Issuu on Google+


Queste
dispense
sono
prodotte
e
distribuite
da:
 
 
 
 



 
 
 



 
 Via
Brunetto
Latini
73
 50133
Firenze

 Tel/fax:
055576962
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 Sotto
Licenza
 
 



 "http://creativecommons.org/licenses/by‐nc‐nd/2.5/it/



“Voi
per
primi
dovete
essere
il
 cambiamento
che
desiderate
vedere
in
 questo
mondo”

 
 (Mahatma
Gandhi)



Sommario ABBREVIAZIONI.................................................................................................... 3 DIRITTI UMANI, BENI PUBBLICI, AMBIENTE .............................................. 4 LEZIONE 1 – LA PROTEZIONE DEI DIRITTI UMANI ................................... 4 1.

Introduzione al Diritto Internazionale ................................................................................................ 4 La nascita dello Stato moderno e i sistemi giuridici nazionali ....................................................................... 4 I caratteri principali dell’ordinamento giuridico internazionale ................................................................... 4 L’evoluzione dell’azione internazionale sui diritti umani .............................................................................. 5 2. Due Carte a confronto ........................................................................................................................ 6 La Dichiarazione Universale dei Diritti dell'Uomo......................................................................................... 6 Carta africana dei diritti dell'uomo e dei popoli ........................................................................................... 7 3. La pace universale kantiana ............................................................................................................... 8 La pace attraverso una federazione mondiale .............................................................................................. 8 Il problema della pace nel mondo contemporaneo...................................................................................... 8 L’attualità del pensiero di Kant: .................................................................................................................... 9

LEZIONE 2 – I BENI PUBBLICI E LO SVILUPPO SOSTENIBILE .............. 10 1.

Beni pubblici e beni privati ................................................................................................................10 Beni pubblici e esternalità........................................................................................................................... 10 Mali pubblici e esternalità........................................................................................................................... 11 I beni/mali pubblici e il ruolo dello Stato .................................................................................................... 11 2. I beni pubblici globali (BPG) ..............................................................................................................12 Cosmopolitismo o cooperazione? ............................................................................................................... 13 World governance without world government ........................................................................................... 14 Il problema ambientale ............................................................................................................................... 15 L’effetto serra e i cambiamenti climatici..................................................................................................... 15 Mondo pieno e mondo vuoto (l’astronauta e il cowboy) ........................................................................... 16 La definizione di sostenibilità ...................................................................................................................... 18 Un bene pubblico globale da difendere ...................................................................................................... 19 1. Il Protocollo di Kyoto .........................................................................................................................20 Evoluzioni .................................................................................................................................................... 23 2. Impronta Ecologica ...........................................................................................................................23

LEZIONE 3 – TEORIA DEL CONFLITTO E “NUOVE GUERRE”................. 25 1.

Il conflitto .........................................................................................................................................25 La distinzione fra conflitto e violenza ......................................................................................................... 25 Conflitto e diversità ..................................................................................................................................... 25 Il conflitto come campanello d’allarme ...................................................................................................... 26 Stili conflittuali ............................................................................................................................................ 27 La gestione cooperativa dei conflitti interculturali ..................................................................................... 27 Galtung: dal triangolo del conflitto a quello della trasformazione non violenta ........................................ 29 2. Le nuove guerre e lo “scontro di civiltà” ............................................................................................31 Le vecchie e le nuove guerre ....................................................................................................................... 31 Le caratteristiche delle “nuove guerre” ...................................................................................................... 31

1


La guerra umanitaria, permanente e preventiva ........................................................................................ 32 Il XXI secolo e le nuove risposte da trovare ................................................................................................ 34

BIBLIOGRAFIA .................................................................................................... 36 SITOGRAFIA ........................................................................................................ 38 FILM, VIDEO, DOCUMENTARI ........................................................................ 39

2


Abbreviazioni

COE HDI / ISU IMF / FMI IDPs IOM LDCs MDGs NATO OUA / UA PS PVS UE UN / ONU UNDP UNHCR WB / BM WHO /OMS WTO / OMC

Council of Europe / Consiglio d’Europa: www.coe.int Human Development Index / Indice di sviluppo Umano International Monetary Found / Fondo Monetario Internazionale: www.imf.org Internally Displaced Peoples / Sfollati International Organization for Migration / Organizzazione Internazionale per le Migrazioni www.iom.int Less Developed Countries / Paesi meno sviluppati Millennium Development Goals / Obiettivi di sviluppo del millennio North Atlantic Treaty Organization: www.nato.int Organizzazione dell’Unione Africana, Unione Africana: www.africa-union.org Paesi sviluppati / Developed Countries Paesi in via di sviluppo / Developing Countries Unione Europea: http://europa.eu/index_it.htm United Nations / Organizzazione delle Nazioni Unite: www.un.org United Nations Development Programme / Programma delle Nazioni Unite per lo sviluppo: www.undp.org Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati / United Nations High Commissioner for Refugees: www.unhcr.org World Bank / Banca Mondiale: www.worldbank.org World Health Organization / Organizzazione mondiale della salute: www.who.int World Trade Organization / Organizzazione mondiale del commercio: www.wto.org

3


DIRITTI UMANI, BENI PUBBLICI, AMBIENTE LEZIONE 1 – La protezione dei diritti umani 1. Introduzione al Diritto Internazionale La nascita dello Stato moderno e i sistemi giuridici nazionali A partire dal XV secolo si assiste alla nascita dello Stato moderno in Europa: poteri centrali che su uno territorio delimitato hanno il monopolio dell’uso legittimo della forza, cioè hanno un apparato burocratico capace di imporre la tassazione con la quale finanziare le forze di polizia per mantenimento dell’ordine interno e l’esercito per la difesa della comunità da attacchi esterni. Il principio cardine dello Stato moderno è l'impersonalità del comando politico: chi governa ottiene e gestisce il potere secondo regole stabilite, e non attraverso azioni di forza o per discendenze ereditarie. Il pensiero filosofico che sorregge questa nuova forma di organizzazione della società è riconducibile, tra gli altri, all’opera di Hobbes, Montesquieu, Rosseau1. Alla base della nascita dello Stato sociale ci sarebbe una sorta di contratto sociale che pone fine allo stato di natura, dominato dall’insicurezza che deriva dalla mancanza di regole condivise all’interno di una società. Tale contratto implica obblighi precisi per governanti e governati. Gli individui, accettando leggi e regole, perdono una parte della loro libertà assoluta in favore di una maggiore sicurezza sociale. Lo Stato è dunque costituito dal complesso di organi di pubblici che in un dato momento esercitano realmente il potere su una popolazione e un territorio definiti. Ogni ordinamento giuridico statale individua istituzioni (pubbliche) che hanno la responsabilità della produzione delle leggi (legislativo), della soluzione delle controversie (giudiziario) e dell’attuazione coercitiva del diritto (esecutivo). I destinatari delle norme sono le stesse istituzioni pubbliche, gli individui e gli enti collettivi/organizzazioni. Il riconoscimento della personalità giuridica di questi enti comporta che ad essi si applichi una disciplina speciale, diversa da quella destinata a tutelare e promuovere gli interessi degli individui.

I caratteri principali dell’ordinamento giuridico internazionale L’insieme di norme che regolano i rapporti tra Stati a livello internazionale ha caratteristiche molto particolari rispetto ai sistemi giuridici nazionali. Nell'ambito dell'ordinamento internazionale i principali soggetti destinatari delle norme non sono più gli individui, ma enti ed organizzazioni, in modo particolare gli Stati. La caratteristica fondamentale del diritto internazionale, che lo differenzia dal diritto interno, è l’assenza di un’autorità centrale che sia in grado di assicurare la produzione delle norme e il loro rispetto in modo obbligatorio. Il sistema che regola i rapporti della comunità internazionale si basa dunque sulla volontà degli Stati (ma anche delle organizzazioni internazionali nate in particolare dopo la prima guerra mondiale) di trovare mezzi pacifici di relazione e di risoluzione delle controversie, in modo del tutto non obbligatorio. Proprio a causa di questa

1

Thomas Hobbes (1588 – 1679), filosofo e matematico britannico, è autore del famoso Leviatano (1651), testo nel quale espone la sua idea sulla natura umana, la società e lo Stato. Il barone di Montesquieu (1689 – 1755), filosofo, giurista, storico e pensatore politico francese, è considerato il fondatore della teoria della separazione dei poteri, esposta ne Lo spirito delle leggi (1948). Le idee sullo Stato democratico di Jean-Jacques Rousseau (1712 – 1778), scrittore, filosofo e musicista svizzero, hanno influenzato la Rivoluzione Francese, lo sviluppo delle teorie socialiste, e la crescita del nazionalismo. La sua più celebre frase, contenuta nel Contratto sociale (1762), è "L'uomo è nato libero, ma ovunque è in catene". 4


“anarchia” della comunità internazionale, il diritto internazionale universalmente valido è soprattutto il diritto consuetudinario: norme che si sono formate nel tempo attraverso il comportamento costante ed uniforme degli Stati, con la convinzione che tale comportamento fosse obbligatorio, e che vengono ritenute valide dalla larga maggioranza degli Stati. A queste norme si affiancano quelle che derivano da accordi internazionali: testi formulati e liberamente firmati da un gruppo di Stati, che si impegnano a rispettarne il contenuto. La nascita dell’Organizzazione delle Nazioni Unite dopo la seconda guerra mondiale ha avuto un ruolo determinante nello sviluppo delle relazioni internazionali e ha dato un forte impulso alla produzione di norme internazionali condivise. La Carta dell’ONU, firmata nel 1945 e adottata dalla quasi totalità degli Stati, si pone come obbiettivo la cooperazione internazione per il raggiungimento dello sviluppo economico e del progresso socioculturale, la protezione dei diritti umani e il mantenimento della pace e della sicurezza internazionale.

L’evoluzione dell’azione internazionale sui diritti umani Dal secondo dopoguerra il diritto internazionale si è sviluppato in varie direzioni, per affrontare e regolare ambiti e materie molto diversi tra loro. Tra questi, la dottrina dei diritti dell’uomo ha rappresentato un elemento di impulso e stimolo che negli anni ha coinvolto singoli individui, gruppi e ONG, ministri, agenti diplomatici, funzionari statali. Per molti Stati i diritti dell’uomo sono divenuti uno dei cardini sui quali fondare la propria politica estera e le proprie scelte politiche all’interno di organizzazioni internazionali. Per altri paesi al contrario questa dottrina è diventata un incubo, poiché si pone come criterio di valutazione, e censura, a livello internazionale del comportamento degli stati sovrani. Secondo la concezione tradizionale del diritto internazionale, gli individui sono sottoposti all’autorità esclusiva dello Stato del quale sono cittadini e nessuno Stato può interferire nella sfera di autorità di un altro Stato. Oggi invece la dottrina dei diritti umani erode l’ambito del c.d. dominio riservato2, costringendo gli Stati a render conto del modo in cui trattano i loro cittadini, di come amministrano la giustizia, gestiscono le prigioni, e così via. La protezione dei diritti umani è dunque destinata per sua natura a creare tensioni e conflitti fra Stati, poiché infrange costantemente il limite di ciò che un tempo proteggeva la sovranità dei singoli Stati dalle ingerenze esterne. La dottrina dei diritti umani trae i suoi principali elementi dalle trattazioni sui sistemi politici statali di Locke (“patto sociale”), Montesquieu (“separazione dei poteri”) e Rosseau (“sovranità popolare”). Queste concezioni politiche hanno minato l’assolutismo e il dispotismo monarchico, promuovendo un processo di democratizzazione delle comunità statali. Oggi la dottrina dei diritti dell’uomo contribuisce alla democratizzazione degli Stati, promuovendo il rispetto della dignità di tutti gli esseri umani ovunque essi vivano. La fine della seconda guerra mondiale aveva condotto le potenze vincitrici alla consapevolezza che le atrocità perpetrate ai danni di civili erano scaturite da un totale disprezzo per la dignità umana. Per prevenire il ritorno di quegli orrori le potenze occidentali si fecero promotrici di alcuni parametri essenziali per la tutela dei diritti umani. Molti dei sistemi giuridici occidentali si basavano su alcune carte dei diritti3 ed era quindi naturale proteggere quei principi e quelle libertà fondamentali anche a 2

Con l’espressione dominio riservato (domestic jurisdiction) si intende indicare le materie delle quali il diritto internazionale si disinteressa e rispetto alle quali lo Stato è libero da obblighi internazionali. L’ambito di queste materie sta diminuendo anche grazie allo sviluppo della dottrina dei diritti umani e del diritto umanitario di guerra (le norme che proteggono i civili durante i conflitti). 3 Il parlamento britannico approvò nel 1689 il Bill of Rights, considerato uno dei cardini del Regno Unito; nel 1787 fu completata la Costituzione degli Stati Uniti d’America, che contiene un paragrafo denominato “Carta dei diritti”; nel 1789, poco dopo la presa della Bastiglia, in Francia fu stilata la Dichiarazione dei diritti 5


livello internazionale. Le potenze vincitrici contribuirono allo sviluppo del diritto internazionale penale per rispondere all’immediata esigenza di ottenere giustizia, consentendo la punizione dei criminali di guerra tedeschi e giapponesi4. Inoltre proposero di elaborare una serie di principi fondamentali per guidare l’azione delle Nazioni Unite e degli Stati membri, inserendoli in veri e propri trattati internazionali. Entrambi questi due tipi di azione esprimevano il desiderio di punire coloro che si erano resi colpevoli di atrocità e, allo stesso tempo, cercavano di prevenire il ripetersi di simili azioni nel futuro, stabilendo parametri di comportamento da rispettare anche in tempo di pace. L’elaborazione della dottrina dei diritti umani in seno alle Nazioni Unite ha vissuto varie fasi di sviluppo, in corrispondenza della filosofia politica prevalente in ogni dato momento storico. Fino agli anni ’50 si assistette al predominio dei paesi occidentali: nel 1950 il Consiglio d’Europa (Council of Europe, COE) arrivò all’adozione della Convenzione europea dei diritti dell’uomo e all’istituzione di una Corte europea dei diritti dell’uomo competente per tutte le violazioni dei diritti umani e delle libertà fondamentali commesse in uno dei 47 paesi europei che fanno parte del COE. La seconda fase fu caratterizzata dal consolidamento del gruppo dei paesi socialisti guidati dall’URSS e del movimento dei non allineati (Non Aligned Movement, NAM) alla testa del quale si trovavano la Jugoslavia, l’Egitto e l’Indonesia. I compromessi a cui i paesi occidentali non poterono sottrarsi portarono all’adozione nel 1966 dei Patti sui diritti civili e politici e sui diritti economici e sociali. Dal 1974 alla fine degli anni ’80 la dottrina sui diritti umani fu fortemente influenzata dall’entrata all’interno delle Nazioni Unite di molti Stati di nuova indipendenza (paesi in via di sviluppo decolonizzati). La fine della guerra fredda ha portato alla scomparsa dei tre gruppi di stati prevalenti (occidentali, socialisti, in via di sviluppo); il rispetto dei diritti umani viene oggi considerato da ogni Stato come la condizione per una piena legittimazione a livello internazionale e una piena partecipazione alla vita delle relazioni internazionali.

