Page 1

   


PRO CHIESA E OPERE PARROCCHIALI

Per facilitare il versamento delle offerte, trascriviamo i numeri dei con  corren   postali.—Vogliate indicare con precisione per chi fate il versamento. 

Consiglio Parrocchiale    Banca Raiffeisen         cto.   10186.46  6652-Tegna   

    c.c.p.                                            65‐4765‐0  

Consiglio Parrocchiale    Banca Raiffeisen        cto.   10187.29  6653-Verscio       

      

Parrocchia di Cavigliano    6654-Cavigliano   

  cto.   65‐4765‐0 

cto.  CH17 0900 6500 0576 4 

   c.c.p.          

   65‐576‐4

Bolle no Parrocchiale Terre di Pedemonte 6653-Verscio       

   c.c.p.     

   65‐2406‐9

6653-Verscio  Banca Raiffeisen  CH41 8028 1000 0011 1260 1         

      

   cto. 65‐4765‐0

ORARIO SANTE MESSE ALLA DOMENICA Per l’anno 2017 l’orario è fissato come segue:

ORE 0900

CAVIGLIANO

ORE 1030

VERSCIO

LA SANTA MESSA DELLA VIGILIA SARÀ CELEBRATA

A TEGNA ALLE ORE 1800 Nelle feste solenni, l’orario potrà subire dei cambiamenƟ che verranno comunicaƟ nell’albo parrocchiale


SOMMARIO *

Riflessioni sul Natale

Pax hominibus bonae voluntatis *

Candidato alla beatificazione

Paolo Acutis *

2-3

4-6

Congregazione della Dottrina della fede Le regole di sepoltura 7

*

Festa Patronale e Cresima

Testimoni della fede

*

Gita parrocchiale

8 - 11

Arenzano e Genova

12

*

Un Santo al mese

La Chiesa nella gloria

13 - 15

*

Auguri

Natale e Anno Nuovo

16

*

I nostri defunti

Un fraterno ricordo

17 - 19

*

Cronaca missionaria

Mercatino di Padre Carletti

20 - 21

*

Calendario liturgico

Prossimi mesi

22

*

I cantori della stella

Clima natalizio

23

*

I nostri Benefattori

La nostra gratitudine

24

1


PAX HOMINIBUS BONAE VOLUNTATIS “Pax Hominibus bonae volunta s”: queste stupende parole si trovano all’inizio del  “Gloria  in  excelsis  Deo”,  de o  anche  inno  angelico  che  viene  cantato  o  recitato  nelle  domeniche,  nelle  feste  e  nelle  solennità.  Mol  di voi avranno sicuramente già  visto questa frase scri a su uno striscione e sorre a dagli angeli festan   che annunciano ai pastori e a tu e le  gen  la nascita di Gesù. La preghiera  del Gloria è una lode a Cristo, portatore di pace e serenità.  Ma la pace tra gli uomini ai nostri giorni esiste ancora? Ma cos’è la pace? Chi desidera la pace? Che  po di pace vogliamo? Cosa fanno gli uomini, poli ci, economis ,  scienzia ,  religiosi,  persone  comuni  per  cercarla  dove  manca,  instaurarla  e  mantenerla?  Ma  sopra u o  dove  sono  gli  “hominibus  bonae  volunta s”  che  si  prodigano per la pace?  Il termine pace (pax), così come descri o nei nostri dizionari, indica una condizione sociale (nel suo senso più ampio) e poli ca cara erizzata da una condivisione di  armonia tra gli individui e contemporaneamente di assenza di tensioni e confli .  L’opposto è la guerra (bellum) sia in senso poli co che sociologico. Nei periodi di  pace,  gli  individui  si  sostengono  secondo  il  principio  del  mutuo  soccorso  e  della  fratellanza, non perme endo di conseguenza la nascita dei confli .   Ma oggi esiste la pace?  Ecco qualche dato significa vo. Il mondo è composto da 206 sta  di cui 196 sovrani ed i restan  in fase di riconoscimento. Di essi ben 67 sono coinvol  in confli   interni  mentre  729  sono  le  milizie-guerriglieri  e  gruppi  di  terroris -separa s anarchici. Il triste primato di tu o ciò spe a all’Africa seguitata dall’Asia e dal Medio Oriente.  In  mezzo  a  questo  caos  bellicoso  che  porta  dolore,  morte,  miseria  e  distruzione,  dove sono gli “hominibus bonae volunta s” che si impegnano a frenare ed a contrastare questo status di cose e cercare di imporre la pax? 

2


Tu parlano di pace, ma è difficile instaurarla e poi mantenerla poiché a orno ad  essa ruotano troppi interessi di cara ere poli co, economico, egemonico ecc. che  la  rendono  spesso  irrealizzabile.  Eppure  tu   gli  sta   hanno  so oscri o  la  “Carta  delle Nazioni Unite” il cui principio basilare (art. 1) è quello di “mantenere la pace  e la sicurezza internazionale ecc.” e a cui devono a enersi. Tu  ne parlano, ne discutono, organizzano even , marce, par te di calcio, concer  ecc. eppure si con nua a morire, a soffrire, con estremo disinteresse e la parola pace rimane sempre  le era morta.  Vorrei ricordare un passaggio del discorso iniziale  che  Papa  Francesco,  all’Angelus  di  domenica 1. Se embre ha rivolto a tu :   “Quest’oggi, cari fratelli e sorelle, vorrei farmi  interprete  del  grido  che  sale  da    ogni  parte   della  terra,  da    ogni  popolo,  dal  cuore  di  ognuno, dall’unica grande famiglia che è l’umanità, con angoscia crescente: è il grido della pace! È il grido che dice con forza: vogliamo un mondo di pace, vogliamo  essere uomini e donne di pace, vogliamo che in questa nostra società, dilaniata  da divisioni e da confli , scoppi la pace; mai più la guerra! Mai più la guerra! La  pace è un dono troppo prezioso, che deve essere promosso e tutelato”.  Mol   uomini  di  buona  volontà  hanno  dato  la  loro  vita  per  cercare  di  instaurala.  Vorrei ricordare Mar n Luther King, premio Nobel per la pace, e concludere con le  sue parole, lasciando a voi non solo il compito di rifle ere sul tema della pace ma  sopra u o di dire una preghiera ed operare per essa.  “I have a dream” (Ho un sogno).   Tu   abbiamo  un  sogno…  da  trasme ere  agli  “hominibus  bonae  volunta s”  e  a  tu  coloro che fa cano a trovare la “buona volontà” per arrivare alla vera pace.   

