Page 1

SHARED SQUARE METERS

U N N U OVO P OSSIBILE PARADIGMA DELL’ABITARE IN CONDIVISIONE A MIL ANO

1


2

RE L ATO RE PRO F GEN N ARO P OSTIGLIO NE

L AU RA DOAR DO 7 71215

P OLITECNICO DI MIL ANO SCUOL A DI ARCHITET TURA E SOCIE TÀ CO RSO DI L AUREA MAGISTRAL E IN ARCHIT E T T URA 2013/2014


HOME

3


4


pag

7

11

47

ABOUT 00 ABSTRACT Ripensare l’habitat domestico 01 RIFERIMENTI Questa stanza non ha più pareti 02 RIASSEMBLAGGI Pareti di carta

DATA 115

137

151

03 INTERVISTE Raccontare le storie 0 4 DAT I Elaborare i dati 0 5 I N T E R P R E TA Z I O N I Interpretare i dati

PROGRAM 201

213

241

06 MANIFESTO Rebus di parole e segni 07 RIFERIMENTI Altre case ideali 0 8 AT T O F I N A L E Un nuovo possibile paradigma dell’abitare in condivisione a Milano

RESOURCE 257

259

09 BIBLIOGRAFIA Libri e riferimenti 10 RINGRAZIAMENTI Persone e riferimenti 5


6


ABOUT

00 ABSTRACT Ripensare l’habitat domestico

7


Ripensare l’habitat domestico

Viviamo in appartamenti, monolocali, trilocali, attici, lofts, case monofamiliari, bifamiliari. Ci vengono offerte sempre più tipologie ripetute in serie, con la sola variante del terrazzino o del colore dell’intonaco. Lo spazio si riduce, alcuni spazi inglobano più funzioni, tutto vuole poter esser un po’ tutto “Essa (la mobilità surmoderna) corrisponde al paradosso di un mondo in cui in teoria si può fare qualsiasi cosa senza muoversi e in cui tuttavia ci si muove.”1. Non si parla dell’appartamento milanese in cui arriva Renato Pozzetto ne Il ragazzo di campagna2, dove tutto è funzionale e ridotto a minimissimi spazi, ma di un tentativo, sia per ragioni imprenditoriali che spaziali, di adeguarsi a “nuovi stili di vita” al minor prezzo possibile. Per poi aggiungere il bombardamento continuo e costante di sistemi moderni e tecnologici, che ampliano la necessità di vivere e rinnovare delle “nuove spazialità”. “Il confine quindi non è più stabilito dai confini architettonici, ma dalle relazioni umane e dalle relazioni che l’uomo fa avvenire attraverso gli oggetti e con gli oggetti. Dalla palazzinata allo schermo televisivo (...) la superficie-limite non ha smesso di registrare trasformazioni, percettibili o impercettibili, l’ultima delle quali è costituita probabilmente dall’interfaccia. (...) Non si tratta allora di oggetti definiti (...) ma del processo per cui le persone entrano in rapporto con essi e della sistematica dei comportamenti e delle relazioni umane che ne risulta.” (...) L’elemento architettonico va alla deriva, galleggia in un etere elettronico sprovvisto di dimensioni spaziali, inscritto nella sola temporalità di una diffusione istantanea.”3 E questo etere può essere considerato il liquido, terminologia usata anche da Zygmun Baumann per definire appunto La via liquida4, composto da “la folla delle tribù postmoderne (che) diventa un edificio mobile; (...) la loro identità rappresenta l’esito di un processo di bricolage fatto di tentativi, esperimenti, recuperi del passato ed invenzioni del nuovo.”5 Da non dimenticare che, oltre a questa rete invisibile e impercettibile di connessioni, di www., ci sono degli oggetti, dalla quale dipendono queste connessione tesa di reti e “wires”. “Non si tratta allora di oggetti definiti (...) ma del processo per cui le persone entrano in rapporto con essi e

8


della sistematica dei comportamenti e delle relazioni umane che ne risulta.”6, afferma Baudrillard. Grazie a questo “fenomeno di sostituzione accelerata, l’abitazione contemporanea diviene il punto d’incrocio dei mass-media, al punto che il garage potrebbe sostituire la casa, questa “dimora” che, in origine, altro non era se non il “parcheggio” dei mobili del nomade.”7 La riduzione dell’architettura ai suoi spazi e alle sue dimensioni stabilite da tipologie abitative e regolamenti edilizi, a scapito degli eventi, risulta uno dei principali ostacoli. Gli eventi, le pratiche e gli oggetti che fanno da tramite tra l’uomo e l’azione, diventano i regolamentatori degli spazi stessi. Si può immaginare di plasmare un materiale viscoso all’interno di un involucro elastico; quest’ultimo sarà, entro i suoi termini di rottura, costretto a deformarsi. Allo stesso tempo non è possibile imporre un involucro “a lunga durata”: “Houses will last less long than we. Each generation will have to build its own city”.8 Le nostre stesse pratiche variano da “aggiornamento ad aggiornamento”, come i softwares, e per questo non si può avere la presunzione di progettare per il presente e anche per il futuro, ma bisogna ammettere i termini e le condizioni entro i quali gli elementi rimangono validi. “Lo spazio relazionale”, dice Andrea Branzi, “non deriva da un progetto unitario, ma piuttosto da una stratificazione di progetti, e dalla coscienza della caduta definitiva dei sistemi figurativi (e narrativi) dell’architettura in quanto tale.” “(Esso) deve essere dunque inteso come un sistema diffuso di incubators nei quali si possono attuare e sviluppare attività produttive e relazionali nuove.”9 “La questione non è più quella della ricerca linguistica e compositiva, ma dello smontaggio e rimontaggio dell’esistente; le sintesi qualitative lasciano il posto a continui spostamenti di senso e di valori.”10

9


Marc Augé, Per un’antropologia della mobilità Il ragazzo di campagna, film con Renato Pozzetto, diretto da Castellano e Pipolo, 1984 3 Paul Virilio, Lo spazio critico 4 Zygmun Bauman, La vita liquida 5 Giandomenico Amendola, La città postmoderna 6 Jean Baudrillard, Il sisitema degli oggetti 7 Paul Virilio, Lo spazio critico 8 tratto da Joan Ockman, Architecture Culture 1943-1968, A documentary Anthology, saggio di Yona Friedman, Program of Mobile Urbanism 9-10 Andrea Branzi, La crisi della qualità 1 2

10


ABOUT

01 RIFERIMENTI Questa stanza non ha pi첫 pareti

11


Questa stanza non ha più pareti

fatto, [fàt-to] agg. (part. pass. di fàre) 1 Eseguito: una cosa fatta bene, fatta male; un lavoro f. con attenzione; oggetto f. a mano, a macchina 2 Finito, compiuto: il lavoro non è ancora f. || A conti fatti, tutto sommato, dopotutto || Detto fatto, immediatamente || È fatta!, la questione è risolta, l’affare è concluso, non c’è più nulla da aggiungere || È presto fatto, è subito fatto, immediatamente || Fatto e messo lì, di persona alla buona, sprovveduta, poco accorta

12


13


“Ormai, più nessuno può ritenersi isolato da un ostacolo fisico o da “distanze di tempo” troppo lunghe; grazie all’interfaccia dei monitors e degli schermi di controllo, l’altrove comincia qui e viceversa. (...) Il nuovo “ufficio” non è più una stanza separata, un “a parte” architettonico, ma è, ormai, soltanto uno schermo.” Paul Virilio, Lo spazio critico, pp 10-11

14


“Like a ministering angel the machine enters our house to give a new perspective and economy, a new range and efficienty, to the processes of daily living; to lengthen the hours of freedom; to dispel a thousand tyrannies od custom ond prejuduce, to lift mountains of drudgery from our shoulders.� tratto da Joan Ockman, Architecture Culture 1943-1968, A documentary Anthology, saggio di Joseph Hudnut The Post-Modern House

15


“La città contemporanea è sempre di più una città narrata dove il confine, fino ad oggi indispensabile, tra la città e il suo racconto tende a perdersi. Grazie alla collaborazione dei media, il mondo reale è trasformato in uno spettacolo permamente in cui cadono i confini tra attore e spettatore, tra simulazione e realtà, tra storia e fiction.” Giandomenico Amendola, La città postmoderna, p 52

16


“You have ruined this place completely, and you have disgraced me. This no longer a Frank Llyod Wright house. It is a John Smith house now.� tratto da Joan Ockman, Architecture Culture 1943-1968, A documentary Anthology, saggio di Lewis Mumford, The Skyline [Bay Region Style]

17


“Costruzione o ricostruzione? Altra questione, altra interrogazione a proposito di questo pensiero visuale di un ambiente adeguato di cui sono l’architetto senza saperlo e soprattutto senza volerlo, per così dire, spontaneamente. Paul Virilio, Città panico

18


(...) L’autocostruzione non è qui, dunque, un progetto anarchico, ma una realtà comune, anteriore a qualsiasi costruzione, che le necessità vitali del soggetto nel suo movimento impongono a ciascuno. (...) Finora, l’idea di autocostruzione era meno associata all’architettura vernacolare del mondo rurale che alle fin troppo celebri baraccoli delle metropoli contemporanee; invece in effetti costruzione e autocostruzione sono intimamente legate, non solo per l’abitante dei quartieri incriminati, ma anche per l’architetto la cui professione è “superficiale”, si potrebbe dire, mentre la sua “coscienza dei luoghi” è nativa, simile in ogni aspetto a quella dei suoi clienti, gli utenti dei suoi edifici.” Paul Virilio, Città panico

19


“La composizione architettonica, basata sulla formazione di organismi espressivi cade in crisi; l’inutile ricerca di nuovi linguaggi, nel momento in cui viene a cadere la referenza qualitativa, lascia il posto a una diversa concezione del progetto: un progetto dove territorio e strutture (a micro e macro scala) coincidono, seguendo un concetto che chiameremo appunto di spazio relazionale.” “Lo spazio relazionale non deriva da un progetto unitario, ma piuttosto da una stratificazione di progetti, e dalla coscienza della caduta definitiva dei sistemi figurativi (e narrativi) dell’architettura in quanto tale.” “(Esso) deve essere dunque inteso come un sistema diffuso di incubators nei quali si possono attuare e sviluppare attività produttive e relazionali nuove.” Andrea Branzi, La crisi della qualità

20


“Dice Duglas Couplan “Non ho mai avuto la sensazione di provenire ‘da qualche parte’ specifica; come ho già detto, per me ‘casa’ è una specie di sogno collettivo fatto di ricordi di cartoni animati, telenovelas da mezz’ora a puntata e tragegie nazionali.” “La questione non è più quella della ricerca linguistica e compositiva, ma dello smontaggio e rimontaggio dell’esistente; le sintesi qualitative lasciano il posto a continui spostamenti di senso e di valori.” “L’indeterminatezza (e non la decostruzione) dello spazio architettonico è infatti lo statuto in grado di superare condizioni relazionali nuove.” Andrea Branzi, La crisi della qualità

