Page 1

Via Nazionale, 328, tel.0823.808507

SANTA MARIA A VICO

Nobile Petroli

Valle di Suèssola Sanfelice Oggi

Anno XXIX n.04

Direttore Alfonso Morgillo

Fondatore Arturo Morgillo

Aprile 2010

Distribuzione gratuita presso gli inserzionisti dei Comuni della Valle di Suèssola (Arienzo, Cervino, San Felice a Cancello, Santa Maria a Vico)

S. Maria a Vico

Savinelli, Pirozzi, Iaia, Ruotolo; esterni Genna Carfora e Vincenzo Carfora 646, lasciando il secondo eletto a 351. Antonio Iaia, terzo eletto con 313 voti, ritorna ad occupare la carica di assessore allo sport. Carmine Ruotolo, terzo eletto a pari voti con Iaia. Assessori esterni sono: l’avv. Gennaro Carfora, di Progetto futuro che in consiglio comunale ha il prof. Clemente Affinita, e il dott. Vincenzo Carfora già segretario comunale a Cervino. Capogruppo del PDL è Pasquale Crisci, già assessore allo sport-turismo-spettacolo sotto la sindacatura del dott. Adriano Telese. Al sindaco, agli assessori, ai consiglieri tutti: buon lavoro per il bene della collettività.

Ospedale per “vecchi”? Ormai sembra certo: il futuro dell’ospedale della Valle di Suèssola ha una destinazione per lungo degenza e geriatria. Questo orientamento, proposto dai passati gestori della sanità campana, giace sui tavoli della nuova giunta regionale. Se passasse questa linea, sarebbe un colpo mortale sia per la struttura, per la quale sono stati spesi negli ultimi anni miliardi di lire per le sale operatorie, sia per l’utenza del territorio che non potrebbe più usufruire dei servizi ospedalieri. Ricordiamo che nei decenni scorsi a San Felice e ad Arienzo funzionavano: pronto soccorso, ginecologia e pediatria, unità terapia intensiva coronarica, ematologia, ambulatori di allergologia, urologia, laboratorio di analisi 24 ore al giorno, ecc. Oggi gran parte dei servizi suddetti è stata trasferita o eliminata con gravissimo danno per l’utenza di quasi centomila abitanti proveniente oltre che dal casertano, dal beneventano e dal napoletano. Un ospedale che funzionava senza eccessivi costi rispetto ad altre strutture della Regione, ma inspiegabilmente ha dovuto soccombere di fronte ad interessi più grossi provenienti da altre realtà. Tutti attendono un rilancio. Il neo consigliere regionale, nonché sindaco di San Felice a Cancello, dott. Pasquale De Lucia, in campagna elettorale si è impegnato a sostenere la struttura. Glielo faranno fare? Clemente Ferrara

Dal 9 al 16 maggio a Sant’Agnello di Sorrento continua a pag. 2

Regionali - Preferenze complessive dei candidati della nostra valle In grassetto i nove candidati

UDC 1° De Lucia 5a Letizia

FED. di SINISTRA 8.575 2.459

e

PD 1° Fabozzi 6a Suppa 7° Telese

11.546 5.457 4.898

Nuovo PSI-MPA 1° Grimaldi 2° Pontillo 3° Palmieri

10.847 5.646 4.650

UDEUR 1° Ferraiuolo 8a Vigliotti

5.107 737

LA DESTRA 1° Rossi 5° Loffredo

SANTA MARIA A VICO - Via Nazionale-tel. 0823. 808675 MADDALONI - Via Caudina, 271 - tel. 0823. 437837

1.555 388

Via Nazionale Appia 4/6 telefax 0823. 808488 SANTA MARIA A VICO

e-mail: izzo@libero.it

Centro di estetica, bellezza, relax. Trattamenti Via Circumvallazione viso-corpo, (Pal. Marino) fangoterapia.

Estetica Michela Marino

tel. 0823. 753478 San Felice a Cancello

Aumenta la tassa sui rifiuti Aggredito il sindaco

Il sindaco Giuseppe Medici

Santa Maria a Vico

La crisi economica e l’aumento delle tasse ha esasperato un cittadino arienzano fino a condurlo ad una aggressione al primo cittadino, dott. Giuseppe Medici. E’ accaduto nei giorni scorsi nei pressi del Comune di Arienzo dove, pare, che i familiari del giovane si fossero recati per chiedere spiegazioni al presidente del Consiglio Comunale Tommaso Carfora. Evidentemente i toni della discussione si sono alterati ed il giovane è passato alle vie di fatto. Il sindaco è stato medicato ed il giovane è stato fermato dalle forze dell’ordine. C.F.

Dopo 110 anni dalla nascita (1° maggio 1885), dal 12 dicembre 2005 è stato sospeso il servizio ferroviario della linea “Cancello-Torre Annunziata”. Come tanti altri casi in Italia, la sospensione doveva essere temporanea, tanto che anche nel nuovo orario 2006 se ne indicava la riattivazione a partire dal 4 settembre 2006, ma nulla è accaduto nel frattempo, se non la crescita indiscriminata di rovi ed erbacce lungo i binari, l’aumento del degrado e la chiusura delle stazioni nelle otto fermate intermedie. Il tutto nell’indifferenza generale. Alcuni dati tecnici della linea: Lunghezza 30,928 Km. Numero binari 1 Pendenza max 16 per mille N. stazioni 10 Province interessate Napoli e Caserta Comuni attraversati San Felice a Cancello (CE); Acerra, Marigliano, Scisciano, Somma Vesuviana, Nola, Ottaviano, S.Giuseppe Vesuviano, Terzigno, Boscoreale, Torre Annunziata (NA) Stazioni: Cancello, Marigliano, Spartimento di Scisciano, Reviglione di Somma Vesuviana, Ottaviano, San Giuseppe Vesuviano, Terzigno, Boccia al Mauro, Boscoreale, Torre Annunziata Centrale. Nella nostra legislazione è stato

“Passata è la tempesta” e gli uccelli ricominciano a litigare. Ci sono grida e arruffio di penne che fanno paventare chi sa quali disastri. Cerchiamo di capire cosa succede. Quasi tutti gli addetti alla politica vogliono che questa ultima avventura di Berlusconi sia veramente l’ultima. Da una parte pensano sia diventato troppo impegnativo e squalificante difenderlo e dall’altra hanno finalmente capito che quest’uomo piace agli italiani. Si riconosco-

in bombole e serbatoi Via S. Marco, 133 S. MARIA A VICO tel. 0823. 756280 fax. 0823. 756206

no in lui e, se non lo invidiano, lo amano. Berlusconi è ricco. L’italiano medio, quello che incontrate nei bar o al supermercato, vorrebbe essere ricco anche lui: si dissangua per giocare al lotto, partecipa con voluttà ai giochi televisivi con la speranza di guadagnare qualcosa di extra, non fa l’esatta dichiarazione dei redditi, nasconde con cura ogni soldo guadagnato in “nero” e sarebbe disposto a fare “carte false” per guadagnare di più. Berlusconi piace alle donne e sa quello che alle donne piace. Ogni uomo italiano, dalla nascita, si sente un “latin lover” e aspetta solo l’occasione per dimostrarlo. E alle donne italiane piacciono i gli uomini cosifatti. Berlusconi ha un modo disinvolto di fare politica. Appena glielo consentono, appoggia la mano sulle spalle di un potente o lo prende sottobraccio. Ne più ne meno di continua a pag. 2

La ferrovia Cancello-Torre Annunziata quando era in servizio

... la ferrovia oggi

... come potrebbe diventare introdotto il concetto del possibile recupero di ferrovie in disuso, attraverso una rete nazionale di percorcontinua a pag. 2

Carlo Piscitelli: se è il caso farò le barricate “Vogliono creare un altro carrozzone di sprechi a danno della collettività” . Il primo cittadino cervinese, il dott. Carlo Piscitelli, ha le idee chiare: tutte le carte alla Procura della Repubblica perché è in atto un tentativo di costruzione di un altro carrozzone di sprechi a Bar Gelateria Pasticceria

danno della collettività. Mi si vieta in tutti i modi di prendere visione di verbali - continua il sindaco - e il mio pronostico è che Mataluna farà il presidente del consorzio. Quale consorzio? Il 328... quella della nuova... monnezza!

La Grande Patisserie di

Letterese

Via Nazionale, 21 - tel. 0823. 809029

S. MARIA A VICO

Fate il vostro gioco!

Gas liquidi

cerimonia donna

1° Eramo 2.993 9° Savinelli 25 Eletti consiglieri regionali: De Lucia Pasquale sindaco di San Felice a Cancello, Eduardo Giordano, Enrico Fabozzi, Massimo Grimaldi più tre del PDL e cioè Angelo Polverino (21.335 voti), Daniela Nugnes (18.202), Paolo Romano (17.985), un secondo del PD: Nicola Caputo (11.375), e Gennaro Oliviero di Sinistra e Libertà con 9.515 preferenze. Al dott. Pasquale De Lucia le più vive felicitazioni dal giornale Valle di Suèssola.

Arienzo

Mario Campagnuolo VENDITA MACCHINE E MOBILI PER L’ UFFICIO

561 218

NOI SUD 5.859 809

info@villaggidavedere.com

Devil’ Sport

1° Ferraiuolo 6a Laudiero

IDV 1° Giordano 7a Perrotta

VIAGGI E TURISMO

Abbigliamento, accessori e calzature sportive: LOTTO - ADIDAS - NIKE

Il regno della stampa digitale

Proposta di recupero e conversione in pista ciclopedonale della linea ferroviaria dismessa “Cancello-Torre Annunziata”.-

Via Napoli - CANCELLO SCALO tel. 0823.801262 telefax 0823. 802657 www.villaggidavedere.com

e paesi limitrofi

ARIENZO

Gigino Nostrale: Pro Loco Polis: pista ciclabile sulla tratta Cancello-Torre Altri di noi al di là del mare

Piscitelli: ecco gli assessori Il neo sindaco, dott. Alfonso Piscitelli, appena insediato, ha diramato la lista degli assessori che collaboreranno con lui nella gestione della cosa pubblica. Come da accordi presi prima della tornata elettorale, vice sindaco è il rag. Ernesto Savinelli, da anni - con alterna fortuna sulla scena politica santamariana. E il rag. Ernesto, appena nominato sostituto del primo cittadino, ha cominciato il suo lavoro anche di delegato all’ecologia. Assessore ai lavori pubblici è il consigliere più votato:il rag. Andrea Pirozzi; e non poteva essere altrimenti. Il Pirozzi, dopo il boom di preferenze di tre anni or sono, si è ripetuto addirittura prendendo qualche voto in più,

Via Roma, 226, 228, 230 tel. 0823. 804002

Periodico d’informazione fondato nel 1981, edito dall’Associazione Culturale Valle di Suèssola

Via Napoli, 103 - CANCELLO SCALO Via Appia, 619 - S. MARIA A VICO - tel. 0823. 809838 Progettazione e manutenzioni giardino

Via Nazionale Appia - ARIENZO - 0823. 805283

Addobbi floreali

Serramenti e finiture

Infissi S.r.l.

