Page 1

53

Fondata e diretta da

Paolo Pillonca

VI/2011

L'isola dei suoni Incontri

Salvatore Mereu

S’abboju

Màriu Masala

Musica

Kurt Cobain

Archeologia

Scrittura tra i Popoli del Mare

Sped. in A.P. - 45% - ART. 2 COMMA 20/B LEGGE 662/96-CAGLIARI • Anno IX numero 53, VI 2011 • euro

4,00


Abbonarsi? Conviene! Perché ti costa 20 e non 24 euro. Perché ti regaliamo un nostro libro* e se porti un amico due. Perché hai il 25% di sconto sulle nostre pubblicazioni. Perché sarai sicuro di non perderti nessun numero.

... e perché sei sardo

Da oggi l’iniziativa è valida anche per il rinnovo dell’abbonamento. Per abbonarsi chiama allo 070 5435098 o manda una mail a domusdejanaseditore@ tiscali.it * scegli tra: Laras, Diario Segreto, Contos chena tempus, Il silenzio - la parola, Correddadas in la minore, Antonandria, Martin Fierro, Logus, Istoria de Cantoni Buttu, 50 anni di premi letterari in lingua sarda, Il bosco incantato, La montagna della luce, Identità cultura scuola.

1


Su Làcanas Notizie alla ribalta,

LE TUE!

Il bimestrale delle identità Làcanas dà a tutti la possibilità di segnalare eventi, notizie o personaggi curiosi da intervistare. Se conosci un bravo artista, se hai una storia interessante da raccontare, se al tuo paese c’è qualcosa di singolare da portare alla ribalta, comunicacelo. Potremo trovare uno spazio adeguato nelle pagine della rivista. Seppure i redattori e i collaboratori siano sempre attenti e abbiano cento occhi e cento orecchie, infatti, qualcosa può sempre sfuggire: sarai tu con la tua gentilezza e la tua intraprendenza a darci la notizia. L’idea è quella di consolidare sempre più il rapporto familiare tra Làcanas e la vita vera della Sardegna e del suo popolo, di entrare nelle pieghe della società isolana dando risalto anche alle piccole storie: quelle dei grandi uomini e delle grandi donne della nostra terra. 2

Entrare in contatto con noi è molto semplice. Scrivi una mail agli indirizzi di posta elettronica della redazione: domusdejanaseditore@tiscali.it info@domusdejanaseditore.com o ancora telefona al numero 070 5435098 ed esponi brevemente il fatto che vorresti vedere raccontato nelle nostre pagine. Se la redazione lo riterrà di gradimento per i lettori, la tua segnalazione diventerà nel minor tempo possibile il punto di partenza per un nuovo articolo su Làcanas.


Editoriale

Universidade, mi siat, mi siat…

Unu tempus – coladu dae meda, a dolu mannu nostru – s’Universidade fut unu logu distintu de sabidoria e de siéntzia chi daiat lughe a sa terra inue operaiat e a àteras terras puru, finas in Sardigna. Oe totucantos podimus bìdere e tànghere comente siat reduida. Torramus a faeddare de sos limbistas de s’universidade de Tàtari, chi sun sighende in su presumu insoro de esser mastros de una limba chi non connoschen, pretendende puru de esser pagados a preju caru dae sa Regione, siat pro sas oras de lescione (ohi, lescione) e siat pro sos mamentos de pasu, si est beru comente est beru, a nde narrer una, chi in su tretu de su pabiràmene inue si faeddat de pausa caffè an dimandadu deghemiza euros. In custu nùmeru de Làcanas imprentamus un’artìculu de su professore Màuru Mascia – limbista connoschidore de limbas – inue si tratat de un’incherta subra sa limba sarda contivizada (ohi, contivizu) dae custos pessonazos. In custu trabagliu (ohi, trabagliu) b’at fartas mannas, gasi maduras chi nos istrinan unu cumprou de ispantu: custos no ischin distìnghere su logudoresu dae su gadduresu. Tando sa pregunta nostra e de mizas de sardos est custa: ite est isetende s’assessore regionale de sa Cultura Sergio Milia a che los bogare fora dae unu trabagliu chi non connoschen in nudda? 3


Fondata e diretta da

Paolo Pillonca

L’altra

coper tina Anno IX

In questo numero Articoli 6

Paolo Fresu suona per i carcerati

numero

53 VI/2011 Reportage

Itervista a Helenita Olivarez Muzere de Aligi Sassu

Archeologia

Bronzetti sardi all’asta In un sito Internet

Giornalismo

Su Prugadoriu di Seui La magia della montagna

Arte

Remundu Piras e Peppe Sozu cantan in Nebida

Sped. in A.P. - 45% - ART. 2 COMMA 20/B LEGGE 662/96-CAGLIARI • Anno VIII numero 47, VI 2010 • euro

4,00

A tu per tu Paula Pitzalis

BimestrAle Novembre - Dicembre 2011

10

Incontri Bellas mariposas Roberta Aloisio

Distribuzione per la Sardegna: Edicole: Fantini Distribuzione Tel. 070 261535 Librerie: Agenzia Libraria Fozzi Tel. 070 2128011

14

Adiosu, De Seta Robertu Caria

Làcanas rivista bilingue delle identità Fondata da Paolo Pillonca Direttore responsabile: Paolo Pillonca Redazione: Fabio Pillonca, Mauro Mura, Roberto Mura

Su saludu

16

S’abboju Màriu Masala Manuela Mereu

Società editrice Domus de Janas Via Monte Bianco, 54 - 09047 Su Planu - Selargius Tel. 070 5435098 - Fax. 070 5434105 e-mail: domusdejanaseditore@tiscali.it www.domusdejanaseditore.com Lacanas la tua rivista Registrazione Tribunale di Cagliari del 5 Marzo 2002 n. 4/02 Registro Stampa. Sito internet www.lacanas.it

22

Etziu Meloni 38 annus in Àfrica Angiulina Cuboni 28

Pier Luigi La Croce 32

© Tutti i diritti sono riservati. Divieto di riproduzione anche parziale dei testi, disegni e fotografie.

S’ammentu Bentornata,vendemmia Maria Teresa Rosu

36

Referenze fotografiche Archivio Domus de Janas, Archivio Famiglia Sulis, Enrico Cambedda, Antonella Fadda, Luciana Meleddu, Maria Teresa Rosu. Per inserzioni pubblicitarie, abbonamenti e arretrati rivolgersi a: Domus de Janas Editore Tel. 070.5435098 Fax 070.5434105

Ammentos Gli Indiani sulla terra leggeri

Stampa Grafiche Ghiani, Monastir (CA) Hanno collaborato Roberta Aloisio, Marcello Cabriolu, Enrico Cambedda, Roberto Caria, Angiulina Cuboni, Antonella Fadda, Larentu Ilieschi Peppe Ferreli, Pier Luigi La Croce, Francesco Lai, Luciana Lapia Piredda, Elisabeth Ledda, Cesara Lobina, Frantzisca Maronzu, Mauro Maxia, Francesco Melis, Manuela Mereu, Roberto Mura, Massimo Pittau, Valentina Pulina, Maria Teresa Rosu, Ilaria Sarigu, Milvia Serra, Giuanni Sias.

Personas

Prémios Thiesi, Atzara, Biddanoa Frantzisca Maronzu

38

Calendàrios Tia Filumena Peppe Ferreli

40

Progetti Dieta mediterranea Enrico Cambedda

4


Dicembre 2011

Rubriche 44

46

50

54

Mari di insidia

82

In Bidda

Tirreno inquieto

Ortueri

Francesco Lai

Elisabeth Ledda

Eccezioni

86

Musica

Dog Island a Quartu

Kurt Cobain

Francesco Melis

Roberto Mura

Internet

92

Poesia

Informatzioni chene perunu segretu

Sa confusioni

Cèsara Lobina

Giuanni Sais

Circas curiosas

93

Su Pitigalimba Larentu Ilieschi

Is nòminis de is bois Ilària Sarigu 94 58

Subra su Palcu

Letteratura

Esórdiu in Bessude

I primi passi di Grazia Deledda

tra Piras e Sozu

Pier Francesco Lostia 100 Ervas 62

Faddinas

Pungitopo

Sa limba est de chie la faeddat

Luciana Lapia Piredda

Mauru Maxia 104 Gastronomia Culurgiones ozastrinos

70 Passilladas cuartesas

Antonella Fadda

Sa cresiedda de Santa Maria Valentina Pulina, Milvia Serra

106 Salute Partiamo dai Nuragici

74 Lingustisca

Oliviero Nioi

Joddu Sardo = Yogurt Turco Massimo Pittau 78

Archeologia La scrittura tra i Popoli del Mare

Ventanas

Marcello Cabriolu

110

Ambienti Nilu

112

Ambienti Cordigliera Andina

115

Logus Sa Muralla Manna

116

Ominis Walt Disney

118

Animalis Elefante indianu

Custu progetu est realizadu finas cun sa partetzipatzione de sa Regione Autònoma de Sardigna 68 26/97 Tiatru L.R. subra sa limba e sa cultura sarda

5


Paolo Fresu suona per i carcerati sardi

P

arlaci della tua esperienza di concerti nelle carceri della Sardegna. Per i festeggiamenti dei miei cinquant’anni ho fatto due concerti nelle carceri. Uno a San Sebastiano a Sassari, l’altro nel carcere minorile di Quartucciu. Due realtà diverse, ma molto forti. Suonare per i carcerati che a livello umano vivono una dimensione di chiusura, ma dove invece la musica è espressione di apertura. Cosa leggevi nei loro occhi? Si è trattato di due esperienze emozionanti. C’era molto silenzio. Nel carcere minorile, dove i ragazzi sono pochi – credo che in questo momento siano quindici o sedici – erano attenti sulle richieste. È stato molto bello dopo: finito il concerto hanno organizzato un rinfresco nel piccolo cortile dove stavo con tutti loro a farci le foto insieme, e mi chiedevano se ero stato nelle loro città, se conoscevo quello o questo. C’erano due magrebini di Casablanca ai quali ho raccontato che conosco molto bene il Marocco. Sono stati tutti molto cari. A Sassari il rapporto con i detenuti è un poco più difficile, il carcere è grande, quasi 180 carcerati. Al concerto c’erano quasi tutti perché era loro facoltà decidere se venire o no. È stata una bellissima esperienza: dalla mitica rotonda di 6

San Sebastiano, dove arrivano tutti i bracci, vedi tutti quelli che ci sono dietro le sbarre. Concerti nelle carceri ne ho fatti molti, come a Badu ’e Carros. Vado ogni anno ed ogni volta si è un poco impreparati perché è una realtà umana molto dura, molto formativa, molto bella. Ti hanno fatto domande particolari? No, domande particolari non ce ne sono state. Alcune del tipo: per quale squadra tifi, quanti anni hai. Mi davano del lei, i


Paula Pitzalis

ragazzi di oggi. Non c’è tempo per approfondire un dialogo complesso, però è emozionante in tutto. Pensi che la musica e le arti possano aiutare, vista la situazione delle carceri italiane e considerato che il carcere oggi non è così educativo? Sicuramente la musica fa molto per tutto, perché in questi cinquanta giorni abbiamo spesso parlato dei Radar e del Salto di Quirra. Abbiamo parlato di solidarietà,

A tu per tu

di energia. La musica diventa un veicolo straordinario considerando che in questi cinquanta giorni ci hanno visto e sentito oltre centomila persone. Un dato pazzesco! Tutta gente che si porta a casa un pensiero, un messaggio, se penso a tutto quello che facciamo con le energie rinnovabili, impatto zero, o con Amnesty International. Abbiamo fatto il tour dei Radar senza saperlo. Siamo stati a Carloforte, a Sant’Antioco mentre nell’Ar7


gentiera a Santa Teresa e Tresnuraghes indossavo la maglietta e parlavo dei Radar. Insomma sono state tantissime occasioni per utilizzare la musica anche per denunciare alcune situazioni drammatiche. Quest’ anno dedichi il tuo festival di Berchidda al tema della Terra. Che futuro prevedi, visto che sei anche padre e, come diceva Cicitu Masala, “ci siamo votati al dio petrolio distruggendo la Terra? Mi sembra che un po’ di cose stiano cambiando in positivo. La gente ha preso coscienza del fatto che non si può andare avanti così. Non può essere il nucleare, bisogna trovare alternative. Bisogna essere rispettosi dell’ambiente e consumare di meno: questi valori credo stiano prendendo piede un po’ dappertutto. Il problema è che c’è un meccanismo più alto che comunque distrugge tutto da quando c’è il dio moneta. La gente ha voglia di cambiamenti. Io lo vedevo tutte le sere, quando parlavo delle energie c’era sempre un grande applauso. Quindi significa che la sensibilità è cambiata. Però poi concretamente ancora le cose non si fanno. Ci sono degli interessi contrari molto forti e il cambiamento non sarà così immediato. Paolo, mezzo secolo “nel cammin della tua vita”: bicchiere mezzo pieno o mezzo vuoto? Una sintesi di questo tuo viaggio esistenziale. Sintesi non ne faccio, ritengo che cinquant'anni non siano un momento adatto a fare bilanci. È un momento di transizione, di passaggio. Non è cambiato niente rispetto a prima. Non mi sento né più giovane né più vecchio e dico solo che anche l’esperienza di questi cinquanta giorni è stata un po’ una follia, una scommessa che è servita ancor di più dei prossimi cinquanta. 8

Se ci saranno bisognerà dedicarli alle cose. Non basta solo suonare la tromba. Quindi utilizzerò lo strumento della musica, come sto già provando a fare, per dare un senso alle cose. C’è solamente una constatazione e un prendere coscienza sul fatto che ho avuto la fortuna di fare delle esperienze. Ho anche la fortuna di essere un musicista affermato e stimato e questo fa sì che ancor di più abbia la responsabilità di portarmi addosso un peso, quello di usare lo strumento comunicativo che conosco e che raccoglie i consensi di molta gente per dare un senso a ciò. Non basta suonare la tromba, c’è qualcosa di più importante, per quanto suonare la tromba sia importante, ma se dietro non c’è un sentimento a sostenerlo non ha senso. Quindi quello che farò sarà continuare a suonare, a fare altre cose, a produrre cultura e proseguire con il Festival di Berchidda e con la mia casa discografica per i giovani.


9


Bellas mariposas, il libro di Atzeni rivive in un film di Salvatore Mereu

B

ellas Mariposas, Belle Farfalle, è la storia di due adolescenti che il regista dorgalese sta ricreando nella Cagliari del 2011. A quindici anni dall’uscita del libro di Atzeni, i sogni, i timori e le incertezze di due ragazzine di dodici anni rivivono nel quartiere di

10


Roberta Aloisio

Sant’Elia. La storia di Cate e Luna si sviluppa in un’unica giornata d’agosto, tra le vie della città, una fiaba tradizionale, ma anche molto realistica, adattabile alla vita degli adolescenti della periferia urbana, condizionate dal degrado sociale, ma che prendono coraggio dalla loro ingenuità e dai loro desideri. Una marginalità sociale che oggi, grazie a Mereu, esce dal format letterario e si trasforma in un film che offre un immaginario che aspira a una vita diversa, ad una speranza di svolta per le adolescenti. Salvatore Mereu dopo i successi ispirati alle storie della Barbagia continua il percorso filmografico nella città, iniziato con Via Meilogu 18 e Tajabone: è la volta di Bellas Mariposas, di cui, oltre alla regia, Mereu firma anche la sceneggiatura. Quanto il film sarà fedele al racconto di Atzeni? Cerco di essere fedele, una storia tratta dalla carta impone delle regole sulla stesura della sceneggiatura. Il film nel suo processo di evoluzione ha dei risvolti dif-

Incontri

ferenti e durante lo sviluppo dell’opera insorgono esigenze che generano un forbice di distacco dal testo originario all'opera finale. L’importante a mio avviso è tentare di tenere un divario ristretto influenzato indubbiamente dalla visione personale che si ha del film. Ognuno di noi avrà una visione diversa, non sarà facile, ma spero di riuscire a soddisfare la maggioranza del pubblico. Quali sono state le difficoltà? La prima difficoltà è data dalla scelta della location. Per quanto il Poetto, Piazza Repubblica siano ancora valide come da racconto, il quartiere che descrive Atzeni, cioè San Michele, a mio avviso non rispetta più i dati connotativi presenti nella libro. Perciò come quartiere di periferia abbiamo scelto il rione di Sant’Elia, che con i suoi palazzoni, le piazzette interne e la vita rionale è tutt’oggi più affine all’atmosfera e alla periferia urbana descritta da Atzeni. Altre incognite? Una è stata la scelta degli attori, soprattut11


to per le due adolescenti che interpretano Cate e Luna. Le protagoniste sono due ragazzine in età pre-adolescenziale, una fase nella quale si cambia quotidianamente, sia nell’aspetto fisico che spirituale. I provini fatti tre mesi prima dell’inizio delle riprese si sono talvolta rivelati poco funzionali al momento del primo ciak. Ci ritroviamo a prendere delle decisioni, ad effettuare dei cambi, e questo è anche il bello e il difficile del mio mestiere. Occorre adattarsi a un’evoluzione continua. Il momento delle riprese si fanno i conti con altri fattori, che spesso dànno origi-

12

ne a un adattamento che si rivela il fattore vincente dell’opera. Atzeni usa un linguaggio definito “glocale”, in cui il sardo viene amalgamato all’italiano e agli slang adolescenziali. Che linguaggio hai utilizzato nel film? Ho mantenuto una combinazione tra sardo e italiano cercando di attenermi al genere di Atzeni che lo ha contraddistinto come autore contemporaneo. È presente la voce fuori campo di Cate, la protagonista, che come nel libro si racconterà direttamente al pubblico.


Sul set di Bellas Mariposas Un mondo di adolescenti e due attori professionisti

Un progetto che ha coinvolto un quartiere, con centinaia di comparse fiere di poter rappresentare Cagliari e far rivivere il libro di Atzeni nei palazzi del proprio rione. Si legge negli occhi di Mari, Jessica, Manuela, Rosi, Nicole, la felicità di partecipare al film. Rimangono in attesa per il turno della comparsa dalle 18 alle 5 del mattino, perché a Sant’Elia si gira quasi sempre in notturna. Si sentono coinvolti in qualcosa di grande e interessante. “Salvatore”, dicono, “ci sta facendo rivivere ed uscire dalla monotonia delle nostre serate: da quando abbiamo iniziato a partecipare alle riprese, ci possiamo incontrare ogni sera, anzi molti di noi, seppur dello stesso quartiere, si sono conosciuti sul set di Bellas Mariposas”. Un momento di confronto, “soprattutto perché in questa nuova esperienza l’età non conta, e varie generazioni, dai bambini agli adulti, si ritrovano ad essere protagonisti di un set cinematografico”. Da non trascurare il risvolto economico dell’esperienza: “Salvatore”, dicono, “ci

offre una grande opportunità dal punto di vista lavorativo in un periodo in cui siamo sopraffatti dalla disoccupazione”. Nel film in cui ci sono anche due attori professionisti: la bella Micaela Ramazzotti che recentemente ha terminato le riprese nel nuovo film di Carlo Verdone è arrivata sul set di Mereu per affiancare le protagoniste esordienti nel ruolo di Aleni la coga: una fattucchiera misteriosa e affascinante che conquisterà le due adolescenti. Altro attore professionista, di origine sarde, è Luciano Curreli, ricordato oltre che in altri film per la partecipazione alla fiction Uno bianca. A lui la grande responsabilità di interpretare il padre di Cate. Sul suo personaggio Curreli dice: “Dalla lettura del racconto e della sceneggiatura, cerco di capire come questo personaggio sia arrivato a una situazione così traviata, dove ha sbagliato, quali possono essere stati i momenti della sua vita che hanno generato in lui fobie, complessità, solitudine, ma anche volgarità e arroganza. Vorrei uscire dall’immagine stereotipa del personaggio, che lo classifica, o meglio de-classifica e capire perché un essere vivente diventa così. Un vecchio senza essere stato adulto, così lo definisco. Un uomo fortemente incompreso, che alla fine sceglie di andarsene ed in questa sua azione rivela un suo lato romantico. Mi ha colpito la sua paura, e ritrovo il suo animo di persona incompresa quando si rivolge al figlio”. Curreli aggiunge: “Non sostengo i cattivi, ma credo che se ci sforziamo possiamo capire perché gli uomini sono così. Mi piace interpretare questo personaggio perché mi posso levare qualche sfizio: più i personaggi sono distanti, più è bello immedesimarcisi”. I migliori auguri a Salvatore Mereu. 13


Adiosu, De Seta Su regista de Banditi a Orgosolo est mortu a 88 annus

Vittorio De Seta.

Montis e orrocas, padentis e gorropus, frius e callenti, bentu, abba e nî, sicagna, furas e feras, connoscit totu su pastori. E timit a sa giustìtzia. Dd’iat comprendiu e contau beni, Vittorio De Seta. Fut su 1961: cincuant’annus a imoi. Su regista sicilianu s’est mortu a 88 annus su 28 de donniassanti, ma is sardus non si dd’ant a iscare14

sci mai, po cuss’istrina chi ddis iat fatu: Banditi a Orgosolo. Su film chi, de seguru, contat mellus de dónnia atru sa Sardìnia de cuddus tempus. Micheli, pastori orgolesu, postu in mesu a una fura de procus e a sa morti de unu carabbineri, mancai non tengiat nexi, timendu di essi impresonau, si betat a bandidu, cun


Robertu Caria

Su saludu

su fradixeddu a tragu. Ma sa sorti dd’at a essi nemiga: is brebeis ddi morint e, bintu de su disisperu, Micheli torrobbat unu pastori, diventendu bandidu aberu. Cun Banditi a Orgosolo De Seta iat bintu su prémiu po sa mellus “Opera prima” a su 26° Festival de Venezia e su ‘Nastro d’argento’ po sa mellus fotografia, intregau de su Sindacau natzionali de is giornalistas cinematogràficus italianus. Innantis de custu film, chi est su primu “lungometraggio” cosa sua, De Seta iat fatu, in su 1958, atras duas pellìculas intregadas a sa Sardìnia: Un giorno in Barbagia e Pastori a Orgosolo. Tra is atrus trabballus sûs, unus cantu documentàrius chi chistionant de sa vida de sa genti in Sicìlia e Calàbria (piscadoris, massàius e minadoris) e is film Un uomo a metà (1966), L’invitata (1969), sa ‘miniserie’ in cuatru partis po sa televisioni Diario di un maestro (1972), bogau de su romanzu de Albino Bernardini Un anno a Pietralata e s’ùrtimu film Lettere dal Sahara (2006) chi contat s’istória de unu piciocu senegalesu chi isbarcat de clandestinu a Lampedusa. 15


Màriu Masala: sessant’annos de garas de poesia a bolu

Màriu Màsala in gara cun Bruno Agus

16


Manuela Mereu

S

unt tropu bellas sas allegas. Sunt sonos fraigadores de vida. Bùtios lizeros chi prenent sas ànimas sididas. Non tocat tando a che las imbolare a su bentu, ma a las impreare chin pensamentu e cunsideru. Comente faghent cuddos chi resessint a ti contare sas cosas chin su lughentore de sos ogros issoro e sa sapidoria de unu coro pàsidu. Depet èssere su naturale de sos poetes chi resessint a assentare sas allegas comente sos frorìgios de unu arrecramu fine: non b’est nudda chi non siat precisu e chi non siet in ue depet istare. Atobiande a Màriu Màsala, poeta silanesu connotu dae totu sos amantiosos de sa poesia a bolu, m’abìgio de sa valura

S’abboju

chi s’istichit a segus de cada allega sua. Tiu Màriu, ocanno azis festegiadu una data de importu? Eh, gasi paret! Sessant’annos de poesia improvisada in sos palcos de cada logu. Ma cando est chi sezis artziadu a su palcu sa primu borta? Bos l’ammentades galu cudda die? Si mi l’ammento! M’est tzocheddende su coro a da chi nde semus faeddende. Fiat su 9 de Austu de su 1951. Aia seghi annos e seghi dies. Apo cantadu chin Cicciu Piga, Barore Sassu e Remundu Piras. Ma tando, Bois azis dimandadu de cantare? Nono, nono. Deo so ‘irgonzosu pro natura. 17


Marieddu Màsala e Frantziscu Mura

Tando sas garas si faghiant in duas dies e sos poetas istaiant in sas biddas e est capitadu chi Remundu Piras l’ant ospitadu in domo de zaju meu e gasi l’ant nadu chi nachi deo cantaia in poesia e issu tando m’at nadu chi depia pigare a su palcu a cantare chin issu e gasi gasi mi nch’at cumbintu e apo cumintzadu in bidda mea. Mai fizis artziadu a unu palcu? Nono, mai. Cantaia in cuddas festas chi si connoschiant in sa biddas, in sos cojubios, in sos tussòrgios e cosas gasi, ma mai a innantis de unu pùblicu. E tando li tenies istima manna a Remundu Piras… Ebbè, b’apo cantadu vintiset’annos paris chin isse. Cando li dimandaiant chin chie cheriat cantare, issu medas bortas numenaiat a mie e tando, podes immaginare, si lu naraiat tiu Remundu fiat de tènnere in contu. E gasi nd’apo cantadu paritzas chin sos mannos de su tempus. Però s’istima non fiat ebbia pro su poete, ma pro s’òmine mascamente, virtudosu e amigu sintzeru. Ma custa passione de cantare coment’est chi est nàschida? Cantande gasi intre amigos, ma est difìt18

zile a lu nàrrere bene. Su Canonicu Spano aiat iscritu una borta chi custu est unu donu divinu. Est unu misteru pro su poeta etotu medas bortas comente naschint sas otadas. Non si faghet chin discansu, beru? Ca depes èssere bonu a ascurtare e pensare s’otada tua in su matessi tempus. Si si cantat in tres est prus fàcile, ca as pius tempus pro pensare. E cale est sa cosa de prus importu in sa gara? (Mi pompiat e riet…) Sa muta ‘e su poete! E custa puru non si podet inzertare, no. A bortas pensas chi no est sa die giusta pro cantare, tando nche artzias a su palcu e cantas che una meraviza! Est totu gasi, unu pagu difìtzile. E su pùblicu? Eh tzertu, cussu puru est de importu. Si chie ascurtat non dat atentu o no istat a sa muda o ite, tando est diferente finas pro su poeta. Si ischis chi tenes a innantis unu pùblicu chi bolet sighire e ascurtare bene, tando tue puru ses prus in pensamentos ca su pùblicu est bonu e cheres fàghere una gara dechida.


