Issuu on Google+

TERRA DEI (F)CUOCHI La rivincita a suon di “paccheri” Fabrizio De Gregorio Campania. Terra di Attori e Teatranti. Terra di arte e musica. Terra di capolavori culinari. La pizza, la mozzarella di bufala, il pane “cafone”, gli spaghetti con le vongole e i dolci tradizionali, rigorosamente preparati con ricette antiche di generazioni. Poi qualcosa cambia. La camorra, i rifiuti, lo scandalo, e improvvisamente la “Terra Felix” (Terra Felice” degli antichi Romani) diventa un posto da evitare. I suoi prodotti tipici, che per anni hanno deliziato i palati in Italia e nel Mondo, diventano “velenosi”... continua a pag. 2 UN MONDO TUTTO ATTACCATO

2

AUTOSCATTO

ZOOM

ABCIGNO

IMPRONTE E RADICI

4

6

10

12

CALEIDOSCOPIO

14


...continua dalla copertina Tutto questo è avvenuto a causa delle notizie riguardanti la cosiddetta “Terra dei Fuo-

chi”, un’area della regione dove la camorra (nota organizzazione criminale) ha seppellito illegalmente rifiuti tossici, avvelenando il terreno e, di conseguenza, i prodotti alimentari che tanto amiamo. Fortunatamente, però, è stato accertato che la maggior parte di queste primizie, non è stata in alcun modo inquinata da questi rifiuti. E proprio da queste prove che deriva il desiderio di rivincita della Campania e, ovviamente, dei suoi eccellenti cuochi. Nasce così “la Terra dei Cuochi”, iniziativa organizzata da Legambiente con la collaborazione di affermati chef locali, per dimostrare all’Italia intera che la cucina (e i prodotti) di questa splendida terra può continuare ad essere la più amata, invidiata e imitata nel mondo. Il 27 Marzo presso l’Istituto alberghiero “Giovanni Giolitti” di Torino, gli studenti di Caserta dell’istituto Galileo Ferraris e quelli torinesi si sono sfidati in una gara di cucina utilizzando esclusivamente le

La giornata della Terra Il 22 Aprile di ogni anno si celebra la Giornata Mondiale per la Terra. L’iniziativa oggi si festeggia in 192 Paesi in tutto il mondo, con milioni di persone che prendono parte all’evento ambientale più partecipato a livello globale e conosciuto come “Earth Day”, giorno della Terra in inglese.

2

UN MONDO TUTTO ATTACCATO

Diego De Cicco

L’Earth Day ha una storia molto lunga. L’idea di creare una giornata nella quale mantenere alta l’attenzione degli uomini sullo stato della Terra nasce durante gli anni sessanta. In quel periodo il mondo viveva delle forti tensioni sociali e politiche. Alcune guerre stavano devastando il pianeta; il disboscamento di molte zone, le intense attività di ricerca ed estrazione del petrolio e l’assenza di leggi specifiche sugli scarichi inquinanti di fabbriche, industrie e automobili andavano a tutto discapito della Terra. L’uomo, nella ricerca del proprio benessere economico, non aveva dato la giusta importanza alla salute del Pianeta e ne cominciava a pagare le conseguenze. È proprio in questo periodo, però, che il tema ambientale cominciò ad esser affrontato in maniera più decisa.

Nel 1969 una catastrofe nell’oceano davanti la California, portò tonnellate di petrolio a riversarsi nelle acque, soffocando molte specie marine, dai pesci alle alghe. A seguito di questa tragedia il senatore americano Nelson, che da tempo lavorava per difendere la tutela dell’ambiente, dichiarò: “Tutti gli uomini hanno diritto ad un ambiente sano, equilibrato e sostenibile”. Il 22 aprile del 1970, ispirandosi alle parole del senatore, 20 milioni di cittadini statunitensi, scesero nelle piazze americane per far sentire la loro voce a difesa della Terra. Nacque così l’Earth Day, la Giornata Mondiale della Terra. L’anno successivo l’Organizzazione delle Nazioni Unite (ONU), dichiarò che in tutto il mondo si sarebbe festeggiata la giornata dedicata al Pianeta. Per occuparsi dell’organizzazione e dei temi che vengono affrontati in occasione del 22 aprile nacque l’associazione Earth Day Network che raggruppò agenzie statali, governi locali e organizzazioni non governative. Nel mondo oggi sono 19.000 le organizzazioni comprese nell’associazione, tra le quali Earth Day Italia Onlus che si occupa dell’Earth Day nel nostro Paese.