2. Due Carte a confronto La Dichiarazione Universale dei Diritti dell'Uomo Il primo passo dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite in materia di diritti umani è stato l’impegno per la stesura di un testo internazionale. Il testo doveva essere accettato da tutti gli Stati membri, diversi tra loro per sistema ideologico e politico, per situazione economica e visione religiosa. L’obbiettivo era dunque trovare un punto di incontro sia sul piano della concezione dei rapporti tra Stato e individuo, sia sull’individuazione dei diritti umani fondamentali. Il risultato di questo sforzo nella definizione di una “filosofia dei diritti umani” condivisa fu la Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo, approvata il 10 dicembre 1948 a Parigi. La Dichiarazione è composta da un preambolo e da 30 articoli: • il Preambolo enuncia i motivi storici e sociali che hanno portato della stesura della Dichiarazione; • gli articoli 1-2 stabiliscono i concetti fondamentali di libertà ed eguaglianza (già sanciti dalla Rivoluzione francese); • gli articoli 3-11 stabiliscono i diritti individuali; • gli articoli 12-17 stabiliscono i diritti dell'individuo verso la comunità; • gli articoli 18-21 sanciscono le cosiddette "libertà costituzionali", cioè le libertà di pensiero, opinione, fede e coscienza, parola, associazione pacifica; • gli articoli 22-27 sanciscono i diritti economici, sociali e culturali;

4

dell’uomo e dei cittadino. Stati Uniti, Unione Sovietica, Regno Unito e Francia si accordarono alla fine della seconda guerra mondiale per la costituzione a Norimberga di un Tribunale che processò numerosi criminali di guerra nazisti. 6


i conclusivi articoli 28-30 stabiliscono le modalità generali di utilizzo di questi diritti e gli ambiti in cui tali diritti non possono essere utilizzati.

I diritti enunciati possono quindi essere suddivisi in due grandi aree: i diritti civili e politici e i diritti economici, sociali e culturali. La Dichiarazione trae ispirazione dai principi della Rivoluzione francese, dai 14 punti del presidente americano Wilson (1918) che fondano lo Statuto della Società delle Nazioni dopo la prima guerra mondiale, dalla Carta Atlantica5; le basi filosofiche che ne giustificano i contenuti sono da ricercare nell’opera di Kant, Hobbes, Locke, Russeau. Già dall’art.1 della Dichiarazione, la visione di fondo di stampo occidentale è evidente: Tutti gli esseri umani nascono liberi ed eguali in dignità e diritti. Essi sono dotati di ragione di coscienza e devono agire gli uni verso gli altri in spirito di fratellanza.

Ampio spazio è dato ai diritti della prima categoria (individuali), mentre minore attenzione è dedicata ai diritti economici sociali e culturali (collettivi); i diritti dei popoli non vengono menzionati. La Dichiarazione non è giuridicamente vincolante: i principi e i diritti in essa contenuti sono semplici raccomandazioni fatte agli Stati, poiché non si prevede un meccanismo sanzionatorio obbligatorio per far fronte alle violazioni. Nonostante i limiti, la Dichiarazione riesce comunque a formulare un concetto unitario e universalmente riconosciuto dei valori che ogni Stato deve difendere nel proprio ordinamento interno e rimane uno strumento fondamentale che ha guidato la comunità internazionale nello sviluppo progressivo della dottrina dei diritti umani fino ad oggi.

Carta africana dei diritti dell'uomo e dei popoli La Carta africana dei diritti dell’uomo e dei popoli è stata adottata a Nairobi il 28 giugno 1981 dalla Conferenza dei Capi di Stato e di Governo dell'Organizzazione dell'Unità Africana (OUA, oggi UA) ed è entrata in vigore dal 21 ottobre 1986. È stata ratificata dai 53 Stati aderenti all’Unione africana, ovvero tutti gli Stati africani tranne il Marocco. Lo sforzo dei giuristi africani di uscire dalla visione occidentale nella definizione dei diritti da sancire ha prodotto un documento che si differenzia in modo sostanziale da altri testi di tipo regionale (come la Convenzione europea dei diritti dell’uomo del 1950 e la Convenzione americana sui diritti umani del 1978) e dalla Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo del 1948. Nei suoi 68 articoli vengono per la prima volta proclamati congiuntamente i diritti civili e politici, i diritti economici, sociali e culturali, e i c.d. diritti di solidarietà (il diritto all'uguaglianza di tutti i popoli, il diritto all'autodeterminazione, il diritto di proprietà delle proprie risorse naturali, il diritto alla pace e alla sicurezza internazionale, il diritto allo sviluppo, il diritto ad un ambiente sano). La Carta africana è dunque la prima convenzione internazionale sui diritti umani a riconoscere i diritti dei popoli ed è il primo strumento di diritto internazionale legalmente vincolante a collegare espressamente diritti e doveri. Vengono sanciti, tra gli altri, i doveri dell'individuo verso la famiglia, la società e la comunità internazionale, il dovere di non discriminare, il dovere di mantenere i genitori in caso di bisogno, il dovere di lavorare al meglio delle proprie capacità e competenze, il dovere di preservare e rafforzare i

5

Il presidente degli Stati Uniti, dopo la vittoria alla fine della Prima Guerra Mondiale, avanzò una proposta, in un discorso tenuto nel gennaio 1918, per stabilire le condizioni per una pace "stabile e durevole". Il 14 punti di questo discorso sono alla base dello Statuto della Società delle Nazioni, fondata nel 1919 per il controllo degli armamenti internazionali, per incentivare il benessere e la qualità della vita nel pianeta, per prevenire le guerre e per una gestione diplomatica dei conflitti fra stati. La Carta Atlantica, sottoscritta dal presidente degli Stati Uniti Roosevelt e dal primo ministro britannico Churchill il 14 agosto del 1941, è la base per la nascita dell’ONU. Enunciava alcuni principi per il futuro ordine mondiale: divieto di espansioni territoriali, democrazia, pace intesa come libertà dal timore e dal bisogno, rinuncia all'uso della forza, sistema di sicurezza generale che permettesse il disarmo. 7


valori positivi della cultura africana. Sono tre gli organi che si impegnano nella protezione e promozione dei diritti enunciati nella Carta: la Commissione africana dei diritti dell’uomo e dei popoli; la Conferenza dei Capi di stato e di governo dell’UA e la Corte africana dei diritti (entrata in vigore nel 2004).

3. La pace universale kantiana6 La pace attraverso una federazione mondiale Il sogno della pace universale ha antiche radici nella storia del pensiero filosofo e politico. In epoca moderna è Kant a concepirlo e a tracciarne i contenuti nel suo saggio sulla pace perpetua del 1795, prevedendo il superamento della sovranità degli Stati e dell’anarchia internazionale per la formazione di una federazione mondiale che abbracci tutti i popoli della terra. Kant sottolinea che la pace non è assenza di conflitto o semplice sospensione delle ostilità, una tregua non può quindi essere considerata come situazione pacifica. Per raggiungere un reale stato di pace è necessario innanzitutto smantellare gli eserciti permanenti, che rappresentano una minaccia poiché inducono ad una sfrenata concorrenza tra Stati nella corsa agli armamenti. Inoltre nessuno Stato può interferire in modo violento nella costituzione e nel governo di un altro Stato (domestic jurisdiction), né deve permettersi quando la guerra è in corso ostilità nei confronti del nemico tali da rendere impossibile la reciproca fiducia in una pace futura: per esempio, l’impiego di assassini, di avvelenatori, la violazione di una capitolazione, l’organizzazione del tradimento nello Stato nemico. Con le parole di Kant, una guerra nella quale si annienti ogni diritto, non concederebbe altro posto alla pace perpetua se non il grande cimitero del genere umano. Così come la costituzione di uno Stato si basa su un patto originario che lega i cittadini e permette una pacifica convivenza sotto le stesse leggi, così per Kant lo stato di pace può essere istituito a livello internazionale solo attraverso un ordine legale imposto da un’autorità mondiale al di sopra di ogni singolo Stato (pace positiva). L’assenza di ostilità non rappresenta alcuna garanzia di pace duratura, senza una costituzione legale che la possa garantire. Questa deve essere una costituzione repubblicana7, fondata sui principi di libertà, di dipendenza di tutti da un’unica legislazione e di eguaglianza in quanto cittadini. Per “libertà” si intende la facoltà di obbedire solo alle leggi a cui si è potuto dare il consenso e allo stesso tempo “libertà” è il presupposto stesso della morale nel pensiero kantiano, è il riconoscimento del libero arbitrio di ogni individuo. L’“eguaglianza” si manifesta invece in una pari condizione di ciascun individuo di fronte alle leggi. Il diritto internazionale deve poi fondarsi su una federazione di popoli, una federazione che deve funzionare come surrogato negativo di un’alleanza contro la guerra, permanente e sempre più estesa. Con il formarsi di un’opinione pubblica mondiale grazie all’incremento dei flussi di informazione globali, una violazione del diritto commessa in un punto della terra potrà essere avvertita in tutto il mondo.

Il problema della pace nel mondo contemporaneo 6

Gli spunti di questo paragrafo sono tratti da un articolo di Luciano Levi “Il significato del Progetto di pace perpetua di Kant per l'uomo contemporaneo”, www.peacelink.it 7 Si distingue qui tra forma di dominio (autocrazia, aristocrazia o democrazia) e la forma di governo (repubblicano o dispotico) con cui è possibile caratterizzare uno Stato. Mentre il repubblicanesimo incarna il principio di separazione dei poteri esecutivo e legislativo. Per Kant la democrazia risulta essere necessariamente dispotica, poiché in essa il potere esecutivo dove tutti decidono su uno, quindi tutti, che però non sono tutti. Ciò rappresenta una contraddizione della volontà generale con se stessa e con la libertà. 8


L’analisi proposta da Kant, cosciente che l’imperativo dell’uso della ragione non era sufficiente a persuadere gli uomini a cercare la pace, rimane attuale anche per la lettura di quanto accaduto nel corso del Novecento. Il secolo scorso è stato segnato dalle guerre mondiali e dalla proliferazione nucleare e solo l’esperienza distruttiva della guerra ha persuaso gradualmente gli Stati a rinunciare all’anarchia internazionale in favore di una legge comune. Ciò ha portato alla nascita di istituzioni sovranazionali e internazionali il cui scopo è minimizzare e disincentivare il ricorso all’uso della forza. Dalla fine della Guerra Fredda poi, la maggioranza degli Stati membri dell’ONU è retta da regimi democratici, fatto che costituisce il pre-requisito per l’estensione della democrazia alle relazioni tra gli Stati, cioè per la realizzazione della democrazia internazionale. Istituzioni regionali e mondiali sono nate poi per esigenze di regolazione e di coordinamento di alcuni settori specifici. Il sistema di istituzioni dell’Unione Europea e in particolare il Parlamento europeo possono essere considerati come il laboratorio più compiuto di una nuova forma di democrazia internazionale. Per quanto riguarda il tema della convergenza dei diritti e del mutuo riconoscimento dei cittadini nel mondo, oggi da più parti si sostiene il preteso8 carattere universalistico della dottrina dei diritti umani: la Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo e la costituzione di una Corte Penale Internazionale sono due degli esempi possibili della tendenza in atto ad applicare agli individui il diritto internazionale e sono indice di un cambiamento dell’ordine mondiale ancora in corso.

L’attualità del pensiero di Kant: La tradizione kantiana, rimasta latente per molta parte del Novecento, è stata rilanciata nella nuova epoca che si è aperta con la fine della guerra fredda. Numerosi studiosi, come Jürgen Habermas, David Held e Otfried Hoffe, sostengono che l’idea di Kant di una repubblica federale mondiale costituisce la risposta ai problemi posti dalla globalizzazione e dall’erosione della sovranità degli Stati. La creazione di nuove forme di statualità a livello mondiale sembra essere la sola alternativa al dominio del sistema di mercato e alla diffusione della violenza. Gli obiettivi universali della costituzionalizzazione delle relazioni internazionali e della democrazia internazionale danno all’uomo contemporaneo un principio guida nella crescente confusione creata dal processo di globalizzazione. Sebbene questo sia uno dei molti approcci che vengono proposti dai maggiori pensatori contemporanei, l’analisi del testo di Kant è rimane comunque fondamentale almeno per trarre il prezioso incoraggiamento al pensiero imprudente. Kant esorta a pensare l’impossibilità della guerra e l’inevitabilità della pace: Si traggano pure dalla storia dubbi finché si vuole contro le mie speranze, dubbi che, se fossero dimostrati, potrebbero indurmi a desistere da sforzi apparentemente vani ma, fino a che questo non sia con tutta certezza provato, io non posso convertire il dovere nella regola di prudenza di non lavorare intorno a ciò che non è fattibile; e per quanto incerto io possa essere e rimanere sulla questione di sapere se vi è un meglio da sperare per la specie umana, ciò comunque non può nuocere alla massima (e quindi neppure a ciò che ne è il necessario presupposto sotto l’aspetto pratico) che questo meglio è fattibile. (Kant, 2004, pag. 22)

Per Kant tutti hanno la responsabilità di continuare nell’impresa cooperativa mai finita di individuare criticamente ciò che si considera una buona approssimazione del vero e del giusto, e di comunicarlo agli altri. Riconoscere mutuamente a tutti la risorsa della ragione è il primo passo per la comunicazione cosmopolitica. L’impegno universalistico coinvolge tutto il genere umano in uno sforzo di cooperazione per il raggiungimento di un “meglio fattibile”. A nessuno è richiesto di rinunciare ai propri valori e linguaggi, ma questi non devono violare mai il sentimento di mutuo rispetto e 8

L’universalità di un nucleo fondamentale di diritti umani, validi per tutte le culture e da proteggere ovunque nel mondo, è un tema molto dibattuto tra pensatori e politici del mondo contemporaneo. 9


uguaglianza da riconoscere a tutti nel mondo. Il mutuo impegno alla neutralità verso gli altri non significa però indifferenza o scetticismo, questo vuol dire semplicemente: rispetto. Questo è il passo essenziale: il primo passo.

