Issuu on Google+

ANNO 03 N째 004/2013 11 giugno 2013

POELELAMAGAZINE

VACANZE IN MOZAMBICO Spiagge incontaminate, terra di boa gente


POELELAMAGAZINE 11 giugno 2013

POELELAMAGAZINE

Foto di Nunzio De Nigris

INDICE 3

EDITORIALE: PARCO DELLA PACE

di Nunzio De Nigris

4

UTOPICO. POSSIBILE?

di Nunzio De Nigris

5

PERCORSI DI DEMOCRAZIA E DI SVILUPPO

8

GET GREAT EGRET TOUR ESTATE 2013

11

VIVA LA MULHER MOÇAMBICANA!

13

ANGOLA, MOZAMBICO STRASCICHI COLONIALI

15

COMIDA SECURA NA RUA

17

RINCARA L’AUTOSTRADA MAPUTO-S. AFRICA

18

LE RICETTE DI ARMINDA

19

MOZ...

21

IL TRENTINO IN MOZAMBICO

25

ERESIE AFRICANE AL FESTIVAL DELL’ECONOMIA

27

ASPETTANDO L’AEREO A MAPUTO...

30

LAVANDERIA INDUSTRIALE A MACHAVA

di Alessandro Cavaglià di Laura Giampaolo di Kurz di Alessandro Cavaglià di Stefano Bauducco di Nunzio De Nigris di Arminda di Stefano Bauducco di Barbara Zamboni di Fabio Pipinato di Stefano Bauducco di Nunzio De Nigris

2


POELELAMAGAZINE 11 giugno 2013

EDITORIALE: PARCO DELLA PACE

Hanno collaborato:

di Nunzio De Nigris

Stando a quanto rivela Live Science, sembrerebbe che i bracconieri abbiano ucciso tutti gli esemplari che vivevano nel Parco nazionale del Limpopo, una grande riserva naturale del Mozambico. Gli amministratori del parco hanno annunciato l'estinzione dei rinoceronti, avvenuta per colpa del commercio illegale dei corni, molto richiesti dai mercati cinesi e vietnamiti. Il problema più grande è che alcuni dei lavoratori del parco sono coinvolti nel bracconaggio, che sfrutta la corruzione come chiavistello per introdursi nei parchi e sterminare animali. E' in corso una polemica fra gli ecologisti a proposito della popolazione di pachidermi nel Kruger National Park in Sud Africa. "Sono troppi" e distruggono l'ambiente secondo l'ex direttore del parco Salomon Joubert. "Non sono troppi" e l'ambiente è in buona salute secondo l'ecologista Sam Ferreira. Nel 1994 si c o n t a v a n o c i rc a 8 0 0 0 e s e m p l a r i c h e aumentavano al ritmo del 6.5% all'anno, di quel passo sarebbero divenuti 24.500 entro il 2012. Invece il censimento dell'anno scorso ne ha contati 16.700, segno che la natalità è diminuita grazie a meccanismi naturali di controllo. Tutto il contrario di quanto avviene nel confinante Mozambico, dove gli elefanti e i rinoceronti stanno scomparendo a ritmi spaventosi. Nel 2011 una ricognizione nell’aerea della Riserva del Niassa ha contato 2667 carcasse di elefanti uccisi dai bracconieri per prelevarne le zanne da vendere ai mercati Orientali. Quando non ci saranno più elefanti e rinoceronti nel Mozambico, molto presto purtroppo, il timore è che la pressione dei bracconieri aumenterà nel Kruger. Recentemente il governo sudafricano ha deciso di impiegare nel pattugliamento anche le forze armate per un maggiore controllo. Sempre più urgente è la necessità di accelerare il progetto di parco Trasfrontaliero (Parco della Pace) tra Kruger N.P. in Sud Africa, Limpopo N.P. in Mozambico e Gonarezhou N.P. in Zimbabwe. E’ fondamentale creare una cultura eco-sostenibile che promuova un turismo consapevole e responsabile a sostegno dello sviluppo delle economie dei paesi interessati al progetto.

Alessandro Cavaglià, Amerigo Mavale, Arminda, Barbara Zamboni, Fabio Pipinato, Gianpaolo Rama, Isacco Rama, Kurz, Laura Giampaolo, Nunzio De Nigris, Sefano Bauducco

Foto di Nunzio De Nigris

Lagoa Poelela Magazine nasce dal desiderio di creare un ponte virtuale che colleghi il Mozambico all’Italia attraverso racconti, esperienze, notizie, curiosità. Ringraziamo gli amici che hanno collaborato alla realizzazione di questo numero. Ti invitiamo a condividere questo spazio con noi attraverso aneddoti, idee, riflessioni, fotografie o quanto vorrai inviarci ai nostri contatti

Per collaborare con POELELAMAGAZINE

nunzio@lagoapoelela.com laura@lagoapoelela.com

Solo l’unione e l’azione coesa tra i paesi africani permetteranno la conservazione e la salvaguardia dell’intero patrimonio ecologico di questo continente così meraviglioso.

3


POELELAMAGAZINE 11 giugno 2013

UTOPICO. POSSIBILE? di Nunzio De Nigris

Foto di Nunzio De Nigris [...] Questi fermenti pratici di utopia non sono fantasia, non sono in “nessun luogo”, ma sono tra noi. Ci sfidano a rimettere in discussione il primato del nostro benessere personale e immediato, restituendo così alla democrazia una risorsa che le è propria: la discussione pubblica sui fini e sugli orizzonti della nostra coesistenza. La terza edizione di Biennale Democrazia dedicherà una sezione speciale del suo programma all’Africa, “luogo simbolico” di una riflessione sullo sviluppo possibile. Insieme ai protagonisti della sua storia recente vogliamo comprendere i processi che hanno condotto il continente africano a trovare la strada della crescita economica, della democrazia e del pluralismo. Nel “risveglio

dell’Africa” troveremo patrimoni ideali cui attingere per la nostra riflessione. di Gustavo Zagrebelsky Presidente Biennale Democrazia A Torino si è tenuta la terza edizione della Biennale Democratica dal 10 al 14 aprile 2013  http://biennaledemocrazia.it/ Tra gli interessanti appuntamenti spicca quello di giovedì 11 aprile ore 18.00 Teatro Carignano: L’AFRICA DEL FUTURO, TRA DEMOCRAZIA E SVILUPPO

4


POELELAMAGAZINE 11 giugno 2013

Partecipano: Bienvenu Okiemy, Romano Prodi, Paolo Scaroni, Alberto Vaquina, Manuel Vicente Coordina Pietro Veronese L’ex presidente del Consiglio Romano Prodi, capo della Commissione Onu per l’Africa, ha incontrato il primo ministro del Mozambico, il vice presidente dell’Angola e il portavoce del Governo del Congo Grazie ai processi di democratizzazione, alla p ro g re s s i v a d i ff u s i o n e d e l pluralismo e a una costante crescita   economica – con un tasso medio di aumento del PIL intorno al 6% – l’Africa è destinata a diventare uno dei protagonisti del mondo di domani. Dalle autorevoli voci della sua storia recente le esperienze di un continente che combatte e vince le sue sfide e si trasforma così in soggetto attivo nel processo di evoluzione attualmente in corso.

