Page 19

5 – Padri di noi: Una tammurriata notturna a Ventotene, isola di confino e di frontiera, a settembre 2014 con la Madonna della Grazia suonata sulle rocce. Diventa un Padre nostro su un testo tradizionale in sabir (con al centro una parte in napoletano) che cantavano i pescatori nei porti del Mediterraneo.

Eventi

6 – Sarajevo mon amour: Il titolo è ispirato al libro di Jovan Divjak, eroe della difesa di Sarajevo nella guerra dei Balcani del 1992-1995. E’ cantato in sabir e in turco. 7 – Gaza Beach: Un missile uccide un bambino sulla spiaggia di Gaza. L’immagine fa il giro del mondo, l’ennesima vittima innocente di una guerra infinita. Cantato in sabir e in arabo: “La sabbia si tinge di rosso, la palla scivola deviata dal soffio, ti colse un abbraccio, adesso tu voli. O notte, andare o restare…” 8 – Sbendout: A Jaffa una protesta di rabbini blocca la città. In Occidente si chiudono le frontiere. Sbendout in sabir significa bandito. E’ cantato in sabir, francese e spagnolo: “Sono migrante, sono bandito, sono la paura del tuo passato, sono bianco, sono nero, non ho alcun colore” 9 – Balkan trip: Le nuove rotte delle migrazioni passano per i Balcani, con antiche e nuove paure. Cantato in sabir e macedone. 10 – Tangeri: Sul porto di Tangeri a fine agosto centinaia di auto di migranti aspettano di imbarcarsi per tornare in Spagna. Il testo è ispirato a un brano tradizionale che dice: “Tu che parti, dove vai? Finirai per ritornare”. La melodia è ispirata da un tema tradizione ebraico marocchino su un classico andamento ritmico urbano del Marocco. E’ cantato in sabir e arabo. 11 – Lampedusa ritorno www.finisterre.it www.stefanosaletti.it http://soundcity.strikingly.com/ CD on Soundcloud Ufficio stampa Banda Ikona: Fabiana Manuelli stampa@fabianamanuelli.it Ufficio stampa Finisterre: Marianna Fazzi press@finisterre.it

Stefano Saletti

BIOGRAFIA STEFANO SALETTI Musicista e compositore suona strumenti della tradizione musicale mediterranea (bouzuki, oud, tzouras), oltre a chitarra elettrica, acustica e classica, pianoforte, percussioni, campionatori e programmazioni al computer. Attivo da anni sulla scena artistica italiana, già fondatore dei  Novalia  è il leader della Banda Ikona. E’ anche il direttore musicale di due diverse orchestre mediterranee: la  7 Sóis Orkestra e Les Voix du 7 Sóis che riuniscono musicisti provenienti dai tanti paesi che si affacciano sul Mediterraneo (Spagna, Portogallo, Marocco, Israele, Croazia, Italia). Con questi ensemble internazionali ha registrato i cd “A Night in Sicily” e “Live in Vila Real de Santo Antonio”.  Nel 2015, per la Materiali Sonori, sono usciti i cd “Caracas” con Valerio

Corzani e In Search of Homerus colonna sonora di dieci anni di spettacoli che Saletti ha fatto per il teatro.  A maggio 2012 ha pubblicato il lavoro discografico con la Piccola Banda Ikona  intitolato  FOLKPOLITIK (pubblicato da Finisterre e distribuito da Felmay), nel quale, accanto a composizioni originali, vengono riarrangiati brani di autori del Mediterraneo che hanno raccontato in musica la lotta contro il potere, subendo persecuzioni, arresti, violenze.  A febbraio 2010 era uscito “Oriental Night Fever” (per la Materiali sonori), il lavoro discografico realizzato con il musicista e produttore franco-algerino Hector Zazou e con Barbara Eramo. Il progetto è una rilettura in chiave world di alcuni “classici” della Disco music degli anni ‘70, che unisce elettronica a strumenti della tradizione mediterranea e

46/2016

19

19

Profile for Bohm Loris

Lineatrad 46-2016  

La Casa del Vento Premio Palazzolo a Laura Parodi Music Inside Art Festival Printemps de Châteauneuf Pneumatica Emiliano Romagnola Stefano S...

Lineatrad 46-2016  

La Casa del Vento Premio Palazzolo a Laura Parodi Music Inside Art Festival Printemps de Châteauneuf Pneumatica Emiliano Romagnola Stefano S...

Profile for lineatrad
Advertisement

Recommendations could not be loaded

Recommendations could not be loaded

Recommendations could not be loaded

Recommendations could not be loaded