Page 1

Seguici anche su:

Anno II - N° 102 del 10/04/2013 Editori Trapanesi s.a.s. Redazione: Piazza Vittorio Emanuele n°28 Tel. 0923 28140 - redazione@lasberla.com - www.lasberla.com

Supplemento de L’Affarone reg. trib. TP n° 191 Direttore: Enzo Biondo del 14/10/88 iscritto al ROC n° 20945 Stampa in proprio

Vincenzo Morici

Francesco Morici

BENI PER TRENTA MILIONI DI EURO SEQUESTRATI AL GRUPPO MORICI

Beni per un valore di oltre trenta milioni di euro sono stati sequestrati a due noti imprenditori del capoluogo, Francesco e Vincenzo Morici. Secondo gli inquirenti sono vicini al boss Matteo Messina Denaro. Il provvedimento, disposto dalla Sezione misure di prevenzione del Tribunale di Trapani, su proposta del questore Carmine Esposito, riguarda sei società, 142 immobili, 37 beni mobili registrati, 36 conti correnti e rapporti bancari e 9 partecipazioni societarie. La proposta del questore è scaturita dalla risultanze del procedimento per concorso esterno in associazione mafiosa a carico del senatore Antonio d’Alì, in corso di svolgimento a Palermo. I Morici, secondo l'accusa, avrebbero sottoscritto un patto con cosa nostra per aggiudicarsi la gara relativa ai lavori di ristrutturazione del porto di Trapani. Lavori realizzati in occasione delle regate di qualificazione alla coppa America nel 2005 per un importo a base d’asta di 46 milioni di euro. Sulla base delle intercettazioni gli inquirenti ipotizzano l’esistenza di un

patto tra il capomafia del capoluogo, Francesco Pace, il parlamentare trapanese e le imprese partecipanti alla gara d’appalto per favorire il gruppo Morici e per utilizzare materiali non conformi ai requisiti richiesti e alla sicurezza. In relazione alla possibilità da parte delle imprese riconducibili a Francesco e Vincenzo Morici di aggiudicarsi commesse pubbliche in occasione delle regate – è scritto nel provvedimento di sequestro - giova ricordare che padre e figlio si aggiudicavano la commessa più consistente afferente il Completamento dei moli foranei e lavori di realizzazione delle banchine a ponente dello sporgente Ronciglio con importo a base d’asta di 46.344.000 di euro, lavori finanziati dal Ministero e sui quali nel 2006 l'imprenditore Antonino Birrittella riferì che Vincenzo Morici gli avrebbe chiesto un preventivo per la fornitura di ferro e che gli avrebbe anche detto: “... “... per il rapporto che mio padre ha con il senatore d'Alì puoi stare certo che l’appalto sarà

aggiudicato a noi”. noi”. E sulla vicenda da registrare la nota diffusa dai legali del parlamentare trapanese. “L'estraneità “L'estraneità del Sen. Antonino d’Alì dalla vicenda giudiziaria che ha portato all'odierno sequestro nei confronti degli imprenditori Morici, è attestata dagli atti processuali al vaglio del GIP del Tribunale di Palermo - affermano gli avvocati Gino Bosco e Stefano Pellegrino – invero nell'ambito del suddetto procedimento, sono state svolte incisive ed efficaci indagini difensive, attinenti anche alle procedure di aggiudicazione degli appalti nel porto di Trapani, che escludono in maniera categorica qualsiasi coinvolgimento o cointeressenza del Senatore in dette aggiudicazioni. Fra le tante, testimonianze autorevoli come quelle dell'allora Prefetto Giovanni Finazzo, dell'allora Sindaco Girolamo Fazio e dell'Ing. Gian Francesco De Luca. Detta estraneità, per altro, risulta confermata anche da talune testimonianze assunte dal PM”. Enzo Biondo PM”.


IL GRUPPO MORICI, IN DIECI ANNI APPALTI PER 100 MILIONI DI EURO A ricostruire la storia dell'impresa Morici è stato il responsabile della Divisione anticrimine della Questura di Trapani, Giuseppe Linares. Francesco e Vincenzo Morici, rispettivamente padre e figlio, nell'arco di tempo compreso tra il 2001 e il 2011, hanno vinto alcune tra le più importanti gare d'appalto pubbliche in provincia di Trapani. La prima grossa “commessa” è datata 2001, 9 milioni di euro, allorquando il comune di Erice decise di completare la rete fognaria. Nello stesso periodo il Gruppo si aggiudicò una commessa della Provincia Regionale di Trapani per oltre 4 milioni di euro per il completamento della galleria della strada provinciale di Favignana. La ditta riuscì ad allargare i propri confini ottenendo appalti a Catania, 9 milioni di euro, Massa Carrara, 3 milioni, Trapani, La Spezia e dal comune di Massa per due milioni di euro. Nel 2004, l'anno delle regate veliche, l'associazione temporanea di imprese con capogruppo la “Società Italiana Dragaggi S.p.a.” ottenne l'appalto per una cifra superiore ai 40 milioni di euro. Molti dei

lavori sono stati eseguiti avvalendosi delle deroghe di somma urgenza previste da un'ordinanza della Presidenza del consiglio dei ministri. Dal 2005 al 2010 le imprese dei Morici si aggiudicarono i lavori di completamento della rete

