Page 1

Sede: Gruppo Consiliare Liga Veneta Lega Nord Padania - Consiglio Regionale del Veneto - San Marco 2321/b - 30124 Venezia tel 041.270.1428 fax 041.525.6360 - leganord@consiglioveneto.it www.leganord.veneto.it

Marzo 2012 FESTA DEI POPOLI PADANI A VENEZIA foto di Paolo Parenti

Anno 11 - Numero 1

“prima i veneti”, sfida per la ripresa del territorio

Meno precariato, più speranza per i nostri giovani

di Luca Zaia, Governatore del Veneto

di Federico Caner, Capogruppo Lega Nord in Consiglio Regionale

I

n Veneto si è aperta una grande stagione di riforme. In questi mesi di governo regionale abbiamo ottenuto risultati importanti per mantenere fino in fondo gli impegni presi con i veneti. Innanzitutto siamo riusciti a dimostrare con i fatti che “Prima il Veneto” non è un semplice slogan, ma uno dei principi guida della nostra azione di governo, Insieme alla concretezza e a quella politica del fare che contraddistinguono da sempre la capacità di amministrare i territori da parte della Lega. L’approvazione dello Statuto del Veneto è una vittoria storica per questa regione, che finalmente si è dotata della propria carta fondamentale che regolamenta la vita di tutte le istituzioni del nostro territorio e i diritti e i doveri di ciascuno di noi. Sul piano amministrativo la Giunta ha approvato il nuovo Piano Sociosanitario atteso da 16 anni, che prevede una profonda riforma dell’intera organizzazione sanitaria ospedaliera e territoriale. Sempre in ambito sanitario, per la prima volta, abbiamo chiuso il bilancio in attivo pur mantenendo su livelli d’eccellenza i servizi. La crisi che sta attanagliando anche il nostro sistema economico è stata affrontata con vigore e responsabilità. continua a pag. 2

L

Le “secessioni siLenziose” neLL’europa dei popoLi di Gian Paolo Gobbo, Segretario Nazionale della Liga Veneta Lega Nord Padania

a crisi ha cancellato posti di lavoro, ha distrutto ambizioni, ha creato tensioni. I nostri giovani sono sfiduciati e si sentono incompresi, devono fare i conti con la disoccupazione, con il precariato e con un mercato del lavoro chiuso e incapace di garantire stabilità. Secondo le ultime stime il tasso di disoccupazione in Veneto raggiunge il 4,5% al III trimestre 2011, aumentando dello 0,1% rispetto ai tre mesi precedenti. I giovani veneti, in particolare, rappresentano una risorsa ancora poco valorizzata: al II trimestre 2011 la percentuale degli inoccupati supera il 17% (cioè circa 22 mila giovani disoccupati), pur con un lieve miglioramento rispetto alle altre Regioni. Non è facile ridare speranza in una situazione come quella attuale ma crediamo fortemente che sia il momento di sperimentare nuove politiche attive per rendere più accessibile e meno precario il mondo del lavoro, venendo incontro alle esigenze di flessibilità richieste dal mercato e dall’impresa ma garantendo sicurezza al lavoratore. Va in questa direzione la nostra proposta di legge sul “Contratto regionale di Attività”*, un contratto, o accordo, tra Regione, istituzioni ed enti fornitori di servizi a cui potranno aderire i lavoratori autonomi economicamente dipendenti, i collaboratori a progetto,

Un’Europa federale composta da comunità di popoli. Un’Europa della giustizia sociale e della sicurezza. Un’Europa in cui il valore dell’identità superi quello dei mercanti, delle multinazionali e dei poteri forti. Un’Europa delle culture locali, che in Veneto fanno perno sul valore della famiglia e del lavoro. Un’Europa, infine, che affermi il primato irrinunciabile delle comunità etno-nazionali, quali il Popolo Veneto, quello bavarese, catalano, fiammingo, tirolese, ceco e slovacco, assecondando le “secessioni silenziose” delle sue macroregioni economiche.

continua a pag. 2

continua a pag. 2


marzo 2012

2

i n p riMo pi a n o

“prima i veneti”, sfida per la ripresa

www.leganord.org

continua da pag. 1

di Luca Zaia, Governatore del Veneto www.lucazaia.it presidenza@regione.veneto.it continua da pag. 1

Come governo regionale siamo stati vicini ai nostri lavoratori approvando nel 2011 circa 8.425 domande di cassa integrazione in deroga per 40.217 dipendenti. Sul fronte delle imprese, invece, tra le misure più rilevanti c’è lo sblocco da parte di Veneto Sviluppo dei 36,6 milioni di euro della Regione per la costituzione di un fondo di garanzia con l’obiettivo di favorire l’accesso al credito. Per dare impulso alla crescita e allo sviluppo, la Regione si è comportata come una vera e propria ‘stazione appaltante’. Una scelta strategica che ha visto investimenti importanti come, per esempio, l’apertura del cantiere della Pedemontana che vale 2,2 miliardi di euro e darà lavoro a oltre 2.200 persone, o l’approvazione del project financing per la Valsugana, un’opera che vale quasi un miliardo di euro. Sono infrastrutture che garantiscono commesse e posti di lavoro, che ci auguriamo vadano a imprese e lavoratori del territorio. In questi mesi, infine, abbiamo conseguito risultati straordinari in un ambito che sta molto a cuore ai cittadini: i costi della politica. Sono stati eliminati i vitalizi, ridotte le indennità, diminuito il numero dei consiglieri regionali. Questi traguardi sono solo le prime tappe del percorso delle riforme che abbiamo avviato in Veneto. Ci attendono nei prossimi mesi delle sfide strategiche per il futuro della Regione, a partire da quella del federalismo, che ci permetterà di uscire dalla crisi ed agganciare la ripresa facendo del Veneto un modello a livello nazionale e internazionale.

Meno precariato per i nostri giovani di Federico Caner, Capogruppo Lega Nord in Consiglio Regionale - canerf@consiglioveneto.it continua da pag. 1

i lavoratori subordinati, i soggetti in cerca di prima occupazione, i disoccupati, i licenziati e le aziende che decidono di assumere o di impegnarsi a confermare i loro dipendenti. Obiettivo primario della nostra proposta è di “accompagnare” il lavoratore nello spostamento da un lavoro all’altro, in modo che non si senta “abbandonato” ma sia inserito in una cornice contrattuale di cui la Regione diventa garante. Ai singoli destinatari saranno erogate, attraverso l’istituzione di un bando regionale, prestazioni di carattere economico, formativo e occupazionale. Si tratta, per esempio, di azioni dirette al sostegno del reddito, di corsi di aggiornamento e riqualificazione professionale al fine di un ricollocamento, di incentivi economici alle imprese che garantiscono una durata minima di 3 anni dei contratti non a tempo indeterminato, e infine di garanzie economiche rivolte ai lavoratori in possesso di contratto di collaborazione coordinata continuativa e a progetto. Il “Contratto regionale di attività” rappresenta insomma uno strumento concreto per superare le attuali forme di discriminazione tra lavori protetti e lavori precari, una misura che sarà portata quanto prima all’esame del Consiglio regionale, con la speranza che sia sostenuta da tutti i partiti in modo da assicurare un adeguato finanziamento per la sua attuazione. Il nostro augurio è che in futuro si giunga finalmente a una sana forma di federalismo contrattuale che permetta di commisurare gli stipendi dei lavoratori al costo della vita nella nostra Regione, cosicchè i nostri giovani non siano costretti alla fuga dalla loro terra, il Veneto, da sempre crogiolo di genio creativo e intraprendenza. * È possibile scaricare il progetto di legge dal sito www.leganord.veneto.it, all’interno della sezione Proposte di Legge

