Page 1

DIR. EDITORIALE

ART DIRECTOR

EDITOR

GRAFICO

UFF. TECNICO

REDAZIONE

4 MM DI ABBONDANZ A PER L A PIEGA

4 M M D I A B B O N DA N Z A P E R L A P I EGA

mauro corona Questa è la storia di una donna che dalla vita non

la ballata della donna ertana

aveva avuto niente, peggio, la sorte le aveva nascosto la luna...

la bal lata del la don na er tana

Foto © Alfonso Catalano/Farabolafoto

www.maurocorona.it www.dispersoneiboschi.it

mau r o cor ona

Mauro Corona è nato a Erto (Pordenone) nel 1950. È autore di Il volo della martora, Le voci del bosco, Finché il cuculo canta, Gocce di resina, La montagna, Nel legno e nella pietra, Aspro e dolce, L’ombra del bastone, Vajont: quelli del dopo, I fantasmi di pietra, Cani, camosci, cuculi (e un corvo), Storia di Neve, Il canto delle manére, La fine del mondo storto e delle raccolte di fiabe Storie del bosco antico e Torneranno le quattro stagioni.

Dopo aver celebrato le montagne e i loro segreti e aver dato vita a epici personaggi nati tra i boschi, Mauro Corona presta la sua voce calda e potente a una donna, per raccontarne la vita costellata di sventure ma sorretta da un incrollabile coraggio. La protagonista di questa ballata è tormentata dalla fatica dei giorni e dalla brutalità degli uomini: alle spalle ha il lavoro nei campi o dentro casa, gli abusi di un marito violento, anni svuotati di ogni gioia tranne l’amore per i figli. Incarna il destino di tante madri e mogli vissute in civiltà patriarcali, e insieme è una donna fiera, percorsa da un sentimento di dolorosa indignazione. Davanti a sé non ha alcuna speranza, se non l’attesa della morte per “mettere le ali e volare in paradiso”. Finché un giorno dei forestieri arrivano in paese per costruire una diga, portando finalmente un po’ di benessere... ancora non sa, la donna ertana, che il 9 ottobre del 1963 sarà proprio quella diga a scatenare l’apocalisse. In questa grande ballata, impreziosita dalle vibranti illustrazioni dell’autore, Mauro Corona canta la forza e l’orgoglio di tutte le donne capaci di affrontare a testa alta le durezze dell’esistenza: e lo fa attingendo al dialetto della sua terra, una lingua impastata di sudore e sangue, schioccante come i rami che si spezzano sotto il peso della neve, dolce come la carezza di una madre.

ART DIRECTOR: GIACOMO CALLO G R A PH I C D ES I G N ER: A N D R E A FA L S E T T I

d

00,00

COP_corona_la ballata def.indd 1

CARTA: Patinata Lucida - Garda Gloss - gr 130 - PROFILO DI STAMPA: COATED FROGA39 - DIMENSIONE: 118x195 mm - RIFILATO: 113x187 mm

PANTONE XXX C

CARTONATO

30/03/11 16:02


Mauro Corona

la ballata della donna ertana

0_La ballata della donna ertana_pAp96.indd 3

31/03/11 18:10


Dello stesso autore Nella collezione Scrittori italiani e stranieri La fine del mondo storto Nella collezione Oscar Aspro e dolce Nel legno e nella pietra L’ombra del bastone Vajont: quelli del dopo I fantasmi di pietra Cani, camosci, cuculi (e un corvo) Le voci del bosco Storia di Neve Il canto delle manÊre Nella collezione Varia Storie del bosco antico (disponibile anche nella collana Audiobook, con cd audio)

Nella collezione I Grandi Torneranno le quattro stagioni

La ballata della donna ertana di Mauro Corona Collezione Scrittori italiani e stranieri ISBN 978-88-04-60869-1 Published by arrangement with Susanna Zevi Agenzia Letteraria Š 2011 Arnoldo Mondadori Editore S.p.A., Milano I edizione aprile 2011

0_La ballata della donna ertana_pAp96.indd 4

31/03/11 18:10


La ballata della donna ertana

0_La ballata della donna ertana_pAp96.indd 5

In ricordo di mia madre e di tutte le donne che, come lei, sono state zittite, picchiate, umiliate, annichilite.

