Issuu on Google+

16 Periodico di attualità, politica, cultura, cronaca e sport - 28 Settembre 2011 - Tel. 02.26263432 - Email: redazionegazzetta@gmail.com

S CUOLA

Aumentano gli studenti ma calano i professori

Cala il sipario sull’Elena Sarà demolito il teatro della "belle epoque" sestese

E’ cominciato nel segno dei tagli il nuovo anno scolastico. In città s’impenna il numero di studenti, mentre i dirigenti denunciano la mancanza di insegnanti e personale Ata. X

X

PAG 9

Il tramonto

A PAGINA 3

MOBI LI TA ’

Raddoppieranno i ticket della sosta a pagamento

La tariffa della sosta passa da 0,50 a 1 euro all’ora. Intanto è stato riassegnato alla cooperativa "Lo Sciame" l’appalto di gestione dei parcheggi e della bicistazione. X

A PAGINA 6

L’inchiesta sestese ha minato la credibilità dei grandi partiti segnando un improrogabile passaggio generazionale nella politica. Per le elezioni della primavera 2012 Sesto chiede una svolta che parta dal basso, dalla società civile

X

ALLE PAGINE 4 E 5

IL LIONS CLUB SOSTIENE ECONOMICAMENTE IL PROGETTO PER CREARE IN OSPEDALE UN AMBULATORIO DI TERAPIA DEL DOLORE

S PORT

Invincibile Pro, sola al comando

La vittoria contro il Corbetta proietta la Pro Sesto in vetta al campionato di Eccellenza. Soli a quota 10 punti; la Sestese insegue a due lunghezze. X

A PAGINA 14

Contributo per un’assistenza più umana Una buona notizia per scacciarne tante di quelle cattive che da mesi affliggono la nostra città. Nei giorni scorsi i soci del Lions ClubSestoCentrohannoconsegnatoall’associazione "Il Sorriso nel cuore Onlus" un contributo per allestire nell’ospedale di Sesto un servizio specialistico medico infermieristico di terapia del dolore nell’intento di gestire i momenti difficili della malattia. L’importo devoluto in beneficenza in parte è stato ricavato durante la "Notte bianca" organizzata nel giugno scorso in Rondinella insieme al compianto don Nunzio. «Con mille difficoltà e con mille ostacoli

cerchiamo di proseguire nel nostro percorso. Siamo convinti che la via del volontariato, come forma educativa, sia quella giusta anche come valore da trasmettere ai giovani», ha commentato il presidente dell’associazione Carlo Degani ringraziando per il contributo. Il presidente dei Lions Gianpaolo Caponi (nella foto con Carlo Degani) nel consegnare il contributo ha lanciato un appello alle istituzioni: «Serve più attenzione al lato umano della persona, alle sue sofferenze ed ai suoi bisogni, per questo estendo a tutti l’invito ad aiutare chi fa volontariato nel sociale».


2 X

XXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXX

28 Settembre 2011

La Gazzetta

LA FOTOGRAFIA DELLA CITTA’ 10 ANNI OR SONO

Sesto doc STORIE SESTESI

XXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXX

SENSO

Erano 78.850 i sestesi nel 2001; questo riportano i dati Istat relativi all’ultimo censimento. 37.718 erano maschi e 41.132 femmine. L’indice di

vecchiaia di 4,17 anziani per ogni bimbo. Gli stranieri erano il 4%.Ora, col nuovo censimento, ci apprestiamo a capire come è cambiata la città

ANNUNZIATA CESANI, DA VENT’ANNI PRESIDENTE DELL’ANPI E ASSESSORE PER 13 ANNI

Una vita da partigiana a Sesto Dalla Resistenza all’impegno nella politica cittadina, la "Ceda" si racconta X

di Stefania Fortunato

Il suo viso è segnato dall’esperienza, tra le mani non manca mai una "bionda" e i suoi occhi puntano dritto in quelli di chi le sta davanti. E’ abituata ad ascoltare le storie degli altri ma ancor di più a raccontare quelle che sono custodite nella sua memoria. Storie che si intrecciano in gran parte con quella della città che l’ha vista arrivare agli inizi degli anni ’50 dalla provincia di Imola dopo la terribile esperienza della guerra. Lei è Annunziata Cesani, da oltre vent’anni presidente dell’Anpi di Sesto, associazione in cui ha deciso di impegnarsi per tramandare ai giovani la sua esperienza da partigiana. Classe 1927 da tutti è conosciuta come "la Ceda", un nome che le ha salvato la vita. «Quando i tedeschi bussa-

X

rono alla mia porta e mi chiesero se conoscevo Ceda, che dovevano catturare, io gli dissi che non sapevo chi fosse. Sui miei documenti c’era il mio nome di battesimo, così riuscii a cavarmela". A Sesto Ceda ci arrivò per amore e qui cominciò la sua carriera in politica che la vide sedere sulla poltrona di assessore a partire dagli anni ’60 per ben tredici anni. Da allora la politica è cambiata? «E’ cambiata come è cambiata la città. Non credo che si possa dire che c’è stato un miglioramento o un peggioramento. E’ oggettivo che S e -

sto, da città di operai e fabbriche, definita per anni "Stalingrado d’Italia", oggi sia un’altra Sesto. La vedo comunque ancora come una città fondata su sani principi, accogliente e all’avanguardia». Rispetto a quanto sta accadendo in questi giorni, al "sistema Sesto", che idea si è fatta? «Aspetto che l’inchiesta si concluda per esprimere un giudizio. Faccio fatica, in generale, a pensare alla mia Sesto come una città in cui i rapporti tra politica e imprenditori siano stati regolati quasi esclusivamente da clientelismo e addirittura tangenti. Il fatto che a livello nazionale il centro destra sia in difficoltà, mi fa pensare che l’attacco a Sesto, baluardo rosso da sempre, sia stato un bersaglio anche troppo facile». In generale, come dovrebbe essere secondo lei il politico ideale? «Onesto prima di tutto, con un amore sincero per quello che fa e con ben in mente che il suo compito deve essere quello di mettersi a disposizione della città. In generale, credo che la politica sia questo: uno strumento al servizio dei bisogni e delle esigenze dei cittadini».

EDITORIALE

Se anche lo sponsor diventa concussione Al di là delle implicazioni giudiziarie, la vicenda della presunta tangentopoli sestese ha posto sotto una nuova luce quella che negli ultimi anni era considerata una consuetudine "innocente" nel rapporto tra istituzioni locali e imprese. Quello sponsor che spesso accompagna la realizzazione di iniziative pubbliche con contributi economici, oggi si scopre essere pericolosamente in bilico tra la "beneficenza" e la concussione. A evidenziarlo nelle loro dichiarazioni rese ai giudici, sono gli imprenditori protagonisti del presunto "sistema Sesto" che più volte hanno inteso i contributi e i favori fatti all’amministrazione comunale-istituzione come dei contentini offerti sotto la pressione del peso che la politica avrebbe potuto esercitare sull’approvazione di appalti e progetti. Non sappiamo se queste pressioni siano state mai esercitate davvero, ma evidentemente le circostanze hanno indotto gli imprenditori a pensarlo. D’altra parte, negli ultimi anni non esiste amministrazione pubblica in grado di finanziare da sola iniziative pubbliche di cultura e spettacolo, di sostenere l’associazionismo sportivo o sociale, di provvedere anche solo alla cura di aiuole e giardini. Forse anche in questo caso occorre un codice etico che regolamenti le sponsorizzazioni e i contributi alle istituzioni, lasciando fuori il rapporto tra la politica e l’impresa.

ROMINA NICOLO’, A 24 ANNI INVENTA IL MARCHIO "I LOVE SHOPPING"

Segnalateci le storie delle imprese sestesi a redazionegazzetta@gmail.com

Dal romanzo alla realtà, la moda diventa impresa

Passione per la moda, determinazione e spirito imprenditoriale. Sono questi gli ingredienti di una esperienza imprenditoriale vincente nata a Sesto San Gio-

vanni nel 2004 e "esportata" a Milano e Provincia. Dietro al marchio "I love shopping" e ai negozi di moda accessibile a tutti che strizza l’occhio alle passerelle, c’è Romina Nicolò, giovanissima imprenditrice che a soli 24 anni (oggi ne ha 31) ha deciso di trasformare il suo "culto" per vestiti e accessori in un lavoro. «L’ispirazione arriva dalla lettura dal romanzo di Sophia Kinsella, "I love shopping", a cui ho dedicato il mio marchio - spiega Romina -. L’idea era quella di creare un negozio dove ragazze e signore potessero trovare abiti

e accessori alla moda comodi, pratici e a costi contenuti». Dal sogno alla realtà per Romina ci è voluto poco: dopo l’apertura del primo punto vendita a Sesto, negli anni il suo marchio è arrivato anche a Cernusco sul Naviglio, Milano e Seregno. Con una formula particolare: «L’idea vincente è stata quella di mettere a disposizione, oltre al marchio, le mie competenze al servizio di giovani che abbiano voglia di provare l’esperienza imprenditoriale. Così chi apre un negozio "I love shopping" con un budget minimo può contare su di me per allesti-

mento, scelta degli acquisti e consigli su come incrementare le vendite». Un team, quello formato da Romina, tinto di rosa, con Alessandra Zino, che si occupa delle vetrine, e Veronica Pagliaro, che gestisce il negozio sestese di via Cesare da Sesto. «Fare squadra è fondamentale dice Romina -. Anche se sono una imprenditrice, mi considero ancora una commessa vicina alle sue clienti: credo che questo sia uno dei segreti per continuare a ottenere buoni risultati e l’apprezzamento di chi si serve da noi».


La Gazzetta

XXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXX

28 Settembre 2011

W 3

XXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXX

TURNOVER ECCESSIVO ALLE MARIO GALLI

Focus

Problemi di continuità alle elementari Mario Galli, dove da anni i genitori si lamentano per il continuo turnover di molte insegnanti,

mai di ruolo. La dirigente scolastica ha promesso ai genitori che la situazione migliorerà entro i prossimi giorni.

