Page 1

# 11 - 12

FINE = INIZIO

CAP. 11

CROSSING MASTERS BACHECA ILLUSTRAZIONI:

Omaggi a FULLMETAL ALCHEMIST CAP. 01

STAR LIGHT CAP. 06

SCROLLBOUND NOT HUMAN ANYMORE CAP. 01-02

di ALESSANDRA COLELLA e Roberta Mangione

Doraetos Manga | Numero 11-12 | Anno 3 | Giugno 2017

PREISTORY CAP. 05 di GIOVANNI VALENTI


!"#$%%&#$

Davide Della Via '(()*%#+,"&-$./&0$#%"-+

Alessandra Colella

. *UD¿FDH,PSDJQLD]LRQH

Orsetta Berni

&KDUDFWHUGHVLJQHU4XH]DOGUDJR

Gabriele Bagnoli )XPHWWL.

Laura Santus Claudia Cocci Gian Marco Bachetti Giovanni Valenti Alessandra Colella Roberta Mangione !"#$%&"'()$*+$(,,-,.(-(/0*%12*030"((-(4566708$30"*%(9%6(-(:05+*"(.;,< !"#$%&"'()$*+$(=(+#$&50&"(%('8$#08$607%(7%+$7>%*&%(?$+70($@@"'0&0('@$30A 8QDSXEEOLFD]LRQH'RUDHWRV0DQJD6LWRZHEXI¿FLDOHZZZGRUDHWRVPDQJDLWYLHWDWDODGLVWULEX]LRQHLQDOWULVLWLHRVSD]L QRQDSSDUWHQHQWLD'RUDHWRV0DQJDVHQ]DSUHYLRFRQVHQVR'RUDHWRV0DQJDqSUHVHQWHDQFKHVX)DFHERRN7ZLWWHU %ORJIUHHGHYLDQW$57H<RX7XEH3HUFRQWDWWDUHORVWDIIVFULYHUHDOO¶LQGLUL]]RPDLOGRUDHWRVPDQJD#HPDLOLWRSSXUHWUDPLWH PHVVDJJLSULYDWLVX)DFHERRNRDOWULVSD]LXI¿FLDOL 6LULQJUD]LDQR*UDSKLF/LQHV-LJRNXH$QLPH0DQJDSHUO¶LQVHU]LRQHSXEEOLFLWDULD


INDICE

SCROLLBOUND !"#$!$

!"#2*'.!"'#2%33"#+#$"'(#4'/3%#5'36+,,"

&

8VFLWLTXDVLLQGHQQLGDOODFDYHUQDGHOGUDJRHDYHULQFRQWUDWRXQQXRYR DOOHDWR7DNXPLHG(YH\VLFRQFHGRQR¿QDOPHQWHXQDQRWWHGLULSRVR0D LOQHPLFRWUDPDDOOHORURVSDOOHH]LR(XVWDFKHFRQO¶DLXWRGHLVDJJLVLID LQTXDWWURSHURVWDFRODUOR

PREISTORY !"#$!"!!"#$"%&'(("#)'*+(,"

"#

'RSRHVVHUHULXVFLWLDVFRQ¿JJHUH³ODPXWDQGD´URERWLFDFRQO¶DLXWRGL 2FFKLEXLLWUHUDJD]]LIDQQRODFRQRVFHQ]DGLGXHQXRYLVWUDQLSHUVR! QDJJL9LNRQJDH3DFKD]XL%RGDERLQWDQWRGHFLGHGLLQFRQWUDUHJOLDOWUL FDSLWULESHUULVROYHUHODTXHVWLRQHGHOOHVSDUL]LRQLQHLYLOODJJL

CROSSING MASTERS !"#$!##!!"#-'./'#0'(,.1

$%

.DLQH0HODUULYDQR¿QDOPHQWHDOO¶HQWUDWDGHOSDHVHGL/XGZLQJPDYHQ! JRQRDJJUHGLWLDOO¶LPSURYYLVR$OORURULVYHJOLRVFRSURQRFKHDUDSLUOLq VWDWRXQUDJD]]RFRQYLQWRFKHLGXHVLDQRLPSHULDOL.DLQVLJHWWDDOO¶DW! WDFFR PD LO VXR DYYHUVDULR VL ULYHOD HVVHUH XQ DELOH PDVWHU SVLFRHOH! PHQWDOH

NOT HUMAN ANYMORE !"#$!#%&!

!"#7*+11'(!/'#2%*+**'#+#8%9+/,'#4'(:"%(+

'#

$LQH<RUXNDPLXQDGRQQDSULYDWDGHOSURSULRSRWHUH/LDP1HHVKD(LOLV XQRUGLQDULRVWXGHQWHPROWRULVHUYDWR /¶LQFRQWUR GL TXHVWH GXH ¿JXUH FRVu GLYHUVH VFDWHQD XQ OHJDPH LQGLV! VROXELOHFKH/LDPGHYHDQFRUDVSLHJDUVLPHQWUH$LQHJLjORULFRQRVFH

STAR LIGHT I !"#$!#!!"#;/1+,,'#5+/("



*LXJQR0RQGR0DJLFRFRQWLQHQWHGL0LWUDHOO 8QDGRQQDFKHVLIDFKLDPDUHOD5HJLQDGHL'HPRQLPXRYHJXHUUDDO 'RPLQLRGHOOD)HQLFHTXHVW¶XOWLPRFKLHGHDLXWRDLVXRLWUDGL]LRQDOLDOOH! DWLOH6WUHJKHSHUIURQWHJJLDUHODPLQDFFLD

