Page 1


Le Albere, un nuovo modo di vivere la natura


indice Il quartiere Le Albere

p. 05

Il fondo d’investimento

p. 06

I punti chiave

p. 09

Vita, Verde, Acqua, Energia

p. 10

Il sistema delle coperture

p. 13

Zintek Srl

p. 14 ÂŽ

Il laminato zintek

p. 17

La filiera

p. 18

Il ruolo di LignoAlp

p. 20

Un obiettivo raggiunto

p. 26


04 05


1958 - com’era

Il quartiere Le Albere Il nuovo quartiere Le Albere nasce come riqualificazione dell’area industriale ex Michelin di Trento.

L’intero progetto, sviluppato su un’area di 11 ettari, 2002 - com’era

prevede circa 310mila metri cubici di costruito, con 300 appartamenti, 30mila metri quadrati destinati a uffici ed esercizi commerciali, e 2.000 posti auto. Ma anche 30mila metri quadrati di strade e piazze, percorsi pedonali e ciclabili, una rete di canali e 5 ettari di parco pubblico, senza contare i giardini di ciascuna palazzina.

Inoltre fanno parte de Le Albere un centro polifunzionale e il MUSE, il nuovo Museo tridentino di scienze naturali dal profilo ispirato a quello dei monti circostanti, che ospiterà mostre permanenti e temporanee, una biblioteca, un archivio, 2011 - com’era

laboratori e addirittura una foresta pluviale in miniatura.


REALIZZAZIONI E PROGETTAZIONI COSTRUZIONI GENERALI

C.S.F. CONSORZIO STABILE FINEDIL

IMPRESA DI COSTRUZIONI

IMPRESA DI COSTRUZIONI

Il fondo d’investimento e il project management

L’impresa di costruzione

Il general contractor

Motore propulsivo che ha dato il via alla creazione del

Per coniugare le esigenze estetiche e funzionali della

Colombo Costruzioni ha affidato a Zintek Srl il ruolo di

nuovo polo è Castello SGR, società di gestione del risparmio

progettazione

general contractor per la realizzazione di tutti i manti

indipendente specializzata in fondi comuni di investimento

dell’intervento è stata affidata alla Colombo Costruzioni

di copertura.

immobiliare. Per realizzarlo, la società ha convocato uno

SpA di Lecco, che ha operato in qualità di capogruppo

Zintek Srl è una società unipersonale di Simar SpA,

degli architetti più acclamati al mondo, Renzo Piano,

della consortile Trento Futura S.C.A.R.L., in associazione

produttrice dello zintek® e a sua volta parte del gruppo

celebre per la sua capacità di rispettare le caratteristiche

temporanea di imprese con PAC, Consorzio stabile FINEDIL,

Cordifin, holding che opera in ambito industriale,

delle città nelle quali lavora e di creare allo stesso tempo

Sandrini Costruzioni e Gadotti F.lli.

immobiliare e finanziario. Zintek Srl si occupa degli aspetti

e

della

costruzione,

la

realizzazione

spazi ampli e luminosi, nel rispetto dell’ambiente. Una volta

commerciali, tecnici e formativi nella distribuzione e nelle

incaricato l’architetto e il suo studio, il Renzo Piano Building

applicazioni in edilizia del laminato zintek®.

Workshop (RPBW), della progettazione del nuovo complesso,

Per le grandi opere Zintek Srl si propone inoltre come

Castello SGR ha poi delegato alla società IURE SpA (che

general contractor, fornendo l’intero pacchetto di

offre consulenza e supporto qualificato per lo sviluppo

copertura, organizzando e coordinando pool di aziende

progettuale e operativo di grandi iniziative immobiliari)

specializzate.

i servizi di property e project management e di commercializzazione dell’area.

