Page 45

Interviste

Bene, grazie del tempo che ci avete concesso e… speriamo di rivedervi a Sainte-Hélène allora. Successivamente ci siamo procurati il CD e queste sono state le nostre prime impressioni. Questo CD balza subito all’occhio per la semplicità e l’essenzialità nella veste grafica della copertina con un titolo immediato e con uno sfondo minimale che rappresenta il mare, che come abbiamo inteso dall’intervista, è il tema conduttore dell’album. Semplicità ed essenzialità che ritroviamo nel carattere del gruppo che si astiene da fronzoli inutili sia nel modo di presentarsi sulla scena sia nei testi dei loro brani in cui narrano spesso del mondo attuale con una visione critica, a volte con riferimenti sull’importanza dell’essere piuttosto che dell’apparire. È sempre stata una prerogativa degli Arvest quella di utilizzare musica “a ballo” per comunicare il loro stato d’animo nei confronti di una società che sovente disapprovano. Tema conduttore dell’album è come dicevamo prima il mare. I testi sono in bretone o in francese.

Si parla della dura vita dei marinai e delle condizioni difficili che devono affrontare, come nei brani “An holl vorioù” (Tutti i mari) e “Kreiznoz” (Mezzanotte). Ci sono dei ritratti di vita quotidiana come in “Le bistrot du port” che dipingono perfettamente gli ambienti dei piccoli bar vicino ai porti e i loro avventori. Si narra dello scempio dei rifiuti che invadono le coste in “Déferlantes”; dell’inquinamento provocato dagli allevamenti intensivi e dalle alghe verdi in “E gwirionez” (In verità, in effetti) nel cui testo si denuncia la cementificazione delle coste e si riflette anche su un mondo dominato dal denaro, in cui una parte degli abitanti muore di fame ed un’altra è sovralimentata. Si sfiora poi la poesia nei brani “Houlenn” (Onde) e “Kostez ar mor” (Vicino al mare) tra le cui parole citiamo “Ho scelto una piccola casa... vicino al mare… certo non ci sono grandi cose qui, né sfarzi… quando varco la soglia percepisco il movimento del mare… questa calma è per me la più grande delle ricchezze”. Un testo veramente toc-

cante. Per quanto riguarda la parte musicale, siamo sempre in presenza di danze popolari che abbiamo già ascoltato in passato come Laridé, Rond e Gavotte, ma anche nuove proposte come Danse Kef e Avantdeux de travers. La formula di base è sempre quella del kan-ha-diskan (canto e controcanto) sottolineato dalla chitarra e dal piano, ma rispetto ai precedenti album ci sembra percepire un maggiore uso della parte strumentale, soprattutto delle tastiere. Avvertiamo in alcune composizioni, come Le bistrot du port e Treuzadenn, uno stile più jazzistico, particolarmente nell’uso del piano, che ci ricorda un altro famoso musicista bretone: Didier Squiban. Probabilmente ad un orecchio abituato a melodie tradizionali, questo modo di proporsi potrebbe causare ad un primo ascolto qualche incertezza. Personalmente riteniamo meritevole questa continua ricerca e sperimentazione di nuovi stili, pur mantenendosi nella tradizione, che gli Arvest e anche altri gruppi bretoni conducono da diversi anni. Apprezzabili come sempre le voci di Yves Jégo e Yann Raoul anche per il loro stile unico, che si discosta da tanti altri cantanti e che ben s’integra con il piano e la chitarra suonati rispettivamente da Aymeric Le Martelot e David Er Porh. ❖ Fanno parte dell’album ARVEST IV i seguenti brani: I An holl voriou /Polka plinn II Deferlantes /Tour III Kreiznoz /Melodie IV Houlenn /Danse kef V A-dreuz /Avant-deux de travers VI Jamais je n’aurai... /Laridè 8 temps VII Dir ha koad /Gavotte Pourlet VIII E gwirionez /Rond Pagan IX Treuzadenn /Valse X Le bistrot du port /Rond de Saint-Vincent XI Kostez ar mor /Kas a-barzh Ringraziamo Gilles Lozac’hmeur della L’OZ production www.lozproduction.fr per averci fornito il CD. Questo CD è distribuito da Coop-Breizh: www.coop-breizh.fr Per maggiori informazioni sul gruppo visitare il sito www.arvest-breizh.com.

30/2014

45

45

Profile for Bohm Loris

Lineatrad 30-2014  

Festival Suq a Genova Fausta Vetere Premio Andrea Parodi Celtie d’Oc Festen ‘Oc Premio Giovanna Daffini Gran Bal Trad La Fieste da Sedon...

Lineatrad 30-2014  

Festival Suq a Genova Fausta Vetere Premio Andrea Parodi Celtie d’Oc Festen ‘Oc Premio Giovanna Daffini Gran Bal Trad La Fieste da Sedon...

Profile for lineatrad
Advertisement