eccellenze campane. Ad uscire vincitori, sono stati gli aspiranti cuochi di Caserta, con un piatto che ha letteralmente estasiato i componenti della giuria: filetto di bufala con cuore di carciofi su purea di cipollotti. Un pietanza che racchiude tutto il gusto, la tradizione e l’orgoglio di una terra che vuole guardare avanti e tornare a sorridere. Una terra magica, nonostante tutto. La Campania. La Terra dei Cuochi. www.legambientescuolaformazione.it

Jey periodico bimestrale on-line a cura di Legambiente Testata registrata presso il tribunale di Roma n.214 in data 18.05.2000 Editore Legambiente Onlus Via Salaria 403 00199 Roma tel. 06862681 Direttore Responsabile: Enrico Fontana

Il 22 Aprile si festeggia l’Earth Day. In tutto il mondo migliaia di associazioni e milioni di persone festeggiano il nostro Pianeta.

Coordinamento di redazione: Cristina Vecchi ragazzi@legambiente.it tel. 0686268352

Presidente: Vittorio Cogliati Dezza

UN MONDO TUTTO ATTACCATO

3

Hanno collaborato a questo numero: Francesco Criscuolo Diego De Cicco Fabrizio De Gregorio Valerio Fornaro

Direttore Amministrativo: Nunzio Cirino Groccia

Sede legale: Via Salaria 403, 00199 Roma Tel. 0686268352 Fax 0623325782 www.legambiente.scuolaformazione.it


Dove vanno buttati i giochi elettronici? Chi di voi non ha mai giocato con la Play Station, la Wii o qualche altra consolle da videogiochi ? Quante volte abbiamo visto un film in tv, aperto il frigorifero o ascoltato musica col lettore mp3? Ogni apparecchio elettronico, che sia un mega congelatore o un semplice paio di cuffiette, ha un suo ciclo vitale. Una volta acquistato, il prodotto sarà utilizzato fino a quando per usura, o perché lo avremo sostituito con qualcosa di più avanzato, diventa superfluo e da gettare. Ma dove finiscono i rifiuti elettronici? Nel cestino delle materie non riciclabili, nella carta, nel vetro? Assolutamente no. Quelli elettronici sono chiamati RAEE, (acronimo di Rifiuti da apparecchiature Elettriche ed Elettro-

Schiavi bambini, c’è ancora molto da fare

4

UN MONDO TUTTO ATTACCATO

Diego De Cicco Il diritto ad essere semplicemente bambini, in molte aree del mondo, resta ancora un miraggio lontano. Il 16 aprile di ogni anno si celebra la Giornata Mondiale contro la Schiavitù infantile. I numeri di questa piaga sono altissimi, specialmente nei Paesi più poveri: in India i bambini schiavi sono circa 60 milioni, in Pakistan 8 milioni, in Nigeria 12 milioni. La schiavitù infantile è presente anche in aree che negli ultimi anni hanno attraversato fasi di sviluppo, come ad esempio in Brasile, dove a luglio si terranno i Mondiali di calcio, sono addirittura 7 milioni i bambini che lavorano tra l’indifferenza della comunità internazionale. La data del 16 Aprile per celebrare la giornata contro la schiavitù infantile non è casuale. In quel giorno del 1995 venne ucciso Iqbal Masih, un bimbo di appena 12 anni. Iqbal era un bambino pakistano che all’età di 4 anni fu ceduto dalla famiglia ad un fabbricante di tappeti. Incatenato al telaio lavorava tantissime ore al giorno. Ogni volta che tentava di fuggire la polizia lo riportava dal suo padrone, che dopo averlo picchiato, lo rimetteva a lavoro. Nel 1992, ad appena

