Issuu on Google+

Campodipietra per la Poesia

Antologia 2013 3^ edizione Premio letterario Dedicato a Catello Cosenza

Matrice

4 agosto 2013


Campodipie tra per la Poesia

4 agosto 2013

3^ edizione Premio letterario

Dedicato a Catello Cosenza

Prefazione Ci apprestiamo a vivere, con rinnovato entusiasmo e sempre nell’incantevole paesaggio della Chiesa di Santa Maria della Strada in Matrice, la terza edizione del Premio Letterario “Campodipietra per la Poesia”, come di consuetudine dedicato al professor Catello Cosenza. La grande novità insita nel concorso di quest’anno consiste nell’aver ideato una sezione, denominata “Versi in Campo”, appositamente dedicata ai ragazzi delle scuole primarie e secondarie di primo grado dell’Istituto Comprensivo di Campodipietra “Madre Teresa di Calcutta”; il nostro desiderio è stato quello di offrire loro un’importante occasione di aggregazione e la possibilità di divertirsi cimentandosi con un genere affascinante ed elevato quale è la poesia, strumento per antonomasia in grado di esprimere al meglio ogni stato d’animo

Non vi è dubbio che questo concorso, in soli tre anni, abbia fatto davvero molta strada, riscuotendo anche quest’anno un’adesione e un apprezzamento sempre crescente da quasi tutte le regioni italiane, senza contare che alcuni testi provengono anche dal Canada e dalla Svizzera. Se due anni fa le poesie erano circa una settantina e quest’anno ne sono pervenute più del triplo, questo è certamente un grande motivo d’orgoglio e di soddisfazione per la nostra associazione, perché significa che il nostro impegno è stato ampiamente riconosciuto da chi partecipa a questo premio; del resto, è risaputo, la poesia ha proprio in Italia la sua indiscutibile patria.

La Pietra Rmìge

umano e di suscitare infinite emozioni.

Come dimostra la conferma della splendida ambientazione di Matrice, questo concorso letterario vuole assolutamente anche proporsi come un’occasione per promuovere e valorizzare il territorio molisano, magari spesso nel resto dello Stivale non conosciuto ed apprezzato come meriterebbe, nonostante il sicuro fascino dei suoi borghi e paesaggi. E’ dunque tempo di lasciare spazio alla Poesia, più che mai protagonista in virtù della sua ineguagliabile e irrinunciabile carica emotiva per ogni poeta.

Filippo Carlone

Associazione

O.N.L.U.S.

Culturale di Volontariato

1


Campodipie tra per la Poesia

4 agosto 2013

3^ edizione Premio letterario

Dedicato a Catello Cosenza

Adunata delle ore

opera prima classificata

guardinghe

Mi spiega l’angelo prima della mezzanotte il necessario bagaglio per un tragitto senza mani né piedi sulla coltre del letto Da raggiungere è se possibile il sogno nell’adunata delle ore guardinghe che stanno tutte lì accantonate in un angolo

Ho preso dunque il volto di mio padre tra le mani e una vecchia scartoffia ingiallita dove è ancora chiaro qualche tratto di preghiera Poi ho chiuso il cielo nel cassetto della scrivania e ho spento stelle lontane dalla mia stazione terrena

La Pietra Rmìge

dopo la burrasca del giorno

Così mi sono coricato con la ricchezza sotto il guanciale di quelle cose che solo servono a dare un senso alla morte e alla vita Giuseppe Vetromile

Associazione O.N.L.U.S. Culturale di Volontariato

2


Campodipie tra per la Poesia

4 agosto 2013

3^ edizione Premio letterario

opera seconda classificata

Dedicato a Catello Cosenza

Paesaggio

È una ferita schiusa questo manto di rami al cielo, questo crinale che svetta ripido quasi a dar battaglia alla volta celeste. Salgo, un passo, un altro e un altro ancora. Tra fili d’erba che s’adagiano in un refolo, tra le chiome che leggere carezzano il fischio del merlo. Salgo, senza orgoglio, senza fiato fluttuando qual messe sincera che già non teme la serpe immota a crogiolar sul masso. A ritmo dei tocchi lontani per l’antico solco avanzo, sulla scia battuta dall’umile armento, sui contorni curvi del buon pastore che quieto s’inerpica poggiato al vincastro. Salgo e m’accorgo d’essere carne e selce, tralcio e roggia,