LEZIONE 2 – I beni pubblici e lo sviluppo sostenibile 1. Beni pubblici e beni privati I beni possono essere classificati in base a due proprietà: l’escludibilità e la rivalità. Un bene è escludibile quando è legalmente e/o tecnologicamente possibile impedire a qualcuno di godere di quel bene: ciò accade quando esistono diritti di proprietà su quel bene e chi lo possiede può escludere gli altri dal suo utilizzo. Un bene è invece rivale quando il consumo da parte di un individuo limita la possibilità di (o impedisce del tutto il) godimento dello stesso bene da parte di un altro individuo. A seconda della presenza dell’una o dell’altra caratteristica, possiamo trovare i beni pubblici puri (non escludibili e non rivali), i beni privati (escludibili e rivali) e i beni ibridi. Ad esempio il consumo dei segnali televisivi non è rivale ma è esclusivo, poiché è necessario avere un televisore per captarli: si tratta dunque di un bene misto quasi privato. I libri che troviamo in una biblioteca sono invece un esempio di bene misto quasi pubblico: nessuno è escluso dal prestito, ma se un libro è in uso da parte di un utente non potrà essere letto da qualcun altro (è rivale). Tab. 1 – Classificazione dei beni

NON RIVALE

RIVALE

NON ESCLUDIBILE

Beni pubblici puri Beni ibridi quasi pubblici Sole, illuminazione pubblica, difesa Libri in biblioteca, parcheggio gratuito, nazionale, sistema giuridico nazionale parco naturale, strada non a pagamento

ESCLUDIBILE

Beni ibridi quasi privati Beni privati puri Strade e ponti a pagamento, tv via cavo, Beni di consumo (abitazione, cellulare, diritti di proprietà intellettuale automobile)

Beni pubblici e esternalità Ciò che quindi distingue un bene pubblico da un bene privato è la difficoltà di esclusione di un individuo dal suo utilizzo e dal fatto che il consumo da parte di un soggetto non pregiudica né riduce il consumo dello stesso bene da parte di un altro soggetto. In natura esistono numerosi beni pubblici che utilizziamo in continuazione,come la luce del sole o l’aria dell’atmosfera: non si può escludere un individuo dal respirare l’aria, ed il respiro dell’aria da parte di un soggetto non ne pregiudica il consumo da parte degli altri (se non sono in una stanza sigillata!). La non rivalità fa sì che ciascuno possa utilizzare il bene pubblico senza ridurne la dotazione a disposizione per il consumo altrui. Il fatto che un bene pubblico sia non escludibile implica inoltre che è possibile consumarlo senza pagare alcun prezzo. Da queste caratteristiche nascono quelle che si chiamano esternalità positive: il bene pubblico ha un valore economico (perché esistono individui che vogliono usarlo), ma non ha un prezzo9. Ciò comporta numerosi problemi quando il bene non esiste in natura, ma deve essere prodotto da

9

Un’esternalità si manifesta quando l’attività di produzione o di consumo di un soggetto influenza, negativamente o positivamente, il benessere di un altro individuo, senza che questo riceva una compensazione (nel caso di impatto negativo) o paghi un prezzo (nel caso di impatto positivo) pari al costo o al beneficio sopportato/ricevuto. 10


qualcuno: tutti gli individui interessati ad usare quel bene si comporteranno free rider, cioè non pagheranno confidando sul fatto che gli altri pagheranno perché il bene venga prodotto. Ma se tutti agiscono così … nessuno paga per il bene, e quindi nessun attore privato deciderà di produrre un bene pubblico (perché non guadagnerebbe, non potendo obbligare al pagamento.

Mali pubblici e esternalità In una visione negativa, possiamo immaginare l’esistenza anche di “mali pubblici”. Quando l’attività di un soggetto produce impatti negativi nei confronti di altri soggetti e il soggetto responsabile degli impatti paga gli altri per il danno che produce, siamo in presenza di esternalità negative. Un'industria che inquina un fiume o un'automobilista alla guida producono esternalità negative: anche chi non produce o chi non ha la patente respirerà il bene/male “aria inquinata”. Se chi produce un “male pubblico”, ad esempio l'inquinamento, fosse obbligato a risarcire la comunità in qualche modo, sarebbe incentivato a produrre una minor quantità di aria inquinata (e quindi a cercare modi di produrre più ecologici o ad usare l'auto molto meno). Il problema è dunque quello di stabilire un prezzo al male prodotto.

I beni/mali pubblici e il ruolo dello Stato Il problema di come finanziare la produzione di beni pubblici e di come controllare (diminuire) la produzione di mali pubblici è stato affrontato dall’economia in due modi principali. Per alcuni il mercato ha la capacità di risolvere il problema senza alcun intervento esterno: è necessario creare un “mercato delle esternalità” dove si stabilisca un prezzo per ogni quantità di “male” prodotto (è questo quello che cerca di fare il mercato delle emissioni creato dal Protocollo di Kyoto, cfr. paragrafo 4). Per altri invece solo l'intervento dello Stato può garantire la produzione di beni pubblici e la giusta regolazione nella produzione dei mali pubblici (attraverso multe o tasse). Lo Stato può agire principalmente in tre modi: • Produzione pubblica diretta: il sistema sanitario nazionale, in Italia e in altri paesi, si occupa di fornire direttamente, gratuitamente o quasi, molti servizi sanitari per tutti i cittadini (ospedali, consultori, visite mediche e vaccini). • Sussidi o tassazione: lo Stato obbliga i propri cittadini a finanziare la produzione di alcuni beni pubblici attraverso le tasse (l’esercito, le scuole…) e da contributi in denaro a soggetti privati (sussidi) per stimolarli nella produzione di beni che non sarebbe vantaggioso produrre (ad es. per i farmaci a basso costo o per malattie rare) • Regolazione delle attività economiche: lo Stato crea degli organismi che controllano i rapporti e lo scambio di informazioni tra produttore e consumatore (ad es. Legge antitrust per creare concorrenza fra molte compagnie telefoniche, che sono così obbligate ad abbassare i prezzi).

11


MDG 2 – RAGGIUNGERE L’EDUCAZIONE PRIMARIA UNIVERSALE Il target da raggiungere per quanto riguarda l’istruzione: 2.1 Assicurare entro il 2015 che tutti i bambini, maschi e femmine, possano terminare un ciclo completo di scuola primaria. Attualmente circa 115 milioni di bambini non frequentano la scuola primaria e tre quarti di questi sono femmine. Circa 774 milioni di adulti sono analfabeti: l’85% di questi risiede in soli 35 paesi in via di sviluppo e il 64% di questi sono donne. L’accesso all’istruzione è un diritto e una precondizione fondamentale per avviare un processo virtuoso di uscita dalla povertà: l’istruzione primaria universale è il migliore investimento che il mondo possa fare per il futuro. Senza l’istruzione, non può essere fatto un reale progresso negli altri Obiettivi. Le donne istruite fanno meno figli, si affidano alle cure mediche più facilmente e forniscono maggiore cura e nutrimento ai propri figli. Questo riduce la fame, la mortalità infantile e materna, la diffusione dell’HIV/AIDS e i danni ambientali. Perché i bambini non frequentano la scuola? - In molti paesi non esiste la scuola primaria pubblica. Le famiglie non hanno soldi per l’iscrizione, le uniformi o i libri scolastici. Eliminare tasse e uniformi ha fatto aumentare i tassi di iscrizione in Kenya, Malawi e Uganda. - I bambini rimangono fuori da scuola per lavorare e contribuire al bilancio familiare. Spesso le bambine aiutano le madri nelle faccende domestiche. Quali progressi? Nonostante i miglioramenti, ancora un quinto dei bambini in età scolare nei paesi più poveri non frequenta la scuola. Circa 70 i paesi rischiano di non raggiungere l’Obiettivo entro il 2015, in Africa Sub Sahariana, Asia Meridionale e Oceania. Cosa fare? Tra le misure possibili ci sono: eliminazione di tasse e uniformi, costruzione di scuole vicine ai luoghi abitati anche nelle aree rurali, strutturare gli orari perché siano compatibili con i lavori familiari, assunzione di più insegnanti donne. Maggiori fondi pubblici devono essere più equidistribuiti: più fondi alle famiglie più povere, più fondi alla scuola primaria rispetto alle scuole di ordine superiore. L’istruzione primaria deve essere obbligatoria e universale, fornita a livello pubblico e senza distinzione di genere e tra aree diverse di uno stesso paese.

2. I beni pubblici globali (BPG) Se dal livello nazionale ci spostiamo al livello globale, la sfida dei beni pubblici diventa ancora più interessante. In generale, i beni (o mali) pubblici che possiamo definire globali sono quelli che coinvolgono a livello geografico più o meno tutto il mondo e i cui effetti si sviluppano nel corso di molti anni. Con l’avvento della globalizzazione molte attività e problemi locali coinvolgono sempre di più tutto il mondo attraverso le loro esternalità, obbligando popolazioni, paesi e generazioni successive a condividere un destino comune (malattie infettive, crisi finanziarie, cambiamento climatico). Ciò mette dunque a dura prova la capacità dei singoli Stati di gestire da soli attività e problemi che sempre più coinvolgono tutto il mondo: la fornitura dei beni globali richiede una forte cooperazione tra Stati.

12


Alcuni beni che sono considerati pubblici a livello nazionale, a livello transnazionale possono essere definiti privati: l’esercito, bene pubblico dei cittadini di uno Stato, è un bene privato di uno Stato nei confronti degli altri. Altri sono invece pubblici sia localmente che globalmente perché coinvolgono contemporaneamente singoli cittadini, soggetti nazionali e internazionali, generazioni presenti e future, più aree geografiche. Alcuni esempi di beni pubblici globali sono: • la pace e al sicurezza mondiale • la gestione delle risorse naturali • la stabilità finanziaria • la lotta alla povertà mondiale • l’integrazione dei mercati Nessuno Stato nazionale ha interesse a “produrre” da solo questi beni: i costi che dovrebbe sostenere infatti genererebbero benefici che ricadrebbero a cascata anche su tutti gli altri Stati che non hanno partecipato alla “produzione” del bene stesso: il problema del free riding già visto per i beni pubblici nazionali, a livello globale è ancora più forte. I meccanismi del sistema di fornitura dei beni pubblici nazionale non possono funzionare a livello globale, perché manca un’autorità internazionale che possa imporre il finanziamento necessario per una fornitura ottimale dei BPG ai singoli Stati e un sistema attraverso il quale esprimere le preferenze della “comunità globale”. Per questo motivo quindi il coordinamento tra i soggetti nella gestione ed utilizzo di questa tipologia di bene risulta necessario. Il mancato coordinamento infatti non può che portare a frizioni e scontri. Alcuni esempi possono aiutare a capire quanto le relazioni fra Stati e il peso politico di ciascuno di loro influenzi fortemente la fornitura di BPG. Le crisi finanziarie, come l’ultima che ha avuto inizio nel 2008, coinvolgono tutte le aree del mondo, ma sono meglio tollerate dagli Stati più ricchi e hanno impatti più negativi sui PVS. Anche la diffusione di malattie infettive, l’AIDS per esempio, ha effetti più devastanti in aree povere del mondo e in particolare in Africa e Asia. Infine il cambiamento climatico rappresenta una minaccia più grande per le isole e le zone costiere che per le zone temperate del pianeta. Queste diversità di impatto influenzano inevitabilmente la capacità, e la volontà, dei singoli paesi a cooperare per la fornitura e il finanziamento dei BPG: paesi con un potere di contrattazione maggiore, con più forte peso politico e economico e con “meno da perdere” possono spingere verso soluzioni a loro più favorevoli senza tenere abbastanza in considerazione la posizione dei paesi di minore importanza (i più poveri e marginali).

Cosmopolitismo o cooperazione? Molti studi ipotizzano che la produzione di beni pubblici globali senza un governo mondiale sia possibile attraverso la cooperazione volontaria tra governi nazionali. È però possibile immaginare che alcuni tipi di beni pubblici abbiano bisogno, per essere garantiti, di un sistema di governo mondiale, un ordine multipolare magari di tipo federale (una sorta di Stati Uniti del Mondo). Confrontare un modello di governo mondiale con il modello della cooperazione tra Stati può aiutare a comprendere meglio quali siano le difficoltà e le sfide della fornitura e del mantenimento dei beni pubblici (presenti in natura o da “produrre”) a livello globale. Questo problema è stato affrontato da numerosi studiosi di scienze sociali e attiene alla questione della governance. Dalla sostanziale anarchia che regola i rapporti internazionali10, nasce la necessità di una forma nuova di regolamentazione su scala

10

Come è stato accennato nel primo capitolo per quanto riguarda lo sviluppo del diritto internazionale, dopo la pace di Westfalia (1648) gli Stati nazionali sono stati accettati come organizzazioni sovrane e indipendenti, ognuna delle quali persegue il proprio interesse nazionale. In questo modello delle relazioni internazionali, gli Stati più grandi impongono le loro scelte e la loro volontà agli Stati più deboli. 13


mondiale. La sempre forte interdipendenza internazionale, insieme alla persistenza di realtà culturali, politiche e sociali molto diverse tra loro, potrebbe essere gestita da una governance globale. Le strutture ideali alternative che sono state proposte sono numerose. Elenchiamo qui due delle possibili soluzioni al problema della fornitura di BPG, come la pace e la sicurezza internazionale, la salute globale, lo sviluppo sostenibile. Democrazia cosmopolitica e beni pubblici sovranazionali11 Come i cittadini hanno delegato allo Stato nazionale la fornitura di quei beni che i privati non avevano incentivo a produrre, così ora gli Stati nazionali dovrebbero rinunciare a quella parte di internal jurisdiction sui temi globali per delegarla ad un organismo unico, che abbia capacità di governo sui temi globali. La produzione di beni pubblici sovranazionali è possibile nel caso in cui gli Stati stipulino un Patto di natura costituzionale per creare un’autorità sovranazionale. Perché questo governo mondiale sia credibile deve essere capace di imporre agli Stati di sopportare il costo del bene (coercibilità) e gli Stati dovrebbero “legarsi le mani” a tal punto da non poter abbandonare il Patto a cui hanno aderito (irreversibilità). I principi guida dovrebbero essere quelli di uguaglianza di tutto il genere umano, dell’agire collettivo, della responsabilità, del consenso, della formazione collettiva delle decisioni e di soddisfazione dei bisogni12. In base a questi principi, si potrebbe dar vita ad un assetto politico mondiale più responsabile e che con tasse e politiche economiche globali crei la strada per uno sviluppo sostenibile planetario democratico e eguale. Senza descriverle approfonditamente, le difficoltà che ciò comporta riguardano: - responsivness ed accountability (chiedere conto) dei governanti rispetto ai governati; - problemi di definizione dello scopo (chi decide gli obiettivi?); - problemi principale-agente (chi ordina e chi esegue? come si fa a controllare?); - logica dell’azione collettiva nel coordinamento tra soggetti internazionali (potrei aspettare che sia un altro ad iniziare per primo). Beni pubblici cooperativi I beni pubblici cooperativi possono invece essere prodotti sulla base di un semplice accordo internazionale da cui ogni paese può recedere quando lo crede opportuno. Ciò che li differenzia dai beni pubblici sovranazionali è quindi la modalità di produzione: si tratta infatti di stipulare trattati tra Stati nazionali (e soggetti internazionali) per la regolazione nell’utilizzo e nella fornitura dei beni. In questo modo si presentano tutti i problemi della mancanza di un sistema che assicuri, o addirittura costringa in maniera coercitiva, il rispetto degli accordi. Vi può essere un interesse di due o più Stati all’accordo, ma nessuno può garantire che si manifestino circostanze nuove che impongano ad un paese di applicare parzialmente l’accordo o di abbandonarlo del tutto. Nonostante ciò è attualmente la modalità più praticata e praticabile e di coordinamento tra Stati per la fornitura di beni pubblici di interesse globale.