9 anni, riuscì a fuggire e a partecipare ad una manifestazione contro la schiavitù con tantissimi altri bambini. Iqbal divenne il simbolo di quel movimento e iniziò a viaggiare in tutto il mondo per sensibilizzare l’opinione pubblica sui diritti dei bambini nel suo Paese. Durante una conferenza a Stoccolma, in Svezia, Iqbal pronunciò una frase che racchiudeva tutta la sua voglia di libertà: “Nessun bambino dovrebbe impugnare uno strumento di lavoro. Gli unici strumenti di lavoro che un bambino dovrebbe tenere in mano sono penne e matite.” Le sue parole smossero le coscienze della comunità internazionale che fece pressioni politiche sul Pakistan per intervenire sul caso. Grazie a Iqbal oltre 3000 bambini poterono uscire dalla situazione di schiavitù nella quale erano ridotti. Ormai era un simbolo di libertà e speranza. Il 16 aprile del 1995 Iqbal fu ucciso mentre si recava dalla nonna. La storia e il coraggio di quel bambino, che ha pagato con la vita la sua voglia di giustizia e libertà, sono diventati modelli di speranza per tutti i bambini che ancora oggi lottano per essere liberi.


niche) e hanno bisogno di un trattamento particolare, per tanto non vanno (e non devono mai e in nessun caso) mischiati agli altri rifiuti. In ogni comune deve esserci un’isola ecologica, o centro di raccolta, dove possono essere consegnate le nostre apparecchiature da gettare. Qui molte componenti vengono smontate e pronte ad essere riutilizzate in qualche altro elettrodomestico evitando sprechi e danni all’ambiente.

Sono milioni i bimbi sfruttati in tutto il mondo. A 19 anni dalla morte di Iqbal la speranza non muore.

UN MONDO TUTTO ATTACCATO

5


Un viaggio in compagnia dei cetacei Il Santuario dei Cetacei (Pelagos) è un’area di circa 96.000 km² racchiusa tra Costa Azzurra, Liguria, Toscana e la costa settentrionale della Sardegna, e include la Corsica, l’Arcipelago Toscano e l’isola dell’Asinara. Le sue acque costituiscono una zona importante dal punto di vista biologico, talmente ricca di elementi nutrienti da essere paragonabile alle acque atlantiche. E’ per queste caratteristiche che tutte le estati migliaia di cetacei, fra cui delfini e capodogli, si danno appuntamento nel bacino Ligure – Provenzale, per nutrirsi. Il futuro dei cetacei dipende in gran parte anche da noi. Infatti, numerose popolazioni e specie di questi mammiferi, sono a rischio di estinzione a causa della pesca senza regole, del traffico nautico e dell’inquinamento. Il Parco Nazionale delle Cinque Terre in collaborazione con Legambiente ha ideato un progetto integrato per la promozione e valorizzazione del Santuario dei Cetacei per favorire la conoscenza, il rispetto, l’amore e la protezione dei mammiferi marini presenti in questo

Una giornata contro le mafie

6

AUTOSCATTO

Diego De Cicco Il 21 marzo di ogni anno non è solo la prima giornata della stagione primaverile, ma anche il giorno in cui si ricordano tutte le vittime innocenti delle mafie. Nel nostro Paese sono circa 900 le persone che hanno perso la vita, da innocenti, a causa delle lotte tra clan malavitosi. Dal 1995 a tener alta l’attenzione su questo tema in Italia lavora l’associazione “Libera. Associazioni, nomi e numeri contro le mafie”. L’associazione, fondata da Don Luigi Ciotti, si propone come scopo principale quello di sollecitare la società civile nella lotta alle mafie e promuovere legalità e giustizia. Negli anni “Libera” è diventata una delle associazioni italiane più importanti e riconosciute anche all’estero. Ogni anno in occasione della giornata a memoria delle vittime della mafia “Libera” organizza una grande manifestazione, che quest’anno si è svolta a Latina. La scelta della città laziale non è per niente casuale. Oltre ad essere una terra dalla grande vocazione agricola la città laziale negli ultimi anni è stata segnata da una presenza delle mafie, che sta diventando sempre più pervasiva nel settore sociale. In par-