Il programma completo  http:// biennaledemocrazia.it/ opuscolo.pdf

Africa: Zagrebelsky, i percorsi della democrazia e dello sviluppo di Alessandro Cavaglià

La terza edizione di Biennale Democrazia di Torino ha dedicato una sezione speciale del suo programma all’Africa  “Luogo  simbolico - afferma il presidente della manifestazione, Gustavo Zagrebelsky - di una riflessione sullo sviluppo possibile. Insieme ai protagonisti della sua storia recente - dice ancora il presidente emerito della Corte costituzionale - vogliamo comprendere i processi che hanno condotto il Continente africano a trovare la strada della crescita economica, della democrazia e del pluralismo. Nel risveglio dell’Africa troveremo patrimoni ideali cui attingere per la nostra riflessione”. Nel capoluogo piemontese per il confronto di giovedì sera su “L’Africa del futuro, tra democrazia e sviluppo” ci saranno il vice-presidente dell’Angola,  Manuel Vicente; il premier del Mozambico,  Alberto Vaquina; e il ministro delle Comunicazioni della Repubblica del Congo, Bienvenu Okiemy.  DEMOCRAZIA E PARTECIPAZIONE - E’ esplicito il ministro degli Esteri di Luanda, Georges Chikoti, nell’evidenziare il rilievo della presenza di Vicente a Torino e il riconoscimento che la democrazia in Angola è una realtà: “Abbiamo un Parlamento democratico e tutti i segnali che vengono dal coinvolgimento e dalla partecipazione della società civile e dei partiti politici agli eventi fondamentali della nostra nazione sono indicatori precisi di maturità democratica, che ci hanno guadagnato il riconoscimento della comunità internazionale”. Significativo riconoscimento per chi in Italia ha sempre sostenuto le lotte dei popoli dell’Africa australe è l’appuntamento che il primo

Foto di Nunzio De Nigris

5


POELELAMAGAZINE 11 giugno 2013 Foto di Nunzio De Nigris

ministro Vaquina avrà a Reggio Emilia, città che ha un rapporto storico con il Mozambico e il Frelimo, grazie all’opera di un grande militante internazionalista, Giuseppe Soncini.  TEATRO VALLI - Una relazione peculiare di solidarietà e di cooperazione, prima nei riguardi di un popolo in lotta per l’indipendenza, poi diventata collaborazione e impegno solidaristico per un popolo deciso a uscire dalla guerra civile e dalla povertà.

Foto di Nunzio De Nigris

Soncini, vedova di Giuseppe, e Olga Fornaciari,  la prima Conferenza di solidarietà a cui furono presenti Samora Machel, Armando Guebuza e Josè Oscar Monteiro. Giuseppe Soncini (1926-1991) iscritto al Pci fin dal 1944, fu responsabile del Comitato di fabbrica delle Officine Meccaniche Reggiane negli anni ’50 e poi presidente dell’Arcispedale Santa Maria Nuova, dove organizzò i primi interventi di assistenza sanitaria con i popoli africani e quindi assessore del Comune di Reggio Emilia, avviando numerosi progetti di sensibilizzazione, cooperazione decentrata e relazioni internazionali per l’affermazione dei diritti di autodeterminazione dei popoli. 

Nel 1973 la lotta per l’indipendenza e contro il colonialismo di tutti i popoli dell’Africa australe trova in Reggio Emilia un punto di riferimento in Italia e in Europa. Si tenne al teatro Valli, dove Vaquina abbraccerà due donne simbolo Bruna

6


POELELAMAGAZINE 11 giugno 2013

SUCCESSO DOPO GLI ATTACCHI - Dante Bigliardi, partigiano, dirigente sindacale e della sinistra reggiana, scomparso all’inizio del 2010, parlava così del compagno di lotta: “lo ricordo in Sicilia ad allestire il primo Festival meridionale de L’Unità e poi a festeggiare con Palmiro Togliatti la vittoria contro la ‘legge truffa’. Quando divenne assessore, nella giunta del sindaco Benassi, fu soprattutto fiero del lavoro a favore dei popoli dell’Africa e della grande battaglia per la liberazione dal colonialismo, in particolare nel Mozambico. I violenti attacchi che subì non riuscirono ad indebolire il suo lavoro e, alla fine, ottenne il giusto riconoscimento quando una delegazione composta da alte autorità di vari stati africani venne a Reggio per rendergli omaggio”.

Ascolta il testo integrale dell’intervento di Romano Prodi, capo della Commissione Onu per l’Africa

Per ascolta il testo integrale dell’intero intervento del Primo Ministro del Mozambico Alberto Vaquina

Per ascolta il testo integrale dell’intero intervento del Presidente dell’ENI Giuseppe Recchi

Foto di Nunzio De Nigris

7


POELELAMAGAZINE 11 giugno 2013

GET - Great Egret Tour Estate 2013 di Laura Giampaolo

Trecentocinquanta chilometri a nord di Maputo, vicino alla città di Inhambane, tra distese piantagioni di palme da cocco, si incontra il Lagoa Poelela Resort 4 stelle. Questo nuovo complesso turistico sorge sulle rive orientali del Lago Poelela, da cui prende il nome, a soli 10 minuti dall’Oceano Indiano. Offre sistemazioni in chalet sulla spiaggia da 2 e 4 posti letto con bagno privato in ogni camera, acqua calda e corrente elettrica. Ogni letto è dotato di zanzariera. Gli chalets, costruiti con materiali indigeni, nel rispetto della natura circostante, sono spaziosi e confortevoli. Tutte le camere hanno arredi e finiture di pregio, le decorazioni tipicamente africane evocano i colori caldi della terra a complemento dell’idilliaco scenario della spiaggia bianca e delle acque turchesi del lago. Ampie vetrate scorrevoli danno accesso ad un grazioso terrazzino prospiciente la laguna. Gli chalet quattro posti sono composti da soggiorno living e cucina accessoriata con frigorifero, congelatore a gas, cucina e forno a gas, stoviglie e acqua potabile. Le camere da letto sono due, una matrimoniale e l’altra doppia, entrambe con bagno privato. Gli chalet due posti sono composti da una spaziosa camera matrimoniale e un bagno. Sulla spiaggia davanti ad ogni unità c’è un’area attrezzata per il fuoco ed il barbecue. Il lago Poelela offre diverse attività acquatiche: nuoto, pesca con la lenza, kayaking birdwatching o romantiche crociere al tramonto. La grande varietà di farfalle e uccelli rende questo luogo un paradiso per gli amanti del birdwatching. Poiché buona parte del Mozambico è ancora territorio non mappato, potreste essere scopritori di una specie non ancora registrata! Non è raro contemplare il tramonto in compagnia della Ghiandaia dal petto lilla e del Martin Pescatore.

1 giorno Maputo

refresco in un’atmosfera conviviale. Pernottamento a Maputo presso  Arrivo all’Aeroporto Internazionale di Guest House o in altro hotel di pari Maputo e trasferimento in hotel. Se la categoria. stanchezza del viaggio lo permette, breve tour della città; d’obbligo una 3 giorno Maputo sosta per la cena in uno dei Una giornata camminiamo per le caratteristici ristoranti dell’Avenida esotiche Avenide della capitale tra i Marginal per gustare ottimi piatti di palazzi coloniali ed i vivaci mercati, pesce della tradizione mozambicana: attraversiamo piazze estese e chiese Garoupa, Amejoas, Camarao e Lulas solenni. Praça de Independencia con grelhado il Conselho Municipal (Municipio) e la Pernottamento a Maputo presso Catedral de Nossa Senhora da Guest House o in altro hotel di pari Conceiçao,  la “Fortaleza” l’antico categoria. forte con l’animato mercato artigianale del sabato, il Centro Cultural Franco-Moçambicano, centro nevralgico dell’arte e della cultura cittadina, l’imponente Casa de Ferro, la stazione ferroviaria progettata da Eiffel come residenza del governatore. Pernottamento a Maputo presso  Guest House o in altro hotel di pari categoria.

2 giorno Maputo Una giornata speciale immersi nell’autentica cultura locale. Con il supporto dell’associazione Muteko cominciamo la giornata con il laboratorio di batik in cui apprendere l’antica tecnica per disegnare e colorare i tessuti, con un po’ di fantasia e manualità realizziamo noi stessi un originale batik da riportare in Italia come souvenir. E’ l’ora del pranzo! Accompagnati da una guida locale ci rechiamo al mercato del barrio dove acquistare ciò che serve per un pasto tradizionale che lo staff di Muteko preparerà per noi. Dopo pranzo ed una breve visita all’atelier dei batik, saremo ospiti di una famiglia mozambicana che apre le porte di casa per raccontarci la propria storia sorseggiando un

4 giorno Lagoa Poelela Tappa di trasferimento in auto 400 km, durata prevista del viaggio 6/7 ore circa comprese le soste. Ci si allontana dall’eccitazione della caotica capitale per raggiungere il Lagoa Poelela, durante il percorso incontriamo piccole città e villaggi dai colorati mercati, caratteristico quello di Macia. Suggestivi paesaggi ci regalano panorami mozzafiato come

8


POELELAMAGAZINE 11 giugno 2013

quello di Quissico. La calda accoglienza del popolo mozambicano ed il sorriso della gente ci danno il benvenuto in Africa e ci accompagnano per tutto il viaggio. Cena al tramonto sulle rive del lago. Pernottamento al Lagoa Poelela Resort

5 giorno Vilankulos

7 giorno Tofo e Barra

9 giorno Lagoa Poelela

Tappa di trasferimento, 300 km da percorrere, durata prevista del viaggio 5 ore e mezzo circa comprese le soste. Dopo un’abbondante colazione si parte per Tofo, sosta a Morrungulo, piacevole villaggio immerso nelle piantagioni di palme da cocco in una tratto di costa particolarmente bello e suggestivo. Ci si può ristorare con una fermata alla padaria del villaggio dove la tradizione del pane, eredità del colonialismo portoghese, si tramanda di generazione in generazione. Pernottamento in Guest House o in altro hotel di pari categoria.