06 07

GADOTTI F.LLI Srl IMPRESA DI COSTRUZIONI


2013 - come sarĂ


Vita, Verde, Acqua, Energia

08 09


I punti chiave del progetto Tre gli elementi cardine che hanno guidato lo Studio Piano nella stesura del progetto:

- la necessità di mantenere un rapporto con l’esistente;

- la volontĂ di ricucire lo strappo con il tessuto cittadino;

- il desiderio di recuperare il rapporto della cittĂ con il suo fiume.


Vita Nel pensare il quartiere Le Albere, lo Studio Piano ha scelto di mettere al primo posto il benessere dei cittadini, e di arricchire quanto più possibile la loro vita attraverso una perfetta organizzazione degli spazi e delle funzioni. Vi sono quindi edifici diversi per struttura, affacci e orientamento, ma accomunati da una stessa soluzione per le coperture, realizzate in zinco-titanio zintek®, e dall’uso di materiali specifici per ciascuna funzione: vetro al piano terra degli edifici commerciali, per enfatizzare con la trasparenza la libera fruibilità di questi spazi; pietra, intonaco e

ENERGIA SOLARE FOTOVOLTAICA

legno per le parti residenziali, a richiamare materiali della tradizione locale.

Gli edifici sono divisi in blocchi: quelli a est, destinati ad attività terziarie, in linea, mentre quelli residenziali e commerciali, disposti a corona attorno al parco, riprendono la disposizione a corte di alcune costruzioni presenti nel centro storico. I fabbricati sono tutti protetti acusticamente con adeguati sistemi tecnologici, e i fabbricati destinati ad uffici, collocati a est, costituiscono essi stessi una FACCIATA VERDE

protezione dalla ferrovia per il resto del quartiere.

Verde Il verde è uno dei punti fermi di Renzo Piano e del suo Studio, e non stupisce che anche per Le Albere proprio la natura sia stata chiamata a fare da filo conduttore tra la cittadella e il centro storico. Due filari di alberi, uno lungo il viale parallelo all’Adige e un altro in linea con la massicciata della ferrovia, collegano Le Albere al parco sul fiume e al resto della città. Il quartiere è poi circondato da un enorme manto erboso che si spinge dal fronte degli edifici a via Sanseverino e oltre fino al

ENERGIA ELETTRICA DA ENTE DISTRIBUTORE

fiume, e da Palazzo delle Albere fino a via Monte Baldo.

Schema energetico 10 11


Acqua Il rapporto di Trento con il suo fiume era da tempo più psicologico che concreto, data la distanza del corso d’acqua dal centro. Il progetto ha ribaltato questo stato di cose, trasformando l’Adige in una sorta di quinta lungo la quale far sorgere il nuovo collegamento del viale alberato con pista ciclabile, che facesse

Ventilazione naturale

del fiume stesso una via da e per il centro storico, e lo rendesse protagonista di un “parco fluviale”. Aperture per la ripresa dell’aria esterna

RECUPERO ACQUE METEORICHE

Per rafforzare ulteriormente il legame con l’acqua, è stato poi progettato all’interno della cittadella un sistema di canali che, attraversando l’area da nord ENERGIA DALLA CENTRALE DI TRIGENERAZIONE

a sud, andranno ad alimentare due grandi bacini sui quali far “galleggiare” visivamente i volumi del MUSE e del Polo Sud.

Climatizzazione degli ambienti con pannelli radianti

UTENZE IMPIANTI LUCE E FORZA MOTRICE

Energia Per razionalizzare l’impiego delle risorse, contenere i costi di gestione e ridurre al minimo l’impatto sull’ambiente circostante, la fornitura energetica dell’intero quartiere è garantita da una centrale unica dislocata sulla riva opposta del fiume,

IMPIANTO DI CLIMATIZZAZIONE

capace di distribuire e recuperare energia in ogni lotto grazie a un sistema di tubature interrate per il teleriscaldamento e il teleraffrescamento, e a un adeguato numero di scambiatori di calore condominiali.