ticolare la camorra (la mafia campana) e la ‘ndrangheta (la mafia calabrese) si stanno diffondendo nell’economia di questa città mettendone a rischio non solo la legalità ma anche l’ambiente. Sono molti gli sversamenti di rifiuti illegali nelle campagne della provincia del Lazio che rischiano di procurare gravissimi danni sia al territorio che agli animali che vivono quelle zone. Legambiente ha partecipato all’evento che si è svolto il 22 marzo. A Latina erano presenti circa 100.000 persone da tutt’Italia, tra cui moltissimi giovani. Il corteo, aperto da Don Luigi Ciotti, si è snodato lungo via Isonzo, per concludersi a Piazza del Popolo; qui si è svolta la commemorazione delle vittime, con la lettura dei 900 nomi tra i quali quelli di molti bambini. Finita la cerimonia in piazza, il corteo si è sciolto mentre nel pomeriggio si sono svolti diversi seminari tra cui quello organizzato anche da Legambiente, che trattava di agromafie, ecomafie e caporalato. Oltre alla nostra associazione hanno partecipato vari esponenti delle forze dell’ordine, della magistratura e del giornalismo.


tratto di mare. Le classi delle scuole primarie e secondarie di primo grado interessate dal Santuario (Liguria, Toscana e Sardegna) possono ricevere gratuitamente entro il 15 aprile 2014, un kit didattico realizzato al fine di acquisire informazioni sul tratto di mare compreso nel Santuario, sull’importanza della sua biodiversità e sulle caratteristiche dei mammiferi che lo popolano. L’obiettivo è quello di accrescere la consapevolezza dei ragazzi sui comportamenti da adottare per ridurre l’impatto ambientale sull’ecosistema marino. www.legambientescuolaformazione.it

In più di 100.000 per manifestare contro tutti i soprusi e gli omicidi delle mafie. Presenti esponenti di spicco come Don Luigi Ciotti, il ministro della Giustizia Andrea Orlando e il presidente del Senato Pietro Grasso.

7

AUTOSCATTO


Nontiscordardimé - Una giornata per prendersi cura della scuola Come ogni anno l’iniziativa “Nontiscordardimé” si pone come obiettivi quelli che riguardano il mondo della scuola, dal miglioramento delle strutture alla, dove è possibile, loro messa in sicurezza. La grande giornata di volontariato promossa da Legambiente, con il patrocinio dell’Anci e dell’Upi, ha visto partecipare migliaia di alunni in decine di scuole, aiutati da insegnanti, genitori e volontari. L’appuntamento si è svolto contemporaneamente in tutta Italia, per il sedicesimo anno consecutivo: un giorno speciale in cui si sono unite le forze per fare piccoli interventi di manutenzione nelle aule, ma anche per ripulire le aree antistanti le scuole. Questa giornata sarà anche il tema del concorso fotografico promosso da Legambiente La scuola in un click rivolto a tutte le classi che hanno aderito a

