Issuu on Google+

a z n e v Li

Supplemento a

- N. 7/11

Aut. Trib. Venezia n. 929 del 18.4.1988 - Iscr. Reg. Naz. Stampa n. 06170 DISTRIBUZIONE GRATUITA

delle Bimestrale

La Salute

i di ssociazion

A

S.

o

olontariat

ntorni i d . . . . e Giorgio

n. 4 Novembre-Dicembre 2011

INDICE

Editoriale

2

Io, Schiavo di Hitler 3 Intervista a Olindo Tomaselli 4 Passione per il canto Anna Marsonetto e le Creamy 5 Sei il benvenuto don Alberto

6

Associazione Rugby Educativo Caorle

7

Le nostre Associazioni

8-10

Settembre Sangiorgese

12

Parliamo di... Marta Fantin

13

L’Angolo della poesia e viaggio nel tempo 14 Calendario delle Associazioni 15

Tela “La Battaglia di El Alamein” di Paola Pasqual e Valentina Perissinotto presso sede ANPDI di San Giorgio di Livenza

1861 > 2011 >> 150° anniversario Unità d’Italia


EDITORIALE

la storia...di questa Italia Ci avviciniamo alla conclusione del 2011 e, con esso, al termine delle celebrazioni relative al 150° anno dell’Unità d’Italia. Anche noi, come redazione, vogliamo dare un piccolo contributo: tramite il nostro giornalino abbiamo, così, deciso di raccontarvi degli episodi legati alla storia sia del nostro Paese, l’Italia, sia delle nostre località, San Giorgio e La Salute di Livenza. Abbiamo così raccontato la storia della battaglia di El Alamein, in cui i paracadutisti della Folgore difesero arduamente, durante la 2^ guerra mondiale, il valore del Tricolore. Qui accanto la foto della meridiana realizzata dal Cap. d’Albertis duranle le azioni difensive del basso Piave, riporta tutte le date delle eroiche battaglie sostenute dai Marinai e dagli Artiglieri nella zona di Cor-

tellazzo dove in meno di un anno di conflitto, tra la fine del 1917 e il 1918, perirono 3000 soldati italiani ed austroungarici, installata in origine nella sede del Comando del Reggimento Marina a Cà Gamba di Cortellazzo (attualmente è situata presso una casa privata edificata nel medesimo luogo). Potete leggere, infine, la testimonianza di Gino Marchesin che, sopravvissuto ai campi di concentramento, ci racconta perché non si debba mai perdere la speranza. Non mi resta che invitarvi alla lettura e, soprattutto, se ne avete voglia e tempo, a collaborare con la nostra redazione perchè questa avventura possa continuare e contribuire alla crescità della nostra Comunità. Giorgia Valente

Strada San Giorgio, 15 30020 San Giorgio di Livenza – Caorle (Ve) Tel. 366 1963881 - Fax 0421 584599 Un’idea di: Rugby Educativo Caorle Associazione Peter Pan EDITORE: Ass. Culturale Doge Stampa DIRETTORE RESPONSABILE: Flavio Ineschi

E-mail: livenza@rugbyeducativo.it STAMPA: Tipografia Colorama Via Garda, 13 – 30027 San Donà di Piave (Ve) FOTO: Camilla Brichese

IN REDAZIONE: Ernesta Buoso, Domenico Danzo, Rosanna Doretto, Moni Lazzarini, Lucia Salvalaio, Irene Cecotto, Giorgia Valente

ART DIRECTOR: Cinzia Mengo

AMMINISTRAZIONE E REDAZIONE: Rugby Educativo Caorle A.S.D.

Steve Ongaro, Nicola Gallo, Marta Fantin, Diana

www.tipografiac

30027 San Donà di Piave (Ve) - Via Garda, 13 - Tel. 0421.40225 - info@tipografiacolorama.com

2

HANNO COLLABORATO A QUESTO NUMERO: Barbara Danzo, Dorino Rossi, Federico Corona, Villardi, Anna Marsonetto

olorama.com

Offriamo un servizio completo a 360° per la tua pubblicità, dal piccolo al grande formato

nel nostro bimestrale

RISCALDAMENTO - CONDIZIONAMENTO IDRAULICA - SOLARE - GEOTERMICO Via Martiri della Libertà, 25 - 30020 La Salute di Livenza (Ve) Tel. 0421.290178 - Fax 0421.291098 - info@termliv.com

www.issuu.com/livenza

per la pubblicità ROSANNA info 329.9493353 rosannamarco78@libero.it

LUCIA

li per i tuoi articoinfo 340.1456787

luciasalvalaio@gmail.com


L’ODISSEA DI UN GIOVANE MILITARE DA CORFÙ AL LAGER DI BELGRADO

IO, SCHIAVO DI HITLER Gino Marchesin è nato il 27 settembre 1923 (Mussolini era da poco andato al governo) a La Salute di Livenza, dove tuttora risiede. Non aveva ancora 20 anni quando viene scelto e arruolato per il servizio militare. Partecipa in seguito alla resistenza contro i tedeschi nell’isola di Corfù con gli uomini del reggimento del colonnello Bettini. L’isola cade il 25 settembre del ’43 e fino al 18 ottobre, giorno della partenza per la Grecia, gli italiani sono costretti a mangiare erba o, i più fortunati, muli abbattuti, poiché mai nulla è stato offerto loro dai tedeschi. Nell’autunno del ’43, prima in camion e poi in vagoni (dove riesce a sopravvivere, insieme ai suoi compagni prigionieri, per ben otto giorni con provviste di cibo solo per due e completamente senza acqua), arriva a Belgrado, dove rimane per sei terribili mesi. Qui Marchesin si ritrova a condividere uno stanzone con una cinquantina di persone ed a dormire su un po’ di paglia ammucchiata (un unico cambio di “materassi” in un mese e mezzo!). Alle sei del mattino sveglia con il caffè (un po’ di acqua nera), quindi l’attesa, che poteva durare anche fino alle dieci del mattino, tutti immobili all’esterno degli edifici, con temperature di due o tre gradi sotto lo zero, per essere trascinati a lavoro. A mezzogiorno una semplice minestra con qualche foglia di rapa mentre alla sera una pagnotta da dividere in sei e una fetta di salame rosso. I prigionieri non potevano lavarsi, erano malvestiti, sporchi e pieni di pidocchi. Era fortunato chi veniva scelto per andare a lavorare all’albergo al Soldaten: qui, infatti, trovava da mangiare a volontà. Gino Marchesin è riuscito qualche volta ad andarci: la prima volta l’hanno messo a pelare patate e poteva mangiarne le bucce! A metà gennaio un fatto straordinario: i prigionieri vengono radunati in una piazza per la disinfestazione. Finalmente, dopo ore e ore di attesa, si sente un fischio: la gente di Belgrado, mossa dalla compassione, lanciava pane dalle finestre! I prigionieri affannati lottavano per cercare di appropriarsene ma lo scompiglio fu tale che a quel punto i tedeschi furono costretti a bloccare il tutto respingendo i poveretti nelle baracche, senza disinfestazione e ancora tormentati dai pidocchi. In una giornata inaspettatamente fortunata, invece, Marchesin riesce ad entrare, con un gruppo di cento e più compagni, in un magazzino pieno di scarpe e vestiti. Il lavoro dei prigionieri consisteva nel caricare nei vagoni merci dei cassoni sigillati già riempiti di indumenti. E pur nella tragedia accade un fatto di umanità: uno slavo, accorgendosi della precaria situazione di Marchesin, rischiando la propria vita, lo lascia uscire con ben due maglie, due camicie, un maglione, dei pantaloni e dei calzini grossi, che Gino userà per vestirsi o come merce di scambio per ottenere del cibo. Nell’ultimo mese di prigionia fu relegato, con i suoi compagni, nella