19 19


Cambiadu est su pùblicu in sos annos? Sa zente manna benit semper a ascurtare sas garas. Sos giòvanos sunt pagos. Est zente chi sa gara la connoschet e nd’est apassionada. Ma mi paret puru chi sa gara siat pagu connota. Innantis sa gara si faghiat duas dies in cada bidda, como non si faghet prus in medas biddas, E in ue si faghet est semper una die ebbia. E ite nazis Bois, proite est capitadu custu? Ca amos pèrdidu sa limba sarda in domos nostras. Non sunt totus chi faeddant su sardu oe e tando finas a ascurtare sa gara in limba non li interessat prus a sa gente. Ma innantis bi fiat puru una partecipatzione diferente. Sa gara fiat comente un’iscola e sa zente ispetaiat sos poetas in sas biddas finas pro ischire sas cosas e no ebbia pro divertimentu. Comente est cambiada sa gara dae sa primu borta chi sezis pigadu a su palcu a oe? S’istrutura giai no est cambiada. B’est semper s’esòrdiu, su primu tema e su segundu, duinas e batorinas. E poi si serrat chin su sonete de dispedida. Innantis si cantaiat sa moda a su Santu, ma como non b’est prus. Su tempus, però est cambiadu. Comente? Cando apo cumintzadu a cantare andaia in postale a sas biddas e tando istaia finas deghe dies foras de domo ca a bortas fiat a andare allargu meda. E sunt cambiadas sas generatziones puru e a bortas capitat como chi sos comitados no iscant comente est una gara e comente si depet fàghere. Est traballosu a bortas ca sos temas chi si seberant sunt difìtziles a cantare. Dae pagu m’ant dadu a cantare su bunga-bunga. Ma comente faghes tue a cantare pro un’ora de custas fesserias gosi, de custas cosas pigadas dae sa televisione? Innantis 20

si cantaiat de àteras cosas e bi fiat finas su divertimentu. Su tema sèriu, de sustàntzia semper su primu e poi su tema pro s’ispassiare unu pagu. Ma custu non bolet nàrrere a seberare machines. Forcis est ca a sos giòvanos de oe non lis ant fatu mai connòschere sa poesia a bolu e no ischint a beru it’est. B’est carchi cosa chi si podet fàghere pro li torrare unu pagu de vida a custu patrimòniu? Sos poetas improvvisadores si sunt aunidos e ant fatu unu sòtziu, ma non b’est reconnoschimentu perunu, non b’est meritu pro nois chi semus mantenende custa traditzione manna. B’est una proposta presentada a s’Unesco pro nde fàghere unu “Patrimòniu de s’umanidade” e como bidimus comente andat sa cosa. E ite bos nde paret a fàghere un’iscola in ue si potzat imparare a cantare?

Antoni Piredda cun Màrieddu Màsala.


Una borta mi l’ant finas nadu chi cheriant abèrrere un’iscola, ma lis apo nadu chi bi fiat su perègulu chi esseret iscola chena iscolanos. Bisonzat prima a nche torrare sa limba a sos pitzinnos e a lis faeddare in sa limba nostra. E poi lis depet nàschire de sese custa passione, no est chi si podet imparare de unutotu. Su donu de sa poesia non si medit ebbia chin sa bellesa de sas otadas cantadas a lughe ‘e luna. Si cumprendet in su gèniu de sas allegas de pessones simples e de bonucoro. S’iscòbiat in sa vida de un òmine chi at lassadu e sighit a lassare un’istiga lughente in s’istòria de sa terra sua. A nois chi ascurtamos e bidimos tocat su dovere de nche la collire e de nche la porrire a chie at a bènnere. A chent’annos tiu Mà, de versos bundantes e de allegas seberadas in fine!

21


Etziu Meloni 38 annus in Àfrica “Chilometrus de padentis in celu”

A

pipiu di praxiat giai su Continenti Nieddu. De cussa terra fadada, mai bia e feti sonnada, erriciat is cartulinas de su babbu Pepinu ca, cun su tziu, teniat una pensioni in is colònias italianas, innantis de essi impresonau in tempus de gherra. Etziu Meloni est unu babbai saverianu de Sàdili, classi 1936. Agoa de is elementaris, a 12 annus est andau in-d-un’istitutu, a Tortolì, a manu tenta

22

cun dûs babbais chi dd’iant impromìtiu de ddu ingolli in Àfrica. De s’Ollasta Etziu est andau innanti a Macumere e apusti in continenti, in-d-una bidda apresu de Venezia, po su ginnàsiu. Un’annu de novitziau a San Pietro in Vincoli, a Desio po su liceu e de igui a Parma a istudiai teologia. Ordinau préidi, dd’ant mandau a fai promozione vocazionale a Brescia, agoa est torrau a Macumere.


Angiulina Cuboni

A s’acabbu at decìdiu de partiri in Centru Àfrica: Burundi. Innantis, unu brìnchidu a Bruxelles po istudiai su francesu e is costumus de Burundi, Congo e Ruanda. Fut su 1969. Etziu cand’est erribbau s’est postu a istudiai po ses mesis su kirundi, una de is limbas prus cumplicadas de s’Àfrica e de su mundu: “Serbint solumancu dexi annus po dda sciri beni. Candu andaia a chistionai cun is barundi, mi narànt de lassai a un’ala su ditzionàriu e de imparai sa limba comenti dda fueddaiant issus: su babbai ch’iat cumpilau su ditzionàriu fut bonu a iscriri ma a fueddai non fut capassu”. Pustis de su cursu de kirundi Etziu est andau in mesu a sa genti. Cumentzàt sa missioni: “Sa dî etotu chi soi erribbau, si funt acostiaus a mi nai ca nci fut unu mortu. M’ant ingortu in-duna pinneta, sena luxi e sena nudda, e non bia a unu pramu de su nasu, finas a candu m’ant fatu tocai su mortu. Fut impicau in sa pinneta. Tandu dd’apu benedìxiu. A totu s’atru nc’iant pentzau issus”. A Etziu dd’iant postu a dirigi is operàius de sa missioni e fatu fatu, narat “andaia a is safari in is crésias de is comunidadis a illargu. Po lompi in certus logus nci poniaus finas 17 oras a pei, ca no ddui funt istradas, su logu est totu sartu e padenti”. In Burundi, “s’agatant citadis mannas, sa genti bivit finas in comunidadis familiaris piticas, apetotu, in pinnetas tundas cintas de tres murallas”. Finas sa pinneta “est pratzia in tres partis, a un’ala dromint is piciocus, a s’atra is piciocas e in fundu su babbu cun sa mama”. Candu ddu at una coia “si fait una pinneta noa a costau de cussa de is parentis de s’isposa, chi erricint una doda, prus de totu bestiàmini, e s’isposa est cunsiderada una filla noa”.

Personas

Is coias, narat Etziu, “funt unu sinnu de alliàntzia, chi sa coia andat mali sa doda depit essi torrada, bastat chi s’isposa no apat fatu afrontu mannu”. In su centru de s’Àfrica sa cunfromatzioni fìsica de sa genti “est diferenti de tretu in tretu. In certus logus, comenti in is montis de su Burundi, is féminas s’atuant totu a conca e po cussu s’isvilupant in artària e arrennescint a parturiri cun facilidadi”. In Congo, invecias, “s’atuant totu a coddu e duncas si incrubant e tenint dificuldadi a parturiri”. In cussa parti de s’Àfrica, “sa massaria est òpera de is féminas, is óminis funt pastoris”. Agoa de un’annu de permanéntzia in sa primu missioni Etziu andat prus in basciu, a Rumonge, una citadi de portu in su lacu Tanganica: unu lacu mannu, tra is prus fungudus, euba si piscat meda. Igui at imparau a fueddai un’atra limba: su kiswahili. “Cuatru mesis infatu est iscopiada sa revolutzioni: bocidorgius de dónnia manera, sa revolutzioni est passada própiu in sa missioni nosta e at lassau mortus apetotu. 23


Ingollia aintru sa genti istrupiada, andaia in su sartu a dda buscai. Soi stétiu finas in domu de su sìndigu, e candu soi imbucau pariant totus mortus, invecias sa pobidda e tres pipius fuant ancora bius, mancai strupiaus malamenti cun su machete, un’ispétzia de cavanaciu”. Sa revolutzioni fut cumentzada ca “nci fut una minoria de su 16 po centu de sa populatzioni chi controllaiat su poderi: una briga interétnica. Eus ingortu mexinas de sa primu missioni i est calada una mongia, chi operaiat cun mezus de furtuna. Andiaus a portai sa genti a s’ispidali de Bujumbura (sa capitali de su Burundi), poita iant serrau s’istrada po sa missioni”. Etziu in sa capitali est andau a domandai mexinas i est erribbau finas a su presidenti, chi dd’iat donau unu lasciapassare. Aici “seus póssius partiri cun-d-unu càmbiu e duas veturas po is mexinas”. Mancai is rebbellis, in is postus de blocu, no essint bófiu fai passai a nemus. “Candu naraia ca su presidenti nos iat donau su permissu unu de is rebbellis m’arrespundiat: cali presidenti, soi deu su presidenti!” Etziu teniat su portu de arma puru, e in missioni su fosili. Est istétiu un’annu a Rumonge. Agoa si nd’est torrau in Itàlia, e pustis de unu perìudu de vacànztia, s’isperiéntzia sua africana est torrada a cumentzai. “M’ant mandau in-d-una missioni prus in artu, euba no nci fut mancu speru. Tenia feti un’istantzixedda po crocai e papai, sena luxi, sena nudda. Cun sa populatzioni eus frabbicau una biddixedda, in-d-unu 24

situ anca is mannus insoru naraiant ca un’ómini iat essi erribbau po agiudai sa genti a pesai una bidda. Tenia una màchina cun carena, motori e crobetura de tres veturas diferentis”. In sa missioni noa Etziu est abarrau cinc’annus: “ddu iat malaidus meda, non teniaus mexinas. E tocaiat a agiudai is féminas a parturiri, depiaus fai trinta chilometrus po s’ispidali”. Agoa perou est sucédia una cosa mala: “Su guvernu nos si nci at bogau. Segund’issus strobbiaus, ca iaus pesau un’iscola cun 12 aulas. In dónnia missioni teniaus iscolas, e pighiaus genti de totu is etnias, e custu pitziaiat a su guvernu, chi boliat fai istudiai genti de un’etnia feti”. Tandu Etziu est torrau in Itàlia, e agoa est andau po un’annu in Costa d’Avorio “po mi torrai a nou e biri cumenti mi fua cumportau in is annus de missioni. Igui mi soi atobiau cun africanus de 42 natzionis”. Acabbada cudd’esperiéntzia est andau a Salerno a fai s’ecònomu, po tres annus. De igui est partiu un’atra borta in Àfrica, in Congo, a Bukavu, euba ddu iat un’atru lacu mannu mannu.


“Igui apu istudiau sa limba mashi, chi s’assimbillat a su kirundi, mancai medas fueddus bollant nai própiu s’imbessi”. In Congo puru Etziu at biu sa gherra tra is sordaus e is rebbellis, i est erribbada finas a sa missioni sua. “Isparaiant cun is mortàius. A bortas bombardaiant lassendu orrui de is aereus bidonis càrrigus de puncias, chi candu lompiant a terra scempiaiant sa genti in mala manera”. Sa posta erribbaiat agoa de unu mesi e mesu. Segund’issu chi “in Burundi is cosas si funt postas mellus, in Congo tocat a ispetai solumancu 3 o 4 presidentis iscioberaus in manera democràtica, po biri eita sucedit. Ddu at grupus chi bolint pratziri s’istadu – mannu medas bortas s’Itàlia – in-d-una dexina de istadus prus piticus. S’agatant errichesas, prus de totu oru e diamantis. Is rebbellis si faint meris de una zona e dda sfrutant, non faint acostiai a nemus. Intrant in-dun’iscola, secuestrant is pipius e ddus

ponint a fai is sordaus, e is pipias ddas faint tzeracas. In miniera si forrogat sena perunu riguardu po sa seguresa, e dónnia tanti ndi sciopat totu e is operàius ddu abarrant. Nci funt finas sociedadis europeas chi pagant po controllai is minieras, ma is minadoris funt pagaus pagu. Ispidalis e ferrovias non funtzionant, po andai de una parti a s’atra de s’istadu in màchina nci bolint finas e tres mesis. In prus, non scint coltivai, non faint putzus, tocat a fai iscolas artigianas e mecànicas”. Etziu s’isperiéntzia sua africana dda contat aici: “Sa cosa chi mi praxiat de prus fut a imbucai in sa manera de pentzai de sa genti. Andai cun sa mentalidadi nosta bolit nai a si ponni a un’ala e a non cumprendi nudda. Deu a bortas naraia: ma poit’est chi si boceis totus a pari? E tandu s’inchietaiant, boliant a nai: cuddu bocit, cuddu pópulu bocit. De aici s’ofendis. Tocat a cumprendi ca is africanus funt genti chi tenit sentidus fungudus, chi invecias ddus bieus comenti genti allena no ddus cumprendeus”.

25


Po Etziu is cosas prus bellas de is africanus funt “s’ospitalidadi, su de essi geniosus, su de si sacrificai po is atrus, su de essi spontàneus. Totu is chi bis ti saludant, ti cumbidant a intrai in domu insoru a papai unu buconi”. Ma s’ódiu puru est forti: “Nc’iat una pipia piticheddedda e m’ant nau: ‘Bis cussa pipia? At bociu’. Sa genti benit intzullia a odiai po chi possat dispretziai un’atra etnia po totu vida”. Dónnia bidda, dónnia tribù tenit is traditzionis suas. Nci funt miradas de ispantu: “De is montis in pissu de su Tanganica podis biri citadis stremenadas, logus amaiaus, iscurigadorgius chi lassant a buca oberta, padentis sena làcana chi po ddus passai serbint 15 dîs: non s’agatant istradas, depis andai a pei, cun s’abba a petorras, atuendudì totu a conca. Po giumpai is errius si passat ancora in is pontis cun is lianas”. Etziu at biu iscenas tràgicas, a ddas contai non fait: “A biri is mortus abbandonaus in is caminus est tropu legiu. In su 72, in Burundi, in Tanganica, apu biu una fémina totu unfrada, cun-d-unu procu chi nci ddat fut papendu de suta”.

26

Babbai Etziu fut in Àfrica candu si funt mortus su babbu cun sa mama. Candu est mancada sa sorri invecias fut in Sardìnia e nci dd’at interrada issu. No at mai tentu unu momentu chi dd’at fatu nai “no nci dda fatzu prus” perou, cunfidat “m’est capitau de acumpangiai unus cantu babbais chi si ndi fut bófius andai”. Po issu a essi missionàriu bolit nai no a pesai biddas i a fai reportage, ma a abarrai cun sa genti: “Su missionàriu depit bivi a sa manera de sa genti chi est andau a agiudai, non si depit amostai manniosu o meri de una cultura prus manna, si depit atuai a coddu is problemas insoru”. Etziu at fatu 38 annus in Àfrica: dexi in Burundi (de su ’69 a su ’79), unu in Costa D’Avorio e 17 in Congo (de su 1983 a su 2010). Imoi est in Reggio Calabria, in su parcu de sa mundialidadi de Nostrassennora de sa Gràtzia. A bidda sua torrat fatu fatu e, prus de fatu fatu, su coru sû e su pentzamentu sû bolat in cudda terra chi dd’at acólliu po parti manna de sa vida. “Chilometrus e chilometrus de padentis in celu” custa est s’Àfrica po babbai Etziu Meloni.


contivizu de

Paulu Pillonca

Remundu OPERA PIRASOMNIA

848 pagine Euro 40,00

INCLUSO CON 10 GARE POETICHE

L’opera omnia di Remundu Piras il grande poeta improvvisatore di Villanova Monteleone, si articola in 9 parti. Mistériu (sonetti); Bonas noas (satire e trine); Modas (mode cantate sui palchi delle feste); A bolu (strofe improvvisate sul palco); Sedas lizeras (versi inediti di Remundu Piras e dei maggiori poeti villanovesi); Abbas de terra: inediti di Remundu Piras, Andria Baldinu senior, Juanne Casu, Bachis Fara, Nenaldu Iddau, Bucianu Nieddu babbu, Bucianu Nieddu fizu, Gavinu Piredda, Barore Riu Idda, Peppe Sozu e Barore Tucone); Garas (8 gare intere di Piras con Tucone, Piredda, Sozu, Mura e Màsala, dal 1965 al 1977); Glossàriu (con oltre 6 mila parole); Dvd (10 gare di Piras coi grandi improvvisatori). L’opera è stata curata da Paolo Pillonca.

Puoi averlo anche per posta scivendo a DOMUS de JANAS Via Montebianco 54, 09047 Su Planu, Selargius (CA) Tel. 070 5435098 - Fax 070 5434105 e-mail: domusdejanaseditore@tiscali.it • www.domusdejanaseditore.com

27 27


Quando anche gli Indiani camminavano sulla terra leggeri

Due mesi fa è morto Sergio Bonelli, editore di Tex Willer e di altri fumetti, tra cui Dylan Dog e Zagor. C’è un qualche rapporto tra Tex Willer e la Sardegna perché se le storie di Tex aveva iniziato a scriverle Gian Luigi Bonelli, padre di Sergio, i disegni nascevano dall’ispirata matita di Aurelio Galeppini, in arte Galep, nato in Toscana ma figlio di genitori sardi. E forse nei deserti, nei pueblos o nelle praterie che facevano 28

da sfondo alle storie del ranger amico degli Indiani c’era un po’ della Sardegna vissuta e immaginata da Galep. Tex Willer, gli Indiani e i cow boys erano i miti della mia infanzia. Da bambino vivevo in una casa lungo la strada principale del paese. Con noi abitava un fratello di mio padre, gestore dell’unica edicola del paese in quegli anni, frequentata da tanti personaggi curiosi. Ricordo i “compagni” del Pci che passavano a ritirare l’Unità per distribuirne le copie ai simpatizzanti, quando ancora la militanza di partito aveva un senso. Poi c’era il vecchio maestro in pensione che argomentava di tutto, in particolare dei morti di cui gli riferiva il banditore-becchino del paese che arrivava a comprare il giornale in groppa al suo asino. L’asino si fermava sempre davanti all’ingresso dell’edicola, scostava l’uscio con il muso e aspettava pazientemente il suo turno.