Tappa di trasferimento, 120 km da percorrere. Durante il viaggio sosta ad Inhambane, una delle città più esotiche ed affascinanti del Mozambico, affacciata sull’incantevole baia. Pernottamento al Lagoa Poelela Resort.

Tappa di trasferimento, 300 km da percorrere, durata prevista del viaggio 4 ore e mezzo circa comprese le soste. Dopo un’abbondante colazione si parte alla volta di Vilankulos, porta d’accesso per l’Arcipelago di Bazaruto. Pernottamento a Vilankulos presso 8 giorno Tofo e Barra Guest House o in altro hotel di pari Ocean safari alla ricerca delle categoria. megattere e dello squalo balena, il più grande mammifero vivente, inoffensivo per l’uomo. Una nuotata 6 giorno Vilankulos Dhow Safari all’isola di Magaruque, al fianco del gigante buono degli Arcipelago di Bazaruto. Dopo la oceani rappresenta un’esperienza colazione ci imbarchiamo dalla unica ed indimenticabile. spiaggia di Vilankulos sul “dhow” la Pernottamento in Guest House o in tipica imbarcazione a vela e a motore altro hotel di pari categoria. dei pescatori locali, per raggiungere una delle incantevoli isole dell’arcipelago dove ci si potrà rilassare sulle spiagge bianchissime lambite dal mare cristallino o fare snorkeling sulla barriera corallina tra un’infinità di pesci colorati. Con un po’ di fortuna potremmo incontrare il timido Dugongo! Pernottamento a Vilankulos presso Guest House o in altro hotel di pari categoria.

10, 11, 12 e 13 giorno Lagoa Poelela Lontano dal turismo e dai circuiti più battuti, ci si immerge nella quiete del lago dove il sole africano scandisce i ritmi lenti ed assonnati. La spiaggia finissima, il colore intenso del lago, le immense piantagioni di palme da cocco in cui trovano rifugio centinaia di specie di uccelli, conducono lontano dalla frenesia dei ritmi occidentali. E poi al tramonto ci si prepara per l’incredibile spettacolo del sole che si getta nel lago. Possibilità di organizzare alcune delle attività proposte dal Lagoa Poelela Resort: diving, ocean safari, horse riding, pesca con la lenza, kayaking, birdwatching o romantiche crociere al

9


POELELAMAGAZINE 11 giugno 2013

tramonto. Pernottamenti con trattamento mezza pensione al Lagoa Poelela Resort.

14 giorno Maputo Tappa di trasferimento, 400 km da percorrere, durata prevista del viaggio 7 ore circa comprese le soste. Si lascia il lago alla volta della capitale, durante il percorso attraversiamo piccole città e villaggi affaccendati e vivaci. I profumi, la curiosità, l’allegria, i sorrisi, la semplicità e l’ospitalità della popolazione locale, rimangono per sempre nel cuore del viaggiatore. Pernottamento a Maputo presso  Guest House o in altro hotel di pari categoria..

Date di Partenza: dal 26 luglio 2013 dal 10 agosto 2013 dal 28 agosto 2013

15 giorno Maputo Trasferimento all’Aeroporto Internazionale di Maputo per il rientro in Italia.

Contattaci: nunzio@lagoapoelela.com laura@lagoapoelela.com

Foto di Nunzio De Nigris

10


POELELAMAGAZINE 11 giugno 2013

Viva a mulher moçambicana! di Kurz

Il 7 aprile è la festa della donna in Mozambico. Questa data commemora la morte di Josina Machel, moglie del primo presidente Samora Machel, uccisa nel 1971 durante la lotta armata per l’indipendenza. Josina è diventata la figura-simobolo delle donne mozambicane chiamate a “lottare” per la vita. Oggi è un giorno speciale, per le strade si sentono musica e canti batuque; è bello vedere così tante donne cantare, danzare o chiacchierare avvolte nelle vivaci capulane dai mille colori tra le quali spunta quella col ritratto della loro eroina. Oggi è la loro festa e sono orgogliose di essere mulheres, oggi possono abbandonare le fatiche quotidiane e dimenticare per qualche ora problemi e sacrifici. Si sono date appuntamento nelle

varie città per marciare verso le piazze degli eroi e deporre corone di fiori in memoria di Josina, la loro eroina. Ogni volto racconta una storia, nasconde una vita faticosa, rivendica una lotta, ma dove comincia questa lotta? Vi è un impegno sempre maggiore da parte delle famiglie nel mandare le figlie femmine a scuola, affinché non rimanga un privilegio esclusivo dei maschi. L’istruzione e la conoscenza sono strumenti necessari per vivere la vita con dignità, per fare scelte consapevoli, per essere indipendenti, per realizzare i propri sogni. Le donne possono fare progetti per il loro futuro, possono ricoprire ruoli importanti e di responsabilità, possono essere ministre, deputate, insegnanti o dottoresse. La mulher è il nucleo della

11


POELELAMAGAZINE 11 giugno 2013

Foto di Nunzio De Nigris

famiglia mozambicana, come in molte altre società africane: alleva i figli, lavora nei campi, cucina, raccoglie la legna per il fuoco e l’acqua, percorrendo a piedi ogni giorno decine e decine di chilometri. La sfida più ambita è il giusto riconoscimento del lavoro quotidiano delle donne. Lavorano senza orari, sottopagate e spesso sfruttate, senza diritto alle ferie né alla malattia o alla maternità. Altro grande obiettivo è la regolamentazione dei prezzi di mercato, attualmente vengono fissati dai commercianti senza regole precise da

Foto di Nunzio De Nigris

seguire, soprattutto nei villaggi più lontani dove le vie di comunicazione, poche e spesso inagibili, sono il pretesto per abbattere ulteriormente i prezzi. Unite dalla solidarietà queste donne lottano senza armi, non vogliono uccidere nessuno ma manifestare contro la violenza domestica, la povertà, l’analfabetismo e la mancanza di lavoro, certe che l’unica via di emancipazione per i lori figli sia l’istruzione. Sfilano per le strade sorridenti e piene di speranza mentre cantano “viva a mulher mocambicana!”

Foto di Nunzio De Nigris

12


POELELAMAGAZINE 11 giugno 2013

Angola, Mozambico e quelle scorie dell’epoca coloniale di Alessandro Cavaglià

Alla vigilia del 39esimo anniversario della ‘Rivoluzione dei garofani’ del 25 aprile 1974 in Portogallo, che innescò la fine dell’impero coloniale portoghese, da un lato nuovi documenti sulla crudeltà della repressione della lotta indipendentista del Frelimo in Mozambico e dall’altro la condanna da parte di un tribunale di Lisbona nei confronti di Maria Eugénia Neto, vedova di Agostino, leader del Mpla e primo Presidente dell’Angola, riportano a galla le scorie di un’epoca.  In Mozambico torture ed esecuzioni furono perpetrate fino agli ultimi giorni del dominio coloniale del Portogallo. La tragica realtà della prigione di Machava, alla periferia di Maputo, allora chiamata Lourenço Marques, gestita dalla Pide/Dgs, la crudele polizia politica dei regimi di António de Oliveira Salazar e di Marcelo Caetano, emerge dai documenti della Croce Rossa portati alla luce da un’inchiesta del settimanale portoghese ‘Expresso’.    TORTURE - Nell’aprile 1973 un missionario protestante svizzero, Marcel Vonnez, stilò una relazione in cui documentava violenze e torture, compresa la drammatica morte del pastore Zedequias Manganhela, capo della Chiesa presbiteriana in Mozambico, mentre in un documento della Croce Rossa tra l’altro si segnalano le dichiarazioni di “45 prigionieri”,  che affermavano  “di essere stati sottoposti a tortura durante gli interrogatori. 32 di loro portano evidenti segni di sevizie”. Altri documenti parlano dell’impegno comune di polizia politica, governatore del Mozambico e ministero delle Colonie di Lisbona per impedire la visita di emissari della Croce Rossa nella zona di W iriamu, dove i commandos portoghesi avevano compiuto un terribile massacro. 