P A C E Buon Natale e Buone Feste  G. De Bianchi 

3


CARLO  ACUTIS,  UN  INFORMATICO  VERSO  LA  BEATIFICAZIONE 

Carlo Acu s,  un  giovane  diventato  presto  adulto,  non  intravedeva  la  felicità  che  nell’Eucaris a e nell’adorazione del San ssimo Sacramento. Quo dianamente riceveva Gesù eucaris co e si confessava ogni se mana considerando un peso dell’anima  anche i pecca  veniali. Nei confron  degli altri coetanei, meno esper  nella fede, tes moniava la certezza delle verità in cui credeva. Nell’età in cui ragazzi cercano i passatempi e le storie diverten , lui leggeva i scri  spirituali sul Purgatorio e pregava per  le anime sofferen .   Anche se Carlo Acu s proveniva da famiglia ben agiata, mai si considerava superiore  agli  altri,  bensì  si  prodigava  per  i  bisognosi.  Si  innervosiva  solo  quando  i  genitori  gli  compravano ves  costosi invece di des nare quei soldi ai poveri. Fin dalla più tenera  età dimostrava par colare devozione a Maria, consigliando a tu  di recitare il Rosario  ogni  giorno.  Carlo  purtroppo  muore  improvvisamente  a  soli  15  anni  a  causa  di  una  leucemia fulminante.  Questa sarebbe la storia del servo di Dio Carlo Acu s se fosse stata scri a degli autori  classici delle vite dei san .   Il 24 novembre scorso il cardinale di Milano Angelo Scola ha concluso solennemente la  tappa diocesana della bea ficazione di Carlo. Ciò significa che la procedura con nuerà  a Roma e probabilmente il giovane italiano sarà proclamato beato.  Alla biografia di Carlo possiamo aggiungere che il giovane restava estasiato nel vedere  nella  creazione  il  riflesso  dell’amore  di  Dio.  Lo  ha  espresso  lui  stesso  in  un  video  su  YouTube durante una gita su un veliero.  

4


POLACCO  PER  UN  QUARTO  Carlo è nato nel 1991 a Londra. I suoi genitori sono Italiani che, per mo vi di lavoro, si  sono trasferi  per un certo periodo nella capitale del Regno Unito. La mamma Antonia, figlia di un pensatore ateo, non era tanto assidua nella fede. “Sono stata in chiesa  per  la  Prima  Comunione,  Cresima  e  matrimonio”  ha  de o  a  un  giornalista  durante  un’intervista.   Andrea, il papà di Carlo, è figlio di una donna polacca; frequentava la chiesa più spesso.  Lavorava  molto  e  aveva  poco  tempo  per  il  figlio.  Nasce  ora  la  domanda:  perché  Carlo  si  è  orientato  verso  Dio?  “È  un  mistero,  risponde  Antonia  Acu s.  Era  così  già  all’età di tre, qua ro anni. Era dotato, intelligente e poneva domande così profonde,  che io stessa ho sen to il desiderio di approfondire la mia fede. Posso dire che Carlo  era per me un piccolo salvatore, perché grazie a lui mi sono avvicinata a Dio.   Lui stesso probabilmente direbbe che sua madre semplicemente ha rivolto lo sguardo  in un'altra direzione. “La conversione non è altro che alzare lo sguardo in alto. Basta  un piccolo movimento degli occhi”, ha affermato una volta. 

IL  GIOVANE  “GATES”  ADORA  L’EUCARISTIA  La famiglia Acu s si è poi trasferita da Londra a Milano. Qui Carlo ha frequentato le  scuole d’obbligo e il liceo classico. Amava giocare pallone anche se fa cava parecchio  a causa del sovrappeso. Ma erapiù portato per l’informa ca. “Con il computer era un  genio”, ricorda la madre.  Carlo  sin  da  piccolo  si  interessava  d’informa ca.  Leggeva  libri  specialis ci  e  riviste  sull’informa ca. Era considerato un genio del se ore dagli specialis  in ingegneria informa ca. Da solo, senza aver seguito nessun corso,  creava si  internet. Sua è la pagina miracolieucaris ci.org all’interno del sito ufficiale del Va cano. Vi si trovano documen  riguardan  miracoli eucaris ci di tu o il mondo, che sono sta  aggiorna  anche  dopo la morte di Carlo. La pagina è in 16 lingue incluso il polacco, l’arabo e il suahili.  “Carlo ha creato da solo questo sito che adesso è visitato da più di centomila persone  al mese”, dice con orgoglio Antonia Acu s. Carlo voleva far capire a tu  che l’Eucaris a non è solo un simbolo, ma un modo di avvicinarsi a Dio.  Carlo ha ricevuto la Prima Comunione all’età di se e anni, cioè due anni prima degli  altri. Per poter ricevere questo sacramento ha dovuto dar un esame personale in presenza dell’arcivescovo Pasquale Macchi, ex segretario del papa Paolo VI. Da quel giorno  Carlo  riceve e  quo dianamente  la  Comunione.  Finita  la  Santa  Messa  si  fermava  sempre in chiesa ancora un po’ per adorare il San ssimo Sacramento.   “Iddio lo dobbiamo adorare in ginocchio e nel silenzio” ha de o una volta citando papa Benede o XVI. Definiva l’Eucaris a come la sua autostrada per il Paradiso. In riferimento  alla  preghiera  eucaris ca  diceva:  “Quanto  più  spesso  riceviamo  l’Eucaris a,  tanto più assomigliamo a Lui e già su questa terra pregus amo il Paradiso”.  Carlo era anche devoto a Maria. “A lei ha affidato la sua purezza. Affermava che Madre di Dio era l’unica donna della sua vita. Scherzando diceva che la recita del rosario  era il momento più roman co che avesse mai fa o”, ricorda Antonia Acu s.  Aveva inoltre grande ammirazione per San Francesco. Amava la natura (a casa aveva 

