N 138 settembre 1973

Page 1

Anno X V - Settembre 1973 - n. 138

MENSILE DI VITA CITTADINA

(Ma fiera da salvare ' Abbiamo visto quest’anno un’edizio­ ne scadente della Fiera. La zona tra gli Archi e i Cappuccini, pullulante fino a qualche anno fa di mandrie di bestiame, brulicante di muli e caval­ li bardati, squillante di campanacci e « ciancianeddi », appariva solo un pal­ lido fantasma della tradizionale Fiera di bestiame di Sambuca. Pochi e sot­ toccupati i sensali e i compratori, ma­ gri affari nella bella giornata di sole, molta noia persino per le poche cen­ tinaia di pecore e buoi e per le dieci - venti mule, comodamente sparse nel declivio-, maggiore interesse per motozappe e trattori, lucidi e pavoneggianti davanti la villa comunale: te­ stimonianza implacabile del tramonto di una vecchia società agro - paster­ rai e, a cui non se n’è ancora sostitui­ ta una nuova. Risulta pretestuoso che la pastorizia scompaia perchè la viti­ cultura invade i terreni. La crisi della pastorizia sta nella sua mancata evoluzione. Terreni bo­ schivi ed incolti aspettano bestiame da sfamare; ma i giovani non se la sen­ tono di esercitare un mestiere che li tenga tutto l’anno sulla montagna, a bassi salari, di fare la ricotta nel «quadaro» la mattina, e stringere la «tumma> nel «siero». L’operaio, l’agricoltore, il contadino, il bracciante hanno ormai orario di la­ voro, diritti sindacali e una retribuizione che permetta di usufruire dei benefici della società dei consumi. L’ultimo Cristo è rimasto il pastore. E non solo il pastore-salariato, ma an­ che il pastore proprietario. Quest'ultimo non può pagare dipen.

Neirinterno:

Il Farmacista II puntata Una lettera sul Gruppo Folkloristico Adranone potrebbe essere Engio

denti al prezzo dell’edilizia e dell’agri­ coltura, perciò è costretto a far tutto da solo: lavoro, produzione e vendita. Si avverte la mancanza di Coope­ rative che riuniscono i pastori (le uniche «massarie» sopravvissute risul­ tano da improvvisate unioni tra i pa­ stori) e di un Caseificio che si occupi della trasformazione della vendita del latte. Ci si chiede perchè si osservi impassibili l’agonia di un altro settore vitale della nostra economia, che ri­ schia creare nuovi disoccupati e nuovi problemi di produzione. Torniamo alla Fiera. Anche quella « di paese » è stata una delusione. Po­ che baracche (forse l'allarme del co­ lera), scarso folkore, nessuna esposi­ zione nuova: una Fiera improvvisata, paragonabile al mercatino di S. Maria nell’apparenza, al di sotto nel volume d’affari. Ad animarla ed a confonderla nello stesso tempo, la coincidenza con la Festa dell'Unità. La coincidenza è risultata poco fefellce, perchè la popolazione non ha potuto seguire con sufficiente atten­ zione alcune interessamenti manifesta­ zioni culturali e politiche della festa (mostra di pittura, spettacolo in piazza, convegno dei Sindacati della Valle del Belice etc.), e spesso, intenta a com­ prare la coperta o la padella, veniva sollecitata dall'invito ad assistere a qualche momento della festa stessa. La nostra Fiera, una data che riu­ nisce tradizioni profondamente radica­ te nella coscienza dei cittadini, va sal­ vata. Se si vuole evitare che subisca il collasso di altre fiere dei paesi vicini, se si vuole impedire che la sua malat­ tia diventi cronica, bisogna subito pro­ pinarle delle medicine. Queste medi­ cine si chiamano programmazione. Nel '73 niente può più riuscire per improvvisazione. Bisogna daxe un re­ spiro più moderno alla nostra Fiera, trasformarla gradualmente in una Fie­ ra-Esposizione, invitare complessi in­ dustriali, artigiani, vivaisti, padiglioni campionari animatori culturali, stimo­ lare anche con la propaganda l'afflus­ so dai paesi vicini. Ma tutto ciò ha bi­ sogno di organizzazione. Appare auspicabile la costituzione di un Ente Fiera, già da noi indicata nel passato come soluzione ed alternativa della attuale « impasse », che agisca in coordinazibne con l'Amministrazione Comunale e in particolare con 1Assessorato al Turismo locale. ENZO RANDAZZO

Ai nostri abbonati Nonostante i ripetuti inviti molti nostri abbonati ancora non si trovano in regola con la quota di abbonamento 1973. Alcuni addirittura devono ancora versare la quota del ’72. - Ci spiace dover ricordare agli abbonati che il recevere il giornale, senza disdetta o avviso di sospensione dell’abbonamento, im­ pegna moralmente e giuridicamente al versamento della quota per gli anni in cui si e ricevuto il giornale. - Vi preghiamo pertanto a servirvi del cc.p. o a saldare personalmente il conto recandovi presso la Biblioteca « Navarro » (Palazzo Vinci) che troverete aperta dalle ore 17 alle ore 20 tutti i giorni, esclusi il sabato e i giorni festivi.

Sped. Abb. Postale - gruppo n i

La ricostruzione nella Valle del Belice si sta bloccando - una protesta della lega

Manca il materiali Quel poco dì ricostruzione che si è faticosamente e lentamente avviata nella Valle del Belice distrutta dal ter­ remoto del gennaio 1968 si sta bloc­ cando per mancanza di cemento, ferro e legname. Diverse imprese hanno sospeso i la­ vori, sospendendo quindi dal lavoro an­ che le centinaia di operai edili alle lo­ ro dipendenze. Questo è un problema gravissimo che arreca un immenso danno: — alle famiglie degli operai sospe­ si dal lavoro, che non ricevono più sa­ lario in questo periodo-, con il costo della vita continuamente in aumento e tenendo conto del fatto che questo è l’unico periodo dell’anno in cui gli ope­ rai possono lavorare ogni giorno (di inverno spesso non si lavora a causb della pioggia) ci si rende chiaramente conto della gravità della situazione-, — a tutte le famiglie che hanno bisogno di una casa, che vedono anco­ ra di più allontanarsi nel tempo la pro­ spettiva di uscire dalle baracche. Di chi è la colpa di tutto questo? Alcune « voci ) sostengono che con la « mazzetta » il cemento si può tro­ vare al mercato nero; come sempre quando vi è molta richiesta di una mer­ ce c’è subito chi ne fa incetta per spe­ cularci a danno del popolo, Il problema diventa ancora più gra­ ve, e più chiare le responsabilità po­ litiche, se si pensa che la Regione Sici­ liana ha di recente annullato due delibere di appalto dell’ESPI per la costruzione nella Valle del Belice di un cementificio e di una fabbrica di ton­ dino di ferro, appalti che erano stati affidati aH’Italimpianti (azienda IRI). Perche sono state annullate queste delibere? Per il cementificio, perchè la cosa non garbava a Pesenti-MSI. Per il ton­ dino di ferro, perchè alcuni gruppi dei partiti di governo preferivano una dit­ ta tedesca privata (la Humboldt). Dunque per l’interesse di alcuni spe­ culatori e grossi industriali si buttano in mezzo alla strada intere famiglie, e si allontana sempre più la soluzione del problema della casa per i sinistrati del Belice. La Lega popolare per la ricostruzione (organizzazione democratica di massa delle famiglie dei lavoratori di Partanna) fa appello a tutta la stampa demo­ cratica, perchè si apra subito una CAM PAGNA DI STAMPA contro questa ver­ gognosa speculazione, di cui si rende complice 11 governo regionale, che cal­ pesta i diritti dei lavoratori del Belice per favorire gli interessi di specula­ tori e imprese private. La Lega popolare per la ricostruzio­ ne invita tutta la stampa di sinistra e democratica a pubblicare queste noti­ zie e a inviare giornalisti sul posto per documentare esattamente fino in fondo questa vergogna. Una campagna di stampa a favore degli interessi della massa delle fami­ glie del Belice costituisce un importan­ tissimo contributo di pressione sulle autorità responsabili perchè risolvano subito questo grosso problema: — garantendo l’approvigionamento

dei materiali necessari alla ricostruzio­ ne nelle quantità sufficienti-, — colpendo inesorabilmente gli in­ cettatori e le operazioni di borsa nera; — passando subito alla realizza­ zione del cementificio e della fabbrica di tondino di ferro nella Valle del Be­ lice. La Lega popolare per la ricostruzio­ ne invita anche tutte le organizzazio­ ni dei lavoratori, le organizzazioni de­ mocratiche, le organizzazioni politiche di sinistra, i sindacati, a prendere tuttune per contribuire a sbloccare la si te le iniziative che riterranno opportuazione nel Belice.

LA D.C. CONDANNA: CHE COSA? Il gruppo consiliare della D.C. saniburese ha diffuso un cliclostilato che pubblichiamo integralmen­ te. In esso — anche se tardivamen­ te -— si prende una certa posizione in merito al problema dell’acqua nella Valle di Cellaro; inoltre si fa conno ai fatti del Cile e agli intel­ lettuali russi che recentemente so­ no stati oggetto dell'attenzione in­ ternazionale. Ovviamente nel docu­ mento non si fa cenno di condanna verso i democratici cristiani cileni cui la storia imputerà anche gravi I responsabilità per la connivenza acc ordata ai generali del « golpe » con le tragiche consegu enze che tutt'ora sono in corso di svolgimento. A PAGINA 5 IL DOCUMENTO

Presa diretta La segreteria D.C. sulla sua linea di... « confine » In una intervista al nostro gior­ nale per la rubrica: « Presa diret­ ta » il segretario della locale sezio­ ne D.C. si apre al confronto tra co­ so vecchie e nuove. Nonostante le carenze, le tiepidezze e gli incerti passi sulla linea dell’opposizione al PC sambucese, che si esprime nell’ amministrazione comunale, è posi­ tivo che finalmente, anche se parte da visualizzazioni anguste, copiaticce e settoriali (non discostandosi così dai fantasmi che vogliono ab­ batterei, la DC locale dica qual­ cosa. « Dite, dite... qualcosa reste­ rà... » Se vogliamo dare ragione a chi scrisse queste parole dobbiamo darla anche a coloro che parole di­ cono. L’INTERVISTA A PAG. 4


Pag. 2

LA VOCE DI SAMBUCA

Settembre 1973

ESTATE ADRAGNINA Con la fine di settembre molti villeg­ gianti rientrano in paese. Particolarmente fredda quest’anno la estate adragnina. Unici punti di ri­ trovo sono stati i bar e solo occasio­ nalmente qualche viliinò privato per le solite schiticchiate o i soliti balli co­ sidetti di « maturità ».

Un po’ fredda anche la festa della Bammina. Quest’anno poi fino all’ulti­ mo si è temuto per la realizzazione della festa perchè un’ordinanza del questore vietava le manifestazioni pub­ bliche a causa dell’epidemia di colera. I festeggiamenti tradizionali pertanto sono mancati e molti giovani hanno

FESTA

domani

ieri

LA BAMMINA

preferito la prima sera recarsi a Contes­ sa dal momento che si era sparsa la voce che in quel centro si esibiva il noto complesso « Ricchi e poveri ».

Il movimento sismico comunque non ha destato preoccupazione ed eccessi­ vo panico tant’è che la gente ha con­ tinuato la normale attività lavorativa.

TERREMOTO

VITA AMMINISTRATIVA

Nel giro di pochi giorni leggere scos­ se di terremoto sono state registrate nella Valle del Belice. Le scosse sono state duramente avvertite nel nostro centro dove la popolazione abita nelle case del centro storico.

D E L L ’U N IT À

UNA FESTA POPOLARE Con il P.C.I. per conquistare il socia­ lismo: all’insegna di questo slogan si è aperto a Sambuca il festival dell’ UNITA', articolatosi in un vasto pro­ gramma di manifestazioni politiche, ri­ creative, sportive e culturali che han­ no visto la partecipazione di larghi strati popolari. A parte ogni considerazione di na­ tura politica, possiamo dire che la fe­ sta dell’unità è sempre ima festa di­ versa: essa invita la gente a pensare, a riflettere su scottanti temi di attualità e nello stesso tempo offre spettacoli ricreativi che aiutano alla distensione ma dimostrano inesorabilmente un cer to tipo di integrazione del P.C.I. nella moderna società neocapitalistica. Scherzosamente cantava Ivan Della Mea al festival nazionale della stampa comunista « la festa deUHmità, viva l’idea che essa ci dà canta Morandi rivoluzione, canta la Mina ecc. ecc. » quasi con una certa ironia circa la va­ lidità di un festival che si sostituisce

Vito Caruso Il 7 maggio 1073 a Forest Hills N.J. (U.S.A.) è morto Vito Caruso, che era nato in Sambuca di Scilia il 6 lu­ glio 1836. La nipote Signora Marina e le co­ gnate Signora Maria Alfano e Signo­ ra Teresa De Vita, tutte residenti in America, in memoria del defunto, han­ no offerto alla Madonna SS. dell'U dienza un calice dorato, due ampolle di cristallo ed una pianeta. Il 16 Settembre 1973 nel Santuario Maria SS. dell’Udienza in suffraggio dell’anima del defunto è stata celebrata una Santa Messa dall’arciprete D. Giovanni La Marca, il quale durante la funzione religiosa ha usato i doni offerti alla Madonna.