21


“La casa non è diventata altro che un packaging per i gesti della vita quotidiana: un’idea che può funzionare, anche se la parola packaging è carica di tanti significati commercialmonetari che si fa fatica a usarla.” “I gesti della vita quotidiana, i gesti senza mito, che si consumano in se stessi uno dentro all’altro, che si generano uno dall’altro in un processo di moltiplicazione quasi totalmente incontrollabile: tutto questo è importante. L’involucro, l’ambiente dove la vita si svolge ci vuole anche lui, ma poi, compiuto l’anno della vita, i gesti di ogni giorno, l’involucro si butta via. Questo non vuol dire che la casa è provvisoria, perchè, a questo punto, non è neanche provvisoria. Semplicemente la casa non esiste neanche come gesto quotidiano se non in quel rapporto che il sacchetto di carta oleata può avere col latte che contiene.” Ettore Sottsass, Esercizi di viaggio

22


“Le cose mimitizzate alla fine sono quelle che nel giro dei gesti quotidiani, per motivi diversi, si caricano di significato, diventano in qualche modo punti di riferimento simbolici: la cartolina del mio amico, il vischio che è rimasto lì da Natale, la faccia di Jean Harlow, la macchina da cucire, la litografia di Lichtenstein e non c’è altro. Non so proprio che cos’altro ci possa essere.” Ettore Sottsass, Esercizi di viaggio

23


“La casa è il luogo dell’andirivieni fra esterno e interno, è una dialettica tra pubblico e privato, conscio e inconscio. È il nostro angolo di mondo, il nostro primo universo. È un corpus di immagini che forniscono all’uomo ragioni o illusioni di stabilità in un mondo perennemente problematico. È uno spazio abitato che ha porte e soglie. Una semplice porta giunge a dare immagini dell’esitazione, della tentazione, del desiderio, della sicurezza, dell’accoglienza a del rispetto.” Gaston Bachelard

24


“Architecture is now made of interiors able to invariably host production, consumption and reproduction. Rooms are simultaneosly valued fot the temporary intimacy they offer but also for the publicness they gain by being accessible online. Even when intimate, one is never rally alone and always a little surveyed. The internet is shuffling the disciplinary qualities of the room and, through it, a radically new form of city emerges.” “The rooms remain, their use changes. It is finally certain that people adapt to architecture more than architecture adapts to life.” Airbnb Pavilion, FULCRUM #96

25


“From wife to wifi, the forms of work happening within the house have evolved. The boundaries between consumption, production and reproduction are blurred as they coexist in the same spaces.� Airbnb Pavilion, FULCRUM #96

26


“Even if architecture of this city-withincities is still mainly made of crepe de chine curtains and wool carpets, it implies the revision of many typologies.” “Until now, adaptability hasn’t really been imagined except through the erasure of walls, and it is probably why it hasn’t really affected the house. But today, one hardly changes a space to its needs, instead one adapts to the spaces available, or moves elsewhere.” Airbnb Pavilion, FULCRUM #96

27


necessità, [ne-ces-si-tà] s.f. inv. 1 Carattere e condizione di ciò che è necessario: la n. dell’aria, dell’acqua, del cibo; lo studio è n. dello spirito; non vedo la n. di parlargli || Avere necessità di qualcosa, averne bisogno: ho n. di vederti; aveva n. di libri; avrai n. di riposo || Di necessità, per necessità, necessariamente || Fare di necessità virtù, adattarsi con rassegnazione all’inevitabile || raro È necessità, è di necessità, necessario: è n. che io ti parli; era di n. che gli scrivessi due righe

28


29


“I sometimes think that we have to defend our houses against the new processes of construction and against the aesthetic form which these engered. We must remind ourselves that techiniques have a strictly limited value ad elements of expression.� tratto da Joan Ockman, Architecture Culture 1943-1968, A documentary Anthology, saggio di Joseph Hudnut The Post-Modern House

30


“L’architettura dovrà mettersi al servizio di funzioni illusorie e costruire spazi virtuali? Il mio viaggio nell’estratto regno del linguaggio, dentro il mondo smaterializzato dei concetti, ha significato l’allontanamento dell’architettura dal suo elemento intricato e contorto: lo spazio. (...) la riduzione dell’architettura ai suoi spazi a discapito degli eventi è semplicistica quanto la riduzione di tutta l’architettura alla considerazione delle facciate. Con il termine “violenza” non mi riferisco alla brutalità che distrugge l’integrità fisica o emotiva, quanto piuttosto ad una metafora dell’intensa relazione tra gli individui e gli spazi che li circondano.” Bernard Tschumi, Architettura e disguinzione, p 35

31


“L’architettura, dunque, è solamente un organismo impegnato in un rapporto con i suoi utenti, i cui corpi vanno a cozzare contro le regole stabilite con precisione dal pensiero architettonico. (...) Ma se i corpi violano la purezza degli spazi architettonici, ci si può legittimamente porre nell’ottica inversa: la violenza inflitta da corridoi stretti su ampie folle, la violenza simbolica o fisica degli edifici sugli utenti.” “(...) organizzazioni convenzionali di spazi potevano essere abbinate alle più surrealistiche e assurde attività. O viceversa: le più intricate e irrazionali organizzazioni di spazi potevano accogliere la vita quotidiana di una famiglia media di periferia.” “Il processo ha avuto un andamento circolare: è iniziato decostruendo la città, oggi esplora nuovi codici di assemblaggio.” Bernard Tschumi, Architettura e disguinzione, p 99

32


“While the Modern Movement was obsessed by the problem of rationalising urban form, today it is precisely its labyrinthine, dynamic and chaotic nature that is most fascinating: the constant movement of persons, things, information and continuous changes in balances and configurations through the superimposition of new layers, new stages and new uses of space. One of the most surprising aspects of our modern world is that space, rather than being inhabited, seems to exist to be travelled through. Rather than establishing roots, society or societies are broken up, mixed, crossed and uprooted.� Maria Luisa Palumbo, New Wombes, Electronic Bodies and Architectural Disorders

33


sogno, [só-gno] s.m. (pl. -gni) 2 fig. Vana fantasia, fantasticheria, illusione: vivere di sogni; è sempre immerso nei suoi sogni; sogni di gioventÚ; il bel s. è svanito || Nemmeno, neppure, neanche per sogno, assolutamente no, in negazioni recise: io perdonare a quel mascalzone? Ma neanche per s.! || Parere, sembrare un sogno, di cosa tanto inaspettata o straordinaria da sembrare irreale: mi pare un s. di averti ritrovato dopo tanti anni

34


35


“(The functionality of a machine consists of its motion; the functionality of a house, of a room, of a building consists of directing our motion)” “Houses will last less long than we. Each generation will have to build its own city” “New constructions serving for individual shelters must: - touch a minumum surface of the ground - be demountable and movable - be transformable at will by the individual inhabitant.” tratto da Joan Ockman, Architecture Culture 1943-1968, A documentary Anthology, saggio di Yona Friedman, Program of Mobile Urbanism

36


“The house has to become again what it was in the past: an instrument for living, instead of a machine for living.� Lessons from Bernard Rudofsky, Life as a Voyage

37


“Thus there is no true oneiric house that is not organized vertically. With its cellar well in the earth, its ground floor for daily life, the floor where one sleeps, and the attic next to the roof, such a house has all that is necessary for symbolizing deep fears, the platitudes of daily life almost touching the ground, and sublimations.” “(The oneric houses) would help us to shelter our memories, to shelter them in the unconscious of the house, in accord with the symbols of intimacy to which real life has not always the possibility of giving root.” tratto da Joan Ockman, Architecture Culture 1943-1968, A documentary Anthology, saggio di Gaston Bachelard, The Oneiric House

38


“I think our house is going to have an important part in helping us to keep on upward instead of downward in historical degree of technical advantage that was developed during World War II. I don’t have to talk much about that. You have heard about the possibility of using the aircraft plants.” “I must caution you that you will be confronted constantly by the statement that mass production of houses eliminates the aspect of individuality which is so cherished by humans and without which they are afraid they will lose the identity of their personality; therefore, mass production of houses will never gain popular acceptance.” tratto da Joan Ockman, Architecture Culture 1943-1968, A documentary Anthology, saggio di R. Buckminster Fuller, Designing a New Industry

39


“Bachelard first introduces the theme of the oneiric axis of the house, an image to which he will return in The Poetics of Space. (...) the house “bears the essence of the notion of home. “A refuge, a retreat, a center, a place of everyday life, it harbors th phychic polarity of attic and cellar, essential sources for a richly experinced “dreaming life” of dwelling and “a tool for analysis of the human soul” (...) “inhabited space trascends geometrical space.” tratto da Joan Ockman, Architecture Culture 1943-1968, A documentary Anthology, saggio di Gaston Bachelard, The Oneiric House

40


“E’ molto probabile che ogni gruppo umano, quale sia, si ritagli dei luoghi utopici nello spazio che occupa, in cui vive realmente, in cui lavora, e dei momenti ucronici nel tempo in cui si affaccenda e si agita.” “Ci sono dunque paesi senza luogo e storie senza cronologie; città, pianeti, continenti, universi, di cui sarebbe certo impossbile trovare traccia in qualche carta geografica o in qualche cielo, semplicemente perchè non appartengono a nessuno spazio. Probabilmente questa città, questi continenti, questi pianeti sono nati, come si suol dire, nella testa degli uomini o, a dire il vero, negli interstizi delle loro parole, nello spessore dei luoghi racconti o anche nel luogo senza luogo dei loro sogni, nel vuoto dei loro cuori; insomma è la dolcezza delle utopie.” Michel Foucault, Utopie eterotopie

41


“Ora, fra tutti questi luoghi che si distinguono gli uni dagli altri, ce ne sono alcuni che sono in qualche modo assolutamente differenti; luoghi che si oppongono a tutti gli altri e sono destinati a cancellarli, a compensarli, a neutralizzarli o a purificarli. Si tratta in qualche modo di contro-spazi. I bambini conoscono benissimo questi contro-spazi, queste utopie localizzate. L’angolo remoto del giardino, la soffitta o, meglio ancora, la tenda degli indiani montata al centro della soffitta, e infine il giovedì pomeriggio - il grande letto dei genitori.” Michel Foucault, Utopie eterotopie

42


“In generale l’eterotopia ha come regola quella di giustapporre in un luogo reale più spazi che normalmente sarebbero, dovrebbero essere incompatibili.” “(le eterotopie) sono la contestazione di tutti gli altri spazi, e questa contestazione si può esercitare in due modi: o creando un’illusione che denuncia tutto il resto della realtà come un’illusione, (...) oppur creando realmente un altro spazio reale tanto perfetto, meticoloso e ordinato, quanto il nostro è disordinato, mal organizzato e caotico.” Michel Foucault, Utopie eterotopie

43


“Com’è la casa dei tuoi sogni?” tratto dal sito www.mororealestate.com

44


“I want to have a house that may look like me (in better aspects): a house that may look my humanity.� tratto da Joan Ockman, Architecture Culture 1943-1968, A documentary Anthology, saggio di Ernesto Nathan Rogers, Program: Domus, the House of Man