5


qua ro cani e due ga ), ma sopra u o si occupava dei poveri. Era volontario presso i  padri  cappuccini  per  la  mensa  dei  poveri.  Le  idee  di  San  Francesco  oggi  sono  sfru ate e strumentalizzate dai media. Carlo invece amava il radicalismo di San  Francesco e si ispirava da lui”, racconta ancora la madre.  Il giovane ha le o il “Tra ato sul Purgatorio” di santa Caterina da Genova e pregava  per le anime sofferen . Aveva fortuna con gli amici. Non lo consideravano un bigo o.  Era di compagnia e molto amato. Nonostante numerosi impegni aveva anche imparato a suonare il sassofono e frequentava l’oratorio.    

DA SAN FRANCESCO 

Aveva 15 anni quando i medici gli hanno diagnos cato una forma di leucemia fulminante. In ospedale, alla domanda se provasse dolore, Carlo ha risposto che tante persone soffrono molto di più. Il giovane ha offerto la sua sofferenza al papa e alla Chiesa.  È morto tre giorni dopo la prima diagnosi. Tu avia era preparato. Su YouTube si può  trovare una registrazione in cui parla di quello che gli sarebbe successo:  “Il mio peso  ha raggiunto 60 chili e ora sono des nato a morire. Muoio, dice e gioisco”. Era sorridente, ma non come uno che scherza.  “Carlo preannuncia la sua morte perché la vede come un passaggio. Lui lodava Dio e  amava Gesù e non solo a parole. Se qualcuno davvero ama Gesù, non ha paura della  morte. Ha paura chi non lo ama o non lo conosce”, so olinea Antonia Acu s. Solo dopo  la  morte  ha  trovato  nel  computer  una  registrazione.  Il  filmato  è  stato  realizzato  nell’ agosto 2006. Carlo è morto nell’o obre dello stesso anno. Secondo il suo desiderio è stato sepolto ad Assisi, ci à di San Francesco.   

OPINIONE  DI  SANTITÀ 

“Dopo la sua morte diverse persone hanno sen o il bisogno di scrivere ricordi su di lui,  mentre altri invocano la sua intercessione durante le preghiere”, afferma a un anno  dalla morte di Carlo Acu s la postulatrice del suo processo di bea ficazione, la signora  Francesca Consolini. Durante il funerale la chiesa si è riempita di gente, tra cui musulmani, buddis  e induis  (del resto l’induista Rajesh, appartenente alla casta dei bramini, era convinto dalla tes monianza di fede di Carlo e ha ricevuto il ba esimo). Sono  giun  anche numerosi mendican  che Carlo aiutava.  Poco dopo è apparso il primo libro che racconta la sua vita, poi un film documentario,  audizioni alla radio e altre pubblicazioni. A Milano è nata l’Associazione Amici di Carlo  Acu s. In internet si trova il sito dedicato a lui. Ci sono le foto delle celebrazioni e delle vacanze ma e difficile trovare dei selfie. Evidentemente il futuro Servo di Dio me eva in pra ca la massima che ha formulato così: “La tristezza è lo sguardo rivolto su se  stessi, la felicità è lo sguardo verso Dio”. La fama dell’Italiano innamorato dell’Eucaris a  è  giunta  oltre  oceano.  Antonia  Acu s  è  stata  invitata  al  congresso  eucaris co  a  Campo  Grande  in  Brasile.  L’incontro  era  in tolato:  “Eucaris a,  la  mia  autostrada  al  cielo”.   

FAMIGLIA  DEL  FIGLIO  UNICO 

La registrazione nel computer non era l’ul mo segno che ha ricevuto sua madre da lui.  Qua ro  anni  dopo  la  morte  del  figlio,  Antonia  Acu s  è  rimasta  incinta.  Prima  aveva  problemi di salute, mo vo per cui Carlo era figlio unico. I gemelli sono sta  concepi   quando Antonia aveva 43 anni. “Carlo mi ha aiutato. Non posso dire che questo è un  miracolo, ma per me è una grazia par colare”, spiega la madre. Durante la gravidanza  il medico ha indicato la data del parto, cioè l’11 o obre, anniversario della morte di  Carlo. 

