Issuu on Google+

eventi: “Il gran ballo della Cavalchina” Events: “The cavalchina gala”

mostre: “Il sogno veneziano” exhibitions: “Venetian dream”

#2

> Carnevale di venezia 2011

venice Carnival 2011

Ottocento, Da Senso a Sissi La città delle donne The 19th Century, from Senso to Sissi

Trimestrale gratuito di mobilità, eventi e informazioni su Venezia / Numero 2 - Anno II / Venezia, febbraio 2011

The city of women 19/20 febbraio 26 febbraio > 8 marzo 19/20 February 26 February > 8 March

> Artigianato artistico Artistic handicrafts > Calendario eventi Events calendar

> Mappa della città Map of the city


Hellovenezia è un Marchio / Trademark


> in questo numero in this number

Editoriale Editorial

5

Piantina delle linee di navigazione Waterborne routes map

6

Muoversi a Venezia Moving around in Venice

8 12 18

linee del carnevale 2011 carnival routes 2011 benvenuti al carnevale 2011 Welcome to the 2011 Carnival artigianato handicrafts ‘800 a venezia 19th century Venice

32 Trimestrale di mobilità, eventi e informazioni su Venezia Numero 3 - Anno II / Venezia, febbraio 2011 Periodico in corso di registrazione presso il Tribunale di Venezia Direttore responsabile Gioia Tiozzo Project La Vetrina di Venezia Federico Bastico / Barbara Matteazzi Si ringrazia: Roberto Comin Gualtiero Dall’Osto Daniela Ghezzo Guido Lion Guerrino Lovato Atelier Nicolao Antonio Rosa Salva Carlo Setti Giovanna Zanella Direzione organizzativa Vela S.p.A. Proprietà Vela S.p.A.

19 38 26 36 34

21 32 34 35 36 38 36 40 42 46

feste a palazzo Parties in palazzo poesia erotica Erotic poetry curiosità curiosity da non perdere Not to be missed curiosità curiosity eventi events mappa di venezia venice map venezia & internet


editoriale < editorial

Benvenuti in città welcome to venice Questa guida è un omaggio che la città di Venezia fa ai suoi graditi ospiti. È nostro piacere darvi il benvenuto e augurarvi una vacanza ricca di iniziative culturali e di divertimento. Anche quest’anno il Carnevale di Venezia sarà un evento che richiamerà visitatori da ogni parte del mondo. La sua spettacolarità e il suo ricco programma offrono a tutti la possibilità di vivere in un’atmosfera unica. Le feste in piazza, gli spettacoli gratuiti, le iniziative per i bambini, i programmi nei musei e nei teatri assicurano a tutti di vivere un Carnevale indimenticabile. La guida è stata scritta da veneziani con l’aiuto di chi in città lavora e produce una ricchezza artistica che merita di esser conosciuta e preservata. Venezia è una città che ha tanto da offrire in ogni periodo dell’anno e richiede tempo per essere scoperta e capita. Siate i benvenuti e ritornate ancora a trovarci, ci saranno mille altre cose da vedere.

This guide is a gift to its welcome guests to the City of Venice. We are delighted to welcome you and hope you have a holiday that is full of culture and fun. This year the Venice Carnival will be an event that attracts thousands of visitors from all over the world. A spectacular show and rich programme of events where everybody can enjoy a totally unique atmosphere. Parties in the square, free shows, children’s initiatives, programmes for museums and theatres all guarantee that Carnival will be an unforgettable experience. The guide was written by Venetians with the help of those who work in the city, producing an artistic wealth that should be discovered and conserved. Venice has a lot to offer all year round, and it takes time to discover and understand it. You are truly welcome and we hope you will come back to see us again, when there will be thousands of other things to enjoy.

Alessandro Moro Presidente di Vela S.p.A. Società commerciale del Gruppo Actv (società del trasporto pubblico di Venezia) President of Vela S.p.A. Trading company of the Group Actv (company for public transport in Venice)

5


> muoversi a venezia LINEE Collegano i terminal di Tronchetto (solo linea ), Piazzale Roma e Ferrovia S.Lucia al cuore della città percorrendo, con il classico vaporetto, il Canal Grande sino a Piazza S.Marco e Lido (con la linea solo stagionalmente).

Durata dei collegamenti e frequenza: con la linea da Tronchetto a Piazza S.Marco, via Canal Grande, la durata del viaggio è di circa 40 minuti, 30 minuti circa da P.le Roma, la frequenza è ogni 10/20 minuti a seconda della stagione e della fascia oraria; con la linea da P.le Roma sino a Piazza S.Marco la durata del viaggio è di 40 minuti e la frequenza è ogni 10 minuti nell’arco della giornata. La linea consente di raggiungere Piazza S.Marco (precisamente S. Zaccaria) anche percorrendo il Canale della Giudecca. La durata del percorso da Tronchetto sino a S. Zaccaria è di 28 minuti e la frequenza dei collegamenti è ogni 10 minuti nell’arco della giornata. Dopo le ore 20.30 circa sino alle 23.30 circa i collegamenti sono ogni 20 minuti.

LINEE

COLLEGAMENTI FERRY-BOAT

Queste linee, denominate “Giracittà”, collegano in senso circolare, transitando presso i terminal di Ferrovia e Piazzale Roma, il perimetro della città, ), della Giudecca con le isole di Murano ( ) e del Lido ( ). I mezzi utilizzati su ( queste linee sono chiamati “motoscafi” e hanno una capienza minore rispetto ai vaporetti. La frequenza dei collegamenti è ogni 20 minuti per ciascuna direzione di marcia nell’arco della giornata.

Questi collegamenti sono effettuati con le navi traghetto che consentono il trasporto di persone e automezzi tra: l’isola del Tronchetto e l’isola del Lido (linea ), tra quest’ultima e il litorale di CavallinoTreporti (linea ), nonché tra l’isola del Lido e l’isola di Pellestrina (linea ).

LINEE LAGUNARI

Queste linee collegano: il litorale di Cavallino-Treporti con Venezia (collegamenti diretti) e e viceversa: linee (passando per l’isola del Lido), dai 30 ai 40 minuti la durata del viaggio; il Centro Storico di Venezia con: • Murano, Burano, litorale di Cavallino-Treporti (linea ); • Murano, Vignole, Sant’Erasmo, litorale di CavallinoTreporti (linea ); • San Servolo e San Lazzaro degli Armeni (linea ); • Chioggia (linea ), partenza dall’isola del Lido; trattasi di un collegamento integrato (autobus + ferry-boat + motonave) che percorre buona parte dell’isola del Lido e tutta l’isola di Pellestrina per terminare a Chioggia; • Torcello (linea ) da Burano; la durata del percorso è di 5 minuti.

8

COLLEGAMENTI CON L’AEROPORTO L’aeroporto è collegato al Centro Storico sia con mezzi di linea automobilistici (linea 5) sia con linee di navigazione gestite dalla società Alilaguna, partecipata ). di Actv (linee

COLLEGAMENTI NOTTURNI Nel corso della notte (indicativamente dalle 23.30 alle 4.00) i collegamenti sono assicurati: dai servizi notturni integrati che collegano il Lido al Centro Storico e il Centro Storico a Mestre, mediamente ogni 20/30 minuti; dalla linea Notturno Murano che collega il Centro Storico all’isola di Murano ogni 30 minuti; dalla linea Notturno Laguna Nord che collega il Centro Storico con le isole di Burano e S. Erasmo, nonché con il litorale di Cavallino-Treporti, mediamente ogni ora. In tutti gli approdi sono esposti gli orari aggiornati di transito delle linee.


ACCESSIBILITÀ AI SERVIZI DI TRASPORTO PUBBLICO PER I DIVERSAMENTE ABILI IN CARROZZINA Servizio di navigazione

Servizio automobilistico

A Venezia i servizi di trasporto pubblico Actv sono molto più accessibili di quanto si possa pensare.

Nell’ambito del servizio urbano di Mestre e Lido è attivo il servizio BUS FACILE che prevede l’utilizzo di autobus a pianale ribassato e pedana estraibile accessibili alle carrozzine per diversamente abili. Il servizio è attivo sulle linee che coprono buona parte della terraferma, assicurando il collegamento con Venezia. Nell’utilizzo di questi autobus la persona in carrozzina deve essere assistita da un accompagnatore che curi la salita sul mezzo e la discesa. BUS FACILE attivo nel servizio urbano di Mestre: LINEE 2, 4, 4L, 5, 6/, 15, 24, 31, 32, H1, H2 BUS FACILE attivo al Lido di Venezia: LINEE A, B, C, V, N, 11 A Piazzale Roma è stata istituita la fermata Bus Facile, appositamente pensata dal Comune di Venezia e da Actv per agevolare le persone con disabilità nella discesa dai mezzi di trasporto pubblico. Tutti gli autobus in arrivo a Piazzale Roma, con a bordo una persona con disabilità (motoria o sensoriale), prima di raggiungere il capolinea effettuano fermata, su richiesta, all’ingresso dell’area dedicata ai bus, nello spazio riservato ai mezzi della società SITA. La fermata, identificata da un’adeguata segnaletica a terra e sulla palina della corsia, può essere richiesta esclusivamente dalle persone con disabilità, attraverso il pulsante di chiamata o l’avviso al conducente, e può essere utilizzata solo per la discesa. Ricordiamo che tutte le vetture del Tram di Mestre sono accessibili.

Tutti gli imbarcaderi (gli approdi che permettono di salire sui vaporetti) infatti sono accessibili alle persone disabili. Solo in caso di particolare acqua alta le rampe di accesso presentano una pendenza eccessiva. I vaporetti delle linee e , che attraversano il cuore della città, consentono di trasportare fino a 4 carrozzine alla volta. I motoscafi delle linee dette anche Giracittà ( ) sono attrezzati per il trasporto di una sola carrozzina alla volta. Le motonavi della linea che collega la città al Lido di Venezia e al litorale di Cavallino-Punta Sabbioni, sono accessibili. Le navi traghetto, dal Tronchetto al Lido di Venezia, sono dotate di ascensore e di servizi igienici a norma le cui chiavi vanno richieste al personale ACTV. Alle persone in carrozzina è riservata la tariffa agevolata di € 1,20, comprensiva dell’eventuale accompagnatore.