45


46


ABOUT

02 RIASSEMBLAGGI Pareti di carta

47


Pareti di carta

visione, [vi-sió-ne] s.f. 1 fisiol. Capacità di percepire gli stimoli luminosi; acutezza visiva: v. tridimensionale dell’uomo; i gatti hanno una perfetta v. anche al buio 2 Atto di vedere, osservare qlco. per esaminarlo: mandare un libro in v. a un critico; prendere v. della corrispondenza, di documenti 3 fig. Quadro d’insieme, idea: farsi una v. complessiva del problema 4 Proiezione o trasmissione di film e spettacoli televisivi: un film in prima v. 5 Percezione di realtà soprannaturali e contenuto di tali percezioni; apparizione miracolosa: santo che ha avuto esperienza di v.; la v. della Madonna 6 Percezione di immagini nel sogno: nel sonno gli apparve una v.; allucinazione, fantasia estrema: soffrire di v. 7 Scena, spettacolo particolarmente impressionante: una v. commovente, spaventosa

48


49


50


51


52


53


54


55


56


57


58


59


60


61


62


63


64


65


66


67


68


69


70


71


72


73


abitudine, [a-bi-tù-di-ne] s.f. 1 Stabile acquisizione di un particolare comportamento SIN consuetudine: buona, cattiva a.; avere l’a. di fare, dire qlco.; fare l’a. a qlco. 2 Costume, usanza: le a. di una popolazione, di un paese 3 Conformazione spirituale, abito mentale SIN inclinazione, disposizione: a. all’onestà, al peccato

74


75


76


77


78


Alexander Brodsky, Your prison (the routine of daily life)

79


80


81


82


83


84


85


86


87


88


89


90


91


condivisione, [con-di-vi-sió-ne] s.f. 1 Adesione, partecipazione a idee o sentimenti altrui: c. di speranze 2 inform. In una rete locale, possibilità di accesso a risorse comuni da parte di utenti diversi: c. della stampante

92


93


94


95


96


97


98


99


misura, [mi-sù-ra] s.f. 1 Rapporto tra una grandezza e un’altra omogenea scelta convenzionalmente come unità di riferimento: m. di lunghezza, di superficie, di volume, di peso; espressione numerica o quantitativa di tale rapporto SIN misurazione: calcolare la m. di una lunghezza || complemento di m., in grammatica, quello che esprime la misura di qlco., denominato anche complemento di quantità | in buona m., largamente • loc. cong. nella m. in cui, in relazione al caso in cui, solo nel caso in cui, se

100


101


102


103


104


105


106


107


108


109


110


111


112


113


114


DATA

03 INTERVISTE Raccontare le storie

115


Raccontare le storie

116


Le interviste [in-ter-vĂŹ-sta] considerano un target di etĂ dai 20 ai 35 anni, che vive a Milano in appartamenti in condivisione con altri, studenti e/o lavoratori.

117


Nel 2013 le persone dai 20 ai 35 anni, single e/o non sposati, maschie femmine, erano circa 150000 di cui circa 9000 conviventi*.

* Popolazione per etĂ , sesso e stato civile nel 2013, riferito al comune di Milano e dati ISTAT

118


I Ragazzi Evoluti sono prevalentemente giovani, di sesso misto e di livello sociale medio, con profilo economico ancora poco netto ma con spinte all’impegno professionale e culturale che si mischia però anche a forme di divertimento e disimpegno. Sono sparsi su tutto il territorio nazionale. Si stanno formando una propria progettualità e sono spesso coinvolti in attività di volontariato, sviluppando anche una mentalità ecologica. Leggono abbastanza libri e vanno soprattutto a concerti, sono attratti dall’innovazione.

*Le mappe sinottiche Eurisko sono utili per visualizzare graficamente la collocazione dele varie tipologie di consumatori in base alle caratteristiche riscontrate dai loro profili. All’interno di grandi macroaree, dettate dall’interazione di tratti duri (o maschili) e morbidi (o femminili), si possono individuare degli stili di vita che corrispondo ai vari target. Dal punto di vista commerciale le informazioni che più sono rilevanti per la formazione di questi gruppi sono l’età, la collocazione geografica, il livello di reddito e di istruzione, la composizione famigliare, gli interessi culturali e del tempo libero, le abitudini nell’acquisto.

119


le interviste

raccolte su un campione di 40 persone tra i 25 e i 35 anni che vivono a Milano, in convivenza

nome

RB

età

26

occupazione

studente

descrivi il tuo appartamento

trilocale comporto da ingresso, salotto con cucina, due stanze e bagno

quanti minuti passi al giorno in cucina? della cucina, scegli un oggetto/arredo cosa fai con questo oggetto e per quanti minuti come ti piace fare queste attività? come ti piacerebbe farla? quanti minuti passi al giorno in salotto?

(120) tavolo e sedia mangiare (30) guardando la tv o conversando in compagnia (200)

del salotto, scegli un oggetto/arredo

divano

cosa fai con questo oggetto e per quanti minuti

seduto (100)

come ti piace fare queste attività?

rilassato

come ti piacerebbe farla?

da solo

quanti minuti passi al giorno in camera da letto?

(480)

della camera da letto, scegli un oggetto/arredo

letto

cosa fai con questo oggetto e per quanti minuti

dormo

come ti piace fare queste attività?

rilassato

come ti piacerebbe farla?

rilassato

quanti minuti passi al giorno in bagno?

(50)

del bagno, scegli un oggetto/arredo

doccia

cosa fai con questo oggetto e per quanti minuti

mi lavo (15)

come ti piace fare queste attività?

appena sveglio

come ti piacerebbe farla?

solo

120


RB

WP

22

36

stagista

libero professionista

trilocale, cucina abitabile, ingresso, balconcino, secondo piano, ascensore, piola (90)

piccolo bilocale in zona centrale, ampia camera con doppia esposizione

frigorifero e congelatore apro il frigo, prendo il cibo, lo chiudo (15) a volte velocemente, a volte mettendoci un po’ di tempo per decidere così come la faccio già ingresso (60) divano film con amici (50) al buio, con del cibo al buio, con del cibo (840) letto dormo (360) uso il computer (180) ascoltando musica, luci basse, sotto le coperte così come lo faccio già (100) specchio sistemo i capelli, metto le lenti

(17) lavandino lavaggio piatti (14), lavaggio cibo (3) utilizzo il lavandino usando tutte le luci possibili visto che è posto in una zona poco illuminata, solitamente tengo acceso il lettore mp3 posto accanto alla porta e molto vicino al lavandino mi piacerebbe che il lavandino fosse più ampio e possibilmente non in ceramica ma in metallo, così va meno a male (120) tv guardo film e programmi tv (120) tengo come sottofondo quando capita guardo in maniera attenta oppure distratta, sul divano seduto o sdariato la tv va bene così, probabilmente opterei per un divano più comodo (600) sedia

velocemente

la uso per metterci sopra i vestiti quando li tolgo. e basta

velocemente

mi piace farlo molto velocemente e senza cura mi piacerebbe avere un oggetto che non facesse cadere le monete dalle tasche dei pantaloni (40) doccia faccio doccia (7) cantando canzoni possibilmente brutte e che risalgono ad un periodo che va dall’85 al 1997 una doccia senza tenda e con un getto piu’ potente aiuterebbe

121


FS

CV

36

22

produzione di contenuti mediatici perl’arte e la pubblicitĂ

studentessa

appartamento in palazzina d’epoca, ottima disposizione degli spazi, doppia esposizione, buono stato, riscaldamento autonomo

appartamento spazioso con due stanze doppie, bagno, cucina e salone, doppia esposizione, con ampia terrazza rivolta verso sud. mobili vecchio stile

(240)

(90)

tavolo

lavandino

preparare il frullato per la colazione (30), impastare la sfoglia per la pasta (60), pranzo (30), cena (30), fotografia dei piatti che preparo (20)

cucinare (60)

solitamente ascoltando la musica che mi passano gli amici

ascoltando musica di vario genere o guardando film/telefilm nello stesso modo

in assoluto relax in compagnia di amici

(300)

/

divano

/

studiare (60), guardare film/telefilm (30), leggere (30), chiacchierare (dipende), pc (60)

ho deciso di non avere il salotto e usare lo spazio vuoto da arreddamento per ginnastica e meditazione (0), suonare musica, leggere (60), conversazioni al telefono (60) con eleganza avendo sempre un pavimento in parquet (435) letto internet (15), dormire (420) sognando in una casa calda (30) lavandino igiene personale, barba, denti, viso (30) con parsimonia davanti ad uno specchio grande ed una buona illuminazione che arredi lo spazio con i chiaro-scuri

122

a volte ascoltando musica, altre in silenzio, luce naturale nello stesso modo (540) letto dormire (480), leggere (60) dormire al buio, leggere con luce naturale e in silenzio meno luce artificiale di notte dalla strada e meno rumore sempre da fuori (60) doccia doccia (20) al caldo, con musica nello stesso modo


PN

LP

30

25

illustratore freelance

stagista

trilocale ristrutturato di 80 metri quadri in palazzina di ringhiera, zona navigli, semiarredato, luminoso e in buono stato

l’appartamento è piuttosto grande ed è composto da un’ampia sala, una cucina abitabile, due bagni e due camere da letto. si segnala la presenza di due terrazzi

(200) tavolo e sedia mangio (colazione 20) (pranzo 60) (cena 120) a colazione e pranzo guardando la tv (di giorno sono solo) e apparecchiandolo aprosimativamente, a cena di solito sono con la mia coinquilina e il suo ragazzo e un paio di volte alla settimana con altri sette o otto amici, in questo caso apparecchio in modo colorato ed elegante e preparo tutto in maniera certosina per un rituale prezioso con un tavolo molto più grande in un salotto molto più grande, separato dalla cucina

(60) tavolo consumo i pasti (60) generalmente consumo i pasti guardando la televisione o parlando con gli altri commensali non credo di avere pretese o migliorie da apportare a questi momenti (120) divano

(300)

mi rilasso, guardo la televisione, dormo, leggo

tavolino

con molta calma e serenità

è lo stesso tavolo della cucina, cucina e salotto sono la medesima stanza, la risposta

forse un divano con una forma diversa renderebbe tutto ancora più rilassante

è la stessa per tutte e 3 le domande

(800)

/

letto

/

mi siedo a gambe incrociate e utilizzo il pc o scarabocchio

(1000) scrivania e sedia

il più delle volte cerco di rilassarmi/annoiarmi per passare il tempo

disegno, scrivo, utilizzo il computer

forse in un letto più grande sarei più comoda

con la luce naturale e un film o una serie che mi faccia da sottofondo per alleggerire il lavoro

(60)

con una scrivania molto più grande in uno studio mio separato e un’attrezzatura migliore

lavandino mi lavo spessissimo le mani e i piedi

(60)

rapidamente senza pensare

wc

al posto di avere il rubinetto con le manopole freddo-caldo separate vorrei avere il miscelatore, mi sembra più pratico

espleto i miei bisogni leggendo prendendomi tutto il tempo e leggendo nello stesso modo ma con una finestra che illumini il bagno con luce naturale

123


MZ

FR

23

28

studente

grafico

bilocale arredato, 90 mq, con ampio salotto, una camera matrimoniale ed una doppia, un solo bagno

appartamento mansardato inzona tortona con grande salotto/sala da pranzo, cucina, bagno, lavanderia e tre camere da letto

(10)