baracca, poichè in attesa di trasferimento. Trenta giorni sena poter uscire a vedere la luce del sole, senza poter respirare aria pulita, senza uscire a lavorare e, quindi, senza poter racimolare qualcosa in più da mangiare, costretti a sopravvivere con una pagnotta da dividere in sei e un po’ di burro o margarina. Poi, con il trasferimento, tutto cambia... Un’odissea tutta da leggere e su cui meditare… Perché la lettura di questo libro permette ai giovani, e non solo, di riflettere sul passato, sulle tragedie e sofferenze dei soldati mandati a difendere la Patria e sulle vicende dei sopravvissuti, che nonostante tutto ce l’hanno fatta dimostrando come non possiamo dare nulla per scontato perché anche l’impensabile può diventare realtà. Il 27 settembre Gino Marchesin è stato premiato a Padova con una medaglia d’argento come sopravvissuto della Quarta Divisione Acqui. Barbara Danzo INTERVISTA: a cura di Barbara Danzo D: Perché ha deciso di scrivere le proprie memorie? R: Un giorno la signora Lucia Antonel mi ha chiesto di poter inserire la mia storia all’interno del suo libro “San Stino tra storia e memoria. 1920-1945. Ritratto di un’epoca”. Trattandosi della raccolta di una serie di testimonianze, anche la mia esperienza sarebbe stata raccontata solo in parte. Ed io non volevo che ciò accadesse; se dovevo raccontare la mia storia, l’avrei dovuta raccontare tutta. D: Si è mai pentito della sua scelta? R: No, anzi, da quando ho terminato il progetto mi sono sentito come “svuotato”, è come se avessi affidato parte delle mie esperienze a carta e penna. Inoltre, come in molti mi hanno confermato, si tratta di un’importante testimonianza storica e, quindi, sono contento di rendermi utile anche in questo modo... D: Perché ha scelto il titolo “Io schiavo di Hitler”? R: Dopo lunghi mesi trascorsi nel lager di Belgrado, nel maggio del ’44 sono stato trasferito a Nis. Qui ho dovuto firmare un documento per sottoscrivere le condizioni di lavoratore presso un’officina, altrimenti sarei stato trasferito nuovamente in un campo di concentramento. Ho dovuto accettare o sarei morto, ma da quel momento non sono stato più lo stesso. D: Nel maggio del ’45 la Germania è capitolata: finalmente era libero di tornare a casa. Come mai, però, un’accoglienza cosi fredda al suo rientro? R: Noi prigionieri siamo stati accolti con diffidenza per vari motivi: la gente non conosceva le nostre vicende e le sofferenze che abbiamo dovuto subire, non sapevano da che parte politica ci saremmo schierati, erano preoccupati del nostro reinserimento nel mondo del lavoro o, forse, semplicemente volevano voltare pagina. D: In quei giorni la fede ha vacillato o le ha dato forza? R: Posso solo dire che ho pregato, ho pregato molto.

www.issuu.com/livenza

3


MOSTRA “QUANDO IL LAVORO E’ ARTE!”

Intervista a Olindo Tomaselli Dal 17 al 25 Settembre si è tenuta, presso il “Teatro Salone” del Centro Sociale di San Giorgio di Livenza, la mostra “Quando il lavoro è arte” giunta ormai alla sua diciottesima edizione. Ben 21 le opere pittoriche e scultoree esposte: tra gli artisti, provenienti da varie città del Veneto e del vicino Friuli, l’ospite di rilievo è stato Olindo Tomaselli, “Nino” per gli amici e conoscenti stretti. Olindo ha 91 anni e vive ed opera a La Salute di Livenza. E’ lui l’autore delle opere pittoriche, custodite nella chiesa di S. Pietro alla Salute di Livenza, ‘le stazioni della via crucis’ e le grandi tele, una con gli apostoli e San Pietro e l’altra con Maria Goretti. E per conoscerlo e farlo conoscere ho pensato di rivolgergli qualche domanda. Quando e dove è nata questa grande passione per la pittura? Un giorno, andando a scuola a Venezia, ho visto un vecchietto che dipingeva sotto la neve con il freddo e il gelo. Lui era lì... concentrato e preso dal suo dipinto, nonostante le condizioni atmosferiche non si degnava di staccare il pennello dalla mano. Così mi dissi che avrei dipinto anch’io per sempre e grazie a questo sconosciuto ho iniziato ad apprezzare quest’arte, che nel corso degli anni è diventata la mia più grande passione. Ha fatto molti sacrifici da piccolo per riuscire a studiare? Si, moltissimi! A quei tempi non c’erano corriere, quindi, di mattina mi alzavo alle 5 perchè ero costretto a farmi la strada in bici: in due ore arrivavo a Punta Sabbioni e qui prendevo il traghetto fino a Venezia. Ricordo che una volta tornando a casa mi si era rotta una ruota della bici e me la sono fatta a piedi, arrivando a casa a mezzanotte! Ma non mi sono fermato comuque. Appena arrivato, ho aggiustato la ruota e alle 5 del mattino seguente mi sono svegliato e sono ripartito. Dopo alcuni anni, ho dovuto interrompere le lezioni a scuola, a causa della guerra, del lavoro e della famiglia e ho ripreso gli studi a 60 anni, sempre a Venezia all’Accademia delle Belle arti. Sono stato allievo di importan-

