Issuu on Google+

INTERCULTURA E SCOPERTE

LABORATORIO MONDO a.p.s. VIA DRAGONI 52, 47122 FORLI’ C.F. 92072030403 tel 334/9124081 e-mail: laboratoriomondo@gmail.com www.laboratoriomondo.it

Anno scolastico 2010-2011


Presentazione Il contatto culturale rappresenta forti stimoli per la creazione artistica, fonte di linguaggi molto importanti per il dialogo interculturale. Il bambino è per sua stessa natura dinamico, meticcio, una figura che cerca di fondere insieme le dimensioni della tradizione e dell'incontro con le differenze che attraversano la società, danno vita a sintesi nuove e impreviste. Nella nostra attuale fase storica, in cui persone portatrici di molte diversità si trovano a convivere, non basta coesistere, ma siamo chiamati a ridefinirci in forme nuove, inedite. Proposte di laboratori interculturali vogliono fornire all’attività didattica nuovi interessi e stimoli, nuove opportunità di ripensarsi e rigenerarsi. E’ allora importante che i progetti di lavoro delle nostre programmazioni siano mirati alla valorizzazione delle diversità, in modo da poter apprezzare quanto queste aggiungano valore alla nostra quotidianità. Dal dialogo con gli enti sono nate le diverse proposte per le scuole dell'infanzia, gli istituti primari, le scuole medie e superiori, volte a sensibilizzare e rendere conviviale il rapporto tra le diverse culture presenti nelle nostra comunità. Esiste tutta una progettazione che va in questa direzione ed i percorsi offerti nella sezione Didattica sono proposte di lavoro che vogliono offrire stimoli.


N.B. Il laboratorio è stato pensato per diverse fasce di età: dalle scuole di infanzia agli Istituti superiori. A seconda delle età dei partecipanti le attività saranno ripensate. La presente scheda, quindi, ha valore esemplificativo di una attività tipo.

Mostra Itinerante

DIALOGO SUI DIRITTI Programma. ATTIVITÀ PER

attività I 6per E GLI le 11 5 elementari ANNI BAMBINI TRA

+ Dichiarazioni nella storia (Rivoluzione Francese, Guerra d’indipendenza Americana) + Piccola Storia della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani + Mostra Fotografica + Attività finale: I SuperEroi a protezione dei Diritti

ESPRESSIONI DI UN DIALOGO INTERGENERAZIONALE

Materiali Necessari: - 3 bristol - pennarelli - nastro adesivo - cartoni

L'idea della Mostra nasce da un progetto realizzato in Cambogia in relazione alla diffusione di informazioni circa il Regime dei Khmer. Gli scatti raffigurano i volti dei protagonisti dei workshop portati avanti dall'organizzazione “Youth for Peace” durante i momenti di introduzione, condivisione e spiegazione della storia passata ed attuale della Cambogia. Nelle immagini viene rappresentato l'incontro fra due generazioni: quella degli anziani, che ha vissuto in prima persona il regime di Pol Pot degli anni '70, e quella dei giovani al contrario estranea ai fatti, dal momento che nei programmi di insegnamento di Storia non è previsto lo studio di quel periodo, considerato un “tabù”. In questo senso si crea l'occasione per riflettere su quelli che sono i diritti fondamentali dell'uomo e il peso che questi hanno nella quotidianità di ognuno di noi. Partendo dal racconto di un Paese “lontano”, si vuole valorizzare l'importanza che la memoria ha nella presa di coscienza dei nostri diritti.

Referenti Progetto: Silvia Cappelli 334 91 24 081 Elena Bardi: 334 91 23 881

Durata lezione: quattro ore Personale impiegato: due operatori, un osservatore esterno. Costi: 30 euro+iva per ciascun operatore impiegato, il lavoro dell!osservatore è prestato a titolo volontario.


Giocolomondo

Laboratorio Interculturale rivolto a bambini di fasce di età comprese tra i 3 anni e i 12 anni.

Codici comportamentali distinti e regole sociali sono i meccanismi che regolano l'interazione della persona all'interno della comunità e del gruppo di appartenenza. Attraverso percorsi e attività volte alla stimolazione della fantasia del bambino, il laboratorio si propone come strumento per riflettere sulla propria identità culturale e prendere consapevolezza di come l!appartenenza a una cultura contribuisca a formare il proprio modo di pensare, sentire e comportarsi.

