Page 62

FERMATA DEL MESE SCIENCE

a

con

BRUNO MURARI - DIANA REISS - STEFANO BARTEZZAGHI

OTTOBRE

8

60

I SENSORI AL SILICIO DI BRUNO MURARI

[ex direttore dei laboratori di ricerca STMicroelectronics]

polsi è diventato realtà.

Grazie alle sue ricerche sono nati i MEMS… …e hanno fatto la fortuna del Nintendo Wii e dell’iPhone! I Micro Electro-Mechanical Systems (MEMS) sono sensori e attuatori realizzati col silicio, dispositivi microelettromeccanici che, sfruttando le stesse macchine già in uso per lavorare il silicio, hanno aperto la strada a nuove invenzioni basate sull’interazione uomo-macchina. Dal fatturato zero del 2003, entro pochi anni la mia squadra porterà risultati per un miliardo di dollari.

In futuro prevede ulteriori passi avanti? Enormi, abbiamo aperto una nicchia di mercato che diventerà presto una caverna. Fantasia e business model sono gli ingredienti che fanno la differenza in prodotti di questo tipo, le applicazioni possibili sono infinite e permettono di risolvere problemi comuni nella vita reale. La sfida è far capire all’uomo della strada, al cittadino, che la sua idea può fare la differenza. Abbiamo bisogno del contributo di tante menti e di nuovi giovani imprenditori.

Come ci si sente a essere l’inventore di un tale gioiello? A novembre compio 50 anni di attività nella microelettronica, la mia vita è fatta di innovazioni ed emozioni. Ma rispetto alle invenzioni precedenti, i MEMS sono appetibili per l’utilizzatore finale: li chiamiamo “prodotti sexy”, perché chi li usa ne percepisce il vantaggio. Quando con la mia squadra ho iniziato a pensarci, volevo creare qualcosa che, per esempio, consentisse al computer di capire immediatamente la natura del gioco: se misurare e tradurre con la tastiera l’accelerazione del polso e l’inclinazione della racchetta era impossibile, con i sensori applicati ai

Un campo di applicazione plausibile? Quello medico: è reale ipotizzare il superamento del ricovero con l’ospedalizzazione a domicilio. I sensori renderanno possibile il monitoraggio a distanza dei parametri vitali e la chiamata di soccorso.

OTT2011

Vorrebbe rinascere tra 200 anni? Sicuramente sì, ma credo che non capirei assolutamente nulla di quello che è successo nel frattempo. Lo sviluppo è talmente galoppante da un decennio all’altro che si fatica a comprendere i cambiamenti avvenuti.

OTTOBRE

9

I DELFINI DI DIANA REISS [ricercatrice del dipartimento di psicologia all’Hunter College di New York]

Anche i delfini si specchiano è il titolo della sua conferenza. Una scoperta recente? Sì, frutto di una ricerca sulla capacità cognitiva dei mammiferi. In alcuni video, mostro i delfini mentre passano il tempo a guardarsi allo specchio facendo le bolle con la bocca o strani movimenti con il corpo, e illustro gli ultimi studi sulle intuizioni degli elefanti in situazioni di difficoltà. Si dice che i delfini siano mammiferi intelligenti. Quanto? Siamo ancora lontani dal comprendere il loro livello di intelligenza. Sappiamo che sono animali molto socievoli, con memoria acustica e visiva e sviluppate capacità cognitive nel risolvere circostanze problematiche. Per esempio? Sono cacciatori opportunisti: catturano il pesce in svariati modi, da soli, in gruppo o addirittura lavorando in simbiosi con i pescatori. Spesso testano le azioni nella contingenza, imparano osservando e conservano le strategie che hanno funzionato. Ma non abbiamo ancora condotto studi per capire se riescono, senza fare prove, a intuire come risolvere situazioni difficili. Uomini e delfini? Pur venendo da ambienti evolutivi differenti e avendo una conformazione fisica completamente diversa, molti comportamenti cognitivi e sociali ci uniscono. L’amicizia tra specie è possibile, uomini e animali possono sviluppare legami emotivi e sociali. A quale ricerca sta lavorando attualmente? Sto conducendo molti studi con dottorandi e frequentatori di master sull’auto-riconoscimento allo specchio dei delfini e degli elefanti asiatici in base all’età e sulla comunicazione vocale di delfini e ippopotami. Per approfondire il loro livello cognitivo, stiamo sviluppando un sofisticato schermo tattile subacqueo.

La Freccia Ottobre 2011  

La Freccia Ottobre 2011

La Freccia Ottobre 2011  

La Freccia Ottobre 2011

Advertisement