Page 1

il grande Sport

pagine di pura passione

n. 169

(anno VIII n. 21) diffusione gratuita

2 dicembre 2012

quindicinale

www.ilgrandesport.it

GHIACCIO E NEVE

Asiago mette sci e pattini ai suoi bimbi

Supercoppa attenti ai Lupi

HOCKEY

Geo&Tex partenza fulmine |||| a pagina 14

CICLISMO

La Zalf ingaggia Zurlo |||| a pagina 9 Riparte ad Asiago il progetto scuola sport, che porta i bambini delle elementari a fare sport in orario scolastico. E gli sport invernali, tra pattinaggio e sci, ne hanno parte fondamentale. Il progetto ha ricevuto il premio sportivo di don Mazzi. Foto: l’assessore Sella e don Mazzi

VOLLEY

Kamelia una vita in palestra |||| a pagina 3

|||| a pagina 11

|||| a pagina 6

La zoomata “La Vittoria di Marco, il sogno del Dinosauro”

Le più belle cucine italiane e tedesche su misura APERTO ANCHE LA DOMENICA

Via Capitano Alessio, 70 - Rosà (VI) - tel. 0424 85100 www.gasparottomobili.it - info@gasparottomobili.it

TI ASPETTIAMO PER UNA PROGETTAZIONE E UN PREVENTIVO GRATUITO

“Alex guarda il Cielo” e cammina sulla Terra con la protesi, mentre dal Cielo Marco vive sulla Terra come un Eroe. E’ “La Vittoria di Marco, il sogno del Dinosauro”, l’ultimo libro pubblicato da Claudio Marcello Costa, il fondatore da 40 anni della “Clinica Mobile” al seguito della gare motociclistiche. Come ha spiegato al ristorante “Al Sole” di Fontaniva nell’ultima conviviale del Panathlon club di Cittadella, presieduto da Miris Ceccoli. Alex Zanardi e Marco Simoncelli sono due fra gli Eroi che hanno corso contro la morte e l’hanno vinta in modo diverso per vivere nell’eternità con il pane degli dei. Costa è preoccupato, anzi ha il terrore che gli Eroi possano estinguersi perché allora sarebbe la fine dell’uomo, sostituito dalla tecnologia e dal robot. La follia di giocare con la morte, come hanno fatto tutti i Campioni del Dottorcosta (così lo chiamano i corridori), permette agli Eroi di trattare con la morte come con un’amica che spalanca a loro la porta dell’immortalità. E non conta se nella sfida l’eroe possa morire (solo nel corpo come Simoncelli) o possa rifarsi una vita tornando a camminare sulla terra (come Alex) con la protesi al posto delle gambe. Perché l’eroe con la sua passione vince la materia e sente la protesi un prolungamento di se stesso (Alex), o come Marco bacia la sua moto come la sua ragazza. E se gli eroi con la loro carica di emozioni dovessero estinguersi, secondo Claudio Costa, l’uomo sarebbe vinto dalla sua vera nemica: che non è la morte, ma la noia.


il grande Sport

2 dicembre 2012 - 2

sportivamente

R

mondo unning di Enrico Vivian, 35° alla New York Marathon 2010

Straneo e Pavan, rivincite alla maratona di Torino Quattro settimane fa avevo presentato Valeria cia aperte verso il traguardo, felice, sorridente e Straneo e provato a immaginare la sua presta- commosso. Chiudere con quel crono e quel meteo zione sulle strade di New York. Poi la maratona vale molto più del 3h30’25”»: questo è il racconto è stata annullata per le conseguenze dell’uragano in diretta di Riccardo Pavan, uno dei 6.000 arrivati, Sandy: erano già arrivati in 50.000 pronti per lo che nella sofferenza ha preservato integre le fibre. «Devo però anche dire che gli show dal Ponte di Verrazano a allenamenti degli ultimi mesi si Central Park, prima della docsono fatti sentire: zero crampi cia fredda del venerdì. Fino al e gambe fresche già mezz’ora giorno prima gli organizzatori dopo. Niente mal di testa o stane l’amministrazione comunale chezza». erano convinti di poter onorare Di solito si aspetta il recupeal meglio la tradizione e la città ro completo prima di affrontare con la manifestazione duramennuovamente la distanza al maste contestata. Così molti atleti sono rimasti simo delle proprie possibilità, con “il colpo in canna”, ovvero ma sono rimaste troppe energie la preparazione fisica e mentale ed è già stato preso l’appuntamento con la maratona di Toriper correre al meglio i 42,2km. no, nonostante gli impegni di laLa nostra Valeria ha deciso di voro facciano saltare a Riccardo spararlo a Torino due settimametà degli allenamenti. Ecco la ne dopo e con il terzo posto in rivincita siglata con 3h09’38”: 2h27’04” ha concluso degnamente una lunga e impegnativa «Ritmi sempre elevati, gambe stagione. Nella stessa gara tanti fresche, fiato sempre in quanaltri cercavano la propria sodditità, falcata rotonda e regolare. E poi che spinte, sembrava che sfazione, consentita dalle condinon volessero rallentare, volezioni meteo e dalla scorrevolezvano il crono che a Venezia non za del percorso. avevano potuto guadagnare. Tre settimane prima tutto era Con questa gara chiudo la mia pronto anche a Venezia, ma la prima perturbazione fredda del- La soddisfazione di Riccardo Pavan stagione agonistica 2012, dove l’autunno si è messa di traverso: ho vissuto di tutto: PB a piogvento di bora, pioggia mista a ghiaccio e acqua gia, il primo muro, la sorpresa e il gusto dei trail, la alta. Così tanti atleti hanno dovuto ridimensionare delusione e il riscatto in gara». A dire il vero Riccardo è in partenza anche alla i propri pensieri lungo la via che porta in laguna. Sulla riviera del Brenta il disagio appariva soppor- maratona di Pisa, fra un paio di settimane… un tabile, poi verso Mestre si è acuito ed è diventato esempio da imitare? Lui è un sano trentenne, intevera tortura sul Ponte della Libertà. Alla fine i piedi gro, motivato e ancora ben lontano dai suoi limiti. in ammollo sulle Riviere. E si diverte così! «Il pubblico e il tifo mi fanno tirare fuori una http://enricovivian.blogspot.com/ non-so-quale-energia e con uno scatto corro a brac-

il grande Sport quindicinale

registrazione tribunale di Bassano del Grappa n. 8/2004 del 24.09.2004

REDAZIONE E AMMINISTRAZIONE VIA VERONA, 40, 36022 CASSOLA (VI) TELEFONO E FAX 0424 833717

www.ilgrandesport.it PER CONTATTARE LA REDAZIONE E INVIARE FOTO E COMUNICATI

ilgrandesport@libero.it DIRETTORE RESPONSABILE MICHELE ZARPELLON 338 2022152 CONSULENZA EDITORIALE CLAUDIO STRATI 338 3509386 COLLABORATORI Stefano Cirillo, Michelangelo Cecchetto, Enzo Casarotto, Rino Piotto, Barbara Todesco, Vincenzo Pittureri, Gabriele Zanchin EDITRICE LITTERA srl OFFICINA EDITORIALE

litteraeditoriale@libero.it

STAMPA Centro Servizi Editoriali Grisignano di Zocco (Vi) Il Grande Sport è free diffuso in oltre 900 punti a:

Asiago Asolo Bassano del Grappa Borso del Grappa Breganze Caerano San Marco Campolongo sul Brenta Castelfranco Castello di Godego Cartigliano Cassola Cismon del Grappa Cittadella Conco Crespano del Grappa Enego Fontaniva Fonte Galliera Veneta Gallio Loria Lusiana Marostica Maser Mason Vicentino Montebelluna Molvena Mussolente Nove Pianezze San Lorenzo Possagno Pove del Grappa Pozzoleone Riese Pio X Romano d’Ezzelino Roana Rosa’ Rossano Veneto San Martino di Lupari San Nazario San Zenone degli Ezzelini Sandrigo Schiavon Schio Thiene Solagna Tezze sul Brenta Valstagna... e non solo!

Lo puoi sfogliare e leggere anche nel web www.ilgrandesport.it e in Facebook alla pagina Grande Sport

PUBBLICITA’ per le tue inserzioni

litteramarketing@libero.it

Mezza maratona

La Sei Comuni supera i 700 iscritti

Michael Casolin e Francesca Smiderle sono saliti sul gradino più alto del podio nella quinta edizione della Mezza Maratona dei Sei Comuni, che si è disputata domenica 18 novembre in una giornata di intenso sport e grande festa, che ha registrato il record con ben 745 iscritti (nell’edizione 2011 erano 632)! Una splendida e riuscita competizione, che ha premiato l’ottimo lavoro organizzativo dei Comuni di Thiene, Malo, Marano e Villaverla e della direzione tecnica della Team Italia Road Runners, curata da Giorgio Marchesano. Sul podio maschile sono saliti dunque Michael Casolin (GS Gabbi), primo classificato con il tempo di 1h11’53”, Edgardo Confessa (Fiamm Atl. Prov. di Vicenza) con 1h13’42” e Diego Baù (Fiamm Atl. Prov. di Vicenza) con 1h13’49”. Sul gradino più alto del podio femminile troviamo Francesca Smiderle (AAA Malo) con il tempo di 1h24’05” seguita da Sonia Marongiu (AAA Malo) e Tiziana Scorzato (AAA Malo).