Grazie alla scelta dei materiali, delle tecnologie e dei sistemi impiantistici, e alla qualità certificata di ogni fase di realizzazione, tutti gli edifici residenziali e per uffici del complesso Le Albere hanno ottenuto la certificazione di CasaClima, SONDE GEOTERMICHE

dimostrandosi costruzioni a bassissimo consumo energetico che offrono, contemporaneamente, un elevato comfort termico e il rispetto dell'ambiente. Il nuovo MUSE nasce invece con la certificazione LEED New Construction 2.2, standard americano che valuta la sostenibilità energetico-ambientale degli edifici.


12 13


Il sistema delle coperture Nel progetto del quartiere Le Albere, le coperture sono seconde per importanza solo alla struttura portante degli edifici. Servono infatti a garantire protezione, comfort abitativo e pregio estetico, poichÊ proprio alle coperture è stato affidato il compito di dare uniformità stilistica all’intero complesso.


Zintek Srl di Porto Marghera, società unipersonale di Simar SpA, fornisce qualsiasi soluzione legata alla scelta e all’applicazione del laminato zintek® grazie alla sinergia delle tre aree che la compongono, quella commerciale, e quella tecnica e quella formativa.

L’area commerciale comprende un canale di vendita diretto sia del laminato sia degli accessori complementari per la realizzazione delle opere, e un settore marketing che studia gli strumenti migliori per aumentare la visibilità del prodotto e dell’azienda.

L’area tecnica comprende un ufficio progetti che offre consulenza progettuale, collabora a definire specifiche di capitolato, preventivi e budget di spesa, e distribuisce materiali di supporto come dépliant di prodotto, capitolati, il manuale tecnico Sviluppo in architettura e il software dedicato per il calcolo dei capitolati zintek®, il P.O.L. (Preventivi On Line).

Nell’area formazione, Zintek Srl dispone di una Scuola di lattoneria destinata a lattonieri e installatori di tutta Italia, che organizza corsi su tre livelli di specializzazione crescente con lezioni teoriche e sessioni pratiche di laboratorio. L’azienda organizza poi meeting rivolti a professionisti dei settori dell’edilizia e dell’architettura, per mettere in luce le caratteristiche dello zintek® ed evidenziare le opportunità che rappresenta nell’ambito delle costruzioni.

14 15


16 17


Il laminato zintek® Il laminato zintek® è una lega composta da zinco, rame e titanio, con una percentuale di zinco pari al 99,995 per cento, rispondente alla normativa europea EN 988 “Zinco e leghe di Zinco - Prescrizioni per prodotti laminati piani e per l'edilizia”. Il titanio presente nella lega aumenta la resistenza alla deformazione permanente nel tempo, e il rame aumenta la resistenza alla trazione; la combinazione di entrambi riduce il coefficiente di dilatazione del materiale.

Lo zintek® è incombustibile, resistente ai raggi ultravioletti e alla corrosione, e non si conoscono fenomeni di erosione dovuta all’azione del vento; non è influenzato dalle variazioni di temperatura che intervengono dopo la lavorazione e la posa, ed è esente da manutenzione. Non deve essere messo a contatto con sostanze acide o alcaline, né con il rame o le sue leghe, sia direttamente sia indirettamente.

L’aspetto naturale dello zintek® è di colore grigio lucido da laminazione, omogeneo e brillante; sotto l’azione degli agenti atmosferici la superficie si ricopre di uno strato autoprotettivo che rimane stabile nel tempo, e gli conferisce un naturale invecchiamento con un gradevole color grigio ardesia. L’aspetto naturale del laminato può essere variato grazie a particolari trattamenti superficiali, senza per questo alterarne le prerogative di resistenza alla corrosione. Lo zintek® è un prodotto non verniciato e totalmente riciclabile, e utilizzato in facciata e per le lattonerie consente il recupero dell’acqua piovana per annaffiare piante e giardini.