9


> Moving around in Venice ROUTES

e

These two public transportation routes connect the Tronchetto (route only), Piazzale Roma and Ferrovia S. Lucia terminals to the city centre, with waterbuses (the “vaporetti”) cruising along the Grand Canal to St.Mark’s Square and the Lido (Route , only in specific seasons).

Trip duration and schedule: a waterbus following route from Tronchetto to St.Mark’s Square along the Grand Canal requires about 40 minutes to complete the trip, 30 minutes from Piazzale Roma. Buses leave every 10/20 minutes, depending on the season and the time of the day; a waterbus following route from Piazzale Roma to St.Mark’s Square takes about 40 minutes to complete the trip, and leaves every 10 minutes throughout the day. Route makes it possible to reach St.Mark’s Square (specifically, S. Zaccaria) also by cruising along the Giudecca Canal. The duration of the whole trip from Tronchetto to S. Zaccaria is about 28 minutes, and the waterbuses leave every 10 minutes throughout the day. From 20.30 to about 23.30 waterbuses leave every 20 minutes.

ROUTES

FERRY-BOAT SERVICES

These are the so-called “Giracittà” routes, as they cruise along a circular route that goes through the Ferrovia and Piazzale Roma terminals and link the city ), Giudecca proper with the islands of Murano ( ) and Lido ( ). The boats used on these ( routes are called “motor boats” and can transport fewer passengers than the waterbuses. They leave about every 20 minutes in either direction throughout the day.

These services are offered using ferries that allow transportation of people and vehicles between: the island of Tronchetto and the island of Lido (route ), between the Lido and the Cavallino – Treporti coastline (route ), and between the Lido and the island of Pellestrina (route ).

LAGOON ROUTES These routes connect:

The Cavallino-Treporti coastline to Venice, and vice versa: there are routes (direct link) and (that goes to the Lido too), whose trip takes from 30 to 40 minutes; Venice’s historic centre to: • Murano, Burano, the Cavallino-Treporti coastline (route ); • Murano, Vignole, Sant’Erasmo, the CavallinoTreporti coastline (route ); • San Servolo and San Lazzaro degli Armeni (route ); • Chioggia (route ), starting from the Lido; this is an integrated (bus + ferry-boat + motor-ship) link that goes almost through the whole of the Lido island and the whole of the Pellestrina island, with its terminus in Chioggia; • Torcello (route ) from Burano; the trip takes 5 minutes.

10

AIRPORT LINKS The airport is connected to the Historic Centre by bus (route 5) and cruising links, the latter managed by Alilaguna, a company controlled by Actv (routes ).

NIGHT SERVICES During the night (roughly from 23.30 to 4.00) it is possible to move by public transport thanks to: integrated night services connecting the Lido to the Historic Centre and the Historic Centre to Mestre, leaving on average every 20/30 minutes; the Notturno Murano service, connecting the Historic Centre to the island of Murano, departures every 30 minutes; The Notturno Laguna Nord service, connecting the Historic Centre to the islands of Burano and S. Erasmo, as well as the Cavallino-Treporti coastline, with departures roughly every hour. Updated timetables of the various routes are posted at every destination.


THE PUBLIC TRANSPORT SERVICES ARE EQUIPPED TO BE ACCESSIBLE ALSO FOR DISABLED PEOPLE USING A WHEELCHAIR. Waterborne services

Bus services

Actv’s public transport services in Venice are much more accessible than one might imagine.

Public transport in Mestre and Lido includes the BUS FACILE ( easy bus) service, with low floor buses equipped with a wheelchair lift. The service is active on the mainland routes, guaranteeing the links with Venice. When using these buses the disabled person must be assisted by a companion in getting on and off the vehicle. BUS FACILE services on Mestre’s urban routes: BUS FACILE services on Mestre’s urban routes: ROUTES 2, 4, 4L, 5, 6/, 15, 24, 31, 32, H1, H2 BUS FACILE services at Venice’s Lido: ROUTES A, B, C, V, N, 11 The Bus Facile stop in Piazzale Roma was installed by the Municipality of Venice and Actv to facilitate disabled people in getting off the public transport vehicles. All buses coming into Piazzale Roma with a disabled person (either physical or sensory deprived), before reaching their terminus stop upon request at the entrance of the bus area, in the space dedicated to SITA vehicles. This special stop, identified by painted pavement signs and pole mounted ones, may be requested exclusively by disabled people, by pushing the relevant button or by asking the driver, and can be used only to get off the bus. Remember that all the trams in Venice are also accessible for all.

All piers (the platforms that make it possible to get on and off the waterbuses) are accessible for people with disabilities. Only when the tide is especially high does the access ramp’s slope become uncomfortable. Waterbuses on routes and , that go through the heart of the city, have space for up to 4 wheelchairs at a time. Motor boats on the so-called Giracittà routes ( ) are equipped to transport only one wheelchair at a time. Motor ships on route , the route that connects the city to the Lido and the Cavallino – Punta Sabbioni terminus are accessible. Ferries from the Tronchetto island to the Lido are equipped with disabled-certified lifts and conveniences, the keys to which are to be requested from the ACTV staff. Disabled people on a wheelchair are eligible for a discount tariff of € 1.20, inclusive of a companion.

11


> linee del carnevale 2011 / carnival routes 2011 LINEA / ROUTE A - ARLECCHINO

Validità / Validity 26.02.2011>08.03.2011

In rosso servizi effettuati il 26-27 febbraio e 05-06 marzo Red indicates services operated on 26-27 February and 05-06 March 2011

LINEA / ROUTE P - PANTALONE

Validità / Validity 26.02.2011>08.03.2011

LINEA / ROUTE C - COLOMBINA

Validità / Validity 26.02.2011>08.03.2011

LINEA / ROUTE 16 FUSINA - ZATTERE

Validità/ Validity 26-27 febbraio e dal 03-08 marzo Services operated on 26-27 February and from 03 to 08 March

12


In rosso servizi effettuati il 26-27 febbraio e 03, 05, 06, 08 marzo Red indicates services operated on 26-27 February and 03, 05, 06, 08 March In blu servizi effettuati il 26 febbraio e 05 marzo Blu indicates services operated on 26 February and 05 March

Fusi an

13


Via Moranzani, 79  30176 Fusina – VE Info  041 5470160 www.terminalfusina.it

COLLEGAMENTI DIRETTI FUSINA-ZATTERE / FUSINA-ALBERONI / ZATTERE-ALBERONI Efficiente centro servizi pensato per riattualizzare l’antica vocazione di Fusina come porta storica della Serenissima, gestisce un grande parcheggio custodito per auto e pullman, e le linee di navigazione Fusina – Zattere, Fusina - Alberoni  e Zattere-Alberoni (Circolare LineafusinA). Da Fusina si può raggiungere Venezia in una ventina di minuti e in tutto relax, senza traffico né code, a bordo di comodi motoscafi. Il collegamento Fusina-Zattere è attivo tutto l’anno,

come la linea Fusina-Alberoni, che collega in mezzora la terraferma con la splendida spiaggia degli Alberoni e con l’ospedale San Camillo. Presente anche in centro storico a Venezia con un ufficio informazioni, cambiavalute, Internet e biglietteria, Terminal Fusina ha nella sua flotta motonavi in grado di trasportare fino a 300 passeggeri ed eleganti motoscafi per gite e cerimonie a Venezia, alle isole lagunari e lungo la Riviera del Brenta.

ORARI LINEA FUSINA-ZATTERE da FUSINA 8.00  9.00   10.00  11.00  12.00  13.00  14.00  15.00  16.00  17.00  18.00   19.00°  20.00° 21.00* 22.00*                                                                          

da ZATTERE 8.30   9.30   10.30   11.30  12.30  13.30  14.30  15.30   16.30  17.30  18.30 19.30°  20.30° 21.30*  22.30* °aprile-ottobre - *giugno-settembre

ORARI LINEA FUSINA-ALBERONI-SAN CAMILLO (fino a maggio) da FUSINA 7.30f     9.30      12.30    15.30    18.00                                                               

da ALBERONI-SAN CAMILLO 8.10f     10.15    13.10    16.10    18.40 f lunedì-venerdì

La pubblicità gira con noi Prossima fermata... la tua attività commerciale

Usiamo tutti i  nostri canali per portarvi nuovi clienti In distribuzione gratuita presso le biglietterie Vela ACTV ai turisti che acquistano un biglietto del trasporto pubblico.

14

Affidati ad uno staff di esperti in comunicazione che ti aiuterà a far conoscere la tua attività. Contattaci per un preventivo tel: 0412722674 e.pietrobon@velaspa.com Venet Sas: cell. 348 5818927 giovanni.pregnolato@venet.it


> Imob.venezia

16


17


news

>

benvenuti al carnevale 2011

Welcome to the 2011 Carnival Il Carnevale è la festa dedicata al divertimento. Balli in piazza, travestimenti, giocose trasgressioni, scherzi: è tutto concesso. A Venezia non mancano le occasioni, c’è solo da scegliere se partecipare ad un corteo storico con costumi d’epoca o se prendere parte alla sfilata di maschere in piazza San Marco. L’atmosfera della festa attrae tutti. Ogni maschera avrà l’occasione di esibirsi e di farsi coinvolgere e ogni travestimento sarà il benvenuto in una città abituata da sempre a vivere il Carnevale. Si inizia con il travestimento: dimenticatevi chi siete e cosa fate e lasciatevi andare alla fantasia. Vostra complice sarà la maschera e il costume che avete scelto. Basta coprirsi il volto con 18

una bauta, un tricorno in testa e un mantello nero e si è subito entrati nella magica atmosfera del Carnevale di Venezia. Poi ci sarà solo da scegliere a quali eventi partecipare per sentirsi parte di una città che è un palcoscenico a cielo aperto dove ogni figurante è parte di una fantasiosa commedia. Succede così, che girando per le strade si incontra Arlecchino che non mancherà di tirarvi addosso i coriandoli, Pulcinella che tenterà di intrattenervi esibendosi in acrobazie e un nobile veneziano con parrucca non mancherà di farvi l’inchino. Rispondete all’invito e prendete anche voi parte alla festa. Arrivati a piazza San Marco non ci si potrà più tirare indietro. E non fateci caso se vedrete Colombina danzare con

Zorro o se il Gatto con gli Stivali non smette di fare la corte a quella damigella che pensa solo ad esibire il suo ombrellino bianco in merletto. Un semplice tocco di colore sul viso basterà per esser scambiati per Pierrot e un paio di stivali alti rosso fuoco saranno sufficienti per trasformare la più timida delle persone in un diavoletto scatenato. È la magia della maschera che ti fa fare cose che nemmeno immagini. E chi non l’ha mai provata, inizi a darsi da fare: non c’è occasione migliore. Il mondo del travestimento appartiene a tutti, così come i campi di Venezia che diventano il palcoscenico per infinite storie che ogni anno ricominciano là dove sono state interrotte l’anno precedente.