Nontiscordar...del Prenestino

8

ZOOM

Valerio Fornaro Sabato 15 Marzo Nontiscordardimé ha coinvolto anche diverse scuole nella zona del Prenestino, a Roma, tra cui l’Istituto Comprensivo Belli, sito in Viale della Venezia Giulia, 50. La scuola presentava diversi ambienti rovinati e trasandati, come ad esempio il teatro, fulcro delle attività ludiche e formative per i ragazzi: un ambiente del genere non può essere in nessun modo dismesso; infatti i lavori si sono concentrati proprio nel teatro e negli spazi esterni antistanti, senza ovviamente trascurare gli altri spazi scolastici. Insieme a Legambiente c’erano anche i genitori dei ragazzi, gli insegnanti, il personale ATA e anche diversi volontari indipendenti o di altre associazioni, che fin da subito hanno preso a cuore la causa e con grande dedizione si sono applicati in quello che era il grande progetto comune: rivalutare e rinnovare gli spazi scolastici che fin troppo spesso sono trascurati o malfunzionanti. La giornata è iniziata di prima mattina: dopo il sopralluogo e le foto di rito, sono iniziati i vari lavori necessari. Con le dovute attenzioni, un pizzico di mestiere e tanta forza di volontà, il teatro è stato rimesso a nuovo, avendo stuccato e scartavetrato i muri, ripulendo lo spazio esterno antistante da sporcizie e erbacce, rendendo così finalmente agibile quest’area, per la gioia di tutti; nelle classi invece hanno agito

insegnanti, genitori e i ragazzi stessi, che cercavano di aiutare i più grandi nei lavori utili per il rinnovamento delle classi stesse. Armati di pennelli, vernici e utensili vari, la giornata è stata una vera e propria sorpresa, ovviamente positiva. L’iniziativa ha avuto un grandissimo successo e in moltissimi vorrebbero bissare per il prossimo anno, mentre le scuole che hanno abbracciato l’iniziativa oltre che essersi già confermate, vorrebbero allargare il discorso anche per altre classi o su altre strutture inerenti l’ambiente scolastico. Per ulteriori esperienze o semplicemente ulteriori informazioni, visitate il sito www.legambientescuolaformazione.it .


Nontiscordardimé. Ogni classe può inviare fino a 6 foto, con una sintetica descrizione della giornata che racconti cosa è stato realizzato e l’atmosfera vissuta durante l’iniziativa. Tutti i materiali dovranno essere inviati entro il 24 aprile a nontiscordardime@legambiente.it www.legambientescuolaformazione.it

L'iniziativa, rivolta a tutte le scuole di ogni ordine e grado, da ormai 16 anni si occupa di migliorare la vivibilità all'interno della scuola.

ZOOM

9


Laboratorio Creativo Idee di primavera: farfalle colorate Per primavera decorate la cameretta con tante farfalle colorate! È facile e divertente e in più si ricicla!

10

SI PUO’ FARE

MATERIALI: 

Cartoncini Colorati

Colla

Forbici

Nastrini Colorati

Rotoli di Carta Igienica Finiti

ISTRUZIONI Come fare le farfalle colorate: ● Per iniziare ritagliate un rettangolo da un cartoncino colorato e ricoprite il rotolo di carta igienica, quindi incollateci gli occhietti e le antenne fatte con dei nastrini;


â—? Infine incollate le ali al retro del rotolo ed avrete ottenuto una simpatica e coloratissima farfalla !

SI PUO’ FARE

11


La Terra dei Cuochi: il ricettario Il Vangelo secondo i cuochi campani Pan’ Cuott’, Genovese di Baccalà, Arancini al ragù di “San Marzano”. Queste e moltissime altre ricette nel nuovo libro redatto da Legambiente Campania: La Terra dei Cuochi. Una guida spirituale per chi adora la cucina campana, ma non sa come accostare al meglio l’enorme varietà di prodotti tipici. In questo caso, le più importanti personalità nel campo culinario, hanno rielaborato ricette tradizionali, svelandovi piccoli segreti per fare un figurone a cena. Un esempio? Subito! Vi proponiamo un piatto semplice ma gustoso, che riassume in pieno lo spirito del ricettario: gli “Spaghetti alla chitarra con pomodorini del Piennolo e provolone del Monaco”. Mettete a bollire l’acqua in una pentola; intanto, dopo aver lavato i pomodorini, tagliateli a metà e fateli soffriggere in una padella cui avete