In un documento inviato alla stampa il gruppo consiliare della D.C. chiede la convocazione urgente del consiglio comunale per discutere sull’approviggionamento idrico del nostre comune. In particolare il documento si soffer­ ma sulle acque della sorgente S. Gio­ vanni che verranno convogliate verso il territorio di Menfi e sulle sorgenti di Vanera e Castagnola incorporata la prima dall’EAS mentre per la seconda c’è in atto un’opposizione da parte del Consorzio Alto e Medio Belice perchè l’acqua venga sfruttata a favore del comune di Sambuca. Sempre nell’ambito della vita ammi­ nistrativa c’è da registrare una lettera della segreteria del PSI al PCI nella quale si chiede un rimpasto ammini­ strativo con l’immissione in giunta di due assessori socialisti. La rappresentazione socialista al co­ mune è composta da tre consiglieri (di cui uno vice-sindaco ed assessore ai IL.PP.), quella comunista, a seguito del­ lo scioglimento del PSIUP, è di 12 con­ siglieri mentre 1 è indipendente.

tutto e per tutto ad una manifesta­ zione canora di Enzio Radaelli. Credo però non sia il caso essere così cattivi: anzi queste manifestazioni, caro Ivan, testimoniano come un partito riesca, tra palloncini e giuochi1 d’artificio, a legare i grandi problemi della classe lavoratrce ad una tematica molto va­ sta arricchita dall’apporto di gente co­ mune. Forse la cosa che crea più entusia­ PREMI smo e meraviglia in questi festicals è la maniera in cui i comunisti riescano Ricchi premi ai partecipanti alle ga­ a mobilitare in uno sforzo comune un re sportive per la festa deU’UNITA’. po’ tutti i suoi militanti trasformando Una macchina da scrivere per il mi­ una festa popolare in un momento gliore percorso nella gimkana è stato unitario di lotta. Ed è anche commo­ assegnato a Lillo Lo Cascio. Il premio vente, tranne qualche caso di « galopha suscitato contestazioni e perplessi­ pinaggio acuto » di cui purtroppo sof­ tà. Una coppa sempre per la gimkana fre ogni tanto il P.C.I. a Sambuca, ve­ è stata limpidamente vinta da Giovan­ dere tanta gente lavorare con martello ni Monteleone definito il «re del voe chiodi, con pennelli e tela senza per­ cepire neppure una lira. E’ una manie­ ra come un’altra per dimostrare che l’attaccamento del militante comuni­ sta al suo partito, è sincero, spassio­ nato. Si, succedono sempre dìspute, chiacchere, screzi ma trattandosi di far buona figura al partito tutto va messo da parte. E’ quello che un po’ succede nel nostro centro, dove un ar­ guto contadino, militante da decenni nel partito, passa il tempo a criticare assieme ai compagni tutta l’attività am. ministrativa e politica del partito; se le stesse cose però gliele rinfaccia un avversario, questo contadino si stra­ sforma in strenuo difensore deU’ammi lustrazione e del partito. Questo però può avvenire solamen­ Nicolò te a Sambuca dove esiste una forte coscienza di massa, dove la parola so­ Ciaccio cialismo, al di là di una concettualiz­ zazione filosofica marxista, significa {in­ Il 5 aprile scorso è deceduto In Sam­ cora libertà, liberazione dello sfrutta buca, dov'era nato 74 anni fa, 11 signor mento dell’uomo sull'uomo, dignità per Nicolò Ciaccio. Sebbene con ritardo la classe lavoratrice e per gli emar­ porgiamo alla vedova, ai figli ed ai ginati. congiunti tutti le nostre sentite con­ doglianze. ENZO DI PRIMA

Bar - Ristorante «L A P E R G O L A »

LIBRERIA Articoli da Regalo

lante ». Altri premi sono stati assegna­ ti per l’impegnativa caccia al tesoro per i tornei di ping-pong. Il televisore da sorteggiare con l'estrazione di bi­ glietti è stato vinto da Michele Calo­ roso. PENDOLARI Con l’apertura dell’anno scolastico ritornano i problemi dei pendolari. Quest’anno sono circa 90 gli studenti che si recheranno a Sciacca per fre­ quentarvi gli istituti superiori. La di­ sponibilità della ditta Monteleone con­ cerne un autobus di 49 posti a sedere. E gli altri? AUGURI Augurissimi a Lucia Giudice ed En­ zo Femminella sposatisi nella chiesa del Carmine nel mese di settembre. La giovane coppia è stata festeggiata da un folto stuolo di parenti ed amici. Particolarmente commosso Enzo, un giovane abbastanza noto negli ambien­ ti dello spettacolo a Sambuca, 11 quale ha dato l’addio al celibato brindando e cantando assieme ai numerosi giovani invitati al trattenimento nuziale. MOSTRA Una mostra di pittura sul tema« Lot­ ta ed emancipazione dei popoli » si è svolta nei locali di S. Caterina in oc­ casione della festa dellTJNITA’. Alla mostra hanno partecipato gio­ vani pittori e fuori concorso Gianbecchina ha esposto alcuni quadri della sua numerosa produzione. La giurìa, presieduta dal sindaco e composta dallo stesso Gianbecchina, dal nostro direttore Alfoso Di Giovan­ na, dal nostro redattore Enzo Di Prima, dall’on. Nino Giacone, dal pittore Na­ varca, dal prof. Navarra non ha ritenu­ to di assegnare premi dato il numero poco elevato di partecipanti. Comun­ que sono stati particolarmente ammi­ rati i lavori esposti ed è stata auspi­ cata la continuità dell’iniziatva al fine di rilanciare nel nostro paese una con­ suetudine artistica che ha visto gli allori nel periodo delle mostre ADRAGNA - CARBOJ.

IJSS§ Concetta Maggio in Giovinco Immaturamente si è addormentata nel Signore Concetta Maggio in Giovinco, madre del nostro caro amico Prof. Giovanni, al quale unitamente al padre, alla sorella, e a tutti i familia­ ri porgiamo le nostre affettuose con­ doglianze.

ALIMENTARI

ADRAGNA - SAMBUCA DI SICILIA

Argenteria - Profumi

E DROGHE

M ontalbano - Montana

da NINO ORISA FI

C. Umberto I, 29 - Tel. Ab. 41146 - Sambuca

Prezzi modici

Montalbano Domenico & Figlio CUCINE COMPONIBILI GERMAL MATERASSI PERMAFLEX M O B I L I

Corso Umberto I - SAMBUCA DI SICILIA

Aperto tutto l’anno Matrimoni - Battesimi - Banchetti d’occasione Ottima cucina con squisiti piatti locali a pochi passi dalla zona archeologie» di Adranone

Piazza Navarro SAMBUCA DI SICILIA

A A A.

ARREDAMENTI PER UFFICI Macchine Elettro - Contabili Programmate I. V. A. CORRENTI VITTORIO

Lagomarsino

Filiale Lagomarsino: V.Ie X X Settembre, 21 Tel. 095-224946 - Catania Recapito Sambuca di S.: Corso Umberto I, 147 Tel. 41108

Autoscuola ZABUT Assume insegnante - Segretaria Re­ tribuzione Adeguata Rivolgersi autoscuola Zabut. Corso Umberto 22 - Tel. 41067 dalle 16 alle 21


Settembre 1973

LA VOCE DI SAMBUCA

Pag. 3

HoiluwUtyo&snc/} j>i%nMfywo

CAPITOLO SECONDO Dopo l’opera del diavolo, ecco quella di un Santo il quale, anticipando in epoca prebellica il riconoscimento di un diritto del Lavoratore (pe­ raltro ancora non introdotto nel Codice) mette a tacere un cantante molesto. Il capitolo continua con la descrizione d’una marachella studentesca e con la dimostrazione delFutilità, in tutti i tempi, di certe inchieste-lampo seguite da pugni (sul ta­ volo). Cose, queste, apparentemente estranee tra loro, eppure legate ad unico filo. Ho ritrovato il Farmacista dietro il bancone, alle prese con un fornello a petrolio che stentava ad ac­ cendersi e m’è tornato alle narici — dopo tanti, tanti anni — il caratteristico odore del petrolio incombusto. Quattro studenti sedevano attorno ad un tavolo rettangolare disposto in un angolo della Farmacia, mentre in un altro angolo un anziano signore — che tutti chiamavano Commendatore — fumava placida­ mente la pipa. Eccolo li, dunque, li Farmacista mentre, indaffarrato a preparare gli intrugli, interroga e segue gli allievi: — Da dove nasce il Po? — — Il Po nasce dal Monviso. — — Qual’è il lago più grande d’Italia? — L’interrogato resta un po’ perplesso; poi risponde: — Il lago Maggiore. — — Bestia! — lo redarguisce il Farmacista. — Quan­ te volte debbo ripetere che il lago più grande d’Ita­ lia è il lago di Garda? — E, preso il mortaio, comincia a pestare. Ma poco dopo alcune note vibrano prepotenti nel­ l’aria. Il Farmacista tende le orecchie: chi canta? Nessun dubbio: è Peppino Nuccio, l’uomo dalla voce d’oro, colui che serberà sempre nel cuore il rim­ pianto di non aver potuto, ragazzo, frequentare un Conservatorio musicale. Accompagnandosi con la chitarra, Peppino Nuccio canta: ' « Signora pallida — dagli occhi risplendenti ■ come due stelle brillano - i vostri occhioni blu... » Peppino Nuccio canta e il Farmacista ribolle: — In questo paese non si può stare tranquilli, non si può lavorare: ci sono disturbatori a tutte le ore. E adesso ci voleva proprio il cantante!... (Ma lo met­ terò a posto io, questo cantante!). — Che vuoi fare?.... — dice il Commendatore cui la voce di Peppino Nuccio non dispiace affatto. — Lascialo cantare: una bella canzone, di tanto in tanto, non fa male. — — Che canzone e canzone! — insorge il Farmaci­ sta. — Io debbo lavorare!... — E, fattosi alla porta, grida minaccioso: — Impertinente!... Disturbatore!... — Ma la sua voce si perde nell’aria, assorbita dai ru­ mori della strada. Un ragazzino di passaggio si ferma a curiosare; poi si allontana. Il Farmacista rientra. Che fare? Uh, tante cose potrebbe fare, ma di ciascuna gli balza subito da­ vanti agli occhi l’aspetto negativo. Ecco, potrebbe affrontare il cantante con deci­ sione estrema: — Mi hai scocciato abbastanza con queste tue can­ zoni. Adesso smettila: altrimenti ti faccio vedere chi sono io!... E se Peppino Nuocio, per nulla intimorito, rispon­ desse (tutto è possibile in questo mondo!) con una sonora pernacchia? Allora bisognerebbe veramente fargli vedere chi è il Farmacista: e come farebbe lui, ormai anziano, a farglielo vedere? Ha forse due buo­ ne mani callose, e per braccia* due solide spranghe di ferro? Niente minacce di questo genere, dunque. Potrebbe, semmai, redarguire il cantante con pa­ role meno violente: — Come ti permetti di disturbare con canzoni fri­ vole chi lavora? Io ti denunzio! — . E potrebbe davvero denunziarlo. Ma esiste un ar­ ticolo di Legge, esiste un codicillo che vieta al cit­ tadino di cantare? E se Peopino Nuccio, sapendo di non essere punibile, si mettesse a cantare d'ora in avanti — per far dispetto a lui — tutta la santa giornata? No. neppure questa è la soluzione migliore. Il Farmacista rimane sopra pensiero; poi. volgendo