Pier Luigi La Croce

Il vecchio maestro aveva un commento per ogni morto ed era solito dire: “Caro Peppino… a tempos de oe sa gente si morit chena narrer nudda”. Poi c’erano gli intellettuali che compravano i settimanali seri: Epoca, l’Europeo, la Domenica del Corriere, con le illustrazioni di Walter Molino. Ricordo che mio padre, attraverso la lettura dei quotidiani, si appassionava alla cronaca giudiziaria di quegli anni, come il caso della maestrina di Borore, e si esaltava per gli articoli sugli incontri di pugilato, con protagonisti Nino Benvenuti e Mazzinghi e i sardi Salvatore Burruni e Piero Rollo. Noi bambini leggevamo i titoli sulle “gesta” di Mesina, scappato dal carcere con Miguel Atienza, e pensavamo a quest’ultimo come a uno dei fuorilegge messicani (i satanassi avrebbe detto Kit Carson) che razziavano i ranch del Texas. In quell’edicola sono cresciuto, respirando le notizie quasi in diretta e leggendo i fumetti: Tex Willer, Zagor, Capitan Miki, Blek Macigno, ma anche Diabolik e Kriminal. Quelle quattro pareti ingombre di testate colorate erano il mio mondo ed ho ancora nella mente e nelle nari l’odore inconfondibile della carta fresca di stampa

Ammentos

e dell’inchiostro. Lì stavo per ore a leggere i giornalini e con la fantasia vagavo dietro a quegli eroi tra i deserti al confine del Messico dove Tex tutelava i deboli, di qualsiasi colore fosse la loro pelle, o tra i boschi a cavallo tra il Canada ed il Nord America dove Blek Macigno combatteva per la libertà dei Bianchi Americani contro le Giubbe Rosse, che poi erano i soldati di Sua Maestà Britannica. Tex Willer era un ranger texano che spesso, per far trionfare la giustizia e la verità, era costretto a violare la legge. Ma Tex era anche diventato il capo del valoroso popolo dei Navajos (gli indiani lo chiamavano Aquila della Notte), dopo aver sposato Lilyth, figlia del capo Freccia Rossa, che poi sarebbe stata assassinata da fuorilegge bianchi. Dal matrimonio con la squaw era nato Kit, che seguirà il padre nelle avventure insieme agli altri due pards di Tex: Kit Carson, con i capelli, i baffi e il pizzetto bianchi e che gli indiani perciò chiamano Capelli d’Argento, anch’esso ranger, e poi Tiger Jack, un guerriero navajo fratello di sangue di Tex, abilissimo, come tutti gli indiani, a cavalcare e a seguire le tracce e che usava oltre al fucile anche l’arco ed il tomahawk. 29


Ho molta nostalgia per quegli anni e per le storie fantastiche di quei fumetti che mi parlavano di un mondo lontano eppure vicino, di foreste e montagne così diverse dai nostri boschi e dai nostri monti eppure simili perché quasi sempre i luoghi ed i tempi del mito hanno le stesse radici. Mi lasciavo incantare dagli sceriffi e dalla loro stella lucente. E quando, con gli altri bambini, costruivamo per gioco il nostro forte tra i rami contorti di un vecchio sambuco, immaginavamo anche noi di portare una stella sul petto e sul fianco i cinturoni e dentro la fondina la Colt. E quando andavamo nei boschi o ci arrampicavamo su pareti di roccia a stanare i falchi dai nidi pensavamo di essere come quei mitici pionieri conquistatori del West, costruendo le ferrovie e le stazioni, avamposti del progresso, dove poi sbuffava il cavallo d’acciaio. Forse perchè anche qui, più di cento anni prima, erano arrivati come pionieri i miei bisnonni per la costruzione della ferrovia centrale della Sardegna che ancora si arrampica per impervi dirupi attraversando vallate e gole selvagge. Ma se anche portavo la colt nella fondina, stavo allora (e anche adesso) dalla parte dei pellirosse e sognavo di riuscire a scoccare una freccia verso il Cielo per farlo sanguinare. 30

E sognavo di cavalcare sui mustangs per le immense praterie, di costruire cento totem e di inseguire il bisonte dopo aver invocato la protezione del Grande Spirito. E mi sarebbe piaciuto portare le penne di un grande e saggio Sakem e di avere sul volto i colori di guerra. E avrei voluto trovare sui sentieri sassosi le tracce di immaginari nemici. E stare in silenzio a osservare le stelle come i guerrieri, che sanno tacere e non hanno paura del buio ma solo dei tanti silenzi dei Bianchi. Ammiravo tutti gli Indiani e sognavo di avere anch’io un nome come Bisonte che Corre, Lupo Notturno, Coda di Lince. Anch’io sono stato una volta guerriero Seminole: tendevo gli agguati nelle paludi della Louisania, combattevo al fianco di Apaches e Sioux, Cheyenne e Arapaho: mi chiamavo Alce Invincibile. Ma mi piaceva soprattutto pensare di essere un guerriero Navajo: ammiravo Aquila della Notte e soprattutto Tiger Jack, che nei suoi lunghi silenzi e nel suo opporsi alle ingiustizie mi faceva pensare alla Sardegna ed ai Sardi. Sfogliando Tex si poteva rileggere la storia dal punto di vista degli Indiani, un grande popolo che ha una concezione nobile della vita e un rapporto armonico con la Natura. Mi piacevano gli indiani perché pensavano che un Grande Spirito regolasse i rapporti tra gli uomini e tra questi e gli animali e le piante. Quella degli Indiani è una saggezza antica: come quella dei Sardi, di quei Sardi che, come ha scritto Sergio Atzeni, camminano sulla terra leggeri. Da una parte gli uomini bianchi che si prendevano le terre degli Indiani, che cacciavano i loro bisonti e non credevano nel Grande Spirito; dall’altra parte gli Indiani, selvaggi forse, ma con una grande armonia, uno stile di vita semplice


fondato sul rispetto, l’amicizia, la tolleranprossimo e hanno anche una storia comune za, la saggezza. La Grande Nazione Indiadi sopraffazioni subite nei secoli da parte di na non esiste più: molti Indiani sono stati altri popoli. Navigando in Internet ho trovamassacrati perché si opponevano al proto una poesia dei Navajos. È una lirica che gresso e alle leggi dell’uomo bianco. riflette una concezione di vita assai lontana Gli Indiani superstiti in America sono redalla nostra ma traduce la filosofia e l’anilegati nelle riserve. Non cavalcano più i ma di quel popolo. Sono parole bellissime mustangs, non hanno più le loro immense che io, pensando all’ancestrale legame che praterie né possono cacciare l’amico bisonpare affratellare la nazione sarda a quella te o correre incontro al vento con la faccia indiana, ho tradotto in sardo logudorese. dipinta d’antico. Da bambino SONO ANDATO... SO ANDADU... mi sono opposto alla conquista di quella lontana frontiera del Sono andato So andadu West ed allo sterminio degli alla fine della terra a inue finit sa terra Indiani. Oggi non potrei nemsono andato so andadu meno farlo: non ho più l’arco e alla fine delle acque, a inue finin sas abbas le frecce e nemmeno la fantasia sono andato so andadu con la quale avrei potuto stracalla fine del cielo a inue finit su chelu ciare i nemici, come ha cantato sono andato so andadu De Gregori. Oggi i discendenti alla fine delle montagne: a inue finin sos montes: di quelle orgogliose popolazionon ho trovato nessuno no apo agatadu a niunu ni dalla pelle rossa che occupache non fosse mio amico chi non mi fesset amigu vano le terre d’America da millenni prima dei bianchi, sono ormai pochissimi. Alcune Tribù contano solo poche decine di individui: quando saranno scomparsi spariranno per sempre le loro lingue. E verrà meno anche la loro ancestrale saggezza. Molte tribù ancora oggi vivono nelle riserve. Tantissimi non si sono integrati e vivono con miseri sussidi, magari schiavi dell’Acqua di Fuoco, retaggio della civiltà dell’Uomo Bianco. Ed a poco vale l’equo indennizzo per le terre espropriate che Obama ha riconosciuto agli Indiani. È una goccia nel mare, ha un valore simbolico: la Nazione Indiana non esiste più e non potrà più esistere. C’è chi ha accostato gli Indiani d’America ai Sardi: forse perché sono due popoli fieri, che hanno in comune il rispetto per le tradizioni, condividono la saggezza, il rispetto per il 31 31


Bentornata,vendemmia Cronaca di una giornata sul filo della memoria

O

rosei, fine settembre. Il caldo non è ancora un ricordo. Le masse di turisti lo sono già. L’azzardo non è più avventurarsi nelle vie o nelle spiagge affollate, ma tuffare lo sguardo nella luce del tramonto per cogliere la dolcezza del paese e del suo territorio. L’emozione che si prova tesse nuove amicizie col passato. La memoria torna alle file di carri che rientravano dalle vigne sotto un sole languido e dolcissimo. Nelle vie strette, le ruote sbattevano sui ciottoli con grande frastuono. Qualche grappolo d’uva cadeva a terra e i bambini accorrevano. I vicinati erano in fermento. Nei cortili c’era l’euforia dell’attesa e le botti da riempire col nuovo vino erano già pronte: quando il tempo era condiviso e settembre era il mese sacro per i riti della Madonna del Rimedio e della vendemmia. Nel 2011, l’enoteca osteria Il Portico propone, per la seconda volta, uno spaccato di quel mondo, con l’iniziativa Bentornata vendemmia. 32

Alle sette di sera la via Grazia Deledda è sonnacchiosa sotto due nuvole di perle rosate. Dopo il campo sportivo, la deviazione a destra è polverosa. I nuovi insediamenti sono sorti come funghi. Gli orli dei tetti delle villette a schiera sembrano emergere da un bagno di luce d’oro. Nuvole sparse e dense, di un grigio e di un rosa striati di celeste, annunciano l’autunno prossimo venturo. Poco più avanti lo sguardo si spoglia.


Maria Teresa Rosu S’ammentu

Una linea d’orizzonte pulita e struggente si delinea fra i monti lontani e la campagna. I buoi spuntano all’improvviso. Tirano un carro carico di ceste. Provengono dall’azienda agricola Donna Lina, dove sas cofas sono state riempite di uva appena vendemmiata. Nella strada sterrata camminano veloci, sollevando nuvole di polvere che sembrano riemergere proprio dai ricordi. Il giogo è guidato da Giorgino, una vita per la campagna, che strattona e molla le funi a seconda del percorso. Ha ritrovato facilmente i gesti di un tempo cancellato da camion e furgoni. Li compie nel percorso fino al paese e attraversandone il cuore: da Via Mannu alla piazza di Sant’Antonio Abate, da via Satta per la via Nazionale alla piazza del Popolo e infine, a via De Gasperi, fino all’enoteca. Il carro è rumoroso. Durante il tragitto gli usci si aprono alla curiosità che bussa: l’avvenimento è ormai insolito. I bambini interrogano. Qualcuno salta addirittura sul carro e afferra qualche grappolo. Dentro l’enoteca, una serie di vecchie foto in bianco e nero, esposte permanentemente, parlano di questo mondo scomparso che ha lasciato tracce di memoria e più di un rimpianto. 33


Fuori dei locali i turisti e i curiosi sono ansiosi di emularlo provando a schiacciare l’uva con i piedi, secondo il rito antico praticato nei cortili. L’invito a farlo era in locandina: Azoviate a pistare s’àchina. E così, mentre Tanina, titolare dell’enoteca, si dà da fare per servire i clienti e accogliere gli ospiti, il marito Giangiacomo e 34

l’amico Piero, dopo aver scaricato le ceste, allestiscono uno spazio rudimentale per la pigiatura dell’uva. I turisti e i bambini si lavano i piedi in una fontanella e la sperimentano ridendo del risultato, mentre un rivolo chiaro fuoriesce da un sacco, scorre in su lacu di sughero e scende nella tinozza per la gioia dei presenti. Un tempo questo era un rito. Poi sono subentrate le macchine e il gusto del succo spremuto dolcemente dagli acini non è stato più lo stesso. I tenores di Pattada si pesan a cantare sotto le palme. Fotografi e giornalisti fermano nel tempo questa iniziativa. Giangiacomo suona la batteria con l’Azura band chiamata a fare festa fino a notte fonda. Nel tavolo degli ospiti arriva la pecora in capota condita di discussioni e di ricordi. Qualche cliente acquista del miele e del pane carasatu. Altri osservano le confezioni di dolci sardi. La padrona di casa non si ferma un attimo. È una donna di progetto e di comunicazione: dalla data di apertura, la sua enoteca propone il binomio prodotti-iniziative. La pigiatura dell’uva con i piedi, le mostre fotografiche e la realizzazione in diretta de sa trunfa hanno animato numerose serate.


Da qualche tempo, oltre al buon vino, Il Portico offre anche le grigliate di carne e pesce freschissimi. A scegliere il vino e gli alimenti è sempre lei: Tanina Podda, un po’ sopra i cinquanta, radici di Orgosolo, sposata e residente ad Orosei. “Perché una donna a condurre un’enoteca?” È la domanda spontanea. “Perché non dovrei?” È la risposta subitanea. “Ho iniziato per caso e ormai lo faccio da anni. Assaggio i vini, li valuto e li scelgo. Li riconosco e distinguo tra i fruttati, i passiti, i corposi, i barricati. Certo ho anche studiato, ho visitato cantine e mostre...” Il viso stanco si illumina di entusiasmo per un’attività che ha a che fare con materia viva: “I vini non devono essere sistemati in posti qualunque. Alcuni addirittura riposano e odiano il rumore e la compagnia di formaggi o altri cibi dal sapore forte…” Perché l’ubicazione nel centro storico? “Questo locale ha i muri spessi e la luce non è eccessiva, così la temperatura rimane abbastanza costante in modo naturale”. 35


Custos sos binchidores in Thiesi, Atzara e Biddanoa Monteleone

Teresa Piredda Paoloni.

T

HIESI. Poetas famados e de importu an meréssidu su Prémiu Seunis de Thiesi – jómpidu ocannu a s’editzione nùmeru 16 – in ambas setziones: poesia rimada e poesia chene rima. In sa poesia rimada est bessidu primu Vincenzo Pisanu de Assèmini, segundu Gigi Angeli de Luras e tertzos ex-aequo Juanne Fiore de Ìttiri e Ànghelu Porcheddu de Bànari. Mentziones de onore a ses poetas: Salvadore Murgia, Raffaele Piras, Ànghelu Fadda, Franco Piga, Gesuinu Curreli e Giangavinu Vasco. In sa poesia chene rima at bìnchidu Anna

36

Cristina Serra de Santu ’Asile de monte, segundu Gianfranco Garrucciu de Témpiu, tertzos Sandro Chiàppori de Casteddu e Salvadore Pintore de Ósile. Ses inoghe puru sas mentziones de onore: a Domenico Battaglia, Mariatina Battistina Biggio, Gonàriu Carta Brocca, Teresa Piredda Paoloni, Madalena Spano Sartor e Ninu Fadda. ATZARA. In sa prima setzione de su Prémiu Mandrolisai de Atzara bìnchidora est resultada Teresa Piredda Paoloni de Escolca-Perugia cun S’at a isciolli custa nia, segundu Salvadore Murgia de Macumere


Frantzisca Maronzu

cun Arbéschida, tertzu Jubanne Piga de Nùgoro cun E at a esser impuddile. Tres sun sas mentziones de onore: pro Zusepe Delogu, Pedru Frantziscu Pinna e Innàssiu Porcheddu. Sos poetas signalados sun chimbe: Ànghelu Lenardu Berria, Salvadore Dore, Maria Rita Farris, Jubanne Pira e Giuseppina Schirru. A Gigi Angeli est andadu su prémiu ispetziale de sa giuria. In sa segunda setzione, riservada a sos poetas atzaresos, at bìnchidu Rosa Corongiu cun Lughes de paghe, segunda Maria Paola Corongiu cun Bisos, tertza Maria Valeria Urru cun Sa calada. Anna Paola Paola Demelas at balanzadu una mentzione de onore pro Notte bentosa. In sa setzione nùmeru tres, riservada a sos pitzinnos de iscola, est resultada prima Sandra Pisu cun Atongiu, segunda Mara Corongiu cun S’allegria de sa vida. Su tertzu prémiu l’at àpidu Frantziscu Pes cun tres poesias S’atongiu, Santu Miale e Su studente. In custa setzione sos cumponimentos sun paritzos. Bidimus cantos, distintos iscola pro iscola. I elementare: Mirko Demelas, Simone Muggianu e Lorenzo Puddu. II elem.: Asia Bonu, Elisa Copioli, Andrea Flore, Ignazio Flore, Francesca Mele, Melissa Pisu, Michele Pisu, Simona Satta e Roberta Serra. III elem.: Sofia Caria, Manuel Corongiu, Nicolò Demelas, Arianna Demurtas, Maria Mele, Marzia Murru, Vittorio Pisu, Fabio Savoldo, Filippo

Prémios

Tolu. IV elem.: Elia Corongiu, Samuele Corongiu, Michele Mura, Marica Pisu, Alessia Serra. V elem.: Andrea Congiu, Daniele Congiu, Davide Cossu, Giorgia Flore, Giorgia Manca, Silvia Schirru, Maria Giovanna Tolu e Davide Urru. Iscola mèdia. Maria Corongiu. BIDDANOA MONTELEONE. Sa rivista fut intrende in tipografia cando amus

Vincenzo Pisanu.

àpidu sos resultados de sos pitzinnos de iscola cuncurrentes a su Prémiu Remundu Piras. Pro sa materna at bìnchidu Biddanoa. In sas elementares s’iscola bìnchidora est sa V de Thiesi, segundas Elini e Elmas, tertza Biddanoa. In sas mèdias binchet sa II de Elmas, segunda Fiolinas, tertza Assèmini. In sa setzione Dvd at bìnchidu Ósile, segunda Ittiri, tertza Sénnaru. In s’àteru nùmeru de Làcanas amus a dare logu a sa festa de su Prémiu Remundu Piras, setzione riservada a sos pitzinnos. 37


Tia Filumena at festadu sos 107 annos Nàschida in Biddanoa Monteleone, amiga de Remundu Piras

E

ssende galu sana e de sentidu friscu, tia Filumena Maronzu at brincadu sa làcana de sos 107 annos. Festada a meraviza comente semper dae sos parentes, tia Filumena at retzidu unu riconnoschimentu distintu dae sos amministradores de su logu nadiu. A bi l’istrinare est faladu a Casteddu su sìndigu de Biddanoa Monteleone, chi l’at réndidu una vìsita in domo sua, carrela de Morgagni 19, a pagu tretu dae su campu isportivu Amsìcora. Sa bonasorte at chérfidu chi oe esseret sìndigu in Biddanoa Chìrigu Melone, nebode (fizu de sa prima fiza, Angélica) de su cumpanzu preferidu de sa pitzinnia sua, su poeta e cantadore famadu Remundu Piras, nàschidu su 29 de Sant’Andria de s’annu 1905, duncas de tréighi meses pius minore de Filumena, bénnida a sa prima lughe su 23 de Santuaine de su 1904.

38


Peppe Ferreli

Calendàrios

Tia Filumena cun su sìndigu Chìrigu Melone.

Issa s’est traténnida cun sos istranzos aggradéssidos ammentende sos annos biddanoesos, durados pagu pius de vintichimbe annos (tia Filumena istat in Casteddu dae su 1929). “De sos amigos e cumpanzos mios de tando Remundu fut su pius abbistu”, at contadu cun pretzisione s’ultrechentenària festada. “M’ammento chi a sa ’essida dae sa Missa fut bonu a contare totacanta sa préiga de su retore chene ismentigare nudda”. A li render onore e a li dare sa bonaura, a domo de tia Filumena b’est andadu puru su fizu minore de tiu Remundu, Frantziscu (residente in Casteddu finas isse, dae pius de barant’annos), chi l’at fatu paritzas preguntas: Filumena Maronzu at rispostu cun piaghere e a deghile, mustrende de no aer olvidadu nudda de sos annos colados in Biddanoa. Pro sos àteros visitadores puru sa connoschéntzia de tia Filumena Maronzu est resultada una festa manna e finas un’ispantu chi at revivadu su disizu de uras bonas de àteros annos de vida e de salude in su corpus e in sa mente.

Tia Filumena cun Frantziscu Piras, fizu de tiu Remundu.

39


Dieta mediterranea: ora è un obiettivo europeo

Dalla Sardegna alla penisola e alla Spagna con sette Gal

U

n nuovo stile a tavola. La dieta mediterranea come mezzo per un’alimentazione sana e come fattore identitario e culturale delle popolazioni. Il Gal del Sulcis Iglesiente, Capoterra e Campidano di Cagliari è il capofila di un progetto di cooperazione fra nazioni e territori diversi per rilanciare, soprattutto fra i giovani, uno stile alimentare basato sulla dieta mediterranea e sul consumo di prodotti locali di qualità. L’iniziativa, denominata “MeDieTerranea” rientra nell’ambito del programma di sviluppo rurale, 2007/2013, finanziato dalla Comunità Europea. I partner del progetto sono 40

quattro Gal (Gruppi di azione locale) di Sardegna, per altrettanti territori: Sulcis, Capoterra e Campidano di Cagliari, Linas, Sarcidano, Barbagia di Seulo, Marmilla. Inoltre il Gal Adige (Veneto) e Marmo Melandro (Basilicata), L’Altra Romagna e i Gal spagnoli La Manchuela e Sierra del Segura. I partner hanno deciso di destinare a questa finalità la somma di 600 mila euro. I primi atti per l’avvio del progetto sono stati l’incontro dei primi di ottobre a Teulada e l’accordo di cooperazione firmato il 12 novembre ad Arezzo, all’Agri&Tour (Salone nazionale dell’Agriturismo). Ora


Enrico Cambedda

Progetti

l’autorità di gestione darà il via libera definitivo. La dieta mediterranea, dunque, con il suo grande patrimonio di competenze, conoscenze, pratiche e tradizioni. Si tratta di una riscoperta e valorizzazione di un itinerario che va dalla terra alla tavola per il consumo del cibo quotidiano. C’è da recuperare un modello nutrizionale costituito da alcuni elementi tipici: olio di oliva, frutta fresca e secca, cereali, verdure, pesce, latticini, carne, miele, vino: “È molto di più di un semplice alimento – spiega, Nicoletta Piras, direttore del Gal –: promuove, infatti, l’interazione sociale, poiché il pasto in comune è alla base dei costumi e delle festività condivise dalle nostre comunità. Ha dato luogo ad un notevole corpus di conoscenze, canzoni, massime, racconti e leggende. La dieta mediterranea si fonda sul rispetto per il territorio e la biodiversità e garantisce la conservazione e lo sviluppo delle attività tradizionali e dei mestieri collegati alla pesca ed all’agricoltura, in tutti i Paesi mediterranei”. Obiettivo ambizioso: accrescere la consapevolezza e l’attenzione verso la dieta per incrementare la domanda di prodotti tipici sia da parte delle popolazioni locali sia dai turisti. Potrà essere un modo per avvicinare gli operatori del settore ricettivo ai produttori agroalimen41


tari: “Il progetto intende inoltre diffondere un modo sostenibile di visitare i nostri territori – commenta Daniele Serra, animatore dei progetti Gal – i turisti devono poter vedere ed assaggiare i prodotti tradizionali e capire i processi-base di produzioni rigorosamente di qualità. L’aspetto innovativo del progetto è la ricerca di una forte relazione tra due settori, turismo e alimentazione, che appartengono alla stessa industria che è l’offerta

42

turistica di servizi sostenibili”. Obiettivi specifici del progetto sono: rafforzamento dell’identità rurale, divulgazione del messaggio che la dieta mediterranea è salutare; incremento del commercio dei prodotti tradizionali attraverso uno stretto legame col turismo; approfondimento del legame tra produzioni tradizionali e società; valorizzazione dei processi produttivi ed i luoghi di produzione degli alimenti. Per portare avanti il progetto è prevista una lunga serie di operazioni ed iniziative: “La prima cosa da portare avanti sarà lo sviluppo di un menù tradizionale euro-mediterraneo – conferma, Cristoforo Luciano Piras, presidente del Gal –: strumento che si associa


ai prodotti tipici di ciascun territorio nel segno dell’identità, qualità e sicurezza alimentare. Sarà composto da piatti cucinati con prodotti delle diverse regioni, frutto di metodi e materie prime utilizzati da coltivatori ed artigiani locali. Sarà proposto anche un menù per bambini da introdurre nelle mense scolastiche”. Proseguendo nell’esame delle iniziative, meritano qualche riflessione la Fiera della Dieta Mediterranea e la Conferenza (sullo stesso tema): “La prima è un modo per rilanciare le abilità di arte e di produzione – aggiunge Cristoforo Luciano Piras – attraverso un evento differente dalle classiche fiere dell’agroalimentare. Proporremo dei momenti di approfondimento in cui la dieta diventa veicolo emozionale e percorso sensoriale. Il cibo, gli oggetti, la dieta, gli alimenti e le storie o le leggende saranno presentati quali parti di un insieme di elementi storici e culturali in grado di suscitare sensazioni positive. La Conferenza, infine, sarà aperta ai produttori agricoli e alle piccole e medie imprese turistiche. I visitatori sperimenteranno le tecniche che sono alla base dello stile alimentare mediterraneo”. Non poteva mancare un concorso ga-

stronomico a tema. Nella Conferenza sulla dieta mediterranea, cuochi e chef si confronteranno con piatti e ricette che rappresentino specificità dei territori di provenienza. Una giuria valuterà i risultati. Infine i partner hanno pensato a una pubblicazione che descriva gli alimenti caratteristici delle antiche civiltà e delle nazioni moderne: un lavoro di ricerca di storie e di esempi da tradurre in elaborati idonei all’uso didattico di educazione alimentare, sotto forma di cartone animato. Per la produzione di questi materiali sarà bandito un concorso di idee indirizzato agli alunni delle scuole primarie dei territori aderenti. Non mancherà una ricerca storico/antropologica e la realizzazione di un libro, affidati a esperti del settore. Il progetto prevede anche una complessa serie di attività collaterali. Ogni Gal dovrà curare un’iniziativa specifica sul proprio territorio. Il Gal Sulcis Iglesiente, Capoterra e Campidano di Cagliari sperimenterà un progetto pilota di educazione alimentare per le classi terze e quarte delle scuole primarie: menù a tema nelle mense scolastiche; laboratori di educazione alimentare; realizzazione di materiale didattico. 43


Tirreno inquieto: rischio tsunami in Sardegna?