2

fognaria (6 milioni di euro) e di ripristino della funivia banditi dal comune di Erice (oltre 8 milioni). Nel 2006 si aggiudicò l'appalto per il canale di smaltimento delle acquee a Cornino di Custonaci, importo un milione e 300 mila euro. Sempre nel 2006 a Trapani viene ripristinato il

mentre dal 2006 al 2008 vinse la gara per l'ammodernamento della rete di distribuzione dell’acqua potabile a Fontanelle, un milione e 700 mila euro. Nel 2007 l'Airgest affidò alle imprese dei Morici la ristrutturazione dello scalo intitolato a Vincenzo Florio, 5 milioni e 700 mila euro mentre per conto del comune di Trapani riqualificarono la litoranea nord, un milione e 700 mila euro. Gli ultimi due lavori sono relativi al 2011 quando il Gruppo si aggiudicò gli appalti per la messa in sicurezza della strada Strada Provinciale 39 di Favignana (700 mila euro) e per l'abbattimento delle barriere architettoniche dell'ospedale S. Antonio Abate (900 mila euro). Sotto sequestro sono finite le società romane “Coling spa” ed “Eumede consulenze ed ingegneria srl”, la “Trapani Infrastrutture Portuali Soc. Consortile a r.l”, e le quote a loro volta detenute nelle società " L i t o ra n e a N o r d " , " L a F u n i v i a " , "Sperone", "Torre Ascensori", "Port Service", "Traghetti delle Isole", "Touring Service & Consulting". Tutte insieme, e a vario titolo, avrebbero fatto parte del sistema che avrebbe garantito il controllo degli appalti pubblici agli uomini di Cosa nostra. Un sistema smascherato anche dalle dichiarazioni di chi vi ha preso parte. basolato di corso Vittorio Emanuele e A raccontare come venivano controllate le viale Delle Sirene per una importo di gare sono stati gli imprenditori Antonino 1.282.774 euro. Birrittella, Tommaso Coppola e Antonino Anche Autostrade per l'Italia affidò Spezia. A cui si sono aggiunti gli ex l'appalto per la manutenzione di una funzionari della Provincia di Trapani, galleria a Genova, importo 700 mila euro, Giovan Battista Grillo e Vito Giacalone.

SCARICA LA TUA COPIA DAL SITO WWW.LASBERLA.COM


UN SINDACO DENUNCIA UN ALTRO SINDACO La guerra dell’acqua non si placa, anzi, degenera. Come una gigantesca onda “asciutta”, (visto il momento), i sindaci di Erice e Trapani arrivano allo scontro senza mezze misure. La vicenda è ormai nota. Nell’ultima settimana il dissalatore di Nubia ha fermato la sua produzione, lasciando a secco mezza provincia, costringendo tutti, o quasi, ad attingere a fonti alternative per oltre 10 giorni. I comuni dell’agroericino, dissalatore dipendenti, insorgono, soprattutto Erice, che a nome del suo sindaco Giacomo Tranchida attacca la città capoluogo, rea, tramite il suo sindaco, di non redistribuire ai comuni limitrofi le scorte dei pozzi di Bresciana, cosi come indicato più volte dall’assessorato regionale competente e dalla Siciliacque, azienda che gestisce il dissalatore e la rete idrica. A far traboccare il vaso, il blocco forzato del sindaco Damiano lo scorso 6 aprile, che ha fermato la stessa Sicilacque nella realizzazione di un by-pass tra le reti di Bresciana e Nubia in Località San Giovannello, sede di una cisterna del comune di Trapani, ma di fatto in territorio ericino. Tranchida sbotta, e in mattinata ha presentato il suo esposto alla procura, denunciando di fatto il sindaco Damiano di non ottemperare alle disposizioni del dipartimento regionale, che dopo le ripetute sollecitazioni, nella giornata dell’8 aprile ha diffidato ufficialmente il comune di Trapani ad intraprendere qualsiasi iniziativa atta ad ostacolare il lavoro di Siciliacque per la realizzazione del by-pass tra le due reti. “La legge va rispettata – dice Tranchida – non è certo mia intenzione togliere l’acqua ai trapanesi. Ma come più volte ribadito in maniera ufficiale dal dipartimento regionale; Siciliacque e il comune di Trapani, gestore dell’Acquedotto di Bresciana, dovranno equamente ripartire le carenze idropotabili su tutti i centri abitati serviti dai sistemi interessati. E al momento questo non avviene”. Ieri era previsto un nuovo tentativo di Siciliacque presso la cisterna di San Giovannello, ma Damiano, con una nota nel pomeriggio, ha ribadito le sue ragioni, alzando ancor di più il suo muro. Il

