Page 4

OBIETTIVI DEL PROGETTO Il progetto ha assunto l’obiettivo prioritario di fornire uno studio di fattibilità e un programma di interventi per la realizzazione della connessione ecologica del territorio e del sistema delle acque del Lambro, a sud della metropoli milanese, fra i comuni di San Donato Milanese e Melegnano. Si è trattato di una sda particolarmente impegnativa nel contesto dato per le molteplici criticità territoriali ed ecologiche esistenti: la presenza di numerose infrastrutture, esistenti e in progetto, e di agglomerazioni urbane dense che interrompono la continuità dei sistemi rurale e ambientale; la presenza di traverse e dighe che riducono la continuità acquatica; la rarità di ambienti ecotonali e ripariali severamente limitati dalla forte articializzazione delle sponde; e soprattutto la presenza di ‘barriere chimiche’, legate ai diffusi fenomeni di inquinamento, che rendono inospitali gran parte delle acque per le specie anche minimamente esigenti sotto il prolo ecologico, e che concorrono alla banalizzazione dell’assetto vegetazionale delle sponde, a causa degli elevati livelli di inquinamento da sostanze chimiche e dei notevoli apporti eutrozzanti che interessano il ume, le rogge tributarie e derivate, le fasce riparie.

VALORIZZARE IL F IUME L AMBRO NELLA RE TE ECOLOGICA REGIONALE

di miglioramento dell’assetto ecologico e paesaggistico Gli interventi previsti dovranno dunque contribuire ad complessivo. assicurare il mantenimento e ad aumentare la connettività ecologica attraverso corridoi e varchi terrestri, a rimuovere gli ostacoli e le strozzature per la diffusione delle specie anche in ambiente acquatico, ma anche a determinare condizioni di maggior resilienza del sistema in particolare per quanto riguarda l’insieme dei corsi d’acqua e degli ambiti delle relative pertinenze ecologiche. Le azioni prioritari individuate dal progetto perseguono in tal senso i seguenti obiettivi: 1. mantenimento e aumento della pervietà e funzionalità delle connessioni riferite alla diffusione di fauna e ora terrestre

Fig. 4 – Centralina in realizzazione nel territorio di Mediglia

2. prevenzione dell’ingresso e della diffusione di specie esotiche invasive attraverso misure gestionali volte a consolidare gli ambienti di vegetazione spontanea e forestale, specialmente nelle fasce ecotonali;

3. infrastrutturazione ecologica del paesaggio agrario, Il territorio del Lambro a valle di Milano conserva un notevole con particolare riferimento agli interventi di rinaturazione e potenziale ecologico e paesaggistico, legato alla presenza miglioramento ambientale in grado di consolidare gli assetti di spazi rurali relativamente estesi sebbene impoveriti dalle e le dimensioni delle aree naturali di rifugio per specie sensibili; pratiche agricole intensive; l’obiettivo del progetto è dunque 4. rimozione o ridisegno, ove possibile e compatibile con quello di vericare e indicare le condizioni afnché la valle le esigenze di sicurezza, degli ostacoli sici alla continuità uviale possa sviluppare, entro tempi ragionevolmente ecologica dei corsi d’acqua e delle relative pertinenze limitati, le potenzialità che le sono proprie, anche in coerenza idrauliche, in senso longitudinale (briglie, traverse) che con le previsioni dei piani urbanistici e territoriali (PTR, PPR, trasversale (ripristino e rimodellazione delle sponde naturali e PTCP, Piano del Parco Agricolo Sud Milano). delle successioni vegetazionali di affrancamento dall’acqua); 5. valutazione, mantenimento e, se possibile, miglioramento della qualità ecologica delle acque del reticolo idrico comunicante con il Lambro, ai ni del mantenimento di importanti tratti di corsi d’acqua che rappresentano aree rifugio idonee ad accogliere ed accrescere popolamenti faunistici e vegetazionali ecologicamente strategici;

Fig. 3 – Briglia lungo il ume Lambro

Una sda complessa che ha spinto il gruppo di lavoro a ragionare su una vision di ampio respiro; seppure in modo inaccettabilmente lento rispetto alle prescrizioni e alle scadenze di legge, il Lambro è un ume interessato da un processo di risanamento, e sarebbe paradossale se il perseguimento di livelli di qualità progressivamente crescenti per le acque non si accompagnasse con una prospettiva Fig. 5 –Sopralluogo fra Lambro e Scolmatore del Redefossi

6. riorganizzarre/consolidare gli elementi della rete ecologica polifunzionale (nuovi sistemi di aree, valorizzare la fruibilità del paesaggio agricolo; migliorare le condizioni di convivenza e coabitazione tra gli spazi aperti antropici e naturali); 7. coinvolgimento di attori locali, realtà associative e imprese agricole nella realizzazione di interventi di rinaturazione e nella successiva manutenzione e gestione delle aree interessate.

Lo staff di progetto 3

Profile for Legambiente Lombardia

Studio di fattibilità def rid  

Lo studio di fattibilità completo nato dal progetto VOLARE - Valorizzare il fiume Lambro nella Rete Ecologica Regionale e realizzato fra il...

Studio di fattibilità def rid  

Lo studio di fattibilità completo nato dal progetto VOLARE - Valorizzare il fiume Lambro nella Rete Ecologica Regionale e realizzato fra il...

Advertisement