3


AVVISO AI LETTORI

COME AIUTARE DORAETOS MANGA 'RUDHWRV0DQJDqRUPDLGLYHQWDWRXQQRWHYROHSXQWRGLULIHULPHQWRSHUWXWWL JOLDXWRULMDSVW\OHPDSHUFUHVFHUHDQFRUDHDOPHJOLRKDGDYYHURELVRJQR GHOYRVWURFRQWULEXWR 3RWHWHDLXWDUFLWDQWLVVLPRDQFKHFRQSRFRDGHVHPSLR &RQGLYLGHUHODSDJLQD)%OHQRVWUHDWWLYLWjLQRVWULYLGHRHWFVXOVRFLDO QHZWRUN ,QYLWDUHWXWWLLYRVWULDPLFLD³PLSLDFFLDUFL´ &UHDUHUHFHQVLRQLVFULWWHRYLGHRVXLQRVWULIXPHWWL QDWXUDOPHQWHVHQWLWH YLOLEHULGLHVSULPHUHOHYRVWUHSHUVRQDOLRSLQLRQL

3DUWHFLSDUHDOOHSURSRVWHFKH'0SXEEOLFDUHJRODUPHQWH )DQ$UWH&RVSOD\GHLSHUVRQDJJLSXEEOLFDWLVX'0 'RQD]LRQL DQFKHLQFLERDQGUDQQREHQLVVLPR3 &RQVXOWDUHODVH]LR QH'2&6GHOQRVWURVLWR

IL VOSTRO SUPPORTO Ã&#x2C6; FONDAMENTALE! 4


COME SEGUIRE DM SU FACEBOOK NON PERDERTI LE ANTEPRIME, LE CURIOSITÀ E TUTTI I POST SUI TUOI PERSONAGGI PREFERITI DI DORAETOS MANGA! RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ATTIVITÀ TARGATE DORAETOS CON TRE SEMPLICI CLICK! PROVACI ORA! CORRI SU FACEBOOK E SEGUI LE ISTRUZIONI DI TAKUMI! BE A NINNA!


SCROLL BOUND RIASSUNTO !"#$%&'()&*)+),,-()&'(&./0&+/11)&#&2'22/&.#.#%&34/.*#&.#*&4)3/&-(&'()&32)(,)& 3#+*#2)&5#66)&4)3)&5-&3'/&,-/&'(&)(2-47-33-8/&94*/66:&;)&.#*+)8#()&4/(2-#(#&'(& +*)(5-33-8/&./2#*#&47#&-("/6/(2)*-)8#(2#&!"#$&)33-8-6):&<&4)'3)&5-&4-=%&3)*>& 4/32*#22)& )& 34)..)*#& 5)& '(& +*'../& 8-32#*-/3/& 47#& #*)& )66)& *-4#*4)& .*/.*-/& 5-& ?'#66)&.#*+)8#():&@)22)&6)&4/(/34#(,)&5#6&+*)(&3)4#*5/2#&A/*/%&!"#$&"-#(#& DI¿GDWDDOPRQDFRJXHUULHUR7DNXPLFKHDYUjLOFRPSLWRGLVFRUWDUODDOODFDSLWDOH DI¿QFKpLGLHFLVDJJLSRVVDQRULPXRYHUHGDOFRUSRGL(YH\TXHOSRWHUH B/./&#33#*#&'34-2-&?')3-&-(5#((-&5)66)&4)"#*()&5#6&5*)+/&#&)"#*&-(4/(2*)2/&'(& QXRYR DOOHDWR 7DNXPL HG (YH\ VL FRQFHGRQR ¿QDOPHQWH XQD QRWWH GL ULSRVR C)&-6&(#8-4/&2*)8)&)66#&6/*/&3.)66#&#&,-/&!'32)47#%&4/(&60)-'2/&5#-&3)++-%&3-&1)&-(& ?')22*/&.#*&/32)4/6)*6/:

EVEY APPRENDISTA MAGA, Ã&#x2C6; LA PROTAGONISTA DI SCROLL BOUND. HA APERTO PER CASO UNA POTENTISSIMA PERGAMENA E NE HA ACQUISITO Lâ&#x20AC;&#x2122;IMMENSO POTERE.

TAKUMI UN MONACO DISCENDENTE DEI GUERRIERI Dâ&#x20AC;&#x2122;OMBRA ED INTENZIONATO A SEGUIRE LA VIA DEGLI

SHADOW MASTER. Ã&#x2C6; STATO ELETTO GUARDIA DEL CORPO DI EVEY DAL GRAN SACERDOTE GORO.

EUSTACHE Ã&#x2C6; LO ZIO DI EVEY. SEMBRA INNOCUO, MA Ã&#x2C6; UN MAGO MOLTO POTENTE. NEL CAPITOLO PRECEDENTE, HA ACCOMPAGNATO PERSONALMENTE LA NIPOTE AL TEMPIO DELLâ&#x20AC;&#x2122;ALBA PER CHIEDERE AIUTO AL SUO AMICO

GORO.


CONTINUA... - SCROLL BOUND di CLAUDIA COCCI - CAPITOLO 6 - FINE -


PREISTORY RIASSUNTO !"#$%"&'(%)*' +' ,$-+.$' /"0"' )#+' 12"3$02' %$3+#02%"42' +' 5"#6$0"' *0' 12*#$//2%"' JUXSSHWWRDI¿DWDWR8QJLRUQR.RUDFRVFRSUHFKHQHLYLOODJJLDFXLDSSDUWHQJRQR LVXRLDPLFLVLVWDQQRYHUL¿FDQGROHVWHVVHVWUDQHVSDUL]LRQLGLSHUVRQHFKHVLYH7 UL¿FDQRQHOVXR.RUDFRHLVXRLDPLFLKDQQRFDSLWRFKHOHVSDUL]LRQLGLSHUVRQH GDLYLOODJJLVRQRFDXVDWHGDTXDOFRVDGLLJQRWRHRVFXURHVLFKLHGRQRVHFLVLD PRGRSHUULVROYHUHODVLWXD]LRQH 'RSRHVVHUHULXVFLWLDVFRQ¿JJHUH³ODPXWDQGD´URERWLFDFRQO¶DLXWRGL2FFKLEXL L WUH UDJD]]L IDQQR OD FRQRVFHQ]D GL GXH QXRYL VWUDQL SHUVRQDJJL 9LNRQJD H 3DFKD]XL%RGDERLQWDQWRGHFLGHGLLQFRQWUDUHJOLDOWULFDSLWULESHUULVROYHUHOD TXHVWLRQHGHOOHVSDUL]LRQLQHLYLOODJJL

