Page 1

   


PRO CHIESA E OPERE PARROCCHIALI

Per facilitare il versamento delle offerte, trascriviamo i numeri dei con  corren   postali.—Vogliate indicare con precisione per chi fate il versamento. 

Consiglio Parrocchiale    Banca Raiffeisen         cto.   10186.46  6652-Tegna   

    c.c.p.                                            65‐4765‐0  

Consiglio Parrocchiale    Banca Raiffeisen        cto.   10187.29  6653-Verscio       

      

Parrocchia di Cavigliano    6654-Cavigliano   

  cto.   65‐4765‐0 

cto.  CH17 0900 6500 0576 4 

   c.c.p.          

   65‐576‐4

Bolle no Parrocchiale Terre di Pedemonte 6653-Verscio       

   c.c.p.     

   65‐2406‐9

6653-Verscio  Banca Raiffeisen  CH41 8028 1000 0011 1260 1         

      

   cto. 65‐4765‐0

ORARIO SANTE MESSE ALLA DOMENICA Per l’anno 2016 l’orario è fissato come segue:

TEGNA

ORE 0900

VERSCIO

ORE 1030

LA SANTA MESSA DELLA VIGILIA SARÀ CELEBRATA

A CAVIGLIANO ALLE ORE 1800 Nelle feste solenni, l’orario potrà subire dei cambiamenƟ che verranno comunicaƟ nell’albo parrocchiale


SOMMARIO *

*

Per conoscere meglio la nuova Santa Santa Madre Teresa di Calcutta 2-4 Il mistero della conversione

Mustafa *

5-7

La festa dei morti

Nostri cari che ci precedono

8-9

*

Rinnovamento dello Spirito

Un po’ di spiritualità

*

Immagini da Cracovia

10

Il futuro della Chiesa

11 - 12

*

Un Santo al mese

La Chiesa nella gloria

13 - 15

*

I matrimoni

Le nuove famiglie

16 - 17

*

Battesimi e funerali

Chi viene e chi va.

18 - 19

*

Cronaca di Tegna

Oratorio di Sant’Anna

20 - 21

*

Calendario liturgico

Prossimi mesi

22

*

Alcuni avvisi

Che cosa succede

23

*

I nostri Benefattori

La nostra gratitudine

24 1


LA  SANTITÀ  DI  MADRE  TERESA  DI  KALKUTTA  Alcune perle della sua vita quoƟdiana  

Una fiducia totale 

Madre  Teresa  ci  insegnava  che  tu o ciò che riceviamo deriva dalla generosità di Dio. Quando nella comunità Reneval  nel  Bronx  di  Nuova  York,  i  padri  francescani  chiesero  a  Madre  Teresa:  “Madre, di cosa vivremo essendo privi di  mezzi?” “Non preoccupatevi, rispose con  serenità,  il  Signore  Dio  ha  parecchie  ricchezze.  L’unica  condizione  è  che  bisogna  fidarsi  ciecamente  di  Lui”.  Obbedimmo.  In quel periodo avevamo un debito di seicentomila  dollari  che  venne  pagato  da  uno  sconosciuto  con  un  assegno  di  un  milione di dollari.   

Aveva un fuoco nel cuore 

Dopo aver ricevuto il premio Nobel  per la pace, Madre Teresa disse ai giornalis   che  grazie  alla  sua  vocazione  lei  appar ene a tu o il mondo ma “il mio cuore appar ene totalmente a Gesù”. Aveva  il  fuoco  nel  cuore.  Non  aveva  mai  de o  che conduceva un lavoro caritatevole per  mo vi  umanitari.  Spesso  ripeteva:  “Lo  faccio, perché nel prossimo vedo Gesù. La  san tà non è un lusso per pochi, ma una  chiamata fondamentale per tu ”.  

Santa  Madre  Teresa  di  Calcu a!  Quante  volte  ho  sen to  questa  esclamazione  sia  in  pubblico  che  in  privato.  Ciò  capitava da tempo, prima del 4 se embre  2016,  quando  la  Chiesa  proclamò  Santa  una donna, che diceva di sé: “Voglio essere santa”. Santa Madre Teresa. Chi sa cosa pensava la gente delle parole di Madre  Teresa?    Ho voluto raccogliere non solo alcuni  raccon   ma  anche  intuizioni  che  me ono  in  evidenza  la  san tà  di  Madre  Teresa. Non ho cercato le storie legate a  miracoli  spe acolari.  Ho  cercato  piccole  perle legate alla quo dianità, all’umiltà e  acce azione  della  vita  normale.  Proprio  in  questo,  credo,  si  rivela  la  san tà  di  quella  fragile,  ricurva,  rugosa  vecchie a  nel bianco sari, come la ricorda il mondo. 

Mite e senza un’ombra   di amarezza 

Una delle consorelle raccontava che  durante  il  noviziato  aveva  more  di  Madre  Teresa.  Un  giorno  la  sua  insegnante  per  cas go  la  inviò  da  Madre  Teresa.  Quando  mi  avvicinai,  lei  mi  chiese:  “Che  2 


cosa   è  successo,  figlia  mia?”.  Risposi:  sta  donna  straordinaria  chiede  me,  un  “Madre,  la  mia  maestra  mi  ha  de o  di  qualunque  prete  americano,  il  permesso  venire  da  te,  perché  non  ho  fa o  il  mio  per tornare a casa!  compito”.  Madre  Teresa  non  mi  sgridò  e    Non si preoccupava   mi  benedisse  raccomandandomi  di  fare    per se stessa  per il futuro sempre i miei compi .  Per  Madre  Teresa  muoversi  sulle    Le consorelle di Madre Teresa ricor-   dano  che  spesso  ripeteva:  “Se  volete  es- vie  di  Calcu a  non  era  cosi  semplice  cosere felici non lasciate mai spazio all’ama- me  possiamo  pensare  -  racconta  don  rezza.  Se  veramente  vi  donerete  a  Dio,  Brian  Kolodiejchuk,    il  postulatore  del  nel  vostro  “SI”  sarà  inclusa  l’umiliazione,  processo di canonizzazione della fondatrila  sconfi a,  il  successo,  la  tristezza  e  il  ce delle Missionarie dell’Amore. Era capadolore. Mai, ve lo ripeto, mai offendetevi  ce  di  intravedere  Gesù  nel  moribondo,  quando sarete umiliate. L’offesa è il fru o  che per gli altri era soltanto “intoccabile”.  Aveva l’abitudine di caricare il moribondo  della superbia.  su una carriola e passare da un ospedale    Hai paura?  all’altro con la speranza di trovarli un posto.  Spesso  la  rifiutavano.  Non  si  scorag  Vengo con te!    Un carmelitano, Padre John Gibson,  giava. Non le importava se gli altri la amacugino  del  famoso  Mel  Gibson,  era  con- vano o la odiavano. Lodata o disprezzata  fessore  di  Madre  Teresa.  Par mmo  dalla  non cercava l’apprezzamento o l’autoreasua casa a Calcu a prima per Roma e poi  lizzazione.  Sapeva  sempre  che  cosa  è  per  Tirana.  Lei  mi  convinse  ad  andare  in  buono e che cosa è ca vo. Come ci arriAlbania, da dove proveniva che è il paese  vava?  Era  totalmente  immersa  nel  Sacro  più povero d’Europa. “Hai paura di andar- Cuore  di  Gesù.  “Impariamo  due  cose:  la  ci?,  mi  disse.  Non  preoccupar ,  vengo  preghiera e l’umiltà”. Non saremo capaci  con  te!  Non  sarai  solo,    do  una  compa- di amare se non abbiamo l’umiltà. E non  gna infallibile”. E dalla borsa estrasse una  saremo  capaci  di  essere  umili  se  non  statuina in fosforo della Madonna e disse:  amiamo” - spiegava. “Se non sai cosa decidere, passa una no e davan  al San s“Tieni,  prendila.  Maria  illumina  le  tenebre!”.  Rimasi  in  Albania  tre  anni.  In  quel  simo Sacramento. Al ma no prenderai la  periodo ho inaugurato 40 parrocchie e ho  decisione giusta”.  ba ezzato circa 5 mila persone.  