Data la sua estrema malleabilità, lo zintek® può poi adattarsi a qualsiasi tipo di profilo, e grazie alle molteplici soluzioni applicative (come aggraffatura doppia, aggraffatura angolare, giochi ritmici di profilo, doghe e scandole) è indicato per qualsiasi tipo di progetto, sia contemporaneo sia di restauro conservativo.


Estetica e funzionalità Oltre a curare l’aspetto più visibile delle coperture, ovvero la composizione della “pelle” degli edifici, nel suo ruolo di general contractor Zintek Srl ha proposto l’accoppiamento del laminato a un pacchetto di isolamento e ventilazione di altissima performance. Si tratta di una stratigrafia che combina tecnologia ed estetica, grazie a un attento progetto costruttivo e all’impiego di materiali in grado di rispondere tanto alle esigenze funzionali e applicative, quanto a quelle architettoniche.

Una filiera di valore Per la sua realizzazione Zintek Srl ha quindi ricercato tra i produttori e fornitori presenti sul mercato i partner più adatti, selezionando aziende che si distinguessero non solo per provate professionalità ed esperienza, ma anche per la condivisione degli stessi valori in base ai quali il quartiere Le Albere è stato progettato e costruito, e che guidano l’operato della stessa Zintek Srl: rigore nel controllo di qualità e sicurezza, rispetto per l’ambiente e per la tradizione, condivisione delle risorse e delle opportunità. In questo modo ciascun partner è entrato a far parte di una filiera di valore non come semplice fornitore, ma come membro attivo di un gruppo di professionisti uniti da fiducia e rispetto e da una stessa etica del lavoro.

Zintek Srl si è quindi rivolta a LignoAlp (marchio registrato della DAMIANI-HOLZ&KO SpA per strutture in legno su misura) per l’ingegnerizzazione dei pannelli strutturali in legno multistrato (x-lam). LignoAlp, che da sempre considera l’ambiente e il futuro i tesori più importanti da preservare, punta solo su costruzioni sostenibili, con certificazione CasaClima, e sull’uso di materiali a basso impatto ambientale, e per questo, grazie a carpentieri altamente qualificati, si impegna a portare la qualità artigianale in una struttura industriale: solo così infatti sarà possibile lasciare alle future generazioni una natura il più intatta possibile.

18 19


Per realizzare la sottostruttura delle coperture sono stati utilizzati pannelli X-Lam prodotti da Binderholz, ingegnerizzati e tagliati LignoAlp.

DAMIANI-HOLZ&KO S.p.A. Marchio registrato LignoAlp

La ditta DAMIANI-HOLZ&KO S.p.A. realizza coperture ed edifici in legno su misura, di qualsiasi dimensione, contraddistinti dal marchio registrato LignoAlp, che affida la progettazione e la realizzazione delle costruzioni in legno esclusivamente a carpentieri specializzati. L’ufficio tecnico LignoAlp è composto da 25 collaboratori tecnici (ingegneri e carpentieri disegnatori).

Il ciclo di ingegnerizzazione è il punto forte dell’azienda, e comprende la progettazione tecnica, con calcoli statici e calcoli di fisica edile, la scelta dei sistemi costruttivi, la trasformazione del progetto architettonico in progetto esecutivo, con creazione dei dati macchina per il taglio a controllo numerico, il taglio, la prefabbricazione nei propri stabilimenti e la posa in opera a regola d’arte.

Fondata nel 1927, La DAMIANI-HOLZ&KO S.p.A. dispone di due sedi operative in provincia di Bolzano, una a Bressanone e l’altra a Nova Ponente; nel corso dei suoi vent’anni di esperienza nella costruzione di case in legno, l’azienda ha conseguito le certificazioni ISO e OHSAS, l’attestazione SOA, l’attestazione ministeriale di produzione, trasformazione e lavorazione di elementi strutturali in legno, nonché la partnership CasaClima.