sindaco Vito Damiano, si legge nella nota - coerentemente con le decisioni adottate nei giorni scorsi, ha dato disposizione alla polizia municipale di inibire l'accesso all'area comunale di San Giovannello a chiunque non sia in possesso di autorizzazione rilasciata dall'amministrazione comunale di Trapani. Il sindaco, afferma con forza la titolarità della condotta di Bresciano, che sin dal 1969, e successive delibere comunali, appartiene al solo territorio di Trapani, e poi, successivamente, per una parte all’isola di Favignana. “"Non comprendo – conclude il primo cittadino - i motivi per cui il sindaco di Erice si ostini , dopo cinque giorni di mancanza d'acqua nel suo Comune, in una sterile polemica invece di mandare le autobotti al nostro serbatoio di San Giovannello per prelevare acqua potabile da distribuire ai "nostri" concittadini di Casa Santa. A meno che non si vogliano, scientemente, creare le condizioni che puntino ad un "malessere" sociale". Tra denunce, ripicche e nella speranza di qualche sviluppo positivo, i rubinetti dei comuni trapanesi resteranno ancora a secco almeno per un'altra settimana. Michele Maltese

I LAVORATORI DELLA MEGASERVICE SUL SENTIERO DI GUERRA I lavoratori della Mega Service Spa, società in liquidazione della Provincia Regionale di Trapani, scendono sul piede di guerra. Da ieri pomeriggio, infatti, hanno iniziato l’occupazione a tempo indeterminato salendo sul tetto di Palazzo Riccio di Morana. Protestano contro il mancato pagamento

di ben sette mensilità arretrate e contro la totale assenza di prospettive occupazionali per il futuro. L’occupazione proseguirà fino a quando non arriveranno impegni concreti e, in particolare, sul pagamento immediato degli stipendi dovuti dal mese di settembre 2012 e fino allo scorso mese di

marzo ma anche sulla istituzione di un nuovo Tavolo Tecnico Regionale, con la presenza del Presidente della Regione Siciliana Rosario Crocetta, nel quale venga redatto un protocollo di intesa che sancisca la garanzia della continuità occupazionale per tutti i 68 lavoratori.

INCIDENTE MORTALE, TRAVOLTO UN IMMIGRATO Un impatto fatale che non ha lasciato scampo ad un malcapitato ciclista. È accaduto ieri mattina nel tratto di strada tra Marsala e Mazara del Vallo. Un uomo privo di documenti e di probabile nazionalità rumena è stato ucciso da una vettura. Sul posto sono intervenuti agenti di Polizia che dopo aver accertato la morte dello sventurato hanno cercato di accertarne l'identità.

SCARICA LA TUA COPIA DAL SITO WWW.LASBERLA.COM

3


IL CANDIDATO PERAINO ADERISCE AL PROGETTO GRANDE ERICE Anche il candidato sindaco del comune di San Vito Lo Capo, Giuseppe Peraino, ha aderito al progetto di “Governan Comune che prevede l’istituzione di un consorzio di servizi tra i comuni di San Vito lo Capo, Custonaci, Buseto Palizzolo, Valderice ed Erice lasciando immutate le loro identità. “La Grande Erice è un nuovo modello di sviluppo del territorio che consentirà di consorziare i servizi e di renderli più efficienti diminuendo i costi per le pubbliche amministrazioni e, di conseguenza, ridurre il peso fiscale sui cittadini. Un progetto culturale, nato con la pubblicazione di un libro, diventato oggi un programma politico importante, indispensabile in un periodo di crisi in cui sono drasticamente diminuiti i trasferimenti di Stato e Regione agli Enti locali”. Il candidato alla poltrona di primo cittadino di San Vito Lo Capo, carica ricoperta dal 1998 al 2008, attuale consigliere provinciale ha ufficializzato la sua adesione al progetto “La Grande Erice”, la cui dicitura è presente all’interno del logo che dà il nome alla lista civica “Insieme per San Vito” che lo sostiene e che sarà inserita anche nelle liste degli altri candidati che hanno sposato il progetto. Sessanta anni dopo la rivendicazione dell’autonomia da Erice, i comuni dell’agro-ericino pensano ad una nuova strategia amministrativa comune che, però, non mette in discussione le autonomie di ogni singolo Comune. Aspetto rimarcato dal dottor Fabrizio Fonte, autore del libro “La Grande Erice - Una governance comune per l’agro-ericino” e promotore