In  India  Madre  Teresa  incontrò  Padre  Marian  Zelazek  -  un  missionario  polacco  che  ha  lavorato  tra  i  lebbrosi  -  anche  lui  candidato  al  Premio  Nobel  per  la  pace.  Egli  ricorda  perfe amente  il  loro  primo incontro. Si trovava vicino alla stazione  ferroviaria.  Faceva  molto  caldo.  Forse  47  gradi.  Un  auten co  forno.  Da  lontano vide avvicinarsi tre suore affa cate per causa del caldo. Comprò delle be-

Dopo un breve periodo che era con  me  in  Albania,  mi  chiese:  “Padre,  vorrei  restare qui con te, però ho una missione  da svolgere a Calcu a. Mi perme  di tornare  in  India?”.  La  sua  umiltà  mi  ha  sorpreso  molto.  Il  mondo  ha  apprezzato  il  suo  contributo  nello  sviluppo  morale  e  spirituale  dell’umanità,  assegnandole  il  Premio Nobel per la pace, e adesso que3 


vande e disse ad un ragazzo: “Corri a portarle alle suore”. Dopo un a mo torna in  dietro  con  le  bevande  e  disse:  “Le  suore  non le vogliono”. Padre Marian Zelazek si  meravigliò.  Allora  una  delle  religiose  si   avvicinò dicendo: “Sia lodato Gesù Cristo!  Sono Madre Teresa”. “Perché non bevete  le  bevande?”  chiese.  “Abbiamo  la  nostra  regola:  non  assumiamo  niente  durante  il  viaggio”,  rispose.  E  domandò:  Padre,  qui  alla stazione ci sono tan  poveri, potrebbe donare a loro queste bibite?”. Lei non  fingeva  di  essere  solidale  con  i  poveri,  lo  era davvero.   

“Impossibile”? Non esiste una parola cosi 

“Madre,  lei è  ma a?  Lì  c’è  la  guerra.  Perché  rischiare?”,    disse  scortesemente  il  comandante.  “Lì  ci  sono  bambini!”,  insisteva.  Madre  Teresa  si  trovava  nella  ex  Jugoslavia  durante  il  periodo  di  guerra  ed  era  venuta  a  sapere,  che  dall’altra parte del fronte c’era un gruppo  dei  bambini.  Dopo  una  lunga  preghiera,  andò dal comandante per chiedere il permesso  di  portarli  e  portarli  nel  suo  convento.  Sopra  la  ci à  volavano  gli  aerei  e  le  bombe  uccidevano  gente  innocente;  capitavano stupri e fur , ma questa donna  minuta  in  un  sari  indiano  riteneva  di  essere  disposta  da  sola  a raversare  il  fronte per portare i bambini al sicuro.     Il  comandante  ironicamente  disse:  “Se lei o ene che in tre giorni firmeremo  la  tregua,  i  bambini  saranno  suoi!”.  “Bene, Gesù ci  ene molto a loro, quindi  fra tre giorni ci vediamo”, rispose Madre  Teresa.  Tre  giorni  dopo  il  comandante  stupefa o  guardava  un  gruppe o  di  bambini  che  a raversava  la  linea  del  fronte.  

La sua arma miracolosa 

Padre John Gibson ricorda, che Madre Teresa portava sempre con se un’arma  insolita:  le  medaglie  miracolose.  Le  distribuiva spesso. “Madre, quante medaglie e ha già distribuito?”, hanno chiesto  un  giorno  le  consorelle.  “Quarantamila”,  rispose  sorridendo.  Grazie  alla  medaglia  miracolosa  “o eneva”  per  le  sue  suore  i  conven .  Quando  le  piaceva  un  posto,  benediceva  la  medaglie a  e  la  ge ava  dentro  la  finestra  dello  stabile.  Questo  metodo  ha  funzionato  perfe amente,  per  esempio  nella  Berlino  Orientale.  “È  accaduto 14 giorni dall’inizio del mio servizio  episcopale  a  Berlino”,  racconta  il  cardinale Joachim Meisner. “Madre Teresa mi disse che desiderava mandare delle  suore a Berlino Est.  Fino ad allora i comunis   non  avevano  mai  dato  il  permesso  alle  congregazioni  di  poter  entrare.  Madre  Teresa  mi  disse  allora  che  quando  aveva  bisogno  una  casa,  non  cerca  mai  i  soldi, ma guardava la casa e se trova una  finestra aperta, me eva dentro la medaglia miracolosa ed il suo desiderio si realizzava.  A  Berlino  doveva  esserci  in  quel  periodo la processione per Corpus Domini. “Durante la processione me erò dentro la medaglia”, disse Madre Teresa. Due  se mane  dopo,  inaspe atamente,  ricevemmo  il permesso per aprire nella capitale  di  DDR  il  convento  delle  Missionarie  dell’Amore.    Ascoltando  simili  raccon   non  meraviglia il fa o che la gente che ha conosciuto  Madre  Teresa,  la  considerava  santa!  Il  fa o  che  è  stata  proclamata  Santa  nell’Anno della Misericordia non è un caso, ma un voler della Divina Provvidenza. 