The Carnival is all about having fun. Dances in the square, dressing up, playful transgressions, and jokes: anything goes. There is no shortage of opportunity in Venice, just the problem of choosing whether to join a historic procession in period costume or take part in the Masked parade in St. Mark’s Square. The festive atmosphere attracts everyone. Each mask is on show and will be caught up with the rest, and each disguise will be welcomed by this city where Carnival has always been part of its life. Let’s begin with the disguise: forget who you are and what you do, and let your imagination run free. Your mask and costume will be your accomplices. Just cover your face with a bauta and put a tricorn on your head and wrap a black cloak around you and you are already part of the magic atmosphere of Venice Carnival. Next you just have to choose which events you want to take part in to feel part of this city, which is an open-air stage where each walk-on is part of a fantastic comedy. As you

wander around the streets you will meet Harlequin who will cover you with confetti, Pulcinella who will want to entertain you with an acrobatic exhibition, or a Venetian noble wearing a wig who will courteously bow or curtsey to you. Accept the invitation and join in the party. When you reach St. Mark’s Square there is no turning back – you’ll probably see Columbine dancing with Zorro or Puss in Boots trying to woo the dame who just wants to show off her white lace parasol, don’t worry it’s all part of the fun. Just put some colour on your cheeks and they will think you are Perrot, or a pair of long fire red boots which turn even the shyest person into a raging demon. The magic of the mask will let you do things you never dreamed of before. If you have never tried then start working on it now: you will never get a better chance. The world of dressing up belongs to us all, like the Venetian squares that become stages for never-ending stories that start again every year where they were left off the year before.

> curiosity La bauta è la tipica maschera veneziana dipinta nei famosi quadri del Tiepolo e di Pietro Longhi, tanto comune da esser diventata il simbolo del Carnevale di Venezia. Indossata sia da uomini che da donne, veniva sempre abbinata ad un cappello tricuspide e ad un mantellino di pizzo nero che partendo dal capo si adagiava sulle spalle. Assicurava l’anonimato coprendo il volto e, grazie alla sua forma particolare, permetteva di parlare e mangiare senza mai svelare il volto di chi la indossava. The bauta is the typical Venetian mask that is seen in the famous paintings by Tiepolo and Pietro Longhi, so common that it has become the symbol of the Venice Carnival. Worn by men and women alike, it is always worn with a tricorn hat and a black lace shawl that flows down to cover the shoulders. Total anonymity is guaranteed behind the mask, and with its special shape you can eat or drink without ever having to show your face.

19


GRANDE ALBERGO AUSONIA & HUNGARIA

9LRIIULDPRO·LQFDQWR ,O ´&HQWUR GL 5LQJLRYDQLPHQWR /DQQD *DLDµ q LO SULPR HG XQLFR WHPSLR GHO EHQHVVHUH D 9HQH]LD LVSLUDWR DOO·DQWLFD WUDGL]LRQH ROLVWLFD 7DLODQGHVH RULJLQDULDGHOODUHJLRQH/DQQD 9LRIIULDPRO·LQFDQWRGLPRPHQWLGLDXWHQWLFRUHOD[ HFRFFROHLQXQDPELHQWHHVFOXVLYRYLRIIULDPREH QHVVHUHSHULOFRUSRODPHQWHORVSLULWR

9LRIIULDPRO·LQFDQWRGLXQDFXFLQDUDIÀQDWDLQXQ DPELHQWH HVFOXVLYR FRQ SLDWWL UHDOL]]DWL FRQ SUR GRWWL IUHVFKL H VHOH]LRQDWLVVLPL DO 5LVWRUDQWH  *UDQ%DU+XQJDULD 'XUDQWHODEHOODVWDJLRQHVLSXzFHQDUHVXOODVSOHQ GLGD WHUUD]]D GRYH DVVDSRUDUH XQR VFHQDULR HOH JDQWHHVXJJHVWLYR

7KH ´5HMXYHQDWLRQ &HQWUHµ /DQQD *DLD LV WKH PRVWH[FOXVLYHZHOOQHVVFHQWHULQ9HQLFH 2XUSKLORVRSK\LVLQVSLUHGE\WKHDQFLHQWKROLVWLF 7KDLWUDGLWLRQVRIZHOOEHLQJIURPWKHUHJLRQ/DQ QDLQ7KDLODQG :H RIIHU \RX WKH HQFKDQWLQJ H[SHULHQFH WR UHOD[ DQGUHMXYHQDWH\RXUPLQGERG\DQGVRXO

:HRIIHU\RXWKHFKDUPRIDUHÀQHGFXLVLQHLQDQ H[FOXVLYHHQYLURQPHQWZLWKDPHQXEDVHGRQWKH WUDGLWLRQDODQGJHQXLQHÁDYRXUVRIWKH,WDOLDQFXL VLQHDW7KH5LVWRUDQWH *UDQ%DU+XQJDULD ,QWKHEHDXW\RIWKHVHDVRQLW·VDSOHDVXUHWRKDYH GLQQHULQWKHURPDQWLFDQGVXJJHVWLYHDWPRVSKHUH RIWKH7HUUDFH

RISTORANTE & GRAN BAR HUNGARIA Via Doge D. Michiel 17/A - 30126 Venezia Lido tel. +39 041 5269703 - fax +39 041 770093 info@lannagaia.com - www.lannagaia.com rif. map | pag. 42-43

Gran Viale S.M.Elisabetta 28 - 30126 Venezia Lido tel. +39 041 2420060 - fax +39 041 5264111 info@hungaria.it - www.hungaria.it rif. map | pag. 42-43


VENETIAN HANDICRAFTS

maschere / Masks > Le maschere in carta pesta: la procedura Papier-mâché masks: The procedure > le maschere e il travestimento Masks and dressing up > le maschere in cuoio Leather masks costumi / Costumes > i costumi del carnevale veneziano Venetian carnival costumes ACCESSORI / ACCESSORIES > accessori per il carnevale Carnival accessories oggetti / Articles > MARIONETTE DI LEGNO E PUPAZZI WOOD MARIONETTES AND PUPPETS

Courtesy of Venezia Marketing & Eventi

special section

> L’ARTGIANATO VENEZIANO

> artigianato Handicrafts

Venezia conta una tradizione antichissima nella realizzazione artigianale di maschere. Queste erano così richieste ai tempi della Serenissima da impegnare in città un notevole numero di “maschereri”, professione estremamente diffusa e ben documentata. Ad oggi, pochi artigiani continuano nell’antico mestiere, ma chi si è avviato a questa complessa professione ha maturato una tale capacità da aver reso queste maschere così belle da esser richieste da appassionati provenienti da ogni parte del mondo. Una maschera artigianale può richiedere fino a due settimane di lavoro e una preparazione artistica che solo la frequenza all’Accademia delle Belle Arti e molto studio possono assicurare. Entrare in un laboratorio artigianale di maschere a Venezia e parlare con un artigiano significa confrontarsi con una persona che dispone di una preparazione culturale che vi lascerà stupiti. Vale la pena di ricordare che l’artigianato artistico produce pezzi unici e inimitabili e che nei laboratori non esiste la produzione in serie. Per questo non possono esistere due maschere perfettamente uguali e difficilmente il costo può essere inferiore ai 50 euro.

The Venetian mask-making traditions go back hundreds of years. The masks were so highly sought after during the times of the Serenissima Venetian Republic, that a large number of “mask makers” were kept busy, a very widespread trade that has been well documented. Nowadays just a few craftsmen continue this ancient craft, but those who have undertaken it have become so skilled that their masks are so beautiful they are requested by enthusiasts from all over the world. It can take up to two weeks to make a handmade mask and an artistic preparation that only those who have attended the Fine Arts Academy and studied very hard can achieve. If you enter the workshop of a mask maker in Venice and talk to the craftsman, you will be amazed at their cultural level. You must remember that these artistic craftspeople produce unique, unrepeatable items and there is no mass production in their workshops. This means that there are never two masks alike and rarely do they cost less than 50 Euros.

