così, gli apprendisti lo imparano grazie a una sequenza video nella quale alcuni ragazzi raccontano le loro esperienze con i debiti. Tutti gli apprendisti conoscono le tipiche trappole dei debiti e discutono vivacemente sui modi per liberarsene.

Dove se ne va il denaro… Jonas Ernst, costruttore Per il compito di preparazione ho scelto qualcosa di davvero insolito: una porta da calcio con le misure ufficiali, che costa circa 1500 franchi. La porta starebbe proprio bene nel mio giardino. Per i calci di rigore però purtroppo non c’è abbastanza spazio. Prima d’ora non avevo mai redatto un budget, ma so bene quanto spendo.­ I conti con il salario tornano e io rimango sempre in attivo.

Rahel Küffer, falegname Faccio dei grossi acquisti solo raramente. Grazie al mio lavoro da falegname posso costruirmi i mobili da sola; rispetto a prima mi compro molti meno vestiti. Sto mettendo da parte per uno scooter o una moto. Il mio consiglio per il budget: tenere in mente le tasse e fare i conti partendo direttamente dal salario netto. Altrimenti i conti non tornano.

Nicola Affolter, polimeccanico Siccome il primo salario se n’è andato in un batter d’occhio, a casa ho stilato un budget. Da allora, alla fine del mese mi rimane sempre qualcosa. Il mio budget per il vestiario è di circa 250 franchi al mese. Mi piace comprare scarpe, cinture o bracciali. Il mio consiglio per risparmiare: versare all’inizio del mese una somma di denaro sul proprio libretto di risparmio.

Pedro Henrique Augusto de Brito, meccanico di produzione Ne so abbastanza di questioni di budget e di bilancio, per la maggior parte ho imparato da mio padre, a scuola o anche dalla televisione. Per esempio abbiamo deciso insieme se era meglio riparare il mio computer rotto o sostituirlo con uno nuovo. La maggior parte dei soldi la spendo per i vestiti, circa 200 franchi al mese.

Haris Sadiki, polimeccanico Presto mi comprerò un televisore nuovo. Al momento uso quello di mia sorella, ma presto lei cambierà casa e porterà il televisore con sé. Dove altro va a finire il mio denaro? A volte uscire la sera costa più di quanto si era preventivato.


9 Football americano – roba da duri Remo Kälin è un altro apprendista login con un hobby speciale: nel tempo libero gioca a football americano – uno sport poco conosciuto dalle nostre parti. dietro) e ricevo la palla che devo portare in meta, oppure difendo il quarterback (il capo dell’attacco).

Remo Kälin, ICTP, 2° anno di formazione Intervista di Sara Riesen, specialista PR

Perché e da quando giochi a football americano? Mi piace l’unione di squadra e la fiducia che bisogna avere tra com­ pagni per poter giocare bene. Se un giocatore sbaglia nella sua po­ sizione, l’altro ne subisce le con­ seguenze – che possono anche es­ sere molto dolorose. Io gioco da circa un anno e mezzo: 1 anno con i Mythen Black Bulls e da più di 6 mesi con i Midland Bouncers. La mia posizione è quella del runningback. Io sto nel backfield (quindi

Come si svolge una partita di football? Sul campo si affrontano sempre due squadre. Una squadra in at­ tacco e una in difesa. La squadra in attacco ha il possesso di palla e cerca di portare il pallone in meta. La squadra in difesa cerca di osta­ colare la squadra in attacco con ogni mezzo. Questa è la filosofia di fondo, tutto il regolamento è com­ posto da 200 pagine.

Il football sembra uno sport piuttosto pericoloso e brutale – ti è già capitato di dover andare al lavoro con un occhio nero? Il tackle football è una delle di­ scipline sportive più pericolose e perciò è roba da duri. Nonostan­ te l’equipaggiamento obbligatorio ci si può ferire. È quasi impossibi­ le farsi un occhio nero, perché sul viso si porta una maschera d’ac­ ciaio. Invece, dita slogate o ad­ dirittura rotte sono all’ordine del giorno. Ancora non mi è mai suc­ cesso di saltare una giornata a causa di un infortunio.