4


UÄ ÃçÝç½ÃƒÄÊ ‘«› Ýム֛٠—®ò›ÄãƒÙ› ݃‘›Ù—Ê㛠D® —ÊÄ TÊÃÝþ Jƒ»½›ó®‘þ

Ho incontrato Mustafa durante le giornate mondiali della gioventù . Era responsabile per l’illuminazione dei concerti organizzati dalla comunità Chemin Neuf. In precedenza aveva collaborato nell’incontro dei giovani “Paradise in the City” a Lodz. Ho sentito parlare di lui, da alcune persone che hanno ascoltato la sua testimonianza. Quando l’ho incontrato di persona, ho chiesto di raccontarmela. E mi ha parlato volentieri. Ecco cosa ha detto.

LA CATTEDRALE DI STRASBURGO Ho 30 anni e sono nato in Algeria. Quando avevo 5 anni, la mia famiglia si è trasferita in Alsazia, Francia. Mia nonna era Francese, quindi per tre quarti sono Algerino e per un quarto Francese - così ha cominciato Mustafa. Sono cresciuto in una famiglia musulmana, praticavo ramadan e pregavo insieme a mio padre. Frequentavamo la moschea due, tre volte all’anno, perché il papà lavorava molto. Ero felice da bambino. Quando ho lasciato la famiglia per studiare a Strasburgo, è affiorata la domanda riguardante Dio. Mi dichiaravo musulmano, tuttavia volevo esserne convinto, volevo conoscere in che cosa credevo. Ho studiato filosofia e letteratura, e quindi le domande si moltiplicavano. Quanto più approfondivo la filosofia, tanto più pensavo di non aver bisogno né di religione né di Dio. Forse mi sarebbe bastata la filosofia, pensavo. Incominciai a leggere i libri filosofici per trovare una risposta. Forse la mia era superbia. Ogni tanto discutevamo tra studenti sugli argomenti d’attualità, come per esempio terrorismo od omosessualità. Avevamo diverse opinioni, che però erano sempre in un qualche modo legate alla religione, alla fede o non fede in Dio. In quel periodo è scoppiata la polemica delle caricature di Maometto nella rivista danese. Sentivo di appartenere al mondo musulmano; la mia famiglia era sconvolta, tuttavia capivo anche le motivazioni degli altri. Qualche mese dopo sono entrato nella cattedrale di Strasburgo. Non so perché. Proprio in quel momento c’era la Santa Messa. Mi sono seduto e ho ascoltato. Per la prima volta ho visto le celebrazioni cristiane e ho pensato: anche se loro credono nelle storie “false”, il messaggio però è profondo. Mi sono reso conto che amare è il più importante messaggio del Cristianesimo. Non è così nell’Islam e neanche nella filosofia. Questo pensiero ha cominciato a turbarmi.

PASCAL E LA BIBBIA Da dove ho scoperto che l’amore è al centro della fede cristiana? Il primo lavoro scritto che ho redatto all’università era intitolato: “Ama il prossimo come te stesso”. La professoressa era cristiana. Penso che sia stata intelligente e sapeva quello che faceva. Ho dovuto leggere parecchio sull’argomento. Da allora ho capito in che cosa credono i cristiani e per me questo era importante. Volevo mantenere un pensiero critico. Ogni tanto frequentavo la Santa Messa. Cercavo qualcosa ma non sapevo cosa. In quel tempo abitavo nel seminario, che aveva tante stanze vuote e che venivano affittate agli studenti. Evitavo di parlare con i seminaristi e non volevo ascoltare le prediche. Sempre più mi deludeva la filosofia. Posso leggere ancora mille libri ma la risposta non la trovero, pensavo. Mi sono detto: “Mustafa, la tua famiglia è musulmana, sii quindi anche tu musulmano e tutto andrà bene”. Tuttavia ogni volta che volevo ripetere la professione di fede musulmana prima di dormire, qualcosa mi bloccava. Cercavo la pace interiore, volevo essere

5


un bravo musulmano, ma questo non scaturiva dal mio incontro con Dio, dalla mia esperienza

personale. L’unica certezza che avevo era, che Dio deve essere di tutti. Non conoscevo l’arabo e quindi non leggevo il Corano. A casa avevamo il Corano, ma poteva leggerlo solo mio padre. Un giorno all’università studiavamo la filosofia di Pascal, che rifiutava il dio dei filosofi e consigliava di cercarlo con il cuore. Allora ho capito, che non devo cercare Dio solo con intelletto. Una mia collega protestante mi regalò il Nuovo Testamento dicendomi: “Incomincia dal Vangelo di Giovanni”. Allora sapevo già molto sul Cristianesimo, ma per la prima volta leggevo la Bibbia da solo. Leggevo una pagina dopo l’altra. Volevo sapere di più, ma nella testa avevo tanti pregiudizi nei confronti di Gesù. Scoprii che la Bibbia era più profonda di quello che pensavo.

WOW! HO TROVATO LA CHIAVE… Una volta, prima di dormire leggevo il Vangelo e, non so perché, a un certo momento capii che Dio mi aveva sempre amato. Ho rivisto i periodi della mia vita in cui ero felice. Ho capito che ero felice perché Dio mi amava da sempre, anche se non ero cristiano. Questa sensazione era così forte, che non avevo più dubbi che Dio mi amasse. Ho pensato: “OK, Dio mi ama, però tutto questo insegnamento che riguarda Gesù, Figlio di Dio è una esagerazione. Lui è soltanto profeta”. Ho notato tuttavia che, pensando così, sparisce la sensazione dell’amore di Dio. Leggendo ho trovato il versetto: “Nessuno conosce il Figlio se non il Padre, e nessuno conosce il Padre se non il Figlio e colui al quale il Figlio lo voglia rivelare” (Mt 11,27). Questo mi sorprese. Significa che non posso sperimentare l’amore di Dio senza Gesù. Nell’Islam Dio è troppo in alto, nella filosofia Dio viene esposto come un’idea ragionevole. Allora mi sono detto: “Signore Gesù, perdonami, ma solo adesso capisco che senza di te non posso comprendere che Dio mi ama. Tu hai portato i miei peccati sulla croce”. E da allora tutto è cambiato. Ho trovato la chiave della porta, che è Gesù. Per me è stato un cambiamento rapido ed inaspettato. La mia prima domanda è stata: “Perché io?”. “Perché ti amo” - sentivo la risposta nel cuore. Un’altra domanda: “Perché adesso?”. Penso che cercando Dio solo con l’intelletto, Lui aspettava. Non ero ancora pronto per un vero incontro con la Persona e non con un’idea. Dio aspettava che io aprissi il cuore. Pensavo: “mi passerà”, ma non passava. Uno dei seminaristi mi ha messo in contatto con i domenicani, affinché mi preparassi al battesimo. Arrivai da loro il 24 giugno. Allora non sapevo che questo è il giorno di San Giovanni Battista. I domenicani mi consigliarono di riflettere durante le vacanze estive e ritornare all’inizio dell’anno accademico. La preparazione al battesimo durò due anni. La mia mente chiedeva sempre le spiegazioni. Cercavo sempre dei collegamenti tra fede e ragione. Incontrai un gruppo carismatico e con loro incominciai a pregare. Ancora prima del battesimo portai la mia testimonianza. Ho detto a Dio: “Se hai bisogno di me, sono a tua disposizione, ma ti supplico, donami lo Spirito Santo”. Dopo due anni, durante la Veglia Pasquale ricevetti il battesimo, la prima comunione e la cresima. In quell’occasione invitai tutti i miei amici legati ai vari periodi della mia vita. Dopo il battesimo tutto è accelerato. Sono entrato nella comunità Chemin Neuf e lì è mi sono posto la domanda: “Voglio diventare prete?”. Questa idea era totalmente nuova. Feci i voti per un anno, e terminati i studi decisi di diventare sacerdote.