6


Congregazione per la Dottrina della fede ha pubblicato l'Istruzione A d resurgendum cum Christo circa la sepoltura dei defunti e la conservazione delle ceneri in caso di cremazione. Agli Uffici liturgici è giunto l'invito a far conoscere il testo. In sintesi, dal punto di vista pastorale, ecco le indicazioni dell'Istruzione, che confermano quanto già in atto nella nostra Diocesi da alcuni anni (cfr. Direttive per il ministero pastorale - novembre 2007 - pagg. 45-46): 

La Chiesa non scorge ragioni dottrinali per opporsi alla Cremazione, se la scelta non è contraria alla volontà del defunto ed in opposizione alla dottrina cristiana (n. 4).



La Chiesa continua a preferire la sepoltura (n. 4).



Le ceneri devono essere conservate di regola in un luogo sacro, generalmente nel cimitero (n. 5).



La conservazione delle ceneri nelle abitazioni di norma non è consentita.



Qualora venissero eccezionalmente conservate nelle abitazioni, le ceneri non possono essere divise tra i vari nuclei familiari (n. 6).



Onde evitare ogni tipo di equivoco panteista, naturalista o nichilista, si invitino i fedeli a non spargere le ceneri nell’aria, in terra, in acqua (n. 7).



I fedeli siano pure invitati a non trasformare le ceneri dei defunti in ricordi commemorativi, pezzi di gioielleria o altri oggetti (n. 7).



Si neghino le esequie a norma del diritto solo se il defunto ha disposto la cremazione e la dispersione in natura per ragioni contrarie alla fede cristiana.

Per maggiori dettagli il testo completo dell'Istruzione è facilmente consultabile sul sito www.perss.vatican.va.  

7


Saluto di benvenuto al Vescovo (domenica 30 ottobre 2016) Eccellenza Reverendissima, monsignor Vescovo Valerio, è con un sentimento profondo di commozione e letizia che oggi – a nome mio, del Consiglio Parrocchiale e della comunità tutta di Verscio - le porgo il benvenuto in questa nostra antica chiesa di San Fedele Martire che da secoli accoglie i fedeli nella fede cristiana con il sacramento del Battesimo e da secoli li vede crescere nella devozione e poi li benedice nell’ultimo viaggio verso la certezza della Resurrezione in Cristo. La saluto davanti alla comunità dei fedeli che oggi sono presenti, consapevoli dell’evento di grazia che questa sua Visita Pastorale costituisce per tutti noi, momento insostituibile di confermazione nella fede, di conforto e aiuto nella pratica e nella vita quotidiana. Oggi è una bella giornata per l’intera nostra comunità, a cui è stata data l’opportunità di vivere un’emozione intensa e particolare. A circa 10 anni dall’ultima visita pastorale, quella dell’emerito monsignor Giacomo Grampa, il momento di gioia si ripete e siamo estremamente lieti di accoglierla per la prima volta nelle Terre di Pedemonte e le siamo riconoscenti per aver voluto onorarci della sua presenza. La Parrocchia di San Fedele Martire è nata in epoca medioevale, verso la metà del ‘200. Dapprima, fino alla fine del ‘300, appartenne alla giurisdizione della Diocesi di Vercelli, poi dal ‘400 all’800 è stata assegnata alla Diocesi di Como, e per finire questa breve cronistoria, dal 1885 è ormai parte della Diocesi di Lugano. La secolare devozione dei nostri antenati ha lasciato grandi tracce e testimonianze e si è manifestata specialmente attraverso pregevoli opere architettoniche e pittoriche di notevole rilievo. Anche a Verscio negli ultimi decenni molte situazioni sono radicalmente cambiate. E anche la fede cristiana ha dovuto fare i conti con nuove e importanti realtà. La nostra è però una comunità che, alla luce del Vangelo e sotto la guida di pastori capaci, ha saputo nel corso del tempo costruire e trasmettere valori riconosciuti, fondamentali, sani, essenziali, saldi. Forti di queste certezze, chiediamo dunque oggi, il suo aiuto nel comprendere il bene non ancora fatto e nel capire ciò che viene fatto non ancora bene, affinché la nostra parrocchia possa crescere e finalmente essere la casa aperta a tutti e al servizio di tutti. Buona giornata e buona visita pastorale. Tiziano Petrini - presidente del Consiglio Parrocchiale

8


FESTA  PATRONALE DI  SAN  FEDELE  E  LA  CRESIMA  30  OTTOBRE  2016  Quest’anno la Santa Cresima ha coinciso con la Festa Patronale della parrocchia di Verscio. Nella domenica luminosa e raggiante non solo per il bel tempo, ma anche grazie alla presenza del nostro Vescovo Mons. Valerio Lazzeri circondato da numerosi fedeli, abbiamo potuto festeggiare San Fedele e la cresima di nove ragazzi delle nostre parrocchie. La testimonianza di questo martire che risale al III secolo e che gli antenati hanno scelto come patrono di questa parrocchia è particolarmente attuale oggi. Vivere secondo la fede richiede lo sforzo e il coraggio ma anche persino il martirio in alcune zone del mondo. Lo Spirito Santo nel Sacramento della Cresima ci rende capaci di vivere secondo la fede, testimoniarla con coraggio e se fosse necessario anche difenderla. È auspicabile che i cresimati collaborino assiduamente con la grazia che hanno ricevuto in questo sacramento. La celebrazione si è conclusa con un aperitivo offerto a tutti e con un ottimo pranzo preparato da un gruppo delle volontarie. A tutti che hanno collaborato attivamente per buona riuscita di questa festa un GRAZIE DI CUORE!!!

