Page 1

^ P^oio Giuseppe 200sp C H Viale P. Togliatti, 5 ifS S k 92017 Sambuca di Sicilia (Ag)

Fondatore Alfonso Di Giovanna ANNO LIV • Luglio-Agosto 2012 - N. 444

ico-Culturale

A venti anni dalle stragi Da quel sangue, la voglia di riscatto

Sped. inAbb. Postale Legge 662/96 Art. 2Comma 20/d

di

VUJ.'INIIiRNONISXIMURNONELLTN

“La Com pagnia del cibo sincero”

INAUGURATO IL TEATRO COMUNALE

Per la valorizzazione dell'enoga strono m ia sicilia n a

L ic ia C ar d illo

A ll'in d o m a n i della strage d i Via d'A m elio, il numero d i lu ­ glio agosto 1992 de La Voce, nella prim a pagina - che rip ro ­ poniamo qui accanto - rip o r­ tava un articolo d i fondo del compianto direttore Alfonso d i Giovanna, intitolato "A n ­ cora una strage" e un altro di spalla "La Sicilia non è solo m afia" che apparve anche sul Giornale d i Sicilia. Entrambi sono pieni d i rabbia, forse un po' retorici, ma spesso le fo rti emozioni non possono fare a meno della retorica. L'attentato contro Borsellino, a pochi mesi d i distanza da quello d i Capaci, dimostrava che erano saltate tutte le regole - se d i regole si può parlare in fatto di mafia - e che la strate­ gia della tensione era arrivata al punto estremo. Ora, a distanza d i venti anni troppi in verità - si comincia a dipanare il groviglio, a rico­ struire le dinamiche d i quelle stragi e alla rabbia si aggiunge altra rabbia, al pensiero che i due m agistrati sono stati la­ sciati soli e additati alla m ira dei killer, sotto gli sguardi com plici di apparati deviati dello Stato. M isteri italiani, sui quali si stenta a far luce, anche perché chi dovrebbe accenderla, non ha interesse a farlo. Com m i­ stioni squallide, intrecci mise­ rabili tra politica e mafia che nel cittadino onesto creano confusione, disorientamento e frustrazione. É come entrare nel labirinto d i Durenm att e non riuscire a capire, per la m olteplicità delle im m agini r i­ flesse negli specchi, chi è il vero Minotauro. Viene da chiedersi se, in questa terra, non sia tutto uno spettacolo, una rappresentazione e che ogni cosa si muova secondo l'assegnazione d i ru o li da parte d i esperti burattinai.

(segueapag.9)

Wm ANCORA UNA S T R A G E

IhmtnbH1.19lugli»

i Hftyv iti uia/liti finir, ivmilunnt trrtmli,

xirupl stinttulanrit. -fan.cotuum uiirinthmutili\ nnsuait;tmri<ìnt/fulnicabilLII riparto "mn/ia-pvtliiar crtle.

LA SICILIA NON E' SOLO MAFIA

Rnaebsbtiiad ,iacnh gion scoia om teainllo gihdainC acW ioeddeilla Pavleiorm i sle en tim io Srte amh ni o n,ssigric oneonsto cedinfro ei n crim alistra che na opta leo n.zQ aulaeslotiro gg o,ednetilladem laucloero b a n d le ra .S g o m e n to p e r il fu tu ro d e i n o s tri fig li, c o s tre tti a v iv e re In u n a m b ie n te v io le n to c h e s e n to n o e s tra n e o inunaRegioneinquieta, martoriatachegeneramostri.Nonsonosiciliani nèdovrebberofregiarsi di questo, li wgli agonti <5

DISAGIO E SMARRIMENTO TRA LA POPOLAZIONE SAMBUCESE VIENE CONVOCATO D’URGENZA IL CONSIGLIO COMUNALE Dangb * Kmjtrrmmntt. b* te pcpotoróroe caroc-ucAvw w ui 1:5 lugliti. ia nofi/in. di tfUB.tia attoria rtmg»fwpatiar.ì nplcucx-

f.t.rtoiiri/lenioitlstanvolgtittì.Fu di Pnitrm oa <fvlntu,-) (i<poche M smtli.wxnv.i.'n tuttiicannunKjim t Oc}, ritiachrt'On.Urnanonfupiliin settimaned a diCzpùa.:i>•> iwh« Orrf»:c dai ìifUlhiligitritnlirtatlii maliaun d tQ us xitn* aon p.*ri* ’itltO bù i(li«v\jn into i,u no,cwmn*> fiiontcchupul4>hctmi''t'd'

laV v»brf/m rtIn pce rr",lamtftn rttn ,'ttvin hre\iw , th lrè re IIpinoowilin QtUppi ihr[Ilm fusm itra aa rtip II),tnin ritm ■n'nifi<(miniti

No- >>ci! un quo**.'' o Aitilac uflwlainnoceMl.ntvlwoiInm tannoschizz&oJbrocorvc K'DO SWIiWt <}'J*5ti tortwì iiiooliwiii»lomb#'angli,rtv>rifan' upote & JC-!d3tO La Sicilia : .fir.ytvi Sfein.l.L‘Sic<li(i onuS

Skrinn.- Mulinoi MaI-! S.ri.anon*»a-lom.tliac « j.rehc'a Sxnwj 4puIi om»sU dlnu»M

lirfr.i cl-M KJov:'Scinoci!-. L< L’Oa.G. dpi C<inr.lgilo

Milldnutimeni) Immorali.

serviziodiLiciRCerdlHo

'Stran a E nergia'

Un modo "nuovo" di produrre di

M ille n u d i fe m m in ili esprimono i l linguaggio della pittura di Licia C a rd illo D i Prima __________________ (segue a pag. 6)J

s --------------------------------------------\

“La forza del gruppo”

:iì fp/rrwa/ìo Mutfrf/y.uvs*

tuttx/.\:tiSKtfui ai.20luglio

Le “Donne in... quiete”

di Matteo Amodei tì'vtìik, additandoci p|la

:orra dnvrwtaU; cbf «vnfcnnivri

*> 1/3 .IVWrn>rt<fO«l

(segue a pag. 7) ^____________________________ /

G iuseppe C acioppo

Il nome già la dice lunga. Incuriosisce ed affascina. "Stranaenergia". Un nome composto che al suo interno cela la tradizione dell'e­ nergia e l'innovazione nel produrla. La società che porta questo nome - Capo fila del Progetto FAES acronimo di Filiera agro energetica Sici­ lia - nasce a Sambuca ma interessa un territorio m olto p iù vasto. Il progetto, presentato il 28 maggio presso la Sala Conferenze del Cre(segue a pag. 6 )

N asce a Sam b u ca u n n u o v o p eriod ico

'La Pagina Riformista' Il nuovo periodico politico - socio - culturale è stato presentato dal Circolo politico giovanile culturale "Felicia Bartolotta Impastato" a Sambuca, presso la sala convegni del Palazzo Panitteri. Tantissima gente ha preso parte alla serata. Moderatore il Caporedattore Sario Arbisi. Tanti g li interventi fra cui: il neo-direttore responsabile Costanza Am odeo già giornalista della R AI e dell A N S A ; Ezio Bilello, segreta­ rio del Circolo Bartolotta Impastato, il vicesegretario A ntonio Gio­ vinco, la tesoriera Rossana Pendola, il direttore de "La Voce d i Sam­ buca" Licia Cardillo, Rosario Am odeo deU'Engineering Ingegneria Informatica, Rosa Trapani, docente d i storia e filosofia del Liceo Clas­ sico "Fazello" d i Sciacca, la Consigliera comunale PD Antonella Mag­ gio, A ntonio Montalbano, prim o Segretario del Circolo "Bartolotta Impastato" e alcuni ragazzi della redazione. La redazione è composta da: Vincenzo Alesci, Cristina Bilello, Ezio Bi­ lello, Gabriele Bilello, Antonio D i Prima, Chiara D i Prima, Maria Rita Ferraro, Antonio Giovinco, Calogero Guzzardo, Margherita Ingoglia, Sofia Lamanno, F ilippo Maggio, Francesco Maggio, Antonio M ontal­ bano, Maria Lucia Sparacino, Consuelo Tortorici, Angelo Triveri. Il periodico si troverà nelle edicole del Belice.

A l Panitteri, il libro del magistrato Velia e degli im prenditori Baricca e Pisani Presentato nella Sala convegni di M ichele Vaccaro (segue a pag. 5)

“ Polilabor” Tra esperienza e innovazione di M aria L ucia Sparacino

La cooperativa promuove nuovi progetti riv o lti a tu tti g li studenti (segue a pag. 5)

Adragna in festa La magia dell'arte di M argherita I ngoglia Ogni città può diventare un grande teatro: le piazze, i vicoli, i portici. Ogni angolo è un

(Art. a pag. 12)

Strada del Vino

T e r r e i^ S ic a n e o


AnnoLIV Luglio-Agosto2012

Sambuca Paese • Sambuca Paese • Sambuca Paese L 'A s s o c ia z io n e F u tu ra : r id a te c i l'a c q u a Dopo aver ricordato il pronunciamento della Consulta del luglio scorso che sostanzialmente ha ribadito i risultati del Referendum del 12 e 13 giugno 2011, contrariamente alle decisioni adottate dai Governi Berlusconi e Monti che "hanno calpestato la volontà popolare" l'Associazione chiede al sindaco di "adoperarsi con solerzia per riprendere nella propria gestione gli im pianti consegnati a suo tem po alla Girgenti acque" L'urgenza scaturisce "dalla con­ statazione che il servizio della società privata è m olto scadente, non esiste un ufficio o un punto di riferimento, le persone che si trovano in difficoltà deb­ bono telefonare più e più volte all'unico responsabile, un certo Fabio, prima di avere una risposta e m olto spesso, specialmente nella zona centrale del paese, sono costrette a ricorrere alla autobotte del Comune ed a pagare fior di quattrini per approvvigionarsi del prezioso liquido, cosa che a memoria d'uomo, in precedenza non era mai avvenuta a Sambuca."

F esta d e l g r a n o in V ia T e a tro Festa del grano a Sambuca. Ha avuto luogo sabato, 20 luglio, nel caratteristico cortile Ciaccio di Via Teatro, in pieno centro storico. Abbastanza articolato il programma che ha avuto come punto di riferim ento i tradizionali attrezzi agri­ coli per la raccolta e la conservazione del grano e l'esposizione di prodotti de­ rivati dal prezioso cereale. Clou della serata la degustazione di"M uffulette", di pizza alla siciliana e di"lasagne di casa". A far rivivere i mom enti essenziali e ca­ ratterizzanti della società rurale la proiezione del docum entario"!! lavoro con­ tadino" realizzato da Giuseppe Serò. Poi l'esibizione dei bambini della scuola dell'infanzia "Maria Montessori"e del gruppo di ballo"Royal dance"diretto dai campioni internazionali di danza sportiva Nino Barbera e Rita La Sala. E p e rfi­ nire, una gara di ballo liscio con le note del duo musicale"! picciotti"."Una se­ rata all'insegna delle nostre tradizioni più autentiche, quelle legate alla agri­ coltura ed alla civiltà contadina - spiega Salvino Ricca presidente della Asso­ ciazione Futura che ha promosso la manifestazione - con il coinvolgim ento dei vari com ponenti della nostra comunità, per trascorrere alcune ore in asso­ luta spensieratezza, scacciando i fantasmi delle discriminazioni sociali ed eco­ nomiche che purtroppo continuano a persistere e ad affliggerci".

