Page 1

4 Periodico di attualità, politica, cultura, cronaca e sport - 2 Marzo 2011 - Tel.: 02.26263432 Email: redazionegazzetta@gmail.com

Piantatela

Anche Sesto ha disatteso la legge “Un albero per ogni nuovo nato”. In 4 anni sono nati quasi 3.000 bambini, ma sono stati piantati solamente 1.200 alberi

LA GUARDIA DI FINANZA SESTESE HA ESEGUITO 11 ARRESTI A VARESE E NEL MILANESE SPORT

Colpo di scena alla Pro Sesto Giuliano Melosi rimpiazza Grassini Un fulmine a ciel sereno. Dopo che i Biancocelesti hanno collezionato 2 pareggi consecutivi, è arrivata a sorpresa la sostituzione del tecnico. Il mister Fabio Grassini è stato sostituito da Giuliano Melosi, 43 anni. E’ stato a Sesto da giocatore quando la Pro era in C1 e C2, collezionando 92

presenze. Ha anche giocato in Serie A col Vicenza e in B con il Chievo.

CARNEVALE

SCUOLA

Tutti in piazza col Medinitali

La polenta delle polemiche

Sabato 12 marzo la grande sfilata per le vie di Sesto. Tutte le iniziative organizzate in città.

Fanno discutere i nuovi menù delle scuole. Tra le pietanze introdotte polenta e totani.

A PAG. 4

A PAG. 8

Sgominata la banda dei falsari informatici Sono finiti tutti in carcere per mano degli uomini della guardia di finanza di Sesto gli undici malviventi che per oltre un anno hanno compiuto truffe milionarie nei negozi e nei centri commerciali del milanese, facendo il cosiddetto “phishing informatico”, ossia l’uso fraudolento delle carte di credito. Gli uomini del capitano Carlo Pappalardo hanno lavorato per circa un anno per ricostruire una fitta rete di malaffare che nasceva nel milanese e si diramava in Spagna, Gran Bretagna e Romania. Gli uomini, in parte italiani ed in parte romeni, reperivano i codici attraverso i siti internet specializzati in commercio online. Quindi, con l’ausilio di sofisticate attrezzature elettroniche producevano nuove carte di credito che venivano “spese” nei negozi del milanese per l’acquisto di prodot-

ti informatici. Tutte le persone fermate sono accusate di associazione a delinquere finalizzata alla clonazione di strumenti di pagamento elettronico. Il giro di affari è stato valutato in oltre un milione di euro.


2

 

2 Marzo 2011

ASSENZE

Sesto doc RACCONTI DA SESTO



6° SENSO

IN CONSIGLIO COMUNALE

Da una indagine pubblicata su un noto quotidiano nazionale, i consiglieri sestesi sono stakanovisti. I meno assidui sono Alessandra Tabacco (Lega Nord) che ha partecipato a

metà delle sedute e Giuseppe Pasini (Lista Civica) che ha fatto registrare sette assenze nel parlamentino cittadino. Il sindaco Oldrini ha in registro una sola assenza.

LUISA AIELLO, 33 ANNI, SUO IL SIMBOLO SCELTO PER RAPPRESENTARE L’URBAN CENTER DI SESTO

Infanzia e ricordi, tutto in quel logo “La Sesto di domani deve essere una città più verde e più vivibile” Il rumore dei forni delle Falck che l’aveva fatta allontanare da Sesto, a distanza di anni, si è rivelato fonte di ispirazione. Traendo spunto proprio dai ricordi di infanzia, quando fino a 15 anni ha vissuto in viale Edison al civico 666, Luisa Aiello ha creato il “suo” logo per l’Urban Center di Sesto San Giovanni e si è aggiudicata il primo premio del concorso. E così il logo sestese porterà per sempre la firma indelebile di una ex sestese, laureata in Disegno industriale e attualmente disoccupata. “I ricordi sono più che vivi. Ho vissuto a Sesto da quando avevo un anno fino al mio 15esimo anno di vita. Abitavo con mamma e papà in viale Edison, di fianco alle Falck; e ricordo il rumore delle fabbriche, costante sottofondo delle nostre giornate. Fu quello uno dei motivi per cui papà decise di trasferirsi”. L’ispirazione le è venuta pensando alla mappa della sua ex città: l’idea di partecipare al concorso è arrivata da un’amica. Il logo “parla” di Sesto: la figura contiene la città, la sua pianta fisica e le lettere rievocano la storia industriale sestese: la U richiama alla memoria l’arco del-

la Torre sospesa e il portico della chiesa di San Giorgio alla Ferriere; la C ricorda la copertura del for-

no Pagoda T3. “La prima cosa che mi è venuta in mente è stata la piantina della città. Molti altri simboli che ho studiato erano slegati dal richiamo alla città di appartenenza. Il contorno del simbolo invece è la figura di Sesto; è come se avessi cerchiato con un pennarello i confini della città”. Una scelta che si è rivelata vincente. “Ci ho lavorato sopra dieci giorni; all’inizio credevo anche io che fossero pochi, poi invece il risultato mi ha comunque dato ragione”. Tremila euro subito, che non cambiano di certo la vita, e una firma storica su un simbolo che rimarrà in città per gli anni a venire. E anche un sogno; anzi due, per lei disoccupata 33enne di Pessano con Bornago: “Prima di tutto mi auguro che questo premio mi serva anche per riuscire a trovare un lavoro. E poi sogno che il futuro di Sesto sia all’insegna del verde e della cultura: sto seguendo i cambiamenti in atto nell’ex area industriale. Mi auguro che questa trasformazione si completi bene; ci vogliono spazi culturali e verdi, ci vuole una città più vivibile e meno costruita”.

EDITORIALE

•••

di Andrea Guerra

L’Expo a Sesto chi l’ha visto? E’ vero, fino a oggi per parlare dell’Expo di Milano in modo garbato non si può che utilizzare una parola: “virtuale”. Le idee si rincorrono con le polemiche, i progetti fanno a cazzotti con la mancanza di soldi. E come al solito la politica sguazza in questa melma. Ma da cittadini di Sesto San Giovanni e del Nordmilano, non possiamo far finta di non sentire quel silenzio assordante che viene dal nostro territorio. Se a Milano si chiacchiera, si litiga e si progetta, nei nostri comuni l’iniziale enfasi di tanti settori istituzionali e imprenditoriali, pare essersi persa nel nulla. Non c’è un progetto che sia uno, pronto a partire per diventare parte integrante di questo Expo che alla faccia delle logiche di area metropolitana, sta diventando sempre di più un fatto privato tra il Comune di Milano e quello di Rho Pero. Dai comuni del Nordmilano quella spinta a distinguersi e a valorizzare il proprio patrimonio non ha ancora prodotto alcuna proposta degna di fare la differenza. Così, se non ci si da una mossa, dell’Expo di Milano rischiamo di prenderci solamente i disagi e i tormenti di tanti cantieri che di qui al 2015 invaderanno le nostre strade e le nostre città.

FRANCESCA BOCCA, RAFFAELLA LODOVICI E LUANA BARBIERI

Segnalateci le storie delle imprese sestesi a redazionegazzetta@gmail.com

Vuoi rifarti il look, passa da Pendant Per cambiare look basta andare al MaGe, entrare nello stand di Pendant e affidarsi a Francesca Bocca, Raffaella Lodovici e Luana Barbieri. Le tre professioniste hanno infatti dato vita a un luogo multifunzionale dove creare e ricreare abiti, accessori e soprattutto dove rimettere completamente a nuovo la propria immagine. “L’idea è proprio di arrivare in tuta e uscire da qui con trucco e parrucco rifatto - spiega Raffaella, stylist e personal shopper -. Si noleggiano abiti particolari, si stu-

dia make up e acconciatura”. Le tre si sono incontrate sul set, hanno raccolto gli abiti di scena di videoclip, pubblicità e film e li mettono ora a disposizione delle sestesi. “Aiutiamo a trovare il proprio stile senza inseguire le mode del momento - continua Francesca, costumista e scenografa -. Tra questi capi si può trovare di tutto per eventi, feste a tema o anche solo per giocare con il proprio aspetto”. Pendant vuole anche diventare un punto di riferimen-

to per professionisti, come fotografi o stylist, che hanno necessità di abiti o di un supporto creativo. Dopo il primo assaggio di burlesque, sabato 12 marzo l’atelier di viale Italia rifà trucco e parrucco, trasformando le ragazze acqua e sapone in vere pin-up anni ‘50, che saranno poi immortalate da un fotografo. “Eyeliner, rossetti rossi, piume e brillantini - annuncia la make up artist Luana -. E poi ci prepariamo per il Carnevale”.




2 Marzo 2011

IL MINISTRO PRESTIGIACOMO CI RIPROVA

Focus IL CASO

 Attualità  3 Se la legge non è decollata, è forse anche questione di scaramanzia. Recentemente, però, il ministro all’Ambiente Prestigiacomo ci ha riprova-

to portando in Consiglio dei Ministri un nuovo disegno di legge sul tema e istituendo il 21 novembre la Giornata nazionale dell’albero.

COMPLETAMENTE DISATTESA LA LEGGE RUTELLI CHE DAL 1992 AVREBBE DOVUTO GARANTIRE PIU’ VERDE

Nascono più bambini che alberi di Stefania Fortunato “Un albero per ogni nato”. Qualcuno ricorderà lo slogan lanciato nel 1992 da Francesco Rutelli, allora coordinatore della Federazione dei Verdi. Pochi sanno, invece, che quello stesso motto diventò legge. Ma nel concreto sembra che nessun Comune, nessuna Provincia e nessuna Regione l’abbiano mai recepita. E’ il caso, ad esempio, di Sesto San Giovanni, dove oggi il dibattito sullo smog e sulla necessità di mettere in atto azioni concrete per rendere respirabile l’aria in città, è più attuale che mai. Se negli ultimi anni a Sesto fossero stati piantati tanti alberi quanti bimbi sono nati, avremmo potuto godere di una piccola ‘foresta urbana’. Ma il Comune non ha mai applicato la normativa proposta da Rutelli, come la maggior parte delle altre amministrazioni locali. “Era più uno slogan politico che altro - ammette l’assessore all’Ambiente, Lella Brambilla -. Mai nessun Comune l’ha preso seriamente in considerazione per motivi diversi: l’iter burocratico risultava essere complesso e in alcuni casi la legge non era del tutto applicabile. Per quanto ci riguarda, credo che quella normativa abbia un errore di fondo: non tiene in considerazione l’alta percentuale di alberi che muoiono in città”. Secondo i dati dell’ufficio Ambiente, in media ogni anno circa il 20% delle piantumazioni che avvengono a Sesto non vanno a buon fine. In questo consisterebbe il risvolto ‘diseducativo’ della legge. “Sarebbe molto triste se un bambino di tre anni portato dalla mamma a vedere il suo albero, si trovasse davanti un ramo secco invece che una pianta verde e in piena salute” dice sorridendo l’assessore Brambilla . Una questione di scaramanzia, dunque, alla base della scelta del comune di Sesto di non piantare tanti alberi quanti bebé. “Al di là delle legge Rutelli, come Comune ogni anno piantiamo molti alberi, forse più di quanti bambini nascono in città” sostiene l’assessore Brambilla, ma i dati non le danno ragione: dal 2007 ad oggi sono stati 2929 i fiocchi rosa e azzurri sestesi, mentre sono solo 1233 gli alberi piantumati sul territorio.