9


IL SACRAMENTO DELLA MATURITÀ NELLA FEDE PER MANO DI SUA ECCELENZA MONS. VESCOVO VALERIO LAZZERI IL 30.10.2016 HANNO RICEVUTO:

Zoè Brunner Verscio

Matteo Campanella Cavigliano

Alan Conceprio Tegna

Laura Formentini Tegna 10


Â

Alessandra Galli Verscio

Gabriele Monotti Cavigliano

Kenny Oberholz Ponte Brolla

Kevin Testori Verscio

Mauro Rizzoli Cavigliano 11Â


Â

La nostra passeggiata ad Arenzano e a Genova 8 ottobre 2016

12Â


San Francesco Saverio  -  3 dicembre  Francesco De Jassu nasce in Spagna il 7 aprile 1506 nel castello di Xavier (dal quale poi Saverio) nella Navarra, da una nobile famiglia di sani principi religiosi. Dopo la distruzione del castello e la morte del padre, avvenuti durante la guerra fra Ferdinando di Castiglia e i reali di Novarra, che erano filo-francesi, inizia un triste periodo per la famiglia dei Saverio. Francesco, sia per sfuggire alla sconfitta e alla miseria, sia per prepararsi a restaurare la gloria della sua famiglia, si trasferisce a Parigi per studiare all’università. Partecipa alla vita mondana della città, conosce umanisti, è attratto dalle teorie eretiche del tempo, ma viene salvato da due figure che sono per lui determinanti e che conosce nel pensionato universitario: il Beato Pietro Favre e Sant’Ignazio di Loyola. È dapprima riluttante ai richiami di Ignazio, ma poi lo segue con ammirazione. Così il 15 agosto del 1534 vive la sua consacrazione al Signore unitamente ai primi sette componenti della Compagnia di Gesù. Nulla può l’opposizione dei suoi fratelli maggiori che tentano di dissuaderlo, procurandogli un lauto canonicato a Pamplona.

ziando così il suo impegno missionario. Partito da Lisbona il 7 aprile 1541, giunge dopo tredici mesi a Goa, la capitale d’Oriente dell’impero portoghese. È la sua prima terra di missione, dove accanto al Vangelo e al Rosario, porta tanta generosità. Frequenta i quartieri più squallidi, suonando un campanello, per raccogliere intorno a sé torme di ragazzi laceri e affamati, che lo chiamano il “grande Padre”. Appena può s’imbarca per portare l’annuncio della salvezza ai pescatori di perle delle Molucche, tra infedeli ancora allo stato semiselvaggio. La seconda tappa è il Giappone, dove giunge nel 1549. All’inizio l’accoglienza è buona, ma in seguito viene introdotta la pena di morte per chi accetta il battesimo. Deve quindi uscire da quella terra, lasciandovi una comunità di 1500 fedeli. Prosegue allora per la Cina, arrivando a cento miglia da Canton. Un’improvvisa malattia gli impedisce di proseguire e muore su quell’isola, a soli 46 anni, all’alba del 3 dicembre del 1552. Riportiamo alcuni passaggi di una lettera inviata dal Giappone ai suoi confratelli di Goa.

Ma Francesco ha ormai altre mete davanti e in particolare la Terra Santa. Giunto però a Venezia non può partire a causa della guerra fra i Turchi e i Veneziani. Scende quindi con i suoi compagni a Roma, dove papa Paolo III approva la nuova congregazione e riceve l’ordinazione sacerdotale. Quando l’ambasciatore di Lisbona chiede alla nuova Compagnia di inviare due sacerdoti nelle Indie, Francesco è pronto a partire, ini-

Del Giappone vi faccio sapere ciò che di esso abbiamo compreso: la gente con cui finora abbiamo conversato è la migliore che finora sia stata scoperta, e mi sembra che fra la gente pagana non se ne troverà un’altra che sia superiore ai giapponesi. È gente di ottima conversazione e generalmente buona e non maliziosa, straordinariamente onesta e che stima l’onore più di qualunque altra cosa.

13


San Tommaso d’Aquino - 28 gennaio  Figlio dei conti d’Aquino, signori di Roccasecca, nacque nel 1225 ed era destinato ad una splendida carriera politica o ad una prelatizia. Ma lui deluse i suoi famigliari, quando, terminati gli studi filosofici a Napoli, entro fra i Domenicani. I parenti fecero di tutto per dissuaderlo, ma si mantenne deciso nella sua scelta. Inviato a Parigi, era schernito dai suoi compagni di studio, perché taciturno. Lo chiamavano infatti “il bue muto”. Celebre al riguardo la frase del suo maestro Alberto Magno: “Si, egli è un bue, ma un giorno i muggiti della sua dottrina saranno uditi in tutto il mondo”. Lo studio fu la sua vocazione: uno studio costante, amoroso, profondissimo di quella dottrina senza fondo, che è la Teologia, cioè la scienza di Dio. Un impegno talmente intenso fino a far scaturire diversi aneddoti. Si diceva così che quando studiava di notte e accostava il volume alla candela, nemmeno si accorgeva che questa gli toccava la pelle e che durante una traversata in mare, non si accorse di una burrasca, talmente era assorto nella

lettura. Il risultato più poderoso dei suoi profondi studi è la “Somma Theologiae”, paragonata a una grandiosa e completa cattedrale, salda su incrollabili fondamenta e splendida di luminosi fastigi. Invitato da Gregorio X al Secondo Concilio ecumenico di Lione, morì durante il viaggio il 7 marzo 1274 nel monastero cistercense di Fossanova nel Lazio. Papa Giovanni XXII, iscrivendolo fra i santi, disse di lui: “Tommaso ha illuminato la Chiesa più di tutti gli altri Dottori, e un uomo fa più profitto sui libri suoi in un solo anno, che non sulle dottrine degli altri per tutto il tempo della sua vita”. Gli venne attribuito il titolo Dottore angelico. Oltre che un grande teologo, Tommaso fu un religioso di intensa preghiera e di fede, come testimoniano i suoi inni, fra i quali ricordiamo alcuni molto noti ed entrati nel repertorio liturgico come “Adoro te devoto”, “Pange Lingua”, “Lauda Sion”.