U n c o rs o p ro m o s s o d a lla " C o m p a g n ia d e l c ib o s in c e ro " Il "Corso di aggiornamento della ristorazione", della durata di 20 ore, a paga­ mento, tenuto da Martino Ragusa è rivolto ai soci, ristoratori, cuochi, perso­ nale di sala, docenti di scuole alberghiere, giornalisti di settore, studenti in d i­ scipline gastronomiche, to u r operator, produttori e consumatori appassionati di cucina. Programma: 1. Identità del locale: dal ristorante classico al concept. Le deno­ minazioni. 2. Evoluzione del gusto e nuove esigenze nutrizionali, criteri della composizione del menu. 3. Declinazioni del menu: menu tradizionale e menu creativo, piatti e prodotti tipici, la nuova cucina italiana, stagionalità e attuabi­ lità del km 0, i menu degustazione, il menu del pranzo, il menu light, vegeta­ riani e celiaci, i formaggi, la frutta. 4. Presentazione dei piatti. La comunica­ zione della qualità: Mise en place ragionata tra aggiornam enti e novità utili. 5. Comprimari di rango: pane, grissini, acqua, olio, pepe e sale. 6. Utilità e li­ miti della tecnologia in cucina. 7. Gli eventi e le serate a tema. 8. Le guide ga­ stronomiche, croce e delizia del ristoratore. Le mode gastronomiche. 9. Arredo del locale, disposizione dei tavoli, il confort del cliente, la toilette, il dehors.10. Interazione con il cliente: prenotazione, accoglienza, assegnazione dei tavoli, attesa, servizio. 11. Psicologia della relazione personale-cliente, pro­ blemi ricorrenti nel rapporto. Il cliente single, i gruppi, i bambini, strategie utili a migliorare la relazione con il cliente. 12. La cantina.13. Il bar.12. Internet e ri­ storazione. Esercitazioni Creazione del menu ideale. Simulazione del rapporto personale-cliente: errori e correzioni. Abbinamento cibo vini. Comporta­ m ento nelle criticità. Qualora la proposta venisse accolta da tu tti i soci poiché il numero dei partecipanti rimarrà in ogni caso lim itato a un massimo di 20, il corso verrà ripetuto.

" B la k o u t " p e r la c o m m is s io n e e x a r t. 5 Non gode di buona fortuna la commissione "ex art. 5" istituita per evadere le pratiche relative alla ricostruzione degli im m obili danneggiati dal sisma del '68. Dopo una successione di dimissioni e rinomine, la mancanza di fondi - che ormai non arrivano da anni - praticamente ha provocato una vera e propria battuta d'arresto dell'edilizia sambucese e dell'indotto. E'il caso di dire che la commissione è clinicamente morta?

le difficoltà economiche hanno imposto ai soci della cooperativa di calare le saracinesche. Un servizio, quello svolto dalla cooperativa, che di certo im po­ verisce la comunità sambucese.

Festa d e lla M a d o n n a d e i V a s s a lli Il 5 agosto è stata festeggiata la Madonna dei Vassalli. Un triduo di preghiera, la celebrazione della messa e la benedizione della pasta con le fave, altrim enti detta "Virgineddi", sono stati gli appuntam enti principali della giornata.

Il P ro f. T iro n e è il n u o v o D ir ig e n te S c o la s tic o L'istituto comprensivo "Fra Felice da Sambuca" ha un nuovo dirigente scola­ stico. Si tratta del Prof. Giovanni Tirone che arriva dalla vicina Montevago dove è stato dirigente per tanti anni. Al Prof. Tirone, sambucese di nascita, La Voce, nel complimentarsi per il nuovo incarico, porge fervidi voti augurali.

In re s ta u r o p a r te d e lla q u a d r e r ia s a m b u c e s e Sono in restauro alcuni quadri appartenenti a diverse chiese sambucesi. Si tratta di 5 opere provenienti in parte dalla Chiesa Madre - attualm ente con­ servati nella Chiesa di S. Michele - e dalla Chiesa di San Giuseppe. Le opere sa­ ranno restaurate grazie ad un finanziam ento regionale nel giro di due anni.

S h a lo m , il G io r n a lin o d e l RnS Si chiama "Shalom", "pace" in ebraico. Si tratta del foglio inform ativo inerente il RnS acronimo di Rinnovamento nello Spirito - movim ento che a Sambuca fe­ steggia oltre venti anni di presenza. Il giornalino raccoglie le attività del gruppo sambucese con vari approfondim enti legati al m ovim ento nazionale.

V ic o li S a ra c e n i, a p r e s to i la v o r i Inizieranno a breve i lavori di risanamento dei Vicoli Saraceni a seguito della voragine che via via è diventata sempre più preoccupante. I lavori sono stati aggiudicati dall'impresa ATI Damiga SRL di Alcamo con un ribasso del 26,6066%. I lavori per un im porto a base d'asta di 602.871,84 Euro prevedono il consolidamento del sottosuolo e il recupero delle "purrere" che negli anni Sessanta avevano provocato con il loro cedim ento tanta paura e disagi nel quartiere.

F ie ra d i S. A n to n in o se n za " f ì e r a n t i" Ridotta da anni a un appuntam ento privo di interesse, la fiera che ricorreva nel giorno di S. Antonio da Padova, il 13 giugno, non ha avuto alcun parteci­ pante. Un appuntam ento, quello della fiera agricola, le cui origini si perdono nella notte dei tem pi. Gli organi istituzionali nei vari anni non si sono spesi a dovere per incrementare una tradizione che, se a regime, avrebbe potuto es­ sere volano di sviluppo per Sambuca.

N in o P e n d o la n e l S e n a to a c c a d e m ic o Il sambucese Nino Pendola entra a fare parte del Senato accademico dell'Università degli Studi di Palermo. Studente della facoltà di Agraria, ad appena 22 anni, è stato eletto con 1400 preferenze nella lista Intesa Universitaria. Per chi non lo sapesse il Senato accademico dell'università è il suo organo politico principale, quello che assume le più im portanti scelte sull'esistenza presente e futura dell'Ateneo. Discute e delibera su tu tto ciò che riguarda la didattica e la ricerca, dai bandi di concorso per assumere nuovi ricercatori o professori, alle assegnazioni de­ gli insegnamenti nelle facoltà, fino all'attivazione o disattivazione delle strut­ ture didattiche e scientifiche (corsi di laurea, dottorati di ricerca ecc.). Il Senato accademico partecipa, assieme al Consiglio di amministrazione, all'e­ laborazione di altre decisioni che coinvolgono più da vicino la "vita q u o ti­ diana" dello studente universitario: daN'ammontare delle tasse alla riparti­ zione delle risorse finanziarie tra facoltà e dipartim enti. A Nino Pendola, che rappresenterà un punto di riferim ento per tu tti gli iscritti all'Ateneo palermitano dell'intero territorio, auguriamo buon lavoro.

M e ssa p e r San G io v a n n i Il 24 giugno, festività di San Giovanni Battista, una messa è stata celebrata nella Chiesa a lui dedicata. A conferma della devozione, numerosi sono stati i residenti della zona e non a partecipare alla celebrazione. Complimenti agli organizzatori e ai proprietari della chiesa che tengono viva la devozione.

C h iu d e T a s ilo n id o " A r c o b a le n o Chiude l'asilo "Arcobaleno" a distanza di sei anni dalla sua apertura. La mancanza di iscritti e

A U T O

A

D E

R

T R A S P O

A

N

O

R T I

N

E

N O L E G G IO AU TO VETTU R E PU LLM AN S G RAN T U R IS M O A u to tra s p o rti A dranone seri C .d a C a s a b ia n c a , 1 9 0 - Tel. 0 9 2 5 9 4 2 7 7 0

S A M B U C A D l S IC IL IA - A G www.adranone.it - info@adranone.it


AnnoLIV Luglio-Agosto2012

'4 h é g & & f&

Casa Protetta: non solo assistenza

L'im pegno del sen. M ontalbano per il Belice

Festa dell'anziano e del disabile

Un protagonista della ricostruzione

di

R o sa T r a p a n i

di

Nella piazza del Collegio, la sera del prim o Agosto, dopo tanti anni ,la Casa di Riposo per anziani, alla luce dei lam pioni, in una commossa at­ mosfera d i luci, musiche e canti è stata rimessa in auge la festa dell'anziano e del disabile, in una cornice particolare che aveva un sapore di tenerezza e di amore per la vita protetta e condivisa da assistenza, cure e servizio. La Casa d i Riposo per anziani è gestita dalla Cooperativa Sociale Sodalitas dal 7 febbraio 1999. Presidente del consiglio di ammi­ nistrazione il rag. Gaspare Stabile; consiglieri: Marianna Di Chiara, in­ fermiera e Antonino Armato, assistente. Erano presenti tutte le assi­ stenti agli anziani che hanno animato la serata con canti di gruppo, poesie e drammatizzazioni, dando una serena testimonianza di cora­

lità e vita di gruppo. La festa è stata condotta in modo superbo con l'o r­ mai riconosciuta sicurezza dal Dott.Filippo Salvato che ha animato, coinvolgendo tu tti in modo festoso, la serata. La presenza del Dott. Fi­ lippo Salvato è strettamente legata al rapporto di relazione che egi ha con la Casa d i Riposo e alla sua disponibile presenza, ogni qualvolta venga richiesta. La cornice della festa si è arricchita per la presenza delle associazioni di volontariato sambucesi AVULSS e UNITALSI con il gruppo degli anziani e dei disabili, i quali sono stati sempre piace­ volmente presenti a tu tti i momenti ricreativi e commemorativi orga­ nizzati dalla Casa di Riposo. G li anziani ospitati erano accompagnati dalle famiglie, che hanno condiviso e si sono resi partecipi della riu ­ scita della festa, come accade tutte le volte che nella Casa di Riposo si organizzano momenti d i incontro e di animazione nel corso dell'anno. E' stato allestito, su un lungo tavolo, un buffet freddo accuratamente preparato dalle cuoche della struttura, arricchito da dolci e gelati, of­ ferti da tutti i presenti. Si è ballato e cantato, recitato nella Piazza del Collegio fino a tarda sera in un clima d i gioiosa condivisione. L'evento è una testimonianza di vita d i una realtà che costituisce una tappa evo­ lutiva d i ognuno di noi, se vissuta con regolarità cronologica e restitui­ sce a Sambuca l'immagine d i un paese vivo e aperto al sociale.

N ic o l a L o m b a r d o

Questo mio giudizio sul libro "PROTA­ GONISTI D ELLA RICOSTRUZIONE" di Giuseppe Montalbano (Editore A ulin o P r o t a g o n is t i Sciacca, 2010) è da mettere in relazione al g iu ­ d e lla dizio da me dato su Giuseppe Montalbano r ic o s t r u z i o n e (Autore del libro), in occasione della sua rie­ lezione al Senato (Collegio d i Sciacca) alle "politiche" del 26 e 27 giugno 1983. In tale occasione, ebbi modo d i scrivere (v. "La Voce d i Sambuca", n. 227, agosto-settem­ I bre 1983) che «la rielezione (di Montalbano) è espressione della crescita della nostra società nella libertà e nell'uguaglianza, è il desiderio ^ degli elettori d i svecchiare, d i mettere alla prova energie, idee, uom ini e metodi nuovi, d i smantellare privative e feudi, d i ridare allo Stato una immagine p iù credibile, d i riportare alla luce le strutture funzionali coperte e corrose dallo strato delle in­ crostazioni e delle ostriche del potere». In un numero precedente del Giornale "La Voce d i Sambuca" (n. 225, maggio 1983), a commento della nuova candidatura al Senato di Montalbano, avevo avuto modo d i definire Pippo Montalbano «il più prestigioso e autorevole Parlamentare che si è imposto ed ha un ruolo determinante nelle proposte d i Legge, e nel loro perfezionamento in sede d i Commissione e d i Aula, da dove sono state poi licenziate come Leggi della Repubblica. Ricordiamo le Leggi per i Comuni ter­ remotati del Belice, la Legge 64 e la Legge 536 del 1981». Il libro "PROTAGONISTI D ELLA RICOSTRUZIONE" è una do­ cumentazione del m io su richiamato giudizio sul Senatore M ontal­ bano, sia come "Sindaco" sia come "Parlamentare". Il terremoto devastatore della Valle del Belice del 14-15 gennaio 1968 avrebbe avuto, nel tempo, conseguenze m olto p iù gravi se non ci fossero state persone come Giuseppe Montalbano, che hanno m o­ strato s p irito 'd i iniziativa, capacità di adottare misure adeguate e strumenti legislativi efficienti. A ltrove (in Irpinia) il disastro del terremoto divenne scandalo, con la grande abbuffata dei p a rtiti e dei capoccia di partito nonché dei loro vassalli, vassallini e valvassori, tu tti accorsi alla tavola imbandita degli aiuti ai terremotati. Nella Valle del Belice, i m ilia rd i sono stati stanziati grazie alle in i­ ziative legislative di Parlamentari come Montalbano, che hanno sa­ puto "contrattare" g li stanziamenti con Parlamentari del Nord, per natura "prevenuti" nei confronti del Sud. Tutto ciò è documentato nel libro "PROTAGONISTI D ELLA RICOSTRUZIONE". Pertanto, è m erito del libro se le giovani generazioni possono prendere coscienza delle lotte sostenute dai Sindaci e dai Parlamen­ tari, per dare alla Valle del Belice un avvenire dignitoso.