4

tissimi insegnanti nel campo dell’arte, come: Emilio Vedova, Vittorio Basalia, Luciano Gaspari e Luciano Zarrotti. Quante tecniche di pittura ha utilizzato fino ad oggi? Ne ho utilizzate 5. Ho cominciato con il Realismo, per seguire poi con il Futurismo, l’Espressionismo, il Simbolismo e il Raggismo. Adesso adopero solo pittura ad olio. In quante importanti mostre sono state esposte le sue opere? In tantissime mostre, dal 1983 ad oggi, sia in Italia che in Europa. Mostre sia collettive che personali, dove ho riscosso molto entusiasmo da parte del pubblico, della critica e dei giornalisti. Cos’è quella cosa che dopo 91 anni tiene ancora accesa questa passione per la pittura? Beh, è un pò difficile da spiegare. E’ una cosa che senti tua! Però posso dirti cos’è la passione. Essa, per me, è come una piccola fiamma, che anno dopo anno si alimenta sempre di più fino a raggiungere il suo equilibrio per poi rimanere così, donandoti ancora dopo tanto tempo forza, spirito, gioventù interiore e una barca d’esperienza alle spalle. Posso anche dire che a 91 anni la mano non mi trema e che traccio ancora la linea perfettamente dritta! Terminato il mio incontro con Olindo Tommaselli, che si è dimostrata una persona molto dolce, gentile e calorosa.Penso a come, attraverso le sue opere e con il suo giovane spirito, sia riuscito negli anni a far sognare tantissime persone, grandi e piccole. E mi piacerebbe sottolineare anche un’altra cosa: la passione per l’arte di questo importante personaggio non si ferma alla pittura, ma si allarga anche alla musica. Infatti, il signor Olindo è molto bravo a suonare il violino... c’è davvero molto da imparare da persone come lui, non è vero? Irene Cecotto

www.issuu.com/livenza


PASSIONE PER IL CANTO

ANNA MARSONETTO e le Creamy “Musica: un’unica parola di sei lettere che racchiude una miriade di emozioni infinite e profondissime, che fanno vivere e sognare rendendo migliori le giornate di tutti quelli che la amano”: è così che Anna, una normalissima ragazza di 17 anni che studia al liceo e vive a La Salute di Livenza, definisce la Musica, la sua più grande passione. Questa è la sua storia... Anna è entrata a far parte del Coro Arcobaleno, un coro con più di 50 bambini di tutte le età, a soli 2 anni e mezzo, quando la mamma Mara ha deciso di iscriverla per gioco. Da qui ha avuto inizio la sua passione per la musica, passione che ha coltivato pian piano negli anni a seguire. Nel 1997, accompagnata dai suoi genitori, Anna ha partecipato a Bologna alle selezioni dello Zecchino d’Oro, ma purtroppo non è stata scelta. Un anno dopo, però, in un giorno d’Estate, Anna si è trovata per caso a Caorle proprio mentre si stavano svolgendo le selezioni per partecipare al programma. I suoi genitori non l’avevano iscritta ma la maestra del Coro Arcobaleno, che faceva parte della giuria, alla fine delle selezioni l’ha fatta salire sul palco e, a microfono spento, l’ha fatta cantare “Gira gira con la lira”. Sembra incredibile ma è piaciuta così tanto alla direttrice dello Zecchino d’Oro che è stata selezionata per il programma! E così nel Novembre del ‘98 Anna e la mamma si sono trasferite per quasi un mese a Bologna, presso la sede dell’Antoniano (un’istituzione che si occupa di solidarietà, intrattenimento e comunicazione sociale diretta dai frati minori) dove si trovano gli studi dello Zecchino d’Oro. Sono molti i ricordi di Anna legati a quell’esperienza: la bellissima atmosfera accogliente e famigliare dell’Istituto, i frati sempre gentili e sorridenti, Liliana, la responsabile del coro, una dolce signora che accudiva e coccolava tutti i piccoli cantanti, il padre Mauro che la raggiungeva nei weekend e la riempiva di pensierini, i ragazzi del programma con cui mantiene ancora i rapporti. E come dimenticare le serate della trasmissione nelle quali ogni partecipante ve-

niva accompagnato da un personaggio dello spettacolo? Lei fu accompagnata, con altre due bambine, dal grande Nino Manfredi! Dopo questa fortunata e meritata esperienza Anna è tornata a casa ed ha continuato la sua “carriera” da piccola cantante partecipando a concorsi canori, certe volte vincendo ed altre volte no ma, come le ricordavano sempre mamma e papà, i suoi fan numero 1, l’importante non è vincere ma partecipare e divertirsi. All’età di 13 anni Anna ha cominciato a studiare il canto seriamente, iscrivendosi alla scuola di canto Paul Jeffrey. Qui ha avuto, ed ha tuttora, delle maestre eccezionali che non solo le hanno insegnato le tecniche vocali da utilizzare, ma le hanno trasmesso ancora di più la passione per la musica e le hanno insegnato anche a vivere!

Ed eccoci qui alla fine del racconto di questa giovane ma grande ragazza. Una fine che insieme ad altre 4 speciali ragazze è diventata un nuovo inizio. Loro sono le “Creamy”: (da sinistra) Patricia, Flora, Giorgia, Anna e Alessia. Sono 5 giovani ragazze, dai 15 ai 19 anni, tutte con voci diversissime, ma con una sola grande passione che le accomuna e che le lega ogni giorno sempre di più: la Musica. La Musica con la “M” maiuscola, perchè per loro è come qualcosa di divino. E’ tutto ciò che dal paradiso viene quaggiù. Le Creamy si esibiscono in luoghi come Bibione, Jesolo, Caorle e si divertono moltissimo, non solo durante le performances: le 5 giovani non sono, infatti, solo componenti di un gruppo ma anche grandi amiche. Sono sempre più orgogliose di loro stesse e si impegnano duramente, giorno dopo giorno, per dare sempre di più... perchè la loro intenzione è quella di “arrivare in alto”! Irene Cecotto

www.issuu.com/livenza

5


LASCIATEMI ENTRARE NELLE VOSTRE CASE!

…Sei il benvenuto Don Alberto L’ingresso nella comunità parrocchiale è avvenuto quasi in punta di piedi, nei modi del tutto naturali, una presentazione semplice ed emozionata di un giovane sacerdote che, della nuova parrocchia, sapeva solo che fosse vicino a Caorle in una zona con tanti canali. Don Alberto è stato accolto con un grande e lungo applauso. Al suo fianco, sull’altare della Chiesa di San Giorgio Martire, a rappresentare la Diocesi di Vittorio Veneto, il vicario generale vescovile Monsignor Martino Zagonel, che nei cuori della gente è ancora il loro parroco: Don Martino. Anche se il tempo ha solcato più di trent’anni, il “passaggio” di Don Martino nella parrocchia di San Giorgio di Livenza ha lasciato nelle famiglie un particolare piacere di fede cristiana e di grande senso dell’amicizia. Molti genitori, presenti domenica 16 ottobre, hanno rivissuto con i propri figli questo ricordo nella celebrazione che ha avvicinato la Comunità di San Giorgio al giovane sacerdote di 39 anni : tanti quanti sono gli anni di sacerdozio di Don Martino. Molta attenzione hanno suscitato le parole del vicario vescovile che, sempre armonioso nel suo modo di comunicare, ha invitato ad una piena collaborazione negli impegni parrocchiali ereditati e ad un sostanziale sostegno alla volontà

di Don Alberto di valorizzare la “forza giovanile”, caratteristica già evidenziata e dimostrata nelle parrocchie in cui ha trascorso i suoi primi anni di sacerdozio. La partecipazione in massa di tantissimi giovani e la presenza delle Autorità Civili di Colle Umberto e del gruppo Alpini delle Comunità Trevigiane, stanno a testimoniare che, nella parrocchia di San Giorgio, è arrivato non solo un giovane sacerdote carico di entusiasmo, ma anche dotato di una bellissima “missione”: stimolare il singolo per amalgamare un gruppo di volontari a servizio della Comunità. Per la nostra Comunità parrocchiale la figura e il ruolo del sacerdote è ancora troppo importante: penso che la Curia Vescovile abbia meditato bene in questo, riservandocene ancora uno, tutto per noi. E’ un’opportunità che ci è stata offerta e forse ripartendo dalla base, dai giovani, don Alberto potrà ricostruire un ambiente di serenità e collaborazione. “Lasciatemi entrare nelle Vostre case” è quello che tutti desideravano sentire. Le famiglie della nostra comunità sono sempre state aperte e desiderose di fratellanza ed amicizia. Domenico Danzo