20 21


L’utilizzo dei pannelli X-Lam comporta una serie di eccellenti vantaggi:

- Costruzione

massiccia:

i

pannelli

garantiscono

isolamento acustico, protezione antincendio REI 30-90 ed elevata sopportazione di carico - Tempi di costruzione ridotti: montaggio veloce e a secco - Superficie senza fughe: lo strato esterno è uguale al pannello monostrato, senza fughe tipo tavola e senza giunti mobili tra gli elementi - Guadagno di spazio: lo spessore ridotto della struttura aumenta i volumi interni, rivelandosi ideale per case ecologiche e case passive - Prefabbricazione: costruzione economica grazie alla prefabbricazione - Costruzione

antisismica:

i

giunti

degli

elementi

consentono di assorbire e compensare le vibrazioni - Solai divisori: sovrastrutture a norma con qualitĂ a vista - Poca

oscillazione

di

temperatura:

le

eccellenti

caratteristiche di accumulo e di isolamento dei pannelli proteggono i locali dal surriscaldamento estivo e dal gelo invernale - Ottima resistenza alle intemperie - EcosostenibilitĂ


I pannelli strutturali in legno multistrato utilizzati nel quartiere

1)

Coperture inclinate per residenze

Le Albere hanno caratteristiche differenti a seconda della struttura in legno lamellare.

Per la realizzazione della copertura del lotto C, destinato ad appartamenti, si è invece agito in modo completamente diverso. A causa della pendenza e della sporgenza delle

Coperture per uffici

travi primarie, le sollecitazioni risultavano importanti in entrambe le direzioni. Per questo la proposta di Zintek Srl e

Per la realizzazione di queste coperture, Zintek Srl e LignoAlp

LignoAlp è stata di un pannello a 5 strati dello spessore di

hanno scelto pannelli multistrato dello spessore di 78 mm,

100 mm.

composti da tre strati di lamelle in legno d’abete. Lo schema dei momenti qui a lato (fig. 2) mostra La portata del pannello è determinata dallo spessore e

l’andamento delle tensioni nelle due direzioni X e Y.

dalla quantità di strati con fibratura disposta in direzione

Vediamo che in direzione X la portata del pannello è di

parallela a quella della sollecitazione principale. Nel caso

15,81 kNm; nella direzione Y il pannello porta ancora il

specifico della copertura dell’edificio per uffici, questo tipo

49,02% del carico della direzione X (grazie ai 2 strati portanti

di pannello è stato scelto perché

viene sollecitato

soprattutto in direzione X.

2)

in direzione Y). L’andamento dei momenti flettenti spiega molto bene per quale motivo è stato utilizzato un pannello a 5 strati con

Nel diagramma dei momenti a lato (fig. 1) si vede

queste caratteristiche.

l’andamento delle tensioni nei vari strati per le due direzioni X e Y. Vediamo che in direzione X la sollecitazione del

L’analisi a elementi finiti a lato (fig. 3) mostra l’andamento

pannello è di 14,25 kNm; nella direzione Y, invece, il

delle sollecitazioni per il pannello in direzione X; le zone verdi

pannello deve portare soltanto una tensione pari al 18,24%

alle estremità del modello rappresentano gli appoggi. La

rispetto alla direzione X. Ecco dunque perché si è scelto di

sollecitazione maggiore si ha al centro della campata

utilizzare un pannello con due strati portanti in direzione X

(area rossa).

ed un solo strato portante nella direzione Y.

Quest’altra grafica (fig. 4) mostra invece le sollecitazioni in direzione Y: come si può vedere, la zona più sollecitata risulta quella d’appoggio.

22 23


3)

La composizione dei pannelli X-Lam è un compensato multistrato composto (fig. 5) da tre, cinque o sette strati sovrapposti di lamelle di legno strutturale con spessore variabile tra i 18 e i 43 mm, unite testa contro testa con “giunti a dita”. La direzione delle lamelle di uno strato è ortogonale a quella delle lamelle dello strato adiacente: questa disposizione incrociata

4)

conferisce

al

pannello

un

ottimo

comportamento

meccanico in tutte le direzioni, ed eccellenti caratteristiche di stabilità dimensionale.