gli occhi verso la chiesa che gli sta di rimpetto, ve­ de S. Giovanni che — dall’alto della sua nicchia — lo guarda con l’aria di tfhi voglia muovergli un dolce rimprovero. — San Giovanni mio! — fa il Farmacista. — Voi lo vedete se in questo paese si può vivere in pace. Voi dite: « Pazienza! ». Ma la pazienza è prerogativa dei Santi e non degli uomini come me. Questo caldo dannato e questa musica frivola mi faranno oggi av­ velenare qualcuno!... San Giovanni, provvedete Voi a tappare la bocca a quest’uomo. Come? Voi non avete bisogno che ve lo suggerisca io: ma cton un do­ lore dentario, con una nevralgia, con un crampo!... Se poi volete ricorrere a mezzi più drastici, fate pu­ re! Eh? Voi dite che, così parlando, non mi com­ porto da buon cristiano: ma qui ci sono di mezzo la salute di tanti poveri malati, la preparazione sco­ lastica di questi ragazzi che tra poco dovranno an­ dare agli esami! — Il Farmacista attende qualche istante; poi, consi­ derato che Peppino Nuccio continua imperterrito a cantare (Ha lasciato la « Signora pallida » e ha pre­ so la « Signorinella pallida»), toma a rivolgersi al Santo: — San Giovanni, faccio male se gli scaglio ad­ dosso mortaio e pistone? Faccio male?-. Sì? Ma allo­ ra provvedete Voi! Non son fatto di pietra, io! Quan­ do mi scappa la pazienza non son più responsabile di me! Fatelo smettere, Vi prego, e i lumi sull’altare non ve li farò mancare. Troppo poco? Beh, vi pro­ metto che verrò alla processione e vi porterò un cero lungo un metro: lo accettate? Me la fate la grazia?... Oh... Oh... che vedo? Peppino Nuccio ha chiuso bottega? Se ne va?... Vi ringrazio, San Gio­ vanni e m’inginocchio ai vostri piedi per grazia ri­ cevuta. Il Farmacista tira un ampio respiro di sollievo: fi­ nalmente potrà riprendere il lavoro interrotto! Ma ecco che la sua attenzione viene richiamata dal fumo che fuoriesce dal pendolino che ha messo sul fornello a petrolio per preparare un decotto. Fu­ mo soltanto? No: fumo e odor di bruciato. Egli solleva il Coperchio ma il coperchio gli cade sui piedi dopo avergli scottato tre dita. — Alla faccia di Peppino Nuccio! — impreca por­ tandosi alla bocca le dita doloranti. Spegne il fornello, ma ormai è troppo tardi: l’ac­ qua si è tutta quanta evaporata e il decotto è an­ dato perduto, mentre le erbe si sono carbonizzate e incrostate al fondo del pentolino. Che cosa è stato? Un momento di distrazione ed è bastato a provocare un disastro! Un disastro così, per dire, tri a niente affatto paragonabile ai disastri che qualche volta capitano ad altri professionisti: il crollo di un ponte a un Ingegnere, la morte di un malato a un Medico, lo scoppio d’un ordigno a un progettista... Un disastro facilmente rimediabile: ecco tutto. Egli porterà il pentolino alla fedele domestica e questa, in pochi minuti, glielo farà tornare lindo e lucente come prima. — State calmi — dice agli allievi — tomo presto. — E si dirige verso il suo appartamento sito a breve distanza. Ma i ragazzi possono star quieti come lui vorrebbe? Allontanatosi pure il Commendatore che, con la sua presenza, continuava a tenerli a freno, si scate­ nano e — apriti, cielo! — si rincorrono attorno al tavolo, attorno al bancone, escono dalla Farmacia, rientrando, finché uno di loro non posa gli occhi sopra una bottiglia Che porta scritto « sciroppo ». — Questo sciroppo dev’essere buono — dice — Proviamo ad assaggiarlo? — — Proviamo! — rispondono gli altri e, con pic­ coli strilli frenetici contendendosi la bottiglia, pro­ cedono uno dopo l’altro all’assaggio. — Com’è dolce!... Com’è squisito!... — e giù uno, due, tre sorsi sì che il livello dello sciroppo rapida­ mente discende. Quando il Farmacista ritorna la bottiglia è già vuota. Qualche goccia è caduta sul pavimento ma i ra­ gazzi non se ne sono accorti. Se ne accorge il Far­ macista il quale subito chiede: — Chi ha fatto cadere queste gocce? — Silenzio. Egli dà uno sguardo attorno, esamina gli scaffali e, abituato com’è a tenere sott’occhio le varie medi­ cine, nota la bottìglia vuota. — Qualcuno ha preso o ha bevuto lo sciroppo: chi è stato? — Poiché nessuno risponde, il Farmacista incalza: — No? Non volete parlare? Peggio per voi!... — Attende qualche istante; poi aggiunge: — Sappiate che quello non era uno sciroppo sem­ plice: conteneva una sostanza velenosissima Se, a berlo, è stato qualcuno di voi, questo qualcuno lo lascerò crepare senza pietà! — E giù un pugno sul tavolo. Il Farmacista non é solito battere pugni sul ta­ volo e ciò non perchè nei momenti difficili non senta il bisogno di sottolineare in tal modo i sentimenti che gli bollono dentro, bensì per il motivo semplicissimo che seduto dietro il tavolo ci sta ben poco. Potrebbe, semmai, battere pugni sul marmo del bancone dietro il quale svolge la massima parte

della sua attività, ma quale effetto avrebbero quei pugni oltre quello molto probabile di slogargli il polso o di fratturargli qualche osso metacarpale? Niente, dunque, pugni sul marmo. Sul tavolo, invece, è un’altra cosa: non si corrono rischi notevoli e l’effetto può risultare sorprendente. Ogni pugno può avere infatti la violenza del tuono e, come il tuono, annunciare tempesta. Si può allora non averne paura? E paura, tanta paura hanno avuto poc’anzi i ra­ gazzi: la paura di morire davvero — e senza alcun soccorso — a <?ausa del veleno ingerito. Il Farmacista si è reso conto di avere centrato il bersaglio e ora attende che la pera gli caschi tra i piedi. — Riprendiamo l’interrogazione — dice; e formula senz'altro una domanda: — Quali sono gli affluenti di sinistra del Po? — Ma i ragazzi vagano con la mente lontano... Poi uno rompe improvvisamente in singhiozzi: — Io non voglio morire!... Non voglio morire!... — — Non vuoi morire? — dice il Farmacista. — Al­ lora sei stato tu a bere lo sciroppo!... — —Tutti siamo stati! — dichiara un altro, preoccu­ pato di restare escluso dai rimedi occorrenti. E il Farmacista: — BraviL. Bravi davvero!... Pochi minuti mi sono allontanato: e ne avete combinato una grossissima!... Ma questa volta la punizione ve la siete data voi stessi e neppure il Padreterno ve la toglierà! Via!... Andate aH’Inferno!... Prendete libri e quaderni: non voglio vedervi!... — I ragazzi raccolgono, singhiozzando, le loro cose e fanno per andarsene; ma quando sono sulla soglia il Farmacista li ammonisce: — Domani tornerete accompagnati dai vostri ge­ nitori! Tornare domani? I ragazzi non ci capiscono più. Ma allora non è vero che sono vicini alla morte!... Non è vero che lo sciroppo conteneva un veleno!... La paura si dissolve all’istante: e corrono nel sole, senza meta. (continua) Essendo la narrazione fantastica, qualunque rife­ rimento a fatti e personaggi della vita reale è da con­ siderare puramente causale.

GIUSEPPE BlISCEMI CONCESSIONARIO

Sole omogeneizzato sterilizzato

LATTE intero semiscremato scremato

SERVIZIO A DOMICILIO Acqua minerale

P o n ili 0

ARANCIATA ARANCIATA AMARA CHINOTTO LIMONATA BITTER

Via Roma, 19 - Tel. 41113 92017 Sambuca di Sicilia (AG)

GIUSEPPE TRESCA ABBIGLIAMENTI - CALZATURE Esclusiva confezione FACIS Calzature Varese Via Bonadies, 6 - Tel. 42 - Sambuca


Pag. 4 Riportiamo di seguito l'intervista rilasciata al nostro Mensile dal Se­ gretario della locale Democrazia Cri­ stiana, rag. Enzo La Marca. Dovendo intervistare un uomo del­ la DC, la scelta presenta una cer­ ta difficoltà per le contraddittorie­ tà che talvolta presenta questo Par­ tito. Abbiamo creduto quindi oppor­ tuno incontrarci con il segretario politico che rappresenta questo di­ scusso Partito, e che per la contem­ poranea carica di Consigliere co­ munale è a conoscenza anche dei principali problemi amministrativi della nostra comunità.

LA VOCE DI SAMBUCA

PRESA

Settembre 1973

D IR E T T A

intervista al Segretario della Democrazia Cristiana, Rag. Enzo La Marca

La D.C.: sua attuale linea politica

D. Da più parti, l’attuale Segrete­ ria, per il modo in cui è stata for­ mata, per la sua rinuncia a rinnovar­ si e a confrontarsi con la base del partito, viene definita una « gestione commissariale ». Da che cosa pensa che nasca quest’appellativo? Lo condivide o non lo ritiene veritiero? R In politica non si può tenere con­ to delle illazioni e delle polemiche sen­ za alcun fondamento, ma dei fatti. E questi dimostrano che forse per la prima volta nella stori.della D.C. sambucese fanno parte dell’attuale Segre teria tutte le componenti più signifi­ cative del partito, le quali con impe­ gno unitario contribuiscono nella sua gestione. Che la base degli iscritti ab­ bia accettato tale gestione è stato di­ mostrato in modo plebiscitario in oc­ casione dell’ultimo congresso locale, se si considera l’altissima percentuale di coloro che spontaneamente si sono re­ cati nei locali della sezione per mani­ festare col volto il proprio contributo alla dialettica interna del partito. Quando mai si è verificato una par­ tecipazione di base così attiva e re­ sponsabile nella D.C. sambucese? D. Nonostante questa sorprendente partecipazione al Congresso, sembra però che la D.C. sambucese non faccia una vita politica intensa, capace di sfociare quindi in una chiara program inazione e in una definita posizionp di fronte all'amministrazione Comu­ nale. R. La linea della D.C., data la sua consistenza numerica, nell’ambito del Consiglio Comunale non può essere che di opposizione. Opposizione che tutta­ via non è stata mai demagogica, re­ trograda, ma responsabile e fattiva. La D.C. non ha mai negato il suo contributo sul piano amministrativo per la soluzione dei più gravi pro­ blemi della nostra cittadina. Non si dimentichi che in varie oc­ casioni gli esponenti politici della D.C. hanno ottenuto esclusivamente per il proprio fattivo intervento, finanziamen­ ti di lavori approvazione di determi­ nate delibere da parte della CJP.C. ed altro. Ghecchè si dica quasi tutte le realiz­ zazioni che si sono avute a Sambuca sono frutto della volontà e dell’appor­ to politico della D.C. D. Quest’affermazione mi sorprende e credo sorprenderà la maggior par­ te dei nostri lettori! A quale tipo di « nuova strategia politica » si riferisce l'azione del vostro partito? Nascon­ dersi dietro le quinte o pudore delle proprie realizzazioni? In definitiva ta­ le politica, se veritiera, non vi danneg­ gia? R. Certamente si sono commessi de­ gli errori - se cosi si possono definire - forse si è trattato cU una certa in­ genuità, nel senso che nella valuta­ zione della propria lealtà politica si è esteso questo metro ai dirigenti del P.C.I. che detengono la maggioranza. Chiarisco meglio-, si è lasciato cor­ rere permettendo ai dirigenti del P.C.I. di strumentalizzare slealmente la stra­ grande maggioranza dei lavoratori fa. cendo passare come propri meriti tut­ to ciò che la D.C. ha realizzato a Sam­ buca. In parole povere si è lasciato che la popolazione sambucese sia stata in­ formata demagogicamente e slealmen­ te. Perciò l'attuale gestione unitaria della D.C., nell’interesse della colletti­ vità, non potrà più consentire che la popolazione venga informata a senso unico che venga strumentalizzata de­ magogicamente. Non si consentirà più che l’apporto fattivo e determinante in senso am mintiatrativo del nostro Partito venga stornato a beneficio di quanti vogliono colare la realtà delle cose. D. Pur non entrando nel giudizio delle sue affermazioni, il cui compito

