Page 1

LA

N E W S L E T T E R DISTRIBUZIONE GRATUITA

Newsletter di libera informazione – Autoprodotta – Anno VII – Numero 1 – GENNAIO 2019

Uno spazio giochi per i bambini in chiesa durante la messa

Cani in cella con i detenuti a Cagliari per il reinserimento sociale

Permessi legge 104 e congedo straordinario per l'assistenza di familiari disabili LE BELLE NOTIZIE A ROMA IL PRIMO ALBERGO ETICO DOVE I DIPENDENTI SONO RAGAZZI DISABILI

STORIE

DISABLED TRAVELER Consigli di viaggio

ecco come in Romania l'associazione Parada salva i bambini dal degrado

All'interno la rubrica PRENDI NOTA, consigli ed informazioni per affrontare meglio la crisi


-----------------------------------la voce ai cittadini--------------------------------------

Si riparte. Abbiamo tutti una bicicletta, più o meno vecchia, più o meno sportiva o da passeggio. Quindi? Ora tutti in sella, punte dei piedi sui pedali, e via! Ognuno avrà il proprio passo, chi fa gare, chi fa turismo, chi vorrebbe poter pedalare, ma non riesce. Abbiamo una strada lunga, basta non sfiancarsi subito, prendiamo il ritmo giusto, quello che ci fa arrivare fino in fondo senza il fiatone. Guardiamo anche il paesaggio intorno, magari noteremo un albero o un fiore che lo scorso anno non abbiamo notato. Guardiamo chi c'è intorno a noi, magari potremo fare un pezzo di strada insieme. In ogni caso, divertiamoci, e ricordiamoci di suonare il campanello della vita. Ahhh... occhio alle buche!

PAOLO FORSENNATI


GENNAIO 2019

-----------------------------------------------------------------------------------------

IN QUESTO NUMERO :

29 ATTUALITA' 13 Cradle to Cradle, ovvero il riciclo per la tutela dell'ambiente

20 A Torino in chiesa i bambini giocano affianco ai genitori che assistono alla Santa messa

27 In carcere a Cagliari cani e detenuti per costruire un futuro

28 A Roma un albergo etico dove lavorano persone con handicap

41 Permessi Legge 104, tutto quello che c'è da sapere

INTERVISTE 29 Stefania Andriola

Un cielo senza nuvole

20


-----------------------------------la voce ai cittadini--------------------------------------

27

41 RUBRICHE

35

15 Cibo e salute a cura di Silvia Bianco

INOLTRE

21 INsuperabilissimi viaggiatori a cura di Marcella Stasio e Diego Cuccurullo

40

L'angolo della poesia Di Aurelio Albanese

35 Vite in cerca di aiuto a cura di Rita Venturoli per PARADA

41 Consigli ed informazioni utili

SU TUTTI I NUMERI

21

11 Editoriale di Serafina Bruna Raffaele

Ultima di copertina di Sabina Suman

Le fotografie pubblicate sono e restano di proprietĂ degli autori.


7

-----------------------------------la voce ai cittadini--------------------------------------

IN REDAZIONE SERAFINA BRUNA RAFFAELE editorialista e supervisore Mi sono sempre occupata di organizzazione eventi, di commercio e di pubbliche relazioni. Ho lavorato in Radio, nel settore dello spettacolo ed ho avuto un'agenzia turistica, prima in Italia, che si occupava di passaggi in barca a vela e autostop organizzato. Avendo viaggiato molto per lavoro e diletto ho avuto la possibilità di approfondire le lingue inglese e francese. Dal mese di Novembre 2013 curo NOI PER IL SOCIALE che diffonde e parla del mondo della disabilità e consiglia, con suggerimenti di vario genere, come affrontare al meglio le difficoltà.

VINCENZO TORELLI interviste e progetto grafico Autore e compositore di canzoni, sigle Tv e colonne sonore ha collaborato con moltissimi artisti del panorama musicale italiano. Partecipa come ospite in molti eventi benefici, ha fatto parte della Nazionale Artisti Tv ed è attualmente il capitano della Nazionale Calcio Spettacolo. Cura e realizza la grafica e l'impaginazione di NOI PER IL SOCIALE. Si occupa dei contatti e delle interviste per la testata.

MARCELLA STASIO e DIEGO CUCCURULLO bloggers Ciao, siamo Diego e Marcella, marito e moglie disabile e curiamo un blog d'informazione sul turismo accessibile nel mondo. La nostra missione di "Disabled traveler tester", è nata per aiutare chi è portatore di handicap ad orientarsi verso siti accessibili, senza incorrere in brutte sorprese. Lo facciamo attraverso schede recensive relative ad attrazioni, hotel, ristoranti e B&B di tutto il mondo, basandoci sulle nelle nostre esperienze di viaggio perciò, mettetevi comodi e partiamo!

PAOLA MASCHIO Esperta musica cristiana Dal 1995 si occupa della promozione di musica cristiana attraverso internet, stampa (giornali e radio). Ha creato il sito per l'Associazione Magnificat artisti cristiani Europa e il sito “Informazione Musica Cristiana”. Ha collaborato come ufficio stampa per moltissimi festivals internazionali. Collabora con le associazioni di artisti cristiani CAM (USA) “Il Mio Dio Canta Giovane “ (ITALIA) “MUSICA CATOLICA” (AMERICA LATINA). La rubrica che cura su queste pagine si intitola VOCI E PAROLE.

RAFFAELLA FANELLI blogger Laureata in storia antica, lavoro nell'ambito informatico. Sono molto interessata al mondo dell'economia eco solidale, dei GAS e dei prodotti bio. Da sempre attenta al sociale mi dedico volontariamente sul “campo” e scrivo di questo nella rubrica OGGI VI PARLO DI.

http://renzoaleandri.wix.com/noiperilsocialenews


8

-----------------------------------la voce ai cittadini--------------------------------------

RITA VENTUROLI Associazione Parada Romania Intanto mi presento sono Rita Venturoli e mi occupo della comunicazione di Parada sia in Italia che in Romania. Chi già ci segue ha avuto la possibilità di conoscere Miloud e di essere al corrente delle attività che sviluppiamo sia in Romania che in Italia. La rubrica che curo si intitola VITE IN CERCA DI AIUTO dove racconto le storie dei bambini di Bucarest.

PAOLO FORSENNATI fotografo copertine E' una persona che adora l'arte e la creatività in tutte le sue espressioni, arrivata alla fotografia dall'hobby adolescenziale fino ad una vocazione adulta, consapevole e appagante. Gli piace entrare in sintonia con il paesaggio o le persone e situazioni descrivendoli con la sua personale visione, un pò onirica. Si definisce un ladro di immagini e di sensazioni. E' l'autore delle nostre copertine.