KORACO UN GIOVANE E BALDO CAVERNICOLO, PROTAGONISTA DI PREISTORY. TENTA DI VENIRE A CAPO DELLE MISTERIOSE SPARIZIONI.

ACTU AMICO ORANGO.

DI

KORACO,

PARLA

DALLE FATTEZZE DI

UNA STRANA LINGUA, MA SI

INTENDE PERFETTAMENTE COI I SUOI COMPARI.

SAPEZA Ã&#x2C6; LA RAGAZZA DEL GRUPPO E HA COME ANIMALE DOMESTICO UNA TIGRE DAI DENTI A SCIABOLA.


CROSSING MASTERS RIASSUNTO !"#$%&'(%"%)*)"+'(%)*'",)*"$-./.&0"+$(&.,)/$(.1"+'("23'%&)"4)&.5)"./"6)5'(*)"7." !4+'(.$/"/."&.'*'"%)&&)"%&('&&$"%)(5'6/.$*8$9 !*"23'%&)",)*&'%&)1":$.*"'"#'/.*7$"%."(.-'//$*)"$7"!4+'(.$/"7.5'*'*7)",)%;"7'." (.,'(,$&.1"+'("%<366.('"$//=$(('%&)"'"(.&()5$('"3*=$4.,$"%,)4+$(%$1">'-',,$1"/$? %,.$*)"/$",.&&0".*",3."5.5)*)"'".*.8.$*)"./"/)()"5.$66.)9" .DLQH0HODUULYDQR¿QDOPHQWHDOO¶HQWUDWDGHOSDHVHGL/XGZLQJPDYHQJRQR $66('7.&."$//=.4+()55.%)9"@/"/)()"(.%5'6/.)"%,)+()*)",A'"$"($+.(/."B"%&$&)"3*"($6$8? 8)1",)*5.*&)",A'"."73'"%.$*)".4+'(.$/.9":$.*"%."6'&&$"$//=$&&$,,)1"4$"./"%3)"$55'(? %$(.)"%."(.5'/$"'%%'('"3*"$-./'"4$%&'("+%.,)'/'4'*&$/'9 &RVDVDUjVXFFHVVRDOSDHVHGL/XGZLQJHFKLVDUjPDLTXHVWRQXRYRPDVWHU"

KAIN UN RAGAZZO IMPULSIVO E UN POâ&#x20AC;&#x2122; AVVENTATO CHE NON SOPPORTA PIÃ&#x2122; LE INGIUSTIZIE DI IMPERIAL. NON AVENDO ALCUNA ABILITÃ&#x20AC; PARTICOLARE DEVE USARE I TONICI PER COMBATTERE.

MELINDA AMICA Dâ&#x20AC;&#x2122;INFANZIA DI KAIN E ABILE MASTER, Ã&#x2C6; MOLTO RESPONSABILE E GENTILE, CERCA SEMPRE DI RISOLVERE I GUAI CAUSATI DA KAIN.

LA LEGGE DI IMPERIAL

TUTTI I MASTERS NON APPARTENENTI AD UN APPARATO MILITARE IMPERIALE NON DEVONO PRATICARE LA LORO ABILITÃ&#x20AC;. CHI LO FARÃ&#x20AC; O AIUTERÃ&#x20AC; UN RICERCATO VERRÃ&#x20AC; SEVERAMENTE PUNITO DALLA LEGGE.


CONTINUA... !"#$%&&'()"*+&,-$&"./"0+1$+"&+(,1&"!"#+2',%0%"33"!"4'(-"!


CTRL ALT CANC FINE


BACHECA ILLUSTRAZIONI


BACHECA ILLUSTRAZIONI


BACHECA ILLUSTRAZIONI


BACHECA ILLUSTRAZIONI


BACHECA ILLUSTRAZIONI


BACHECA ILLUSTRAZIONI


BACHECA ILLUSTRAZIONI


!"#$%&'()" *+,-.%'%

&+%$./01+%2.0%3.4510


S TAR L IGHT

!

ra un pomeriggio tiepido e silenzioso quello in cui Margaret aveva fatto la sua scelta; ed ora, seduta alla vecchia scrivania del padre, attendeva il suo misterioso ospite per comunicargliela. Si chiedeva intanto tra sé e sé quale sarebbe stata la sua reazione. Sarebbe stato contento? Triste? Soddisfatto? Deluso? Rassegnato? I suoi pensieri vennero interrotti da una nuova presenza nella stanza, un uomo, apparentemente sulla trentina, stava davanti alla porta, braccia conserte. Il suo sguardo era amareggiato: “Come sempre”, pensò Margaret. – Forse... – cominciò l’uomo – Forse un’altra strada c’è. Una strada diversa, con risultati differenti certo, ma... – lo sguardo dell’uomo incrociò quello della ragazza, non c’era modo di farle cambiare idea. – La prima volta che ci siamo incontrati, – replicò lei, carezzandosi i lunghi capelli con una mano – mi hai detto che avevi un obiettivo da raggiungere. L’uomo abbassò lo sguardo. – Per raggiungere quell’obiettivo – continuò Margaret – sono necessari dei sacrifici. – Non tutti sono necessari. Alcuni sono evitabili. – Ma questo vorrebbe dire cambiare il percorso e non hai mai accennato a quest’eventualità prima d’ora... – Margaret si mostrava calma e sicura, ma il suo ospite sapeva bene che quella era solo una facciata che nascondeva una grande paura. Tuttavia la ragazza era decisa: – Se questo è quello che devo fare, lo farò. – Non è necessario, si può trovare una soluzione. La ragazza fissò negli occhi l’uomo e, dopo aver pesato bene ogni parola, disse: – Se il tuo obiettivo è così importante, non esitare a fare questi sacrifici. Aprì uno dei cassetti della scrivania e ne estrasse un revolver, carico. Aveva passato ore a studiare quel momento, voleva capire cosa