ALBERI PIANTUMATI SUL TERRITORIO DI SESTO 2007

323

2008/PRIMAVERA 2009

193

AUTUNNO 2009/GENNAIO 2011

717

TOTALE

1.233

BAMBINI NATI A SESTO

 fotoINOTIZIA MICROGIARDINI

2007 2008 2009 2010 2011 TOTALE

758 770 74 0 660 2.928

PER UN ERRORE DI VALUTAZIONE SACRIFICATI GLI ALBERI

VIA FERMI sarà un giardino hi-tech con arredi moderni e collegamento wi-fi

VIA MANZONI si recupererà un angolo storico della città, la Corte dei Fili.

VIA MARSALA opisterà il salotto dell’albicocco con spazi per l’incontro

EX SCUOLA MONTESSORI un giardino selvaggio con cespugli ed essenze.

Otto magnolie tagliate in Largo La Marmora In queste giornate invernali forse non tutti se ne sono accorti, ma i frequentatori assidui di largo La Marmora e i negozianti della zonanon hanno potuto fare a meno di notarlo una volta che il danno era già stato fatto. Stiamo parlando delle magnolie piantumate otto anni fa nella piccola piazzetta del centro storico sestese. A causa di un clamoroso sbaglio dell’impresa che si occupa della manutenzione del verde e che doveva tagliare gli esemplari malati e salvare quelli ancora in buono stato, tutte le quattordici magnolie sono state segate di netto. “Chiederemo i danni all’azienda - ha subito tuonato il Comune -. E’ un errore imperdonabile, che non capiamo come possa essere stato commesso. Ora ci vorrà molto tempo, oltre che

a un consistente investimento, per piantumare nuovi alberi”. L’intervento dei giardinieri era stato richiesto dal Comune proprio per eliminare gli alberi malati che non si erano adattati all’ambiente, e salvare le magnolie che invece avevano resistito in questi anni per portarle in una nuova area verde, più adatta a loro. E invece anche gli otto esemplari sani sono finiti sotto la lama della sega elettrica. ≤


4

 Attualità 

CARNEVALE

2 Marzo 2011



SABATO 12 MARZO LA FESTOSA CAROVANA CITTADINA RENDERÀ OMAGGIO AI 150 ANNI DELL’UNITÀ D’ITALIA

A Sesto sfila il “Medinitali” I carri preparati dalle parrocchie partiranno dalla zona Rondinella Quest’anno nessun evento può sfuggire ai festeggiamenti per i 150 anni dell’unità d’Italia. Anche il carnevale sestese non si sottrae alle celebrazioni. Ecco spiegato il titolo della XXI edizione della sfilata dei carri allegorici, che animerà la città sabato 12 marzo: “ MEDINITALI”. E se a carnevale ogni scherzo vale, nessuno dovrà prendersela se questi 150 anni di storia saranno rivisti in maniera ironica e, ovviamente, carnevalesca, per ricordare anche le vecchie origini di questa festa. Il carnevale, infatti, nell’antichità era l’unico periodo dell’anno in cui si poteva sovvertire ironicamente l’ordine sociale. In questo clima e con questo spirito, come vuole la tradizione cittadina, ogni oratorio di Sesto proporrà un suo carro

che dovrà quindi attenersi al tema cercando di raffigurare un aspetto speciale della nostra nazione del nostro essere italiani. La sfilata inizierà alle 14.30 dalla parrocchia della Rondinella, e poi via per le strade del centro. Per i più golosi ci saranno due punti di ritrovo dove gustare dolciumi e delizie: il primo in piazza IV Novembre e il secondo in piazza Maestri del lavoro. Il corteo arriverà in piazza Petazzi, dove dalle 15 si organizzeranno giochi e danze per chi non fosse interessato alla sfilata ma avesse comunque voglia di divertirsi e passare un po’ di tempo, in maschera, insieme agli amici. L’evento sarà possibile grazie alla stretta collaborazione tra gli oratori, i consigli di circoscrizione, l’amministrazione comunale e la “Sesto Proloco”.

Ma il carnevale a Sesto non vuole solo essere un momento di festa e bagordi. Infatti, come l’anno scorso, si riproporrà nelle scuole di tutta la città la raccolta di cibo per i più poveri, da donare all’ “Opera San Francesco”. E giocando un po’ con le parole, gli organizzatori della festa carnevalesca hanno voluto proporre un secondo spunto di riflessione. Da “Unità d’Italia” a “Unità in Italia”, come a dire, l’Italia è unita da un secolo e mezzo e lo dovrebbero essere anche gli italiani: un’occasione per ricordare che le feste devono essere un momento di aggregazione. Per questo gli studenti sestesi creeranno delle bandierine con i loro nomi e quelle dei loro amici stranieri, che saranno usate per decorare tutto lo scenario di piazza Petazzi. A Sesto, insomma, festa significa anche unione.

IL LUNA PARK NON PASSA MAI DI MODA CON LA FAMIGLIA PICCALUGA

Giostrai da cinque generazioni Un mestiere tramandato da cinque generazioni, oggi in mano alle “giovani leve” della famiglia, che non hanno alcuna intenzione di interrompere la tradizione. Sono tutti sestesi d’azione i Piccaluga, giostrai famosi in tutto il Nord Italia per il loro Luna Park. A Sesto San Giovanni quello con le loro giostre è un appuntamento ormai storico, soprattutto nel periodo di carnevale. “Arriviamo qui nei primi giorni di febbraio e ci fermiamo fino al 27 marzo - spiega Giovanni Piccaluga, conosciuto da

tutti come ‘Vanni’ -. Anche quest’anno la sfilata dei carri allegorici si concluderà qui da noi, nel piazzale di via Marx”. Per allestire il Luna Park e per la gestione delle giostre è impegnata tutta la famiglia: i sette fratelli Piccaluga e i loro figli si occupano dell’allestimento, mentre mamme e mogli gestiscono le giostre durante i giorni di apertura. Una vera e propria squadra composta da una trenita di fratelli, cugini e nipoti che ha un solo obiettivo: rendere il carnevale sestese più divertente e colorato.

L’AUSER

•••

di Giulia Pepe

Un ballo in maschera a SpazioArte Una festa da ballo come non se ne organizzavano da tempo. Per scendere in pista, però, bisognerà presentarsi rigorosamente vestiti da carnevale. L’Auser propone una serata in maschera sabato 12 marzo presso SpazioArte. La festa alla struttura di via Maestri del Lavoro inizierà alle 21,15. Sul palco salirà il complesso musicale “Tony e Terry”, che farà scatenare i partecipanti sui ritmi dei balli di gruppo e dell’immancabile liscio. Nel corso della serata, saranno servite chiacchiere, tortelli dolci, si brinderà con lo spumante e saranno anche estratti dei premi a sorpresa. Le tre maschere più belle saranno premiate da una giuria. Per informazioni e prenotazioni chiamare il numero 349.8719928.

 SICUREZZA

 DOLCI IN CITTÀ Chiacchiere e bugie: le pasticcerie preparano il Carnevale Forse non tutti sanno che… non esistono chiacchiere cotte solo al forno. Ci svela l’inganno Franco Manico, titolare di una delle più rinomate pasticcerie sestesi, la Croissant d’Or. “Le chiacchiere sono tutte fritte. Poi alcune vengono passate sotto i raggi infrarossi così diventano più biscottose. Tutto il resto è una bugia”. Le uniche “bugie” che vanno bene a carnevale sono quelle della pasticceria Torti. “Chiamiamo così i dolci fatti con sfoglia fritta ripieni”, spiega Gianni Bovolenta. Il dolce che va per la maggiore rimangono

le classiche chiacchiere, delizia “a prova di crisi”. “Non solo piacciono perché sono popolari, ma anche perché costano poco”, sostiene Renato Camozzi, titolare della Pasticceria Camozzi. E c’è da fidarsi: in città è un’autorità; la sua pasticceria, tenta la gola dei sestesi da 52 anni. “Le feste si sono allungate. I clienti chiedono le chiacchiere il giorno dopo Natale”. Sul podio anche i tortelli ripieni, specialità della pasticceria Camozzi. Insomma, non resta che buttare la bilancia e godersi il carnevale.

Festa “no gas”

Chiedono il pugno duro del sindaco gli organizzatori del carnevale sestese: con lo slogan “no gas” hanno richiesto a Oldrini un’ordinanza per vietare alle bande di ragazzi di girare “armati” di bombolette di schiuma e uova durante la festa. “La manifestazione vuole essere un’occasione di aggregazione e integrazione”.




DIBATTITO

2 Marzo 2011

 Attualità 5

CONFRONTO SUL TEMA DELLE TARIFFE DEL TRASPORTO PUBBLICO, SCENDE IN CAMPO ANCHE LA REGIONE

Il “Biglietto unico” è più vicino L’assessore Cattaneo: “operativi entro la seconda metà dell’anno” in BREVE •••

Il Comune su Facebook

viaggio deve introdurre il principio che il prezzo deve essere misurato sulla effettiva distanza percorsa. A uguale chilometraggio, uguale costo del biglietto o dell’abbonamento”. Ci si domanda se Sesto ci guadagnerà con la nuova tariffa o subirà un nuovo aumento. In questo momento nessuno può dirlo, ma forse sarebbe bene prendere parte alla discussione intatto in Regione.