In alto il momento della partenza, a sinistra il podio maschile con la vittoria di Michael Casolin e sotto il podio femminile con la vittoria di Francesca Smiderle

LUNARDON S P O R T

San Zeno di Cassola tel. 0424 570 496 fax 0424 575 525 www.lunardonsport.it e-mail: lunardonsport@tiscali.it

Marce e corse Domenica 2 dicembre > Bolzano Vicentino (VI) “Marcia dei 4 mulini” km 6 10 20 - ore 7,30 9,00 - info 0444.356560 > Grezzano di Mozzecane (VR) “Caminada nel Contado dei Canossa” km 6,5 11 15 - ore 8:30 - info 347.5643615 > Monteforte d’Alpone (VR) “Camminata Rotaryana per Mirandola” km 5 10 - ore 8:30 9:00 - info 338.2663474 > Pedavena (BL) “Corsa dei Babbi Natale” info 347.4854123 > Pianzano (TV) “Raduno Podistico di San Nicolò” km 7 12 21 - ore 9 - info 0438.388445 > Voltabarozzo (PD) “Su e zo pa ea volta” km 6 12 18 - ore 8,30 9,30 - info 049.757993 > Vidor (TV) “Prosecco Run” FIDAL e non competitiva km 25 - ore 9:30 - Circuito Triveneto Run > Zero Branco (TV) “Marcia lungo il Zero” km 5 7 11 21 - ore 8,30 9,00 tel.0422.345009 Sabato 8 dicembre > Adria (RO) “Camminata dell’Immacolata”- info 349.3470779 mini km 0,6 1,2 ore9,15-comp.km 11 non comp.km5,5 > Lendinara (RO) “Caminada dell’Immacolata” km 6 14 21 - ore 8,00 8,30 - info 393.8156950 > Orgiano (VI) “Ultimo passo d’autunno” km 5 15 30 42-ore 8,00 9,00-info 349.4283831 > San Giorgio delle Pertiche (PD) “Santa Klaus Run” km 2 5 10 - ore 14:30 - info 328.3075975 > Solighetto (TV) “Marcia dell’Immacolata” km 6 12 - ore 9.00 - info 338.4250621 > Verona P.za Bra “Marcia del giocattolo” km 6 12 - ore 8,30 9,00 - info 338.8680961 Domenica 9 dicembre > Arquà Petrarca (PD) “Marcia Città di Arquà Petrarca” km 7 13 19-ore 8,30 9,30 - info 347.7193792 > Asigliano Veneto (VI) “Marcia del radicchio rosso” km 6 12 24 - ore 8,00 9,00 - 348.2338725 > Bibione (VE) “La corsa delle stagioni duathlon inverno” corsa km 10 bici km 20 - info 349.8147741 > Cason del Chievo (VR) “Caminada tra i campi del Cason” km 5 9,5 15 - ore 8:30 - info 338.9823735 > Castelli di Monfumo (TV) “Su e do pai Castei” km 4 - staffetta 2 x 3,2 km - ore 14:30 - info 340.7518673 > Fossalta di Piave (VE) “Marcia della Pace” km 5 11 - ore 9 > Marsan di Marostica (VI) “Passeggiata tra le colline di Marsan” km 4 7 13 21 - ore 7,30 9,30 - info 328.0127237 > Palesella di Cerea (VR) “Marcia dei tre

capitei” km 6 12 19 - ore 8,00 8,30 - info 0442.329012 > Quarto d’Altino (VE) “Santa Klause’s Green Road” km 2 6 16 - ore 9 - info 347.6495069 335.8193727 > Scorzè (VE) “Radicchio rosso run” km 6 13 - ore 9.30 + “Corsa dei Babbi Natale” per bambini - km 2,5 Domenica 16 dicembre > Belluno “Santa Klaus Running” km 21,097 ore 10 - km 6 12 ore 10.05 > Cologna Veneta (VR) “Marcia del mandorlato” km 6 10 18 - ore 8,30 9,00 - info 347.6618223 > Guarda di Montebelluna (TV) “Guarda che corre” km 21,097 ore 9 - km 6 12 > Roncaglia di Ponte S.Nicolò (PD) “Na caminada par tuti” km 6 12 18 - ore 8,30 9,30 - info 049.717593 > Schio (VI) Ce.i.S. Socche alla Croce “Marcia del ringraziamento” km 6 10 20 - ore 8,00 9,00 - info 339.6512920 Domenica 23 dicembre > Caorle (VE) “Spetame che rivo” km 6 12 - ore 10 > Cimadolmo (TV) “Marcialonga di Natale” km 5.5 12 - 9 - info 333.4225931 > Noale (VE) “La corsa dei Babbo Natale” km 5 10 - 10 - info 392.5555152 > Verona Borgo S.Croce “Marcia della Solidarietà” km 6 11 18 - ore 8:30 - info 334.7890683 Mercoledì 26 dicembre > Canove di Legnago (VR) “Troviamoci in amicizia” km 6 12 18 - ore 8 - info 0442.629368 > Casalserugo (PD) “Marcia dea brosema” km 5 10 16 - ore 8 - info 347.8304107 > Cimadolmo (TV) “Corsa dei Babbo Natale” km 4 9 - 9.30 - info 333.4225931 > Custoza (VR) “Marcia di Custoza” km 6 12 - ore 8:30 > Thiene (VI) “Stragiaxa race” km 10 - 10 Domenica 30 dicembre > Cittadella (PD) “Maratonina della città murata” km 6 12 21 - ore 8 - info 334.3118052 > Cusignana (TV) “Maratonina di S.Silvestro” km 6 12 21 30 - ore 8,30 info 0422.774342 > Lazise (VR) “Marcia tra le mura di Lazise” km 7 14 - 8:30 - info 045.7590503 > Pradipozzo (VE) “Marcia ricordando gli Amici” km 6 11 - ore 9,00 11,00 - info 340.6018960 > Scorzè (VE) “Marcia dee Feste” km 6 12,5 - ore 9:30 - info 347.8943724 Gli appuntamenti sono il prodotto della consultazione di diversi siti internet del settore e in particolare del sito http:// CalendarioPodismoVeneto.blogspot. it/, che ringraziamo per la collaborazione. Il presente elenco di appuntamenti costituisce una traccia informativa sugli eventi: i lettori sono pregati sempre di verificare l’esattezza dei dati.

GPS SUUNTO AMBIT Non è solamente un orologio, ma un computer da polso vero e proprio con tutte quelle caratteristiche di cui ormai sono riconoscibili i prodotti della Suunto. Le funzionalità principali di questa nuova linea sono: Sensore di Posizione, Altitudine, Velocità, Frequenza cardiaca (fascia opzionale), Meteo, GPS, Bussola 3D. Da € 405,00

VASTO ASSORTIMENTO

di integratori per lo sport con nuovo distributore automatico esterno

GPS TIMEX CYCLE TRAINER 2.0 GPS Velocità, Distanza, Latitudine/Longitudine, Inclusa Fascia Cardiaca Flex Tech® Digitale 2.4 Sensore Barometrico per Altitudine/Dislivello, Pendenza/Gradi, Temperatura. € 195,00

AMPIA ESPOSIZIONE

di attrezzature fitness e biciclette

NOVITA’ TISANOREICA G. MECH

GPS POLAR RC3 Un orologio da polso compatto e leggero con GPS integrato per la massima flessibilità nelle tue attività sportive outdoor. La tecnologia GPS integrata di ultima generazione permette di acquisire il segnale in modo rapido ed efficiente. Da € 183,90

TAPIS ROULANT TRX 55 Nuova Linea Toorx by Garlando – Novità 2012. Il tapis roulant Toorx TRX 55 HRC ha un motore da 2,50 cavalli continui, sviluppa 18 km/h con un incremento di 0,1 km/h partendo da 1 km/h. Inclinazione elettrica al 12% con 15 livelli, fascia cardio opzionale. € 799,00

CYCLING TECHNICAL WEAR Ultimi arrivi abbigliamento tecnico per il ciclista e il mountain biker

SPIN BIKE SRX 60 Nuova Spin Bike con Trasmissione a cinghia (MASSIMA SILENZIOSITA’), Sistema di frenaggio a tamponi con feltri, Volano bilanciato, Computer con Lcd velocità, tempo, distanza, pulsazioni, calorie, odometro. € 349,00

CONSEGNE ANCHE A DOMICILIO


2 dicembre 2012 - 3 il grande Sport primo piano La finale Il 4 dicembre al Palabruel il massimo evento italiano di calcio a 5, con la sfida Luparense-Asti