L A R EGINA

DEI

D EMONI

passasse per la mente di quell’uomo, voleva cogliere qualche indizio su questo obiettivo di cui le aveva a lungo parlato, senza mai specificare in alcun modo di cosa si trattasse, ma ormai era impossibile. “Non sei disposto a rivelare nulla nemmeno di fronte alla mia scelta?”. Margaret si sentiva esclusa, tradita in qualche modo da questa mancanza di fiducia, eppure non avrebbe mai cambiato idea. Si alzò dalla sedia e si piantò di fronte al suo interlocutore. Con la mano appena tremante si portò il revolver alla tempia. – Non farlo. Non è necessario – la pregò l’uomo, senza però scomporsi troppo. La ragazza caricò il colpo con un gesto secco. La voce dell’uomo si fece più alta: – Margaret, non farlo. Non farlo! Un colpo echeggiò per la casa e nel giardino antistante. Accanto al corpo esanime di Margaret si andava formando una pozza di sangue. L’uomo la guardò con compassione e con la stessa amarezza con cui era entrato nella stanza: per lui non era più possibile scegliere un’altra strada.


S TAR L IGHT

Ottobre 2001, Mondo delle Streghe, Regno delle Streghe Nere

"

oteva leggere nei suoi occhi il terrore e il desiderio di salvarsi mentre, tenendole le mani strette alle proprie, cercava di sollevarla su per la scogliera. – Aiutami! – la ragazza, esasperata, continuava a ripetere quell’unica parola, diventata ora insopportabile e straziante; il peso del suo corpo sembrava aumentare ogni secondo e le sue mani, inumidite dal sudore e dall’aria di mare, stavano perdendo la presa. – Ti sto tirando su! Maria, tranquilla, non ti lascerò! Non ti lasce-- – nemmeno il tempo di finire la frase e sentì le dita della giovane scivolare tra le sue. Il corpo di Maria cadde in acqua a peso morto. Si udì un tonfo sordo, poi nulla. Tutto intorno si fece buio, la scogliera, il vento e l’acqua non c’erano più, al loro posto solo due grandi occhi rosso sangue. – Maria! – Clara si svegliò di soprassalto, emettendo un gridolino. Aveva di nuovo fatto quel sogno. Erano mesi ormai che i sensi di colpa per la morte dell’amica la tormentavano, divorandola dall’interno; ogni giorno rivedeva nella sua mente quegli attimi, riavvolgeva la sua memoria, come una pellicola cinematografica, e lasciava scorrere le immagini. Analizzava poi ogni possibilità, alla ricerca di un dettaglio che le indicasse l’errore che aveva commesso. Non capiva infatti come aveva potuto lasciare che accadesse e in cuor suo sperava di trovare una prova che confermasse la sua colpa, per un’astrusa logica giustizialista. Chiunque avesse causato la morte di Maria doveva pagarne il prezzo e non aveva intenzione di ignorare i pro-


L A R EGINA

DEI

D EMONI

pri sbagli. D’altro canto, quella sete di giustizia era diventata un’ossessione e quel sogno ricorrente ne era la conseguenza. Gli occhi rossi che la fissavano ogni volta sapeva a chi appartenevano e sapeva che era quella donna la vera responsabile non solo dell’incidente di Maria, ma anche di molti altri, ben peggiori. Saperlo però non migliorava la situazione. Una ragazzina di tredici anni non era in grado di mettersi contro una donna così potente e, sfortunatamente, in quel momento non lo era nemmeno l’intero regno delle Streghe. Clara si alzò dal letto, aprì la finestra della sua stanza e guardò per alcuni istanti il panorama: dalla torre del castello reale dove si trovava si poteva ammirare, sotto la flebile luce lunare, la cittadella che si estendeva ai piedi della collina e, poco più in là, il porto. Conosceva bene quel paesaggio, ma in quella notte fredda le sembrava tutto scuro: ogni oggetto, ogni pianta e ogni essere era immerso nelle tenebre; uno scherzo della mente, ancora turbata dai ricordi distorti. Si vestì in fretta cercando di non fare rumore, tirò fuori dall’armadio una vecchia scopa ancora pregna di magia, si mise a cavalcioni di essa e uscì dalla finestra spalancata, diretta verso la città. Il ragazzo, ancora intontito, andò ad aprire la finestra su cui l’amica stava picchiettando insistentemente: – Che c’è? Perché sei qui? – Devo parlare con qualcuno! – rispose Clara con poco garbo, mentre si accomodava. – A quest’ora?! Ma Cla, sono le cinque del mattino! – Non è un’ora assurda per alzarsi. Avanti, non fare lo stupido. – Le cinque del mattino sono un orario a dir poco ASSURDO! Tra quattro ore iniziano le lezioni! Alessandro, questo era il nome del ragazzo, era abituato alle incursioni notturne della strega e al fatto che a poco sarebbero valse le sue obiezioni in merito, ma non aveva ancora rinunciato del tutto a farla ragionare, nella vana speranza di poter tornare presto a dormire tranquillamente. Rimpiangeva i tempi in cui il regno non era in guerra, non tanto per la pace quanto per il suo sonno perduto, diretta conseguenza delle disgrazie che si erano susseguite in quegli ultimi mesi. – Ho fatto di nuovo quel sogno... – Clara non aspettò molto per rivelare il motivo della sua visita. Tra i due calò il silenzio.