World governance without world government Negli ultimi anni il progressivo indebolimento degli Stati Uniti come super potenza mondiale ha acceso il dibattito sulla possibilità di una cooperazione mondiale senza egemonia, cioè di una governance globale in mancanza di uno Stato predominante che sia in grado di imporsi sugli altri in tutto il mondo. Il ruolo delle organizzazioni internazionali sarebbe, secondo alcuni, quello di essere semplici strumenti in mano agli Stati per facilitare la formazione di accordi tra gli Stati stessi. In realtà le organizzazioni internazionali hanno assunto nel tempo una posizione sempre più di primo piano,

11

La distinzione fra beni pubblici sovranazionali e cooperativi è ripresa da Guido Montani in “L’Unione Europea: i beni pubblici globali e l’ordine mondiale post-egemonico”, Università di Pavia, novembre 2003. 12 David Held, Modelli di democrazia, Il Mulino, Bologna, 1997 (seconda edizione) 14


garantendo agli Stati una crescente interdipendenza economica e politica di cui gli Stati nazionali non possono più fare a meno. È difficile sostenere che le potenze occidentali arriveranno a rinunciare di esercitare la loro influenza sottomettendosi ad un’organizzazione cosmopolita che tuteli allo stesso modo dei poveri ed emotivi cittadini dei paesi orientali, africani o sudamericani i loro ricchi e razionali cittadini. È improbabile che il più forte decida volontariamente di abdicare, di equipararsi agli altri e di sottomettersi ad una comune autorità superiore e neutrale. Le organizzazioni internazionali stanno però assumendo nel tempo un ruolo sempre più determinante, poiché garantiscono un luogo a livello internazionale e per le diverse aree di interesse (Organizzazione mondiale della salute, Organizzazione mondiale del commercio, Organizzazione Internazionale del lavoro, …), di discussione, di coordinamento e di decisione di cui nessuno Stato può più fare a meno.

3. Sviluppo Sostenibile Il problema ambientale A partire dalla rivoluzione industriale, la popolazione mondiale è aumentata ad un ritmo crescente e continua ad aumentare in ogni continente, mentre si diffondono le tecnologie che permettono di sfruttare sempre di più la natura. Le conseguenze di questa crescita senza limiti sono almeno due: a) nell’ambiente vengono riversati enormi quantità di scarti e veleni che lo degradano spesso irrimediabilmente; b) l’habitat di moltissime specie vegetali ed animali viene sconvolto e l’uomo provoca direttamente l’estinzione di migliaia di specie animali e vegetali. Molti scienziati da tempo denunciano il pericolo di una catastrofe ecologica irreversibile, invocando una drastica inversione di rotta. Lo sviluppo umano sarà sostenibile solo se diventerà compatibile con la salvaguardia della vita sul pianeta. L’integrità della biosfera può essere considerata alla pari di un bene pubblico, la cui salvaguardia deve essere garantita a livello universale.

L’effetto serra e i cambiamenti climatici L’effetto serra è un fenomeno naturale che permette il riscaldamento dell'atmosfera terrestre fino ad una temperatura adatta alla vita. L’effetto serra naturale è indispensabile per la vita sulla Terra, poiché senza la temperatura media al suolo sarebbe di circa -18 gradi Celsius. L'effetto serra è possibile per la presenza in atmosfera di alcuni gas, in particolare anidride carbonica, azoto, ozono e cluorofluorocarburi, detti “gas serra” (Greenhouse Gases, GHG) . A partire dal Novecento fino ad oggi le attività dell'uomo, in particolare la combustione di vettori energetici fossili e il disboscamento delle foreste tropicali, hanno provocato un aumento sempre più rapido della concentrazione dei GHG nell'atmosfera alterando l'equilibrio energetico della terra. Come conseguenza si è avuto un anomalo aumento della temperatura atmosferica: i modelli climatici prevedono entro il 2100 un aumento della temperatura media globale compreso tra 1.4 e 5.8 gradi Celsius. Questo riscaldamento anomalo della temperatura atmosferica è la causa principale dei cambiamenti climatici. Ciò comporta l’aumento, in intensità e frequenza, di fenomeni idrometereologici estremi (uragani, temporali, inondazioni, siccità, etc.), l'aumento del livello dei mari, la desertificazione, la perdita di biodiversità.

15


Fig. 1 – GHG e cambiamenti climatici

La comunità scientifica internazionale ha dibattuto a lungo sulle cause e sulla intensità sia dell'effetto serra che dei cambiamenti climatici. Oggi ormai l'evidenza scientifica del legame delle alterazioni del clima con le attività antropiche (attribuibili all’attività umana) gode di largo consenso fra gli scienziati. C’è invece ampio dibattito su quale sia la strategia migliore per contrastare tale tendenza.

Mondo pieno e mondo vuoto (l’astronauta e il cowboy) Secondo l’economista Boulding (1966) esistono due modi di concepire e rapportarsi allo sfruttamento delle risorse del nostro pianeta: l’approccio del cowboy e quello dell’astronauta. Nel primo caso si concepisce il mondo come l’immenso territorio a disposizione di un cowboy, il quale non si preoccupa di utilizzare in modo parsimonioso le risorse, percependole sovrabbondanti e convinto che la capacità di assorbimento della terra sia illimitata. Nel secondo caso invece il mondo è rappresentato dalla navicella che ospita l’astronauta, ossia un mondo piccolo e chiuso all’interno del quale tutto diventa limitato e nel quale l’impatto antropico dell’astronauta può essere enorme. Dalle due concezioni diverse di mondo, derivano in maniera diretta i comportamenti dei due agenti rappresentativi dell’attività umana sulla terra. L’atteggiamento sconsiderato del cowboy sarebbe sostenibile (trascurando motivazioni di tipo etico) solamente in un mondo sconfinato nel quale le risorse si rinnovino completamente in modo ciclico. La realtà del nostro pianeta, per quanto grande possa sembrarci è in verità molto più simile a quella dell’astronauta. La terra è infatti un”Mondo pieno” all’interno del quale le risorse non si rinnovano affatto e nei confronti del quale è fondamentale l’atteggiamento parsimonioso dell’astronauta. Lo schema che segue rappresenta il sistema produttivo allargato agli scambi (prelievi ed emissioni) con l’ambiente fisico (Tinacci, 2008), fondamentale per comprendere i rapporti tra economia e ecologia.

16


Fig.2 – Il “Tubo” della produzione

Breve cronistoria 1972 – Conferenza di Stoccolma

1974 1980 – World Conservation Strategy 1980 – Global 2000 Rapportol Ceq 1985 – Convenzione di Vienna 1987 – Protocollo di Montreal 1987 – Rapporto Bruntland 1992 – Vertice della Terra di Rio 1997 – Conferenza di Kyoto 2000 – Dichiarazione del Millennio 2007 – Conferenza di Bali

È la prima conferenza delle Nazioni Unite su temi ambientali, dove viene firmata la Dichiarazione di Stoccolma, basata su 26 Principi tra i quali: responsabilità e conservazione delle risorse naturali in relazione alla loro fruizione da parte delle generazioni future; introduzione all’interno dei programmi di sviluppo di forme per la tutela ambientale, perché vadano anche nella direzione di proteggere e migliorare l’ambiente. Viene teorizzato il “buco nell’ozono”, primo problema ecologico globale. Documento che riconosce i limiti fisici allo sfruttamento delle risorse naturali per la conservazione dell’ecosistema mondiale. Le prospettive del 21° secolo del Consiglio sulla qualità dell’ambiente. Accordo per la protezione dello strato di ozono Accordo per la riduzione e eliminazione dei gas CFC. Contiene la definizione di sviluppo sostenibile Dichiarazione su Ambiente e sviluppo, Agenda 21. Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (Protocollo di Kyoto). Approvati gli obbiettivi di sviluppo del millennio. Il goal 7 riguarda la sostenibilità ambientale. Tredicesima conferenza sui cambiamenti climatici dell’ONU, getta le basi per “Kyoto 2”.

17


La definizione di sostenibilità Il concetto di sviluppo sostenibile è stato definito per la prima volta dal Club di Roma nel 197213 e ripreso dal Rapporto Bruntland (Our Common Future), adottato dalla Conferenza mondiale sull’ambiente e sullo sviluppo nel 1987:

È sostenibile lo sviluppo che è in grado di soddisfare i bisogni delle generazioni attuali senza compromettere la possibilità che le generazioni future riescano a soddisfare i propri.

Lo sviluppo sostenibile si basa dunque sull’equilibrio tra le tre E: ecologia, equità ed economia. Dal 2001, nella Dichiarazione Universale sulla Diversità Culturale dell’UNESCO, ai tre pilastri si aggiunge anche il principio della diversità culturale. Il modello che viene proposto sotto questo nome non prevede alcun cambiamento nel modo di produzione: ritiene piuttosto che il sistema attuale possa essere integrato e corretto attraverso il coordinamento tra gli agenti pubblici e privati a livello globale14. Il concetto di sviluppo sostenibile si applica in particolare all’ecologia e all’ambiente. Dagli anni ’90 del Novecento si sono susseguiti numerosi incontri internazionali sui temi ambientali, scaturiti dalla necessità di affrontare i problemi connessi al cambiamento climatico e trovare una modalità di condotta internazionale compatibile con lo sviluppo sostenibile. Il Vertice della Terra (Earth Summit) di Rio de Janeiro, promosso nel 1992 dalla Conferenza delle Nazioni Unite su Ambiente e Sviluppo, si concluse con l’adozione di numerosi documenti internazionali per la protezione dell’ambiente, della diversità e la promozione dello sviluppo sostenibile. Il primo principio contenuto nella Dichiarazione conclusiva di Rio recita: Gli esseri umani sono al centro delle preoccupazioni relative allo sviluppo sostenibile. Essi hanno diritto ad una vita sana e produttiva in armonia con la natura.

Tra gli altri documenti ufficiali prodotti a Rio, l’Agenda 21 racchiude le buone pratiche da attuare per giungere nel 21esimo secolo pronti a realizzare uno sviluppo globale sostenibile. Il preambolo

13

Il Rapporto sui limiti della crescita è stato pubblicato nel 1972 dal Club di Roma, un’associazione fondata nel 1968 da due scienziati (un italiano ed uno scozzese); raccoglie numerosi economisti, studiosi dei diritti umani, ricercatori, scienziati che si interrogano sui grandi cambiamenti globali per cercare di interpretarli e fornire possibili soluzioni. 14 Numerose sono le critiche a questa impostazione accolta dalle Nazioni Unite e dalle altre grandi organizzazioni internazionali. Uno dei critici più radicali, anche se forse meno rigorosi, è Serge Latouche che sostiene la necessità di una radicale rivoluzione nei metodi di produzione e consumo, ispirata all’idea della decrescita, per ristabilire la sostenibilità ambientale e sociale mondiale. 18


dell’Agenda 21 recita: 1.1 L’umanità è in un momento cruciale della sua storia. Siamo messi a confronto con la perpetuazione delle disparità tra le nazioni, un peggioramento della povertà, della fame, delle malattie e dell’analfabetismo, e col continuo deterioramento degli ecosistemi da cui dipende il nostro benessere. Ad ogni modo, l’integrazione dell’interesse verso l’ambiente e lo sviluppo ed una maggiore attenzione a questi condurrà al soddisfacimento delle esigenze di base, a migliori condizioni di vita per tutti, ad ecosistemi più sani, meglio protetti e meglio gestiti, ad un futuro più prospero. Nessuna nazione può raggiungere ciò da sola; ma insieme possiamo – in una partnership globale per lo sviluppo sostenibile.

Il dibattito sul concetto di sviluppo sostenibile e sulle possibili strategie da attuare a livello internazionale continua ad essere acceso ancora oggi. Il nostro modo di vivere, di consumare, di comportarsi, decide la velocità del degrado entropico (cioè misura dello stato del disordine di un sistema), la velocità con cui viene dissipata l'energia utile e il periodo di sopravvivenza della specie umana. Il concetto di sostenibilità viene quindi inteso come l'insieme di relazioni tra le attività umane e la loro dinamica da una parte, con la biosfera e le sue dinamiche, generalmente più lente. Queste relazioni devono essere tali di permettere alla vita umana di continuare, agli individui di soddisfare i loro bisogni e alle diverse culture umane di svilupparsi, ma in modo tale che le variazioni apportate alla natura dalle attività umane stiano entro certi limiti così da non distruggere il contesto biofisico globale. L’economista Herman Daly suggerisce che solo raggiungendo un'economia da equilibrio sostenibile le future generazioni potranno avere almeno le stesse opportunità che la nostra generazione ha avuto: è un rapporto tra economia ed ecologia, in gran parte ancora da costruire, che passa dalla strada dell'equilibrio sostenibile. Il professor Nebbia conclude il suo saggio con un'importante osservazione: Occorre avviare un grande movimento di liberazione per sconfiggere le ingiustizie fra gli esseri umani e con la natura, una nuova protesta per la sopravvivenza capace di farci passare dalla ideologia della crescita a quella dello sviluppo. Nessuno ci salverà se non le nostre mani, il nostro senso di responsabilità verso le generazioni future, verso il "prossimo del futuro" di cui non conosceremo mai il volto, ma cui la vita, la cui felicità dipendono da quello che noi faremo o non faremo domani e nei decenni futuri. La costruzione di uno sviluppo sostenibile e la pace si conquistano soltanto con la giustizia nell'uso dei beni della Terra, unica nostra casa comune nello spazio, con una giustizia planetaria per un uomo planetario,[Ernesto Balducci]. Senza giustizia nell'uso dei beni comuni della casa comune, del pianeta Terra, non ci sarà mai pace (Nebbia, 1991).

Un bene pubblico globale da difendere La politica ecologica necessaria per affrontare il problema richiede l’intervento attivo del legislatore: per legge si impongono limiti diretti allo sfruttamento di certe risorse naturali (ad es. per limitare la quantità pescata di una certa specie ittica minacciata di estinzione), per legge si impongono tasse su beni energetici per scoraggiarne l’uso (tasse su benzina e altri combustibili inquinanti). Tuttavia a livello internazionale la cooperazione fra Stati può portare ad accordi solo quando esiste un interesse nazionale evidente degli Stati più potenti (e più inquinanti). Anche se la protezione del bene pubblico in questione riguarda la sopravvivenza dell’intero genere umano o della vita sul Pianeta, può accadere che un singolo Stato, o un gruppo di Stati, abbia interessi nazionali contrastanti. Vi sono casi in cui una convergenza di interessi tra tutti gli Stati interessati è stata possibile, come dimostra il Protocollo di Montreal15 per la messa al bando dei gas che avrebbero potuto distruggere lo strato d’ozono dell’atmosfera. In questa circostanza, esistevano tecnologie 15

Il protocollo di Montreal è un trattato internazionale per la riduzione della produzione e dell'uso delle sostanze che minacciano lo strato di ozono, firmato nel 1987 e entrato in vigore il 1º gennaio 1989. L’ex Segretario dell’ONU Kofi Annan ha dichiarato in proposito: “Si tratta di un esempio di eccezionale cooperazione internazionale: probabilmente l'accordo tra nazioni più di successo.” 19


alternative poco costose. In altri casi, come dimostra il Protocollo di Kyoto per la riduzione delle emissioni di gas provocanti l’effetto serra, l’accordo è molto più controverso poiché gli interessi in gioco sono vasti e sono più alti i costi sociali che devono essere affrontati dai governi per ottenere effetti significativi16.