ttSEJOO k - SQIORGD ... di Maurizio Di Bella P M

Concessionario esclusivista per la Sicilia ^^> à d d le r

C O M M E R C IO M A N G IM I E C E R E A LI

C.da Porcaria - Tel. 0925 941663 - Cell. 339 5098369 - 336 896960 S A M B U C A D I S IC IL IA

a is t o a n t c

-

Sj

d

mm

'en%&

/ n \ X3143

DECORATORE

SEDE: VìaTeatroCle Ingoglia, 11 SAMBUCA Dl SICILIA(AG) Telef. 349 7031772 - 349 7031774 CASEIFICIO: Cda San Biagio - BISACQUINO(PA)

Lavori di tinteggiatura interna ed esterna

LOOK O TTICA mondoviatod«l tuoi occhi •tonti a contatto

C O M PRO ORO

Controsoffitti - Carta da parati Gessi decorativi - Gessatura pareti

e A RGEN TO

di Diego benlivegna

JOHN

S p e c ia lità pesce

SAMBUCA Dl SICILIA - AG Tel. 320 7252102 - 339 4205799

r ,ch

Mono

|B

C.soUmberto 1,126 - Tel. 0925 942793 S a m b u c a d i S ic ilia - A G

Via G. Marconi, 57 - traversa C.so Umberto I 329 0305276-329 3615066

Celi 3 3 9 5 2 0 9 5 2 9 Via S. Lucia - C.le Bertolone, 9 2 017 Sam b u ca di Sicilia -,

-

P. IVA02458780844


et et *

AnnoLIV Luglio-Agosto2012

Riceviam o e Pubblichiam o

La ricetta di Elvira

I "sovversivi" durante il Fascismo

Cuscus di pesce

Pubblichiamo, qui di seguito, un documento inviatoci dal dott. Rori Amodeo che la dice lunga sul controllo esercitato sulle opinioni du­ rante il regime fascista. Si tratta di un rapporto inviato dalla Questura al M inistero dell'interno su episodi ritenuti "d i carattere sovversivo" verificatisi nel 1937 a Canicattì, a Sambuca e a Villafranca Sicula. Tra i "sovversivi" il sambucese Giorgio Cresi, colpevole di propaganda co­ munista. In relazione al telegramma sopradistinto, pregiomi comunicare a codesto On.le Ministero che, a tutto il 14 Maggio 1937-XV, si sono verificati in questa Provincia i seguenti episodi di carattere sovversivo: 1) a Canicattì, nel Gennaio del corrente anno, il nominato GANGITANO ELIA di Giuseppe, conversando con alcuni amici, si espresse nel modo seguente: "Governo Italiano é quello Tedesco mandano aiuti all'armata del Generale Franco, mentre la Russia non si immischia in questo massacro". La condotta di costui venne segnalata a codesto on.le Ministero che con nota 16975/102413 del 23.3.1937 dispose che il GANGITANO ve­ nisse diffidato ai sensi dellArt.164 Legge di P.S.; ciò che é stato fatto con verbale del 5.4.1937; 2) A Sambuca di Sicilia, il social comunista schedato CRESI GIORGIO di Francesco tentò, con discreti risultati, di attirare nella sua orbita alcuni lavoratori del luogo ai quali feceva propaganda comunista, in conformità di un programma rivoluzionario (dottrina Marxista di Leninn) che gli venne anche sequestrato nella sua stessa abitazione. Costui, giusta tele­ gramma di codesto on.le Ministero, N. 12161/441/012761in data 30.3.1937 venne denunziato alla locale Commissione Provinciale che lo as­ segnò al confino di polizia per anni 5; 3) A Villafranca Sicula, il nominato MORTILLARO GIUSEPPE di Vito, scrisse ed affisse, il primo corrente, due biglietti alla porta della Caserma dei CC. RR. con le frasi: "Viva la Francia, Viva l'Inghilterra, Viva la Spa­ gna, abbasso l'Italia, vogliamo un nuovo Governo". Codesto On.le Ministero, con telegramma 17614/441/021684 in data 8 corr. dispose che il MORTILLARO venisse denunziato alla locale Com­ missione Provinciale per l'assegnazione al confino di polizia, ciò che sarà IL REGGENTE LA QUESTURA fatto nella prossima seduta.

APERTI A PRANZO SERVIZIO DI PIZZA A DOMICILIO

CJXVADAa GXA

SAMBl CA DI SIC ILIA (AG) lei. (>925 946130 - C e li 320 4649439

1 Kg. di semola di grano duro; 2 Kg. di pesce misto per zuppa (tra cui cernia, scorfano, San Pietro, ope, gam­ beri); olio, sale, pepe o peperoncino; alloro, cipolla, aglio abbondante e prezzemolo; passata di pomodoro. PREPARAZIONE

Versate la semola nella mafaradda (re­ cipiente di terracotta a pareti svasate o in altro recipiente simile che vi tro­ vate a casa) e iniziate a lavorarla spruz­ zando dell'acqua salata con movimenti circolari e continui sino ad ottenere dei granelli di uguale dimensione.Trasferite, man mano, la semola così lavo­ rata in un'ampia teglia o in un ampio vassoio e fatela asciugare per circa due ore. Trascorso il tempo necessario, irrorate con mezzo bicchiere di olio di oliva, manipolate con delicatezza e condite con prezzemolo tritato, cipolla grattugiata, pepe o peperoncino, due o tre foglie di alloro spezzettate. Tra­ sferite il cuscus nella cuscusiera che collocherete su una pentola piena d'ac­ qua sino a metà, sigillando la congiunzione tra i due contenitori con un im­ pasto di farina e acqua e fate cuocere a fiamma moderata per circa un'ora e mezza. Nel frattempo, preparate la zuppa. Soffriggete una grossa cipolla, unite l'aglio e il prezzemolo, che avete pestato prima nel mortaio, infine la passata di pomodoro e fate cuocere per circa mezz'ora; allungate la zuppa con dell'acqua e iniziate ad unire il pesce secondo la grandezza ed i tempi di cottura. A fine cottura, trasferite il cuscus nella mafaradda e irroratelo con abbondante brodo, mescolate affinché il liquido venga assorbito e lasciate riposare sotto una coperta di lana sistemata sul coperchio. Servite e portate a tavola altra zuppa e il pesce intero o spinato, secondo il vostro gradi­ mento. Piatto ottimo ma di lunga e complicata preparazione, lo continuo a prepararlo così come lo preparava mia madre, sigillo ancora la linea di con­ giunzione tra la cuscusiera e la pentola dell'acqua con la cuddùra (impasto di farina e acqua), faccio riposare il cuscus sotto la coperta di lana. Non riuscirei a preparare il piatto senza questo rituale e non ho mai ceduto alla tentazione di acquistare la cuscusiera di acciaio che si trova ormai nor­ malmente in commercio. Non avrebbe lo stesso sapore.

&

-P A n k c o M u lin o

BAH - R I S T O R A N T E - P I Z Z E R I A ai Di Bcliu Giuseppe X C.

INGREDIENTI

B. G io v in c o A . G ig lio Lavori in ferro: Aratri - Tiller Ringhiere e Cancelli Infissi in Alluminio S p e cia lizza to in

FO R N I A LEG N A C.da C asabianca Tel. 0 9 2 5 9 4 3 8 4 1 SAMBUCA D I SICILIA

C.da Pandolfina - Tel./fax +39 0925 942511 - Cell. 333 1252608 www.dongiovannihotel.it - info@dongiovannihotel.it SAMBUCA DI SICILIA-AG

2)t Quintine 1TO 0Q ,

C E N TR O BENESSERE Via F. Crispi, 141 - Tel. 0925 942324

SAMBUCA DI SICIUA • AG nabes.mg@tiscali.it

NOLEGGIO-PIATTAFORME

Lavori Edili e Stradali Pavim entazioni - Prospetti R istrutturazioni Via Mantegna, 42 - Cell. 338 8066204 Santa Margherita di Belice (AG) giuseppe.dicarmi ne@libero.it

A G E N Z IA O N O R A N Z E F U N E B R I

I m m a c o la t a C o n c e z io n e S E R V IZ IO di AM BULANZA M ichelange lo Campo 2 4 H /2 4 H

Viale A. Gramsci -Sambuca di Sicilia -AG

Tel. 0 9 2 5 9 4 2 7 3 3 - 3 6 8 7 3 9 5 6 0 0 - C e ll. 3 8 0 6 8 4 3 2 5 8

Rizzuto e G igliotta Impianti d i R iz z u to A n t o n io & C.

I m p ia n t ì d i R is c a ld a m e n to 4 I d r ic i - C o n d iz io n a to r i - G a s M

Tel. 368 7498679 - 368 970107 Via F.lli Rosselli, 26 -SAMBUCA DI SICILIA (Ag)


AnnoLIVLuglio-Agosto2012 (seguono da pag. 1)

P o lila b o r tra esp erien za e in n o v azio n e

A Palazzo Panitteri il libro del M agistrato Velia

Nuovi progetti per l'inverno

'La forza del gruppo'

Conclusasi l'esperienza della Colonia estiva 2012 la cooperativa sociale Polilabor si prepara ad affrontare i nuovi progetti per l'inverno. La Colonia ha visto come protagonisti bambini di età compresa tra i tre e i dodici anni, impegnati quotidianamente in attività ricreative e in la­ boratori vari. Pittura, Das, pasta di sale solo alcuni di questi. Una parti­ colare attenzione è stata posta all'importanza del riciclo, attraverso l'or­ ganizzazione di attività mirate a ridare vita a materiali ed oggetti d i­ smessi. I bambini hanno potuto anche svolgere giochi all'aperto durante alcune visite presso la Villa Comunale, luogo ormai quasi abbandonato e sconosciuto alle nuove generazioni non più abituate a frequentarla, ed alcuni giorni di svago presso la piscina dell'hotel Don Giovanni Forti dell'esperienza della Colonia che ormai da parecchi anni accoglie i bambini sambucesi durante la stagione estiva, la Polilabor si prepara ad affrontare ulteriori sfide con due nuovi progetti. Per il mese di settembre infatti è stato programmato un progetto di pre­ scuola mirato al ripasso e al potenziamento degli argomenti già studiati dai ragazzi. I bambini delle scuole elementari e medie hanno la possibi­ lità in questo modo, nelle due settimane che precedono l'inizio dell'anno scolastico (da 3 al 14 Settembre), di riprendere quegli argomenti che non hanno avuto modo di rispolverare durante il periodo estivo, svolgere i compiti delle vacanze, colmare eventuali lacune. Inoltre, nell'ambito di questo progetto, sono previsti corsi di pregrafismo per i bambini della scuola materna. Infine dal mese di settembre e fino a giugno del pros­ simo anno sarà attivato presso i locali della cooperativa siti in Via Sta­ zione un doposcuola aperto agli studenti delle scuole elementari, medie e superiori. E prevista un'attività mirata per ogni singolo studente, che avrà la possibilità di essere seguito in modo continuativo nel corso del­ l'intero anno scolastico o per periodi di tempo lim itati in base alle pro­ prie esigenze. L'approccio, individuale o di gruppo (a seconda della fa­ scia di età e della classe frequentata dai ragazzi), consente un insegna­ mento a tutto tondo, comprendente ogni materia oggetto di studio. Il doposcuola si inserisce in un più ampio progetto già portato avanti da un anno a questa parte dalla Polilabor, progetto mirato all'individua­ zione nelle classi scolastiche sambucesi di bambini con DSA (Disturbi Specifici dell'Apprendimento), tra i quali si inseriscono la dislessia, la discalculia, i problemi dell'attenzione. Dopo l'attivazione di un Centro d'ascolto per genitori di bambini con DSA e dopo aver rilevato nelle no­ stre scuole i dati relativi a questi disturbi, la Polilabor si prepara ad af­ frontare una nuova fase: la rieducazione di questi soggetti con un dopo­ scuola mirato alle loro esigenze grazie ad un'equipe di figure specializ­ zate (psicologo, pedagogista, logopedista, assistente sociale). Quest'ul­ timo progetto, per la prima volta attivato nel nostro paese, permetterà il recupero e il reintegro scolastico degli studenti che presentano disturbi dell'apprendimento, grazie alla collaborazione con gli insegnanti dell'i­ stituto Comprensivo "Fra Felice da Sambuca" e con i genitori dei bam­ bini, che avranno garantito un utile e indispensabile servizio. Non ci resta dunque che augurare un grande in bocca al lupo a tu tti i membri della Polilabor per questa nuova avventura!