Totale studenti scuole primarie e secondarie:

7.792

nella scuola pubblica:

6.587 Anna Frank: 1.061 Primo circolo didattico: 40% studenti stranieri Totale studenti scuole superiori: 3.854 Scuole serali: 374 Scuole paritarie superiori: 1.154

IL CALDO SETTEMBRE DELLA SCUOLA X

di Giulia Pepe

Nonostante questo settembre ancora caldo, per gli studenti sestesi le vacanze sono già un lontano ricordo. Le scuole hanno riaperto le porte già tre settimane fa e alunni, insegnanti e genitori sono pronti ad affrontare un nuovo anno scolastico, tra polemiche e preoccupazioni per la mancanza di fondi, lamentata a tutti i livelli di istruzione. È anche vero che ogni anno gli istituti si trovano a fronteggiare l’aumento del numero di iscritti. Sono di più i bambini e i ragazzi iscritti alle scuole dell’infanzia, alle primarie, ovvero le elementari, e alle secondarie di primo grado, cioé le medie. Il numero complessivo quest’anno è di 7.792, comprese le scuole paritarie. Per quanto riguarda le scuole pubbliche gli iscritti sono 6.587, rispetto ai 6.400 dell’anno precedente. Vince il premio come "scuola più affollata" l’istituto comprensivo Anna Frank, con 1.061 iscritti. È facile pensare che l’aumento della popolazione scolastica sia dovuto in gran parte ai bambini di origine straniera. I ragazzi non italiani sono, mediamente, il 21per cento.

X

La concentrazione più alta si ha al Primo circolo didattico che conta il 40 per cento di stranieri iscritti, in aumento rispetto all’anno scorso, da 266 a 312. Meno numerosi sono i ragazzi delle scuole secondarie di secondo grado, le superiori. Quest’anno il numero di iscritti totale è di 3.854. Sono 374 studenti frequenteranno le scuole serali, contro i 3471 delle scuole diurne. Le scuole

paritarie, invece, contano 1.154 alunni. L’Erasmo da Rotterdam è l’istituto che va per la maggiore con 880 iscritti, al secondo posto il De Nicola con 811. Gli indirizzi più scelti: all’ Erasmo il linguistico, al De Nicola ragioneria, allo Spinelli informatica e telecomunicazioni, al Falck il socio sanitario, mentre all’istituto paritario Breda il liceo scientifico tecnologico.

L’ASSESSORE

«I tagli danneggiano le scuole di Sesto» Due battute con l’assessore alle Politiche educative Monica Chittò. Si parla continuamente di tagli alle scuole di Sesto. Cosa significa in concreto? «Meno posti di lavoro. In tre anni a Sesto, nelle scuole elementari, si sono tagliati 22 posti. Questo ha comportato la morte del tempo pieno, passando alle 40 ore. Non è possibile realizzare le ore di compresenza per le attività più stimolanti che completavano l’insegnamento frontale». Mancano solo gli insegnanti? «No, anche il personale ATA e i dirigenti. Metà delle scuole sono gestite da reggenti che magari si occupano di due istituti comprensivi». Qualcosa di positivo ci sarà però? «Abbiamo terminato i lavori ai giardini della scuola di via Dante, che sono finalmente pronti,e abbiamo fatto un restyling alla scuola Luini. E poi c’è la volontà di non mollare».

GABRIELLA FORGIANINI, PRESIDE DEL PRIMO CIRCOLO DIDATTICO

«Aumentano le classi, calano gli insegnanti. E i genitori imbiancano le aule» L’importanteèandareavanti.Potrebbeesserequestoil mottodellascuolaitaliana negli ultimitempi. Perché nonostante i tagli e la crisi occorre offrire unservizio.ComeintuttaItalia,ancheaSestoSan Giovanni le scuole devono fare i conti con le novità, economiche soprattutto, volute dal Governo. Abbiamo chiesto a Gabriella Forgiarini, preside del Primo Circolo Didattico, come si preannuncia quest’anno scolastico. La scuola è iniziata: ci sono novità?

«Abbiamo cercato di organizzare l’offerta formativa al meglio delle nostre possibilità. Questo nonostante i tagli all’organico ». In che modo? «Abbiamo dovuto modularizzare (cioè creare classi "a modulo", non a tempo pieno ma con solo alcuni rientri pomeridiani, ndr), perché le insegnanti sono di meno. Le classi aumentano e le maestre non bastano». Avete più studenti quest’anno?

«In entrambi i plessi di mia competenza si sono create due prime in più». Gli stranieri sono in aumento? «Moltissimo. Nella nostra scuola il 40 per cento degli studenti è straniero. L’anno scorso erano 266, ora sono 312». Oltre agli insegnanti manca qualcos’altro? «Manca il personale Ata, i bidelli. E questo crea forti disagi, soprattutto nelle scuole dell’infanzia. Noi abbiamo 14 persone per cinque plessi. Come si fa a lavorare così?». Avete fatto dei lavori di ristrutturazione ? «No, le scuole sono rimaste uguali. Fortunatamente abbiamo dei genitori che ci imbiancano le aule. Insomma, si fa quel che si può».


4 X

Focus

XXXXXXXXXXXXXXXXXXXXX

28 Settembre 2011

XXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXX

La Gazzetta

IL 9 OTTOBRE PENATI SARA’ SENTITO DAI GIUDICI Annunciata la data dell’interrogatorio di Filippo Penati. Sarà sentito dai giudici monzesi il prossimo 9 ottobre. La decisione è stata

POLITICA

presa dalla Procura dopo la richiesta dello stesso Penati. «Attraverso i miei legali - ha scritto in una nota - ho chiesto ai procuratori di Monza di essere sentito».

LA CAMPAGNA ELETTORALE RIPARTE TRA INCERTEZZE E POLEMICHE

Le tentazioni dei partiti alle prossime elezioni Il desiderio di un rinnovamento totale si scontra con la difesa dei poteri locali Ricominciare a parlare di politica. Riprendere quella campagna elettorale che era frettolosamente cominciata prima dell’estate e che lo tsunami della tangentopoli sestese ha spazzato via, lasciando praticamente tutti i partiti confusi e disorientati. E’ questo il sentimento che regna nelle sedi dei partiti sestesi più tradizionali dove, indipendentemente che ci si trovi a destra o sinistra, in maggioranza o all’opposizione, la parola d’ordine è "riflettere". Pensare a quanto accaduto. Capire quali possano essere le reazioni di una città che si sente tradita dalla sinistra e dalla destra, dai singoli politici implicati nelle inchieste giudiziarie, ma prima ancora dai partiti che gli stavano intorno. E’ l’aria che si respira nelle sedi del Pd, "il Partito" di Sesto che da 60 anni governa indisturbato e che oggi, a 6 o 7 mesi dalle prossime elezioni per il sindaco, si è scoperto decimato dal sospetto delle tangenti. Negli incontri che si susseguono, gli attivisti stanno ancora cercando di capire se cedere alla tentazione di un rinnovamento totale abbandonando le vecchie correnti di potere, oppure se riproporre quei nomi che si sussurravano prima dello scandalo Penati, candidando alle primarie di coalizione l’assessore uscente Monica Chittò, da sempre data come vicina al sindaco Oldrini, o la giovane Chiara Pennasi, accreditata come vicina a Penati. «Chi riduce tutto questo a una sola questione di nomi, fa insinuazioni false - spiega il segretario Mirko Mejetta -. Abbiamo preso atto della gravità della situazione e questo ci ha imposto una riflessione seria e un lavoro importante per preparare una proposta nuova da sottoporre

a tutta la coalizione». Mejetta conferma l’intenzione di scegliere il nome del candidato in un turno di primarie che vedrà schierata l’intera coalizione di centrosinistra, con Rifondazione e Italia dei Valori. Sul fronte opposto il Pdl lavora in silenzio e attende indicazioni dal nuovo coordinatore nazionale Alfano. «Sarei contenta di poter scegliere il candidato del Pdl con le primarie, purché siano vere e fatte con raziocinio, non con personaggi imposti dall’alto - conferma la coordinatrice Pdl Silvia Sardone -. Dopo le recenti vicende giudiziarie, stiamo incontrando tantissimi cittadini anche per capire insieme a loro quale possa essere la figura più adatta per rilanciare la città». Dalle fila dei partiti minori si alzano appelli che ricalcano le ipotesi lanciate dalle forze politiche di prima linea. «Dopo le dimissioni del nostro segretario cittadino, e dopo le vicende degli ultimi mesi, siamo in un periodo di ripensamento e di stand by - è il commento del capogruppo di Rifondazione Comunista, Silvio

La Corte -. Una volta adottate le aree Falck bisognerà mettersi seriamente al lavoro, sedersi attorno a un tavolo e fare tutti i ragionamenti del caso». L’attendismo di Rifondazione non è lo stesso dei colleghi di sinistra del Sel: «Prima della fine dell’anno bisogna rilanciare le primarie di coalizione - è la proposta di Giuseppe Roccisano, coordinatore del circolo sestese -. Si apre una nuova stagione; non è escluso che le primarie si aprano anche ad un candidato che arrivi dalla società civile». In casa Lega Nord fanno un passo indietro: dopo essere usciti allo scoperto per primi, con l’annuncio della candidatura di Celestino Pedrazzini, dal Carroccio tirano i remi in barca. «L’occasione è ghiotta, il momento è troppo importante perché quello che è successo apre nuove possibilità all’orizzonte - conclude Arrigo Bisconcin, commissario cittadino -. Noi andiamo avanti per la nostra strada; ma le novità dell’estate ci impongono di riallacciare i contatti con possibili alleati. Si può cambiare».

LE ALTERNATIVE

C’è voglia di società civile In fondo, Paolo Vino è stato il primo vero candidato di questa campagna elettorale. Con la sua lista dei "Giovani Sestesi", da quasi un anno tappezza i muri della città annunciando la sua discesa in politica. Ma non è il solo a puntare a

questa corsa elettorale che si preannuncia ricca di liste civiche vere, oppure create ad arte dai partiti più tradizionali per riempire il vuoto di credibilità. Da alcuni mesi un gruppo di cittadini sta lavorando alla costituzione dell’asso-

X IL DIBATTITO NELLA MAGGIORANZA DI CENTROSINISTRA

Graziata l’Idv, si cerca il sostituto di Di Leva Una maggioranza già fortemente indebolita nella credibilità politica e in difficoltà anche a sostituire un solo assessore - il dimissionario Di Leva che ha lasciato vuota la poltrona al Bilancio dal 20 luglio scorso subito dopo essere stato indagato -, non può affrontare anche uno scontro interno con l’Italia dei Valori. Sembra essere questa la convinzione generale dei partiti di centrosinistra che dopo aver minacciato la "cacciata" dei colleghi dell’Italia dei Valori dalla

giunta (assessore Claudio Zucchi nella foto) e dalla maggioranza, ora tentano una timida riappacificazione. Lo scontro è cominciato al ritorno dalle ferie, quando l’Idv ha rifiutato di votare il via libera al Piano ex Falck, chiedendo invece di rinviarlo fino al chiarimento delle vicende giudiziarie. Posizione che è rimasta isolata nella maggioranza tanto che Rifondazione Comunista ha preferito violare le direttive della segreteria nazionale (orientate a un rinvio del vo-

to), votando a favore. Altro nodo non ancora chiuso per la maggioranza è quello della sostituzione di Di Leva. Trovare un nuovo assessore che accompagni la giunta in questi 8 mesi che mancano alle elezioni appare arduo sia perché in pochi sembrano interessati a farsi avanti, sia perché nei partiti è cominciato un gioco di veti incrociati che fino a oggi ha impedito la nomina, sebbene il regolamento prevedesse la sostituzione entro un termine di 60 giorni.