(30)

frigorifero e congelatore

macchinetta del caffè

apro il frigorifero (0,5), scelgo il cibo (5), chiudo il frigo (0,5)

macchinetta del caffè (5), lavastoviglie (10) in silenzio e piÚ in fretta possibile

in qualsiasi modo ascoltando musica

le farebbe la governante (45)

(240) divano dormo (300), studio (210)

divano leggere (30), chiacchiere (15)

relax

leggere da solo, chiacchiere in compagnia, tv mangiando

relax

come sopra

(360)

(600)

scrivania e sedia

letto

studio (180 minuti), leggo (60 minuti)

dormire (360), filmetti e telefilmetti/mangiare (120), tenerezze (infiniti minuti)

relax relax (60) doccia mi lavo (30 minuti) ascoltando musica ascoltando musica in modo rilassato

calduccio e relax in due (60) wc robe organiche (15) leggere / iphone (20) con pazienza con molta calma, musica in bagno e una grande finestra

124


LN

CC

25

29

studente

designer

minuscolo buco dove puoi scavarti il tuo confortevole angolo vitale

trilocale al quinto piano, 85 mq in palazzo d’epoca, recentemente ristrutturato, esposto a sud luminoso con balcone

(20) fornello scaldo, cucino ma soprattutto faccio il caffè facendo colazione, incastrando i tempi esatti tra il tempo che il caffè ci mette a salire e lo yogurt che mangio credo farei comunque così, è ciò che basta (0) non ho il salotto / / / (500) scrivania e sedia mangio (21 = tempo di un episodio di south park), leggo, guardo (60), dormo (10), ozio (inquantificabile), studio dipende da uranio in leone non cambierebbe molto, vorrei uno schermo del computer più grande e bello (20) specchio constato con il piede con cui mi sveglio non so immaginare come potrei specchiarmi di più, forse non vorrei

(40) tavolo cenare (60), lavorare al computer (120), chiacchiere con amici durante una cena (180) ascoltando musica con un enorme tavolo dove lavorare, disegnare, in una stanza luminosa, perfetto per cene numerose (240) salotto = cucina = sala da pranzo divano guardare film (120), dormire (60), leggere (0-180), chiacchiere ascoltando musica (leggere e dormire), al buio (guardare film), bevendo alcool (chiacchiere) con un divano gigante e un bar pieno di rum (450) letto leggere (0-120), dormire (120-480) con un letto comodo al calduccio con una luce per leggere come sopra (40) lavandino lavarsi la faccia (1), lavarsi i denti (2), cura del corpo (trucco e parrucco) (0-5) con parecchia luce in un bagno con le azulejos con vista mare e il soffitto a cassettoni di legno e una vasca di metallo con i piedini

125


FO

VM

27

25

art director

studente

bizzarro monolocale a metà strada chalet e barca

monolocale di 20 mq, arredato, accogliente e ben organizzato, ideale per single o coppie senza pretese. quarto piano, ascensore, portineria 08.0017.00 comodissimo tram 9 e metro rossa fermata porta venezia

(90) tavolo fare colazione e cenare (30), computer (60), compiti di francese (20), sfogliare riviste (40), accumulare fogli oggetti e libri (infiniti minuti)

(150)

ascoltanto la radio 24 ore su 24

tagliare verdure (5), pesare pasta (0,5), apparecchiare (3), mangiare seduta (50), bere caffé (5)

in un loft bianco con finestre enormi e luce naturale e un enorme e semplice tavolo da lavoro posto su un bel tappeto (60) divano sfogliare riviste, guardare brevi parti di film da sola in silenzio in un grande divano con molto luce naturale e il mio fidanzato

tavolo e sedia

con luce artificiale, guardando la tv con luce naturale, ammirando un bel paesaggio (120) divano riposare (30), leggere un libro (30), guardare un film (100) rilassata ascoltando musica

letto

rilassata in un divano gigante che mi permette di rigirarmi rotolare e distendere braccia e gambe completamente, vista mare, con il verso dei gabbiani in sottofondo

dormire (540), fare l’amore (una tantum)

(480)

senza ansie, al buio e con poca luce

letto

con della biancheria da letto di buona qualità e stirata

dormire (480 minuti)

(600)

(60) doccia doccia (20) con calma e prodotti specializzati in una doccia imperiale in mosaico, per due persone, effetto cascata e diversi getti d’acqua

buio completo, silenzio buio completo, silenzio (60) doccia insapono corpo (1), risciacquo corpo (2), insapono capelli (1), risciacquo capelli (2), applico maschera per capelli (0,5), risciacquo maschera (1) rilassata, temperatura alta, ascoltando musica islandese rilassandomi in una doccia spaziosa e dal getto potente, temperatura alta, cromoterapia, aromaterapia, ascoltando musica islandese

126


IP

VB

27

25

scrittrice

studente

bilocale arredato con camino, piccolo terrazzo con vista mozzafiato

appartamento in buone condizioni in palazzo signorile, zona centrale e ben collegata ai mezzi pubblici. composto da due camere spaziose, cucina abitabile con balcone, bagno e piccolo ripostiglio

(120) fornello cucino (120) sola, ascoltando della musica e bevendo un buon bicchiere di rosso

(120) tavolo e sedia pasti (70), lavoro (50)

mi piacerebbe avere uno spazio molto grande dove poter cucinare in libertà senza problemi di spazio e organizzazione

condividendo lo spazio con altre persone, ascoltando musica e utilizzando luce naturale ben diffusa in tutta la stanza

(200)

avendo più spazio a disposizione ed escludendo i rumori esterni dovuti al traffico

divano guardo film (120), faccio l’amore (40), leggo (40) rilassata esattamente come lo faccio (480) letto dormo (440), faccio l’amore (40) rilassata

(120) salotto = cucina divano lettura (15), film e conversazione (90) con tranquillità e in compagnia avendo spazi più ampi e divisi (600) scaffali/libreria

rilassata

posiziono oggetti utili e dettagli raccolti, libri e riviste (100), dormo (500)

(60)

sfogliando e leggendo e ascoltando musica

specchio

con una libreria più grande

mi lavo i denti (10), mi trucco (10), mi pettino (3), mi interrogo (7)

(40)

riflessivo e calmo riflessivo e calmo

doccia mattina e sera bagno per svegliarsi e rilassarsi con tranquillità e musica avendo maggiore spazio

127


SC

CL

20

22

studente

studente

4 camere, 1 bagno, cucina grande, internet lavatrice e il resto dei comfort (300)

ampia sala abitabile con scala a chiocciola che conduce alle camere da letto mansardate (una doppia e una singola) piccolo antibagno che conduce a piccolo bagno e a cucina abitabile

tavolo

(60)

lavori di falegnameria (60)

lavandino

musica di sottofondo, monopolio della cucina in un’officina attrezzata (120) divano usare il computer (60), chiacchierare e fare festa (120) fumando fumando (480) scrivania e sedia disegnare e lavorare (60) musica di sottofondo musica di sottofondo (30) specchio tagliarmi i capelli in piedi in piedi

lavare i piatti, preparare da mangiare avendo molto spazio, ben illuminato sia da luce naturale sia artificiale, possibilmente ascoltando la radio con più ordine e molto più spazio, molto meglio illuminata divano guardare la tv, lavorare al computer, dormire con i coinquilini con un’illuminazione rilassante (480) letto dormire (480) / / (30) wc bisogni fisiologici giocando col telefono, leggendo, ascoltando musica con un’insonorizzazione

128


CC

CL

25

20

studente

studente

4 locali: 3 camere + 1 soggiorno + 1 cucina + 3 bagni + 1 studio

frigorifero e congelatore

appartamento situato al secondo piano di un condominio. Ampio giardino in comune e ascensore. la casa ha tre stanze, due doppie e una singola, una cucina abitabile, un salotto molto grande, due bagni, appartamento spazioso e luminoso a pochi minuti da politecnico bovisa e da metro gialla

prendo il latte e lo metto via

(30)

in silenzio e rapidamente

tavolo e sedia

con una superficie più ampia per appoggiare tutto

mangio (30), preparo cibo per cucinarli (15)

(0)

in fretta, magari chiacchierando con qualcuno

/

magari con delle coinquiline un po’ più simpatiche

/

(30)

/

tv

/

guardo la tv solo la sera mentre mangio (15)

tutto il mio tempo lo passo qui (800)

seduta o sdraiata sul divano

scrivania e sedia

su un divano più comodo

studio, gioco

(700)

relax

letto

con un arredamento più idoneo

dormo, guardo film o telefilm, lavoro al pc

(10)

in tutti i modi, adoro stare sul letto

vasca

con una compagna di stanza più simpatica

bagno (30 minuti)

(30)

relax

vasca

relax

doccia (15 minuti)

(1)

niente di particolare /

129


MG

SC

22

23

studente

studente

appartamento all’ultimo piano in zona inganni/ bisceglie, con tre stanze da letto, cucina abitabile, sala bella grande (ci piace avere ospiti) e due bagni. piccolo balcone dal alto della sala, dove ceniamo in estate e da dove guardiamo i tramonti

grazioso quadrilocale in zona tranquilla

(60-120)

scaldo the (5), scaldo cibo (5, ci appoggio sopra cose

fornello cucino (20)

(120) microonde

ascoltando la tv con luce naturale, sgridando il gatto

con musica rock molto alta, occupo un sacco di spazio (anche il tavolo), uso troppe pentole e sporco tantissimo

così

vorrei avere più spazio e la cappa dei fornelli più in alto

tavolino

(60) divano studio, lavoro al pc, guardo la tv, guardo film, leggo con luce adeguata, in tranquillità va bene così (600) scrivania e sedia studio, lavoro al pc, guardo serie tv con musica a basso volume (non durante i film) va bene così (60) lavandino mi lavo, lavo la biancheria / con il riscaldamento a palla

130

(nmila)

studio non mi piace farlo ma non c’é scelta con una sedia più comoda (420) letto dormo con il gatto senza il panico della sveglia (30) lavandino mi lavo senza la consapevolezza di essere in ritardo senza il gatto tra i piedi


ED

DR

23

29

studente

studente

trilocale 90 mq, disimpegno, cucina abitabile, salotto, ripostiglio, due camere, doppi servizi, box doppio, cantina

/

(120)

tavolo e sedia

tavolo

studio, colazione, pranzo

cibo (50), studio (240)

in silenzio, con luce artificiale calda, in inverno

usando tutto lo spazio, preferibilmente in un ambiente luminoso, con luce calda e diretta

nel migliore dei casi mi piacerebbe non farle in cucina, nella migliore delle case in uno spazio ampio e luminoso e attrezzato

luce diretta per più ore possibili, ambiente poco rumoroso

(10)

(60)

/

poltrona

divano

mi rilasso

dormire, svago, tv (poco)

ascoltando musica, luce soffusa

non ci passo molto tempo

allo stesso modo

luce diretta per più ore possibili, ambiente poco rumoroso

(480)

(24) scrivania e sedia studio e svago al pc luminosità, comodità, clima rilassato luminosità, comodità, clima rilassato (il tempo necessario) vasca vasca usata prevalentemente per rilassarsi nel weekend luce soffusa con cibo, riviste, libri, pc, cellulare alla sera

letto dormo, faccio sesso eheheh con un letto comodo e ampio (60) doccia doccia ascoltando musica rilassante, luce soffusa idem ma in una vasca da bagno con o senza idromassaggio

in un ambiente accogliente, non particolarmente piccolo (esempio potrebbe dar più fastidio il vapore che si accumula), un ambiente in cui si possa regolare la musica