PER LA CELEBRAZIONE DEL 150ESIMO ANNIVERSARIO E’ PREVISTO UN ANNO DI EVENTI

La città rende omaggio all’Unità d’Italia Il 17 marzo chiude il municipio, ma i negozi potranno aprire

L’Unità d’Italia tiene banco da mesi nelle polemiche. Ma ora che l’appuntamento con la “festività del 17 marzo” si avvicina, il Comune di Sesto ha deciso di passare dalle parole ai fatti. Lo fa con un

programma che promette nuovi eventi per tutto l’anno 2011. Si alterneranno iniziative di approfondimento storico, culturali e popolari per ripercorrere il cammino che ha portato alla nascita e alla crescita della nostra nazione. Un’anteprima di sicuro interesse sarà l’“Intervista impossibile a Cristina Trivulzio di Belgiojoso”, uno spettacolo sull’eroina risorgimentale, in scena giovedì 3 marzo alle ore 21 al Centro civico Libero Biagi di via Maestri del

Lavoro. Lo spettacolo è inserito anche nel cartellone delle iniziative per celebrare la Giornata della donna dell’8 marzo. La presentazione ufficiale del programma delle manifestazioni per i 150 anni, avverrà la prossima settimana. Intanto l’amministrazione comunale ha chiarito che giovedì 17 marzo, Festa Nazionale, gli uffici comunali rimarranno chiusi mentre le attività commerciali che desiderano farlo potranno rimanere aperte.

co” può dire ciò che pensa senza l’ausilio di un moderatore. Per dire la vostra collegatevi a Facebook sulla pagina Comune di Sesto San Giovanni.

Iscrizioni ai nidi comunali

•••

all’interno dei confini di Milano e a numerosi cerchi radiali nei comuni della cintura. Più cauto è il sindaco di Sesto Oldrini che auspica una soluzione rapida: “Per la verità già 9 anni fa, l’allora assessore regionale ai trasporti, oggi deputato, Corsaro, mi assicurò che entro qualche mese tutto sarebbe stato risolto. Speriamo in bene questa volta - afferma il sindaco . Secondo me, e secondo molti sindaci, il documento unico di

Anche il Comune di Sesto sceglie la via dei social network per comunicare. Una scelta moderna perché abbatte i confini tradizionali della comunicazione, rendendola più informale e immediata. Una scelta coraggiosa, perché su Facebook non c’è più filtro e ogni utente “ami-

Dal 3 a 10 marzo le famiglie sestesi potranno presentare domanda per l’iscrizione dei propri figli (dai 6 mesi ai 3 anni) agli asili nido comunali. Le domande vengono raccolte solo in questo periodo agli indirizzi servizio “Per

mano”, via XX Settembre 90; “Centro Zerosei”, via Tonale 40. Verrà successivamente stilata una graduatoria pubblica.Tutte le informazioni sul sito internet del comune all’indirizzo www.sestosg.net.

Screening per l’Osteoporosi

•••

La politica lo aveva evocato (come sempre accade in vista di una campagna elettorale) e puntuale il tema del “biglietto unico” per i trasporti pubblici è tornato a far discutere sia a livello locale che a livello regionale. Ma questa volta il dibattito pare non esaurirsi ad un banale botta e risposta tra partiti. Sull’argomento è scesa in campo anche la Regione Lombardia con l’assessore Cattaneo che nei giorni scorsi, in occasione dell’inaugurazione del nuovo capolinea del metrò ad Assago ha assunto un impegno preciso: “La nuova soluzione sarà operativa molto presto, già nella seconda metà dell’anno”. Che cosa succederà? “Il progetto è di introdurre un sistema radiale a zona che comprende Milano e provincia e, in prospettiva, anche l’intera Regione. Abbiamo già fissato l’abbonamento unico, adesso si tratta di unificare le tariffe”. Cattaneo pensa a due zone

Parte la campagna di prevenzione dell’Osteoporosi e Glaucoma, lanciata dall’associazione Lions Club Host di Sesto, in occasione dei 60 anni dalla Fondazione dei Lions italiani. Le “Settimane della prevenzione”, offriranno l’opportunità a tutti i sestesi con più di 50 anni di sottoporsi a

un controllo gratuito. Per prenotarsi c’è tempo fino all'11 marzo al tel 320.8569331 dalle 9.00 alle 12.00 e dalle 14.00 alle 18.00.

 PROGETTO CONTESTATO PER PIAZZA SALVO D’ACQUISTO

Un “Campari” indigesto per il Comune

A sinistra il rendering del progetto di riqualificazione della piazza Salvo D’Acquisto. Sopra l’assessore Vincenzo Amato

Doveva essere la classica ciliegina sulla torta, quel progettò che ridisegnava la piazzetta Salvo D’Acquisto per adeguarla al nuovo “charme” del centro direzionale campari che sorge proprio di fronte, su viale Gramsci. Invece, si è trasformata in un aperitivo indigesto per l’amministrazione comunale che si trova a fare i conti con l’ennesima polemica e con una divergenza all’interno della giunta. Il progetto pensa-

to dai professionisti Alessandro Pavan, Elisa Frappi e Valeria Ciabò, che hanno partecipato al concorso “Microgiardini urbani” e che hanno immaginato panchine simili nella forma alla bottiglietta del noto aperitivo, pavimentazioni rosse ed essenze color Campari. Tutto bene, se non fosse che nel nuovo “giardino Campari” non ci sarebbe più spazio per la statua di Salvo D’Acquisto, il carabiniere eroe della patria voluto proprio dal-

l’associazione dei carabinieri in congedo che ne pagarono la realizzazione. Ad opporsi a questo sacrificio è stato l’assessore Vincenzo Amato “Siamo nel 150° dell’Unità d’Italia e non possiamo privare questa piazza di un simbolo della nostra patria. I membri dell’associazione carabinieri andarono a fare una colletta casa per casa per realizzare quel monumento, dunque di toglierlo non se ne parla”.


6

 Attualità 

PROGETTI

2 Marzo 2011



PARTITI I LAVORI DI RIQUALIFICAZIONE DI UN ALTRO ANGOLO DEL CENTRO SESTESE. PRONTO IN ESTATE

Via Padre Ravasi a misura di pedone Progettazione affidata all’architetto Marzorati Marciapiedi a raso, dissuasori per il traffico in acciaio, nuova illuminazione e pavimentazione in pietra. Sono partiti i lavori per la riqualificazione di via Padre Ravasi, nel tratto compreso tra le vie Volta e San Clemente. Ancora una volta restyling fa rima con semipedonalizzazione perché la piccola strada che parte dal fianco della basilica sestese, assumerà le sembianze di un piccolo salotto nel quale le auto saranno tollerate, ma con moderazione. Il cantiere resterà aperto per quasi quattro mesi e il progetto porta la firma dell’architetto sestese Giancarlo Marzorati. “Per il marciapiede saranno usate lastre di pietra e l’asse stradale sarà in asfalto trattato e rialzato allo stesso livello della parte pedonale

- spiega l’assessore ai Lavori Pubblici Vincenzo Amato -. Cerchiamo di ripercorrere l’esperienza già fatta in via Cesare Da Sesto e in Largo La Marmora per rendere più ospitale il centro cittadino. E’ una riqualificazione di piccole dimensioni, ma i sestesi potranno apprezzarla”. A termine riqualificazione sarà istituito il senso unico di marcia in direzione di via Volta e nella zona tornerà il mercato del sabato. “Si tratta di un intervento di qualità, che porterà a una razionalizzazione degli spazi, che saranno a misura di cittadino e soprattutto di pedone - continua Amato -. Il nuovo progetto consentirà di rallentare il transito delle auto anche su via Volta perché anche lì l’asfalto ver-

rà rialzato all’altezza dell’incrocio con via Ravasi”. Per mettere mano a questo piccolo pezzo di centro sestese si spenderanno 325mila euro, completamente a carico degli operatori che hanno realizzato le nuove palazzine in via San Clemente.

La nuova via Padre Ravasi. In rosa i nuovi marciapiedi in pietra. Saranno mantenuti i parcheggi esistenti.

ICP E COMUNE PENSANO A UN PROJECT FINANCING PER REALIZZARE L’OPERA

Parcheggio interrato per l’ospedale Non è la prima volta che si parla di un parcheggio interrato al servizio dell’ospedale cittadino. Ma questa volta la proposta viene dalla direzione generale dell’azienda ospedaliera Icp (che gesti-

sce l’ospedale Città di Sesto) ed è stata sposata anche dall’amministrazione comunale. Nell’incontro che si è tenuto a metà gennaio tra il sindaco di Sesto Oldrini e il nuovo direttore generale dell’Icp, Alessandro Visconti, si è parlato dell’ipotesi di realizzare un project financing

8 MARZO 2011

FESTA delle DONNE -MENÙ

Antipasto misto del Molo Bruschetta, verdure grigliate, salmone marinato, cocktail di gamberetti, bresaola di valtellina Bis di primi piatti Risotto alla pescatora Penne alla mimosa (pancetta, funghi e zafferano)

Secondo piatto: Involtini di pesce spada con pinolo e contorno di purea. A richiesta per chi non mangia pesce scaloppe di vitello con contorno di patate fritte

Dessert: torta alla mimosa Bevande: 1/4 di vino a testa, acqua, caffè

Euro 25,00

per realizzare il parcheggio nel sottosuolo del cortile dell’ospedale. Si tratta di un progetto del costo di molti milioni di euro, che attualmente può essere finanziato solamente da privati, in cambio dell’affidamento in gestione per molti anni. Pronto a partire subito il direttore Visconti che lamenta la comple-

ta mancanza di parcheggi a servizio dell’ospedale. Più cauto il primo cittadino che teme le difficoltà di un project financing così impegnativo. La sfida è lanciata e i tecnici dell’Icp si metteranno presto al lavoro per valutare una proposta che sia appetibile per un eventuale bando.

Ristorante Al Molo • www.almolo.it Via Verdi, 74 - Sesto San Giovanni (MI) • Tel. 02 26221740

PELUCCA

•••

di Viola Bai

Più sicurezza nel quartiere Si è moltiplicato l’impegno di polizia e carabinieri nel quartiere Pelucca, alla periferia Nord. Gli ultimi episodi di microcriminalità hanno indotto le forze dell’ordine a organizzare servizi di controllo del territorio che stanno dando i loro frutti. Nei giorni scorsi sono stati pizzicati tre consumatori di eroina che si rivolgevano a uno spacciatore locale. Prosegue la pressione nei confronti dei Rom che vivono accanto alle aree dismesse.