Vendita di pneumatici invernali in offerta promozionale servizio gratuito di stoccaggio dei vostri pneumatici estivi Via Fausta, 41 - Eraclea (Ve) Tel. 0421.232700 - Cell. 335.464779

bardel@dacos.it 6

www.issuu.com/livenza


UN NAZIONALE CON IL RUGBY EDUCATIVO CAORLE

RUGGERO TREVISAN Il rugby educativo ha ripreso dal mese di Settembre a frequentare i campi dell’impianto sportivo di San Giorgio di Livenza, ogni venerdì pomeriggio dalle ore 17,00 alle ore 18,30. Per informazioni tel. 3661963881 – info@rugbyeducativo.it Il giovane Elias Toffoletto, per affrontare al meglio l’esperienza 2011-2012 con i bambini del Rugby Educativo Caorle, ha frequentato il corso organizzato dal Comitato Interregionale Veneto per la formazione di educatori del minirugby. Nonostante per Elias sia un anno scolastico molto importante, con l’esame finale di maturità scientifica, ha voluto essere ancora a fianco dei bambini e ci sentiamo di ringraziarlo infinitamente per il suo affetto. Ad uno degli ultimi allenamenti abbiamo avuto anche la piacevole presenza in campo di Ruggero Trevisan giovane rugbysta di Caorle, già Nazionale U20 e schierato nell’europeo della Churchill Cup 2011, che attualmente gioca con gli Aironi, formazione di Viadana Parma, nell’impegnativo campionato europeo della Heineken Cup/RaboDirect Pro 12. Trevisan, estremo classe ’90, è passato in pochi anni dalla serie A con il San Donà al RaboDirect Pro 12: “E’ stato un anno positivo finito con la Churchill Cup, una competizione per me difficile essendo abituato all’Eccellenza. Lì, invece, capisci che arrivati ad un tale livello ad ogni errore vieni punito e, quindi, bisogna abituarsi a questo rigore;

mi sento pronto ad affrontare questa positiva esperienza”. E’ venuto a San Giorgio di Livenza per accompagnare il piccolo fratellino Lorenzo, 6 anni di statura e tanta voglia di giocare. E’ stato un bellissimo pomeriggio dove il più divertito era proprio il più grande “Ruggero”, per lui un allenamento insolito, attorniato dai piccoli atleti del Rugby Educativo Caorle. Ha ripromesso di ritornare nei momenti di pausa del suo campionato professionistico, i bambini lo attendono per una nuova sfida in campo. Elias Toffoletto quest’anno si ritrova qualche piccolo atleta in più: Kevin Lunardelli, Cristian Bragato, Nicolò Rossetti e il piccolo Lorenzo. A seguire l’allenamento i fedelissimi : Alex Azzalin, Patrik Bettin, Daniele Draicchio, Nicolò Lollo, Tiziano Masiero e Simone Sutto, Davide Visentin e gli inseparabili Tazio Zoldan, Mirco Gerardi e Leonardo Serena che dopo gli allenamenti col San Donà trovano ancora il desiderio di ritrovarsi con gli amici a giocare. La sede del Rugby Educativo presso la struttura Ater è aperta al ritrovo dei piccoli atleti, per la redazione del giornalino e per eventuali richieste di chi desiderasse UTILIZZARE LA SALA DEL CLUB PER LE FESTE DEI LORO BAMBINI. Domenico Danzo

PARTNER UFFICIALI 2011 RUGBY EDUCATIVO CAORLE

Vega Parco Scientifico Tecnologico Venezia www.dacos.it | dacos@dacos.it | tel.041.5093810 dal 1982 nel settore dell’informatica e dell’Information & Communication Technology: trent’anni di continuità ed evoluzione nel digitale a servizio del mondo professionale.

Santo Stino di Livenza www.cattoservizi.it | info@cattoservizi.it tel. 0421.80276

www.issuu.com/livenza

7


LE NOSTRE ASSOCIAZIONI

il loro vero significato ASSOCIAZIONE NAZIONALE PARACADUTISTI D’ITALIA SEZIONE DI CAORLE - SEDE DI S. GIORGIO DI LIVENZA

LA BATTAGLIA DI EL ALAMEIN Cenni storici: I primi reparti di paracadutisti italiani furono istruiti e formati poco prima della seconda guerra mondiale a Castel Benito, nei pressi di Tripoli, dove sorse la prima Scuola Militare di Paracadutismo. Le prime truppe ad essere addestrate furono due battaglioni libici del Regio Corpo Truppe Coloniali: i “Fanti dell’Aria”. A questi fece seguito un primo battaglione di truppe italiane ed il Battaglione Carabinieri Paracadutisti. Nel 1941 era operativa una Divisione Paracadutisti completa: la 185ª Divisione Paracadutisti “Folgore” (nata ed addestrata per l’occupazione di Malta fu, invece, impegnata a terra in Africa Settentrionale dal luglio 1942, visto l’andamento della guerra). Il comportamento eroico della divisione Folgore durante la battaglia di El Alamein, dove 3.500 paracadutisti resistettero all’attacco portato da tre divisioni britanniche, la 7ª Divisione Corazzata (i famosi Desert Rats, veterani di tante battaglie africane) e due di fanteria, per un totale di circa 50.000 uomini, 400 pezzi di artiglieria, 350 carri e 250 blindati, suscitò il rispetto e l’ammirazione anche da parte degli stessi nemici britannici. Dal fronte di El Alamein i paracadutisti della Folgore si ritirarono il 3 novembre 1942, alle 2:00 di notte, privi di tutto, senza autocarri, senza acqua e trasportando a braccia i propri pezzi anticarro e le poche mitragliatrici. Verso le 2 del pomeriggio vennero accerchiati dagli inglesi che gli offrirono la resa ma i paracadutisti risposero con il grido “Folgore!” ed aprirono il fuoco mettendoli in fuga. Dopo due giorni di marcia nel deserto, alle 14:35 del 6° giorno, dopo aver esaurito tutte le munizioni ed aver distrutto le armi, ciò che restava della Divisione si arrese alla 44ª divisione fanteria britannica del generale Hugues, ma senza mostrare bandiera bianca e senza mai alzare le mani ai nemici. I paracadutisti ottennero dai britannici l’onore delle armi e dopo la resa il generale Hugues volle ricevere il generale Enrico Frattini, a cui strinse la mano, ed i colon-