Sarviz/o di ENZO RANDAZZO lasciamo ai lettori del nostro giorna­ le, le vorrei fare notare che la D.C. sambucese viene accusata di essere un partito * in sonno perpetuo », che fa sentire la sua voce solo al momento delle consultazioni elettorali. Cosa ci dice a riguardo? R. La D.C. a Sambuca è presente sempre in ogni occasione, con i fatti e non con la coreagrafia ormai supe­ rata di un attivismo esasperato e fa­ natico che allontana e nausea il libe­ ro cittadino. Il nostro partito, per la sua costituzione veramente democra­ tica non ha bisogno di una burocra­ zia dirigenziale, che vive quasi esclu­ sivamente di politica, nè teme di per­ dere il proprio elettorato. Per questo considera superflui' e mortificanti del­ la libertà di pensiero le continue riu­ nioni di partito e gli indottrinamenti di sezione che tendono a coartare la li­ bera scelta politica dell'individuo. D. Lasciamo ancora una volta i no­ stri lettori liberi di trarre le conclu­ sioni dal suo discorso e passiamo ad un altro argomento. L’alleanza P.C.I. - P.S.I., vi ha esclu­ si dalla vita politica sambucese; nelle risposte precedenti ha affrontato il pro­ blema dei rapporti del suo partito con il P.C.I.; cosa pensa dell’attuale linea politica del P.S.I.? R. Il P.S.I. ha tutto da perdere nell’accettare l’abbraccio « fraterno », ma stritolante del P.C.I. Anzitutto ha di­ sorientato i suoi elettori, entrando a far parte della Giunta amministrati­ va. Infatti dopo una brillante affer­ mazione nell’ultima competizione am­ ministrativa, frutto di una chiara im­ postazione della campagna elettorale che è stata condivisa dalla maggio­ ranza dei suoi iscritti, ha visto sce­ mare i suoi voti da 750 circa (elezio­ ni ‘amministrative) ad appena 300, 350 circa nelle ultime lezioni politiche. Ora la causa di tali sbalzi non è da ricercarsi sempre nella infelice scelta del PSI di far parte della giunta as­ sieme ai comunisti? Cosa è servita ob­ biettivamente tale operazione? Ad ot­ tenere qualche posto in banca o al municipio o scegliere dei progettisti « di proprio gradimento ». Tranne questi vantaggi che sono an­ dati a beneficio di una sparuta mino ranza credo che il partito nella sua totalità non ci abbia guadagnato. Nè si può dire che la sua presenza nella giunta abbia contribuito in mo­ do determinante come era forse, nel­ le aspettative dei comunisti, nello af­ frontare risolvere i> più gravi ed ur­ genti problemi della nostra cittadina. Eppure in tal senso il PSI avrebbe potuto destreggiarsi bene in quanto, tranne la breve pausa della Ammini­ strazione Andreotti, ha fatto e fa par­ te della coalizione di governo ed è rap­ presentato nella nostra provincia da uomini che in tale coalizione rivesto­ no incarichi di primo piano. In parole povere questo matrimo­ nio PCI - PSI celebrato allo indomani delle elezioni amministrative nel nome di un marxismo di comodo, ha parto­ rito il famoso topolino della monta­ gna: cioè qualche posticino e qualche scelta di gradimento. Per uscire da tale infelice unione che si sta rive­ lando un fallimento per tutti, con gra­ ve pregiudizio della cittadinanza non rimarrebbe a tale partito che una so­ la prospettiva: uscire dalla giunta, le­ vitando così o di farsi defenestrare dai comunisti o di vedersi accollare delle responsabilità e degli errori che sono esclusivamente del PCI. D. Ma quale spazio politico si of­ frirebbe ad un P.S.I., fuori dalla Giunta? R. In tale posizione avrebbe tutte le carte in regola per presentarsi, assie­ me alla D.C., come vàlido e determi­ nanti alternative allo strapotere dei diligenti locali del P.C.I.. Inoltre si impone all’interno di tale partito una

chiarificazione per operare delle scel­ Persiste tuttavia, a nostro giudizio, una certa differenza tra i proponimen­ te tali da impedire la sua polveriz­ ti e le idee del giovane segretario; e zazione a totale vantaggio dei comu­ la reale linea di azione che la DC enisti. splica nella vita politica quotidiana. D. Lei suggerirebbe al P.S.I. ima po­ Questi «inceppi», queste incongruen­ sizione simile a quella tenuta dal vo­ ze tra teoria e pratica, trovano forse stro partito, se ho ben capito. la loro spiegazione nel persistere di Tralasciando 1 problemi di fondo, in una certa mentalità «baronale» _• in concreto, quale è stata l’attività del vecchi esponenti della D.C.? gruppo consiliare D.C.? Certe titubanze del ragioniere La R. Più volte nel corso dei Consigli Marca nel rispondere alle domande, Comunali noi abbiamo fatto rileva­ certe « giri lunghi e diplomatici » si re la necessità di istituire dei corsi spiegano forse con una certa « pruden­ professionali per innestatori allo sco­ za » nei confronti della « vecchia guar­ po di rendere autonomi i nostri vitidia » che ha condotto, diversamente cultori, che molto spesso sono costret­ dagli attuali orientamenti, la politica ti a ricorrere a mano d’opera spe­ del partito? Indubbiamente la linea cializzata di altri Comuni; abbiamo della rinunzia ai compromessi, dell’­ proposto di studiare la possibilità di apertura del dialogo con le masse po­ laghetti a monte del territorio di Sam­ polari e con le altre forze autentiche buca per irrigare i nostri terreni e con­ democratiche è di buon auspicio per sentire la coltura degli ortofrutticoli, un futuro rinnovamento del Partito e D. Qual’è stato l’atteggiamento del­ per una vivacizzazione della vita po­ la Giunta davanti alle vostre proposte. litica e amministrativa sambucese. R. La Giunta ha ignorato questi ed Speriamo che non si tratti di ca­ altri nostri suggerimenti. Nulla è sta­ stelli di sabbia. to fatto per valorizzare turisticamen­ te Sambuca. Nè si è pensato a informare la cit­ tadinanza sul grave pericolo che in­ combe sulle risorse idriche del nostro Comune. In tal senso già da tempo sarebbe stato opportuno interessare le Confederazioni sindacali, le Organiz­ zazioni di categoria, per sollecitare an­ che con agitazioni al problema del sollevamento delle acque del Carboi e della captazione delle sorgenti di Vanera. Castagnola, del Senore e Scaricagiache. Anche il problema urba­ nistico acquista una particolare rile­ vanza. Non basta limitarsi a mettere in guardia i cittadini per indurli a non acquistare dei terreni su cui non si può edificare. II problema va impostato diversa­ mente. Si deve studiare assieme a tut­ ta la cittadinanza il modo di bloccare l’attuale crisi edilizia che impedisce ai privati di poter disporre di un’area edificabilc. I privati sono nostri lavoratori, e migrati, che da anni accarezzano il sogno di una propria casetta e non san­ no dove costruirla perchè nel piano Come si rispettano i programmi Comprensoriale non sono previsti del­ elettorali le aree da assegnare ai singoli ed al­ le Cooperative. In tal senso bisogna Copiamo integralmente dal punto invitare gli organi politici e i Tecni­ 4) del programma letterale presentato ci responsabili di tal caos a parteci­ dalla Sinistra Unita (P.C.I. - P.S.I.U.P.) pare ad assemblee popolari affinchè di Sambuca di Sicilia alle elezioni am­ apportino, nel modo più attinente alle ministrative del 7-6-1970: esigenze della collettività le opportune modifiche a quei piani e a quei pro­ «ACQUA ED ELETTRIFICAZIONE» getti concepiti solamente a tavolino. D. In merito a tali problemi quali ia) Captazione delle acque della niziative ha preso la Giunta Comunale? sorgente San Giovanni in modo da sod­ disfare le esigenze del centro abitato; R. Per molti aspetti si è limitata ad b) utilizzazione delle acque delle una ordinaria amministrazione e quan­ do si è riunita d’urgenza, com’è avvenu­ sorgenti Vanera e Castagnola per ri­ to, recentemente, ha affrontato proble­ solvere il problema idrico di Adragna; mi di ordine intemazionale (Cile), che c) ecc. ecc. » pur essendo condiviso sotto una diversa Ecco come viene realizzato tale pro­ valutazione dal mio partito si sono ri­ gramma: le acque della sorgente San velati parziali nel quadro di quanto Giovanni, in base a dei lavori in corso, succede in altre nazioni (U.R.S.S.), e saranno convogliate verso il territorio lontani e comunque di secondo piano di Menfì e Sciacca. rispetto ai problemi non affrontati o Le sorgenti di Vanera e Castagnola ancora insoluti della nostra cittadi­ saranno certamente quanto prima in­ nanza. corporate daH’E.AJS, Con quest’ultima risposta di carat­ Ai sambucesi resteranno... gli occhi tere critico, concludiamo la nostra in­ per piangere. tervista con il Segretario della D.C.. In sintesi, abbiamo ricevuto l'im­ pressione di una certa vitalità e di una certa volontà di coerenza in questa LEGGETE gestione della D.C., specie se confron­ tata con altre gestioni; passate, frut­ to indubbiamente della presenza di E DIFFONDETE molti giovani in seno a questo par­ tito (fatto scandalosamente nuovo!) e di un certo rinnovamento della sua « LA VOCE stessa base, che si ò aperto anche (fi­ nalmente!) alle classi sociali più di­ sparate. DI SAMBUCA »

/L a

lancia

dell’emiro


Settembre 1973

LA VOCE DI SAMBUCA

Pag. 5

P R O B LE M I E B A T T A G L IE

^ALLE DEL BELICE: 10 leggi, due pek ogni anno trascorso dal terremoto ad oggi La ValLe del Belice a più di cinque anni dal terremoto continua ad atten­ dere la ricostruzione: quella materiale delle case, ma soprattutto quella socia­ le ed economica che permetta, tra l’al­ tro, a chi non ha lavoro di trovarlo senza bisogno di emigrare, ma soprat­ tutto a chi lo ha di non perderlo. Qual’è la situazione attuale della popolazione della Valle? E’ la situazio­ ne disperata di chi vive nelle baracche, senza prospettive di case e di lavoro. Le baracche che dovevano servire per qualche anno chissà per quanto tempo ancora dovranno servire. Il ministro Mancini il 20-1-1668 dichiarò: « ogni complesso di baracche disporrà di tutti i servizi necessari... il materiale che serve alla costruzione può essere ga­ rantito per un anno, dopo di che po­ trebbe cominciare a sfaldarsi». Ed in effetti le baracche oggi sono fradicie e ciò nonostante la gente vi' abita. Le case perchè non sono sorte anco­ ra? Lo Stato forse non ha emanato in tempo le leggi? Certo che le ha ema­

nato, ma esse forse hanno fatto la fi­ ne delle « gride », di manzoniana me­ moria, che tutti conoscevano ma che nessuno aveva la volontà politica di far rispettare. Dal gennaio 1968: 7 leggi nazionali e 3 regionali; io in tutto. E’ il caso di pensare che ad ogni anniversario di terremoto, Stato e Regione, non poten­ do dare le case, danno in media due leggi, non manifestando però alcuna volontà politica di realizzarle, tanto che si è parlato di « Stato fuorilegge ». Le prime due leggi (18-3-1968 n. 182 e 18-3-1968 n. 240, frutto di conversione in leggi di precedenti decreti-legge) prevedano 29 miliardi per assistenza, agricoltura, artigianato, lavori pubbli­ ci. sanità. Somma da spendere nel 1968. La ter­ za legge (18-3-1968 n. 241) fu votata quando 1.500 terremotati piantarono le tende a Montecitorio e parla della ricostruzione da finire entro il 1971 e del­ la rinascita socioeconomica per mezzo dell’intervento statale con l’approvazio-