131


MM

AA

30

27

grafico

grafica

monolocale finemente arredato, zona centralissima (180)

appartamento ampio e luminoso, piano basso in contesto signorile, tre stanze matrimoniali,triplo salone, cucina abitabile, due bagni, tre balconi, terrazza

fornello

(120)

cucino

microonde

ascolto musica

scongelo (10), cucino a vapore (10), scaldo l’acqua nelle tazze (4)

/ (240)

come viene viene

tavolino

con un microonde top di gamma, posizionato ad un’altezza perfetta per me

lo spolvero

(0-120)

con l’aspirapolvere

divano

/

seduta/accucciata (25 minuti)

(480)

solitaria

armadio

vorrei che la stanza fosse più piccola, più cuccia

mi nascondo e ci gioco a nascondino

(300)

senza luce

letto

/

guardo la tv, guardo il portatile, mangio schifezze, mi do lo smalto

(60) wc

rilassata

espleto i miei bisogni

con un materasso più alto e un televisore più basso, comunque in una stanza più larga

giocando col cellulare

(60)

/

specchio mi trucco, mi pettino, mi depilo, mi curo la pelle silenziosa vorrei avere più spazio per i miei prodotti

132


MM

GM

30

23

lavoratore freelance

studente

abitazione condominiale disposta su due livelli abitativi. piano terra composto da due camere, soggiorno, bagno e cucina abitabile. con taverna, secondo bagno e ripostiglio. annesso giardino (120)

appartamento con ampio ingresso, cucina abitabile, doppi servizi e quattro ampie stanze luminose. doppio affaccio su strada e cortile interno, riscaldamento centralizzato, quinto piano con ascensore. palazzo anni trenta con finiture curate e custode sona città studi, 10 minuti da metro verde

fornello

(120-200)

preparo colazione, pranzo e/o cena

fornello

ascoltando radio/musica oppure in compagnia di amici

cucino

quando ho molto tempo libero (120) poltrona mi rilasso e guardo un film (90), uso il computer (30)

con luce artificiale focalizzata sil fornello, luce naturale nella stanza, musica in sottofondo e volume bassissimo permettendomi di “sentire” quello che sto cucinando nel modo in cui lo faccio tutt’ora ma con strumenti migliori (40)

da solo

divano

/

socialità con altri coinquilini (20), relax (20)

(600)

guardando con film

scaffali/libreria

con un televisore 50”, divano comodissimo e macchina per i pop corn

riordino libri/dischi (15) ascoltando musica con una libreria più grande (30) lavandino lavo denti, mani e faccia senza essere in ritardo

(780-900) scrivania e sedia studio (480), svago (300) / con una sedia che non mi spezzi la schiena (80) wc

/

espleto le mie esigenze corporali, rifletto su grandi temi filosofici con un libro in mano come lo faccio ora

133


DT

PC

25

30

apprendista analista quantitativo

cuoco

appartamento arredato, quattro stanze da letto (due doppie e due singole) una cucina e due bagni. zona loreto 45)

luminoso trilocale di 100 mq, con ampio soggiorno doppio, cucina abitabile e spaziosa, bagno padronale con vasca e secondo bagno con doccia. composto da due camere con parquet, entrambe con balcone

fornello

(5000)

cucino e apparecchio e taglio le verdure (15 minuti)

fornello

uso solo la superficie che mi serve e mi piace chiacchierare con i coinquilini

cucinare (120), riscaldare (30), accendere le sigarette (2), lavorare (90 minuti)

vorrei avere più spazio e l’aiuto di un cuoco

cercando di non lasciare troppe cose in giro, con musica o tv

(0) /

usando gli attrezzi migliori in una cucina adeguata e molto spaziosa

/

(120)

mi piacerebbe avere un salotto con una tv enorme collegata al computer e ad uno stereo

tv

/ (600) letto dormo (480), leggo molte notizie sul pc, guardo film, chatto con amici (120) in silenzio e sdraiato su un letto più grande e inclinabile (45)

guardo tv (240 minuti) rilassato sul divano, mangiando, con amici con un divano molto comodo e una tv molto grande (360) letto dormo (360), sesso (45), guardo film (120) rilassato

lavandino

su un letto grande e comodo e magari con uno specchio vicino

lavo i denti (2), lavo la faccia (5), lavo le mani (5i)

(90)

con acqua calda e abbondante

lavandino

con l’acqua esce subito nella temperatura desiderata e con getto con molta pressione, sapone di qualità e spazzolino elettrico

lavo la faccia (2), lavo i denti (3), faccio la barba di solito sono in ritardo in un bel bagno accogliente con un lavandino d’epoca

134


FC

VC

25

24

studente

studente

mansarda in zona porta venezia ben servita da mezzi e servizi, la casa comprende una camrra singola, un’ampia doppia, una cucina e un soggiorno

attico di 180 mq composto da tre stanze da letto, due bagni, una cucina abitabile e un salone

(40) tavolo lavoro

(180) fornello taglio verdure, cucino, assaggio

con sciallezza

ascoltando musica, usando tutto lo spazio possibile, sorseggiando vino

condividendo cibo, idee e osservazioni sulla giornata trascorsa

ascoltando musica, usando tutto lo spazio possibile, sorseggiando vino

(20-30)

(180)

divano

divano

mi stendo

fumo, chiacchiero, riposo

con sciallezza

ascoltando musica

con leggiadria

ascoltando musica, innondata di luce

(450)

(480)

letto

letto

dormo, sogno, quando capita altro

dormo

disteso senza i piedi per terra

buio e silenzio assoluti

con spirito onirico

buio e silenzio assoluti

(20-30)

(60)

doccia

doccia

mi lavo

mi lavo, canto

con tanta acqua bollente

cantando

con un getto a pioggia

con musica, tanta luce e una doccia gigante

135


CZ

MM

29

30

fotografa

videomaker

bilocale di 40 mq in zona navigli, cucina, camera da letto spaziosa che ĂŠ stata divisa in zona giorno e zona notte da una libreria. zona giorno con piccolo divano, tavolino e tv e zona notte con letto e armadio e credenza. vista stupenda dal lato giorno con portafinestra che si affaccia sui tetti della vecchia milano

trilocale con ampia sala, soleggiato, arredato, gatti inclusi

(65) tavolo colazione (5), preparazione cena (30), pc (20), cena (15) occupando tutto lo spazio a disposizione creando molto disordine che poi sistemo vorrei avere un tavolo da cucina a isola, di legno vecchio, illuminato dalla luce naturale su cui poter preparare pranzi e cene per me il mio fidanzato e i miei amici

(60) fornello cucino (30 minuti) concentrandomi su quello che sto facendo / (180 se sono a casa) divano lavoro al portatile durante il weekend (60), mangio seduto sul divano (30), collasso durante il weekend (120), guardo tv o videogiochi (120) rilassato

(30)

/

divano

(420)

mi rilasso prima di andare a dormire, leggo, sto al pc, guardo la tv

letto

in pigiama, rilassata

dormo (480), faccio l’amore (dipende dalla prestanza psicofisica), leggo (30)

vorrei avere un grande salotto serio

bene e con passione

(540)

/

letto

(20)

dormo (480), risveglio (30), pc (20)

doccia

al caldo

mi lavo (10)

mi piacerebbe avere una camera da letto luminosa e vivere in una zona silenziosa

di sera per rilassarmi prima di dormire e di mattina per svegliarmi meglio e lavare via l’hangover nel caso in cui abbia bevuto la sera prima

(40) specchio mi strucco (5), mi trucco (5), mi preparo per andare a letto mettendomi vari prodotti per il viso (10) mi piace prendermi il tempo per farlo, rilassata vorrei uno specchio grande, ben illuminato, con molto spazio sotto per appoggiare le cose

136

/


DATA

04 DAT I Elaborare i dati

137


Elaborare i dati

138


etĂ

occupazione

36 5,4%

cuoco 2,7%

33 2,7%

scrittrice 2,7%

30 28,1%

art director 2,7%

29 10,8%

videomaker 2,7%

28 2,7%

fotografa 2,7%

27 5,4%

designer/studente 2,7%

26 2,7%

analista quantitativo 2,7%

25 18,9%

libero professionista 2,7%

24 8,1%

studente/pubblicista 2,7%

23 10,8%

produzione di contenuti mediativi per l’arte e la pubblicità 2,7%

20 5,4%

stagista 5,4% designer 5,4% lavoratore freelance 8,1% grafico 13,5% studente 48,6%

139


la cucina da regolamento edilizio di Milano, dimensione minimo 5 mq

tempo in cucina: 600 2,7% 320 2,7% 240 5,4% 200 5,4% 180 18,7% 150 5,4% 120 46,8% 90 8,1% 60 18,7% 30 16,2% 10 8,1% oggetti/arredi: tostapane 2,7% microonde 5,4% lavandino 10,8% frigorifero e congelatore 10,8%

140

macchinetta del caffè 10,8% tavolo e sedia 13,5% tavolo 27% fornello 32,4% attività : (01) preparo il frullato per la colazione 2,7% 15 min come ti piacerebbe: in compagnia (02) impasto la sfoglia per la pasta 2,7% 30 min come ti piacerebbe: in compagnia (03) colazione 13,5% 30 min come ti piace: guardando la televisione o parlando con gli altri commensali usando tutto lo spazio mi piace farlo in fretta, magari chiacchierando con qualcuno in silenzio, con luce artificiale calda ascoltando radio 24 h su 24 come ti piacerebbe: senza i rumori esterni in compagnia (04) pranzo 10,8% 60 min 16,2% 30 min come ti piace: guardando la televisione o parlando con gli altri commensali con sciallezza in uno spazio ben illuminato usando tutto lo spazio con luce artificiale, guardando la tv mi piace farlo in fretta, magari chiacchierando con qualcuno


in silenzio, con luce artificiale calda come ti piacerebbe: senza i rumori esterni con delle coinquiline un po’ più simpatiche in compagnia (05) cena 2,7% 120 min 13,5% 30 min 18,9% 60 min come ti piace: guardando la televisione o parlando con gli altri commensali usando tutto lo spazio apparecchiando il tavolo approssimativamente, di solito ceno con la mia coinquilina e il suo ragazzo e un paio di volte alla settimana con altri sette o otto amici, in questo caso apparecchio in modo colorato ed elegante e preparo tutto in maniera certosina per un rituale prezioso con luce artificiale, guardando la tv mi piace farlo in fretta, magari chiacchierando con qualcuno come ti piacerebbe: senza i rumori esterni con un enorme tavolo con delle coinquiline un po’ più simpatiche in compagnia (06) fotografo i piatti che cucino 2,7% 20 min come ti piacerebbe: in compagnia (07) cucino 2,7% 140 min 2,7% 60 min 5,4% 10 min 13,5% 30 min come ti piace: possibilmente ascoltando la radio sorseggiando vino, usando tutto lo spazio possibile, ascoltando musica incastrando i tempi esatti tra il tempo che il caffè ci mette a salire e lo yogurt che mangio luce artificiale sul fornello, luce naturale sulla stanza, musica in sottofondo permettendomi di sentire i cibi in cottura uso solo la superficie che mi serve e mi piace chiacchierare con i coinquilini con musica rock molto alta mi piace farlo in fretta, magari chiacchierando con qualcuno come ti piacerebbe: in uno spazio molto spazioso con luce natural ascoltando musica usando tutto lo spazio possibile, sorseggiando vino