8

nelli Bignami e Boffa, complimentandosi per il comportamento della divisione. Dopo la battaglia di El Alamein alla Folgore verrà conferita la Medaglia d’Oro al Valor Militare. Il 23 ottobre si festeggia l’anniversario della battaglia di El Alamein. Da qualche anno è esposta, presso la sede dell’Associazione Paracadutisti a S.Giorgio di Livenza, una rappresentazione pittorica della battaglia di El Alamein. Questa opera (nel riquadro qui sotto) è tratta da una copia ed è stata riportata su di una tela di m 4,50 x m 2,50. Le due artiste che si sono occupate di questa riproduzione, Paola Pasqual e Valentina Perissinotto, abitano rispettivamente a La Salute di Livenza ed a San Giorgio di Livenza. Che ne dite di presentarvi? - Mi chiamo Paola Pasqual, sono nata a Ceggia nel 1960 ed abito a San Giorgio di Livenza. - Mi chiamo Valentina Perissinotto, sono nata a San Donà di Piave nel 1986 ed abito a La Salute di Livenza. Come vi siete avvicinate all’arte della Pittura e quali sono le vostre esperienze nel campo? Paola Pasqual - Dal 1986 ad oggi ho eseguito numerose mostre collettive, personali, permanenti e concorsi ex tempore (realizzazione di un quadro sul posto in un determinato tempo, che si conclude comunque entro la giornata). Valentina Perissinotto - Ho frequentato l’Istituto d’Arte Mestre ed ho conseguito il diploma di Laurea in Restauro con indirizzo pittorico a Venezia presso l’ Accademia delle Belle Arti. Dal 2006 al 2007 ho restaurato due quadri della seconda metà del ‘700 (aventi come soggetti uno il Sacro Cuore di Gesù e l’altro La Madonna), trovati all’interno del Collegio Marconi di Portogruaro dove si trovano tuttora. Inoltre ho partecipato alla Mostra “Quando il Lavoro è Arte” a San Giorgio di Livenza nel 2010 con alcuni quadri figurativi. Quanto tempo avete impiegato per realizzare quest’opera? Circa quaranta giorni, con nostra grande soddisfazione. Quando l’avete inaugurata? Il 3 Aprile 2009 in occasione della Festa del Paracadutista. E solo in queste occasioni è possibile visionare la rappresentazione…. Giorgia Valente

www.issuu.com/livenza


LE NOSTRE ASSOCIAZIONI

il loro vero significato ANZIANI E GIOVANI DUE LIVENZE Con la rassegna delle torte, organizzata dalle signore del paese, in concomitanza con la sagra della Salute di Livenza, sono stati raccolti 803 euro che sono stati devoluti interamente alla “VIA DI NATALE”. 21ª edizione della “LUCCIOLATA” si svolgerà Sabato 05 Novembre 2011 alle ore 20.00. Tre i punti di partenza, con fiaccole che illumineranno le vie, la prima dal Panificio Perissinotto di San Giorgio di Livenza e la seconda da Piazza della Repubblica di La Salute di Livenza. I due cortei si congiungeranno sul punte Livenza dove aspetteranno il terzo gruppo, dei sommozzatori, che a nuoto, creeranno uno spettacolo di luci che si rifletterà sulla superficie del fiume. Da qui i cortei raggiungeranno nuovamente Piazza della Repubblica, alla Salute di Livenza. L’intero ricavato della manifestazione sarà devoluto all’Associazione “Via di Natale”.

ASSOCIAZIONE LA MACCHIA VERDE E IL COMITATO GENITORI

L’ORTO…. Con il rientro a scuola si riprende in collaborazione con l’Associazione LA MACCHIA VERDE il progetto “ORTO DIDATTICO - BIOLOGICO”, progetto che è partito verso la fine dello scorso anno scolastico con la classe 4° e la maestra Anna e tutti i bimbi della materna con rispettive maestre. Durante l’estate l’attività è proseguita, mantenendo in vita ciò che era stato piantato, grazie a un gruppetto di 8 bambini e alla pazienza e dedizione dell’ortolano Giorgio, che li ha seguiti costanPer prenotare il servizio di accompagnamento temente. L’orto ha dato un buon raccolto, ed è stato consumato persone disabili, anziani, con problematiche di spostamento per visite mediche e quant’a ltro, dai ragazzi stessi e dalle famiglie; sono cresciute delle bellissime zucche pronte per la festa di Halloween ed ora attendiamo i la nostra autovettura è a vostra disposizione. nuovi frutti che quest’orto Contattare il Sig. Dorino Rossi ci darà. cell. 329 2311167-casa 0421 80454 Per “frutti” non si intende solo ciò che si può mangiaCon l’arrivo di Natale un componente dell’Associazione, nei panni di re, ma anche nozioni utiBabbo Natale, provvederà a consegnare un pensierino augurale a tutti li alla crescita dei nostri gli ospiti del Centro Diurno per disabili di Cà Cottoni. A fine anno ci sarà la chiusura dell’anno in corso e l’apertura del nuovo tesseramenfigli, come conoscere, acto dei Soci per l’anno 2012. Grazie cudire e far crescere una Presidente Dorino Rossi piantina. Con l’occasione, a nome di tutti i genitori ASSOCIAZIONE della classe 4°, ora 5°, e dei ragazzi, porgo un GRACALENDARIO DONAZIONI ZIE di cuore a Giorgio DOMENICA 6 NOVEMBRE Bertuzzo (mastro ortolaSiamo vicini al natale quindi no) per il tempo che ha ci sentiamo più buoni... un piccolo sacrificio dedicato e per quello che che non vi costa proprio nulla ma che salverà una vita... ancora dedicherà alla buona riuscita di ciò che Pensateci...Vi aspettiamo... abbiamo iniziato… Ernesta Buoso

www.issuu.com/livenza

9


LE NOSTRE ASSOCIAZIONI

il loro vero significato COMITATO GENITORI

A.S.D. LA SALUTE DI LIVENZA

I Comitati dei genitori degli alunni delle scuole Elementare, Materna e Medie, alla fine dello scorso anno scolastico, hanno incontrato la Dottoressa Lucia Santesso, la professionista che lo scorso anno si è occupata del progetto di Counselling, e l’assessore al bilancio ed alla pubblica istruzione del Comune di San Stino di Livenza Rita Zanutel per proporre loro una più stretta collaborazione nel promuovere, appunto, l’attività di Counselling Educativo (si tratta di consulenze aventi lo scopo di agevolare nelle nostre scuole, le relazioni interpersonali tra docente/studente, docente/genitore, genitore/figlio, qualora ce ne fosse la necessità). Durante l’incontro è emersa la necessità di far conoscere meglio questa attività, magari dimostrandone gli innumerevoli benefici sia nell’ambito scolastico che in quello della vita quotidiana. Nel mese di novembre il progetto dovrebbe ripartire, per il secondo anno consecutivo, nelle nostre scuole, anche se le modalità sono ancora in via di definizione. Non ci resta, quindi, che attendere le date definitive di inizio progetto che ci verranno comunicate a scuola. Confidiamo nella partecipazione attiva dei genitori per far sì che queste iniziative possano soddisfare sempre di più le necessità di tutti. Ernesta Buoso