Il rischio oggi è che la tecnocrazia cancelli questa Europa, quella che gli eserciti cristiani vollero difendere alle porte di Vienna il 12 settembre 1683, quando combatterono contro il rischio di dover rinunciare ad una identità, e non certo a una presunta unità politica ed economica. Allora, quell’Europa prendeva forma partendo dalle comuni radici cristiane e dalle difesa della propria storia; oggi invece tutto questo ritorna come “Comunità economica europea”, tendente ad annullare le diversità e le culture regionali particolari, ad appiattirsi sotto il ‘pensiero unico’ del mercato comune, ad azzerare le eccellenze degli Stati sotto la ‘geometria invariabile’ di regole incapaci di vedere la specificità come valore. Oggi l’unica unione che ci viene proposta, o più spesso imposta, è quella delle frontiere aperte e della sperequazione finanziaria, cui già nel 1996 la Lega si oppose, unico partito nell’Europarlamento a mettere in guardia dai rischi della moneta unica e della finanza creativa. Crediamo invece che le reali esigenze dei popoli debbano partire dal concetto di “macroregioni europee” così come le disegnava la Fondazione Agnelli nel 1992. Nei “Quaderni”, diretti da Marcello Pacini, si parlava di “Padania, una Regione italiana in Europa”, definendo la necessità di ciò che l’economia già stava attuando: una Comunità che si basasse su economie macroregionali e non statali, nella stessa misura in cui stava accadendo per le imprese, e che contemplasse al proprio interno unioni economiche affini. Ogni Popolo europeo oggi dovrebbe seguire il tracciato di quella che è ancora la più longeva civiltà occidentale, quella Repubblica Serenissima che tutelava le differenze senza perdere la propria cultura, che sapeva meglio accogliere proprio perché aveva una identità fortissima da trasmettere, straordinario laboratorio di civiltà fondata sul rispetto dell’autonomia e delle comunità. Da questo non si può prescindere, se vogliamo un futuro che si fondi su “radici profonde che non gelano”, sulla libertà di scegliere per sé stessi le diverse gradazioni di specificità ed autonomia alla luce di storie differenti. Vogliamo, per dirla con le parole di Kennedy, “essere i padroni e non le vittime della nostra storia”, credendo nel cammino dell’Europa dei popoli, che sappia finalmente cogliere la spinta economica reale delle sue macroregioni prima che le istanze finanziarie e tecnocratiche degli Stati.


da LLa r egi o n e

marzo 2012

3

scuola Quadri e alta Formazione, due percorsi d’eccellenza Al suo sesto anno di “vita”, la Scuola di Formazione leghista nell’autunno 2011 si è sdoppiata. Dallo scorso ottobre, infatti, ha preso il via un percorso “di eccellenza” in 13 lezioni dedicato a 26 amministratori regionali e locali della Lega Nord, realizzato dal Gruppo consiliare leghista in collaborazione con la SDA Bocconi di Milano. In parallelo si è svolta la Scuola Quadri “tradizionale”, che quest’anno ha registrato 206 iscritti per 3 lezioni. “La volontà di creare un programma di sviluppo manageriale riservato agli amministratori – spiega il capogruppo della Lega in Consiglio regionale, Federico Caner – deriva dalla necessità di una sempre maggior preparazione di chi è chiamato a governare il territorio, in tutti i livelli e nei diversi settori. Da qui anche la volontà di collaborazione con la SDA Bocconi: è un percorso d’eccellenza, perchè è oggi assolutamente prioritario elevare la politica attraverso la conoscenza di tutti gli strumenti operativi, politici, tecnici. Questo anche con l’intento di favorire un continuo ricambio generazionale in grado di dare vita ad una forza dirigenziale di assoluta qualità, capace di far fronte alle diverse problematiche che interessano la nostra società e le nostre istituzioni”. Gli amministratori che frequentano la Scuola di Alta Formazione sono quasi tutti laureati, 20 su 26 hanno meno di 40 anni, ed il più giovane è un 21enne consigliere comunale ad Alano di Piave (Belluno) laureando in ingegneria. Gli iscritti provengono da tutte le Province del Veneto. A loro, al termine del percorso, viene richiesto di analizzare in gruppo un caso o predisporre un progetto, anche prendendo spunto da situazioni reali. I partecipanti alle tre giornate di Scuola Quadri sono stati 206; 89 ricoprono incarichi amministrativi (di cui 3 sindaci), 85 sono laureati, 107 diplomati. Moltissimi gli under-35 (73), due addirittura 19enni: un padovano di Piove di Sacco ed un trevigiano di Maserada. Le lezioni si sono aperte con il saluto di benvenuto del segretario nazionale della Lega Gian Paolo Gobbo e del capogruppo consiliare regionale Federico Caner. Nella prima giornata, condotta dal gen. Piero Laporta e dal prof. Maurizio Mistri, sono stati trattati il processo evolutivo nel continente africano e la crisi del sistema delle relazioni internazionali per quanto riguarda l’Italia e la Ue. L’incontro successivo è stato incentrato sul federalismo, trattato dal prof. Luca Antonini e dal prof. Fabrizio Pezzani. L’ultima giornata è stata dedicata a politica, etica e morale, con docenti il prof. Franco Biasutti e il prof. Piero Ignazi.

officina Veneto: la Lega ascolta e concretizza Necessario adeguamento del Welfare all’invecchiamento della popolazione, famiglie più povere e incapaci a risparmiare, situazione ambientale migliorabile sotto molti aspetti. Sono questi i tre punti generali emersi a conclusione di Officina Veneto, il percorso congiunto intrapreso dal Gruppo consiliare Lega Nord con associazioni, parti sociali e categorie, per approfondire le criticità presenti nella realtà socioeconomica locale e raccogliere proposte operative da concretizzare in azioni legislative e politiche regionali. popolazione e Welfare – In Veneto la crescita della popolazione ha subito una sensibile contrazione nel 2011: i cittadini della nostra regione sono quindi più anziani rispetto al passato. L’adeguamento del sistema di Welfare diventa perciò una priorità per sostenere la fascia meno giovane della società veneta, puntando a meccanismi che vedano l’assistenza domiciliare come via preferenziale. Benessere economico delle famiglie – La crisi ha inciso in maniera pesante sulle famiglie venete, come conseguenza dei licenziamenti o della difficoltà della piccola impresa. Il reddito a disposizione si contrae, ma pur in ristrettezze economiche i consumi tendono a non rallentare, anche per il ricorso al microcredito. La famiglia assume un ruolo centrale e per questo è prioritario garantirle un adeguato supporto economico e sociale, alla luce dell’importanza che riveste nel tessuto sociale della regione e in quello economico ed imprenditoriale. La qualità e la sostenibilità ambientale – I dati ufficiali mostrano un Veneto che nel 2008 (ultimo dato disponibile Istat) destinava all’ambiente oltre il 67% della spesa nazionale in questo settore, ma il lavoro da fare è ancora molto. Per migliorare l’inquinamento atmosferico per esempio serve una riorganizzazione logistica che preservi i centri storici dalle polveri sottili, promuovendo nei cittadini e nelle imprese una cultura dell’ambiente e del territorio che tuttora sembra non essere sufficiente a preservarne l’integrità. Quanto emerso da Officina Veneto non resterà sulla carta, ma si tradurrà presto in proposte concrete da sottoporre all’esame del Consiglio regionale.


marzo 2012

4

da LLa r egi o n e

www.leganord.veneto.it

uno statuto moderno e federale: la Lega mantiene gli impegni La miglior risposta politica alla crisi che colpisce famiglie, lavoratori ed imprese. Questo rappresenta lo Statuto del Veneto, approvato all’unanimità dal Consiglio regionale lo scorso 11 gennaio. Uno Statuto che, primo in Italia, disegna un Veneto federalista, con una propria autonomia legislativa e finanziaria, che si dà un’efficienza amministrativa tarata sulla responsabilità dei suoi governanti, che favorisce nelle proprie azioni chi ha dimostrato un più forte legame col territorio. Uno Statuto granitico nei suoi principi fondamentali, ma anche flessibile ad un prossimo nuovo assetto istituzionale nazionale, in primis per quanto riguarda le Province. La Carta è stata licenziata anche dal Governo, che ha deciso di non impugnarla davanti alla Corte Costituzionale, dando invece il via libera allo Statuto più innovativo mai approvato da una Regione. La vera partita si apre adesso, con l’applicazione pratica dei principi in esso contenuti, grazie anche al nuovo e più snello Regolamento d’aula. Il Veneto, grazie alla sua stagione costituente e all’impegno dei suoi amministratori, è ancora una volta la prima regione d’Italia nella buona gestione della politica e del territorio. Ecco in sintesi alcune novità introdotte dallo Statuto del Veneto, che si può leggere integralmente nella home page del sito www.consiglioveneto.it.

• prima i Veneti! Secondo lo Statuto (art. 5) la Regione “opera a favore di tutti coloro che, secondo criteri di ragionevolezza e proporzionalità, possiedono un particolare legame con il territorio”. Tener conto di chi ha reso il Veneto la terra che sentiamo ‘patria’, è quasi un obbligo per il legislatore regionale. Non è un’accezione esclusiva, ma inclusiva: chi vuole sentirsi veneto non può prescindere dal legame con un territorio che molto riceve e ancora più è disposto a trasmettere in materia di identità, di cultura, di accoglienza, di condivisione, di integrazione, di solidarietà e di volontariato.