31/03/11 18:10


0_La ballata della donna ertana_pAp96.indd 7

31/03/11 18:10


Ochì ve dìch la conta de na una che dai so dìs no l’éva mèi bù nia, pédho, la sòrt g’éva piatè la luna e desfàt la faméa tèca fuss nia. Na fémena da Nèrt massa polìt par durè in te chést mónt de pòre dhèint, a no to vif se lui t’à maladì, to véign netè tèca le fuje al vèint.

E lie la fu netada dal dolèur, c’al l’éva despeada dì par dì, fin ch’ala fin, la s’éva rot al chèur la diì: «Basta, ochì no g’in pòs pì». Chésta l’é la so scianta ma no sól, la scianta de le dute tèca lie, fémene strache de chést mónt bél sól cal va va su dalt e ma thèintha mèi stè mie.

0_La ballata della donna ertana_pAp96.indd 8

8

31/03/11 18:10


Questa è la storia di una donna che dalla vita non aveva avuto niente, peggio, la sorte le aveva nascosto la luna e distrutto la famiglia come fosse niente. Una donna di Erto troppo a posto per durare in questo mondo di povera gente, non puoi vivere se lui ti ha maledetto, vieni spazzato come foglie al vento.

E lei venne annientata dal dolore, che l’aveva pettinata ogni giorno di più, finché alla fine le si ruppe il cuore, e disse: «Basta, non ne posso più». Questa è la sua storia ma non solo, è quella di tante come lei, donne stanche di un mondo sempre più vuoto, che vola in alto senza migliorare.

0_La ballata della donna ertana_pAp96.indd 9

9

31/03/11 18:10


Ma fémene da Nèrt de pì piurava, nùat e dì de scè bas, tèca fromige, le séva che la vita no slungiava, fémene mègre, scussade de fadige. Scussade de dolèur e de fadige, girava ’l mónt a pia de cà e de là, a vèinde calche alch, tèca thedige, olava in ugne lèuch che no se sa.

Scianta le nine, scianta le viole, scianta chile da Nèrt che le vèint mole. Scianta le nine, scianta le thedige, scianta chile da Nèrt che fè fadige. E có l’é scur le vèl fenì de bòt, invéthe le cùign stè sót l’ùan ciòc. Ah, Signèur, vegn a tòme, no in pòs pì, pòrteme in Paradìs che ùi dhromì.

No se pù dhì ignavànt sèinpre a fadige, siòn deventade pédho de fromige. I sióri no fè nia, i mangia e i bèif, e nós a laorè àign sót al nèif.

0_La ballata della donna ertana_pAp96.indd 10

10

31/03/11 18:10


Ma le donne di Erto tribolavano più di tutte, giorno e notte a testa bassa, come formiche, sapevano che la vita non si allungava, donne magre, spellate di fatiche. Spellate di dolore e di fatiche, giravano il mondo a piedi, qua e là, per vendere qualcosa, come rondini, volavano in ogni luogo e non si sa.

Cantano i fiori, cantano le viole, cantano le ertane che vendono mole, cantano i fiori, cantano le rondini, cantano le ertane che faticano. E quando è sera vorrebbero piantarla e riposare, e invece devono star sotto al marito ubriaco. Ah, Signore, vieni a prendermi, non ne posso più, portami in Paradiso che voglio dormire.

Non si può andare avanti sempre a fatiche, siam diventate peggio di formiche. I ricchi non fanno niente, mangiano e bevono, e noi a lavorare anche sotto la neve.

0_La ballata della donna ertana_pAp96.indd 11

11

31/03/11 18:10


Spethè, sapè, lavè e sigè féign, e l’autùn portè balòth de léign. E fì canàis, lavèli e comedèli e pu i li ciama in guéra par copèli.