La Gazzetta

XXXXXXXXXXXXXXXXXXXXX

28 Settembre 2011

XXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXX

Focus

W 5

SARA VALMAGGI AL POSTO DI PENATI IN REGIONE

DI LEVA IN CARCERE SCRIVE LA SUA BIOGRAFIA

Sara Valmaggi, ex assessore sestese èstataeletta nuovovicepresidente del Consiglio regionale. Hapreso il postodel dimissionario Penati. Non sono mancate le

In carcere dal 25 agosto, Di Leva impiega le sue giornate a scrivere la biografia della sua vita fino ai fatti dell’estate. Il suo avvocato

polemiche per la sua vicinanza politica a Penati. «Metto a disposizione la mia professionalità - ha detto - e anche la mia capacità di fare scelte autonome».

TANGENTOPOLI

fa sapere che tutto si chiarirà e che le operazioni bancarie messe ai raggi x dai Pm monzesi sono state motivate con pezze giustificative. Di Leva è accusato di corruzione.

IL DIARIO DELL’INCHIESTA CHE STA SCUOTENDO SESTO

Lo scandalo in diretta Tv Intanto le indagini si allargano agli immobiliaristi pugliesi

ciazione "Più Democrazia a Sesto", che potrebbe scendere in pista con una sua lista. Ma il sentimento più diffuso tra i cittadini lontani dalle logiche della politica è quello che vorrebbe la nascita di uno schieramento della società civile capace di riunire le personalità più impegnate sul territorio per dare nuovo respiro alle scelte politiche e amministrative. Nei mesi scorsi

si era fatto il nome della presidente Bcc Maria Bonfanti, che avrebbe fatto un passo indietro. Quello dell’imprenditore Massimo Milos, che ha sempre smentito. Infine quello dell’avvocato Gianpaolo Caponi, presidente Lions, che non nasconde di essere seriamente interessato a impegnarsi per la città a patto di riuscire a dare vita a un gruppo di sestesi davvero credibile e affidabile.

Comein unafiction, lavicenda della tangentopoli sestese esplosail20luglioscorsoprosegueriservandopraticamente ogni giorno una novità o un nuovo colpo di scena. Ecco di seguito il "diario" degli ultimi avvenimenti che spesso si intrecciano e finiscono perinfluenzarel’attività politica e istituzionale della città. X Domenica 18 settembre Piero Di Caterina interviene a "In mezz’ora", il programma Rai condotto da Lucia Annunziata, e spiazza tutti affermando che i soldi dati a Penati sarebbero solamente prestiti e puntando invece il dito sul sindaco Oldrini. X Lunedì 19 settembre L’architetto MarcoMagni resta in carcere. A deciderlo sono stati i giudici del Tribunale del Riesame di Milano, respingendo il ricorso presentato dai difensori. I giudici considerano credibili le rivelazioni degli imprenditori Di Caterina e Pasini affermando tra l’altro che «non sono mossi, nel rivelare fatti a loro conoscenza, da motivazioni di particolare valore morale, ma solo dal non aver ottenuto i vantaggi economici che si aspettavano». X Martedì 20 settembre Dopoaverchiestoildirittodireplicaalla Rai,Oldrini convoca una conferenza stampa nella quale annuncia querele per l’imprenditore Di Caterina. «Di

fronteacertecalunniemicascano le braccia», confessa. X Mercoledì 21 settembre IlcapogruppodelPdl Antonio La Miranda si presenta dal perito nominato dal tribunalecondocumentiecarte relativi al Piano ex Falck, denunciando anomalie nelle premialità offerte dal Comune agli operatori. X Giovedì 22 settembre Nuovo interrogatorio in carcere per l’architetto Marco Magni che nega di aver pagato tangenti. Gli oneri conglobati? Perl’architetto erano soltanto una serie di spese extra fatturate. I magistrati pensano che i fondi neri trovati sui suoi conti possano essere stati adoperati per versare mazzette. Venerdì 23 settembre Nell’inchiesta sulla tangentopoli sestese spuntano anche i nomi di imprenditori pugliesi legati alle vicende giudiziarie di Tarantini che hanno preso partealprogetto divia Pace,nelrionedi CascinaGatti. X

X Lunedì 26 settembre Il sindaco Giorgio Oldrini ha ricevuto la notifica della richiesta di proroga delle indagini. Si tratta del primo atto ricevuto ufficialmente dal sindaco in merito all’inchiesta per il finanziamento del Palaghiaccio. Il sindaco si è già più volte dichiarato estraneo ai fatti.

IL COMUNE HA AVVIATO LO STUDIO DI UN NUOVO MODELLO ORGANIZZATIVO PER GLI UFFICI TECNICI

Un codice etico contro la corruzione Il consiglio modificherà il regolamento per evitare conflitti d’interesse nelle istituzioni Mai più sportelli unici, mai più dirigenti onnipotenti, ma soprattutto mai più conflitti d’interesse tra politici e istituzioni. Mentre ancora la bufera della tangentopoli sestese incombe sulla politica e sulla macchina amministrativa sestese, il sindaco Giorgio Oldrini cerca di gettare lo sguardo oltre l’inchiesta per tentare di scoprire e circoscrivere i "bachi", i punti deboli delle procedure amministrative che hanno permesso anche solo l’insinuazione di dubbi sull’operato del Comune. Primo a finire sotto accusa è lo Sportello unico dell’edilizia privata, ritenuto un perno nell’indagine monzese. Il segretario generale Mario Spoto ha avuto il mandato di studiare un nuovo modello organizzativo per il settore Edilizia privata, che intanto sarà ac-

corpato all’Urbanistica. Tra i primi provvedimenti che verranno adottati vi è la trasformazione della dirigenza dell’Urbanistica in un organo collegiale. Non sarà più un solo dirigente ad apporre la firma decisiva sugli atti, ma un collegio soggetto a rotazione periodica. Al neo segretario Spoto, arrivato a Sesto meno di un anno fa, è stato anche affidato il compito di esaminare tutte le pratiche edilizie degli ultimi anni, con l’obiettivo di evidenziare dubbi o irregolarità. Il nodo politico più delicato è però quello che riguarda i rapporti tra politica e amministrazione. La commissione consiliare competente ha avviato lo studio di una sorta di codice etico che dovrà guidare i comportamenti di assessori e consiglieri. Si parla di regole che impeden-

do che si assegnino deleghe "sensibili" a chi ha parenti entro il secondo grado in aziende che hanno contratti attivi con la pubblica amministrazione o che lavorano nelle società partecipate. Il codice etico dovrebbe quindi essere pronto entro la fine dell’anno.


6 X

Attualità

XXXXXXXXXXXXXXXXXXXX

VIABILITA’

28 Settembre 2011

XXXXXXXXXXXXXXXXXXXX

La Gazzetta

RIASSEGNATO ALLA COOPERATIVA "LO SCIAME" L’APPALTO DEI PARCHEGGI E DELLA BICISTAZIONE

Parcheggi più cari in città Raddoppia la tariffa: sostare un’ora costerà un euro E’ stato vinto nuovamente dalla cooperativa sociale di tipo B "Lo Sciame" di Arcore l’appalto biennale per la gestione dei parcheggi a strisce blu e della Bicistazione di piazza Primo Maggio. Come previsto in marzo da una delibera della Giunta cambieranno anche le tariffe per parcheggiare. Si passa a 1 euro ogni 60 minuti, raddoppiando di fatto il biglietto che era di 50 centesimi ogni 58 minuti. L’abbonamen-

P

COME CAMBIA LA SOSTA

Su tutto il territorio 1ora 1 euro (prima era 50 cent) In Via Edison prime 4 ore 1 euro (0,05 ogni 15 minuti successivi) Parc Piazza Resistenza Abbonamento 35 euro

W W W W W W

le polemiche INFINITE

Il capitolato d’appalto era già finito tra le polemiche nei mesi scorsi. «Ci sono una serie di incongruenze. La prospettiva di incasso di 1,5 milioni di euro in un biennio contrasta con il dato che è sempre stato diffuso dall'ufficio tecnico - afferma il consigliere Pdl Antonio La Miranda che ha annunciato battaglia -. Mi chiedo come si possa arrivare a questa cifra senza variazioni nel numero di parcheggi a pagamento». to del parking interrato di piazza della Resistenza passa a 35 euro per i diurni/notturni e la sosta su viale Edison diventa di un euro fino a quattro ore e 0,05 centesimi ogni 15 minuti superate le 4 ore. Per altri due anni sarà quindi "Lo Sciame" a gestire la sosta e la ciclofficina di piazza Primo Maggio. Nella prima gara di soli 6 mesi, la coop era stata l’unica a presentarsi, stavolta invece la società di Arcore è stata la sola a presentare una proposta che potesse essere accettata, dicono dagli uffici comunali. Alla

gara hanno partecipato appena tre imprese: una non avrebbe avuto i requisiti e l’altra si sarebbedimenticata diinserire nell’offerta un documento essenziale. Resta ancora chiuso nei cassetti, invece, il tanto atteso piano particolareggiato della sosta, annunciato a più riprese come soluzione a tutti i problemi degli automobilisti sestesi, che continuanoalamentarelafamedi posteggi.Ilnumerodeglistalliapagamento rimarrà quello attuale su strada e nei parcheggi di piazza Resistenza, viale Marelli e piazza Primo Maggio.