L

a notizia circola ormai da tempo negli ambienti scientifici, ma ha il sapore della curiosità scientifica da salotto piuttosto che quello reale di una minaccia incombente sulle coste italiane del Tirreno meridionale. Studi dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (Ingv) hanno portato alla luce la possibilità che la ripresa dell’attività effusiva del vulcano Marsili possa dar luogo a uno tsunami con onde alte fino a 20 metri. La comunicazione è passata quasi inosservata per la volontà delle autorità di non creare allarmismo, frase insensata, ma utile per celare le proprie incapacità. I bollettini dell’Ingv, a quanto risulta per il momento, non citano nemmeno la Sardegna fra i luoghi a rischio. È davvero così? Possiamo stare tranquilli? Direi proprio di no. Il Marsili, situato ad 80 km dalle Eolie e a 120 km dalla Sicilia, è il vulcano sottomarino più grande d’Europa, s’innalza per circa 3000 m e, in pianta, misura circa 30x70 km, la sua sommità giace a circa 500 m sotto il pelo dell’acqua. Dopo un lungo sonno sta lentamente riprendendo a eruttare e la nuova fase di attività potrebbe destabilizzare i suoi versanti e scatenare una frana di circa 10 km3 analogamente a

44

quanto fece il Vavilov, altro vulcano posto a qualche centinaio di kilometri di distanza verso NW, qualche migliaio di anni fa quando dai suoi versanti si staccò una frana di ben 50 km3. Le onde di tsunami generate dal Marsili, secondo le simulazioni al computer, devasterebbero le coste di Campania, Basilicata, Calabria e Sicilia nel giro di un’ora dal verificarsi della frana. Le coste dell’Italia meridionale subirebbero tutto l’impatto delle onde, ma una parte dell’energia si dirigerebbe anche in Sardegna e interesserebbe, principalmente, il settore costiero tra Villasimius, Castiadas, Muravera e S. Vito, senza escludere zone più a nord. Il Marsili dista pressappoco 420 km a est di Capo Ferrato, ma l’attenuazione del fenomeno con la distanza potrebbe non essere tale da garantire l’incolumità di persone e beni. Uno tsunami di “soli” 2 metri durante la stagione balneare potrebbe mietere un enorme numero di vittime, inoltre ciò che più conta non è altezza delle onde in sé, ma la massima altezza raggiunta a terra, detta run-up che, mediamente si aggira intorno a 2-3 volte l’altezza dell’onda. In sostanza, uno tsunami di 2 metri può avere un run-up di 4-6 metri.


Francesco Lai

Gli tsunami attraversano il Pacifico da una parte all’altra mantenendo intatto il loro potenziale distruttivo. Un maremoto generato in Cile nel 1960 devastò le coste Giapponesi poste a oltre 10.000 km di distanza. Sfatiamo un altro mito: la Sardegna reca tracce di numerosi maremoti avvenuti nel passato, ma gli studi sono appena iniziati. Per quanto mi riguarda, ho scoperto numerosi indizi che lasciano pensare che Cagliari sia stata colpita da uno tsunami in grado di depositare sulle colline sedimenti a 100 m d’altezza. Ma non si tratta soltanto di eventi remoti: l’ultimo maremoto che ha interessato l’Isola si è verificato il 21 maggio 2003 a seguito di un terremoto verificatosi in Algeria. I Paesi che si affacciano sul Pacifico hanno istituito vari sistemi d’allarme nazionali e internazionali sin dal 1946 in grado di avvisare la popolazione dell’imminente pericolo, alcuni come Cile e Giappone effettuano periodiche esercitazioni che coinvolgono anche la popolazione. In Italia non esiste nulla di tutto ciò, addirittura mancano i fondi per monitorare in maniera continuativa il Marsili. È triste doverlo dire, ma se le autorità latitano occorre una buona dose di fai-da-te se si vuole scampare alla tragedia. Si tratta di poche nozioni elementari da tenere bene in mente con la speranza, ovviamente, di non doversene mai servire. La fortuna, usiamo questo termine, consiste nel fatto che, pur in assenza di sistemi d’allerta, uno tsunami non arriva all’improvviso, ma è preannunciato da un insolito ritrarsi del mare per centinaia di metri che lascia esposti i fondali. Dal momento in cui il mare indietreggia rimangono a disposi-

Mari di insidia

zione circa 10-15 minuti per abbandonare la spiaggia e fuggire verso luoghi elevati come colline o edifici purché non in legno. In casi estremi anche gli alberi sono un buon rifugio in quanto hanno più volte dimostrato di saper resistere alla furia del mare. Attardarsi a osservare l’insolito spettacolo è letale. Quando all’orizzonte compare una linea luccicante bianca non c’è più tempo per porsi in salvo, nel 2004, in Indonesia, molte persone hanno perso la vita in questo modo. Inutile salire su natanti di qualsiasi tipo, ma se ci si trova a bordo di un’imbarcazione troppo distante dalla terraferma, meglio allontanarsi rapidamente dalla costa per affrontare il mare dove i fondali sono più alti e le onde più basse. Non abbandonare il rifugio dopo il passaggio della prima onda, questo per due motivi: primo, perché seguiranno altre onde fra le quali la seconda o la terza raggiungono la massima energia e altezza; secondo perché dopo ogni onda il riflusso può avere energia superiore all’onda di maremoto. L’augurio è che l’attività effusiva del Marsili sia blanda e non si arrivi al collasso dei versanti del vulcano, ma le parole di Enzo Boschi, presidente dell’Ingv, non sono rassicuranti: l’irreparabile potrebbe accadere in qualunque istante. 45


Dog Island a Quartu oasi felice per cani e padroni

S

imona Ferino, cagliaritana, ex giocatrice professionista di pallavolo (con l’Alfieri in serie B) fonda nel 2005 il Dog Island, struttura polivalente per chi vuole accompagnarsi col suo fedele amico cane. Il Dog Island, che Simona gestisce con una socia è unico nel suo genere in Italia. Sin dagli inizi rappresenta un’oasi felice per cani e padroni, un vero e proprio collettore del mondo cagliaritano di cinofili che fa cifra a 4 zeri (circa 20 mila i cani denunciati all’anagrafe a Cagliari e provincia). Quindi dog parking, addestramento o semplicemente socializ-

46

zazione per quattrozampe e padroni, con bar e servizi. Un’ampia zona verde con amache, sedie e sdraio dove portare il cane a pochi passi dal mare – Poetto di Quartu Sant’Elena – ma anche luogo di scambio di informazioni, idee e sinergie. Dog Island ha rappresentato per un migliaio di cani e proprietari un luogo di svago e benessere, oltre che di essenziale supporto. Ma quest’oasi felice è a rischio: la gestione è in difficoltà e il Comune di Quartu dimostra poca pazienza. Come nasce l’idea di lasciare un lavoro ‘normale’ in una tipografia per de-


Francesco Melis

dicarti totalmente agli amici a quattro zampe? Per spiegare il perchè di una scelta così radicale, passo tutta la mia giornata tutti i giorni dell’anno qui con i ‘miei’ cani, bisogna andare indietro di molte generazioni. La mia famiglia è una famiglia di cinofili da sempre, io ho sempre avuto familiarità con i cani, da quando ho memoria. La decisione è maturata però in questi ultimi 15 anni, quando ho cominciato a vivere in totale simbiosi col mio cane, e a capire quanto ci fosse bisogno a Cagliari di una struttura del genere. Di più, il Dog Island è solo una faccia di quello che doveva essere un polo cinofilo: dog parking, toeletta, stabilimento balneare (l’avevamo aperto per mezza stagione nel 2005 con grande successo) e diversi altri servizi per cani e padroni. Alla fine è stato possibile tenere aperto solo il Dog Island, non senza difficoltà. Che target di persone viene da te con il proprio cane? Assolutamente eterogeneo. Per età, estrazione culturale e sociale. Da noi vengono lo studente e il pensionato, il professionista e il disoccupato, l’operaio e l’imprenditore. Dai più giovani – bambini portati dai genitori e intere famiglie – agli ottan-

Eccezioni

tenni. Uomini, donne. Ovviamente è eterogenea anche la struttura caratteriale delle persone e dei cani. Simpatici, scorbutici, generosi, avari, timidi, estroversi, un po’ di tutto insomma. Tanto da rendere questo lavoro mai noioso. I cani? I veri protagonisti di questo posto. Di tutte le razze e stazze, dall’alano allo york shire passando per il dogue de bordeaux e i meticci, nella maggior parte dei casi di carattere e indole vicina a quella dei loro padroni. In sei anni hai avuto a che fare con un migliaio di cani e circa diecimila persone. Ne avrai visto di tutti i colori. Raccontaci un aneddoto. Ne potrei raccontare cento. Ma più che un aneddoto volevo evidenziare il paradosso del mondo cinofilo in Sardegna: un centinaio di migliaia i cani di proprietà da stima ufficiosa e solo 35 mila iscritti all’anagrafe canina (con microchip), di questi, da un lato quelli umanizzati – e spesso poco equilibrati – con nomignolo e cappottino e per contro i tantissimi cani maltrattati. Per non parlare del fenomeno tutto sardo del cane ‘libero’ appartenente a qualcuno ma sempre in giro-. Questa ‘abitudine’ è grave e preoccupante, perché incide parecchio sul randagismo, dilagante in Sardegna. 47


Quali difficoltà nel portare avanti un discorso di questo tipo, pionieristico in Sardegna? Tante e di diversa natura. Per incominciare la location non adatta d’inverno: vicino al mare, per il forte vento, le persone vengono meno volentieri che con la bella stagione. È sicuramente antieconomico: le spese superano di gran lunga le entrate, abbiamo circa cinquemila euro al mese di spese fisse (canone della concessione comunale, luce, acqua, rifiuti e spese varie di gestione). Le entrate? Parche, visto che il dog sitting costa tre euro all’ora e l’ingresso con cane due euro. I prezzi del bar sono popolari. In ultimo forse la più grave: la mentalità, del cittadino e dell’amministratore pubblico. Il cane è visto come un optional, quasi un oggetto, ad altre latitudini (in Italia ovunque) è normale l’esistenza in una città balneare di stabilimenti per cani accompagnati, in Sardegna non ne esiste nemmeno uno. Sono tante le richieste, di turisti o persone che si spostano con il proprio cane, di strutture ricettive non private (B&B, stabilimenti, hotel) ma in Sardegna – a parte noi – sono un miraggio. Speranze e progetti per il futuro. Continuare a gestire questa struttura. Il nostro oltre ad essere un servizio a pagamento è una struttura ‘letteralmente’ cinofila: 48

tante le manifestazioni organizzate i cui incassi vanno in beneficenza (per rifugi, privati o associazioni). Non solo, siamo così conosciuti e integrati che spesso ci occupiamo noi stessi di adozioni, stalli (affidi temporanei di cani abbandonati), ricerca di cani smarriti e segnalazione di cani trovati. Dico questo perchè la nostra permanenza qui non è così scontata: il Comune di Quartu minaccia la revoca della concessione per morosità. Ma siamo fiduciosi e convinti che rimarremo ancora qui. Abbiamo grandi idee: la creazione di quel polo cinofilo che in Sardegna manca, partendo da uno stabilimento balneare che accolga cani e padroni.


176 pagine Euro 25,00

Siamo di fronte a una massa imponente di connessioni archeologiche e culturali, che legano l’antica Sardegna alla civiltà egizia. E se ne deve dedurre: Questo materiale egizio non può essere stato importato in Sardegna dagli Egizi: popolo che non ha espresso una politica imperialistica marittima e una vasta attività commerciale nel Mediterraneo e tanto meno nel Mediterraneo centro-occidentale. Questo materiale egizio non può essere stato importato dai Fenici, sia perché numerosi elementi di quel materiale precedono di alcuni secoli l’arrivo dei Fenici in Sardegna, sia per il loro carattere culturale prevalente: quello religioso. Avendo i Fenici una religione differente da quella egizia, come avrebbero potuto esportare e propagandare in Sardegna una religione differente dalla loro? Dunque,ilriccomaterialeegiziodicaratterereligiosoelareligione egizia connessa, sono stati importati in Sardegna dai Sardi stessi, a iniziare dall’epoca della loro partecipazione alle imprese dei Popoli del Mare in Egitto (fra il 1230 e il 1170 a. C. circa).

Puoi averlo anche per posta scivendo a DOMUS de JANAS via Montebianco 54, 09047 Su Planu, Selargius Tel. 070 5435098 - Fax 070 5434 105 e-mail: domusdejanaseditore@tiscali.it • www.domusdejanaseditore.com

49


Informatzioni chene perunu segretu Frk: “Seus is rivolutzionàrius de oi”

I

n italianu s’iat a podi nai smanettone, in sardu “unu chi manixat cun passioni”. In inglesu, invecias, si narat ‘hacker’. Frk, 32 annus, manixat is pc de candu fut pipiu. Ma, narat, “cunfromas a is hacker mannus deu non soi nudda. Comenti unu giogadori de palloni postu a costau de Pelè o Maradona”. 50


Cèsara Lobina

Parteus de su fueddu ca, narat Frk, “est istétiu mudau de is giornalistas”. Po sa genti “s’hacker imperat su pc e internet po frigai sa genti, po befa, arrexionis politicas o dinai. Mudat su chi ddu est in is situs internet, furat su dinai de is contus in banca”. Ma un’hacker “no est acapiau po fortza a is pc, a internet o a cosas illegalis”. Si podit essi “apassionaus de eletrónica o de calechisiat matéria. S’hacker si ddui ponit a solu a dda istudiai, manixat, ddui passat meda tempus”. John Draper ‘Crunch’ “est ispecializau in ‘phreaking’, s’hacking de is telèfunus. At iscobertu ca su suliteddu chi arregalaiant cun is cerealis ‘Captain Crunch’ faiat unu sonu a 2600hz chi permitiat de intzérriai sena pagai de is teléfunus pùbblicus”. Kevin Mitnick “est espertu de ‘ingennieria sotziali’, s’hacking chi imperat ténnicas psicológicas po buscai novas diretamenti de sa genti chi atòbiat. At imbentau cosas de interessu a livellu informàticu puru, ma est famau poita est abarrau bandidu po tempus meda, mancai s’Fbi dd’essit cichendu a perdas furriadas”. Ma no esistit feti s’hacker chi imbucat in is pc allenus. “Su ‘cracker’ est su chi fait dannus. Un’hacker podit essi cracker e unu cracker podit essi hacker, ma non funt acapiaus amarolla”. Segundu su chi narat calencunu chi un’hacker fait un’illécitu diventat cracker, ma po Frk no est aici: “No est ca chi Umberto Eco fait unu cuadru diventat unu pintori, est sempri un’iscridori chi at pintau unu cuadru”.

Internet

In pissu, John Draper "Crunch".

51


S’agatat totu una cultura nàscia a cumentzu de is annus ’60, candu “is computer fuant feti aciocus de ferralla sena ànimu, imperaus po carculai, in banca, po iscopus militaris, po is universidadis. Sa cultura hacker at portau s’informàtica in atras camineras. Po is primus hacker fut una concuista su de arrennesci a fai sonai una musichedda a cussus computer fatus po tot’atru. Chi su mundu est prenu de pc (personal computer) est po mori de is primus hacker, chi nd’ant cumpréndiu is potentzialidadis innantis e prus de chini ddus produsiat”. Si narat unu contu in pissu de Steve Wozniak “un’hacker de s’eletrónica ch’iat fatu unu protótipu de computer cun tastera e monitor. Sa cosa prus sémplici de su mundu, a nci penztai oi, ma a cuddus tempus nou. Iat ingortu cuddu protótipu a sa fàbbrica de s’HP e dd’iant errìsiu in faci. ‘A chini iat a podi mai serbiri unu computer aici?’ pentzaiant. Cun cussu protótipu Wozniak at postu in peis sa Apple imparis a Steve Jobs… Is hacker funt ingennieris fai da te chi abbellu abbellu ant crésciu e imbentau un’isciéntzia”. E funt apetotu: “est un’ispétzia de comunismu de s’informatzioni, pentzada comenti totu su chi podit essi manixau de su pc: film, cantzonis, librus, programas, software, algoritmus, proceduras, ricetas, fotos”. Custa filosofia “bolit liberai s’informatzioni: software lìberu, 52

francu, iscàmbiu de film, mùsica, librus e totu. Perunu copyright. S’arreconnoscit sa paternidadi de un’òpera ma no nci depint essi deretus de autori, peruna cosa cuada in su funtzionamentu de is apariciaduras”. Cussus primus hacker, sighit Frk “ant fatu s’ùnica revolutzioni chi est andada beni: nc’est istétiu unu cambiamentu epocali in is ùrtimus tempus”. Medas hacker “nci dd’acabbant a trabballai in is aziendas informàticas, po su própiu motivu chi portat unu piciocu bonu a palloni a giogai in-d-un’iscuadra manna. Funt fortis e tenint passioni”. In Sardìnia “si podit nai nci siat centu hacker informàticus e eletrónicus, ma est malu a ndi connosci su nùmuru giustu. Is ‘manixonis’ de su computer s’arrelatant gràtzias a su pc e for-

Kevin Mitnick.


mant comunidadis ladas, atrus tipus de manixonis funt prus po contu insoru”. Frk aciungit: “Poit’est ca medas bortas is aziendas mannas, is multinatzionalis, is Istadus, prus de totu is ditaduras, timint internet e funt in cuntierra cun is hacker? Poita a isciri est a tenni poderi, chini tenit in is manus s’informatzioni tenit in farrancas su poderi. In su piticu e in su mannu: de s’azienda imbidiosa de is segretus sûs finas a s’Istadu chi atacat is pudesciuras suas. Chi sa genti scit est prus malu a dda collunai”. Internet, sighit Frk “difundit informatzionis e permitit de s’organizai. Is hacker fint is ‘liberadoris de is informatzionis’. Si bolit una democratzia totali, globali. E innantis de totu trasparéntzia”. Po Frk “totu su chi fait unu guvernu depit essi analizau de is citadinus. Bistu chi sa tennologia ddu permitit, si bolit una democratzia sena istrobbus. Poita votai is leis in parlamentu candu totus ddas podint discuti e votai in internet?” Ma s’at a arrennesci mai a cumpriri custa revolutzioni? “Is resultaus donant coragiu, mi benit de nai ch’ei!”

Steve Wozniak.

53


Is nòminis de is bois

D

ûs bois e unu massàiu. Podit essi su cumentzu de un’istória sarda de fantasia, e de siguru contus aici nci nd’at, ma est puru s’argumentu de un’istùdiu de Annamaria Trudu e Fernando Sulis, mulleri e maridu de Nuragus, amantis de su teatru (tenint una cumpangia chi ddi nant Centus Concas e Centus Berritas, e giai in custas pàginas nd’eus fueddau) e de is traditzionis sardas.

54


Ilària Sarigu

Circas curiosas

Una circa curiosa, s’insoru, durada annus, e tra pagu Annamaria e Fernando nd’ant a fai unu libru. Centinàias de nòminis de giûs agataus tra sa genti de Nuragus e de is biddas acanta, po unu istùdiu interessanti, chi oberit una vantana a su tempus passau e fait a cumprendi s’importu chi su giû teniat in s’economia e in sa cultura sarda fintzas a 50 annus fait. “Su massàiu tzerriàt po nòmini is bois de su giû sû”, nant Annamaria e Fernando. “Cancun’’orta su nòmini pigàt ispuntu de una caraterìstica fìsica de is bois, atras bortas de su caràtiri. Is nòminis pariant postus di aici, ma impari donànt unu sensu a sa fràsia. Medas bortas su nòmini de su giû pigàt riferimentu de sa vida de su massàiu. Fueddus chi arragodànt abitùdinis, modus de fai, situatzionis, vìtzius, amoris e delusionis. Nòminis postus po scopu” narant Annamaria e Fernando. Unu giû podit essi Fatu ’eni e Coloriu” ma finas Fatu ’eni e Non ddu ses. 55


Podiat essi Bellu e Airosu opuru Ogus nieddus e Preséntzia o mancai Nigheddu e Iscorrau. “Ci fiant nòminis chi s’ispirànt a s’amori po una fémina o a s’arrannegu po unu sentidu non currespùndiu” nant Annamaria e Fernando. Nòminis chi contant is amoris prexiaus funt Scida chi est ora e Afaciadì. Cun custus fueddus s’innamorau, passendi cun su giû asuta de sa vantana de sa sposa, dd’arragodàt ca si depént biri. E ancora S’ogetu e Delicau, Mali ti nant e Non tenis difetu, Bolemu bivi e Po biri a tui, Bella e Che s’oru, Gravellu e Nodiu. S’amori non torrau portàt a ponni nòminis cumenti Poita mi privas/ Chi su géniu c’est, Afaciadì/ Mai ti bis, Chen’’e motivu/ Poita mi lassas, Bella ti creis/ Pagu ndi otenis, Connotu t’apu/ E chini ses, Tropu/ S’ingannu, Fastigia/ Cun totus. S’amiratzioni e sa corti fadiant nasci nòminis cumenti Anca passas/ Fais figura, Bella/ Presumia, Allichidia/ Afruddiera, Ogus bellus/ Cara filada, Massaia/ Nodia, Fastigia/ Ch’est tempus, Lassa is bregungias/ Àrtzia is ogus. Podiat sucedi chi s’ómini non bófiu o tradìxiu cambiessit su sentimentu de amori in arrabiori. A posta poniat a su giû nòminis chi faressint a connosci s’ofesa. Po cantu bivis/ Nemus ti ’olit, De chintzu in susu/ Non t’apu oféndiu. Cun-d-unu nòmini di aici ’oliat 56


nai ca sa fémina fiat giai stétia cun óminis, ponendidda in bregungia. Is problemas de onori, medas bortas, si risolviant fadendi dannu a sa terra o a is animalis, nant Annamaria e Fernando: “segànt sa coa a is cuaddus, tirànt sa lìngua, is origas e is corrus a is bois e poniant fogu finas a sa coltura. S’acusànt a pari boghendi a campu dispretzu e ameletzus. E intzandus nasciant nòminis de is bois cumenti Paga su dépidu/ Ca gei est ora, Mancai crepist/ Tanti non bincis (po cancunu beni de dividi tra parentis), Aspe-

tadì s’ora/ Mai dd’aspetas, Ddu prangis/ Su chi as fatu. Ma a bortas su nòmini de su giû faiat a cumprendi finas a cali partidu votàt su massàiu: Arrùbia/ Bandiera, In coru/ S’idea, Sa meri/ Cumandat. “Innoi sa meri est riferiu a un’ideali polìticu: est custa sa fidi chi mi portat”, spiegant Annamaria e Fernando. S’istùdiu acabbat cun medas domandas a is meris de is giûs, chi contant s’istória de is nòminis de is bois a su tempus insoru. 57


I primi passi di Grazia Deledda

L

a via del male di Grazia Deledda: primo passo verso un Nobel meritato o principio di un grande inganno? Esiste un tribunale permanente, incorporeo e senza tempo, affollato da fior di critici intenti a processare il Nobel per la Letteratura Grazia Deledda. Chi è questa donna? Una talentuosa ed originale scrittrice col merito di aver dato voce, cuore ed anima allo sconosciuto popolo di Barbagia o una dilettante fortunata rea d’aver creato un’immagine odiosa dell’isola? Io voglio parlar di Sardegna. Voglio narrar storie e leggende di quest’isola crocevia di Popo-

58

li e Civiltà. L’isola dei Saraceni e dei Giudici, dei Doria e dei Malaspina. Così la giovane Grazia si presenta nei volumi Leggende Sarde e Racconti Sardi. Una Deledda poco conosciuta e lontanissima dall’autrice che riceverà il Nobel (seconda donna ad ottenere questo onore) nel Dicembre 1926. Nata nel 1871 da una famiglia nuorese benestante approfondisce non solo la conoscenza della letteratura e dei movimenti in voga nell’epoca, come il naturalismo francese, ma si dedica con passione alla storia sarda ed a quella di Arborea, l’an-


Pier Francesco Lostia

Letteratura

Nella pagina affianco, un dipinto che raffigura la Deledda. Sopra, vecchie edizioni dei libri della scrittrice nuorese. A destra, il premio nobel.

tico Stato indigeno sotto cui per la prima volta l’isola conosce i concetti di nazione e popolo. Non a caso la giovane si dichiara seguace dell’opera di Enrico Costa. Questi è uno dei suoi primi modelli, un sassarese scrittore e giornalista che ha nella divulgazione della storia sarda la sua missione. Le ricerche della Deledda sono alimentate anche dalla pubblicistica sarda ottocentesca che, risoluta a rintracciare le antiche glorie dell’isola, riscopre un’ardente desiderio storicista. Gli esordi letterari hanno esiti modesti

(Deledda ha quindici anni quando pubblica la prima novella), ma qualunque lettore leale simpatizza con una giovane intenta a cercare sé stessa prima che uno stile narrativo. I contenuti sono preferibilmente leggende a sfondo storico o vicende paesane tramandate attorno al focolare, drammi d’amore o tragedie personali. Si intuisce, al di là di personaggi poco elaborati e guidati da un ritmo narrativo traballante, una giovane piena di entusiasmo, decisa a dire qualcosa di importante, che dia lustro alla sua terra. 59