potendo cucinare in libertà con una superficie più ampia dove appoggiare tutto con una cucina ancora più grande avendo più spazio e la cappa dei fornelli più in alto con l’aiuto di un cuoco (08) studio 5,4% 60 min come ti piace: con luce naturale sia con luce naturale che con luce artificiale in silenzio, con luce artificiale calda come ti piacerebbe: senza i rumori esterni con luce naturale con finestre enormi (09) guardo la tv 2,7% 200 min (10) preparo il caffè 5,4% 5 min come ti piace: incastrando i tempi esatti tra il tempo che il caffè ci mette a salire e lo yogurt che mangio in silenzio e più in fretta possibile come ti piacerebbe: nel migliore dei casi mi piacerebbe non farle in cucina le farebbe la governante (11) riempio e svuoto la lavastoviglie 2,7% 10 min come ti piace: in silenzio e più in fretta possibile come ti piacerebbe: nel migliore dei casi mi piacerebbe non farle in cucina le farebbe la governante (12) taglio le verdure 2,7% 10 min come ti piace: con luce naturale sia con luce naturale che con luce artificiale in silenzio, con luce artificiale calda sorseggiando vino, usando tutto lo spazio possibile, ascoltando musica uso solo la superficie che mi serve e mi piace chiacchierare con i coinquilini con luce artificiale, guardando la tv come ti piacerebbe: in uno spazio molto spazioso con luce naturale con finestre enormi ammirando un bel paesaggio con l’aiuto di un cuoco vorrei che il lavandino fosse in metallo e più ampio

141


(13) peso la pasta 2,7% 0,5 min come ti piace: con luce artificiale, guardando la tv

luminata ascoltando l’mp3

(14) apparecchio la tavola 2,7% 3 min come ti piace: uso solo la superficie che mi serve e mi piace chiacchierare con i coinquilini con luce artificiale, guardando la tv come ti piacerebbe: ammirando un bel paesaggio con l’aiuto di un cuoco

(21) apro il frigo e scelgo i cibi 2,7% 5 min

(15) bevo il caffè 2,7% 5 min come ti piacerebbe: ammirando un bel paesaggio (16) lavoro 13,5% 60 min come ti piace: come ti piace: ascoltando radio 24 h su 24 cercando di non lasciare troppe cose in giro, con musica o tv usando tutto lo spazio come ti piacerebbe: senza i rumori esterni con un enorme tavolo con luce naturale con finestre enormi (17) chiacchiero con amici 2,7% 180 min come ti piacerebbe: con luce naturale con finestre enormi (18) lavo i piatti 2,7% 12 min come ti piace: luce, musica, ordine e tempisticamente ottimale condividendo lo spazio con altre persone utilizzo il lavandino usando tutte le luci possibili visto che è posto in una zona poco illuminata ascoltando l’mp3 (19) lavo cibi 2,7% 5 min come ti piace: luce, musica, ordine e tempisticamente ottimale condividendo lo spazio con altre persone utilizzo il lavandino usando tutte le luci possibili visto che è posto in una zona poco il-

142

(20) tosto il pane 2,7% 3 min

(22) innaffio il cactus 2,7% 5 min (23) raccolgo le posate 2,7% 5 min (24) scongelo i cibi 2,7% 10 min come ti piacerebbe: con un microone top di gamma con un più agevole schema dei percorsi (25) cucino a vapore 2,7% 10 min come ti piacerebbe: con un microonde top di gamma con un più agevole schema dei percorsi (26) scaldo l’acqua per il the 5,4% 4 min (27) uso il computer 2,7% 60 min (28) sfoglio riviste 2,7% 20 min


143


il soggiorno da regolamento edilizio di Milano, dimensione minimo (anche con spazio cottura) 14 mq

tempo in soggiorno: 800 2,7% 240 2,7% 420 5,4% 300 5,4% 240 5,4% 200 8,1% 120 8,1% 60 13,5% 40 13,5% 1 2,7% oggetti/arredi: poltrona 2,7% tv 2,7% tavolino 5,4% divano 27%

144

attivitĂ : (04) pranzo 5,4% 30 min come ti piace: guardando la tv/serie tv con il portatile (05) cena 8,1% 30 min come ti piace: guardando la tv/serie tv con il portatile (08) studio 11,8% 240 min come ti piace: a volte ascoltando musica, altre in silenzio, luce naturale rilassato con luce adeguata e in tranquillitĂ  come ti piacerebbe: su una sedia piĂš comoda (16) lavoro 2,7% 60 min 13,5% 120 min come ti piace: con i coinquilini con luce adeguata e in tranquillitĂ  (27) uso il computer 5,4% 120 min come ti piace: fumando in pigiama come ti piacerebbe: in un vero salotto fumando (29) riposo 21,6% 30 min 5,4% 60 min 5,4% 100 min come ti piace: ascoltando musica rilassato con molta calma e serenitĂ  rilassata, ascoltando musica chill out seduto sulla poltrona con luce soffusa come ti piacerebbe: da solo


con un divano più comodo con un divano a penisola, da render tutto più rilassante con un divano gigante e un bar pieno di rum con un’illuminazione rilassante in un ambiente poco rumoroso ascoltando musica vorrei che la stanza fosse più piccola, più “cuccia” (30) leggo un libro 5,4% 30 min 11,4% 60 min 2,7% 180 min come ti piace: ascoltando musica a volte ascoltando musica, altre in silenzio, luce naturale con molta calma e serenità da solo rilassata, ascoltando musica chill out con tranquillità e in compagnia con luce adeguata e in tranquillità in pigiama come ti piacerebbe: con un pavimento in parquet ascoltando musica con un divano a penisola, da render tutto più rilassante da solo con un divano gigante e un bar pieno di rum con un salotto separato dalla cucina in un vero salotto (31) guardo un film/telefilm 5,4% 30 min 20% 120 min come ti piace: al buio al buio con del cibo mangiando da sola con tranquillità e in compagnia con i coinquilini con luce adeguata e in tranquillità come ti piacerebbe: al buio al buio con del cibo mangiando da sola con tranquillità e in compagnia con i coinquilini con luce adeguata e in tranquillità

a volte ascoltando musica, altre in silenzio, luce naturale in compagnia fumando come ti piacerebbe: bevendo alcool a volte ascoltando musica, altre in silenzio, luce naturale in compagnia fumando (33) guardo la tv/gioco ai videogiochi 21,6% 60 min come ti piace: con molta calma e serenità mangiando seduta o sdraiata sul divano, mangiando in pigiama come ti piacerebbe: con un divano più comodo con un divano a penisola, da render tutto più rilassante con un’illuminazione rilassante in un ambiente poco rumoroso con una tv 50”, un divano comodissimo e una macchina per i pop corn in un vero salotto (34) suono musica 2,7% 120 min come ti piace: con eleganza come ti piacerebbe: con un pavimento in parquet (35) converso al telefono 2,7% 60 min come ti piacerebbe: con un pavimento in parquet (36) faccio l’amore 2,7% 40 min

(32) chiacchiero e faccio feste 5,4% 30 min 8,1% 120 min come ti piace: bevendo alcool

145


la camera da letto da regolamento edilizio di Milano, dimensione minimo 9 mq, per camera da letto per due letti con cabina armadio la dimensione minima è 14 mq

tempo in camera da letto: 1320 2,7% 1000 2,7% 800 2,7% 600 24,3% 480 16,2% 420 5,4% 300 8,1% 180 2,7% 120 2,7% oggetti/arredi: sedia 5,4% armadio 5,4% scaffali/libreria 2,7% scrivania e sedia 16,2% letto 32,4%

146

attività: (04) pranzo 5,4% 30 min come ti piace: guardando puntate di South Park (05) cena 8,1% 60 min come ti piace: calduccio e relax guardando puntate di South Park come ti piacerebbe: in due (08) studio 2,7% 180 min 6,8% 240 min 10,8% 480 min come ti piace: relax con musica a basso volume come ti piacerebbe: con uno schermo del computer più grande con un arredamento più idioneo con una compagna di stanza più simpatica con musica a basso volume con molta luce con una sedia comoda per la schiena (16) lavoro 16,2% 240 min 8,1% 60 min come ti piace: con molta luce naturale e un film in sottofondo con musica di sottofondo in tutti i modi, adoro stare a letto con musica a basso volume come ti piacerebbe: con una scrivania molto più grande in uno studio mio separato dalla camera e un’attrezzatura migliore e più fornita con uno schermo del computer più grande con musica di sottofondo con musica a basso volume (27) uso il computer 2,7% 20 min


16,2% 120 min come ti piacerebbe: con uno schermo del computer più grande su un letto inclinabile (29) riposo/dormo 2,7% 300 min 5,4% 360 min 27% 420 min 48,6% 480 min come ti piace: rilassato ascoltando musica, luci basse, sotto le coperte completamente al buio buio completo e silenzio rilassata in tutti i modi, adoro stare a letto con il gatto come ti piacerebbe: rilassato ascoltando musica, luci basse, sotto le coperte sognando in una casa calda con meno luce e rumore dall’esterno con della biancheria di qualità e stirata buio completo e silenzio rilassata con una compagna di stanza più simpatica senza il panico della sveglia con un materasso più alto (30) leggo un libro 2,7% 30 min 10,8% 60 min 8,1% 120 min come ti piace: con luce naturale relax (31) guardo un film/telefilm 5,4% 60 min 18,9% 120 min come ti piace: calduccio e relax in tutti i modi, adoro stare a letto in silenzio e sdraiato come ti piacerebbe: in due con uno schermo del computer più grande con una compagna di stanza più simpatica su un letto inclinabile

con un materasso più alto su un letto inclinabile (36) faccio l’amore 18,9% 40 min come ti piace: calduccio e relax rilassata come ti piacerebbe: con della biancheria di qualità e stirata rilassata con uno specchio vicino su un letto grande e comodo (37) metto i vestiti sulla sedia 2,7% 5 min come ti piace: molto velocemente e senza cura come ti piacerebbe: vorrei un oggetto che non facesse cadere le monete dalle tasche (38) riordino i vestiti 5,4% 30 min (39) riordino libri/dischi 2,7% 5 min 5,4% 120 min come ti piace: ascoltando musica, sfogliando e leggendo come ti piacerebbe: con una libreria più grande (40) mi sveglio 2,7% 30 min (41) passo il tempo nel web 2,7% 30 min 8,1% 120 min come ti piace: a gambe incrociate sul letto come ti piacerebbe: in una casa calda in un letto più grande

(33) guardo la tv/gioco ai videogiochi 5,4% 120 min come ti piace: guardo la tv/gioco ai videogiochi in silenzio e sdraiato come ti piacerebbe: con un arredamento più idioneo