Menu` di carnevale sabato 12 marzo 2011

Antipasto misto del Molo Alici, bruschetta, salmone, verdure grigliate, frittatina di bianchetti, insalata di mare Bis di primi piatti Pasta arlecchino (alla crema di salmone) Risotto Maremonti Secondo piatto LE NUOVE DEGUSTAZIONI AL MOLO Frittura mista di pesce La domenica a pranzo un gustoso e prelibato menù a soli Euro 25 Dessert: IL MENÙ*: assortimento misto di antipasti, bis di primi piatti, secon- chiacchiere e torta mistobosco do piatto a scelta di carne o pesce, dessert di produzione propria. Bevande: Sono escluse bevande e liquori *Il menù varierà ogni settimana 1/4 di bianco a testa, acqua, caffè e limoncello MENÙ PER RICORRENZE SPECIALI E CERIMONIE A PARTIRE DA EURO 35 Euro 30,00 SOLO LA SERA PIZZERIA NAPOLETANA A TAVOLA E DA ASPORTO

te Ristoran




2 Marzo 2011

 Informazione aziendale 7

SABATO 12 MARZO L’ECCEZIONALE CONCERTO DAL VIVO IN PIAZZA VULCANO DEL GRUPPO HIP HOP CHE PIACE AI GIOVANISSIMI

Torna in scena la poesia in musica dei SenzaRespiro Eccoli, sono loro gli artisti capaci di trasformare la scena del Centro Commerciale Vulcano in quella di un vero concerto. Con tanta musica, fans e le emozioni che soltanto una grande performance riesce a regalare. I SenzaRespiro tornano ad esibirsi al Centro Commerciale Vulcano sabato 12 marzo dalle ore 16.30. Extremo, Dj Clock, Track e Raul. I “quattro moschettieri” dell’hip hop nazionale sono attesi con il loro repertorio già ricco di successi e con i primi pezzi del nuovo album. Sarà un vero concerto che regalerà tante emozioni ai giovanissimi, ma che non man-

cherà di sorprendere e coinvolgere anche le persone di mezza età. I componenti del gruppo negli ultimi anni hanno conosciuto grande successo sia nelle esibizioni live che in televisione. Arrivano da esperienze diverse: qualcuno insegue il sogno di diventare famoso cantando e ballando i pezzi più famosi delle boy band straniere, c’è chi invece, già dagli inizi, consapevole di una dote inaspettata, scrive testi e musiche da vero professionista e chi sfrutta le sue serate libere per far suonare i dischi più ballati nei vari locali Milanesi. Per info consultare il sito www.senzarespiro.it.

IN ATTESA DELL’ANNIVERSARIO CHE SI TERRA’ IL 19 MARZO, TANTE NOVITA’ NELLE GALLERIE DELL’AREA COMMERCIALE PIU’ FASHION

La primavera è già sbocciata al Centro Commerciale Vulcano Per gli ultimi “supersaldi” c’è tempo fino alla fine della settimana

Domenica 6 marzo apertura straordinaria dalle ore 9 alle ore 22

Marzo è un mese scoppiettante e ricco di novità per il Centro Commerciale Vulcano. Da questa settimana i saldi di fine stagione (gli ultimissimi affari sono ancora disponibili) cedono definitivamente il passo alle nuove collezioni primaverili. Nelle vetrine del Centro Commerciale Vulcano è già un fiorire di colori e di tagli che hanno il gusto caldo della bella stagione. E se qualcuno ritiene ancora un po’ prematuro abbandonare i capi invernali, di certo non fa peccato se comincia ad ammirare, scegliere e acquistare le collezioni che faranno tendenza a partire dalle prossime settimane. A marzo, come consuetudine il Centro Commerciale Vulcano vive uno dei momenti più importanti. Sabato 19 marzo si celebrerà il quinto anniversario dell’area commerciale più importante del milanese. Un vero evento che sarà festeggiato con tante sorprese. E. C.

STUDIO DANZA SI ESIBIRA’ IL 6 MARZO IN PIAZZA VULCANO

IL 5 E IL 6 MARZO IN GALLERIA VENERE

Una domenica di musiche e danza

Assaggi di shiatsu

Sarà una domenica di shopping, ma anche di spettacolo quella del 6 marzo quando il Centro Commerciale Vulcano regalerà a tutti i suoi visitatori la presenza dei ballerini e degli insegnanti del gruppo Progetto Danza. Dalle ore 16.30 i ballerini si esibiranno in coreografie di danza classica, moderna, hip hop, tip tap e ancora ballo liscio e danze caraibiche. La scuola Progetto Danza

opera a Cinisello in via per Bresso 236, affacciata sul Parco Nord. Informazioni al

numero 377.3011153 o su internet all’indirizzo www.progettodanza.biz.

Un’isola di relax e di benessere ricavata nel luogo dello shopping. Sbarca al Centro Commerciale Vulcano l’evento “Assaggi di Shiatsu” in programma sabato 5 e domenica 6 marzo dalle ore 10 alle ore 20. Nella postazione allestita in Galleria Venere (piano+1) il maestro Sandro Cristofori, dello studio Armonia Shiatsu di Sesto San Giovanni, eseguirà delle mani-

polazioni per far conoscere una delle arti di benessere più antiche al mondo. Per informazioni chiamare il numero 347.9023202. oppure consultare il sito www.armoniashiatsu.eu.


 Attualità 

MENSA

2 Marzo 2011



IL NUOVO MENÙ INVERNALE DIVIDE GENITORI E OPERATORI DI COMUNE E ASL

No alla polenta a scuola Le mamme non gradiscono i piatti unici e le verdure di Andrea Guerra Polenta taragna, totani e verdure a scuola. Il menu delle scuole sestesi non piace ai bambini e fa discutere i grandi. E’ di pochissimi giorni fa una lettera firmata dai componenti della Commissione Mensa dell’Istituto Comprensivo Anna Frank e dal Comitato Genitori della stessa scuola, nella quale i firmatari chiedono spiegazioni all’amministrazione comunale sui cambiamenti avvenuti nelle portate della mensa scolastica che sembrerebbero non piacere ai piccoli alunni sestesi. Nel mirino il nuovo menu adottato dai primi giorni del 2011: a non piacere a bambini e genitori i nuovi “piatti unici” come la polenta taragna con la provola, le fettuccine di totano, i cansocelli burro e salvia e molte altre prelibatezze che probabilmente farebbero gola a molti adulti e che invece rischiano di lasciare a bocca vuota gli allievi. “Nel mese di gennaio abbiamo riscontrato, soprattutto tramite colloqui con insegnanti e commesse, ma anche sentendolo confermare dai nostri stessi bambini, che le carenze alla mensa si sono accentuate

invece che correggersi - si legge nella lettera -. In termini di consumo quasi l’80% degli alunni non ha mangiato un pasto completo”. Insomma, dito puntato contro i nuovi piatti unici che, se non graditi dai bambini, non lasciano alternative fino alla merenda che nonni e genitori portano all’apertura dei cancelli. Secondo gli stessi genitori firmatari della lettera, per soddisfare i palati dei piccoli studenti basterebbero una buona pastina, del riso in bianco, o le crocchette di pollo. Il nuovo menu, si legge nella risposta dell’amministrazione sempre via lettera, sarebbe “frutto della revisione a cui hanno partecipato, oltre all’amministrazione comunale e alla ditta appaltatrice, gli stessi genitori della mensa”. Non solo: “Alla revisione ha partecipato per la prima volta anche la Asl e il nuovo menu è stato elaborato seguendo le linee di indirizzo nazionale per la ristorazione scolastica pubblicate dal Ministero che tra l’altro prevedono e promuovono proprio la presenza del piatto unico”. La cronaca dei fatti racconta di un incontro della Commissione nei giorni scorsi, a seguito

I bambini delle scuole materne ed elementari, alla polenta preferiscono le crocchette di pollo e la pastina

dello scambio di lettere, che ha portato alla sostituzione dei piatti sotto accusa. Questione di gusti: certo, ma anche questione educativa, come ci tiene a sottolineare l’assessore Monica Chittò. “Abbiamo operato un attento monitoraggio, in particolare sull’andamento dei nuovi piatti; grazie a ciò, oltre che alle segnalazioni dei genitori della Commissione mensa, abbiamo operato delle azioni correttive sostituendo alcuni piatti, tutto naturalmente senza inficiare la logica che ha sotteso alla co-

RICCO PROGRAMMA DI EVENTI CULTURALI PER FESTEGGIARE L’8 MARZO

Sesto si tinge di rosa Teatro, cinema e arte. Punta tutto sulla cultura l’amministrazione comunale di Sesto San Giovanni per festeggiare insieme alla città, e in particolare alle concittadine, la Festa delle donne dell’8 marzo. Un ricco programma è stato organizzare in occasione della festa: un cartellone che raccoglie svariati eventi che proseguiranno fino alla fine del mese di aprile. L’8 marzo sera, alle ore 21, presso Il Maglio di via Granelli, il Teatrino dell’Allodola presenta “Molly Bloom”, un monologo di Itala Cosmo tratto dall’”Ulysses” di James Joyce. Si prosegue poi con altri eventi che compongono il ricco programma della festa: il 15 marzo al Cinemateatro Rondinella, alle ore 21, andrà in scena “Nati incasa”, inserito nella rassegna Teatro Necessario. Il 22 marzo sarà tempo di cinema: l’associazione cittadina Lucrezia Marinelli ha infatti organizzato una rassegna cinematografica tutta in rosa che

prenderà il via proprio il 22 marzo e terminerà il 19 aprile. Un appuntamento alla settimana, tutti i martedì, alle ore 21, per riflettere insieme sulla figura della donna. Per concludere, venerdì 1 aprile, alle 18, presso lo Spazio Contemporaneo “Carlo Talamucci” di via Dante, sarà inaugurata la mostra dell’artista Anna Boriello: “Emozioni dal tempo”, il titolo di una raccolta di opere dell’artista promossa dall’Associazione Art’E’ Donna, ovviamente con il patrocinio del Comune.

struzione del menù. L’ora della mensa è un’ora educativa dove i bambini devono ‘imparare’a mangiare. Dobbiamo incentivare un consumo più vario di alimenti, oltre che accrescere il consumo di frutta e verdura. In questo compito dobbiamo essere naturalmente supportati dalla preziosa collaborazione delle scuole e degli insegnanti che quotidianamente consumano il pasto insieme ai bambini”. Il menu resta un cantiere aperto, e come tutti i cantieri, fa e farà ancora discutere.

ASILO NIDO

•••

8

L’isola dei bimbi accreditato dal Comune Il 16 Febbraio 2011 l’asilo nido “L’isola dei bimbi” ha ricevuto dal comune di Sesto San Giovanni la comunicazione ufficiale del provvedimento di accreditamento della struttura. Dopo diversi anni di attesa le educatrici e le famiglie che portano i propri figli negli spazi di via Cavallotti hanno potuto tirare un sospiro di sollievo e festeggiare l’accordo con l’amministrazione sestese. “Questo significa che per le famiglie residenti a Sesto, i cui figli risultano in graduatoria nelle liste degli asili nidi comunali, ci sarà una struttura in più fra cui scegliere - spiegano dall’asilo -. L’accreditamento da la sicurezza alle famiglie del servizio di qualità offerto”. La struttura “L’isola dei bimbi” è presente sul territorio dal 2002; il personale interno è coadiuvato da collaboratori esterni che offrono la loro professionalità per arricchire le proposte che il nido riserva ai suoi piccoli e ai loro genitori, tra cui i corsi di acquaticità, musica ed equitazione. Nell’agenda dei lavori dell’amministrazione è però inserita tra i prossimi impegni una revisione dell’attuale regolamento comunale dei nidi.