• una regione federale ed autonoma Il Veneto valorizza le autonomie locali trasferendo loro risorse per portare i servizi quanto più vicini ai cittadini. L’autogoverno del popolo veneto si attua in forme rispondenti alle caratteristiche e alle tradizioni della sua storia. Sono riconosciuti in particolare il ruolo di Venezia come capoluogo e città metropolitana, e la specificità di Belluno come provincia totalmente montana. Il Veneto diviene una regione in grado di attuare la propria autonomia adattandola ai vincoli statali di finanza pubblica, rispettando il pareggio di bilancio e vincolando i propri amministratori alla responsabilità e all’efficienza.


da LLa r egi o n e

marzo 2012

5

il Veneto per primo taglia vitalizi e costi della politica!

• il patto tra generazioni Il Veneto, nello Statuto, diventa un “bene” avuto in prestito dai nostri figli e non ereditato dai nostri padri: chi amministra ha quindi il ruolo di tutelare le generazioni future e il loro diritto a disporre di risorse naturali ed economiche adeguate. Vanno garantiti quindi l’acqua come bene pubblico, la sicurezza alimentare, la conservazione delle tipicità ambientali e agricole, secondo un nuovo modello di sviluppo sostenibile.

• La tutela del lavoro e dell’impresa Lavoro e impresa come strumenti di promozione delle persone e delle comunità: il Veneto opera per garantire e rendere effettivo il diritto al lavoro, perseguendo una occupazione piena, stabile, sicura e regolare; promuovendo la formazione e la riqualificazione professionale; tutelando il lavoro in tutte le sue forme e la libera iniziativa economica, individuale e collettiva, e con particolare riguardo alle piccole e medie imprese.

• il popolo veneto e le minoranze Ferma è la volontà, nel nuovo Statuto, di mantenere i legami con i veneti nel mondo, valorizzando gli scambi e i legami con i paesi nei quali vivono. La Regione salvaguarda e promuove l’identità storica del popolo e della civiltà veneta e concorre alla valorizzazione delle singole comunità, riconoscendo le minoranze presenti nel proprio territorio.

In un momento di crisi, in cui sempre più famiglie sono in difficoltà e le imprese soffocano per il cappio del credito, il Veneto decide di tagliare drasticamente i costi della politica, già ridotti un anno fa con la legge 1/2011. Prima in Italia ad adeguarsi al Decreto Tremonti e alla manovra Salva Italia per la riduzione delle spese della macchina amministrativa, la nostra Regione ha addirittura fatto di meglio, eliminando del tutto i vitalizi e tagliando i compensi dei consiglieri del 25%. Il Veneto diventa quindi una delle Regioni più virtuose a livello europeo. L’abolizione degli assegni e la riduzione delle indennità vanno ad aggiungersi al forte ridimensionamento del budget per il funzionamento del Consiglio e del ‘palazzo’, che dall’inizio della legislatura è stato ridotto del 17%, passando da 59 a 49 milioni di euro. • ridotte le indennità: Dal 1° gennaio l’indennità di funzione corrisposta attualmente ai consiglieri ha subìto un taglio del 25%, dopo il 10% ridotto un anno fa. • eliminati i vitalizi: i consiglieri regionali non usufruiranno più del vitalizio e di conseguenza non sarà più possibile per gli eredi avere gli assegni di reversibilità. Tagliato del 5% l’assegno di fine mandato. • compensi sulla presenza effettiva in aula: particolare rilievo assume il principio della semplificazione e razionalizzazione di tutte le voci che compongono attualmente la cosiddetta “diaria” dei consiglieri (rimborso spese per attività istituzionali e trasporto): i rimborsi vengono limitati alla effettiva partecipazione all’attività di Aula, di Commissione e sul territorio. • riduzione del numero dei consiglieri: non più 60, ma 1 ogni 100.000 abitanti come definito nello Statuto. La Legge elettorale, al momento al vaglio della Corte Costituzionale, sancisce anche l’eliminazione del listino bloccato del Presidente: tutti i consiglieri saranno eletti con le preferenze, ed opereranno su diretto mandato popolare. Sono queste le principali novità contenute nella legge approvata lo scorso 22 dicembre dal Consiglio regionale. Una norma che assume un significato particolare nel contesto della difficile situazione economica del paese e del Veneto, rispetto alla quale la politica ha il dovere di dare il proprio contributo e il buon esempio, soprattutto quando si chiedono ai cittadini sacrifici e rinunce. Non è la risposta più fattiva a un sentimento di “antipolitica”, bensì la volontà di dar vita ad una macchina amministrativa migliore, più efficiente, meno costosa, realmente rappresentativa, in grado di corrispondere alle esigenze del Veneto.


marzo 2012

6

da LLa r egi o n e

www.radiopadania.net

La Lega nord corre sul web! Una veste grafica totalmente rinnovata, notizie dai consiglieri in tempo reale, una rassegna stampa quotidianamente aggiornata, una newsletter per restare informati sull’attività del Gruppo Lega Nord. È on line da qualche settimana il nuovo sito www.leganord.veneto.it, nato dall’esigenza di una maggiore partecipazione e aggregazione in rete di tutti i militanti, i sostenitori, i veneti. Abbiamo arricchito le sezioni già esistenti con nuovi spazi che riteniamo possano essere utili ai nostri visitatori e agli utenti che intendano seguire da vicino le numerose attività del Consiglio regionale e, in particolare, del nostro Gruppo Consiliare. Vi invitiamo perciò a visitarlo quotidianamente, ad iscrivervi alla newsletter, a seguire la nostra pagina Facebook (www.facebook.com/leganordveneto) e il profilo twitter… In questa pagina alcuni “suggerimenti” su come utilizzare al meglio il portale. Buona navigazione su www.leganord.veneto.it!

notizie in tempo reale Aprendo il sito, si possono leggere nella home page le ultime notizie e i comunicati stampa dei nostri consiglieri regionali. Semplicissimo, aprendone uno, copiarne il link e condividerlo sui principali social network per darne maggiore diffusione, farlo commentare ed aprire un dibattito sull’argomento trattato.

il nostro programma prende forma Sempre in home page, è scaricabile il nostro programma elettorale per questa legislatura regionale. Un programma che prende forma in progetti di legge consultabili direttamente dal portale, divisi per tematica così da poter essere più agevolmente sfogliati.

un portale “social” Nel sito, con accesso direttamente dalla home page, si possono sfogliare le foto dei principali eventi cui partecipano i Consiglieri leghisti, vedere i video (anche collegandosi all’account Youtube), accedere alla pagina Facebook e al profilo Twitter del Gruppo consiliare Lega Nord. Potete anche sapere “in diretta” dove sono presenti quotidianamente consiglieri ed assessori leghisti, sfogliando la loro Agenda e la Mappa geolocalizzata degli eventi.

resta informato con la newsletter Le notizie, gli appuntamenti, le informazioni, gli studi e le indagini pubblicate nel sito, vengono inviate periodicamente a tutti gli iscritti alla Newsletter. Pratica e “leggera”, per iscriversi basta lasciare una e-mail e la provincia di residenza, della quale riceverete le news!

la lega nord approfondisce La sezione “Studi e indagini”, accessibile direttamente dal link sotto la testata del sito, riserva interessanti spunti di approfondimento. In questa sezione sono disponibili per la consultazione gli studi, le indagini qualitative e i report realizzati da Plancia©, strumento di management politico e piattaforma informativa funzionale alla programmazione regionale, ideata per il Gruppo consiliare Lega Nord. Vi troverete, ad esempio, dati sulla manovra del Governo provincia per provincia, studi sulla virtuosità degli Enti locali, report sul Federalismo, e molto altro.

leggi i giornali con noi Sotto il logo del Consiglio regionale, nella home page del sito, figura il link “Rassegna stampa”. Vi troverete ogni giorno, con puntualità, alcuni suggerimenti di lettura tratti dai quotidiani o dai settimanali. Gli articoli possono essere scaricati in formato pdf o condivisi copiandone il link sui principali social network.