Divertirsi tutelando l’ambiente

12

ABCIGNO

Fabrizio De Gregorio

Avete mai pensato ad una vacanza diversa dal solito? Una vacanza che unisca il divertimento all’amore e alla protezione per l’ambiente? Se sì, i campi estivi e di volontariato sono il posto ideale per trascorrere la vostra estate. Infatti, Legambiente propone anche quest’anno un ampio programma di campi interessanti e divertenti, che spazierà dalle isole minori (Alicudi, Favignana, Arcipelago Toscano, Asinara, Itaca) alle cime montane (Carnia, Dolomiti, Pescomaggiore), dalle spiagge più belle (Posada, Gallipoli, Porto Cesareo, Acciaroli) ai borghi più suggestivi (Noli, Alpignano, Anticoli Corrado), dai fondali più ricchi di vita e cultura (Plemmiro, Pozzuoli, Torre Guaceto) ai luoghi dove l’associazione realizza le sue campagne (Venezia, Roma, Arezzo, Finale Ligure). Attraverso i campi si potrà poi intervenire concretamente per la difesa della legalità (Brindisi, Petralia Soprana, Sala Biellese), del patrimonio artistico e culturale (Paestum, Sernaglia della Batta-

glia) e della biodiversità (S. Rossore, Val Codera). Senza dimenticare i tantissimi campi all’estero. Ogni campo permetterà ai ragazzi di svolgere svariate attività ed iniziative che garantiranno un’esperienza formativa, non solo per quanto riguarda l’educazione ambientale, ma anche la crescita personale. Come sempre c’è un’ampia offerta di campi per i ragazzi dai 15 ai 17 anni. Inoltre, per i bambini dai 6 ai 14 anni, Legambiente offre anche i campi estivi a loro riservati (in Piemonte, Umbria, Lazio e Basilicata), dove i più piccoli avranno opportunità di incontrarsi, svagarsi e studiare, confrontandosi con coetanei ed adulti, conoscendo nuovi stili di vita e punti di vista. Tutto questo, attraverso le varie attività che Legambiente propone (“EcoScoperta: un bosco da scoprire”, “Alla corte dell’aquila”, “Avventura nella Valle dell’Aniene” e “Amico cervo”). Tutte le informazioni sono presenti sul sito www.legambiente.it


precedentemente messo dell’olio extra vergine d’oliva e uno spicchio d’aglio. Saranno cotti quando la buccia si sarà “raggrinzita”. Nel frattempo, quando l’acqua bolle, salatela e buttate gli spaghetti. Scolateli al dente, versateli nella padella con i pomodorini e con un po’ di acqua di cottura, grattugiate sopra il provolone, facendo mantecare a fuoco lento. Infine, spegnete il fuoco, aggiungete qualche foglia di basilico e qualche altra scaglia di provolone e il gioco è fatto! www.legambiente.campania.it

I campi estivi di Legambiente: un’occasione unica per i ragazzi di stare insieme, vivere la natura e conoscere diversi stili di vita.

ABCIGNO

13


Consorzio lampadine Le lampade fluorescenti di nuova generazione sono note per la loro durata ed efficienza. A parità di emissione luminosa, una lampadina fluorescente consuma fino all’80% di energia in meno rispetto a una lampadina a incandescenza e dura dalle 5 alle 10 volte di più. A differenza delle vecchie lampadine a filamento (ormai fuori commercio) e ad alogeni, per tutte le lampade di nuova generazione è prevista la raccolta differenziata, e dal loro trattamento si recuperano vetro (85%), metalli (5,5%), plastiche (1,5%), oltre alle polveri fluorescenti contenenti mercurio (8%).Le lampade fluorescenti quando si esauriscono diventano un rifiuto pericoloso, poiché contengono mercurio in una quantità che, seppur minima, è nociva per l’ambiente e la salute ed è per questo che non vanno mai gettate con gli altri rifiuti! Ecolamp e Legambiente collaborano per accrescere la conoscenza del corretto smaltimento delle