S TAR L IGHT

– Ale, ho paura – mormorò la ragazza stringendosi nelle spalle. – Non ti preoccupare, la guerra finirà presto – il giovane rispose come fosse un automa; non credeva affatto a ciò che aveva appena detto, ma non aveva il cuore di ammettere la verità di fronte a Clara. Conosceva le angosce della ragazza e in parte le condivideva; per quanto riuscisse a tenere un certo distacco emotivo dalla situazione, non poteva che chiedersi chi sarebbe stata la prossima vittima dopo Maria. – No, non finirà presto! È appena iniziata... – Tuo padre-- Voglio dire, re Claudio sta facendo tutto ciò che può. Trattare con quella donna... La “Regina dei Demoni” come si fa chiamare... non è stato semplice, ma ci sta risparmiando dal suo esercito. Presto troverà un accordo anche con le Streghe Bianche. – Lo spero. Lo spero tanto, Ale. Clara voleva credere alle parole dell’amico. Voleva credere che suo padre, re e rappresentante del popolo delle Streghe Nere, non avesse preso decisioni sbagliate e che la guerra si sarebbe conclusa in un lampo, proprio come era iniziata. La verità però le si presentava davanti di continuo; quando si lasciava andare alle favole che Alessandro, con buone intenzioni, le raccontava, la morte di Maria e gli occhi rossi del suo sogno le riapparivano nella mente. Occhi rossi e una folta chioma bionda, solo questo si ricordava della Regina dei Demoni che quattro mesi prima aveva attaccato la città col suo “manipolo di fanatici”, come lo definiva la ragazza. L’aveva vista di sfuggita, nel tumulto generale, tra incantesimi e masse in fuga: non le era sembrata una pazza sadica come molti la dipingevano, al contrario, aveva avuto la sensazione che quella donna stesse osservando e dirigendo con la massima cura ogni azione del suo piccolo esercito. Era proprio questa capacità di analizzare freddamente il suo nemico che le aveva permesso di vincere ogni battaglia: conosceva chi aveva di fronte, ne aveva studiato i punti deboli e li aveva sfruttati a suo favore. In questo modo aveva piegato le Streghe Nere e ottenuto un accordo vantaggioso. Non le interessava infatti sconfiggere le Streghe né conquistare i loro territori, il suo obiettivo era un altro: il Dominio della Fenice, di cui le Streghe Nere erano storiche alleate. L’attacco alla città era stata una mossa preventiva, un avvertimento chiaro: non intervenite nella nostra guerra. La sua strategia aveva funzionato.


LA REGINA DEI DEMONI

“In un altro momento avremmo spazzato via il suo esercito improvvisato!”, pensava Clara, piena di rabbia. Non aveva torto, se la situazione del regno fosse stata differente re Claudio avrebbe condotto le sue truppe alla vittoria e di questo la Regina dei Demoni ne era consapevole. La scelta dell’attacco non era stata casuale, l’esercito delle Streghe Nere era impegnato altrove in quei giorni, contro le Bianche. La città e il castello erano rimasti quasi sguarniti, facile preda anche per un gruppo di demoni poco preparati. Si domandava dunque la ragazza se non dovesse dubitare delle scelte del padre, se ci sarebbero state altre tragedie da sopportare e se la guerra sarebbe davvero finita presto. Intanto di tutta questa serie di eventi Alessandro aveva fornito un’interpretazione che Clara considerava molto interessante: forse anche la guerra che le Nere stavano conducendo sull’altro fronte era stata architettata da quella donna. Il flusso di coscienza della giovane strega fu interrotto dall’amico: – Anche se ci restano poche ore di sonno è meglio sfruttarle. Clara annuì, non sarebbe riuscita a riaddormentarsi con quei pensieri in testa, ma voleva almeno fare un tentativo. *** – È uscita di nuovo da sola?! Dannazione...! – il re, un uomo barbuto sulla quarantina, percorreva nervosamente la stanza con passi ampi e pesanti. Dietro di lui una donna, seduta su un trono finemente decorato, lo guardava sorridendo, la sua elegante bellezza illuminava la stanza e il solo guardarla, in altre circostanze, sarebbe bastato a rasserenare l’animo dell’uomo. – Caro, non c’è nulla di cui temere. Sarà andata di nuovo in città. Non le può succedere nulla, abbiamo soldati che pattugliano tutte le strade. Non vi è un posto nel nostro regno che sia difeso e controllato meglio della nostra capitale. Dopo l’ultimo assalto abbiamo imparato... – Cristine, come fai ad essere così tranquilla? Quello che abbiamo passato quattro mesi fa è solo un assaggio di ciò che potrebbe succedere! Potremmo ritrovarci la guerra alle porte oggi stesso. Per come procedono le cose sul fronte, non so quanto saremo in grado di andare avanti. – Non essere troppo negativo, il Gran Consiglio sa come noi che questa guerra sta indebolendo il Mondo delle Streghe. Non la farà andare avanti ancora per molto, sarebbe una pessima mossa.