rimaniamo in contatto! www.facebook.com/leganordveneto

www.twitter.com/LegaNordVeneto

www.youtube.com/leganordveneto

www.flickr.com/photos/leganordveneto


LA PA RO L A A I cOn s I gL I e R I

La nostra squadra

Il capogruppo Federico Caner

Padova

Matteo toscani Vicepresidente Consiglio Regionale

Maurizio conte Assessore all’Ambiente

www.matteotoscani.it vptoscani@consiglioveneto.it

www.maurizioconte.it assessore.conte@regione.veneto.it

Il nuovo Veneto a guida leghista Le persone fanno la differenza, anche se qualcuno sostiene il contrario. Il rinnovamento alla guida delle istituzioni comporta a volte significativi e sostanziali cambiamenti. Lo dimostra quanto è successo in Regione Veneto dal marzo del 2010. Con la Lega Nord che esprime il Presidente e che si è affermata come primo partito, in poco più di un anno è mezzo si sono ottenuti risultati che nei precedenti quindici non si erano raggiunti: il nuovo Statuto, il nuovo Regolamento d’aula, la riduzione del numero dei consiglieri, senza dimenticare il taglio dei vitalizi. Traguardi che costituiscono il biglietto da visita del nuovo Veneto a guida leghista, un Veneto più moderno, più virtuoso e più attento alle esigenze e alla valorizzazione dei territori e delle comunità locali. Da bellunese, non posso non pensare al riconoscimento, all’interno del nuovo Statuto, della specificità della mia provincia, anche in questo caso dopo anni di inutili tentativi. Segno evidente che, anche da questo punto di vista, c’è una diversa sensibilità. Particolarmente positivi, inoltre, saranno gli effetti del nuovo Regolamento d’aula, che consentirà alla maggioranza di governare senza ostruzionismi, permettendole di attuare il programma scelto dai cittadini veneti, nel rispetto del ruolo dell’opposizione.

7

arianna lazzarini

I ventun rappresentanti della Lega Nord in Regione stanno portando avanti nella maniera migliore il mandato forte di cui li hanno investiti gli elettori ormai due anni fa. Temi sanitari, sociali, ambientali, tutela dell’impresa, del lavoro e dei servizi ai cittadini: tutta la squadra leghista si è impegnata in quest’anno a rispondere alle istanze dei veneti, sia localmente che a livello generale. Ecco quindi, dalle parole di assessori e consiglieri appartenenti al Gruppo che presiedo, le principali azioni su cui ci stiamo muovendo, sia nell’immediato sia anche con una visione lungimirante soprattutto a vantaggio delle giovani generazioni e delle categorie sensibili. Ognuno dei ventun consiglieri ed assessori ha un riferimento di posta elettronica cui scrivere per informazioni, sollecitazioni, richieste: vi invitiamo ad utilizzarlo e ad interpretare il nostro mandato come un punto di riferimento per i veneti nella massima istituzione legislativa regionale.

Belluno

marzo 2012

salvaguardia idraulica: non c’è tempo da perdere Il bilancio che si può stilare a quasi un anno e mezzo dall’alluvione 2010 è basato su risposte concrete a priorità precise. La Regione ha inteso adoperarsi in opere indispensabili alla salvaguardia territoriale, interventi che non venivano attuati da decine d’anni. Un impegno finanziario, culturale, etico: reperire con sistematicità le risorse necessarie per garantire ai Veneti la sicurezza idrogeologica. Le opere più onerose come le casse di espansione, capaci di contenere a monte le eventuali eccedenze d’acqua, nelle località di Trissino, Caldogno e Arzignano/ Riese Pio X sono già oltre la fase di progettazione. I lavori di rinforzo degli argini da soli non bastano: la programmazione regionale comporta un investimento di 2,7 miliardi di euro, al momento non disponibili. Stiamo però già contando sui 60 milioni del Decreto Milleproroghe, sui 45 dall’accordo col Ministero per la Difesa del Suolo, sui 60 del fondo FAS, sui 19 dal Fondo Europeo e sulle risorse dai bilanci regionali futuri che ammontano ad almeno 20 milioni l’anno. E’ un percorso in ripida salita, una nuova partita su cui la Regione Veneto mai si era cimentata prima. Si pensi che l’ultimo bacino di laminazione su cui si era lavorato è quello di Montebello, 80 anni fa. I tempi di completa risoluzione del problema saranno lunghi, ma già tra 2-3 anni i primi due bacini – Caldogno e Trissino - saranno realizzati, ed entro 5-7 anni il Veneto potrebbe risolvere i problemi collegati al rischio idrogeologico.

www.ariannalazzarini.org lazzariniar@consiglioveneto.it

Un nuovo ruolo delle donne nelle politiche venete È necessario sempre più, in una stagione di riforme anche dolorose e gravate dalla crisi in atto, guardare in maniera particolare al ruolo della donna nell’ambito sociale. In quest’anno mi sono impegnata a portare avanti progetti che mettano al primo posto le donne, come madri e come lavoratrici. Ho condotto a compimento, anche con l’appoggio ideale dell’Associazione Alleanza Cefalalgici, l’iter della legge che riconosce la Cefalea come malattia sociale ed invalidante: il testo, approvato all’unanimità dal Consiglio regionale, è ora a Roma per diventare definitivo. Questo permetterà di tutelare i malati di una patologia che colpisce il 12% della popolazione, con picchi tra i 25 e i 44 anni, e che mette in difficoltà migliaia di veneti nella loro vita quotidiana. Soprattutto per le donne, che dopo il lavoro sono anche mamme e casalinghe, la cefalea diviene davvero una malattia invalidante, che impedisce una vita sociale e lavorativa “normale”. Per lo stesso motivo, cioè il riconoscimento del ruolo sociale così peculiare alla donna, ho appoggiato di recente la protesta delle lavoratrici che sono scese in piazza contro la liberalizzazione degli orari dei negozi e le aperture domenicali dei centri commerciali. C’è il rischio, al di là delle valutazioni economiche del caso, di mettere in crisi il sistema sociofamiliare che invece proprio adesso va considerato uno dei pochissimi punti saldi in un momento di difficoltà.

santino Bozza

bozzas@consiglioveneto.it

c&c di Pernumia: prosegue la bonifica del sito Uno stanziamento di 500.000 euro per la messa in sicurezza del deposito abusivo di rifiuti pericolosi presso la C&C di Pernumia. Li ha stanziati la Giunta regionale su proposta dell’assessore Maurizio Conte e su mio interessamento, vista la situazione di criticità per la salute pubblica che quella discarica sta causando per i residenti di Pernumia, Due Carrare e Battaglia Terme. Già nel 2009 la Regione aveva inserito il sito della C&C tra le aree da bonificare. La messa in sicurezza completa costerebbe circa 12 milioni di euro: oltre a quelli stanziati con delibera dello scorso 29 dicembre, la Regione aveva già impegnato 200.000 euro per la caratterizzazione e la sistemazione dell’area esterna. Nell’incontro coi


LA PA RO L A A I cOn s I gL I e R I

marzo 2012

8

sindaci svoltosi in Consiglio regionale a novembre, avevo oltretutto sottolineato la necessità di individuare contestualmente le responsabilità sia di chi ha inquinato, sia dei mancati controlli, visto che per trasportare le 52.000 tonnellate di rifiuti pericolosi sarebbero stati necessari 1.300 autotreni di passaggio. Purtroppo negli anni si è guardato troppo allo sviluppo economico ed industriale e poco alla tutela di un ambiente fragile. L’attenzione da parte della Regione al caso di Pernumia è sempre altissima, dato che per i residenti nei tre comuni si tratta di un problema non solo di vivibilità ma anche di salute pubblica. Perciò dopo il contributo di 500.000 euro per la messa in sicurezza del sito della C&C, l’assessore Conte ha dato disponibilità in fase di bilancio 2012 a ricavare un fondo per la bonifica degli oltre 500 siti inquinati in Veneto.

re il proprio fondamento nell’iniziativa e nella condivisione delle comunità interessate e non può essere in nessun modo imposto dall’alto. Questo progetto di legge vuole appunto favorire quelle iniziative che sono già spontaneamente nate o che potrebbero nascere dal territorio, accompagnandole dal punto di vista tecnico ed incentivandole in modo sostanziale dal punto di vista finanziario. Ora tocca al Consiglio regionale approvare quanto prima tale proposta.