La Pietra Rmìge

che s’agita per la campagna assolata e petrosa,

impasto prodigioso di terra e fronde. Sento forte la salita, lo spazio brado sgombro di nubi che mi ritaglio dentro. Sotto le falde del panama chiaro il paesaggio si carica d’azzurro, s’allarga il respiro in uno sbuffo di vento. Dolce l’aria intenta a purificar i sensi, è silenzioso ostello che accoglie il mio riposo. Antonella Riccardi

Associazione O.N.L.U.S. Culturale di Volontariato

3


Campodipie tra per la Poesia

4 agosto 2013

3^ edizione Premio letterario

opera terza classificata

Dedicato a Catello Cosenza

Gitani

È pronto a partire con la sua roulotte verso la Francia, viaggerà e danzerà per i Gitani e la loro Madonna. Zingari come lui, girovaghi del mondo, che dispensano amore verso la natura e tra di loro. Vivranno come nomadi, esseri sporchi e felici, con le loro famiglie viaggeranno e si ameranno.

forse si sposerà in qualche rito pagano. Cavalcherà cavalli Camargue di giorno, e di notte amerà la sua bellissima Gitana. Lei ha capelli scuri e occhi profondi come pozzi d’amore. La sua gonna profuma di calde sere d’estate, le sue labbra sembrano antiche fortezze di corallo rosso.

La Pietra Rmìge

Uno di noi andrà con loro e forse non tornerà più,

In braccio ha suo figlio che poggia nella culla con piume di pavone. Mentre la processione passa, antichi suoni di saggi musicati, risuonano tra la gente in festa e le loro tende, grida intonate e canti popolari di tutto il mondo, ricamano un’immacolata Notte Gitana. Giacomo Cassano

Associazione O.N.L.U.S. Culturale di Volontariato

4


Campodipie tra per la Poesia

4 agosto 2013

3^ edizione Premio letterario

opera classificata

Dedicato a Catello Cosenza

La prima cosa

quarta ex aequo

da fare La prima cosa da fare è imparare i nomi delle strade. Poi, da straniera sbreccare l’afa da temporale accarezzare il mare sbattere il vetro volare irregolare.

La Pietra Rmìge

Non fermarsi non farsi intrappolare nella foto. Non vista rivelare scurire il sole imparare da estranei necessari che oggi è solo un futuro ieri che nessuno è padrone di niente che prepotente è l’instabilità dei numeri e degli affetti dispari e lasciare traccia una mia traccia cava nella memoria di chi ho incontrato e amare disperatamente. Perché una stella viva ancora nella pancia Carla De Falco

Associazione O.N.L.U.S. Culturale di Volontariato

5


Campodipie tra per la Poesia

4 agosto 2013

3^ edizione Premio letterario

opera classificata

Dedicato a Catello Cosenza

Estati vagabonde

quarta ex aequo

Ali scioglieva estate agli aquiloni e il corpo sperdeva il tarassaco al vento quando nell’onda la falce regala al cielo labbra rosse.

In mezzo al grano

una bambina in fuga da una stanza / le piccole trecce poggiate sul cuore / era cicala insonne

era stupore

argilla consegnata alla calura ombra di un’ala che passa nel sole.

ranuncoli votati a empire prati. Sui prati leggerezza di fogliame. E dentro il silenzio lasciava la voce ai pioppi gelosi di nidi. la corsa di nuvole bianche.

Alle fosse Talvolta

La Pietra Rmìge

Con l’anima del vento corteggiava

il guizzo di una rana. Forse quella che diventò fanciulla nella fiaba? Lontano e sfumato l’azzurro richiamo di poggi adagiati alla curva del cielo. L’odore dei fieni inventava una strada. Loriana Capecchi

Associazione O.N.L.U.S. Culturale di Volontariato

6


Campodipie tra per la Poesia

4 agosto 2013

3^ edizione Premio letterario

opera classificata quarta ex aequo

Dedicato a Catello Cosenza

Bambini di Damasco

Impauriti, indifesi, senza più giocattoli, né sogni verdi da rincorrere, negli occhi neri hanno fiamme brulicanti di bombe, traiettorie spezzate di missili che stracciano il cielo… Attorno soltanto sagome incerte di case

La Pietra Rmìge

tra suoni martellanti di sirene: il mare lontano, irraggiungibile, oltre profili sbiaditi di colline… E corrono a piedi nudi nella notte, cercando piccole oasi di fortuna tra le dune mosse della violenza… Fredda luna di marmo, scopre ruvide ragnatele di ansie, accende calde lacrime di madri. Resteranno per sempre tracce indelebili di sangue a segnare i sentieri della paura.