L’é mort mi óma e l’é mort àign me père, n’è pì nesùn che pèinsa un tin a mì. Cùign lavè èrte dhó in t’al Valdenère, è le man roigiade infìn ochì. Ah! S’al fus vif mi óma, fantolina! La me darés na man a laorè, invéthe cùign fì dut béla solina, parcì chél pòrc a l’é sèinpre inciochè.

Malideta la volta c’al tolìe, no ’l m’à fàt sciara mèi iò par al dì, la sera nòme bón da montè su, ingravième e métese a dhromì. Nùaf canàis è fàt thèintha bugè, adés sui stufa parcì no g’in pòs pì, s’al créi da insiste e ’l tòma a montè su, g’iàl tai, al frith, e ’l magn fin ch’è fenì.

0_La ballata della donna ertana_pAp96.indd 12

12

31/03/11 18:10


Zappare, sarchiare e falciare fieno, e l’autunno portar tronchi di legno. E fare figli, lavarli e aggiustarli, e poi li chiamano in guerra per ammazzarli.

È morta mia mamma, è morto mio papà, non ho nessuno che pensi ancora a me. Devo lavare i panni giù nel Valdenère*, e ho le mani rovinate fino ai polsi. Ah! Se fosse viva mia madre, poveretta! Mi darebbe una mano a lavorare, invece devo fare tutto da sola, perché è sempre ubriaco quel maiale.

Maledetta la volta che l’ho sposato, non m’ha fatto una carezza neanche per sbaglio, la sera solo capace di saltarmi sopra, lasciarmi incinta e mettersi a dormire. Nove bambini ho fatto, senza fiatare, adesso son stufa, non ne posso più, se crede d’insistere a voler montare, glielo taglio, lo friggo e me lo mangio.

* Valdenère: mitica fonte d’acqua dove le ertane lavavano i panni.

0_La ballata della donna ertana_pAp96.indd 13

13

31/03/11 18:10


Chél bruto pòrc, al m’à dhà rovinada, ère na béla dhóvena na volta, adés no sui pì nia e screcoléi come na porta róta e inrudhenada. Ah, ce che è fàt a tòme chél ovì! Che no g’è dat na s’ciafa e pia in t’al cul, adés no pòs fì nia e, béign o mèl, có ’l riva ciòc me piàt in t’al baùl.

Cùign piatème, parcì có ’l riva ciòc, al me péta chél pòrc d’en animèl, ma dhur davànt Iddio che tant o poc, ge dón co la manéra in t’al spinèl. Ma có ’l tolìe no l’èra fàt cossì, l’èra un bél dhóven, bón e béign metù, no ’l carethava, ma nin no ’l me petava, però al vardhava sól da montè su.

E par na volta che diìe de no, al me biscià col scè sót la fontana: «A mì to me la dà quando che ùi, se no te cóp.» E al me ciamà putana. Ah, ce vita che è fàt con chél ovì! No ge l’àugur nin al pédho sassìn,

0_La ballata della donna ertana_pAp96.indd 14

14

31/03/11 18:10


Quel brutto maiale mi ha rovinata, ero una bella ragazza un tempo, ora non sono più niente e cigolo come una vecchia porta arrugginita. Ah, cosa ho fatto a sposarmi quello! Gli avessi dato uno schiaffo e un calcio in culo, adesso non posso farci niente e, bene o male, quando torna ubriaco mi ficco nel baule.

Devo nascondermi, perché se torna sbronzo, mi picchia quel porco di un animale, ma giuro davanti a Dio che tanto o poco, gli do con la mannaia nella spina dorsale. Quando lo sposai non era così storto, era un bel giovane, buono e ben messo, non mi carezzava, ma neanche mi picchiava, però cercava solo di montare.

