Issuu on Google+

 Documento aggiornato al 8 marzo 2010 Pagina 1 di 5

Lawgle 

Cass. Pen. Sez. VI 15 dicembre 2009, n. 48868 Massima n. 1 Titolo ESTORSIONE, LAVORO, RETRIBUZIONE, PAGA INFERIORE Testo Un accordo contrattuale tra datore di lavoro e dipendente, nel senso dell'accettazione da parte di quest'ultimo di percepire una paga inferiore ai minimi retributivi o non parametrata alle effettive ore lavorative, non esclude, di per sè, la sussistenza dei presupposti dell'estorsione mediante minaccia, in quanto anche uno strumento teoricamente legittimo può essere usato per scopi diversi da quelli per cui e apprestato e può integrare, al di là della mera apparenza, una minaccia, ingiusta, perchè è ingiusto il fine a cui tende, e idonea a condizionare la volontà del soggetto passivo, interessato ad assicurarsi comunque una possibilità di lavoro, altrimenti esclusa per le generali condizioni ambientali o per le specifiche caratteristiche di un particolare settore di impiego della manodopera.

   

Limitazione di responsabilità Importante. Il testo del provvedimento non riveste carattere di ufficialità e non è in alcun modo sostitutivo della pubblicazione ufficiale cartacea. Per ulteriori informazioni consulta i Ternini e le condizioni d’uso del servizio all’indirizzo http://www.lawgle.it/termini-di-utilizzo http://www.lawgle.it


 Documento aggiornato al 8 marzo 2010 Pagina 2 di 5

Lawgle 

SENTENZA N. 48868 ANNO 2009 SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE SEZIONE II PENALE Sentenza 26 novembre - 21 dicembre 2009, n. 48868 Svolgimento del processo La Corte di Appello di Cagliari, con sentenza in data 18/10/2007, confermava la sentenza del Tribunale di Cagliari, appellata da D. A., dichiarato colpevole dei delitti di estorsione e tentata estorsione continuata (per aver minacciato, nella sua qualità di titolare della ditta individuale D.F.S. Forniture Alimentari, diversi dipendenti di licenziarli se non avessero accettato di ricevere una retribuzione mensile inferiore a quella pattuita, con un ingiusto profitto di L. 700.000 mensili per ciascuno dei dipendenti) e condannato, con le attenuanti generiche e la diminuente per il rito, alla pena di anni due, mesi quattro di reclusione e L. 1 milione di multa. I difensori dell'imputato proponevano ricorso per cassazione deducendo i seguenti motivi: a) inosservanza ed erronea applicazione dell'art. 629 c.p., mancanza, contraddittorietà, manifesta illogicità della motivazione, quando il vizio risulta dal testo del provvedimento impugnato ovvero da altri atti del processo specificamente indicati nei motivi (violazione dell'art. 606 c.p.p., comma 1, lett. e)), mancando il requisito strutturale del reato costituito

   

dalla minaccia finalizzata a lucrare un ingiusto profitto in danno delle persone offese; b) inosservanza, erronea applicazione dell'art. 62 c.p., n. 6, e art. 81 capoverso c.p., mancanza, contraddittorietà manifesta illogicità della motivazione, quando il vizio risulta dal testo del provvedimento impugnato ovvero da altri atti del processo specificamente indicati nei motivi (violazione dell'art. 606 c.p.p., comma 1, lett. e)), non avendo la Corte accolto la richiesta di applicazione dell'attenuante del risarcimento del danno, sul presupposto che non vi sarebbe stata la prova dell'avvenuto integrale risarcimento che avrebbe riguardato solo due dipendenti (F. e Fo.). Motivi della decisione 1. Il nodo centrale della decisione si rivela quello della qualificazione giuridica della condotta ascritta all'imputato; a tal fine occorre verificare se la ricostruzione del fatto storico sia suscettibile di censura sotto il profilo logico e, quindi, accertare se la fattispecie sia stata correttamente inquadrata nel paradigma dell'ar.t 629 c.p.. Questa Corte ha già affermato che integra il delitto di estorsione la condotta del datore di lavoro che, approfittando della situazione del mercato di lavoro a lui favorevole per la prevalenza dell'offerta sulla domanda, costringa i lavoratori, con la minaccia larvata di licenziamento, ad accettare la corresponsione di trattamenti retributivi deteriori e non adeguati alle prestazioni effettuate, e più in generale condizioni di lavoro contrarie alle leggi ed ai contratti collettivi (Sez. 2, Sentenza n. 36642 del 21/09/2007 Ud. (dep. 05/10/2007) Rv. 238918). In punto di diritto va premesso che l'oggetto della tutela giuridica nel reato di estorsione è duplice, nel senso che la norma persegue l'interesse pubblico all'inviolabilità del patrimonio e, nel contempo, alla