Maria Eugénia Neto DIFFAMAZIONE - Quanto alla vicenda di Maria Eugénia Neto, condannata per diffamazione nei confronti di una scrittrice portoghese, si può partire dalle severe parole di un editoriale dell’autorevole ‘Jornal de Angola’: “All’epoca, il tribunale del regime fascista non riuscì a portarla alla sbarra, poiché fu capace di sfuggire alle loro grinfie. Ma nel Portogallo di oggi, dominato dalla crisi finanziaria, da élite corrotte e dalla perdita dei valori, è stata sottoposta a giudizio e condannata!”, un tribunale portoghese  “finalmente”  è riuscito per interposta persona - “a giudicare Agostinho Neto e i suoi compagni di lotta. Povera giustizia portoghese”.    L’accusa in oggetto era legata allo sferzante giudizio che la signora Neto aveva pronunciato su di un libro che ripercorreva un passaggio della storia del Mpla, quello dello scontro tra lo

13


POELELAMAGAZINE 11 giugno 2013

stesso Neto e la fazione guidata da Nito Alves, che tentò un fallito golpe. Una vicenda drammatica e intensa, che andava a inserirsi nella guerra in corso contro l’aggressione da parte del Sudafrica dell’apartheid e dell’Unità, il tutto negli anni ad alta tensione della “guerra fredda”, raccontata, segnala il “Jornal de Angola” in modo da essere soltanto  “un insulto alla memoria di Neto”, a cui la vedova ha reagito con tutta la sua passione.    Una condanna a  Maria Eugénia Neto  per aver espresso la propria critica, che fa a pugni con la recente decisione di un altro giudice portoghese, che ha archiviato la querela per diffamazione presentata da alcuni alti ufficiali angolani nei confronti di un giornalista, che li accusava di essere degli “assassini e torturatori”. In questo caso la magistratura portoghese, sottolinea ancora il “Jornal de Angola”, ha stabilito di difendere la libertà di espressione: “lo stesso diritto esercitato da Maria Eugénia Neto, per la quale però la stessa libertà non è stata tutelata. Due pesi, due misure”.

colonie del Portogallo in Africa

14


POELELAMAGAZINE 11 giugno 2013

Comida segura na rua di Stefano Bauducco. Presidente SOLE onlus

www.soleonlus.org , info@soleonlus.org Potrei partire dall’ultimo incontro per tentare di spiegare cosa si prova a esserci, condividere il loro quotidiano, i problemi e i sogni. E da questa posizione cercare insieme una risposta ai loro bisogni. Essere lievito, le idee e i progetti ci sono, sono lì come l’acqua e la farina, basta solo un po’ di lievito un po’ di incoraggiamento perché la pasta si trasformi in una bella pagnotta. Sono gesti e sguardi che rimangono, come Lucia che sale in macchina insieme alla sua amica Maria. Mi stringe la mano a cui mancano le dita, poi, sistema l’immancabile sacchetto di nylon ai suoi piedi. Tira fuori un piccolo contenitore di plastica lo apre, all’interno c’è un po’ di insalata con poche fette di pomodoro e cipolla, con l’altra mano prende il pane. Sono le sei e trenta e mi offre la sua colazione.

Mentre me la porge appoggia la mano sinistra su quella destra in un gesto di gentilezza e rispetto. Questo atto così semplice e carico di significato mi dà una grande gioia e un profondo senso di condivisione. Spezzo il pane, lo apro, metto dentro un po’ d’insalata e mangio. Lucia si scusa perché non è riuscita a mangiare a casa e in questo clima intimo inizia a raccontare la sua storia. E’ sveglia dalle 4,30, ha preparato il cibo che oggi andrà a vendere in piazza. Lucia ha quattro figli è sola e non può mandarli a scuola, vive in una baracca nel

bairro di Hulene dove l’aria è ammorbata dai fumi della grande discarica e le strade di terra si trasformano in torrenti nel periodo delle piogge. Lucia non riesce ad avere due euro e cinquanta centesimi, 2,50 euro per comprare due contenitori di plastica per alimenti. Lucia fa parte di quel miliardo di persone che secondo il Fondo Monetario Internazionale non contano nulla dal punto di vista economico, non muovono denaro, non hanno un conto in banca. Ma Lucia è una persona e lì in carne ed ossa, condivido con lei la sua colazione. Parla in shangana, racconta delle difficoltà del suo lavoro, la polizia che sequestra le poche cose, durante le piogge non sa dove mettere i contenitori perché la strada è allagata, i prezzi aumentati, la fatica nel cucinare in ambienti non idonei. E poi la grande gioia di oggi, con la sua amica Maria stiamo andando a comprare venti contenitori per alimenti per le donne del suo gruppo. Questo è il primo passo del p ro g e t t o p e n s a t o i n s i e m e a M a v a l e , associazione Prodes, e alla donna leader del gruppo Marilinka. Sono dieci donne che ogni giorno vendono la loro comida nella piazza della fiera alla Baixa di Maputo. Non hanno nulla, arrivano, collocano i bidoncini sull’asfalto a lato un contenitore qualsiasi contiene il caril, il contorno, che può essere carne pesce o pollo. Sopra i coperchi, i piatti impilati e i cucchiai. Quando arriva un cliente si chinano, aprono prima il bidoncino del riso, prendono il mestolo e formano una grande porzione nel piatto. Poi, passano al caril, aprono il barattolo e con lo stesso mestolo lo versano sul riso. Tutto rigorosamente sul marciapiede, con la difficoltà di reperire l’acqua, usano un bidone dove immergono i piatti e i cucchiai per lavarli. Davanti a loro c’è la piazza. Il sabato si anima per la fiera dell’artigianato e allora diventa un microcosmo interessante. Ci sono i turisti, bianchi con i loro cappelli, gli zaini grandi, le

15


POELELAMAGAZINE 11 giugno 2013

macchine fotografiche appese al collo pronti a rubare uno sguardo, un volto. Hanno una gran voglia di fare l’affare. Iniziano un tira e molla sul prezzo di una statuetta o una borsa che va avanti per delle mezze ore. Tentano di abbassare il prezzo dell’oggetto, frutto dell’inventiva e dell’ingegno, di uno o due euro. Poi soddisfatti dell’affare vanno verso il parcheggio. Ci sono gli artisti e i venditori dell’artigianato. Su un lato della piazza i batik, espressione artistica di Maputo, appesi alle corde con i loro colori e forme. Tutt’intorno è un fiorire di oggetti sistemati sulle stuoie: statue, jambè, capulane, borse …. Gli artisti sono la “ classe media “ della piazza. Se vendono nella mattinata possono permettersi il piatto ben confezionato con le posate di plastica che l’associazione Prodes prepara ogni sabato. Attorno alla piazza che ribolle di colori e voci ci sono i ragazzi che lavano le auto. Un secchio con un po’ d’acqua e detersivo, uno straccio bagnato, e sorprendentemente rendono l’auto pulita e lucente come fosse appena uscita da un autolavaggio. Passano tutto il giorno chinati tra le ruote e la carrozzeria, il costo di un lavaggio va dai 0,50 ad 1 euro sono tanti e la concorrenza è molta. Sono loro i clienti di Lucia, Maria e delle altre donne. Quando arriviamo davanti al magazzino della plastica Maria e Lucia incominciano a discutere sulla forma e sui colori dei contenitori. Sono molto contente. Compriamo i venti contenitori più una cassa di plastica per Julia che vende le bibite. Usciamo vedendo la loro felicità mi rendo conto che basta veramente poco per iniziare a dare speranza e a migliorare la vita delle persone. Abbiamo investito sessanta euro per iniziare questo progetto! I prossimi passi vedranno l’acquisto di undici tavoli e ombrelloni e contenitori per l’acqua. Insieme a loro

abbiamo concordato un mini corso di igiene alimentare con relativo attestato. L’idea originale era di fare prima il corso ma viste le condizioni di disagio abbiamo pensato di intervenire subito con un gesto concreto per migliorare la situazione. Nel gruppo si è così creata una fiducia reciproca. Molto spesso qui e in altre parti dell’Africa i gruppi le associazioni locali vengono sommerse di promesse, parole che poi non si concretizzano. Questo genera diffidenza e recuperare non è facile. Mi rimane il sorriso radioso su visi solcati da rughe della dura vita di queste donne, la volontà di migliorarsi, l’entusiasmo di Mavale nel proporre progetti di solidarietà per migliorare la vita di altre persone. Ecco cosa rimane, la voglia di credere che ognuno di noi può pensare un po’ di più agli altri. La solidarietà e disponibilità toccata con mano lì, me la porto dentro. E’ questa la cosa più importante, l’aver intessuto relazioni e appreso grandi insegnamenti.