S TAR L IGHT

– Ma se questa guerra l’hanno voluta proprio le streghe del Gran Consiglio! E le Streghe Bianche le hanno assecondate. “E pensare che erano i nostri migliori alleati”, osservò tra sé l’uomo. Si fermò di colpo al centro della stanza, l’amarezza dei suoi pensieri affaticava mente e corpo. Come avevano potuto le Streghe Bianche tradire la sua fiducia? Cosa aveva spinto il Gran Consiglio a metterle contro il suo regno? Un’idea se l’era fatta, ma non era il caso di parlarne ad alta voce. Forse anche dietro a questa guerra c’era lei, la Regina dei Demoni. Di certo poteva affermare che era stata la causa all’origine del conflitto: quando il Dominio della Fenice aveva mandato la sua richiesta d’aiuto all’intero Mondo delle Streghe, il Gran Consiglio, chiamato a prendere una decisione comune, si era diviso. Ciò che più insospettiva il sovrano era che la divisione era stata netta e precisa. La metà del Consiglio affiliata al Regno delle Streghe Bianche aveva votato contro l’intervento, l’altra metà invece a favore. Nonostante l’appartenenza ad uno dei due regni, ogni strega (o stregone) a cui fosse stato concesso il privilegio di sedere nel Consiglio era totalmente autonoma. Non vi era re che potesse influenzare le votazioni, o per lo meno né re Claudio né re Furio avrebbero potuto farlo, per questo motivo una spaccatura del genere, che non aveva precedenti, era assai sospetta. “Da qui a muoverci guerra però...”, rifletteva l’uomo, “Dubito che re Furio avrebbe fatto una scelta del genere senza valide ragioni. E l’avversione per i conflitti, che le Bianche adducono come scusa, non regge!”. Queste considerazioni lo avevano portato a quella donna. Forse lei aveva minacciato le Streghe Bianche e loro, per evitare il peggio, avevano ripiegato su una soluzione più facile: tenere occupate le truppe nere, prese alla sprovvista. Il resto era semplice da dedurre, una volta assicuratasi che le Bianche non avrebbero interferito con i suoi piani, la Regina dei Demoni doveva convincere anche le Nere. A questo era servito l’attacco di quattro mesi prima. – Vorrei poter aiutare il Dominio della Fenice. Abbiamo sperimentato la crudeltà di quella donna, non voglio pensare cosa stia facendo ora ad altra gente innocente. E credo che se la minaccia dei Demoni finisse anche la nostra guerra contro le Bianche non avrebbe più senso. – Possiamo mandare qualcuno – sentenziò secca la donna sul trono. – Come possiamo mandare degli uomini se le Bianche ci incalzano?


L A R EGINA

DEI

D EMONI

La regina si alzò in piedi con grazia e si avvicinò al marito, appoggiandogli delicatamente una mano sulla spalla, infine disse: – Ho un’idea, lascia che me ne occupi io. *** Erano ormai le due del pomeriggio quando i giovani studenti rientrarono a casa. La signora Anna li accolse, come era suo solito fare, calorosamente: – Bentornati! Come è andata oggi a scuola? – Come al solito... Le battutine fuori luogo, le prese in giro, le lezioni noiose... Nulla di che – diceva Clara con un’espressione disgustata. – Abbiamo cominciato un nuovo capitolo sul controllo dell’energia magica, è stato interessante! – diceva invece Alessandro pieno di entusiasmo. Anna si mise a ridere, scene del genere non erano nuove, ma non mancavano mai di divertirla. Si pulì le mani sul grembiule che aveva indosso e con un gesto invitò i due ragazzi a poggiare gli zaini pesanti e a sedersi al tavolo dove aveva apparecchiato per tre, prevedendo che Clara non sarebbe tornata al castello. Non voleva domandare perché quella mattina avesse trovato la giovane in casa: non aveva dubbi sul fatto che si trattasse ancora di quel sogno ricorrente e sapeva che parlarne sarebbe stato difficile e doloroso. Voleva invece cercare di mantenere un’atmosfera serena e gioviale, era il suo modo per difendere quei ragazzi dalla guerra a cui lei stessa, in quanto infermiera, non poteva sfuggire. – Come mai non sei a lavoro? – chiese Alessandro mentre finiva di servirsi la zuppa. – Mi hanno consigliato di prendermi una giornata di riposo. Avrei voluto che anche Sofia rimanesse a casa, ma sai com’è fatta. – Non sa stare con le mani in mano, sì, lo dice sempre... – Su questo non vi somigliate affatto. Secondo me non siete davvero fratelli – intervenne Clara, indicando con il cucchiaio il ragazzo. – Ahah, ancora con questa storia? Finirai per convincermi! – Non è per forza una brutta cosa, eh... – Ma che dici? – la signora Anna si mise di nuovo a ridere, secondo lei non era possibile che Alessandro e Sofia non fossero fratelli, si somigliavano troppo. I due tornarono a discutere, parlavano dei compagni di classe e delle


