Page 1

eONSlCLIO REGIONALE DEL~..,.

INTERr~: OGAZIONE SCRITTA del

/rf_ /0~ /àJIJ

CONSIGLIO REGIONALE DEL Lt\ZIO ~

liUI®mro'&\

lt/6- o~-~.3

Al Presidente del Consiglio Regionale del Lazio On. Daniele Leodori

INTERROGAZIONE URGENTE A RISPOSTA SCRITTA

Oggetto: Emergenza arsenico e tutela della salute

I sottoscrittori consiglieri regionali, PREMESSO E CONSIDERATO CHE

lo stato di emergenza esistente a partire dal l o gennaio 2013 relativo alla non potabilità de li' acqua destinata al consumo umano in conseguenza della concentrazione di arsenico superiore ai l O f.lg/1 (microgrammi/litro), limite imposto dal Dlgs 31/2001; l'esposizione cronica all'arsenico della popolazione di 64 comuni della regione Lazio con i conseguenti effetti sulla salute ampiamente documentati dalla letteratura scientifica internazionale e da studi epidemiologici condotti dall'ISS; i risultati pubblicati dali'ISS sull'esposizione alimentare ad arsenico inorganico in aree con elevata presenza di arsenico di origine geologica in cui si afferma che l'esposizione alimentare all'arsenico inorganico è elevata in larga parte del campione studiato e deve essere ridotta; che il limite massimo di concentrazione di arsenico nelle acqr e destinate al consumo umano di l O J.Lg/1 è considerato provvisorio daii'OMS in considerazione della difficoltà di rilevazione e di rimozione di questo elemento nelle acque; che la situazione d'emergenza sanitaria si protrarrà per tutto il 2013 in base a quanto previsto dal Programma degli Interventi (O.P.C.M. 3921/2011) sottoscritto dall'ex presidente della Regione Lazio Renata Polverini, che individua come termine per la realizzazio? e degli impianti dicembre 2013; che in molti comuni sono in corso i bandi di gara per la realizzazione degli impianti ed in altri la realizzazione degli stessi impianti è entrata nella fase esecutiva; l l'art. lO del Dlgs 31/2001 circa l'obbligo di informativa ai cittadini in ordine ai provvedimenti adottati da parte di sindaci, gestori, azienda sanitaria locale ed autorità d'ambito e e l'art. 12 del Dlgs 31/2001 circa l'esercizio dei poteri sostitutivi da parte della Regione + l caso di inerzia delle autorità locali nell'adozione dei provvedimenti necessari alla tutela della salute umana; l'art. 12 del Dlgs 31/2001 che prevede l'obbligo da parte della Regione di un approvvigionamento idrico d'emergenza in quantità e per il periodo necessario a far fronte alle contingenze esigenze locali; Vìa della Pisana , 1301 - 00163 Roma http://www.lazio5stelle. it


........

CONSIGLIO REGIONALE DEL LAZIO

l' incontro previsto tra il Ministro per la salute, il Presidente della Regione Lazio e le autorità locali competenti al fine di attivare le misure urgenti per far fronte ai disagi della popolazione interessata dall' emergenza arsenico;

INTERROGANO il Presidente della Giunta della Regione Lazio, on. Nicola Zingaretti e l'Assessore all' Ambiente sullo stato di attuazione del Programma degli interventi pret isti nell ' O.P.C.M. 392112011 su 64 comuni laziali, i fondi finora stanziati ed utilizzati e gli impianti attualmente in uso; se siano state applicate, negli impianti finanziati, le migliore tecnologie disponibili per la rimozione efficace dell ' arsenico inorganico, per ridurre l' impatto ambientale, per limitare i residui prodotti dalla lavorazione in relazione alle caratteristiche chimico-fisiche delle acque; se gli impianti di dearsenificazione finanziati siano dotati di una garanzia d' uso almeno ventennale; se siano state prese in considerazione soluzioni alternative alla costruzione degli impianti in funzione dell ' idrogeologia del territorio, del risparmio delle risorse pubbliche e della durata di funzionamento degli impianti; se si preveda un piano di monitoraggio degli impianti in corso di realizzazione o realizzati con particolare attenzione alla qualità dell' acqua erogata, alla concentrazione di arsenico, ai rischi microbiologici, alla presenza di inquinanti derivati dal processo di trattamento; alla rigenerazione dei materiali usati; alla manutenzione degli impianti e allo smaltimento degli eventuali residui derivati dal processo di trattamento; quale sia lo stato di attuazione degli interventi necessari ad affrontare la fase di rischio sanitario, ai sensi del art. 12 del Dlgs 31/2001 , attraverso un approvvigionamento idrico alternativo per la popolazione di tutti i comuni in cui le acque presentino concentrazione d' arsenico superiore a 10 p.g/L con particolare attenzione per scuole, ospedali e carceri; se siano state intraprese azioni adeguate per informare i cittadini circa i provvedimenti adottati sulle limitazioni d' uso dell'acqua, sul rischio sanitario, sullo stato di realizzazione degli interventi per il ripristino della potabilità dell' acqua.

Roma, lì

lp /olt} to f3 l

l

I Consiglieri Regionali Silvia Blasi ·

Via della Pisana, 1301 -00163 Roma http://www.lazio5stelle.it

~~

Interrogazione Emergenza Arsenico  

Interrogazione n 6 Emergenza arsenico

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you