21


> artigianato Handicrafts LE MASCHERE IN CARTAPESTA: LA PROCEDURA

PAPIER MACHE MASKS: THE PROCEDURE

Le maschere di cartapesta nascono da un modello realizzato in argilla. Si crea inizialmente un volto che può essere fedele ai tratti di una persona o, come spesso accade, avere tratti del viso estremamente evidenziati e sporgenti. È importante che la maschera risulti carica di espressività. Il modello in argilla viene lavorato con le

Papier-mâché masks are made from a clay model. First of all the face is created which can look like somebody in particular or, as often happens, can have very prominent features. What counts is that the mask is as expressive as possible. The clay model is worked by hand with simple tools that allow “digging” out the material. The procedure is far from simple, and is very like the

22

mani e con semplici strumenti asciugatura del tutto. Dopo che permettono di “scavare” la di che, dal calco in negativo, si estrae la maschera, si materia. sagomano occhi e narici e si rifinisce il contorno. Uno strato La procedura, per nulla di stucco sulla superficie semplice, si avvicina in tutti i permette poi al colore di esser sensi al lavoro dello scultore assorbito meglio. A questo che toglie la materia per punto inizia la decorazione dar vita ad un oggetto. Sul vera e propria che può esser modello viene poi gettata una fedele ai colori delle maschere colata di gesso di alabastro della Commedia dell’Arte o dal quale, tolta l’argilla, si vedere le realizzazioni più ricava un calco in negativo. fantasiose ed elaborate. Questo calco viene quindi Possono esser usati colori a rivestito con vari strati di tempera o acrilici. Può esser fogli di carta vegetale resi necessaria una patina di consistenti da strati di colla. cera per dare lucidità e per Per ultimo viene messo uno strato di garza. Sono necessari proteggere il colore nel tempo. più giorni per una perfetta

work of a sculptor who chips away at the material to create something. An alabaster cast is then poured over the model, and when the clay is removed the negative mould is formed. The mould is then covered with several layers of vegetable paper that are strengthened by coats of glue. Last a layer of gauze is spread over it. It takes a number of days for it to dry completely. The mask is then extracted from the negative www.tragicomica.it

mould, the eyes and nostrils are shaped and the contour is refined. A layer of stucco on the surface helps the colour to absorb better. This is when the real decoration phase begins, which can be true to the colours of the Art Comedy masks or as imaginative and elaborate as possible. Tempera or acrylic paints can be used. A coat of wax may be added to give gloss to the mask and protect the colours. rif. map | pag. 42-43


> artigianato Handicrafts le maschere e il travestimento Masks and dressing up

Venezia ha un’esigenza quasi naturale a dare spazio allo spettacolo. Lo sa bene chi di mestiere fa l’artigiano. Legati indissolubilmente al mondo della creatività e della fantasia, entrare in un laboratorio di maschere vuol dire accettare di lasciare da parte la razionalità e capire dove porti l’interpretazione di un personaggio diverso da noi. Venezia sembra fatta proprio per dare spazio alle maschere. Ogni angolo e ogni piazza sembrano pensati per ospitare una rappresentazione teatrale. Una sorta di palcoscenico diffuso dove le maschere danno vita ogni giorno ad una storia diversa. La maschera porta in sé la voglia di trasformarsi e di cambiare, di nascondersi e di osservare gli altri senza farsi notare. Ma ancor di più, la maschera rivela la voglia di trasgredire e di lasciarsi andare e recitare la parte di un personaggio magari lontano dalla nostra quotidianità. Venezia, in questo, ha sempre saputo accontentare chi cerca di vivere in un luogo fuori dal tempo. Entri in un laboratorio di maschere e ti ritrovi in una sorta di fiaba…

Venice just has to put on a show, and the craftspeople are fully aware of this. With that unbreakable bond that has been formed with the creative and fantastic world, entering a mask workshop means agreeing to put aside reason and understand where playing a character other than ourselves will lead us. Venice seems to be custom built to host masks. Each corner and square seems to be designed for a theatrical show. A widespread stage where every day the masks give life to a different story. The mask itself means the desire to change, to hide and to observe others without being seen. More than that however, the mask reveals the desire for transgression and letting go, to play the part of a personality who may be very far removed from our everyday life. Venice has always known how to satisfy whoever wants to live in a timeless place. Enter a mask workshop is like entering a fairy story ...

rif. map | pag. 42-43

21


> artigianato Handicrafts maschere in cuoio

Il laboratorio si trova a San Marco - 1736 The workshop is in St. Mark’s Square - 1736

Le maschere in cuoio prendono forma da una matrice in legno dalle quale ogni singola piega espressiva si modella. Venezia ha la fortuna di avere una delle poche persone al mondo che ancora creano maschere in cuoio. Lui è Carlo Setti, maestro artigiano che trasforma il cuoio per dargli la concretezza delle emozioni. Le sue maschere sono una rappresentazione ferma nel tempo, ma altrettanto viva, di quello che la vita ti mette davanti: paura, rabbia, invidia, tristezza, felicità. Un fermo immagine degli stati d’animo che ti aiutano a capire le emozioni visto che queste non sempre sono così pazienti da farsi analizzare. Ma la maschera non ha fretta. Quell’espressione stampata sulle pieghe del cuoio è immobile, lì ferma a farsi studiare. Le maschere sono quasi un’antologia degli stati dell’animo che non devono mai soffocare l’espressione di chi le indossa, anzi. La maschera è necessariamente uno strumento per esprimere se stessi, per dar corpo e consistenza ai pensieri. Ecco allora che il travestimento altro non è che un modo per scoprire come si è veramente e cosa si sente di voler raccontare. Ed è così che va in scena il Carnevale. E siccome dietro ad ogni maschera c’è sempre una persona, l’incontro di queste non può che generare felici intrecci.

Leather masks are made from a wooden mould where each single expression line is modelled. Venice has the great fortune of having one of the few people in the world who still make leather masks. His name is Carlo Setti, master craftsman who transforms the leather so that it can express any feeling. His masks are a representation that is suspended in time, but still alive, expressing what life puts before us: fear, anger, envy, sadness, happiness. Fixed images of man’s moods which help understand the emotions, which in life are not always patient enough to be analysed. But masks are not in a hurry. The expression that is printed on the leather folds is immobile, waiting to be studied. The masks are almost like an anthology of the emotions that must never suffocate the expression of who is wearing them, just the opposite. The mask is a tool to express oneself, to give life and form to one’s thoughts. This way dressing up is another way to discover who we really are and want we want to tell. This is how the Carnival takes the stage and because there is always a person behind each mask, the meeting between them can only be happy.

Leather masks

24

rif. map | pag. 42-43


venice by tag Un cellulare* e un click sul QR Code negli approdi del trasporto pubblico, lungo il Canal Grande, per entrare in un ŵŽŶĚŽĚŝŝŶĨŽƌŵĂnjŝŽŶŝƵƟůŝ͘ Potrai accedere alle news e alle informazioni su: - trasporto pubblico ͲŝƟŶĞƌĂƌŝĐƵůƚƵƌĂůŝ ͲůƵŽŐŚŝĚŝŝŶƚĞƌĞƐƐĞƉŝƶǀŝĐŝŶŝ͘

linee

routes

percorsi paths

prossimità proximity

accessibilità accessibility

eventi events

news news

Use your cell phone* to click on the QR Code at the landing terminals of public transport routes along Canal Grande to enter the ǁŽƌůĚŽĨƵƐĞĨƵůŝŶĨŽƌŵĂƟŽŶ͘ * ^ĞƐĞŝƐƉƌŽǀǀŝƐƚŽĚŝƐŽŌǁĂƌĞƉĞƌůĂĚĞĐŽĚŝĮĐĂĚĞůYZŽĚĞĚŝŐŝƚĂů͛ŝŶĚŝƌŝnjnjŽͬ

ŝĨ LJŽƵ ĚŽ ŶŽƚ ŚĂǀĞ Ă ƐŽŌǁĂƌĞ ƚŽ ĚĞĐŽĚĞ ƚŚĞ YZ ŽĚĞ ŐŽ ƚŽ

w w w . m o b i l e . h e l l o v e n e z i a . c o m9


> artigianato Handicrafts ACCESSORI PER IL CARNEVALE CARNIVAL ACCESSORIES

rif. map | pag. 42-43

24 rif. map |

pag. 42-43

Quest’anno il Carnevale di Venezia è dedicato all’Ottocento e alla figura della donna. Di rigore saranno quindi le ampie gonne sostenute da crinoline, sottogonne rigide per creare volume e bustini aderenti per sottolineare la figura. I costumi possono anche essere noleggiati per il solo tempo di permanenza in città. Soluzione scelta da chi preferisce ogni anno cambiare abito per Carnevale. Un mantello e un tricorno di buona fattura possono da soli costituire un costume per il Carnevale. L’effetto che si ottiene dipende molto da chi lo indossa e da quanto riesce ad entrare nella parte del personaggio che interpreta. Poi c’è chi punta molto sui particolari abbinando al costume una maschera molto ricercata o un paio di scarpe molto carnevalesche. Impossibile dettare legge sotto Carnevale. La moda non è sufficientemente forte per imporre un trend da seguire. Quando poi si mette di mezzo la possibilità di trasgredire è più facile che le persone siano attratte dall’idea di non conformarsi alle altre maschere cercando piuttosto l’esclusività di un abito.

This year the Venice Carnival is dedicated to the 19th century and women. Therefore large crinoline skirts are a must, with stiff underskirts to give them volume, and close fitting busts to emphasise the figure. The costumes can be hired for the time you are in Venice, which is the best choice if you prefer to change your costume every year for Carnival. A well made cloak and tricorn can be sufficient to dress up for Carnival. The effect that is achieved depends on who is wearing them and how well they manage to enter the part they are playing. Others may concentrate on details matching a very refined mask or a pair of fun shoes. There are no rules when it is Carnival time. Fashion is not strong enough to impose a trend on it, and when there is the chance of transgression then it is far more probable that people are attracted by the idea of being different from the other masks and want to wear something unique.


> artigianato Handicrafts i costumi del carnevale

Carnival costumes L’abito della principessa Sissi è già pronto, così come le uniformi che gli uomini usavano nell’Ottocento. Chi vuol vivere il Carnevale di Venezia da protagonista non può non indossare un costume. Solo a guardare le creazioni dell’Atelier Nicolao di Venezia ti senti immerso in un mondo dove il colore e la fantasia dominano su ogni cosa. Stoffe pregiate, sete lucenti, abiti da sogno e rigore sartoriale: l’artigianato artistico di Venezia è conosciuto in tutto il mondo grazie alle creazioni di Nicolao. I teatri più importanti al mondo e gli artisti più richiesti gli commissionano continuamente costumi di scena. Non c’è particolare che non sia studiato nei minimi dettagli e non c’è costume d’epoca che non richieda un attento studio d’archivio per esser realizzato. Le stoffe sono tra le più pregiate. Il risultato è un abito che farebbe sentire chiunque il protagonista della scena. Chi sceglie la stravaganza e chi si lascia trasportare dalla moda del momento, chi ha una forte personalità e impone il suo gusto e chi si affida al tema del Carnevale in corso. Ogni desiderio viene esaudito. I prezzi dei costumi possono essere anche impegnativi, ma mai esagerati. Commissionato un abito sartoriale di Carnevale, si porta a casa un vestito che ha un suo valore. L’artigianato è così, costa fatica e tanta preparazione ed ha un suo prezzo.

www.nicolao.com rif. map | pag. 42-43

Princess Sissi’s gown and the men’s uniforms from the 19th century are ready. If you want to be part of the Venice Carnival you have to wear a costume. Just looking at the creations in the Nicolao Atelier in Venice you feel you have entered a world where colour and fantasy dominate everything else. Precious fabrics, glossy silks, dream gowns and tailoring rigour: Venetian artistic crafts are known around the world thanks to Nicolao’s creations. The most important international theatres and leading stars constantly order their stage costumes from him. Every single detail is scrupulously studied and each period gown is the result of very precise archive research. Only the most precious fabrics are used. The result is a gown that makes anyone feel like the leading lady. Perhaps you prefer something extravagant, or want to follow current fashion, there are those who have a strong character and want to impose their taste, and others who follow the theme for the Carnival of the year – no matter, each wish is satisfied. The costumes may be expensive, but never overly so. By ordering a tailor-made Carnival costume, you take a very valuable gown home with you. Craftsmanship is just that – it takes a lot of effort and preparation and it deserves the just price.