GUIDA

Pagamenti rateali Via Cancello, 5 - MADDALONI tel. 0823. 201611 - fax 203568 show room in Via Libertà


2

Valle di Suèssola Pro Loco Polis: pista ciclabile sulla Cancello-Torre Annunziata

si ferroviari dismessi da destinare alla mobilità dolce, similarmente ad altri Paesi europei; ciò significa poter gestire in modo unitario e con un programma comune i fondi finanziari a disposizione per il recupero di alcuni tracciati ferroviari in disuso per la loro trasformazione in piste ciclo-pedonali. I progetti per riconvertire le vecchie “Ferrovie abbandonate” nascono da iniziative tese a conservare la memoria dei tracciati ferroviari non più utilizzati esistenti in Italia, grazie al contributo di Ferrovie dello Stato S.p.A.. Infatti, anche nel nostro paese, a partire dagli anni ’40-50 lo sviluppo dell’industria automobilistica ha portato alla dismissione di migliaia di chilometri di linee ferroviarie, cui si aggiungono i tratti di linee attive abbandonati in seguito alla realizzazione di varianti di tracciato. Si tratta di un patrimonio importante, fatto di sedimi continui che si snodano nel territorio e collegano città, borghi e villaggi rurali, di opere d’arte (ponti, viadotti, gallerie), di stazioni e di caselli (spesso di pregevole fattura e collocati in posizioni strategiche), che giacciono per gran parte abbandonati in balia dei vandali o della natura che piano piano se ne riappropria. Un patrimonio da tutelare e salvare nella sua integrità, trasformandolo in percorsi verdi per la riscoperta e la valorizzazione del territorio o ripristinando il servizio ferroviario con connotati diversi e più legati ad una fruizione ambientale e dei luoghi. Dopo la soppressione definitiva del servizio pubblico, nella maggior parte dei casi la vecchia ferrovia viene abbandonata. La vegetazione lungo il tracciato si sviluppa abbondantemente rendendo spesso impossibile il passaggio e l’assenza di un utilizzo e di interventi di manutenzione spinge gli abitanti a considerare la loro sede come una discarica pubblica. Già nel 1978, in Belgio, P. Geldhof, oggi direttore della “Associazione delle Fiandre Occidentali per il tempo libero”, scriveva: “sempre di più nei paesi e nelle città si diffonde l’idea di destinare le vec-

... dalla prima pagina ... dalla prima pagina ... dalla prima

chie linee ferroviarie ad una funzione ricreativa. Passeggiare, andare in bicicletta, sono passatempi sempre più diffusi. La corsa verso l’aria aperta è cominciata. Nelle città, i ciclisti e i pedoni sono rifiutati dalle strade pubbliche senza che si offra loro una alternativa accettabile. La rete stradale e autostradale è più che sufficiente. Quello che manca,

Planimetria della linea sono dei percorsi che conducano i pedoni, i ciclisti e gli escursionisti fuori dai centri abitati, verso le campagne, lontano dai pericoli. Le vecchie linee ferroviarie hanno tutti i requisiti per svolgere questo ruolo. Esse sono state concepite per collegare i paesi tra di loro, e presentano il minor contatto possibile con le altre forme di traffico.” Dopo le prime realizzazioni sporadiche degli anni ’70 e ’80, oggi la conversione delle vecchie linee ferroviarie in percorsi verdi destinati ad un traffico non motorizzato, è diventata una realtà in forte espansione, come dimostra il continuo aumento del numero di questi percorsi che

Gigino Nostrale: Altri di noi al di là del mare Nel Municipio di Sant’Agnello di Sorrento, dal 9 al 16 maggio, l’artista fotografo sanfeliciano Gigino Nostrale esporrà acune sue opere dal titolo Altri di noi al di là del mare. Per l’occasione l’autore rappresenterà siti di ben cinque nazioni: Giordania, Marocco, Tunisia, Turchia e Messico. Interverranno all’inaugurazione gli ambasciatori in Italia di tutte e cinque le nazioni a cominciare da Sua Altezza Reale Wijdan Faawaz Al-Hashemi

(Giordania), E.E. Jorge Chen (Messico), S.E. Brahim Aouam. Promotori di questa mostra fotografico sono il Comune di Sant’Agnello di Sorrento, l’Associazione Culturale Cypraea, l’Istituto Tecnico Nautico Nino Bixio di Piano di Sorrento. Ancora una volta il nostro arstista è riuscito a miscelare etnie non solo mediterranee, ma anche al di la del mare, per l’appunto il Messico. Ad maiora. Majra

Alba Infissi

vengono aperti ogni anno. Per quanto concerne la ex linea ferroviaria “Cancello-Torre Annunziata”, il suo recupero potrebbe fornire un contributo notevole alla realizzazione di una vera rete verde diffusa su tutto il territorio attraversato. La conversione della linea costituirebbe, inoltre, una grande opportunità per la conservazione e la valorizzazione del patrimonio culturale rappresentato dalla ferrovia di un tempo, minacciata dagli accorpamenti fondiari, dai lavori stradali, ecc. Un gruppo di volenterosi soci della Pro Loco “Polis” di San Felice a Cancello, affascinati dall’idea di convertire la vecchia linea ferroviaria dismessa “Cancello-Torre Annunziata” non più utilizzata in un percorso verde (pista ciclo-pedonale) , ha percorso tutta la linea a piedi, in due tappe (21 e 28 Febbraio 2010), al fine di effettuare una dettagliata revisione fotografica dello stato dei luoghi, constatando realmente sul posto i numerosi vantaggi che la riconversione offrirebbe: - la ferrovia corre totalmente in sede propria e presenta poche intersezioni con la rete stradale. Questo renderebbe il percorso verde realizzato completamente o quasi separato dalla circolazione stradale, offrendo elevate condizioni di sicurezza agli utenti; -la ferrovia presenta pendenze quasi nulle, permettendo al percorso verde realizzato lungo il suo tracciato di adattarsi perfettamente ai bisogni dei ciclisti “ordinari”, dei pedoni di ogni età e delle persone disabili; -i segnali, i cippi chilometrici, i ponti, i sottopassaggi stradali, le stazioni e le loro dipendenze evocano il passato prestigioso di questa via verde, aggiungendo fascino e animazione alle escursioni e ravvivando nella memoria dei passanti il ricordo della vecchia ferrovia. Tra di essi spicca il ruolo delle stazioni, che possono essere riutilizzate per allestire bar, ristoranti, hotel, ostelli, musei, ecc.. - la ferrovia presenta generalmente lunghi tratti rettilinei e poche curve ad ampio raggio che permetterebbero agli utenti del percorso verde ricavato lungo il suo tracciato di avere un’ampia visuale sul sentiero, riducendo i pericoli legati alla criminalità e i rischi di scontri tra diversi tipi di utilizzatori; - la linea ferroviaria connette tra loro diversi centri urbani, per cui il percorso verde sarebbe utile non solo per la ricreazione e lo sport, ma anche per costituire l’asse portante di un sistema che colleghi le persone alle residenze e ai centri di vita; Le esperienze italiane di recupero delle ferrovie dismesse come percorsi verdi In Italia, tra le principali realizzazioni di recupero e valorizzazione delle linee ferroviarie dismesse come

piste ciclo-pedonali si segnalano: -il recupero come pista ciclabile della ex ferrovia Modena-Vignola nel tratto San Lorenzo di CastelnuovoSpilamberto (7 km), realizzato dalla Provincia di Modena; - il recupero come percorso sterrato della ex ferrovia RocchetteAsiago, realizzato dalla Associazione Artigiani di Asiago; - il recupero come percorso sterrato, in estate, e pista per lo sci di fondo, in inverno, della linea ferroviaria dismessa Dobbiaco-Cortina, nel tratto Dobbiaco-Lago di Dobbiaco (5 km); - il recupero come percorso ciclopedonale della ex ferrovia Caltagirone-S. Michele di Ganzaria (CT) per un tratto di circa 8 km. - il recupero di un tratto della vecchia linea ferroviaria dismessa tra Ponte e Benevento di circa 7 Km. Esistono inoltre molti altri progetti in fase più o meno avanzata di realizzazione, che mostrano come questa problematica sia stata affrontata dagli enti pubblici solo negli ultimi anni. Tra di essi si segnalano: - il progetto di recupero delle ex ferrovie Modena-Vignola (per la parte non ancora realizzata) e Modena-Mirandola-Finale Emilia (40 km), portato avanti dalla Provincia di Modena; - il progetto di conversione in pista ciclabile del tratto Prato IsarcoPonte Val Gardena (16 km) della linea ferroviaria Verona-Brennero abbandonato negli ultimi anni in seguito alla realizzazione di una variante di tracciato, promosso dalla Provincia di Bolzano; - i progetti di recupero come piste verdi delle vecchie linee a scartamento ridotto della Sicilia Occidentale (Palermo-S. Carlo, BurgioCastelvetrano e Salemi-S. Ninfa), promossi dall’Azienda Autonoma Provinciale del Turismo (A.A.P.T.) di Palermo; - il progetto di recupero come pista ciclabile della ex ferrovia FiuggiPaliano (22,5 km), promosso dalla Regione Lazio; - il progetto di recupero della linea ferroviaria Treviso-Ostiglia, lunga ben 116 km, che la Regione Veneto vuole convertire in una pista ciclabile a valenza interprovinciale. Premesso quanto sopra, la Pro Loco “POLIS” di San Felice a Cancello sottopone la proposta di cui all’oggetto a tutti gli Enti ed Associazioni in indirizzo, con la speranza che ognuno se ne possa fare carico per le proprie competenze, al fine di dotare i molti comuni interessati di un’opera che, solo all’apparenza, potrebbe sembrare utopistica, ma che in realtà, se realizzata, contribuirebbe ad arricchire il territorio sotto l’aspetto ambientale, sociale e ricreativo. Cordiali saluti. San Felice a Cancello, 12 aprile 2010 IL PRESIDENTE Delle Cave Domenico

Officina autorizzata

Parrucchiere uomo

Via Luigi Pirandello, 6 tel. 0823. 311562 - cell. 340. 6600209 MESSERCOLA-CERVINO

Aprile 2010 Fate il vostro gioco!

come fanno gli italiani quando un amico gli presenta un nuovo conoscente al bar sotto casa. Si può amarlo o odiarlo, ma nessuno e niente lo può cambiare. Per lui la politica non è una cosa seria, ma la sa fare meglio dei professionisti. I politici hanno decretato che il suo tempo è finito, ma, se non gli danno la sicurezza che non sarà processato per tutto quello che gli avversari hanno scovato o inventato, non se ne va. Come fare, allora,

per convincerlo a ritirarsi? In ogni gioco per vincere bisogna essere furbi. Solo gli stupidi giocano a carte scoperte. La prima cosa, l’ho detto, è convincere Berlusconi che può andare in pensione tranquillo. Restano ancora due ostacoli, Bossi e di Pietro, per garantire una prossima legislatura operativa. Occorre stabilire, per tempo, alleanze e prospettive che, per ovvi motivi, non possono essere sbandierate. Signori politici, è venuto il momento per osare: “fate il vostro gioco!”