Giuseppe Peraino, Fabrizio Fonte e Giuseppe Bica

dell’incontro a cui ha preso parte anche il candidato a sindaco di Custonaci, Giuseppe Bica. “Un processo non solo fattibile ma ormai ineludibile – ha affermato Fonte - che punta a nuove logiche e a nuovi modelli di sviluppo, alla luce della recentissima riforma voluta dal presidente Crocetta che abolisce le Provincie istituendo i liberi Consorzi tra Comuni”. Giuseppe Peraino ha, infine, aggiunto: “La scelta di indire questa riunione a Castelluzzo non è casuale. Da questo paese, nel gennaio del 1949, grazie al Comitato per l’agitazione di San Vito Lo Capo, prese il via il processo di affrancamento da Erice che portò all’elevazione a Comune autonomo delle frazioni di Macari, Castelluzzo e San Vito. Da questo luogo vogliamo ripartire per rilanciare una nuova idea di governo della città di San Vito Lo Capo”. Nel corso dell’assemblea si è anche discusso dello sviluppo del turismo con la realizzazione delle crociere a terra: una serie di tappe mirate nei comuni dell’agro-ericino che consentano ai visitatori di conoscere ed apprezzare gli aspetti salienti di ogni territorio. Un pacchetto promozionale da lanciare sul mercato mondiale frutto della sinergia tra pubblico e privato e richiesto a gran voce dai cittadini dell’agro-ericino presenti. Il programma elettorale del candidato Giuseppe Peraino verrà presentato ufficialmente lunedì prossimo durante l’inaugurazione del comitato elettorale di via Savoia a San Vito Lo Capo mentre il giorno dopo toccherà a Castelluzzo, in via Cristoforo Colombo.

A PACECO È NATA L’ASSOCIAZIONE RERUM NOVARUM “L’uomo può generare figure perfette, ideali. L’uomo ha le potenzialità di farlo e lo deve fare. Queste figure sono incomplete, accennate nell’uomo. Solo il libro della cultura può disegnarle. E disegnarle a nostra misura”. Partendo da siffatte premesse la neonata associazione culturale "Rerum NovarumPaceco" ha scelto come logo l'uomo vitruviano sostenuto da un libro. Nello scorso fine settimana hanno presentato il loro progetto presso l'aula consiliare di Paceco al cospetto di numerosi intervenuti. Un segnale della forte voglia di cambiamento? Può darsi. “Rerum Novarum – sottolinea uno dei fondatori, Paolo Reina - nasce con lo scopo di favorire la diffusione della cultura giovanile. È un bisogno intimo, quello di noi ragazzi. Bisogno che muove dalla voglia di riscatto e di intraprendenza di un gruppo giovani che vuole essere protagonista di un futuro più roseo di quello che, oggi, si prospetta. Perseguiremo questo fine con lo strumento della cultura, l’unico in grado

4

di formare persone coscienti di sé e della società in cui vivono”. E lo faranno organizzando convegni, seminari, manifestazioni, mostre, concerti, spettacoli teatrali e trattenimenti musicali. Tante le idee condite da sano entusiasmo. “Siamo determinati - afferma Davide

Tranchida, vicepresidente e studente universitario – metteremo in campo le nostre idee, le nostre proposte e la nostra voglia di fare”. L'associazione e le iniziative che proporrà sono consultabili su Facebook nella pagina: "Rerum Novarum" e al recapito telefonico 3208935609.