JACOPO TOMASI Ufficio Stampa EDIZIONI ERICKSON Si occupa di recensire e presentarci mensilmente tre libri da lui stesso selezionati. La scelta, sempre felice, è dettata da opere che “abbracciano” la nostra linea editoriale trattando temi di sicuro interesse per i nostri lettori. Lavora come ufficio stampa per la nota casa editrice Erickson. La sua rubrica si intitola LIBRI DA LEGGERE.

CESAR vignettista Illustratore, fumettista, vignettista. Ha pubblicato su Topolino, Dolly, il Corriere dei Piccoli, il Messaggero dei Ragazzi, Panorama, Seiotto, e attualmente su Piemme, Ragazzi, la Giostra, il Bollettino, Dimensioni Nuove, Seat Pagine Gialle e l'agenda Smemoranda. Illustra libri per l'infanzia scolastica per vari Editori e collabora per varie agenzie grafiche e pubblicitarie. Ogni mese ci regala una vignetta.

SABINA SUMAN grafica Vive in provincia di Verona. Dopo la passione per il pc, che usa anche per lavoro, nasce nel 2005 la passione per la grafica con l’uso principalmente di Adobe Photoshop. Nei primi anni crea immagini correlate alle sue poesie, altro suo interesse smesso nel 2009, in seguito lascia libero sfogo alle elaborazioni secondo l’ispirazione creativa del momento, usando foto proprie, di amici o da internet. Non potendo dedicarsi alla pittura, per problemi fisici, ha trovato nella grafica al computer un valido strumento di liberazione artistica. Realizza immagini per copertine di libri e cd, cataloghi, manifesti, locandine e immagini di vario genere, anche a tema religioso con citazioni della Bibbia. L'ultima di copertina è sua.

http://renzoaleandri.wix.com/noiperilsocialenews


9

-----------------------------------la voce ai cittadini--------------------------------------

SILVANA ALASIA artista e pittrice E' illustratrice e autrice di molti libri soprattutto per l'infanzia pubblicati da note Case Editrici come De Agostini, Fabbri Editori, Sei, Panini, E. Elle, Daniela Piazza e molte altre. E' autrice di una numerosa serie di prestigiose collezioni di Tarocchi edite dalla nota Casa Editrice Lo Scarabeo. Inizia giovanissima la sua carriera pittorica presentandosi con la grafica, ricevendo premi e riconoscimenti ed espone i suoi primi lavori con personali e collettive. Negli anni successivi evolve la sua passione per la pittura figurativa del realismo contemporaneo. Collabora con gallerie in diverse città d'Italia. In seguito entra a far parte della Società Promotrice delle Belle Arti di Torino: una sua opera si trova esposta all'interno del Palazzo. Un'altra si trova al C.O.N.I. esposta a “Casa Italia” nell'Olimpiade di Vancouver 2010. Per noi si occupa di ricercare e proporre film poco conosciuti al grande pubblico, ma pieni di contenuto. La rubrica multimediale si intitola PIiLLOLE DI SAGGEZZA segnalazioni di film che fanno crescere e arricchire il senso della vita e si può vedere e leggere sul nostro sito web.

SILVIA BIANCO counseling alimentazione naturale e vegana Sono laureata in legge ma di quello studio poco ho fatto nella mia vita. Da sempre sono stata affascinata dalla relazione con il cambiamento e dalla vita immersa nella natura. Dopo un master in peacekeeping che mi porta a viaggiare in diverse parti del mondo, tornata in patria, mi iscrivo ad un corso di studi sul counseling dove apprendo tecniche e dinamiche sull'arte del cambiamento. Tre anni fa grazie ad un problema di salute mi avvicino alla cucina macrobiotica e lì la mia vita ha una svolta. Osservando i benefici quotidiani sulla mia salute di questa cucina semplice e vicina alla natura, mi iscrivo al mio primo corso di cucina macrobiotica e vegana. Torno a casa con una tale gioia e con tanti sapori nuovi in bocca che dico con un entusiasmo travolgente a mio marito: “ho deciso di frequentare tutto il percorso di terapia alimentare della scuola la Sana Gola, voglio conoscere di più sugli effetti di questo cibo”. E così fu, terminato il corso di studi ora desidero aiutare le persone che vogliono affrontare un cambiamento alimentare ad attuarlo nel modo più semplice ed efficace possibile. Metto a disposizione le mie riflessioni, le mie letture e le mie conoscenze ma soprattutto la mia esperienza (anche i miei pasticci in cucina) in merito nel blog Cucinaincambiamento, attraverso newsletter e conferenze informative e degustative, offro anche consulenze personali per chi vuole capire come affrontare diversi problemi di salute con l'alimentazione naturale. CIBO E SALUTE è la rubrica che cura.

CLAUDIO GIRARDI atleta paralimpico Presidente e giocatore del Torino F.D. (FOR DISABLE) e nel giro della Nazionale azzurra di calcio a 7 Disabili introduce questo mondo calcistico sconosciuto al grande pubblico per cercare di diffondere questa disciplina che è riconosciuta a livello paralimpico. La sua rubrica si intitola IL CALCIO DISABILE...L'ALTRO CALCIO.

http://renzoaleandri.wix.com/noiperilsocialenews


10

-----------------------------------la voce ai cittadini--------------------------------------

...E QUESTO MESE SUI NOSTRI SPAZI WEB POTETE TROVARE...... La pagina / rubrica “iPILLOLE DI SAGGEZZA segnalazioni di film che fanno crescere e arricchire il senso della vita”. Visitando il sito potrete vedere i film che la nostra Silvana Alasia ci consiglia da questa pagina, ma che si vedono e si “leggono” sul web. Come ? Sul sito NOIPERILSOCIALENEWS alla voce films selezionati per voi o al link presente sulla nostra pagina Facebook guarda il video. Oltre al film di questo mese, sul nostro sito web si possono vedere anche THE SCHIFT, CONVERSAZIONI CON DIO, LA PROFEZIA DI CELESTINO e tanti, tanti altri.

http://renzoaleandri.wix.com/noiperilsocialenews


11

-----------------------------------la voce ai cittadini--------------------------------------

EDITORIALE Si

Si ricomincia.... Altro giro, altra corsa... Sta per partire il treno 2019 destinazione nuovi sogni e grandi speranze. Pieni di valigie stracolme di buoni propositi ci accingiamo ad affrontare questo nuovo viaggio. Riusciremo ad arrivare in orario e senza perdere pezzi per strada ? Noi vi promettiamo di mettercela tutta, di dare voce a nuove storie, ed accendere luci su notizie che faticano a trovare spazio. Insomma questo 2019 speriamo ci porti lontano. Auguri. SERAFINA BRUNA RAFFAELE

NOI PER IL sociale Newsletter di libera informazione autoprodotta Anno VII – numero 1 – Gennaio 2019 Da un'idea di: Serafina Bruna Raffaele Foto di copertina di : Paolo Forsennati Articoli e rubriche di: Vincenzo Torelli Progetto grafico ed impaginazione: Studio SCRICCIOLOIDEE Torino Questo numero di “NOI PER IL sociale” viene inviato gratuitamente via mail a 3000 persone Per informazioni, invio foto e segnalazioni scrivere a: noiperilsociale@gmail.com TUTTO IL MATERIALE SPEDITO NON VERRA' RICONSEGNATO


12

-----------------------------------la voce ai cittadini--------------------------------------

La felicitĂ non esiste. Di conseguenza non ci resta che provare ad essere felici senza.