147


il bagno da regolamento edilizio di Milano, dimensione minimo 3,5 mq con il lato corto minimo 1,70 m

tempo in bagno: 120 2,7% 90 5,4% 60 8,1% 50 2,7% 40 16,2% 30 11,8% 10 2,7% oggetti/arredi: mobiletto 2,7% vasca 8,1% wc 16,2% specchio 16,2% lavandino 16,2% doccia 19,6% attività: (42) doccia/bagno

148

24,3% 10 min 5,4% 15 min 8,1% 20 min 2,7% 30 min come ti piace: appena sveglio cantando canzoni possibilmente brutte e che risalgono ad un periodo che va dal 1985 al 1997 al caldo rapidamente senza pensare ascoltando musica, rilassata, con acqua molto calda ascoltando musica islandese con tranquillità, senza fretta nella vasca con luce soffusa e cibo, libri, riviste con calma e con prodotti specializzati come ti piacerebbe: solo in casa con una doccia senza tenda con un getto più potente con manopole freddo-calde separate con il miscelatore in una doccia imperiale in mosaico, per due persone, con effetto cascata con cromoterapia, aromaterapia in un bagno con le azulejos con vista mare e il soffitto a cassettoni di legno con una vasca di metallo con i piedini in una doccia vera e non in una vasca (43) cura personale (capelli, viso) 54% 20 min come ti piace: velocemente con parsimonia con molta luce in modo riflessivo e calmo senza essere in ritardo in silenzio come ti piacerebbe: velocemente davanti ad uno specchio grande con una buona illuminazione in modo riflessivo e calmo senza il gatto tra i piedi avendo più spazio per i miei prodotti con un lavandino d’epoca (44) espleto 5,4% 15 min


come ti piace: leggendo e prendendo tutto il tempo che mi serve o ascoltando musica con pazienza e giocando con il telefono come ti piacerebbe: leggendo e prendendo tutto il tempo che mi serve o ascoltando musica con molta calma, leggendo o ascoltando musica con un’insonorizzazione (45) rifletto 2,7% 20 min (46) sistemo la barba 2,7% 10 min (47) canto 2,7% 15 min

149


150


DATA

05 I N T E R P R E TA Z I O N I Interpretare i dati

151


Interpretare i dati

152


153


in cucina (da regolamento edilizio di Milano, dimensione minimo 5 mq)

cucinare tempo: 5-15 min oggetti/arredi: tavolo tavolo e sedia macchinetta del caffè frigorifero e congelatore lavandino microonde tostapane (01) preparo il frullato per la colazione 2,7% 15 min come ti piacerebbe: in compagnia (07) cucino 5,4% 10 min come ti piace: possibilmente ascoltando la radio in silenzio e rapidamente ascoltando la tv e con luce naturale sgridando il gatto cercando di non lasciare troppe cose in giro uso solo la superficie che mi serve e mi piace chiacchierare con i coinquilini con musica rock molto alta mi piace farlo in fretta, magari chiacchierando con qualcuno con luce naturale, con finestra enormi con delle coinquiline un po’ più simpatiche (10) preparo il caffè 5,4% 5 min come ti piace: incastrando i tempi esatti tra il tempo che il caffè ci mette a salire e lo yogurt che mangio in silenzio e più in fretta possibile come ti piacerebbe: nel migliore dei casi mi piacerebbe non farle in cucina le farebbe la governante (11) riempio e svuoto la lavastoviglie

154

2,7% 10 min come ti piace: in silenzio e più in fretta possibile come ti piacerebbe: le farebbe la governante (14) apparecchio la tavola 2,7% 3 min come ti piace: uso solo la superficie che mi serve e mi piace chiacchierare con i coinquilini con luce artificiale, guardando la tv come ti piacerebbe: ammirando un bel paesaggio (18) lavo i piatti 2,7% 12 min come ti piace: luce, musica, ordine e tempisticamente ottimale condividendo lo spazio con altre persone utilizzo il lavandino usando tutte le luci possibili visto che è posto in una zona poco illuminata ascoltando l’mp3 (19) lavo cibi 2,7% 5 min come ti piace: luce, musica, ordine e tempisticamente ottimale condividendo lo spazio con altre persone utilizzo il lavandino usando tutte le luci possibili visto che è posto in una zona poco illuminata ascoltando l’mp3 (20) tosto il pane 2,7% 3 min (21) apro il frigo e scelgo i cibi 2,7% 5 min (24) scongelo i cibi 2,7% 10 min come ti piacerebbe: con un microonde top di gamma con un più agevole schema dei percorsi


155


156


considerando come variabili fisse i mq totali (40) e il numero di minuti nell’arco di una giornata (1440), si vanno a definire con un’equaglianza i mq necessari per ogni attività in base al tempo necessario per realizzarle. Lo spazio risultante non include l’ingombro degli oggetti/arredi. 1440 min/giorno 5-15 min 40 mq totali x=? • 40 : 1440 = x : 5 x = 0,13 mq • 40 : 1440 = x : 15 x = 0,41 mq

157


cucinare tempo: 15-60 min oggetti/arredi: fornello tavolo tavolo e sedia frigorifero e congelatore lavandino (02) impasto la sfoglia per la pasta 2,7% 30 min come ti piacerebbe: in compagnia (07) cucino 2,7% 60 min 13,5% 30 min come ti piace: possibilmente ascoltando la radio in silenzio e rapidamente oppure con musica rock molto alta usando tutto lo spazio con luce naturale sgridando il gatto cercando di non lasciare troppe cose in giro, con musica o tv sorseggiando vino, usando tutto lo spazio possibile, ascoltando musica luce artificiale sul fornello, luce naturale sulla stanza, musica in sottofondo permettendomi di sentire i cibi in cottura uso solo la superficie che mi serve e mi piace chiacchierare con i coinquilini come ti piacerebbe: in uno spazio molto spazioso con luce naturale, con finestra enormi con gli attrezzi migliori con delle coinquiline un po’ più simpatiche in compagnia potendo cucinare in libertà con una superficie più ampia dove appoggiare tutto con una cucina ancora più grande avendo più spazio e la cappa dei fornelli più in alto con l’aiuto di un cuoco

158


159


160


considerando come variabili fisse i mq totali (40) e il numero di minuti nell’arco di una giornata (1440), si vanno a definire con un’equaglianza i mq necessari per ogni attività in base al tempo necessario per realizzarle. Lo spazio risultante non include l’ingombro degli oggetti/arredi. 1440 min/giorno 15-60 min 40 mq totali x=? • 40 : 1440 = x : 15 x = 0,41 mq • 40 : 1440 = x : 60 x = 1,66 mq

161


cucinare tempo: 60-140 min oggetti/arredi: fornello tavolo tavolo e sedia frigorifero e congelatore lavandino (07) cucino 2,7% 140 min 2,7% 60 min come ti piace: possibilmente ascoltando la radio in silenzio e rapidamente oppure con musica rock molto alta, occupando un sacco di spazio usando tutto lo spazio ascoltando la tv con luce naturale sgridando il gatto cercando di non lasciare troppe cose in giro, con musica o tv sorseggiando vino, usando tutto lo spazio possibile, ascoltando musica luce artificiale sul fornello, luce naturale sulla stanza, musica in sottofondo permettendomi di sentire i cibi in cottura uso solo la superficie che mi serve e mi piace chiacchierare con i coinquilini come ti piacerebbe: in uno spazio molto spazioso con luce naturale, con finestra enormi con gli attrezzi migliori con delle coinquiline un po’ più simpatiche in compagnia usando tutto lo spazio possibile, sorseggiando vino potendo cucinare in libertà con una superficie più ampia dove appoggiare tutto con una cucina ancora più grande avendo più spazio e la cappa dei fornelli più in alto con l’aiuto di un cuoco

162


163


164


considerando come variabili fisse i mq totali (40) e il numero di minuti nell’arco di una giornata (1440), si vanno a definire con un’equaglianza i mq necessari per ogni attività in base al tempo necessario per realizzarle. Lo spazio risultante non include l’ingombro degli oggetti/arredi. 1440 min/giorno 60-140 min 40 mq totali x=? • 40 : 1440 = x : 60 x = 1,66 mq • 40 : 1440 = x : 140 x = 3,88 mq

165


mangiare tempo: 30-60 min oggetti/arredi: tavolo tavolo e sedia macchinetta del caffè (03) colazione 13,5% 30 min come ti piace: guardando la televisione o parlando con gli altri commensali usando tutto lo spazio mi piace farlo in fretta, magari chiacchierando con qualcuno in silenzio, con luce artificiale calda ascoltando radio 24 h su 24 come ti piacerebbe: senza i rumori esterni in compagnia (04) pranzo 10,8% 60 min 16,2% 30 min come ti piace: guardando la televisione o parlando con gli altri commensali con sciallezza in uno spazio ben illuminato usando tutto lo spazio con luce artificiale, guardando la tv mi piace farlo in fretta, magari chiacchierando con qualcuno in silenzio, con luce artificiale calda come ti piacerebbe: senza i rumori esterni con delle coinquiline un po’ piÚ simpatiche in compagnia (05) cena 13,5% 30 min 18,9% 60 min come ti piace: guardando la televisione o parlando con gli altri commensali usando tutto lo spazio apparecchiando il tavolo approssimativamente, di solito ceno con la mia coinquilina e il suo ragazzo con luce artificiale, guardando la tv mi piace farlo in fretta, magari chiacchierando con qualcuno come ti piacerebbe: senza i rumori esterni con un enorme tavolo con delle coinquiline un po’ piÚ simpatiche in compagnia

166


167


168


considerando come variabili fisse i mq totali (40) e il numero di minuti nell’arco di una giornata (1440), si vanno a definire con un’equaglianza i mq necessari per ogni attività in base al tempo necessario per realizzarle. Lo spazio risultante non include l’ingombro degli oggetti/arredi. 1440 min/giorno 30-60 min 40 mq totali x=? • 40 : 1440 = x : 30 x = 0,83 mq • 40 : 1440 = x : 60 x = 1,66 mq

169


mangiare tempo: 60-120 min oggetti/arredi: tavolo tavolo e sedia lavandino (05) cena 2,7% 120 min come ti piace: guardando la televisione o parlando con gli altri commensali usando tutto lo spazio un paio di volte alla settimana con altri sette o otto amici, in questo caso apparecchio in modo colorato ed elegante e preparo tutto in maniera certosina per un rituale prezioso con luce artificiale, guardando la tv come ti piacerebbe: senza i rumori esterni con un enorme tavolo con delle coinquiline un po’ piÚ simpatiche in compagnia

170


171


172


considerando come variabili fisse i mq totali (40) e il numero di minuti nell’arco di una giornata (1440), si vanno a definire con un’equaglianza i mq necessari per ogni attività in base al tempo necessario per realizzarle. Lo spazio risultante non include l’ingombro degli oggetti/arredi. 1440 min/giorno 60-120 min 40 mq totali x=? • 40 : 1440 = x : 60 x = 1,66 mq • 40 : 1440 = x : 120 x = 3,33 mq