SCARICA LA TUA COPIA DAL SITO WWW.LASBERLA.COM


CONFARTIGIANATO PER I PENSIONATI. GRATUITA LA STAMPA DEL CUD 730, Cud, Obis/m, Caf, Pin, Web, messaggi cifrati? No, sono solo alcune sigle con le quali siamo costretti a convivere. Per tanti pensionati, soprattutto per coloro che non possono contare sui propri figli, appare una sorta di giungla. Eppure debbono adattarsi e, magari, ringraziare il Prof. Monti che in ragione della spending review l'ha imposto. Nello specifico e perchè di stretta attualità parliamo del Cud, la certificazione unica dei redditi di lavoro dipendente, pensione e assimilati, che non è più inviato dagli enti previdenziali per posta in forma cartacea. Scelta condivisibile perché limita i costi ma che, nello stesso tempo, ha creato disagi tra le persone più anziane. Confartigianato Imprese Trapani, per bocca del presidente Orazio Bilardo,ha lanciato strali. “L’Inps ha deciso di attuare la spending review accanendosi sui pensionati, togliendogli ciò che spetta loro di diritto. Il mancato invio postale del Cud e del modello Obis/m (ossia la busta paga) ha lasciato i pensionati da soli, costretti a vedersela con il computer e per molti nell’oggettiva impossibilità di potersi stampare da soli un certificato importante. Per questo motivo, con la collaborazione di tutte le nostre strutture INAPA, per il Patronato, e ANAP per l’associazione dei pensionati, abbiamo deciso di fornirlo noi subito e gratuitamente”. Gli interessati potranno rivolgersi agli uffici Confartigianato di Alcamo, Castelvetrano, Marsala, Mazara del Vallo, Pantelleria, Santa Ninfa e, naturalmente, Trapani per avere la stampa dei modelli CUD e OBisM. Il servizio è gratuito e viene offerto a tutti quelli che si rivolgono agli sportelli. Con grande atto di responsabilità la Confartigianato Trapani – unitamente al proprio centro di assistenza fiscale, al patronato INAPA e al

sindacato pensionati ANAP – ha infatti deciso di mettere in campo un significativo sforzo organizzativo per offrire a tutti la stampa gratuita dei modelli. La stessa Confartigianato nella nota sottolinea come non sussista una particolare urgenza nel recarsi presso le sedi sindacali perché c’è tempo sino al 31 maggio per espletare le scadenze fiscali. La stampa cartacea del modello CUD e OBisM interessa tutti i pensionati e le pensionate, ma anche i lavoratori e le lavoratrici dipendenti che nel 2012 hanno percepito indennità di disoccupazione, mobilità, cassa integrazione, malattia, maternità con pagamento diretto da parte dell’Inps, pensione di reversibilità, assegno di invalidità, infortunio. Possono richiedere la stampa del CUD anche coloro che non fanno la dichiarazione dei redditi per verificare la corretta compilazione.

TOUR PANINI 2013: A TRAPANI CELO, CELO. MANCA, MANCA

Ha fatto tappa a Trapani il "Tour Panini 2013". Sabato scorso in Viale Regione Siciliana, accanto all'edicola di Roberto Silvestro, è stato allestito un gazebo dove collezionisti, appassionati e semplici curiosi si sono avvicinati per esplorare il mondo delle figurine che da oltre mezzo secolo sono stampate da Modena. Ieri i fratelli Panini, fondatori di un impero senza eguali, oggi coloro che oltre a raccoglierne l'eredità hanno dato nuovo impulso alla collezione di figurine calciatori. Con l'occasione è stato possibile procedere allo scambio delle

classiche “introvabili”, quelle figurine che tardano ad uscire dalle bustine e che rendono davvero unica la collezione. Grandi e piccoli, senza distinzione di età, hanno creato un vero e proprio paddoc dove scambiare e procedere all'ormai storico “celo, celo, manca, manca”. Inevitabile il riscontro positivo della iniziativa approdata per la prima volta nel capoluogo dove, lo diciamo per conoscenza diretta, circolano tantissimi collezionisti soprattutto della raccolta Calciatori. Anche quest'anno è presente con tanto di fotografia e scudetto anche il

Trapani. Genitori, più che i figli, letteralmente coinvolti nella ricerca della figurina mancante, sotto l'occhio incuriosito dei passanti. E con l'occasione sono stati distribuiti gratuitamente centinaia di album Calciatori ma anche Zampe & Co. Chi afferma che si tratta di iniziative riservate ai più giovani prende un grosso abbaglio. Intanto perché qualsiasi collezione non ha età e poi provate a sfogliare i mitici album degli anni 60 e 70, pezzi rari che costano un occhio della testa.