SCHIAMAZZI, SPORCIZIA, E TORNEI DI CALCIO. MA IL COMUNE HA PRONTO UN PIANO DI RESTYLING

Notti insonni in via Gorizia. I cittadini alzano la voce Schiamazzi notturni, una fontana che è una vera discarica a cielo aperto e, soprattutto, una piazzetta trasformata in un campo da calcio. Succede in via Gorizia. I residenti, ormai esasperati, hanno fatto sentire la loro voce durante un’assemblea pubblica convocata dalla Circoscrizione 3. «Non ne possiamo più. Da 17 anni ormai aspettiamo. Fino alle 2 succede di tutto sotto le nostre finestre». A riunirsi nella piazzetta

sarebbero soprattutto ragazzi dai 18 ai 30 anni. Schiamazzi, urla, a tenere banco nelle loro nottate sarebbero dei veri e proprio tornei di calcio. «Non so quante telefonate alla polizia locale abbiamo fatto. Ogni notte è la stessa storia». L’aiuto potrebbe venire ora dal Comune e dal settore Qualità Urbana, che predisporrà nei prossimi tempi un progetto per riqualificare la piazzetta. «L’unica soluzione è riempire la

piazza con degli elementi - propongono i residenti -. Si potrebbe recintare la piazza, allargando lo steccato del giardino contiguo, oppure mettere una fioriera grande con panchine incorporate proprio al centro dello spazio». Pare invece segnato il destino per la fontana: nessuno la vuole, meglio allora rimuoverla. Il piano di restyling del Comune, prima di approdare nel consiglio del parlamentino, sarà valutato in un’altra assemblea dei cittadini.

in BREVE Il Manin si rifà il look ApertiicantierialManin con i fondi di "Io canto". Sono partiti i lavori di ripristino del centro sportivo Maninchesarannorealizzati da Videotime dopo l’utilizzo degli spazi per la realizzazione della trasmissione di Gerry Scotti dello scorso inverno. Il progetto prevede il rifacimento della pi-

sta di atletica, la sistemazione del campo e la pulitura delle canaline di scolo. Il Comune metterà invece mano alle aree verdi perimetrali interne al centro e alla segnaletica delle vie limitrofe. Il Comune promette: «Lavori finiti entro l’autunno». Ma il camposaràutilizzabile dalle società solo il prossimo anno.

Stretta di mano con la Cina

Parole d’ordine: collaborazione e sviluppo. E’ con questo spirito che il comune di Sesto ha accolto nei giorni scorsi una delegazione

della comunità cinese di Wenzhou, con la quale è stato sottoscritto un accordo per favorire scambi culturali, economici e sportivi.


La Gazzetta

XXXXXXXXXXXXXXXXX

28 Settembre 2011

XXXXXXXXXXXXXXXXX

Informazione aziendale

W 7

\ SABATO 1 OTTOBRE SARANNO IN SCENA GLI ATLETI DEL CLUB RUSSO, DOMENICA 2 SPAZIO AI TALENTI DELL’ACCADEMIA MUSICA ITALIANA

Ballo e musica per un week end all’insegna del divertimento Due pomeriggi dedicati alla musica e al ballo. I fine settimana del Centro Commerciale Vulcano tornano ad animarsi con spettacoli di alto livello per il piacere di tutti i visitatori. Si parte sabato 1 ottobre quando dalle ore 16.30, in Piazza Vulcano, saranno presenti i maestri e gli allievi della Scuola di Danza Club Russo. "Energia in Movimento" è il titolo scelto dall’accademia di Cologno Monzese che proporrà dimostrazioni di danza, arti marziali, fitness e olistica per presentare le sue attività.

Saranno anche proposti abbonamenti a tariffa scontata per l’occasione. Info www.club-russo.it oppure telefona allo 02.25.39.16.16. Domenica 2 ottobre dalle ore 16.30 in Piazza Vulcano ci saranno gli artisti e i maestri dell’Accademia della Musica Italiana. Porteranno in scena uno spettacolo musicale per mostrare tutte le possibilità e le opportunità offerte da questa scuola monzese che si occupa di formare i nuovi talenti del canto e della musica. L’Accademia della Musica Italiana si trova a Monza in via Cavallotti 56. Tel 039.32.72.47

DAL 6 OTTOBRE IL NUOVO GIOCO A PREMI CHE METTE IN PALIO UN’AUTO, DUE MAGNIFICHE CROCIERE E CENTINAIA DI BUONI SPESA OGNI GIORNO

Metti alla prova la tua fortuna al Centro Commerciale Vulcano

Domenica 2 ottobre apertura straordinaria dalle ore 9 alle ore 21

Una giocata a tombola può scacciare la nostalgia dell’estate ormai finita e far vincere uno dei numerosissimi premi messi in palio dal nuovo gioco del Centro Commerciale Vulcano. Si chiama La Grande Tombola, la novità a premi che allieterà i visitatori dell’area commerciale sestese dal 6 ottobre all’1 novembre. Un gioco aperto a tutti i visitatori del Centro Commerciale Vulcano: per tentare la fortuna basterà compiere un acquisto di soli 5 euro in uno dei negozi delle Gallerie commerciali. In palio ci sono centinaia di buoni spesa che saranno assegnati ogni giorno. Inoltre, per chi prenderà parte alle tre tombole in programma nei pomeriggi di sabato 22 e 29 ottobre e il primo di novembre, sono in palio una Renault Twingo e 2 meravigliose crociere. Il gioco è semplice, entusiasmante e completamente affidato alla fortuna. Offre a tutti la stessa possibilità di vincere. Basterà effettuare un acquisto di almeno 5 euro in uno dei negozi del Centro Commerciale Vulcano. Con gli scontri-

ni ci si rivolgerà alla reception del concorso, in Piazza Vulcano, dove verranno consegnate una Vulcano Card (riutilizzabile durante tutto il concorso) e le relative cartelle per la tombola. La carta magnetica consentirà di prendere parte alle giocate istantanee ad un semplice gioco per vincere i buoni spesa. Si ha diritto a una giocata per ogni scontrino da

5 a 50 euro; 2 giocate per gli scontrini fino a 100 euro; tre giocate per gli scontrini di valore più elevato. Le cartelle tombola (distribuite nello stesso numero) consentiranno di prendere parte alle tombolate che mettono in palio i premi più ricchi. Tutte le info sono disponibili alla reception del gioco e sul sito internet www. centrocommercialevulcano.it

OSPITI D’ECCEZIONE DOMENICA 25 SETTEMBRE

In Piazza i protagonisti di Zelig Off Una domenica pomeriggio davvero eccezionale quella vissuta al Centro Commerciale Vulcano il 25 settembre. Ad allietare questa domenica pomeriggio sono intervenuti due tra i comici più divertenti e celebri del cabaret.

Direttamente da Zelig Off e Colorado Café sono intervenuti il "vigile" (Francesco Rizzuto) e il "mago" (Eta Beta). Con i loro monologhi e le battute esilaranti hanno strappato ap-

plausi e risate al pubblico presente in Piazza Vulcano.


8 X

F L A S H

Attualità

XXXXXXXXXXXXXXXXXXXX

28 Settembre 2011

XXXXXXXXXXXXXXXXXXXX

A SPAZIO ARTE SI PARLA DI FUNGHI

SPORTELLO COMUNALE AFFITTO 2011

L’Associazione Micologica Bresadola, Gruppo di Sesto San Giovanni, nelle giornate del 9, 10 e

E’ aperto il bando Sportello Comunale affitto 2011. Per consegnare la domanda entro l’11 no-

POLLICE VERDE

11Ottobre2011,organizzauna Mostra Micologica presso Spazio Arte, aperta a tutti i cittadini.

vembre bisogna fissare un appuntamento entro il 28 ottobre. Info disponibili sul sito comunale.

E’ PARTITO IL PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DI UN ORTO CONDIVISO

In città arriva l’"OrCo" Lo spazio verde di via Livorno sarà coltivato da più famiglie insieme X

di Giulia Pepe

Il progetto si chiama OrCo, ma non ha niente a che vedere con le fiabe. Al massimo sarà una storia a lieto fine. "OrCo" significa "Orto Condiviso", nome dell’iniziativa presentata martedì 13 alla biblioteca di via Curie nel quartiere 5, area di Sesto che vuole diventare sempre più vivibile. Questo progetto, collocato all’interno dell’iniziativa "legami di quartiere", saràd’aiuto proprioalla vivibilità del rione. Con esso i cittadini potranno diventarenon solo ortisti,maanche una grande famiglia. Non tanti orti, ma un solo orto a cui lavorare tutti insieme: «Così le famiglie potranno dar vita a legami di amicizia, dandosi una mano. E avranno la soddisfazione di mangiare i prodotti della loro terra», ha spiegato Claudio Palvarini, presidente di Lavoro e Integrazione, cooperativa che gestisce i lavori insieme alla Onlus Italia Nostra, che si occuperà della sistemazione

dell’orto. Questo fazzoletto di terra sarà messo a disposizione dall’amministrazione comunale nel nuovo spazio verde in via Livorno. L’area, infatti, sarà bonificata, e assegnata agli ortisti privati e ai partecipanti al progetto "OrCo". Per avere informazioni e per partecipare all’iniziativa dell’orto condiviso è possibile scrivere una mailalavorointegrazione@ cris.it, oppure chiamare al numero 02.6186061.

X L’8 E IL 9 OTTOBRE PER LA GIORNATA NAZIONALE

I volontari Aido in piazza Petazzi In occasione della Giornata Nazionale dell’Aido, il gruppo comunale di Sesto San Giovanni, sarà presente sabato 8 e domenica 9 ottobre dalle 9 alle 18 in Piazza Petazzi in nome della donazione e del trapianto di organi e tessuti. I volontari dell’associazione cittadina distribuiranno materiale informativo, raccoglieranno dichiarazioni di volontà alla donazione e, per l’autofinanziamento del gruppo, venderannole piante di Anthurium. Il gruppo comunale sestese di Aido ha sede in via Giardini 32; per informazioni contattareil numero di telefono e fax 02.22470873, oppure scrivere a aidosesto@libero.it.

DON AGOSTINO SOSIO E’ IL NUOVO PARROCO DELLA PARROCCHIA MARIA AUSILIATRICE E DON BOSCO DOPO DON NUNZIO

«Il mio sogno? Creare una comunità d’amore» Il saluto alla Rondinella: «Sono qui per continuare sulla strada tracciata da don Nunzio» X

di Monica De Astis

Per anni aveva lavorato con lui ad Arese. E oggi che don Nunzio, il parroco del Rondinella, è scomparso, la curia ha chiamato proprio il suo amico don Agostino a sostituirlo. Dal 23 Agosto, don Agostino Sosio è parroco della comunità pastorale Maria Ausiliatrice e Don Bosco. Il primo forte impatto con la comunità è stato per don Agostino il funerale di don Nunzio Casati, suo predecessore, tristemente ed improvvisamente scomparso

prima dell’estate: «Sono arrivato qui per occupare il posto di don Nunzio e per percorrere la strada da lui tracciata - afferma il parroco -. La sua agenda è diventata la mia. Il nostro rapporto è sempre stato un processo di amicizia e continuità, fin dai tempi passati insieme ad Arese, nonostante io fossi più pacato e sintetico, mentre lui impulsivo e propenso all’analisi». Ciò che ha sostenuto molto don Agostino al suo arrivo a Maria Ausiliatrice in un momento di grande sconforto per tutti, è stato il cli-

ma di umanità e spiritualità dei parrocchiani, da lui definiti come «Gente semplice ma vera, la cui voce si sente alla Messa domenicale», ma non solo. L’oratorio Rondinella, secondo il parroco, è il perno dell’intera comunità: «Mi ha colpito subito vedere un oratorio non di soli ragazzi, ma per tutta la famiglia. Partendo dall’insegnamento dato ai giovani infatti, è possibile raggiungere anche i grandi, e creare un’ottima possibilità d’accoglienza per chiunque lo desideri».