del Palazzo Panitteri di Sambuca, il 21 giu­ gno 2012, il libro "La forza del gruppo. L'e­ tica come chiave del successo" (Milano, Lu­ petti, 2011). Si tratta di un saggio in cui un magistrato della Procura della Repubblica di Palermo, Salvatore Velia, e due imprendi­ tori-formatori, Maurizio Baricca e Demetrio Pisani, fondatori della Scuola di Formazione Manageriale Casa Imbastita Campus con sede a Scicli e nel Veneto, si confrontano sui temi della mafia, della giustizia, della cre­ scita, dell'impresa, dell'ottenimento dei ri­ sultati partendo da un principio ineludibile, l'etica. Sullo sfondo del libro, il "senso etico dell'orchidea": ossia la capacità di toccare cime elevate di benessere, di pace interiore e nei rapporti con gli altri, e, reinterpretando una nota favola classica, me­ scolando la capacità della formica d'ammassare e lavorare con la spensie­ ratezza della cicala di saper godere senza pensare al domani. La prof.ssa Rosa Trapani, che ha aperto i lavori, dopo aver definito il libro prezioso e importante, ha parlato, rivolgendosi soprattutto ai tanti gio­ vani presenti in Sala, di cultura delle regole, di legalità, tema assolutamente centrale per pensare con ottimismo al futuro, a cominciare dalla lotta per ima società più giusta e democratica. Ha ricordato, poi, come la convivenza civile sia il frutto di una riflessione culturale, faticosa e affa­ scinante, che ci permette di guardare all'altro come a "un altro noi", a una persona con cui dialogare e, insieme, con la quale condividere un sistema di diritti e doveri. In questo senso, fondamentale è il ruolo della scuola, dei docenti, dell'attività pedagogica al fine di costruire un percorso edu­ cativo che debba ricercare e valorizzare i contenuti, le metodologie e le forme di relazione e valutazione degli apprendimenti. Essere portatori di una cultura della legalità -per la prof.ssa Trapani- significa lottare contro la subcultura della furbizia di tutti coloro che, slealmente, piegano le re­ gole al solo vantaggio personale. La sfida della legalità si può vincere solo se decidiamo di combatterla insieme, con la "LA FORZA DEL GRUPPO". Il dott. Velia, in tono assai pacato e con un linguaggio chiaro e forbito, ha disquisito dei contenuti del libro, di management, del concetto del gruppo, della scoperta della leadership, della gestione delle persone, delle motivazioni, dei sentimenti d'emulazione, delle scelte etiche che si deb­ bano operare per raggiungere ottimi risultati nel corso del tempo, delle problematiche che quotidianamente si debbano affrontare "lavorando con gli altri", in azienda come in procura. Il magistrato, qualche volta in modo serio e qualche volta in modo arguto, ha inoltre risposto alle domande po­ ste da Adriana Abate, Michele Vaccaro, Aldo Calandra, Felice Guzzardo e Francesco Giambalvo. Moderatore del convegno, il giornalista di Tele Ra­ dio Sciacca Giuseppe Pantano. Apprezzato l'intervento di don Lillo Di Salvo, cui è andato il merito di aver organizzato il convegno grazie alla Consulta Pastorale Giovanile. Il vulcanico e instancabile prete agrigentino ha acutamente rilevato come anche la Chiesa sia nata dalla forza del gruppo, di un piccolo gruppo di coraggiosi accompagnanti da un'incrol­ labile fede: Gesù e gli apostoli.

LO GIUDICE PNEUMATICI

JOa b o t t e g a

óettcflrfe

DAL 1966 Rivenditore Autorizzato

di dV icola

VJEDESTEIN YOKOHAMA

ìlltlUUESTUIlE

Via Agrigento, 8 ■Sambuca di Sicilia Tel. 0925 941164-Cell. 3381125144

I Viaggi dell’Emiro V ia g g i e T u r is m o

Contrada Anguilla SAMBUCA 01 SICILIA-AG Telef. 0925 941230/942310

S A M B U C A D I S IC IL IA

C.da Sgarretta - Cell. 338 2240646

SAMBUCA DI SICILIA - A G

&sruai

ENRICO PENDOLA Via Baglio Grande, 42 Tel. 0925 941080 SAMBUCA DI SICILIA - AG

M. EDILSOLAI s.ri

Scommessesporlhe eippiche-Rii arirheTelefonile Ti tonkio •ToiojoI ■Bisjnatrh •Pagamenti Bollette

C E R A M IC H E

E PAR Q U ET

C u c in e i n M u r a t u r a - A r r e d o B a g n o M a te r ia le E d ile

di Irene Piazza Via Roma,2 - Cell. 334 3514969 Tel. 0925 941096 - Fax 0925 943042

Porte interne ed esterne Arredamento interno su misura

LABORATORIO DI PASTICCERIA

Corso Umberto 1,140 - Tel. 0925 941552 SAMBUCA DI SICILIA-AG

----

ww w.paginegialle.it/m edilsolai

V.le Gramsci, 61 -S A M B U C A

D I S IC IL IA -

____________

Tel. 0925 941468


6

AnnoLIV Luglio-Agosto2012

'S tra n a E n erg ia " e l'u tiliz z o di b io m assa

Nella raccolta, m ille nudi fem m inili

Un modo "nuovo" di produrre

Le "Donne in... quiete" di Matteo Amodei

dito Cooperativo, prevede la realizzazione d i una filiera agro-energe­ tica nel territo rio d i Sambuca e d in torni attraverso l'avvio d i azioni di cooperazione e sviluppo d i un partenariato fra società agrarie, di ser­ vizi energetici, enti di ricerca e d i servizi agronomici al fine d i dar vita ad un processo di filiera corta per la produzione ed utilizzo d i bio­ massa per energia rinnovabile. Il progetto si articola all'interno di ben sette azioni che vanno dal­ l'analisi iniziale del contesto all'u tilizzo della biomassa passando per la realizzazione d i campi sperimentali, alla sperimentazione e rac­ colta d i prod otti agro-forestali, al trasferimento dell'innovazione e dei nuovi processi al personale, alle attività d i concertazione e coope­ razione, ai controlli e certificazioni tecnologico- ambientali. Il pro­ getto articolato, ma al contempo omogeneo nel suo complesso, si svi­ luppa nell'arco d i 20 mesi nel territorio d i Sambuca e Santa Marghe-

Basta togliere tre puntini per trasformare le donne in... quiete in inquiete. Matteo Amodei, che col­ tiva da sempre la passione per la pittura, in questa pubblicazione dedicata ai nudi fem m inili, gioca con la fonetica e l'ortografia per ri­ levare che la quiete del corpo non sempre corrisponde a quella della mente tanto più che donne in­ quiete, grazie al tocco dell'artista, possono apparire in quiete e vice­ versa. Il libro si apre con la dedica alla moglie: "A Mariella che, con il suo amore, la sua intelligenza, la sua cultura e quindi con i suoi preziosi suggerimenti, ha consentito la rea­ lizzazione della mia ricerca" e con l'avvertimento al lettore che, per essere fedele al suo progetto sui nudi, egli ha dovuto spesso extrapolare da un quadro una porzione, spesso piccola. Un'opera di divulgazione, quindi, frutto di una ricerca certosina, che offre un ventaglio ampio della nudità femminile, se­ condo un percorso non cronologico, ma tematico e che, attraverso note esplicative, aiuta chi ha meno dimestichezza con le arti figurative a comprendere l'opera d'arte. Sin dai tempi più antichi, il corpo fem m inile è stato ritratto come simbolo di fertilità, d i rinascita, mezzo per rivendicare d iritti negati o oggetto d i desiderio. Nel peggiore dei casi, è stato ridotto a merce di scambio. La riproposizione d i questa galleria di nudi - ridondanti, lascivi, erotici, spirituali e persino deform i e frammentati - che declina la fem­ m inilità in tu tti i suoi aspetti, potrebbe essere letta anche come una provocazione nei confronti d i chi, oggi, considera il corpo fem minile solo un oggetto. I nudi ritratti, infatti, sembrano sottrarsi al tempo per entrare in una dimensione "altra" nella quale nulla può contaminarli, perché l'im p u rità non è nelle cose, ma nell'occhio di chi guarda. Così anche l'audace dipinto d i Courbet, "L'O rigine del m ondo" che mette in prim o piano i genitali fem m inili e che chiude la raccolta, non è per niente scandaloso. Rimanda invece alla sorgente della vita, all'in izio d i tutto. Un bel contributo alla comprensione dell'opera dell'arte, que­ sta raccolta di Matteo Amodei, che induce lo spettatore a cogliere, oltre la bellezza e l'arm onia, anche la sacralità del corpo femminile.

" 3:*-

Convegnodi Presenti

'-8M aggio2012 BCC.diSi

rifa d i Belice e si struttura tra azioni ed attività perfettamente inte­ grate dal punto d i vista organizzativo e logistico. Ognuna di esse, in ­ fatti, è strettamente interconnessa all'altra. "U n progetto che mette assieme - ci dice l'a w . Francesco Vinci responsabile delle risorse umane e pubbliche relazioni e socio fondatore di Stranaenergia as­ sieme all'ing. Michele Vinci e al sig. Massimo Celsa - tecnologia, in ­ novazione e contesto territoriale. Un progetto - aggiunge - radicato nel territorio e non decontestualizzato che d i sicuro darà stim oli in più per lo sviluppo del territorio e d i Sambuca in p rim is". Le azioni si avvarranno del partenariato stabile che nel filone della tradizione creano innovazione e com petitività. A lle aziende sarà chie­ sto di mettere a disposizione i m ateriali d i scarto delle produzioni agricole che verrebbero bruciati o peggio ancora dispersi nell'am ­ biente. Così come i terreni incolti o poco redditizi saranno messi a va­ lore con la piantumazione di alberi altrim enti dette "colture energeti­ che" quali i pio p p i che evitano la desertificazione, proteggono dalle frane e soprattutto aumentano il reddito dell'impresa con la vendita nella fase ultim a del progetto - del legname che sarà trasformato in energia elettrica e termica e attraverso il conferimento della biomassa prodotta presso im p ian ti cosiddetti a cogenerazione si produrrà ener­ gia pulita ovvero calore da immettere in una rete di teleriscaldamento ad uso domestico o industriale. Tra i partner che hanno aderito al progetto, che rientra nel "Programma d i Sviluppo Rurale 2007/2013", la società d i ricerca "Ce.r.t.a.", l'im presa fornitrice di ser­ vizi, "Green for Energy", la "Cantina Corbera", e le aziende agricole "Sparacino Salvatore, A rm ato Calogero, Ciaccio Claudio, D i Gio­ vanna S.r.l. e Santoro Concetta".