Addio ad Andrisani, storico e giornalista Aveva ottantatre anni. Il 29 marzo i funerali nel duomo di Marcianise. Ad officiare il rito funebre: l’arcivescovo di Capua Bruno Schettino, il vescovo emerito di Caserta Raffaele Nogaro, larga rappresentanza del clero marcianisano, prelati delle diocesi di Capua e Caserta. Il presidente dell’Assostampa di Caserta, Mimmo De Simone, ha descritto la figura del giornalista, dello scrittore e del politico. Dedicò al Santo di Marianella: Una preghiera a sant’Alfonso. Nel periodico Valle di Suèssola, chi redige con sommo cordoglio queste modeste righe rende all’Amico scomparso il tributo di un tenero ed incancellabile ricordo. Gaetano Andrisani, richiesto per una breve collaborazione, rispondeva con l’invio del suo volume Il Crocifisso di Marcianise, pubblicato nel 2007, tra i suoi Saggi Storici Casertani. A pag. 11 si legge: Oggi va sempre più affermandosi una cultura caratterizzata dal relativismo individua-

Sanfelice Oggi

lista e dallo scientismo positivista, una cultura, quindi, tendenzialmente chiusa a Dio e alla sua legge morale, anche se non pregiudizialmente avversa al cristianesimo. Tali osservazioni erano riportate dal periodico Valle di Suèssola nella rassegna: La Bibbia sui banchi della scuola, che il sottoscritto curava nel corso dei mesi da giugno 2008 a settembre 2009. Caro amico Andrisani, hai voluto precederci nel cammino verso la luce eterna. Hai voluto muovere i tuoi passi, prima di noi. Rivolgendo, ancora, uno sguardo ai tuoi libri mi ritengo davvero possessore d’un patrimonio di fede e scienza... Ma, direttore Gaetano, ora ci sentiamo tutti altrettanti privilegiati dalla tua preghiera, che presenti per noi - in hac lcrimarum valle - alla giustizia (con misericordia) di Dio Onnipotente, presso cui godi la vera visione della verità. Addio, Gaetano! Marco Mauro

Valle di Suèssola

Periodico d’informazione fondato nel 1981, edito dall’Associazione Culturale Valle di Suèssola Direttore: Alfonso Morgillo Direttore Responsabile: Arturo Morgillo

Via Nazionale, 92 - 81028 SANTA MARIA A VICO (Ce) tel. 0823. 808160 - 808360, fax 0823. 808160 - 808360 http://valledisuessola.interfree.it E-mail: ass.valledisuessola@libero.it Collaboratori: Gaetano Aceto; Mario Campagnuolo; Antonio Crisci; Vincenzo Crisci; Alfredo D’Addio; Erennio De Vita; Valerio Esca; Alfonso, Clemente e Mayra Ferrara; Carmela e Fortuna Fico; Vincenzo Guadagnino; Domenico e Vincenzo Guida; Vincenzo Isernio; Diego Martinisi; Maria Sofia Massaro; Marco Mauro; Luigi Mazzone; Ivan e Selenia Morgillo; Tiziana Morgillo; Valerio Nobile; Gelsomina Nuzzo; Antonio Passariello; Francesco e Maria Perrotta; Andrea Piscitelli; Alfonso Russo; Antonio Solli. Gli articoli firmati esprimono il pensiero dell’autore. La collaborazione, aperta a tutti, è a titolo completamente gratuita. Foto e manoscritti, anche se non pubblicati, non si restituiscono. S.O.Valle di Suèssola assicura che i dati personali acquisiti per l’invio del periodico “via posta” vengono trattati secondo la legge 675/96 Stampa: Segni s.r.l. - 81100 CASERTA Registr.: Tribunale di S. Maria Capua Vetere n. 275 del 29 gennaio 1982

A tutti quelli che gustano il prodotto italiano...

Tutela le tue macchine, rispetta le tue stampe. Scegli RiColorì!!!

Rigenerazione toner e cartucce

Infissi in alluminio - Porte blindate Pareti mobili - Zanzariere Carpenteria metallica - Avvolgibili

Soccorso stradale ACI GLOBAL

Bomboniere Laura

Via Nazionale, 38 S. Maria a Vico tel. 0823. 808642 - 758666

Via Appia Antica, 835 S. Maria a Vico

cell. 347. 6532677

Via Nazionale Appia, 340 - S. MARIA A VICO tel/fax 0823. 758900 centro.rigenerazione@gmail.com

ISMO IMPIANTI

MESSERCOLA

Lista nozze ed articoli da regalo

VENDITA CARTUCCE COMPATIBILI Centro fotocopie 0.02 CENTESIMI

Angelo tel. 347. 0901393 Clemente tel. 347. 3487758 Via Fontanavecchia - 81021 Arienzo tel. 0823. 755582 fax 0823. 755828 cell. 348. 7252744 e-mail: lasersnc@virgilio.it

Via C.da Forma, 6 - tel. 0823. 759160 DURAZZANO

Via Nazionale, 92 S. MARIA A VICO 0823. 808160

Espurgo fogne e pozzi neri Prelievo, trasporto e smaltimento in discariche autorizzate. Preventivi gratuiti. Iscritto Albo Nazionale Smaltitori Via Camellara, 8 - ARIENZO (Ce) - tel. 0823. 805895 - 804339 - fax. 0823. 805895

Via Nazionale Appia, 359 tel. 0823. 805944 fax 0823. 206098 S. MARIA A VICO

Surgelati e congelati

Via Panoramica S. MARIA A VICO Vendita all’ingrosso e al dettaglio tel. 0823. 805660 - cell. 347. 6374093


Aprile 2010

Valle di Suèssola

Il direttore a colloquio con l’autore Da quanti anni ci conosciamo, Mario ? Ne sono passati più di trenta da quando vennero da me Andrea Sorice e Don Ciccio Perrotta, per propormi di realizzare il plastico della Terra Murata. Accettai con piacere, ma dopo pochi giorni ci ripensai e li convinsi che sarebbe stato meglio avere il plastico di tutta la valle. Quella che poi abbiamo chiamata la Valle di Suessola. Feci, con l’aiuto di Pino Buonomano, quel plastico, che credo si trovi ancora nella sede della Pro Loco. Lavorammo, ogni domenica mattina, per due tre mesi nell’Istituto della Scuola Elementare di Arienzo. Nel frattempo si erano uniti al nostro gruppo due giovani volenterosi. Uno eri tu, Alfonso, e l’altro Mimmo Guida. Fu un periodo di grandi avvenimenti. Ricordo il restauro della chiesa di Sant’Agostino, che facemmo con le nostre mani. Fu così che scoprimmo dietro a un muro la tomba di Giovannella Stendardo e l’affresco medievale. All’epoca, ti ricordi?, eravamo affascinati da “quei due personaggi” eccezionali, Andrea Sorice con la sua cultura, che trascendeva il tempo e quel “bovarismo provinciale”, che affossa ogni iniziativa, e Don Ciccio con la sua incredibile capacità di leggere gli antichi testi manoscritti come se fossero stampati Non dimenticare Alfonso Troisi. E come potrei? Ne conservo un ricordo bellissimo e considero un

Nota biografica Mario Campagnuolo è nato il 3 novembre del 1937 nella valle di Suessola. Ha vissuto e studiato a Napoli, dove ha frequentato la Scuola Militare Nunziatella e si è laureato in Ingegneria Edile nel 1962. Ha costruito, da Torino a Catania, case, scuole, ospedali e villaggi turistici. Dal 1963 è sposato con Annamaria Cesaro, che “corregge paziente le sue bozze” e lo critica ferocemente, spingendolo a far meglio. Hanno quattro figli e sei nipoti. Da dieci anni vive in Umbria. Da venti è giornalista pubblicista. Ha viaggiato in camper dalla Bretagna al Portogallo, da Barcellona a Vienna. Ha vissuto intensamente cercando di co-noscere, in ogni occasione, il modo di pensare e il cuore degli uomini. Ha trasfuso”il mare” delle sue conoscenze in questo suo primo romanzo.

privilegio averlo conosciuto. La morte di Andrea Sorice ci tarpò le ali e ci fece disperdere. Ci siamo, però, ritrovati su questo giornale. E ancora ti ringrazio di avermi chiamato a collaborare. E’ stato un modo per non tagliare i legami con la mia terra natale. I tuoi articoli sono sempre stati apprezzati dai lettori. Ti ringrazio perchè mi hanno “fatto la mano” ad esporre con chiarezza quello che penso. Veniamo al tuo libro. Spiegami come ti è venuta l’idea di scrivere un romanzo. Non ci avevo mai pensato. Avevo raccolto i più di duecento articoli scritti per questo giornale e li sottoponevo ad amici giornalisti e librai per capire se potevano essere pubblicati in volume. Fu uno di questi amici a propormi di scrivere un romanzo. Ho letto la trama e mi è venuta una curiosità. Perché hai ambientato ad Aversa questo libro? Quando ho cominciato a scriverlo avevo in mente una vecchia storia che mi avevano raccontato e si era svolta ad Aversa, il paese di mia moglie. Quando, poi, i miei personaggi hanno preso corpo e sostanza ho abbandonata quella storia e ho seguito loro. Ognuno mi ha raccontato la sua vita, le sue gioie e i suoi dolori, i suoi successi e i suoi fallimenti. Ne è venuta fuori una storia nuova e affascinante. Come mai per la tua storia “meridionale” hai preferito un editore di Perugia? A mie spese ho imparato che scrivere un libro è di gran lunga l’anello più semplice dell’intera catena. Ho cominciato a cercare un editore disposto a leggere il libro di un esordiente. A Napoli, per esempio ho preso contatto con un editore, che voleva pubblicare il libro senza neanche averlo letto. In Umbria, dove vivo da dieci anni, ho trovato, finalmente un editore, che ha letto il libro, lo ha apprezzato ed ha accettato la sfida più difficile che è quella di venderlo.

Arienzo: Terra Murata, sec. XII

Come il mare “Possibile che fosse tanto grande il mare? Possibile che ci fosse tanta acqua che non finiva mai? La sua vita, trascorsa, fino a quel momento, tra gli stretti confini del suo cortile e delle strade della sua cittadina, s’allargava, d’un tratto, fino all’orizzonte e al mistero che nascondeva. Sentiva il desiderio di conoscere nuovi paesi, nuove persone, nuove idee e l’animo s’apriva.”