Treviso franco Manzato Assessore all’Agricoltura

Rovigo

www.francomanzato.it assessore.manzato@regione.veneto.it

Agricoltura, le ragioni di un successo

cristiano corazzari

corazzaric@consiglioveneto.it

Fusioni di comuni: migliori servizi e minori costi Per il Veneto, ed in particolare per il Polesine dove maggiore è la frammentazione in piccoli comuni, le fusioni di municipi rappresentano una grande opportunità di crescita, a garanzia di migliori servizi per i cittadini e di minori costi della struttura burocratica. Con il nostro progetto di legge vogliamo incentivare la contribuzione verso le fusioni, in modo che queste siano favorite il più possibile rispetto alle altre forme associative. Molti sarebbero i vantaggi della eventuale realizzazione di nuovi enti territoriali derivanti dalla fusione di comuni: la razionalizzazione della gestione dei servizi, in particolare di quelli relativi al trasporto e alla viabilità stradale; l’ottimizzazione della gestione del personale; l’armonizzazione in un’area più vasta delle politiche di pianificazione territoriale; la maggiore efficienza, economicità e funzionalità dei servizi; la creazione di condizioni per ridurre la pressione fiscale sui cittadini e favorire la nascita e l’insediamento di realtà imprenditoriali. Naturalmente il processo di fusione deve trova-

In Veneto, l’agricoltura è tra i pilastri del successo di una regione che ha registrato una produzione lorda di 4,7 miliardi di euro nel 2010, ma che può e deve aumentare. Come Istituzione regionale abbiamo dato un segnale preciso, in controtendenza rispetto ad altri comparti, mettendo nel piatto 89 milioni destinati allo sviluppo di un sistema integrato agroalimentare nel quale oggi operano circa 80.000 imprese. Abbiamo inoltre avviato una serie di miglioramenti ‘rivoluzionari’ al sistema agricolo veneto, costruendo un’unica banca dati di progetti e sperimentazioni evitando doppioni nelle ricerche tra Università, Ministero, Regione e Veneto Agricoltura. Altre iniziative importanti riguardano la sburocratizzazione delle procedure a carico degli agricoltori; gli accordi con tre importanti istituti di credito (Cassa depositi e prestiti, BEI, ISA) per prestiti a tassi agevolati agli imprenditori; la riorganizzazione di Veneto Agricoltura ed Avepa per ridurre i costi e liberare risorse per le imprese. Sono inoltre già operativi gli Sportelli Unici Agricoli, ossia un unico interlocutore di riferimento per l’agricoltore in quasi tutti i procedimenti, insieme al PiaVe (Portale integrato per l’agricoltura Veneta, http://www.piave.veneto.it) contenente tutte le informazioni correlate con video che spiegano usando parole semplici gli attuali progetti, misure, bandi e quant’altro, per permettere agli agricoltori di lavorare senza ostacoli inutili, aumentando reddito e produttività.

Parlamento Veneto Trimestrale del Gruppo Consiliare della Liga Veneta Lega Nord Padania in Consiglio Regionale Veneto (editore proprietario della testata)

Direttore Responsabile Paolo Parenti Legale Rappresentante Federico Caner Presidente del Gruppo Consiliare

Responsabile del trattamento dei dati (DL 193/03) è il Direttore Responsabile Iscrizione Registro della Stampa n. 1386 del 7-5-2001 del Tribunale di Venezia stampa Grafiche Tintoretto vicolo Giuseppe Verdi, 45/47 31020 Villorba (TV) www.grafichetintoretto.it

www.legablog.it

luca Baggio Presidente Commissione Lavoro e attività produttive

baggiol@consiglioveneto.it

“stati generali” del lavoro: una risposta alla crisi Le nostre aziende, soprattutto le piccole e medie imprese, si aspettano dalla politica soluzioni chiare per arginare le conseguenze della crisi. A questo scopo abbiamo dato il via a febbraio agli “Stati generali” dell’economia veneta, coinvolgendo tutti i soggetti del mondo produttivo e del mercato del lavoro, per capire quali politiche attivare per sostenere le imprese e l’occupazione, per orientare la formazione, per aiutare i giovani ad allinearsi alle trasformazioni in atto e ad incrociare le offerte occupazionali. Inoltre, abbiamo presentato due progetti di legge che ci auguriamo il Consiglio regionale approvi in fretta. Nel primo chiediamo che Equitalia modifichi la procedura di rateizzazione delle somme iscritte a ruolo, concedendo ai contribuenti e alle imprese la possibilità di ripartire il pagamento dei debiti in un numero di rate superiore a quello previsto, passando quindi da 72 a 120 rate. La seconda proposta punta invece a creare il “Sistema regionale di coordinamento sul credito”, un apparato in cui le istituizioni, le associazioni di categoria e dei consumatori, le banche e le organizzazioni sindacali possano lavorare insieme per individuare tempestivamente le possibili criticità delle imprese, così da contrastare le infiltrazioni mafiose ed ostacolare il fenomeno dell’usura nel tessuto economico veneto. Di fronte a centinaia di aziende vittime di estorsioni da parte delle mafie, la politica deve dare un segnale di compattezza, agevolando il dialogo e favorendo la collaborazione con gli istituti di credito.

gianpiero possaMai

possamaig@consiglioveneto.it

Meno burocrazia per una migliore efficienza Diminuzione della burocrazia, ammodernamento del sistema di organizzazione e di gestione dei servizi rivolti al cittadino, abbattimento della spesa regionale per una migliore efficienza e funzionalità: sono gli obiettivi principali che guidano la nostra e la mia attività in Regione. Anzitutto con il progetto di legge sulla semplificazione edilizia, allo scopo di promuovere lo snellimento degli adempimenti burocratici, il corretto utilizzo del suolo, una migliore sostenibilità, il contenimento dei consumi energetici. E’ indispensabile, infatti, dare una riposta ai cittadini e ai tecnici che percepiscono un


LA PA RO L A A I cOn s I gL I e R I disagio operativo causato da norme confuse che rendono poco chiaro ed eccessivamente burocratizzato il procedimento autorizzativo per l’esecuzione di interventi edilizi. Lo snellimento burocratico, che ci auguriamo sia presto realtà nel campo dell’edilizia, è già un risultato concreto nelle tante materie amministrative di competenza della Regione, ed anche per citare un esempio in materie “minori” come l’attività di raccolta dei funghi epigei, grande passione dei veneti, che grazie alla legge già approvata su mia iniziativa ha abolito l’obbligo del tesserino identificativo per i raccoglitori. Era, questo, un inutile e dispendioso adempimento che in 15 anni ha comportato una spesa a carico del privato (in marche da bollo, fototessera ed altro) di ben 15 milioni, senza tener conto degli oneri per la pubblica amministrazione.

Venezia daniele stiVal Assessore alla Caccia, Protezione Civile, Identità e Flussi

assessore.stival@regione.veneto.it

caccia e Protezione civile, novità in arrivo I lavori per il nuovo Piano Faunistico Venatorio contengono elementi innovativi rispetto al passato, sia nel metodo che nei contenuti. Per la prima volta è stato impostato, con la sottoscrizione di un protocollo d’intesa e di un tavolo tecnico permanente, un coordinamento tra Regione e Province per la pianificazione generale Il Piano dismetterà così finalmente un improprio ruolo emendativo e correttivo che l’ha caratterizzato in passato, per divenire finalmente un vero strumento di indirizzo e coordinamento. Inoltre, come impone la normativa comunitaria, i Piani provinciali e quello regionale saranno sottoposti a Valutazione Ambientale Strategica, prevedendo una forte partecipazione pubblica fin dalle prime fasi preparatorie, attraverso la consultazione di tutti i portatori di interesse (dagli Enti ai cittadini). Il nuovo Piano regionale, infine, non potrà non tener conto della trasformazione del territorio, affrontando anche tematiche nuove come l’espansione in area di pianura degli ungulati o il ritorno dei grandi carnivori sulle Alpi. Quanto alla Protezione Civile, è ormai necessaria una riorganizzazione interna della struttura, che non può prescindere da una revisione nel rispetto dei principi fondamentali, dato che le attuali norme (del 1984 e del 1992) risultano superate anche dalle emergenze stesse. Perciò sto presentando un Disegno di Legge che affronta la materia nella sua completezza, cercando di riordinare le competenze e dando finalmente certezze al straordinario mondo del Volontariato.

gioVanni furlanetto

furlanettog@consiglioveneto.it

Verso una nuova “geografia” delle Usl veneziane Accorpare Venezia ed isole all’Usl 14 di Chioggia, e Cavallino Treporti all’Usl 10 di San Donà, per poter destinare alla sola laguna il 25% in più nelle risorse regionali per la specificità veneziana, come sarebbe giusto, senza dirottarle alla terraferma che presenta caratteristiche del tutto simili al Trevigiano o al Padovano. E’ quanto ho chiesto con un progetto di legge che propone di riequilibrare una grave situazione di disagio per gli utenti della laguna e di Cavallino Treporti, oggi incorporate nell’Usl 12 ma territorialmente più agevolate nel fruire dei servizi delle aziende sanitarie 14 e 10. In ragione di una indiscutibile peculiarità morfologica, logistica e demografica, per l’età media della popolazione e la massiccia presenza di stranieri e turisti, è quindi fondamentale inserire il Comune di Venezia, per quanto riguarda il centro storico e le isole, nell’ambito dell’Usl 14, di sicuro più idonea a gestire le esigenze del territorio lagunare. Sommando turisti e studenti di Venezia con quelli di Chioggia, poi, avremo la sicurezza di poter avere dal nuovo Piano Socio-Sanitario un ospedale di rete, con maggiori benefici per residenti e fruitori della laguna. Ugualmente, il mio progetto di legge chiede il trasferimento di Cavallino Treporti nell’ambito dell’Usl 10 di Jesolo e San Donà, dove già i cittadini si recano per maggiore comodità e territorialità, preferendola al presidio ospedaliero di Mestre che oggi è quello di appartenenza. Per questo penso sia necessario il cambio di ambito, coerentemente con le scelte della maggior parte dei residenti.