SALUTE

2 Marzo 2011

 Attualità 9

OLTRE 200 PRESENTI AL CONVEGNO ORGANIZZATO DAL LIONS CLUB

Una sanità più umana Garattini: “Primo obiettivo è fare più prevenzione” La prevenzione è la ricetta più importante per rendere più umana ed efficace la sanità nel nostro Paese. Un concetto che hanno condiviso tutti i relatori presenti al convegno “Sanità, ripartiamo dall’uomo”, organizzato dal Lions Club Sesto San Giovanni Centro e introdotto dal presidente Gianpaolo Caponi. “Qui da noi in Italia prevenzione suona come una parola obsoleta, noiosa - ha affermato il professor Garattini -. Tuttavia ritengo che questa sia la priorità per la riforma del sistema sanitario. Si pensi banalmente al fatto che in Italia ci sono ogni anno 70mila morti per le cause del fumo. Se vi fosse una maggiore attenzione verso questo tema, molti soldi investiti per le cure del tumore al polmone e alle altre patologie correlate verrebbero risparmiati e investiti per la prevenzione”. Il professor Garattini ha insistito sul ruolo della legge in materia sanitaria: “La legislazione deve puntare sulla prevenzione, anche se questa non serve a vendere nulla e non fa guadagnare”.

Da sinistra Antonio Ragusa, Silvio Garattini, Gianpaolo Caponi e l’assessore regionale alla Sanità Luciano Bresciani

Tra i relatori anche l’assessore regionale Luciano Bresciani cui è stato posto il tema delle malattie rare. Al convengo hanno preso perte anche Lucia Dovigo, presidente nazionale A.I.R. (Associazione Sindrome di Rett) e la dottoressa Marina Rodocanachi, Neurologa e Fisiatra dell'Istituto don Calabria di Milano. Su invito del presidente del Lions Gianpaolo Ca-

poni, l’assessore regionale Bresciani si è impegnato a sostenere il progetto lanciato dall’A.I.R. per migliorare le cure delle bambine affette dalla Sindrome di Rett. L’impegno è quello trasformare il lavoro dell’Istituto don Calabria in un modello che possa essere condiviso da diverse regioni europee in una filosofia di collaborazione e di confronto.

L’ACLI PROPONE UN CORSO PER OPERATORI PROFESSIONALI E FAMILIARI DEI MALATI

Conoscere l’Alzheimer Formare e informare. Questo il duplice obiettivo del corso organizzato dalla cooperativa sociale Centro Assistenza Familiare Acli che prenderà il via il 4 marzo e vuole approfondire i problemi legati al terribile morbo di Alzheimer. Il corso si rivolge a operatori, volontari ma soprattutto familiari di persone colpite

dalla malattia. L’appuntamento per il 4 marzo è fissato per le ore 16. All’incontro interverrà Maddalena Gasparini, neurologa ambulatoriale dell’ospedale di Sesto. Gli incontri si svolgeranno presso il Centro Socio Culturale Coop di viale Italia 51. La partecipazione è gratuita; per info tel. 022620775.

BANDO “CAMPARI”: 74 RICHIESTE PER 28 ALLOGGI IN CONVENZIONE

Boom di domande per le case Sono 74 le domande giunte al Comune per assicurarsi una delle nuove case in edilizia convenzionata che saranno costruite tra viale Gramsci e via Ariosto nell’ambito del “Piano Campari”. Tra le richieste protocollate, 13 sono di famiglie di nuova formazione, 26 di persone sole anche con minori, 1 di persona soggette a provvedimento esecutivo di sfratto per finita locazione, 1 da una famiglia con soggetti portatori di handicap permanente e 1 di un nucleo familiare in crescita. Tra questi l’Ufficio Osservatorio Casa del Comune sceglierà nei prossimi giorni i 28 “fortunati” che potranno acquistare un alloggio ad un prezzo me-

dio fissato a 2300 euro al metro quadrato. Chi è rimasto escluso potrà sperare di rientrare in futuro oppure di partecipare ad uno dei prossimi bandi in quanto la graduatoria stilata sarà valida per i prossimi tre anni. L’inizio dei lavori è previsto a marzo.

FORUM

•••



Rotary e scuole contro la droga Minore coesione familiare, un contesto sociale che lancia sfide e messaggi fuorvianti, le difficoltà di controllo sulle tecnologie della comunicazione. Sono queste alcune delle cause che portano alla diffusione della droga tra i più giovani; almeno stando ai dati emersi durante il convegno “Giovani e droga: l’importanza della prevenzione”. Il forum, che si è tenuto a Sesto San Giovanni nei giorni scorsi, era stato organizzato dal Rotary Club Sesto Cinisello, con la collaborazione della Bcc e con l’importante presenza di Aidd Onlus, l’Associazione italiana contro la diffusione della droga. L’evento rientra in un progetto più ampio che il Rotary Club Cinisello Sesto San Giovanni, con il supporto fondamentale di Aidd Onlus, sta sostenendo nelle classi quinte elementari delle scuole Martiri della Libertà con la collaborazione di psicopedagogiste che forniscono ai genitori, docenti ed alunni itinerari pedagogici di approccio al problema droga. “L’obiettivo è quello di ottenere una forte correlazione tra famiglie e scuola finalizzata alla prevenzione primaria e alla promozione di corretti stili di vita - spiega il dottor Valentino Lembo, presidente Rotary e direttore sanitario dell’ospedale di Sesto San Giovanni -. L’auspicio è quello di lavorare insieme, istituzioni, famiglie e enti solidali per contrastare e ridurre gli effetti devastanti del disagio giovanile, con strumenti utili e efficaci ed azioni rapide come l’incalzare dei tempi attuali”. Presenti al forum, tra gli altri invitati al tavolo, oltre al primo cittadino sestese Giorgio Oldrini, la dottoressa Annamaria Falco, direttrice scolastica dell’istituto scolastico Martiri della Libertà.


10

 

2 Marzo 2011

RIORGANIZZAZIONE ALSTOM

Economia PROGETTI

 Quarantottomila lavoratori europei hanno votato a favore della riorganizzazione del gruppo Alstom, che ha una delle sedi più importanti

d'Italia a Sesto. Per Fiom e Fim su 1.158 votanti (italiani) al referendum, 1.082 hanno scelto il si' e soltanto 63 il no.

IL COMUNE SNOBBA IL BANDO REGIONALE E PUNTA SUL PROGETTO DI BIZZI CHE PARTIREBBE NEL 2012

La stazione della discordia Dalla Regione fondi per ristrutturarla ma il sindaco Oldrini declina l’invito di Viola Bai Mentre Bizzi e soci lavorano per gli ultimi dettagli dell’accordo che dovrebbe cedere ai nuovi padroni delle ex Falck l’area della stazione, la Regione decide di riqualificare gli scali coinvolgendo associazioni no profit o società. Il Pirellone ha infatti sottoscritto, nei giorni scorsi, un accordo con Rfi e Ferrovie Nord per concedere gli scali ferroviari in comodato, in accordo con le amministrazioni comunali: eventuali locali liberi vengono assegnati ad associazioni cittadine, che in questo modo rivitalizzerebbero tutto lo spazio. L’elenco delle stazioni stilato dalla Regione è lungo e comprende anche quella sestese di piazza Primo Maggio. Il sindaco Giorgio Oldrini, però, ha già fatto sapere che declinerà l’invito.

“È da tanto che discutiamo della riqualificazione della stazione, che obiettivamente è in pessime condizioni - spiega il primo cittadino -. Ma ormai non avrebbe più senso con il progetto Falck, che partirà proprio dalla vecchia stazione”. Lo scalo è considerato infatti il fulcro della trasforma-

zione delle aree dismesse più grandi d’Europa: demolito quello odierno, quello nuovo sarà ricostruito a scavalco dei binari, così da unire le due parti della città. “Non credo che si possa chiedere a un operatore privato di farsi carico dei locali vuoti della stazione, facendo magari anche qualche investi-

mento - continua Oldrini -. Di qui a qualche mese potrebbero iniziare i lavori di demolizione”. Cantieri aperti nel 2012, primo lotto in consegna per il 2015 - in tempo per l'Expo -, per la nuova stazione ci vorranno tre anni, promettono Bizzi and company. L’accordo con le Fs non si è ancora tramutato in un’inte-

sa scritta ma, a quanto pare, poco ci manca: le Ferrovie cederanno alla cordata l’area di 100mila metri quadrati e in cambio ne avranno una nuova e avveniristica. Di vetro e cristallo, la nuova stazione a ponte sarà in gran parte trasparente e sarà il primo cantiere aperto, che lancerà la trasformazione delle ex acciaierie.

 NUOVO BANDO PER GLI EX MAGAZZINI GENERALI

Mage cerca nuove idee per fare impresa Tre nuovi progetti troveranno casa al Mage. Dopo l’inaugurazione degli spazi degli ex magazzini generali che hanno ripreso vita con il progetto Made in Mage, sono arrivate agli uffici tantissime nuove richieste per poter riaprire il bando e assegnare nuovi spazi. Ecco così il secondo invito alla creatività rivolto ad artisti, creativi, designer, artigiani, associazioni culturali e cooperative impe-

gnate nella moda e nel design sostenibile. Parola d’ordine: critical fashion; questo il filo rosso che lega le aziende che già operano presso il Mage. I progetti devono essere inviati entro e non oltre le ore 12 del 19 marzo all’indirizzo di posta elettronica info@temporiuso.org: i tre nuovi progetti entreranno nella grande famiglia del Mage con uno spazio in comodato d’uso fino alla fine del 2013.