Supercoppa, pomeriggio da Lupi

Bassano oramai fa rima con calcio a 5. La Supercoppa Italiana sbarca in città, il 4 dicembre, e sarà l’ennesimo grande evento in riva al Brenta, quasi la consacrazione di una piazza che poco più di 5 mesi fa ha potuto gustarsi il successone dell’Alter Ego Luparense, la conquista del quarto scudetto. L’armata di San Martino di Lupari si sente molto bassanese, non è una novità, al Pala Bassano ha vinto una Supercoppa e due scudetti. L’ultimo è sempre il più bello: figlio di una serie di 5 sfide appassionanti contro la Marca. Era giugno. Anno 2012. Mica una vita fa. Questa volta il gran teatro si chiamerà Pala Bruel. In campo, martedì 4 dicembre alle 20.30 ci andranno le due squadre che attualmente dominano la scena italiana, la vincitrice della Coppa Italia, l’Asti, contro chi, con diritto ed orgoglio, può fregiarsi di essere la formazione di casa. LuparenseAsti è più di una sfida: scenderanno sul parquet nero delle grandi occasioni ben 5 giocatori della nazionale italiana di futsal protagonisti nel Mondiale che si è appena concluso in Thailandia. 5 stelle che hanno fatto sognare e gioire i tifosi italiani conquistando la medaglia di bronzo nella rassegna iridata. Honorio e Merlim da una parte, Vampeta, Lima e Fortino dall’altra. Dall’altra? Proprio così, ve li ricordate Vampeta e Fortino in biancazzurro? Il futsalmercato ci ha regalato colpi di scena. Lo storico capitano dei Lupi, il leader, colui che ha alzato le coppe più lucenti e prestigiose custodite nella bacheca del patron Zarattini, e Fortino, bomber di razza, goledor della cavalcata

Alle 17 le U21 Pesaro-Bologna E alle 20.30 il big match

della scorsa stagione. Entrambi nella finestra estiva di mercato sono passati agli Orange. La malinconia aleggia ancora negli animi dei tifosi storici. Si volta pagina. L’inizio di stagione sorride all’Asti, in testa alla classifica di Serie A. La Luparense insegue a ruota dopo l’amara eliminazione dalla Champions, la Uefa Futsal Cup. Acqua passata, è tornato il mastino Euler e in palio c’è il primo titolo stagionale. “Questa squadra sa esaltarsi negli appuntamenti importanti – ricorda mister Fulvio Colini -. La sosta ci ha permesso di lavorare e migliorare. Abbiamo alcuni giocatori che non sono al meglio, come Euler. Gli manca la miglior condizione, d’altro canto si allena con noi soltanto da due settimane. Questo periodo ci vedrà impegnatissimi: la partita con Bologna, in casa, l’uno dicembre, e poi il derby con la Marca la settiIl brasiliano Honorio (foto di questa mana successiva. pagina e in prima di Moreno Bertazzo) Sarà necessario gestire al meglio le energie. La sfida più importante sarà senza dubbio la Supercoppa. So che Bassano tiferà per noi. La squadra avrà bisogno del sostegno di tutto il Pala Bruel, ci tiene da matti. Noi vogliamo vincere”. Colini non evoca il precedente di questa stagione. Uno spettacolare pareggio 5-5 al Palasanquirico di Asti, prima della sosta mondiale. I Lupi spensero l’entusiasmo dei padroni di casa con un avvio super. Dall’1-4 però, Honorio e compagni si fecero riprendere, pareggiando poi il confronto. Se c’è una squadra in grado di impensierire gli Orange in Italia, questa è la Luparense. La finalissima di Supercoppa non è solo sinonimo di sfida tra titani. L’evento del 4 dicembre metterà in palio anche la Supercoppa Under 21. I campioni d’Italia di PesaroFano se la giocheranno con i pari età del Kaos Bologna, vincitori di Coppa Italia: fischio di inizio alle 17. Per i big invece start alle 20.30. Nel calcio a 5 tutte le strade, e i titoli, portano a Bassano. La capitale del futsal tricolore.

Dietro le quinte

I tifosi factotum dell’Alter Ego

Tifosi, e non solo. Chiamateli organizzatori, factotum, volontari. Sono lo staff di Angelo Fiorese, dirigente della Luparense Calcio a 5, un gruppo di persone che in occasione di ogni sfida casalinga allestisce il Pala Bruel. Negli States gli impianti polifunzionali cambiano volto nel giro di qualche ora. Qui non si differenziano di molto le cose. Il Pala Bruel passa rapidamente dal volley, all’hockey al calcetto. Quando ci sono i Lupi, il più delle volte vuol dire diretta televisiva Rai Sport, rotor che fanno girare gli striscioni degli sponsor, tribuna stampa da montare in una manciata di minuti. La Serie A impone certi canoni. E chi fa tutto ciò? Angelo Fiorese e la sua squadra, composta interamente da bassanesi doc che si sono innamorati della Luparense. Gente che ha voluto fortemente che parte delle giovanili della squadra campione d’Italia facesse base a Bassano. Al PalaAngarano dallo scorso anno è stabile la “scuola calcio a 5” per i “Lupetti”, categoria pulcini, 15-20 bambini che si sono avvicinati a questo sport grazie anche ai progetti inaugurati lo scorso anno nelle scuole. A Bassano, Nove, Cartigliano, Pozzoleone, Robson Angelo Marani, responsabile del settore giovanile dell’Alter Ego, ha guidato corsi mattutini di futsal nelle scuole elementari nelle ore di educazione fisica. Si punta dunque sulle forze “freschissime”, e probabilmente, come accade nel calcio, i frutti del lavoro si vedranno a lungo termine. “Se non ci fosse la Luparense il calcio a 5 a Bassano non esisterebbe – fa sapere Angelo Fiorese -. La società portacolori della città, nata

E le giovanili hanno il loro quartier generale a Bassano nel 1987, quest’anno sparirà. Anche nel circondario si fa fatica. Dispiace molto, ma perlomeno noi appassionati possiamo continuarci a goderci le imprese dei Lupi. Dai playoff della stagione 2008/2009 sono qui, dove si sono aggiudicati 2 scudetti. Per ora Bassano porta bene e i

Vampeta e i tifosi, un amore difficile da dimenticare

progetti con le giovanili hanno rinsaldato ancor più il rapporto con la città”. Il terzo circolo didattico è attivissimo e vicino a questo mondo. La solidarietà sposa lo sport e viceversa. Uno stand dell’Associazione Onlus “Una Scuola di Arcobaleni” non manca mai al Pala Bruel, e non mancherà in occasione della Supercoppa Italiana. Le raccolte fondi durante i match di Serie A hanno aiutato un’intera comunità scolastica a San Salvador de Bahia, in Brasile, città povera e ricca di bimbi di strada. Il lavoro costante di insegnanti volontarie come Monica, Maddalena, Elisa, Serena, negli anni sta sostenendo a livello formativo, didattico e finanziario alcune scuole brasiliane.


il grande Sport

2 dicembre 2012 - 4

calcio

Seconda Divisione Il tecnico del Bassano conferma l’ottimo momento di forma della sua squadra

Rastelli: «Sbagliamo sempre meno» Hockey pista

Basket B

Crosato, l’ago della bilancia Geo&Tex, quattro su quattro

(V.P.) - Bruciata per la prima volta a domicilio dall’inizio della stagione, non è così che Marostica contava di approdare al derby imminente col Fiorese al Palalungobrenta, col morale cioè scalfito dallo sgarbo di Villafranca. Certo, la vetta resta in cassa, seppur aggredita adesso anche da Castellanza, e lo Zepa avrebbe messo firme dappertutto se ad agosto le avessero proposto di arrivare al duello coi dirimpettai giallorossi lassù in cima e con 4 punti di vantaggio sui rivali. Però il faccia a faccia è utile per verificare se quello degli scaligeri è il classico episodio che può sempre capitare, specie dopo un ruolino ragguardevole di 7 vinte su 9, o se invece si tratti di piccole crepe. Quanto a Bassano, ha staccato il quarto tagliando vincente di fila mondando forse definitivamente l’avvio choc e rientrando in orbita playoff, in ossequio al traguardo fissato dal club. Tuttavia, sono le modalità del sofferto successo interno su Piacenza, a lasciare qualche legittima perplessità sul processo di crescita di quelli di Corà che hanno probabilmente bisogno di un’impresa fuori programma per restituire certezze e rinnovate consapevolezze al gruppo prima di certificare l’autentico decollo. Di sicuro questa sorta di stracittadina non è mai stata così intrigante perchè mai nel recente passato le due forma-

Crosato, ex Zepa Marostica

zioni erano state in alto in graduatoria. Quando Marostica stupiva, Bassano si dibatteva per la salvezza e un decennio fa, coi giallorossi a recitare tra le prime in B, lo Zepa marciava al piano inferiore. Ora, al contrario, Benassi e gli altri sono partiti a tavoletta e il sodalizio del presidente Pan, di contro, ha raddrizzato il proprio cammino adeguandosi alle attese della società. I numeri e il fattore campo regalano i favori del pronostico naturalmente a Marostica, ma non è un percentuale schiacciante. Quanto? Facciamo 60 a 40 ad essere realisti, decideranno i duelli individuali e presumibilmente la lotta a rimbalzo tra i centri puri di Guadagnini e i lunghi atipici di Bassano. Discorso a parte per l’ex Crosato: se non avverte addosso le tensioni e il peso del ritorno da avversario, il Fiorese può vagheggiare il clamoroso colpaccio, diversamente le chance scaligere salgono.