S U P E R M E R C A T O R IS P A R M IO

o sse m o

2 0 0 0

• D i L e o n a rd o V. &

C . s.a.s.

Via Guasto 11A- SAMBUCA Dl SICILIA-Tel. 0925 941686

Nicoletta Gandolfo adora ballare e fa di tutto per coltivare la sua passione. E' da alcuni anni che frequenta la scuola di danza classica e contemporanea "Danzare" diretta da Silvana Truglio in collabora­ zione con Aurea Lima e con Benny Oliva. Il 16 giugno, a conclusione d i un anno d i lavoro, si è esibita sul palcoscenico del Teatro Dante e ha mostrato tutto il suo talento. Lo spettacolo è stato un vero successo. Dal 2 all'8 settembre la giovane danzatrice parteciperà allo stage "Palermo in D anza", a Villa Pantelleria. Il corso è tenuto da noti mae­ stri d i danza classica. Nicoletta, inoltre, seguirà il corso di contempo­ ranea sotto la guida del coreografo ballerino Michele Merola. A l Gala finale i ragazzi avranno il piacere di incontrare una grande artista: Carla Fracci.


AnnoLIVLuglio-Agosto2012 (seguonodapag.1) P ro getto N iv in a - V E d izion e

N asce "L a C o m p ag n ia d el cib o sincero'

Una finestra sul mondo

Valorizzare le risorse del territorio

II progetto N ivina è giunto alla sua quinta stagione. Cinque anni: un per­ corso da trekking ondulato, pieno di salitelle da percorrere tutte d 'u n fiato. Quante emozioni abbiamo visto pren­ dere forma e vita tra queste pietre m i­ steriose messe lì a caso ma non per caso, guardiane d i parole e magie capaci di suscitare emozioni fo rti in tu tti g li amici che hanno voluto condividere questo sogno. A rtis ti vecchi e nuovi si sono alternati alla Finestra sul mondo, lo spazio visi­ bile da cui si accede a m ondi invisib ili, il paesaggio notturno che dà uno sguardo a Sambuca e prosegue oltre il lago fino a mostrare, dietro le gole della Tardara, lembi del M editerra­ neo: crocevia d i culture, d i in d iv id u i che si muovono affrontando lu n ­ ghi viaggi, inseguendo un sogno. N on tu tti riescono a raggiungere Itaca, ma questo è viaggiare: il canto d i Lighea che offre a tu tti coloro che vanno la gioia della scoperta, deH'inatteso. La N ivina in questo mare è un isolotto, non luogo im m obile d i accoglienza, piuttosto terra di passaggio in cui viaggiatori curiosi trovano rifu gio ed occasioni per raccontarsi e confrontarsi con le proprie storie, la propria vita. Il Progetto N ivina nasce da un'idea balzana che dà vita ad un la­ voro semplice e com­ plesso a cui partecipano altre realtà locali cer­ cando di dare risposta al bisogno di cultura che le am m inistrazioni p u b b li­ che non sono più in grado d i fornire. Siamo in tanti! In questi anni m oltissim i sono stati g li amici che ci hanno in ­ coraggiato e che si sono esibiti a titolo puramente gratuito: N ino, Marilena, Pippo, Rita, M aria Teresa, Beatrice, Marcella, Giorgio, Paolo, Giusy, Margot, M arina, Landi, Gabriella, Beatrice, Enzo, Angela e tanti altri ancora. A lcun i ci hanno lasciato ma a ltri sono arrivati pieni d i entu­ siasmo e d i voglia di fare. Il luogo, le parole e musica hanno creato la magia che ci coinvolge tu tti e ci spinge a continuare, a fare meglio per il futuro finché ci saranno idee ed energie per andare avanti. Ricorderemo a lungo l'entusiasmo di un bambino che, tornato a casa dopo avere assistito ad una serata della N ivina, racconta con grande entusiasmo alla nonna quello che ha visto. Questo per me e Simona, per i tanti artisti che supportano il Progetto, è la m igliore r i­ compensa. Sisal

Il 5 agosto, al Pa­ lazzo Panitteri, un pubblico nume­ roso e qualificato ha partecipato al­ l'in a u g u r a z io n e della Compagnia del Cibo Sincero sambucese, un'as­ sociazione, che si giova della presi­ denza della dott.ssa Paola A r­ mato, da anni fun­ zionarla all'Assessorato all'A gricoltura della Regione e quindi esperta del settore. La "Compagnia del cibo sincero", nata nel 2008 e presente in molte città italiane, punta alla scoperta e valorizzazione delle risorse enogastronomiche del territorio e al loro utilizzo in modo intelligente e consapevole. Ha, tra l'altro, l'obiettivo di ribal­ tare, attraverso corsi d i formazione e vari mezzi, i parametri della r i­ storazione spesso lontani dalle tradizioni locali. Ha esordito A nto­ nella Cacioppo con la lettura di un brano de "La casa delle vigne" di Francesco Di Giovanna. Sono seguiti g li interventi del sindaco M ar­ tino Maggio, d i Enzo Bono, del responsabile della Soat Francesco Ga­ gliano e della neo presidente che ha rilevato come la Compagnia, nata a Sambuca su iniziativa d i 14 soci, ne conti già 60, tu tti entusiasti del progetto. Il presidente nazionale M artino Ragusa, con una slide, ha ripercorso la storia della cucina siciliana, alla quale hanno dato contri­ buti significativi tu tti i popoli approdati nell'isola. La cucina siciliana, in realtà è una vera e propria m iniera alla quale si può attingere a piene mani. Una riserva che può determinare la ricchezza d i un luogo. Basterebbe conoscerla. In una società globalizzata come la no­ stra, nella quale prodotti provenienti da luoghi esotici vengono spac­ ciati per locali, la tradizione culinaria siciliana potrebbe essere un'arma contro la sofisticazione e la concorrenza e diventare anche input per lo sviluppo. La serata è proseguita con le relazioni sull'agricoltura biologica della dott.ssa Rosaria Barresi (Dip. Interventi S trutturali dell'Ass. Risorse agricole) e su "Cibo e grappa" del presidente dell'Anag Sicilia N ino Borzelliere. A conclusione, g li interventi dell'arciprete Don L illo Maniscalco, di Leo Ciaccio (CIA) e d i Giovanni Tamburello (Confragricoltura) che hanno espresso il plauso all'iniziativa, d i G ori Sparacino che ha riper­ corso le attività della Strada del Vino Terre Sicane dal 2001 al 2011 e di M algari Venezia che ha fatto dono al dott. Ragusa del libro "La Sicilia vista da qui". A chiudere, la degustazione di prodotti enogastronomici e di p iatti ti­ pici sambucesi, tra cui le lumache. Questi i componenti del comitato di gestione della Compagnia Co­ munale del Cibo Sincero d i Sambuca: Presidente, Paola Arm ato, vice Presidente, Pino Guzzardo; segretaria, Francesca D i Prima, Tesoriere e componenti comitato Giorgio G igliotta e A ntonino Vinci.

I

"S en sa z io n e so n o ra " una band tutta sam bu cese

Successo per un video musicale del gruppo L'u ltim o singolo della band sambucese "Sensazione sonora" porta il titolo di "amore criminale": Un brano composto da Sergio Lo Cicero (voce) e Nicolò Ran­ dazzo (chitarra) (nella foto) che hanno contribuito, avvalendosi della regia di Ro­ samaria Montalbano e della partecipazione d i Giusi Arm ato alla realizzazione di un video (m ixering e mastering: Giuseppe Corsale) musicale che sul web sta r i­ scuotendo un alto gradimento, anche per le stupende inquadrature della campa­ gna sambucese e dell'ottocentesco teatro comunale "L'Idea". Il brano, una o rig i­ nale denuncia dei continui episodi d i violenza contro le donne, racconta una sto­ ria singolare che si conclude a lieto fine. Questi g li altri componenti della band: Federico Quartana: chitarra; Gioacchino Scrò: tastiere; Franco Scaturro: basso; Antonino Lala: batteria., da un po' d i tempo a questa parte sulla scena musicale isolana. Temi d'amore e sociali, chitarre graffianti tanto quanto richiesto nel rock, voce corrosiva e volubile, stati d'anim o v iv id i, ottim o dialogo con il pubblico, creatività negli arrangiamenti: questo il m ix pieno d i novità e d i spunti d i rifles­ sione che rende la band il punto d i riferim ento di m olti giovani e non solo che sentono di rispecchiarsi nelle loro composizioni. I "Sensazione sonora" hanno già all'attivo un lp autoprodotto "la vita è una corrida" ed un singolo "Maggiorenne". Giuseppe M erlo

* > ensazion^sonora <


le et *

8

Le in terv iste de La Voce Un master di giornalismo per Margherita Ingoglia Un mese a Partinico per un master. Vuoi parlarcene? M i sono praticamente trasferita in questa città per uno stage di giornalismo nell'emittente televisiva antimafia Telejato. Un mese intenso, senza sosta alcuna. La mat­ tina, sveglia alle sette e mezzo. Alle nove già in giro a realizzare i servizi insieme a Letizia Maniaci, la figlia del direttore: incidenti stradali, mac­ chine bruciate, sequestri di droga, arresti, attività culturali, politiche, so­ ciali, casi di malasanità... Quale è stata l'esperienza più interessante? Ho intervistato personalità come Crocetta, Pippo Giordano, Ingroia, Nico Gozzo, Messineo, Maria Te­ resa Principato. Ho condotto il tg da sola e insieme all'instancabile Pino Maniaci. Quale l'ite r della giornata? A mezzogiorno si andava in redazione a mon­ tare i sevizi, registrare l'audio, controllare la mail, per eventuali altre noti­ zie che puntualmente giungevano all'ultimo secondo e occorreva rimet­ tersi in macchina e correre ad intervistare qualcuno o a fare qualche ri­ presa. Alle due e un quarto, si andava in onda. Orario sacro. Un telegior­ nale lungo quasi quanto un parto perché dura ben due ore: due ore filate di notizie di cronaca, politica, cultura, mafia. La fine del tg rilassava gli animi, ma non troppo perché si lavorava anche di pomeriggio. C’ era sem­ pre qualche servizio da fare e visto che Telejato è a conduzione familiare non ci si poteva tirare indietro. Andare a letto diventava quindi un optio­ nal. Tutto questo per un mese oltretutto quello estivo. Ma un'esperienza che ha profondamente segnato la mia vita. Chi non la vive almeno una volta non può capire fino in fondo che vuol dire. Ad maiora, M argherita!

AnnoLIV Luglio-Agosto2012 La con trostoria di M ich ele V accaro

Lo scrittore collaborerà con tre riviste Per lo storico sambucese Michele Vac­ caro (nella foto) si aprono le porte di tre im portanti riviste di divulgazione storica. Si tratta, in particolare, d i "Storia in rete" diretta da Fabio Andriola, "Focus Storia" e "Focus Biografie" dirette da Marco Casareto. Nel numero d i Settembre Vaccaro si occuperà del celebre padrino Don Vito Cascioferro, delineandone un ampio r i­ tratto in "Storia in rete". Poi per le altre r i­ viste si occuperà d i G iovanni Gentile e di altri celebri personaggi. 50 anni Vaccaro, ha conseguito due lauree con il massimo dei voti. Da m ilitare ha col­ laborato con il Generale d i Divisione Oreste Bovio, direttore d e ll'U fficio Storico Militare.Docente, giornalista pubblicista, storico, ha dedi­ cato particolare attenzione alla controstoria subalterna, affiancandola alla prospettiva egemone, per un recupero dell'uom o totale. "Una controstoria -spiega- che è bene preservare dalle prevedibili conse­ guenze dei processi di destoricizzazione in atto da qualche tempo nel contesto della straripante civiltà delle im m agini ovvero d ell'effi­ mero". Continua a esercitare, l'a ttività di pubblicista scrivendo elzeviri e articoli di varia cultura su quotidiani e periodici nazionali e regionali e su riviste specializzate di storia e d i letteratura. Per la storia gli sono stati a ttrib u iti nel 2007 il premio nazionale "Alessio D i G iovanni" e nel 2009 il Premio Sikelè . Giuseppe M erlo

Laurea Il 17 luglio, presso l'Università degli studi d i Palermo, Gabriele Ca­ stellano ha conseguito la Laurea in Ingegneria Chimica. La Reda­ zione de La Voce si congratula con i genitori Anna e Vincenzo, con la sorella Fabiola e form ula g li auguri p iù sentiti al neo- ingegnere per il brillante traguardo raggiunto.