Jerry Lewis pseudonimo di Joseph Levitch 16 marzo 1926

20 agosto 2017


13

-----------------------------------la voce ai cittadini--------------------------------------

Notizie che solleticano la voglia di sapere

Oltre il riciclo: dalla culla alla culla Eliminare il concetto di rifiuto, rivoluzionando i sistemi di produzione e di progettazione dei beni. Secondo il chimico tedesco Michael Braungart, guru del modello “Cradle to Cradle”, si può fare. Le 4 R (Riciclare, Ridurre, Regolamentare, Riutilizzare) sono un modo per "limitare i danni", ma restano legate alla “riduzione dell’impronta ambientale”. Un concetto da rifiutare perché non scende abbastanza in profondità, operando all'interno dello stesso sistema che ha causato il problema e lo rallenta sia con proibizioni morali sia con sanzioni. Implica un “errore che l’uomo si porta dietro”, mentre noi abbiamo enormi potenzialità inespresse per giovare al pianeta. Da quando ha lasciato la direzione del presidio sulla chimica di Greenpeace, circa 30 anni fa, Braungart sta aiutando migliaia di aziende ad esprimere queste potenzialità. Lo fa attraverso l’Environmental Protection Encouragement Agency da lui fondata, dove sono create vernici che mangiano lo smog, moquette che puliscono l’aria, magliette biodegradabili e molti altri ritrovati innovativi. Tutti i prodotti portano il bollino C2C, ormai molto popolare negli USA e promosso attivamente anche da un drappello di celebrità. Nell’articolo “Credetemi, il mondo non è usa e getta”, pubblicato il 23 ottobre sul quotidiano Il


14

-----------------------------------la voce ai cittadini--------------------------------------

quotidiano Il Corriere della Sera, Elena Comelli spiega la posizione di Braungart. La vera sfida non è mutare la struttura industriale attuale, che si limita a minimizzare i danni, ma ripensare dalle radici un nuovo modello produttivo: un sistema industriale virtuoso, in grado di eliminare i rifiuti. Il primo passo consiste nell’evitare il riciclaggio, riportando alla natura ciò che è stato "prelevato" in termini di materie prime. E’ quindi necessario progettare un bene e pensare al modo per evitare la sua morte. Dalla culla alla culla e non più dalla culla alla tomba (della discarica): questa la celebre formula del chimico tedesco. Nell’era del design rigenerativo è necessario escludere i materiali tossici e organizzare la catena distributiva dando modo ai prodotti di tornare al loro bacino d’origine d’origine. Per i materiali organici il ritorno porta alla terra, per i materiali tecnici il riutilizzo è invece infinito. Quando i due materiali vengono uniti in un prodotto, la responsabilità del riutilizzo ricade sulle spalle del produttore. In questo modo i rifiuti industriali sarebbero praticamente azzerati. Come far funzionare questo modello in un’economia di mercato, basata sulla domanda del cliente? Dovremmo passare dalla vendita di prodotti alla vendita di servizi, forma di leasing ecologico che permette di utilizzare materiali migliori di quelli oggi utilizzati per minimizzare i costi. Braungart cita l’esempio della macchina noleggiata per compiere una certa distanza, i cui componenti sono incollati, non più saldati, e poi staccati e riutilizzati. Apparentemente futuristico, ma è tutto reale. Airbus, ad esempio, ha ridotto i costi del 20% grazie ai rivestimenti per sedili biodegradabili, certificati C2C. Come dice Braungart, “ci vuole pazienza, ma alla fine il cerchio si chiude”.


15

-----------------------------------la voce ai cittadini--------------------------------------

A cura di SILVIA BIANCO

Sono appena finite le feste, quelle dove ci si riunisce in famiglia e tra amici, quelle dove non esistono più “restrizioni alimentari” e ci si concediamo spensierati a dolci e piatti ricchi per festeggiare. Per nostra fortuna c’e un cereale che ci puo aiutare a ritornare in equilibrio ed in forma : il riso integrale. Per la medicina tradizionale cinese siamo a cavallo tra due energie , l’energia che sollecita intestino crasso e polmoni, e l’energia acqua. Il riso integrale e ricco di tanti componenti con effetti riequilibranti: e ricchissimo di fibre, solubili ed insolubili, capaci di ridurre il colesterolo e di favorire il transito gastrointestinale e l’aumento della produzione di acidi grassi a catena corta ad opera di “batteri buoni”. Grazie agli acidi ferulico e idrossicinnamico che vengono originati dai batteri intestinali a partire da polisaccaridi presenti nella fibra, il riso integrale ha un effetto antinfiammatorio su tutti gli organi digestivi del nostro corpo ed in particolare sul colon. Di fatto, per la medicina tradizionale cinese, e il cerale per eccellenza utilizzato per riportare equilibrio nell’intestino crasso ed in caso di problemi di pelle che, per questa antica medicina, sono lo specchio di una situazione intestinale poco equilibrata. Il processo di lavorazione del riso integrale conserva gran parte delle componenti naturalmente presenti in questo cereale mantenendolo integro e completo. Oltre alle fibre , il riso integrale presenta una buona quantita di vitamine, minerali e di acidi grassi essenziali (soprattutto nel germe), per questo e considerato anche un buon antiossidante.


16

-----------------------------------la voce ai cittadini--------------------------------------