VOLLEY SERIE A2, LA SIGEL MARSALA SI CONGEDA DAI TIFOSI Ultima trasferta della stagione, la prima disputata in serie A2, ed ennesima sconfitta. Contro un avversario in lotta per i playoff il sestetto di coach Sbano ha incassato un secco 0-3. Non sono bastate determinazione e buona volontà, troppo forte e motivate le avversarie che hanno sfruttato a dovere il martello bulgaro, Elena Koleva, autrice di 24 punti. La Sigel ha cercato di opporre una valida resistenza e nel corso del primo set riusciva a restare in corsa fino al 21-20 poi le locali schizzavano fino al definitivo 25-21. Identico andamento nel secondo parziale con Sanitars Metalleghe che si imponeva 25-22 mentre nel terzo non c'era storia, 25-18 e tutte sotto la doccia. La terza sconfitta consecutiva non ha spostato di una virgola la posizione in classifica perché la matricola marsalese è rimasta penultima con 13 punti, 5 in più del fanalino di coda Cedat 85 San Vito. E prima del match la formazione del presidente Massimo Alloro era stata in visita del Vinitaly in corso di svolgimento a Verona. La capitana Alessandra, Casoli, il direttore sportivo Maurizio Buscaino ed il team manager Bruno Maltese, hanno visitato gli spazi espositivi e si sono intrattenuti soprattutto con i produttori

marsalesi. Domenica la Sigel si congederà dai propri tifosi affrontando al “Pala Bellina” il Terre Verdiane per poi chiudere la stagione sabato 20 aprile a Soverato. La classifica a due giornate dal termine: Igor Gorgonzola Novara 60, Siamo Energia Ornavasso 57, Pomì Casalmaggiore 57,

IHF Volley Frosinone 52, Riso Scotti Volley Pavia 43, Sanitars Metalleghe Mazzano 33, Volley Soverato 33, Crovegli Volley 32, Il Bisonte San Casciano 32, Terre Verdiane Volley 29, Puntotel Sala Consilina 28, Systema Montichiari 27, Sigel Pallavolo Marsala 13, Cedat 85 San Vito 8.

CALCIO GIRL, LA FORESE BATTE MONREALE E VEDE I PLAYOFF Al Comunale di Monreale, sotto gli occhi del selezionatore della rappresentativa siciliana Massimiliano Osman, la Forese di Peppe De Caro ha piazzato il colpo probabilmente decisivo per centrare i playoff. Una partita combattuta che ha caratterizzato la ripresa delle ostilità dopo la lunga pausa. Le due contendenti hanno dato vita ad un match equilibrato fino al 20' quando Alessandra Strippoli, da fuori area, indirizzava una splendida conclusione all'incrocio dei pali dove l'estremo difensore locale non poteva arrivarci. Veemente la reazione del Monreale che stringeva d'assedio la Forese alla disperata ricerca del pareggio. Tanto vigore determinava la concessione di ampi spazi che l'undici trapanese sfruttava alla grande senza, però, riuscire a raddoppiare. Una veloce fuga di Katia Riggio ed Erika Marino, gran tiro di quest'ultima e palla che si stampava sulla traversa. Gol sfiorato, pareggio subito perchè il Monreale in chiusura di primo tempo trovava l'1-1. Al rientro dagli spogliatoi padrone di casa

garibaldine e Forese che replicava colpo su colpo, passando nuovamente in vantaggio grazie ad un calcio di punizione di Sara Allotta. Palermitane generosamente in avanti e micidiale ripartenza della compagine cara al presidente Gaspare Parisi che triplicava

ancora con Erika Marino. Sfiancate le locali cedevano anche dal punto di vista nervoso e la Forese completava il trionfo con il quarto gol di Alessandra Strippoli per il 4-1 finale. Al triplice fischio finale spazio per la meritata festa di tutte le ragazze pienamente dentro i playoff.

Classifica 13° giornata SQUADRA Fontanasalsa Catania Virtus Capo D'Orlando Aquile Bagheria Valle del Mela Forese Conca D'Oro Monreale Marsala La Vigneta S. Pio X

PT V 33 11 31 10 30 9 27 9 22 7 22 7 16 5 12 4 3 9 1 3

N 0 1 3 1 1 1 1 1 1 0

P GF GS 3 31 21 4 41 25 3 45 14 4 55 22 6 34 18 7 33 36 7 44 31 9 21 29 10 14 36 13 8 94


ATTIVITÀ COMMERCIALI TRAPANI vendesi licenza/ licenze di noleggio con conducente, rilasciate dal comune di Trapani. Trattative solo riservate, astenersi perditempo. Tel. 3498662200

LAVORO ABBONDANTI guadagni confezionando giocattoli, trascrizioni indirizzi, assemblaggi oggettistiche, altro, lavorando anche da casa. Richiedeteci opuscoli informativi Tel. 0544951125 ATTIVITA' indipendente settore: salute e benessere cerchiamo 5 diplomati o diplomate no rappresentanza no porta a porta w w w. a e m g . e u / i n f o r m a z i o n i giemme6@tin.it per colloquio nella propria zona di residenza chiamare (dalle ore 13 alle ore 15 dal lunedì al Venerdì) Tel. 3337741940 - 0932651304 AZIENDA Agrituristica cerca ragazzo/a per animazione bambini richiesta ottima conoscenza del tedesco e inglese disponibilità dal 1 aprile. Tel. 3391087413 - 3204791736