6


(NON) SEI MIO FIGLIO Un giorno il padre disse: “O sei musulmano e resti a casa o sei cristiano e devi lasciare la casa”. Allora scelsi Gesù. Ero preparato, conoscevo le parole do Gesù: “Se qualcuno vuol venire dietro di me rinneghi se stesso, prenda la sua croce e mi segua” (Mc 8,34). “Sono il cristiano” - ho risposto a mio padre. Alloro lui affermò: “Non sei più mio figlio e ti proibisco di venire a casa mia”. Mia mamma disse: “Sono la moglie di mio marito, non voglio essere così radicale, ma seguo lui”. Queste parole mi hanno aiutato. Dato che mia mamma segue il marito, io voglio seguire Gesù. Questa è la mia vita, la mia scelta. Ho detto a Dio: “Adesso tu sii mio padre, occupati di mie e non permettere che io perisca”. Senza l’aiuto dei miei genitori non avevo più soldi per continuare gli studi. Non mi sono lamentato davanti a nessuno, ma qualcuno mi chiamò dicendomi che voleva aiutarmi avendo sentito che stavo cercando lavoro. Dio si è preso cura di me, non solo spiritualmente ma anche materialmente. Cinque anni più tardi ho capito che le mie relazioni famigliari non dovevano interferire con la fede. Allora ho detto a Dio: “Perdonami la mancanza di fede in questa questione, nel nome di Gesù Cristo ti chiedo, aiutami a ritrovare la pace con i miei”. Dopo questa preghiera scrissi una lettera a mio padre chiedendo la riconciliazione. Qualche giorno dopo ha telefonato la mamma dicendo che sarebbe venuta col papà a trovarmi. Avevo paura non sapendo cosa aveva deciso mio padre. Quando sono arrivati, abbiamo parlato tutto il pomeriggio. Papà ha affermato che io sarei stato sempre suo figlio. Mi invitava ad abbandonare il cristianesimo, però mi aveva di nuovo aperto la porta della sua casa. Poi la mamma mi disse che il papà non aveva letto la mia lettera, ma aveva detto che un giorno sarebbe venuto a trovarmi. Risultò che questa decisione venne preNo, i miei genitori non sono venuti al mio battesimo. Quando mio padre si è accorto che mi stava succedendo qualcosa, decise di completare la mia formazione musulmana. Durante i weekend mi faceva vedere i film sull’Islam. Andammo in Algeria per scoprire le nostre radici. Volevo confrontare le mie radici arabe con la cultura francese. sa proprio nel giorno in cui ho pregato per la pace con la mia famiglia. Per l’ennesima volta pensai: “Wow! Dio ha risposto alla mia preghiera. È una grazia”. Dopo questa riconciliazione sono tornato a casa. Per tre giorni abbiamo parlato della religione. Sentivo che le mie argomentazioni erano più forti. Ho scritto un lavoro filosofico sul Corano, quindi conoscevo le risposte alle domande del papà, tuttavia non volevo polemizzare. Poi mio papà ha ascoltato la mia testimonianza. Ho detto a lui che tutto ciò non è frutto della ragione, ma che io personalmente ho incontrato Dio che mi ama. Allora abbiamo capito, che non riusciremo a cambiare l’un l’altro. Adesso posso andare a casa quando voglio, anche se papà non parla con me ed ho l’impressione che mi eviti. In settembre sarò ordinato diacono e l’anno prossimo sacerdote. Non so se i miei genitori verranno - ha concluso Mustafa. Alla fine gli chiedo cosa pensa dell’omicidio del sacerdote francese sgozzato dagli islamisti. Mi dice che questo non è l’Islam ma terrorismo. Tuttavia di notte, dopo le notizie del genere, ha degli incubi e ha paura che qualcuno vuole ucciderlo. Spesso pensa ai primi cristiani che non temevano i loro aguzzini, ma davano la testimonianza della loro fede. Non possiamo avere paura, perché altrimenti perderemo. Mi chiedo spesso: “Perché Dio ha scelto proprio me?”.

7


S O L E N N I TÀ   D I     T U T T I     I     S A N T I   1  NOVEMBRE  La Solennità di Tutti i Santi proviene anticamente dal culto dei martiri, che hanno dato la loro vita per la fede in Gesù Cristo e a cui non hanno riservato una menzione né nel martirologio romano, né nel canone della Santa Messa. Anticamente questa festa celebravano il 13 maggio. Nel IV si è diffusa l’usanza di spostare intere reliquie dei santi o alcune parti di esse in diversi luoghi. In questo modo volevano sottolineare, che i santi appartengono a tutta la Chiesa. Quando papa Bonifacio IV, nell’anno 610 ha ricevuto dall’imperatore l’antico tempio pagano Panteon, ha deciso metterci numerose reliquie e consacrare questo edificio come chiesa dedicata alla Madonna dei Martiri. Da quel momento celebravano il culto di tutti i martiri il giorno 13 maggio. Papa Gregorio III, nel 731 ha spostato questa festa dal 13 maggio al 1 novembre. Il motivo probabilmente stava nella difficoltà di dar da mangiare in prima vera ai numerosi pellegrini che affluivano per questa festa a Roma da tutte le parti. Un centinaio d’anni più tardi papa Gregorio IV ha ordinato, che il 1 novembre diventi un giorno dedicato non solo ai martiri, ma a tutti i santi della Chiesa. Contemporaneamente, accogliendo la richiesta dell’imperatore Lodovico il Devoto, hanno allargato questa festa su tutta la Chiesa Universale. 8 


