Page 4

L’ ERBA DI CASA NOSTRA

E adesso le grandi navi

di Paolo Lanapoppi – Italia Nostra Venezia

Pochi spettacoli rappresentano il paradosso in cui si trova imprigionata la città di Venezia come il passaggio di una grande nave da crociera per il bacino lagunare di San Marco, tra il palazzo Ducale, la chiesa della Salute e la palladiana chiesa di San Giorgio. Il contrasto tra la grazia neogotica del palazzo e le stupefacenti dimensioni della nave riduce l’intera città alle dimensioni di un plastico in miniatura. La nuova realtà vive in un’altra scala di grandezze; anzi è, come si dice, del tutto fuori scala. Due rimorchiatori accompagnano le navi, ma non per trainarle: solo per spostare le estremità negli angusti spazi lagunari in modo da far cambiare direzione quando necessario (le navi sono spinte dalle loro eliche, di otto metri di diametro, che muovono immense quantità d’acqua). Se un cavo dovesse spezzarsi, la nave continuerebbe la sua rotta, andando anche a sfondare la facciata del palazzo Ducale se se lo trovasse di fronte (non si può frenare un’inerzia di centoquindicimila tonnellate che procede a venti chilometri l’ora, velocità minima per poter manovrare). Ognuno vede la sproporzione e ognuno vede il pericolo. Nel maggio 2004 l’allora sindaco Paolo Costa, dopo che la tedesca “Monna Lisa” (750 passeggeri, 29 mila tonnellate) si era incagliata di fronte a San Marco per un banco di nebbia, proclamò sui giornali: «È la goccia che fa traboccare il vaso.Va impedito il passaggio di queste gigantesche navi da crociera nel tratto d'acqua tra piazza San Marco e l'isola di San Giorgio Maggiore» (Corriere della Sera, 13 maggio 2004). Nel maggio 2010 lo stesso Paolo Costa, ora presidente dell’Autorità portuale, sembra aver cambiato opinione. Così ha risposto a un’intervistatrice sul New York Times: “Alle poche migliaia di contestatori io dico che le crociere portano milioni di visitatori e che molti altri milioni vorrebbero venire”. Il pericolo di collisione non è il solo. Un gruppo aperto su Facebook ha raccolto in pochi giorni ottocento adesioni e un’impressionante qualità di testimonianze: chi abita lungo il percorso delle navi denuncia il tremare delle finestre, chi ha il negozio lungo un canale descrive la risacca creata dall’acqua spostata al passaggio delle navi, chi abita vicino ai luoghi d’ormeggio denuncia il ronzio costante dei generatori e gli odori dei fumi di scarico, che si teme siano portatori di polveri sottili e d’inquinanti causa di solfatazione per i marmi e le pietre. Continua dunque il paradosso di Venezia: una città che gode di una inesauribile risorsa, il turismo, e che invece di farne un uso assennato finirà per farsene distruggere.

architettoniche sommerse e naturalmente i bassi fondali lagunari adiacenti ai canali, le velma o terre semi‐emerse e le barene o isole erbose lagunari. Sommato all’effetto dello scavo dei canali a profondità innaturali, ciò sta provocando la perdita di milioni di metri cubi di sedimenti ogni anno e la trasformazione della Laguna in braccio di mare aperto, con indescrivibili conseguenze sulla fauna e la flora oltre che sul paesaggio. Possibilità di gravi incidenti per errata manovra o perdita di controllo. I monumenti storici della città si trovano a poche decine di metri dal percorso di passaggio delle super‐navi. Inquinamento. Aumento della quantità di zolfo nell’aria a causa degli scarichi dei motori delle navi in sosta; rilascio di particelle di prodotti antivegetative delle carene delle navi, ai quali vanno aggiunti i rischi di fuoruscite di combustibili e altri prodotti inquinanti. Impatto visivo negativo. Il passaggio delle mastodontiche navi, sovradimensionate rispetto alla città, deprime e svilisce la percezione del patrimonio architettonico di Venezia. Aumento del numero di visitatori del centro storico, già ora stretto d’assedio da 20 o 21 milioni di visitatori l’anno. Le navi da crociera possono contribuire, nella buona stagione, con 40.000 persone al giorno, che si sommerebbero alle altre presenze. L’emergenza oggi non è aumentare il numero di turisti, ma diminuirlo drasticamente e al più presto. Trovate molte immagini spettacolari e tutta la storia dei movimenti di protesta sul nostro sito www. italianostra‐venezia‐org

Fra i danni principali causati dal passaggio e dalla sosta delle navi da crociera: Gravissimi effetti subacquei creati dal risucchio delle grosse navi al loro passaggio, risucchio testimoniato recentemente dalla rottura di quattro cavi d’ormeggio in acciaio di un ferry boat. Restano gravemente colpite le strutture

4

LA PAGINA DI CAMPALTO

LA PAGINA DI CAMPALTO  
LA PAGINA DI CAMPALTO  

dicembre 2011 n.102

Advertisement