OBIETTIVI Riflettere sulla propria identità culturale; riconoscere il peso del pregiudizio nelle relazioni sociali, sviluppare un atteggiamento critico nei confronti di stereotipi e preconcetti prendendo consapevolezza dell’esistenza di altre culture, delle differenze e somiglianze e dei motivi di queste differenze; favorire una più ampia capacità di lettura del sé e dell’altro e della capacità di relazione. OBIETTIVI TRASVERSALI !Conoscere e rispettare i compagni; !conoscere culture e abitudini diverse dalle proprie; !imparare a coordinare le diverse azioni all'interno di un gruppo; !approcciarsi a espressioni artistiche di culture diverse; !favorire l'espressione personale e del gruppo attraverso modalità artistiche; !promuovere uno spirito di partecipazione attiva da parte del bambino. INCONTRI IN SINTESI Ogni incontro è sviluppato su tre momenti principali: Tutte le attività vengono proposte sotto forma di gioco, distinguendo il laboratorio dalle attività curriculari della scuola. 1° incontro: GIOCO SUL PREGIUDIZIO: L'educatore racconta una storia sulle abitudini dello strano popolo degli Inacirema. I bambini devono disegnare sui fogli le immagini che raccolgono dal racconto. 2° incontro: GIOCO DI CONOSCENZA DELL'ALTRO: L'educatore propone un gioco da tavolo basato sulla vita in un villaggio della Cambogia. Durante il gioco i bambini scoprono quelle che sono le caratteristiche della vita delle famiglie che abitano il villaggio, quali sono le attività quotidiane e quali sono gli strumenti che utilizzano. Al termine del gioco, i bambini trovano dentro scatole colorate gli stessi oggetti rappresentati sulle tessere del gioco. 3° incontro: GIOCO COOPERATIVO: Questo gioco vuole far comprendere che in tutto il mondo i bambini hanno gli stessi bisogni. Nella prima parte del gioco si chiede ai bambini di strappare un pezzo di un cartellone e scrivere sopra un bisogno importante per loro. Mentre il cartellone viene ricomposto con i bisogni di tutti i bambini, si fanno vedere le foto di bambini cambogiani nella loro vita quotidiana: tali foto mostrano ai bambini che anche in altri paesi i bambini hanno le stesse necessità: mangiare, dormire, giocare, eccetera.

Progettazione e conduzione:Associazione di promozione sociale Laboratorio Mondo Costi " 20 + IVA/ora


Laboratorio di cooperazione rivolto a bambini di fasce di età comprese tra i 3 anni e i 5 anni.

RITA LA MATITA! ...DOVE SI SARA’ CACCIATA QUELLA GIRANDOLONA DI RITA?... Attraverso il racconto di Rita, una simpatica matita con la passione per i viaggi e le scoperte, si vuole fornire un'opportunità di incontro tra bambini diversa nazionalità e provenienza. il laboratorio si basa sullo scambio di disegni tra bambini italiani e cambogiani. I disegni, che avranno temi comuni, saranno uno specchio per raccontare i sogni, i desideri e le abitudini dei diversi bambini.

Il laboratorio, basato sul racconto autobiografico del bambino, vuole sviluppare la fantasia e offrire punti di vista nuovi agli alunni. Questa iniziativa vuole favorire una vicinanza tra i bambini: gli studenti italiani possono appendere in classe i disegni dei loro coetanei che vivono in altri Paesi, e i bimbi dei progetti a loro volta ricevono un regalo che ha l’obiettivo di contribuire alla conoscenza di culture differenti e di diffondere la cultura della solidarietà tra i bambini nel mondo.

CIAO MI CHIAMO CIPO! IO SO DOVE SI TROVA RITA! SEGUIMI!!

Questa attività prevede il costo di invio dei disegni dalla scuola italiana all!organizzazione a New Day Cambodia e il costo di spedizione in Italia dei disegni dei bambini cambogiani.


BENVENUTI A FABULA!

Laboratorio interculturale rivolto a bambini di fasce di età comprese tra i 3 anni e i 10 anni.

