Issuu on Google+

La sede della «Giacomini» è a San Maurizio d’Opaglio

A NOVARA. TRASFERITA L’INCHIESTA PER FRODE

Convalidati gli arresti dei fratelli Giacomini Corrado ed Elena Giacomini restano in cella, confermati anche i domiciliari per Giulio Sgaria. Il gip di Novara Claudio Siclari ha convalidato gli arresti dei due imprenditori e del loro collaboratore (funzionario in pensione della Banca Intesa) dopo la trasmissione degli atti dal tribunale di Verbania che si è dichiarato incompetente dal punto di vista territoriale a procedere per le accuse di frode, visto che la Giacomini ha sede legale a San Maurizio d’Opaglio. Per quanto riguarda il fac-

cendiere Alessandro Jelmoni (l’accusa è di riciclaggio, il filone d’inchiesta che resta a Verbania) si attende lunedì la decisione del Tribunale del riesame. I suoi difensori hanno chiesto la scarcerazione o il beneficio dei domiciliari. Per ora è in cella. Dagli indagati, intanto, arrivano ammissioni sui soldi in nero ricevuti per aiutare i Giacomini. E’ il caso di Francesco Squeo, Lorenzo Barbone, Roberto Sgaria. L’ex sottosegretario Andrea Zoppini è atteso invece ad un secondo incontro. Nel primo ha solo preso atto delle contestazioni. [C. BO.]


Convalidati gli arresti dei fratelli Giacomini