Teresa De Ninno

Associazione O.N.L.U.S. Culturale di Volontariato

7


Campodipie tra per la Poesia

4 agosto 2013

3^ edizione Premio letterario

opera

Dedicato a Catello Cosenza

Ora di punta

classificata quarta ex aequo

Al piano terra le persone paiono più vive conversano sofisticate di religione e letteratura ma anche delle correnti furtive che giungono dalle scale. Certo, è un’ora di punta quando tutte le macchine suonano il clacson all’Apocalisse ma anche al piano terra i suoni si insinuano sempre più rari le onde radio si riducono al massimo le persone che ti ascoltano sono più che altro pazienti o meno possessive prima di lanciarsi in tumulto negli specchi appositamente preparati.

La Pietra Rmìge

e i mendicanti si fermano tutti assieme

E’ una questione di ore. Le file che arrivano innanzi agli edifici avanzano un passo alla volta chi sta fuori può seguire sugli schermi come stringi i pugni una volta due volte cercando di non disturbare nessuno. Daniel D. Marin

Associazione O.N.L.U.S. Culturale di Volontariato

8


4 agosto 2013

3^ edizione Premio letterario

opera classificata quarta ex aequo

Campodipie tra per la Poesia Dedicato a Catello Cosenza

Per voi che non conoscete Mi chiamo Isacco e faccio il musicista. Di certo voi penserete: che bella vita fare il musicista! Vorreste che suonassi? Si, ma ascoltate prima la mia storia e dopo, se ne avrete ancora voglia, suonerò per voi, gentili Signore e Signori. Per voi, che non conoscete la baracca numero 19 del campo di Treblinka, Per voi, che non vi siete mai azzuffati per una rapa o per le bucce di una patata.

“Spielen Sie! Suonare musica alegra!” ci ordinava “Der Kommandant”. E noi suonavamo ballate paesane, di quelle che i bimbi ci fanno girotondo: le note della musica foravano la nebbia dei gelidi mattini, s’alzavano nell’aria

La Pietra Rmìge

letto 3-8-1, giù in fondo, lato finestra..

mescolandosi al fumo dei camini. Noi suonavamo..Noi suonavamo.. ..e loro andavano a morire! Nelle sere chiare, per convincerci che ancora esistesse il mondo dei vivi, scrutavamo attraverso i vetri sporchi il mantello di velluto della notte, stupiti che nel cielo ci fosse ancora la luna.. Mario De Fanis

Associazione O.N.L.U.S. Culturale di Volontariato

9


Campodipie tra per la Poesia

4 agosto 2013

3^ edizione Premio letterario

Dedicato a Catello Cosenza

opera classificata quarta ex aequo

Nella stanza del bucato

Nella stanza del bucato la camicia abbraccia fiori di lavanda. Nel campo ceruleo si specchiano i canti delle donne e sulle stanche chiome danzano

La Pietra Rmìge

le delicate zighene. Dall’uscio in penombra s’ode il chioccolio degli uccelli che il fanciullo a braccia aperte imita nell’attesa del volo… Il paziente volto ben conosce la misura del volteggio e dalla grata arride al gioco, chè la piuma roteando nell’aria la sua fragile trama ancora va scrivendo.

Elena Piccinini

Associazione O.N.L.U.S. Culturale di Volontariato

10


Campodipie tra per la Poesia

4 agosto 2013

3^ edizione Premio letterario

Dedicato a Catello Cosenza

opera classificata quarta ex aequo

Sul far della sera Quando è sera e ti metti alla finestra un ricordo impertinente, spavaldo e tenace si insinua tra le righe del crepuscolo immoto. Rimescolio di desideri che incalza e sobbalza in emozione stridente e sprofonda nel vortice delle strade vissute che spariscono in fretta tra melanconie nascoste. Lividi riflessi di tetti ramati ghirigori armoniosi di colombe screziate tra gli echi di vespri di una chiesa lontana. Comignoli sfilacciati da inquietudini e attese; sogni frementi e desideri struggenti increspano l’aria nel cielo che scolora. C’è un taglio di luce, quando è sera che opprime come musica triste,

La Pietra Rmìge

spruzzati di muffe e di muschio,

non arriva, però, nel fondo del cuore dove abitano invisibili carezze, dove vive la speranza che non delude: zolla di luce discreta che si spande come lembo di terra da cento orizzonti, ed illumina il pensiero del tempo che verrà.