E’ ormai entrata nel vivo la stagione sportiva 2010-2011 per l’Associazione Sportiva La Salute. Dopo aver passato il primo turno del Trofeo Regione Veneto, la prima squadra ha iniziato in modo soddisfacente il campionato di seconda categoria. Quest’anno si preannuncia molto difficile ed equilibrato, con molte squadre attrezzate e nessuna formazione che parte nettamente al di sotto delle altre. I prossimi impegni, da qui fino alla sosta natalizia, delineeranno meglio le reali forze e faranno capire quali potranno essere gli obiettivi e le ambizioni della squadra. Per quanto riguarda il settore giovanile, è iniziata l’attività anche per quanto riguarda le categorie primi calci, pulcini ed esordienti, attività che vede impegnati circa 50 bambini. Questi i giocatori della categoria esordienti, allenati da Gianluca Didonè: Andrea Abadini, Giovanni Acampora, Dylan Ave, Stefano Bincoletto, Alessio Buttò, Davide Celeghin, Nicolò Grandin, Riccardo Lessi, Gianmaria Marangoni, Luigi Moretto, Pietro Padovese, Alessandro Rorato, Bjordi Saatciu, Devid Sciessere, Roberto Simonetti, Loris Trevisan, Mattia Zanon. Da segnalare inoltre che, come già anticipato nello scorso numero, sono terminati i lavori di sistemazione del campo secondario che, grazie alla messa a norma dell’impianto di illuminazione e della recinzione, potrà cosi ospitare, come già accaduto in occasione delle gara di coppa con San Stino e Zensonese, partite ufficiali in notturna. Nicola Gallo

ITA’ V O N

Dal 1° Novembre 2011 è attivo il servizio di consegna a domicilio dei farmaci. Per informazioni rivolgersi in farmacia Tel. 0421.80143 - f.zago@farmacia-zago.191.it

Centro Estetico e Abbronzatura Amarsi di Valente Miriam

Via Silvio Pellico, 60 - 30020 La Salute di Livenza (Ve) Tel. 0421.1841151 - Solo sms 328.6917979 E-mail: amarsi.mv@libero.it Skype: centroesteticoamarsi

10

www.issuu.com/livenza


EDICOLA CARTOLIBRERIA CAMI.FEDE 2001 di Segatel Roberta La storica edicola da “CILO” ha cambiato gestione rinnovando i propri servizi di cartoleria, edicola e libreria, trasmissione fax e fotocopie, articoli da regalo e giocattoli, ricariche e biglietti autobus.

TESTI SCOLASTICI ANNO 2011-2012 C.so Risorgimento – 30020 SAN GIORGIO DI LIVENZA TEL-FAX 0421 290619

supermercato di Poletto Sandra e Paola Corso Risorgimento, 38 San Giorgio di Livenza Tel. 0421.80237

Backery and Pasty Equipment

Vendita e assistenza

• Forni, Macchine e Accessori per Panificazione, Pasticceria, Gelateria, Pizzeria e Gastronomia • Vasta gamma di attrezzatura e forni usati e già revisionati

DANILO PEDEGAI 334 6685364 Via Bugatti, 44/3 - 30016 Jesolo (Ve) - Tel. 0421.990210 - Fax 0421.991972 trepsnc@iol.it - info@3pi.it - www.3pi.it

s.n.c.

La Fenice Srl è un’affermata Azienda Italiana che si occupa del trattamento ed erogazione dell’acqua sia per uso Domestico che per uso Businnes (Ristorazione).

MIGLIORARE LA QUALITA DELLA VITA ATTRAVERSO L’ACQUA E RISPARMIANDO SULLA SPESA

La Fenice srl - 30027 San Donà di Piave /Ve - Via Giorgione, 11 Tel. e fax: 0421.480563 - www.lafeniceacque.it - info@lafeniceacque.it


SETTEMBRE SANGIORGESE Si sono chiusi martedì 30 agosto, con i tradizionali Fuochi d’Artificio, i festeggiamenti della Sagra della Madonna della Salute a La Salute di Livenza iniziati venerdi 13 agosto. Il divertimento è poi continuato a S.Giorgio di Livenza con il ‘Settembre Sangiorgese’, iniziato sabato 10 settembre e concluso con la processione domenica 25 settembre. Le due serate a tema, la Tirolese e l’Irlandese organizzate dal gruppo dei giovani, si sono svolte i venerdì con musica e menù tipici. Soddisfatti gli organizzatori per la buona riuscita delle due serate ha riscosso un notevole successo. Per i più piccoli e non, si è svolta LA GARA DI PESCA (ben 82 iscritti). A tutti i partecipanti è stata consegnata una coppa. Grazie a tutti gli sponsor che hanno contributo, è stato possibile aggiudicare un premio ad ognuno. Un grazie particolare a Massimo della Pasticceria da Bordon di Eraclea, che in questa ed in altre occasioni ha offerto brioche a volontà per la colazione dei nostri ragazzi, con l’augurio che il prossimo anno possa essere ancora più ricca. Si sono aggiudicati il primo posto: nel 1° Settore Davide Sartori, 2° Settore Nicolò Marsonetto, 3° Settore Cristian De Marchi, 4° Settore Alessandro Dorigo, 5° Settore Siria Salvalajo, 6° Settore Alex Anese, 7° Settore Davide Celeghin , mentre tutti gli altri a pari merito si sono guadagnati il secondo posto. Il 18 settembre si è svolta LA GARA DI GIMKANA dove 31 bambini si sono destreggiati in un percorso con l’obbiettivo di raggiungere il traguardo nel più breve tempo possibile. Si sono aggiudicati i primi posti per categoria(da sinistra): Eugenio Schifani, Scomparin Giacomo, Zanutto Daniele, Padovese Nicolas, Girardi Mirco, Fantinello Giacomo, Benatelli Irene, Tieppolo Davide. IL 5° CONCORSO DI PITTURA, il tema di quest’anno: 150°Unità d’Italia, il Tricolore, dove 17 provetti pittori: Gioele Bortoluz, Sara Ragragui, Camilla Perissinotto, Federico Perissinotto, Camilla Grando, Cristina Guglielmi, Irene Benatelli, Eleonora Benatelli, Giorgia Zanetti, Elisa Ricca, Kledi Catto, Andrei Delea, Nicholas Padovese, Ginevra Buoso, Marta Vendrame, Francesca Villardi, Mirco Gerardi, hanno dimostrato impegno e fantasia, vista la difficoltà dell’argomento. Durante l’inaugurazione della Rassegna “Quando il lavoro è arte” è stata consegnata a tutti i partecipanti una targa ricordo, con la presenza del Presidente del Consiglio Comunele Sig. Zusso Ivone (Comune di Caorle), di Don Angelo Arman, (parroco di S. Giorgio), del Sindaco Sig. Luigino Moro (S. Stino di Livenza) ed el il Sig. Olindo Tomaselli (Artista), ospite di questa edizione. Tra i premiati per categoria: Giorgia Zanetti per il Colore, Kledi Catto per la Prospettiva, Marta Vendrame per il Soggetto , Irene Benatelli per l’Assoluto. Simpatica anche la proposta degli operatori della Bibliomobil di Caorle, che hanno coinvolto i bambini in una rappresentazione della loro ‘CITTÀ IDEALE ’. Su di un foglio di carta catramata, che rappresentava la strada della loro città, i bambini si sono divertiti disegnando negozi, case, ospedali, ma non sono mancati giostre e parchi di divertimento, elemento indispensabile perché una città sia funzionale sotto il loro punto di vista. Sono stati tre week end all’insegna del gioco, della musica e dell’allegria grazie soprattutto alla disponibilità di tutti quelli che hanno collaborato per la buona riuscita di questa tradizionale festa paesana.