Verona luca coletto Assessore alla Sanità

assessore.coletto@regione.veneto.it

sanità, per la prima volta Bilancio in attivo! Il bilancio della Sanità veneta si è chiuso per la prima volta in assoluto con la previsione di un attivo di 624.000 euro. L’anno scorso si chiuse con una previsione di disavanzo di 72 milioni, poi interamente recuperati fino ad una chiusura definitiva a fine marzo a più 12,5 milioni. Già oggi possiamo dire che essere riusciti a mantenere i conti in ordine anche nel 2011, unici in Italia senza addizionale Irpef, erogando circa

marzo 2012

9

100 milioni di prestazioni extra Lea, facendo fronte a 30 milioni di aggravio per l’aumento dell’Iva e mantenendo invariato il livello dei servizi erogati, è un risultato eccezionale, che voglio dedicare prima di tutto al personale che lavora negli ospedali e sul territorio e ai cittadini veneti, che pagano le tasse e che ancora, purtroppo, vedono buona parte dei loro sacrifici finire nei calderoni romani. Con tutto quel che è successo a livello nazionale, far quadrare i conti 2011 è stata una vera impresa, riuscita grazie al grande senso di responsabilità di tutti i protagonisti della gigantesca macchina sanitaria veneta. Ora da Roma ci aspettiamo equità e rispetto nei prossimi importanti passaggi, come la definizione del riparto del Fondo Sanitario Nazionale 2012 e del nuovo Patto per la salute. Diciamo subito un NO totale all’inserimento del criterio della deprivazione, che si tradurrebbe in un’altra tassa romana sui veneti, favorendo il perpetuarsi di tanti sprechi ad altre latitudini. Diciamo invece un SI’ forte all’applicazione di criteri e costi standard, uguali per tutti su tutto il territorio nazionale, che altro non sono che l’applicazione del federalismo in sanità. L’Italia di oggi non può permettersi né sprechi né gestioni men che rigorose e la sanità può dare un grande contributo. I conti del Veneto lo dimostrano.

paolo tosato Vicecapogruppo

tosatop@consiglioveneto.it

Psr, i nuovi criteri favoriscono la Lessinia L’essere riusciti ad introdurre nel Piano di Sviluppo Rurale un riequilibrio tra la montagna veneta e quella veronese (la Lessinia in particolare), è un impegno che il Gruppo leghista ha raggiunto con successo in Commissione consiliare Agricoltura. Negli anni scorsi solo il 12% delle aziende casearie e degli allevamenti della Lessinia aveva ricevuto il contributo per l’ammodernamento delle strutture (misura 121M), pur rappresentando nel numero il 40% delle imprese venete del settore. Il 65% della graduatoria dei vincitori era infatti rappresentato da allevatori feltrini e bellunesi. Abbiamo ritenuto questa sperequazione del tutto ingiusta verso i nostri allevatori, peraltro già penalizzati dalla necessità di smaltimento dei liquami animali. In Commissione si è quindi deciso di fissare nuovi criteri rispetto alla proposta della Giunta regionale, che riducesse la differenza di trattamento permettendo anche alle aziende veronesi di accedere al bando. Si è perciò proceduto al riequilibrio prendendo atto della necessità di inserire nuovi criteri che favorissero la montagna d’alta quota, cioè sopra i 1200 metri, e maggiori punteggi a favore degli allevamenti siti in aree vulnerabili ai nitrati (quindi soprattutto in Lessinia). La Giunta regionale ha poi confermato questa richiesta, rendendo effettivi i nuovi criteri già nel bando che si è appena chiuso, grazie al quale le aziende della Lessinia e del Veronese potranno intraprendere ammodernamenti ed azioni di promozione delle proprie strutture.


10

LA PA RO L A A I cOn s I gL I e R I

www.padaniaoffice.org

andrea Bassi Presidente Commissione Urbanistica

Bruno cappon

Vittorino cenci Presidente Commissione Cultura e Turismo

bassia@consiglioveneto.it

capponb@consiglioveneto.it

cenciv@consiglioveneto.it

Trasporto pubblico: più equità tra le province Lo scorso novembre il Consiglio regionale ha approvato la manovra di assestamento del bilancio 2011. Una manovra da 135 milioni che ha compensato con maggiori risorse il settore del trasporto pubblico locale, la sanità e il sociale, il piccolo commercio, il diritto allo studio e gli enti lirici. Per quanto riguarda il trasporto pubblico, i 13 milioni previsti in bilancio sono stati stanziati più equamente tra tutte le aziende provinciali, riequilibrando situazioni di grave emergenza, con differenze tra province molto meno evidenti. Storicamente la frazione del fondo ha sempre favorito Venezia, dando luogo a una sproporzione che rischiava di far fallire le aziende di trasporto delle altre 6 province. Con l’ultimo riparto dei fondi, invece, abbiamo stabilito nuovi e giusti criteri di assegnazione, consentendo alle aziende di trasporto di operare con minori sofferenze, con la garanzia che nel bilancio di previsione 2012 opereremo con criteri di divisione maggiormente bilanciati fin dall’inizio, per evitare che le aziende venete siano costrette a chiudere. A marzo scorso, infatti, con la prima suddivisione dei 255 milioni a disposizione, ben 115 milioni sono stati destinati a Venezia che assorbiva oltre il 45% del totale dei fondi. Al contrario, coi nuovi criteri post assestamento 2011, abbiamo fissato una più equa divisione dei fondi: Verona ad esempio è passata dai possibili 1.516.237 euro a 2.396.087 euro, con un totale annuale di 32.137.655 euro, risultando la provincia che guadagna di più coi nuovi criteri di riparto.

Lessinia, terra da valorizzare Le potenzialità promozionali della Lessinia sono infinite e non a caso ci siamo impegnati affinchè questo splendido territorio fosse al centro del progetto per lo sviluppo turistico della Pedemontana veneta. La Lessinia non ha nulla da invidiare alle valli trentine o alle colline umbro-toscane, pertanto è doveroso inserirla nei circuiti di valorizzazione regionali. Servono investitori tra gli operatori della ricettività ma serve soprattutto un cambio di mentalità che intravveda nell’industria dell’ospitalità un’inversione di rotta per quest’area, legandola al paesaggio ma anche ai prodotti tipici. Attraverso il finanziamento di due milioni di euro ottenuto da Roma per promuovere la Pedemontana, la Regione concentrerà l’attenzione anche sul veronese ma sarà contemporaneamente compito del territorio far crescere e organizzare l’offerta. L’idea, che rivestirà una fortissima valenza sociale nel combattere lo spopolamento dell’area, consentirà di intercettare un turismo alternativo, non stagionalizzato ma rurale e ‘slow’, non inflazionato dai grandi percorsi ma nel contempo prossimo a luoghi di grande interesse come Verona o il Garda. Occorre però che il sistema economico del territorio ne diventi consapevole e si organizzi per proporsi in maniera unitaria ed innovativa. I canali ci sono, ed anche i finanziamenti, dobbiamo solo guardare avanti e saper cogliere le opportunità per una reale valorizzazione della Lessinia.