Il pannello multistrato ha uno spessore complessivo compreso tra i 60 ed i 350 mm. I pannelli multistrato vengono utilizzati per pareti, solai,

5)

pavimenti, tetti e altri componenti speciali. Inoltre possono essere uniti in direzione longitudinale mediante giunti universali a dita a tutta sezione, in conformità alla normativa EN 3877, sino a ottenere una lunghezza di 24 metri. I pannelli sono composti per il 99,4 % di legno (larice o abete) e solo dallo 0,6 % di collante.

Come nascono i pannelli X-Lam LignoAlp Durante la fase di prefabbricazione, pannelli X-Lam vengono tagliati con precisione millimetrica nei due centri taglio di LignoAlp, attrezzati con moderne macchine a controllo numerico.


BBS dati tecnici:

Caratteristiche materiale: resistenza meccanica e stabilità - principi generali

composizione

diversi strati a fibratura incrociato | a 3,5 e 7 strati

tipo di legno

abete | larice | pino cembro | pino douglasia | abete bianco

umidità del legno

12 +/- 2 %

qualità dello strato esterno

a vista AB

E0,mean

a vista BC

flessione ang. retto sul piano

fm,k

18

non a vista C

modulo di spinta

Gmean

690

incollaggio continuo senza fughe, ogni strato longitudinale = pannello monostrato piallatura su entrambe le facce a scelta con levigatura o spazzolatura su una faccia

modulo di spinta avvolgibile

GR,mean

50

spinta da forza di taglio

f R,k

0.70

larghezza 125 cm

compressione in piano

f c,0,k

21

lunghezza fino a 24m [giunzione finger-joint con snodo GKZ]

f c,90,k

2.5

spessore 66 mm a 341 mm

compressione normale verso il piano

tutti i bordi longitudinali leggermente bisellati [~ 3 mm], profili standard su entrambi i lati

trazione in piano

f t,0,k

9.80

28

28

possibile da 130 mm

28

possibile da 203 mm

incollaggio

56

28 28

28 56

28 28

28

56

pannello monostrato: MUF ; E1, resistente agli agenti atmosferici, punti d’incollaggio trasparenti BBS: PU, privo di formaldeide

caratteristiche di resistenza

in direzione longitudinale dell’elemento | 0,010 % per % di variazione dell’umidità del legno

flessione trazione

in direzione trasversale dell’elemento | 0,025 % per % di variazione dell’umidità del legno

peso

abete ρ[12%] ~ 470 kg/m3 larice ρ[12%] ~ 590 kg/m3 conducibilità termica lR = 0,13 W/mK [DIN] | λmisurato = 0,097 W/mK [98 mm BBS] capacità termica specifica c= 2,10 kJ/kgK conduttività termica a = 1,317 x 10-7 m2/s | [ρ= 470 kg/m3; λ= 0,13 W/mK]

isolamento acustico

notevole isolamento acustico grazie alla struttura massiccia | perizia su richiesta

protezione antincendio

perizia per REI 30-90 su richiesta

diffusione

permeabile, barriera al vapore | fattore di resistenza alla diffusione del vapore μ ~ 70

omologazione

Classe di resistenza del legno utilizzato

tipo di sollecitazione

possibile da 163 mm

variazione della forma

isolamento termico

11.00

28

bordi longitudinali

flessione modulo E

28

dimensioni

EN 1995-1-1 | EN 338 [N/ mm2]