Remo Kälin, apprendista IC e appassionato giocatore di football americano

Leggi l’intervista completa su www.login.org/football.

Indovinello di loginfo F

E

R

M A

T

A

D

E

L

B

U

S

M C

R

N

G

A

L

I

L

E

O

O

V

N

P

R

K

C

O

S

Z

B

R

N

U

S

C

H

E

H

B

B

A

H

C

H

I

B

U

S

D

O

Q

D

I

I

I

S

Z

E

O

L

U

O

H

A

B

T

C

L

N

G

M U

V

C

W G

B

N

F

I

N

H

S

A

L

A

E

E

H

K

O

O

H

A

V

X

C

K

R

I

C

V

T

A

L

I

M G

L

M R

E

M I

E

C

A

I

R

U

E

N

R

P

P

E

R

T

O

T

H

D

P

R

O

K

F

E

S

C

H

N

G

A

T

U

B

E

U

V

A

T

S

I

P

I

P

T

L

O

L

S

K

Q

H

T

L

H

E

T

A

V

O

O

A

D

H

E

C

I

R

C

O

L

A

Z

I

O

N

E

X

K

R

N

J

I

U

W O

L

S

M A

U

R

B

U

S

N

O

T

T

U

R

N

O

B

U

W E

A

L

O

S

Q

Z

I

O

H

D

U

I

L

P

Le parole sono scritte in tutte le direzioni possibili. (verticale, orizzontale, verso destra, verso sinistra ecc.)

O

Trova i 10 termini dei trasporti pubblici. 1. Circolazione 2. Check-in 3. Biglietto aereo 4. Metro 5. Hupac 6. Galileo 7. Binario 8. Pista 9. Bus notturno 10. Abbonamento Se troverai anche l’11° termine TP nascosto, potrai vincere, con un po’ di fortuna, un buono a scelta del valore di CHF 50.–. Ecco come funziona: Se hai trovato la parola, vai alla pagina www.login.org/indovinello e inserisci la soluzione e i tuoi dati personali. Così prenderai parte all’estrazione! Le collaboratrici e i collaboratori di login sono esclusi dalla partecipazione. La data ultima per l’invio è il 17.10.2011. Sono escluse le vie legali. La soluzione dell’indovinello dell’edizione di giugno: Falegname. Valerio Cristofaro, 2° anno di tirocinio ICTP, ha vinto un buono acquisto iTunes del valore di CHF 50.–. Congratulazioni!


10 Informazione e comunicazione presso InfoPro Laure e Cyril hanno collaborato nello JBT InfoPro di Losanna al reclutamento degli apprendisti e hanno organizzato il viaggio degli apprendisti login in Inghilterra. Per queste mansioni era richiesto un grande talento nell’organizzazione e nella comunicazione.

Una buona comunicazione è d’obbligo per Laure e Cyril dello JBT InfoPro Laure Eichenberger e Cyril Bourdenet, ICTP, 3° e 2° anno di formazione

«InfoPro» significa «information professionelle» ed era composto fino alla fine di agosto da noi due apprendisti ICTP e dal nostro formatore Daniel Delaloye. Lo JBT si occupa dell’informazione sulle professioni nella Svizzera romanda e organizza eventi sui tirocini offerti da login. Info complete sulle professioni login Il nostro team ha effettuato delle regolari visite presso scuole, centri di informazione professionale