La Gazzetta

Don Agostino ha un sogno per la sua nuova parrocchia: «Voglio che questa diventi una comunità "d’amore", come dice Benedetto XVI. Deve basarsi su relazioni veritiere tra la gente e arrivare ad essere una famiglia di famiglie».

CARITAS

Una "casa" per i padri rimasti soli L’obiettivo è estremamente importante, perché tocca i più deboli tra i deboli: dare ospitalità a persone senza riferimenti territoriali e in stato di emarginazione sociale. "Emergenza Dimora", progetto che si articola tra Sesto San Giovanni, Milano e Varese, si regge sul cofinanziamento di Fondazione Cariplo. "Casa Dell’Assunta" è il nome della struttura sestese, pensata per ospitare uomini di maggiore età sia italiani sia stranieri con regolare permesso e che si trovino nella temporanea impossibilità di avere un alloggio proprio in autonomia. Diversi i soggetti intervenuti a dare il proprio contributo al progetto. Fondazione S. Carlo si intesterà il contratto di comodato dei locali, di proprietà ecclesiastica, mentreCaritas Ambrosiana sarà responsabile della attuazione degli indirizzi dell’iniziativa. Spazio ancheall’aiuto fornito da Caritas Santo Stefano (che reperirà i volontari impiegati) e dall’Istituto Italiano di Valutazione. «Si cercherà di garantire il recuperodelle capacità relazionali - spiegano i promotori dell’iniziativa -. Ascolto e accompagnamento dell’ospite perseguiranno il recupero della fiducia in sé stesso e la riappropriazione degli strumenti personali necessari alla vita di relazione». Comeaccedereallastruttura? Per chi risiede a Sesto attraverso uno dei Centri di Ascolto Parrocchiali innanzitutto, o anche rivolgendosial Consultorioo ai Servizi Sociali del Comune. La presenza nella casa, gestita dagli stessi ospiti sottoilcontrollodei volontari,avrà unaduratavariabile da 7 a 90 giorni rinnovabili. Unica richiesta per i 4 posti disponibili, il pagamento di un contributo di 200 euro mensili. (A. B.)


La Gazzetta

XXXXXXXXXXXXXXXXXXXX

IN VIA SOLFERINO

28 Settembre 2011

XXXXXXXXXXXXXXXXXXXX

Attualità

W 9

SARA’ ABBATTUTA PER FARE POSTO ALLE CASE LA SALA PIU’ CONOSCIUTA E AMATA DAI SESTESI

Addio al teatro della "belle epoque" I residenti si lamentano: «Era un punto di riferimento per tutta la città» X

di Sarah Ferrante

Il teatro Elena, protagonista della storia sestese, verrà presto demolito. Forse pochi sentiranno la mancanza di questo luogo, ormai in disuso da ben 4 anni, anche se questa decisione lascia a bocca aperta quanti da sempre conoscono questa sala cinematografica e teatrale che per decenni è stato uno dei simboli della cultura sestese. I residenti della zona non sono entusiasti: il quartiere è stretto, la viabilità è ridotta e un grande condominio rischia di turbare la quiete creatasi grazie all’isola pedonale. Inoltre, quello che scompare è un vero punto di riferimento per tutto il mondo della cultura sestese: «Il teatro Elena - dicono i residenti -, è sempre stato il luogo di ritrovo per le manifestazioni scolastiche e comunali, nonché per il premio Torretta». Chi sentirà la mancanza saranno soprattutto i più anziani: «E’ diventato impossibile per noi poter andare al teatro o al cinema: i multisala sono molto costosi e difficili da raggiungere». La costruzione del grande condominio prevede molto spazio: e così la centenaria cartoleria Goretti ha ricevuto l’ingiun-

LA STORIA

Compie 100 anni nel 2011 il teatro che ha fatto epoca

X IL PROGETTO

Entro tre anni previsto il via ai lavori Fino a pochi anni fa, vi era un vincolo sul teatro che prevedeva interventi esclusivamente di ristrutturazione o comunque di miglioramento; era infatti chiaro che non si sarebbe mai parlato di demolizione. Ora le cose sono cambiate: entro tre anni, il teatro Elena lazione di sfratto entro il 2014. Non nascondono il loro disappunto i titolari, disposti co-

scerà posto alla costruzione di un condominio di otto piani. Presso l’ufficio tecnico è già stato presentato un Piano Integrato che punta alla riqualificazione della zona, ma che quasi certamente sarà approvato soltanto dalla nuova amministrazione comunale. munque al sacrifico dello spostamento se coadiuvati dal Comune.

Compie quest’anno 100 anni il cinema teatro Elena che venne inaugurato il 3 agosto 1911. Ideato dalla famiglia De Ponti, la sala in origine offriva circa 500 posti e per l’epoca una fastosa illuminazione. La storica sala, la più significativa di Sesto, venne demolita e ricostruita nel 1953 per fare spazio a un edificio più moderno in cui prevaleva largamente la programmazione cinematografica. L’inaugurazione del rinnovato cinema Elena avvenne nel gennaio 1954 con il film "Pane amore e fantasia" (Comencini, 1953). Il locale (1100 posti), sempre situato nella centralissima via Martino ha sempre avuto un ruolo subalterno alla cinematografia milanese. Pur trattandosi sostanzialmente di un cinema di prima visione, fino agli anni ’80 doveva attenersi alla regola che privilegiava le prime visioni milanesi e monzesi. Nella seconda metà del Novecento l’Elena, insieme al successivo cinema Apollo, è il principale e il più elegante cinema sestese. Nel 1999 il locale abbandona l’attività cinematografica e, perqualche anno, ospita solo manifestazioni saltuarie (concerti, spettacoli teatrali e altro). Nel 2002 riappare sulla scena cittadina come teatro Elena, con un proprio organico cartellone. Il teatro Elena chiude negli ultimi mesi del 2008. Informazione pubbliredazionale

Al Vintage i bambini imparano l’inglese con l’Art Attack e non solo Il nostro laboratorio Vintage organizza corsi per grandi e per piccini. Mercoledì 5 ottobre alle ore 17 fino alle ore 19, per il terzo anno consecutivo, parte il corsodiArtmaniadedicato ai bambini dai 5 ai 10anninelqualesiinsegna l’arte del riciclo e dell’arte manuale. Sabato 8 ottobre, dalle 14 alle 18 riprende il corso Colour your Saturday and Theatre per bambini dai 5 ai 12 anni. Si tratta di un’esperienza unica che ha riscosso nelle edizioni precedenti un grandissimo entusiasmo, dimostrato dai nostri bimbi nel recitare in inglese e costruire costumi e scenografia

per il loro Role play (giochi di ruolo). Ma non è finita qui: Vintage è anche un punto di riferimento importante per organizzare feste a tema con giochi e attività coinvolgenti. Per i più grandi, invece, il giovedì corso di Pittura su ceramica e il venerdì Tecniche pittoriche dalle 17,30 alle 19,30. Inoltre, corso di Restyling mobili

per chiunque voglia rinnovare o far rinnovare il proprio mobile e renderlo un pezzo unico ed originale. In più, da quest’anno, il laboratorio Vintage rimarrà aperto la domenica pomeriggio pertutticolorochehanno bisogno di uno spazioperlapropriacreatività o per scambiarsi idee e conoscenze, previa iscrizione con tesseramento annuale.

Tel. 02.24861452 - 342. 1485109; e-mail laboratorio.vintage@gmail.com


10 X

Attualità

XXXXXXXXXXXXXXXXXXXX

TENDENZE

28 Settembre 2011

XXXXXXXXXXXXXXXXXXXXX

La Gazzetta

L’EVENTO PREVISTO PER DOMENICA 9 OTTOBRE A PARTIRE DALLE ORE 19.30 IN CENTRO CITTA’

Il commercio sfila in piazza Petazzi In passerella i capi di abbigliamento e gli accessori delle ultime collezioni messi a disposizione dai negozianti X

di Andrea Guerra

Da Milano a Sesto: la moda trova casa in piazza Petazzi. Dopo gli eventi mondani del capoluogo meneghino, da sempre passerella per le nuove tendenze modaiole dell’avvenire, anche Sesto ci riprova. L’Unione Commercianti e l’assessorato al Commercio del comune di Sesto hanno organizzato per domenica 9 ottobre una sfilata di moda nel cuore della città. Un evento che vuole dare risalto alle attività commerciali; un evento che vuole rappresentare non solo un momento di svago e di aggregazione, ma anche un’occasione di beneficio per tutta la cittadinanza. La sfilata è stata organizzata nell’ambito delle manifestazioni legate al Distretto Commerciale della città: in passerella saranno mostrati i prodotti che solitamente si trovano nelle principali vetrine sestesi. Capi di abbigliamento, ma anche accessori, che sempre di più rinnovano il look e giocano un ruolo da padroni nella nostra società dove il dettaglio sta acquistando sempre più importanza. L’appuntamento è per domenica 9 ottobre; la manifestazione prenderà il via attorno alle 19.30, tempo permettendo. Così, dopo le sfilate milanesi, e dopo gli esperimenti provati e riprovati dai "cugini" commercianti del centro di Cinisello Balsamo, anche a Sesto gli esercenti si lanciano in una nuova edizione della classica sfilata. La novità principale, che porterà una ventata di novità in questa nuova edizione made in Sesto, è rappresentata dal numero di soggetti che aderiranno alla manifestazione: «Questa nuova edizione vanta la partecipazione di un numero ancor più ricco di Aziende Associate Partecipanti, le quali hanno con entusiasmo abbracciato lo spirito del Distretto del Commercio decidendo di presentarsi e

coinvolgere con la loro professionalità la cittadinanza sestese, affinché si capisca il valore di avere un negozio di fiducia sotto casa - dicono gli organizzatori della sfilata sestese -. Il contesto di Piazza Petazzi e la bellezza della Chiesa di Santo Stefano renderanno la serata unica e un grande momento di unione per i cittadini sestesi e gli aderenti al neonato Distretto del Commercio di Sesto San Giovanni». Non un tentativo di emulare gli eventi milanesi, ma più che altro uno dei tanti modi per far riscoprire ai cittadini le vetrine sotto casa e per "rianimare" la vita cittadina del centro, sempre meno punto di ritrovo e di concentramento dei sestesi.