V4I ( f i

AGENZIA

B C C

D O M IN A

di M,mulina Sacco

CREDITOCOOPERATIVO BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI SAMBUCA DI SICILIA SEDE CENTRALE Corso Umberto 1,111 -Tel.0925 94117I -0925 941435- SAMBUCA DI SICILIA AGENZIE

ViaOvidio, 18-Tel.0925 83700- SCIACCA VialedellaVittoria, 236-Tel.0925 7I324 - MENFI Corso Umberto 1,4-Tel.0925 33717- SANTAMARGHERITADI BELÌCE Agenzia: ViaPapaGiovanni XXIII -Tel. 0918356666- GIULIANA Via Morea,49-Tel. 0918355501- CONTESSAENTELLINA

Tel. 0925 941933 Viale Gramsci - Sambuca di Sicilia

SPEDIZIONI INTUITOILMONDO CONCORRIEREESPRESSO

R e v is io n e

C .d a C ic a la - Tel. 0 9 2 5 9 4 3 4 3 0

SAMBUCA DI SICILIA -AG

w w w .d o m in a m ic c in a .it

i: I) I ! K

IM P IA N T I

di Pasquale Rosalia & C. s.n.c.

AUTO

REALIZZAZIONE E MANUTENZIONE IM PIANTI

eli Cioccio Giorgio

CELLULARI: 3204755983 ■338 5010322

S A M B U C A I>1 S IC IL IA tel. 0925 94181/ Cell. 3382/82613

V ia S. F ra n c e s c o , 7 S. M a r g h e r ita d i B e lic e - AG

Tel./fax 0925 33444 - ep.impianti ialice.it

Piy\rrAi( )R m a af :r i :a si>y d i :r j ?2o

con operatore lui ruimo <i ( cis.i I uà Pavimentaci Ripristinoarmature RivMinwt! ir pifira ■jKieiriAMMegmndaip Restauri murili eintani Prospetti etinteggiature CostnHloneefte;tni2sont:eaiie

Cellulari: 333 3936410 - 333 4547352

NONPAGHI IL NOLEGGIO, SOLOILLAVORO

Z A <BV <r (D I< F < F V < T IO N

di ARBISI & DI GIOVANNA

di Erino Safina

Cell. 389 9627826 Cell. 348 4938050

CorsoUmberto1,48-Tel.0925943285-Fax.0925943063 SAMBUCA DI SICILIA - AG

L A -C O L .F E R . :ÌSv-»* la <1mmuMicAV gusto al naturale .

9 H |

C e n tro

2 Bar - P asticceria G elateria - G astronom ia

VINI di SICILIA

IN TEMPO REALE

I M I» R F. S A

s fe ?

a lm a

Consulenzaperlacircolazionedei mezzi di trasporto Tasseauto-VisureeCertificati Camerali -Assicurazioni

I L C E R C H IO

ABBIG LIAM EN TO U O M O - D O N N A - B A M B IN O

ÀBITI DA SPOSA CERIMONIA UOMO - DONNA

M A X JOE

V ia F. C rispi - Sambuca di S icilia Tel. 0925 941534

V ia A. Gramsci Sambuca di S icilia Tel. 0925 943207

<6

.r

9


AnnoLIV Luglio-Agosto2012 (segue da pag. 1)

A v en ti an ni d alla strage

Da quel sangue, la voglia di riscatto Per fortuna, il sangue degli innocenti non si perde. Diventa consa­ pevolezza, tarlo che rode e sbriciola coscienze e spesso si fa orrore e pentimento. Il sangue d i Falcone e Borsellino è servito a potenziare l'accanimento delle forze deH'ordine, della magistratura e della so­ cietà civile contro i crim inali che hanno fatto d i tutto per balcanizzare la nostra isola. E' diventato linfa, voglia d i riscatto. Ha segnato il con­ fine tra il caos e la ragione, mostrando il male in tutta la sua insensata bestialità chiedendo a ciascuno d i noi se stiamo dalla parte della morte o della vita, se preferiamo le tenebre o la luce. Le associazioni d i A d d io Pizzo, dei Lenzuoli, il sequestro dei patrim oni mafiosi, gli applausi di gioia durante la cattura dei peggiori latitanti sono nati da lì. Quel sangue ha insegnato soprattutto che la lotta alla mafia r i­ chiede da ciascuno di noi, non solo parole, ma coerenza d i vita, rigore morale e trasparenza, perché ogni volta che il cittadino "onesto" chiude gli occhi davanti all'illegalità, ogni volta che si piega al com­ promesso per interesse personale, dà linfa alla mafia, pianta malefica che è stata e continua a essere la palla al piede dell'isola.

Nascita L'11 lu glio, presso la clinica "Candela" d i Palermo, è nato Matteo Lucido d i F ilippo e L illy Trapani. A u g u ri al piccolo Filippo per un futuro radioso e ai genitori Filippo e Lilly, ai nonni, M ariella e M at­ teo e Francesca e Leonardo. t c ? ¥ W « ■ E *

COSTRUZIONI DEMOLIZIONI MOVIMENTO TERRA OPERE STRADALI

m s m n m im CELL. 339 7 7 1 6 2 3 3 Sede: C.da Cuvio - Ab. Via Matteotti, 22 SAMBUCA Dl SICILIA-AG

C a n t i n a

AfflanteCMtnpo Via F.lli Cervi, 10 S A M B U C A D l S IC IL IA - AG Tel./Fax 0925 942552 info@monteolimpo.it

La Proloco ricorda Paolo Borsellino Vent'anni da quel tragico 19 luglio. Anniversario della strage di Via D'Am elio. M uoiono il giudice Borsellino e g li uom ini della scorta. Una strage, appunto. U n delitto atroce. Un crim ine che non deve r i­ petersi. Come in molte città italiane, anche Sambuca ha commemo­ rato il ventennale della strage d i Palermo di Via D 'A m elio, una gior­ nata segnata sul calendario con una x rossa, un promemoria per un evento che non deve passare inosservato. La Pro loco "L'Araba Fenicia" ha voluto ricordare il giudice nella piazza Falcone; un luogo il cui nome rievoca le vicende di un altro magistrato, amico d ’infanzia di Paolo Borsellino. Assenti il sindaco, le istituzioni e m olti giovani sambucesi, che probabilmente per svariati im pegni o per scarsa conoscenza d e ll'im ­ portanza d e ll’evento hanno preferito non assistere alla commemora­ zione e alla lettura d i una lettera in cui M anfredi Borsellino ricordava quel tremendo pom eriggio di vent'anni fa. Per i ragazzi della Proloco e per i presenti è stato un momento si­ gnificativo e intenso che ha voluto fortemente ricordare la barbarie commessa dagli uom ini d i Cosa nostra. Una strage che vent'anni dopo suscita sentimenti d i rabbia e indignazione. Troppe vittim e nelle mani di Cosa nostra che meritano d i essere ri­ cordate, anche attraverso gesti simbolici, come l'accensione di una fiaccola, come è stato fatto dai ragazzi della Proloco. Il magistrato è stato rievocato anche attraverso la fioca luce d i quei lu m i e l'odore gentile dei fio ri depositati sulla lapide. "Paolo Borsellino, ha detto il presidente Calogero Guzzardo nel suo discorso durante la commemorazione, sottolineando la tematica fondamentale della trattativa stato - mafia, sulla quale ancora oggi s'indaga, non sarebbe stato ucciso dalla mafia. La mafia avrebbe solo eseguito il delitto, ma sarebbe stata una parte deviata dello Stato a de­ cidere che doveva morire. Quella stessa parte che ha educato, negli anni passati, i giovani siciliani all'indifferenza, al compromesso, a ll'o ­ mertà, alla com plicità." M argherita In goglia

A J P

ja g r is u d A rm ato C. & Cacioppo M.

R e U m b e rto

__B lC

8 6 A vm

C a fè

Commercializzazione Cereali prodotti per l'agricoltura e la zootecnia Impianti d'irrigazione

d i M u lè P ie tro R icc a rd o

C .da P o rca ria (Zona Industriale) S A M B U C A D I S IC IL IA T e l./F a x 0925 943120

C o r s o U m b e rto I , 9 2 / 9 4 S A M B U C A D I S IC IL IA C e ll. 328 17 75 6 3 7

II p o rta le p e r la p ro m o z io n e dei Bed & B re a k fa s t in S ic ilia w w w .a re b b a s ic ilia .it in fo @ a re b b a s ic ilia .it

S A LA TR A TTE N IM E N TI

La Pergola

IM I

di CAl-OtiEMO \I4\0IAI14CL\A

di Giglio Santa & C.

@ Bznjf£ì[fo Viale Enrico Berlinguer 42 Tel. 0()2b 943116 - Cell. 128 7846126 SAMBUCA Dl SICILIA-AG arteimacemmk1ie0gmail.com

A i z S a f t ja t o t E G ia c c io

C ell. 3 3 3 9 9 0 8 8 3 1

PLANETA Vini di Sicilia ivivw.planeta. it C.da Ulmo e Maroccoli - Lago Arancio S A M B U C A D l S IC IL IA Tel. 0925 80009 -091 327965

BAR Pasticceria - Gelateria Gastronomia

Bar - Ristorante Pizzeria - Banchetti

diAnnaPasiniZinna f

^

LA TUA BELLEZZA IN MAN! SICURE trattamenti viso e corpo

Corso Dante Alighieri, 67 SANTA MARGHERITA Dl BELICE

Tel.092531633-Cell.333 7963124

C o n tra d a A d ra g n a Tel. 0 9 2 5 9 4 6 0 5 8 - 9 4 1 0 9 9

SAMBUCA

V iale A n to n io G ram sci, 54 Tel. 0 925 9 4 3 3 2 2 - 946 0 5 8

Dl

SICILIA

ZABUT

V IA C A T E N A , T 7 S A M B U C A » • S IC IL IA P .IV A 0 2 S 0 U 6 M 0 8 4 B

SERVIZIO TRASPORTO INFERM I . lu lu n t u , ^ * u iiu .u v JU £a V -7 J • -.Li


10

AnnoLIV Luglio-Agosto2012

rflNNnm m o to ri

M em orial G iuseppe M iraglia

AUTOMOBILI NUOVE E USATE di Pietro La Genga Contrada Seniazza Via Figuli, 20 -Tel. 0925 941583

9 2 0 1 9 S C IA C C A

Cellulare 360398070 SAM BU C A DI SIC ILIA

T/F. 0925 1628 - C. 339 4400474 royalcar.plg@tiscali.it

VENDITA ED ASSISTENZA M AC C H IN E PER L'UFFICIO

yiityèi.AMMvr BAR - RISTORANTE - PIZZERIA

Sono stati i ragazzi della squadra Immacolata Concezione a vincere il memorial di calcetto a cinque intitolato a "Giuseppe M iraglia", il b ril­ lante avvocato sambucese scomparso in un tragico incidente stradale a soli 34 anni. Questi i componenti della compagine sportiva: G iu­ seppe Ciaccio, Francesco Tarantino, Tommaso Scaturro, Calogero Cari, V ito Pedà (nella foto). Il torneo cui hanno partecipato diverse squadre, ha avuto come teatro il resort Hotel Don Giovanni d i Sam­ buca. "Una manifestazione m olto seguita-dicono soddisfatti g li orga­ nizzatori- che ha voluto onorare un autentico sportivo che, in questo modo, continua a vivere in mezzo a noi". Giuseppe Lucio M erlo A q u e s t o n u m e r o h a n n o c o l l a b o r a t o : Rori Amodeo, Paola Ar­ mato, Giuseppe Cacioppo, Licia Cardillo, Giuseppe Cicio, Margherita Ingoglia, Nicola Lombardo, Vito Maggio, Salvatore Maurici, Pippo Merlo, Elvira Romeo, Gori Sparacino, Maria Lucia Sparacino, Simona Tavella, Rosa Tra­ pani, Michele Vaccaro.