1. Il Protocollo di Kyoto Nel 1992 la diffusa preoccupazione a livello internazionale nei confronti dei cambiamenti climatici portò all’adozione della Convenzione Quadro delle Nazioni Unite sui Cambiamenti Climatici (UNFCCC), documento che doveva costituire il primo passo per un’azione più energica nel futuro. Istituendo un processo permanente di esame, discussione e scambio di informazioni, la Convenzione ha permesso negli anni l’adozione di impegni supplementari adattati all’evoluzione delle conoscenze scientifiche e della volontà politica. Il primo esame dell’adeguamento degli impegni assunti dai paesi sviluppati si ebbe, come previsto, nella prima sessione della Conferenza delle Parti, a Berlino, nel 1995. Poiché gli impegni assunti non sembravano essere sufficienti per impedire “interferenze antropiche (attribuibili all’attività umana) pericolose per il sistema climatico”, fu aperto un nuovo giro di consultazioni per redigere una bozza di accordo che contenesse impegni rafforzati per la riduzione delle emissioni inquinanti da parte dei paesi sviluppati. Fig.3 – La riduzione delle emissioni prevista dal Protocollo di Kyoto

Alla Conferenza di Kyoto del dicembre 1997 fu approvata, per consenso, l’adozione di un Protocollo con l'obiettivo di fronteggiare la minaccia dell'effetto serra e dei cambiamenti climatici. Entrato in vigore il 16 febbraio 200517 e sottoscritto da 141 nazioni, il Protocollo di Kyoto è un tentativo di conciliare gli interessi dell'ambiente con quelli dell'economia. Gli Stati firmatari si impegnano ad assicurare, individualmente o congiuntamente, che le emissioni derivanti dalle attività umane globali vengano ridotte di almeno il 5% entro il 2008-2012, rispetto ai livelli del 1990. Cardine del Protocollo è il principio delle responsabilità comuni ma differenziate: nel documento sottoscritto sono indicati gli impegni di riduzione delle emissione dei GHG (anidride 16

Cfr. in proposito S. Barrett, “Montreal versus Kyoto. International Cooperation and Global Environment” in I. Kaul, I. Grunberg, M. Stern (eds), Global Public Goods, pp. 192-219. 17 Il Protocollo avrebbe dovuto entrare in vigore solo con le ratifiche di almeno il 55% degli Stati firmatari della Convenzione, e le cui emissioni totali di biossido di carbonio rappresentano almeno il 55% della quantità totale emessa nel 1990. Questi requisiti, e gli ostacoli posti da alcuni dei maggiori paesi industrializzati, hanno ritardato l’entrata in vigore fino al 2005 con la firma della Russia. 20


carbonica soprattutto), differenziati da paese a paese. L'Unione Europea si è prefissa un obiettivo di riduzione dei GHG dell'8%, che si traduce per l'Italia in un impegno di riduzione del 6.5% delle emissioni.

MDG 7 –

GARANTIRE LA SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE

7.1 Integrare i principi di sviluppo sostenibile nelle politiche e nei programmi dei paesi; invertire la tendenza attuale nella perdita di risorse ambientali; 7.2 Ridurre il processo di annullamento della biodiversità raggiungendo, entro il 2010, una riduzione significativa del fenomeno; 7.3 Ridurre della metà, entro il 2015, la percentuale di popolazione senza un accesso sostenibile all'acqua potabile e agli impianti igienici di base. 7.4 Ottenere un miglioramento significativo della vita di almeno 100 milioni di persone che vivono nelle baraccopoli entro il 2020. Gli MDGs riconoscono che non si può ottenere benessere economico e sociale se non in un ottica di sviluppo sostenibile. C’è un forte legame tra povertà e stato dell’ambiente. L’inquinamento ha impatti molto negativi sulle popolazioni povere del mondo. I paesi meno sviluppati (LDCs) dipendono dall’agricoltura e dalle risorse naturali (carbone, legname, petrolio, pietre preziose): se queste diventano scarse o inquinate, ciò può avere impatti devastanti. Inoltre sono circa 1,7 i miliardi di persone che si trovano in una situazione di stress idrico: in Africa donne e bambine spendono in media tre ore al giorno per andare a prendere l’acqua dove questa è disponibile. Quali progressi? Sebbene si siano avuti progressi diffusi nell’accesso all’acqua, ancora sono pochi i paesi in via di sviluppo che riusciranno a raggiungere i target dell’Obiettivo 7. I paesi che hanno registrato i più forti miglioramenti negli altri obiettivi, spesso registrano un peggioramento sotto il profilo ambientale. Cosa fare? L’obiettivo dello sviluppo sostenibile può essere raggiunto solo attraverso un maggiore coinvolgimento dei poveri nei processi decisionali che li riguardano: le persone devono essere parte della soluzione, non del problema. Il concetto di sostenibilità ambientale deve essere integrato nelle politiche riguardanti tutti gli altri settori. In molti PVS serve un maggiore controllo pubblico sullo sfruttamento delle risorse naturali per evitare corruzione, disastri ambientali e depauperazione delle ricchezze nazionali.

Al fine di raggiungere il loro obiettivo di riduzione, gli Stati potranno avvalersi di una serie di strumenti, chiamati Market based mechanism (basati su logiche di mercato) o meccanismi flessibili, che danno la possibilità di utilizzare a proprio credito attività di riduzione delle emissioni effettuate al di fuori del territorio nazionale. Questo è permesso considerando il fatto che i cambiamenti climatici sono un fenomeno globale ed ogni riduzione delle emissioni di GHG è efficace indipendentemente dal luogo del pianeta nel quale viene realizzata. I meccanismi flessibili sono strumenti economici mirati a ridurre il costo complessivo d'abbattimento dei gas serra, permettendo di ridurre le emissioni lì dove sia economicamente più conveniente pur nel rispetto degli obiettivi di tipo ambientale. Tre

21


sono i meccanismi individuati dal Protocollo: 1. Emissions Trading (ET, Commercio delle emissioni) È la creazione di un mercato dei permessi di emissione, che consente ad uno Stato, o ad un’azienda, di comprare o vendere ad altri Stati o aziende permessi di emissione per allineare le proprie emissioni con la quota assegnata: il soggetto venderà tali permessi quando le proprie emissioni sono al di sotto della quota assegnata, mentre li comprerà quando le proprie emissioni sono al di sopra della quota. I permessi vengono chiamati Assigned Amount Units (AAUs). 2. Clean Development Mechanism (CDM, Meccanismo di sviluppo pulito) È un meccanismo di collaborazione attraverso il quale le aziende o gli Stati che realizzano progetti a tecnologia pulita nei paesi in via di sviluppo ricevono crediti di emissione pari alla riduzione ottenuta rispetto ai livelli che si sarebbero avuti senza il progetto. Tali crediti vengono chiamati Certified Emissions Reductions ed indicati spesso con la sigla CERs. Un progetto CDM può funzionare secondo lo schema seguente:

Fig. 4 – Il meccanismo di sviluppo pulito Un'azienda od un soggetto pubblico realizzano un progetto in un paese in via di sviluppo per la limitazione delle emissioni di GHG. La differenza fra la quantità di gas serra emessa realmente e quella che sarebbe stata emessa senza il progetto (scenario di base), è considerata come emissione evitata ed accreditata sotto forma di CERs. I CERs possono poi essere venduti sul mercato e/o accumulati. 3. Joint Implementation (JI, Implementazione congiunta) È un meccanismo di collaborazione tra paesi sviluppati, per il raggiungimento dei rispettivi obiettivi di riduzione delle emissioni. Simile al CDM, permette di ottenere crediti di emissione attraverso investimenti in tecnologie pulite in altri paesi. Tali crediti di emissioni vengono chiamati Emissions Reductions Units (ERUs). Lo scopo è ridurre il costo totale d'adempimento degli obblighi di Kyoto permettendo l'abbattimento delle emissioni lì dove è economicamente più conveniente. Le emissioni evitate grazie ai progetti generano crediti che possono essere usati per far fronte agli impegni di riduzione assegnati. Poiché la JI coinvolge paesi che hanno dei limiti alle emissioni, i crediti generati dai progetti sono sottratti dall'ammontare di permessi di emissione inizialmente assegnati al paese ospite (AAUs). L’unità di misura comune, che permette di calcolare le emissioni dei diversi GHG, che hanno diversi effetti sul clima, è la tonnellata di CO2 equivalente. Ad esempio il metano ha un potenziale clima-alterante 21 volte superiore rispetto alla CO2, quindi una tonnellata di metano viene contabilizzata come 21 tonnellate di CO2 equivalente.

22


Fig. 5 – Il meccanismo di implementazione congiunta

Evoluzioni Negli ultimi anni le Conferenze delle Parti (COP) per l’aggiornamento degli accordi che si sono succedute hanno ricevuto sempre più attenzione da parte di media, organizzazioni e associazioni, movimenti della società civile: da più parti si sono alzate voci che hanno chiesto ai governi dei maggiori paesi del mondo di impegnarsi nella stesura di un nuovo accordo internazionale con obbiettivi più efficaci e scadenze più lunghe. La tredicesima Conferenza sui cambiamenti climatici, organizzata dall’ONU a Bali nel 2007, ha gettato le basi per costruire il cosiddetto “Kyoto 2”, che contenga impegni più forti delle nazioni per salvare il pianeta. Forte novità del Summit è stata la partecipazione degli Stati Uniti, i grandi auto-esclusi dai processi politici sui cambiamenti climatici e soprattutto dal Protocollo di Kyoto18. I negoziati avviati a Bali non hanno dato ancora risultati concreti, ma molti si aspettano che la quindicesima Conferenza delle Parti che si terrà a Copenhagen nel dicembre 2009 porterà all’adozione di un “Protocollo di Copenhagen”. L’obiettivo dichiarato del Summit è infatti quello di giungere ad un testo che sostituisca il Protocollo di Kyoto (che ha validità fino al 2012) e che raccolga le adesioni dei grandi paesi emergenti (Cina, Brasile, India) e degli Stati Uniti.

2. Impronta Ecologica L'impronta ecologica è un indice statistico usato mettere in relazione il consumo umano di risorse naturali e la capacità della Terra di rigenerarle. Per spiegare il concetto è possibile immaginare di racchiudere una città (o una regione, o il pianeta) sotto una cupola di vetro trasparente che, lasciando entrare solo la luce, impedisca alle cose materiali di entrare ed uscire (come la metafora dell’astronauta e del mondo pieno, cfr. paragrafo 3.3). Perché le persone possano continuare a vivere, la cupola dovrebbe racchiudere una quantità di terreno con tutte le risorse necessarie per produrre gli alimenti, l’energia, i beni necessari, e per assorbire i rifiuti e gli altri prodotti inquinanti. L’impronta ecologica di fatto misura il peso dei consumi umani sugli ecosistemi terrestri, e pertanto ci fornisce informazioni su quanto sia sostenibile (o insostenibile) un determinato stile di vita, un modello di sviluppo, ecc. È evidente che se le persone aumentano e/o aumentano i loro consumi la loro 18

Gli Stati Uniti, responsabili di più di un terzo delle emissioni totali, non hanno aderito al Protocollo di Kyoto. Il presidente Bill Clinton aveva firmato il Protocollo durante gli ultimi mesi del suo mandato, ma il suo successore George W. Bush ha ritirato l'adesione inizialmente sottoscritta. 23


impronta ecologica aumenta proporzionalmente. Essa misura l'area biologicamente produttiva di mare e di terra necessaria di cui una popolazione necessita per produrre in maniera sostenibile tutte le risorse che consuma e per assorbire i rifiuti. L’impronta ecologica di qualsiasi popolazione (dal livello individuale fino al livello di città o di nazione) è il totale della terra e del mare ecologicamente produttivi occupati esclusivamente per produrre tutte le risorse consumate e per assimilare i rifiuti generati da una popolazione. L’impronta ecologica dipende fortemente dalle abitudini personali: frequenza e modalità degli spostamenti, beni di consumo acquistati/dismessi, qualità e quantità degli alimenti (oltre che dalla loro provenienza più o meno locale), riscaldamento e condizionamento estivo nelle abitazioni, altri usi energetici, ecc.. L’impronta ecologica di una città o provincia o altri Enti Locali dipende, oltre che dall’insieme delle abitudini/consumi dei suoi abitanti, dalle scelte di gestione del territorio e delle risorse perseguite. Di questi limiti bisogna tener conto nella valutazione dell’impronta ecologica. L’impronta ecologica viene misurata in “unità di superficie”, equivalente ad un ettaro della produttività media del pianeta, ed è data dalla somma di cinque differenti componenti: 1. Suolo agricolo, impegnato per la produzione alimentare; 2. Pascolo, impegnato per la produzione di carni; 3. Foresta, impegnata per la produzione di legname e carta; 4. Suolo edificato, impegnato per costruzioni edilizie; 5. Foresta, impegnata per l’assorbimento delle emissioni di anidride carbonica. Calcolare l’attuale valore dell’impronta ecologica e confrontarlo con il valore ottenibile in virtù di differenti comportamenti o azioni dal livello individuale a quello statale permette di valutarne l’efficacia ed è quindi uno strumento di aiuto per la pianificazione della politiche pubbliche. Se l’impronta ecologica è la “misura” della superficie terrestre che ciascuno utilizza, la capacità di carico quantifica (nella medesima “unità di superficie”) la capacità del territorio di fornire risorse ed energia e di assorbire rifiuti. Una volta determinate impronta ecologia e capacità di carico, è possibile verificare se il territorio realmente disponibile per l’area in esame riesce a soddisfare le esigenze della popolazione che lo occupa. La differenza tra capacità di carico e impronta ecologica viene definita deficit ecologico quando le differenza risulta negativa e biocapacità residua quando tale differenza è positiva. Per i paesi industrializzati come l’Italia si parla esclusivamente di deficit ecologico e questo significa che essi necessitano di più spazio rispetto a quello a loro disposizione; al contrario molti paesi in via di sviluppo hanno un’impronta inferiore alla loro biocapacità e quindi dispongono di una biocapacità residua. Per scaricare il file per il calcolo della propria impronta ecologica: http://www.retelilliput.org/modules.php

24


LEZIONE 3 – Teoria del conflitto e “nuove guerre” 1. Il conflitto La distinzione fra conflitto e violenza19 Prima di affrontare in modo articolato il tema del conflitto è necessario distinguere in modo chiaro questo concetto da quello di violenza o di guerra. La confusione che giornali e televisioni fanno nell’uso di questi termini si riflette nella percezione che si viene a formare nelle società occidentali di questi diversi fenomeni. Per fare un esempio, è frequente che un telegiornale apra con una notizia tipo «il conflitto in Iraq anche oggi presenta il suo debito di sangue! 40 morti al mercato della città di Bagdad». La scelta del termine conflitto per presentare una strage non solo è sbagliata, ma è legata alla necessità di attenuare la tragica realtà della guerra, basata sulla distruzione e eliminazione del nemico. La violenza è segnata dall’irreversibilità del danno, nella logica perversa che prevede di risolvere i problemi eliminando chi li porta. Nel conflitto invece rimane una relazione, un incontro, anche se difficile, dove gli eventuali danni sono comunque reversibili. VIOLENZA • • •

Danneggiamento intenzionale dell’avversario per creare un danno irreversibile; Volontà di risolvere il problema (conflitto) eliminando chi lo determina; Eliminazione relazionale come forma di «soluzione» semplificatoria.