\ IL SALUTO DEL COADIUTORE DELL’ORATORIO SANT’ANDREA ALLA SUA ORMAI EX COMUNITA’

Don Antonio Corvi lascia Sesto dopo 9 anni

X

di Sarah Ferrante

Grande commozione all’oratorio Sant’Andrea, domenica 11 settembre, per la festa organizzata in onore di don Antonio Corvi, che dopo 9 anni di intensa attività parrocchiale ha salutato i suoi fedeli per avventurarsi in

una nuova esperienza a Milano. Una festa che ha visto partecipare circa 600 persone, accorse per salutare un prete che ha dato molto a tutti. La sua capacità di avvicinarsi alle persone ha lasciato il segno in città. «Ci ha trasmesso l’entusiasmo - raccontano i ragazzi dell’oratorio -. Non ha mai chiesto niente indietro, voleva che imparassimo sempre a ringraziare». E così hanno fatto i "suoi" ragazzi che hanno composto con una coreografia danzante la parola "grazie" per esprimere con sole sei lettere l’emozione e tutto il vissuto di nove anni insieme. L’amichevole collaborazione con il parroco, don Angelo Cairati ha lasciato a tutti un ricordo più che positivo su questo felice periodo. E lo stesso don Angelo

ha voluto esprimere il suo saluto: «Don Antonio è una persona molto solare, sempre disponibile che ha saputo dialogare con tutti. Ci mancherà, ma il Signore ha già provveduto a mandarci un buon prete: don Luca Piazzolla». Dalla nuova parrocchia milanese, don Antonio ringrazia ancora tutti: «Ho imparato sul campo a essere un prete - spiega -. Verso le persone della comunità di Sesto provo un amore maturo; è la franchezza dei rapporti il vero caposaldo per una buona Chiesa». E riguardo la festa le parole sono velate dalla commozione: «Non potevo chiedere di meglio, i ragazzi hanno saputo come rendermi felice. Mi sono sentito il prete più viziato di Sesto».

NOTIZIE IN BREVE

Le penne nere sestesi festeggiano 80 anni

L’Avis spegne 72 candeline Da via Puccini a via Gramsci Festa in città l’8 e 9 ottobre riapre la farmacia comunale

Si aprono domenica 2 ottobre i festeggiamenti per gli 80 anni di fondazione del gruppo sestese dell’Associazione Nazionale Alpini. Ottant’anno di presenza in città: ecco perché le penne nere hanno scelto di festeggiare questo notevole traguardo con tutta la cittadinanza. Domenica 2 ottobre, la cerimonia di apertura dei festeggiamenti prenderà il via alle 9.30 allo Spazio Arte, in via Maestri del Lavoro. Le manifestazione proseguiranno anche venerdì 14 con la rassegna dei cori alpini al teatro Manzoni, e venerdì 28 con una serata di ricordo.

Festeggiano i 72 anni di fondazione i volontari dell’Avis di Sesto San Giovanni. La festa dell’associazione si terrà sabato 8 e domenica 9 ottobre. Fitto il programma delle iniziative: sabato 8 alle 10 la deposizione di corone a ricordo dei donatori defunti nei due cimiteri cittadini e in ospedale. Alle 14 in aula consigliare il convegno "Donare sangue per aiutare i trapianti", a cui seguiranno rinfresco, messa nella chiesa di via Pisa e cena sociale. Domenica, dalle 10, sempre in aula consigliare, la festa sociale con la premiazione dei donatori benemeriti.

Ha riaperto i battenti l’ex farmacia comunale che aveva sede in via Puccini. La serranda è stata riaperta la scorsa settimana nella nuova sede di viale Gramsci: il trasferimento della farmacia nella nuova posizione era prevista dal piano di risanamento dell’Azienda Speciale Farmacie che ha riportato in attivo il bilancio aziendale dopo anni di crisi. I cittadini hanno potuto così ritrovare un servizio che era rimasto sospeso per diverso tempo.


La Gazzetta

XXXXXXXXXXXXXXXXXXXX

28 Settembre 2011

XXXXXXXXXXXXXXXXXXXXX

Attualità

W 11

IL PERU’ RINGRAZIA SESTO

BLITZ NOTTURNO CONTRO LA PROSTITUZIONE

C’era il Vicepresidente Omar Chehade, a capo della delegazione peruviana che è stata accolta dall’amministrazione comunale.

Posti di blocco e verifiche nelle periferie cittadine: i carabinieri di Sesto sono stati al lavoro, al chiaro di luna, per reprimere i feno-

RICERCA

L’incontro è nato dal desiderio della Repubblica del Perù di ringraziare la città per il contributo dato in seguito al terremoto del 2007.

meni di prostituzione lungo viale Fulvio Testi, via Milanese e via Carducci. Identificate 170 persone in una sola notte.

AL VIA IL 15˚ RILEVAMENTO DELLA POPOLAZIONE. I QUESTIONARI ARRIVERANNO PER POSTA

Il censimento è on line Per chi non usa Internet sono stati previsti 4 punti raccolta Non c’è dubbio che il censimento generale della popolazione sia tradizionalmente lo strumento più importante per conoscere il Paese in cui viviamo e per capire come cambiano le abitudini, le tradizioni e le caratteristiche della nostra società. Ma nell’epoca dell’informatica e di Internet, dove ogni nostra consuetudine viene "monitorata" dalle banche dati elettroniche, il ricorso al censimento (per l’Italia si tratta della 15˚ rilevazione generale) potrebbe apparire un po’ inadeguato, vecchio. Per la prima volta l’Istat ha deciso di automatizzareleprocedurespedendo acasaimodulidacompilareechiedendo ai cittadini di utilizzare Internet (perchièingradodifarlo),rispondendo ai quesiti in modo virtuale. Se ci pensate si tratta di un cambio epocale. Fino a 10 anni fa (l’ultimo censimento risale al 2001) l’Istat e i comuni sguinzagliavano per tutta Italia un vero esercito di rilevatori. Oggi, questa figura verrà adoperata soltanto nella seconda fase di censimento per andare a verificare le situazioni che non hanno ottenuto risposta. Si tenga conto che il momen-

to indicato come riferimento per il censimento è la notte tra l’8 e il 9 ottobre, dunque tutti i dati dovranno fare riferimento alla situazione di quella data. Già in questi giorni ogni cittadino riceverà il modulo per posta. Compilarlo e restituirlo è un obbligo. SaràpossibilecompilarloviaInternet dal 9 ottobre collegandosi al sito http://censimentopopolazione.istat.it (Trovi la password per accedere al sito sullaprimapaginadelquestionario). Sarà possibile farlo via web anche nei centri di raccolta comunali dove sono state create delle postazioni gratuite. Dal 10 ottobre e fino al 21 novembre sarà anche possibile consegnarlo a mano in uno dei centri raccolta (vedi nella tabella) oppure in un ufficio postale di Sesto. In caso di mancata ricezione del modulo sarà pos-

sibile ritirarlo direttamente al centro di raccolta. Per tutti i cittadini è prevista la possibilità di assistenza telefonica o per fissare un appuntamento per la compilazione, chiamando i numeri dei centri raccolta o il numero verde dell’Istat 800.069.701

X I CENTRI RACCOLTA ORARI: dal lunedì al sabato dalle 9 alle 19. INFO: Ufficio Relazioni con il Pubblico TEL 800 304040 lunedì / venerdì 9.00 - 12.30, martedì 14.00 -18.00, mercoledì 9.00 - 14.00 -Istat: www.istat.it QUARTIERE 2 RONDINELLA/ BARAGGIA/RESTELLONE locali dell’ex-farmacia comunale via Puccini 60 - tel. 02/26221426, mail ccr2@sestosg.net QUARTIERE 4 PELUCCA, VILLAGGIO FALCK e QUARTIERE 5 DEI PARCHI, CASCINA GATTI, PARPAGLIONA sede del quartiere 5 , via Campestre 250 - tel. 02/26262153 mail ccr4@sestosg.net QUARTIERE 3 ISOLA DEL BOSCO/DELLE CORTI ex ufficio Anziani via Tonale 40 - tel. 02/26223276, mail ccr3@sestosg.net QUARTIERE 1 RONDÒ TORRETTA Piscina comunale aperta Carmen Longo via Bixio 1 - tel. 02/24839619 mail ccr1@sestosg.net

STANZIATI IN TUTTO 310MILA EURO PER FINANZIARE LE NUOVE IDEE PER LA COMUNITA’

X PRESENTATO IN COMMISSIONE IL CONSUNTIVO 2011

La Fondazione premia 34 nuovi progetti

Farmacie, bilancio in attivo

Bandi "a raccolta": sarà possibile fare donazioni entro il 5 dicembre

Risanato, e in attivo. L’annuncio, a proposito del bilancio dell’Azienda Speciale farmacie, è stato dato dall’amministrazione comunale nei giorni scorsi, quando cioè è stato presentato alla commissione comunale il consuntivo 2011. Funziona dunque il piano di risanamento predisposto dal nuovo Cda e presentato all’amministrazione: tale piano prevedeva, tra le tante azioni, il rilancio dell’attività di grossista per le farmacie comunali dell’hinterland grazie all’utilizzo più intensivo del magazzino. Altri gli obiettivi del piano comunale: il rilancio dei punti vendita con il coinvolgimento dei direttori edel personaleperaumentarei servizi e gli orari di apertura e la riduzionegeneraledei costi di gestione. Piano che ha dato i suoi frutti: la cura ha funzionato. Per la prima volta dopo la crisi economica dell’azienda il risultato d’esercizio ha visto un attivo di 145.000 euro.

La Fondazione Comunitaria Nord Milano ha pubblicato l’elenco dei progetti selezionati per i bandi del secondo trimestre del 2011. Sono 11 per il bando "Oratori in rete", 12 per il bando "Sestese", 6 per "Maria Paola Svevo - a favore delle donne vittime di violenza e tratta" e 5 per il bando 2011.8 denominato "Ambiente". I progetti sono passati al vaglio di commissioni composte da membri del Cda della Fondazione ed esperti delle tematiche trattate. In tutto sono dunque 34 le idee ritenu-

te meritevoli di finanziamento, per unostanziamentototaledi310milaeuro. «I bandi sono caratterizzati dal meccanismo definito "a raccolta" - ci tengono a sottolineare dalla Fondazione -. Attraverso questo meccanismo, la Fondazione stanzierà in modo definitivo i propri contributi, solo se le organizzazioni, coinvolgendo la Comunità,riusciranno asuscitare donazioni a favore della propria iniziativa pari al 25 o al 15 per cento del contributo per i bandi». Le donazioni così raccolte andranno ad incrementare i fondi patrimoniali istituiti presso la Fondazione con l’obiettivo primario di costituire un patrimonio complessivo di oltre 5 milioni di euro. Per sostenere i progetti selezionati è possibile effettuare una donazione, entro e non oltre il 5 dicembre 2011, suunodeiconticorrentidellaFondazione,disponibilisulsitowww.fondazionenordmilano.org, specificando nella causale del versamento il titolo del progetto che si intende sostenere.