27


> artigianato Handicrafts

Photo: courtesy of Marionettes in Venice & L’Isola di Pinocchio

MARIONETTE DI LEGNO E PUPAZZI

WOOD MARIONETTES AND PUPPETS

Un Pinocchio di legno a cui mancano ancora le scarpette e un Jolly che ogni volta che si muove fa suonare i suoi campanellini. Il Medico della Peste è già pronto con il suo abito rifinito di pelliccia e muove già i primi passi verso i compagni d’avventura. Può essere carnevale ogni giorno dell’anno con i burattini e i pupazzi del laboratorio di Roberto Comin, artigiano veneziano, che ha deciso di dedicare le sue giornate a costruire marionette e pupazzi. Cappellini che sono una perfetta riproduzione del tricorno veneziano, zoccoli tanto precisi e rifiniti da permettere un perfetto movimento del piede delle marionette, fili che fanno muovere mani e braccia in modo coordinato. In

28

questo lavoro la precisione è importante quanto l’estro creativo che ti fa creare Dracula o Mangiafuoco per poi passare alla dama del Settecento e Arlecchino. Le marionette già pronte se ne stanno lì buone ad aspettare che qualcuno dia vita ad una storia da raccontare. E nel frattempo il suo creatore ogni tanto ci scambia pure qualche parola. La precisione dei particolari di queste marionette è impressionante. L’atmosfera del laboratorio di Roberto Comin, tutto in legno, bene si presta ad esser quasi il palcoscenico di un teatro. È la fantasia di chi prende in mano i fili delle marionette a dar vita al dialogo. E basta molto poco perché venga la voglia di provare a far muovere le marionette. Un attimo e si torna indietro all’infanzia quando guardare negli occhi una marionetta e mettersi a parlare con lei era la cosa più ovvia di questo mondo. Su altre mensole stanno appoggiati i pupazzi in gesso www.marionettesinvenice.com

di alabastro. Poco più alti di 20 centimetri, i pupazzi indossano abiti così rifiniti da far intendere che c’è una mano sartoriale ad averli confezionati. Lo smalto lucido delle scarpe nere di Pulcinella e le sue calze rosso fuoco nulla hanno da invidiare al colorato vestito di Arlecchino, già in posa quasi fosse pronto ed esibirsi. Quasi due settimane di lavoro per una marionetta, la produzione di Roberto Comin non può che esser limitata. Libri ordinatamente riposti in laboratorio ti fanno capire che fare marionette e pupazzi richiede anche molto studio: trovare il colore giusto per un abito del Settecento, rifinire un particolare secondo i costumi di epoche passate. Le marionette hanno una loro personalità che deriva anche dal loro originario creatore che spesso si perde nel tempo. Ricostruire la storia di una marionetta significa conoscere il teatro e saperne di letteratura. Poi si passa alla manualità. rif. map | pag. 42-43


A wooden Pinocchio who still has no shoes, and a Jolly that rings its bells each time it moves. The Plague Doctor is ready with his fur trimmed suit, and takes his first steps towards his companions in his adventures. It can be carnival every day of the year with the marionettes and puppets that are made in Roberto Comin’s workshop, a Venetian craftsman who decided to dedicate his time to making them. Small hats that are perfect reproductions of the Venetian tricorn, precise little clogs that are so perfectly finished that the marionette can move its feet with total ease, wires to give coordinated movement to the hands and arms. The precision in his work is as important as his creative gift, to make Dracula or Mangiafuoco or 18th century dames and Harlequin. The marionettes that are ready

wait there for somebody to give life to a story to be told. In the meantime their creator sometimes talks to them. The precision in the details of the marionettes is really impressive. The atmosphere in Roberto Comin’s workshop, entirely in wood, is ideal to be a theatre stage, where the imagination of who moves the marionettes’ wires gives life to the dialogue. Little encouragement is needed to try and move one of them, just a moment and you fly back to your childhood when you used to look into the eyes of a marionette and talk to it as if it were the most natural thing in the world. On some other shelves there are the alabaster chalk puppets, little more than 20 centimetres tall their clothes are so sophisticated it looks as if they were made by a professional dressmaker.

The glossy enamel on Pulcinella’s black shoes and her fiery red stockings are just as lovely as Harlequin’s colourful clothes, who is already waiting and ready to put on a show. It takes almost two weeks to make a marionette, meaning that Roberto Comin’s production is obviously limited. The rows of books in his workshop also testify that it takes a lot of research to make marionettes and puppets: finding the right colour for an 18th century dress, finish a detail that is true to the period costumes. The marionettes have their own personality that comes from their original creator, which is often lost in time. Reconstruct the story of a marionette means knowing about the theatre and literature, to then add the manual skills.

29


special section

> gastronomia Gastronomy frittelle

(doughnuts)

>

Venezia dà il meglio di sé anche in fatto di pasticceria. Chi viene a Venezia per Carnevale non può non assaggiare le frittelle alla “venexiana”. Farcite con pinoli o uvetta, sono fatte di una pasta lievitata a base di farina, uova e latte. Richiedono un lungo tempo di lievitazione e vengono poi fritte nell’olio. Cosparse di zucchero, possono esser aromatizzate con grappa o scorza di limone. Indispensabile rivolgersi ad un laboratorio artigianale se si vuole gustare un dolce che viene fatto solo in occasione del Carnevale. Esistono numerose varianti farcite con crema, zabaione, mele.

Venice also shows its best when it comes to cakes. When you come to the Venice Carnival you just have to taste the Venetian doughnuts, filled with pine nuts or raisins, they are made from leavened dough of flour, eggs and milk. They are left a long time to rise and they are then fried in oil, sprinkled with sugar, and they can also be aromatised with grappa or lemon rind. You should go to the homemade confectioners if you want to taste a cake that is only made for Carnival, and try the variations filled with cream, zabaione or apples. www.rosasalva.it

specialità di carnevale Carnival specialities > frittelle > galani

galani Pasta friabile fritta, i galani, così chiamati in Veneto, sono una golosità da non perdere. Fatti a base di farina e uova, la pasta deve essere una sfoglia sottile per risultare friabile e leggera. Bene si abbinano con spumanti dolci o vini liquorosi. I galani vengono prodotti dalle pasticcerie veneziane da gennaio e per tutto il periodo di Carnevale. Vengono venduti spolverati di zucchero a velo anche dai fornai.

30

Crumbly fried pastry, galani as they are called in Venice, really have to be tried. Made from flour and eggs, the pastry must be very fine so that it remains crumbly and light. They are excellent with sweet spumante or liqueur type wines. Venetian confectioners begin making the galani in January through to when Carnival ends. They are sold sprinkled with icing sugar in bakeries as well.


rif. map | pag. 42-43

rif. map | pag. 42-43

29


19th century Venice Il Carnevale 2011 “Ottocento, da Senso a Sissi – La città delle donne” è dedicato alla rievocazione dell’800, secolo che vide nascere i primi motti indipendentisti fino alla costituzione del Regno d’Italia. Sotto la direzione artistica di Davide Rampello, il Carnevale di Venezia 2011 omaggia le eroine post romantiche e la conquistata Unità d’Italia che celebra quest’anno i suoi 150 anni. Caduta la Repubblica della Serenissima nel 1797, il primo dominio austriaco non tollerò più gli stili di vita a cui da sempre erano abituati i veneziani. Nell’Ottocento si iniziò a proibire l’uso della maschera fuori dal Carnevale che si limitava a feste strettamente private ed élitarie come il “Ballo della Cavalchina” al Gran Teatro “La Fenice”. Nel secolo XIX, Venezia, da capitale, viene ridotta 32

a provincia dell’Impero napoleonico prima e quindi di quello austro-ungarico, per venire unita al Regno d’Italia nel 1866. La vita culturale veneziana rimase comunque piuttosto vivace durante tutto il secolo anche nel campo artistico, notevole fu soprattutto il livello della pittura (Caffi, Ciardi, Favretto, Nono, Brass, Milesi, ecc.) e dell’architettura (Selva, Jappelli, Meduna, Fuin, Boito, Salvadori, e, nel momento Liberty, Sullam, Torres, ecc.).

© Teatro La Fenice - Venezia photo: Michele Crosera

news

>

‘800 a venezia

offre molte suggestioni per provare ad immaginare stili e costumi del secolo in questione. Il Gran Teatro “La Fenice”, nell’Ottocento, segna la presenza di tutte le maggiori voci dell’epoca e l’affermazione di Rossini grazie alle farse date al Teatro di San Moisè.

Per chi vuole seguire, nel proprio costume di Carnevale, il tema proposto per quest’anno, può ispirarsi ai costumi del film di Luchino Visconti “Senso”. Il film drammatico, interpretato da Alida Valli e da Farley L’Ottocento ha lasciato Granger, girato a Venezia, importanti segni nell’architettura che possono racconta la tormentata vicenda d’amore della esser visti sia in edifici contessa Livia Serpieri, pubblici che in quelli privati. ardente patriota, e il tenente Dal Museo Correr (in piazza austriaco Franz. In parte San Marco), al Gran Teatro girato a Venezia anche “La Fenice”, dai Giardinetti il celebre film “Sissi, il Reali a Via Garibaldi (nel destino di un’imperatrice” sestiere di Castello), fino interpretato da Romy ad arrivare alla Stazione Ferroviaria austriaca, Venezia Schneider.