Antiossidante. Inoltre grazie a questa lavorazione che mantiene intatta la sua fibra contiene il doppio di ferro, calcio e fosforo e della vitamina E del riso bianco (che puo essere usato con meno frequenza). Inoltre, nel riso integrale, sono ottimali il quantitativo ed il rapporto fra potassio e magnesio, utili per mantenere una corretta massa ossea ed un’efficace funzionalita muscolare. E’ ricco di omega 6 e omega 3 La Fao sostiene che il riso, integrale in particolare, e il cereale con le proteine a piu alto valore biologico perche contiene quasi tutti gli otto aminoacidi essenziali che dobbiamo introdurre con gli alimenti. Il riso integrale quindi e il cereale che ci apporta le proteine di migliore qualita. Questo cereale si trova in commercio in diverse forme: il riso integrale, il riso semiintegrale ed il riso brillato. Il riso integrale e quel tipo di riso al quale viene rimosso solo lo strato fibroso piu esterno detto lolla e poiche non vengono eliminati gli strati sottostanti e il piu indicato da usare con maggiore frequenza. Prova a mangiare almeno una volta al giorno un piatto con del riso integrale per un mese e scoprirai come puo creare equilibrio nel tuo intestino ed in tutti i tuoi organi. E’ molto utile anche nei processi di dimagrimento perche ha l’effetto di asciugare i tessuti. Una tazza fornisce l’80 per cento del nostro fabbisogno giornaliero di manganese che aiuta a sintetizzare i grassi del corpo e migliora anche il sistema nervoso e riproduttivo. Aiuta a stabilizzare gli zuccheri nel sangue, quindi e una ottima scelta per chi ha problemi di insulino-resistenza, sindrome metabolica, diabete. Il riso integrale e perfetto per i bambini anche per le sue enormi proprieta nutritive che aiutano la crescita. Inoltre e di aiuto nei trattamenti per eliminare la candida e per prevenirla poiche e a basso contenuto glicemico e di zuccheri . Mangiarlo almeno 6 volte alla settimana e particolarmente vantaggioso per le donne in menopausa, crea equilibrio, previene malattie cardiovascolari e regolarizza la pressione alta, oltre ad aiutare a prevenire calcoli biliari. Ecco alcuni accorgimenti : il riso integrale andrebbe sciacquato prima della cottura in modo accurato finche l’acqua diventa limpida. Poi puo essere utilizzato in diverse preparazioni da porridge dolci a risotti a sformati a torte salate. Dopo averlo sciacquato basta metterlo a cuocere 45 minuti con il doppio di acqua ed un pizzico di sale marino integrale, coprirlo e lasciare che si assorba tutta l’acqua. Puo essere custodito in un tupper per due giorni ed utilizzato in diverse preparazioni come questa : Porridge di riso integrale con cannella, cardamomo, uvetta e mela N.B. Se non hai tempo di cuocere il riso integrale questo porridge puo diventare rapidissimo anche utilizzando dei fiocchi di riso integrale.


17

-----------------------------------la voce ai cittadini--------------------------------------

Preleva dal tupper dove hai custodito il riso integrale mezza tazza da colazione, fallo scaldare con una tazza di bevanda vegetale senza zuccheri di riso integrale, aggiungi un pizzico di sale marino integrale per equilibrare il gusto dolce ed esaltarlo, lava una manciata di uvetta e aggiungila. In cottura aggiungi un cucchiaino di cannella, una bacca di cardamomo aperta, un cucchiaio di malto di riso (se non ci sono problemi di glicemia e ti piace il gusto dolce), due mele rosse con la buccia tagliate a tocchetti. Cuoci tutto per una decina di minuti. In una padella tosta delle noci, frullale e poi servi il porridge con una spolverata di noci. Un altro cereale integrale adatto per il periodo invernale e il grano saraceno. Per la medicina tradizionale cinese e un cereale riscaldante infatti ha origine negli altopiani della Russia, della Cina e dell’Asia e utilizzato laggiu nella cucina tradizionale proprio per questo scopo. E’ un cereale senza glutine, ottimo per chi ha problemi di celiachia. E’ molto buono nelle zuppe e minestroni, ma i piu creativi possono sbizzarrirsi anche in nutrienti porridge. Con la farina di grano saraceno si possono creare dei buonissimi pancake che, con una buona marmellata senza zucchero, possono costituire delle divertenti colazioni famigliari oppure degli spuntini “spezza fame” da portarsi dietro, prima magari di una sessione di sport. I legumi piu indicati per la stagione invernale per il loro effetto nutriente e riscaldante sono i fagioli neri. Per la medicina tradizionale cinese sono fagioli che aiutano a risolvere particolarmente tutte le problematiche in cui bisogna portare equilibrio ormonale. I fagioli neri sono degli ottimi alleati per chi segue una alimentazione a base vegetale perche ricchi di carboidrati, proteine, fibre, fosforo, potassio. Il colore nero indica per la medicina tradizionale cinese una corrispondenza con l’energia acqua quindi e un alimento che aiuta a rafforzare i reni e la vescica. Per la scienza della nutrizione il colorito nero significa che questi fagioli sono ricchi di antociani, antiossidanti potenti nel contrastare l’azione di radicali iberi e di bioflavonodi, molecole che hanno una importante funzione nel rafforzare i capillari sanguigni e la


18

-----------------------------------la voce ai cittadini--------------------------------------

microcircolazione. Sono ottimi per stufati saporiti con un pizzico di curry, un trito di carote, cipollotto e cavolo nero, un cucchiaio di olio extra vergine di oliva e qualche goccia di tamari. Fantastici poi come crema golosa, se cotti senza sale, e poi mescolati con della crema di nocciola, del malto di riso e qualche cucchiaio di cacao amaro. Dopo aver mescolato tutti questi ingredienti e averli cotti, frullali ed otterrai una golosissima crema sana e nutriente da spalmare in una croccante galletta di riso integrale o di grano saraceno. L’orto ci regala ancora colori caldi e gusti intensi: barbabietola rossa, cicoria, sedano rapa, bietola, broccoli, cardi, carote, cavolfiori, cavolini di Bruxelles, cavolo cappuccio, cavolo verza, cime di rapa, cipolle, fagioli, finocchi, frutta in guscio, funghi, indivia, lattuga, patate, porri, radicchio, ravanelli, rape, sedano sedano, scalogno, spinaci, tartufo bianco e nero, topinambur, valerianella, zucche. E come frutta: arance, bergamotto, cachi, castagne, cedri, clementine, kiwi, limoni, mandarini, melagrana, mele, mele cotogne, pere, pompelmi, uva. Un ultimo piccolo accorgimento: cominciare a consumarla cotta per prevenire i raffreddori. La medicina tradizionale cinese insegna che quando fuori fa freddo bisogna portare calore nel corpo attraverso gli stili di cottura e la scelta di frutta e verdura del nostro territorio. E con questi consigli auguro alle mie lettrici e ai lettori un luminoso inizio anno sempre più in contatto con la natura ! Love, trust, care Silvia


20

-----------------------------------la voce ai cittadini--------------------------------------

CURIOSANDO

IN CITTA'

Uno spazio giochi per i bambini in chiesa durante la messa Nella parrocchia di San Giulio d'Orta nel quartiere

Vanchiglietta a Torino affianco a sedie e banchi per fedeli adulti c'è un piccolo spazio con tappeti colorati per i più piccolini. 3 metri quadrati recintati con giochi vari e ricoperti a terra da piastrelle di tutti i colori imbottite così i bambini possono stare seduti a giocare e non prendere freddo. In questo modo mentre mamma e papà seguono la messa i figlioletti sono vicini a loro, e al sicuro. Un modo per portarli con il loro mondo anche in chiesa, senza separarli e consentendo loro di seguire la messa con spontaneità, ora non piangono o gridano, non si sentono costretti, stanno tranquilli e giocano. Una bella idea sicuramente da esportare.