Deledda è in quegli anni come un esploratore incerto che cambia spesso sentiero senza trovare uno sbocco. Presto giungono i primi romanzi e con essi si intravede la prima scossa di assestamento. Anime oneste e Fior di Sardegna, due titoli che da soli indicano la nuova via perseguita dalla ragazza, cioè comporre affreschi di luoghi e persone. Forse già consapevole delle difficoltà del romanzo storico, Grazia rivolge l’attenzione al mondo circostante e quotidiano. I detrattori della Deledda dimenticano facilmente l’inconsistenza del romanzo popolare italiano e la torre d’avorio in cui la gran parte degli intellettuali si rifugia, componendo versi comprensibili a una sparuta élite. Da allora e fino al Novecento, ogni modello letterario da Capuana a Verga, da Deledda stessa fino a Svevo e al singolare caso di Salgari, sarà in massima parte frutto di un percorso personale. Un panorama ben diverso da Francia e Inghilterra, dove i variegati generi del romanzo hanno una sistematica e dei termini di paragone importanti, a cui altri possono attingere per costruire la propria originale idea di scrittura Zola, Dumas, Conrad, Scott. Deledda ha lo sguardo rivolto a quegli autori ed in Italia ha difficoltà a rapportarsi con colleghi che in gran parte la considerano rozza e illetterata. Eccezione di rilievo è Luigi Capuana, le cui esortazioni affettuose daranno forza e tenacia alla intraprendente scrittrice nuorese. Nel 1896 arriva la svolta con La via del male, dove per la prima volta il talento deleddiano trova il canale espressivo perfetto. Pietro Benu, protagonista maschile del romanzo, è un giovane di misere origini che matura presto un tenace rancore verso 60

La scrittrice nuorese.

la vita ed una parte della sua stessa famiglia. Si tratta dei suoi parenti ricchi, i quali non si distinguono da lui né per saggezza né per cultura, ma a causa del destino, che ha concentrato nelle loro mani la roba (i beni). La frustrazione di Pietro trasformerà l’amore per la cugina Maria in ossessione e al tempo stesso l’odio gli dà la forza per non arrendersi. Lotta, cambia la sua vita e riesce persino ad apprendere l’italiano, a viaggiare e superare in agiatezza e istruzione i superbi parenti. In un magico incontro fra Decadentismo e Verismo, La via del male è il romanzo storico (forse l’unico in senso stretto della produzione) a cui Deledda ambiva. L’introspezione psicologica è obiettiva e disinteressata, priva di intenti morali. Personaggi vividi, un affresco che cattura la


Nuoro del tempo, ormai immersa nell’Italia unita e nelle nuove occasioni di vita per i sardi, partiti in massa per cercar fortuna in Algeria. Dal 1990 in poi, la Mondadori ha ristampato diversi libri di Deledda tra cui La via del male. In appendice sono presentati due capitoli come scritti nel 1896, riveduti insieme ad altre parti del romanzo nel 1906, su consiglio del Capuana: miglioramento stilistico notevole, accompagnato dalla padronanza del ritmo narrativo. Seguiranno romanzi di atmosfera intimista (come Cenere o l’autobiografico Cosima), noti per le descrizioni di paesaggi indimenticabili, collocando Deledda principalmente nel Decadentismo, senza rinunciare a qualche incursione nel Verismo. Né la svolta né il Nobel placano gli intellettuali a lei ostili. Giuseppe

Dessì che stilisticamente le è debitore, le rimprovera di tratteggiare un volto immutabile e cupo dell’isola. Il pessimismo deleddiano è palese, ma è evidente come non sia ricercato e forse nemmeno voluto. Grazia ha trovato la sua via, cioè scrive di ciò che conosce. A 85 anni dal Nobel, rispolveriamo quanto scritto in un saggio per aspiranti scrittori da un romanziere americano, inconsapevolmente nominato difensore della Nobel: “Per me scrivere è seguire un’idea, un ricordo. Attorno a quest’immagine scavo e costruisco il mio romanzo, come un archeologo. Scrivete di ciò che conoscete e vi appartiene se volete fare questo mestiere.” Stephen King, On Writing (Sullo scrivere), 2000.

Casa natale di Grazia Deledda.

61


“Sos ispecialistas istùdien: sa limba est de chie la faeddat” Una chirca sotziulinguìstica e sos afficcos de sos Sardos

P

agos annos como sa Regione Autònoma de Sardigna ammanizeit una chirca sotziulinguìstica in su chi pertoccaiat a sas attividades de sa Commissione tecnica - scientifica sullo stato delle lingue in Sardegna. Custa commissione, sigundu su chi risultat dae sa relata Le lingue dei Sardi pubblicada in su 2007, approveit s’ischeda de intervista chi a pustis isteit impreada pro sa chirca, in prus de sas proceduras de campionamentu. Sa chirca isteit assignada a sas universidades de Casteddu e de Tàttari chi la fattein peri sos dipartimentos de Ricerche economiche e sociali e de Scienze dei linguaggi1. Sas intervistas istein fattas in su 2006 dae tres gruppos de rilevadores chi si movein in tres zonas geogràficas chi faghian cabu a Casteddu, Nùoro e Tàttari. S’ordinzu e sas valutatziones de sos datos istein contivizados dae unu gruppu de ispecialistas de sas duas universidades2. 1 Mira Le lingue dei Sardi in su situ de internet

62

http://www.sardegnacultura.it/

documenti/

In cuss’annu ebbia isteit imprentadu unu volùmene chi pertoccaiat a una chirca subra a s’impreu de sos còdices linguìsticos in tres comunas de sa Sardigna de Susu e chi fit istada fatta ses annos innantis3. Una e Alessandro Mongili (Casteddu) e su glottòlogu Giovanni Lupinu (Tàttari) si sun incarrigados de ispiegare sos datos. Custu ùrtimu s’est interessadu puru de ammanizare sa carta de sas zonas linguìsti-

7_88_20070514130939.pdf.

cas; partende dae una carta dessignada pro sa ma-

2 Dae cussa relata risultat chi Romina Pala, Riccar-

tessi chirca dae Micheli Còntene (Grenoble), nde at

do Spiga e Matteo Valdes (Cagliari) an coordinadu

apparitzadu un’àttera impittende àtteros paràmetros

sa chirca in campu avverguende sos datos e ap-

puru (mira p. 65, nota 13).

prontende su database. Sos sotziòlogos Anna Oppo

3 Mauro Maxia, Lingua Limba Linga. Indagine


Mauru Maxia

de sas tres comunas in chistione (Èrula) faghet parte de su stock de 50 comunas imbistigadas dae sa chirca regionale. Puru pro custu motivu, finas dae sa pubblicatzione de su rapportu de sa chirca regionale si podiat bider chi, in mesu a àtteras cosas, b’aiat tzertas faddinas in sa mappadura de sas variedades. Faddinas chi dae unu puntu de vista istatìsticu sun de un’importu mannu a manera de poder burrare sa valentzia iscentìfica de paritzos datos.

Faddinas

Tando non cherfei intervènnere subra a sa chistione ca fin faddinas chi non cumprommittian in tottu su risultadu de sa chirca mancari cambieren, comente amus a bìdere in sighida, sos rapportos intro de sas zonas linguìsticas Logudoro Nord Occidentale, Sassarese e Gallurese. In cussu tempus su datu de prus importu fit chentza duda cussu chi pertoccaiat a su nùmeru de sos chi affirmaian de esser dialettòfonos4 e, prus de tottu, s’aggradu chi sos intervistados tenian pro s’imparu de sas limbas de minoria in iscola. Como, a pustis de pagos annos, mi paret de poder intrare in tzertos fattos metodològicos puru pro dare unu cuntributu a fagher in manera chi tzertos aerros non si ripitan sincasu chi si detzideret de fagher àtteras chircas sotziulinguìsticas in s’ìsula nostra. 4 Impreo sa paraula “dialettòfonu” non pro chie chistionat unu dialettu ma pro sos chi faeddan limbas divessas dae cussa uffitziale (s’italianu) chi in Sardigna, comente ischimus, sun sos chi chistionan su sardu e àtteros faeddos prus pagu istèrridos comente su cadalanu de S’Alighera, su gruppu sardu-

sull’uso dei codici linguistici in tre comuni del-

cossu (tattaresu, gadduresu, cossu madaleninu e

la Sardegna settentrionale, Cagliari, Condaghes

àtteras variedades minores) e su genovesu o tabar-

2006.

chinu de sas duas ìsulas sulcitanas.

63


Cumintzende cun sa comuna de Èrula chi – ja est cosa chi s’ischit, màssimu pro sos istudiados chi si interessan de dialettologia de sas leadas corsòfonas e de su gadduresu – est unu territoriu ue si faeddat in cossu ebbia. Su territoriu de Èrula est una penìsula linguìstica ue sa variedade comune o tempiesa de su gadduresu intrat a fundu in s’Anglona abbratzende, in prus de sa comuna de Èrula, una parte de sa comuna de Pèrfugas e sa parte muntagnosa de sa comuna de Tula. In custa zona gai signalada su gadduresu lu faeddan casi milli pessones. Nointames de custu, in sa chirca sotziulinguìstica de sa Regione sa comuna de Èrula est cumpresa intro de sas chimbe comunas chi sun assignadas a sa zona nada Logudoro Nord Occidentale5, chi dae su puntu de vista linguìsticu est una variedade de su sardu logudoresu. Sas àtteras battor comunas de custa leada sun cussas de Ittiri, Nulvi, Turalva e S. Antoni de Gaddura. Ma in cantu a cust’ùrtimu, chi comente a Èrula est una comuna ue si faeddat gadduresu ebbia, s’errantzia cumparit prus cun evidentzia ca su territoriu sou ch’est in su coro de sa Gaddura. Custu datu de perisse deviat cunsizare de non lu assentare in una zona sardòfona comente est cussa logudoresa de nord-ovest6. Àtteru contu diat esser istadu 5 Le lingue dei Sardi, tab. 3 Campione dei comuni distinti per area linguistica.

6 Ibidem. In sa nota 15, p. 67 si osservat chi “nell’area gallurese sono presenti quattro comuni (Calangia-

nus, Palau, S. Antonio di Gallura e Telti)” ma non si pretzisat a cale zona linguìstica siat istada assignada

sa comuna in chistione. Beru est puru chi sos datos pertoccantes a S. Antoni de Gaddura mustrados in sas tabellas ligadas a sa relata de sa chirca sun assignadas sempre a sa zona nada Logudoro Nord Occidentale.

64

si, intames de sa comuna corsòfona de S. Antoni de Gaddura, sa chirca aeret leadu in cussideru sa comuna sardòfona de Luras chi l’est accurtzu e chi, bell’e gai, in sa figura 1 (Delimitazione delle aree linguistiche) ch’est posta intro de sa zona Gallurese. Comente si siat, sos datos de Erula e de S. Antoni de Gaddura sunt de assignare a sa zona Gallurese e no a su Logudoro Nord Occidentale. Duncas s’area Gallurese at a resultare cun ses comunas invetzes de bàttoro comente cumparet in sa fig. 2 Campione comuni per area linguistica. A su revessu, su Logudoro Nord Occidentale at a resultare cun tres comunas ebbia e non cun sas chimbe figuradas in sa matessi tabella e in sa carta linguìstica retrattada in sa fig. 2 tzitada innantis. Dae su puntu de vista istatìsticu sas faddinas in chistione cumportan s’assignatzione a sa zona Gallurese de sos datos pertoccantes a sas comunas de Èrula e S. Antoni de Gaddura e custu fattu mudat siat su nùmeru de sas comunas e de sos intervistados siat sas cunseguentzias chi nde benin dae s’assignatzione faddida de sos datos. A s’àttera ala, custa situazione cumportat un’àtteru cambiamentu, ma in minimantzia, de su nùmeru de sas comunas e de sos intervistados de sa leada linguìstica Logudoro Nord Occidentale, cumpresos sos datos sotziulinguìsticos. Duncas, sa situatzione chi nd’essit da s’assignatzione justa de sas comunas de Èrula e de S. Antoni de Gaddura a sa leada linguìstica issoro – ca mudan sos datos cumplessivos de sas duas zonas in chistione (est a narrer Gallurese e Logudoro Nord Occidentale) – cumportat pro custas zonas e tottu una realidade bastante divessa dae cussa presentada in sa relata de sa chirca regionale. Si andamus a avverguare sa tabella 4


(Interviste distinte per comune e per classi di età) amus a bìdere chi su numeru justu de sos intervistados de sa zona Logudoro Nord Occidentale no est 165 ma 136 mentres chi su nùmeru de sos intervistados de sa zona Gallurese currispondet a 514 e no a 533. B’at de narrer finas chi sas faddinas non sun solu custas chi amus bidu finas a inoghe. Difattis, intro de sas comunas assignadas a sa zona Gallurese b’est puru sa comuna de Tergu chi, ja s’ischit, est sa comuna prus a ovest de s’Anglona e, in su matessi tempus, cussa prus attesu dae su dominiu linguìsticu gadduresu. Custa comuna est a làccana cun sas comunas de Sosso e de Sènnaru e in fattu de limba est una leada de mesania intro de su continuum chi culligat sa zona Sassarese cun sa zona grigia de s’Anglona. No est de badas chi sa comuna de Tergu s’agattat inter de sas comunas de Sosso e Sèdine chi sa chirca linguìstica regionale assignat a sa zona Sassarese. Bastat de abbaidare sa figura 2 (Campione dei comuni distinti per area linguistica) pro s’abbìdere de custa situatzione bastante jara. B’at faddinas puru in sa figura 1 (Delimitazione delle aree

linguistiche) in ue, a esempiu, sa comuna corsòfona de Santu Diadoru nd’est foras de sa leada gadduresa mentres a custa l’est assignadu su faeddu de Casteddu Sardu chi, comente su sedinesu e su tergulanu, est una variedade de mesania prus accurtzu a su tattaresu7 e sizida a su territoriu de Sosso. Si devet narrer puru chi sa populatzione de sa comuna de Tergu, ue si faeddat una variedade de su limbazu sedinesu, cuntenet una barantina de pessones sardòfonas (7% de sa populatzione) chi imprean su faeddu de Nulvi e de Òsile8. Est possìbile, pro cussu, chi, assumancus in su pianu teòricu, paris cun sos intervistados corsòfonos bi nd’appat sardòfonos puru. Comente si siat, s’assignadura faddida de sa comuna de Tergu a sa zona Gallurese cumportat chi su datu pertoccante a sos intervistados de custa leada linguìstica siat de currèggere prus e prus. A custa zona, difattis, si nde deven assignare noe in mancus (sos intervistatos de Tergu) gai chi su nùmeru totale at a èssere de 524 e non 533. Ma custa faddina tenet cunseguentzias puru pro sos datos chi pertoccan a sa zona Sassarese. Sicomente a custa leada cheret assignada puru sa comuna de Tergu, su nùmeru justu de intervistados currispondet a 1.239 e no a 1230. Intro de custa massa de intervistados, a pustis, si devet tenner 7 Pro s’articulatzione geogràfica de sas variedades sardu-cossas cunfromma a sa realidade issoro si podet bìdere sa tabella 4 (p. 228) de su volùmene meu Studi sardo-corsi. Dialettologia e storia del-

la lingua tra le due isole, Olbia, Taphros 2008, chi s’agattat puru in su situ de internet www.sardegnadigitallibrary.

8 Segundu sos datos referidos dae sa Comuna de Tergu unas trintaduas pessones faeddan su nulvesu mentres su faeddu osilesu est impreadu dae mancu de deghe pessones.

65


in contu chi unu nùmeru de importu mannu (casi 1/4 de su campione) pertoccat a pessones sardòfonas mentres chi sa tabella 4 assignat tottu sos intervistados a sa zona Sassarese. Torrende como a sa leada Gallurese, cheret de tenner in contu chi una de sas battor comunas chi li sun assignadas in sa chirca regionale est cussa de Terranoa (Olbia), est a narrer una comuna chi tenet una majoria sardòfona. Custu datu essit a pizu in paritzos puntos de sa relata Le lingue dei Sardi, dae ue resultat unu nùmeru de 86 intervistados sardòfonos (52,8%) in cunfrontu a 77 intervistados corsòfonos (47,2%). Dae custu nde sighit chi a sa zona Gallurese sun de l’assignare 438 intervistados e non 524. Unu datu, custu, chi currispondet a s’83,6% cun una differentzia de su 16,4% in man66

cu in cunfrontu a su campione tzitadu in sa relata Le lingue dei Sardi. In prus, non si cumprendet bene a cale zona linguìstica sian istados assignados sos 86 intervistados sardòfonos de Terranoa mancari diat parrer chi sos datos sian intro de cussos assignados a sa zona Gallurese, est a narrer a unu domìniu divessu dae cussu logudoresu. Duncas, sos datos chi sa chirca sotziulinguìstica presentat pro sa Gaddura non sun affattentes (e non s’ischit mancu in cale misura) cun sa realidade. Paris si devet narrer chi sos datos faddidos interessan puru a s’Anglona e a sas leadas linguìsticas Sassarese e Logudoro Nord Occidentale. Si cussideramus chi a una zona maigantu dialettòfona comente a sa Gaddura l’est istadu assignadu unu numeru de intervistados prus mannu in cunfrontu a su ch’est in sa reali-


dade mentres a una zona comente su Logudoro de nord-ovest (ue sa tendentzia a s’abbandonu de sa limba sarda est prus forte chi no in Gaddura) li sun istados assignados 26 intervistados in prus, si devet concruire chi sos resultados de sa chirca non sun fideles a sa situatzione sotziulinguìstica de s’ìsula. Dae su puntu de vista metodològicu sa situatzione chi nd’essit a pizu dae sas tantas faddinas chi amus bidu intrat pro fortza in cuntierra cun sos paràmetros e sos obbiettivos a ue s’est bortada sa chirca. Leamus a esempiu custu obbiettivu tzitadu in sa Ipotesi di schema di campionamento (p. 4): “Le risultanze che si otterranno attraverso l’analisi dei dati rilevati… consentiranno di avere un quadro di quello che è attualmente il comportamento linguistico in riferimento ai vari domini…”. In cantu a custu, leggende sos datos resultat chi tres de sos doighi dominios leados in cunsideru non sun istados sestados cun afficcu. Tambene, pro su chi pertoccat a sas tzittades de Tàttari e de Terranoa (ma custu balet puru pro S’Alighera) non bi resultan currettivos in s’assignadura justa de sos intervistados a sos dominios currispondentes. Dae tottu custu nde sighit chi sos resultados ottènnidos non presentan unu cuadru affattente cun sos cumportamentos linguìsticos de cussos dominios e tottu. E difattis, sempre dae su puntu de vista de sos dominios linguìsticos, sos datos accabidados resultan faddidos in sa misura de su 25% est a narrer in tres dominios subra a 12. E cando sos datos dae ue si partit pro una mirada de tipu iscentìficu caben paritzas faddinas nde benit a ultimera chi su resultadu ebbia de sa chirca siat faddidu. Si dae sos dominios si passat a sas comunas sa sustantzia non mudat. Sa ponidura faddida mancari solu de tres comunas in cunfrontu a su stock de chimbanta leadas in

cussideru dae sa chirca cumportat su 6% de datos faddidos. Custa misura a pustis creschet de meda si si ponet a cunfrontu cun sas comunas de sa Sardigna de Susu, est a narrer cun sas provintzias de Tàttari e de Olbia-Tempiu. Inoghe, in cunfrontu a sas 18 comunas imbistigadas, sos datos faddidos che artzan finas a su 16,7%. Comente si podet bìdere, sun datos de importu chi isvalorin una parte non sigundaria de sos resultados de sas duas provintzias prus a susu de s’ìsula e chi caben casi 1/3 de sa populatzione de sa Sardigna. Est beru chi sa situatzione de sa Sardigna de Susu est prus cumplicada in cunfrontu a sas àtteras partes de s’ìsula. Ma custa cumplessidade etottu diat aer dèvidu cunsizare prus afficcu in chie, intro de sos ispecialistas chi ant ghiadu sa chirca, teniat sa responsabilidade de cuncordare e pretzisare sas zonas linguìsticas. Pro su chi pertoccat a sa parte de josso de s’ìsula essit luego a pizu sa mancantzia de partidura in dominios in cunfrontu a sa parte de susu chi in sa carta est figurada, invetzes, cun paritzos colores. Difattis, in cunfrontu a sos deghe dominios assignados a sa parte de susu, in sa parte de josso figuran solu su dominiu campidanesu (Area 7 in colore grogo) e cussu tabarchinu. Chistionende de campidanesu, si pessamus a sas differentzias mannas de tipu fonèticu chi esistin intro de su faeddu de Casteddu e sas variedades de su Sulcis, de su Campidanu mesanu, de su Sinis, de s’Ozastra, de su Sàrrabus e de su Sarcidanu non si cumprendet comente in sa figura 1 (Delimitazione delle aree linguistiche) non si siat tenta in perunu contu s’articulatzione linguìstica ispiegada gai bene dae Maurizio Virdis in unu volùmene sou subra a sa fonètica de su sardu campidanesu. Comente est chi sa chirca non faghet peruna 67


differentzia inter de su campidanesu e s’arbaresu e s’ozastrinu cando b’at istudiosos chi tenden a cussiderare custas duas variedade casi a banda dae su campidanesu? Si pro su campidanesu s’at indittadu una zona ebbia in ue ponner tottu sos faeddos chi tenen s’artìculu determinativu plurale is, tando non si resessit a cumprender proite non si siat fattu atterettantu cun sos faeddos chi tenen sos artìculos sos, sas e chi currisponden a su dominiu logudoresu-nuoresu. Bi diat aer de narrer puru chi sa comuna de Casteddu, mancari siat in su stock de sa chirca, non figurat in mesu a cussas marcadas in sa figura 2 (Campione comuni per area linguistica) e chi sas comunas de Bauladu, Tramatza, Milis e Sant’Eru Milis, ue si faeddan variedades de campidanesu, resultan foras dae s’Area 7 (Campidanese) marcada in colore grogo in sa figura 1 (Delimitazione delle aree linguistiche). Si devet reconnòschere chi sas cartas in chistione, nessi pro su chi pertoccat a paritzas comunas, sun istadas dessignadas cun paràmetros chi non currisponden a sa realidade. Torrende a su mètodu, si si classifican sutta a unu dominiu ebbia variedades de campidanesu comente cussas de Crabas, Samugheo, Isili, Jertzu e Cuartu Sant’Elene, non si cumprendet proite no est istadu fattu gai e tottu, tantu pro nàrrere, cun sos faeddos logudoresos de Berchidda, Ittiri, Bòttidda, Bosa e Sennariolo. Si pro su logudoresu si partit dae categorias e issèberos differentes dae cussos impreados pro su campidanesu, tando si diat poder faeddare puru de unu dominiu ebbia pro su gadduresu e su tattaresu gai comente faghiat su canònicu Juanne Ispanu chi a custas duas variedades lis naraiat sardo settentrionale. O sos criterios sun che pare pro tottu su territoriu o semus in presentzia de unu cuadru pagu ladinu chi 68

pro paritzas cosas no affilat cun sa realidade linguìstica de s’ìsula. Si diat poder puru cuntrastare subra a tzertos abbisos chi s’agattan in sa relata de sa chirca. Ma cussas sun positziones chi chiesisiat podet sustènnere, siat s’espertu siat s’intervistadu comente e cadaunu de sos sardos chi an finantziadu sa chirca cun su dinare issoro. Sos pàrreres, ja s’ischit, non sun che sos nùmeros. Diat esser de istìmulu, in prus de sos livellos de dialettofonia e de sas bideas de sos intervistados, a ischire su chi nde pensan sos sardos de cantu est istadu fattu finas a como pro bortare in fattos sos disizos essidos a pizu dae sa chirca. Una cosa paret segura: si isettamus a fagher carchi cosa finas a cando an a sighire sos arresonos istrumentales e dialettòfobos de cussos chi dae sempre, pro unu motivu o pro s’àtteru, sun in gherra contra a s’impreu de sas limbas de minoria, non ch’at a passare meda chi cando s’at a faeddare de limba sarda non s’at a faeddare prus de unu malàidu a malu puntu ma de unu mortu ebbia. Sos ispecialistas, sende pagados pro cussu, pessen a istudiare cun profettu ca sa limba est de chie l’impreat. Post scriptum S'artìculu de Màuru Maxia est un'aterunu cumprou de s'abbilidade iscaitza de pessones chi dian cherrer fàghere sos limbistas de professione. Chie non distinghet su limbazu gadduresu dae su logudoresu totu podet esser, unu limbista no. De seguru. Ma custos pessonazos, ultres chi sun lanzitos in s'arte insoro, jighen unu presumu foras de medida ca pretenden de ghiare finas s'imparu de sa limba sarda in s'universidade de Tàtari. Ma chie una cosa non l'ischit comente faghet a l'imparare a sos àteros? (p. p.)


abituati a vedere l’Isola come interprete

daria delle vicende mediterranee.

lo shardana ribalta questo punto di vista,

ntando chi siano stati in realtà i principali

i un’epoca che a tutt’oggi risulta ancora

IL POPOLO Marcello Cabriolu

Marcello Cabriolu

’elaborazione storica sulla Sardegna antica

HARDANA S

l tutto chiara.