"Immergersi e far immergere i bambini nel mondo fantastico, offrendo loro il più ampio repertorio di fiabe di ogni dove, è un modo per ricreare un "tuffo" nell'immaginario e lasciarlo agire con le forze di incantamento, possibilità, magia…." Graziella Favaro Il laboratorio prevede il racconto di favole animate. I bambini entreranno nel fantastico mondo di fabula, nel quale potranno interpretare i personaggi delle storie che saranno raccontate durante gli incontri. Le favole proposte sono state scelte in base alle tematiche che affrontano. La finalità principali sono quelle di lavorare sull’importanza della conoscenza e sullo stimolo della fantasia dei bambini. Finalità/obiettivi "Promuovere l'incontro attraverso il gioco e la lettura "Costruire un ponte fra infanzie e culture attraverso le storie e i racconti "Favorire l'inserimento dell'alunno straniero "Valorizzare la cultura e la lingua d'origine dell'alunno straniero "Fare scoprire i piaceri legati alla lettura. Struttura e contenuti Narrazioni lette e animate di fiabe, leggende e racconti Strumenti a supporto della didattica "Oggetti, musiche, immagini, proiezioni. "Trucchi per la preparazione dei bambini alla storia "Fiabe, leggende, racconti

Durata: due ore Costi:ogni narrazione ha un costo di " 20 euro + iva


CORSO DI PITTURA CREATIVA Laboratorio creativo rivolto a bambini di fasce di età comprese tra gli 5 anni e gli 11 anni.

“La fantasia è la facoltà più libera delle altre, essa infatti può anche non tener conto della realizzabilità o del funzionamento di ciò che ha pensato. È libera di pensare qualunque cosa, anche la più assurda, incredibile, impossibile” Bruno Munari

Tale proposta nasce con l’idea di avvicinare i bambini al mondo dell’arte, in modo piacevole e creativo. Il progetto mira a creare uno spazio in cui i bambini sono lasciati liberi di far correre la fantasia ed in cui, allo stesso tempo, siano aiutati a sviluppare la creatività e l’immaginazione personali, attraverso anche attività ludiche e di gioco. GLI OBIETTIVI DEL PROGETTO SONO: ! Conoscere ed entrare in contatto con i compagni ! Esprimere fantasia e creatività attraverso esperienze libere ! Sperimentare l’uso del colore e di diversi materiali artistici e non (acrilici, acquerelli, tempere, china,pennelli, spugne, forchette, ecc…) ! Avvicinarsi alle tecniche artistiche, come la pittura esplosiva e il collage

Il progetto prevede 5 incontri di due ore e mezza ciascuno, durante le quali si cercherà di alternare momenti di gioco a momenti di “produzione artistica”.

Progettazione:Associazione di promozione sociale Laboratorio Mondo Materiali e Progettazione " 150


Il Mondo che Vorrei... Laboratorio interculturale rivolto a bambini di fasce di età comprese tra i 5 anni e gli 11 anni.

Il progetto è un percorso di educazione interculturale che prevede la creazione di gruppi di lavoro formati da studenti della Scuola Primaria, genitori degli alunni , insegnanti. I gruppi classe, lavorando singolarmente a classi aperte, realizzeranno un lavoro artistico al fine di promuovere conoscenza, confronto e uno spirito di solidarietà reciproca.

OBIETTIVI TRASVERSALI Conoscere e rispettare i compagni; conoscere culture e abitudini diverse dalle proprie; imparare a coordinare le diverse azioni all'interno di un gruppo; approcciarsi a espressioni artistiche di culture diverse; favorire l'espressione personale e del gruppo attraverso modalità artistiche; promuovere uno spirito di partecipazione attiva da parte del bambino.

FINALITA' Sviluppare la fantasia del bambino, promuovere il valore e l'importanza degli ambienti e delle strutture condivise, sviluppare una partecipazione attiva e rispettosa della consapevolezza di essere “altri” rispetto a culture e situazioni diverse, l'importanza del confronto e del saper coordinare le azioni all'interno di un gruppo, lo spirito di solidarietà nell'ottica della collaborazione.

MODALITA' Il progetto si realizzerà principalmente durante l'orario curricolare. Il progetto prevede la creazione di un team di lavoro composto da: insegnanti della scuola primaria, alunni e operatori dell'Associazione Laboratorio Mondo; questo gruppo di referenti avrà l'obbligo di definire le diverse tempistiche di realizzazione del progetto che si articolerà in sei fasi: 1. presentazione del progetto ai bambini della scuola primaria; 2. creazione dei 4 gruppi che saranno direttamente coinvolti nell'abbellimento della mensa scolastica; 3. scelta del tema da rappresentare (in questa fase le insegnanti dovranno raccogliere le idee proposte dai bambini e aiutarli a valutare insieme cosa rappresentare); 4. coinvolgimento dei genitori per dipingere lo sfondo del luogo individuato; 5. colorazione dei muri da parte degli alunni della scuola primaria; 6. verifiche e valutazioni da parte dei diversi gruppi.

Durata: ventiquattro ore Costi:ogni incontro, della durata di tre ore, ha un costo di " 150.00, di cui a carico della scuola: " 60.00+iva


Progetti con le scuole