OGM - I rischi per la salute

14

IMPRONTE E RADICI

Francesco Criscuolo Ogni essere vivente è costituito da un “manuale”, informazioni su come quell’organismo deve funzionare, tutto questo è scritto nei geni. I geni di un uomo, per esempio, sono diversi da quelli di un fiore. Geni così diversi non si possono mischiare in modo naturale, cioè, non esiste un essere vivente che sia un po’ uomo e un po’ fiore. Gli scienziati, però, hanno scoperto delle tecniche con cui riescono a mescolare geni di esseri viventi che non hanno nulla a che a fare l’uno con l’altro. Ad esempio hanno preso un pezzettino di DNA (si chiama così la sostanza di cui sono fatti i geni) di un merluzzo e lo hanno trasferito in un pomodoro. Perché? L’obiettivo degli scienziati sarebbe quello di creare specie più forti più resistenti alle malattie, ai parassiti o alle condizioni ambientali difficili. Ma l’uso di OGM, soprattutto in agricoltura e nell’industria alimentare (alcune specie di mais, soia, cicoria, patate, zucchine e altri vegetali) è rischiosissimo per l’ambiente e per la salute umana o animale. I rischi ambientali più riconosciuti sono: ●Il trasferimento del gene nuovo ai microrganismi del suolo;

●La perdita della biodiversità favorita dall’utilizzo di pochi semi uguali in tutto il mondo con conseguente scomparsa di specie esistenti; ●La resistenza di insetti al carattere inserito nella pianta modificata geneticamente; ●I prodotti alimentari modificati geneticamente possono essere tossici per l'uomo; ●Si rischia la creazione di piante resistenti a qualunque erbicida o insetti resistenti alle tossine; ●Il suolo e l'acqua possono essere inquinati; ●Possono svilupparsi allergie agli alimenti a base di OGM. Legambiente ha organizzato un evento per protestare contro la possibilità che anche in Italia si possano piantare semi contenenti OGM. Sabato 5 e domenica 6 aprile, all’ingresso di molti supermercati, i volontari dell’associazione hanno informato e sensibilizzato i cittadini su cosa sono gli OGM e le motivazioni per dire NO alla possibilità di averli sulle nostre tavole.


lampade a basso consumo esauste e per informare sull’opportunità per i consumatori di restituirle presso i punti vendita. Quando una lampada a basso consumo non funziona più hai due possibilità per smaltirla correttamente: puoi restituire le lampade esauste direttamente al tuo negoziante, quando acquisti quelle nuove (l’obbligo del ritiro 1 contro 1 sui rifiuti elettrici ed elettronici); puoi conferire le lampade esauste nel contenitore Ecolamp presso le isole ecologiche della tua città, dove puoi consegnare anche tutti gli altri rifiuti non separabili con la normale raccolta differenziata.

Legambiente è tra le prime associazioni a dire no agli OGM, con manifestazioni a favore di una politica agro-alimentare più sana ed equilibrata. IMPRONTE E RADICI

15


LIBRI Wonder Non giudicate mai una persona dall’apparenza. Potrebbe essere questa la frase chiave di questo libro, un vero e proprio inno all’amicizia, alla lealtà e all’accettazione delle diversità. August Pullmann, detto Auggie, è un bambino di dieci anni che ha una rarissima malattia che ha deformato il suo volto. Tutti sono spaventati dal suo aspetto ma non sanno che dentro di lui si nasconde una persona davvero speciale. La sua famiglia, composta dalla sorella maggiore Olivia, dalla madre Isabel e dal padre Nate sono il suo guscio di amore e protezione, guscio che alla fine del racconto sarà ampliato dai suoi migliori amici Jack, Will e Summer, bambini che sono andati contro il cattivo pregiudizio degli altri diventando amici fraterni. August non è mai andato a scuola, ma è ora di iniziare e i primi giorni del-