AZIENDA cerca agenti per la vendita di abbigliamento da lavoro, antinfortunistica e articoli promozionali, offresi alti guadagni, fisso + incentivi e premi produzione. Chiamare solo realmente interessati Tel. 0924508749 - 3929302358 AZIENDA leader nel settore forniture dentali, seleziona agenti automuniti. Offresi: acconto provigionale, spese pagate, contratto Enasarco, provvigioni interessanti, corsi di formazione, zona TRAPANI E PROVINCIA. Si richiede diploma di scuola media superiore, buona presenza, puntualità, serietà, buone relazioni interpersonali e capacità di lavorare per obiettivi. Tel. 0918887692 AZIENDA nel settore della ristorazione e dell'animazione seleziona per la stagione estiva: n.1 figura di barman, n.1 figura di banconista e n.1 assistente ai bambini. Per colloqui Tel. 0923861423 AZIENDA Polifunzionale Trapani ricerca per ampliamento organico 10 ambosessi 18/35 anni (anche prima esperienza) da inserire, formare e coordinare per Censimento, Aggiornamento e Impaginazione dati fornitura. Si richiede facilità di apprendimento e massima serietà. Tel. 0923578251

AZIENDA ricerca personale nel settore rappresentanza zona Trapani e provincia. Inviare curriculum: colombamarsala@libero.it Tel. 0923745109 - 3294077091 CERCASI persona con conoscenza lingua inglese per bed and breakfast, zona MARSALA, inviare curriculum colombamarsala@libero.it Tel. 3294077091 - 0923745109 CRISTIAN LAY inserisce, per facile lavoro, anche part time, signorine e signore, offresi possibilità di guadagno iniziale di euro 800,00. Per appuntamento Tel. 0923872082 - 3384162000 DIVENTA consigliera di bellezza: non occorre un'esperienza specifica, ma solo tanto entusiasmo e volontà per far conoscere i prodotti della cosmetica végétale. Tel. 3477891530 DONNA delle pulizie cercasi per una struttura che affitta camere a Favignana. Tel. 0923921073 - 3474666750 NUOVE opportunità di lavoro nella Grande Distribuzione Organizzata GDO. Servizi imprese, catena di filiali in tutta Italia, cerca diverse figure (18/30 anni) da inserire presso la propria sede centrale a Trapani per ruoli di collaboratori aziendali, assistenti ai clienti. Si richiede: serietà, attitudine e capacità di lavoro in team. Tel. 0923538082 - 0923578251 RAM SERVICES cerca agenti per porta a porta nel settore telefonia. Tel. 3392881936

PERSONALI TRAPANI prima volta Samanta, massaggiatrice matura elegante esperta, bellissima, appassionata del massaggio, decoltè abbondante, madre natura, per divertirti senza limiti. Tel. 3428894214

TRAPANI per pochi giorni in città, bellissima, splendida, giovanissima mora massaggiatrice sexy, corpo mozzafiato, disponibilissima per farti vivere momenti indimenticabili. Chiamami sono a tua completa disposizione. Tel. 3271737984

TRAPANI Valeria bellissima bionda massaggiatrice corpo mozzafiato, massaggi rilassanti ti aspetta in ambiente climatizzato e riservato. Anche la domenica Tel. 3312819381

CAROL tornata a Trapani, stupenda massaggiatrice giovanissima, molto disponibile, dolce, 23enne, coccolona e bravissima ti aspetto tutti i giorni anche la domenica. Ambiente riservato Tel. 3882423389

TRAPANI ritornata AnnaCristal, donna 37enne, tranquilla, pulita e riservata, effettua massaggi rilassanti solo per uomini distinti ed educati. Tel. 3204518266

TRAPANI prima volta mulatta bravissima massaggiatrice molto paziente, per momenti di piacere, coccolona, ambiente riservato e climatizzato, ti aspetto tutti i giorni anche la Domenica. Tel. 3881552129

TRAPANI Sabrina prima volta giovane bionda completissima, seducente, espertissima per massaggi completi. Baci. Tel. 3891754712