Dona il 5x1000 all’associazione SOLE onlus Firma il riquadro delle associazioni di volontariato e riporta il nostro CF

95574450011 Non costa nulla al contribuente e non sostituisce l’8x1000. Ogni €uro ricevuto viene investito nei nostri progetti di solidarietà! Per saperne di più: www.soleonlus.org

16


MODAMENSILMENTE 04 novembre 2012

Rincara l’autostrada Mozambico - Sud Africa di Nunzio De Nigris

La TRAC, società che gestisce l'autostrada Maputo-Sud Africa, ha aumentato i pedaggi dei due caselli alle porte del Mozambico molto più del tasso di inflazione. L'aumento dei pedaggi varia dall’8% al 28%, anche se il tasso di inflazione del Mozambico nel 2012 era solo 2,02%. I nuovi pedaggi sono entrati in vigore il 1° aprile 2013. L'ultimo aumento dei pedaggi risale al 1° marzo dello scorso anno. Al casello Maputo, all'inizio dell'autostrada, il pedaggio per i veicoli leggeri e moto sale a 25 meticais, con un incremento del 25 per cento (a cambio corrente, servono 30,1 meticais per un dollaro USA) . Ci sono altre quattro diverse tariffe, a seconda delle dimensioni del veicolo. Per i

veicoli più pesanti, con cinque o più assi, il pedaggio sale a 250 meticais, che è anche il 25%.

cento di sconto. Ciò si traduce con un prezzo del pedaggio al casello di Maputo di 15 meticais.

C'è sempre stato molto malcontento per la localizzazione di questo casello, visto che i n t e r e s s a t u t t o i l t r a f fi c o pendolare tra Maputo e la vicina città di Matola. Diventa così una tassa giornaliera che interessa i pendolari che vivono e lavorano tra Maputo e Matola.

In base al contratto tra TRAC e il governo del Mozambico, i prezzi dei pedaggi vengono revisionati annualmente. Gli aumenti sono giustificati a causa di fluttuazioni dei tassi di cambio (ma di recente il metical ha avuto un apprezzamento nei confronti del rand sudafricano), o per la necessità della TRAC di rimborsare i prestiti bancari ricevuti per costruire l'autostrada.

Al secondo casello, nel quartiere di Moamba, i veicoli leggeri devono pagare ora 135 meticais con un aumento dell’8%. Il pedaggio per gli autocarri pesanti aumenta da 780 a 1.000 meticais (+28%). Sconti per il trasporto pubblico. Tutti gli autobus registrati e i minibus-taxi (noti come "Chapas") riceveranno il 40 per

Molti utenti della strada lamentano che TRAC non fa significativi investimenti per la gestione la manutenzione dell'autostrada sul versante mozambicano, in contrasto con il versante Sud Africano, dove la strada è in condizioni notevolmente migliori.

IL MOZAMBICO paese ricco di colori e suggestioni

Programmi di viaggio 2013

www.lagoapoelela.com 17


POELELAMAGAZINE 11 giugno 2013

Le Ricette di Arminda Questa rubrica propone le ricette mozambicane preparate da Arminda la cuoca del Sunset Restaurant, Lagoa Poelela Resort.

Pesce al Cocco

Si soffriggono per 5 minuti a fuoco lento. Nel frattempo si taglia il pesce a fette e si

Piatto di pesce

dispone  nella padella ricoperto con il latte dei due cocchi. Si lascia sobbollire lentamente per 15 minuti rimestando piano le fette per non romperle.

Questo piatto é tipico della provincia di Inhambane. Il pesce che si utilizza per questa ricetta è il Serra, che si trova in abbondanza in questo tratto di mare. Il cocco è parte integrante della cucina, del paesaggio con le alte palme della provincia. È il piatto che compare sulle tavole quotidianamente, non poteva non essere tra le specialità di Arminda.

Ingredienti per 4- 6 persone

Servire con riso bianco bollito.

Preparazione del latte di cocco: grattugiate la noce di cocco dopo aver tolto la scorza scura legnosa e impastatela con un litro e mezzo di acqua tiepida aggiunta poco a poco. Strizzate la polpa di cocco e filtrate il liquido così ottenuto attraverso un setaccio. In Italia si può sostituire il cocco fresco con quello in latta scolando la polpa. Può anche essere utilizzato per la preparazione di ottime torte.

2 kg di pesce Serra 2 cocchi 3 pomodori 2 cipolle sale q.b.

Preparazione Si mettono pomodori e cipolle in una padella con 2  cucchiai di olio e sale.

18


POELELAMAGAZINE 11 giugno 2013

MOZ... di Stefano Bauducco

I mesi trascorrono veloci tra il lavoro e i pensieri. Il ricordo del Mozambico vive attraverso i racconti ai nostri amici. Ogni volta sembra di essere più vicini di sentire sulla pelle e nel cuore le parole, i volti delle persone che abbiamo lasciato laggiù. Il mal d’Africa si sta impossessando di noi, lentamente entra nel cuore, nella pancia e nella testa. Si è pieni di questa malinconia per la luce, i paesaggi assolati e le persone che vi abitano. Quando me ne parlavano mi sembrava esagerato, una esaltazione, ora tutto appare vero. Dicono che l’Oriente ti colpisca alla testa per il misticismo, che l’ America Latina ti rimanga dentro per i colori e la musica. L’Africa, almeno come l’ho vissuta io, ti assorbe, ti colpisce allo stomaco. Un attimo prima è dolce, calda e protettiva come un abbraccio materno, un attimo dopo si trasforma in una strega, pronta a strapparti un moto di rabbia quasi feroce. Tutto in un battere di ciglia, tutto in un sorriso di un bambino. Le sensazioni che condivido con Paola sono queste. Come si fa quando sei colpito da una malattia, ne parli per esorcizzarla, per digerire quella grande quantità di emozioni. Ne parliamo in famiglia, con gli amici e notiamo le reazioni più strane. Davanti ad una fotografia e alle parole si può scappare dalla paura, dal senso di impotenza. Oppure si rimane, ad ascoltare il nostro essere più profondo, la nostra umanità. Ecco allora alcune persone che ci contattano per sapere di più, per aiutarci. Presi da questo attivismo e dalla “nuova malattia” pensiamo ad un ritorno a Pemba nel mese di agosto. Da quel momento il tempo trascorre veloce. E’ già ora di ripartire! Siamo di nuovo sull’aereo con destinazione Pemba. In valigia, qualche maglietta e tanti indumenti per bambini. Quando gli amici hanno saputo della nostra partenza si sono prodigati nel portarci vestiti. Tanto altro riempie le valige: l’amicizia con nuove persone e il nostro amore verso quella terra cosi lontana! Ci sembra di non essere mai partiti. Ora la strada è famigliare. Usciamo dall’aeroporto e siamo inondati dalla luce, il sole è sullo zenit, l’aria è calda ma una leggera brezza la mitiga. Non c’è l’umidità opprimente di gennaio. Il cielo è terso di color azzurro acquamarina, all’orizzonte non ci sono nuvole pronte a scaricare l’acqua. E’ la stagione secca,