COMMEMORAZIONE  DI  TUTTI  I  FEDELI  DEFUNTI  2  NOVEMBRE  La commemorazione di Tutti i Fedeli Defunti ha la sua lunga tradizione nella storia della nostra fede. Esprime fondamentalmente la comunione dei santi che professiamo nel Credo. Questo legame tra la Chiesa che è in cammino (noi che viviamo sulla terra), la Chiesa che soffre (le anime sante del Purgatorio) e la Chiesa che è nella gloria (tutti i santi) esprime l’unità e collaborazione tra tutti. I santi intercedono presso Dio per noi e per le anime del Purgatorio. Noi preghiamo per quelli che si stanno purificando e loro ci son d’aiuto nella nostra vita quotidiana. Nel periodo dal 1 all’8 novembre abbiamo un particolare privilegio di ottenere, ogni giorno per un’anima del Purgatorio, l’indulgenza plenaria. Questo significa - in parole povere - di farla passare dal Purgatorio al Paradiso. Le condizioni di questa grazia particolare sono le solite e richiedono: 

essere nella Grazia santificante,



rompere qualsiasi legame con il peccato,



accostarsi alla Santa Comunione,



visitare il cimitero,



dire una preghiera secondo l’intenzione del papa e per i morti.

È l’unico modo in cui possiamo aiutare i nostri cari defunti.

ANNUNCIO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE DI VERSCIO Prossimamente si libera la casa della parrocchia in via Barg’aree.   Chi fosse interessato di affi arla, si rivolga al:   presidente del Consiglio Parrocchiale sig. Tiziano Petrini — tel. 091/796 18 80, 

o al segretario sig. Ivano Genovini — tel. 091/ 796 30 60.  9 


La forza della lode: camminare con il Rinnovamento dello Spirito  Ogni mercoledì sera alle 20.00, si ritrova negli spazi dell'oratorio di Sant'Antonio a Locarno il  gruppo di preghiera denominato Efraim. Esso appar ene al più vasto movimento del Rinnovamento dello Spirito, nato nel 1967, la cui missione è quella di portare i cris ani ad approfondire la grazia ba esimale e a diventare più consapevoli di sé stessi. Pertanto, la preghiera che lo  cara erizza è sopra u o una preghiera di lode e ringraziamento, come vuole lo s le del movimento, ma anche di intercessione, modalità che conforma da vicino allo s le di preghiera di  Gesù. Gli incontri se manali seguono, a grandi linee, lo s le delle prime comunità cris ane  descri e nelle Le ere paoline (cfr. 1 Cor 14, 26; Ef 5, 18-20): una «liturgia missionaria», una  forma di annuncio nella quale i partecipan , sulla base del sacerdozio comune dei fedeli, sono  condo  a un incontro immediato con Gesù, tramite can , tes monianze e ascolto della Parola di Dio. Inoltre, si accorda anche par colare fiducia allo Spirito Santo, che è il maestro interiore della preghiera cris ana. Il cammino del Rinnovamento si è sempre contraddis nto come  esperienza  ecclesiale  e  ha  potuto  contare  sin  dai  suoi  esordi  sul  conforto  e  sul  discernimento dei Pontefici che ne hanno seguito l'evolversi con a enzione e con cura pastorale. Il 18  maggio 1975, Papa Paolo VI decise di convocare i suoi membri nella Basilica di San Pietro, per  un incontro internazionale. Si tra a del primo di una lunga serie di incontri in Va cano. Papa  Francesco,  rivolgendosi  al  Rinnovamento  durante  una  di  queste  convocazioni  nazionali,  ha  spiegato: «Il primo dono dello Spirito Santo, qual è? Il dono di Sé stesso, che è amore e   fa  innamorare di Gesù. E questo amore cambia la vita. Per questo si dice “nascere di nuovo alla  vita nello Spirito”. Lo aveva de o Gesù a Nicodemo. Avete ricevuto il grande dono della diversità dei carismi, la diversità che porta all’armonia dello Spirito Santo, al servizio della Chiesa».  Il Catechismo (n. 2672) ci insegna che vi sono tan  cammini di preghiera quan  sono coloro  che pregano, ma è lo stesso Spirito che agisce in tu . Effe vamente, un aspe o che si sperimenta molto bene all'interno del gruppo Efraim è l'unità: ciascuno fa la sua parte, ma siamo  tu  porta  verso il Padre a intercedere per l'umanità. Personalmente, nel gruppo ho imparato a prestare a enzione ai bisogni altrui, la capacità di sen rmi «prossima» di chi mi sta accanto (durante la preghiera si sta in cerchio, l'uno vicino all'altro), la bellezza di avere qualcuno che preghi per me quando ne ho bisogno. Queste mie impressioni trovano riscontro nelle  parole di San Giovanni Paolo II, che nel 1998 così si rivolgeva al movimento: «Come non rendere grazie per i preziosi fru  spirituali che il Rinnovamento ha generato nella vita della Chiesa e nella vita di tante persone? Quan  fedeli laici - uomini e donne, giovani, adul  e anziani -  hanno potuto sperimentare nella propria vita la stupefacente potenza dello Spirito e dei suoi  doni! Quante persone hanno riscoperto la fede, il gusto della preghiera, la forza e la bellezza  della  Parola  di  Dio,  traducendo  tu o  ciò  in  un  generoso  servizio  alla  missione  della  Chiesa!  Quante vite cambiate in profondità! Per tu o questo oggi, insieme a voi, voglio lodare e ringraziare lo Spirito Santo. Siete un movimento ecclesiale». A questo punto, è inu le dirlo, siete  tu  cordialmente invita  a partecipare, per ripetere con le parole del Veni Creator Spiritus:  «Spirito Santo, sii luce all'intelle o, fiamma ardente nel cuore; sana le nostre ferite col balsamo del tuo amore».    

Laura Quadri

Preghiera di Papa Francesco allo Spirito Santo:  Ti adoriamo, Dio Onnipotente, Padre, Figlio e Spirito Santo.  Padre, inviaci lo Spirito Santo che Gesù ci ha promesso. Egli ci guiderà verso l’unità. Egli è Colui che dà i carismi, che opera la varietà nella Chiesa, ed è Lui che fa l’unità. Inviaci lo Spirito  Santo, che ci insegni tu o quello che Gesù ci ha insegnato e ci dia la memoria di quello che  Gesù ha de o. Gesù, Signore, Tu hai chiesto per tu  noi la grazia dell’unità in questa Chiesa  che è Tua, non è nostra. La storia ci ha divisi. Gesù, aiutaci ad andare sulla strada dell’unità o  di questa diversità riconciliata. Signore, Tu sempre fai quello che hai promesso, donaci l’unità  di tu  i cris ani. Amen. 