Parlami del contenuto del tuo romanzo. Ci ho messo dentro tutta la mia vita. Ogni personaggio ha qualcosa di me. Ho studiato ed esaminato i fatti storici e ho trovato storie dolorose che nessuno ci aveva mai raccontato. Ho cercato di far intendere quanto lungo e faticoso sia stato far nascere una nazione da un coacervo di popoli che conoscevano solo il loro dialetto. Ho descritto quanto li univa nel carattere, nelle abitudini quotidiane e nel sentimento religioso. Ho insistito su questo argomento fino a farlo diventare elemento determinante per il comportamento del protago-nista. Pensi di aver fatto un buon libro? Questo lo diranno i lettori. Io sono soddisfatto del mio lavoro. Un libro è come un figlio. L’ho curato, l’ho cresciuto ed ora tocca a lui camminare con le sue gambe. Ti auguro che arrivi lontano. Hai pensato a una presentazione del tuo libro? Certo. Lo vorrei presentare dovunque mi sarà possibile. Per questo, con l’aiuto di Alberto Ruggiero, e di altri amici stiamo preparando una presentazione audiovisiva che sarà il fulcro di ogni manifestazione. Spiegami di cosa si tratta. Abbiamo scelto nove brani del libro che raccontano in sintesi la vicenda amorosa dei due protagonisti, dalla conoscenza al distacco. Questi brani, recitati da due attori, sono legati tra loro da intervalli musicali tratti dalle innumerevoli “ouvertures” di Domenico Cimaro-

sa, un compositore aversano vissuto alla fine del Settecento. Per le immagini, inserite negli intervalli della recitazioni abbiamo scelto, come filo conduttore, le riprese del mare in movimento. Le parole degli attori hanno come sottofondo la risacca: il respiro del mare. Mi hai fatto venire la voglia di vederlo questo “filmato”. Ho ascoltato, nelle prove, tante volte il recitato e non mi stanco mai di risentirlo. Spero proprio che piacerà. Dove pensi di fare queste presentazioni? Dovunque mi sarà possibile, ma è certo che non posso mancare di presentare “Come il mare “ nella Valle di Suessola, dove sono nato e dove è iniziata la mia carriera di scrittore. Quando pensi di fare questa presentazione? Presto. Il libro sarà stampato entro il 25 aprile. Ci vorrà, poi, qualche giorno per organizzare la presentazione. Azzardiamo una da-ta? Potrebbe essere il 30 aprile o il 5 maggio, il giorno in cui potrò presentare il libro ai lettori della “Valle di Suessola”. Sono sicuro che i nostri lettori non perderanno l’occasione per incontrarti e festeggiare con te il tuo primo libro. Hai già in progetto qualche altro romanzo? Quando si comincia è più facile continuare che smettere. E’ quasi pronta un’altra storia, che potrebbe essere pubblicata entro la fine dell’anno. Dimmi di che si tratta? Avevo cominciato a mettere sulla carta i ricordi della mia vita professionale, ma mi sono accorto che

3

La trama del libro “Come il mare” è un romanzo popolare che narra la saga di una famiglia incentrata in una storia d’amore. Un amore “grande come il mare”, che accompagna il protagonista, Matteo, fino alla morte. La storia ha inizio ad Aversa con l’abbandono di un bimbo non desiderato, il nonno di Matteo, sulla ruota di un orfanotrofio e si svolge, attraverso tre generazioni, dai primi anni dell’Ottocento all’inizio della Prima Guerra Mondiale. Le vicende della famiglia Policoro s’intrecciano con le vicende storiche che si susseguono in quegli anni. Anni di grandi mutamenti per noi italiani, che siamo passati dagli stati regionali all’Italia Unita, dall’agricoltura all’industria, da sudditi a cittadini, dalla soggezione all’emancipazione delle donne, dall’analfabetismo ai giornali, dal brigantaggio alla camorra e al malcostume politico. Alla fine siamo stati coinvolti in una guerra mondiale e in quella tragedia ci siamo finalmente riconosciuti come appartenenti ad una sola nazione. La famiglia Policoro è una delle tante famiglie che vive questi anni mescolando i propri affanni quotidiani con gli avvenimenti storici, per i quali nessuno ha chiesto il loro consenso e che li coinvolgono loro malgrado. La forza per andare avanti la trovano nella fede sincera e vissuta verso Dio, inteso come padre attento e interessato, e questa fede li accompagna per tutta la vita. Al centro di questa storia complessa, c’è l’amore sincero che unisce i due protagonisti, Matteo e Clara. E’ un amore che la società non può accettare e che li costringe a mille sotterfugi dall’esito scontato. Nasce quindi un’altra storia dai contorni tragici, che porta Matteo a subire esperienze dolorose che si concludono con il ricongiungimento con la figlia.

Arienzo: la plurisecolare chiesa di sant’Agostino le storie vere sono diverse dai romanzi. Avrei dovuto tacere troppi nomi e ignorare troppi fatti per scrivere una storia che potesse piacere. La mia professione di ingegnere mi ha dato molte soddisfazioni, ma anche molti dispiaceri. Mi sono inventato allora, come protagonista, un personaggio che nessuno avrebbe mai immaginato mi somigliasse e ne è venuta fuori una storia divertente. Staremo a vedere se è vero quello che dici. E poi cos’altro bolle in pentola? Scriverò fino a quando Dio mi darà forza e lucidità. Non ti basta quello che ti ho detto? Va bene così. Non mi resta che augurarti “in bocca al lupo e crepi l’invidia.”

tutta la nostra energia * GPL in bombole e serbatoi * Consegna a domicilio bombole da 25 e 60 kg * Gasolio per autotrazione e da riscaldamento * Olio lubrificante

tel. 081. 8210008 Pbx www. cantonepetroli.it

L’INFORMATICA PER LA DISTRIBUZIONE MODERNA www.dfsistemi.it e-mail: dfsistemi@tin.it Via Nazionale, 255 - tel. 0823. 758420 - fax. 800846 - S. MARIA VICO ASSISTENZA TECNICA

Via Ponte grotta tel. 0823. 311926

Pizza Food Rosticceria Via Appia Antica, 531 S. MARIA A VICO Piccole soste indimenticabili

Prolungamento Viale Libertà S. MARIA A VICO - tel 0823. 759266 Chiuso il MERCOLEDI

Registratori di cassa, bilance collegate. PC, stampanti, impianti rete

Via Roma, 226, 228, 230 - tel. 0823. 804002 - ARIENZO

www. misterbrio.it lo specialista dei surgelati

MESSERCOLA

Surgelati e alimentari Pescheria: pesce fresco tutti i giorni

Signoriello e Nuzzo srl Viale Libertà, 19 - tel. 0823. 808559 - S. MARIA A VICO Via Unità Italiana, 40 - tel. 0823. 323449 - 328714 - CE

tel. 339. 8841561 vicino Ufficio Postale - Santa Maria a Vico


4

Aprile 2010

Valle di Suèssola Realtà odierna e messaggio dantesco

Dante a Virgilio: Tu duca, tu segnore tu maestro Nella duplice ricorrenza del 150° anniversario dell’Unità d’Italia e del 7° Centenario di Dante Alighieri, il preside Marco Mauro, con questo numero di aprile, inizia una rassegna mensile, che terminerà col numero di dicembre, per un excursus tra le realtà odierne e i messaggi di Dante - Rapide spigolature nell’ambito delle cantiche: Inferno, Purgatorio, Paradiso lo sgomento di infiniti mali: scon- tù senza freni; gelo USA-IsraeMarco Mauro volgimenti atmosferici e terre- le; terrorismo in agguato, in L’umanità, nell’ aprile di que- moti devastanti colline, centri vaste aree del mondo; rigurgiti, st’anno, che volge al termine abitati, strade, ponti .. con vitti- tra religioni di continenti diverdella prima decade del secolo me umane. Alle rovine di natu- si, in contese riaffiorante; inquieXXI, con un lungo passo indie- re fanno tragica compagnia gli tanti disparità di tenore sociotro (di sette secoli!), porge errori dell’ uomo, che cede alle economico-civile; assenza di l’orecchio al suono d’un verso passioni. Uno sguardo ai quoti- attuazione di valore etici; corsa del Sommo Poeta. Si riflettono diani di stampa e l’orecchio alle irreparabile verso traguardi di l’ansia e lo sgomento, già pro- informazioni televisive (d’un edonismo, senza limiti; famiglie vati dall’Alighieri, incontrando il solo giorno) bastano a farci tro- protese verso il disfacimento (di ogni legge di orientamento, di leone della superbia; la lupa di ogni costruzione di tranquilla e tutte brame d’avarizia; la lonza perdurante unione...) di pel maculato ... coverta; e di Quando spunterà la luce vari colori, invitante ad ogni della rinascita umana? seduzione, trascinante al male. Conviene dedicare la buona La vista delle tre bestie inferdisposizione e l’attenzione innali è stata preceduta dallo scestancabile all’ascolto del comnario terrorizzante della selva mento del Pietrobono, che così oscura: prima scoperta, d’un si esprimeva, nello spiegare l’atcammino verso ogni sorta di teggiamento di Dante al cospeterrore. to di Virgilio, Suo Duca, Un napoletano, d’ogni tempo, Segnore, Maestro. avrebbe esclamato, nel suo Duca (duce, conduttore risquillante dialetto, con volto spetto alla vita); stravolto: aggio sbagliato ‘a via! Segnore (rispetto alla volonE mo’ ... cumme faccio?. tà); Cresceva il tremore delle Dante Alighieri Maestro (rispetto all’intelletgambe ... anzi Dante ruinava vare di fronte allo spettacolo di to). in basso loco, là dove era spinInoltre, il Pietrobono precisa to a precipitare, sotto lo sguar- disastri irreparabili; governanti insicuri, davanti a problematiche un altro interiore cammino di do della lupa dell’avarizia. Ogni aspetto di speranza si di urgente sollecitazione; danni Dante, che, al tempo della comdileguava nella mente del Poe- economici, per avidità d’una posizione dell’opera Convivio, ta... Ma, d’un tratto, succedeva parte e per insipienza dall’altra; aveva considerato la sola scienl’imprevedibile! Anche oggi, se- bullismo, progresso nella cresci- za, ultima perfezione della nocolo XXI, il mondo ha provato ta delinquenziale d’una gioven- stra anima, mentre, al tempo

Mecenatismo culturale e fisico Diego Martinisi

Chi effettua donazioni in favore di teatri, musei e altri enti operanti nel settore dei beni culturali e dello spettacolo, può beneficiare di determinate agevolazioni fiscali, diverse a seconda che si tratti di un privato cittadino o di un’impresa. Persone fisiche I contribuenti persone fisiche possono fruire di una detrazione Irpef del 19% delle erogazioni liberali in denaro destinate a enti pubblici, fondazioni, associazioni senza scopo di lucro legalmente riconosciute, comitati organizzatori costituiti ad hoc con decreto del Ministero per i Beni e le Attività culturali, che svolgono attività in campo artistico e culturale, quali studio, ricerca, documentazione, catalogazione, acquisto, manutenzione, protezione e restauro di beni culturali, organizzazione di mostre in Italia e all’estero, pubblicazioni. La detrazione Irpef del 19% è prevista anche per le donazioni in favore di enti e organismi che operano nel settore dello spettacolo. In questo caso il contributo è deducibile per un importo non superiore al 2% del reddito complessivo dichiarato. Le somme, se

non vengono utilizzate per le finalità previste entro due anni dal loro ricevimento, sono introitate dallo Stato. Imprese Le imprese possono dedurre integralmente dal proprio reddito i contribuiti destinati al settore artistico-culturale. In particolare si tratta dei finanziamenti a enti che svolgono attività di studio, ricerca, documentazione finalizzate all’acquisto, la manutenzione, la protezione e il restauro dei beni artistici. Le aziende italiane, inoltre, possono dedurre dal reddito d’impresa le somme destinate ai soggetti che operano nel settore dei beni culturali e dello spettacolo individuati dal Ministero pei Beni e le Attività Culturali del 3 ottobre 2002. In questo caso hanno l’obbligo di comunicare, entro il 31 gennaio dell’anno successivo a quello in cui è stata effettuata la donazione, sia al competente ministero sia all’Agenzia delle Entrate, l’importo erogato, gli enti beneficiari e le proprie informazioni anagrafiche e fiscali. Per le imprese, nel caso di erogazioni in denaro a favore di organismi che operano esclusivamente nel settore dello spettacolo, le somme donate sono dedu-

cibili nel limite del 2% del reddito d’impresa dichiarato. Adempimenti I beneficiari delle erogazioni devono comunicare entro la fine del mese di gennaio, esclusivamente al Ministero per i Beni e le Attività culturali, le generalità del benefattore, l’importo delle somme ottenute e le attività per le quali sono state donate, allegando copia del proprio atto costitutivo e dello Statuto. Il ministero per i Beni e le Attività culturali, entro il 31 marzo, comunicherà all’Agenzia delle Entrate l’elenco delle imprese donatrici e l’ammontare complessivo delle erogazioni effettuate nell’anno precedente. Profilo del mecenate tipo L’indagine, condotta su un campione di 1.000 persone di età tra i 25 e i 64 anni, delinea innanzitutto il profilo del mecenate tipo: donna e residente nel nord Italia. L’arte e la cultura attraggono risorse da parte del 5,6% del campione, dopo l’assistenza sociale e la ricerca medica, ma prima dell’ambiente (5,1%). Le imprese (73,5%) sono le più generose, seguite dagli enti non commerciali (26,3%) e dalle persone fisiche (0,2%). La maggior parte delle persone intervistate, infine, sottolinea il ruolo cruciale che la normativa