[ [

IMPIANTI TECNOLOGICI TECHNOLOGICAL SYSTEM IMPIANTI TECNOLOGICI TECHNOLOGICAL SYSTEM

Maroso srl Via A. De Gasperi 19, Pianezze (VI) Tel. 0424 77816 / 75782 Fax 0424 470308 Maroso srl www.maroso.it Via A. De Gasperi 19, Pianezze (VI) maroso@maroso.it Tel. 0424 77816 / 75782 Fax 0424 470308 www.maroso.it maroso@maroso.it

(V.P.) - Quattro su quattro come abbrivio sono una gran bella partenza lanciata, anche perchè il pokeraccio è arrivato senza Miguel Nicolas, il terminale offensivo della banda Giudice tuttora in Argentina. Dodici punti che confortano enormemente una squadra che ha dovuto completare un logico assemblaggio per integrare due addizioni come Gaston De Oro e Fernando Montigel, 2/5 del quintetto titolare, praticamente mezza formazione, guai a scordarlo un solo attimo. Ma all’orizzonte c’è il derbissimo col Valdagno al Palalido, una sfida per la prima volta sbilanciatissima e tutta in direzione della Recalac, la franchigia più forte mai attrezzata nella valle dell’Agno, assolutamente illegale per il campionato italiano (sulla carta lo scudetto è assegnatissimo, non c’è partita) e in grado, come minimo, di raggiungere la finalissima di Coppa Campioni, ho detto la finalissima non l’ingresso alla finale di gruppo. Qualsiasi risultato differente odorerebbe di fallimento per un club che si appresta a rimpinguare la bacheca con la Coppa Italia la prossima settimana, dopo la Supercoppa d’inizio annata. Un malloppo che la spinge, a livello italiano sempre più vicina proprio a Bassano che per il momento conserva a livello provinciale la leadership di trofei nazionali ed europei, ma che a giugno, qualora i cinque di

[ [

Massimo Giudice (foto Bosca)

Vanzo arpionassero tutto quanto, sarebbe fatalmente rovesciata su ambo i fronti di gara. Sicchè l’unico ombra sugli scudettati è legata alle indagini degli investigatori e della Guardia di Finanza che hanno coinvolto il sodalizio laniero, una vicenda che secondo i beneinformati, salvo clamorosi sviluppi, dovrebbe inficiare la programmazione del prossimo torneo, senza toccare il campionato in corso. Diversamente, in serie A1 si lotta per la seconda piazza e in Champions quasi. Tornando al Geo&Tex, c’è un dicembre bollente che vedrà i giallorossi in pista 8 volte in 20 giorni col picco della doppia finale per la Supercoppa Europea con gli spagnoli del Liceo La Coruna, detentori della Coppa Campioni, l’11 e il 18 dicembre, l’unico trofeo mai vinto da un’italiana. Impresa ai confini col fantascientifico, ma il sogno è il sale dello sport. O no?

APPARECCHI A PRESSIONE PRESSURE EQUIPMENT APPARECCHI A PRESSIONE PRESSURE EQUIPMENT

Una cavalcata impetuosa e tu- anche col pilota automatico”. multuosa, dal penultimo posto Il simbolo della comitiva è alla vetta distante solo due pun- Matteo Serafini, 11 centri sinora, ti. Sette vittorie e un pari nelle noto al grande pubblico per una ultime otto, Bassano ha trovato storica e spettacolosa tripletta a la quadra e senza quella partenza Gigi Buffon, realizzata con la sciagurata in cima ci sarebbe già maglia del Brescia nei giorni arrivato da un pezzo. Ma ades- della Juve in B. In C2 timbra a so siamo già alla prima resa dei ripetizione, emblema dell’attacconti: due delle prime tre batti- co mitraglia del girone (33 gol, strada da incrociare in rapida alla media di oltre 2,5 a domesequenza (Savona in casa, Pro nica), terminale di un complesso Patria in esterna), un mezzo il a cui il tecnico Aldo Firicano ha duello interno col Pisa in cui rin- conferito enorme concretezza. correre una pressochè chimerica EQUILIBRIO E QUALITA’. qualificazione in Coppa Italia. Il Eppure - lo sosteniamo dall’iniSoccer Team è al secondo cro- zio - noi continuiamo a prefericevia stagionale, dopo il dentro re il Bassano, indubbiamente il o fuori con l’Alessandria dello roster più completo e talentuoscorso ottobre che ha mutato so di tutti che negli ultimi due mesi ha sprigionato una potenza l’annata dei virtussini. GERARCHIE. Il campionato esplosiva in tutti i suoi interpreti, sta comunque delineando i suoi sciorinando calcio gradevolissivalori e la netta impressione è che Castiglione e Savona siano di passaggio lassù: i primi hanno dato gas poggiando sull’entusiasmo tipico della matricola che si affacciava per la prima volta alla dimensione professionistica sfruttando peraltro un apprezzabile impianto tattico e di gioco. I liguri invece, dopo i patemi dello scorso torneo, si sono rigenerati attorno al bomberissimo Virdis (che non è figlio d’arte ma solo omonimo), una macchina da gol (13 sigilli sinora al suo foto Zanolla attivo) a cui si è affiancato adesso pure l’emergente Romero, tuttavia, al mo, football avvolgente e coinpari dei mantovani, il traguardo volgente, capace di coniugare minimo e massimo del Savona intensità a palleggio d’alta scuoresta la salvezza, magari tute- la, che a queste latitudini non si lando una ritrovata solidità so- ricordava dai tempi dell’accopcietaria finalmente recuperata. piata Pirri-Berrettoni. Così, il vero pericolo pubblico “Ho una certezza - conferma numero uno per Bassano rimane Rastelli - questi ragazzi potranla Pro Patria, formazione a un no vincere o perdere le prossipasso dalla sparizione due anni me gare, ma di sicuro non sbafa, con una struttura fatiscente glieranno mai la prestazione e e i giocatori che dormivano in l’approccio alle partite. Sì, sul spogliatoio e però un cammino piano dell’atteggiamento il mio agonistico straordinario nono- spogliatoio non topperà più, è stante condizioni estreme: la C1 accaduto il primo mese, ma ora sfiorata e persa soltanto all’ulti- esiste un’unità di intenti e c’è ma curva dei playoff, quindi un una mentalità vigorosa che difcampionato fantastico zavorrato ficilmente tradisce. Per questo soltanto dalla maxi penalità con- vado sereno e tranquillo”. seguente e adesso il terzo tentaSicchè la doppia parabolica, tivo scevro di pendenze e ripuli- con Savona e Pro Patria inquieta to dai guai del passato, perciò il molto meno: 4 punti sarebbero più credibile. da sottoscrivere al volo, ma tutti “La Pro Patria ha un organi- all’occhio perchè Bassano è inco assolutamente competitivo saziabile e non ha mai la pancia e collaudato - rimarca Claudio piena e questa è la vera notizia. Rastelli - è una squadra che col- Assetati a affamati sempre, sisleziona da anni un mucchio di signori. punti e che può viaggiare veloce Vincenzo Pittureri


il grande Sport

calcio

2 dicembre 2012 - 5

Serie B La formazione di mister Foscarini gioisce solo a metà per i risultati ottenuti con Vicenza, Padova e Verona

Cittadella, tre derby in agrodolce

La vittoria con il Vicenza che scappa di mano a pochi minuti dal fischio finale e due gol allo scadere con il Padova hanno tolto tre punti pesanti (e meritati) alla classifica del Cittadella. Nel terzo derby di fila con il Verona ci ha pensato la nebbia a 8 minuti dalla fine a bloccare il risultato sul 2-1 per la squadra di Claudio Foscarini (12 o 18 dicembre il recupero). Se va bene, dunque, il bilancio per il Cittadella in questi tre derby sarà di una vittoria, un pari e una sconfitta. Il che potrebbe stare stretto avendo disputato due partite in casa e starà comunque strettissimo considerando le prestazioni fornite (molto buone) e i risultati raccolti. Allo stadio Euganeo il Cittadella ha preso i gol in apertura e chiusura di gara, mentre ha dominato soprattutto a centrocampo il resto della partita. La sconfitta per 3-1 è considerata da tutti una beffa. Diverso è stato l’andamento con il Verona. La squadra di Andrea Mandorlini è apparsa nel primo tempo la più forte fra

quelle affrontate finora dal Cittadella meritando sicuramente il vantaggio di un gol (realizzato di testa da Laner). Era temuto il capocannoniere Cacia, ma Michele Pellizzer lo ha letteralmente annullato. Nel Cittadella, invece, durante l’intervallo tutti si chiedevano chi potesse segnare il gol del pareggio, mancando il gioco di sponda di Samuel Di Carmine (fuori per infortunio) e con Giannetti in giornata opaca. Invece Foscarini ha caricato i suoi che hanno iniziato la ripresa trasformati. Eros Schiavon ha rotto l’incantesimo segnando la sua prima rete stagionale. Poi il mago di Riese (miglior allenatore della giornata per 90° minuto ed elogiato dalla Gazzetta Sportiva) ha buttato in mischia il redivivo Biraghi (non doveva essere nemmeno convocato per un infortunio alla spalla), che ha innescato l’azione vincente buttando la palla in uno spazio vuoto, che non era vuoto bensì il luogo del destino sul quale come una folgore dal cielo è piombato Robert Maah metten-