ne del piano CIPE (cosidetto «pacchet­ to») entro il dicembre 1968. Prevede­ va la spesa di 379.735 milioni. La quarta legge nazionale (29-7-1968 n. 858) prevede 26 miliardi per il pron­ to soccorso, le baracche e l’assistenza. La quinta legge nazionale (5-2-1970 n. 21), votata dal Parlamento in seguito alle lotte popolari del novembre 1969 fino al gennaio 1970, prevede 38 miliar­ di per la manutenzione delle baracche, nuove baracche (le case cominciano a diventare un miraggio!), case popolari (però ai quattro mandamenti di Paler­ mo); contributi artigiani e commercian­ ti; 18 miliardi per opere marittime e svluppo agricolo. Lascia invariata la somma per la ricostruzione dei paesi (162 miliardi e mezzo) e proroga il ter­ mine di attuazione dal 1971 al 1973. La sesta e settima legge nazionale (30-7-71 n. 491 e 15-4-1973 n. 94) stanziano altrf miliardi per la ricostruzione (150), esentano i terremotati dal pagamento delle tasse fino al 1974, ma la spesa per la ricostruzione è diluita in 10 an­ ni I E’ ancora duro e lungo il cammino per la ricostruzione della Valle del Belicel Le leggi regionali (3-2-1968 n. 1-, 18-7 1968 n. 20 e 3-3-1972 n. 6) prevedono 9 miliardi e mezzo di pronto soccorso in assistenza agricoltura, lavori pubblici, Il g ru p p o c o n s ilia re della D e m o cra zia C ris tia n a sanità ed occupezione; la presentazio­ ne di piani di intervento coordinato ESA, EMS, ESPI; la redazione di piani confronti della Giunta amministrativa RILEVATO che lo sfruttamento delle comprensoriali per il riassetto delle zo­ che si riunisce di urgenza per gli av­ acque della sorgente S. Giovanni che ne colpite dal terremoto e la costitu­ venimenti internazionali, perdendo co­ saranno convogliate verso il territorio zione in consorzi dei comuni; incarica sì di vista i gravi problemi della cit­ del Comune di Menfi comporta un gra­ TESA di predisporre entro 90 giorni tadinanza sambucese che per motivi ve stato di disaggio economico ai pic­ piani zonali di sviluppo agricolo. demagogici vengono posti in secondo coli proprietari, agli ortofrutticultori e L’ultima regionale principalmente di piano. a quanti operano nella zona; assistenza per fare dimenticare la riCHIEDE la convocazione immedia­ RITENUTO che anche le sorgenti di costruzione delle case e soprattutto ta del Consiglio Comunale per affron­ Vanera e Castagnola a monte di Sam­ quella economica e industriale. tare con la dovuta responsabilità la buca corrono gli stessi rischi, in quan­ Delle leggi sopra menzionate cosa soluzione del grave problema idrico e to la prima verrà incorporata dalla è stato realizzato alla data di oggi? chiarire alla cittadinanza tutta i veri E.A.S., mentre per lo sfruttamento del. Poco o quasi niente. motivi che hanno determinato un cosi le acque della seconda a favore del Stato e Regione a tutt’oggi si sono prolungato silenzio sul delicato e vi­ Comune di Sambuca, esiste in atto, una limitati a redigere piani urbanistici e tale argomento; sollecitare il progetto opposizione da parte del Consorzio del­ a promettere « pacchetti » economici, di sollevamento delle acque del Carboj; lo Alto e Medio Belice con la conse­ che, in base alle ultime dichiarazioni e stabilire in fine ove occorra una stra. guenza che Sambuca, e tutte le cam­ del Ministro della Cassa per il Mez­ tegia di lotta con la partecipazione pagne del suo territorio resteranno prl. zogiorno Donat Cattin, si sono mostrati delle organizzazioni Sindacali, dei la­ ve di acqua; vuoti e in sostanza i terremotati della voratori e della cittadinanza tutta. SOTTOPONE ALL’ATTENZIONE DEL Valle del Belice più che il «pacchet­ In relazione ai recenti fatti interna­ LA CITTADINANZA TUTTA che Sam­ to » hanno avuto fatto « il pacco », cioè zionali, esprime la propria solidarietà buca pur avendo un patrimonio id­ sono stati presi in giro. verso il Popolo Cileno; si associa alla Che cosa prevedeva il cosidetto rico naturale di notevole portata, rischia «pacchetto» CIPE, di cui all’art. 59 coraggiosa ed autentica resistenza dei di rimanerne priva con grave pericolo della Legge 18-3-1968 n. 241? Preve­ dissidenti Sovietici (Solgenitsin, Sakaaper la sua economia e fa notare che deva una serie di provvedimenti de­ per gli eccessivi ed incomprensibili ri­ rov ed altri) che, interpretando la tra­ stinati a favorire la rinascita econo­ tardi con cui vengono convocati i con­ gedia del popolo russo oppresso da un mica e sociale dei comuni terremo­ sigli comunali da parte della maggio­ regime totalitario, si battono per il tati. Infatti nel Belice non si pone sol­ ranza frontista, questo problema di rispetto della libertà e per la salvar tanto il problema della casa, ma an­ grandissimo interesse non è stato af­ guardia dei più elementari diritti del che quello del lavoro, se si vuole evi­ frontato nè trattato con la dovuta at­ l'uomo. Ricorda infine con costerna­ tare che i paesi ricostruiti diventino tenzione e responsabilità pur essendo­ zione le carneficine operate nella Un­ mucchi di case senza abitanti. Asse­ ne la Giunta amministrativa a cono­ gheria, Vietnam, Polonia e nella infe­ gnare una casa senza garantire lo svi­ scenza da diverso tempo. lice e tormentata Cecoslovacchia. luppo economico significa condannare ESPRIME IL PROPRIO DISSENZO nei IL GRUPPO CONSILIARE DELLA D.C. la popolazione del Belice alla emigrazio­ ne La costruzione delle industrie, del­ le dighe,, delle strade, delle scuole e degli ospedali dovrebbe procedere di pari passo con la ricostruzione delle case. E invece tutto ristagna. Per accelerare la ricostruzione delle case, dovevano sorgere nella Valle del SOLIDARIETÀ’ COLERA Belice le industrie del cementificio e tondino di ferro. Queste due indu­ Gli ultimi e drammatici avvenimen­ I sindaci dei comuni di Montevago, del strie, che dovevano essere realizzate ti cileni hanno destato nella nostra S. Margherita. Menfi è Sambuca han­ daU’ESPI, sono state al centro di po­ democrazia cittadina sdegno e coster­ no tenuto un vertice a Sambuca per lemiche infuocate nei mesi scorsi nazione. L'amministrazione comunale sottolineare le gravi condizioni igieni­ (principalmente tra repubblicani e co­ interprete dei sentimenti di tutti i cit­ che in cui sono costretti a vivere le munisti), legate ai (tosti di realizzazio­ tadini ha voluto esprimere la sua popolazioni della Valle del Belice che ne degli impianti ed all’economiciità solidarietà alla lotta del popolo cileno. ancora a 5 anni dal sisma sono siste­ dell’investimento. Realizzando il ce­ In un manifesto fatto affiggere dalla mate in baraccopoli. mentificio nel Belice, si sarebbe spez­ giunta comunale si legge: fra l’altro: In particolare è stato sottoposto al­ zato u/i monopolio privato, si sarebbe­ l’amministrazione comunale condan­ l'attenzione del medico provinciale lo ro creati nuovi posti di lavoro e so­ na il colpo di stato reazionario di tipo invio del vaccino anti-colerico ed è sta­ prattutto si sarebbe accelerata la rifascista messo in atto per fermare il to chiesto un incontro con l'assessore costruzione, in quanto alcuni cantieri, popolo cileno verso l'importante tra­ regionale dèlia Sanità on. Mazzaglia in questi ultimi mesi, per mancanza guardo di progresso civile e sociale. di cemento, hanno dovuto sospendere INCENDIO Esprime il suo omaggio alla memoria i lavori, licenziando molti operai del compagno Salvador Allende presi­ Se inesistente è la costruzione delle dente della Repubblica del Cile martire Un incendio di vasta proporzione ha industrie, scoraggiante è la situazione della libertà, della democrazia e del interessato 33 ha di terreno adibito a sullo sviluppo agricolo. Nella Valle socialismo ». pineta per rimboschimento nella zona del Belice era prevista la costruzione Anche al festil deirUNITA’ in aper­ del lago Carboj. di 3 dighe, di 90 laghetti collinari e tura è stato letto un contro-canale di Violente raffiche di vento hanno fa­ il sollevamento delle acque del Lago informazione dedicato al Cile. Una ti­ vorito il diffondersi deU’incendlo. La Carboi, per irrigare una parte cospi­ mida condanna al golpe fascista è ve­ zona particolarmente aspra e monta­ cua dei terreni di Sambuca di Sicilia nuta anche dalla locale sezione della gnosa ha ostacolato 11 lavoro del vigili e S. Margherita Belice. D.C. in un documento diffuso alla stam del fuoco e delle guardie forestali inter­ Di tutte queste opere nessuna anco­ Pa. venuti. ra è stata realizzata. La diga che più

Un proclama Dm C.

Fatti e parole

ha impegnato nella lotta la popolazio­ ne del Belice è la diga Bruca - Garcia sul Belice sinistro. Sembra che il progetto di massima sia stato approvato, ma gli appalti de­ vono essere ancora dati da parte del­ la Cassa per il Mezzogiorno. Si consideri che il consorzio di bo­ nifica alto e medio Belice, col program­ ma di costruire la diga, si è costitui­ to nel 1929 e che ancora la diga deve essere appaltata! « L’acqua per il Sud è vita » scrisse nel novembre 1963 l’allora Presidente della Repubblica Saragat agli abitanti di Roccamena, quando in massa han­ no digiunato e marciato per la diga del Belice. Da allora si sono avute solo promesse non mantenute. E’ arri­ vato il terremoto. Sono state fatte leg­ gi, stanziate somme, ma tutto è rima­ sto sulla carta. La mancata realizza­ zione della diga significa buttare a mare 17 miliardi l’anno, impedire che 170.000 persone circa passino da un li­ vello di vita subumano a un livello umano di lavoro e di prospettiva, si­ gnifica aver reso insopportabile la vita a 20.000 famiglie circa spezzate dalla emigrazione. L’altra diga di cui si è parlato tan­ to ma di cui non esiste nemmeno il progetto è quella di Piano di Campo sul Belice destro: per questa diga tutto è in « alto mare » (compresa l’acqua). Della terza diga (Cicio sul fiume Modione) sembra che l’ESA non voglia più parlarne, assieme ai 90 laghetti collinari, di cui non esiste un solo pro­ getto esecutivo. Per quanto riguarda il sollevamento delle acque de lago Carboi, recente­ mente TESA ha modificato il program­ ma di tale intervento, definito ormai da cinque anni. II Consiglio di Amministrazione dell'Ente infatti, con una decisione abba­ stanza discutibile, ha stornato la som­ ma di l miliardo e mezzo prevista per il predetto sollevamento, per finanzia­ re le opere di reperimento delle acque dei torrenti Landori e Caricagiache, che serviranno soltanto ad alimenta­ re ulteriormente 11 bacino Carboi, men­ tre i terreni di Sambuca di Sicilia e S. Margherita resteranno... all’asciutto. L’irrigazione nel Belice significa svi­ luppo agricolo e benessere. Dighe e laghetti potrebbero assicu­ rare una superficie irrigua di 27.000 ettari e quindi 9.000 posti di lavoro permanente con un incremento annuo di 16 mila milioni e col ritorno di 30.000 emigrati circa che troverebbero occu pazione permanente nella loro terra. Assiemo alle dighe l’ESA aveva in' programma dall’ottobre 1968 di spen­ dere 8.885 milioni per 110 chilometri di strade. Niente è stato messo in opera sal­ vo piccoli tratti con cantieri comunali. Per la difesa del suolo sono inoltre necessari i rimboschimenti. Essi hanno vitale, importanza per gli invasi ed es­ sendo a lento sviluppo occorre rim­ boschire almeno 5 anni prima del riem­ pimento dell’invaso. 28.000 ettari rimboschiti uguali ad una spesa di 28 miliardi uguali a 3.000 posti di lavoro per 3 anni con la possi­ bilità di creare industrie del legname. Il rimboschimento arresterebbe la deva­ stazione del suolo, farebbe resistere una serie di corsi d'acqua e sorgenti nei periodi estivi e innalzerebbe la fal­ da freatica. Le industrie agrarie sono particolar­ mente possibili nella Valle del Belice. Secondo il piano ESA di pronto inter­ vento 5.400 milioni devono essere in­ vestiti in iniziative agricole-industriali (oleifici sociali .cantine, centrali per la raccolta del latte, magazzini per le mandorle e le olive, centrale ortofrut­ ticola a Menfi con una capacità ricet­ tiva di 550.000 quintali di prodotti). A tutt’oggi nessuna opera è stata av­ viata. Ricostruzione e sviluppo economico sono i poli attorno a cui deve rina­ scere la Valle del Belice. In questo periodo della ricostruzione delle case bisogna approntare le con­ dizioni di sviluppo economico neces­ sarie a garantire fa sopravvivenza della Valle del Belice. N ì.