2 ESSE s.r.l.

FAMILY

SERVIZI DI PULIZIA Enti pubblici e privati

tel. 0823. 804293 Via Caudarola www.gaelpa.com

Incipit: Lungo l’arco della nostra vita si incontrano veri amici e tanti nemici. Tutto nasce dall’amore e dall’odio, dal bene e dall’invidia. L’invidia è la causa di tutti i mali; l’ignoranza completa il quadro.

Miei nemici Cari nemici, io so che mi volete bene...! Lo leggo nei vostri occhi, lo leggo nei vostri pensieri, lo leggo in tutte le vostre espressioni; ma ahimé non posso lasciarvi, non posso andarmene perché non vedendovi più non potrei gioire. Voi non vi dorreste (1) se vi lasciassi; altrimenti andrei via per sempre brindando alla vostra felicità. Nemici miei, non posso,

io senza di voi non vivo. Voi mi vorreste nella polvere del tempo, io amandovi vi erigo ad altare d’immagini sempre pronti alla pugna (2) del non giusto risentimento. Sapervi nemici mi onora...! Perché è facile combattere chi crede di sapere e non sa nulla. La vita è fatta di scontri e di incontri futuri. Voi siete per me gli incontri. Vogliamoci bene... Io ve ne voglio...! E voi pure...! Augusto Alighieri

1) Dorreste= non vi dispiacereste 2) Pugna = combattimento Florilegio poetico napoletano proposto da Claudio Onorati

L’avaro Si tu te cride ‘e ricavà che saccio?... pure ‘na piccolezza ‘all ‘ ommo avaro nun ce ne cacce niente, amico caro. Nun c’esce ‘a chelli mane che d’ è ‘nu straccio, che d’ è ‘nu chiuovo stuorto. L’avaro è comme ‘o puorco, fratu mio, allora caccia tutta ‘a grazia è Dio sultanto quannno è muorto. Peppino De Filippo

Proverbi napoletani sull’avaro: * Scuoglie ca nun fanno patelle * Cuppine ca nun aizano broro

Fantasticando So’ comm’ a na curona ‘ ll’Oriente cheste ddoje file ‘e perla ‘mmocc’ a tte, e quanno faje nu sorriso cu sti diente mme faje sentì ‘o meglio ‘e tutt’ ‘e Rre! Forse è nu suonno o sulo ‘o desiderio, è na scena ca ritorna dint’ ‘a memoria comm’ a nu film o nata bella storia e accummencia n’atu Purgatorio. Dint’ ‘a chistu suonno mme ce perdo, m’arrevoto dint’ ‘ lietto e m’ ‘o riguardo, po’ mme sceto e tu nun staje a buordo. E mentre ‘a fantasia va luntano t’accarezzo ‘e capille cu na mano e sento ca tu pure mme vuo’ bene! Denara

Memoria santamariana Venerdì 16 aprile, nella sala teatro della scuola media di S. Maria a Vico, è stato presentato il lavoro di Gabriele Della Valle dal titolo Memoria santamariana. Sul prossimo numero un’ampia recensione.

Il metano che costa meno

con una nuova compagnia Tanti buoni motivi per passare con noi: Facilità di passaggio - Risparmio certo tutta italiana Assistenza e cortesia - Contatto diretto Agevolazioni - Comodità e tranquillità Agenzia di S. Felice a C. e S. Maria a Vico: Via Roma, 47 - S. Felice a Cancello tel. 0823. 751277

Tutto per il divertimento Slot - Videogames

Depi. car

s.r.l.

Ciaramella Anna

Viale Sant’Alfonso, 41 ARIENZO tel. 0823. 755222 - fax 0823. 805619 cell. 348. 5117978 - 347. 4802853

fiscale gioca nell’incentivare donazioni e contributi da parte di cittadini e aziende nei confronti del mondo no profit e, in particolare, di attività e istituzioni culturali. Dati statistici Le erogazioni effettuate nel 2008 ammontano a più di 31 milioni di euro, con una leggere flessione di poco più di 100 mila euro rispetto all’anno precedente. Analizzando i dati su base geografica, si evince come i beneficiari delle erogazioni si concentrano soprattutto in Lombardia, nel Lazio e nel Veneto. La Fondazione del teatro della Scala di Milano, l’Accademia nazionale di santa Cecilia e la fondazione del teatro dell’Opera di Roma si mettono in luce per aver ricevuto le donazioni più sostanziose. D’altra parte, i dati rilevano che è il settore dello spettacolo a ricevere il 57% del totale complessivo delle erogazioni contro il 43% destinato, invece, ai beni culturali. Tra i beneficiari spiccano anche i Comuni: tra questi, pole position per la città di Torino. Sul versante dei benefattori, le imprese più generose hanno i nomi di A2A spa, Ansaldo Sts spa, Assicurazioni Generali, e la Bnl, prima di un nutrito gruppo di banche che regorlarmente investono nella cultura.

ARIENZO Elettronica

Via Nazionale Appia, 81 -S. MARIA A VICO

della composizione di questo secondo canto dell’ Inferno, Dante completava la sua credenza nella ragione come raggio dell’intelletto divino ossia raggio che viene da Dio ed a Dio ritorna. Dante sale dalla ragione a Dio. Saprà l’umanità del secolo XXI risalire a Dio? Vi è differenza di tono tra primo e secondo ragionamento, asserisce il Pietrobono. Ed ancora, il Pietrobono rammenta a noi quanto Dante raccomanda (a sua volta) nel canto III del Purgatorio: State contenti, umana gente, al quia; / ché, se possuto aveste veder tutto, / mestier non era parturir Maria. Il Pietrobono aggiunge, a maggiore tranquillità umana, che Adamo (se dotato di ragione perfetta) non si sarebbe lasciato seddurre dal serpente, con la falsa promessa che i suoi occhi aperti avrebbero saputo conoscere la distinzione tra bene e male Infine si apre il vero scenario di distinzione, fra impotenza dell’umano errore e l’Infinito del Dio Creatore, unica fonte, che si arricchisce di altra eterna verità, la Misericordia dell’Onnipotente, che ha si gran braccia / che prende ciò che si rivolge a Lei. E ci si ricorderà di Manfredi di Svevia (C. III, vv. 121-123 del Purgatorio). Su tale traccia avrà luogo il cammino delle nostre rassegne

di Carlo Piscitelli

VENDITA VEICOLI COMMERCIALI

ricevimenti ed eventi Via Maranielli (prol. Viale della Libertà) tel. 0823. 758261 - cell. 339. 5209477

SANTA MARIA A VICO

cell. 335. 5997717 www.depicar.it

Via Strada Statale Appia, 126 MONTEDECORO tel. 0823. 316465 fax 0823.312159


Aprile 2010

Valle di Suèssola

Superare lo scoraggiamento Carmela Fico Nella nostra vita di ogni giorno sono tanti i problemi che siamo chiamati ad affrontare, soprattutto in tempi di crisi come quelli che stiamo vivendo. Ogni problema che ci assilla, ci toglie la pace ed il sonno, ci tortura e ci domina. A volte sembra proprio che tu non abbia alcun potere sui tuoi pensieri. Per tutto il giorno cerchi di dedicarti al lavoro, alla tua famiglia, ma non riesci a concentrarti perché, quando meno te l’aspetti, te li ritrovi tra i piedi a reclamare la tua attenzione e a renderti infelice e insoddisfatto. Viene sera, sei stanco, non ce la fai più... e domani ti aspetta un’altra giornata di lavoro. In alcuni momenti della vita i tuoi pensieri possono diventare davvero i tuoi peggiori nemici. Quando sei preoccupato tutto diventa pesante e difficile. Con l’aiuto di Dio c’è la cura per poterne uscire vittoriosi. Egli ci indica nella sua Parola in quale modo e seguendo quale strategia possiamo vivere liberati da ansie e preoccupazioni. Se tu non sei un credente, ti invito, come prima cosa, di andare a Gesù per la salvezza. L’apostolo Paolo scriveva: Rallegratevi sempre nel Signore. Ripeto: rallegratevi (Filippesi 4:4). Tu dici: è una parola, come fai a rallegrarti quando le cose vanno così male? Ti chiedi se chi ha scritto queste

parole abbia mai provato quello che stai provando tu. Se lui si fosse trovato nella situazione che tu stai vivendo, forse non avrebbe scritto quelle cose. Ed invece ti sbagli. Infatti l’apostolo Paolo ha sofferto molto nella vita; più volte è stato picchiato e molto vicino alla morte a causa della sua fede in Cristo. Quando scrisse quelle parole l’apostolo Paolo era in carcere e nonostante questo, egli si rallegrava nel Signore. Gli uomini gli avevano tolto la libertà, ma non erano riusciti a rubargli la gioia del suo rapporto con il Signore. Il Signore sa tutto ciò che stai passando, Egli sa che hai delle preoccupazioni e, se tu credi, ti è vicino. Con le tue forze non riuscirai mai a sconfiggere le tue ansie, le tue preoccupazioni, i tuoi problemi. E’ meglio che ti rassegni se non vuoi andare incontro a continue sconfitte; non riesci a fare, il Signore può farlo. Ecco perché il brano dei Filippesi continua così: Non angustiatevi di nulla, ma in ogni cosa fate conoscere le vostre richieste a Dio in preghiere e suppliche, accompagnate da ringraziamenti. Fermati un attimo. Smettila di preoccuparti. Lascia che il Signore si occupi di te. Non angustiarti di nulla. Non è proprio questo il tuo problema? Forse fino ad oggi hai pensato all’ansia come qualcosa di inevitabile alla quale non

puoi sottrarti. Ma se fosse così, il Signore non ti chiederebbe di non essere ansioso. In Pietro sta scritto: Umiliatevi, dunque, sotto la potente mano di Dio, affinché egli vi innalzi a suo tempo; gettando su di Lui ogni vostra preoccupazione, perché Egli ha cura di voi (I Pietro 5:6). Smettere di preoccuparsi richiede umiltà e sottomissione al Signore ed è proprio ciò che devi ricercare. Egli ha cura di te quindi puoi gettare su di Lui ogni preoccupazione. Gesù ti conosce bene. Conosce le tue tendenze ad essere ansioso, a preoccuparti per la tua vita, per il tuo futuro, per il tuo lavoro, per la tua salute. Ma Egli ti ricorda che la tua preoccupazione non è in grado di risolvere i problemi. Pensaci un attimo; ti puoi rivolgere a Lui come ad un Padre facendogli conoscer in preghiera tutte le cose che ti tormentano e lasciando che Egli se ne prenda cura. E’ la fede che ti permette di unire la supplica al ringraziamento senza aspettare l’esito delle tue richieste. Per fede sai che Dio ti vuole bene e vuole il meglio per te, pertanto puoi ringraziarlo sapendo che Egli non dona pietre a coloro che chiedono pane (Matteo 7:9). Come farà Dio a risolvere i problemi che ti tormentano? Non lo sai ancora, ma comincia a ringraziarlo. E tu hai fede? Rifletti...