“Senso”

“Sissi”

The 2011 Carnival “19th Century, from Senso to Sissi – the city of women” is dedicated to the 19th century, the century when the first independence movements began until the Kingdom of Italy was formed. With the artistic direction of Davide Rampello, the 2011 Venice Carnival pays tribute to the post-romantic heroines and the conquest by Italian Unity, which celebrates 150 years this year. When the Serenissima Republic fell in 1797, the first Austrian rule could no longer tolerate the lifestyle that the Venetians were used to. In the 18th century they began to forbid the use of masks outside of Carnival, which was limited to strictly private, elite parties such as the Cavalchina Ball in the La Fenice Theatre. In the 19th century, Venice was the capital but was reduced to a

province of the Napoleonic Empire first, and then the Austrian-Hungarian one after, to then become united in the Kingdom of Italy in 1866. However, cultural life in Venice still remained quite lively throughout the century, including artistically, the level of painting (Caffi, Ciardi, Favretto, Nono, Brass, Milesi, etc.) and architecture (Selva, Jappelli, Meduna, Fuin, Boito, Salvadori, and during the Liberty era, Sullam, Torres, etc.) was notable. The 19th century left important marks on architecture, which can be seen in public and private buildings. The Correr Museum (in St. Mark’s Square), the “La Fenice” Theatre, the Royal Gardens in Via Garibaldi (in the Castello district), through to the Austrian style railway station, Venice offers numerous opportunities

to try and imagine the styles and costumes of that century. In the 19th century the “La Fenice” Theatre was the stage for the leading voices of the era and Rossini was affirmed in Venice, thanks to the farces that were staged in the San Moisè Theatre. If you want to follow the Carnival theme this year in your costume, you can take inspiration from the costumes in the film “Senso” by Luchino Visconti. This dramatic film starred Alida Valli and Farley Granger and was filmed in Venice, telling the tormented love story of Countess Livia Serpieri, an ardent patriot, and the Austrian lieutenant Franz. The famous film “Sissi, fateful years of an Empress” interpreted by Romy Schneider was also partly filmed in Venice.

33


Courtesy of Tragicomica

news

>

Exclusive parties in palazzos, where masks and costumes are compulsory: lucky if you are invited. Sometimes, behind the mask of an 18th century noblewoman there really is a princess incognito who wants to enjoy a night of Carnival in Venice in a sumptuous palazzo on the Grand Canal. Whoever is lucky enough to be invited to the parties in Ca’ Pisani Moretta, can go to the palazzo by gondola. Soft lighting and candlelight illuminate the water side, chamber music flows through the large halls, sumptuous dinners and balls until dawn. Venice is the ideal setting to relive the magnificence of noble Venetian life. In the past the Venetians certainly knew come divertirsi, non solo Esclusive feste a palazzo how to enjoy themselves, a Carnevale. Predisposti dove la maschera e il and not just during the costume sono rigorosamente all’intrattenimento teatrale, Carnival. Always ready to go quando i nobili non si obbligatori: fortunato chi ci the theatre, if there were no divertivano in occasioni può andare. A volte, dietro public occasions to go to pubbliche, non si facevano al costume di nobil donna the nobles would organise mancare feste nei palazzi del Settecento, c’è davvero private parties. The Venetian privati. A Venezia la una principessa che in jet set life and good living incognito è arrivata a Venezia mondanità e il bel vivere were the school for everyone hanno fatto scuola. A per una notte per godersi il else. During Carnival the Carnevale quelle atmosfere Canevale in un lussuoso ed same atmosphere is relit and si riaccendono e si torna a esclusivo palazzo sul Canal the most genuine meaning rivivere il senso più autentico of Carnival is experienced: Grande. Chi ha la fortuna del Carnevale: trasgressione transgression and abandon di esser invitato alle feste e abbandono ai sensi. Con la of the senses. With showbiz di Ca’ Pisani Moretta, arriva presenza di personaggi dello people there like Maurice a palazzo direttamente in spettacolo come Maurice gondola. Candele e luci Agosti, the complicity of Agosti, con la complicità soffuse illuminano la riva the masks that guarantee della maschera che assicura everyone total anonymity, d’acqua dei palazzi, musica l’anonimato, con spettacoli da camera risuona negli with dances in costume, ampi saloni, sontuose cene e di danza in costume, tutto everything goes. Surprise viene concesso. La sorpresa is one of the main elements balli fino a mattino inoltrato. è uno degli elementi di Venezia si presta bene ad of the parties, because queste feste: non si sa mai essere palcoscenico per you never know who has rivivere gli sfarzi della nobiltà chi è stato invitato e cosa been invited or what could veneziana. Nei secoli passati succederà. happen. i veneziani sapevano bene

feste a palazzo

Parties in palazzo

34


news Courtesy of Marco Bertin

>

poesia erotica Erotic poetry

Venezia era conosciuta anche per la sua frivolezza e libertà di costumi. Famose in tutto il mondo le avventure erotiche di Giacomo Casanova e i canti del poeta erotico Giorgio Baffo (16941768). Di lui si dice “poeta dell’amore che ha cantato con la massima libertà”. Noto per la sua licenziosità, Giorgio Baffo, è ancora soprattutto conosciuto per i suoi testi erotici ma vanta numerosi testi storico sociali. Spesso criticato da un miope moralismo, Giorgio Baffo ha oggi eccellenti discepoli. La compagnia De Calza “I Antichi” è da tempo impegnata nella rivalutazione della poesia erotica e della passione dominante. Quest’anno la compagnia organizza il 19° festival della poesia erotica riservato alle sole donne, gli uomini parteciperanno solo fuori concorso. In campo San Maurizio, l’ultimo giorno di Carnevale, l’8 marzo, ci sarà la lettura in pubblico delle poesie erotiche in concorso. Un evento speciale arricchirà quest’anno il Festival: il “Premio Gnaga” per la Drag Queen più erotica, con la partecipazione straordinaria di Maurice Agosti, uno dei personaggi veneziani più trasgressivi.

Venice was also well known for its frivolity and free morals. The erotic adventures of Giacomo Casanova and the poems by the erotic poet Giorgio Baffo (1694-1768) are famous around the world. It is said of him he was “a poet of love who sung with total freedom”. Renowned for his bawdiness, Giorgio Baffo is still mainly known for his erotic verses, but he also wrote several historic social texts as well. Often criticised by short-sighted moralists, Giorgio Baffo now has some excellent disciples. La “Compagnia De Calza – I Antichi” has been working for some time to restore erotic poetry and dominating passion. This year the company is organising the 19th festival of erotic poetry, which is reserved just for women, men will only be able to take part outside the contest. On the last day of Carnival, 8th March, the erotic poems that competed will be read in public in Campo San Maurizio. A special event will enrich the Festival even further this year: the “Gnaga Prize” for the most erotic Drag Queen, with the extraordinary participation of Maurice Agosti, one of the most transgressive Venetians. www.iantichi.org

rif. map | pag. 42-43

33


> curiosità

Courtesy of Venezia Marketing & Eventi

domenica 27 febbraio sunday 27th february

© Teatro La Fenice - Venezia photo: Michele Crosera

Il gran ballo della Cavalchina The Great Cavalchina Ball

34

Il Volo dell’Angelo è sempre stato considerato l’evento di apertura del Carnevale di Venezia. Per la sua spettacolarità richiama spettatori da ogni parte del mondo che vogliono essere presenti ad un evento scenico che non ha pari. Dal Campanile di San Marco, in una piazza gremita di maschere all’inverosimile, si lancia una figurante con ali di colombina. A metà del percorso questa lascia andare coriandoli che il vento disperde su tutta la piazza. Una folla festante con il naso rivolto verso il campanile segue il tragitto fino all’arrivo sul palco di piazza San Marco.

The Angel’s Flight has always been considered the opening event for the Venice Carnival. It is quite spectacular and attracts visitors from all over the world who want to witness this scenic show that has no equals anywhere else. In St. Mark’s Square a figure is launched from the top of the bell-tower with columbine’s wings and flies over the heads of the masked throng that fills the square. Halfway across he releases confetti that are caught by the wind and spread all over the square. The festive crowd gazing up at the bell tower follows the figure’s progress until it reaches the stage of St. Mark’s Square.

Si annuncia come l’evento più spettacolare ed esclusivo del Carnevale di Venezia. Il più celebre dei balli in maschera si tiene nella platea del Gran Teatro “La Fenice”. Liberato dalle poltroncine, il teatro si trasforma in sala da ballo e il palcoscenico ospita numerosi spettacoli ispirati ai gala del primo ‘800. Musiche eseguite dal vivo, animazioni d’epoca, giochi e stravaganze rendono questo evento il più blasonato della città. A mezzanotte, il teatro si trasforma in discoteca e iniziano balli con musica caraibica fino al mattino. Il ballo si terrà sabato 5 marzo 2011.

This is the most spectacular and exclusive event during Venice Carnival. The most famous masked ball that is held in the stalls of the “La Fenice” Theatre. With all the seats removed the theatre becomes a large ballroom and the stage houses several different shows inspired by early 19th century galas. Live music, period entertainment, games and extravagances make it the most sought after event in the city. At midnight the theatre becomes a discotheque, and dancing begins to the rhythm of Caribbean music through till dawn. The ball will be held on Saturday 5th March 2011. Courtesy of Venezia Marketing & Eventi

il volo dell’angelo The Angel’s Flight


Curiosity <

El svolo dea pantegana (The rat’s flight)

Courtesy of Venezia Marketing & Eventi

domenica 20 febbraio sunday 20th february

Courtesy of Venezia Marketing & Eventi

siora maschera (Lady Mask)

Il coordinamento nazionale delle associazioni remiere organizza la più divertente e popolare delle feste: il volo della pantegana (ovvero, il topo che vive nei canali). Un corteo di barche a remi con rematori vestiti in maschera e barche decorate a festa, tra due rive della Fondamenta di Cannaregio, assiste prima alla benedizione della pantegana, la regina di Venezia, e poi al suo lancio in canale. La manifestazione, in modo ironico, vuole richiamare l’attenzione alle problematiche della città e al pericolo di estinzione dei suoi residenti. Nessuno si augura che Venezia rimanga popolata solo da pantegane.