se rv ice Via Marconi, 47 - T. 0925 943136

SAMBUCA DI SICILIA (AG) www.eservicesite.it info@ eservicesite.it

film i (Pi sasaffi

PIATTI TIPICI CKIWrASEKECCIA Menù a Base di Carne e Pesce

Contrada Adragna - Tel. 0925 946120 Cell. 338 2971749-392 5378847 SAM BUCA DI S IC IL IA -A G

€ L £ T T R O F O R N IT U R €

M A T E R IA L E E LE T T R IC O A U T O M A Z IO N I - TV C O LO R H I-FI • C E L L U L A R I

V.le B e rlin g u e r, 16 TeL 0925 941233 S A M B U C A D I S IC IL IA

V ia Fantasm a, 39 - Sam buca T e l. 0925 942477 - 333 8276821

M URARIA MARNI M u le

G iu s e p p e

IM P R E S A C O S T R U Z IO N I

C o n tra d a A n g u illa S A M B U C A D I S IC IL IA

T e n ta z io n i

Tel. Ab. 0925 941721 - 327 1214805 92017 Sambuca di Sicilia Ag

Frutta

i

te )® l

Nicol3

C.da Archi • Sambuca di Sicilia c m eee ° eeo 'm m ® ®

di Campisi

LAVO R I IN PIETRA M A R M I E G R AN ITI C.da Casabianca - Tel./fax 0925 942801

SAMBUCA DI SICILIA (AG) www.murariamarnni.it

L A B O R A T O R I O DI PASTICCERIA

Gulotta & Giudice L A V O R A Z IO N E P R O P R IA S P E C IA L IT À ’ C A N N O L I

Oddo Rosa Maria T e s s u ti-F ila ti C o rre d o -In tim o

Corso Umberto I, 9 Cell. 330 879060 - Sambuca di Sicilia

F ra n c esc o G u lo tta La v o r i Fe r r o e A l l u m in io C o s t r u z io n e A t tr e zzi A g r ic o l i Fo r n i a l e g n a

Via E. Berlinguer, 64A Tel. 0925 942150 SAMBUCA D I SIC ILIA (AG)

Via Luigi Pirandello, 16 Telef. 338 9455587 - 333 8398616 S. M argherita d i B elice (AG)

t r in a c r ia di Guasto& SciamòHHHHHBHE2IK9

& N

SERVIZIOAMBULANZA 24H

L a v o ro C im ite r ia li

CROCE BIANCA 24H

A r tic o li F u n e ra ri

E Guasto: Tel. 0925 942527 - 333 4076829 S. Sciamè: Tel. 0925 943545 - 333 7290869 - 338 4724801 Fax 0925 941413 - 3207252953 Vicolo Oddo, 7 - SAMBUCA D I SICILIA - e-mail: oftrinacria@tiscali.it

C .d a C a s a b ia n c a -T el/ F ax 0 9 2 5 9 4 3 2 5 2

SAMBUCA D I SICILIA C e ll. 3 3 9 8 3 5 7 3 6 4

r i t e c n i < Z 3> T u tto per l'irrig a z io n e a g ric o ltu ra - e d iliz ia - fe rra m e n ta e le ttro u te n s ile ria HJT1T-I-=l

* l . ì K»

fA

__ J9T~

Catalanello Anthony M. -Cell. 393 9827023 Via A. Gramisci, 70 -SAMBUCA DI SICILIA -AG


le et *

AnnoLIVLuglio-Agosto2012

Anagrafe Luglio - Agosto a cura dell'Ufficio Anagrafe

NASCITE: M ag g io Giuseppe di Maggio Francesco e Abruzzo Graziella; Lucido M a tte o di Lucido Filippo E Trapani Lilly; Coscio in g u rg io F la vio M a rio di Cascio Ingurgio Gregorio e Randazzo Chiara; M o n ta lb a n o G aspare di M ontal­ bano Salvatore e Di Vita Antonella; D i Leonardo C lelia di Di Leonardo Vin­ cenzo e Vinci Anna Lisa; P isla riu D avide di Pislariu Daniel e Pislariu MihaelaFelicia; G uzzardo Adele di Guzzardo A ntonino e Contorno Calogera. MORTI: Pumilia Angela (a. 95); Maggio Sebastiano (a. 69); Gallina Bernardo (a. 28), Colletti Giuseppe (a. 81); La Sala Giuseppe (a. 69); Armato Margherita (a. 86) Maggio Rosa (a. 94); Mangiaracina Maria (a. 65); Massara Immacolata (a. 95) Abruzzo Maria Audenzia (a. 85) Sparacino Salvatore (a. 88); Tamburello Mar­ gherita (a. 82); Cacioppo Gaspare (a. 88); Mariavicino Antonio (a. 82); Gennusa Giuseppe (a. 65); Napoli Maria Audenzia (a. 84).

Futura

Associazione Socio-Culturale-Sportiva F U T U R A CorsoUmberto 1,127v- 92017Sambucadi Sicilia(Ag) - Cell. 3665467756 e-mail: associazionefutura@alice.it web site: www.associazionefutura.net

GUZZARDO & c. ALBERTO s.n.c. dal 1967 Perniciaro s.n.c Viale E. Berlinguer, 79 Tel. 0925 941 587 - Cell. 340 5251428 grancaffepemiciaro@alice. it

S A M B U C A D I S IC IL IA

A u to ffic in a - R ic a m b i A u to R ip a r a z io n e A u to m e z z i A g r ic o li e In d u s t r ia li, A u to d ia g n o s i R ic a r ic a A ria C o n d iz io n a ta V .le E. B erling u er, 1 0 Tel. 0 9 2 5 9 4 1 0 9 7 F a x 0 9 2 5 9 4 3 7 3 0

S A M B U C A DI S IC ILIA (AG)

CARBURANTI - LUBRIFICANTI AGRICOLI E INDUSTRIALI

Gandoìfo

M ON TALBAN O

SERVIZIOCONSEGNA GRATUITO

C.da Castellalo, S.S. 188 km 89 tel. 09251955630 - fax 09251956630

T e l. 0 9 2 5 9 4 3 4 4 0 S A M B U C A D I S IC IL IA

92017 SAMBUCA DI SICILIA-AG www.casamontalbano.it

S u p e r m e r c a to

STO P& SH O P o di Marco Felice Cicio & C.

SUPERMERCATO

Se ne sono andati... VINCENZO BALDASSANO

MATRIMONI: Campisi Francesco e Russo Caterinal 1-07-2012; Femminella Carmelo e Butera Felicial 0-07-2012; La Sala Luigi e Di Vita Carmen 4-08-2012; Manale Giuseppe e Melnic lana 18-08-2012; Mulè Pietro Riccardo e Di Prima Annamaria 22-08-2012; Profeta Calogero e Pecoraro Anna 21-08-2012; Di Vita Giuseppe e Marravicini llaria 10-08-2012; Interrante Aurelio e Sparacino A nto­ nina 1-08-2012; Patti A ntonino e Arbisi Marianna 6-08-2012.

W

11

Alimentari - Macelleria Salumeria - Ortofrutta SERVIZIO A DOMICILIO V IA FRANCESCO CRISPI Tel./Fax 0925 941404 SAMBUCA D I SICILIA

ASSOCIATO

SI SA

uro m ercati • MACELLERIA E SALUMERIA

C.daCasabianca-SAMBUCADI SICILIA-Tel. 0925941146-942374

E'scomparso a Sciacca il 15 luglio 2012, all'età di 88 anni, il Pre­ side in pensione Vincenzo Baldassano. Era nato a Sciacca il 18 febbraio 1924 da Antonia Cucchiara e Matteo Baldassano, un pe­ scatore che con una barca a vela ed un piccolo equipaggio sol­ cava ogni notte il mare di Sciacca. Sin da piccolo mostra grande interesse verso gli studi superando facilmente le difficoltà scola­ stiche. Dopo il Liceo classico di Sciacca si iscrive alla facoltà di Let­ tere di Palermo e si laurea a 23 anni con il massimo dei voti. Partecipa ai primi concorsi a cattedra banditi nel 1947, conse­ guendo subito l'abilitazione che gli permetterà di insegnare Ita­ liano e Storia presso la Scuola Media"lnveges"di Sciacca dal 1949 al 1965. Verrà apprezzato dagli alunni e dalle famiglie per la pre­ parazione, la didattica innovativa e il comportamento severo e corretto. Nel febbraio del 1961 viene invitato a partecipare a Milano alla nota trasmissione televisiva "Campanile sera" presentata da Mike Bongiorno e Enza Sampò nello scontro tra la Città di Sciacca ed Este. Nell'ottobre 1965 si insedierà come Preside di ruolo presso la Scuola Media "Mariano Rossi" sita nella Via Catusi in Sciacca e vi rimarrà ininterrottamente ben 24 anni fino alla data del pensionamento. Darà un contributo fondamentale al buon funzionamento dell'istituto, ma anche aH'ampliamento e alla ristrutturazione dei locali scolastici e della palestra.l suoi interessi non si fermano alle famiglia e alla Scuola, ma abbracciano la politica e la cultura. Subito dopo la seconda guerra mondiale aderisce al Partito Socialista Italiano e viene eletto Consigliere Comunale dal 1961 al 1964, diventando Assessore al Personale, alla Pub­ blica Istruzione e alla Sanità. Nelle elezioni politiche del 28 Aprile 1963 viene candidato alla Camera dei deputati. Nel 1964, a seguito della scissione del Partito socialista, aderirà al PSÌUP. La letteratura e la Storia locale saranno al centro delle sue passioni extrascolastiche e decine di articoli compariranno nelle riviste locali e regionali. Dedicherà m olto tempo ai poeti locali e dei paesi vicini, analizzando con particolare atten­ zione la poesia di Vincenzo Licata e Ignazio Russo. Conosciute sono due sue pubblicazioni: "I Medaglioni di saccensi illustri"e"Dal dialetto alla lingua", una antologia di poeti in dialetto si­ ciliano rivolta agli alunni della scuola dell'obbligo che vogliono meglio conoscere la lingua della nostra Regione. Numerosi sono gli articoli che Baldassano ha dedicato ai poeti e scrit­ tori sambucesi e che sono stati pubblicati su "La Voce di Sambuca" a partire dal 1977.

GULOTTA MARIA AUDENZIA Il 10 aprile, circondata dall'affetto dei figli e dalle amorevoli cure dell'instancabile Paolo, è morta la sig.ra Maria Audenzia Gulotta vedova Mangiaracina. Aveva 83 anni. Sposa, madre e nonna affettuosa ha speso la sua esistenza nella cura della famiglia e del lavoro. La Voce porge sentite condoglianze ai figli Paolo, Antonina e Gaspare, alla nuora Katia, ai nipoti, ai parenti tutti.