«Il piano di risanamento - ha dichiarato il vicesindaco Demetrio Morabito -, non ha mai preso in considerazione la possibilità di chiuderepunti vendita nonredditizi come quelli ubicati in periferia che rappresentano punti di riferimento per gli abitanti né di ridurre i servizi alla città, ma ha puntato sulla razionalizzazione delle spese esulla valorizzazionedegli elementi di qualità dell’azienda. Oggi tocchiamo con mano il fatto che la strada intrapresa è quella giusta».


12 X

XXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXX

28 Settembre 2011

XXXXXXXXXXXXXXXXXXXXX

MERCATO RURALE IN CASCINA DE’ GATTI

Cultura RACCOLTA DI RACCONTI

Foglio Clandestino porta in città le storie di Elena Schwartz Le edizioni del Foglio Clandestino, piccola casa editrice sestese, hanno presentato in città un nuovo volume entrato a far parte della raccolta. "Gli omuncoli e altre storie (racconti)", è stato inserito nella collana "Il dado e la chiave 5". L’autrice è Elena Andreevna Schwartz, classe 1948, nata a Leningrado, città dove è anche scomparsa l’11 marzo del 2010. Scrittrice e poetessa, ha esordito nel 1972 con due poesie apparse sul giornale dell’università di Tartu. Negli anni Settanta ha frequentato gli ambienti letterari clandestini. A partire dalla metà degli anni Ottanta ha pubblicato versi in Occidente e solo dal 1989 ha potuto pubblicare anche in patria. Suoi versi sono apparsi su molte riviste russe e sono state pubblicate le raccolte poetiche. I testi di Elena sono stati tradotti in 17 lingue, e quella proposta da Il Foglio Clandestino, è la prima raccolta di racconti tradotta in lingua italiana. Il volume è stato presentato in città nei giorni scorsi: è possibile prenotarlo via mail oppure sulla pagina Facebook per 12 euro, senza spese di spedizione. Per info: edizionidelfoglioclandestino.it; redazione@edizionidelfoglioclandestino. it.

X

La Gazzetta

Dal produttore al consumatore, per riscoprire gli antichi sapori e le tradizioni contadine. Domenica 2 ottobre torna l’appuntamento con

BIBLIOTECA

in BREVE INTERCULTURA

Il mondo nel piatto Raccontare le tradizioni di culture lontane attraverso la cucina. Lo propone Caffè corretto, locale in via Podgora gestito dalla bottega Eco-solidale, che per sabato 8 ottobre alle ore 20 organizza la cena "Riso. Viaggio intorno al mondo" (euro 20). VIAGGI

Sulla strada di Beppe Fenoglio Nuovo appuntamento con i viaggi letterari organizzati dalla biblioteca. Domenica 8 ottobre gita ad Alba alla scoperta dei luoghi narrati da Beppe Fenoglio. Per info e prenotazioni 02.36574345 (quota di partecipazione: euro 48) MUSICA

Corso di percussioni con Siraba Italia Un corso per conoscere il mondo delle percussioni. Lo propone l’associazione Siraba Italia il lunedì e il martedì alle 20.30 nella scuola di via XXV Aprile. Per informazioni e iscrizioni: 3470053845.

il Mercato rurale di Cascina de’ Gatti. Dalle 8 alle 13 la piazza della chiesa del rione sestese ospiterà le bancarelle degli agricoltori.

LA SPERIMENTAZIONE NEI PROSSIMI TRE MESI

Sabato si studia fino a tardi Prolungato l’orario in base alle richieste degli utenti Anche il sabato pomeriggio nelle aperture straordinarie della biblioteca centrale. A richiederlo sono stati gli studenti, che già nel 2009 in un sondaggio indicavano l’orario ridotto del sabato tra le maggiori criticità. Dopo due anni sono stati accontentati dall’amministrazione. «C’è una volontà di ripensare e riorganizzare il servizio - spiega l’assessore alla Cultura Monica Chittò -. La nostra è una delle poche biblioteche a fare l’orario continuato: conferma di essere all’avanguardia». Da sabato 24 settembre,

per un anno intero, il servizio di Villa Visconti d’Aragona il sabato resterà attivo dalle 9.30 fino alle 18, aumentando di dieci ore il monte ore settimanale.

La sperimentazione si articolerà con step di verifica ogni tre mesi. Obiettivo: aumentare ancora il numero di utenti, che nel 2010 sono stati ben 183.558.

\ IL FESTIVAL SI CONCLUDERA’ VENERDI’ 30 SETTEMBRE CON IL PREMIO "LA VELA D’ORO 2011" Un mese di arte in rosa con "Woman in art" Un intero mese dedicato all’arte al femminile. Si concluderà il prossimo 30 settembre il festival "Woman in art", giunto quest’anno alla sua terza edizione e organizzato dai comuni del Nordmilano, Regione e Provincia con la direzione artistica di Nuova scena antica. Ricchissimo il calendario di eventi che dalla fine di agosto ha visto andare in scena decine di appuntamenti di arte, teatro, musica, danza e letteratura in tutti i comuni del Nordmilano. All’interno del programma di "Woman

in art" sono stati inseriti anche il Festival delle Biodiversità organizzato dal Parco Nord e il concorso artistico culturale "Premio laVela d’Oro", la cui finale, con mostra e vernissage, è stata organizzata nei giorni scorsi nella cornice di Spazio Arte a Sesto San Giovanni. L’evento conclusivo è in programma venerdì 30 settembre al cineteatro Marconi di Cinisello Baslamo, in occasione del quale si svolgerà la premiazione finale del concorso " La Vela d’Oro 2011"che aveva come tema proprio la femminilità nel mondo dell’arte.

NELLA NUOVA GALLERIA I 150 ANNI DI STORIA DELL’AZIENDA SESTESE

The New experience, l’arte di Campari X

di Monica De Astis

Una grande "C" di colore rosso che sembra emergere dal pavimento bianco. Lampadari fatti con le mitiche bottigliette di Campari. Un pavimento scarlatto a effetto bagnato che "sgorga" da un collo di bottiglia incastrato nella parete. E per finire i soffitti da cui pendono gocce giganti rosso Campari e finti pezzi di frutta. Un design che vuole colpire a tutti i costi quello scelto da Campari per presentare al grande pubblico il secondo piano della Galleria d’arte realizzata nella nuova sede di viale Gramsci e che raccoglie un’infinità di pezzi d’arte e di storia del marchio nato a Sesto nel 1860. Grazie al motto "Il piccolo diventa grande e il

grande piccolo", e con l’attività di grandi maestri d’arte come Dudovich, Marini, Depero, Thun, Beecroft, Rehberger, il marchio "Campari" entra presto nella quotidianità grazie ad una brillante immagine che fin dalla fine dell’800 l’ha proiettata tra le grandi masse. Le maniglie dei tram di fine ’800 firmate, cartoline, cartine da viaggio, orologi, manifesti pubblicitari in cui una bottiglia è alta come la Torre di Pisa. Tutto ciò oggi è diventato arte e lo si può ammirare alla Galleria Campari di viale Gramsci 161 che è stata inaugurata il 13 settembre scorso. All’evento "The new experience" erano presenti anche il sindaco Giorgio Oldrini, e Markus Benesch, primo designer chiamato da Campari, per REDesign, non a caso vestito con una

sottile tuta a strisce bianche e rosse. Come hanno confermato le guide della Galleria, «il design del secondo piano non vuole essere sobrio ed essenziale, ma piuttosto parte integrante o sostitutiva dell’esposizione». Insomma, ancora oggi Campari sa come stupire il pubblico.


La Gazzetta

XXXXXXXXXXXXXXXXXXXXX

Week end

] \

28 Settembre 2011

XXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXX

NUMERI UTILI • Municipio 02.24961 comune.sestosg@legalmail.it • Polizia 02.2488211 • Carabinieri 02.24121300 • Polizia Locale 02.249191

polizia_locale@sestosg.net • GuardiaFinanza02.22470037 • VigilidelFuoco02.22475433 vvfsesto@yahoo.it • Ospedale 02.262571 protocollo@pec.icp.mi.it

APPUNTAMENTI in città

Cinema

GIOVEDÌ 29 SETTEMBRE

cadegliinvisibili”, peril Labour film festival. Al cineteatro di viale Matteotti a partire dalle 20.

15 per partecipare al laboratorio di video tessitura. DOMENICA 2 OTTOBRE

Cgs Rondinella – “L’ultimo rimasto in piedi”, “We want sex” e “La svolta. Donne contro l’iva”, per il Labour film festival. Al cineteatro di viale Matteotti a partire dalle 20.

GIOVEDÌ 6 OTTOBRE

X

LUNEDÌ 3 OTTOBRE

Cgs Rondinella – “Cose dell’altro mondo”, “Deconstruction workers” e Je m’apelle Morando. Alfabeto Morandini”, per il Labour film festival. Al cineteatro di viale Matteotti a partire dalle 20.

Eventi

X

SABATO 1 OTTOBRE

Villa Visconti d’Aragona – “Essere in forma nella terza età: una questione di sport?”, tavola rotonda sui benefici dell’attività sportiva nell’anziano organizzata dal Centro medico sportivo. Alle 15 allo spazio contemporaneo Talamucci, entrata libera.

X

SABATO 1 OTTOBRE

Villa Visconti d’Aragona – “Moda e intercultura”, incontro organizzato dal Bloom per promuovere la moda etica. Alle 15 in via Dante, ingresso gratuito, euro

X

MERCOLEDÌ 5 OTTOBRE

Cgs Rondinella – “No smoking company” e “Sloi. La fabbriX

X

Gruppo alpini – Festa per l’80esimo anniversario del gruppo Alpini “Monte ortigara”. Dalle 9.30 cerimonie di commemorazione, messa e festa insieme. Ritrovo in via Maestri del Lavoro per la parata nelle vie della città. Alle 15 concerto della Fanfara e festa in piazza Petazzi.

X

Cgs Rondinella – “Il sangue verde”, per il Labour film festival. Al cineteatro di viale Matteotti alle 21.15, ingresso euro 3.50. X

Villa Zorn – “Variopinto 2011” , mostra delle opere dei partecipanti ai corsi di arte delle scuole civiche. In via Fante d’Italia dalle 16 alle 19.

Un secolo di colori alla cartoleria Goretti

X

SABATO 8 OTTOBRE

X Spazio contemporaneo – “Just dancer”, mostradiimmaginirealizzatedaRoulIacometti durante le esibizioni degliallievi edegliinsegnantidellacivicascuola di danza. In via Dante dalle 15 alle 19.