CONFLITTO • • •

Contrasto, opposizione, resistenza critica senza componenti di dannosità irreversibile; Intenzione di mantenere il rapporto; Sviluppo della relazione possibile, anche se faticosa e problematica.

Senza questa distinzione, può nascere confusione anche nei comportamenti: spesso si ha più paura di comportamenti conflittuali che di comportamenti veramente violenti. Gli strumenti a disposizione in caso di violenza sono e devono essere diversi rispetto a quelli che sono utilizzabili in una dimensione di conflitto. Le forze dell’ordine si occupano di violenza, mentre la gestione dei conflitti appartiene ad una necessità più generale: la diffusione di una competenza pratica nella gestione dei conflitti può prevenire la violenza. Il so stare nel conflitto è un vero e proprio antidoto alla banalità della violenza, a quel tragico movimento che non accetta le complicazioni relazionali e con atto unilaterale distrugge ed eventualmente uccide. Leggere e capire i conflitti non solo è possibile, ma rappresenta una competenza fondamentale nelle relazioni tra individui, comunità, Stati.

Conflitto e diversità Si può parlare di conflitto come di un «prodotto naturale della diversità». Nel conflitto possono divergere (“essere diversi”) gli obiettivi, gli interessi, i bisogni, le aspettative, i punti di vista, i valori, le percezioni (dell’altro o della realtà), le rappresentazioni del mondo. A sua volta la diversità è un prodotto naturale dell’esistenza umana e della vita sociale. Se la diversità è naturale, anche il conflitto che ne può derivare lo è. La conflittualità è dunque è una componente ineliminabile, strutturale e permanente delle relazioni umane, che fa parte della vita quotidiana di ognuno. 19

Le prossime pagine sono tratte in buona parte dal testo Gestire i conflitti interculturali ed interreligiosi. Approcci a confronto che raccoglie i contributi di numerosi docenti del Corso di Laurea in Scienze per la Pace di Pisa, http://pace.unipi.it/pubblicazioni/collana. 25


Questo non vuol dire che essere diversi porta sempre e ovunque al conflitto. L’incontro con l’altro può essere un’esperienza di ascolto e di dialogo, che arricchisce entrambe le parti. Non basta dunque parlare di diversità per spiegare il conflitto, due altri elementi significativi sono presenti quando la diversità porta allo scontro: - La relazione. Il diverso, se «sta a casa sua», non dà fastidio. Il problema non è tanto che esistano persone diverse o sbagliate (dal mio punto di vista), ma che queste persone vivano e si muovano negli stessi spazi in cui vivo e mi muovo io. La distanza potrebbe dunque essere vista come soluzione, ma la convivenza con il diverso è socialmente invitabile, nei condomini, nei quartieri, nei luoghi di lavoro, nei mezzi pubblici; - L’ostacolamento. Dover condividere il nostro spazio vitale con il diverso non comporta necessariamente il conflitto. Al contrario, sono numerosi gli esempi che si possono fare di relazioni amichevoli con un compagno di classe o con un vicino di casa che è portatore di pensieri, valori e abitudini ben lontane dalle nostre. Il problema nasce quando il diverso è percepito come un ostacolo al conseguimento dei nostri obiettivi e al soddisfacimento dei nostri bisogni. A questi tre elementi, diversità, relazione e ostacolamento, è possibile aggiungerne un quarto, che inverte il rapporto causa-effetto tra ‘diversità’ e ‘conflitto’: il modo di stare nel conflitto. Una cattiva gestione del conflitto può infatti aumentare la percezione di diversità, evidenziando solo gli elementi di diversità e non quelli in comune tra le parti: l’immagine della controparte viene costruita sulla base di presunzioni, preconcetti e pregiudizi difficili da smontare e avviene una sorta di manipolazione della realtà per cui le idee negative si autoconfermano e si consolidano. Gli esiti di questa manipolazione sono distruttivi: la dinamica circolare descritta (la ‘diversità’ fa nascere il ‘conflitto’ che alimenta la ‘diversità’ che alza il livello del ‘conflitto’, e così via) innesca facilmente una escalation, un processo azione-reazione reciproco: le parti attivano comportamenti di overperceive (percepire in eccesso) e overreact (reagire sproporzionatamente a quelle che sono considerate minacce), che possono degenerare nel tentativo di ottenere quello che viene percepito come obiettivo incompatibile con quello della controparte attraverso la distruzione (psicologica o fisica) dell’altro o dei suoi simboli.

Il conflitto come campanello d’allarme Un’idea diffusa riguardo alla gestione dei conflitti è che si tratti di un’attività difficile, se non impossibile, perché presenta numerose variabili da conoscere: gli interessi in gioco, i bisogni che vi sottostanno, le emozioni che si scatenano, la pluralità delle parti coinvolte, e altro ancora. Si deve poi considerare che l’esito del conflitto dipende in parte anche dalle premesse, ossia dall’idea di conflitto che abbiamo sviluppato. Se si pensa al conflitto come a qualcosa da superare perché negativo, una patologia da eliminare, gli strumenti e le azioni scelte saranno condizionate da questa idea. Probabilmente si attueranno comportamenti di fuga dal conflitto o di repressione, usando ogni strumento possibile, anche la violenza se necessario, per «curare» il conflitto e tornare all’armonia perduta. Gli studi degli ultimi decenni hanno invece sottolineato l’idea del conflitto come campanello d’allarme, il sintomo di un malessere che deve essere indagato e affrontato: I punti chiave di questa idea di conflitto sono: • il conflitto è un elemento naturale, strutturale e permanente delle relazioni umane; • il conflitto è l’indicatore (sintomo) di un malessere nella relazione; • il conflitto è un processo che parte da un equilibrio iniziale e termina, a conclusione della fase conflittuale, con un nuovo equilibrio, diverso dal primo e provvisorio. 26


Leggere il conflitto in questa ottica aiuta a contenere la paura che impedisce di affrontarlo direttamente e positivamente. La gestione costruttiva dei conflitti non sta nel tentare di evitare ogni possibile scontro, andando improbabilmente d’accordo con tutti, bensì nella capacità di orientare il processo conflittuale verso esiti di mutuo beneficio, non solo evitando di fare danni, ma anche imparando a conoscersi meglio.

Stili conflittuali Lo stile conflittuale è il comportamento che si assume durante una controversia. Esso può variare in funzione del contesto, della relazione con la controparte, del livello di coinvolgimento emotivo e di numerose altre variabili possibili, ma è comunque rintracciabile uno stile conflittuale prevalente. Tre sono gli approcci prevalenti che si possono osservare: lo stile elusivo, che punta soprattutto a evitare i conflitti; lo stile competitivo, con forti componenti aggressivo-distruttive e centrato sulla vittoria (le ragioni di una parte si affermano a danno dell’altra); lo stile cooperativo, che prevede comportamenti assertivi e mira a una soluzione con due vincitori, ossia di mutuo beneficio. La differenza sostanziale tra il modello cooperativo e gli altri è l’accettazione del conflitto come dimensione naturale e strutturale delle relazioni. Sia il modello elusivo che quello competitivo rappresentano invece una negazione del conflitto, giudicato inaccettabile: per il primo va evitato e nascosto, per il secondo va represso e liquidato qualunque mezzo risulti necessario (vedi Fig. II.5). Figura 6

Semplificando, si può sostenere che lo stile elusivo non peggiora la relazione, ma non garantisce la soddisfazione dei propri bisogni; al contrario, lo stile competitivo offre (se si è in posizione di forza) una soddisfazione dei nostri bisogni, ma a prezzo di un peggioramento della relazione. Lo stile cooperativo permette di curarsi sia dell’ottenimento di ciò di cui abbiamo bisogno, sia della relazione da mantenere, passando da una percezione del conflitto come fenomeno distruttivo dell’ordine a un’immagine di esso come espressione della diversità, che include anche la possibilità di migliorare la relazione. Si parla in questo caso di negoziazione integrativa: il conflitto non è una torta da spartire, ma uno spazio di ricerca creativa di soluzioni innovative che rispondano a criteri di mutuo beneficio. Non esiste un’unica soluzione possibile e poiché si può sempre modificare il proprio stile conflittuale, vale la pena partire sempre da atteggiamenti cooperativi; è molto difficile infatti adottarli solo dopo che non si è riusciti a vincere con un comportamento competitivo.

La gestione cooperativa dei conflitti interculturali Il grafico sugli stili conflittuali può essere integrato con le diverse modalità di affrontare i conflitti interculturali:

27


Figura 7

L’elusione della diversità Se si promuove una convivenza tra culture basata sui buoni sentimenti e sulla negazione delle componenti di scontro insite nella diversità, si adotta uno stile elusivo. L’elusione della diversità è una scorciatoia che funziona solo quando la diversità è “innocua”, ma è inefficace quando si manifesta in forma conflittuale. Puntare sui “buoni sentimenti” rappresenta una strategia ancora molto diffusa, e spesso è l’unica che si oppone ai proclami e alle pratiche repressive, xenofobe, discriminatorie e razziste. Anche gli approcci ispirati al multiculturalismo possono essere ricondotti al modello elusivo, poiché accettano la diversità solo apparentemente. Ad essa, infatti, viene tolta la componente relazionale, favorendo la formazione di comunità separate. Il multiculturalismo è indirettamente un rifiuto della diversità perché cela dietro alla apparente tutela del diverso una idea di cultura come elemento compatto, omogeneo e impermeabile della società, dove il diverso non può entrare. L’aspetto più preoccupante dell’approccio multiculturalista è che si può presentare a volte come una forma edulcorata di neo-razzismo. La repressione della diversità Gli approcci che riconducono all’integrazione e all’assimilazione non sono certo privi di problemi: si riconoscono le componenti di scontro proprie della diversità e si pretende un’integrazione passiva delle culture minoritarie a quella maggioritaria, tramite la repressione della diversità (stile competitivo). Anche il modello dell’integrazione passiva a modo suo rifiuta la diversità, non eludendola come negli approcci multiculturali, ma reprimendola. Si riconosce che siamo diversi, ma non equivalenti, e il diverso è percepito come portatore di una minaccia da neutralizzare. Alla fiducia incondizionata invocata dagli approcci «buonisti» (dove «diverso è bello») si sostituisce la sfiducia incondizionata degli approcci assimilazionisti (dove «diverso è brutto»). L’accettazione della diversità Sostenere processi di integrazione attiva che esplorino le vie di una convivenza possibile e includano la dimensione di scontro propria del conflitto sono possibili a partire dall’accettazione della diversità (stile cooperativo). Si tratta di riconoscere le ineliminabili componenti conflittuali della diversità e di assumersi la fatica di misurarsi con cornici culturali diverse. Serve dunque un modello di riferimento alternativo, interculturale, cooperativo, che favorisca un’integrazione attiva fatta di scambi, contaminazioni, cambiamenti. Nel momento di incontro tra due culture o due punti di vista, l’accettazione del conflitto conduce ad un’apertura e probabilmente ad uno scontro, non nel senso di ‘guerra’, ma nel senso di possibilità di rivedere il proprio antagonismo e riportarlo alla luce di uno sguardo diverso.

28


Galtung: dal triangolo del conflitto a quello della trasformazione non violenta Negli ultimi decenni sono nati numerosi filoni di studio che affrontano il tema della pace e della risoluzione o trasformazione dei conflitti, Uno dei più rilevanti studiosi nell’ambito della ricerca per la pace (Peace Research) è Johan Galtung, sociologo e matematico norvegese, fondatore nel 1959 dell'International Peace Research Institut e della rete Transcend per la risoluzione dei conflitti. Galtung parte da una distinzione dei conflitti a seconda dei diversi livelli della realtà sociale in cui si manifestano: - il livello micro è caratterizzato da relazioni "faccia a faccia", dove gli attori sono i singoli individui; - al livello meso, intermedio quanto a dimensioni e complessità, gli attori del conflitto sono gruppi e organizzazioni; - il livello macro, infine, comprende i conflitti che si presentano in grandi aggregati politicosociali come società e Stati, dove gli attori sono entità collettive come partiti, movimenti sociali, gruppi paramilitari o gli stessi Stati. Inoltre individua tre dimensioni caratteristiche del conflitto: - la dimensione dei comportamenti, cioè degli atti osservabili compiuti dagli attori (ad esempio delle frasi dette in una disputa verbale, o degli atti di violenza); - la dimensione degli atteggiamenti e delle percezioni, ovverosia il punto di vista soggettivo a partire dal quale gli attori "vedono" se stessi, la controparte, il conflitto, e la relazione nel suo complesso; - la dimensione della contraddizione di fondo, ovvero del problema (o dei problemi) alla base del conflitto: ad esempio la questione del controllo di un territorio, del potere politico, o della distribuzione di determinate risorse. Figura 8

Queste tre dimensioni si influenzano tra loro: le percezioni soggettive di una parte possono condurre a scegliere un certo tipo di comportamento (ad es. aggressivo o accomodante). Determinate azioni possono "cambiare le carte in tavola" e ridefinire il tipo di contraddizione intorno al quale ruota tutto il conflitto, ad esempio nel caso in cui una disputa territoriale sfocia in una guerra aperta e il conflitto diventa per uno stato (o un popolo) questione di vita o di morte. Questo tipo di trasformazioni caratterizza in particolare i processi di escalation, ovvero di aumento del grado di intensità e di violenza del conflitto. L'escalation è caratterizzata dal superamento di determinate soglie che ne scandiscono in maniera chiara le diverse fasi. I modelli di escalation possono essere assai complessi, ma è possibile generalmente distinguere tre grandi fasi, caratterizzate dall'importanza delle tre dimensioni illustrate sopra: - quando il conflitto è a un basso livello di intensità prevale la dimensione della contraddizione 29


-

-

di fondo: le parti sono convinte che è possibile trovare una soluzione negoziata con l'accordo di tutti. A causa della crescente frustrazione, una o più parti saranno tentate di adottare la tattica del fatto compiuto; in un momento intermedio, le parti hanno perso la fiducia nella possibilità del dialogo e rafforzano la percezione del carattere negativo dell'altro, della necessità di una contrapposizione, fino ad arrivare ad adottare la strategia della minaccia e dell'ultimatum; a livello più elevato di escalation sono i comportamenti delle parti ad essere in primo piano, ed in particolare l'uso della coercizione e della violenza

La trasformazione nonviolenta del conflitto è una modalità costruttiva che contribuisce a trovare delle soluzioni che permettano a tutte le parti di ottenere dei benefici. Per comprendere cosa si intende per «trasformazione nonviolenta dei conflitti», è necessario ancora una volta ricordare che il conflitto non è sinonimo di violenza né di guerra. Indica una situazione di contrapposizione, di contraddizione, tra più attori sociali che intendono perseguire scopi diversi. Il ricorso alla violenza è l’esito negativo nel quale può sfociare un conflitto qualora non si sia capaci di trasformarlo creativamente e funzionalmente per tutte le parti in gioco. A ciascuno dei vertici del triangolo del conflitto, Galtung fa corrispondere il vertice di un altro triangolo, quello della nonviolenza. Figura 9

Al vertice degli atteggiamenti, corrisponde l’empatia, la capacità di mettersi nei panni dell’altro, di sentirne e percepirne le emozioni, di «vedere dentro», per aiutare, durante il processo di mediazione, le parti in conflitto a liberarsi dai fantasmi psichici che spesso impediscono di capire cosa sta realmente succedendo. Al vertice del comportamento corrispondono la nonviolenza nelle azioni e il dialogo nella comunicazione. La nonviolenza è indispensabile per evitare la scalata e la deriva del conflitto verso comportamenti violenti. Il dialogo, insieme ad atteggiamenti rigorosamente nonviolenti, è lo strumento per indagare ci�� che avviene all’esterno, al di «fuori» degli attori sociali, sotto forma di comportamenti manifesti. È inoltre necessario per avviare una forma di comunicazione nonviolenta, stabilire ponti tra le parti e facilitare il processo di mediazione e di riconciliazione. Il dialogo è lo strumento che fa da ponte tra gli aspetti soggettivi, gli atteggiamenti delle parti in conflitto, e la componente più oggettiva costituita dalle contraddizioni reali che esistono tra gli obiettivi che le parti intendono conseguire. Al vertice della contraddizione corrisponde la creatività, necessaria per fare emergere soluzioni sovraordinate che permettano a tutti gli attori di realizzare pienamente i loto obiettivi legittimi superando le contraddizioni presenti tra le parti in conflitto.