10


SOT TO LA CROCE MA CON GIOIA E INSIEME AGLI ALTRI

11


Â

Cardinal Dziwisz

Papa Francesco

Gioiosi nella fede

Veglia di preghiera

12Â


San Gregorio Magno  ‐  3 se embre  È stato chiamato l’ultimo grande Papa del periodo romano e il primo grande Papa del periodo medioevale. L’ultimo dottore classico e il primo dottore scolastico. Era nato a Roma, in una grande casa patrizia sul Celio. Da giovane fece rapidamente una brillante carriera, fino a Prefetto di Roma. Ben presto però la vocazione religiosa gli fece mutare la toga senatoriale con quella benedettina. Iniziò la vita cenobitica e si dedicò con assiduità alla contemplazione dei misteri di Dio nella lettura della Bibbia. Non poté però dimorare a lungo nel suo convento del Celio perché, dopo essere stato ordinato diacono, verso il 579 papa Pelagio II lo inviò come suo nunzio presso la Corte di Costantinopoli per chiedere gli aiuti contro i Longobardi. Vi rimase sei anni, guadagnandosi la stima della famiglia imperiale. Al rientro a Roma, nel 586, tornò nel monastero sul Celio. Vi rimase però per pochi anni, perché il 7 febbraio 590, papa Pelagio morì a causa della grave pestilenza che imperversava in Roma. Gregorio, che si era prodigato con i soccorritori, venne proclamato Papa. Fu un grande: nella carità, nell’amministrazione, nella politica. Allevio le pene dei miseri, superò la grave crisi economica del tempo, riuscì a piegare con l’aiuto della regina Teodolinda, il re longobardo Agilulfo, ostile alla Chiesa. Con i Vescovi fu il primo ad usare la formula “servo dei servi di Dio”. Con i sovrani fu autorevole; con i poveri fu sublime: li visitava, li invitava nella sua casa, li serviva lui stesso. Nella liturgia promosse l’adozione di quel canto solenne, ancora chiamato “gregoriano”. Compose molte opere di teologia, ascetica, morale e scrisse vite di santi, come i suoi Dialoghi. Inviò evangelizzare in tutti i paesi europei, avvalendosi in particolare dei suoi confratelli benedettini. Alla sua morte, avvenuta il 12

marzo 606, il prestigio della Chiesa era molto alto, sia in Occidente, come in Oriente. Lasciò parecchi scritti di carattere pastorale, morale, omiletico e spirituale, come pure dissertazione e lezione di Sacra Scrittura. Riportiamo un passaggio tolto dai suoi scritti pastorali. La guida delle anime sia discreta nel suo silenzio e utile con la sua parola affinché non dica ciò che bisogna tacere e non taccia ciò che occorre dire. Giacché come un parlare incauto trascina nell’errore, così un silenzio senza discrezione lascia nell’errore coloro che avrebbero potuto essere ammaestrati. Infatti, spesso, guide d’anime improvvide e paurose di perdere il favore degli uomini hanno gran timore di dire liberamente la Verità, non servono più alla custodia del gregge con lo zelo dei pastori, ma fanno la parte dei mercenari (cf. Gv. 10,13), poiché quando si nascondono dietro il silenzio, è come se fuggissero all’arrivo del lupo.

13


Sant’Ignazio di Antiochia ‐ 17 ottobre 

Fu il terzo vescovo di Antiochia, in Siria, cioè della terza metropoli del mondo antico, dopo Roma e Alessandria d’Egitto. Di Antiochia era stato vescovo anche san Pietro. Non era cittadino romano e pare che non fosse nato cristiano, ma che si fosse convertito in seguito. I suoi discepoli dicevano di lui che “era di fuoco”, e non soltanto per il nome, dato che ignis, in latino, significa appunto fuoco.

quando il mondo non vedrà il mio corpo. Pregate il Signore per me perché con quei mezzi sia vittima per Dio. Non vi comando come Pietro e Paolo. Essi erano apostoli, io un condannato; essi erano liberi io tuttora uno schiavo. Ma se soffro sarò affiancato in Gesù Cristo e risorgerò libero in lui. Ora incatenato imparo a non desiderare nulla.

Durante il suo episcopato, l’imperatore Traiano diede inizio alla sua persecuzione, che colpì duramente la Chiesa di Antiochia. Arrestato e condannato ad bestias, Ignazio fu condotto in catene, durante un lunghissimo e penoso viaggio, da Antiochia a Roma. Durante quel viaggio scrisse sette lettere, luminose e mistiche, sfolgoranti di carità. Raccomandava ai suoi fedeli di fuggire il peccato; di guardarsi dagli errori degli Gnostici; soprattutto li implorava di mantenere l’unità della Chiesa. Raccomandava ai cristiani di Roma di non intervenire in suo favore e di non tentare di allontanarlo dal martirio. Giunto a Roma nell’anno 107, il vescovo di Antiochia trovò la morte nel Circo, divorato dalle belve.

Ricordatevi nella vostra preghiera della Chiesa di Siria che in mia vece ha Dio come pastore. Solo Gesù Cristo sorveglierà su di essa e la vostra carità. Io mi vergogno di essere annoverato tra i suoi, non ne sono degno perché sono l’ultimo di loro e un aborto. Ma ho avuto la misericordia di essere qualcuno, se raggiungo Dio. Il mio spirito vi saluta e la carità delle Chiese che mi hanno accolto nel nome di Gesù Cristo e non come un viandante. Credo che voi conoscerete coloro che mi hanno preceduto dalla Siria a Roma nella gloria di Dio. Avvertiteli che sono vicino.

Congedo

Riportiamo due passaggi della lettera di Ignazio ai Romani mentre è in viaggio verso Roma e verso il martirio. Sono il frumento di Dio Scrivo a tutte le Chiese e annunzio a tutti che io muoio volentieri per Dio, se voi non me lo impedite. Vi prego di non avere per me una benevolenza inopportuna. Lasciate che sia pasto delle belve per mezzo delle quali mi è possibile raggiungere Dio. Sono frumento di Dio e macinato dai dente delle fiere perché diventino la mia tomba e nulla lascino del mio corpo ed io morto non pesi su nessuno. Allora sarò veramente discepolo di Gesù Cristo, 14