The national coordination of rowing associations organises the most entertaining and popular party: the rat’s flight (or rather, the rat that lives in the canals). A procession of rowing boats, with the rowers dressed in costumes and festively decorated boats, passes between the banks of the Cannaregio Fondmenta, where there is first the blessing of the rat, the Queen of Venice and then it is launched into the canal. The event wants to be an ironic recollection of the problems that the city faced and the risk of its population being extinguished by the plague. Nobody wants Venice to be inhabited by just rats.

L’usanza di mascherarsi a Venezia è molto antica e assai comune e non era limitata al solo periodo del Carnevale. La Maschera era quasi una sorta di abito di uso corrente al punto che, quando si incontrava una persona mascherata, si era soliti rivolgersi a lei dicendo “Buon giorno signora maschera” senza curarsi troppo di chi fosse ad indossarla. Ai tanti stranieri che frequentavano Venezia, la città doveva sembrare intrigata in una sorta di Carnevale senza fine tanto era labile la distinzione tra vita quotidiana e festa. Salutate quindi anche voi le maschere in questo modo.

The habit of wearing masks is very ancient in Venice and very common as well, and it was not just limited to Carnival. The mask was a sort of common dress to the extent that, when you met a masked person, the normal way of greeting him or her was “Good day Lady Mask”, without being concerned about who was wearing it. To all the foreigners who visited Venice, the city must have seemed to be involved in a sort of endless Carnival, as it was so hard to distinguish between daily life and festivities. So when you see the masks, greet them in the same way.

35


special section

> da non perdere Not to be missed Sabato 26 febbraio Saturday 26th February

FESTA DELLE MARIE

arte > Sogno veneziano Venetian Dream museo correr 4 febbraio - 8 marzo 4th feb. - 8th march

eventi > Casinò Burlesque

38

Courtesy of Venezia Marketing & Eventi

> tradizione > Festa delle Marie Sabato 26 febbraio saturday 26th feb.

Le origini di questa festa sono lontane (siamo nell’anno 943) ma di certo si sa che, il 2 febbraio, a Venezia era usanza celebrare il giorno della benedizione delle spose, durante il quale venivano benedetti collettivamente, presso la Basilica di San Pietro di Castello, i matrimoni di dodici fanciulle, scelte tra le più povere e belle della città. È stato il regista veneziano Bruno Tosi a voler ripristinare questa antica usanza e contestualizzare il patrimonio del passato in chiave un po’ più contemporanea. L’intera città ha ormai fatto proprio questo momento cardine del Carnevale di Venezia. Gli ingredienti per vivere una favola ci sono tutti: le belle damigelle in abiti sontuosi, il corteo di maschere con più di 500 figuranti che da San Pietro di Castello accompagnano le Marie fino a Piazza san Marco e infine la proclamazione della Maria più bella.

This festival originated a very long time ago in 943, but we know that on 2nd February Venice used to celebrate this day for the blessing the brides, during a collective blessing in the Basilica of St. Peter in Castello of the weddings of twelve young girls, chosen among the poorest and most beautiful in the city. The Venetian film director Bruno Tosi decided to restore this ancient custom and bring the heritage of the past up to date in a more modern key. The entire city now loves this key point in Venice Carnival. There are all the right ingredients to live a fairy tale: the lovely brides in their beautiful gowns, the procession of masks with more than 500 people who accompany the Marias from St. Peter in Castello to St. Mark’s square and, finally, the most beautiful Maria is chosen. rif. map | pag. 42-43


Venetian Dream

Nel Salone da Ballo del Museo Correr, viene presentata una raccolta di un’ottantina di “figurine” di vetro, delle grandi manifatture veneziane, appartenenti al collezionista Franco Maschietto, oltre a una ventina di disegni di bissone addobbate a festa e di travestimenti in uso a Venezia nell’Ottocento, di Giuseppe Borsato, dal Gabinetto di Stampe e Disegni del Correr. La mostra è allestita in concomitanza con l’esposizione “L’Avventura del Vetro”.

In the Correr Museum Ballroom, a collection of around eighty glass figurines is on exhibition, all of excellent Venetian manufacture which belong to the collector Franco Maschietto, plus around twenty drawings of bissone – typical Venetian rowing boats - all adorned for the festival and the masks that were worn in 19th century Venice, by Giuseppe Borsato, kept in the Correr Museum Prints and Drawings Chamber. The exhibition will be on show at the same time as the “Glass Adventure”.

Pantalone 1990

sogno veneziano

Ali Babà, 1950

4 febbraio - 8 marzo 4th february - 8th march museo correr piazza san marco Correr Museum, St. Mark’s Square

Casinò Burlesque

Il Casinò di Venezia, che ha sede in uno dei più bei palazzi sul Canal Grande, Ca’ Vendramin Calergi, apre al pubblico gli spazi del piano nobile per allestire palcoscenici sui quali si terranno performance artistiche e parodistiche del burlesque, spettacolo ottocentesco per definizione. Le cene organizzate dal Casinò avranno come ospiti le migliori artiste nazionali e internazionali.

The Venice Casino is one of the most beautiful palazzos on the Grand Canal, Ca’ Vendramin Calergi, and for Carnival it opens its halls on the first floor to the public for special stages where burlesque artistic and parodist performances will be held, the 19th century show par excellence. The best national and International stars will be guests at the dinners organised by the Casino. rif. map | pag. 42-43

39


program

> Carnevale di Venezia 2011 19 e 20 febbraio | dal 26 febbraio all’8 marzo

> eventi events > sabato 19 febbraio saturday 19th february gran brindisi a venezia GRAND TOAST AT THE WINE FOUNTAIN dalle 19:00 alle 20:00 from 7pm to 8pm Piazzetta San Marco S’inaugura con “Gran brindisi a Venezia” il Carnevale. Si aprono così le danze in Piazzetta S. Marco. “Grand toast in Venice” will be the opening event, an elegant and joyful “cheers” for tourists and local people to officially welcome the Carnival. The dances begin in Piazzetta St. Marco.

> domenica 20 febbraio

sunday 20th february FESTA VENEZIANA dalle 11:00 | from 11am Canal Grande e Sestiere di Cannaregio

Corteo acqueo da San Marco Ottocento fino a Cannaregio in attesa Da Senso a Sissi dell’ormai acclamato “Svolo La città delle donne della Pantegana”, stand enogastronomici con dolci e salati Direzione Artistica offerti al pubblico. Davide Rampello This is the typical feast for venetians and for all the guests interested in local traditions. The water parade organized by the “Coordinamento Associazioni Il Programma descritto è Remiere” of Venice, will sail provvisorio. Gli eventi, i giorni along the Canal Grande to the e gli orari citati potranno subire folkloristic district of Cannaregio, variazioni. waiting for the already famous The described program is “Svolo della Pantegana”. provisional. The events, days Venetian fritole and galani will be and times listed are subject to offered by A.E.P.E.A. change.

PER INFORMAZIONI FOR INFORMATION www.carnevale.venezia.it info@veneziamarketingeventi.it +39 0412412988

40

> sabato 26 febbraio saturday 19th february festa delle marie dalle 14:00 alle 16:00 from 2pm to 4pm corteo storico (partenza da San Pietro di Castello), arrivo in Piazza San Marco La premiazione con l’incoronazione della “Maria” vincitrice avverrà il martedì grasso, l’8 marzo, al termine del corteo acqueo in partenza da San Giacomo dell’Orio con destinazione piazza San Marco.

Lì, alle 17.00, l’incoronazione da parte del Doge della damigella più dolce e aggraziata suggellerà la giornata dedicata alla Festa della Donna. The traditional “Festa delle Marie” evokes the homage that the Venetian Doge offered every year to twelve beautiful but humble venetian girls, offering them magnificent jewels as a bridal dowry. The “Festa delle Marie” is articulated in different days and it is the occasion to admire the traditional venetian period costumes.

> domenica 27 febbraio sunday 27th february il volo dell’angelo THE FLIGHT OF THE ANGEL 12:00 | 12am Piazza San Marco Emozionante volo di un ospite segreto della città di Venezia, dalla cima del campanile di San Marco sino al centro della piazza. The “Flight of the Angel” is a traditional event that goes back to the Serenissima period where an unknown guest of Venice, flying along a rope from San Marco bell tower to the middle of the square, will offer an homage to the Doge, and will be greeted by the crowded parterre of the period costumes parades of the Historical Re-enactments

> sabato 26 febbraio saturday 19th february 14:00 | 2pm > domenica 27 febbraio sunday 27th february 12:00 | 12am > domenica 6 marzo sunday 6th march 14:00 | 2pm LE RIEVOCAZIONI STORICHE THE HISTORICAL RE-ENACTMENTS Piazza San Marco Le rievocazioni storiche dove si esibiscono centinaia di figuranti. The historical re-enactments, promoted by C.E.R.S. (Consorzio Europeo Rievocazioni Storiche) are a good chance for everybody to enjoy


> eventi events the carnival atmosphere through only the best costumes, but also their colors, originality, beauty, the recreation of historical venetian situations and traditional savoir faire and bearing. feasts.

