Page 1

TRADIMENTO


TRADIMENTO

terzo quaderno di appunti sulla transumanza

TransAlp Percorsi di cultura alpina fra le Valli Grana e Stura

Marco Lagamba

Leonardo Ramondetti

2015


A PRETESTO

La transumanza non come fine ma come mezzo diventa occasione per interpretare il territorio. Il vocabolo, formato dal prefisso trans = attraverso e il vocabolo humus = terra, ci riporta al legame che tale pratica intrattiene con il suolo. L'intervento proposto si pone quindi come fine l'interpretazione del territorio al fine di declinare una nuova geografia. Una geografia disonesta e soggettiva che ha lo scopo di riscrivere i luoghi, scoprendo relazioni inconsuete fra oggetti, spazi e tempi differenti; osservando il territorio con l'occhio di colui che transita misurando il suolo passo dopo passo. Torino, 10 giugno 2015 Marco Lagamba Leonardo Ramondetti


DEL TRADIMENTO

[o appropriazione indebita]

Come un rapsòdo porto ad altri una storia [diverse storie] che ho amato e lo faccio con le mie parole e provo piacere ad ascoltare la mia voce che le riproduce. Le immagini che produco sono tutte quelle di cui mi sono nutrito. Solo un po' corrotte. [Le immagini di cui mi sono nutrito mi hanno corrotto] Beniamino Servino

Seguire le orme della transumanza significa compiere un pellegrinaggio fra la molteplicità di eventi che hanno caratterizzato e ancora oggi coinvolgono le nostre valli. Questo cammino diventa occasione per stendere un filo immaginario che ambisce a riscrivere i paesaggi percorsi dalla transumanza e ancora oggi coinvolti nelle pratiche della pastorizia. La suggestione è quella di proporre attraverso immagini delle “stazioni” che rendano esplicito tale percorso. Un sentiero che porti a riscoprire i tempi e i luoghi della transumanza. Allo stesso tempo tali “stazioni”, giocando con elementi che incontrano sul territorio [paesaggi, costruzioni, scarti, scorie che lungo il tempo si sono sedimentate sul territorio], si fanno portavoce delle numerose storie che hanno caratterizzato le valli, mettendo in luce il rapporto fra pratiche secolari, storie e luoghi. In tal modo la riproposizione in chiave nuova di elementi incontrati lungo il percorso, la riscrittura di altri o la rimodellazione di superfici e paesaggi diventa una riflessione sulla possibilità di raccontare la storia della transumanza aggiungendo una stratificazione al palinsesto, e facendo emergere come tale narrazione sia da sempre intrecciata con altri racconti che in tempi e modi diversi hanno scolpito il territorio delle valli. CONCREZIONE.


CONCREZIONE concrezione [con-cre-zió-ne] s.f. 1 minerali originatisi per deposito di sostanze a intervalli successivi con presenza di superfici di discontinuità. 2 est. Accrescimento per aggiunta, per giustapposizione di altri elementi.

6


7


IL RIFUGIO DEL PASTORE Il rifugio del pastore è un luogo sospeso. Un’abitazione provvisoria con una grande finestra verso l’esteno. L’attacco a terra è rigorosamente bianco [o per la neve o per le pecore].

8


9


CASA MADDALENA Casa Maddalena è una casa di confine. Maddalena è l’Hilde di De Gregori, racconta storie di contrabbando. Spazi rubati al tempo, scavati fra le pietre.

14


15


EXPO TRANSHUMANCE Quello che era bello di quei tempi è che quando attraversavi i villaggi tutta la gente era sulla porta. Giuseppe Giavelli

intervista tratta da La Routo a cura di Guillame Lebaudy

20


21


CARAVANSÉRAIL D’EAU Il caravanserraglio è un luogo di sosta e ristoro. Un’oasi in cui fare tappa lungo il cammino.

26


27


FORÊTE DE BÉTON I boschi sono i luoghi dell’imprevisto. Radure, nascondigli, ostacoli per lo sguardo. Luoghi dell’intimità.

32


33


FERITOIE Le feritoie offrono punti di vista privilegiati. Cornici nel paesaggio, guidano lo sguardo.

38


39


Seguire le orme della transumanza significa compiere un pellegrinaggio fra la molteplicità di eventi che hanno caratterizzato e ancora oggi coinvolgono le nostre valli. Questo cammino diventa occasione per stendere un filo immaginario che ambisce a riscrivere i paesaggi percorsi dalla transumanza e ancora oggi coinvolti nelle pratiche della pastorizia. La suggestione è quella di proporre attraverso immagini delle “stazioni” che rendano esplicito tale percorso. Un sentiero che porti a riscoprire i tempi e i luoghi della transumanza. Allo stesso tempo tali “stazioni”, giocando con elementi che incontrano sul territorio [paesaggi, costruzioni, scarti, scorie che lungo il tempo si sono sedimentate sul territorio], si fanno portavoce delle numerose storie che hanno caratterizzato le valli, mettendo in luce il rapporto fra pratiche secolari, storie e luoghi. In tal modo la riproposizione in chiave nuova di elementi incontrati lungo il percorso, la riscrittura di altri o la rimodellazione di superfici e paesaggi diventa una riflessione sulla possibilità di raccontare la storia della transumanza aggiungendo una stratificazione al palinsesto, e facendo emergere come tale narrazione sia da sempre intrecciata con altri racconti che in tempi e modi diversi hanno scolpito il territorio delle valli.

A pretesto La transumanza non come fine ma come mezzo diventa occasione per interpretare il territorio. Il vocabolo, formato dal prefisso trans = attraverso e il vocabolo humus = terra, ci riporta al legame che tale pratica intrattiene con il suolo. L'intervento proposto si pone quindi come fine l'interpretazione del territorio al fine di declinare una nuova geografia. Una geografia disonesta e soggettiva che ha lo scopo di riscrivere i luoghi, scoprendo relazioni inconsuete fra oggetti, spazi e tempi differenti; osservando il territorio con l'occhio di colui che transita misurando il suolo passo dopo passo. Torino, 10 giugno 2015 Marco Lagamba Leonardo Ramondetti

Profile for Leonardo Ramondetti

Tradimento  

Book III. Exhibition TransAlp. Itinerari di cultura alpina fra le valli Grana e Stura

Tradimento  

Book III. Exhibition TransAlp. Itinerari di cultura alpina fra le valli Grana e Stura

Advertisement