21

-----------------------------------la voce ai cittadini--------------------------------------

Rubrica di Marcella Stasio e Diego Cuccurullo

Ciao viaggiatori, e felice Anno nuovo! Come avete trascorso le vostre vacanze natalizie? Siete stati in famiglia come vuole la tradizione, o avete viaggiato? Noi abbiamo festeggiato con i nostri cari e gli amici, e Babbo Natale è stato molto generoso con tutti. Ormai però, è già tempo di salutare lo spirito del Natale e ritornare alla quotidianità fatta di lavoro, impegni, famiglia e...viaggi! Riprendiamo perciò il nostro tour nell'Europa dell dell'est, servendoci delle schede recensive che ci aiutano a comprendere meglio quali sono i luoghi accessibili e quali invece, sono quelli da evitare. Vi consigliamo e ricordiamo di conservarle di volta in volta perchè, siamo sicuri, potranno tornarvi utili nel momento in cui vi troverete in uno di questi luoghi... Buona lettura!

Diego e Marcella Disabled traveler tester per Inviditrip RITAGLIA E CONSERVA


22

-----------------------------------la voce ai cittadini--------------------------------------


23

-----------------------------------la voce ai cittadini--------------------------------------


24

-----------------------------------la voce ai cittadini--------------------------------------


25

-----------------------------------la voce ai cittadini--------------------------------------


-----------------------------------la voce ai cittadini--------------------------------------

27

SUCCEDE ANCHE QUESTO Notizie che fanno bene al cuore 1 Si chiama “Usciamo dalle gabbie” il progetto che sta prendendo

forma nel carcere di Cagliari-Uta. Con gli amici a quattro zampe nel penitenziario, fianco a fianco, per provare a costruire una nuova vita. Sarà compito dei detenuti prendersi cura dei cani, giorno e notte, e si tratta di un progetto che in Italia non ha precedenti, solo in America è già stato 1 sperimentato. In un luogo in cui le relazioni sono limitate dalla pena, cani e detenuti potranno costruire un legame che di certo sarà di aiuto, non solo per il reinserimento sociale, ma anche per la creazione di una nuova opportunità di lavoro per chi si appresta a tornare in libertà.

2

2

L'ortoterapia è un trattamento vero e proprio, un

utile strumento nei percorsi di cura di molte patologie e di riabilitazione, ma è anche attività che semplicemente infonde benessere nessere in chi la pratica. Tutto questo è quello che accade ogni giorno al Parco delle Rupicole di Torre Maura a Roma dove persone con lievi disabilità mentali e fisiche lavorano la terra per acquisire abilità, autonomia e migliorare la loro capacità di interazione. Il Parco è un giardinogiardino multisensoriale, un luogo naturale realizzato allo scopo di stimolare i cinque sensi attraverso le piante e particolari installazioni opportunamente costruite. Il progetto prende vita grazie alla collaborazione della ASL Roma B C.S.M. la Cooperativa Sociale COSPEXA, la ASL Roma B C.D. Riabilitativo, la Fabbrica dei Sogni e la Cooperativa Antigone.


-----------------------------------la voce ai cittadini--------------------------------------

28

3

A due passi da piazza del Popolo, aperto ad ogni tipo di clientela, è nato il primo albergo etico a Roma dove il personale è formato da persone con disabilità, affiancate da professionisti del settore. Nato dall'idea di un ristoratore romano Antonio Pelosi prende vita in una palazzina di inizio 900 sita in via Pisanelli. E' uno dei primi esempi in Italia di inclusione sociale con una formazione professionale orientata alla ricettività turistica e segue il modello già sperimentato ad Asti. “E' importante che la gente venga a vedere questo posto - spiega Pelosi -, che venga a vedere che la disabilità non è solo una questione da sopportare, ma può essere invece utile al mondo. Bisogna recuperare queste persone, fargli sentire che hanno un ruolo ed un'importanza e non devono solo stare ad aspettare la pensione. Così abbiamo scelto di avere anche clienti che 3 vengono a prendere un caffË o un panino e a vedere come si lavora in un luogo etico”. Tutti i guadagni saranno reinvestiti nella formazione di altri ragazzi con disabilità, “Il nostro scopo - aggiunge l'ingegnere Pelosi – è, non solo quello di offrire loro una opportunità di lavoro, ma la necessaria formazione. Poi continuare a occuparci di questi giovani per fargli raggiungere la propria autonomia”.


29

-----------------------------------la voce ai cittadini--------------------------------------

Intervista di Vincenzo Torelli

Dalla pubblicità al giornalismo sino ad approdare al Meteo sulle reti Mediaset, hai voglia di raccontarci un po i tuoi esordi? Ho iniziato a lavorare nelle pubblicità sia cartacee che video quando ero ancora una bambina. Allora il mio ruolo era quello della “figlia” nelle famiglie stile “Mulino Bianco” che si vedono negli spot. Crescendo mi è poi capitato di essere spesso la protagonista di spot tormentoni come Valsoia (tutti si ricordano di Marco e Francesca che hanno detto no al colesterolo, ebbene io ero Francesca), Colussi (dove ridevo a crepapelle non credendo che i biscotti fossero senza zucchero), McDonald's, Barilla, Kinder Ferrero e tanti altri. Tra i 19 ed i 20 anni ho iniziato a lavorare nelle tv private piemontesi, lo sport è sempre stato una mia passione e così, a 20 anni ho iniziato a lavorare come inviata per il programma "Fischio d'inizio" che trattava tutte le discipline sportive. Nel 2003 sono inviata al Giro d'Italia, manifestazione che mi ha permesso di conoscere non solo un nuovo ambiente, ma anche famosissimi giornalisti. Questa esperienza ha fatto scattare in me la voglia di migliorarmi


30

-----------------------------------la voce ai cittadini--------------------------------------