Santa Cecilia ‐ 22 novembre

risalire l’origine del patrocinio di santa Cecilia sulla musica sacra, anche se un esplicito collegamento tra Cecilia e la musica è documentato soltanto a partire dal tardo Medioevo, quando si cominciò a La devozione verso questa giovane è molraffigurare la santa con un piccolo organo to antica. Due fatti al riguardo sono indicativi: il titolo basilicale di Cecilia ante- portativo a fianco. riore all’anno 313, quando l’editto di Co- Dopo le nozze anche Valeriano e suo frastantino poneva fine alla persecuzione dei tello Tiburzio si convertirono alla religiocristiani e concedeva a tutti il professare ne cristiana. Il prefetto Turcio Almachio, liberamente la propria fede religiosa, e il che perseguitava i cristiani, aveva proibifatto che la festa della santa veniva già to, di seppellire i cadaveri dei martiri, ma celebrata, nella sua basilica in Trastevere, i due fratelli si dedicavano alla sepoltura di tutti i poveri corpi che incontravano nell’anno 545. lungo la loro strada. Vennero quindi deAltro elemento non privo di significato in nunciati, torturati e condannati. Prima delmerito alla venerazione che circondava la loro morte convertirono però un ufficiaquesta martire è la sua sepoltura, avvenuta le romano, Massimo, incaricato dell’esenelle Catacombe di S. Callisto, in un pocuzione e che pure subì il martirio. Cecisto d’onore, accanto alla cosi detta “cripta lia, chiamata a sua volta davanti al prefetdei Papi”. Più tardi, nell’821, papa Pato venne condannata ad essere bruciata squale I ne trasferì il corpo nella cripta nel bagno nella sua casa; un’altra tradiziodella basilica trasteverina a lei dedicata. ne parla invece di condanna per soffocaNel 1599, durante i restauri della basilica, mento. Pena in seguito sostituita dalla deordinati dal cardinale Paolo Emilio Sfon- capitazione. drati in occasione dell’imminente Giubileo del 1600, venne ritrovato un sarcofago con il corpo di Cecilia in ottimo stato di conservazione. Il cardinale allora commissionò a Stefano Maderno (1566-1636) una statua che riproducesse quanto più fedelmente l’aspetto e la posizione del corpo di Cecilia così come era stato ritrovato. Questa statua si trova tuttora sotto l’altare centrale della chiesa. La musica, e in particolare quella a sfondo religioso, ha in questa santa la sua patrona e diverse corali, anche da noi, ricollegano il loro stesso nome a questa martire romana.

Secondo la tradizione questa fanciulla romana, nobile e ricca, si recava quotidianamente alla Messa celebrata da papa Urbano nelle catacombe lungo la via Appia, attesa da molti poveri che ne conoscevano la generosità. Si racconta che il giorno delle sue nozze con il nobile Valeriano, “mentre gli organi suonavano, ella cantava nel suo cuore soltanto per il Signore”. Proprio a questa tradizione si ritiene di far 15


Manuele Laloli con Senayda Gautschi  Congiun  in matrimonio l’11 . 06 . 2016 a Verscio da Don Ceslao Sutor  16 


Giovanni Starnini con Sara Salmina  Congiun  in matrimonio il 27 . 08 . 2016 a Gordevio da Don Ronaldo Romagnoli  17 


Â

Verscio Felice Gobbi di Giotto e Fabienne Decoterd Nato: 29 - 11 - 2015, Battezzato: 18 - 09 - 2016 da Don Czeslaw Sutor Padrino: Stephane Decotterd Madrina: Sandra Breitling

Tegna Joel Massera di Giovanni n. Palermo e di Giada Nato: 09 - 04 - 2016, Battezzato: 24 - 09 - 2016 da Don Czeslaw Sutor Padrino: Davide Massera Madrina: Silvana Branca 18Â


C

 

C

 S

✩ 04 – 08 – 1935 ✝ 12 – 07 – 2016

L’eterno riposo dona loro, o Signore E splenda ad essi la luce perpetua. Riposino in pace. Amen

L

 

A

R

✩ 22 – 11 – 1919 ✝ 07 – 09 – 2016 19


S. Anna, 24 luglio 2016 

Intervento del presidente del Consiglio parrocchiale di Tegna   al termine della funzione  Care e cari affeziona  della chiesa di S. Anna,  a nome del Consiglio parrocchiale di Tegna vorrei esprimervi il nostro più caloroso ringraziamento per essere sali  così numerosi ed aver partecipato in modo tanto sen to  a questa celebrazione per la ricollocazione della statua di S. Anna.  Gli ul mi lavori di una certa importanza di questo oratorio risalgono al 1987 ( ormai  30 anni fa ) e si concentrarono sul miglioramento del drenaggio a orno ala chiesa e  sul restauro delle pare  interne. In quell’occasione la statua di S. Anna, che si trovava  nella sacres a della chiesa di Tegna, venne portata quassù. Il quadro della Madonna  della  neve,  che  aveva  subito  un  forte  degrado  a  causa  delle  condizioni  difficili  della  chiesa di S.Anna, venne per contro collocato nella chiesa di Tegna, dove è ancora oggi  esposto sulla parete destra prima dell’altare. In sos tuzione dell’originale, qui a S. Anna venne esposta una riproduzione che, nel fra empo,  si era anch’essa di nuovo gravemente rovinata.  In luogo di rimpiazzare la riproduzione del quadro della Madonna della neve, questo  Consiglio parrocchiale ha ritenuto più opportuno valorizzare la statua di S. Anna, che  era ubicata in modo poco visibile sulla parete sinistra dell’altare, esponendola al centro della chiesa.  Abbiamo  approfi ato  di  questa  occasione  per  restaurare  la  statua,  che  anch’essa  soffriva del degrado del tempo e dell’ambiente, e per rinfrescare le pare  dell’altare e  del basamento interno di tu a la chiesa.  Nel corso della primavera anche l’impianto di illuminazione è stato colpito da un fulmine ed abbiamo dovuto provvedere alla sos tuzione di diversi suoi componen , tra i  quali anche le nuove lampade a LED, alla cui luce dobbiamo ancora abituarci. A causa  della  vetustà  dell’impianto,  l’assicurazione  ci  rimborserà  solo  una  parte  dei  cos   effe vi di riparazione.  Tu  i lavori esegui  comportano una spesa ne a a nostro carico di circa 11'000 franchi. La colle a alles ta appositamente per il restauro della statua, fino ad oggi ci ha  permesso di raccogliere circa 9'000 franchi, mentre siamo fiduciosi che con la festa di  oggi e con qualche ulteriore donazione riusciremo a coprire tu e le spese.  Nel bolle no parrocchiale dell’aprile 1946, quando erano in corso ben più importan   lavori di restauro, Don Rober ni  scriveva:  20 