Carmelina Giancola

Associazione O.N.L.U.S. Culturale di Volontariato

11


Campodipie tra per la Poesia

4 agosto 2013

3^ edizione Premio letterario

Dedicato a Catello Cosenza

Menzioni speciali

La Pietra Rmìge ha voluto dedicare una particolare m enzione ad alc une liriche capaci di esprimere un forte legame con il nostro territorio, Il Molise.

Altre opere hanno susci tato la nostra attenzione perché

hanno visto, con nostro grande compiacimento, scri ttori di Campodi-

lasciato la propria terra, i Balcani, da tanti anni, ci ha voluto dedicare una sua lirica in madre lingua bosniaca. Tutto questo per sottolineare, ancora una volta, il significato del premio “Campodipietra per la Poesia”, che vorrebbe la cultura e la poesia, in particolare, quale volano per la nostra terra! La Pietra Rmìge

Associazione O.N.L.U.S. Culturale di Volontariato

La Pietra Rmìge

pietra partecipare al premio, e anc or più ci ha colpito chi, dopo aver


Campodipie tra per la Poesia

4 agosto 2013

3^ edizione Premio letterario opera con menzione

Dedicato a Catello Cosenza

Molise

speciale Terra di borghi antichi, con vecchi selciati e torri merlate. Terra di boschi secolari, di silenzi incantati e di suoni naturali. Terra di monti solenni, di garruli torrenti e prati percorsi da gioiosi cavalli.

e di campane, di panchine di pietra e variopinti roseti. Terra di pane fresco con la crosta che crocca e la mollica che s’intenerisce in rilevate mollezze.

La Pietra Rmìge

Terra di cinguettii

Terra di dolci colline e di ulivi ancestrali le cui foglie tremano appena in tenui sbuffi di brezza. Terra d’antiche civiltà, d’arcaiche vestigia e di struggenti spiritualità. Vincenzo Melino

Associazione O.N.L.U.S. Culturale di Volontariato

13


Campodipie tra per la Poesia

4 agosto 2013

3^ edizione Premio letterario opera con menzione

Dedicato a Catello Cosenza

Pianeta Terra

speciale

Figli di un cielo di Nessuno. Viventi a tempo determinato. Lavoratori precari con contratto che non dura una vita una vita che non dura un contratto. Disposti a tutto per raggiungere risultati migliori correndo con polmoni contaminati. Tutte le energie spese in sogni e lacrime in lotte mai combattute contro quelli il cui nome all’anagrafe nasconde quello reale: il vincente. finiscono sul morbido. E quando i mondi paralleli si frantumano a braccia conserte occhi rivolti a quel cielo attendono la fine senza aspettativa alcuna. Debora Pasquale

La Pietra RmĂŹge

Quelli che sanno che se cadono

14


Campodipie tra per la Poesia

4 agosto 2013

3^ edizione Premio letterario opera con menzione

Dedicato a Catello Cosenza

Una madre

speciale Piangendo ai tuoi piedi, la mia preghiera. Tu, figlio, giacevi soffrendo ché questo momento mai giungesse. Sono stati tre anni di duro calvario, il tuo corpo macinato da dure sofferenze Signore, lo affido a te questo fiore che io raccolsi dal mio primo amore. In preghiera implorai il tuo nome ché dal suo male fosse salvato. Gesù, sapessi quanta voglia aveva di vivere, Tu, Signore, lo hai voluto per te questo bel fiore della mia giovinezza. Apristi in me una piaga profonda. Questo mi consola della tua agonia; tu riposi nel sonno della pace dove non c’è sofferenza, pianto e lutto. Sei un angelo tra gli angeli pieno di fede. Prego te mio Dio di superare

La Pietra Rmìge

guardava il cielo come se lo toccasse con le mani.

questo dolore che è tanto amaro. E il pianto invade il mio cuore quello che resta in me è solo amore. Luigi Carlone