20 28 33

superficie AB | BC

tipo di sollecitazione

compressione

C16

C24

fm,k

16

24

ft,0,k

10

14

ft,90,k

0.4

0.4

fc,0,k

17

21

fc,90,k

2.2

2.5

taglio

fv,k

1.8

2.5

sforzo di scorrimento

fR,k

0.70

E0,mean

8000

11000

caratteristiche di rigidezza modulo elastico a flessione

E90,mean

270

370

omologazione tecnica europea ETA-06/0009 | marchio CE

modulo di taglio

Gmean

500

690

omologazione tedesca per I’edilizia Z-9.1-534

modulo di scorrimento

GR,mean

50

i valori sono espressi in N/mm2 24 25


Legno ed ecosostenibilità Il legno utilizzato da LignoAlp per il progetto Le Albere (pannelli X-lam, listellature, assito in legno) proviene da foreste gestite in maniera sostenibile certificate PEFC (Programme for the Endorsement of Forest Certification Schemes) o FSC (Forest Stewardship Council).

Ma cosa significa esattamente “ecosostenibilità” quando parliamo di legno?

Piuttosto inflazionato al giorno d’oggi, perché diventato di moda, il concetto di “ecosostenibilità” affonda le proprie radici nell’ingegneria forestale: già nel 1560 era stato descritto e inserito in un regolamento forestale tedesco per preservare la principale materia prima del paese e assicurare un livello stabile di legno nelle foreste. A oggi, circa il 30% della superficie del pianeta è coperta da foreste (dati Promolegno), e il 40% dell’intera Unione Europea (dati Eurostat). Nonostante l’aumento dell’utilizzo di legno, solo il 62% dell’incremento annuo delle foreste viene utilizzato, perciò possiamo dire che queste si stanno espandendo. Ecco quindi in che senso il legno rappresenta la risorsa sostenibile più importante del futuro: è virtualmente inesauribile, ed è l’unica risorsa rigenerabile per costruire.

Il legno infatti è una materia prima che non ha bisogno di energie fossili per “essere prodotta”, ma sostanzialmente cresce da solo: semplificando si può dire che servono solo terra, acqua, sole e anidride carbonica. Il legno è CO2 neutro, il che significa che in ogni metro cubico di legno si può accumulare quasi una tonnellata di anidride carbonica, aiutando così a rimuovere dall’atmosfera grandi quantità di gas responsabili dell’effetto serra. Il legno inoltre è profumato naturalmente, è igienico, antistatico e fonoassorbente. Le case costruite in legno non hanno bisogno di tempi di asciugatura, ma sono subito abitabili dopo lo messa in opera.


Un obiettivo raggiunto Una proposta tecnica valida, un’organizzazione vincente, partner affidabili e di eccellente qualità: grazie alla combinazione di questi fattori, il progetto per la realizzazione delle coperture del quartiere Le Albere si è tradotto in una realtà solida, duratura ed esteticamente pregevole, capace di assicurare agli edifici protezione e comfort e di seguire allo stesso tempo la visione dell’architetto. Forma e contenuto, tecnologia ed estetica si fondono dunque per assicurare agli edifici, e a chi li abiterà, una vita più lunga e decisamente migliore.

26 27


DAMIANI-HOLZ&KO S.p.A. Sede legale Bressanone: via Julius Durst, 68 I-39042 Bressanone (BZ) tel. +39 0472 975790 fax +39 0472 975791 Sede Nova Ponente: via Breitenkofl, 17 I-39050 Nova Ponente (BZ) tel. +39 0471 616445 fax +39 0471 616150 www.lignoalp.it info@lignoalp.it

Zintek Srl via delle Industrie, 22 30175 Porto Marghera Venezia (VE) tel. +39 041 290 1866 fax +39 041 290 1834 www.zintek.it zintek@zintek.it

Tetti in legno Lignoalp QUARTIERE LE ALBERE DI RENZO PIANO  

Lignoalp sta realizzando le strutture delle coperture in legno del quartiere “Le Albere” a Trento (come partner della Zintek), in fase di co...

Tetti in legno Lignoalp QUARTIERE LE ALBERE DI RENZO PIANO  

Lignoalp sta realizzando le strutture delle coperture in legno del quartiere “Le Albere” a Trento (come partner della Zintek), in fase di co...

Advertisement