30


2. Le nuove guerre e lo “scontro di civiltà” Le vecchie e le nuove guerre La guerra moderna era violenza tra Stati per motivi politici: dal 1600 fino al 1900 si è si trattato di uno strumento al servizio dello Stato, i cui presupposti sono noti: gli Stati avevano il monopolio della forza armata e effettuavano la leva di massa obbligatoria, le spese militari incidevano notevolmente sul bilancio statale. Erano guerre con un nemico preciso e identificabile, che si svolgevano in spazi precisi, rispettavano le leggi (la prima Convenzione di Ginevra è del 1864) e avevano una fine, o la vittoria o la sconfitta. Nel corso del XX secolo si sono avuti circa 170 milioni di morti in guerra e nel secondo dopo guerra la spesa militare ha conosciuto un forte aumento (negli Stati Uniti ha raggiunto il 10% del PIL, in Unione Sovietica si è giunti anche al 20%). L’opposizione dei due blocchi durante quella che viene chiamata Guerra Fredda ha evitato guerre di dimensione globale, mentre frequenti sono stati conflitti locali, condotti con armi tradizionali, nei paesi in via di sviluppo sotto influenza degli USA e dell’URSS. La fine della Guerra Fredda, segnata dalla caduta del muro di Berlino nel 1989, segna la supremazia degli Stati Uniti, lo smantellamento dell’URSS e del suo apparato militare e la fine del conflitto nucleare (anche se Corea del Nord, Pakistan o Iran potrebbero ricrearlo). Allo stesso tempo, aumentano l’instabilità globale e i conflitti locali. L’espressione “nuove guerre”20 si riferisce in queste pagine alle guerre civili contemporanee, che si distinguono da quelle del passato in particolare per due caratteristiche: • Non c’è più uno scontro frontale fra forze governative e forze di opposizione. A combattere sono una molteplicità di attori (gruppi sociali, bande, eserciti organizzati e finanziati da governi rivali); • Sono guerre a volte interne a Stati (come le classiche guerre civili) ma più spesso avvengono a cavallo di più territori statali, senza diventare guerre internazionali. Questi due aspetti derivano dallo scollamento sempre più evidente, in particolare nei paesi nati dal processo di decolonizzazione, tra Stato e nazionalità: molti dei 200 Stati attualmente sulla carta sono “vuoti”. Secondo la classificazione più autorevole21, si considerano conflitti armati solo quelli nei quali una delle parti in causa è il governo di uno Stato. Tra il 1989 e il 2000 sono stati combattuti in 74 diversi luoghi 111 conflitti armati: solo 8 erano conflitti interstatali (Iraq-Kuwait, India-Pakistan, MauritaniaSenegal, Stati Uniti-Panama, Equador-Perù, Camerun-Nigeria, Etiopia-Eritrea, Iran-Iraq), tutte le altre sono interne agli Stati: guerre civili, tribali, etniche, religiose, economiche.

Le caratteristiche delle “nuove guerre” Cosa cambia rispetto alla guerra moderna? Quattro sono gli aspetti principali da considerare: - I metodi di combattimento: è frequente la tecnica della guerriglia, a volte con il consenso della popolazione locale ma più spesso volta a seminare terrore e controllo nelle aree controllate. L’esigenza di sottomettere i civili spiega, in parte, la gravità delle atrocità commesse, tra le quali l’espulsione diretta della popolazione, la disseminazione di mine sul territorio per renderlo inabitabile, i bombardamenti di case e ospedali, l’amputazione di arti, 20

L’analisi sulle “nuove guerre” è tratta dal volume di Mary Kador, New and Old Wars: Organized Violence in a Global Era, Polity Press, 1999, trad. it. di G. Foglia, Le nuove guerre. La violenza organizzata nell'età globale, Carocci, Roma 1999. 21 Il SIPRI, Stockholm International Peace Research Institute, è un centro di ricerca indipendente che si occupa di sicurezza internazionale, pace e controllo degli armamenti. Pubblica annualmente un rapporto dettagliato sullo stato dei conflitti nel mondo, www.sipri.org. 31


l’imposizione di blocchi e assedi, il sistematico ricorso a violenze sessuali. Il fenomeno dei bambini soldato è diffuso. - Il tipo di unità combattenti: si parla di “privatizzazione della violenza”, le unità combattenti sono spesso milizie irregolari, decentralizzate e prive di controllo (gruppi paramilitari, signori della guerra, mercenari, criminali, polizia). - Le fonti di finanziamento: il collasso del potere centrale statale provoca il crollo del PIL e le entrate fiscali. Le unità combattenti si finanziano con il saccheggio, l’estorsione, il mercato nero e le risorse esterne (tassano l’assistenza umanitaria, ricevono sostegno dai governi amici, trafficano droga, petrolio, diamanti). - Gli scopi: il conflitto è il mezzo per l’arricchimento personale e istituzionale ed è dunque fine a se stesso. Il secondo obbiettivo, a volte in contrasto con il primo, è la rivendicazione del potere sulla base di una particolare identità nazionale, religiosa, linguistica o di clan. Tra le più importanti caratteristiche delle nuove guerre bisogna ancora sottolineare il fatto che coinvolgono minorenni, che generano molti rifugiati e sfollati interni (IDPs, internally displaced persons) e hanno un elevatissima percentuale di vittime civili. Alcuni dei casi più recenti di nuove guerre si sono avuti in Bosnia, Ruanda, Kosovo, Angola, Afghanistan, Iraq. Si tratta in alcuni casi di conflitti incentivati da sanzioni internazionali (Iraq, Haiti), di lotta tra etnie diverse (Ruanda e Burundi), di scontro tra bande rivali in una situazione di quasi anarchia (Liberia, Sierra Leone), di ineguaglianze di classe (America Centrale, Cambogia: i contadini poveri contro l’élite urbana), di lotta tra clan rivali (Afghanistan, Somalia). Spesso poi le rivalità nascono attorno alla gestione e allo sfruttamento delle risorse naturali di un paese: numerosi sono i PVS ricchi di giacimenti, legname, miniere che si trovano al centro di scontri e rivalità che spesso coinvolgono anche grandi imprese multinazionali. Queste ottengono concessioni per l’estrazione dai governi locali e gestiscono il prelievo delle risorse in modo autonomo, senza che la popolazione locale possa beneficiare in maniera adeguata dei proventi legati allo sfruttamento di queste risorse e alla loro trasformazione in prodotti vendibili sul mercato. Solo per fare alcuni esempi, l’Angola è devastato da oltre 25 anni di guerra civile nonostante il suo territorio sia ricco di giacimenti di diamanti, petrolio e altre risorse minerarie; in Cambogia, lo sfruttamento indiscriminato di foreste e giacimenti di pietre preziose ha fruttato ai guerriglieri Khmer milioni di dollari ogni anno fino alla cessazione delle ostilità nel 1999; la Colombia ha imposto dal 1992 una “tassa di guerra” (oltre un dollaro al barile) alle compagnie petrolifere estere per finanziare l’esercito incaricato di difendere i pozzi petroliferi dagli attacchi dei ribelli; in Sudan la scoperta di giacimenti petroliferi agli inizi degli anni ’80 ha portato un forte inasprimento della guerra civile già in corso (le zone più ricche di giacimenti si trovano nel Darfur).

La guerra umanitaria, permanente e preventiva Con guerra umanitaria si indica un intervento militare volto a soccorrere la popolazione civile di uno Stato soggetta ad un regime che ne viola i diritti a tal punto da pregiudicarne la stessa sopravvivenza. Questa espressione è stata usata per la prima volta nel 1999 per definire l’intervento delle forze armate della NATO contro la Serbia, per porre fine agli scontri in Kosovo. L’azione della NATO, portata avanti senza il consenso dell’ONU, ha dato inizio ad un forte dibattito sulla legittimità di interventi armati fuori dal quadro di legittimità disegnato dalla Carta dell’ONU, dibattito che si è acceso con forza ancora maggiore in seguito alle offensive militari di Stati Uniti e Gran Bretagna in Afghanistan nel 2001 e in Iraq nel 2003. Secondo il diritto internazionale è possibile prestare soccorso alla popolazione civile di uno Stato con il consenso del governo dello Stato stesso, mentre non è possibile muovere guerra per motivi umanitari e quindi entrare militarmente sul territorio di uno Stato sovrano senza autorizzazione. In 32


seguito alle violenze perpetrate a danno di civili kosovari da parte delle forze serbe, molti giuristi sostennero l’intervento della NATO sostenendo l’inadeguatezza del diritto internazionale vigente e l’impotenza dell’ONU di fronte all’urgenza della situazione. Molti altri criticarono invece l’intervento della NATO, considerandolo illegittimo e pericoloso perché avrebbe indebolito il diritto internazionale e reso più difficile il raggiungimento di soluzioni politiche e diplomatiche. I “non-interventisti” ribadivano che l’unica guerra da ritenersi consentita sotto l’egida dell’ONU era quella di “legittima difesa” e cioè in risposta ad un attacco diretto. L’intervento degli Stati Uniti e dei loro alleati è da ritenersi dunque illegittimo, poiché si sostituisce all’autorità sovranazionale delle Nazioni Unite e innesca una spirale militare che si autoalimenta da ormai quasi dieci anni. L’espressione guerra permanente definisce un concetto strategico elaborato dal governo statunitense del presidente George W. Bush nella sua National Security Strategy e legato alla “guerra al terrorismo” avviata con l’operazione in Afghanistan del 2001 (chiamata Enduring Freedom) e proseguita con l’attacco all’Iraq del marzo 2003 (Iraqi Freedom). L’amministrazione statunitense ha più volte richiamato la comunità internazionale a prepararsi a combattere una guerra difficile e destinata a durare nel tempo, contro il terrorismo internazionale e contro quegli Stati che lo sostengono (gli “Stati canaglia”) e per affermare nel mondo i valori della democrazia e dell’economia di mercato, considerati indispensabili per una nuova era di stabilità, sicurezza e sviluppo. Le operazioni in Afghanistan e in Iraq sono riconducibili anche al concetto di guerra preventiva, uno dei più controversi tra quelli sviluppati dall’amministrazione americana poiché ha un duplice significato, che si coglie più facilmente pensando ai termini in lingua inglese. In italiano, “preventiva” è la traduzione sia di “pre-emptive” che di “preventive”, che definiscono due casi distinti: il primo si riferisce ad una guerra mossa in seguito a un’incontrovertibile evidenza che un attacco nemico è imminente; il secondo configura una guerra mossa per prevenire un attacco ritenuto inevitabile e che comporta un grave rischio per la propria sicurezza, ma che tuttavia non è certo né imminente. Come è stato detto, il sistema delle Nazioni Unite consente il ricorso alla guerra solo come legittima difesa da un attacco armato in atto22: è il Consiglio di Sicurezza che può deliberare, all’unanimità, per autorizzare un intervento di legittima difesa e che deve tentare la soluzione pacifica di qualsiasi controversia o situazione di crisi. In questo quadro, la “prevenzione” è affidata al sistema stesso e comunque si esclude la possibilità di muovere guerra in assenza di un fatto e solo perché esiste la possibilità che questo fatto si compia nel futuro (del resto, anche il moderno diritto penale prevede il ricorso alla legittima difesa in caso di aggressione, ma non legittima un omicidio compiuto per prevenirne uno futuro). L’offensiva militare Iraqi Freedom ha scatenato un aspro dibattito che è ancora in corso: l’operazione non ha ricevuto alcuna autorizzazione da parte delle Nazioni Unite, e le prove fornite dagli Stati Uniti e dalla Gran Bretagna per affermare che l’Iraq si trovava in procinto di realizzare armi atomiche, si sono dimostrate in seguito del tutto infondate. Molte critiche sono state rivolte alla strategia globale contro il terrorismo messa in atto dagli Stati Uniti e ai concetti che ne sono derivati. La denuncia più forte è quella del rischio che altri paesi possano in futuro appellarsi al precedente costituito dall’attacco all’Iraq, che per la giurisprudenza odierna è definibile come una guerra d’aggressione, mettendo in crisi l’intero sistema delle Nazioni Unite. Da più parti si sostiene la necessità di tornare a perseguire una strategia improntata al dialogo

22

L’art. 51 dello Statuto delle Nazioni Unite recita: Nessuna disposizione del presente Statuto pregiudica il diritto naturale di autotutela individuale o collettiva, nel caso che abbia luogo un attacco armato contro un Membro delle Nazioni Unite, fintantoché il Consiglio di Sicurezza non abbia preso le misure necessarie per mantenere la pace e la sicurezza internazionale. Le misure prese (…) sono immediatamente portate a conoscenza del Consiglio di Sicurezza (…). 33


e a una più equa ripartizione delle risorse, senza la quale il risentimento nei confronti dell’Occidente da pare il fenomeno del terrorismo sono destinati a crescere.