19


POELELAMAGAZINE 11 giugno 2013

l’inverno di qua. Saliamo sul pick up e mentre la velocità ci fa lacrimare gli occhi veniamo colpiti da un profumo che sa di miele e vaniglia, le mie narici lo riconoscono come famigliare, come qualcosa che mi mancava già da tempo. Passiamo nella stretta stradina in terra, piena di buche, che ci porta a casa di una nostra amica. Osservo i semplici banchetti, quella donna, quel ragazzo nulla è cambiato da gennaio. Ci sistemiamo nella stanzetta che ora sentiamo un po’ nostra. I giorni passano, seguendo il ritmo di questo piccolo mondo, cerchiamo di renderci utili nelle varie occasioni. Sistemare l’armadietto delle medicine, traducendo i bugiardini, preparare il pranzo e fare le commissioni. Un giorno, durante la siesta pomeridiana, arriva Padre Luiz. Quando entra nel cortile tutti i bambini gli corrono incontro ridendo, lui si lascia sommergere da quell’ondata di gioia. E’ una persona magnetica. Di media statura, una barba incolta incornicia il viso, gli occhi profondi si nascondono dietro le lenti da vista. Indossa jeans, stivaletti e una camicia a quadretti. Riesce a liberarsi dall’affetto dei bambini e saluta la nostra ospite. Poi si

accorge della nostra presenza e rivolgendosi a Laura: “ah! Sono loro i due bianchi che vedevo in giro a piedi per Pemba! Finalmente li conosco!”. La frase detta in portoghese con l’accento brasiliano e in maniera teatrale scatena una grande risata. Dopo l’allegra presentazione inizia a raccontarci cosa fa qui a Pemba. Parla lentamente così, nonostante il nostro pessimo portoghese, riusciamo a capire. Fin dall’inizio rimaniamo affascinati da quest’uomo, dal suo modo di porsi con noi e dalla sua umanità. E’ a Pemba da un anno per comprendere i problemi e le necessità prima di recarsi ad aprire la nuova missione di Metoro. Ha trascorso questo periodo ad incontrare i giovani nelle scuole, gli ammalati, i carcerati per capire la realtà. Un anno in ascolto delle persone. Trascorriamo l’intero pomeriggio con lui tra domande e risposte. Prima di andare via mi chiede se posso aiutarlo per il trasloco nella missione di Metoro l’indomani mattina. Non aspettavo altro! Stefano  Bauducco Presidente  SOLE  onlus www.soleonlus.org  ,  info@soleonlus.org

20


POELELAMAGAZINE 11 giugno 2013

- CAMMINANDO INSIEME TESTIMONIANZE DAI PROGETTI DI SVILUPPO E COOPERAZIONE TRA ITALIA E MOZAMBICO Con questo articolo inauguriamo una rubrica dedicata alla presentazione delle iniziative di cooperazione tra Italia e Mozambico e alle relazioni solidali tra i due paesi. Sono decine le organizzazioni che operano coinvolgendo volontari e professionisti in progetti di sviluppo dal nord al sud del Mozambico, progetti diversi per ambito, dimensioni, caratteristiche, ma tutti accomunati dal desiderio di impegnarsi in un paese giovane ed ancora fragile in tutte le componenti dell'indice di sviluppo umano. Partiamo conoscendo il programma di “cooperazione comunitaria” promosso da oltre dieci anni dai “trentini” a Caia... Il Trentino in Mozambico di Barbara Zamboni Due terre così lontane e diverse, il Trentino e il Mozambico: una piccola regione del Nord Italia verde di boschi, racchiusa fra le montagne, e un grande Stato dell’Africa australe, dai mari cristallini, spiagge candide e

infinite strade rosse. Eppure, da più di dieci anni, queste due realtà camminano assieme, juntos, grazie al progetto ‘Il Trentino in Mozambico, il Mozambico in Trentino’. Già nel titolo è racchiuso il carattere speculare di un programma che intende prima di tutto costruire legami di scambio e solidarietà fra due comunità, quella trentina e quella mozambicana. Legami che affondano le loro radici indietro nel tempo: tanti i missionari trentini in Mozambico e gli studenti

Le escolinhas di Caia - Foto di Gianpaolo Rama

21


POELELAMAGAZINE 11 giugno 2013 Una riunione dei membri dell'associazione Mbaticoiane in occasione della visita alla 'casa della salute' a Caia Foto di Gianpaolo Rama

mozambicani che, da più di trent’anni, vengono a frequentare l’università a Trento. Senza tralasciare il fondamentale sostegno politico dato al processo di pace del 1992 dall’allora sottosegretario agli Esteri per l’Africa, il deputato trentino Mario Raffaelli. A partire dagli anni Novanta, la legislazione italiana apre la possibilità per gli enti locali di diventare soggetti autonomi di cooperazione (la cosiddetta cooperazione decentrata). E’ in questo rinnovato contesto normativo che, nel 2001, nasce il Tavolo Trentino con il Mozambico, come luogo di incontro tra la realtà della Provincia di Trento e della Provincia di Sofala in Mozambico. Un anno dopo alcune associazioni di solidarietà internazionale, già coinvolte nel Tavolo, danno vita al CAM - Consorzio Associazioni con il Mozambico, che assume la responsabilità

diretta della gestione del programma. Il CAM continua la sua opera di soggetto referente per la gestione tecnica, finanziaria ed amministrativa del programma, coordinando i soggetti del Tavolo sotto forma di gruppi di lavoro, uno per ogni settore di intervento del progetto. Il CAM pone al centro della propria azione le due comunità, quella trentina e quella mozambicana di Sofala, nell’intento di crescere assieme in uno spirito di reciprocità e scambio. Le relazioni umane completano ed arricchiscono i legami politico-economici: per questo si parla di ‘cooperazione comunitaria’. I principi ispiratori sono elencati nel Manifesto fondante del CAM: l’amicizia, il confronto, l’autosviluppo e la partecipazione, l’ascolto, il dialogo e la rete, solo per citarne alcuni. Tre sono i fondamentali tratti distintivi

22


POELELAMAGAZINE 11 giugno 2013

di questo nuovo paradigma della cooperazione: la centralità della relazione, l’organizzazione degli interventi in un progetto multi-settoriale integrato e la flessibilità, che permette di adattare gli interventi in fieri, secondo gli stimoli provenienti dal dialogo e dall’evoluzione della comunità.

Socio-sanitario - Tutela della salute ed educazione sanitaria Assistenza domiciliare ai malati cronici, attività di educazione alla salute e sensibilizzazione, collaborazione con la medicina tradizionale. Progetto straordinario di sostegno all'avvio e funzionamento del nuovo ospedale di Caia.

La struttura multi-settoriale integrata permette Economico-rurale - Promozione dello sviluppo di coprire più aree di intervento, diverse ma rurale e della microimpresa Avvio e appoggio della Scuola Professionale coordinate fra loro. Attualmente i settori sono: Agro-Zootecnico di Caia e del Centro di Socio-educativo – Accesso alla formazione e formazione Agro-Zootecnico, attività di formazione degli adulti, assistenza tecnica, all’istruzione Educazione prescolare attraverso 4 escolinhas, costruzione di una farmacia veterinaria. formazione dei giovani e degli adulti con l'Oficina Pedagogica, interventi di Educazione Microcredito – Accesso al credito e al risparmio Inclusiva a favore di non udenti e di ipovedenti. Microcredito a Caia e a Marromeu, avvio e appoggio della Caixa Financeira de Caia a Sena. Radio Comunitaria di Caia – Promozione della cultura e dell’informazione locale Pianificazione Urbanistica – Appoggio alle istituzioni nella gestione del territorio Piani di gestione territoriale di Caia e di Sena, Piano Distrettuale di uso della terra e costruzione del nuovo mercato di Caia.

Due attiviste dell'associazione Mbaticoyane in visita all'orto modello presso la 'casa dell'agricoltura' di Caia Foto di Gianpaolo Rama

una seduta pubblica di condivisione delle scelte di piano nel processo di approvazione del PDUT - Foto di Isacco Rama

23


POELELAMAGAZINE 11 giugno 2013

Acqua e igiene – gestione delle risorse idriche e promozione dell'igiene ambientale Interventi a supporto del servizio distrettuale e dei comitati di gestione dei pozzi

gli orti della azienda modello di Murraca Foto di Gianpaolo Rama

Box geografia Il programma si svolge nel distretto di Caia, nella parte settentrionale della provincia di Sofala, regione al centro del Mozambico. La Vila de Caia dista circa 450km da Beira, capitale della Provincia e seconda città del Mozambico. Il distretto è attraversato dalla grande arteria stradale EN1, che collega il Nord e il Sud del Mozambico, ed è delimitato a nord e ad est dal fiume Zambesi.

gli attivisti dell'associazione MadziAtu alle prese con la manutenzione di una pompa acqua in un quartiere di Caia Foto di Isacco Rama

Un incontro con i cittadini - progetto di sostegno acquisto capi di bestiame - Foto di Isacco Rama

TRENTINO E MOZAMBICO INSIEME JUNTOS 24


POELELAMAGAZINE 11 giugno 2013 Ilha de Mocambique - ilha de Goa verso India. Foto di Gianpaolo Rama

Eresie africane al Festival dell’Economia di Trento di Fabio Pipinato

Il Festival dell’economia di Trento, giunto alla sua ottava edizione, parte con delle afro eresie. Meglio pensare che produrre. Essere che avere. Cavarsela da soli che esser aiutati. Lo afferma con forza ma nello stesso tempo con flemma, Elísio Macamo, docente di Studi Africani presso l’Università di Basilea, in apertura di Festival. L’autore del “l’abbecedario della nostra indipendenza – una lettura critica del discorso sullo sviluppo: il caso del Mozambico“ viene introdotto da riflessioni di Mia Couto, uno dei maggiori intellettuali in lingua portoghese, che incoraggia il nostro Macamo a puntare l’indice su coloro che tramutano le idee in “slogan”, i pensieri in “direttive” ed ogni ragionamento in una macina che spreme solo quanto seminato da altri. “Siamo ancor oggi una società molto governativa, molto dipendente da ciò che fa o non fa il governo . Ci gingilliamo tra l’incensare o il maledire che sono, alla fine, due facce della stessa svalutata moneta” provoca Couto.