iniziare a seguire seriamente il ciclismo da un punto di vista diverso, e nel 2008 ho iniziato a condurre "Bike Show" insieme all'ex ciclista professionista Danilo Gioia, un programma in onda su web, Play tv, Canale Italia e Sport Channel. Sempre in quello stesso anno seguo tutto il Giro d'Italia come giornalista per la Gazzetta dello Sport e sono stata il primo volto della web tv "Altrogiro Tv", esperienza replicata nel 2010 con “Gira e Rigira”. Lavorare in un centro meteorologico credo fosse un po nel mio destino. Ricordo che da piccola passavo ore con il naso appiccicato alla fnestra della mia cameretta, guardando il cielo e le nuvole passare. Mio padre mi chiamava “la mia Bernacca”, ma allora mai avrei potuto immaginare di diventare una “meteorina”. Lavoro al Centro Epson Meteo da febbraio 2010 e non dimenticherò mai la prima volta che sono andata in onda, era il 14 luglio di quell'anno. Una data molto importante direi che ha visto il mio esordio nel Tg5. Quello stesso anno nacque l'esigenza di affancare ai meteorologi volti noti delle reti Mediaset, tra cui i giornalisti. L'idea si è rivelata vincente, ed ha cambiato il modo di comunicare le previsioni del tempo trasformando la lettura del bollettino meteo come si fa con una qualsiasi altra notizia, come se fosse un pezzo di cronaca, e la continua sinergia tra studiosi del tempo e giornalisti ha fatto si che i messaggi veicolati nelle case degli italiani diventassero con gli anni sempre più leggibili e facili da comprendere per tutti. Una volta avuta la previsione entra in gioco il mio ruolo, ovvero capire quale sia la vera notizia da comunicare. Il tempo infuenza differenti aspetti della nostra vita, come i meteoropatici che si sentono tristi e di malumore senza sole. Sapere che tempo farà è fondamentale come ad esempio per particolari colture agricole, o prima di mettersi in viaggio, per le attività commerciali, e per gli sport all'aperto, ma soprattutto per le categorie a rischio e più deboli come gli anziani ed i bambini. E così nel momento in cui mi trovo a dover comunicare il messaggio meteo, in forma orale o scritta, parto con quella che per me è "la notizia". Ad esempio in estate Nata a Torino ama praticare sport, viaggiare ed i cani. Dal 2009 è giornalista pubblicista. Fin dalla più tenera età debutta nel mondo televisivo come protagonista di alcune pubblicità fino a diventare il volto di spot come per il gelato Valsoia o per i biscotti Colussi. Decide di seguire la strada del giornalismo ed inizia nelle televisioni piemontesi come inviata per Fischio d’Inizio. Nel 2003 partecipa al Giro d’Italia e decide di migliorarsi sempre di più. Cinque anni dopo, arriva alla conduzione di Bike Show e segue il Giro d’Italia per la Gazzetta dello sport. Inoltre, la troviamo in Love Bugs 3, L’amore spezzato e Guardie di confine. Dal febbraio 2010 lavora al Centro Epson Meteo con Meteo.it.


31

-----------------------------------la voce ai cittadini--------------------------------------

preferisco richiamare l'attenzione sulle temperature percepite dal nostro corpo che con il caldo afoso spinto dall'Anticiclone Nordafricano arrivano anche oltre 40 gradi, piuttosto che dilungarmi su una cartina all'insegna del sole su quasi tutta l'Italia. In questo periodo mi focalizzo molto sulle nebbie e sulle gelate che possono purtroppo creare incidenti. L'amore per il giornalismo ti ha "strappato" alla tua città natale che è Torino, che rapporto hai con le tue origini, e quando ritorni cosa ami fare di più ? Ormai torno sempre meno, anche perché un anno fa i miei genitori si sono trasferiti in Lombardia per riunire la famiglia, e non dovendo più ritornare per stare con loro, i miei viaggi sulla MilanoTorino sono diminuiti drasticamente. Però quando lo faccio avverto sempre i miei amici storici, perché quando torno non posso non approfttarne per perché dare loro un abbraccio. Ho diversi amici anche a Milano, ma in Piemonte ritrovo le persone con cui sono cresciuta, con cui ho passato l'adolescenza: amiche delle medie, del liceo e perfno delle elementari. Cerco poi di non farmi mancare mai una passeggiata ai Murazzi, con vista sulla Gran Madre e sul Monte dei Cappuccini. In questo periodo di festività vorrei tanto riuscire a fare un salto per godere delle luci natalizie d'artista che da sempre mi sono rimaste nel cuore. Sei anche stata attrice in sit-com e fiction .... Tra il 2005 ed il 2007 ho lavorato nella sit-com "Love Bugs 3" dove interpretavo il ruolo dell'amica della protagonista (Giorgia Surina), nella fction svizzera "Linea di confne" dove il mio personaggio si chiamava Enrica e nella fction Mediaset "L'amore spezzato" dove interpretavo la parte di una giornalista tv (che sia stato un ruolo profetico?). Tra il 2000 ed il 2002 invece avevo fatto anche qualche comparsata in Vivere e Cento Vetrine. Ogni esperienza professionale mi è servita e mi ha fatto


32

-----------------------------------la voce ai cittadini--------------------------------------

fatto crescere, e questo mi ha insegnato a stare davanti ad una telecamera e a gestire le mie emozioni. Cosa ti piace di più di quello che fai ? Mi affascina molto conoscere la meteorologia e capire come si interpretano le previsioni del tempo, è importante perché gli eventi atmosferici condizionano la vita di ciascuno di noi, dalla scelta del mezzo con cui andare al lavoro, a fare una gita fuori porta, dal risparmio energetico in inverno, ed alla protezione civile durante eventi meteo estremi in un territorio come il nostro affetto dal dissesto idrogeologico. Negli ultimi anni la scienza delle previsioni del tempo è cresciuta in tecnologia e affdabilità, tanto da focalizzare su di sé sempre più attenzione. Di contro la maggior parte delle persone non è consapevole di cosa effettivamente siano le previsioni del tempo, di quanto siano diventate affdabili e di quanto siano fondamentali. Scienza, tecnologia ed innovazione in campo ambientale assumono un ruolo sempre più cruciale nel futuro della nostra società. noi oggi costruiamo quello che sarà il domani. Poi quello che amo tantissimo è il mio “duplice” ruolo che mi permette di avere il mio lavoro: quello televisivo e radiofonico e quello di scrittura di articoli che vengono poi pubblicati sul nostro sito e su tgcom24. In ultimo prevedere i cambiamenti climatici, raccontare la meteorologia, è il modo migliore che potevo trovare per ricordarmi che domani, comunque e sempre, tornerà il sole. So della tua "passione" per trasmissioni come LE IENE e STRISCIA LA NOTIZIA, non è che ci stai facendo un pensierino ? Il mio lavoro mi piace molto ed onestamente cerco di migliorarmi ogni giorno. Striscia e Le Iene sono tra i miei programmi preferiti perché riescono a dare voce e spazio anche a chi da solo non ce la farebbe. Ti confesso che un mio sogno nel cassetto sarebbe in realtà condurre un programma di viaggi, con me in giro per il mondo pronta ad affrontare qualsiasi sfda. Facciamo finta lo stesso che sei una delle inviate di Striscia, quale argomenti tratteresti, e perché. Metterei in campo le competenze che mi hanno dato questi quasi 9 anni di meteorologia. Un argomento che mi sta molto a cuore riguarda i messaggi meteo scorretti sempre più diffusi: mi piacerebbe insomma “smascherare” la disinformazione che in questo settore regna sovrana. Le meteo bufale corrono davvero veloci, soprattutto via web, ed il problema è sempre lo stesso: purtroppo in Italia non esiste una regolamentazione per potere aprire un sito meteo su internet, tutti possono farlo, mettersi on-line, pubblicare previsioni più o meno proprie e farsi sponsorizzare. Questo è uno dei punti fondamentali per cui noi ci battiamo, quello di cercare di avere delle regole ben precise e tutelare chi lavora in modo professionale.