14


San Valentino  -  14 febbraio  mante un certo Cratone”, proprio mentre infuriava una violenta persecuzione contro i cristiani decisa dall’imperatore Claudio II. Sempre secondo la tradizione, una volta giunto a Roma, Valentino si prodigò nel visitare e soccorrere i cristiani finiti in carcere, perché avevano affermato la loro fede davanti ai giudici. Arrestato, venne interrogato dallo stesso imperatore. In quell’occasione Valentino, con persuasiva eloquenza, dimostrò all’imperatore come le divinità pagane fossero menzognere e fallaci, mentre l’unica fede vera e santa era quella nel Cristo Salvatore. Parlò così bene che alla fine dell’interrogatorio, l’imperatore esclamò “Uomini di Roma, udite come questo uomo parla saviamente e drittamenPer la verità la Bibliote”. Dato quindi in cutheca Sanctorum nel stodia a un nobile romasuo dodicesimo volume no, Valentino ne guarì la elenca diversi santi che figlia cieca e ne convertì portano questo nome: l’intera famiglia. A quemartiri, preti, religiosi, sto punto la sua ostinalaici che vissero in ditezza come cristiano non verse località del nostro poteva più essere ignocontinente. rata. Venne quindi condannato a morte e Qui parliamo di San Valentino, vescovo e decapitato, sempre secondo la tradizione, martire del III secolo, che, secondo la tra- il 14 febbraio del 273. Prima di morire dizione, era originario dell’Umbria e ve- avrebbe persino convertito il suo rude carscovo di Terni. ceriere e l’intera sua famiglia. Successivamente, verso il 270, si trasferì a Venne sepolto sulla strada che porta a Roma. Nel citato volume della Bibliothe- Terni, al secondo milio della via Flaminia. ca Sanctorum si legge che a Roma venne Questa sepoltura venne riconosciuta all’i“invitato per guarire da un’artrosi defor- nizio del 900.

Nel suo Mille santi del giorno, Piero Bargellini scrive: “Perché questo giorno, il 14 febbraio, è diventato il giorno degli innamorati? Non è facile spiegarlo, per quanto l’usanza abbia antiche radici, non da noi deve è stata importata, ma nei paesi anglosassoni, dove ha avuto origine. Si può pensare ad antiche usanze connesse ai riti delle fertilità primaverili, alle stagioni in cui gli uccelli si formano una nuova famiglia, e a varie altre ragioni. Ma non è improbabile che alla radice dell’usanza gentile ci sia proprio il ricordo di un santo, come vuole la tradizione. Un santo vissuto ben 17 secoli fa e che fu ricco di umana simpatia e di fede quasi contagiosa”. Proprio San Valentino.

15


Affinché il Signore che storicamente è nato a Betlemme possa nascere nel cuore di ogni persona portando la pace, la gioia ed ogni grazia e benedizione nell’Anno Nuovo 2017.

16


✠ V

 

L

L

✩ 17 – 06 – 1931 ✝ 13 – 10 – 2016 Carissimo Gigi,                                                                                    Verscio, 17 o obre 2016  è un momento triste, uno di quei momen  che non vorres  mai passare… Essere qui  con la tua famiglia, paren , amici e tan  conoscen  a dar  l’ul mo saluto.  Voglio preme ere, per tranquillizzar , che non   sto facendo un ricordo poli co e cercherò di essere breve… Non   sono mai piaciu  i lunghi discorsi.  Cara  Dolores,  Nicole a,  Gianluigi  e  Cris na…  Assieme  al  vostro  caro  Gigi,  come  ben  sapete,  sono  cresciuto  professionalmente  e  come  uomo.  Gigi  è  stato  per  me  il  mio  maestro di  rocinio, il  mio  superiore,  il  mio  collega  di  lavoro  da  quando  ho  iniziato  l’apprendistato sino a quando è andato in pensione…!Tan  ricordi… Indimen cabili!  Quante volte ne parlavamo dicendo… Tit ricordi chella volta… E via a raccontarci i vari  episodi accadu … Da lui, che lavorava spalla a spalla con Dolores e suo fratello Edo,  ho imparato tu o! La dedizione al lavoro, la puntualità, la serietà, la professionalità!  Ed  è  impossibile  dimen care  la  tua  memoria!  Una  memoria  incredibile  e  che  viene  ricordata con s ma da tanta gente che   ha conosciuto… In tu  gli ambi , sul lavoro,  in municipio, dai tuoi amici del Consorzio Acqua Potabile… Facevi la barba a qualsiasi  sistema ele ronico! Tu e cose che ho assimilitato e che provo a portare con me tu  i  giorni con orgoglio! Di tu o questo   dico grazie!  Eri una persona che non parlava molto. Ma una persona di parola e di valore. Una persona molto cara e altruista nonostante, per chi magari non   conosceva bene, potevi  sembrare, al primo impa o, molto serio.  Ogni  essere  umano  è  risultato  di  un  padre  e  di  una  madre.  Si  può  non  riconoscerli,  non amarli, dubitare di loro. Eppure sono lì, con il loro volto, i loro a eggiamen , i loro modi e le loro manie, le illusioni, le speranze, la forma delle dita delle mani e dei  piedi,  il  colore  degli  occhi  e  dei capelli,  il modo  di  parlare, i  pensieri,  probabilmente  l’ora della morte; Ci hanno trasmesso ogni cosa.  Un abbraccio.   Ciao Gigi!                                                                                                               Dario Traple  