Pag. 6

LA VOCE DI SAMBUCA

Settembre 1973

AGRICOLTURA

Il mezzo aereo nella dilesa delle piante arboree Oggi ala luce di molte esperienze condotte sia in Italia che allTLstero, possiamo dire che il mezzo aereo, ma soprattutto quello ad ala rotante, cioè l’elicottero, può assolvere la sua utile funzione su alcune colture e contro alcune malattie e infestazioni. Esaminiamo qui di seguito, molto brevemente, le possibilità di pratica at-

tuazione di trattamenti aerei su alcu­ ne delle principali colture.

potrebbe trovare un valido impiego nella difesa fitesanitaria di questa col­ tura. Tale impiego, però non può es­ ULIVO sere generalizzato contro tutte le av­ versità parassitarle, ma limitate ad al­ Il mezzo aereo, e iintendiamo rife­ cune infezioni ed infestazioni, che pe­ raltro, sono tra le più preoccupanti ai rirci al velivolo ad ala rotante (elicot­ tero) meglio rispondente alla distribu. fini della salvaguardia, delle piante e zione e disposizione dei nostri oliveti, della produzione. Mosca delle olive Come è noto rappresenta la maggiore infestazione che si verifichi sull'olivo in Sicilia, con una perdita quantitativa che può ar­ rivare in certe zone al 100% e che mediamente si traduce per la economia isolana in oltre dieci miliardi di lire all’anno e con un deprezzamento quan­ di mosto e di vino, e le offerte dei com­ titativo notevole dell’olio la cui carat­ pratori sono limitate e su prezzi piut­ teristiche organolettiche vengono alte­ tosto bassi. Ciò è da attribuirsi a ma­ rate e la serbevolezza fortemente ri­ novre speculative di grossi commer­ dotta. cianti e industriali del Nord. E’ evidente che in simili condizioni In base a tale ristagno del mercato, si è costretti ad intervenire con risolu­ si dice che le banche abbiano delle per­ tezza, come del resto fanno già gli plessità ad anticipare le somme neces­ agricoltori sarie per assicurare ai soci delle can­ La distribuzione da terra, peroò, com­ tine il prezzo di 9.000 lire al quin­ porta notevoli rischi per gli operatori, tale e si rifanno, per motivare le loro e data l’atezza che spesso raggiungono perplessità, alla legge da poco appro­ le piante, non sempre vien fatta con vata dall’Assemblea Regionale che con­ la necessaria omogenoità. Inoltre, an­ cede alle cantine sociali una fide jusche ad avere a disposizione tatta la sione che permette di anticipare ai manodopera occorrente, non è possi­ soci almeno 7 mila 650 lire al quin­ bile intervenire con tempestività. tale. I mézzi aerei (elicotteri) consentono I rimedi per tamponare tale situa­ interventi anche in zone inacessibili, zione devono essere tali da non sco­ una uniformità di distribuzione e una raggiare il viticultore. tempestività in relazione al momento Anzitutto le cantine sociali devono più idoneo per ottenere i migliori ri­ ad ogni costo msmtenere il livello del­ sultati. l’anticipazione premesso. I produttori Occhio di pavone - Il mezzo aereo di uva hanno già affrontato gravi pro­ può essere adoperato e non rappresen­ blemi come l’alto costo della mano­ ta particolari problemi, nè del punto dopera per raccogliere l’uva (si è par­ di vista tecnico, nè da quello dei ri­ lato persino di 8.000 lire al giorno per flessi sull’ambiente. operaio), l’alto costo dei carburanti, Tignole dell'olivo - L’elicottero po­ dei fertilizzanti, dei pali, del filo zin­ trebbe trovare impiego nella distribu­ cato e dei trasporti. zione di insetticidi biotici, a base di spore di Bacillus thuringiensia, che Scoraggiarli ulteriormente col dimi­ non provocano danno alla fauna utile nuire il prezzo dell’anticipazione pro­ esistente. messa significa infliggere un grave colpo al settore della viticultura che AGRUMI sta sollevando l'economia delle nostre zone. Mosca della frutta o Ceratite - Que­ Altri rimedi possono essere la lotta sta mosca, come è noto, provoca la ca­ alla sofisticazione e la capacità, da duta precoce delle arance e la marparte delle cantine, di saper collocare cescenza dei manderini. L'elicottero il vino all’estero, senza ricorrere a in­ può essere efficacemente utilizzato con­ termediari inutili quanto dannosi come tro questo insetto, allo stadio di adulto, i commercianti e 1 grossisti del Nord. per la distribuzione di proteine idro­ lizzate, opportunamente dosate e pre­ NICOLA LOMBARDO

L’ andamento della vendemmia Quest’anno la vendemmia si sta ri­ velando ottima e si prevede, in Sicilia, un sensibile incremento di produzio­ ne. Altrettanto buone sono le notizie sulla qualità dell'uva, con gradazioni zuccherine mediamente superiori. Nel territorio di Sambuca si sono avute medie di 19 gradi (Babo), con punte di 22 e anche 24 gradi. Nelle zone di nuove impianto c’è sta­ to un certo «alt» all’entusiasmo per il tendone, mentre si sono ampiamente sviluppati impianti a spalliera In campo varietale, continua la mar­ cia del «Trebbiano», che ottiene con­ sensi per la sua elevata produttività, mentre un certo inserimento di uve ne­ re, come il « nerello mascalese », il «barbera», il «sangiovese» il «perricone», il «mendolia» e il «nero d’Avola» costituisce un lieve ma non trascura­ bile sintomo di modernità intrapresa dalla viticoltura sambucese. L’inzio della vendemmia è stato con­ traddistinto da un certo ottimismo per merito del prezzo che anticipano le cantine(. Queste, come si sa, si sono impegna­ te a pagare l’uva conferita a 9 mila lire il quintale (base 20 gradi Babo), somma questa a cui va ad aggiunger­ si il premio regionale di 700 lire, la Cantina sociale di Sambuca di Sicilia, per incrementare e incoraggiare la pro­ duzione di uve nere, paga queste ul­ time 1.000 lire in più al quintale ri­ spetto alle bianche e non richiede mi­ surazione zuccherina, assicurando una gradazione di 20 gradi. L’entusiasmo del prezzo di confe rimento dell’uvaf va però in questi giorni scomparendo. L'andamento del mercato desta qualche preoccupazione. Si concludono pochi affari per vendita

RICAMBI ORIGINALI A U TO -M O TO

Giuseppe Pumilia

parate, le quali pur esplicando una disifestazione su vasta scala, non por­ terebbero gli inconvenienti del prodot ti fosforganici di sintesi. Tignolo degli agrumi - In questi ul­ timi anni rappresenta una delle mag­ giori infestazioni degli agrumi e so­ prattutto dei limoni. La lotta con mez­ zi aerei può effettuarsi distribuendo insetticidi biotici a base di spore di Bacillus thurlngiensis. I risultati ot­ tenuti dell'istituto di Entomologia agraria dellUniversità di Palermo con detti prodotti indicano la possi­ bilità della sostituzione dei prodotti altamente tossici che normalmente ven­ gono adoperati contro questa specie. Acaro Rugginoso - Di recentissima in traduzione in Sicilia rappresenta un pe ricoloso potenziale per l’agricoltura. La distribuzione di prodotti acaricidi e specillici contro quest’acaro a mezzo di elicotteri non desta preoccupazioni per la salvaguardia dell’ambiente. MANDORLO Nel quadro della valorizzazione del­ le colture che danno frutta secca (Nocciuolo, mandorlo, pistacchio, etc.) il mandorlo ha un posto di notevole inte. resse. L’avere trascurato il Mandorlo da un punto di vista sia colturale che fit­ tosanitario è stato un errore, di cui ci si è fortunatamente, anche se con ri­ tardo, accorti. La disinfezione e disinfestazione della coltura, pertanto, oggi si impone se si vuole ottenere un reddito accettabile. L’utilizzazione dell’elicottero può es­ sere fatta, ma data la particolare di­ stribuzione della coltura e date le nu­ merose avversità, è necessario esami­ nare caso per caso l’opportunità del­ l’intervento. CONCLUSIONI 11 mezzo aereo e soprattutto quello ad ala rotante, cioè l’elicottero, nelle colture arboree può trovare utile im­ piego contro alcune tra le più impor­ tanti infezioni ed infestazioni, solo che venga programmato e seguito da tec­ nici fitoiatri altamente specializzati al fine di ottenere i migliori risultati e di ridurre entro i limiti tollerabili i rischi di simili ntervent. Prof. Dott. Giovanni Liotta

Olimpio

Corso Umberto, 9 0 (Sambuca di Sicilia,' LAVAND ERIA-TIN TO RIA F O R N O

MARMI

SCIAME’ & RINALDO

MATTONI PLASTIFICATI SEGATI DI MARMO

Via Circonvallazione

Ta l. 4 1 1 8 3

Pane - Panini - Brioches - Grissini Biscotti al latte o all’uovo - Pizze Pasticcerie varia su ordinazione

Piazzale Stazzone

Sambuca di Sicilia

MODE - CONFEZIONI ABBIGLIAMENTI

SAMBUCA DI SICILIA (AG)

STUDIO FOTOGRAFICO ì

(O D O (KffO Corso Umberto, 130

_____________________________________

Quintino e C . D i F R A N C O

G AR A N ZIA PRECISIONE Corso Umberto I, 110 92017 Sambuca di Sicilia (A G )

Greco Palma In Scardino LAMPADARI - REGALI - MOBILI

Via Belvedere, 7

Sambuca dì Sicilia @ 41050 A v i s t a , esecuzioni eliografiche e fotoco­

SAMBUCA DI SICILIA (AG)

SERIETÀ’

pie a L. 150.

Tutto per la Casa

CUCINE COMPONIBILI LAMF Lavori Artigianali

Via G. Marconi, 47 - SAMBUCA DI SIC.


r

Settembre 1973

LA VOCE DI SAMBUCA

Il pesante passivo (8 -1) •H .

non deve creare illusioni

H Sambuca vince ma non convince Già sin dal settimo minuto del primo tempo, quando Leo Amari siglava in netta posizione di fuori gioco il secon­ do goal per il Sambuca si è avuto l’impressione che la partita contro il Contessa era già vinta in partenza. Poi sono venuti gli altri goals a con­ fermare e a non inficiare un successo sin troppo chiaro e per li pesante pas­ sivo e per il gioco. Comunque l’8 a 1 inflitto al Contes­ sa non deve creare eccessive illusioni. Si è trattato di un test di serie poco im­ pegnativo tanto da dare l'impressione di giocare a porta romana e per giun­ ta con un portiere tanto strampalato quanto acchiappafarfalle. Le indicazioni tecniche venute fuori dalla partita offrono spazio al taccuino del cronista. Modulo di gioco antico, alla danubiana, con un centravanti arretrato (nel caso Lillo Giambalvo), attacco che vive sugli spunti dell’e­ stroso Pumilia con rapidi inserimen­ ti del bravo Paimeri. Leo Amari via via va tradendo le promesse-, realizza si, ma chiaramente non è un buon tiratore-, Nino Belli tto non va mai in cerca della palla ed aspetta serafico come contadino che at­ tende sotto una ficaia la caduta in boc­ ca di un fico. La difesa viene sempre più privata di un valido elemento per le ripetute sgroppate in attacco di Roc­ caforte il quale a causa di una inef­ ficiente direzione tecnica si sente au­ torizzato a scorazzare per tutto il cam­ po in cerca di gloria. Ci è piaciuto invece il giovane Tommaso Braibanti il quale ha una buona posizione e una chiara visione di gioco. Come al solito restano le conferme e cioè Gurrera e Tripli ai quali biso­ gna aggiungere Giambalvo. A centro campo praticamente i tre l’hanno fat­ ta da padroni. Ottima la loro coper­ tura per la difesa, ottimi i servizi per l’attacco. E solamente a centro campo

L I B R I

si è assistito a qualche bella triango­ lazione o qualche passaggio dosato. E veniamo ora alla cronaca più det­ tagliatamente. Giornata di sole, nume­ rosi spettatori, arbitro Mario Russo. Inizio veloce ma senza rapidi mutamen­ ti di fronte. Reti realizzate nella prima mezz'ora nell’ordine da Nino Belitto che apre le marcature, seguito da Leo Amari in netta posizione di fuori gio­ co, quindi realizza il Contessa. Incorag­ giati dalle reti inaspettatamente segna­ te gli avversari incalzano ma Serafi­ no (non l'arbitro federale ma il no­ stro portiere) è abbastanza attento e non 3i fa sorprendere. Dopo le sfuriate entelline Elio Pumi­ lia realizza frustando buona parte del­ le speranze di rimonta del Contessa. Non passano molti minuti e arriva la quarta rete: la realizza Amari e sta­ volta con tutti i crismi della regola­ rità. Nella ripresa dopo più di mezzora di melina Nino Bellitto rompe il ghiac­ cio realizzando la quinta rete seguilo ancora da Elio Pumilia con un tiro da fuori area. Premiate le discese di Roc­ caforte che firma le settima rete e quindi ancora Bellitto chiude in bellez­ za portando a otto i goals della gior­ nata. Il resto non Importa. C’è solo da aggiungere che nella cittadella del fe­ stival dell’UNITA’ è stato esposto il progetto relativo alla costruzione del campo sportivo. Piuttosto che campo è giusto chia­ marlo stadio dal momento che è do­ tato di tutte le attrezzature necessarie per potervi praticare anche altri sport di atletica leggera L’impianto sportivo inoltre è dotato di moderni spogliatoi e di una tribu­ na dalla capienza di 350 spettatori. Non resta ora che attendere. ENZO DI PRIMA