IL POPOLO SHARDANA

248 pagine Euro 22,00

La

le ra, u t l u la c , à ilt civ

e uist q n co

22,00 euro

Finora, l’elaborazione storica sulla Sardegna antica ci ha abituati a vedere l’Isola come interprete secondaria delle vicende mediterranee. Il popolo shardana ribalta questo punto di vista, raccontando chi siano stati in realtà i principali attori di un’epoca che a tutt’oggi risulta ancora non del tutto chiara.

Puoi averlo anche per posta scivendo a DOMUS de JANAS Via Montebianco 54, 09047 Su Planu, Selargius (CA) Tel. 070 5435098 - Fax 070 5434105 e-mail: domusdejanaseditore@tiscali.it • www.domusdejanaseditore.com

69 69


Sa cresia de Santa Maria e su Simbiritzi

70 70


Valentina Pulina Milvia Serra

Passilladas cuartesas

Sa cresiedda de Santa Maria

B

esseus de su campusantu e s’incaminaus faci a Ganní po andai a sa cresiedda de Santa Maria de Su Bonu Caminu, un’atra prenda de sa bidda cuartesa. Annus fait, po nci arribbai, passamus de sa Serrixedda, pighendi s’arruga bécia de sa 125. Una curiosidadi: Ganní fait parti de su sartu cuartesu e de su de Mara puru: arrica unu tempus de bíngias, oi una parti de custu tretu dd’ant imperada a gavas de arena. Contat un’istudiosu chi in sa segunda perra de su Noixentus in su própiu logu nci fiat una mitza chi poi s’est asciutada:

Su fortinu de Pitzu ’e Serra.

arregordat chi a s’ala dereta de s’arruga nci fiat una bratzixedda cun s’àcua chi bogàt su sidi a is cuaddus a carretoni, a is bestieddas de passu e a is óminis chi si podiant pasiai a s’umbra de is matas. Oi nc’est sceti arrogalla de cosas bécias!!! Custa est sa modernidadi. Torraus a Santa Maria: immoi po nci arribbai feus sa bia 554 imbuchendi a manca de Pitzu’e Serra, giraus torra a manca caminendi fintzas a su fortinu a froma de crésiedda, unu pagu prus ainnantis unu cartellu a manca si narat chi depeus pigai sa pinta de carru chi portat a sa cresiedda. Arribbéndi si bit sa parti de agoa de su fabbricau intitulau a Nosta Sennora de su Bonu Caminu, postu in-d-unu cúcuru, faci a su Simbiritzi chi, fintzas a pagu, fiat unu stàini, asciutu in s’istadi e a pustis nd’ant fatu unu lagu de àcua druci. Fait praxeri a biri e a chistionai de custu logu sacru, ingiriau, una borta, de bingias de àxina bianca e niedda, de muscau e de zibbibbu e de mindulau chi candu is matas fiant in frori pariant una pintura. Sa crésia in su 1500 fiat Santa Maria de sa bid71


da medievali de Símbilis, unu populau, abandonau a fini de séculu, aundi nci fiat abarrada sceti sa crésia. Ma in su ‘600 Santa Maria torrat a bivi candu dda intìtulant a sa Mama de Deus cun su nómini de Nosta Sennora de su Bonu Caminu Su fatu est chi, candu in su 1585 fiant arribbaus in Sardínnia is paras ispanniolus de Sant’Austinu, iant portau sa devotzioni po sa Madonna alabada comenti Nosta Sennora de su Bonu Caminu, pesendi crésias e fundendi s’assótziu de is viatores. Nant parícius istóricus, chi, custa froma antiga de traditzioni arreligiosa, dd’iant introdúsia in s’ísula nosta is Bizantinus in su 500 cun Nosta Sennora d’Itria o Odigitria, chi in grecu bolit nai “guida della via”. Su fabbricau, fatu acanta de s’arruga arromana chi portàt a su Sarrabus, dd’iant pesau agoa de su 1325 maistus de muru cuartesus, fendiddu segundu is cunsiderus de un’istórica de s’arti, assimbillanti meda a sa cresiedda de Santu Beneditu de Cuartu chi est de cussus annus. Podit essi chi fiant istétius is própiu maistus a ddas fai bistu chi torrant paris is duas àbsidis, is navadas e is murus maistus. Sa faciada, cun sa crabitura a cabriolas, ammostat, in sa pinnacutza, su campanili a vela, cun duna luxi ogivali. Ita làstima chi abarrit unu pagu addiada aintru de una lolla, custa puru a duas àcuas, de is úrtimus de su 1500! Dd’iant agiunta de seguru po donai agiudu a 72

is poberitus, a is viandantis e a is pellegrinus chi si frimànt ingunis candu is obreris faiant sa festa a onori de sa Santa. In su sartu cuartesu e in su de Mara nci funti oi atras cresieddas cun s’intrada a lolla: Sant’Andria de Frùmini, Santu Basili e Santu Gregóriu de Mara: totus santus aregus, portaus de is Bizantinus de Costantinopoli e intraus a fai parti de sa traditzioni arreligiosa nosta. Torraus immoi a s’eca de s’intrada, issa puru de is úrtimus de su 1500: is picheparderis, po fai sa guarnissa de sa genna e is duas consolas de su bussoni, iant imperau perdas de cantoni, iscuadradas beni meda. Ddas iant decoradas a froris mannus tundus e a rositeddas gratziosas e de meda finesa. Certu, po su tempus, cussus picapedras iant amostau una grandu capacidadi, ma forsis in cussa bellesa nci fiat puru s’agiudu divinu. A dereta de s’intrada nc’est s’acuasantera fromada de una parti de colunna arromana cun a pitzus su capitellu. Atrus arrogus de colunnas funt spainaus acanta de sa cré-


sia, pesada, aici nant, a suba de su chi fiat abarrau de calancunu fabbricau de sa fini de s’época arromana. Santa Maria tenit una navada sceti, unu pagu allonghiada, cun bóvida a cabriolas, de linna, chi acabbat cun s’àbsidi no meda pitica, a mesu círculu, chi allogat s’altari beciu de pedra, cuau de unu nou, de pedra tostada. A pitzus de custu una pintura manna de linna, de su 1700, fromada de prus tàulas cun imàginis de meda santus: ma a ddas castiai beni, unu pagu scolorias gei funti! Certu chi tenint abbisongiu de essi torradas a nou poita pagu si bit de sa meravíllia de is coloris de una borta! In is tàulas mannas iant pintau is cuatru evangelistas, Cosimu e Damianu, Sebustianu, Luxia, Caterina e Santu Rocu; in sa parti de mesu parícius bastimentus a vela chi puntànt, forsis, faci a su golfu de Casteddu. Sa parti de foras de s’àbsidi, a crobetura prana, no si bit prus poita nci dd’ant ingútia is apusentus fatus a su costau, a is primus de su 1900.

Custa cresiedda unu pagu strupiada gei dh’anti! Is antigus iant pótziu fai calancunu apusenteddu a cumbessia comenti ant fatu in atrus logus de sa Sardínnia! Faint parti de s’arredu duas istatueddas de linna: Santa Maria e Sant’Anastasia de su 1700 chi is artigianus de su logu, sighendi sa traditzioni ispanniola de is istàtuas de bestiri, nd’iant intallau sceti sa faci, is manus e is peixedhus. Nc’est fintzas s’istatuedda de Santu Elia profeta (de su 1600) fundadori de s’órdini de is Carmelitanus, chi, bistiu cun su saio a colori de castangia, portat in sa manu dereta unu líburu e in sa manca sa spada luxenti. Custa statuedda, po nai sa beridadi, fiat parti de is arredus de sa crésia de Santu Elia, pesada a orienti de Casteddu, in su montixeddu chi nd’iat pigau su nómini. Totu su territóriu, a s’oru de mari, chi andàt de bidda fintzas a cussu montixeddu, fiat, a s’época, a suta de sa juridicion de Cuartu. Is cuartesus, sémpiri devotus, dd’iant agiudada meda “sa cresiedda”, de seguru fintzas a su 1777, donendi in su 1617, est a nai, 300 soddus. Ma candu, a sa fini, sa fàbbrica ndi fiat arruta, partis de s’arredu fiant andadas a Santa Maria poburedda poburedda, chi ndi teniat abbisongiu, s’atru s’agatat a Sant’Aleni. Sa Madonna dd’onorant duas bortas dónnia annu, comenti fiat sutzédiu, a cuaddu de is séculus seixi e dexesseti, candu dd’alabànt, a sa Sennora nosta, dònnia cuindixi de su mesi de ladàmini ma chini dda apariciàt no fiant viadoris o carradoris ma butajus; in dí de oi dd’afestant unu domínigu, in sa segunda perra de maju, cun s’agiudu mannu de is obbreris chi benint de is famíllias de is butajus de una borta. 73


Massimo Pittau

Lingustisca

Joddu Sardo = Yogurt Turco Joddu sardo.

Yogurt turco.

oddu, gioddu, zoddu “latte fermentato acido che si condensa in un coagulo molle e omogeneo” (BNI 196, CVS 369-371) (usato in medicina contro le intossicazioni intestinali); già documentato dallo Spano (VSI) nel 1851 e presentato dal Wagner come “di origine oscura” (DES I 709), per me relitto sardiano o protosardo da confrontare con l’odierno anatolico (turco) yogurt “latte coagulato con un fermento speciale”; questo è documentato in Grecia non prima del 1538 d. C. (DELI 622) ed è arrivato in Italia soltanto dopo la Iª guerra mondiale (DEI 2089), ragion per cui non può essere

la base dell’appell. sardo; d’altronde fino a 60 fa nei trattati di medicina si parlava dello joddu sardo e non dello yogurt turco. Il latticino è conosciuto anche in Bulgaria, regione già abitata dagli antichi Traci, che testimonianze storiche antiche connettono con i Lidi, antenati dei Sardi (cfr. Arzachena) (M.P. OPSE 111, LISPR).

J

74

**Estratto da M. Pittau, Nuovo Vocabolario della Lingua Sarda - fraseologico ed etimologico, 3 voll., Domus de Janas editore, Selargius (CA), di imminente pubblicazione.


D IO

TR A LE

RA

C

ER M

O

EN

AC M

Dal 1979 sappiamo consigliare i nostri ascoltatori che sono i tuoi potenziali clienti. Pubblicizza la tua attività commerciale su RADIO MACOMER CENTRALE Audiradio ha rilevato che è siamo la radio sarda più ascoltata nelle province di Nuoro e Oristano e la terza radio sarda più ascoltata in Sardegna.

5 passaggi al giorno per 30 giorni Chiama subito ai numeri 0785 71178 329 7192734

OFFERTA SPECIALE

FREQUENZE: Macomer FM 98.6 Nuoro FM 102.5 Oristano FM 89.3 Siniscola FM 95.8 Barbagia FM 103.5 INTERNET www.radiomacomer.com

scopri le informazioni del nostro codice QR col tuo telefonino.

powered by seeQRet.com

Realizzazione grafica: Cristian Fadda www.kiscian.it

OFFERTA NATALE 2011! Con l’avvicinarsi del Natale la gente è alla disperata ricerca dell’idea regalo al giusto prezzo.


Identidadis de su mundu

Dexi poetas In duas limbas

D

exi poetas in limba sarda po unu libru in inglesu: Minorities not Minority: A Window on Italian Cultures Volume 1. Poets from Sardinia. Micheli Pinna at contivigiau custa pubblicatzioni de sa Cinnamon Press, domu de imprenta de su Gwinnedd, sa regioni printzipali de su nord oves de su Galles, chi at

76

intregau a s’isula nosta sa primu “ventana incrarada a is culturas italianas”. Dexi sillogis, cun su testu originali a costau, chi aciocant is lìricas prus bellas de poetas connotus in Sardìnia. Protagonistas de su libru funt sa casteddaia Paola Alcioni, s’otzieresu Antoni Canu, s’uresu Giovanni Maria Cherchi, su buddusoinu Franco Cocco, s’aligheresu Innàssiu Delogu, su bonesu Antoni Mura Ena. E ancora Raffaele Piras di Cuartuciu, Innàssiu Porcheddu de Pasada, Tonino Rubattu de Sénnaru e Anna Cristina Serra de Santu Basili de Monti. S’atraessu diventat The Passage, Custas biddas mudat in These Villages, Peràula bia sonat Living word e Aite bella gai diventat Why so Beautiful. Micheli Pinna, in s’introdutzioni de su libru, narat: “Cust’operatzioni culturali tenit dûs sinnificus. De una parti permitit a sa literadura in limba sarda de intrai in-d-unu circùitu internatzionali, po mori de sa tradutzioni in inglesu. De s’atra, amostat ca sa limba sarda non feti capacidadis de allogai valoris culturalis e mundus chi funt isparessendu. Ma prus de totu arrennescit a oberri, cun sa fortza criativa sua, orizontis nous e possibbilidadis noas de s’esisténtzia”.


736 pagine Euro 60,00

Il dizionario degli esseri viventi di Antoninu Rubattu, potrebbe essere definito un vero e proprio “dizionario naturalistico” e non solo per la mole, davvero consistente, delle “voci” di cui tratta, ma anche, e soprattutto, per la varietà e la qualità dei contenuti, che vengono presentati con bella chiarezza esplicativa, con una metodologia semplice e univoca, con varietà e proprietà di linguaggio accessibili a tutti. Il volume, di 736 pagine, contiene in sintesi: circa 3.000 voci, come già detto, di Botanica, Ittiologia, Ornitologia e Zoologia; oltre 3.000 illustrazioni a colori; 18.000 lemmi sardi nella variante Logudorese, Nuorese, Campidanese, Sassarese, Gallurese 1200 etimologie.

Puoi averlo anche per posta scivendo a DOMUS de JANAS via Montebianco 54, 09047 Su Planu, Selargius Tel. 070 5435098 - Fax 070 5434 105 e-mail: domusdejanaseditore@tiscali.it • www.domusdejanaseditore.com


Lettere dal passato: la scrittura tra i Popoli del Mare

L

’alfabeto utilizzato da uno dei popoli del mare mostra forme profondamente comuni alle altre componenti e apre le porte per l’individuazione e la comprensione della scrittura sarda. Nelle ricognizioni per l’Isola di Sant’Antioco alla scoperta di aree archeologiche, mi capitò di rinvenire simboli (fig. 1) che qualche studioso qualificò come triangolo apicato o anche daleth. Barreca definì il segno, sistemato sulla roccia sacra del tophet

Fig. 1 Triangolo apicato a Sant'Antioco.

78

di Sulci, come la variante sarda del simbolo religioso cartaginese della Dea Tanit. Sono riuscito a scoprire altri otto simboli simili sparsi per l’Isola, incisi su cime particolari o su macigni dei paramenti murari di alcuni nuraghi. La mia abitudine di fotografare e documentare tutto mi permise di memorizzare la collocazione dei segni e di tenerli sotto controllo. Studiando e visitando le aree archeologiche sarde ho visto, riprodotti nella ceramica (fig. 2) o scolpiti nella roccia, simboli molto simili. Trovare spesso macigni, in aree archeologiche di epoca nuragica, segnati in varie forme dall’uomo, mi fece pensare che i nuragici sapessero scrivere. Presi in mano il mio bel manuale di iscrizioni e cercai riscontri ai simboli rinvenuti. Il manuale di epigrafia fenicia e punica, non soddisfece l’accostamento, anzi non fece che alimentare un’idea di incomprensione verso un alfabeto, quello qualificato come fenicio, che variava graficamente da località a località. Il complesso di segni varia, come è naturale, da Oriente a Occidente nel Mediterraneo, ma anche all’interno della Sardegna. Tale osservazione mi portò a considerare che, a differenza di quelli che vedono alfabeto e scrittura provenire da Oriente, questi abbiano avuto origine da noi e siano stati elaborati contemporaneamente e indipendentemente da Surcitani,


Marcello Cabriolu

Archeologia

Fig. 2 Riproduzione di un'olla proveniente dal Protonuraghe Su Mulinu di Villanovafranca.

Norensi, Bithiensi e Tharrensi.A sostenere l’ipotesi giunse l’elaborazione del professor Gigi Sanna, relativa al frammento ceramico di Nora, considerato dell’XI sec. a.C. quindi molto più antico delle testimonianze scritte del Levante. Il manuale delle iscrizioni mi suggerì forme grafiche definite proto sinaitiche o anche proto cananaiche databili attorno al XVI sec. a. C., ma se diverse forme grafiche poterono anche coincidere, la rappresentazione del Daleth (D) non soddisfece le aspettative. In quel momento, ebbi la sorpresa di imbattermi nei risultati del Western Sahara Project, una ricerca interdisciplinare relativa ai processi culturali e archeologici del Western Africa. Secondo Erodoto gli abitanti di questa regione furono i Maxyes o anche Meshwesh, progenitori degli Imaziyen (Tuareg). Questa popolazione divide

se stessa in due gruppi fondamentali: Mauri e Kabili, il che fece accendere in me una sorta di allarme visto che il campanilismo sardo ci ha portato finora a riconoscerci goliardicamente in Maurri e Gabilli. Quello che mi colpì fu il complesso alfabetico caratterizzante il tifinagh, scrittura alfabetica limitata a usi molto ristretti: funerario, simbolico e ludico. Tramite l’analisi di questa simbologia risultarono, con precisi significati, tutti quei simboli ritrovati sui macigni e sulla ceramica in giro per la Sardegna, sinora senza senso. La soddisfazione maggiore venne quando rinvenni il sospirato triangolo apicato (yag), a cui il linguaggio tifinagh assegna il significato di “forza della natura”. Sottoposi alla composizione tifinagh alcuni pezzi, tra cui un vaso proveniente da Su Mulinu di Villanovafranca (fig. 2): il simbolismo ripro79


Fig. 3 Candelabro paleosardo, fonte STUDI SARDI anno VIII 1948 Gallizzi Sassari 1948.

dotto indica il sole, la perpetua rinascita, la forza virile e la fecondazione. La pancia del vaso mostra tante caselle, scomponibili in tante lettere inquadrabili con precisione nell’insieme tifinagh, il cui significato generale tuttavia ancora mi sfugge. Tra gli insiemi grafici analizzati, da cui è possibile ottenere precisi significati, pongo persino la rappresentazione del “candelabro paleosardo” in bronzo, che mostra una particolare decorazione (fig. 3). Se letta sotto forma di frase, potrebbe essere qualificata come inno di lode che, azzardando un’elaborazione, parrebbe recitare così: Oh Dea Nutrice, bellezza e occhio di verità… acqua che genera il cielo e il creato. La disamina tocca anche rappresentazioni grafiche quali quella rilevata su un vaso dell’acropoli di Lipari (Lip. 26), dove il tifinagh, a una coppia di segni cruciformi separati da un tratto verticale, traduce “tnt” ovvero “dire” “spiegare”. L’alfabeto risulta utile persino nella decifrazione del frammento epigrafico di Nora e ricondu80

cibile all’XI sec. a.C. Un’ultima disamina vorrei dedicarla al sigillo di Sant’Imbenia - Alghero, già elaborato da altri studiosi. L’oggetto, che probabilmente riassume un titolo o il rango di un personaggio, evidenzia in sequenza da sinistra verso destra: iem, legatura di tegherit ieg, legatura di ien ieg, legatura di ien iet, tegherit, ieru, ied. La sequenza di interpretazione mostra: …Io sono il potente, creato dalla Grande Fecondatrice, il potente creato dalla Dea Nutrice, femmina dell’umanità. In diverse forme di Lineare, usate dai Phelesets-Cretesi, esistono tantissimi simboli utilizzati nel tifinagh di origine Meshwesh. Altra constatazione riguarda altri insiemi di simboli - alfabeto riscontrati in Canaan (argomento studiato dal prof. Gigi Sanna), nella penisola iberica e nella penisola italiana, che mostrano somiglianze col tifinagh. Nel complesso di queste citazioni è doveroso segnalare persino le forme grafiche rinvenute nelle Eolie, riconducibili alla


Per saperne di più: http://www.santantioco.info oppure scrivete a Marcello Cabriolu all’indirizzo mail: info@santantioco.info Sicilia del Bronzo Medio, per trovare similitudini con l’alfabeto tifinagh e avere un quadro d’unione preciso. Non intendo riscattare nessuna precedenza in favore del tifinagh, ma intendo far notare come tutti questi alfabeti, coincidenti nelle forme grafiche, caratterizzino la cultura materiale dei territori interessati. Osservati dal punto di vista antropico questi territori presentano una comune particolarità: sono stati popolati dalla Lega dei Popoli del Mare. Come ho ricostruito con l’opera “Il Popolo Shardana - La Cultura, la civiltà, le conquiste”, e sto elaborando in un nuovo testo, la Lega micenea agiva incisivamente sia sui propri componenti che sui

Bronzi definiti falsi con tracce di lineare B e numerazione utilizzata dai Minoici.

territori toccati, portando tecnologia e cultura e traendo benefici al punto da poter affermare che i popoli interessati fossero legati da una vera e propria koiné. Osservando i caratteri appena citati e tenendo presente le regioni di provenienza e i popoli che li hanno utilizzati possiamo constatare che queste forme grafiche molto simili se non identiche furono il comune denominatore, l’alfabeto delle etnie della Lega dei Popoli del Mare. Anche la recente elaborazione fatta dal professor Giovanni Ugas e la sorprendente somiglianza tra le forme grafiche sarde e quelle precoci alfabetiche della Beozia e dell’Eubea, al pari di quelle etrusche, tocca regioni geografiche sviluppatesi sotto il governo dei Popoli del Mare (Orcomeno e Tebe furono fondate dagli Achei e fecero parte delle città micenee). Gustave Glotz ipotizza che nel Mediterraneo del XV sec. a. C. regioni di Civiltà più o meno diverse si siano fuse in una civiltà comune dalla lingua pelasgica. Questa disamina, vista in modo macroscopico, va a toccare sia la forma amministrativa sia la cultura materiale sia la forma edilizia dei popoli suddetti, legati tra loro da una forma comune di culto, come quello della Dea Madre Mediterranea. Ribadendo che la mia analisi non mira a volgersi a un primato alfabetico, auspico una cooperazione con gli esperti degli altri caratteri al fine di formulare, seguendo il principio del simbolismo del tifinagh, l’interpretazione degli altri alfabeti affini e la riscoperta degli arcaici testi di tanti manufatti tra cui quelli scritti dai sardi. 81


Ortueri La genuinitĂ dei piccoli borghi

82


Elisabeth Ledda

In Bidda

I

piccoli borghi, nella loro genuina semplicità, sono capaci di offrire preziose e minute suggestioni, piccoli attimi di piacere visivo e affettivo che le grandi città non sono più in grado di suscitare. Un albero secolare, un’antica dimora, un viottolo lastricato illuminato da lanterne in ferro battuto: scorci singolari che si sanno far apprezzare ancora, in barba agli artefatti centri commerciale ed ipermercati. Ortueri è un paesino che sorge in un territorio occupato da vigneti e rigogliose foreste di sughere e lecci, nella parte occidentale del Mandrolisai. Posto a 585 metri sul livello del mare, tra il lago Omodeo e il massiccio del Gennargentu, propone un paesaggio variegato in cui si snodano pianori ed alte colline. Nella valle di Riu ‘e Ortueri sono presenti ampie radure ricche di vegetazione e dei gradevoli tratti di bosco. Un’abbondante presenza di sorgenti fa sì che questo territorio sia ricco d’acqua. Rinomate sono le fonti presenti all’interno del paese, in particolare quella di Sa Furca e s’Edera.