“Alle scalate i lavori procedono, anche se lentamente. Piace vedere tanta gente portare lassù cemento, calce e sabbia. Piace vedere che si sa ancora lavorare gratuitamente. Piace l’interesse per quel bellissimo oratorio.” Carissimi,  anche  a  noi  piace  ancora  oggi  ammirare  questa  bella  chiese a,  ma  sopra u o ci piace costatare che l’a accamento e la dedizione verso questo bene culturale  e  religioso  non  sono  venu   meno  ma  sono  sta   riconferma ,  in  altre  forme,  con  la grande generosità della gente delle nostre Terre.  A nome del Consiglio parrocchiale di Tegna ringrazio di cuore tu  coloro che ci hanno  sostenu  durante questo piccolo restauro, sperando vivamente che il risultato finale  sia di loro gradimento.  In questo magnifico luogo di ricordi, ma anche di speranze, vi auguro di trascorrere un  bel pomeriggio all’insegna della le zia e dell’amicizia.    Marco Fioroni 

21


2 Domenica 8 Sabato 9 Domenica 23 Domenica 30 Domenica

OTTOBRE FESTA PATRONALE A CAVIGLIANO DI SAN MICHELE ARC. Unica Santa Messa alle ore 10.00. GITA PARROCCHIALE AL SANTUARIO DI ARENZANO FESTA DELLA MADONNA DEL SANTO ROSARIO Santa Messa a Verscio con l’incanto dei doni. Verscio ore 17.00 CONCERTO FESTA PATRONALE A VERSCIO DI SAN FEDELE E SACRAMENTO DELLA CRESIMA - S. Messa alle 10.30.

NOVEMBRE 1 Martedì SOLENNITÀ DI TUTTI I SANTI Tegna 09.00 Santa Messa Verscio 10.30 Santa Messa Nel pomeriggio lode vespertina e visita al cimitero Cavigliano 14.00 Verscio 15.00 Tegna 16.00 2 Mercoledì MEMORIA DI TUTTI I FEDELI DEFUNTI Cavigliano 10.00 Santa Messa Verscio 15.00 Santa Messa Tegna 18.00 Santa Messa 6 Domenica Tegna ore 17.00 CONCERTO 20 Domenica Cavigliano ore 17.00 CONCERTO 25, 26 e 27 Venerdì, Sabato e Domenica -MERCATINO DI PADRE CARLETTI DICEMBRE 8 Giovedì IMMACOLATA CONCEZIONE 16 - 24 NOVENA DI NATALE 24 Sabato VIGILIA DI NATALE Tegna 17.30 Santa Messa per i bambini Verscio 24.00 Santa Messa 25 Domenica SANTO NATALE Tegna 09.00 Cavigliano 10.00 26 Lunedì Verscio 10.30 31 Sabato Cavigliano 18.00 Santa Messa e Te Deum di ringraziamento per l’anno 2016 22


MercaƟno Benefico in favore dell'opera di Padre Pierluigi Carleƫ. Padre Pierluigi  Carle   ci  ha  fa o  gradita  visita  in  marzo  di  quest'anno.  Rientrato  dall'Ecuador per ritrovare i propri famigliari, in par colare la sorella Ester, amici, conoscen , benefa ori. Un periodo anche di cura della propria salute e di meritato riposo.  La sua permanenza nei luoghi na i è stata intensa cara erizzata dalle visite ai benefa ori e a coloro che lo sostengono, presentando le numerose opere realizzate in favore degli indigen .  La sua opera benefica è incessante dovendo fronteggiare il con nuo  degrado  morale  ed  economico  dei  luoghi  dove  opera.  L'avvicinarsi  del  periodo  dell'Avvento  ci  ricorda  l'imminenza  del  Santo  Natale  e  il  prezioso  sostegno  alla  sua  opera.  Il  tradizionale  merca no  sarà  alles to  nella  Casa  Parrocchiale  messa  gen l‐ mente a disposizione dal Consiglio Parrocchiale di Verscio nei giorni 25  26 ‐ 27 no‐ vembre. Maria Keller e le sue collaboratrici vi a endono con infinita gra tudine.   

VANDALISMO

Purtroppo, nei  paraggi  della  chiesa  parrocchiale,  luogo  di  riflessione,  di  ritrovo,  di  relax  e  di  giuoco, succedono ogni  tanto  dei  vandalismi.  Uno  di  ques   riguarda  il  lampione  che  illumina  la  Strecia  di  don  Agos no  Rober ni.  Ennesima  volta  è  stato  spaccato  il  vetro  e  la  lampadina,  me endo  al buio il passaggio che  in  queste  condizioni  può diventare pericoloso.  Speriamo,  che  il  buon  senso  conquis   finalmente  la  carente  intelligenza di chi lo fa.  23 


Franco Francesco Zanetti—Verscio

Ester Carletti—Cavigliano

Gay Maria—Verscio

Annamaria Mazzoleni—Minusio

Elsa Belotti—Cavigliano

(In memoria di Anna Leoni)

Avv. Antonio Schneider—Locarno

Gerardo Frosio—Verscio

Fernanda Simona—Locarno

Avv. Corrado Cavalli—Locarno

Alessandra Zerbola—Tegna

Luisella Gilà—Tegna

Mawa e Oliver Broggini—Verscio

Graziella e Sandro Dellamora—Loco

Noemi e Cristian Lutz—Verscio

Mirta Genasci—Gudo

Giancarlo Zurini—Tegna

Carlo Monti—Pregassona

Elisabrth e Antonio Monaco—Verscio

Graziana Pelloni—Tegna

Clemente Martino Milani—Tegna

Sonia Gianini—Mosogno

Angela e Claudio Zanda—Verscio

Maria Theresia Wuthier-Gisi—Cavigliano

Vittorio Rizzoli—Cavigliano

Alba MOnotti—Verscio

Angela e Franco Belvederi—Verscio

Lidia Gualzata—Verscio

Edoardo Conceprio—Tegna

Angelo Belotti—Tegna

Manfred e Jolanda Walder-Ambühl— Verscio

Charlotte Stutz-Schmidlin—Verscio

AngelaJ. Salmina—Verscio

Luisella Sartori—Verscio Nives e Fausto De Giorgi—Verscio

Gemma Gianini—Mosogno

T. Manetsch—Verscio

Vanda Sacchet—Tegna

Virginia e Fernando Belotti—Verscio

André Rottabach—Cavigliano

Franco Zanetti—Verscio

Ida Garbani Nerini—Mosogno

OFFERTE VARIE

Ivo Monaco—Verscio

Battesimo di Felice Gobbi

100.-

Adelia Bernasconi—Lugano

Battesimo di Joel Massera

30.-

G R A Z I E

P E R

I L

P R O V I D E N Z I A L E 24

V O S T R O A I U T O


P.P.

 

6653 Verscio  Posta CH SA 

                                                   

PRODOTTO CON ATTREZZATURE DELLA PARROCCHIA—CONFIDIAMO NEL VOSTRO SOSTEGNO   

Bollettino terre di Pedemonte, Ticino 2016  
Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you