Associazione O.N.L.U.S. Culturale di Volontariato

15


Campodipie tra per la Poesia

4 agosto 2013

3^ edizione Premio letterario

Dedicato a Catello Cosenza

opera con menzione speciale

Stelle gialle

Sorelle di diversa stirpe sotto un unico vessillo, si tengono per mano per inseguire un medesimo sogno. Incedono con ai piedi le scarpe dipinte di blu a stelle gialle, sul suolo impervio, malsano, districandosi da una tela di ragno.

tra le tempeste del maestrale, approdando su rive ombrose per congiungersi alla severa genitrice. Arrancano per rimuovere le rovine di una patria che non è solidale, perché l’Europa atavica, polverosa,

La Pietra Rmìge

Si avventurano come delle eroine

vesta i colori dell’unione e della pace. Pina Di Nardo

Associazione O.N.L.U.S. Culturale di Volontariato

16


Campodipie tra per la Poesia

4 agosto 2013

3^ edizione Premio letterario opera con menzione

Dedicato a Catello Cosenza

Kupite Franju

speciale Kupite Franju

Comprate Franjo

franjo za svaku situaciju franjo za svakodnevnu upotrebu poslije upotrebe baciti (po potrebi promuckati) franjo koji place kad ga navijete franjo koji se smije kad ga navijete franjo koji ce vam ugoditi u svakoj situaciji na svakom mjestu franjo za sve

franjo per uso quotidiano usa e getta (se occorre agitare prima dell’uso) franjo che piange quando lo programmate franjo che ride quando lo programmate franjo che indovina i vostri pensieri franjo che vi soddisferà in ogni situazione in qualunque posto franjo per tutti

Kupite Franju neponovljiv

Comprate Franjo irripetibile

nepokvarljiv

inalterabile

nepopravljiv

irreparabile

(po potrevi poslije

(se occorre gettare

upotrebe baciti) Kupite Franju dok jos ima franji

La Pietra Rmìge

franjo koji pogada vase misli

franjo per ogni situazione

dopo l’uso) Comprate Franjo finché ci sono i franji

Franjo Matanovic

Associazione O.N.L.U.S. Culturale di Volontariato

17


Campodipie tra per la Poesia

4 agosto 2013

3^ edizione Premio letterario

Dedicato a Catello Cosenza

INDICE Prefazione

di Filippo Carlone

pag. 1

Adunata delle ore guardighe

di Giuseppe Vetromile

pag. 2

Paesaggio

di Antonella Riccardi

pag. 3

Gitani

di Giacomo Cassano

pag. 4

La prima cosa da fare

di Carla De Falco

pag. 5

Estati vagabonde

di Loriana Capecchi

pag. 6

Bambini di Damasco

di Teresa De Ninno

pag. 7

Ora di punta

di Daniel D. Marin

pag. 8

Per voi che non conoscete

di Mario De Fanis

pag. 9

Nella stanza del bucato

di Elena Piccinini

pag.10

Sul far della sera

di Carmelina Giancola

pag.11

Molise

di Vincenzo Melino

pag.13

Pianeta Terra

di Debora Pasquale

pag.14

Una madre

di Luigi Carlone

pag.15

Stelle gialle

di Pina Di Nardo

pag.16

Comprate Fanjo

di Franjo Matanovic

pag.17

Le opere classif icate ai primi tre posti

Le altre opere f inaliste quarte ex aequo

Note legali di utilizzo:

Q u e s t a r a c c o l t a ( c o m p o s t a d a d i c i o t t o p a gi n e e s c l u s a l a c o p e r t i n a ) d e l l e o p e r e p r e s e n t a t e a l l a t e r z a e d i z i o n e d e l p r e m i o l e t t e r a r i o “ C a m p o d i p i e t r a p e r l a P o e s i a ” r e s t a d i e s c l u s i va p r o p r i e t à d e l l a o r g a n i z z a z i o n e d e l p r e m i o , l ’ a s s o c i a z i o n e L a P i e t r a R m ì ge d i C a m p o d i p i e t r a ( C b ) e q u i n d i e s s a s e n e r i serva tutti i diritti relativi.

Associazione O.N.L.U.S. Culturale di Volontariato

La Pietra Rmìge

Le opere con menzione speciale


Campodipie tra per la Poesia

Culturale di Volontariato

La Pietra RmĂŹge

Associazione O.N.L.U.S.

Dedicato a Catello Cosenza

4 agosto 2013

3^ edizione Premio letterario


Antologia delle liriche 2013