Ai numeri econometrici (che rendono peraltro sterili alcune sessioni del Festival), dovremmo opporre idee feconde che rompono con il passato, altrimenti i nostri giovani non impareranno a pensare criticamente da veri intellettuali ma ad agire come meri funzionari, capi-progetto, consulenti. Elísio Macamo apre il Festival come un’imbarcazione che viaggia sola controcorrente. Ma nessuna nazione è realmente sovrana se non produce solo beni ma soprattutto pensiero teorico. “A cosa serve parlare le nostre lingue se sappiamo dire quanto è già stato detto da altri?” Attenzione però. Le idee non sbocciano dai progetti di “technical assistance”, dai “capacity building” e nemmeno dai “brain storming”. Nascono dal lavoro continuo, dall’impegno costante, dalla dedizione generosa per un futuro autonomo. Cosa significa “sovranità” per un Paese africano che ha lottato per raggiungere l’indipendenza e

25


POELELAMAGAZINE 11 giugno 2013 Ilha de Mocambique - ilha de Goa verso India. Foto di Gianpaolo Rama

che oggi si trova ad essere “dipendente” in tutto e per tutto dagli aiuti internazionali? Per Macamo “il Mozambico esiste solo perché l’aiuto allo sviluppo dà esistenza al Paese”. Un pensiero controcorrente, visto che il Mozambico è oggi considerato un Paese che ha buoni tassi di crescita, ha mantenuto la pace per oltre 20 anni e che segue con diligenza tutte le direttive internazionali. La prospettiva di Macamo vede l’economia politica come “una forma insidiosa” che permette agli “interessi dominanti di creare le condizioni per la propria riproduzione” e di proporre un’idea di sviluppo quantomeno discutibile, viste le fondamenta etiche su cui si basano i Paesi che si ritengono “sviluppati”. Come riporta l’ufficio stampa della Provincia Autonoma di Trento: “La sovranità del Mozambico e di molti altri paesi definiti da altri “in via di sviluppo”, è minata dalla legittimità dell’azione esterna riconosciuta a livello internazionale. I programmi di aggiustamento strutturale, l’assalto ai programmi sociali, l’esenzione fiscale per gli investimenti stranieri sono azioni attuate in Mozambico utilizzando l’idea dello sviluppo senza prevedere discussioni né tra il gover no mozambicano e i Paesi donatori né tra lo Stato e la società civile. Ciò ha portato a quella che Macamo definisce la “trivializzazione” del politico, che si

evidenzia in alcuni meccanismi, come l’approvazione del bilancio dello Stato, che rende superfluo l’intervento del Parlamento e la “commercializzazione” dei problemi sociali del Paese. Cooperare significa “lavorare insieme”, tuttavia, in Mozambico significa esattamente l’opposto. I cosiddetti PVS devono infatti aderire alla visione della storia decisa da chi aiuta: non si può dunque parlare di sovranità”. La sovranità è libertà di scegliere quale storia si vuole fare propria. E tale libertà è attualmente negata al Mozambico, costretto nelle proprie scelte e nelle proprie azioni a rimanere entro binari decisi da forze esterne. La realtà di forte dipendenza economico-politica in cui si trova Maputo impedisce di poter parlare di sovranità, un termine intriso di profondo significato in un Paese che ha lottato per raggiungere la propria indipendenza. La conquista della sovranità ha significato riscatto, diritto all’emancipazione e al progresso, ed oggi è spesso il richiamo all’aiuto allo sviluppo a negare la dignità e la sovranità a Paesi ancor definiti “in via di sviluppo”. L’incontro ha avuto luogo presso il Centro per la Formazione alla Solidarietà Internazionale. A seguire c’è stato l’intervento al Teatro Sociale di Michael Spence, nobel per l’Economia. Giusto per rientrare nell’ortodossia.

26


POELELAMAGAZINE 11 giugno 2013 Foto di Stefano Bauducco

Aspettando l’aereo per Maputo... di Stefano Bauducco

Dalla sala d’attesa dell’aeroporto di Nampula la vista è suggestiva. All’orizzonte le montagne che sembrano sassi caduti dal cielo sono avvolte da una   leggera foschia che le rende misteriose. In basso le palme  creano un tappeto verde. Il volo di una gazza interrompe la pace del paesaggio. Davanti a questo spettacolo ripercorro questi giorni pieni, densi di incontri. La conoscenza con la nuova madre, Maria Calcida, dell’ordine delle suore Immacolata Concezione. Il ritorno a Mepanhira. Il viaggio con Armando. Gli incontri sul treno: ci sono stati dei momenti in cui ho sentito, l’avevo già provato, ma non così forte, il peso della storia, dell’infame periodo coloniale. Noi non siamo portoghesi però abbiamo la stessa pelle bianca. Prima di venire in Africa non avevo mai prestato attenzione al colore della pelle, alla reazione che può suscitare negli altri. Qui, in questi anni l’ho sperimentato molte volte, quando sto nel barrio, quando entro in una baracca per bere

una birra  con Mavale. Stupore, risa o  espressioni interrogative. Poi tutto si scioglie in un’ospitalità travolgente. Però in quell’attimo mi sento veramente l’altro e mi accorgo della mia diversità. Posso comprendere le difficoltà dei nostri fratelli africani che vivono con noi in Italia.   Sono molto curioso di capire la storia e il modo migliore è domandare. Lo faccio spesso con gli amici che ho qui. L’altro giorno sulla strada per Mepanhira viaggiavo seduto tra suor Calcida e Armando. Davanti suor Maddalena, un libro di storia vivente. Schiacciati da borse e zaini ho iniziato a fare alcune domande a suor Maddalena sul periodo coloniale. Con la voce rotta dall’emozione ha iniziato ad intonare un canto in portoghese, seguita dalla madre superiora. Un ritornello ripetuto tre volte la cui traduzione è questa: "non è l’uomo bianco che pesa, è la portantina che è

27


POELELAMAGAZINE 11 giugno 2013 Foto di Stefano Bauducco

pesante”. Non capivo il significato di queste parole ma dagli occhi lucidi di suor Cacinda intuivo che si trattava di qualcosa di molto doloroso. Terminato il canto   inizia il racconto... Nel Niassa, la regione dove ci troviamo, le strade nel periodo coloniale erano  inesistenti, non che adesso la situazione sia migliorata. Negli anni ’60 era una provincia governata dai latifondisti portoghesi, il governo dava in usufrutto immensi territori ai latifondisti dove loro erano la legge, lo stato. In questo modo il governo centrale si assicurava la sicurezza sul territorio. I lunghi viaggi venivano fatti in portantina. Il bianco non doveva toccare la terra, non doveva sporcarsi. Si alternavano nel trasporto squadre composte da 4 uomini mozambicani. Erano costretti a cantare quelle parole così semplici ma cariche di sofferenza e umiliazione. Cantavano in portoghese così il padrone poteva comprendere e compiacersi di questa vergogna. All’interno dell’abitacolo è calato un gelido silenzio. Mi sono sentito

piccolo e pieno di vergogna. Non sapevo cosa dire se non appoggiare una mano sulla spalla di   suor Maddalena per trasmetterle tutta la mia compassione. Poi il racconto prende una piega più sociale. Ai neri non era permesso frequentare le stesse scuole dei bianchi e non era permesso accedere agli studi superiori. Solo pochi individui scelti dai padroni bianchi potevano svolgere mansioni di piccola responsabilità. Questi venivano chiamati "assimilados" assimilati come a voler sottolineare ed affermare la netta separazione. A Maputo, Mavale mi aveva raccontato come i portoghesi avevano instillato nelle menti dei mozambicani il senso di provvisorietà. Le case nei quartieri neri non potevano essere costruite in muratura, solo in lamiera. Molti per aggirare il divieto  costruivano con i mattoni e poi coprivano le pareti con le lamiere. Altra storia. Siamo sul treno per tornare a Nampula. Nello scompartimento, seduti su quelle che una volta erano cuccette siamo in quattro più Thelma, una dolcissima bambina.