Karate

Il maestro giapponese Shirai dà lezione al PalaBruel

Uno stage interregionale per cinture avanzate e una sessione di esami per il passaggio a cintura nera e per il passaggio di grado cinture nere dal 1° fino al 4° Dan. E’ stato il doppio appuntamento che domenica 25 novembre ha visto confluire al PalaBruel di Bassano del Grappa istruttori, atleti e praticanti di Karate tradizionale Shotokan per un incontro di allenamento e aggiornamento tecnico al massimo livello. Lo stage interregionale organizzato dall’Istituto Shotokan Italia, ente morale riconosciuto dal governo - è stato infatti condotto dal maestro Hiroshi Shirai, cintura nera 10° Dan, direttore tecnico della FIKTA (Federazione Italiana Karate Tradizionale e Discipline Affini) e figura di riferimento mondiale del movimento dell’arte marziale giapponese (nella foto). Il Maestro Shirai, 75 anni, e in Italia dal 1965, è uno degli ultimi “Grandi Maestri” arrivati in Europa dal Giappone negli anni ‘60 per insegnare il Karate tradizionale di scuola nipponica. Attività che prosegue ancora oggi, con immutato carisma ed energia. Non è la prima volta che il maestro Shirai arriva in città, che già lo accolse come

ospite d’onore al Campionato Italiano di Karate tradizionale Shotokan del 2009, organizzato dal Karate Club Bassano. Una presenza prestigiosa, e non ca-

suale: il Karate Club Bassano è infatti l’unica scuola di Karate tradizionale del territorio iscritta alla FIKTA che segue come riferimento tecnico diretto la scuola del maestro Shirai, di cui il maestro Stefano Mezzalira - direttore tecnico della società bassanese e cintura nera 5° Dan - è uno degli allievi.

Motori

Festa alla Jtc Technology

La Jtc Racing Technology annuncia l’appuntamento in programma sabato 15 dicembre in occasione del 9. meeting con premiazioni dei piloti Jtc Racing. Porte aperte dunque dalle 15 alle 19 con ingresso libero nella sede di San Giuseppe di Cassola. Oltre alle premiazioni Jtc Racing, Bassano Corse Karting e alla consegna degli attestati di partecipazione ai corsi

di primo soccorso della Croce Verde, sarà presentata ufficialmente la manifestazione automobilistica “1° Montegrappa Legend - Hystoric Event” in programma per maggio 2013. Per l’occasione saranno presenti moltissimi personaggi top di settore. Come ogni anno verranno esposte le novità 2013 di tutti i brands di cui Jtc Racing è concessionario.

doci la zampata. 2-1 e la corazzata scaligera affondata. Poi la nebbia per impedire la regola del “non c’è due senza tre” nei fatali minuti finali. Rino Piotto Intanto mercoledì 28 novembre al ristorante “Da Godi” a Fontaniva è stato inaugurato il tredicesimo club del Cittadella, che per camminare meglio poggia su due gambe: quella del gruppo di tifosi che seguono

il Cittadella al “bar Da Godi” e la tradizionale sinergia con la società fondata da Angelo Gabrielli da parte della Polisportiva Salf Altopadovana, sponsorizzata dalla Road dei Pavin. Presidente onorario acclamato Enrico Sambo, leader storico dei bomber del Cittadella con 49 gol in maglia granata e medaglia di bronzo nei m. 200 alle nazionali 2005 con la maglia della Salf: sintesi perfetta di questa sinergia calcio-atletica.


il grande Sport Volley B Gioca, allena e fa la mamma

Kamelia Arsenov casa e palestra

Mamma e moglie, allenatrice e giocatrice: Kamelia Arsenov divide la sua vita tra casa e palestra, ma il denominatore è unico, e si chiama pallavolo. Moglie del tecnico Atanas Malinov, lei stessa secondo allenatore della squadra, ma anche opposto del Brunopremi.com e mamma della “compagna di squadra” Ofelia e delle gemelline, Michela ed Emma, che stanno muovendo i primi passi nel mondo del volley. Insomma, una vita tutta sprint quella della signora Malinov. “Non è facile badare a ogni cosa – attacca Kamelia – ma in famiglia cerchiamo di darci tutti una mano. O almeno, se ad esempio bisogna aspettare un po’ perché il pranzo sia pronto, nessuno si lamenta. Si sa che in palestra, tra allenamenti e partite, spesso non ci sono orari. Ma ciò che ci unisce, e molto, è proprio la passione per la pallavolo, e questo ci fa affrontare con il giusto spirito anche i problemi di ogni giorno”. Com’è nato questo grande amore per il volley in te? “Avevo 12 anni e mi piacevano il basket, la pallavolo e l’atletica, e poi ho scelto il volley, diciamo un po’ per caso. Nel frattempo Atanas è venuto ad allenare la mia squadra, il Levski Sofia, ed in Bulgaria abbiamo vinto tutto quello che c’era da vincere. Poi ci siamo fidanzati e quindi sposati, e nel ’90 abbiamo deciso di venire in Italia nella Rio Casa Mia Palermo in A2. In fine il passaggio in A1, a Bergamo, dove tra l’altro è nata Ofelia, la nostra prima figlia”. A proposito di Bulgaria, non c’è un po’ di nostalgia della vostra terra d’origine? “Noi a Bassano stiamo benissimo, per cui ci basta tornare in Bulgaria un mese all’anno, per le vacanze estive. Forse c’è un po’ di nostalgia per i tempi passati, quando in Bulgaria c’era il comunismo, e lo sport dava certe garanzie: si lavorava duramente e con grande serietà, eravamo quasi sempre in ritiro e guidate da tecnici di grande professionalità. Ora non è più così”. E tu, nonostante il passare degli anni, continui a calcare il parquet… “Come dicevo, giocando a pallavolo ho vinto tanto, sia con le squadre di club in cui ho militato sia con la maglia della nazionale bulgara. Prima lo stimolo era quello di continuare a migliorarmi come giocatrice, ora invece la sfida è quella di contribuire a far crescere questo gruppo di ragazze giovani. Ogni tanto penso anche di smettere di giocare, un pensiero che poi metto da parte…”. Il Brunopremi.com sta incontrando qualche difficoltà in questo torneo. Che ne pensi? “Stiamo affrontando la serie B1 – conclude - una categoria impegnativa e lontana dalla serie C dell’ultima stagione. La nostra è comunque una squadra dalle grandi potenzialità, e i primi risultati cominciano ad arrivare, anche se c’è ancora tanta strada da fare. L’obiettivo che ci siamo posti è quello della salvezza, anche se in cuor nostro puntiamo a qualcosina in più. Per fortuna il campionato è ancora lungo…”. Stefano Cirillo

2 dicembre 2012 - 6

altri sport

Premio Panathlon Ben 91 le segnalazioni da parte delle scuole

Baù e Scuccato “docent”

Grande successon per il “Premio Profitto Scolastico Sportivo”, organizzato dal Panathlon Club Bassano, che ha decretato due vincitori a pari merito nelle scuole superiori. La giuria, presieduta da Giampi Zanata, ha premiato Andrea Scuccato (hockey e sci, studente del New Cambridge) e Rachele Baù (nuoto e studentessa del Brocchi) mentre per quanto riguarda la classifica delle medie inferiori il primo posto è andato alla ciclista Elisa Dalla Valle. Difficile quest’anno il compito assegnato alla commissione composta da Gianfranco Gottardi, dai soci Anna Cuminatti,

A sinistra gli studenti delle scuole medie superiori e qui sotto quelli delle inferiori in sala Chilesotti al Museo Civico

Giancarlo Dei Vecchi, Andrea Pittana e Marisa Tottene, oltre che dai presidi del Liceo da Ponte Marilena Valle e della Scuola Media Vittorelli Paola Bertoncello, dagli sponsor e da due rappresentanti dei genitori, perchè sono state numerosissime, ben 91, le segnalazioni dei “bravissimi” pervenute dai dieci istituti scolastici (sei su-

periori e quattro medie) che hanno aderito all’iniziativa. In particolare sono state segnalate 64 candidature per le scuole superiori e 27 per le inferiori, e come sempre è stato arduo abbinare in una classifica unica risultati scolastici e sportivi. Ospite d’onore Marco Galiazzo, da molti definito il miglior arciere italiano di tutti i tem-

pi, primo campione olimpico nella storia del tiro con l’arco italiano, vincitore della medaglia d’oro nella gara maschile individuale ai Giochi olimpici di Atene del 2004, medaglia d’argento A Pechino e medaglia d’oro nella gara a squadre ai Giochi olimpici di Londra del 2012 insieme a Michele Frangilli e Mauro Nespoli.