A nord dell’abitato sorge la vetta Pedrarba, una pietraia bianca di silice che mostra una caratteristica roccia di confine, conosciuta come Sa conca ‘e s’Isteddu, un paesaggio aspro ma affascinante. Il borgo di Ortueri ha origine nel Medioevo. Gli abitanti si stanziarono nella località Travi ed Alas Ruinas, antica colonia dei Romani. Durante il medioevo Ortueri fece parte della curatoria del Mandrolisay nel giudicato di Arborea ed in seguito, durante il periodo sabaudo, della contea di San Martino, feudo dei Valentino. L’attuale centro abitato è disposto intorno alla chiesa parrocchiale di San Nicola, ri-

83


salente agli anni compresi fra il XVIII e il XIX secolo, il cui campanile è il secondo in altezza in tutta la Sardegna. Paese a vocazione agricola e pastorale, Ortueri ha realizzato le proprie abitazioni in conformità al territorio e alle attività lavorative tradizionali. Di particolare interesse storico ed architettonico sono gli stilemi costruttivi di epoca tardo gotico-catalana che si possono ammirare percorrendo il centro storico del paese. Interessanti le architravi a fiamma con all’interno motivi floreali. L’economia locale è prevalentemente agropastorale. L’allevamento ovino è quello più diffuso, ma è interessante anche la produzione e la lavorazione del sughero per la quale Ortueri è divenuto un centro rinomato. Meritano una visita i laboratori artigianali del paese per scoprire la grande maestria di chi lavora i manufatti o per acquistare i pregevoli oggetti dell’artigianato locale. L’abilità manuale ortuerese si distingue anche nella tessitura dell’orbace, utilizzato per confezionare indumenti del vestiario popolare maschile femminile. Ma il

84 84

nome di Ortueri, noto come il paese degli asinelli, deve la sua fama soprattutto alla riserva naturalistica di Mui Muscas. Collocata ad un’altitudine di mille metri, tale riserva è una tra le più importanti nell'isola ad ospitare l’Asinello Sardo. Su questa particolare specie autoctona a rischio di estinzione è stato portato avanti un programma di protezione e ripopolamento che ha dato ottimi risultati, tanto che attualmente nel parco sono ospitati circa 250 esemplari. Recentemente Ortueri ha promosso un importante convegno sull’onoterapia e sulla tutela e valorizzazione dell’ asino di razza sarda, a cui hanno partecipato specialisti del settore. L’onoterapia è la pratica equestre che si serve dell’asino come strumento terapeutico, mirando ad ottenere il superamento di un danno sensoriale, motorio, cognitivo, affettivo e comportamentale. È un processo di riabilitazione che consente al paziente di relazionarsi con l’animale instaurando un importante canale di contatto corporeo con cui si acquisisce controllo e fiducia di sé. La dolcezza e la mansuetu-


dine di questi animali favorisce il processo di guarigione. Nella riserva di Mui Muscas sono presenti anche lepri, mufloni, cervi e cinghiali che vivono in un ambiente incontaminato tra i boschi di sughereti, corbezzolo ed eucalipti. La vista è spettacolare e offre suggestive vedute sulla Giara di Gesturi e sul Campidano di Oristano. La bellezza delle cose semplici unita alla cordialità della gente e ai profumi della natura fanno di Ortueri una meta consigliata, in particolare per chi ama gli animali. E la tenerezza che suscitano gli asinelli è un'attrazione inarrestabile per grandi e bambini.

85


Sa litra de

Kurt Cobain

C

alencunu si domandat: “comenti mai in custa terra si campat a becia manna genti chi parit nci siat po debbadas e, invecias, si nd’andat in sa mellus ora atra genti chi balit e non pagu?” Certu, si podit nai, ca chi unu sa morti si dda betat a manu sua etotu, peus po issu… E perou sa morti fait pensai, a is óminis de bonu sentidu, ispetzialmenti candu a si nd’andai est unu piciocu giòvunu. Unu cantanti famau, bravu, macu comenti unu cuaddu ma cun s’ànimu dilicau che folla in atongiu. Kurt Cobain, su leader de su grupu grunge de is Nirvana, una de is band de prus importu de is annus noranta, nci at biviu in custa terra po 27 annus feti. S’8 de arbili de su 1994, a Seattle, in sa serra de domu sua, un’eletricista dd’agatat a terra, cun-d-unu stampu in conca e unu fosili a su costau. Kurt s’est bociu tres dîs innanti, e at iscritu una litra po ispiegai custu gestu. Lassat una pobidda (Courtney Love, issa puru musicista) e una fillixedda (Frances Bean) de un’annu e mesu. Ma

86

non feti. Lassat una band in prena fama, pustis de is albus sûs Bleach, Nevermind (25 milionis de cópias) e In Utero. E una truma stremenada de fans ispantaus. Lassat totus cun custus fueddus, intregaus a s’amigu sû “Boddah”. Un’amigu imbentau, chi tenit de candu est pipiu: “Chistionu cun sa limba de unu tontixeddu beciotu, mancai ia a preferri a essi unu pipiu dengosu, de cuddus chi non fait a ddus suportai. Custa litra iat a depir’essi fàcili a cumprendi. Totu su chi m’ant nau de s’iscola basi de su punk-rock, fromas chi


Robertu Mura

M첫sica

87


88 88


is annus funt passaus, de candu apu cumentzau: soi nendu sa cusciéntzia de s’indipendéntzia e su de imbrassai sa comunidadi, apu cumprendiu ca fuat sa beridadi. Deu no intendu prus peruna emotzioni a iscurtai mùsica e nimancu a dda fai, e ni a ligi e ni a iscriri, giai de tropus annus. Custu mi fait indendi in crupa manna. Po nai, candu seus in su backstage e is luxis si nd’istudant e intendu cumentzai su dilliriu de su pùbbricu, no mi fait perunu efetu. No mi pigat comenti a Freddie Mercury: a issu su pùbbricu ddu imbriagaiat, fut bonu a ndi ciapai s’energia e a si carrigai, ma po mei no andat aici. Su fatu est ca deu non bos-si possu collunai, a nemus. In pagus fueddus no iat essi giustu, nin po bos atrus nin po mei. S’afrontu peus chi mi possat passai in conca est cussu de fai finta chi mi soi ispassiendu a su 100%. A bortas m’intendu comenti unu chi depit bullai su cartellinu dónnia borta chi apicu a su palcu. Apu provau cun totu sa fortza chi tenia, po apretziai custa cosa. M’est praxiu su fatu chi deu e is atrus eus concuistau custa genti e seus arrennéscius a dda fai ispassiai. Ma de seguru depp’essi unu de cussus narcisistas chi aprétziant is cosas candu no ddas tenint prus. Deu soi tropu dilicau. Tengiu abbisongiu de essi unu pagu illuinau po agatai s’infogu chi tenia a pipiu. In is ùrtimus tres tour nostus,

soi arrennesciu a apretziai meda de prus sa genti chi connoscia de persona, e is fans de sa mùsica nosta, perou no arrennesciu ancora a mi lassai in palas s’avolotu, su sensu de curpa e s’amigantzia chi tengiu po totus. Nci at calencuna cosa de bonu in donniunu e tandu pensu chi deu stimu tropu sa genti, aici meda chi m’intendu tropu tristu. Su pipiu est tristu, dilicau…! Poita non ti spassias e bastat? No ddu sciu! Tengiu una pobidda che unu frori chi bogat ambitzioni e simpatia e una filla chi m’arregodat tropu candu fua comente issa etotu, prenu de amori e allirghia. Basat totu is chi atóbiat, ca totus funt bonus e nemus ddi podit fai dannu. 89


E custu mi fait a timi, a su puntu de mi betai a terra de su totu. Non possu suportai s’idea chi Frances diventit una miseràbbili, rocker che mimi etotu, una chi si distrugit a manu sua etotu. M’est andada beni, beni meda in custus annus, e ringràtziu po custu, ma est de candu tenia seti annus chi seu nemigu de sa genia umana. Feti poita a totus pariat unu giogu su de andai a innanti i essi simpàticu. Pensu chi siat po mori ca deu stimu tropu e mi ndi parit tropu mali po sa genti. Gràtzias a totus de sa parti prus funda de cust’istogumu miu totu pampa, gràtzias po is litras chi m’eis imbiau e s’agiudu chi m’eis donau in is annus passaus. Deu soi tropu che unu pipiu lunàticu, chi pigat e lassat, pigat e lassat. E non tengiu prus peruna emotzioni, e arregodaisiddu: mellus est a fai una pampa manna chi a si ndi istudai abellu abellu. Paxi, amori, beni. Kurt Cobain Frances e Courtney, deu ap’essi a s’artari de bosatrus. Ti ddu pregu, Courtney, sighi aici, po Frances. Po sa vida sua, chi at essi meda prus prexiosa sena mimi. Bos istimu. Bos istimu! Kurt

90


91


Poesia Giuanni Sais

SA CONFUSIONI Curiosu meda cuddu tziu miu candu chistionàt campidanesu: parit acanta però est atesu de s’idioma fueddau a pipiu. Si cicàt is fueddus de proponi in poesia cun modu decenti po no fai arrenegai sa genti i arruendu in sa confusioni. Infastidiu non nc’est arrenésciu a cumbinai robba armoniosa poita su sardu si dd’at scarésciu. Duncas scrit mesu in italianu tanti po nai calincuna cosa cun dispraxeri sériu, fitianu.

92


Larentu Ilieschi

Su Pitigalimba

SOS CRIADORES POLÌTICOS Calchi politicante italianu, chi at su setzidorzu in parlamentu tentat de si servire ogni momentu de su podere sou soberanu. Fintzas pro cosas inue est profanu faghet propostas de cambiamentu ca si presumit s’ùnicu elementu pius dotadu ’e su gènere umanu. Su parlamentu paret un’inferru cando sos ch’ana pius cara tosta ponen in abbolotu terra e mare. Ma ja chi cheren totu trasformare proite no avantzan sa proposta de abbulire su péssimu ierru?

93


Esórdiu de sa gara de su 10 de Sant’Andria 1974 in Bessude

Peppe Sozu cantat cun Remundu Piras pro Santu Martine Sozu

Piras

Duos poetas ambos pastores, in custu esórdiu de 37 annos innanti de oe in su palcu de Bessude, dan vida a un’arrejonu de bundu subra una chistione de importu mannu in cussu tempus, a pagos annos dae sa leze De Marzi-Cipolla: s’afitu de sas terras. In baranta istrofes de sustàntzia custa joba soberana de cantadores faghet a bìdere comente si podet e si devet condùere una disputa poética rimada a deghile in limba sarda. Cando an cantadu in custa gara Remundu Piras teniat sessantanoe annos e Peppe Sozu sessanta.

1. Sozu ( ……… su tou ambiente oramai nde so a connoschéntzia mancari no mi apas sempre in mente déndemi a dogni festa preferéntzia. A da poi ’e tres annos de asséntzia so torradu a inoghe novamente po ti nd’’atire a su matessi tretu unu caldu saludu cun afetu. 94

2. Piras (1’05”) Forsis est grascia ’e santu Martine a benner in custa niedda regadia. Po riparare tanta caristia cherimis mese ’onu fin’a fine e-i sos dannos de Santu ’Aine los devet riparare Sant’Andria. Augurende bene po Bessude permìtimi chi torra ti salude.


Pàulu Pillonca

Subra su Palcu

3. Sozu (1’08”) Su tempus bonu che ’ogat dae pelea a chie est in pena e in turmentu prite pariat tropu annada fea, com’isperamos su cambiamentu poite in tota sa Saldigna intrea como lu fian cun cussu lamentu. Ma si supèrat ogni tempus malu si su mangime lis dan de regalu.

7. Sozu (1’03”) Caglia chi su pastore no est tontu mancari lotet contr’a sa natura. Ja bi resessit a fagher su contu finas chi tenet s’intrada segura però isetat un’àteru iscontu e gai da chi non pagat pastura ja si podet salvare in dogni zona: s’annada mala che passat che bona.

4. Piras (1’15”) (Ma) su tempus, naras, prevìditi e time, a repiter s’apellu est finas feu e-i su pastore:” Su masone meu”, narat, bisonzu chi mi lu redime”. E cheret de regalu su mangime ma chissà chi be-i penset Deu ca issu ponet s’elva ’e regalu e s’est beru ch’est Deu no est malu.

8. Piras (1’08”) (Ma) si crês chi su pastore est in cucagna prite non b’andas a pastorigare? Ma no, ca in su campu bi at magagna e deves sas annadas afrontare: a su pastore po istare in campagna, antzis, ja lu devian premiare non pònnerli sos pesos chi li an missu: antzis devian ripagare a issu.

5. Sozu (59”) Elva nd’at a pigare in-d-ogni tretu ma an a sighire a bogare lamentu poite su pastore no est cuntentu sempre pestes s’agatat in difetu e so pensende chi torra in progetu ja bi dêt esser su trinta po chentu. E gai a coa su peus calvàriu at a esser po su propietàriu.

9. Sozu (51”) De su pastore su piantu eternu a mie mi at tocadu coro e sinu. Ma a che lu ’ogare dae pedinu non m’aggradat s’istatista modernu: lu devet azuare su guvernu non chie at unu bìculu ’e terrinu ca chie campat da unu cunzadu est da s’annada mala arruinadu.

6. Piras (58”) Ma si s’atunzu faghet a beranu comintzat bene dae Sant’Andria mancari su pastore trassianu nelzat sempre chi est in caristia. Mezus chi nelzat oi sende sanu chi no lu nelzat pro sa maladia ca non mi paret un’idea tolta a narrer oi ma néndelu a polta.

10. Piras (1’08”) (Ma) non naro de su ch’at unu tanchitu, (chi) cussu malefadadu est in afannu. Eo naro po calchi ricu mannu chi cheret arrivare a s’infinitu ca a Saldigna ’enit una ’olta in s’annu e benit solu a pijare s’afitu. A cussu ch’at su bene ereditadu li diat cherrer, mi’, totu leadu. 95


96

11. Sozu (1’02”) Su ricu non lu ponzas in fastizu ca si lamentat e si non bistat mudu at rejone ca est in contivizu e no at facia ’e domandare azudu. Ma su guvernu po ’estire unu fizu s’àteru fizu cheret lassare nudu. E gai narat: cuddu no peleat, la dat a unu, a s’àteru la leat.

15. Sozu (54”) Abbizatinde chi faghes errore, dias dare pius atentzione. Chie isvolget una professione deo lu conto chi est tribagliadore, poto contare soltantu signore unu chi campat in su cadreone. Ma si a sos sardos lis das un’ojada de zente gai inoghe no che nd’ada.

12. Piras (1’05”) Ma…………….po pagare su friscu, at divisu sa tapa impartziale. Ma b’at ricu chi tenet capitale e-d-est pedinde che Santu Frantziscu: cheret s’anzone po pasca ’e Nadale e po pasca ’e Abrile casu friscu. Poi a s’àtera festa su polcheddu: emmo ch’est gai, e malannu nieddu.

16. Piras (1’05”) (E) como paret chi su tempus redossu est sempre po su ricu in su tramontu. Cando faghet sa lege calchi iscontu tando sa coa s’aferran a mossu: innanti su pastore ja fut tontu, li faghian pagare finas s’ossu. Ma como a pagu a pagu bene at bidu: su tempus de sos macos est finidu.

13. Sozu (52”) A mi la lassas s’idea maligna ca no est bellu a pesare bacanu? Inue est de benèssere s’insigna sa richesa si notat dae lontanu però sos pagos ricos in Sardigna si contan in sos didos de sa manu. Ma unu a da chi non leat su picu in sa Sardigna lu contamos ricu.

17. Sozu (54”) Deo repito un’ateruna ’ia: non pighes su tesoro a s’infinitu ca su chi paret ricu intro ’e s’abbitu meses meda bi tenet carestia: s’at chentumiza francos de afitu trinta nde pagat in s’esatoria e-d-est da sos pastores odiadu ca cussu puru est ricu calculadu.

14. Piras (59”) (Ma) in Saldigna ja b’est su fortunadu e da chi est ricu li naran signore. At tancas e-d-est fatende su dutore, su magistradu o un’avocadu: ca jughet su capellu e tenet gradu iscolzat a puntinu su pastore e narat chi sa legge faghet bene: o chi pastórighet o chi bi lu lêne.

18. Piras (54”) (Ma) s’as chentumiza e chi nde pagas trinta cheret chi custu puru bi cumprendat. In àteru trabagliu si difendat o si ponzat de cannau una chinta. A ite l’at? Po gai si lu ’endat e gai ’e ricu non faghet sa finta. Ma b’at zente chi est pagu mansueta: cheret s’afitu ma non sa pinneta.


19. Sozu (51”) Tue in s’ùltima riga che los pones sos pastores ca nachi an tribagliadu e mai frutu non lis at restadu po mezorare sas conditziones. Ma b’at pastores chi an comporadu po chimbanta e sessanta miliones: da sa miséria sun bessidos fora e lis cheres incue iscontu ancora.

23. Sozu (46”) A mi la lassas sa ’idea tolta ca su bidellu puru est necessàriu? Non ti lu devo dare su contràriu ma non busses ebbia in-d-una polta e contr’a su guvernu ti la ’olta, non ti gires a su propietàriu nende ch’issu ti devet dare lughe: issu puru est che Cristos in sa rughe.

20. Piras (59”) Ma sos pastores chi an animales trabàgliana e sun dispretziados. Che-i cuddos de villanos sun tratados màssimu da sos intelletuales e fin’a pilos sun indepidados, la sun tirende a fortza ’e cambiales. Pagan su pàsculu e-i sas provistas, totu a favore ’e sos assenteistas.

24. Piras (45”) Pedat che Cristos unu cireneu po l’azuare fina a su calvàriu. Deo so contr’a a su propietàriu poite est cussu s’inimigu meu ca est nàschidu in gràtzia ’e Deu però de ch’esser no est netzessàriu ca cussu suet dae tantas titas: non cherimos pius sos parassitas.

21. Sozu (54”) Non fetas che a issos su lamentu ca como est mezoradu ogni ambiente: s’ana fatu palatos, tene in mente, cun voltas e terratzas de cimentu e prima fini a caddu ’e su molente e-i como sun totus in millechentu. A su cuile b’andan in vetura poi naran ch’est cara sa pastura.

25. Sozu (43”) Non li fetas sa rughe a manu manca e cumpréndela si non l’as cumpresa ca deves fagher su contu ’e sa resa po aer un’’ucone ’e pane in banca. Si tue t’as comporadu una tanca po ti poder campare a sa ’etzesa si l’afitas e non retzis afitu a betzu deves passare apetitu.

22. Piras (54”) Ma si an apena apena mezoradu lu cheres che-i s’àrabbu in camellu. Como b’at calecunu ispiantadu ch’est in cravata sempre e in capellu chi finas unu miseru bidellu a prus de chentumiza l’an pagadu. E-d-est ispiritosu che chibudda ca pijat meda chena fagher nudda.

26. Piras (58”) Bae chi cussas sun totu leggendas però cussas leggendas sun passadas. Primu sas terras fun iscorporadas poi bénnidas sun sas chiudendas e-i sas tancas si las an serradas aferra aferra e s’an fatu siendas. Ja chi an usurpadu cussu bene comente l’an leada bi lis lêne. 97


98

27. Sozu (48”) Non ponzas chie nd’at in contivizos ca mi paris incue esageradu. Chie at unu bene acumuladu a boltas postu bi at suore ’e chizos e-i sas tancas chi an sos babbos serradu sas pius las an béndidas sos fizos. E tue si ti ses fatu ricu a nou, como bi pones su suore tou.

31. Sozu (51”) Ajò, sa veridade non la neghes a chie at tanca poninde in afannos. Tue non sese tra sos ricos mannos ma a bi lu leare oe non preghes e da chi as setanta o otant’annos non bi torras a mulgher sas berveghes poite da su tempus ses arressu e deves viver da s’interessu.

28. Piras (57”) (Ma) si fato gai no la fetan franca però deo so giustu, salvu errore. Unu cando si faghet una tanca o fetat su massaju o su pastore ca no est bellu a fagher su segnore da su póveru mandighende in banca. Deo li do de l’aer su permissu, ma si la tenet chi trabagliet issu.

32. Piras (47”) (Ma) non mi cheres cumprender, salvu errore, ma arrejonende gai ses plebeu. Deo si so de terra possessore no tenzo mancu unu saltu intreu: mi retiro e la lasso a fizu meu ca faghet che a mie su pastore. E totu deven esser che a mie: chie tenet terrinu istet inie.

29. Sozu (46”) Da ch’est a tempus si versat suore, in sa campagna si faghet a brou. Ma chie est a edade mazore non torrat a pitzinnu dae nou: tue chi naras su terrinu tou si b’andas como a fagher su pastore. A da ch’imbetzas frimas in s’abbitu e ti deves campare dae s’afitu.

33. Sozu (48”) A ti pones sa mente in bonumore? Tocat chi bene ogni cosa si fetat: in dogni campu si versat suore ca s’ómine in totue che prenetat. S’as unu fizu chi no est pastore nàrami si sa palte a cussu isetat. E-i sos frades, lu deves pensare, s’afitu a cussu li deven pagare.

30. Piras (53”) Deo in campagna sempre apo sos pêse e apo leadu bentu, abba e fritu Ma tzeltos signorones si lu crêse ponen a sos pastores s’apititu: unu coltivadore poveritu at doighimiza francos ogni mese. Istet cussu in campagna a mala gana e coment’e a mie ja li dana.

34. Piras (47”) (Mi’) si si nd’andat faghet pius bene, andat e lassat terra cun armentu ca si s’imbrusciat li dolet su rene: timet s’abba, su sole e-i su ’entu. E si si ch’andat deo so cuntentu chi sa terra a-i cussu bi la lêne tantu sa terra ja l’at fata Deu, e fetan gai puru a fizu meu.


35. Sozu (50”) Deo invece ti torro a repitire cun manera mancari pagu esata chi dogni legge cheret bene fata chi una parte non devet culpire. Si nde sullevan tantos dae patire sa natzione bi penset cumpata e non po dannu ’e una carestia chi paghet solu una categoria.

38. Piras (48”) Trabagliat che a mie a sa ’ereta e non bandat a consultare sa Sibbilla: màndigat fae invece ’e sa peta e gai passat vida trancuilla e invece ’e drommire in-d-una villa dromit coment’e deo in sa pinneta. E boltas meda in su campu la loto sena jugher teracu ne capoto.

36. Piras (54”) (Mi’) su ricu assenteista est cori-duru, cheret viver che porcu in su presolzu. Si li naras a fagher unu muru, una pinneta o un’abbadolzu ti narat: cussu faghe tue puru ch’est a li ’ogare pedde dae su colzu. Ca sunu gai che ingratos moros: cheren s’afitu e no faghen mezoros.

39. Sozu (53”) S’esórdiu a finire an ordinadu ma fininde la lea cun passéntzia. Chi su pastore at sufridu e penadu non si podet negare s’evidéntzia ma oramai ses a conoschéntzia chi at in dogni zona mezoradu ca est sempre in progressu cussa prole, non deves ponner sa manu a su sole.

37. Sozu (47”) A su chi parit ricu oe mischinu nara ca mala est sa conditzione e non de azustare unu caminu nende: ti faghes como a campione ca bi nd’at ch’an chent’etres de terrinu chi non regoglit mesu millione e sa vida la passat in afannu ca no li bastat mancu po mes’annu.

40. Piras (53”) (Ma) finimos e ti naro a sa ’ereta chi sos pastores istressados sunu e si su casu est caru, che saeta naran: male chi non nde campet unu. A totucantos piaghet sa peta ma sa campagna mai a nisciunu: a fagher su pastore est tropu malu ma sa peta la cheren de regalu.