28


POELELAMAGAZINE 11 giugno 2013

Dopo pochi minuti abbiamo già fatto amicizia e iniziamo a parlare. Sento le parole ma sono attratto dallo scenario che vedo attraverso il finestrino rotto. Si discute di tutto. Scopro che il più anziano è lo zio della piccola Thelma, si chiama Agostino. L’altro è il padre, si chiama Fernando.   Agostino racconta subito che ha studiato dalle suore italiane a Marrimi, vicino Metoro, siamo in famiglia. Poi da uomo curioso e intelligente comincia a fare domande sull’Italia. Io controbatto con domande sulla tradizione Macua, sul significato delle parole. Agostino è un fine conoscitore della storia, ed è anche un buon affabulatore. I km passano così rapidamente. Poi mi racconta   come è nato l’appellativo che i Macua danno al bianco: “Nkunia”.

padrone bianco chiama con un urlo l’uomo di colore chino sulla terra. Già solo per il fatto di essere chiamato, trema, sul viso corre il terrore. Si avvicina con il cuore in tumulto, si inchina, porta le mani giunte al cuore, quasi a chiedere perdono. Perdono di cosa? Di essere nato li? Di lavorare duro in cambio di una zuppa? Di essere nero? Tante domande vorrebbe porgere al padrone. Lui, il padrone seduto sul cavallo, vestito di lino bianco con in mano il temuto frustino. Alza il frustino, poi lo lascia ricadere e batte leggero sulla testa del nero.

Foto di Stefano Bauducco

Foto di Stefano Bauducco

Anche in questo caso ci troviamo in un grande campo. Un campo di cotone. Il

Il bracciante nero è terrorizzato al punto da non riuscire più a trattenersi, se la fa addosso, dai pantaloni cola giù tutto. Da quel momento i Macua hanno battezzato i bianchi Nkunia. Ku sedere Nia non trattenere, colui che battendo non fa trattenere niente. I portoghesi sono stati cacciati dal Mozambico nel 1975. Un altro mondo è possibile, ora!

29


POELELAMAGAZINE 11 giugno 2013

PORTFOLIO

Lavanderia industriale a Machava Immagini di Nunzio De Nigris A pochi chilometri da Maputo, Doriano, un italiano che vive in Mozambico da piÚ di 30 anni, gestisce la sua lavanderia industriale. Tecnologia e mano d’opera si fondono in un contesto di archeologia industriale che ricorda la Torino degli anni settanta.

Lavatrici in serie Š Nunzio De Nigris Canon 20D, iso1600, 70 mm, f/8.0, 1/30 sec

30


POELELAMAGAZINE 11 giugno 2013

PORTFOLIO

Il carico Š Nunzio De Nigris Canon 20D, iso400, 11 mm, f/3.5, 1/50 sec

Malesuada quis, egestas quis, wisi. Donec ac sapien. Ut orci. Duis ultricies, metus a feugiat porttitor, dolor mauris convallis est, quis mattis lacus ligula eu augue. Sed facilisis. Morbi lorem mi, tristique vitae, sodales eget, hendrerit sed, erat lorem ipsum dolor.

Lo scarico Š Nunzio De Nigris Canon 20D, iso1600, 78 mm, f/4.0, 1/10 sec

31


POELELAMAGAZINE 11 giugno 2013

PORTFOLIO

Manutentore Š Nunzio De Nigris Canon 20D, iso1600, 200 mm, f/4.0, 1/125 sec

Malesuada quis, egestas quis, wisi. Donec ac sapien. Ut orci. Duis ultricies, metus a feugiat porttitor, dolor mauris convallis est, quis mattis lacus ligula eu augue. Sed facilisis. Morbi lorem mi, tristique vitae, sodales eget, hendrerit sed, erat lorem ipsum dolor.

Stiratura a mano Š Nunzio De Nigris Canon 20D, iso1600, 70 mm, f/7.1, 1/30 sec

32


POELELAMAGAZINE 11 giugno 2013

PORTFOLIO

Primo piano. Operaia Š Nunzio De Nigris Canon 20D, iso1600, 200 mm, f/4.0, 1/60 sec

Malesuada quis, egestas quis, wisi. Donec ac sapien. Ut orci. Duis ultricies, metus a feugiat porttitor, dolor mauris convallis est, quis mattis lacus ligula eu augue. Sed facilisis. Morbi lorem mi, tristique vitae, sodales eget, hendrerit sed, erat lorem ipsum dolor.

Particolare Š Nunzio De Nigris Canon 20D, iso1600, 188 mm, f/4.0, 1/60 sec

33


POELELAMAGAZINE 11 giugno 2013

PORTFOLIO

Malesuada quis, egestas quis, wisi. Donec ac sapien. Ut orci. Duis ultricies, metus a feugiat porttitor, dolor mauris convallis est, quis mattis lacus ligula eu augue. Sed facilisis. Morbi lorem mi, tristique vitae, sodales eget, hendrerit sed, erat lorem ipsum dolor.

La stiratura a mano Š Nunzio De Nigris Canon 20D, iso800, 131 mm, f/4.0, 1/50 sec

34


POELELAMAGAZINE 11 giugno 2013

PORTFOLIO

Malesuada quis, egestas quis, wisi. Donec ac sapien. Ut orci. Duis ultricies, metus a feugiat porttitor, dolor mauris convallis est, quis mattis lacus ligula eu augue. Sed facilisis. Morbi lorem mi, tristique vitae, sodales eget, hendrerit sed, erat lorem ipsum dolor.

Forma e sostanza - Stirature delle giacche Š Nunzio De Nigris Canon 20D, iso1600, 100 mm, f/4.0, 1/60 sec

35


POELELAMAGAZINE 11 giugno 2013

PORTFOLIO

Malesuada quis, egestas quis, wisi. Donec ac sapien. Ut orci. Duis ultricies, metus a feugiat porttitor, dolor mauris convallis est, quis mattis lacus ligula eu augue. Sed facilisis. Morbi lorem mi, tristique vitae, sodales eget, hendrerit sed, erat lorem ipsum dolor.

Manichini Š Nunzio De Nigris Canon 20D, iso800, 10 mm, f/3.5, 1/60 sec

36


POELELAMAGAZINE 11 giugno 2013

PORTFOLIO

Operaia addetta alla piegatura Š Nunzio De Nigris Canon 20D, iso800, 70 mm, f/4.0, 1/100 sec

Malesuada quis, egestas quis, wisi. Donec ac sapien. Ut orci. Duis ultricies, metus a feugiat porttitor, dolor mauris convallis est, quis mattis lacus ligula eu augue. Sed facilisis. Morbi lorem mi, tristique vitae, sodales eget, hendrerit sed, erat lorem ipsum dolor.

Operaia addetta alla stiratura Š Nunzio De Nigris Canon 20D, iso1600, 106 mm, f/4.0, 1/100 sec

37


POELELAMAGAZINE 11 giugno 2013

PORTFOLIO

Cinderela Š Nunzio De Nigris Canon 20D, iso1600, 78 mm, f/4.0, 1/60 sec

Malesuada quis, egestas quis, wisi. Donec ac sapien. Ut orci. Duis ultricies, metus a feugiat porttitor, dolor mauris convallis est, quis mattis lacus ligula eu augue. Sed facilisis. Morbi lorem mi, tristique vitae, sodales eget, hendrerit sed, erat lorem ipsum dolor.

Prodotto finito Š Nunzio De Nigris Canon 20D, iso1600, 70 mm, f/4.0, 1/60 sec

38


Poelela Magazine n4