e fiere del lavoro, durante le quali abbiamo presentato le professioni del mondo dei trasporti. Abbiamo spedito opuscoli sulle professioni e materiale informativo, curato il sito Internet e aggiornato costantemente la banca dati con gli indirizzi. Info sulle attività di login Non solo abbiamo contribuito al reclutamento di nuovi apprendisti, ma abbiamo anche organizzato la festa di fine tirocinio. Abbiamo scelto la data adatta e abbiamo pianificato l’intero programma. Anche l’organizzazione del soggiorno linguistico in Inghilterra ha fatto par-

te del nostro ambito di attività. Ci ha dato molto da fare! Siamo stati in contatto con gli apprendisti – in francese, tedesco, italiano – e abbiamo fornito loro tutte le informazioni a proposito del soggiorno linguistico. Perlopiù ci siamo tenuti in contatto via e-mail. Tuttavia non tutti leggevano la loro posta elettronica. A volte abbiamo dovuto prolungare le nostre scadenze e telefonare agli apprendisti. Requisito principale: la comunicazione Per il lavoro dello JBT la comunicazione è indispensabile: sia tra

di noi, quando bisogna organizzare qualcosa a breve termine, sia con i nostri interlocutori nei diversi ambiti. E non bisogna mai dimenticare l’importanza di buone conoscenze di ortografia. Reclutamento 2011 riuscito Il nostro più grande successo è stato il reclutamento concluso con successo per l’anno di formazione 2011/2012. Come parte del team di marketing di Losanna, il nostro JBT ha potuto contribuire a occupare tutti i posti di tirocinio.


11 Che fine ha fatto… Il contatto con i clienti era quello che più piaceva a Hilson Ferro già durante il tirocinio ICTP. Oggi, in qualità di consulente assicurativo, si occupa di svariate centinaia di clienti. E saranno sempre di più! Hilson Ferro, ICTP, 2006-2009

Ho scelto il tirocinio come ICTP perché era molto vario. Durante il mio periodo di formazione ho lavorato presso login, le FFS e TPG. Le mie mansioni preferite erano quelle che prevedevano il contatto con la clientela. Ho lavorato molto in biglietteria, come accompagnatore del treno, ma anche in amministrazione. Se dovessi svolgere di nuovo un tirocinio, penso proprio che riproporrei la mia candidatura a login.

Dai trasporti pubblici al settore assicurativo Dopo la conclusione del tirocinio ho cambiato settore e oggi lavoro per Assicurazioni Generali a Losanna. In veste di consulente assicurativo lavoro a stretto contatto con i mediatori di assicurazione e sono responsabile per diverse centinaia di clienti. È importante che io curi per bene i dossier, altrimenti i clienti si cercano un’altra compagnia assicurativa. Lavoro soprattutto in ufficio, ma a volte vado anche a trovare i clienti. Com’era

già ai tempi del tirocinio, la cosa che preferisco è il contatto diretto con la clientela. Sulla strada verso l’autonomia lavorativa? Diversamente dal tirocinio, nel mio lavoro attuale posso distribuire liberamente il tempo da dedicare al lavoro. Questo mi piace molto. Anche il settore assicurativo mi è congeniale. In futuro vorrei riuscire a trovare nuovi clienti da solo. Per questo voglio concludere la formazione continua per di-

ventare mediatore di assicurazione diplomato. Credo proprio che più in là riuscirò a diventare un libero professionista oppure che mi candiderò per una posizione direttiva.

Hilson Ferro durante il suo tirocinio ICTP

Ultimo anno di formazione – quali sono i vostri piani? Nell’ultimo anno di formazione non ci sono solo gli esami finali di tirocinio da superare, ma bisogna anche decidere cosa si farà dopo: lavorare, specializzarsi, fare un viaggio intorno al mondo? Benjamin Hürlimann, operatore in automazione, 4° anno di formazione