Foto Paolo Parenti

marzo 2012

Un solo esu per migliori servizi agli studenti L’importanza del diritto allo studio e della qualità dell’offerta didattica ci pone di fronte alla necessità di attuare una riforma in ambito universitario, unificando i tre Esu esistenti in una sola struttura con un unico CdA. E’ questo lo scopo primario della nostra proposta di legge, che punta al contenimento degli sprechi, alla razionalizzazione dei costi e alla unitarietà della gestione del diritto allo studio, incrementando la qualità, abbattendo la burocrazia e garantendo a tutti gli studenti del Veneto parità di trattamento tra i vari Atenei. E’ infatti fondamentale ampliare ed innovare il tradizionale concetto di diritto allo studio, includendo modalità nuove ed allargando la sfera dei destinatari. La Regione dovrà assumere un ruolo programmatore e attuare una migliore uniformità in un sistema integrato di servizi ed interventi, dando così sostegno allo sviluppo sociale ed economico. Per esempio, insieme alle borse di studio e agli alloggi per gli studenti che rientrano nelle fasce di reddito prestabilite, vanno individuate altre azioni che favoriscano l’accesso alla cultura, al trasporto pubblico locale, all’assistenza sanitaria, ad ogni altro servizio utile ad attuare il diritto allo studio universitario. Per questo è necessario muoversi in una visione regionale unitaria, intensificando il dialogo con tutti i soggetti coinvolti e ottimizzando le risorse disponibili.

sandro sandri

sandris@consiglioveneto.it

Diabete, nasce il sistema veneto La diagnosi e la cura del diabete diventano finalmente un Sistema che da un lato permetterà interventi sistemici, organizzati e coordinati a vantaggio dei 250.000 malati veneti di questa patologia diffusissima, dall’altro eviterà dispersione di risorse del Bilancio regionale. Questo grazie alla Legge approvata di recente dal Consiglio regionale su mia proposta, e che stanzia 11.500.000 euro in tre anni per la prevenzione, la diagnosi e la cura del diabete mellito, dall’età pediatrica all’età adulta. In questo modo andremo a regolamentare un settore medico che già vanta numerosi progetti d’eccellenza ma isolati, intercettando un target di oltre 400.000 malati veneti di questa patologia. Il Centro di riferimento regionale per la ma-


LA PA RO L A A I cOn s I gL I e R I

Vicenza roBerto ciaMBetti Assessore al Bilancio ed Enti locali

www.robertociambetti.info assessore.ciambetti@regione.veneto.it

Bilancio veneto, un lavoro da “duri”… “Quando il gioco si fa duro, i duri scendono in campo…” ed è il caso di dirlo, perché se ci sono stati anni difficili sono quelli che stiamo vivendo: io ho avuto l’occasione di avere al mio fianco dei tipi tosti, da Luca Zaia a Federico Caner e all’intero Gruppo consiliare e ai loro più stretti collaboratori, Fabio Gazzabin e Tiziano Bembo in testa. Questa premessa è necessaria perché senza di loro, senza il loro aiuto e fiducia non sarei mai riuscito a condurre in porto un Bilancio difficile e una riforma importante per la gestione comune di servizi e uffici nei Centri minori. In estrema sintesi dico che i risultati più importanti sono stati l’aver garantito il finanziamento per la sanità, l’assistenza sociale, il trasporto pubblico e la formazione, e nonostante durissimi tagli alla finanza regionale l’aver stanziato circa 35 milioni per sostenere il credito per le nostre imprese. Ma non solo: c’è stato un impegno gravoso, che ha dato un frutto insperato, l’essere riusciti ad ottenere da Bruxelles circa 20 milioni per i danni dell’alluvione del 2010. Nella Conferenza Stato-Regioni a Roma mi sono scontrato con le tremende resistenze della burocrazia romana e delle forze politiche tradizionali contro ogni tentativo di modernizzazione del paese, unica strada che vedo praticabile se vogliamo garantire al Veneto e a tutte le Regioni standard di benessere e sviluppo. Non ci attendono giorni facili, anzi. Ma è proprio quando il gioco si fa duro che i duri scendono in campo…

Marino finozzi Assessore al Turismo e alla Montagna

11

nicola finco Presidente Commissione Ambiente www.nicolafinco.com fincon@consiglioveneto.it

assessore.finozzi@regione.veneto.it

L’anno del boom: in Veneto oltre 63 milioni di turisti! Il 2011 è stato l’anno del boom per il nostro turismo, con oltre 63 milioni di presenze (+3%) ed un aumento degli stranieri che rappresentano il 62–63% del totale. Segno che abbiamo lavorato bene come Sistema turistico, e che l’offerta veneta mantiene tutto il suo appeal. Si sta qualificando la proposta culturale delle città d’arte (dove la crescita delle presenze è a due cifre), mentre si confermano spiagge e Garda. Nel 2011 ha finalmente preso il via la società Veneto Promozione, sono stati approvati i programmi di eccellenza regionali e interregionali (tra i quali il nuovo segmento della Pedemontana Veneta e il progetto Dolomiti Unesco), è stata avviata la valorizzazione delle Ville Venete, è stato costituito il “tavolo delle sinergie” per il turismo e il Veneto è divenuto regione pilota in Europa per l’ospitalità accessibile. Abbiamo anche dato vita a nuovi strumenti finanziari per sostenere gli investimenti. Il Veneto, primo in Italia, sta procedendo con il disegno normativo in materia di concessioni demaniali marittime, ed ha approvato il progetto di legge “Sviluppo e sostenibilità del turismo veneto”. Con il ddl “Sostegno allo sviluppo sostenibile e innovativo della montagna veneta” abbiamo fornito un quadro di interventi mirati tra agricoltura, turismo, salvaguardia del territorio, servizi sociali, mentre stiamo procedendo con la riforma dell’ordinamento delle Comunità Montane, enti che hanno svolto e svolgono un ruolo di presidio economico-sociale fondamentale.

Tezze, Malo, Valsugana: prima la tutela del territorio! Un territorio da tutelare, proteggere e in molti casi bonificare riportandolo allo stato originario. Quella vicentina, su cui per decenni si è operato senza il necessario rispetto per la sua fragilità, è una provincia che oggi si trova a fare i conti con una industrializzazione eccessiva e nel passato ingovernata. Penso ad esempio al caso della Tricom di Tezze, che ad anni dalla chiusura sta contaminando le falde con metalli pesanti. Per il ripristino della barriera idraulica, su mio interessamento la Regione ha appena stanziato 800.000 euro, ma servono presto interventi strutturali e decisivi per mettere in sicurezza il sito. Mi sto interessando anche al caso della discarica di Monte di Malo e San Vito di Leguzzano: una mia mozione in Consiglio regionale chiede a tutti i consiglieri di esprimere contrarietà al progetto, appoggiando i cittadini preoccupati per la pericolosità dei rifiuti sversati nel sito, per i danni del passaggio dei camion e per la sicurezza del sistema di ricarica della falda dell’Alto Vicentino, utilizzata dai comuni del Consorzio Bacchiglione. Infine, di fronte a chi per mesi ha invitato ad accelerare sul progetto Valsugana, facendo anche degli incontri pubblici in merito, io credo che un’opera da realizzare in un ecosistema fragile e in una valle già a rischio spopolamento, vada concertata con il territorio, coi sindaci, coi cittadini. Altrimenti, gli attuali problemi di stagnazione delle polveri inquinanti, del traffico, dell’abbandono della vallata, saranno ingigantiti divenendo cronici. Foto Paolo Parenti

lattia in età pediatrica verrà istituito presso l’Usl 20 di Verona, con la volontà di dare particolare rilevanza alle problematiche connesse alla gestione del diabete infantile. Interventi specifici, poi, riguardano l’individuazione dei soggetti a rischio per la diagnosi precoce della malattia, e le donne in stato di gravidanza affette da diabete mellito. Il Sistema istituito dalla legge prevede anche la formazione e l’aggiornamento professionale di medici ed operatori, e la valorizzazione delle Associazioni di pazienti e famiglie. Il provvedimento veneto sarà introdotto anche nel nuovo Piano Sociosanitario in fase di approvazione, contemplando di fatto una Rete per il Diabete a vantaggio delle centinaia di migliaia di casi veneti di diabete mellito.

marzo 2012


marzo 2012

12

c u LTu r a LA LEGA NORD IN VENETO

Letture

giunTa regionaLe Palazzo Balbi – Dorsoduro 3901 (Venezia) Tel. 041-2792111 – www.regione.veneto.it

Maurizio Mistri

La crisi dell’integrazione europea e la Turchia

Giuseppe Bortolussi

Tassiati e mazziati Sperling & Kupfer, 2011

La Gru, 2010 Si tratta di un libro agile, al tempo stesso polemico e scientificamente rigoroso. In esso l’autore prende lo spunto dall’ipotesi di ingresso della Turchia nell’Unione europea per costruire un discorso più ampio sui continui allargamenti della stessa Ue, criticandoli. Ad avviso dell’autore tali allargamenti generano contraddizioni istituzionali tra l’obiettivo dell’integrazione politica dell’Europa e la logica di un suo stesso allargamento. L’autore lancia un grido d’allarme perché il progetto di integrazione europea si è gradualmente trasformato da integrazione politica ad integrazione economica. L’autore mostra come oggi l’integrazione politica dell’attuale, bulimica, Unione europea sia diventata praticamente impossibile e mostra anche come senza integrazione politica l’Ue sia condannata ad una paralisi che non può che generare una disaffezione di massa nonché una sua prossima crisi strutturale.