99


Il rusco o pungitopo toccasana per le vene Quando descrivo alle persone la pianta del Rusco mi accorgo che alcuni hanno difficoltà ad identificarla. È curiosa poi l’esclamazione in coro: “Ah, ma è il Pungitopo!” Sì, ed è chiamata così perché i suoi fasci di rami spinosi, soprattutto quando erano secchi, avevano la funzione di tenere lontani i topi dai cibi e da ciò che non doveva essere toccato da questi famelici roditori. Ma questo non è il motivo per cui questa bella e utilissima pianta è diventata celebre. La storia del Rusco ha radici lontane, già Teofrasto lo citava nel III secolo a. C., chiamandolo col nome greco che corrisponde al Myrtus silvestris, vista la sua somiglianza al mirto. Il pungitopo è una pianta mediterranea che negli ultimi tempi ha ritrovato una particolare attenzione e utilizzo. È un arbusto sempreverde, alto non più di un metro, che cresce spontaneo nei pendii asciutti e soleggiati. È provvisto di un rizoma lignificato da cui partono numerose radici, i fusti sono dritti alla base e molto ramificati in alto. Appartiene alla famiglia delle Liliaceae e alla sottofamiglia delle Asparageae. Con il notissimo asparago (asparagus officinalis) ha in comune il fatto che le foglie sono piccolissime, quasi squamiformi. Perciò sviluppa rami con aspetto di foglie, chiamati cladodi, terminanti all’apice con una spina molto acuminata. 100

Rusco (ruscus aculeatus L. fam . Liliaceae) A Nuoro e nel Nuorese: frùschiu, vrùsciu (la pianta), mela ’e frùschiu (il frutto) Nel Cagliaritano: piscialettu Nel Logudoro: rùschiu, ruscu, sorighina Nel Sassarese: spina sorighina, spinatopis Ad Aggius: pugnirazzu


Luciana Lapia Piredda

Ervas

I frutti sono bacche rosse che contengono uno o due semi. Il nome latino, Ruscus aculeatus, si pensa derivi da rusticus, in quanto era molto usato dai contadini, e aculeatus per indicare le false foglie a forma di aculeo. Inizialmente il rusco venne utilizzato e apprezzato per le sue proprietà diuretiche, solo molto più tardi, attraverso studi approfonditi e sperimentazioni, se ne scoprirono le grandi qualità vasotoniche. A dire il vero questo arbusto sempreverde acquistò importanza quando due ricercatori francesi, Lapin e Sannie, riuscirono ad isolare dai rizomi una miscela di due saponine che denominarono ruscogenina e neoruscogenina che agiscono come antiflogistici e vasocostrittori, quindi anche antiemorragici. L’effetto si evidenzia particolarmente sul sistema venoso, così che il pungitopo può anche essere definito pianta per la terapia delle vene. Riassumiamo le proprietà di questo beneficio della natura. Parte impiegata Il rizoma, che si raccoglie in autunno; quelli più grossi vanno tagliati in pezzi e divisi in due per lungo, prima di farli essiccare. Componenti principali - saponine steroidi, ruscogenina, neoruscogenina. - un olio essenziale, resina, sali di potassio e di calcio. 101


Azione farmacologica - diuretica, vasoprotettrice venosa, antiedematosa, antinfiammatoria, antigottosa, antiartritica, litontritica, sedativa delle vie urinarie. Indicazioni terapeutiche - edemi - ritenzione idrica con oliguria - varici e ulcere varicose - emorroidi - gotta - uricemia - postumi di flebiti - calcolosi renale - reumatismo articolare Usi e dosi - Decotto del rizoma un cucchiaio in 300 ml di acqua fredda. Bollire 5 minuti e dopo un quarto d’ora filtrare. Berne 2-3 volte al giorno, meglio se lontano dai pasti. - Tintura Madre (da rizoma fresco) 40 gocce, in acqua buona, tre volte al giorno, sempre lontano dai pasti. Uso esterno Sono molto utili le pomate e i gel a base di rusco insieme agli oli essenziali di cipresso e menta per lenire il prurito e il gonfiore delle emorroidi e delle gambe. In cosmetologia, grazie alle proprietà lenitive, protettive, disarrossanti e rinfrescanti, il decotto risulta efficace per il tratta102


mento delle pelli delicate facili agli arrossamenti. Il rizoma del rusco faceva parte dello sciroppo delle cinque radici, portentoso diuretico assieme ad asparago, finocchio, prezzemolo e sedano, prescritto dai medici della famosa Scuola di Montpellier ai soggetti affetti da gotta e calcolosi renale. Sul rusco ci sono tante notizie curiose e belle testimonianze che ci confermano le ottime proprietà salutari di questa bella e colorata pianta nostrana, già conosciuta agli antichi medici erboristi. Ne cito solo una: il Mattioli, medico senese di grande fama, nel 1557, scriveva: “Le frondi e i frutti bevuti nel vino fanno orinare e provocano i mestrui; rompono le pietre della vescica e giovano alle distillazioni della orina: sanano il dolore del capo e il trabocco di fiele. Fa i medesimi effetti la decozione della radice bevuta nel vino. Mangionsi i suoi gamboncelli, quando sono freschi, in luogo d’asparagi, ma sono amari e fanno orinare”. Ecco spiegato anche il motivo per cui in molte zone della nostra isola questa pianta viene chiamata piscialettu! 103


Culurgiones ozastrinos S’inghìriu nostru oe si frimat in Ozastra, a est de sa Sardigna, mentovada po su mare ispantosu e sos màndigos genuinos. Rica de traditziones e arregordada po sas féminas de rara bellesa, in Ozastra non b’at mere de domo chi non iscat fàghere sos culurgiones… Chistionande cun calecuna de custas féminas mi ’enit de pentzare ca sos culurgiones naschen in su dna insoro. A abbaidare cussas manos, s’abarrat incantados de tanta abbilesa. Sa ritzeta naschet dae sa cultura agropastorale, in tempos antigos cando no esistian indùstrias a malaoza si depiat papare su chi sa terra cuntzediat in cuss’istajone. Sos culurgiones naschen comente màndigu chi sas massàias aprontaian po sos ómines insoro, de manera chi issos los podian callentare in su sartu in sas perdas caentes. Naschen in-d-una istajone cando su late non fut prus saboridu meda, ma si podiat su matessi impreare po fagher casu. Su prenu de mesu – issu puru pòberu – si cumponiat de patatas buddidas e insaboridas cun azu, ozu ermanu, casu, menta sicada e nughe muscada po imbrombare sa patata. Ma sa bellesa de custa ispecialidade si mustrat in su serrare s’isfoglia cun-d-unu ricamu fatu dae manos lestras e sapientes. Sa bontade est cussa de sos ingredientes poberos, valorizados cun aromas e erbas. A printzìpiu sos culurgiones los coghian unu pagu e los incasaian in duos istratos de casu. Si sos originales sun gai, sos culurgiones si poden mandigare finas cun bagna. Sa chi si usat de prus est cussa de tamatas friscas, o puru de sirbone, de antunna ’era o porcinos.

104


Antonella Fadda

Coghina

Sa ritzeta

Culurgiones ozastrinos Ingredientes:

po s’isfoglia: farra de trigu e farra bianca 00, metade e metade, abba tébia e sale c. b. po su prenu: patatas buddidas in abba salida, ozu ermanu, azu, casu, menta, sale, casu tratadu, pagu de pìbere (si aggradat). Modu de los fàghere: Aprontare s’isfoglia tribballande bene sas farras cun abba e sale fine cantu bastat e lassare reposare. In su mentres aprontare su prenu. Buddire sas patatas in abba e sale, ispuligare e iscazare cando sun ancora caentes. In-d-una padedda pitica pònnere una tassa de ozu ’ermanu a caentare cun-d-una sigulla de azu, cando est dorau chirrare dae su fogu e azùnghere una cullera de menta sicada e unu tale de nughe muscada, assentare de sale. Cundire cun custu sas patatas iscazadas, azùnghere casu tratau a piaghere e assazare si andat bene de sale e de gustu. Fàghere un’isfoglia e segare discos de pasta de 5 cm de diàmetru. In dognunu assentare una cullera de cosa, prènere e serrare a su modu ozastrinu. Cundire comente bos aggradat e bonu apetitu. Coghinade bois Chie tenet domandas, consizos o cheret collaborare cun sas próprias ritzetas podet iscrìere a icnos2@gmail.com o tzerriare su 327 8141991. Bon’apetitu!

105


Partiamo

dai Nuragici

prima parte

I Nuragici erano indoeuropei La Civiltà Nuragica era una Cultura di tipo indoeuropeo?

Invio in allegato l’articolo per Làcanas. Apparentemente sembra che non riguardi la Medicina. Non è così perchè la Medicina si trova nella terza parte, che ho già scritto ma che non invio ancora perchè non è definitivo, e riguarda gli argomenti genetici coi quali cerco di dimostrare che la Cultura Nuragica è una cultura di tipo Indoeuropeo. Ho diviso l’articolo in tre parti perchè era troppo lungo e si può pubblicare in tre numeri successivi della rivista. (o. n.) Non sappiamo quale era il etnonimo antico del Popolo Nuragico. Il nome che oggi viene utilizzato per identificarli è stato assegnato in epoca relativamente recente e non trova quindi riscontro nei documenti storici. Il nome, peraltro universalmente 106

accettato, deriva dalla più evidente traccia che hanno lasciato sulla superficie dell’intera Sardegna: la costruzione di migliaia di torri. Abbiamo comunque degli indizi che ci consentono di ipotizzare che il loro esoetnico, quello cioè che gli altri popoli


Oliviero Nioi

usano per identificarli, sia quello di Tirreni, cioè costruttori di Torri, che quindi, in fin dei conti, anche nell’antichità venivano chiamati con un sinonimo di Nuragici. Il documento più antico nel quale compare per la prima volta il nome di Tirreni è la Teogonia di Esiodo anche se nell’opera non vi è un sicuro riferimento geografico alla Sardegna. Il loro endoetnico, cioè il nome che usavano per chiamare se stessi, è quasi sicuramente quello di SHRDN che può essere translitterato sia come Shardan che come Sherdan. L’uso così confidenziale dell’endoetnico dei progenitori dei sardi nei documenti egiziani è fortemente indicativo degli stretti legami che intercorrevano tra i cosiddetti Nuragici e gli antichi Egizi. Argomentazioni linguistiche Per rispondere al nostro quesito la linguistica non ci è di grande aiuto perché il sardo, lingua romanza derivata dal latino, viene classificata dalla gran parte degli studiosi come lingua indoeuropea. La Sardegna diventa romana dal 232 a. C. ma la sua occupazione riguarda prevalentemente le zone costiere e pianeggianti. Sembra che Roma non abbia avuto mai il controllo completo del territorio isolano soprattutto delle regioni interne della Sardegna. I romani fecero varie campagne militari contro i ribelli ma non riuscirono mai ad ottenerne una sottomissione completa. Nonostante questo la lingua latina sostituì completamente le parlate preesistenti della Sardegna in tempi relativamente brevi anche in quelle regioni nelle quali non ci fu mai un completo controllo militare da parte di Roma. Ancora oggi nelle zone interne si parlano dialetti sardi, molto vicini, come sostenuto dalla maggior parte degli stu-

Salute

diosi, al latino volgare molto più di quanto non lo siano i dialetti di tutte le altre lingue romanze. Come si può spiegare questa apparente incongruenza? Questa arcaicità e questa conservatività dei dialetti sardi odierni dell’interno è un problema che i linguisti hanno cercato di risolvere formulando varie ipotesi nessuna delle quali è stata in grado di dare una risposta soddisfacente al quesito. L’unica ipotesi che può spiegare la sostituzione della lingua preesistente con la rapida, completa e capillare latinizzazione della Sardegna è quella che teorizza che la lingua parlata in Sardegna prima della romanizzazione fosse molto simile alla lingua latina. L’unico studioso che formula un’ipotesi di questo tipo è Mario Alinei il quale sostiene che nella Sardegna preromana si parlava un dialetto di tipo italide molto vicino al latino. L’ipotesi di Mario Alinei è in grado di dare una risposta soddisfacente al quesito finora irrisolto. Stando a questi elementi si potrebbe concludere che la lingua parlata dai cosi detti Nuragici apparteneva alla grande famiglia delle lingue indoeuropee.

107


ee

e

e

.

e

.

e e

e

.

A totucantos sos abbonados de Làcanas, a sos chi lean sa rivista in edìculas e librerias, a sos chi seberan sas edissiones Domus de Janas, a sos Sardos de bonu sentimentu chi gherran pro muntènnere s’identidade insoro e finas pro l’atarzare in custu tempus feu chi diat cherrer fagher colare s’abba bulluzada pro licore, cherimus ofèrrere una

eBONAÙRA DAE CORO e pro custa Pasca de Nadale e pro su 2012, Annu Nou chi dimis cherrer bundantziosu de salude e de cuntentesa.


304 pagine Euro 20,00

Si tratta delle poesie e del diario del poeta antifascista desulese Salvatore Fais Fadda, sergente della Brigata Sassari nella prima guerra mondiale, amico e compagno di militanza politica di Emilio Lussu. Versi e prosa di Fais sono uno specchio fedele del poeta e dell’uomo, innamorato del suo paese e della Sardegna, che in quegli anni difficili venne perseguitato e aggredito dai fascisti, per colpa dei quali subÏ anche diversi anni di confino politico a Ponza.

Puoi averlo anche per posta scivendo a DOMUS de JANAS Via Montebianco 54, 09047 Su Planu, Selargius (CA) Tel. 070 5435098 - Fax 070 5434105 e-mail: domusdejanaseditore@tiscali.it • www.domusdejanaseditore.com

109 109


Ventanas

Ambienti

Nilu

Est unu riu nordafricanu longu 6.671 chilòmetros, cunsideradu su segundu riu de su mundu pro longària, a pustis de su riu de sas Amàtzones. At duos afluentes mannos: su Nilu Biancu e su Nilu Biaitu, e si ch’’etat in su delta mannu de su Mediterràneu. Su bacinu sou de abba ammuntat una terra de 3 miliones de chilòmetros cuadros, pius o mancu ùndighi tantos de s’Itàlia. Connotu pius de totu pro s’importu in sa créschida de sa tzivilidade egitziana antiga, est istadu e ancora est una funtana sighida de sustentu pro sa zente chi vivet in cussas costas.

110

Curiosidades Sa funtana pius meridionale de su Nilu est su Monte Gikizi, in Burundi. Su ludu saliosu chi su riu lassat in sas campuras cando ch’’essit dae su caminu sou, si narat limu. Custu ludu est pretziosu meda, ca dat fertilidade a sa terra. Est po cussu ca s’ist istóricu Eródotu st iscritu chi s’Egitu est un’istrina de su Nilu”.


Frantzisca Maronzu Onores

288 pagine Euro 20,00

La cronaca in presa diretta di un anno trascorso a Cuglieri da un sottoprefetto savoiardo che narra gli uomini, le attività e i luoghi con un’incredibile leggerezza. Per la prima volta in italiano una pagina stupenda di antropologia culturale scritta con penna felice ed illustrata dai disegni inediti dell’autore.

Puoi averlo anche per posta scivendo a DOMUS de JANAS Via Montebianco 54, 09047 Su Planu, Selargius (CA) Tel. 070 5435098 - Fax 070 5434105 e-mail: domusdejanaseditore@tiscali.it • www.domusdejanaseditore.com

111


Ventanas

Ambienti

Cordigliera andina

Est sa cadena de montes pius longa de su mundu, 7.200 chilòmetros. Cumposta dae sa Cordigliera de Levante e de Ponente, atraessat 7 Istados de s’América de basciu: Argentina, Bolìvia, Cile, Colùmbia, Ecuador, Perù e Venetzuela: caligunu de custos est connotu comente Istadu andinu. Tenet un’altària mediana de 4.000 metros, pius o mancu. Sa punta sua pius alta est s’Aconcàgua, chi lompet a 6.962 metros, sende chi sa chima de su vulcanu Chimborazo est su puntu de su globo pius atesu dae su centru de sa Terra.

Sos Inca

Cussu de sos Inca est istadu s’imperu precolombianu pius mannu de su continente americanu, esìstidu dae su séculu XIII finas a su de XVI. Sa capitali sua fut Cuzco, in su chi oe est su Perù. Sa limba de su pópulu inca si narat Quechua. Su territóriu inca fut mannu 2 miliones de chilometros cuadros, po una longària de 9 miza chilometros. 112


S IBILLA A LERAMO

UNA FÉMINA euro 12,00

BORTAU IN LIMBA SARDA DAE ANNA CRISTINA SERRA

304 pagine Euro 12,00

Collana Tradùere

S IBILLA A LERAMO

UNA FÉMINA

BORTAU IN LIMBA SARDA DAE ANNA CRISTINA SERRA

Una donna (Una Fémina) è il primo romanzo di Sibilla Aleramo, il suo esordio letterario, nel 1906. Opera autobiografica, testimonia in maniera straordinaria la condizione femminile di quel tempo, destinata a rimanere immutata nei decenni successivi: per molti versi è ancora attuale. Il romanzo ebbe un successo immediato e fu tradotto nelle principali lingue europee. Il motivo principale dell’accoglienza insperata risiede forse nel fatto che Una donna è uno dei primi libri “femministi” pubblicati in Italia. La traduzione in sardo campidanese è a cura di Anna Cristina Serra. Nel libro è presente un glossario per la spiegazione dei termini più complessi.

Puoi averlo anche per posta scivendo a DOMUS de JANAS Via Montebianco 54, 09047 Su Planu, Selargius (CA) Tel. 070 5435098 - Fax 070 5434105 e-mail: domusdejanaseditore@tiscali.it • www.domusdejanaseditore.com

113 113 113


114


Ventanas

Logus

Sa Muralla Manna Est sa Muralla prus massissa de su mundu e s’agatat in Cina. Est istétia pesada in su III séculu innanti de Gesu Cristu po órdini de s’imperadori Qin Shi Huang, su matessi chi iat fatu frabbicai s’Esércitu de terracota. Sa Muralla Manna est longa 7 mila chilometrus, lada 6,5 metrus e arta 10 metrus. Serbiat prus de totu po frimai sa betada de is pópulus chi biviant a làcana, massimamenti Móngulus, chi perou arrennesciant etotu a passai addei de sa muralla, isfrutendudendi is puntus débbilis: is portas.

Focus

Sa Muralla Manna est sa costrutzioni prus longa de su mundu. Qin Shi Huang, su chi dd’iat bófia, fut istétiu su primu imperadori de sa Cina. Qin Shi Huang iat fatu fai s’Esércitu de terracota puru, chi serbiat po fai guardia a sa tumba de s’imperadori. S’esércitu contat de 6 mila a 8 mila gherreris. Su nùmuru no est pretziasu, ca is trabballus po ndi ddu bogai a campu non funt ancora acabbaus. 115


Ventanas

Óminis

Walt Disney Walt Disney fut nàsciu in Chicago in su 1901. Est istétiu animadori, autori de fumetus, produtori, ghiadori, scenegiadori e dopiadori. In prus, nd’at pesau a Disneyland: su primu e prus nodiu parcu de ispàssius, fundau totu asuba de is cartonis animaus. Cun is chi trabballànt cun issu, Disney at criau personagius famaus in totu su mundu, comenti Mickey Mouse, in italianu Topolino. Cun is fumixeddus e is cartonis animaus, at fatu connosci personagius che Paperinu, Tziu Paperoni, Pippu, e fatu bessiri a su cìnema is contus de fantasia prus bellus de dónnia tempus. Walt Disney est mortu in Burbank, in Califórnia, in su 1966.

116

Topolinu

Su primu personagiu de Disney a tenni fama, innantis de Topolinu, fut istétiu “Oswald”, su conillu scofau. A prim’ora Topolinu si depiat intzerriai in-d-un’atra manera. Su nòmini chi Walt Disney iat scioberau po custu simpaticu personagiu, fut unu pagheddu prus iscuriosu de su chi dd’est tocau: “Mortimer”.


296 pagine Euro 20,00

Racconti inediti del primo ’900: storie di vita, d’amore e di guerra, rese vive dalla penna raffinata di uno scrittore sardissimo, che con rara dedizione ha celebrato la sua terra, cantandone le suggestioni, le passioni, i profondi aneliti di libertà.

Puoi averlo anche per posta scivendo a DOMUS de JANAS Via Montebianco 54, 09047 Su Planu, Selargius (CA) Tel. 070 5435098 - Fax 070 5434105 e-mail: domusdejanaseditore@tiscali.it • www.domusdejanaseditore.com

117 117


Ventanas

Animalis

Elefante indianu

Pro mannària est su segundu animale de sa terra frima. Su masciu est longu dae 5 metros e mesu a 6,4, at un’altària a su coddu de tres metros e pesat 3900-4700 chilos. Sa fémina resultat azigu pius minore. S’agatat in Ìndia e in parte manna de su sud-levante asiàticu. Vive a inghìriu de àlvures mannas e minores, in cheddas de 8-20 pegos, ghiados dae una fémina bedusta. Màndigat ervas e fruas (150 chilos pro die) ma non minisprejat frùtures e colzolas, chi chircat a s’anda e torra pro tota sa die.

Nùmeros S’elefante de s’Ìndia podet vìvere finas a 70 annos. Si pensat chi de custu animale in s’areale sou bi nde sian nessi 100 miza. S’elefante indianu non tenet nemigos naturales a parte s’ómine e-i sa tigre, chi cando custos pegos sun minores, podet diventare unu périgulu mannu, si sa mama no istat atenta. 118


208 pagine Euro 20,00 Vivere la paura, respirare la speranza, dieci mesi di trattative con chi ha rubato la vita di un figlio. Lucio Vinci, padre di Giuseppe sequestrato nel dicembre del 1994, raccoglie le riflessioni sulla vicenda. “Il prezzo del riscatto, dal purgatorio all’inferno”, è la storia di una famiglia che per 306 giorni ha vissuto in sospeso, un incubo dal quale difficilmente ci si riprende se non con la forza di chi è abituato a rialzarsi, sempre. Tre i punti di vista: Giuseppe racconta la prigionia, il rapporto con i suoi carcerieri, emoziona con i ricordi della sua famiglia che gli dà la forza per resistere. Lucio, più freddo e pragmatico, ripensa a tutti quelli che ha incontrato nel momento del bisogno e rivive la solitudine di chi deve prendere, con coraggio, decisioni cruciali il cui merito talvolta viene attribuito ad altri. Verando ricorda con rimpianto la grandezza di un’impresa che dal nulla ha saputo creare ricchezza e lavoro. Sull’opera sono stati espressi giudizi molto positivi anche per la scelta di affidare alla narrazione il supporto di fumetti incisivi e di un’ampia e significativa documentazione. Un racconto emozionante a 360 gradi per non dimenticare una parte di storia ingloriosa della nostra isola. Puoi averlo anche per posta scivendo a DOMUS de JANAS via Montebianco 54, 09047 Su Planu, Selargius Tel. 070 5435098 - Fax 070 5434 105 e-mail: domusdejanaseditore@tiscali.it • www.domusdejanaseditore.com

119


Cari Abbonati vi tagliamo il prezzo dei nostri libri scegliete tre titoli e noi ve li spediremo al costo di soli 10 euro*                120

50 anni di premi letterari in lingua sarda Antonandria Contos chena tempus Correddadas in la minore De amores Diario segreto Dulcòe Fillu de su tempus Fra Ignatziu de Laconi I ritratti dei poeti d’Ogliastra Identità, cultura, scuola Il bosco incantato Il silenzio la parola Istoria de Cantoni Buttu La montagna della luce

             

Laras Lingua sarda e liturgia Logus, microtoponimi di Nurri Madre Terra Nonna Luna Mancarias, la parlata di Seui Martin Fierro Renas e montes Sa rujada Santadi, Nuxis, Villaperuccio Sardi d’Alto Adige Silius, 10 anni di poesia Sos dicios non sun fae S’Aère tentu sorte Umbras de Barbagia * più le spese di spedizione

Làcanas n° 53  

Rivista Bilingue delle identità Fondata e diretta da Paolo Pillonca. Domus De Janas Editore

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you