S TAR L IGHT

lezioni, passando per gli argomenti più disparati e anche i più sciocchi. Ad Anna piacevano quei pasti in compagnia, facevano sembrare la guerra e la sofferenza che vedeva tutti i giorni in ospedale un ricordo lontano, quasi un sogno, un incubo. Quelle scene, per quanto insignificanti, le permettevano di andare avanti; ammirava, o forse invidiava, l’ingenuità con cui i giovani affrontavano la vita, ignari di cosa la guerra avrebbe causato nei mesi successivi. La donna saltò sulla sedia, rovesciando un po’ di zuppa nello scatto: – Ah, me ne stavo dimenticando... È passata una guardia poco fa, ha detto che dovete recarvi entrambi al castello il prima possibile. Dopo aver finito di mangiare, ovviamente! I ragazzi si scambiarono uno sguardo perplesso, che bisogno c’era di lasciare quel messaggio? Era ovvio che Clara sarebbe tornata al castello entro sera, quindi perché era così urgente? Curiosi di rispondere a queste domande, cominciarono entrambi a mangiare con più voracità del solito e in poco tempo finirono il pranzo. Clara afferrò il suo zaino di scuola, che aveva ripreso dalla sua camera quella stessa mattina, salutò velocemente la signora Anna e uscì, seguita da Alessandro. Quando furono entrambi fuori dal suo campo visivo, la donna col grembiule si guardò intorno, fece un respiro profondo e, dopo essersi asciugata una lacrima solitaria, cominciò a sparecchiare. Il suo momento di serenità era già finito. Nella grande sala del trono re Claudio, la regina Cristine e alcuni servitori stavano conversando, quando i due ragazzi entrarono. – Ci hai fatti chiamare, padre? Cosa sta succedendo? – Clara era consapevole del fatto che non l’avrebbe passata liscia per la sua fuga mattutina, con quelle domande cercava di sviare l’attenzione, ma non poteva che essere un tentativo vano. – Clara! Finalmente! Ti sembra un comportamento consono ad una principessa?! – la incalzò subito il padre, furioso. – No, non lo è! E lo so! Ma-– Niente ma! Hai idea di quanto ci preoccupiamo tua madre ed io?! – l’uomo avrebbe voluto continuare la ramanzina, ma mentre parlava si sentì accarezzare gentilmente il braccio, si voltò e notò negli occhi di sua moglie un velo di rimprovero. – Ne riparliamo dopo... Ora c’è una questione più urgente.


L A R EGINA

DEI

D EMONI

La regina, fino a quel momento seduta sul trono accanto al marito, si alzò, andò incontro alla figlia e le carezzò il viso prima di cominciare a parlare: – Clara, hai fatto di nuovo quel sogno, vero? – Sì... Rivedo quel momento, quando Maria è caduta... ed io ero lì. E non potevo fare nulla! – la giovane strinse i pugni, come a trattenere non solo la rabbia che le ribolliva in corpo, ma anche le lacrime che cercavano una via di fuga. – Allora, vorresti aiutarci? La ragazza fissò perplessa la madre: – Aiutarvi? In cosa? Non sono una strega esperta, non posso prendere parte ad una battaglia, vi sarei solo d’intralcio. – Oh, cara! Non ti manderemmo mai sul campo! Si tratta di tutt’altro. Questa notte ho avuto un’idea, ho trovato una soluzione che potrebbe risolvere i nostri problemi – diceva la donna cercando di nascondere un sorriso soddisfatto. – Una soluzione... alla guerra? – chiese Alessandro incredulo. – Una soluzione alla guerra no, purtroppo, ma un primo passo per concluderla forse sì. Conoscete la leggenda dei sette eroi della Grande Guerra? – Certo! È una leggenda che narra di sette valorosi maghi che al tempo della Grande Guerra difesero il continente di Mitraell e tutto il Mondo Magico, nonostante molti di loro non fossero originari di quelle terre – intervenne prontamente il ragazzo. – Esatto. Quello che forse non sapete è che questi eroi divennero i primi Cavalieri di Mitraell, sette maghi eccezionali cui affidare la protezione del continente e persino di tutto il Mondo Magico. – Madre, perché ci stai raccontando questa vecchia leggenda? Arriva al punto. – Di generazione in generazione sono stati scelti sette maghi per prendere il loro posto come Cavalieri di Mitraell, ma con il passare dei secoli e la duratura pace delle ultime decadi questo ruolo perse la sua utilità. Qualche anno fa i Cavalieri vennero ritenuti superflui e la guardia fu sciolta. La regina esitò un momento prima di continuare. – Oggi la situazione è cambiata. La Regina dei Demoni ha attaccato il Dominio della Fenice, mai quanto prima Mitraell ha bisogno dei suoi protettori. E noi vogliamo trovare i nuovi Cavalieri. – Ma perché? – chiese Alessandro – Se il Dominio della Fenice ha bisogno dei Cavalieri, potrebbe cercarli. Oppure potrebbe chiedere


S TAR L IGHT

ad uno dei Domini confinanti. O ad un regno di un altro continente. Perché dobbiamo essere proprio noi a cercare questi Cavalieri? Noi, che siamo in un altro mondo, in un’altra dimensione. A queste parole anche il re si alzò dal trono e si avvicinò al gruppo: – Stiamo rispondendo ad un S.O.S. – spiegò brevemente. – Perché il Dominio della Fenice abbia interpellato noi e non altri regni non è di nostro interesse, ma abbiamo il dovere morale di rispondere ad un nostro alleato. Non potendo mandare soldati abbiamo deciso almeno di fare questa ricerca. Clara annuì: – Quindi il mio aiuto consiste nel partecipare alla ricerca? – Non proprio – ribatté la regina. – La ricerca verrà effettuata tramite degli strumenti in grado di rilevare fonti di energia magica compatibili con quella dei Cavalieri. Avremo i risultati tra pochi giorni. – Allora cosa devo fare? – Dovrai parlare con i maghi che troveremo e convincerli a prendere il loro posto come Cavalieri. Abbiamo pensato che questo fosse un compito adatto a te: in quanto principessa delle Streghe Nere, rappresenterai il nostro regno e svolgerai una funzione diplomatica. – Va bene! Accetto! – la giovane strega non dovette pensarci nemmeno un secondo, tanta era la voglia di contribuire alla fine di quella straziante guerra. Non era un’ottima soluzione, questo era chiaro; c’era la possibilità che non servisse a cambiare le sorti del conflitto con i Demoni. La ragazza non era convinta che fosse un primo passo per concludere la guerra con le Bianche, come aveva affermato la regina, ma era indubbiamente un tentativo. Portando a termine il compito affidatole la principessa sperava di poter attenuare i sensi di colpa, di poter in parte compensare l’incapacità che aveva dimostrato durante l’attacco di quattro mesi prima. – Alessandro, – terminò il discorso la regina – ti chiedo di assistere mia figlia. So che le sarai d’aiuto.