Chiesa Cristiana Evangelica Via Appia, 462 SANTA MARIA A VICO Visita il nostro blog: chiesasmav.spaces.live.com cell. 333. 2792848

Roviello: Mi muovo sapendo che esisto

Tommaso Roviello La fotografia affianca la mia pittura nonché la mia espressione artistica già da diverso tempo. Del resto l’occhio artificiale, a sottile differenza di quello umano, è in grado di cogliere cromie e dettagli inimmaginabili al primo sguardo. Ragion per cui la fotocamera diviene per l’uomo un inimitabile cacciatrice di luce che lo aiuta a conoscere se stesso e quello che si trova intorno a lui. Strade, sorrisi, architetture impossibili immerse in utopiche ambienta-

sto, ho deciso di dare a questa esposizione il titolo: Mi muovo sapendo che esisto. S. Maria a Vico, poi, è stata una location davvero soddisfacente. Il calore delle persone e la sensibilità verso l’arte, hanno reso questa mia permanenza artistica davvero piacevole. Spero pertanto di poter interagire ancora, per il futuro, con la solare comunità santamariana. Che ancora una volta, ha fatto brillare la passione per l’arte e l’amore per la cultura, in qualunque sua forma, non venendo meno alle sue nobili origini. Tommaso Roviello

dalle famiglie... 25 aprile san Marco Auguri a: preside Marco Mauro dott. Marco Vigliotti prof. Marco Migliore

Laurea Maria Manna Il 2 marzo Maria Manna, primogenita del marescialo Francesco Manna, si è brillantemente laureata all’Università degli Studi di Napoli Federico II, facoltà di lettere e filosofia, corso di laurea in lettere moderne, discutendo una tesi in letteratura italiana dal titolo La fenomenologia amorosa nella lirica siciliana: la tenzone tra Iacopo Mostacci, Pier Della Vigna e Giacomo da Lentini. Relatore è stato il prof. Francesco Paolo Botti.

Il 16 aprile Raffaele Guida ha spento la sua prima candelina. Auguri dal papà Armando, dalla mamma Alessandra ( sciarella), dai nonni, dagli zii e dai cuginetti.

Tradimento

FLORESE Via Calzaretti, 20 S. MARIA A VICO 0823. 804178 - 347. 4577875

IMPIANTI TERMOIDRAULICI

Il 13 aprile Gennaro Valentino di Messercola ha compiuto 21 anni. Gioca a pallacanestro in serie A1 con la società Banca Tercas Teramo. Gennaro - ci dice il papà Vincenzo - quattro anni fa fu scelto dagli abruzzesi. Ha già debuttato in serie A. L’anno scorso il Teramo lo mandò in prestito in serie B2 a Massafra (Taranto) e poi l’ha richiamato a Teramo. A Gennaro e a tutta la sua famiglia le più vive felicitazioni dal giornale Valle di Suèssola. Nella foto Gennaro, con la casacca biancorossa dei teramani, in una fase di gioco con un tiro in sospensione. Il 20 aprile

Angela

Era la mia vita unica ragione d’esistenza Calcagno E poi: orrore, sgomento, disperazione, ha festeggiato vergogna, angoscia, pianto. i suoi primi Un cuore nero. quarant’anni La mia vita distrutta. circondata L’esistenza inutile. dall’affetto Al mio fianco la morte unica salvezza. e dall’amore Ho deciso. di tutti E poi.. La luce: “un angelo” i suoi familiari. Ti confidi. Nella luce la salvezza. Auguri Un cuore nuovo, meraviglioso, L’amore profondo, vero, puro. 29 aprile santa Caterina da Siena La guardo con ammirazione. Auguri alla prof.ssa Caterina Franceschetti Tutto ha dato seza mai pretendere. Un angelo che mi ama, 9 aprile santa Maria Cleofe un angelo che ha sofferto nell’ombra, Auguri a Cleofe un angelo che ha atteso una vita. La sua unica missione: Il 7 maggio compirà gli anni Mario Della Morte salvarmi. dipendente della Provincia di Caserta, ww nostro assiduo lettore. Auguri

Ruotolo Francesco La tua morte improvvisa lascia un grande vuoto fra tutti coloro che ti amarono. Nel loro animo sarà sempre vivo il ricordo del tuo sorriso e del tuo amore.

Monticello Caprioli

Luigi Eduardo

CONDIZIONAMENTO

zioni cromatiche: a ragione si fa da parte e lascia spazio all’irrazionale visione dei sentimenti. Ciò che vediamo è solo una parte di ciò che ci circonda, sono sfumature per dipingere emozioni. Nella mostra presentata il 3 Aprile scorso presso il “Circolo Cittadino” di S. Maria a Vico racconto proprio di questo, di un viaggio. Aldilà del corpo, racchiuso nel cuore, ma soprattutto nell’anima. Non occorre perciò spostarsi di migliaia di chilometri, ciò che cerchiamo si può trovare anche sotto casa, sotto i nostri occhi. Pensando a que-

5

Azienda agricola ANTICO FRANTOIO OLEARIO BORBONICO Olio extravergine di oliva - Premitura a freddo Legna di olivo e di leccio - Pellets Rivolgersi ai n. 328. 5788427 - 339. 1092546 Pellets a partire da euro 3,50 al sacco Sansa vergine di oliva per termocamini predisposti

Il figlio Domenico (IP API) 27.12.1932 - 1 marzo 2010

7 maggio 2010 Ad un anno dalla somparsa di Giuseppe Marino la famiglia tutta lo ricorda con infinito affetto

Gerardo Miale (mericano) Via Napoli, 41 tel. 338. 9403301 S. Felice a C.

Matrimoni, Trasferimenti, Visite città, Visite notturne, Viaggi in Italia ed all’estero, Congressi, Hotels, Agenzie viaggio, ecc.

Sistemi professionali

BRICO

SILENT GLESS ARQUATI MOTTURA

Sgambato

Corso Angelo Abatemarco, 2/A - tel. 0823. 752444

Via Nazionale Vico 1, 14

S. MARIA A VICO T EN D A G G I Tendaggi, tappeti orientali e moderni, stoffe per arredamento, tende classiche e moderne, pannelli, pacchetti, verticali

S. FELICE A CANCELLO Via Nazionale, 138 S. MARIA A VICO

tel. 0823. 758113 - 338. 3281638 azzurrosport@alice.it

Termoidraulica - Fai da te - Ferramenta - Materiale elettrico Utensileria - Pitture - Casalinghi - Articoli da regalo - Bricolage


6

Aprile 2010

Valle di Suèssola

Promozione delle eccellenze: da tutta Italia a S. Maria a Vico Promotori i proff. Fabrizio Di Nuzzo e Antonio Lanza Il 14 e 15 aprile 2010 presso l’I.T.C.G.”V.Bachelet”di Santa Maria a Vico si è tenuta la gara Nazionale per gli indirizzi IGEAMercurio,autorizzata dal MIUR

I.T.C. L.Da Vinci -S.Maria C.Vetere (CE), I.I.S.S. L.Sturzo -GELA (CL); I.T.C. Caio Plinio Secondo (Como); I.I..S.S. Ezio Vanoni -Menaggio (Como);

Pertini -Genzano di Roma (RM); I.I.S. De Amicis –Rovigo; I.T.C. R.Pucci -Nocera Inferiore (SA). La sera del 13 aprile i partecipanti, alla presenza di docenti ed alunni dell’Istituto, sono stati accolti dal gruppo musicale formato dagli studentidell’istituto ragioneria e con assaggi di cucina locale offerti dai genitori. Il giorno seguente, mentre gli alunni si cimentavano nella prima prova (Diritto,Economia Politica ed Economia Aziendale) i docenti venivano accompagnati dal prof.Di Nuzzo Fabrizio e dalla prof.Filomena Zimbardi a visitare il Borgo Antico di Casertavecchia e le Regie Seterie di San Leucio, grazie alla collaborazione del funzionario della Soprintendenza Antonio Crisci. Nel pomeriggio alunni e docenti hanno visitato il Parco e le stanze Vanvitelliane di

Caserta con la disponibilità di Pasquale Savino altro funzionario della Soprintendenza. Durante la serata di gala, allietata da cantori napoletani, sono stati consegnati ad alunni e docenti vari doni offerti da ditte locali. Nel giorno seguente ,seconda prova di Matematica. I docenti sono stati accompagnati dai refenti scolastici a visitare l’Anfiteatro di S. Maria C. Vetere e la chiesa di Sant’Angelo in Formis. Al ritorno, allievi e docenti degli istituti partecipanti, dopo i rituali saluti, sono ripartiti per le proprie dimore. Artefice dell’organizzazione e del coordinamento,insieme al Prof.Di Nuzzo Fabrizio, è stato il prof.Antonio Lanza a cui va il ringraziamento di tutta la comunità della Valle di Suèssola per aver dato lustro al territorio.

Alcuni studenti in visita al Parco reale

all’interno del programma di promozione delle eccellenze. Alla gara hanno partecipato gli alunni più meritevoli provenienti da tutta Italia: I.I.S.S. B.Cellini- VALENZA (AL); ITC Giulio Cesare (BA), I.I.S.S. Alfonso M. de Liguori –Sant’Agata dei Goti (BN), I.I.S.S. V.Capirola-Leno (BS);

I.T.C. G.Filangieri -Frattamaggiore (NA); I.T.C.G. Archimede (NA); I.T.C. E. Caruso (NA); I.T.C. Pertini-Camposampiero (PD); I.T.C.G. G.Manthone (Pescara); I.T.C. A.Capitini-Vittorio Emanuele II –Perugia; I.T.C. “Luigi di Savoia Duca degli Abruzzi-Rieti; I.I.S.S.S.