Tasse, tasse e ancora tasse. Tutti dicono che sono troppe. Ma quasi tutti ignorano che, oltre a quelle visibili, si pagano una quantità incredibile di imposte nascoste: dai fondi pensione, al project financing (con cui “finanziamo” due volte le opere pubbliche), dalle “tasse sulle tasse”, come l’Iva sulle accise della benzina, a quelle che cambiano nome (ma non sostanza). Un libro che intende smontare tutti i falsi miti sulla fiscalità in Italia e spiegare le ricadute concrete sulle «tasche» di cittadini e imprese. E affronta in questa chiave i temi più caldi: l’evasione, la reale pressione tributaria, il federalismo fiscale.

Arrigo Petacco

o roma o morte. 1861-1870: la tormentata conquista dell’unità d’italia Mondadori, 2011 “È notorio” scriveva Massimo d’Azeglio pochi giorni dopo la proclamazione dell’unità d’Italia “che, briganti o non briganti, i napoletani non ne vogliono sapere di noi e che ci vogliono sessanta battaglioni, e pare che non bastino, per tenerci quel regno. Forse c’è stato qualche errore...”. Era il 1861. L’Italia non era ancora fatta, anche se era già stata proclamata regno. Sfumato il progetto federalista di Cavour, il sogno unitario di Garibaldi e di Mazzini tardava a realizzarsi. Invece di attuare l’ampio decentramento regionale da lui auspicato, si preferì “piemontesizzare” il paese, trasferendo pari pari lo Statuto albertino del vecchio Regno di Sardegna nelle regioni annesse. Le insorgenze nell’Italia meridionale furono scambiate per brigantaggio da liquidare con la forza, ignorando le motivazioni sociali che le alimentavano. Ne derivò una sorta di guerra civile che insanguinò per anni il paese.

Luca Zaia Presidente Roberto Ciambetti Ass. Bilancio, Enti locali Luca Coletto Ass. Sanità Maurizio Conte Ass. Ambiente Marino Finozzi Ass. Turismo, Montagna Franco Manzato Ass. Agricoltura Daniele Stival Ass. Protezione civile, Identità, Flussi migratori, Caccia

consigLio regionaLe Palazzo Ferro Fini - San Marco 2321/b (Venezia) Tel. 041-2701428 – www.leganord.veneto.it Facebook: www.facebook.com/leganordveneto Flickr: www.flickr.com/photos/leganordveneto Youtube: www.youtube.com/leganordveneto Twitter: www.twitter.com/LegaNordVeneto Federico Caner capogruppo Paolo Tosato vicecapogruppo Matteo Toscani vicepresidente del Consiglio Luca Baggio Andrea Bassi Santino Bozza Bruno Cappon Vittorino Cenci Cristiano Corazzari Nicola Ignazio Finco Giovanni Furlanetto Arianna Lazzarini Gianpiero Possamai Sandro Sandri

iL TerriTorio > segreTeria nazionaLe Liga Veneta Lega Nord Padania Tel: 049 9668621 - Fax: 049 9668619 e-mail: ligaveneta@tin.it > segreteria provinciale di BeLLuno Via Masi Simonetti, 15 - 32100 Belluno Tel: 0437 27077 -Fax: 0437 958975 e-mail: info@leganordbl.org

Paolo Malaguti

> segreteria provinciale di MesTre Venezia Via Aleardi, 47/1 - 30175 Venezia Mestre Tel: 041 5040212 - Fax: 041 5040232 e-mail: segreteria@leganordprovinciavenezia.it

sillabario veneto. Viaggio sentimentale tra le parole venete Santi Quaranta, 2011

Andrea Molesini

non tutti i bastardi sono di Vienna Sellerio, 2011 Autunno 1917, Caporetto. Gli austriaci arrivano al Piave. Villa Spada, a pochi chilometri dal fiume, viene requisita e diventa un comando nemico. La famiglia Spada si scopre, d’improvviso, prigioniera in casa propria. La storia è raccontata in prima persona da Paolo, un diciassettenne che nell’ultimo anno della Grande Guerra conosce per la prima volta l’amore, la gelosia, la vendetta, e capisce che vincitori e vinti sono lo stesso impasto di eros e di polvere, avviliti dalla stessa tragedia che travolge nazioni e famiglie, e mette a soqquadro ogni ordine conosciuto. «A generali cretini seguiranno caporali cretini», profetizza il nonno. Così il ragazzo si fa uomo, mentre l’Italia sconfitta prepara la riscossa.

Il giovane scrittore padovano ha il dono spontaneo e felice della narrazione, che è insieme affabile e suggestiva. In questo sillabario si distende incisiva e coinvolgente l’oralità veneta che viene da secoli di profonda e accattivante tessitura, da scrigni di affabulazione intensi e misteriosi, portando sulla scena uno stuolo di voci briose ed ammiccanti che vengono dalla saggezza popolare delle Venezie, dal filò, dai teatrini dell’aia e del cortile di casa. Le voci venete di Malaguti, qui raccolte con estro, bravura e agilità, diventano racconto godibile, parlata domestica esuberante e collettiva, l’amarcord penetrante e poetico di una civiltà orale che non c’è più. Si tratta, insomma, di un singolarissimo diario veneto, in cui trovano posto il ritratto di una Padova familiare e amabile e il riquadro ammirato per una Treviso vivissima, colma di acque e di risorgive, con una lingua di una bellezza spesso sfolgorante e savia. Il lettore ne resterà ammaliato.

Ivone Cacciavillani

L’altra Venezia Panda Edizioni, 2011 Le Storie della Serenissima Repubblica di Venezia sono costruite attorno ai nomi dei grandi Dogi, grandi ammiragli, grandi navigatori. Tuttavia c’è un’altra Venezia, fatta dalla gente che abitava nelle calli o nei rioni anonimi e non nei palazzi: che lavorava negli uffici sia pubblici che privati, nelle imprese e nelle botteghe artigiane; fino a toccare il triste mondo degli schiavi, degli ingaggi nelle galere, della prostituzione. La storia della gente che viveva ai margini, senza reddito e senza casa: anche quella gente ha la sua storia. Un libro “controcorrente”, che si ispira ad Antonio Pertile, fondatore a Padova della Scuola di Storia del Diritto Italiano.

> segreteria provinciale di padoVa Via Montà 49 35138 Padova Tel: 049 8900727 - Fax: 0498901138 e-mail: segreteria@leganordpadova.it > segreteria provinciale di roVigo Piazza V. Emanuele 48 - 45100 Rovigo Tel: 0425 29249 - Fax: 0425 29105 e-mail: leganordrovigo@libero.it > segreteria provinciale di TreViso Via Fontane 95/b - 31020 Villorba (Tv) Tel: 0422 300221 - Fax: 0422 301435 e-mail: leganord_tv@tin.it > segreteria provinciale di Verona Strada dell’Alpo 7 - 37136 Verona Tel: 045 8230202-3-6 - Fax: 045 8230207 e-mail: legavr@tiscalinet.it > segreteria provinciale di Vicenza Via dell’Oreficeria, 30/1 36100 Vicenza Tel: 0444 965538 - 965493 – 963598 - Fax: 0444 965497 e-mail: info@leganordvicenza.com > segreteria provinciale del VeneTo orienTaLe Corso S. Trentin 7 - 30027 S. Donà di Piave (Ve) Tel: 0421 52434 - Fax: 0421 52434 e-mail: leganordvenetoorientale@gmail.com


Parlamento Veneto marzo 2012  

Parlamento Veneto marzo 2012

Advertisement
Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you