33

-----------------------------------la voce ai cittadini--------------------------------------

ben precise e tutelare chi lavora in modo professionale. Approftto quindi della tua domanda per consigliare ai vostri lettori di diffdare da chi utilizza termini troppo eccessivi, creativi perché probabilmente ha un intento diverso da quello dei bravi meteorologi e utilizza toni estrosi solo per attirare e vendere fake news. Diamo valore agli scienziati e non al “fantameteo”. Ami molto leggere, c'è un libro che ti è rimasto nel cuore ? Il mio cavallo di battaglia è sempre stato "L'Alchimista" di Paulo Coelho, autore di cui non mi manca nemmeno un libro. Altri libri che mi hanno particolarmente colpito sono “La città della gioia” di Dominique Lapierre, in cui ho ritrovato le stesse emozioni che ho provato sulla mia pelle quando sono stata a Calcutta, poi “Shantaram” e “L'ombra della montagna” di Gregory David Roberts. Di recente ho apprezzato molto “Molto forte, incredibilmente vicino” di Jonathan Safran Foer, “Il grande Gatsby” di Francis Scott Fitzgerald e “Io sono leggenda” romanzo di Richard Matheson che fa parte dei pochi libri che ho letto dopo aver visto il flm infrangendo la regola per cui si deve sempre leggere prima il libro. Stefania, a questo punto dell'intervista la domanda di rito è quasi sempre la stessa. Chi ci sta leggendo in questo momento non sta passando un bel momento, magari costretto su un letto o su una carrozzina. Cosa ti sentiresti di dirgli per affrontare con coraggio la vita ? Mi è venuta subito in mente una parola “resilienza”, quella grande capacità di affrontare con ottimismo e con positività i problemi della vita, gli ostacoli che si incontrano. In questo modo si cerca di vedere le avversità come delle opportunità da cogliere per crescere e per migliorarsi, affrontando sempre tutto con il sorriso, con la calma, con la pazienza, con l'ottimismo, cercando di avvalersi di quanto appreso in momenti bui e diffcili dell'esistenza per poter proseguire nella propria vita con più grinta. La resilienza mette in pratica tutta la nostra forza nei momenti più diffcili, ad esempio quando subiamo traumi ed incidenti, perdiamo una persona che amiamo, subiamo maltrattamenti in famiglia o sul posto di lavoro. Se anche nei giorni più tristi della nostra vita, riusciamo a svegliarci ogni mattina con il sorriso, vuol dire che siamo resilienti. Come ti ho già detto detto, lavorare nel meteo mi ha fatto capire tante volte che anche dopo le situazioni più estreme, tipo alluvioni, uragani, il sole torna sempre, e sapere di far spuntare un sorriso sul volto di una persona in diffcoltà che magari mi sta seguendo in diretta o che incontro per un abbraccio, mi riempie il cuore.


34

-----------------------------------la voce ai cittadini--------------------------------------


35

-----------------------------------la voce ai cittadini--------------------------------------

VITE IN CERCA DI AIUTO Rubrica a cura di Rita Venturoli per PARADA

Ogni anno circa 20 città, 100 scuole, 150 famiglie e 80.000 persone in Italia vengono coinvolte nel nostro progetto. Nel corso di questi anni a Bucarest molti giovani sono riusciti a lasciare la strada, hanno ripreso a studiare o lavorare iniziando a guardare al futuro con speranza. Come ogni mese vi proponiamo una delle nostre storie. Come ben sapete sono fatti reali che succedono ogni giorno sia all'interno della Fondazione Parada di Bucarest che sulle e sotto le strade della capitale rumena.

BABBO NATALE HA REGALATO UNA CASA AL PICCOLO SAMI Questo Natale il piccolo Sami, insieme alla sua famiglia, ha ricevuto uno dei regali più belli che potesse ricevere da Babbo Natale, il diritto di vivere in una casa a tutti gli effetti.

Da una situazione di povertà e disagio, Sami, grazie al sostegno di Paolo Rossi,

Michela Scolari, Federica Cappelletti ed Ivo Romagnoli, ha potuto festeggiare quest’anno il suo primo Natale in un vero appartamento situato nella città di Bucarest. Il sogno di Sami Bucarest. è diventato realtà grazie alla sua partecipazione al film “The Heart of the Champion” che racconterà la storia del campione del mondo Paolo Rossi. Il piccolo Sami interpreterà, nel film documentario che uscirà nel 2019, il protagonista del film Paolo Rossi da bambino. Grazie a questo straordinario incontro la vita di Sami è cambiata e ora il suo futuroincontro sarà come quello di tanti bambini:


36

-----------------------------------la voce ai cittadini--------------------------------------

bambini: potrà vivere una vita dignitosa, potrà andare a scuola e crescere in una ambiente protetto e adatto alla sua età, insieme alla sua famiglia. Oltre a questo meraviglioso regalo anche tanti altri bambini della Fondazione Parada di Bucarest, hanno potuto potuto ricevere questo Natale degli splendidi regali. I regali sono stati donati da diverse scuole, supermercati e aziende del territorio di Bucarest. In pochi giorni sono infatti stati raccolti numerosi doni che sono stati consegnati a 441 bambini che hanno partecipato alle nostre attività sociali, i regali sono stati distribuiti all’interno del centro diurno di PARADA a Bucarest in strada Bucur durante le feste natalizie. Oltre alla distribuzione dei regali, da parte di Babbo Natale, è stata anche allestita una tavolata con le prelibatezze tipiche di queste feste, che ha permesso ai bambini e ai genitori di poter gustare anche questo Natale i piatti tipici della tradizione rumena. Durante queste giornate, sono state organizzate animazioni e giochi per tutti i bambini grazie ai nostri volontari che hanno dedicato tempo e passione a questa causa.


37

-----------------------------------la voce ai cittadini---------------------------------------

dedicato tempo e passione a questa causa. Ovviamente tutti sono stati invitati alla festa per condividere la gioia dello scarto dei doni e i sorrisi dei bambini entusiasti, questo ha permesso di scoprire che c’è davvero più gioia nel dare che nel ricevere, e che il Natale può davvero essere per tutti.

TESSERA SOCIO PARADA 2019 Nel 1996 nasce a Bucarest Parada una piccola organizzazione che offre aiuto e servizi ai bambini e giovani sulle strade di Bucarest. Ora Parada attraverso un’unità mobile, un centro diurno, programmi scolastici, accompagnamento psico-sociale ed attività artistiche, favorisce l’integrazione dell’infanzia ed adolescenza di strada, promuovendo e sostenendo i diritti dell’infanzia come strumento di promozione dei diritti umani per tutti. Per testimoniare in prima persona il tuo impegno e aiutare l’associazione nel continuare a promuovere i diritti per i minori a rischio, diventa socio di Parada, sottoscrivi anche tu la tessera socio di Parada 2019.