I Ventimiglia nella Storia

L’emerito storiografo Mogavero Fina con l’opera che qui segnaliamo ci for­ nisce un profilo storico, il più com­ pleto finora esistente, del nobile casato dei Ventimiglia che tanta parte ha avuto nella storia siciliana dagli Svevi in poi. Non si tratta evidentemente di una fredda elencazione dei vari com­ ponenti della famiglia dal momento che ognuno dei persoaggi è inserito nel clima storico del suo tempo sic­ ché, scorrendo questa monografia, ci sembra di seguire la storia della Si­ cilia del secolo XIII fino all’abolizione della feudalità, ove i Ventimiglia ven­ gono ad assumere la funizone di filo conduttore. L’Autore, dopo avere asserito le origini liguri del celebre casato e l’in­ sediamento in Sicilia all’epoca di Fe­ derico II da parte di Guglielmo Ven­ timiglia, espone le alterne vicende della famiglia caratterizzate dal domi­ nio feudale, segnato da glorie e sfor­ tune, sulla contrada delle Madonie

(Geraci, Collesano, Gratteri) e su al­ tri luoghi dell’isola fra cui Belmonte Mezzagno, Giuliana e Sambuca. Particolare risalto è dato alle figure di Francesco II, conte di Geraci, il qua­ le alla morte della vicaria Eufemia ebbe affidato la cura del re Federi­ co IV d’Aragona, e di Giuseppe, prin­ cipe di Belmonte, uno dei principali artefici della costituzione siciliana del 1872, col quale si estinse la famiglia Ventimiglia, almeno nel suo ramo ma­ scolino. Quest'opera, concepita con serietà scientifica e con chiaro senso della prospettiva storica, mostra come lAutore abbia una piena padronanza del­ la materia trattata. D’altra parte essa è il risultto di un’attenta maturazione giacché il Mogavero Fina si è occu­ pato di problemi inerenti alla famiglia Ventimiglia in varie altre occasioni. ANTONINO G. MARCHESE

VANESSA ALLA RISCOSSA Bionda, un pò vamp, occhi chiari, attegiamento aggressivo, maxigonna, u gola d’oro: Vanessa, cantante di primo

sale, si è esibita di fronte a un pub­ blico numeroso e vario interpretan­ do le più varie canzoni.

Francesco Gandolfo RICAMBI AUTO E AGRICOLI ACCUMULATORI SCAINI

SS?

CUSCINETTI RIV Sambuca di Sicilia - C. Umberto I, 40 ------------------------------- Telefono 41198

Pag. 7

Fra i cantanti della nuova guardia è una di quelle che grida.- « Fate lar­ go passo io ». La sua recitazione è enfatica e pla­ teale, poco composta ma intensa ca­ pace dì svolgere un ruolo anticonfor­ mista e per questo degno di nota e pieno di libertà. Ha una buona voce e, quello che più conta, cerca il contatto con il pubblico quasi sempre indiferente e scettico di fronte ad una debuttante. Vanessa ha cantato con impegno, con passione. Al contrario di altri suoi colleghi professionisti e affermati non si è li­ mitata al solito striminzito repertorio. Ha avuto anche un alterco con il pubblico il quale vuole cantanti di grido e nelle debuttanti ammira so­ lamente la sciantosità o il corpo geo­ metrico. Vanessa era in maxgonna, si è accorta subito di non avere fatto colpo per l’abbigliamento troppo ca­ sto. Lo ha rimproverato al pubblico.

Egidio Terrana, 11 presentatore, le ha tolto il microfono di mano scusandosi per l’incidente. Ma noi l'abbiamo ammirata per que­ sto. Nel mondo della canzone, fatto di conformismo e di professionismo, il gesto di Vanessa riscatta l’artista, la rende più umana e meno venale. Ricordo a Caltabellotta, la prima esibizione del gruppo «Zabut»: alla vi­ sta di tante belle ragazze pensavano a chissà quale spettacolo, o forse al­ la tradizionale e intramontabile mossa Niente di tutto questo, solo pezzi folk: per tutta risposta ci è arrivata addosso una montagna di fischi. Ci siamo ri­ masti male, ma i confronti con pub­ blici più maturi hanno suggellato le nostre esibizioni. Lo stesso auguriamo a Vanessa per­ chè siamo sicuri che la sua voce e so­ prattutto la sua cordialità avranno successo. E.D.P.

Z ' aȣtU di

Moda per lui In previsione dell’inverno nasco­ no nuove tendenze della moda per lui. La caratteristica più importan­ te e diffusa è indubbiamente quel­ la di un ritorno a uno stile classico; permane tuttavia sempre la ricerca di un genere disinvolto, pratico, li­ bero e facile da portare. Ultraprati­ ci e in voga sono i giacconi e gli impermiabili, per chi soprattutto ha occasione di viaggiare. Il tipico auto-coat in un centrato tono di verde di ispirazione militare, il trench, impermiahile sportivo in velluto di cotone a coste sono adatti per chi è costretto dal lavoro a muoversi spesso. Sempre più sorprendente so­ no il blouson e la giacca in pelle che sono entrati ormai a far parte del guardaroba maschile. Il blouson beige, con i pantaloni' appena al­ largati in fondo, e il pullover mar­ rone, la giacca in nero di puro stile classico completata da camìcia, cra­ vatta e pullover, sono abbigliamenti pratici e disinvolti. Di attualità sono le giacche e i completi con uno stile che punta su proporzioni ben equilibrate; bu­ sto asciutto, ma non molto aderen­ te, come per le passate stagioni e spalle larghe. Le camicie a righine o a piccoli quadri completano i ve­ stiti per lui, abbandonando la linea trasandata, per ricalcare il vecchio stile degli anni trenta.

vinando anche tutte le pareti. A volte, amando rifugiarsi nel passato arredano la loro stanzetta in modo originale e straordinario, sisteman­ dovi oggetti antichi, come i vecchi mortai dì pietra o i canestri, co­ struendovi un camino con le pro­ prie mani, poggiando sui tavoli dei portaceneri di argilla. E’ bello anche appendere alcuni dischi vecchi alle pareti creando un’atmosfera particolare. Non ci sa­ ranno sedie, ma tronchi di quercia, tagliati in modo da formare dei pic­ coli sgabelli. « I superstiziosi » pos­ sono appendere un ventaglio, che in Oriente è simbolo del potere e lo si porta come talismano per aver salute e benessere, o meglio ancora, come va di moda dalle nostre par­ ti, un nastro rosso contro la « ma­ laria ». L'indlmen dicabile chitarra renderà allegri le serate che essi trascorreranno con gli amici. Un simile arredamento natural­ mente creerà liti tra ì giovani e le madri, che non vorrebbero sciupate le proprie stanze, invece bisogna es­ sere comprensive dando loro libertà. Infatti essi trascorreranno in quel­ l'ambiente parte della loro giornata e un ambiente gradevole li renderà felici.

ARREDAMENTO

Una tipica specialità siciliana (e in particolare catanese) è la caponatina a base di melenzane, cipol­ la, olive, sedano, aceto, olio, pomodori pelati, capperi sotto aceto. Si tagliano melenzane a dadetti e si friggono. In un tegame si fanno cuocere il sedano verde e le olive e in un altro si fa soffriggere la cipolla tritata con basilico e due cucchiai di olio. Si privano intanto dei semi i po­ modori pelati, sì salano e si metto­ no a cuocere per dieci - venti minu­ ti. Si uniscono in una insalatiera tutti gli ingredienti preparati insle. me ai capperi conservati sotto aceto o sotto sale e si spruzzano di solo aceto oppure aceto + zucchero. La caponatina si serve fredda o tiepida e si può conservare per giorni.

Idee per una stagione « giovane ». L’arredamento della camera dei ragazzi d’oggi è stravagante e paz­ zo. La loro stanza possibililmente deve essere un ambiente spazioso e comodo, un ambiente tutto loro, dove possono sistemare i propri og­ getti secondo il proprio gusto, ag­ giungendovi l’estro della loro per­ sonalità. Quindi è necessario un ar­ redamento semplice piacevole, dove il ragazzo o la ragazza possa tra­ scorrere le ore dì studio di conver­ sazione con i propri amici. I mobili componibili sono gli ideali, infatti aiutano <i disordinati » a trovare un posto per tutto. Le pareti preferibilmente dovreb­ bero essere in unica tinta, per non creare stonature di colori tra i «ma­ nifesti» e i quadri che essi amano appendere nella propria stanza, ro­

CUCINA SICILIANA CAPONATINA

FRANCA BILELLO


Pag. 8

j

LA VOCE DI SAMBUCA

m

^

f

l e t t e r e

Settembre 1973

Alfonso Di Giovanna, Direttore responsabile - Vito Gandolfo, Direttore amministrativo - Direzione Redazione e Amministrazione: Corso Umberto I - Pai. Vinci - Sambuca di Sicilia (AG) - cc.p. 7/715 W b . di Sciacca, n. 1 del 7 gennaio 1959 - Abbonamento annuo L. 2.000; benemerito L. 5.000’ sostenitore L. 10.000; Estero 10 dollari - Tipolitografia T. Sarcuto, Succ. F.lli Sarcuto - Agrigento Pubblicità inferiore al 707® - Orario in Direzione: dalle ore 17 alle ore 20: eccetto festivi e i5 sabato.

a l

g i o r n a l e

Adrano potrebbe essere Engio Pre.mo sig. Direttore de « La Voce di Sambuca». Leggo nell’autorevole mensile da Lei diretto (n. 136, a. XV, luglio 1973) un interessante « pezzo » (che, del resto, è una opportuna messa a punto) su Adranone, a Sua firma ed io che, tra gli altri interessi di studio, trovo tem­ po di occuparmi anche un po’ di ar cheologia siciliana, avevo quasi desi­ derato il Suo scritto sull’argomento del quale avevo più sentito che letto. Mi sono reso, perciò, esatto conto, quasi come se de visu, dell'importanza che ebbe quel centro antico nell’anti­ chità greca, come risulta dalle recenti tre fruttuose campagne di scavi (solo il piccone dell'archeologo è capace di dire l’ultima esatta parola su molti luo­ ghi controversi!), da parte della soler­ te Soprintendenza alle Antichità di Agrigento. diligentemente con abnega­ zione diretta dal prof. £. De Miro. Io, a mezzo della presente, certamen­ te con la riserva che scaturisce dalla mia non specifica competenza, vorrei esporre le mie opinioni in proposito che da tempo ho rimuginato nella mente e di ciò, se Lei ricorda, abbiamo par­ lato a voce, oltre cinque anni fa, allor­ quando ero docente nell'istituto Magi strale Statale «S. Politi» di Agrigento. In seguito ho avuto occasione di an­ dare in comitiva da Palermo a Sambu ca, soltanto con la mira e il piacere di fare una capatina ad Adranone, ma per un guasto alla macchina si è giun­ ti con troppo ritardo e quel mio vivo desiderio sfumò. Era mio mentore) in quella gita il caro b.ne dr. Calogero Oddo che ha cura delle memorie patrie e che, come tanti, ne auspica la giusta valorizzazione. Quntunque queste mie riflessioni po­ tranno sembrare fuor di luogo e det­ tati non da studi profondi su l’argo­ mento, ma soltanto da dilettante, mi vorrà usare la bontà, se lo crederà oppurtuno. di vagliarle e, se del caso, passarle alla stampa Prima di tutto osservo che la denomi­ nazione della zona di Adranone, con il toponismo di Terravecchia, è comune a molte località della Sicilia dove sono state antiche abitazioni. II. Soltanto con lo scavo archeologico sistematico si è potuto conoscere quan­ to sinora è stato ignorato compietamente dell’antica Adranone e possiamo dire che, nel caso questa località sia stata fortunata, appunto perché dove ciò non è stato possibile operare, a identificare una qualsiasi altra località che ha avuto un’antica abitazione, ri­ mane. la letteratura locale che ha dato luogo anche a leggende le quali rimon. tano a molti secoli addietro, e che an­ cora fanno rivivere tra il popolino le fiorite leggende plutoniche le quali si riassumono nell’incanto de «li sigmu reddi » (fate), che, quantunque svaria­ te perchè numerosi, tutte hanno un unico fondo comune. Ciò rimonta agli Arabi. III. Non bisogna, in questo caso, di­ menticare che molti nomi di località antiche, per la irreparabile sovrappo­ sizione, talvolta cruenta, (quella ara­ ba in principio, che intese cancellare del tutto le orme della civiltà siciliana predente) delle molte dominazioni ar tesi nella nostra terra si sono perduti del tutto. Per non andare lontano, molte antiche località ripeto della nostra pro­ vincia, perciò restano ancora senza no­ me, appunto perchè le dominazioni succedutesi cambiarono l’antica topo­ nomastica, (specialmente ciò ha luogo con gli Arabi), o la fecero dimenticare 'del tutto. ! Prima degli scavi era opinione di qualche erudito che Adranone fosse stata una fortezza soltanto, e ciò si è dimostrato falso perchè l’archeologo, ha messo allo scoperto una vera e pro­ pria città, con le sue vaste necropoli.