> giovedì 3 marzo

wednesday 3th march LA MASCHERA PIù BELLA THE BEST MASKED COSTUMES CONTEST casting dalle ore 12:00 alle 14:00 e dalle ore 16:00 alle 17:00 from 12am to 2pm and from 4pm to 5 pm Piazza San Marco > venerdì 4 marzo friday 4th march LA MASCHERA PIù BELLA THE BEST MASKED COSTUMES CONTEST casting dalle ore 12:00 alle 14:00 e dalle ore 16:00 alle 17:00 from 12am to 2pm and from 4pm to 5 pm Piazza San Marco > sabato 5 marzo saturday 5th march LA MASCHERA PIù BELLA THE BEST MASKED COSTUMES CONTEST casting dalle ore 12:00 alle 14:00 e dalle ore 16:00 alle 17:00 from 12am to 2pm and from 4pm to 5 pm Piazza San Marco > domenica 6 marzo sunday 6th march LA MASCHERA PIù BELLA THE BEST MASKED COSTUMES CONTEST conclusion ore 15:00 | 3pm Piazza San Marco Concorso aperto a tutti che prevede la sfilata in maschera sul palcoscenico di piazza san Marco. Saranno valutati colori, orinalità e portamento. Sarà assegnato un premio speciale al miglior mascheramento ispirato all’800. On the stage set in Piazza San Marco, famous guests and artists will host the selection of the best masks of the Carnival. An international jury will select not

> da sabato 26 febbraio a martedì 8 marzo from saturday 26th feb. to tuesday 8th march GLI SHOW NEL GRAN FOYER DI SAN MARCO dalle ore 14:00 a notte from 12am to the night Piazza San Marco

Il Gran Foyer di San Marco sarà la macchina teatrale che verrà allestita al centro della piazza per ospitare i principali spettacoli del Carnevale: gli show delle compagnie coreografiche, spettacoli di circo-teatro con artisti internazionali, parate e i numeri degli intrattenitori comici, i concerti di musica dal vivo. E ancora: i balli il valzer e il tango. The Grand Foyer of San Marco will be the main theatrical structure equipped in the middle of the square to host the most important Carnival shows, the traditional ones as well as the most innovative. The choreographic companies shows, the international circus-theater performances, the parades and the comedians’ entertainment, the numerous live concerts organized by the DJs of the national media partners, are surely not to be missed. And more: the balls – the waltzes and the tango first – will excite the parterre of the Grand Foyer every evening from 8pm; the cocktail time entertainment where the Dj sets will offer the stimulating happy hours of the Carnival 2011; and the Gran finale, on March 8th, both Women’s Day and Mardi Gras.

> da sabato 26 febbraio a martedì 8 marzo from saturday 26th feb. to tuesday 8th march IL CARNEVALE DEI BAMBINI CHILDREN’S CARNIVAL dalle ore 15:00 | 3pm campo san polo L’animazione pomeridiana con

compagnie di attori e animatori, un grande patinoire allestito per l’occasione permetterà ai ragazzi e ai bambini di giocare e divertirsi sui pattini da ghiaccio. In Campo San Polo, actors and entertainers will perform their afternoon shows and, together with the kids, will have fun with the classical stories and masks of the Venetian Carnival. Children of all ages will enjoy themselves ice skating in the patinoire set up for the occasion.

>martedì 8 marzo tuesday 8th march LA VOGATA DEL SILENZIO THE SILENT REGATTA ore 23:00 | 11pm canal grande Una lunga processione di gondole e imbarcazioni esclusivamente a remi percorrerà il Canal Grande, da Rialto al Bacino di San Marco dove centinaia di piccole mongolfiere di carta con lumino saranno liberate nell’aria, a suggellare la dipartita del Carnevale, e il metaforico ingresso nella Quaresima. The “Silent Regatta” will be the Grand Final Show and will draw the curtain over the Carnival “Ottocento”. A long parade of gondolas and row boats will proceed along the Canal Grande, from Rialto to the basin of San Marco on notes of a trumpet placed on the top of the first boat of the water parade. The Canal Grande will be illuminated with thousands of candles in a perfect nineteenth century atmosphere, while, at the arrival in the basin of San Marco, thousands of balloons made of paper with a small light inside, will be released in the sky as a symbol of the end of the Carnival and the symbolic entrance in the Lenten period.

41


> mappa di venezia / venice map

Musei civici di Venezia Veniceâ&#x20AC;&#x2122;s Civic Museums Musei e fondazioni Museums and foundations Chiese Chorus churches teatri theatres Toilette & nursery presidiate Toilette & nursery supervised point ristoranti restaurants shopping & wellness artigianato handicrafts eventi events


43


> mappa di venezia / venice map Musei civici di Venezia Venice’s Civic Museums

Palazzo Ducale Doge’s Palace Museo Correr Correr Museum Museo Archeologico Nazionale Archeological Museum Sala Monumentale della Biblioteca Marciana Monumental Halls of Marciana National Library

Ca’ Pesaro Galleria Internazionale D’arte Moderna e Museo D’arte Orientale Ca’ Rezzonico Museo del Settecento Veneziano Museum of 18th Century Palazzo Mocenigo Mocenigo’s Palace Casa di Carlo Goldoni Goldoni’s House

Museo di Storia Naturale Museum of Natural History Museo del Vetro Glass Museum (Murano) Museo del Merletto Museum of Lace (Burano)

Collezione Peggy Guggenheim Peggy Guggenheim Collection Fondazione Bevilacqua La Masa Bevilacqua La Masa Foundation Museo Ellenico Ellenic Museum

Museo Storico Navale Naval History Museum Scuola Dalmata dei Santi Giorgio, Trifone e Gerolamo Scuola Grande dei Carmini Scuola Grande di San Rocco Spazi espositivi La Biennale di Venezia

Musei e fondazioni Museums and foundations

Fondazione Querini Stampalia Querini Stampalia Foundation Museo Ebraico Jewish Museum Palazzo Grassi e Punta della Dogana Temporary Exhibitions

Chiese Chorus churches

Santa Maria del Giglio

S.M. Gloriosa dei Frari

Santissimo Redentore

Santo Stefano

San Giacomo dall’Orio

Gesuati

Santa Maria Formosa

San Stae

San Sebastiano

Santa Maria dei Miracoli

Sant’Alvise

San Giobbe

San Giovanni Elemosinario

Madonna dell’Orto

San Polo

San Pietro di Castello

Teatro Malibran

Teatro Stabile del Veneto Carlo Goldoni

teatri theatres

44

Gran Teatro La Fenice Visite guidate La Fenice Theatre Guided visits

Teatro Fondamenta Nuove


Toilette & nursery presidiate Toilette & nursery supervised point

Tronchetto * 8:00 - 19:00 Piazzale Roma 8:00 - 19:00 San Bartolomeo * 8:00 - 20:00 Diurno San Marco 9:00 - 20:00 Giardini reali San Marco 9:00 - 19:00

7

San Leonardo 8:00 - 18:00 Burano * 9:00 - 19:00 Torcello * 9:00 - 19:00 Rialto Novo * 7:00 - 19:00 Accademia 9:00 - 19:00

ristoranti restaurants

Ristorante / Restaurant Al Brindisi Ristorante / Restaurant Al Leon d’Oro Ristorante / Restaurant Sempione

13

Lido S.M. Elisabetta 10:00 - 17:00 Bragora * 10:00 - 19:00 Murano 10:00 - 17:00 Pineta S. Elena 14:00 - 17:00

*con nursery with nursery

shopping & wellness

Ristorante / Restaurant Hosteria Galileo Ristorante & Gran Bar Hungaria Restaurant Hungaria

Arcobaleno Glass shop Elitre Concept store Lanna Gaia Wellness

Maschere in cuoio di Carlo Setti Carlo Setti’s leather masks

Maschere in cartapesta di Tragicomica Papier Mache Masks: of Tragicomica

La Vogata del Silenzio partenza da Rialto The Silent Regatta start from Rialto Piazza San Marco S. Marco square

Festa delle Marie partenza da San Pietro di Castello “Festa delle Marie” start from Castello 2. Carnevale dei ragazzi 2. Children’s Carnival

artigianato handicrafts

Marionettes in Venice & L’Isola di Pinocchio Nicolao Atelier

eventi events

“Svolo della Pantegana” (The rat’s flight) Cannaregio “Casinò Burlesque” Casinò di Venezia Il Carnevale dei bambini Children’s Carnival Il gran Ballo della Cavalchina The Great Cavalchina Ball

45


> venezia & internet

Dove trovare tutte le informazioni Where you can find all the information you need.

www.actv.it

www.carnevale.venezia.it

www.100x100venezia.it

Sito ufficiale dell’azienda di trasporto pubblico veneziana. Si trovano tutti gli orari e utili informazioni su come muoversi in città. Official site of the Venetian Public Transport Company. You will find all the times and useful information on how to get around the city.

Sito ufficiale del Carnevale di Venezia. Si trova pubblicato tutto il programma delle iniziative, anche quelle a Mestre, e altro materiale utile per non perdere alcun evento del Carnevale 2011. Indispensabile iscriversi se si vuol partecipare al concorso “La maschera più bella”. Official site of Venice Carnival. You will find all the programmes about the different events, including those in Mestre, and other useful information so that you don’t miss anything of the 2011 Carnival. You must register if you want to take part in the “Best Mask” contest.

Portale indipendente che racconta ogni giorno cosa succede in città. Articoli di cronaca, iniziative culturali, galleria di immagini per tenersi sempre informati su tutto quello che offre la città di Venezia. An independent portal that every day tells you what is happening in the city. Items of news, cultural initiatives, picture galleries to keep you constantly up to date about what Venice has to offer.

www.hellovenezia.com Sito istituzionale che fornisce indicazioni su orari, tariffe, elenco biglietterie e servizi sulla mobilità pubblica con sezioni dedicate ad eventi e news. Institutional site that gives information about times, costs, ticket offices and services about public transport, with sections dedicated to events and news.

www.mobile.hellovenezia.com Versione del sito hellovenezia. com accessibile da dispositivi mobile. Version of the hellovenezia. com site that is accessible from mobile phones.

46

www.guidevenezia.it Sito ufficiale dell’associazione guide turistiche autorizzate. Si trovano tariffe, percorsi suggeriti e utili informazioni sulla città. Official site of the authorised tourist guide association. You will find rates, suggested itineraries and useful information about the city.

www.mondonovomaschere.it Per chi vuole conoscere la storia di uno dei più noti artgiani di Venezia, Guerrino Lovato, e capire come si creano le maschere in cartapesta. A website with detailed section on production technique and with the history of one of the most famous venetian mask maker: Guerrino Lovato. Beautiful selection of Venetian Masks.



HELLOVENEZIA#2