Limitazione di responsabilità Importante. Il testo del provvedimento non riveste carattere di ufficialità e non è in alcun modo sostitutivo della pubblicazione ufficiale cartacea. Per ulteriori informazioni consulta i Ternini e le condizioni d’uso del servizio all’indirizzo http://www.lawgle.it/termini-di-utilizzo http://www.lawgle.it


 Documento aggiornato al 8 marzo 2010 Pagina 3 di 5

Lawgle 

libertà di autodeterminazione. L'evento finale della disposizione patrimoniale lesiva del patrimonio proviene, infatti, dalla stessa vittima ed è il risultato di una situazione di costrizione determinata dalla violenza o dalla minaccia del soggetto agente. In particolare il potere di autodeterminazione della vittima non è completamente annullato, ma è, tuttavia, limitato in maniera considerevole: in altri termini il soggetto passivo dell'estorsione è posto nell'alternativa di far conseguire all'agente il vantaggio economico voluto ovvero di subire un pregiudizio diretto e immediato (tamen coactus, voluit). In questa prospettiva anche lo strumentale uso di mezzi leciti e di azioni astrattamente consentite può assumere un significato ricattatorio e genericamente estorsivo, quando lo scopo mediato sia quello di coartare l'altrui volontà; in tal caso l'ingiustizia del proposito rende necessariamente ingiusta la minaccia di danno rivolta alla vittima e il male minacciato, giusto obiettivamente diventa ingiusto per il fine cui è diretto (cfr. Cass. pen. Sez. 2A, 17 ottobre 1973, n. 877). Allo stesso modo la prospettazione di un male ingiusto può integrare il delitto di estorsione, pur quando si persegua un giusto profitto e il negozio concluso a seguito di essa si riveli addirittura vantaggioso per il soggetto destinatario della minaccia (cfr. Cass. pen. Sez. 2A, 5 marzo/28 aprile 1992 n. 1071). Ciò in quanto la nota pregnante del delitto di estorsione consiste nel mettere la persona violentata o minacciata in condizioni di tale soggezione e dipendenza da non consentirle, senza un apprezzabile sacrificio della sua autonomia decisionale, alternative meno drastiche di quelle alle quali la stessa si considera costretta (cfr. Cass. pen. Sez. 2A, 7 novembre 2000, n. 13043). Si spiega così perchè la "minaccia", da cui consegue la coazione della p.o., possa presentarsi in molteplici forme ed essere esplicita o larvata, scritta o orale, determinata o indeterminata, e finanche assumere la forma di esortazioni e di consigli. Ciò che rileva, al di

   