con i suoi quartieri artigianali e resi­ denziali indizio certo di una cospicua popolazione, con il vasto perimetro dellp mura cittadine. Probabili rivestimenti marmorei di monumenti e di statue che non dovettero mancare ad un città così cospicua, furono ridotti in calce, come altrove, elemento di cui era pe­ nuria nei tempi che seguirono. £' da osservare ancora (e ciò è molto chiaro) che i Greci allorquando ebbe­ ro la felice idea di emigrare in Sicilia (e ciò non era altro che un assillante bisogno di trasferire altrove 1abbon­ dante popolazione che non avrebbe po­ tuto adeguamento nutrire la terra na­ tia) per vivere economicamente me­ glio dì prima e, nello stesso tempo, di impregnare la nostra terra della loro superiore civiltà, scelsero per loro nuo­ va sede, le spiagge amene e suscetti­ bili di sfruttamento, poi a mano a ma­ no che allargarono il raggio delle oro conquiste, snidarono gli indigeni' si­ culi dalle loro secolari sedi, i quali, non potendo contrastare l’avanzata a quella gente che possedeva una supe­ riore civiltà e capacità, sempre più andarono ritirandosi sui monti dell’intemo dell’isola E’ questo il caso del­ la greca Adranone che venne dappri­ ma, con il sovrapporsi della nuova al le abitazioni precedenti, a costituirsi in una munita fortezza a 900 m. d'altitu­ dine; e se oggi meraviglia la ripidezza del luogo, rispetto alla sottostante media collinare pianeggiante, ciò risulta naturale tenedo conto degli scoscendi­ menti del terreno che hanno avuto luo­ go durante i molti secoli intercorsi, specie che non era presente, per fre­ narli, nessuna opera dell’uomo. Quin­ di la città cospicua viene ad essere og­ gi ubicata su una ripida montagna E giacché nel secondo scavo si sono trovati tracce preistoriche (fondi di capanne, resti fittili, etc.) bisogna con­ venire che la città greca venne preci­ samente impiantata su altra primiti­ va a sua volta logicamente distrutta Quivi, infatti, estesasi sulle spiagge e sui luoghi fertili e pianeggianti della nostra provincia, la colonizzazione gre­ ca i Siculi, condannati irreparabilmente a sparire o a essere assorbiti dai nuovi venuti, si ritirarono per soprav­ vivere altro poco nell’affimero orgoglio della loro indipendenza, ma in segui­ to, era fatale!, o per volontaria dedi­ zione, o con la forza, accettarono, nel­ l’ambito del loro abitato, i Greci; e di Sicani o Siculi non si parlò più. Essi, e fu ciò un fatto positivo per la futura civiltà isolana, fusisi con i Greci di­ vennero anch'essi Sicelioti e certamen­ te contribuirono a creare la superiore civiltà che conosciamo. Mi pare che ciò sia sufficiente a spiegare la odierna via rupestre e qua­ si impraticabile che dà accesso alla zona archeologica Tralascio i riferimenti storici che Lei riporta, nel citato articolo, sulle vicen­ de di Adranone nel periodo romano, durante il quale in Sicilia comincia la, decadenza economica con l'esten­ sione del latifondo e delle conseguen­ ti cruente rivolte degli schiavi, perchè non ho tempo per ripassare questo lungo e tormentato corso di storia si­ ciliana e il Pace (Arte e civiltà della Sicilia antica voi. I, 2» ediz.) non ri­ porta in appendice l'indice dei nomi» e ciò, per una rapida consultazione (sono 4 ben grossi volumi) costituisce una grave lacuna E vengo al tempo della domina­ zione araba in cui la Sicilia dopo secoli di smuntimenti e di sopraffa­ zioni- rifiorisce economimcamente co­ me mai prima nel tempo cioè delle sua lunga storia. Nei miei appunti bibliofraflci su Adranone. infatti, trovo che la locali­ tà denominata Adragnum (in sicilia­ no: Adragna) fu un casale saraceno . (non poteva mancare di questa sua

nuova posizione) non lungi da Sam­ buca; in seguito quando altra nuova religione s’impose con 1 Normanni, abitato da cristiani. Il casale suddetto, con altri - Giuliana, Camico (alias Comicchio), la Sambuca (sic) e Senure con tutti i loro tenimenti, pertinen­ ze e cappelle - venne concesso, nel 1185, da re Guglielmo II, che tanto fece per elevare l’arcivescovato e di do­ tarlo di pingui rendite, alla chiesa di Monreale. In seguito Adragna da bene eccle­ siastico divenne feudale e concesso a cospicue famiglie nobili siciliane. E con ciò la sua storia seguente si confonde con quella della vicina, originariamen­ te araba, Sambuca Zabut. Ricordo ancora che diversi sono in Sicilia i toponimi di Adrano. Sono stato lungo, lo vedo, ma non posso fare a meno di toccare un'ulti­ mo argomento: Lei. sig. Direttore, ha avanzato un’ipotesi molto attendibile,

quella cioè di ubicare nella zona in parola l’antica città di Engio che, a quanto pare, ha remote origini, pur scartando l’ipotesi che essa rimonti al­ l'epoca delle relazioni di Creta con la nostra provincia. E’ questa un’ipotesi che merita approfondimento e di non trattare alla leggera, anche perchè to­ glierebbe gloria alla storia di Gangi (Pa.) per la quale gli eruditi gangitani vogliono che, ucciso a tradimento un Minos venuto in Sicilia ospite di Cocalo, i superstiti Cretesi si siano inoltrati nell'interno della Sicilia a londarvi una, nuova comunità. Tra le due, trovo più confacente l’ipotesi da Lei per primo escogitata in quanto dal. le montagne dell'odierna S. Angelo Muxaro, già molto probabilmente reg­ gia di re Cocalo, se merita fede la leggenda in proposito, avranno rag­ giunto Adragna piuttosto che l’alpe­ stre Gangi e, si noti, erano marinai. Raffaele Grillo

Sul gruppo Zabut Caro don Alfonso, Intervengo come lettore e responsa­ bile del gruppo folk « ZABUT » per chiarire la nota dal titolo « Lo statuto » comparsa nella pungente rubrica « La lancia dell’emiro ». Stilo queste note e perchè ritengo, da giornalista, che l'opinione pubblica venga costantemente e precisamente in­ formata non sulla base del « si dice » ma su basi di fatto tanto evidenti quan­ to inconfutabili, e perchè credo altresì giusto dare un'informazione sommaria dell’attività del gruppo alla popolazio­ ne che ha contribuito all’atto della co­ stituzione con una sottoscrizione e ha seguito con entusiasmo la nascita e l’attività del gruppo. Un certo tipo di malcelata contestar zione in seno al gruppo era già ini­ ziata dal ritorno della tournée di Prato e Sesto Fiorentino. Contestazione subito arenatasi per un timore reverenziale nei confronti del dott. Bonifacio, preside del magi­ strale, da parte di tutti i ragazzi del gruppo. In pratica al dott. Bonifacio si rim­ provera il fatto di decidere un po’ tutto da sè sia per quanto concerne la amministrazione sia per l’attività dì gruppo. La contestazione giunse al culmine quando furono iscritti per partecipare alle varie manifestazioni del gruppo nuovi ragazzi senza minimamente con­ sultare (come si fa in ogni sodalizio) i ragazzi deU'originaria associazione. Assieme a quest'addebito affioravano altre contraddizioni a stento represse. Tenuto conto del generale clima di dif­ fidenza che si era creato, ho convocato una riunione con i soli componenti il gruppo senza il dott. Bonifacio e la si­ gnora Catalanotto per assicurare una maggiore franchezza nella discussione. E vengo adesso allo statuto e « ed gabinetto del sindaco». L'incontro con i giovani del gruppo doveva avvenire nell’abitazione di qual­ cuno di noi e solo difficoltà, diciamo così il carattere tecnico, ci ha fatto ri­ piegare verso il comune. Comune inteso in questo caso non come organo politico - amministrativo bensì come locale. La riunione presieduta dal sottoscritto si è svolta nella sala del consi­ glio comunale. Il dibattito è stato am­ pio e spregiudicato. Il sindaco non ha voluto partecipare alla seduta e solo su insistenza e invito di alcuni ragazzi ha cortesemente assistito. Dico assisti­ to perchè non è intervenuto nel dibatti­ to se non con qualche nota o battuta spiritosa («vorrei avere un consiglio comunale composto da giovani come voi »). Come canovaccio di discussione c’era uno statuto redatto dal sottoscritto, sta­ tuto non « formato molto garibaldina­ mente da intelligenti attivisti del P.C.I.» bensì frutto di discussioni sincere e spassionate avute con i ragazzi del gruppo.

Si trattava di uno statuto abbastan­ za democratico che poneva alla base di tutte le attività del gruppo i ragazzi stessi quale componente essenziale, sminuiva la figura del presidente e dei cosidetti organi rappresentativi che chissà poi cosa. hanno rappresentato in seno al gruppo visto che solo il dott. Bonifacio, il sottoscritto ed il sig. sin­ daco si sono fatti vivi. (La signora Catalanotto non faceva parte del co­ mitato direttivo). I.o statuto è stato definito anarchi­ co dal dott. Bonifacio e quindi da ce­ stinare. Solo la ferma volontà dei ra­ gazzi lo ha fatto scendere a più miti considerazioni. Lo statuto pertanto è stato discusso e corretto in alcuni pun­ ti impegnandoci anche a discutere un eventuale statuto redatto dal dott. Bo­ nifacio. Preparato il suo statuto il sig. pre­ side lo ha letto ai ragazzi e molto «de­ mocraticamente » ha detto: « Signori questo è il mio statuto se lo approvate va bene; in caso contrario prima che siate voi a buttarmi fuori me ne vado io ». Da quel giorno il dott. Bonifacio non si è fatto più vivo. Pur nelle difficoltà di carattere am­ bientale in cui ci siamo trovati spe­ cialmente di fronte a coloro i quali orano e sono legati per un vero o per l’altro al dott. Bonifacio, abbiamo fatto spettacolo a Montevago, a Con­ tessa e a Trapani ottenendo in quelt’ ultima città lusinghieri consensi. Ci rendiamo conto di avere un po’ deluso a Sambuca in occasione della festa dell'UNITA’ ma si è trattato di uno spettacolo preparato in fretta con la collaborazione di gente di fuori. Esigenze di rinnovamento di reperto­ rio ci hanno fatto buttare nella pattu­ miera canzoni che noi ritenevamo di sostituire. Per quanto riguarda l’infiltrazione politica nel gruppo, intendo assicurare molti felloni che vedono rosso ovunque, che il gruppo, come si legge nell'art. 1 dello statuto (non ancora approvato ma di nuovo in via di ristrutturazione é discussione) ■ ha scopi culturali di diffusione del folklore e della cultura locale »; la mia posizione, il mio pre­ stigio politico e la mia milizia nel P.C.I. ho saputo sfruttarli in seno al gruppo a fin « di bene » e cioè facendo stipu­ lare numerosi e convenienti contratti in paesi amministrati da comunisti o in feste organizzate dai comunisti; al contrario altri prestigiosi leaders poli­ tici di partiti diciamo così governativi (e che quindi detengono il sottogover­ no) ci hanno promesso mari e monti ma in termini concreti non abbiamo vi­ sto niente. Li invito pertanto a volere collaborare qiuttosto di usare inutili e quarantottesche posizioni. Così sio, invece di pilatamente lavarsi le mani, possono rendere un utile servizio al gruppo folkloristico. Enzo Di Prima