LA SVIZZERA BARBARA FREI È IL NUOVO COUNTRY MANAGER DELL’IMPRESA

OLDRINI HA FATTO DA GUIDA NELL’EX AREA INDUSTRIALE

Abb punta tutto sulle energie pulite

Gita della Provincia tra i futuri siti Unesco

Fatturato in crescita e un premio da Confindustria Rosa e verde sono i colori di Abb Italia, che ha sede centrale nel Blue Building di via Lama. Rosa perché a capo dell’azienda è arrivata Barbara Frei, svizzera e nuova country manager. Verde perché il motto rimane “Efficienza e affidabilità nel pieno rispetto dell’ecosistema”. Abb punta sulle energie pulite, soprattutto su quelle ancora poco usate nel Bel Paese, come il solare e l’eolico. Il gruppo è leader nelle tecnologie per l’energia e l’automazione e ha chiuso il 2010 con 2.462 milioni di euro, registrando un bel + 16 per cento sul 2009, e un ordinato di 2.242 milioni. “L’impegno di Abb è nel rinnovamento energetico - spiega Frei -. All’estero esportiamo molto made in Italy: quadri di alta e bassa tensione, trasfor-

matori e rilevatori di fiamma, che sono i nostri prodotti di eccellenza che trovano larga diffusione anche in Cina”. Recentemente Abb Italia ha ricevuto da Confindustria un premio per essersi imposta come azienda protagonista della storia industriale del Paese durante quest’ultimo secolo.

Gita fuori porta per le commissioni consiliari Affari istituzionali e Cultura della Provincia di Milano, sulle tracce dell’ex città delle fabbriche. Il sindaco Giorgio Oldrini a fare da cicerone, il gruppo ha visitato parte dei 37 siti che sono stati candidati dall’amministrazione a patrimonio dell’umanità: il Parco Breda, la nuova sede della Campari, il Villaggio Falck, le aree Concordia e Unione e infine il MaGe. “Questa iniziativa conferma il nostro appoggio all’ammi-

nistrazione di Sesto - ha commentato Bruno Dapei, presidente del Consiglio provinciale -. Considero questa giornata un’altra tappa di un percorso nel quale ci sentiamo coinvolti. Il nostro appoggio è fondato su una reale e fattiva volontà di collaborazione”. Soddisfatta anche Barbara Calzavara, presidente della commissione Affari istituzionali. “La candidatura all’Unesco è un progetto che porterà vantaggi in termini di prestigio a tutto il territorio provinciale”.


2 Marzo 2011

Volontari L’APPELLO



 11

CAMPO DI VOLONTARIATO Lavorare come volontari a contatto con la natura: la pagina Informagiovani del comune di Sesto invita i giovani della città a partecipare a

ADA GARATTI, PRESIDENTE DI SOS, HA DATO VITA ALL’ASSOCIAZIONE SESTESE

Sos: “Servono nuove leve”

un campo di lavoro nel Parco Nazionale d’Abruzzo, Molise e Lazio dal 17 al 20 marzo. Per info visitare il sito web Informagiovani.

LA FESTA Un maxi evento il 19 giugno

•••



Nel 35° anniversario arriva il gemellaggio con Avis di Andrea Guerra Sono passati trentacinque anni da quando a Sesto è nata l’Sos. Correva l’anno 1976 e un gruppo di persone, recependo i bisogni della città, fondò un’associazione apartitica basata sul volontariato. “Era il 1975 quando mi buttai in questa avventura - racconta Ada Garatti, oggi presidente dell’associazione sestese, ieri, trentacinque anni or sono, una delle tante volontarie che diedero vita alla sezione -. Rispondendo a un appello lanciato dalla Sos di Milano che cercava volontari per la sede di Sesto cominciai la mia vita da volontaria”. Madre di due ragazze di 25 e 19 anni, impiegata amministrativa part time in una piccola azienda della città, Ada è presidente dell’Sos di Sesto San Giovanni dal 2005. “Sono diventata presidente in sostituzione del presidente dimissionario. Ero la consigliera più anziana e alle elezioni associative sono stata scelta per guidare l’associazione”. Quello che tiene insieme la vita di Ada e allo stesso tempo la vita di tutta l’associazione sestese è in fondo un sentimento comune: la voglia di fare volontariato, la voglia di regalare parte del proprio tempo per il bene degli altri. Una voglia che in entrambi i casi dura da 35 anni: “Oggi come sempre, fare il volontario in Sos significa dedica-

re il tempo libero per le attività di una associazione che pensa agli altri senza pause, 24 ore al giorno, 365 giorni l’anno”. L’attività principale dell’Sos resta quella di primo soccorso, sotto la coordinazione della Centrale operativa del 118 di Milano. “Ma le nostre attività non si esauriscono qui - aggiunge Ada -. Ci sono i trasferimenti, le dimissioni ospedaliere, e poi i corsi per i cittadini, le manifestazioni di piazza, i servizi di assistenza per i disabili o durante le manifestazioni sportive e anche le raccolte fondi. Essere soccorritore della pubblica assistenza Sos vuol dire unire efficenza e professionalità”.

La storia dell’Sos si lega profondamente alla storia della città e dei suoi abitanti: ecco perché l’associazione ha deciso di condividere la gioia di questo importante traguardo con tutta la cittadinanza, stilando un programma di iniziative ed eventi (anche benefici) per festeggiare la ricorrenza. Oltre alla felicità per i traguardi raggiunti, anche un occhio al futuro, e un appello, in risposta a un bisogno che oggi si sente più di ieri: “Noi puntiamo sui giovani. La nostra è una realtà associativa che riunisce diverse generazioni. Per questo invitiamo i ragazzi ad avvicinarsi al servizio di volontariato in Sos: noi crediamo nel loro entusiasmo e nella loro energia. Abbiamo bisogno di nuove leve per continuare ad operare e a prestare servizio per la città”.

Trentacinque anni, 90 volontari, 8 dipendenti, 5 volontari del Servizio Civile e 15 nuove persone in formazione che al termine di un corso di 120 ore diventeranno soccorritori del 118. Questi alcuni dei numeri dell’Sos che per l’occasione della ricorrenza dei 35 anni di attività ha previsto alcuni momenti speciali: oltre a due manifestazioni che si sono già svolte con ottimo successo, il prossimo 12 marzo in sala consiliare si terrà la cerimonia di gemellaggio con Avis. Il 19 giugno invece una festa grandissima che, stando alle previsioni, coinvolgerà oltre 10mila persone. Stand, balli e musiche, una mostra fotografica ma anche un banco informativo, una simulazione di soccorso e l’inaugurazione della nuova ambulanza che sarà donata all’associazione dai Lions. Il programma completo dell’evento sarà diffuso nei prossimi mesi.


12  



2 Marzo 2011

CINEMA E VINO INSIEME AL CGS RONDINELLA

Cultura Super lettori da premio

Oltre sessanta libri in poco più di due mesi: questo l’incredibile risultato raggiunto da tre piccoli lettori sestesi che hanno partecipato al concorso “Superelle”. Loro sono Stefano, Sofia e Arianna, che con altri 90 alunni delle scuole sestesi hanno partecipato al concorso indetto dal Consorzio bibliotecario nordovest in collaborazione con il Comune di Sesto.

in BIBLIOTECA

•••

CONCORSO

Il piacere di guardare un bel film per poi concludere la serata con la degustazione di un vino pregiato. L’iniziativa è del Cgs Rondinella, che da lunedì 7

LIBRI ANCHE ON LINE

Crescono i prestiti Un giornale americano diceva che nel giro di 3 anni i libri e i giornali sarebbero scomparsi. A Sesto la previsione non sembra funzionare: la biblioteca ha registrato un aumento di tesserati e di prestiti. “Siamo a 184 mila prestiti all’anno e a 7000 tesserati”, spiega la responsabile Tiziana Gatti. “Abbiamo spostato l’emeroteca nella sede centrale e stiamo già pensando all’avvento dell’ebook con la ‘Media library on-line’: un servizio che permette di consultare libri, film e file musicali”. Per ora però, si preferisce ancora il buon vecchio libro stampato.

SI CHIUDONO LE ISCRIZIONI PER IL SESTO MUSIC FESTIVAL

Giovani musicisti cercasi Mancano pochissime ore alla chiusura delle selezioni per il prossimo Sesto Music Festival. La seconda edizione si terrà dal 24 al 26 giugno in piazza Indro Montanelli e vedrà come protagoniste le band giovanili della città. Il festival ha infatti come fine quello di ricercare e promuovere giova-

ni talenti musicali del territorio. Le iscrizioni si chiuderanno il 5 marzo: gli aspiranti partecipanti dovranno far pervenire la domanda a SpazioArte -sale prova comunali, in via Maestri del lavoro. Il modulo di iscrizione è scaricabile dal sito comunale.

EVENTO

marzo organizza quattro incontri di degustazione con Massimo Zanichelli, curatore della “Guida dei vini” dell’Espresso. Per info www.cinemarondinella.it.

IL COMUNE DEDICHERA’ UN PARCO ALLA POETESSA MILANESE

La grande Lucia Bosé in tournée a Sesto L’attrice reciterà le poesie della Merini di Stefania Fortunato Sul suo arrivo in città c’è ancora mistero, ma la notizia è ormai certa, visto che è stata lei stessa ad annunciarlo da Madrid in una intervista per un quotidiano nazionale italiano. Partirà da Sesto San Giovanni la tournée italiana di Lucia Bosé, icona del cinema nostrano, moglie del matador per eccellenza Luis Miguel Dominguin. Grazie alla sua voce e alle sue doti recitative rese famose dalla sua carriera di attrice, alla veneranda età di 80 anni, sarà proprio lei a far riscoprire la bellezza e il fascino dei versi della poetesse milanese Alda Merini. Con Lucia Bosé sul palco ci sarà anche Giovanni Nuti, che negli ultimi anni ha affiancato la Merini nello spettacolo musicale e teatrale ‘Il poema della Croce’tratto dall’omonimo libro pubblicato nel 2004. “Con la Merini abbiamo in co-

mune la città e l’anno di nascita, il 1931, oltre che il vizio del fumo - ha dichiarato la Bosé nell’intervista rilasciata nelle scorse settimane -. Ho tradotto i suoi poemi, però mi rifiuto di leggerli in spagnolo. Sarebbe come recitare Garcia Lorca in italiano: un delitto”. Secondo quanto dichiarato dalla stessa Lucia Bosé, il suo arrivo a Sesto San Giovanni, che dovrebbe coincidere proprio con l’inizio della tournée italiana della prossima estate, ha un significa-

to molto particolare: in città sarà intitolato alla poetessa milanese scomparsa nel novembre 2009 un parco pubblico in via Confalonieri, nel Quartiere 1 Rondò Torretta. Sull’arrivo in città dell’attrice e di Giovanni Nuti con il loro spettacolo tra la primavera e l’estate, per il momento non c’è ancora nessuna conferma da parte del Comune, ma in base a quanto dichiarato da Lucia Bosè sembra che la cosa sia ormai certa.