40

-----------------------------------la voce ai cittadini--------------------------------------

Come, un dolce bambino nella sua culla io lo guardo sorgere con le prime luci e un tiepido raggio di sole da dietro i monti che mi sorride. E già tutto ciò che è sulla terra saluta e plaude il nuovo Re pieno di giovane vita e guarda sgomento il cielo sperando che sia un regno felice e clemente e non solo pieno di tanti buoni propositi e di belle promesse che si fanno così tanto per fare ogni anno mentre è ancora lì che in un dormiveglia

non sonnecchia stanco per la lunga notte. Ha un freddo mantello turchino che avvolge tutta Torino in una morsa di ghiaccio e delle nuvole bianche che ci salutano, e abbracciano in questo primo giorno nuovo lasciandoci senza parole. Mio figlio come ogn'altro bambino mentre fuori già

tutto si sveglia, ancora dorme sereno nel suo lettino, ignaro di ciò che accadrà deciso dai grandi durante il 2019 ed io gli alzo la coperta fin su al collo a che stia caldo e gli accarezzo la fronte augurandogli un sincero buon anno.


41

-----------------------------------la voce ai cittadini--------------------------------------

Selezionate per voi da Serafina Bruna Raffaele

Questo mese parliamo di Permessi legge 104 e congedo straordinario per assistenza di familiari disabili La legge 104, cioè la legge quadro in materia di disabilità, riconosce delle importanti tutele a favore dei portatori di handicap e dei loro familiari che li assistono. Tra i benefici più importanti a favore dei lavoratori che assistono portatori di handicap grave sono presenti i cosiddetti permessi legge 104, dei permessi retribuiti generalmente pari a tre giornate al mese, e il congedo straordinario, un’aspettativa retribuita pari a un massimo di 2 anni nell’arco della vita lavorativa. Mentre i permessi legge 104 spettano sia al lavoratore che assiste il portatore di handicap che al lavoratore portatore di handicap, il congedo straordinario spetta solo al lavoratore che assiste il familiare disabile, e non al disabile in prima persona. Ma per ottenere i permessi e il congedo legge 104 è necessaria la convivenza col portatore di handicap assistito? In altre parole, per usufruire della legge 104 bisogna essere conviventi ?


42

-----------------------------------la voce ai cittadini--------------------------------------

conviventi ? La situazione è differente per chi richiede i permessi, rispetto a chi richiede il congedo straordinario. Cerchiamo allora di capire in quali casi la convivenza tra caregiver (cioè tra chi presta assistenza) e disabile è necessaria per ottenere i benefici previsti dalla legge. Quali familiari hanno permessi legge 104?

diritto

ai

Ricordiamo in primo luogo quali sono i familiari che possono beneficiare dei permessi retribuiti mensili per assistere un portatore di handicap in situazione di gravità: • • • • • • • •

genitori; coniuge (o parte dell’unione civile); convivente (more uxorio:si tratta del convivente “di fatto”, come individuato dalla cosiddetta legge Cirinnà); parenti e affini entro il 2° grado; parenti e affini entro il 3° grado, se i genitori o il coniuge (o la parte dell’unione civile) oppure il convivente del disabile hanno compiuto i 65 anni; sono anch’essi affetti da patologie invalidanti a carattere permanente indicate con apposito decreto; sono deceduti o mancanti per assenza naturale, giuridica, o per situazioni di assenza continuative, giuridicamente assimilabili alle precedenti e certificate dall’autorità giudiziaria o dalla pubblica autorità.

Per aver diritto ai permessi legge 104 ci vuole la convivenza col disabile? Non è necessario convivere col disabile per aver diritto ai permessi legge 104: i permessi vanno infatti riconosciuti anche ai lavoratori che, pur risiedendo o lavorando in luoghi distanti da quello in cui risiede di fatto la persona disabile grave, offrono al familiare portatore di handicap un’assistenza sistematica ed adeguata. Così, può beneficiare dei permessi legge 104, ad esempio, chi fa parte del personale di volo delle linee aeree, del personale viaggiante delle ferrovie o dei marittimi. Il dipendente che beneficia dei permessi mensili per assistere un disabile grave, se risiede in un comune distante più di 150 Km rispetto alla residenza del familiare assistito, deve attestare con idonea documentazione (ad esempio esibendo al datore di lavoro il titolo di viaggio) il raggiungimento del luogo di residenza del disabile.


43

-----------------------------------la voce ai cittadini--------------------------------------

Quali familiari hanno diritto al congedo straordinario legge 104? I familiari che possono beneficiare del congedo straordinario retribuito per assistere un portatore di handicap in situazione di gravità sono, nell’ordine: • • • • •

il coniuge, o la parte dell’unione civile (non il convivente di fatto); i genitori, in caso di mancanza, decesso, presenza di patologie invalidanti del coniuge (o della parte dell’unione civile); i figli, in caso di mancanza, decesso, presenza di patologie invalidanti dei genitori; i fratelli o le sorelle, in caso di mancanza, decesso, presenza di patologie invalidanti dei figli; i parenti o gli affini entro il 3° grado, in caso di mancanza, decesso, presenza di patologie invalidanti dei fratelli o sorelle .

Concessioni

Per aver diritto al congedo straordinario ci vuole la convivenza col disabile? La convivenza col disabile, per fruire del congedo straordinario legge 104, è necessaria per i seguenti familiari: • • • •

coniuge o parte dell’unione civile; figli; fratelli o sorelle; parenti e affini entro il 3° grado.

Il requisito della convivenza non è richiesto per i soli genitori del disabile. Per quanto riguarda i figli, però, grazie a quanto disposto da una recente sentenza della Corte Costituzionale, è possibile non essere conviventi col genitore disabile al momento della domanda di congedo, se gli altri familiari legittimati all’assistenza del disabile mancano o sono impossibilitati ad assisterlo. Per convivenza deve farsi riferimento, in via esclusiva, alla residenza (intesa come luogo di dimora abituale della persona, secondo quanto previsto dal codice civile) e non al domicilio, né all’elezione di domicilio speciale previsto per determinati atti o affari. Il requisito della convivenza è accertato d’ufficio: l’interessato deve preventivamente indicare gli


44

-----------------------------------la voce ai cittadini--------------------------------------

preventivamente indicare gli elementi indispensabili per reperire i dati della residenza anagrafica, o dell’eventuale dimora temporanea, se diversa da quella abituale (residenza) del dipendente o del disabile. Che cosa succede se il disabile è ricoverato? I permessi e il congedo legge 104 spettano a condizione che l’assistito non sia ricoverato a tempo pieno presso istituti specializzati, ossia strutture ospedaliere o simili (pubbliche o private) che assicurano assistenza sanitaria continuativa. Gli aventi diritto possono però fruire del congedo anche in caso di ricovero se: • i sanitari della struttura richiedono l‘assistenza da parte di un genitore o di un familiare; • il disabile si trova in stato vegetativo persistente o con prognosi infausta a breve termine. Il congedo straordinario e i permessi sono inoltre concessi quando il disabile deve recarsi al di fuori della struttura che lo ospita per effettuare visite specialistiche e terapie certificate. Fonte : Di Noemi Secci per www.laleggepertutti.it


Gennaio 2019  
Gennaio 2019  
Advertisement