12

www.issuu.com/livenza


rubrica livenza

PARLIAMO DI....

Marta Fantin

Si chiama Marta, è nata e cresciuta a San Giorgio di Livenza, si è laureata a Bologna e poi è approdata agli studi di MTV, alla Biennale di Venezia e molto altro ancora... conosciamola insieme! Ciao Marta, iniziamo dagli inizi... o quasi. Come hai scelto la facoltà di laurea? Come tutti, finite le superiori mi sono trovata di fonte alla grande domanda “Cosa voglio fare nella vita?” e, come molti, l’unica risposta che mi sono saputa dare è stata “ancora non lo so”. Così, non seguendo i consigli di chi mi diceva “se vuoi trovare lavoro devi fare ingegneria o medicina”, ho optato per Scienze della Comunicazione. In pratica hai deciso di seguire il cuore... e mi riferisco alla tua passione per la musica... Eh già. Desiderosa di vivere in una città più popolata di quella che mi aveva accolta fino ad allora, guardando soprattutto la programmazione musicale, ho capito che Bologna era la città adatta a me. Nei 3 felici anni di triennale, oltre a studiare, ho coltivato la mia grande passione, la musica appunto, ed in particolare quella che gira attorno alla scena indipendente. Così tra recensioni di dischi, report di concerti e organizzazione di piccoli eventi nei locali sono riuscita in breve tempo a fare un po’ di esperienza sul campo. Da Bologna agli studi di MTV: com’è andata? Poco prima di laurearmi, ho trovato in un sito web indirizzato ai comunicatori, un annuncio per un lavoro da web editor per un’azienda di Milano. Ho inviato immediatamente il mio curriculum. Dopo qualche settimana mi ha chiamato un ragazzo che mi ha chiesto se fossi ancora interessata alla posizione ed io, ovviamente, ho detto che mi sarei presentata al colloquio. L’azienda era MTV, la stessa MTV che mi aveva tenuto compagnia per tutta l’adolescenza! I 3 colloqui che ho fatto sono andati bene e dopo poco più di un mese, da Bologna, mi sono trasferita a Milano con un tesserino da stagista in mano. Quali erano i tuoi compiti? Nei 6 mesi di stage (retribuito) ho imparato molte cose. Il mio lavoro consisteva nel fornire materiali audio, video, testuali e fotografici alla folta community di MTV. Dopo lo stage mi hanno anche offerto un contratto di un anno: in questo periodo, oltre a seguire la community, ho collaborato alla redazione dei testi per alcuni programmi televisivi come Tocca a Noi, @yourplace e MTV Music Awards. Purtroppo per via della crisi finanziaria mondiale MTV, scaduto il mio contratto, non ha potuto più garantirmi lavoro così ho preso in considerazione un’interessante proposta lavorativa che mi aveva fatto una conoscente. Il lavoro era quello di

Web Marketing per un’azienda che vende biglietti per concerti, spettacoli teatrali e cinematografici in tutto il territorio italiano (Umbria Jazz, Festival del Cinema di Venezia, Festival del Cinema di Torino solo per fare qualche esempio). Recuperando le mie nozioni di marketing acquisite all’università mi sono spostata nuovamente a Bologna, dove tutt’ora vivo. Qual’è l’ultimo evento a cui hai collaborato? La Mostra del Cinema di Venezia. La nostra azienda ha coordinato le vendite ed il sistema di gestione degli accreditati, giornalisti, etc. In breve ci siamo occupati di alcuni aspetti del lato organizzativo e gestionale della Mostra. Attenzione, non stiamo noi ai botteghini a vendere i biglietti! A volte quando spiego il mio lavoro la gente capisce che sto in una cassa a vendere biglietti, ma non è così. Noi facciamo strategia di vendita. Ad esempio: c’è la proiezione del film di George Clooney con 600 posti disponibili in sala. Il nostro compito è quello di decidere dove vendere i biglietti (se in internet nel nostro sito o se ai botteghini) e quanti destinarne agli accreditati (giornalisti, case di produzione cinematografiche,...). Poi mi sono occupata di scrivere le newsletter da inviare agli iscritti alla Biennale in cui sono riportate le disponibilità dei film, le variazioni d’orario e in cui facciamo pubblicità ad alcune proiezioni. Dovevo dare visibilità alle varie informazioni nei social network come Facebook e Twitter dove abbiamo le nostre pagine. Il tutto tenendoci in contatto con l’ufficio stampa della Biennale per capire se ci sono dei film da promuovere maggiormente rispetto ad altri. Ogni giorno ci sono poi da fare dei report in cui visualizziamo tutti i dati di vendita. E per finire ho gestito gli spazi pubblicitari della Mostra sui motori di ricerca come Google o anche su Facebook. Non so se sono stata chiara... il mio obiettivo è quello di studiare nei minimi dettagli le vendite in corso per vendere sempre di più! Chiarissima! Ora guai a chi ti immagina dietro una cassa a vendere biglietti! Spirito d’iniziativa e grinta non ti mancano di certo! Pensa che oltre a gestire campagne pubblicitarie ed il sito internet di acquisto biglietti ho recentemente aperto un mio sito (www.vpervegetariano.com) in cui raccolgo recensioni di locali vegetariani sparsi in giro per il mondo. La musica è comunque e sempre la mia grande passione e nel tempo libero mi diletto come dj in alcuni locali e tutti i lunedì conduco una trasmissione per una radio bolognese. Prossimo obiettivo che voglio raggiungere è quello di diventare sommelier! Allora non ci resta che brindare a te con un ottimo bicchiere di... Beh, il vino ce lo consiglierai tra qualche mese, no?! Marta Fantin e Giorgia Valente

www.issuu.com/livenza

13


L’ANGOLO DELLA POESIA e VIAGGIO NEL TEMPO

La terra Sento palpabile l’odore della terra aspra spaccata dall’aratro. Ricade a grosse zolle, disadorna dei suoi colori al suo avanzare.