La Sberla la Trovate... Trapani Erice: I Piaceri Del Caffe', Bar Giancarlo, Red Devil, Caffetteria, Bar Manzoni, Movida, Red Passion, Bar Magic, Becool, Bar Giacalone, Black And White, Gold Stone, Caffe' Delle Rose, Manathann, Bar Monticciolo, Grimon Cafe', L'aroma Cafe', Camelot Cafe', Mon Cafe', Noir, Bar Incontro, Caffe' Miro', Bar Giovanni E Nino, Caffe' Manfredi, Stadt Wien, Per Bacco, Smoking Cofee, Bar Gallery, Sciuscia, Gattopardo, Caffe' Platamone, Bar Esco Pazzo, Savoir Fire, Bar Svalutation, Bar Aris, Bar Todaro, Bar Italia, Bar Morana, Bar Ciclone, Bar Radio Londra, Bar Colonna, Bar Milo, Bar Al Centro, Baby Luna, Bar Mediterraneo, Snack Bar Ip, Stazione Marittima, Roxi Bar, Bar Il Salotto, Coffe And Go, Ra Nova, Bar Mahiki, Tabacchi Milo, Bar Cangemi, Bar Kennedy San Cusumano, Cafe' De Suite, Bar Enjoy, Mokjto Cafè, Bar Portici, Alibar Pietro, Dubai Caffè, La Galleria, Moulin Rouge, Mojto Caffè, Bar Vittorioso - Paceco: Vogue Cocktail, House Cafe', Pasticceria Sugamiele, Bar Mazzara - Guarrato: Bar Dello Sport - Napola: Bar Erice - Crocci: Bar Avenue - Bonagia: Miramare - Valderice: Sunset Cafe', Cafe' Venere, Bar Dello Sport, Caffe' Vespri - Favignana: Bar Europa, Bar Aegusea, Centro Giovani, Bar Cino, Bar U Marinaru, Bar Cono, Bar New Arbatros, Caffe La Bettol, Bar Monique, Bar Mazzini


TRAPANI, OLTRE LA BEFFA ANCHE UN DOPPIO DANNO foto di Beppino Tartaro

Può un colossale errore arbitrale stravolgere l'esito di una partita? Dopo aver visto all'opera il direttore di gara di Sud TirolTrapani, forse parente di Fabbri di Ravenna?, dobbiamo rispondere in maniera affermativa. Una decisione insensata, un errore madornale fatto in buona fede perché a dispetto di famosi dirigenti ed allenatori nazionali non possiamo metterlo minimamente in dubbio, ma che non può non essere sottolineato. Al Trapani hanno sottratto due punti ed un giocatore, Rizzi che sarà squalificato, mentre per lo sfortunato Basso la stagione si è praticamente conclusa proprio al Druso. Un copione già visto. Proprio lo scorso anno, stesso impianto di gioco, identica situazione. Il Trapani che era riuscito a sbloccare la partita con Giovanni Abate, nella stessa porta dove l'anno scorso aveva realizzato Sabatino, nel finale, al 48' della ripresa, subiva un calcio di rigore per un intervento di Pacilli. Il direttore di gara, vicinissimo, ravvisava gli estremi per concedere la massima punizione che Campo trasformava. Poi il parapiglia, voluto dalla stesso giocatore altoatesino, con Rizzi che cadeva nel tranello. Inutile lasciarsi andare ad impropèri o commenti che metterebbero a rischio querela, il film è stato visto e commentato a livello nazionali e tutti, da Tramezzani a Capitani di Raisport, non hanno potuto fare a meno di sottolineare il grossolano errore commesso dall'ineffabile direttore di gara. Ieri fabbri, oggi dei giudici, perché è successo? Bisogna andare oltre, già. Essere più forti di tutto e di tutti, difendere i due punti di vantaggio quando mancano cinque giornate al termine della stagione regolare. Anche a Bolzano, come in tutte le trasferte finora effettuate, il Trapani dopo un inizio sotto tono ha cercato la proposizione e nella ripresa in particolare ha costretto la terza forza del campionato a rimanere rintanata nella propria metà

8

La signora Morace ed il ds Faggiano

campo. Già nel corso del primo tempo, in verità, l'unica pallagol l'aveva costruito la formazione granata mentre i padroni di casa si erano limitati a conclusioni da fuori area oppure a creare pericoli su palle inattive. Nel secondo tempo, infortunio di Simone Basso a parte, in un paio di occasioni Mancosu e Pirrone avevano cercato la fiondata poi l'undicesimo gol di Giovanni Abate, la grande illusione dei 150, splendidi, sostenitori, e la cocente beffa finale. L'unica, sostanziale in verità, differenza rispetto allo scorso anno è tutta concentrata sui due punti che separano la capolista dal più immediato inseguitore. Arbitri permettendo, basteranno? Enzo Biondo

SCARICA LA TUA COPIA DAL SITO WWW.LASBERLA.COM

LaSberla 10-04-13  

LaSberla 10-04-13