Page 1

Violenza a Lesa: l'aggressore non ricorda nulla Dettagli Creato Lunedì, 17 Dicembre 2012 19:33 Scritto da Maria Elisa Gualandris

Visite: 353

Non ricorda nulla di quanto accaduto Stefano Zotti, 36 anni, in carcere da ormai più di una settimana con le pesanti accuse di tentato omicidio e violenza sessuale. I fatti risalgono alla notte tra sabato 8 e domenica 9 dicembre, a Lesa. Secondo quanto ricostruito dai carabinieri giunti sul posto dopo la chiamata di un vicino che ha sentito le urla, l’uomo, senza precedenti penali, che di lavoro fa l’autista di bus di linea, ha aggredito in un parcheggio una donna, l’ha trascinata verso la spiaggia, picchiata e spogliata e avrebbe anche tentato di strangolarla con una sciarpa. Ma ora, nonostante le mani che portano i segni dei morsi della sua vittima che in tutti i modi ha combattuto e cercato di difendersi, non ricorda nulla di quanto è successo. Secondo quanto appurato dagli investigatori era ubriaco, ma l’ebbrezza non può certo spiegare uno scoppio improvviso di tale violenza. Chi lo conosce pensa a un raptus, visto che l’autista viene descritto da tutti come una persona mite e un normale e tranquillo lavoratore. Il suo legale, l’avvocato Giuseppe Russo, per il momento preferisce non rilasciare dichiarazioni. Potrebbe nelle prossime settimane valutare anche la richiesta di una perizia psichiatrica.

Lesa. Tentato omicidio e violenza sessuale  

L'aggressore in carcere non ricorda nulla dell'accaduto (VCOazzurra, 17 Dicembre)

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you