Page 78

Le RISOrse del comparto Premesso che l’andamento della crisi non permette la dispersione in aiuti senza concrete e verificabili obiettivi di sviluppo, già adesso, in previsione della predisposizione del PRS 2011-2015, dovrà essere concretamente realizzato il processo di selezione e qualificazione delle risorse annunciate per quanto riguarda il sostegno alle imprese

(attraverso le risorse europee e altri fondi regionali). La disponibilità annunciata dall’Unione Europea di ridiscutere, entro dicembre 2011, la destinazione di fondi europei per la Toscana fino al 2013 è l’occasione per rimodulare la destinazione, superando la dispersione e prevedendo di ampliare le dotazioni territoriali e i sistemi di impresa meritevoli.

Punti di debolezza, di forza e delle prospettive del comparto L’impegno delle cooperative del settore è indirizzato nel ri- festa: dallo cultura dello shopping allo shopping posizionare la propria offerta sul mercato, sia aggiungendo cultura. elementi innovativi di prodotto, sia in termini di qualità. Su iniziativa di Unicoop Firenze, le cooperative di produzioIn questo quadro c’è una forte attenzione alla riorganiz- ne culturale e di quelle operanti nei servizi culturali hanno zazione del sistema di promozione turistica regionale. La organizzato, per le terze domeniche di ogni mese, eventi cessazione delle APT al 31 dicembre 2010 e la conseguente sulla quasi totalità del territorio regionale, destinati sia ai allocazione di tutte le funzioni di promozione turistica in soci che ai non soci della cooperativa di consumo. L’intento Toscana Promozione, attraverso la costituzione di una cabi- è quello di poter offrire una diversa opportunità per passana di regia presieduta dall’assessore regionale al turismo, re una domenica all’insegna della conoscenza del territorio quale momento di raccordo tra le politiche regionali e quel- e delle offerte cooperative in tema di cultura e turismo. le locali, sono ancora in fase di start-up. Tuttavia devono L’evento viene pubblicizzato attraverso le sezioni soci e tutessere individuate forme per un reale coinvolgimento del ti i negozi coop. Viene altresì stampato, per ogni domenica, mondo dell’impresa e del sistema camerale nella gover- un libretto riepilogativo delle iniziative in programma. nance del sistema promozionale, superando totalmente il metodo attuale che ha dato scarsissimi risultati e ha reso di fatto il sistema autoreferenziale. È necessario, quindi, lo sviluppo di un metodo di lavoro e organizzativo che permetta una rapida attivazione di tavoli settoriali, come sedi di coordinamento e di analisi dei risultati della programmazione dell’anno precedente per fornire concrete proposte per i nuovi interventi. Tra le attività intraprese dal sistema Legacoop Toscana si sta affermando l’iniziativa Il dì di

78

Rapporto Sociale 2010 - Legacoop Servizi Toscana  

Con il presente documento Legacoop Servizi Toscana rendiconta la propria attività di rappresentanza, promozione e sviluppo delle cooperative...