Sereina Bur

Ludovic Simon

Il mio sogno è entrare nel mondo della musica e fare tanta strada. La mia passione son il rap e l’hip-hop. Il prossimo anno registrerò alcuni dei rap che ho scritto personalmente. Ho già trovato uno studio. I miei testi sono essenzialmente di stampo cristiano e hanno come tema le preoccupazioni di tutti i giorni, i problemi, l’amore e così via. Da queste cose ha origine anche il mio nome d’arte: SIzE J. SIzE significa taglia, grandezza, J sta per Jesus (Gesù). Ludovic Simon, operatore in automazione, 4° anno di formazione

ann Benjamin Hürlim

Cosa farò dopo il tirocinio? Bella domanda! Al momento non sono ancora sicuro se continuerò a lavorare alle FFS come operatore in au-

tomazione o se andrò a studiare ingegneria all’università. Non escluderei neppure un viaggio all’estero per migliorare le mie conoscenze linguistiche. Deciderò in quest’ultimo anno di formazione. Mi informerò a fondo su tutte le possibilità, in modo da non dovermi pentire di nulla in seguito. Sereina Bur, ICTP, 3° anno di formazione

I miei obiettivi, i miei piani e i miei desideri per l’ultimo anno di formazione si concentrano più che altro sullo sport. Vorrei sfondare nel mondo dell’equitazione. Per me questo significa prendere la licenza a settembre. Se supererò questo esame di equitazione, l’anno prossimo potrò allenarmi per i campionati dei Grigioni. Sugli esami finali di tirocinio non mi faccio ancora troppi pensieri. Probabilmente cominceranno alla fine del semestre.


12 10 domande a . . . Nome:

Julien Bucciarelli

Professione:

Polimeccanico

Posto d’impiego attuale: JBT Bellinzona

1. Mi trovo presso login perché … … dopo diversi stage ho scelto di fare il polimeccanico e mi sono can­ didato a login. 2. Della mia professione mi piace particolarmente … … tornire qualcosa. 3. Quando avrò 30 anni, … … vorrò avere un lavoro e non avere problemi. 4. Non potrei vivere senza … … amici.

7. Dei trasporti pubblici trovo geniale … … la compagnia. 8. L’ultimo film che ho visto al cinema è stato … … The Fast and the Furious 5.

Qui comincia il futuro Un torrido pomeriggio al centro visitatori presso il grande cantiere della galleria di base del Ceneri: dal 2019 qui sfrecceranno i treni che impiegheranno solo due ore e mezza circa per andare da Zurigo a Milano. Altrettanto promettente è il futuro degli apprendisti ticinesi di login che terminano il loro ciclo di formazione quest’anno, un futuro che comincia già oggi. Con i diplomi ricevuti dalle mani di Francesco De Giacomi, responsabile della formazione di base a Bellinzona, e dal consigliere nazionale Ignazio Cassis, la strada verso la loro storia di successo professionale è ormai spianata.

9. Quand’ero bambino volevo essere come … … Ber Grens. 10. Il mio più grande sogno è … … andare nello spazio.

5. Durante il fine settimana … … faccio compiti di scuola, esco con gli amici e studio per le prove. 6. L’ultimo successo ottenuto durante la mia formazione è … … aver superato i 3 mesi di prova

› Nominato per la prossima volta è … Alessia Pesciallo, ICTP Posto d’impiego attuale: FFS Bellinzona

Grazie d

i cuore…

P.P.

4601 Olten

gono ci sosten disti che n le re p te p n a ura i gli media, d … a tutt tti con i ni. Siete nei conta re manifestazio e lt a lle vostr d ri/trici de fiere e a to ia c s a ti amb gin! eccellen ni e di lo professio

› Impressum loginfo – la rivista degli apprendisti per gli apprendisti Editore: login formazione professionale, Olten Pubblicazione: in tre lingue con una tiratura totale di 5’900 copie Redattore: Stephanie Kriesel (capo), Sara Riesen Realizzazione: Hofer AG Kommunikation BSW, Berna Feedback e cambiamenti d’indirizzo: community@login.org

loginfo 3/2011 italiano  

loginfo, login, apprendisti, giornale

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you