• Multimedica 02.242091 • Az. Farmacie 02.2483515 • ATM Milano 800.016857 relazionipubbliche@atm.mi.it • Guardia Medica 840.500092 - 02.34567

VETRINA

DOMENICA 2 OTTOBRE

Mostre VENERDÌ 30 SETTEMBRE

W 13

Fototeca Casiraghi – Ultimo giorno per la mostra “Buon compleanno Italia” che raccoglie le immagini scattate nelle giornate di festeggiamento per l’Unità d’Italia dello scorso marzo. In via Dante dalle 9.30 alle 12, ingresso gratuito. X

Se hai un evento da segnalare invia una e-mail a redazionegazzetta@gmail.com

Non esiste cittadino che non sia entrato almeno una volta nella cartoleria Goretti di via Marconi 23. E’ difficile rimanere indifferenti al tripudio dei tanti articoli che questo negozio, da 101 anni, offre ai suoi clienti. Dal 1910 la cartoleria è il punto di riferimento per i sestesi ma anche per i cittadini dei comuni limitrofi. «Abbiamo rilevato l’attività vent’anni fa - spiega il signor Nicola, titolare -. Con mia moglie Carmela e la nostra collaboratrice Anita abbiamo deciso di dare un’impronta moderna servendo anche uffici e aziende». Ci vogliono impegno e preparazione per servire al meglio la clientela sempre numerosa che affolla il negozio. «Ci inorgoglisce molto - continuano i titolari -, sfogliare i libri che narrano la storia antica di Sesto e vedere che dopo un secolo l’attività esiste ancora». A questo proposito il Comune ha dato loro un riconoscimento cittadino per la continuità dell’attività, ma questo premio non cancella la preoccupazione: si parla di ridisegnare l’intera zona per fare spazio a un nuovo grande condominio. «Saremmo costretti a lasciare i locali. Questo negozio ha resistito a due guerre ma rischia di non resistere alle urgenze urbanistiche». (S. F.)

FRANCESCO PAGANINI, INVALIDO

«Non è facile essere disabile a Sesto» Francesco Paganini è un uomo forte e determinato. Invalido da 22 anni, non ha perso la voglia di lottare per sé e gli altri, per far sì che i sestesi siano informati sulle barriere architettoniche che affollano la città. «Non è facile essere un disabileinquestacittà -spiega Francesco, con l’amarezza nella voce ma il sorriso sempre presente -. Quando decido di uscire di casa, il problema lo incontro già con l’ascensore. Poi se ho fortuna tro-

voqualche conoscente disposto ad aiutarmi e mi faccio spingere per tutta la mia via, che è via Palermo, perché il marciapiede ha una forte pendenza laterale. Nonostante io l’abbia denunciato più volte alle istituzioni, non è cambiato nulla; e io sono obbligato ad andare in mezzo alla strada stando attento alle automobili. La mia passeggiata deve concludersi inevitabilmente in un centro commerciale perché entrare

nei negozi cittadini mi è impossibile: le entrate sono sempre precedute da un gradino e privo di scivolo per la carrozzina. Mi è anche difficile andare dal medico. Mi piacerebbe partecipare alle riunioni del Quartiere ma per entrare nell’aula vi è una rampa molto ripida: quando ho fatto presente il problema, anziché risolverlo, hanno preferito nonavvisarmipiùsulledate degli incontri. Come faccio a chiedere di eliminarelebarrierearchitettoniche?» (S. F.)

La storia della città di ieri e di oggi, raccontata dai suoi protagonisti: i sestesi. Se vuoi condividere la tua esperienza contatta la redazione de La Gazzetta: ne parleremo insieme davanti a una tazza di caffè scrivi a: redazionegazzetta@gmail.com oppure chiama il tel. 02.26.26.34.32


14 X

XXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXX

28 Settembre 2011

Sconfitta al PalaNat per il Geas nell’amichevole contro il Cras Taranto. Nel test pre-campionato le pugliesi si sono imposte per 83 a 64.

L’ATLETA SESTESE HA PARTECIPATO ALLA TRAVERSATA DEL TRATTO DI MARE DA CALAIS A DOVER

Orlandi nella storia della Manica Una vera impresa: fino ad oggi solo 800 nuotatori l’hanno completata E’ impiegato di banca, ha 36 anni e fa parte del contingente del Geas Master, la squadra per gli "over" allenata da coach Alberto Innocenti. Alessandro Orlandi pochi giorni fa ha realizzato una vera e propria impresa. E ha scritto il suo nome nella storia delle staffette azzurre. Unico rossonero in acqua, insieme a Walter D’Angelo, Clemente Manzo, Daniele Salamone che insieme formano il team degli "Italian dolphins" -, ha partecipato alla traversata della Manica da Dover a Calais. Circa 16 gradi di temperatura, per 40 chilometri oltre al freddo i quattro fondisti hanno dovuto affrontare le maree e le forti correnti, numerose meduse e anche grosse navi che hanno attraversato di continuo il tratto di mare tra Francia e Inghilterra. I nuotatori si sono dati il cambio ogni ora, seguendo sempre lo stesso ordine, come da regolamento. Un’impresa titanica quella della squadra azzurra, che ha im-

La Gazzetta

GEAS, AMICHEVOLE AMARA CONTRO TARANTO

Sport NUOTO

XXXXXXXXXXXXXXXXXXXXX

Prossime sfide amichevoli, il 28 settembre (alle 19 al PalaNat) e l’1 ottobre (a Sion) contro in quintetto svizzero del Sion.

flash SPORT Pro prima in classifica Vittoria e primo posto in classifica. La Pro Sesto sul campo del Corbetta si impone per 3 reti a 1: e vola così in solitaria al primo posto della classifica con 10 punti, seguita dalla Sestese con 8 lunghezze. A Corbetta non succede nulla nel primo

tempo; vincenti i cambi di mister Melosi. Il primo gol arriva su calcio di rigore: seguono le altre due reti. Il Corbetta accorcia solo nel recupero. Prossima sfida, in casa, allo stadio Breda, contro il Marnarte che staziona a centro classifica con 5 punti.

Vitobello agli under 23

piegato 12 ore e 39 minuti per completare tutto il percorso. Alessandro Orlandi ha così scritto il suo nome nell’albo d’oro della storica competizione, affidata alla Channel swimming association: la lista di chi è approdato a Calais comprende fino a oggi circa 800 nuotatori, tra uomini e donne. Gara storica e an-

Alessandro Orlandi (terzo da sinistra) con i compagni d’impresa

che severa. Le regole da seguire, pena la squalifica, sono infatti molto rigide. Non è permesso, ad esempio, indossare mute per combattere il freddo, ma soltanto slip, cuffia e occhialini.

Il primo obiettivo della stagione è di sfondare il muro dell’1,90 metri. La misura Chiara Vitobello ce l’ha tutta nelle gambe. Lo assicura Roberto Vanzillotta, allenatore del Geas Atletica che segue la promessa classe 1991 anche ora che è migrata alla Camelot. «E’ in forma: è solo una questione di convinzione. Quello deve essere solo il primo step da supe-

rare». La ripresa, dopo la pausa estiva, è andata secondo pronostico: 1,80 metri ai Campionati regionali di Chiari e 1,77 metri alla prestigiosa Notturna all’Arena Civica di Milano, dove la saltatrice sestese è scesa in pedana al fianco di atlete come Antonietta Di Martinoe AnnaChicherova. La promessa sestese andrà a Modena l’8 ottobre per i Campionati di società under 23.

NELLA PRIMA DI CAMPIONATO I CANARINI DI SESTO FIRMANO 11 RETI. GIOVEDI’ LA SECONDA GARA A BRUGHERIO

"Un calcio alla sofferenza"

La Selecao schiaccia l’Abra Club

Medici e infermieri calciatori per solidarietà. Domenica 9 ottobre dalle 10 alle 17 lo stadio Breda di via XX Settembre ospiterà il quadrangolare "Un calcio alla sofferenza", torneo organizzato dai quattro presidi ospedalieri degli Istituti Clinici di Perfezionamento. L’iniziativa è promossa dall’Associazione "Cuore Marte-

Partenza con il botto per la Selecao Libertas targata l’Abbruzzi Immobiliare. Alla prima uscita stagionale, nel campionato di Serie D, i canarini sestesi hanno letteralmente schiacciato gli avversari dell’Abra Club. Undici reti a uno. La Selecao trova subito il vantaggio dopo 12 secondi di gioco: due passaggi, diagonale sul secondo palo e intervento vincente e decisivo di Brenna che firma così il gol inaugurale della stagione. Nel giro di un minuto il raddoppio; fino all’11esima rete, un tripudio di reti, ma soprattutto di bel calcio. I sestesi saranno chiamati a pro-

ve ben più impegnative, ma rimane l’impressione di una buona squadra e di un’ottima amalgama che, giovedì prossimo ore 21.45, sarà chiamata al secondo esame a Brugherio, in via Manin contro il CGB.

Direttore responsabile: Rosario Palazzolo Società editrice: C 5 Editori srl Redazione: Piazza (privata) Francesco Caltagirone 18 20099 Sesto San Giovanni (Mi) Tel.:02.26263432-Fax:02.24303038 E-mail:redazionegazzetta@gmail.com Registrazione al Tribunale di Monza n. 1605 del 11.06.02

Concessionaria di pubblicità: Pubblinord s.r.l.: tel.02.26263432 Stampa: Litosud Via Aldo Moro 2 Pessano con Bornago (MI)

sano" e si propone di raccogliere fondi per l’acquisto di apparecchiature da donare al reparto Medullolesi. Ingresso: 5 euro.

Libertas Volley, vittoria sull’Opera Prosegue positivamente l’impegno della Power Sun Libertas Volley nel XII torneo organizzato proprio dalla società sestese per la fase pre-campionato. Le ragazze di coach Crippa si sono imposte per 3 set a 1 anche contro l’Opera. Le milanesi trovano

il successo nel primo set, ma la Libertas ingrana la giusta marcia e schiaccia le avversarie in un crescendo di punti e spettacolo. Sabato 1 ottobre le sestesi sono impegnate contro il BarzaVolley: la gara sarà disputata alle 20 in via Leopardi a Barzago.


La Gazzetta

XXXXXXXXXXXXXXXXXXX

28 Settembre 2011

XXXXXXXXXXXXXXXXXXX

Pubblicità

W 15


16 X

Pubblicità

XXXXXXXXXXXXXXXXXXXX

28 Settembre 2011

XXXXXXXXXXXXXXXXXXX

La Gazzetta


La Gazzetta di Sesto San Giovanni