La sera andavamo al bar Gennaro Bernardo

Ci ritroviamo ad un mese dall’epilogo di una campagna elettorale che si è chiusa con il famoso “election day” tanto richiesto da quei politici che diventano parsimoniosi solo quando il contenimento della spesa non riguarda i loro stipendi. Come da previsioni, tanta confusione nell’espressione del voto degli elettori meno giovani o culturalmente svantaggiati. Per contro, il Ragioniere dello Stato non pare abbia segnalato grosse novità in materia di deficit pubblico. Questa volta ho avuto parte attiva, cognizione diretta e discreta (seppur parziale) di fatti e circostanze preliminari alla campagna elettorale. Nella composizione delle liste ho preso atto con dispiacere che il nobile preambolo introdotto dal Dott. Enzo D’Anna avrebbe avuto scarse prospettive. L’esaltazione del ruolo del Consiglio e del Consigliere Comunale è difficilmente praticabile. Molti concittadini candidabili, quelli socialmente e politicamente “quotati”, hanno cortesemente declinato l’invito; altri si sono dichiarati disponibili solo per la sindacatura. Atteggiamento forse condizionato dalla cosiddetta sindrome del

consenso: colui che si sente accreditato nell’immaginario civico e nelle segreterie politiche non può rischiare che l’idea di “consenso virtuale” si traduca aritmeticamente. La politica è spregiudicata perché misura peso e prestigio con il numero dei voti. Dei giovani, putroppo, inutile parlarne: in generale hanno l’allergia cronica per la politica ed hanno ragione. Abbiamo vissuto giornate interminabili di trattative e corteggiamenti estenuanti. Unico conforto il fine serata in amicizia al “Carpe Diem” (noto bar della zona) dove la stanchezza, la delusione o l’imbarazzo si trasformavano in momenti di sano e allegro intrattenimento in compagnia di un aperitivo, un amaro o una camomilla. Alla fine la proposta amministrativa è risultata molto semplificata e degnissimi tutti i candidati proposti. Innovativo l’accordo programmatico trasversale tra il PDL, l’UDC ed altri gruppi autorevolmente rappresentati. L’acclamazione per il Dott. Alfonso Piscitelli annulla di fatto il tentativo di mini-primarie per la sindacatura nel PDL. Ottime anche le proposte alternative, Rinascita e PD, che evidenziano due novità: la mancata candidatura

Grand Hotel

Guardanapoli DURAZZANO tel. 0823. 955004 - fax 955290 www.guardanapoli.it info@guardanapoli.it Prolungamento Viale Libertà,1

S. MARIA A VICO tel. 0823. 808728 fax 0823. 809080

AUTO E RICAMBI AUTO

OPEL AUTORIZZATI

VICAP Via Nazionale Appia , 59

MONTEDECORO Offerta: euro 5,99 mq pavimento-rivestimento

Benedetto PASCARELLA

Via Calzaretti, 17 S. MARIA VICO 0823. 755505 - 333. 5961607 IMPIANTI TERMOIDRAULICI CONDIZIONAMENTO

Anche i docenti al Parco reale

del mio amico ispiratore della lista Rinascita e la scelta del PD di proporre con grande dignità e coraggio tutti i componenti del direttivo locale. Altri importanti leader locali scelgono di non presentarsi: opportunità politica o mancanza di candidature? Sinceramente non sono informato! Certo è che il dibattito elettorale è stato alquanto scarno. Comizi concentrati sull’identità e sul contatto con l’elettore con l’obiettivo molto concreto di rincorrere più il voto che il consenso. Slogan impegnativi, accattivanti o molto coinvolgenti. Cito per tutti quello del nostro Sindaco: noi con voi, voi con noi, tutti insieme per Santa Maria a Vico. Altri (senza offesa ma solo per discutere) leggermente ingenui, triti e ritriti se non addirittura fritti e rifritti. Ogni sera e sempre al “Carpe Diem”, si parlava simpaticamente di queste cose anche se le riflessioni vere riguardavano tutt’altro! Il dibattito elettorale ha toccato poche volte argomenti scottanti. Criminalità, droga, speculazione edilizia e trasparenza amministrativa sono stati analizzati con vigore sempre e solo dagli stessi oratori. I programmi sono stati illustrati nel dettaglio ma ormai non fanno la differenza perché tutti gli elet-

tori hanno interiorizzato la massima corrente: i politici promettono in base alle loro speranze e mantengono in base ai propri timori! I cittadini decidono in relazione alla loro valutazione della coerenza personale, della competenza professionale e dell’esperienza. Applicano una semplice regola: fiducia + credibilità = consenso. I candidati, a volte, sottovalutano le capacità di analisi degli elettori e tentano l’artificio matematico di amplificare a piacimento la prima parte di questa eguaglianza. Ho sentito parlare di patrimoni personali di consenso come se fossero sanciti da atti notarili; di “tagli” o “spostamenti” di decine di voti come se fossero casse di cocomeri. I risultati non sempre hanno rispettato le previsioni. Alla fine abbiamo assistito alla breve storia di una vittoria annunciata ma gli amici della minoranza pare che siano contenti lo stesso. Anche noi siamo soddisfatti e contenti, parlo ancora degli habituè del “Carpe Diem”. Tuttavia, Vi devo confessare che nella settimana successiva alle elezioni, tra le varie possibilità di scelta, abbiamo optato decisamente per la camomilla! Ogni riferimento a persone o illazioni è sicuramente casuale!

P.M.L.

“Lettera

Caro Sindaco di S. Maria a Vico Non sono un suo elettore, non abito a S. Maria a Vico. Mia madre era una Sgambato ed io sono nato nel suo paese. Nato soltanto. Poi, come un viandante, ho vissuto in altri posti. Dal 1990 sono qui, nel bosco di Acerra, con un gruppo di drogati alla ricerca di una guarigione. Ho molti amici nel paese di S. Maria, tra essi spicca Paolo Gioia, del Gioia Market, poi ho tanti parenti. Poi c’è Mimmo Campagnuolo che ogni giorno fa il tifo per noi. E poi c’è Padre Santino, anche lui non ci dimentica. Mi è caro questo paese, forse perché appartiene un po’ alle mie radici. Caro Sindaco, perché le scrivo? Per dirle che esiste un luogo, particolare, dove una carovana di persone cerca una strada perduta. Non è una comunità terapeutica, come tanti dicono. E’ una casa. Senza cancelli, senza barriere e senza catene. Anche senza potere. Caro Sindaco, tutte le comunità terapeutiche o per caso o per furbizia hanno uno sponsor. Ricco e potente. La Locanda del Gigante non ha sponsor. Non ha potere e non lo ama. Ama e cerca la gente. Perché i drogati non hanno bisogno di palazzi, di amici potenti, di grandi imperi. I drogati hanno bisogno dell’aria, del vento, delle pietre, dell’acqua, dell’invisibile, della terra. Negli anni passati ho avuto un cattivo rapporto con il suo Comune. Penso che dobbiamo costruire un’alleanza. Sulle droghe non sono possibili le divisioni. Nessuno può lottare le droghe da solo. La lotta alle droghe è una lotta di popolo. Dobbiamo lavorare per fare gente. Sono a conoscenza di molti eroi solitari,ma non li amo. Io credo ai coinvolgimenti, alle partecipazioni. Sig. Sindaco, i pochi devono diventare molti nei problemi complessi. Questa è una strategia di successo. Io le propongo questa terra perché diventi un piccolo quartiere generale di una lotta. Qui gli insegnanti possono trovare stimoli, simboli, esperienze. I giovani possono realizzare appuntamenti importanti, per capire e per aiutare. Qui il suo paese può trovare un segno. Di solidarietà. Di unità. L’umanità oggi ha bisogno di segni. I segni non cambiano il mondo, ma indicano una direzione. Caro Sindaco di S. Maria a Vico, per questi sentieri spesso cammino, ascoltando il silenzio. Una frase mi perseguita nella testa e mi condiziona la vita. “Se devi costruire una barca, non preoccuparti dei soldi e degli operai. Preoccupati che a molti venga la voglia del mare”. Carlo Petrella

CENTRO

BENESSERE di Alessandro IADARESTA

srl

telefax 0823. 753306 0823. 330529 -

DISTRIBUZIONE

Via Napoli, 188 - PONTI ROSSI - San Felice a Cancello

to n e m a i l ig 14 b b Via Nazionale Appia, 203 A 0S. MARIA A VICO

tel. 0823. 758747

da un bosco”

C’è una piccola zolla di terra, nel cuore di Suèssola, poco lontana da qui; non è un bosco, ma tutti anticamente e ancora oggi la chiamano “Il bosco...”. Qui nascono le Lettere da un bosco del sociologo dott. Carlo Petrella

I nostri servizi

* area mental: training autogeno, yoga, musicoterapia, reiki * area riabilitativa: ginnastica posturale e riabilitativa, pilates, trattamenti osteopatici, riabilitazioni in acqua. * area fitness: cardiofitness, body building, spinning, circuit training, aerobica, step, funk, fitbox, total body, body pump, preparaz. atletica * area agonistica sportiva: karate, kich boxing, lotta libera * area piscine: idrospinning, acquagym, scuola nuoto * area relax estetica: bagno turco, sauna, idromassaggio, massaggi estetici, cromoterapia, doccia abbronzante * area balli: balli di coppia, balli di gruppo, scuola di danza moderna, balli caraibici * area medica: terapia dell’arco plantare, medicina sportiva, dietologia, fitoterapia bioimpedenziometria, test intolleranza alimentare, agopuntura * area estiva alternativa: circuit training all’aperto, palestra con piscina all’aperto, percorsi running con itinerari esterni, solarium.

www.alexwellness.it

S. MARIA A VICO: Via Schiavetti, 1

E.G.N. impianti Impianti elettrici, civili ed industriali Automatismi - Condizionatori Impianti di videosorveglianza antintrusione Assistenza 24 ore - tel. 339. 3306104

Via Cappella, 21 - ARIENZO


Aprile 2010

Valle di Suèssola

7

Calcio - Il Real Suèssola agli spareggi per la promozione in Eccellenza - La Sanfeliciana salva - Il San Marco sconfigge il leader Cellole ed è a tre punti dal vertice - Ancora un pareggio per il Messercola - Il Cervino Messercola gioca per i record Clemente Ferrara