I premiati

VASTO ASSORTIMENTO CALZATURE ANTINFORTUNISTICA

Galiazzo testimonial d’eccezione

CONTRO IL FREDDO VESTITI IN MODO GIUSTO

LA NUOVA GENERAZIONE DEI TESSUTI DI PRIMO STRATO 36055 NOVE (VI) sede e amm. via P. Roberto 80 Deposito via P. Pigato 22 - Tel 0424 590086 r.a. fax 0424 590524 E-mail: info@saggin.it Punto vendita: MAROSTICA via del Donatore 3 tel. 0424 472258

www.saggin.it

Scuole medie superiori: 1. Andrea Scuccato (Sci club 2000 e Hockey Bassano - New Cambridge - 7); 1. Rachele Baù (Plain Team Veneto - Brocchi - 8); 3. Andrea Costa (Ass. Atletica Nevi - Da Ponte - 8,9); 4. Chiara Zanon (Bruel Bassano - Brocchi - 9,1); 5. Tiberio Guidolin (Gs Goretex Drago - New Cambridge - 9,36); 6. Serena Bordignon (Gs Marconi - Brocchi - 8,5); 7. Kelly Novello (Plain Team Veneto - Brocchi - 7,5); 8. Nicolò Toniolo (Plain Team Veneto - Da Ponte - 8,18); 9. Giacomo Scuccato (Sci Club 2000 e Bassano Hockey - Brocchi - 7,8); 10. Francesca Pan (Arcobaleno Carrè/ San Marco Bassano Brocchi - 8,3); 11. Magda Marsilio (Shinpo - Einaudi - 7,92); 12. Tullia Costacurta (Sci club Marostica - Brocchi - 7,9); 13. Beatrice Rossato (Young Team Arcade - Da Ponte 7,6); 14. Gio Maria Tessarolo (New Skate Bassano - Brocchi - 8,33); 15. Beatrice Pozzobon (Junior 2000 - Da Ponte - 8,27); 16. Alberta Detogni (St Bassano - Brocchi - 8,58) Scuole medie inferiori: 1. Elisa Dalla Valle (Vc Breganze - Vittorelli - 10), 7. ai campionati italiani esordienti e 1. ai campionati regionali; 2. Dania Poggesi (Junior 2000 - Marconi Cassola - 9); 3. Matilde Rebizzi (Plain Team Veneto - Vittorelli - 9); 4. Martina Cunico (Gab - Vittorelli - 9); 5. Silvia Berti (Volley S.Croce - Vittorelli - 10 e lode); 6. Edoardo Didonè (Eurocalcio - Marconi Cassola - 9); 6. Andrea Farronato (Eurocalcio - Marconi Cassola - 9).


www.bpmarostica.it

Diamo

valore

alle eccellenze del nostro territorio

Miki Biasion

Polloniato - SocialVision

Campione mondiale rally 1988-1989


il grande Sport

2 dicembre 2012 - 9

altri sport

Servizio immediato per qualsiasi destinazione fino a 8 posti Ciclismo L’atleta originario di Tezze, in forza alla Postumia 73 Dino Lievore, approda alla Zalf Desirèe Fior

Zurlo trova casa tra i dilettanti Federazione

E’ Comacchio il presidente provinciale

Fumata bianca per il nuovo Comitato Provinciale di Vicenza. Una decisione presa con piacere, accolta con gioia e soddisfazione. La nuova squadra per il Quadriennio Olimpico 2013/2016 sarà così formata: Presidente Luigi Comacchio (voti 42); Consiglieri Cecchin Francesco (voti 41) Monaco Michele (voti 16) Tosin Davis (voti 23) Zorzetto Iris (voti 33). Riconfermato nel consiglio provinciale per il terzo mandato consecutivo solo Francesco Cecchin. Il presidente uscente Renzo Gandini ha riportato all’assemblea il bilancio di fine esecutivo. Il Comitato di Vicenza esce a testa alta dopo quattro anni trascorsi a promuovere, organizzare e soddisfare, per quanto di competenza, tutte le nuove normative, le varie iniziative e manifestazioni di carattere sportivo che negli anni si sono susseguite.

Il Postumia 73 Dino Liviero traccia il bilancio di fine stagione. Una squadra tosta quella di Castelfranco Veneto, costruita attorno alla freccia Federico Zurlo, ma con attorno tanti ragazzi di valore. Il diesse Citton, che anche nel 2013 guiderà la formazione dalle maglie fucsia, mette però al bando calcoli, medie e pagelle: “È stato un anno positivo, ma che non voglio valutare per i numeri e i risultati - ha affermato il due volte campione del mondo di inseguimento a squadre su pista - È logico che quando i miei ragazzi salgono in bicicletta e quando io mi metto al volante dell’ammiraglia, lo facciamo per vincere. Ma al di là di questo, a fine anno voglio guardare non ai dati contando vittorie e sconfitte, ma alla crescita, al cammino fatto assieme, al lato umano, tralasciando i risultati domenicali”. Il 2012 direbbe che il Postumia 73 è stata per risultati la terza a livello nazionale, con Zurlo corridore più costante dell’anno, numerose vittorie, diversi piazzamenti, qualche sconfitta, alcuni rimorsi, nessun rimpianto. La squadra è andata sempre al massimo del proprio potenziale: “Voglio guardare alla crescita del ragazzo, dell’atleta, che un giorno dovrà diventare un uomo con dei valori, e chissà magari anche un atleta professionista. Questo è il nostro, il mio compito”. Le strade talvolta si incrociano e

altre si separano. L’epilogo della stagione impone un addio, quello di Federico Zurlo, talento cresciuto nel vivaio del Postumia 73 e grande protagonista delle ultime due stagioni tra gli juniores. Il ragazzo classe 1994 farà il salto nel dilettantismo con i colori della Zalf-Desirèe-Fior. Per Citton un allievo, un figlioccio, ciclisticamente parlando: “Federico è il primo che si renderà conto che tutto ciò che ha vinto fin qui vale poco o nulla. Certo è un buon biglietto da visita per il dilettantismo, ma nulla di più. Quel che conta è il percorso di crescita compiuto fino a qui”. Zurlo parte, ma la squadra resta. Si riparte dalla tradizione, dalla ricetta genuina della scuola Postumia 73, e dalla stagione appena conclusa: “Ho visto in tutti i ragazzi una totale dedizione nei confronti miei e della squadra confessa il direttore sportivo - Si sono sempre spremuti al massimo. Devo ammettere che mi hanno regalato molto in questa stagione, mi hanno dato tanto e per questo li devo ringraziare”. La nuova stagione vedrà un Postumia 73 a quattro punte, con i secondi anni Rigon, Simonetto, Ronzani e Baron pronti a far vale! re il proprio bagaglio di esperienza. A questi si aggiungono le nuove leve, i primi anni: Daniel Favaro, Stefano Trolese, Matteo Lago, Bruno Faresin e Riccardo Cabriolu, tutti nati nel 1995.

Nuoto

Rosà secondo al meeting di Siena Nella vasca olimpica della Repubblica di San Marino, il gruppo di categoria del Centro Nuoto Rosà è sceso in vasca per l’11° Meeting del Titano, manifestazione ormai rientrata fra gli appuntamenti più attesi di inizio stagione, perché rara occasione di testare una vasca da 50 metri in questo periodo. I tecnici del Plain Team Veneto del gruppo di Rosà hanno scelto questo trofeo come prima trasferta della stagione proprio per questi motivi ed in vista dei campionati assoluti invernali di Riccione e della Coppa Brema, entrambe a fine dicembre. Le società presenti provenivano da tutta Italia; ad esse si è aggiunta una rappresentativa dall’Albania. Inizio esaltante per il team che con soli 38 atleti conquista il secondo posto della classifica per società, dietro solamente all’NC Uisp di Bologna. L’ atleta del trofeo è sicuramente Manuel Frigo (nella foto): 3 medaglie d’oro ed un primato della manifestazione nei 50 stile con 25.08. Manuel vince perciò, per la categoria Ragazzi, i 100 stile (54.78), i 100 dorso (1’01.20) e i 50 stile (25.08). Due ori per Rachele Baù, dominatrice assoluta nei 200 dorso (2’18.93) e 100 dorso (1’04.36) e per Leyre Casarin, vincitrice per la categoria juniores dei 100 stile (59.99) e dei 50 stile (27.44); sul podio dei 100 stile juniores, al terzo posto un’altra atleta del Plain, Eleonora Marin con 1’00.92. Un oro e un bronzo portano a punti anche Alberto Marin, categoria juniores, nei 100 stile (53.41) e nei 400 stile (4’15.92); Ianire Casarin conquista invece tre argenti assoluti,