GASPARE CACIOPPO Il professore Gaspare Cacioppo, dopo una lunga malattia che l'ha costretto a letto per tanti anni e che ha sopportato con grande abnegazione, ci ha lasciati il 12 agosto di quest'anno al­ l'età di 88 anni. Il vuoto che lascia è incolmabile, sia per la sua famiglia che per noi sambucesi che l'abbiamo conosciuto e ne abbiamo saputo apprezzare le qualità non comuni. Figlio di un impiegato delle Poste, si era laureato in lettere moderne aH'Università di Palermo con non pochi sacrifici dei genitori e aveva iniziato la sua carriera di professore di lettere nelle scuole medie vicine a Sambuca e poi nel nostro paese per circa 40 anni. Ha svolto la sua missione di insegnante e di educatore con grande disponibilità verso gli allievi e i colleghi, rivelando doti di autorevolezza e di metodo didattico esemplari. Ha amato la sua famiglia, la moglie e i figli con un affetto speciale, fino alla dipartita di alcuni anni fa della signora Antonietta che lo ha lasciato, ammalato del morbo di Parkinson che ha sopportato con serenità. Discreto e riser­ vato nei modi, umile, modesto e senza pregiudizi nei rapporti umani, è stato un esempio di rigore e di onestà intellettuale, di generosità e bontà, che ha profuso verso tu tti quelli che lo hanno avvicinato. Non amava né ii pettegolezzo né la chiacchiera vacua, ma la discussione animata e il dialogo tollerante, per raggiungere la verità e regalare gemme di sapienza e di saggezza a chi lo ascoltava. E' stato un grande maestro di vita e di pensiero, con una prepara­ zione straordinaria, che ha spaziato in tu tti i campi del sapere, dalle letterature antiche e mo­ derne, alla filosofia, alla teologia; dalla religione alla musica, alla politica, all'attualità, alla sto­ ria, all'arte. Guidato dalla razionalità illuministica, nel suo itinerario culturale era legato ai va­ lori dei classici e alla classicità che ci ha fornito le basi della nostra modernità. Con il suo me­ todo è riuscito ad analizzare i grandi della Letteratura, da Omero a Virgilio, a Dante, a Machia­ velli, a Foscolo, a Leopardi, a Manzoni, a Verga, a Pascoli, a D'Annunzio, a Pirandello, a Unga­ retti e Montale, questi ultimi, profondi ispiratori della sua vena poetica; e i grandi della Filo­ sofia: Socrate. Platone, Aristotele, S. Agostino, S. Tommaso, Vico, Kant, Hegel, Marx, Engels, Nietzsche, Croce, Gentile, privilegiando i contenuti più riposti e più nuovi. Delle letterature conosceva i contesti, delle grammatiche le regole che applicava con puntiglio, della filosofia le analisi critiche, della religione i peccati, della poesia le emozioni che suscita, della storia i meccanismi, della politica i lati oscuri, dell'arte i chiaroscuri, dell'attualità le menzogne, della musica i pregi e i difetti. Non si fermava ai luoghi comuni imperanti, ma cercava le novità de­ gli autori, prova ne sia la scoperta del Leopardi "progressivo" di Luporini, in contrasto con il pessimismo "scolastico" del recanatese e con compositori meno noti come Gustav Mahler e Richard Strauss si confrontava volentieri. Fin da giovane ha fatto parte di un gruppo di intel­ lettuali laici, che con il loro esempio, hanno saputo stimolare le nuove generazioni alla let­ tura e aN'approfondimento cuitucale. Lettore inesausto di autori tra i più disparati, dagli anti­ chi ai contemporanei, ha saputo sviscerare la cultura italiana del '900 attraverso la saggistica e la critica letteraria, attraverso riviste come Belfagor e libri come "Filosofi vecchi e nuovi" di Cesare Luporini che hanno riempito la sua biblioteca, fornita di aune migliaia di volumi, tra i più im portanti del xx secolo. Anche se non m otto vicino alle gerarchie ecclesiastiche e alla fede, apprezzava i valori evangelici e come S. Agostino e S. Tommaso d'Aquino, analizzando le opere teologiche, dubitava. A tu tti noi che abbiamo apprezzato la sua religione civile, ra­ zionalistica e liberale, il suo progressismo illuministico, cardini del nostro pensare odierno, la­ scia valori fondamentali per il nostro tempo.

GiuseppeCicio


A lfonso Dì Giovanna, Fondatore - Licia C ardillo, D irettore Responsabile - Giuseppe Cacioppo, Capo Redattore Gori Sparacino, Direttore Amministrativo Direzione, Redazione e Amministrazione Via Teatro C.le Ingoglia, 15 - lavocedisambuca@libero.it - Sambuca di Sicilia (AG) - c.c.p. n. 11078920 - Aut. Trib. di Sciacca, n.1 del 7 Gennaio 1959 - Ab­ bonamento annuo 15,00 Euro - Benemerito 50,00 Euro - Sostenitore 100,00 Euro - Estero 30 Dollari - Stampa Arti Grafi­ che Provideo - Contrada Casabianca - Tel. 0925 943463 - 92017 Sambuca di Sicilia (AG) - Pubblicità inferiore al 50 %

(seguedapag. 1)

Adragna in festa - Assenti gli amministratori

In piazza, gli artisti sambucessi di

M argherita I n g o g lia

palco per esibirsi, un'occasione per intrattenere passanti e curiosi. "Adragna in festa", evento orga­ nizzato dalla "Proloco- L'araba Fe­ nicia" in collaborazione con il cir­ colo "Bartolotta Impastato", ha vo­ luto dare spazio agli artisti sambu­ cesi che si sono esibiti in svariate d i­ scipline. Poesia, musica e parole sono state vere protagoniste nella prima parte della serata organizzata dalla Proloco, grazie ad un'idea dello scrittore Enzo Sciamè, realiz­ zata da Gabriella Nicolosi e dal pre­ sidente Calogero Guzzardo. "Li­ bertà non è star sopra un albero" re­ cita la canzone d i Gaber, divenuto anche il tema cardine della prima parte dell'evento. Libertà: qual è il valore di questa parola? che significato ha? Attraverso gli aforismi di Gibran, Coelho, Calamandrei, recitati da Alessandra M elillo, Antonella Cacioppo, Antonio Montalbano, Delia Oddo, e i brani di Gaber, Mo­ dena C ity Ramblers e Pierangelo Bertoli, musicati dalla band "Aisamu" si è cercato di sviscerare l'essenza d i tale lemma provando a capire quanto si è veramente liberi o quanto in realtà nessuno lo sia. "Esplo­ sioni d'arte" è stato invece l'evento promosso dal circolo "Bartolotta Impastato" e in particolare dal segretario Ezio Bilello, Sario Arbisi, N i­ cola Di Giovanna, Antonio Giovinco, e ideato da Salvatore Guasto. Gli artisti hanno occupato gli angoli delle strade con tele e pennelli. Prota­ gonisti: Lorenzo Maniscalco e Marika Sacco in un'estemporanea di p it­ tura, insieme ai quadri dell'artista Chiara D i Prima. A completare l'at­ mosfera, le esposizioni fotografiche di Francesco Procopio, Filippo M u­ nisteri e Antonio Guzzardo. E' stata poi la volta di principeschi abiti realizzati dalla stilista Antonella Salvato e dalla giovane Laura Giglio, insieme ai gioielli di Irene Cacioppo. Ma una principessa che si rispetti non può sottrarsi al reparto make-up: il contorsionismo pittorico del body painting accuratamente realizzato dalla truccatrice Denise P illitteri. Di tutt'altro genere è stato il gazebo del dottor 3D, Andrea Sciamè che ha mostrato al pubblico come da una semplice linea tracciata sullo schermo del pc è possibile dar vita ad un'animazione tridimensionale simile a quella dei film di fantascienza. E' pur vero però che quando in Sicilia si parla d'arte non si esclude mai il palato, il cibo è d'obbligo, ma solo se è nostrano: quindi tutto made in Sicily: panini e panelle, la sicula"meusa", il "mellone"... e vino bianco. E ancora la musica della band Aisamu, Concetta Montalbano e i Bad Apples. Una manifesta­ zione accolta dall'intera cittadinanza sambucese con orgoglio. Scusate: quasi l'intera cittadinanza. E l'amministrazione? D i quest'ultima nes­ suna traccia. Ha, però concesso l'autorizzazione all'occupazione del suolo pubblico. Finanziamenti? Fondi? Almeno cento euro... Solo l'au­ torizzazione. Solo qualche commerciante ha dato un piccolo contributo, per il resto è tutta opera dei ragazzi. Ma torniamo all'amministrazione. Facciamo un breve appello: sindaco? assente... vicesindaco? assente... Forse sarà presente l'assessore alla cultura arte e spettacolo, visto che si parla di arte... Niente da fare, neppure l'assessore. Il segretario Ezio Bi­ lello, afferma che l ’evento è stato messo in piedi solamente grazie a alla volontà e all'impegno di tu tti i ragazzi che si sono adoperati e spesi a ti­ tolo completamente gratuito, e degli artisti che hanno voluto dare un segnale forte alla cittadinanza.

F ran co Safin a e l'am o re p er i colori j

In Piazzetta Merlini, la bottega dell'arte di

M argherita I ng o g lia

Il lavoro dell'artigiana to oggi sembra essere stato surclassato dalla tecnolo­ gia. Eppure il signor Franco Safina non sembra pensarla così. Una pic­ cola bottega dell'arte quella in Piaz­ zetta M e rlin i a Sambuca d i Sicilia dove la lavorazione della ceramica e della terracotta sembrano coniugare l'amore per la terra del sole, nella rea­ lizzazione del decoro, e la passione per l'arte che da sempre ha accompa­ gnato la sua vita. Nel bazar dell'artigianato, è come fare un salto indietro nel tempo: le pareti d i questo microcosmo dell'arte sono tempestate d i p iatti e centri - tavola, orologi con intarsi dal tocco ele­ gante che sanno combinare la storia e i tra tti di una Sicilia che sembra lontana, tegole decorate con precisione, vasi dalle pregiate sfumature e dai toni brillanti.U na credenza sulle cui mensole sono adagiati pic­ coli oggetti per l'arredo, tenuti uno accanto all' altro, in un invidiabile ordine. Pezzi unici e rari. Le decorazioni ricordano i fio ri e i fru tti della Trinacria, come il giallo dei lim oni, il rosso delle melegrane, i colori lum inosi dei fio ri e della natura. Trovano spazio anche i pensili d i decoro per le camere dei bam bini con farfalle e macchinine da collezione. Eppure la vera fabbrica della lavorazione si nasconde altrove. Il retro - bottega, cela i suoi prodotti ancora allo stato grezzo. Su un tavolo, disposti in fila, v i sono i barattoli dei colori e l'argilla ancora bianca che sul tornio prende vita. Il materiale viene disegnato e dipinto nelle sue più piccole sfumature, dal blu al rosso, all'arancio, al giallo. "La lavorazione è sicuramente m olto lunga - spiega l'artista Franco Safina -. Quando il lavoro di decoro è terminato, i prodotti vengono messi in forno per circa tredici ore ad una temperatura di 920 gradi. Occor­ reranno otto ore prim a che l'oggetto si sia completamente raffred­ dato per poi essere ultim ato con le ultim e pennellate". Una realtà affascinante che combina passione e impegno.

Nozze d'argento Giuseppe Giovinco e Marisa Montalbano hanno raggiunto il felice traguardo dei 25 anni di matrimonio. Dopo la solenne cerimonia officiata dall'arci­ prete Don Lillo D i Salvo, si sono trasferiti al Don Giovanni H o­ tel, dove hanno festeggiato con amici e parenti. La Voce si con­ gratula con i coniugi Giovinco e augura loro tanta felicità as­ sieme ai fig li Antonio e Valeria.

Pippo Vaccaro continua a sorprendere per la prolifica attività p it­ torica e per i rapporti con personaggi im portanti della moda, dello spettacolo e della cultura. Dopo Renato Balestra, Mara Venier e altri, è la volta di Ennio Morricone, noto in tutto il mondo per le straordina­ rie colonne sonore (oltre 500) d i film che resteranno nella storia della cinematografia. L'incontro è avvenuto nella casa romana che si apre sulla Piazza del Campidoglio, dove l'artista sambucese ha conse­ gnato al compositore il d ipinto che lo raffigura. Morricone, che prece­ dentemente aveva acquistato un'opera d i Pippo Vaccaro raffigurante due cavalli in corsa, aveva espresso il desiderio di conoscerlo. La Voce si congratula con Pippo, al quale augura altri successi.

N 444 luglio agosto 2012  

ANNO LIV luglio agosto 2012

N 444 luglio agosto 2012  

ANNO LIV luglio agosto 2012

Advertisement