là delle forme esteriori della condotta, è, infatti, il proposito perseguito dal soggetto agente, inteso a perseguire un ingiusto profitto con altrui danno, nonchè l'idoneità del mezzo adoperato alla coartazione della capacità di autodeterminazione del soggetto agente. Ciò precisato in via di principio, osserva il Collegio che le censure del ricorrente si rivelano generiche e, comunque, afferenti a valutazione riservate al Giudice del merito per quanto attiene alla ricostruzione dei fatti storici e all'interpretazione del materiale probatorio, mentre, sotto il profilo della violazione di legge, risultano infondate, avendo la Corte territoriale fatto corretta applicazione del disposto dell'art. 629 c.p.. Un accordo contrattuale tra datore di lavoro e dipendente, nel senso dell'accettazione da parte di quest'ultimo di percepire una paga inferiore ai minimi retributivi, non esclude, di per sè, la sussistenza dei presupposti dell'estorsione mediante minaccia, in quanto anche uno strumento teoricamente legittimo può essere usato per scopi diversi da quelli per cui e apprestato e può integrare, al di là della mera apparenza, una minaccia, ingiusta, perchè è ingiusto il fine a cui tende, e se è idonea a condizionare la volontà del soggetto passivo, interessato ad assicurarsi comunque una possibilità di lavoro, altrimenti esclusa per le generali condizioni ambientali o per le specifiche caratteristiche di un particolare settore di impiego della manodopera (ex plurimis Cass. pen., Sez. 2A, 24/01/2003, n. 3779; Cass. pen., Sez. 1A, 11/02/2002, n. 5426). E' questione, poi, riservata al Giudice del merito valutare se la condotta dell'imputato sia stata posta in essere nella sola prospettiva di conseguire un ingiusto profitto con altrui danno, attraverso un comportamento che, al di là dell'aspetto formale dell'accordo contrattuale, ponga concretamente la vittima in uno stato di soggezione, ravvisabile nella alternativa di accedere all'ingiusta richiesta dell'agente o di subire un più grave pregiudizio, anche se non esplicitamente prospettato, quale l'assenza di altre possibilità occupazionali.

Limitazione di responsabilità Importante. Il testo del provvedimento non riveste carattere di ufficialità e non è in alcun modo sostitutivo della pubblicazione ufficiale cartacea. Per ulteriori informazioni consulta i Ternini e le condizioni d’uso del servizio all’indirizzo http://www.lawgle.it/termini-di-utilizzo http://www.lawgle.it


 Documento aggiornato al 8 marzo 2010 Pagina 4 di 5

Lawgle 

Orbene, nelle vicende all'esame, i Giudici di merito hanno elencato da parte del datore di lavoro comportamenti prevaricatori del datore di lavoro in costante spregio dei diritti delle lavoratrici, avendo evidenziato che il D. non ha rappresentato ai lavoratori una situazione di difficoltà economica aziendale che avrebbe potuto comportare la cessazione del rapporto di lavoro, ma coartò la loro volontà con la minaccia di licenziarli qualora non avessero apposto la firma per quietanza sulle buste paga recante somme inferiori rispetto a quelle effettivamente ricevute. Ritiene il Collegio che le osservazione del ricorrente, non scalfiscono la valenza motivazionale della decisione impugnata, la quale si fonda implicitamente sul principale rilievo dell'irrilevanza del formale ricorso al contratto, allorchè questo risulta strumentalizzato al perseguimento di un ingiusto profitto. La condotta del ricorrente, integra, quindi, come correttamente ritenuto dalla Corte territoriale, il reato di estorsione. Infatti un accordo contrattuale tra datore di lavoro e dipendente, nel senso dell'accettazione da parte di quest'ultimo di percepire una paga inferiore ai minimi retributivi o non parametrata alle effettive ore lavorative, non esclude, di per sè, la sussistenza dei presupposti dell'estorsione mediante minaccia, in quanto anche uno strumento teoricamente legittimo può essere usato per scopi diversi da quelli per cui e apprestato e può integrare, al di là della mera apparenza, una minaccia, ingiusta, perchè è ingiusto il fine a cui tende, e idonea a condizionare la volontà del soggetto passivo, interessato ad assicurarsi comunque una possibilità di lavoro, altrimenti esclusa per le generali condizioni ambientali o per le specifiche caratteristiche di un particolare settore di impiego della manodopera (ex plurimis Cass. pen., Sez. 2A, 24/01/2003, n. 3779; Cass. pen., Sez. 1A, 11/02/2002, n. 5426). Lo stesso principio, sia pure afferente ad altra fattispecie, è stato affermato da Sez. 2, Sentenza n. 10542 del 11/12/2008 Cc. (dep.