17


V

 

A

 M

 S

✩ 09 – 08 – 1945 ✝ 13 – 10 – 2016

T

 

C

 B

✩ 04 – 11 – 1929 ✝ 14 – 10 – 2016

T

 

J

 T ✩ 15 – 08 – 1929 ✝ 23 – 10 – 2016

18


V

 

W

 V

✩ 15 – 08 – 1932 ✝ 19 – 11 – 2016

✠ M

 

R

 F

✩ 15 – 06 – 1964 ✝ 27 – 11 – 2016

B

 

E

  S

-M

✩ 24 – 11 – 1914 ✝ 01 – 12 – 2016 19


La prima  domenica  dell'Avvento  e  i  due  giorni  che  l'hanno  preceduta, sono  sta   cara erizza  dalla presenza del merca no in favore dell'opera di Padre Pierluigi Carle .  Nella bella cornice del salone della  casa  parrocchiale  di  Verscio  si  è  ravvivata  la  fiamma  del  sostegno  costante a questa importante causa  verso  chi  si  trova  impedito  nel  godere dei più basilari elemen  del  vivere.  La  regolare  affluenza  dei  visitatori  ha  portato  a  un  introito  totale di 15’000.- franchi. Una parte di questa somma, 1’500 franchi  sarà  devoluta  secondo  una  tradizione che dura oramai da decenni,  a Padre Bonzani operante in Uruguay. Un sen to ringraziamento giunge da parte del  gruppo  di  lavoro  tramite  la  responsabile  Maria  Keller  a  tu e  le  persone  che  hanno  contribuito  al  raggiungimento  di  questo  importante  obbie vo.  Al  Consiglio  Parrocchiale per la disponibilità nel concedere il salone per l'intera se mana, a Don Sutor  per la sua cortese collaborazione.  

20


Si è conclusa con successo la 34a edizione del mercatino di Cavigliano a favore di Padre Carletti. Molte le persone che hanno potuto approfittare delle novità che ogni anno vengono proposte da innumerevoli sostenitori e volontari che preparano con cura e offrono spontaneamente le loro opere. L’importo di Fr. 7’900.– del mercatino sono già stati versati per essere utilizzati per opere di carità. La polenta offerta da Dario e Regis è stata ancora una volta molto apprezzata e le offerte libere hanno permesso di racimolare un ulteriore aiuto finanziario di Fr. 428.-. Maria e Milena ringraziano di cuore e augurano buone feste a tutti gli affezionati sostenitori dando loro appuntamento per l’anno prossimo con la 35a edizione. Mercoledì 30 novembre si è tenuta la tombola dei bambini delle Terre di Pedemonte. Poco più di una ventina di bambini ha partecipato a questo pomeriggi di gioco e il ricavato è stato di Fr. 220.-. I bambini hanno deciso di devolvere questi soldi a Missing Children, associazione fondata nel 2011, dopo la sparizione delle sorelline Livia e Alessia, rapite dal padre e purtroppo mai più ritrovate (chi aveva seguito la vicenda si ricorderà che il padre si era poi suicidato). Questi soldi verranno investiti nella veloce ricerca di bambini scomparsi o rapiti. Non ci si può augurare però altro che questi casi siano sempre meno fino a scomparire completamente perché ogni bambino ha diritto di vivere felice in famiglia.

Serata d’allegria e spensieratezza quella del 2 dicembre dove più di un centinaio di persone si sono riunite nella Sala di Multiuso di Cavigliano per la tradizionale tombola che tutti attendono con gioia. Durante la serata Maria Bagnovini ha portato i saluti e i ringraziamenti di Padre Carletti, che l’aveva contattata la sera precedente, raccontandole dell’aggressione subita per 80 dollari. L’incasso della serata è stato di Fr. 2’867.-, anche questi soldi sono già stati versati per essere utilizzati in opere di beneficienza.

21


DICEMBRE 16 - 24 NOVENA DI NATALE 24 Sabato VIGILIA DI NATALE Tegna 17.30 Santa Messa per i bambini Verscio 24.00 Santa Messa 25 Domenica SANTO NATALE Tegna 09.00 Cavigliano 10.00 26 Lunedì Verscio 10.30 31 Sabato Cavigliano 18.00 Santa Messa e Te Deum di ringraziamento per l’anno 2016 GENNAIO 1 Domenica MARIA SANTISSIMA “MADRE DI DIO” Tegna ore 09.00 Santa Messa Verscio ore 10.30 Santa Messa 6 Venerdì EPIFANIA DEL SIGNORE Cavigliano ore 09.00 Santa Messa Verscio ore 10.30 Santa Messa 21 Sabato Tegna San Vincenzo — diacono e martire 29 Domenica Verscio Festa della MADONNA DI MONTENERO

2 Giovedì 11 Sabato

1 Mercoledì 12 Domenica 19 Domenica 26 Domenica

FEBBRAIO PRESENTAZIONE DEL SIGNORE — CANDELORA BEATA VERGINE MARIA DI LOURDES MARZO Le Ceneri — incomincia la Quaresima Cavigliano ore 15.00 Sante Quarantore San Giuseppe — festa del papà Verscio ore 15.00 Sante Quarantore Tegna ore 15.00 Sante Quarantore

APRILE 2 Domenica Verscio San Francesco da Paola 8 Sabato “Cammino della Speranza” - per giovani 9 DOMENICA DELLE PALME 22