Poesia tratta dal Libro “L’erba da Accarezzare” Questo libro fa parte di una collana di poesia di Editore Campanato promuovendo così Diana Villardi a far parte dei nuovi poeti emergenti.

Uccelli inseguono la lama che rovescia il solco, brulicanti e rumorosi fan festa d’insetti nella terra fresca e bruna.

Souvenir in bianco e nero:

asilo (non ancora scuola materna) Virginia Romiati San Giorgio di Livenza …… anno 1963 – 1964 !?

Chi lo riconosce …. Chi si riconosce !?

S’allontana l’aratro spandendo terra e rumore. Il sole laggiù chiude il suo splendore di un infuocato rosso. Silenzio e pace rispondono all’emozione che mi dà la mia Terra.

Diana Villardi

Panificio - Pasticceria: S. GIORGIO DI LIVENZA Tel. 0421.80234 - CAORLE/VE

Cerchiamo un nome per ogni bambino: ci aiutate ? Chi si riconosce o riconosce l’amico, il parente e il nome delle suore ci invii per cortesia il nome e la posizione della foto. Indicando il numero della fila : prima (piedi a terra) fila, seconda fila, terza fila. Contando fila per fila, dal primo di sinistra a destra. Posta elettronica : livenza@rugbyeducativo.it

14

www.issuu.com/livenza


Calendario delle Associazioni

www.issuu.com/livenza

info

ASSOCIAZIONE CULTURALE ARCOBALENO ASSOCIAZIONE FACCIAMO MUSICA

www.coroarcobaleno.it - info@coroarcobaleno.it per informazioni Giovanna Amadio cell. 340.8501764 Tel. 0421.290255 - cell. 339.1394341 SONO APERTE LE ISCRIZIONI: CHITARRA: MAESTRO STEFANO TOFFOLO SONO INIZIATI I “CORSI CORO ARCOBALENO” SCUOLA DI CANTO PIANOFORTE: MAESTRO FABRIZIO DALLA BIANCA E STRUMENTI MUSICALI PAUL JEFFREY NELLE SEDI DI SAN GIORGIO DI LIVENZA, CAORLE E SAN DONA’ DI PIAVE ASSOCIAZIONE MACCHIA VERDE per informazioni EVENTI NOVEMBRE - DICEMBRE Steve Ongaro - cell. 3284920235 13 NOVEMBRE presso Palazzetto a Caorle “IO AMO LA VITA” raccolta fondi FIBROSI CISTICA CERCASI NONNI VOLONTARI PER ORTO DIDATTICO 7 dicembre presso Teatro Pascutto S. Stino di Livenza CONCERTO PER I BAMBINI ANGOLANi di padre Zulianello ASSOCIAZIONE NAZIONALE PARACADUTISTI D’ITALIA Periodo Natalizio “A CHILD IS BORN” raccolta fondi per informazioni PER I BAMBINI CHIRURGICI dell’ospedale Burlo di Trieste Giorgio De Lazzari - cell. 348.8409284 Tutti i mercoledì e giovedì RASSEGNA JAZZISTICA all’Angolo del Grop a San Donà di Piave e da Duilio a Caorle ASSOCIAZIONE NERO ARGENTO per informazioni ASSOCIAZIONE AUSER Marco Sartor - cell. 392.5659628 per informazioni www.neroargento.org - missioneumanitaria@libero.it Paolo Zecchin - cell. 347.9865561 ASSOCIAZIONE PETER PAN SONO INIZIATI I “CORSI DI GINNASTICA DOLCE” PER GLI ANZIANI per informazioni PRESSO LA DELEGAZIONE COMUNALE DI LA SALUTE DI LIVENZA Lucia Salvalaio - cell. 340.1456787 Maria Rosa - cell. 3479865561 EVENTI NOVEMBRE Martedì e Venerdì dalle ore 10,00 alle ore 11,00 4 NOVEMBRE MOSTRA DI PITTURA ASSOCIAZIONE AVIS - DUE LIVENZE 13 NOVEMBRE presso Palazzetto a Caorle Per informazioni rivolgersi a “IO AMO LA VITA” raccolta fondi FIBROSI CISTICA Federico Corona - cell. 328.9188286 ASSOCIAZIONE RUGBY EDUCATIVO EVENTI NOVEMBRE per informazioni 5 NOVEMBRE - LUCCIOLATA Domenico Danzo - cell. 348.6030520 6 NOVEMBRE - DONAZIONE AVIS

info info info info

info

info

info

info

info

www.issuu.com/livenza

Direzione Ketty Dal Rovere per informazione Per informazioni rivolgersi a Marco De Lazzari - cell. 338.3851590 Consuelo Ilenia Dal Rovere - cell. 347.7000190 ASSOCIAZIONE SPORTIVA CALCIO LA SALUTE EVENTI NOVEMBRE - DICEMBRE per informazione 13 NOVEMBRE presso Palazzetto a Caorle Ladis De Toni - cell. o421.290078 “IO AMO LA VITA” raccolta fondi FIBROSI CISTICA Gianluca Di Donè Pizzeria Bell’Italia Periodo Natalizio PARTECIPAZIONE GIOCHI SOTTO L’ALBERO

s.n.c.

info

info

ASSOCIAZIONE BALLETTO ITALIANO ASSOCIAZIONE SPORTIVA CALCIO SANGIORGESE

Via Silvio Pellico, 14 Tel. 0421.290585 30020 La Salute di Livenza (Ve)

CARTOIDEA di MOMENTÈ Barbara C.so Cavour, 27 - 30020 La Salute di Livenza (Ve) Tel./Fax 0421.800088 www.cartoidea.eu - cartoidea@hotmail.com


Farmacia “Alla Salute” Dott. Zago Fiorenzo

OMEOPATIA - ERBORISTERIA DERMOCOSMESI - PRODOTTI PER L’INFANZIA VETERINARIA - ARTICOLI SANITARI - DIETETICI

N

’ A T I OV

Dal 1° Novembre 2011 è attivo il servizio di consegna a domicilio dei farmaci. Per informazioni rivolgersi in farmacia

Tel. 0421.80143 - f.zago@farmacia-zago.191.it Via Risorgimento, 46 - SAN GIORGIO DI LIVENZA (VE) Tel./Fax 0421.80143 - f.zago@farmacia-zago.191.it


LIVENZA NR.4 - novembre-dicembre 2011