Via Salute, 48 ROSSANO VENETO (VI) Tel. 0424 84.80.92

APERTO

tutte le domeniche 10:00-12:30/15:00-19:30

www.magazzinibizzotto.it

nei 50 stile (27.37), 100 stile ( 58.55) e 200 stile (2’08.03). Nei 100 stile assoluti sale sul podio con Ianire anche Giada Trentin, terza classificata con 59.84. Mattia Tescari porta altri punti importanti, con due argenti nella categoria ragazzi: nei 100 stile in 54.84, dove al terzo posto si classifica anche il suo compagno Gabriele Alberto Carli (55.25) e nei 50 stile in 25.48 seguito da Nicolò Scaldaferro, bronzo in 25.53. In finale di giornata conquista un argento anche Morgan Farronato nei 100 dorso, categoria ragazzi, con 11.15. Il responsabile tecnico e allenatore del gruppo assoluti, Claudio Priamo commenta così questo primo test: “Sono molto soddisfatto per come la stagione ha preso il via. E’ un anno molto importante, e la maggior parte dei nostri ragazzi è partita con il piede giusto, nuotando già ottimi tempi”.


2 dicembre 2012 - 10

il grande Sport

Sci Club Non Stop

Snowboard e sci, faccenda di famiglia

Tra le tante realtà sciistiche del territorio molto attive sono quelle amatoriali e dedicate al turismo invernale. Tra queste un ruolo ormai storico riveste lo Sci Club Non Stop di Breganze, nato 14 anni fa da un’idea di Mirco Valerio, in uscita dallo Sc 2000, attivo nell’agonismo, per dedicarsi invece ad attività più rilassanti. «Nella storia del nostro club siamo arrivati anche a 600 soci - spiega l’attuale presidente Romeo Rodighiero, che come vice ha proprio Mirco Valerio - oggi siamo sui 2-300. Raggruppiamo dai gruppi di amici alle famiglie, dai giovani ai pensionati. In questo periodo come sempre organizziamo i corsi, appoggiandoci a maestri delle scuole che collaborano con noi. Poi da gennaio inizia l’intensa attività delle gite su sci e snowboard, per organizzare le quali facciamo anche sondaggi tra i soci. Abbiamo comunque diverse convenzioni con numerose aree ski». Ogni informazione è reperibile nel sito www. sciclubnonstop.it e nella pagina Facebook, appena nata, “Sci Club Non Stop Breganze”, da cui abbiamo tratto queste foto di una gita in Pusteria.

il grande Sci

pagine di pura passione

il mondo degli sport invernali

World Master Cup L’Altopiano dei 7 Comuni si prepara

Asiago mette gli sci stretti e attende 1500 fondisti E’ cominciato il conto alla rovescia per la Masters World Cup che sbarcherà sull’Altopiano di Asiago dal 14 al 22 febbraio 2013, portando fondisti over 30 da tutto il mondo sulle piste italiane. “Stiamo lavorando giorno dopo dopo giorno per garantire la migliore ospitalità agli atleti e per preparare al meglio le strutture tecniche richieste dall’evento sportivo - spiega Alessandro Rigoni, presidente esecutivo del comitato organizzatore -. Attendiamo per la manifestazione oltre 1.500 atleti (in pratica un record che nessun Com itato organizzatore aveva mai toccato: 1200 stranieri e almeno 300 italiani previsti) più gli accompagnatori e, ad oggi, sono già un migliaio le prenotazioni giunte alle strutture alberghiere. In collaborazione con la Confcommercio e l’Associazione Albergatori è stata infatti stipulata una convenzione e a 13 mesi dall’evento il 50 per cento dei posti letto è stato completato. Sicuramente è un buon segnale, sopratutto in tempi di crisi come questi: l’entusiasmo c’è e forte è il sostegno accordatoci dall’amministrazione del Comune di Asiago e dai nostri sponsor che hanno colto fin dall’inizio l’occasione di una straordinaria visibilità per il nostro territorio e per le rispettive aziende. Stiamo puntando ad organizzare un evento che crediamo possa costituire un forte segnale di rilancio per l’intero Altopiano”. “Per quanto riguarda le struttu-

Il presidente del Col Alessandro Rigoni e il sindaco di Asiago Andrea Gios

re - sottolinea Rigoni - il comitato organizzatore sta lavorando a passo spedito per la realizzazione della Ski Arena, la nuova area destinata al campo gara che si trova ad Asiago - cocalità Campi da Golf: un’area polivalente, utilizzata durante i mesi invernali per lo sci nordico e d’estate per il gioco del golf”. E intanto sono già stati mobilitati 160 volontari, ma altri se ne aggiungeranno per la perfetta riuscita della manifestazione iridata. Un mondiale lungo quattro anni: la cavalcata verso l’assegnazione dei Mondiali è cominciata ancora nel 2009 in Canada (Vernon - Brtisch Columbia), con la presentazione

della candidatura ed è proseguita in Germania (Oberwiesenthal) nell’autunno del 2010, dove i delegati della 27 nazioni aderenti alla Wma (Word Master Association) si sono pronunciati in favore del capoluogo altopianese, in un avvincente testa a testa con la cittadina tirolese di St. Ulrich am Pillersee (Austria). L’obiettivo è quello di lasciare forte e indelebile in tutti i partecipanti un ricordo bellissimo del territorio, vale a dire di quel meraviglioso paradiso dello sci di fondo quale è l’Altopiano dei 7 Comuni. Già aperte le iscrizioni per gli italiani, entrando nei siti www.fisi.org e www.mwc2013.org.

La maxi sciata di Marcesina

Marciabianca, appuntamento il 24 febbraio In attesa della prima neve, è partito ufficialmente il conto alla rovescia per l’edizione 2013 della Marciabianca in programma, come da tradizione consolidata, l’ultimo fine settimana di febbraio e precisamente il 24 febbraio 2013. Son passati 41 anni da quel primo sparo di cannone che ha proiettato l’evento eneghese tra le principali manifestazioni di settore nel panorama nazionale. Il comitato organizzatore coordinato dall’Amministrazione comunale di Enego, coadiuvata nella parte organizzativa dallo Studio Rx Servizi per lo Sport di Marostica e dall’Associazione Sportiva Dilettantistica B-Sport di Bassano del Grappa, è già al lavoro per accogliere gli appassionati di sci da fondo. La Marciabianca è inserita anche quest’anno nel circuito Master Tour che riunisce le principali prove di specialità a livello nazionale tra cui le celebri Marcialonga e Val Casies. Accanto ai patrocini della Regione del Vene-

to e della Provincia di Vicenza, l’evento eneghese conta sul supporto dell’Amministrazione comunale di Grigno, grazie alla preziosa disponibilità del vicesindaco Tulio Stefani. Il patrocinio formalizza così quel rapporto di amicizia tra la Marciabianca ed il comune di Grigno che dura già da tempo e che vede non a caso il percorso di gara passare per un tratto proprio nel territorio comunale e nel rifugio La Barricata apprezzato punto di ristoro. E così a tre mesi dall’evento, sono state aperte online (al sito www.marciabianca.com) le iscrizioni: i costi di partecipazione non hanno subito alcun aumento rispetto alla proposta 2012. Sino al prossimo 31 dicembre è possibile inviare la scheda di partecipazione al costo agevolato di 30 euro + 5 euro di cauzione chip. Da gennaio e sino al 22 febbraio le iscrizioni passeranno a tariffa piena di 38 euro (+ 5 euro di chip) mentre nel week-end di gara, il costo passerà a 44 euro+5 con possibilità di iscriversi la mattinata stessa della manifestazione.


il grande Sport

2 dicembre 2012 - 11

il grande Sci

Sport giovanile Dopo il premio don Mazzi, riparte il progetto asiaghese

Ghiaccio e neve per tutti

Riparte il progetto scuola-sport per tutte le classi di Asiago. E gli sport invernali avranno un ruolo fondamentale, tra ghiaccio e sci, fino a marzo. L’assessore Franco Sella, che qualche mese fa fu proprio premiato da don Mazzi, che riconobbe ad Asiago il premio Sportivo don Mazzi per questo progetto e la sua capacità di portare il diritto allo sport a tutti i bambini, è pienamente convinto della validità dell’iniziativa che ora rilancia: «Oggi nelle famiglie entrambi i genitori lavorano, dedicando di conseguenza meno tempo ai propri figli. Così i bambini sono molto più esposti a rischi “sociali”: e io come assessore allo sport, non voglio fra 10 anni avere dei rimorsi su qualcosa che potevo fare ma che non ho fatto. Il progetto Scuola – Sport per tutte le classi delle elementari serve a far crescere i bambini nel sano ambiente delle società sportive del nostro territorio. Lo sport è una forma di prevenzione, il ragazzo cresce più forte fisicamente, ma anche più forte interiormente: a stretto contatto con altri bambini deve imparare regole sociali, e poi impara già in giovane età a porsi degli obiettivi, saprà far fronte alle varie delusioni e ad uscirne più forte, saprà essere critico nei confronti del proprio corpo. Il progetto si articola in tre mo-

