Page 5

3

Facciamo. il punto

www.lapiazzaweb.it

Strade nuove già vecchie Alberto Beggiolini >albertobeggiolini@gmail.com<

Sarà un Natale blindato L

e “prove generali” alla Fiera di Arsego e a quella dei Mussi di Trebaseleghe. Per entrambi gli eventi (che hanno fatto en plein di numeri con migliaia di partecipanti), per la prima volta nel Camposampierese stati installati dei new jersey (vale a dire blocchi di cemento) all’altezza dei varchi sensibili per “blindare” gli ingressi alle zone affollate. Una “soluzione sicurezza” che la Polizia locale della Federazione dei Comuni non esclude di ripetere in presenza di eventi con particolare richiamo di pubblico. “Ovviamente si decide in accordo con Prefettura e Ministero – spiega il vicecomandante, Luca Meneghini -. Nel frattempo siamo pronti per garantire ai cittadini festività il più tranquille possibile grazie alla “Operazione Natale sicuro””. Da qui all’Epifania, le statistiche confermano aumento di furti in abitazione e rapine in negozi, supermercati, centri commerciali o in prossimità di essi. “Con le nostre pattuglie vigileremo sui luoghi stando vicini alla gente – prosegue Meneghini –. La nostra presenza sarà triplicata: è prevista una copertura non stop dalle 7 alle 21.30, più intensa nei fine settimana”. Una “prima” prova già gli scorsi 1, 2 e 4 novembre. “Solo per l’1 novembre 33 gli agenti impegnati, dalle 7,30 alle 19, per far fronte a 35 eventi in programma, tra i più svariati: vigilanza ai cimiteri, assistenza alle processioni, gestione dei mercati, presenza in prossimità di chiese e santuari” spiegano il comandante Walter Marcato e la presidente della Federazione, Katia Maccarone. Insomma, aspettiamoci un Natale sicuro e “blindato” con una vera e propria task force a presidio del territorio. “Ogni singola situazione va attentamente valutata – conclude Meneghini -, ma se fosse necessario, a presidio di varchi sensibili, potremmo metterci Nicoletta Masetto anche le nostre auto”.

del Camposampierese

è un marchio registrato di proprietà di Srl

Per festività sicure grande spiegamento di forze

...finivano col penalizzare la produzione e l’intero Nordest, rendendolo scarsamente competitivo a livello europeo. Così, quando nel 2011 il governatore Luca Zaia tagliò il nastro dell’ultimo tratto della SR308, tra Resana e Castelfranco (5 chilometri, circa 30 milioni di euro), tutti lo applaudirono mentre scandiva ”Da soli si fa prima, insieme si fa più strada”, alludendo probabilmente all’iter travagliato dell’intera arteria (durato circa 50 anni), nata sulle spoglie della vecchia Strada del Santo, in precedenza Statale e dal Duemila Strada Regionale 307 (con competenze passate da Anas a Veneto Strade), tristemente famosa per il numero di morti per chilometro e per l’asfissia in cui condannava ogni giorno i paesi toccati. La SR308 attraversa la nostra provincia confinante con quella di Treviso, servendo Camposampiero, Loreggia, Campodarsego e Borgoricco. Ogni giorno vi transitano 22 mila veicoli, con punte oltre i 25 mila (un quinto è dato da camion). Oggi la mortalità e l’alto numero di incidenti sono un ricordo, drasticamente ridimensionato dalla mancanza di attraversamenti urbani, dagli innesti di tipo autostradale, dalla deterrenza dei dispositivi e dei controlli sulla velocità. Un gran risultato. Eppure, se la lungimiranza dei progettisti fosse stata a suo tempo più messa a fuoco, se si fossero sfruttati meglio gli espropri dei terreni, se ci si fosse basati su solide previsioni dei carichi di traffico negli anni a venire, oggi anziché viaggiare costretti su due sole corsie di marcia, frenati da obbligati limiti di velocità, forse potremmo vantare una super SR308, ossia un’autostrada metropolitana in grado di smaltire efficacemente trasporti e scambi in uno dei quadranti più vivaci dell’intera regione. Questo per dire che quello che si pensa oggi domani è quasi sempre già scaduto, e dopodomani (che è il tempo più frequente per le opere pubbliche) non è più sufficiente, che chiunque gestisca una pubblica risorsa dovrebbe insomma valutarne l’impatto non sulla prossima scadenza elettiva, ma sul beneficio generale a medio-lungo termine. Ma nei nostri valzer di campanilismi, di comitati, di veti, ogni opera conclusa ci sembra già una conquista, abituati come siamo al fine-opera-mai, l’ergastolo dei lavori pubblici. Il nostro new deal deve diventare invece la capacità-volontà di riconoscere i bisogni di oggi e di domani e progettare di conseguenza. Chi non lo sa o non lo vuole fare, per favore, faccia un passo indietro.

fino al 31 gennaio 2018 il primo mese di noleggio TE LO REGALIAMO NOI oppure usufruisci fino al 5% DI SCONTO sull’acquisto di un PIANOFORTE. Fissa un appuntamento e vieni a scoprire il pianoforte più adatto a te.

www.zantapianoforti.it t +39 041 463170 m +39 348.6082879 info@zantapianoforti.it

con un pianoforte l’estate dura tutto l’anno

venezia padova verona vicenza showroom

È un periodico formato da 14 edizioni locali mensilmente recapitato a oltre 250.000 famiglie del Veneto. Questa edizione raggiunge le zone di Borgoricco, Camposampiero, Loreggia, Massanzago, Piombino Dese e Trebaseleghe per un numero complessivo di 16.500 copie. Iscrizione testata al Tribunale di Venezia n. 1142 del 12.04.1994; numero iscrizione ROC 22120

Direzione, Amministrazione e Concessionaria di Pubblicità Locale: via Lisbona, 10 · 35127 Padova tel. 049 8704884 · fax 049 6988054 >redazione@givemotions.it< >www.lapiazzaweb.it<

Redazione: Direttore responsabile (ad interim) Germana Urbani >direttore@givemotions.it< Ornella Jovane >o.jovane@lapiazzaweb.it<

Periodico fondato nel 1994 da Giuseppe Bergantin Centro Stampa: Rotopress International via Breccia · Loreto (An) Questo periodico è associato alla Unione Stampa Periodica Italiana

Chiuso in redazione il 9 novembre 2017

Profile for lapiazza give emotions

Camposampierese nov2017 n154  

Camposampierese nov2017 n154

Camposampierese nov2017 n154  

Camposampierese nov2017 n154