MATTEO MALTECCA, MUSICISTA PER PASSIONE E FONDATORE DEI SCARLET DIVA

Da Sesto a Genova con la musica nel cuore

La musica gli scorre nel sangue, per il suo sogno l’ha realizzato a Genova, dove si è trasferito e ha trovato un gruppo di amici con cui scalare le classifiche. Ma alla fine non è riuscito ad abbandonare la sua Sesto, che ha ritrovato dopo quasi dieci anni di lontananza più a misura di giovani e mu-

sicisti, anche se ancora un po’ ‘dormiente’. Matteo Maltecca, classe 1983, ex allievo della scuola di musica Donizetti di Sesto, è tornato l’anno scorso nella sua città natale dopo una lunga esperienza di studio a Genova. Qui nel 2006 ha fondato la band “Scarlet Diva” con Enrico Chiesa e Gianluca Benvenuti con i quali continua a suonare facendo la spola tra Genova e Sesto San Giovanni (sul sito www.scarletdiva.it si possono ascoltare assaggi del loro album d’esordio “Nel Sole”). “Dopo tanti anni, tornando in città ho notato uno spirito diverso, un’aria nuova, più spazio per i giovani, la cultura, l’arte e la musica - racconta Matteo . Anche l’amministrazione comunale si

è data molto da fare. Tra le cose più riuscite, secondo me, c’è il Carroponte: uno spazio che ha sdoganato la musica sestese e ha reso la nostra città un punto di riferimento per gli artisti milanesi”. Ma Sesto non è ancora una città a del tutto a misura di musicista: “Ci sono poche sale prova, molto costose e spesso con attrezzatura poco funzionale. Se dovessi esprimere un desiderio, mi piacerebbe che il Comune puntasse di più sui ‘talenti nostrani’: ce ne sono molti, soprattutto tra gli ex allievi della scuola Donizetti, ma questa illustre presenza non è mai stata valorizzata. Spero poi che in futuro si organizzino manifestazioni e spettacoli tutti dedicati alle band locali”.

La storia della città di ieri e di oggi, raccontata dai suoi protagonisti: i sestesi. Se vuoi condividere la tua esperienza, contatta la redazione de La Gazzetta: ne parleremo insieme davanti a una tazza di caffè. Scrivi a: redazionegazzetta@gmail.com o chiama il numero 02.26263432


2 Marzo 2011



• Municipio 02.24961 comune.sestosg@legalmail.it • Polizia 02.2488211 • Carabinieri 02.24121300 • Polizia Locale 02.249191 polizia_locale@sestosg.net • Vigili del Fuoco

Week end

02.22475433 vvfsesto@yahoo.it • Guardia Finanza 02.22470037 • Ospedale 02.262571 protocollo@pec.icp.mi.it • Multimedica 02.242091

APPUNTAMENTI in città

Cinema



21.15 Cineteatro Rondinella di viale Matteotti, ingresso 4 euro.

SABATO 5 MARZO

Cgs Rondinella – “Le avC venture di Sammy, il passaggio segreto”, cartone di animazione per la rassegna “Un cinema per amico” dedicata ai bambini dai 5 anni. Ore 15.30 Cineteatro Rondinella di viale Matteotti, ingresso 3 euro.

Mostre



SABATO 5 MARZO

Archivio Sacchi – “MicroA giardini in mostra”, esposizione dei lavori che hanno partecipato al concorso. Per tutta la giornata i progettisti guideranno i visitatori. L’esposizione sarà aperta fino a lunedì 7 marzo dalle 10 alle 13 e dalle 14 alle 18 allo Spazio Mil di via Granelli. MARTEDÌ 8 MARZO

LUNEDÌ 7 MARZO

Cgs Rondinella – “TamaC ra Drewe - Tradimenti all'inglese”, di Stephen Frears. Ore 21.15 Cineteatro Rondinella di viale Matteotti, ingresso 4 euro.

FFototeca Casiraghi – “Stazione”, esposizione delle opere dei Franco Donaggio, fotografo veneziano. Dalle 10.30 alle 18 alla Civica fototeca di via Dante da martedì a venerdì, sabato dalle 9.30 alle 12 fino al 12 marzo.

Eventi

LUNEDÌ 14 MARZO



VENERDÌ 4 MARZO

C g s R o n d i n e l l a – “Noi C credevamo”, per la rassegna Cinefestival, selezionato alla mostra di Venezia. Ore

C g s R o n d i n e l l a – “VilC lain e serial killer”, prima lezione di quattro alla sco-

perta della rappresentazione del male nel cinema di tutti i tempi. Alle ore 21 al Cineteatro di viale Matteotti. Per iscrizioni: 02.22478183.

trino dell'Allodola per la Festa della donna. Ore 21 allo Spazio Mil di via Granelli, entrata gratuita.

13

• Az. Farmacie 02.2483515 • ATM Milano 800.016857 relazionipubbliche@atm.mi.it • Guardia Medica 840.500092 02.34567

VETRINA

•••



Non solo mimose per l’8 marzo rose e tulipani

DOMENICA 6 MARZO GIOVEDÌ 10 MARZO

Centro Socio Culturale C Coop – “Pascua lama – Cile, ultima fermata”, dibattito sul progetto di distruzione di ghiacciai in Cile per accedere a giacimenti di oro e argento, nell’ambito della rassegna “Sotto il segno dell’acqua”. Alle ore 20.45 nella sede del Centro socio cultuale di viale Italia. SABATO 12 MARZO

Aula consiliare - CerimoA nia di gemellaggio tra l’associazione Sos e l’Avis. Nella sala del consiglio comunale del Municipio in piazza della Resistenza.

Spettacoli



MARTEDÌ 8 MARZO

SSpazio Mil – “Molly Bloom”, Spettacolo del Tea-

SSpazio Mil – “Lo scherzo”, spettacolo della compagnia “Baby gang”, in replica fino al 13 marzo nell’ambito del progetto “Pul – non è un teatro per vecchi”. Prima dello spettacolo, due interventi teatrali: “Caligola, l'impero colpisce (ancora)?” di Valentina Scuderi e “Bellumusconi, una favola comico-tragica” di Nicolò Columbano. Ore 21 in via Granelli; per prenotazione biglietti 345 6216226 , biglietteria.pul@gmail.com. MARTEDÌ 15 MARZO

Cgs Rondinella – “Nati in C casa”, della compagnia “La Corte Ospitale”, per il ciclo “Teatro necessario – terza edizione”. Ore 21 Cineteatro Rondinella di viale Matteotti, ingresso 7 euro (per prenotazioni: 02.22478183).

Se hai un evento da segnalare invia una email a redazionegazzetta@gmail.com

A San Valentino le rose hanno spopolato: piccole e rosse, classiche, tradizionali. I sestesi si riscoprono romantici, e quando si tratta di amore, i fiori non sono mai fuori moda. Lo sa bene Angela Lorusso, fiorista, titolare del chiosco in Rondò. Alle spalle più di quarant’anni di attività familiare tra fiori e piante. E da sette anni l’apertura del chiosco in piazza della Repubblica. “Nella festa degli innamorati le rose hanno spopolato, ma dipende molto dai gusti - spiega Angela -. Sono andati molto anche i mazzi di fiori, le piante e le orchidee”. In avvicinamento, la Festa della Donna che, da che mondo è mondo, fa da sempre rima con “mimosa”. “A chi non piacesse la mimosa consiglio i mazzi di fiori primaverili, con tulipani e roselline. Sono sicura che ad una donna farà comunque molto piacere, forse anche di più della mimosa”.

 LE LETTERE ALLA GAZZETTA

In questa rubrica La Gazzetta pubblica le lettere giuntein redazione. Vi raccomandiamo di inviare i vostri scritti via email all’indirizzo: redazionegazzetta@gmail.com Verrano pubblicate integralmente solamente le lettere che non supereranno le 1.200 battute.

I problemi di inquinamento di chi abita in via Padova

I rincari delle tariffe dei bus continuano a far discutere

Molto bella l’ordinanza del nostro sindaco di abbassare il riscaldamento per combattere l’inquinamento. Ma cosa si può fare per chi abita di fronte alla via Padova (3 condomini e una scuola materna) dove quasi tutti i giorni i camion Co.Re hanno eletto a punto raccolta (contati al giovedì fino a quattro tutti insieme) soggiornano con i motori accesi per varie ore ci fanno fare l’aerosol di veleni? Sono forse categoria protetta? I gas che producono fanno bene ai polmoni dei bambini? Dal Co.Re nessuna risposta, forse a voi rispondono. Grazie.

Dopo le proteste sugli aumenti delle tariffe dei mezzi pubblici interurbani apparse lo scorso autunno e le stesse riapparse in questi giorni sui giornali locali di Sesto, mi unisco al “coro” col mio esempio, sperando che possiate raccogliere valanghe di queste testimonianze con le quali sommergere le scrivanie dei responsabili di tali abusi e poter ottenere tutti qualche vantaggio. Leggo che dal 1° febbraio 2011 vengono applicate delle agevolazioni sugli abbonamenti dal 2° figlio in su. Ben venga, ma chi di figlio ne ha uno solo cosa deve fare? Subire e basta?

lettera firmata

Ho un figlio studente che utilizza appunto il mensile studenti 1a fascia il cui costo, dal 1/9/2010, è passato da 21,00 euro a 24,50 euro, con un aumento del 16,50%!! Pur considerando l'adeguamento di 2 annualità (1,48% per il 2009 e 0,91% per il 2010, come indicato su alcuni giornali locali) si arriverebbe a 21,52% (arrotondamenti compresi). Come si giustificano i 24,50%? Perché le famiglie, oltre a subire il salasso dei costi per iscrizioni scolastiche, libri, cancelleria, ecc. devono subire anche gli aumenti indiscriminati imposti dall'azienda dei trasporti? Se un aumento ci deve essere, che sia ragionevole, non da strozzini. M.G.F., Sesto San Giovanni


14  

 SARA FOSSATI ANCORA SUL PODIO

Sport

Si conferma in piena forma Sara Fossati, giovanissima ginnasta sestese che milita da diversi anni nella Ginnastica ProLissone. Nella prima

in BREVE

ESORDIENTI ‘99 E I PULCINI 2001PRIMI NELL’INVERNALE

Campioni d’inverno Nel primaverile gironi difficili contro le big di Andrea Guerra

Torna a vincere il Geas

Ritorna a vincere il Bracco Geas; dopo i due ko consecutivi contro Parma e Schio, le rossonere sestesi guidate da coach Montini si sono presentate a Faenza con la voglia di vincere e hanno strappato due punti fondamentali per la corsa ai play off. Una squadra in ottima forma e una Haynie strepitosa hanno regalato al pubblico e ai tifosi sestesi l’enne-

sima rimonta stagionale. Alla sirena finale il tabellone si è fermato sul punteggio di 85 a 77 per il Geas. Domenica la sfida contro Umbertide, a pari punti con le rossonere in classifica.