E per una volta che gli dissi di no, mi ficcò la testa sotto la fontana: «A me la devi dare quando voglio, se no... ... ti ammazzo.» E mi chiamò puttana. Ah, che vita grama ho fatto con quello! Non gliela auguro al peggior assassino,

0_La ballata della donna ertana_pAp96.indd 15

15

31/03/11 18:10


0_La ballata della donna ertana_pAp96.indd 16

31/03/11 18:10


DIR. EDITORIALE

ART DIRECTOR

EDITOR

GRAFICO

UFF. TECNICO

REDAZIONE

4 MM DI ABBONDANZ A PER L A PIEGA

4 M M D I A B B O N DA N Z A P E R L A P I EGA

mauro corona Questa è la storia di una donna che dalla vita non

la ballata della donna ertana

aveva avuto niente, peggio, la sorte le aveva nascosto la luna...

la bal lata del la don na er tana

Foto © Alfonso Catalano/Farabolafoto

www.maurocorona.it www.dispersoneiboschi.it

mau r o cor ona

Mauro Corona è nato a Erto (Pordenone) nel 1950. È autore di Il volo della martora, Le voci del bosco, Finché il cuculo canta, Gocce di resina, La montagna, Nel legno e nella pietra, Aspro e dolce, L’ombra del bastone, Vajont: quelli del dopo, I fantasmi di pietra, Cani, camosci, cuculi (e un corvo), Storia di Neve, Il canto delle manére, La fine del mondo storto e delle raccolte di fiabe Storie del bosco antico e Torneranno le quattro stagioni.

Dopo aver celebrato le montagne e i loro segreti e aver dato vita a epici personaggi nati tra i boschi, Mauro Corona presta la sua voce calda e potente a una donna, per raccontarne la vita costellata di sventure ma sorretta da un incrollabile coraggio. La protagonista di questa ballata è tormentata dalla fatica dei giorni e dalla brutalità degli uomini: alle spalle ha il lavoro nei campi o dentro casa, gli abusi di un marito violento, anni svuotati di ogni gioia tranne l’amore per i figli. Incarna il destino di tante madri e mogli vissute in civiltà patriarcali, e insieme è una donna fiera, percorsa da un sentimento di dolorosa indignazione. Davanti a sé non ha alcuna speranza, se non l’attesa della morte per “mettere le ali e volare in paradiso”. Finché un giorno dei forestieri arrivano in paese per costruire una diga, portando finalmente un po’ di benessere... ancora non sa, la donna ertana, che il 9 ottobre del 1963 sarà proprio quella diga a scatenare l’apocalisse. In questa grande ballata, impreziosita dalle vibranti illustrazioni dell’autore, Mauro Corona canta la forza e l’orgoglio di tutte le donne capaci di affrontare a testa alta le durezze dell’esistenza: e lo fa attingendo al dialetto della sua terra, una lingua impastata di sudore e sangue, schioccante come i rami che si spezzano sotto il peso della neve, dolce come la carezza di una madre.

ART DIRECTOR: GIACOMO CALLO G R A PH I C D ES I G N ER: A N D R E A FA L S E T T I

d

00,00

COP_corona_la ballata def.indd 1

CARTA: Patinata Lucida - Garda Gloss - gr 130 - PROFILO DI STAMPA: COATED FROGA39 - DIMENSIONE: 118x195 mm - RIFILATO: 113x187 mm

PANTONE XXX C

CARTONATO

30/03/11 16:02

Profile for Arnoldo Mondadori Editore

Mauro Corona, "La ballata della donna ertana"  

Primo capitolo dell'ultimo libro di Mauro Corona, "La ballata della donna ertana". Un canto in onore delle donne, scritto in dialetto e impr...

Mauro Corona, "La ballata della donna ertana"  

Primo capitolo dell'ultimo libro di Mauro Corona, "La ballata della donna ertana". Un canto in onore delle donne, scritto in dialetto e impr...

Advertisement

Recommendations could not be loaded

Recommendations could not be loaded

Recommendations could not be loaded

Recommendations could not be loaded