BACHECA illustrazioni Fullmetal Alchemist è un capolavoro del fumetto giapponese: noi autori di Doraetos, insieme ad altri fan tra il lettori, abbiamo deciso di rendergli omaggio realizzando alcune illustrazioni!

ClAUDIA COCCI


DAVIDE DELLA VIA


LAURA SANTUS


James R. Hoyer


Gianmarco Lizzio


Patrizia Sabatino


gaia Fredella


Luca Torraco


EDITORIALE Direttore Sono  passati  piĂš  di  cinque  anni  da  quando  la  â&#x20AC;&#x153;nave  di  Doraetosâ&#x20AC;?  ha  preso  il   largo.  Tutti,  eravamo  saliti  a  bordo  carichi  carichi  di  una  gran  voglia  di  fare  e   determinati  a  dimostrare  la  validitĂ   del  fumetto  alla  giapponese  anche  ai  piĂš   scettici,  fra  i  semplici  lettori  e  fra  gli  addetti  del  settore.  Oggi,  con  lâ&#x20AC;&#x2122;uscita  di   questâ&#x20AC;&#x2122;ultimo  numero,  la  nave  riattacca  sulla  terraferma  dopo  un  (bel)  lungo  viaggio.  Il  tesoro   di  esperienze  portato  in  porto  è  decisamente  abbondante,  e  di  ciò  che  ha  fatto  la  mia  ciurma   per  contribuire  alla  missione  per  la  quale  si  era  imbarcata,  nonchĂŠ  per  la  ciurma  stessa,  ne   vado  assolutamente  orgoglioso.  Ă&#x2C6;  infatti  grazie  a  loro,  e  anche  ad  altre  valide  marinerie,  che   nonostante  â&#x20AC;&#x153;i  piratiâ&#x20AC;?    le  acque  del  fumetto  italiano  sono  oggi  in  uno  stato  migliore  rispetto   a  comâ&#x20AC;&#x2122;era  in  passato:  lâ&#x20AC;&#x2122;attenzione  mediatica  verso  il  nostro  tipo  di  produzione  è  cresciuta   (in  special  modo  rinnovo  i  miei  ringraziamenti  ad  Animeclick),  le  iniziative  in  generale  sono   maggiori,  le  case  editrici  sono  aumentate  e  cosĂŹ  via.  Certo,  non  siamo  ancora  arrivati  allâ&#x20AC;&#x2122;a-­ gognata  â&#x20AC;&#x153;isola  del  tesoroâ&#x20AC;?  ma  stiamo  tutti,  senza  alcunâ&#x20AC;&#x2122;ombra  di  dubbio,  mettendo  assieme   i  pezzi  della  mappa.  E  in  questo  nuovo,  mutato  contesto  è  necessario  fare  lâ&#x20AC;&#x2122;indispensabile   DIÂżQFKpWDOHVFRSRYHQJDUDJJLXQWR(FFRSHUFKpDGHVHPSLRVLqGHFLVRGLDEEDQGRQDUH lâ&#x20AC;&#x2122;ormai  obsoleta  formula  della  rivista,  con  questo  numero  11-­12  (è  lâ&#x20AC;&#x2122;undicesimo,  però  se  si   FRQWDOR]HURqLOGRGLFHVLPR 7XWWDYLDQRQVLGHYHDIIDWWRSHQVDUHFKHFRQODVXDÂżQHWHUPLQL di  esistere  anche  il  gruppo  Doraetos  in  sĂŠ  per  sĂŠ.  O  meglio  dire,  tanto  può  essere  tanto  non.   6DUjTXHOFKHVDUjPDGLFHUWRSRVVRDIIHUPDUHLQWRWDOHWUDQTXLOOLWjFKHXQDÂżQHFRUULVSRQGH sempre  a  un  nuovo  inizio:  nel  caso  i  membri  della  ciurma  decidano   di  salpare  in  direzioni  diverse,  sono  comunque  sicurissi-­ mo  che  le  nostre  bussole  continueranno  ad  indicarci   sempre  la  stessa  direzione,  quella  per  arrivare  alla  su   citata  â&#x20AC;&#x153;isola  del  tesoroâ&#x20AC;?.  Detto  ciò  porgo  un  grande,   sincero  e  dovuto  grazie  a  tutti  coloro  che  in  questi   anni  ci  hanno  supportato  e  un  cordiale  saluto  a   tutti  voi  lettori  che  ci  avete  seguito.  Sono  sicuro   che  ci  beccheremo  in  giro  per  questi  â&#x20AC;&#x153;mariâ&#x20AC;?  fatti   GLSROYHUHGLJUDÂżWHLQFKLRVWURHVRSUDWWXWWR tanto  tanto  cuore. Davide  Della  Via   24/06/2017

183


!"#$%&'()%"'#*()+),%"'#-.//")0%&*# 1.# 2.'1&%# ()3)1&%# %--%(&)','# %# !"#$%&"'()$*+$#'#%)#1.*)#%.&*()4 5# 3)'&%&%# "%# 0*-)%6# "%# 1&%$-%6# "%# 7)88.1)*,'# ),# -.//")0*6# "9.1*# '# 2.%"1)%1)# %"&(%# %&&)3)&:# 1',; <%# )"# ,*1&(*# '1-")0)&*# 0*,1',1*4

!""#$%&'()*+,-.)-/*0,&%)+'! ="'11%,7(%#>*"'""% /*+%'%%) 7*(%'&*1$%,+%?'$%)"4)& @@@47*(%'&*1$%,+%4)&

Doraetos Manga N°11-12  

Una rivista di fumetti italiani ispirati ai "manga" giapponesi.

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you