APP Decoro Urbano

16

CALEIDOSCOPIO

App gratuita che permette di inviare segnalazioni di degrado ambientale, dissesto stradale, vandalismo\incuria, zone verdi trascurate e rifiuti, funzionante grazie ai cittadini che inviano le problematiche inerenti al luogo dove vivono. Per averla direttamente sul proprio cellulare o tablet, basta compilare l’iscrizione gratuita e attenersi alle disposizioni dell’applicazione. L’app sta avendo un buon successo, dato che aiuta e semplifica il lavoro delle autori-

ARTE Mostra Fotografica Lukas Holas è un fotografo della Repubblica Ceca. Tra i suoi lavori vi segnaliamo un progetto, intitolato “Portraits of Animals” (Ritratti di Animali). Il giovane artista ha immortalato degli esemplari di uno zoo del suo Paese. Leoni, giraffe, elefanti, tigri e ippopotami tutti presi in pose maestose. Il progetto è composto da tutte foto in bianco e nero e mette in risalto ogni dettaglio di ogni singolo animale. La fierezza di ogni posa esalta tutta la maestosità degli animali, tanto da apparire come dei veri monumenti. Lukas Holas ha voluto esaltare la figura di questi animali mettendoli in contrasto con l’assenza dei colori e con uno sfondo totalmente nero. Questa scelta vuole far capire

FILM The Amazing Spider Man Peter Parker, liceale emarginato che all’età di sette anni ha perso i genitori, vive nella casa degli zii. Come tutti i coetanei, si interroga spesso su quale sia il suo scopo nella vita, e per questo vive una fase turbolenta, anche dovuta alla cotta che ha per la sua compagna di classe Gwen. Un giorno Peter sale in cantina e trova una misteriosa valigetta appartenuta al padre, qui i dubbi sulla morte dei genitori aumenta e Peter scava nel passato torbido alla ricerca della verità. Il regista Marc Webb ha un difficile compito da portare avanti: cercare di non annoiare lo spettatore dato che il prodotto Spider-Man è già ben noto a molti. A parte gli straordinari effetti speciali, il


le medie sono difficili: grazie all’aiuto dei suoi amici, August non solo riesce a farsi accettare da (quasi) tutti i suoi compagni, mostrando loro di essere molto altro rispetto al lato esteriore, ma anche a dare una lezione a tutti: non fermarsi al pregiudizio o all’aspetto, ma scavare dentro e trovare il tesoro che si nasconde dentro ognuno di noi. Un vero e proprio inno contro l’intolleranza, la diffidenza e il pregiudizio, un libro strabiliante, coinvolgente e con

R.J. Palácio 2013, Giunti Editore Torino

un lieto fine che ci fa molto riflettere.

tà competenti che di volta in volta intervengono dove è necessario. Significativa svolta per migliorare la nostra città, sia sotto il punto di vista teorico sull’educazione civile ed ambientale, sia sul lato pratico di risolvere o perlomeno mettere in luce disagi o veri e propri malfunzionamenti delle nostre infrastrutture o strade.

App gratuita per Apple e Android

allo spettatore la differenza tra la bellezza dell’animale e lo scuro della situazione di cattività in cui questi esemplari vivono. Nel mondo sono moltissimi gli animali che vivono negli zoo, e se nella maggior parte di questi, vengono tutelati e protetti esistono ancora casi di sfruttamento e malnutrizione di animali in cattività .

remake, prodotto da Marvel, cerca di non evidenziare i soliti passaggi del fumetto, bensì di andare a fondo, e oltre la storia: il protagonista non è più quel timido ragazzo quasi passivo alla sua stessa mutazione, ma un ragazzo ribelle che vuole a tutti i costi saperne di più sia sulla sua famiglia che su ste stesso, andando quasi lui stesso a trasformarsi nel supereroe che amiamo e seguiamo da circa 50 anni.

Graphic Designer & Photographer

USA 2012 Regia Marc Webb

CALEIDOSCOPIO

17

Lukas Holas



Jey N.2/2014