MISSIO: I BAMBINI AIUTANO I BAMBINI

I C A N TO R I D E L L A S T E L L A Anche quest’anno le Tre Parrocchie delle Terre di Pedemonte aderiscono al progetto di Missio in Kenia. Le offerte ricavate durante le tre serate andranno a favore del progetto di aiuto Missio in Kenia nella diocesi di Maralal. Si tratta di aiutare un gruppo di bambini costituito da Suor Dora che dal 2008 ha iniziato a riunire i ragazzi ogni sabato per diverse attività quali la recita del rosario, attività caritative come raccogliere la legna per gli anziani, visitare i malati, pulire la chiesa, preparare i canti e le danze per la messa della domenica. I loro bisogni sono di avere delle scarpe perché quando vanno nei boschi si pungono o vengono morsi dai serpenti; una divisa, materiale didattico e per il gioco, un’alimentazione sana (merenda che ricevono in sede).

L’azione dei Cantori della stella si riferisce all’antica tradizione dei Magi che dopo essere giunti da Oriente ad adorare il Bambino Gesù a Betlemme, sulla strada del ritorno annunciano colui che hanno visto. Oggi i bambini “Cantori della stella” lasciano una stellina con il testo di benedizione “la pace sia su questa casa e nel cuore di tutti quelli che vi abitano”, mentre sull’altro lato vi è l’acronimo 20*C+M+B*16 che rappresenta l’anno e il testo latino di benedizione (Christus Mansionem Benedicat) Cristo benedica questa casa. I bambini diventano messaggeri della gioia del Natale passando nelle strade e magari bussando a qualche porta cantando allegre canzoni natalizie ricevendo in cambio una piccola offerta. Durante la Novena tutti i bambini sono invitati ad aderire a quest’attività nelle seguenti tre serate: CAVIGLIANO DO 18.12.2016 dalle ore 16.00 alle ore 18.00 Ritrovo Piazzale Chiesa Parrocchiale VERSCIO

VE 23.12.2016 dalle ore 17.30 alle ore 19.00 Ritrovo Piazzale Chiesa Parrocchiale

TEGNA

SA 24.12.2015 dalle ore 15.15 alle ore 16.30 Ritrovo Piazzale Chiesa Parrocchiale Segue cammino di riflessione, con alcune soste e apertura dell’ultima finestra d’Avvento, fino alla Chiesa di Tegna nella quale sarà celebrata la S. Messa di Natale per le famiglie e verrà consegnato il ricavato delle tre serate. 23


Elvira Ottolini-Zanetti—Cavigliano Ester Carletti—Cavigliano Carla Candolfi—Ascona Giancarlo Zurini—Tegna Monica Zanda—Verscio (pro lampadario) Fausta Terribilini—Vergeletto (In memoria dei genitori) Luca e Alda Monotti—Cavigliano Marisa Pedrazzini—Tegna Maria Gay—Verscio Marco Hefti—Verscio Maria Milani—Cavigliano (Battesimo di Samuela) Maria Keller—Tegna Giampiero Veltri e Rosaria Anatrell— Tegna Fam. Gaist—Verscio Emma Bonzani—Verscio Marco Mariotta—Verscio Giancarlo Zurini—Tegna Franco Donati—Tegna Milda Ambrogini—Loco Flavio Cavalli—Verscio Roberto e Fausta Rusconi—Cavigliano Don Tarcisio Brughelli—Intragna Ivo Zanola—Tegna Anna Maggetti Luciano Cheda—Maggia Enrico e Carla Leoni—Cavigliano Carlo Carbonetti—Lugano Guglielmo Monotti Angela e Luigi Franscioni—Verscio Cristian e Noemi Lutz—Verscio Athos Gibolli—Verscio Rosa Mazzier—Cavigliano Elda Cavalli—Tegna Fam. Pozzoni—Verscio Adelia e Fiorenza Bernasconi—Lugano

Ester Poncini—Verscio Franco Valota—Verscio Fabio Sartori—Verscio Rina De Rossa—Tegna Firmino Zerbola—Verscio Avv. Corrado Cavalli—Locarno Fernando e Virginia Belotti—Verscio Flavia Lurati—Verscio Adriano Mazzier—Cavigliano Mauro Trapletti—Cavigliano Giovanni Comizzoli e Patrizia D’Andrea—Tegna Marilena Pedrazzi—Verscio S. Luisello—Tegna Franco Zanetti—Verscio Maria Pellanda—Tegna Marco e Bruna Fioroni—Tegna Eros e Sandra Rizzoli—Cavigliano (Cresima di Mauro) Antonio e Elisabeth Monaco—Verscio Ivo e Ivon—Monaco—Verscio Valeria Gobbi—Verscio Ariane Ambrosini—Verscio Sonia e Sergio Garbani Nerini-Cavigliano Gemma Gianini—Mosogno Sonia Gianini—Mosogno Ottavio e Miriam Sartori—Mosogno Clara e Paolo Cavalli—Verscio Luciano Leoni—Verscio Renzo Monotti—Cavigliano OFFERTE VARIE Funerale di Alfredo Mucio Snozzi Funerale di Luigi Leoni Funerale di Carla Bizzini Funerale di Jolanda Tosetti Funerale di Walter Vögeli Funerale di Elio Salzi-Mazza

24

100.150.50.100.100.200.-


P.P.

 

6653 Verscio  Posta CH SA 

                                                   

PRODOTTO CON ATTREZZATURE DELLA PARROCCHIA—CONFIDIAMO NEL VOSTRO SOSTEGNO   

Bollettino Terre di Pedemonte inverno, 2016/17  

leparrocchie.ch

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you