Il Real Suèssola del presidente Giuseppe Guida chiude la fase regolare del campionato al quarto posto in classifica ed acquisisce il diritto a disputare la semifinale per la promozione nel campionato di Eccellenza da disputare il 9 maggio prossimo contro il Real Volturno, terzo. In caso di vittoria, gli arienzani affronterebbero in finale il San Pio Mondragone, secondo in classifica, il successivo 16 maggio. Nell’ultima di campionato gli uomini di mister Squillante sono andati a vincere a Capua per due a zero con le reti di Bizzarro e di D’Antò. Hanno controllato molto bene le sfuriate dei capuani e li hanno colpiti alla mezzora del primo tempo con una punizione di Bizzarro. Il raddoppio è venuto nei minuti di recupero della gara. Con le vittorie del mese di aprile gli arienzani raggiungono quota 53 punti in classifica e consolidano il quarto posto. La Sanfeliciana, dopo il pareggio nel derby con gli arienzani, avendo messo già al sicuro la permanenza nel campionato di Promozione, non si è preoccupata più di tanto ed ha

perso sia fuori casa col Real Volturno per 2-0, sia in casa col San Pio Mondragone per 1-2. Termina questo campionato al tredicesimo posto cioè quartultima, ma quel che più conta è che è riuscita a salvarsi. Nell’ultima giornata di campionato è stata scavalcata in classifica dal Lacco Ameno che ha sconfitto per 5-0 il Vitulazio. Questa la classifica per le ultime posizioni: Barano 36, Vitulazio 36, Lacco Ameno 35, Real Sanfelice 34, Acerrana 23, Boys Caivanese 20, Kal. Maddaloni 18. Nel campionato di Prima categoria ore di trepidazione per i Sanmarchesi. Infatti la loro squadra, la Libertas San Marco, non demorde e sotto la guida di Franco Magliulo riesce a rintuzzare tutti gli attacchi del Mondragone. Nell’ultima giornata di campionato del mese di aprile, poi, è stata superba perché ha inflitto al capoclassifica Cellole una sonora sconfitta per 3-1. Con questo successo e con quello della giornata precedente fuori casa per 2-0 contro l’Europa, il San Marco mantiene saldo il terzo posto in classifica e si avvicina sempre più al vertice. Infatti: Cellole 59, Carano 58, San Marco 53, Mon-

dragone 53. Ma il San Marco molto probabilmente avrà tre punti dalla Federazione per una gara vinta ma ancora sub judice, cioè non convalidata. E quindi salirebbe a 56 punti. E quando mancano solo quattro giornate al termine del campionato tutto può ancora accadere a cominciare da domenica prossima quando il Cellole se la vedrà col Mondragone, il Carano col San Prisco, il San Marco andrà a Capua. Nello stesso girone del San Marco c’è il Messercola. Non è stata un’annata felice per gli uomini di mister Suppa. Troppe sconfitte (9), troppi pareggi (11), appena sei vittorie hanno condizionato non poco la classifica: decimo posto con 29 punti. Ma i Ziculesi, se dovessero vincere domenica contro l’ultima in classifica, molto probabilmente potrebbero fare un bel salto in avanti. Musica diversa, invece, per l’altra squadra di Messercola che milita in seconda categoria. Infatti il Messercola-Cervino, agli ordini di mister Alfonso Capasso già da molte settimane ha cominciato a festeggiare la promozione ed ora gioca solo per raggiungere record su record. Su ventidue gare, ne ha

vinto 20, pareggiato 1, persa 1. Ha realizzato settanta reti, subendone 22. Ha 61 punti in classifica, la seconda è a 49. Nello stesso girone dei Ziculesi c’è la Virtus Talanico, alla prima esperienza in seconda categoria. E’ al quinto posto in classifica con 36 punti. Ha ottenuto 12 vittorie, 1 pareggio, 9 sconfitte. Ha realizzato 45 reti subendone 41. Sempre in seconda categoria, ma nel girone C, c’è il Santa Maria a Vico del presidente Pompeo Laudando. E’ stato un campionato interlocutorio che ha visto la squadra giocare fuori casa per circa i tre quarti delle gare. Il terzo posto in classifica, con 44 punti, non è poi da buttare. Il leader Solopaca, con 56 punti, non è poi così forte. Ha avuto fortuna: quella che non ha avuto il S. Maria a Vico. In terza categoria merita di essere evidenziata l’impresa del San Pietro Talanico che nell’ultima di campionato del emse di aprile è riuscito a fermare sullo 0-0 il capoclassifica United Vitulazio. I castellani sono al quinto posto con 24 punti frutto di 6 vittorie, 6 pareggi, 7 sconfitte. Hanno realizzato 33 reti subendone 31. Prima esperienza per il Villa Cancello Scalo.

Pallavolo femminile serie D

La Ribellina surclassa il capoclassifica Montella Agli spareggi per la promozione in serie C incontra la Primavera Avella, seconda in classifica nel girone B, e la sconfigge con un netto e perentorio 3-0 - Il verdetto finale domenica 2 maggio ad Aversa Il presidente Antonio Iaia è teso, ma felice perché le sue ragazze hanno disputato un ottimo girone di ritorno vincendo dapperttutto e risalendo dal quarto al secondo posto in classifica sconfiggendo e superando prima il Bocconcì Paestum per 3-0, raggiungendo il Gimel Sant’Agata e sconfiggendolo in casa propria a Massalubrense per 3-0, per poi dare una sonora sconfitta anche al capoclassifica Acca Montella per 3-1. Al termine della fase regolamentare conclusasi al secondo posto,la Ribellina ha acquisito il diritto a di-

Antonio Iaia

sputare gli spareggi per la promozione in serie C. Il primo incontro è stato disputato domenica sera 25 aprile nella palestra della ragioneria in Via Strettola. Le ragazze sono scese in campo troppo tese ed il gioco ne ha risentito. Il primo set è stato al cardiopalmo con la Ribellina sotto dal 23 al 14. Una rimonta superba e vittoria per 25-25. Nel secondo gioco qualche sbaglio di troppo, ma alla fine è vinto dalle nostre ragazze non senza qualche

battibecco sotto rete. Vittoria finale per 3-0 e ancora battibecchi che potrebbero costringere la Federazione a prendere decisioni sfavorevoli alla Ribellina. Domenica 2 maggio ore 11,00 tutti ad Aversa per sostenere le nostre ragazze nell’ultimo assalto alla promozione in serie C. Per informazioni telefonare al team manager Rocco n. 347. 3849312 e chiedere la disponibilità nel pullmann. Majra

Epilazione permanente con luce pulsata Tecarterapia - Ultrasuonoterapia Elettrostimolazione - Pressoterapia Dietologia: Piani alimentari personalizzati ed Impedenzionetria

Panificio BIONDILLO

Via Nazionale Appia, km. 225,5 MONTEDECORO-MADDALONI tel. 0823. 310019 - fax 0823. 310854

di Biondillo Clemente e Petriccione Luigi s.n.c. Via Ponti Rossi, tel. 0823. 806372 SAN FELICE A CANCELLO

SILVESTRO ANGELO Macchine per cucire - Industriali per confezioni e calzature - Aghi Officina - Ricambi - Accessori Apparecchiature speciali Via Appia, 492 - telefax. 0823. 809385

S. Maria a Vico

Il S. Maria a Vico si salva con un turno di anticipo Vittorie contro il Centro Ester Napoli e Basket Telese Ai tempi supplementari gli atleti del presidente Giancarlo Bernardo battono fuori casa il Centro Ester Napoli e conquistono, con un turno di anticipo, la matematica salvezza. Nell’ultima giornata di campionato, poi, hanno surclassato per 88 a 67 il capoclassifica Telese consentendo al Nola di appaiare in testa alla classifica i sanniti del Telese. Quindi al termine delle quattordici giornate al comando sono il Nola ed il Telese con 24 punti, il Santa Maria a Vico a 20 punti. Segue il Centro Ester NA a 16, e poi le altre formazioni. Un commento a caldo al termine del campionato non può che essere soddisfacente per la permanenza nella serie C2, ma negativo per quanto attiene il comportamento degli atleti nel girone di ritorno della fase di retrocessione. Addirittura si potevano vincere tutti gli incontri

ed andare a disputare gli spareggi per il salto di categoria. Sia il Nola che il Telese sono stati sconfitti dai santamariani, ciò vuol dire che poi non sono dei mostri. All’inizio del girone di ritorno c’è stato una specie di ammutinamento in seno alla squadra. Sembra strano, ma è così. Eppure la dirigenza non ha mai fatto mancare il suo apporto. Anzi. Questi sono i giovani d’oggi: mocciosi, viziati, che si permettono il lusso di avere un impresario perché fa moda, e che chiedono la luna nel pozzo! A volte viene voglia di mandarli tutti a casa, a zappare, a rendersi veramente conto di cosa significhi guadagnarsi un soldo. Ma finché ci saranno appassionati vecchia maniera di sport questi viziosetti continueranno a... AMC

Centro volley San Marco-Cancello

Centro della dott.ssa Carmela Crisci

Via Appia, Parco De Lucia telefax 0823. 758184 S. MARIA e-mail: europa1969@libero.it A VICO

Pallacanestro maschile serie C2

E´ l´anno delle conferme per il Centro Volley San MarcoCancello da sempre protagonista nel panorama pallavolistico campano. Fino a quattro anni fa conosciuto esclusivamente per il settore maschile ed impegnato in campionati seniores, successivamente ha iniziato l’avventura con i giovani istituendo il settore juniores. Un lavoro faticoso che ad oggi ha portato tante soddisfazioni; infatti il C.V. S.Marco-Cancello ha partecipato, con ottimi risultati, ai campionati under 14 maschile e femminile, rispettivamente seguiti dai tecnici Nuzzo Antonio e De Lucia Vincenzo. Abbiamo un grande vivaio ed intendiamo valorizzarlo quanto più c´è possibile - afferma con decisione il presidente Fabrizio

Centro Via Nazionale, 248 - S. MARIA A VICO tel. 0823. 809047-759051 fax. 759800 info@sidal.it tel. 0823. 800986

AGENZIA di VIAGGI

GOING AROUND

AUTOSCUOLA PRATICHE AUTO E MOTO

Santa Maria a Vico - Via Appia, 80/A

In ARIENZO (Ce) tel. 0823. 755341

TUTTO PARQUET Fornitura e posa in opera

ARIENZO Via Maddalena, 7 - tel. 0823. 755210 cell. 328. 3914141

Di Nuzzo. Basta entrare in palestra per rendersi conto che le parole del presidente non sono ingiustificate, il minivolley curato da De Lucia Vincenzo e Di Nuzzo Domenico ha più di 50 iscritti. Ma i risultati raggiunti non sono del tutto inaspettati: c´è un duro lavoro per far conoscere ed amare alle nuove generazioni questo sport magnifico. Infatti alla base del progetto non c´è mai stata la pretesa di raggiungere il risultato, ma quanto più la voglia di coinvolgere e di educare allo sport tanti giovani. Lo sport è scuola di vita ed è solo grazie al lavoro di tanti, parliamo di dirigenti, sponsor e quanti impegnati in tale sforzo che, oggi, si sono raggiunti questi risultati. AMC


8

Aprile 2010

Valle di Suèssola

Vigliotti Elettrodomestici da

in

Via Nazionale dismessa

tel. 0823. 809180 - 316010 S. MARIA A VICO

ATTENZIONE!!! Rottamazione elettrodomestici con contributo statale

Risparmio fino al 20% del costo: * Lavastoviglie: fino a 130 euro * Forni elettrici e piani cottura: fino a 80 euro * Cucine a gas: fino a 100 euro * Cappe climatizzate: fino a 500 euro * Pompe di calore per acqua calda: fino a 400 euro

MOTOR CARFORA Noleggio camper, furgoni, auto

www.motorcarfora.it

Alf Distinctive 2006 Euro 11.900

Fiat Panda 2007 Euro 6.200

Via Nazionale Appia, 29 - ARIENZO - 0823. 755124

di

Affinita Giuseppe

COLOUR is ... emotion

Via Ferdinando I d’Aragona, 20 S. MARIA A VICO - 08231682016


Aprile 2010  

Politica, sport, cultura, storia locale

Advertisement
Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you