L’assessore Franco Sella, a sinistra, premiato da don Mazzi

menti, tutti in orario scolastico, con nessun costo a carico delle famiglie, ma tutti gli oneri a carico del comune in quanto, secondo noi, prevenire costa meno che curare, quindi formare dei giovani sani e corretti ha sicuramente un costo inferiore che in futuro curare devianze o dipendenze». Così le lezioni che riguardano gli sport invernali sono parte fondamentale del progetto asiaghese. Fino a dicembre i bambini si recano allo stadio del ghiaccio, dove gli allenatori dell’hockey, i giocatori della serie A, i maestri di pattinaggio artistico e della velocità insegnano loro a pattinare. Da gennaio a marzo ecco i bambini impegnati nella pratica dello sci nordico, dello sci alpino e nell’avvicinamento all’atti-

vità didattica ed ambientale sulla neve. In questa fase i ragazzi sono seguiti da personale altamente specializzato, infatti sono affiancati dai maestri di sci e dal Corpo Forestale dello Stato che, oltre ad accompagnarli in pista, danno lezioni di carattere naturalistico della realtà che ci circonda, facendo capire l’importanza del territorio ai ragazzi. E infine, quando arriva la primavera, spazio ai corsi di nuoto e di atletica. E tutto ciò dura per unquinquennio! «Al termine del progetto, che avrà una durata di 5 anni - spiega Sella - i bambini oltre ad avere una crescita equilibrata e sana avranno imparato gratuitamente anche a praticare le varie discipline sportive invernali che hanno sempre caratterizzato la nostra tradizione sportiva».

A Molvena La festa per i 30 anni del club al Revolution

Il 2000 inizia in musica

La stagione dello Sci Club 2000 è partita a Molvena con la Festa dello Sci per festeggiare il trentesimo anniversario del sodalizio. La manifestazione si è tenuta al Revolution di Molvena, la scuola (dove ha avuto modo di “studiare” la musica anche Francesca Michielin prima del suo exploit a X Factor) che svolge fra l’altro funzione di studio di registrazione e attività varie in campo musicale. Presentati le squadre agonistiche, gli allenatori, gli sponsor e il programma delle gare della stagione 2012-2013, fra cui spicca la Finale Regionale Ragazzi e Allievi - Gran Prix Aviva, che si terrà dal 26 febbraio al primo marzo 2013 sulle piste del Monte

Verena, gara valida quale qualificazione per i Campionati Italiani di categoria. In passerella anche gli atleti di WaySportSki, sodalizio con cui lo Sci Club 2000 intrattiene proficui rapporti di collaborazione operativa. Numerosi i dirigenti della Fisi Veneta, il presidente Roberto Bortoluzzi, il consigliere nazionale Guido Carli e i presidenti provinciali Panozzo, Picardi, Buratto, Spinelli, Cecchetto. Intanto lo Sci Club 2000 dà appuntamento all’ormai tradizionale Trofeo Babbo Natale sugli sci, che il 27 dicembre si svolgerà a Pecol di Zoldo, gara di slalom gigante in notturna riservata a SuperBaby, Baby, Cuccioli, Ragazzi e Allievi.

Grandi eventi in Trentino

La Coppa del Mondo a Madonna di Campiglio

La Coppa del Mondo di sci sbarca a Madonna di Campiglio ed un “finalmente” viene oltremodo spontaneo. Lo storico Canalone Miramonti, lo stadio cittadino dello slalom, accenderà i suoi riflettori il 18 dicembre alle 17.45 con la prima manche della 3Tre, cui farà seguito la seconda alle 20.45, in primissima serata usando un gergo televisivo, visto che le televisioni di tutto il mondo accompagneranno l’evento in presa diretta. La Coppa del Mondo è scattata da Sölden a fine ottobre, ma le danze tra i pali stretti si sono aperte a Levi, in Finlandia, dove sul primo gradino del podio è salito lo svedese Andre Myhrer, in testa già dopo la prima discesa, precedendo il detentore della Coppa Marcel Hirscher. Ai piedi del podio si sono piazzati gli azzurri Manfred Mölgg e Patrick Thaler, con il primo che è riuscito a mantenere così la seconda piazza provvisoria in generale di Coppa del Mondo. Entrambi gli altoatesini sono i grandi attesi alla 3Tre di dicembre, insieme a Stefano Gross, Cristian Deville e Giuliano Razzoli (13° a Levi), per sognare un oro azzurro come nel 2005 (ultima 3Tre di Coppa del Mondo), quando uno strepitoso Giorgio Rocca (foto) bruciò tutti gli avversari tra le rapid gates trentine.

Imparare l’arte degli sci stretti

Corso organizzato Corso con gli esperti dal Gsa M. Grappa di Endurance team Il Gruppo sportivo alpini “Monte Grappa” di Bassano organizza l’annuale corso di sci nordico in dicembre, sia per la “ tecnica classica” che per il “pattinato”. Il corso è aperto a tutti. Le date previste sono il 2, 8, 9 e 16 dicembre con lezione pratiche dalle ore 11 alle ore 13. La località sull’altopiano di Asiago sarà scelta in base all’innevamento e dovrà essere raggiunta con mezzi propri Ulteriori informazioni potranno essere richieste alla sede del Gsa, in vicolo Angarano 2, al mercoledì dalle 21 alle 22.30 (tel. 0424 503650) oppure telefonando a Mario Costa (335 5424124) o Claudio Lazzarotto (347 4254693).

Dal 2 al 23 dicembre si svolge il corso di sci di fondo per ragazzi e adulti, aperto a sportivi di tutti i livelli, in quattro lezioni nelle domeniche 2, 9, 16, 23 dicembre, sempre dalle 10 alle 12, alla scoperta delle novità della disciplina e anche per gli appassionati del pattinato. Il corso si tiene al Centro fondo Fontanella ad Asiago, località Fontanella, al costo di 65 euro a persona. Sarà possibile anche noleggiare l’attrezzatura necessaria al centro fondo. In caso di maltempo le lezioni saranno recuperate. Il corso è organizzato da Endurance Team. Informazioni sull’iniziativa: Stefano Ipino, 0424 504269, info@runningstore.it

Parallelo di Natale children a Fai della Paganella Il Trentino dello sci si arricchisce di un nuovo evento singolare, innovativo e sicuramente entusiasmante. Si tratta del “Parallelo di Natale Children”, una competizione che si svolgerà mercoledì 26 dicembre a Fai della Paganella con una formula esclusiva che premierà in primis le squadre di sci club, senza però dimenticare i veri protagonisti ovvero i giovani sciatori delle categorie ragazzi e allievi, compresi fra i 12 e i 15 anni. Decisamente interessante il montepremi messo in palio dagli organizzatori del Team Nardelli di Mezzolombardo, che ammonta a ben 10 mila euro fra gadget e buoni spesa al negozio sportivo del centro rotaliano. Come è nata l’idea ce lo spiega Willy Nardelli, coordinatore col fratello Rudy della manifestazione: «Ci pensavo da un po’ di tempo, ritenevo interessante dare vita a una competizione diversa dalle tradizionali, finalizzata anche a premiare il lavoro degli sci club. Poco prima della Fiera ProWinter di Bolzano ho maturato la formula di gara, presentandola ad alcune realtà proprio nella kermesse altoatesina, che hanno immediatamente sposato il nostro progetto. La scelta della Paganella è poi la conseguenza del rapporto che ci lega da sempre con questa località e con la Scuola Italiana di Sci Fai della Paganella, che sarà nostro partner attivo nell’organizzazione».

www.ctmtrasporti.it CONSORZIO TRASPORTATORI MONTEGRAPPA

TRASPORTI - LOGISTICA - DEPOSITI

dal ‘76 ad oggi una matura professionalità conquistata sul campo... e sulla strada!

Via delle Industrie, 31- 36050 Cartigliano (VI) ITALY tel. +39 0424 567686-fax +39 0424 567700 - fax magazzino +39 0424 567682 info@ctmtrasporti.it


pROMOZIONE SNOWBOARD LAMINE E SCIOLINE FATTE A MANO UTILIZZANDO PRODOTTI

noleggio venDITA SNOBOARD

Valdagno (VI)

€ 12.50

NOLEGGIO STAGIONALE LINEA 1 € 80.00 LINEA 2 € 115.00 NOLEGGIO WEEKEND LINEA 1 € 10.00 LINEA 2 € 15.00 LINEA 3 € 25.00 Via Salute, 48 ROSSANO VENETO (VI) Tel. 0424 84.80.92

www.magazzinibizzotto.it

APERTO

tutte le domeniche 10:00-12:30/15:00-19:30

Il Grande Sport n. 169  

Pagine di pura passione

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you