La Pro caccia Grassini

•••

Dopo la vittoria del campionato primaverile, gli Esordienti 1999 del Città di Sesto hanno stravinto anche il girone invernale di questa nuova stagione sportiva. Campioni in carica, i ragazzi di Alessandro Bertinazzi, mister, responsabile di tutto il settore giovanile e anche copresidente della società, hanno vinto in scioltezza il girone 18 del campionato Figc a nove. Tutt’altra musica invece nel nuovo girone primaverile che vede i giovani sestesi impegnati con le big quali Milan, Inter e tante altre. “Sono dolori - spiega Bertinazzi -. Abbiamo sempre vinto in scioltezza e adesso ci troviamo a giocare con tutte le squadre più forti. Però credo che sia una bella esperienza, perché è così che si cresce: nonostante anche noi avessimo avuto tante difficoltà, non si può sem-

prova del torneo allieve di ginnastica artistica Sara si è guadagnata la medaglia d’argento al termine di una gara da incorniciare.

•••

CITTÀ DI SESTO

2 Marzo 2011

pre vincere in scioltezza. Così i ragazzi imparano a perdere a confrontarsi con avversari più forti”. Stessa sorte anche per i Pulci-

ni 2001: dopo aver dominato lo scorso invernale sono ora inseriti in un girone difficile contro i grandi club del pallone nostrano.

E’ bastato il secondo pareggio consecutivo per esonerare il mister Fabio Grassini. Dopo l’1 a 1 contro il Dalmine i presidenti Milos e Nava hanno deciso di affidare le sorti della Pro a Giuliano Melosi, ex numero 4 della società. L’Arcene allunga il passo in classifica,

staccando la Pro di due punti. Il prossimo turno vede i biancocelesti impegnati contro il Mascagni.

LA SALTATRICE SESTESE DEL GEAS, CLASSE 1991, SECONDA AD ANCONA

Vitobello, argento agli assoluti Vanzillotta: “Gara perfetta; ora puntiamo alto” Ancora sulla pedana di Ancona, ma stavolta per i Campionati nazionali assoluti. Dopo il bronzo ai Tricolore Giovanili con 1,81 metri, Chiara Vitobello conquista l’argento con un balzo da 1,86 metri. Il titolo italiano se lo porta a casa la bergamasca Raffaella Lamera. “E’ stata una gara perfetta, Chiara non ha mai saltato così bene”, commenta soddisfatto Roberto Vanzillotta, presidente e allenatore del Geas Atletica. Per la saltatrice in alto rossonera si tratta della medaglia più pesante conquistata fino a oggi. “Un argento assoluto vale certamente di più di un oro ai campionati italiani giova-

nili. E’ vero, mancavano Antonietta Di Martino, Elena Vallortigara e Alessia Trost. Ma sul palmares leggiamo solo la medaglia, non le assenze”. Solo un paio di giorni per riposare, l’altista sestese è già tornata ad allenarsi al campo Dordoni.

Associazione Culturale A.R.C.I di formazione e benessere Organizza Corsi e seminari: Yoga - pilates - feldenkrais - tai chi chuan - danza del ventre - teatro training autogeno - danza contemporanea - linfodrenaggio - difesa personale

Via Corridoni, 144 - 20099 Sesto San Giovanni (Mi) Tel./fax 02.2403960


2 Marzo 2011

F NUOVO “LOOK” PER IL GEAS L Il sito Geas Basket si è rifat- capi di abbigliamento e gadil look con la nuova sezio- get a marchio Geas. Con i fonA to ne “Geas look”. Si tratta di di raccolti la cooperativa S una idea della Cooperativa vuole organizzare iniziatiH Amici del Geas per offrire ve sportive e di solidarietà.

POSAL BASKET

 Sport15

TROFEO SCI ALPINO Chiudono il 9 marzo le iscrizioni per il trofeo annuale di sci organizzato dalle società sportive sestesi. Il 27 febbraio si è tenuta la gara di sci nordico. Il 13 mar-

ANDREA FAGNANI, PORTABANDIERA DEI BIANCOVERDI SESTESI

Un sogno chiamato playoff

zo invece è prevista la competizione di sci alpino. Le iscrizioni sono gratuite e vanno presentate presso le sedi di Geas Sci, GS Alpini, SES e Libertas.

•••



Pro Sesto

Un torneo di calcio per i 150 anni d’Italia

“Squadra giovane; ma non parlo mai di retrocessione” di Viola Bai Un gruppo così era da anni che non si vedeva. Perché la Bcc Posal Basket di questa stagione è stata la rivelazione del campionato di serie C2. Salva l’anno scorso per un pelo, oggi è a metà di una classifica costellata da “big”. E una l’ha pure battuta: Davide contro Golia, i sestesi sono infatti usciti vittoriosi dallo scontro contro la co-

razzata della Pallacanestro Milano. Squadra giovane e pimpante, nel gruppo di veterani a disposizione dei coach Luca Fontanini c’è Andrea Fagnani. E’ lui l’uomo al quale affidare la palla nei minuti finali, quelli decisivi, vista la mano glaciale dalla lunetta e la tendenza a infilare la tripla al momento giusto della partita. Classe 1986, il playmaker gioca sotto canestro da 18 anni. “Ho iniziato in prima elementare alla Posal - racconta il portabandiera del club -. Anche se il primo ricordo legato alla pallacanestro è il canestrino appeso in camera e le interminabili sfide tra me, mio fratello e mio papà. E il fatto che non vincevo mai!”. Le finali nazionali giocate con Milano ai tempi dei cadetti e le finali under 21 con la Posal i momenti più esaltanti, “Faga” è il giocatore della prima squadra con più anni passati nel club biancoverde. “Da due anni a questa parte è cam-

biata l’idea della Posal: oggi è quella di puntare sui giovani, cosa che non è così facile da trovare nel mondo dello sport”. Sogni di gloria, per questo campionato, non ne fanno. “Quest’anno siamo una buona squadra: giovane, con talento e con molti aspetti ancora da migliorare. Dico sempre che bisogna rimanere con i piedi per terra, essendo una squadra giovane e ancora un po’ inesperta”. Campionato molto equilibrato, le superfavorite alla promozione sono “la Pallacanestro Milano, Bernareggio e l’ Urania. Per l’ultimo posto disponibile ce la giochiamo tutti. Di retrocessione non mi piace parlare, non rientra nella mia mentalità”. Laureato in Scienze Motorie alla Cattolica di Milano, adesso Fagnani sta studiando Osteopatia. Sul parquet il sogno rimane uno solo: “Riuscire a rifare i playoff prima di smettere di giocare a basket”.

 CAMPIONATO Prima squadra ancora vincente La Bcc Posal riscopre il gusto dei due punti, anche se sul fil di sirena. Il match contro l’Ebro Basket ha visto i sestesi sempre davanti in tutte e quattro le frazioni di gioco, anche se l’equilibrio

di gioco è sempre rimasto costante. Punteggio finale: 60 a 58. Vittoriosi anche i giovani dell’under14 che hanno battuto i cugini di Bresso nell’ultima gara giocata domenica.

Anche la Pro Sesto festeggia l’Unità d’Italia. La storica società di calcio sestese ha infatti organizzato un torneo di calcio dedicato ai più piccoli che si disputerà il prossimo 17 marzo, proprio in concomitanza con i festeggiamenti per le 150 candeline dell’unità del nostro Paese. I protagonisti del “Primo trofeo Fratelli d’Italia” saranno i giovani atleti di 9 e 10 anni: “Come presidente della Pro mi piacerebbe poter organizzare un grande evento sportivo per i bambini della città”, aveva dichiarato il presidente Milos qualche settimana fa. E quindi, il sogno diventerà presto realtà grazie anche alla preziosa collaborazione della Banca di Credito Cooperativo di Sesto San Giovanni e al patrocinio dell’amministrazione comunale. Il torneo prevede una serie di sfide incrociate tra le categorie “pulcini” delle società sportive che prenderanno parte alla competizione. Molto probabilmente la manifestazione si svolgerà nel pomeriggio, come era nei piani del presidente Milos. Per l’occasione i pulcini della Nuova Pro Sesto indosseranno la maglia con il logo celebrativo ideato proprio per festeggiare i 150 anni dell’Unità d’Italia.

UNA BREVE INTERVISTA AL CAPITANO DELLA LIBERTAS SELECAO, TEAM SESTESE CHE DISPUTA IL CAMPIONATO DI CALCETTO A 5

Loreto, fascia al braccio e “spirito Selecao” “Puntiamo alla promozione, ma amiamo divertirci e stare insieme” Ha iniziato a giocare nella “sua” Selecao quando aveva 20 anni, quando era il “piccolo” del gruppo; adesso la guida con la fascia sul braccio e con tanta grinta in campo. Luca Loreto, capitano della squadra Libertas di calcetto a 5; da piccolo a veterano, da new entry a guida. E nel cuore, sempre, lo spirito “Selecao”. “Ho vissuto in prima persona tutte le vicissitudini della squadra. In tutto non potrò mai dimenticare lo spirito della Selecao: la voglia di stare insieme, l’attaccamento alla maglia e il rispetto per compagni e avversari”. La partita più bel-

la della stagione se la ricorda bene: “Senza dubbio quella contro il Boca: vinto 7 a 2; una prestazione corale impressionante”. Il presente e il futuro? “L’obiettivo è tornare in Serie C; ma prima di tutto amiamo divertirci, perchè dopo una giornata di lavoro e studio giocare a pallone è ancora una delle cose belle della vita”. Nel frattempo, dopo due sconfitte consecutive, la prima squadra ritrova la positività con cui aveva cominciato il 2011 e batte la Cornatese per 5 reti a 3. Giovedì la gara contro il Brugherio per continuare a sperare nei play off.

Direttore responsabile: Rosario Palazzolo Società editrice: C 5 Editori srl Redazione: Piazza (privata) Francesco Caltagirone 18 20099 Sesto San Giovanni (Mi) Tel.: 02.26263432 - Fax: 02.24303038 E-mail: redazionegazzetta@gmail.com Registrazione al Tribunale di Monza n. 1605 del 11.06.02

Concessionaria di pubblicità: Pubblinord s.r.l.: tel.02.26263432 Stampa: Litosud Via Aldo Moro 2 Pessano con Bornago (MI)


16  PubblicitĂ 

2 Marzo 2011



La gazzetta sesto  

Periodico di informazione di Sesto San Giovanni

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you