   

10/03/2009) Rv. 243858). E' questione, poi, riservata al Giudice del merito valutare, come effettuato in senso positivo nella sentenza impugnata, se la condotta dell'imputato sia stata posta in essere nella sola prospettiva di conseguire un ingiusto profitto con altrui danno, attraverso un comportamento che, al di là dell'aspetto formale dell'accordo contrattuale, ponga concretamente la vittima in uno stato di soggezione, ravvisabile nella alternativa di accedere all'ingiusta richiesta dell'agente o di subire un più grave pregiudizio, anche se non esplicitamente prospettato, quale l'assenza di altre possibilità occupazionali. Orbene, nelle vicende all'esame, i Giudici di merito hanno elencato comportamenti prevaricatori del datore di lavoro in costante spregio dei diritti delle lavoratrici (si pensi all'erogazione di retribuzioni inferiori ai minimi sindacali e alla correlativa pretesa di far firmare prospetti-paga per importi superiori a quelli corrisposti) da rendere evidente, da un lato, che l'imputato, al di là del ricorso ad esplicite minacce, si è costantemente avvalso della situazione del mercato del lavoro ad esso particolarmente favorevole e, dall'altro che il potere di autodeterminazione delle lavoratrici è stato compromesso dalla minaccia larvata, ma non per questo meno grave e immanente, di avvalersi di siffatta situazione. Ciò che rileva agli effetti dell'art. 629 c.p. è che l'"accordo" non fu raggiunto liberamente, ma (nella descritta situazione) estorto. Nel complesso, quindi, la decisione impugnata trova sostegno in un solido apparato argomentativo, giuridicamente corretto e immune da palesi vizi logici. 2) Anche il secondo motivo è manifestamente infondato, trattandosi di una censura di merito ad una motivazione che appare immune da vizi logici. La Corte territoriale, invero, conformemente a quanto

Limitazione di responsabilità Importante. Il testo del provvedimento non riveste carattere di ufficialità e non è in alcun modo sostitutivo della pubblicazione ufficiale cartacea. Per ulteriori informazioni consulta i Ternini e le condizioni d’uso del servizio all’indirizzo http://www.lawgle.it/termini-di-utilizzo http://www.lawgle.it


 Documento aggiornato al 8 marzo 2010 Pagina 5 di 5

Lawgle 

già ritenuto dal Tribunale, ha rilevato come manchi la prova dell'avvenuto integrale risarcimento del danno da parte dell'imputato che, peraltro, non ha contestato di non aver risarcito il danno nei confronti delle numerose persone offese, ad eccezione di F. e Fo.. Nel complesso la decisione impugnata trova sostegno in un solido apparato argomentativo, giuridicamente corretto e immune da palesi vizi logici. Inoltre, le eventuali minime incongruenze sono ininfluenti, una volta che le deduzioni difensive, anche se non compiutamente esaminate, siano tuttavia incompatibili con la decisione impugnata. Ai sensi dell'art. 616 cod. proc. pen., con il provvedimento che dichiara inammissibile il ricorso, l'imputato che lo ha proposto deve essere condannato al pagamento delle spese del procedimento, nonchè - ravvisandosi profili di colpa nella determinazione della causa di inammissibilità al pagamento a favore della Cassa delle ammende della somma di mille Euro, così equitativamente fissata in ragione dei motivi dedotti. P.Q.M. Dichiara inammissibile il ricorso e condanna il ricorrente al pagamento delle spese processuali e della somma di Euro mille alla Cassa delle ammende. Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio, il 26 novembre 2009. Depositato in Cancelleria il 21 dicembre 2009.

   

Limitazione di responsabilità Importante. Il testo del provvedimento non riveste carattere di ufficialità e non è in alcun modo sostitutivo della pubblicazione ufficiale cartacea. Per ulteriori informazioni consulta i Ternini e le condizioni d’uso del servizio all’indirizzo http://www.lawgle.it/termini-di-utilizzo http://www.lawgle.it


Cass. pen. 26 novembre 2009 n. 48868