Il XXI secolo e le nuove risposte da trovare Molti studiosi nel corso degli ultimi anni hanno affrontato i temi della pace, della sicurezza e degli equilibri mondiali in seguito alla caduta del blocco comunista nel 1989. Organismi internazionali, associazioni e singoli individui da più parti e con sempre maggiore insistenza chiedono ai governi nazionali delle maggiori potenze mondiali un cambiamento di strategia nell’affrontare le sfide poste dalle “nuove guerre” in tutte le sue forme, dai singoli conflitti civili che insanguinano da decenni molti paesi in via di sviluppo alla lotta globale contro il terrorismo. Qui vengono presentati due pensatori tra i molti che hanno influenzato notevolmente il pensiero ed il linguaggio degli ultimi quindici anni. Il professor Francis Fukuyama ha pubblicato nel 1992 il libro La fine della storia e l’ultimo uomo, nel quale si chiede se la storia prosegua verso il “migliore dei mondi possibili” ed in che modo espliciti questo suo avanzare. La sua idea è che la storia condurrà il sistema organizzativo degli uomini verso la democrazia liberale attraverso il capitalismo. In questo senso gli Stati Uniti d’America sono giunti alla fine della storia, e rappresentano lo stadio ultimo di sviluppo dell’uomo. Tutti gli altri Stati sarebbero dunque a vari livelli sulla strada verso questo destino. Fukuyama cerca di dimostrare come il progresso scientifico-tecnologico sia indice di una storia progressiva e direzionale. Il progresso della scienza e della tecnologia è un bene cumulabile per l’uomo, e conduce quindi ad uno sviluppo lineare e di costante avanzamento. D’altra parte il sistema democratico è l’unico che consenta un equilibrio che soddisfa tutti nel riconoscimento della reciproca posizione. Fukuyama si proclama così sostenitore del ‘pensiero unico’ che a suo parere è inevitabile e positivo per tutto il genere umano, ed immagina dunque un futuro predeterminato. Un altro studioso che ha fortemente influenzato il linguaggio attuale in tema di conflitti è il Samuel P. Huntington. Nel libro Lo scontro delle civiltà ed il Nuovo Ordine Mondiale (1996) immagina un futuro post-guerra fredda dove il conflitto si scatenerà lungo le linee di differenza tra le civiltà, ed in particolare tra Occidente ed Islam: La mia ipotesi è che la fonte di conflitto fondamentale nel nuovo mondo in cui viviamo non sarà sostanzialmente né ideologica né economica. Le grandi divisioni dell'umanità e la fonte di conflitto principale saranno legate alla cultura. Gli Stati nazionali rimarranno gli attori principali nel contesto mondiale, ma i conflitti più importanti avranno luogo tra nazioni e gruppi di diverse civiltà. Lo scontro di civiltà dominerà la politica mondiale. Le linee di faglia tra le civiltà saranno le linee sulle quali si consumeranno le battaglie del futuro.

Secondo Huntington le guerre passate avevano l’Occidente come soggetto ed il resto del mondo come oggetto. Dalla fine della Guerra Fredda invece il resto del mondo vorrà entrare a far parte di chi crea e dà forma alla storia: per questo motivo lo scontro tra Occidente e Non-occidente caratterizzerà il nuovo secolo. Entrambi questi autori potrebbero essere criticati per alcune delle loro riflessioni, apprezzati per altre. Quello che è certo è che il 2001 segna uno spartiacque nella storia delle relazioni internazionali e in particolare delle relazioni tra Occidente e Non-Occidente e qualsiasi analisi dei tempi attuali non può sottrarsi al confronto con quegli avvenimenti e con le conseguenze che ne sono scaturite. L’Italia, come molti Stati occidentali, ha preso parte alle operazioni militari di cui si è parlato e ha attuato misure legislative volte a prevenire e contrastare il terrorismo internazionale: le misure di sicurezza negli aeroporti, l’aumentato numero di forze dell’ordine per le strade, la presenza di presidi armati permanenti intorno a consolati ed ambasciate ritenuti sensibili obiettivi, sono solo le misure più

34


visibili ai cittadini. In tutti questi casi viene da chiedersi due cose: queste misure hanno ridotto le azioni terroristiche o destabilizzanti? Se la risposta è no, significa che sono insufficienti o che rispondono ad una logica di per sé sbagliata? Qual è il ruolo che le Nazioni Unite possono ancora giocare nel perseguire la pace e la sicurezza internazionale? Il dibattito in corso ha bisogno del contributo di tutti gli attori, dal livello macro delle organizzazioni internazionali al livello individuale dei cittadini informati e consapevoli. Le pagine di questo volume affrontano numerose tematiche connesse ai temi della pace e della sicurezza internazionale e si propongono di presentarle in modo chiaro, trasparente e critico, così da incentivare ognuno all’approfondimento e alla ricerca delle proprie curiosità e risposte.

35


Bibliografia Cooperazione Internazionale Curini, L. (2004). Il dilemma della cooperazione, Milano: Feltrinelli Vita e pensiero. De Luca & Bonaglia. (2006). La cooperazione internazionale allo sviluppo. Bologna: Il Mulino. Grunberg, I., & Stern, M. (1999). Global public goods: international cooperation in the 21st century. Oxford: Oxford University Press for UNDP. Pittau, M. (2003). Economie senza denaro,EMI. Sachs, W. (2000). Dizionario dello sviluppo. Torino:EGA. Trani, V. (2006). Cooperazione internazionale. Una guida. Roma: Luiss University Press. Antropologia/Sociologia dello Sviluppo Aime, M. (2002). La casa di nessuno, Torino: Bollati Boringhieri Caillè, A. (1998). Il terzo paradigma. Antropologia filosofica del dono. Torino: Bollati Boringhieri. Fabietti, U. (1995). L’identità etnica, Roma: Carocci. Hobsbawm, E. J. (2002). L’invenzione della tradizione. Torino: Einaudi. Latouche, S. (1997). L’altra Africa, Torino: Bollati Boringhieri. Latouche, S. (2004). Decolonizzare l’immaginario, Bologna: EMI. Malighetti, R. (2007) Oltre lo sviluppo, Roma: Meltemi. Thiong’o, N. (2000) Spostare il centro del mondo. Roma: Meltemi. Geografia/Storia dello Sviluppo Braudel, F. (1988) La dinamica del capitalismo, trad. it. Giuliana Gemelli. Bologna: Il Mulino. Dematteis, G. (2002) Geografia dello Sviluppo. Torino: UTET. Gordimer, N. (1997) Qualcosa là fuori. Milano: Feltrinelli. Scott, A. (2001). Le regioni nell'economia mondiale. Produzione, competizione e politica nell'era della globalizzazione. Bologna: Il Mulino. Shiva, V. (1995) Monoculture della mente. Torino: Bollati Boringhieri. Wallerstein, I. (2003) Alla scoperta del sistema mondo. Roma: Manifestolibri. Colonizzazione, Decolonizzazione Bagnato, B. (2006). L'Europa e il mondo: origini, sviluppo e crisi dell'imperialismo coloniale. Firenze: Le Monnier. Betts, R. (2003) La decolonizzazione. Bologna: Il Mulino. Droz, B. (2007) Storia della decolonizzazione nel XX secolo. Milano: Mondadori Kapuscinski, R. (1998) Ebano. Milano: Feltrinelli. Kapuscinski, R. (2002) La prima guerra del football. Milano: Feltrinelli. Economia dello Sviluppo, Globalizzazione Bauman, Z. (2007) Vite di Scarto. Bari: Laterza. Biggeri, M., & Volpi, F. (2006). Teoria e politica dell'aiuto allo sviluppo. Milano: Franco Angeli. Collier, P., & Dollar, D. (2003). Globalizzazione, crescita economica e povertà: rapporto della Banca Mondiale. Bologna: Il Mulino. Devi, M. (2004) La Preda. Bologna: Il Mulino. Esteban, E. (2004). Sviluppo. In W. Sachs, Dizionario dello sviluppo. Torino: EGA. Perkins, J. (2005) Confessioni di un sicario dell’economia. Milano: Feltrinelli Minimum Fax.

36


Sen, A. (2007), La povertà genera la violenza? Milano: Il Sole 24 Ore. Sen, A (1987) On Ethics and Economics. Oxford: Basil Blackwell, trad. it (2004)., Etica ed Economia, Bari: Laterza. Sen, A. (1999) Development as Freedom. Alfred A. Knopf Inc., trad. it (2000) Lo sviluppo è libertà. Perché non c'è crescita senza democrazia. Milano: Mondadori. Shiva, V. (2005) Le nuove guerre della globalizzazione. Torino: UTET. Stiglitz, J. (2006) La globalizzazione che funziona. trad. it. Daria Cavallini, Torino: Einaudi. Stiglitz, J. (2006) La globalizzazione e i suoi oppositori. Torino: Einaudi. Zolo D. (2002). Cosmopolis, la prospettiva del governo mondiale. Milano: Feltrinelli. Zolo, D. (2004). Globalizzazione. Una mappa dei problemi. Bari: Laterza. Democrazia, Conflitti, Diritti umani Amnesty International. (2006). Rapporto annuale. Torino: EGA. Arielli, E., & Scotto, G. (2003). Conflitti e mediazione: introduzione a una teoria generale. Milano: Mondadori. Cassese, A. (2005). I diritti umani oggi. Bari: Laterza. Consorti, P., & Valdambrini, A. (2009). Gestire i conflitti interculturali ed interreligiosi. Approcci a confronto. Pisa: Plus. Held, D. (1997). Modelli di democrazia. Bologna: Il Mulino. Kaldor, M. (1999). New and Old Wars: Organized Violence in a Global Era. Polity Press. Kant, I. (2004). Per la pace perpetua. (R. Bordiga, Trad.) Milano: Feltrinelli. Ignatieff, M. (2003) Una ragionevole apologia dei diritti umani. trad. it. Sandro d’Alessandro, Milano: Feltrinelli. Montani, G. (2003, n.3). The Europian Union, global public goods and the post-hegemonic world order. The Europian Union Review , p. 35-63. Politkovskaja, A. (2009). Cecenia, il disonore russo. Roma: Fandango. Rousseau, J. J. (1997). Discorsi sulle scienze e sulle arti, sull'origine della disuguaglianza fra gli uomini. Milano: BUR. Zolo, D. (1998). I signori della pace, una critica del globalismo giuridico. Roma: Carocci. Migrazioni, Salute Amnesty International (2005), Italy, temporary stay-permanent rights: the treatment of foreign nationals detained in CPTAs. www.amnesty.org/en/library/info/EUR30/004/2005 Caritas/Migrantes. (2008). XVIII Rapporto sull'immigrazione. Roma: IDOS. Coslovi, L. (2007), Brevi note sull'immigrazione via mare in Italia e in Spagna, paper, gennaio: http://www.cespi.it/PDF/mig-mare.pdf Del Grande, G. (2007). Mamadou va a morire. Roma: Infinito. Human Rights Watch. (2009). Scacciati e schiacciati – L’Italia e il respingimento di migranti e richiedenti asilo, la Libia e il maltrattamento di migranti e richiedenti asilo. Washington, DC. Medici Senza Frontiere. (2004). Una stagione all’inferno, rapporto sulle condizioni degli immigrati impiegati in agricoltura nelle regioni del Sud Italia. Monzini, P. (2008). Il traffico di migranti in mare verso l’Italia. Sviluppi recenti (2004-2008). CeSPI, Working Paper n.43. Monzini, P., Pastore, F., Sciortino, G. (2004). Il traffico di migranti via mar”, in L’Italia promessa. Geopolitica e dinamiche organizzative del traffico di migranti verso l’Italia. CeSPI, Working Paper n. 9. Myers & Kent. (1995). Environmental Exodus: an Emergent Crisis in the Global Arena. Washington, DC: Climate Institute. Norwegian Refugge Council. (2007). Global Overview of trends and Developments in 2007. 37


www.internal-displacement.org. Osservatorio italiano sulla salute globale (2008). Salute globale e aiuti allo sviluppo. Diritti, ideologie, inganni. Pisa: ETS. Sassen, S. (1988). The mobility of labor and capital: a study in international investment and labor flow. Cambridge University Press. United Nations. (2008). World Migration 2008: Managing Labour Mobility in the Evolving Global Economy. Whitehead, M. (1990). The concepts and principles of equity and health. Copenhagen: WHO, Regional Office for Europe. World Bank. (2006). Economic Implications of Remittances and Migration. Washington, DC: Global Economic Prospect. Sviluppo sostenibile, Economia Etica-Consapevole-Sostenibile Baranes, A. (2009). Come depredare il Sud del mondo. Manuale per uscire dalla crisi sfruttando i paesi poveri. Terre di Mezzo. Bizzari, K. (2005). Beni pubblici globali, come gestire la globalizzazione nel 21° secolo. Campagna per la riforma della Banca Mondiale Gabanelli, M. (2009). Ecofollie, per uno sviluppo (in)sostenibile. Bologna: Rizzoli. Gavelli, F. (2004). La crisi di crescita. Le prospettive del commercio equo e solidale. Milano: Feltrinelli. Centro nuovo modello di sviluppo (2008). Guida al consumo critico. Bologna: EMI. Klein, N. (2007) No Logo, Baldini Castoldi Dalai. Nebbia, G. (1991). Lo sviluppo sostenibile. Firenze: Cultura della pace. Shiva, V. (2002) Il mondo sotto brevetto. Milano: Feltrinelli. Stiglitz, J. & Charlton, A. (2007). Commercio equo per tutti, come gli scambi possono favorire lo sviluppo. Garzanti. Tinacci Mossello, M. (2008). Politica dell’ambiente. Bologna: Il Mulino. Yunus, M. (2006) Il banchiere dei poveri. Milano: Feltrinelli.

Sitografia 15by2015 Amnesty International Campagna del Millennio Campagna per la riforma della Banca Mondiale BioDaVersity Code Diritto di asilo Fortress Europe Gapminder Human Rights Watch Medici Senza Frontiere www.medicisenzafrontiere.it Ministero affari Esteri (Italia) Ministero dell’Interno (Italia) Network Impronta Ecologica PeaceLink Telematica per la Pace Progetto Melting Pot Europa Rete Lilliput

www.15by2015.org www.amnesty.it www.millenniumcampaign.it www.crbm.org www.daversitycode.com www.dirittoasilo.it www.fortresseurope.blogspot.com www.gapminder.org www.hrw.org

www.esteri.it www.interno.it www.footprintnetwork.org www.peacelink.it www.meltingpot.org www.retelilliput.org

38


Terre di Mezzo World Mapper

www.terre.it www.worldmapper.org

Film, video, documentari Biadene, Segre, Yimer, Come un uomo sulla terra, Italia 2008. Danny Boyle, Slumdog Millionaire, Gran Bretagna, Francia, 2008. Saverio Costanzo, Private, Italia 2004. Fabrizio Gatti, La nuova ondata, Italia 2009, http://espresso.repubblica.it/dettaglio/la-nuovaondata/2076172/16. Davis Guggenheim, Una scomoda verità (An Inconvenient Truth), USA 2006. Ari Folman, Valzer con Banshir, Israele, Germania, Francia 2008. Roland Joffé, La città della gioia (City of Joy), Gran Bretagna 1992. Annie Leonard, The Story of Stuff, USA, www.storyofstuff.com Richard Linklater, Fast Food Nation, USA, Gran Bretagna 2006. Michael Moore, Sicko, USA 2006. Ermanno Olmi, Terra Madre, Italia 2009. Gillo Pontecorvo, La battaglia di Algeri, Italia, Algeria 1966. Danis Tanović, No Man’s Land, Bosnia Erzegovina 2001.

39


SECONDO MODULO