173


lavorare tempo: 20-60 min oggetti/arredi: tavolo tavolo e sedia lavandino (06) fotografo i piatti che cucino 2,7% 20 min come ti piacerebbe: in compagnia (08) studio 5,4% 60 min come ti piace: con luce naturale sia con luce naturale che con luce artificiale in silenzio, con luce artificiale calda come ti piacerebbe: senza i rumori esterni con luce naturale con finestre enormi (16) lavoro 13,5% 60 min come ti piace: come ti piace: ascoltando radio 24 h su 24 cercando di non lasciare troppe cose in giro, con musica o tv usando tutto lo spazio come ti piacerebbe: senza i rumori esterni con un enorme tavolo con luce naturale con finestre enormi (27) uso il computer 2,7% 60 min

174


175


176


considerando come variabili fisse i mq totali (40) e il numero di minuti nell’arco di una giornata (1440), si vanno a definire con un’equaglianza i mq necessari per ogni attività in base al tempo necessario per realizzarle. Lo spazio risultante non include l’ingombro degli oggetti/arredi. 1440 min/giorno 20-60 min 40 mq totali x=? • 40 : 1440 = x : 20 x = 0,55 mq • 40 : 1440 = x : 60 x = 1,66 mq

177


svagarsi tempo: 180-200 min oggetti/arredi: tavolo tavolo e sedia (09) guardo la tv 2,7% 200 min (17) chiacchiero con amici 2,7% 180 min come ti piacerebbe: con luce naturale con finestre enormi

178


179


180


considerando come variabili fisse i mq totali (40) e il numero di minuti nell’arco di una giornata (1440), si vanno a definire con un’equaglianza i mq necessari per ogni attività in base al tempo necessario per realizzarle. Lo spazio risultante non include l’ingombro degli oggetti/arredi. 1440 min/giorno 180-200 min 40 mq totali x=? • 40 : 1440 = x : 180 x = 5 mq • 40 : 1440 = x : 200 x = 5,55 mq

181


in soggiorno da regolamento edilizio di Milano, dimensione minimo (anche con spazio cottura) 14 mq

mangiare tempo: 30 min oggetti/arredi: poltrona tv tavolino divano (04) pranzo 5,4% 30 min come ti piace: guardando la tv/serie tv con il portatile (05) cena 8,1% 30 min come ti piace: guardando la tv/serie tv con il portatile

182


183


184


considerando come variabili fisse i mq totali (40) e il numero di minuti nell’arco di una giornata (1440), si vanno a definire con un’equaglianza i mq necessari per ogni attività in base al tempo necessario per realizzarle. Lo spazio risultante non include l’ingombro degli oggetti/arredi. 1440 min/giorno 30 min 40 mq totali x=? • 40 : 1440 = x : 30 x = 0,83 mq

185


rilassarsi tempo: 30-180 min oggetti/arredi: tv tavolino divano (27) uso il computer 5,4% 120 min come ti piace: fumando in pigiama come ti piacerebbe: in un vero salotto fumando (29) riposo 21,6% 30 min 5,4% 60 min 5,4% 100 min come ti piace: ascoltando musica rilassato con molta calma e serenità rilassata, ascoltando musica chill out seduto sulla poltrona con luce soffusa come ti piacerebbe: da solo con un divano più comodo con un divano a penisola, da render tutto più rilassante con un divano gigante e un bar pieno di rum con un’illuminazione rilassante in un ambiente poco rumoroso ascoltando musica vorrei che la stanza fosse più piccola, più “cuccia” (30) leggo un libro 5,4% 30 min 11,4% 60 min 2,7% 180 min come ti piace: ascoltando musica a volte ascoltando musica, altre in silenzio, luce naturale con molta calma e serenità da solo rilassata, ascoltando musica chill out con tranquillità e in compagnia con luce adeguata e in tranquillità in pigiama come ti piacerebbe: con un pavimento in parquet ascoltando musica

186

con un divano a penisola, da render tutto più rilassante da solo con un divano gigante e un bar pieno di rum con un salotto separato dalla cucina in un vero salotto (31) guardo un film/telefilm 5,4% 30 min 20% 120 min come ti piace: al buio al buio con del cibo mangiando da sola con tranquillità e in compagnia con i coinquilini con luce adeguata e in tranquillità come ti piacerebbe: al buio al buio con del cibo mangiando da sola con tranquillità e in compagnia con i coinquilini con luce adeguata e in tranquillità (35) converso al telefono 2,7% 60 min come ti piacerebbe: con un pavimento in parquet


187


188


considerando come variabili fisse i mq totali (40) e il numero di minuti nell’arco di una giornata (1440), si vanno a definire con un’equaglianza i mq necessari per ogni attività in base al tempo necessario per realizzarle. Lo spazio risultante non include l’ingombro degli oggetti/arredi. 1440 min/giorno 30-180 min 40 mq totali x=? • 40 : 1440 = x : 30 x = 0,83 mq • 40 : 1440 = x : 180 x = 5 mq

189


lavorare tempo: 60-240 min oggetti/arredi: poltrona tv tavolino divano (08) studio 11,8% 240 min come ti piace: a volte ascoltando musica, altre in silenzio, luce naturale rilassato con luce adeguata e in tranquillitĂ come ti piacerebbe: su una sedia piĂš comoda (16) lavoro 2,7% 60 min 13,5% 120 min come ti piace: con i coinquilini con luce adeguata e in tranquillitĂ 

190


191


192


considerando come variabili fisse i mq totali (40) e il numero di minuti nell’arco di una giornata (1440), si vanno a definire con un’equaglianza i mq necessari per ogni attività in base al tempo necessario per realizzarle. Lo spazio risultante non include l’ingombro degli oggetti/arredi. 1440 min/giorno 60-240 min 40 mq totali x=? • 40 : 1440 = x : 60 x = 1,66 mq • 40 : 1440 = x : 240 x = 6,66 mq

193


svagarsi tempo: 30-120 min oggetti/arredi: poltrona tv tavolino divano (32) chiacchiero e faccio feste 5,4% 30 min 8,1% 120 min come ti piace: bevendo alcool a volte ascoltando musica, altre in silenzio, luce naturale in compagnia fumando come ti piacerebbe: bevendo alcool a volte ascoltando musica, altre in silenzio, luce naturale in compagnia fumando (33) guardo la tv/gioco ai videogiochi 21,6% 60 min come ti piace: con molta calma e serenità mangiando, in pigiama seduta o sdraiata sul divano, mangiando come ti piacerebbe: con un divano più comodo con un divano a penisola, da render tutto più rilassante con un’illuminazione rilassante in un ambiente poco rumoroso con una tv 50”, un divano comodissimo e una macchina per i pop corn in un vero salotto (34) suono musica 2,7% 120 min come ti piace: con eleganza come ti piacerebbe: con un pavimento in parquet (35) converso al telefono 2,7% 60 min come ti piacerebbe: con un pavimento in parquet (36) faccio l’amore 2,7% 40 min 194


195


196


considerando come variabili fisse i mq totali (40) e il numero di minuti nell’arco di una giornata (1440), si vanno a definire con un’equaglianza i mq necessari per ogni attività in base al tempo necessario per realizzarle. Lo spazio risultante non include l’ingombro degli oggetti/arredi. 1440 min/giorno 30-120 min 40 mq totali x=? • 40 : 1440 = x : 30 x = 0,83 mq • 40 : 1440 = x : 120 x = 3,33 mq

197


in camera da letto da regolamento edilizio di Milano, dimensione minimo 9 mq, per camera da letto per due letti con cabina armadio la dimensione minima è 14 mq

mangiare tempo: 30-60 min oggetti/arredi: scrivania e sedia letto (04) pranzo 5,4% 30 min come ti piace: guardando puntate di South Park (05) cena 8,1% 60 min come ti piace: calduccio e relax guardando puntate di South Park come ti piacerebbe: in due

198


199


200


considerando come variabili fisse i mq totali (40) e il numero di minuti nell’arco di una giornata (1440), si vanno a definire con un’equaglianza i mq necessari per ogni attività in base al tempo necessario per realizzarle. Lo spazio risultante non include l’ingombro degli oggetti/arredi. 1440 min/giorno 30-60 min 40 mq totali x=? • 40 : 1440 = x : 30 x = 0,83 mq • 40 : 1440 = x : 60 x = 1,66 mq

201


rilassarsi tempo: 30-480 min oggetti/arredi: sedia scrivania e sedia letto (27) uso il portatile 2,7% 20 min 16,2% 120 min come ti piacerebbe: con uno schermo del computer più grande su un letto inclinabile (29) riposo/dormo 2,7% 300 min 5,4% 360 min 27% 420 min 48,6% 480 min come ti piace: rilassato ascoltando musica, luci basse, sotto le coperte completamente al buio buio completo e silenzio rilassata in tutti i modi, adoro stare a letto con il gatto come ti piacerebbe: rilassato ascoltando musica, luci basse, sotto le coperte sognando in una casa calda con meno luce e rumore dall’esterno con della biancheria di qualità e stirata buio completo e silenzio rilassata con una compagna di stanza più simpatica senza il panico della sveglia con un materasso più alto (30) leggo un libro 2,7% 30 min 10,8% 60 min 8,1% 120 min come ti piace: con luce naturale relax (31) guardo un film/telefilm 5,4% 60 min

202

18,9% 120 min come ti piace: calduccio e relax in tutti i modi, adoro stare a letto in silenzio e sdraiato come ti piacerebbe: in due con uno schermo del computer più grande con una compagna di stanza più simpatica su un letto inclinabile


203


204


considerando come variabili fisse i mq totali (40) e il numero di minuti nell’arco di una giornata (1440), si vanno a definire con un’equaglianza i mq necessari per ogni attività in base al tempo necessario per realizzarle. Lo spazio risultante non include l’ingombro degli oggetti/arredi. 1440 min/giorno 30-480 min 40 mq totali x=? • 40 : 1440 = x : 30 x = 0,83 mq • 40 : 1440 = x : 480 x = 13,33 mq

205


lavorare tempo: 60-480 min oggetti/arredi: sedia scaffali/libreria scrivania e sedia letto (08) studio 2,7% 180 min 6,8% 240 min 10,8% 480 min come ti piace: relax con musica a basso volume come ti piacerebbe: con uno schermo del computer più grande con un arredamento più idioneo con una compagna di stanza più simpatica con musica a basso volume con molta luce con una sedia comoda per la schiena (16) lavoro/disegnare 16,2% 240 min 8,1% 60 min come ti piace: con molta luce naturale e un film in sottofondo con musica di sottofondo in tutti i modi, adoro stare a letto con musica a basso volume come ti piacerebbe: con una scrivania molto più grande in uno studio mio separato dalla camera e un’attrezzatura migliore e più fornita con uno schermo del computer più grande con musica di sottofondo con musica a basso volume

206


207


208


considerando come variabili fisse i mq totali (40) e il numero di minuti nell’arco di una giornata (1440), si vanno a definire con un’equaglianza i mq necessari per ogni attività in base al tempo necessario per realizzarle. Lo spazio risultante non include l’ingombro degli oggetti/arredi. 1440 min/giorno 60-480 min 40 mq totali x=? • 40 : 1440 = x : 60 x = 1,66 mq • 40 : 1440 = x : 480 x = 13,3 mq

209


svagarsi tempo: 40-120 min oggetti/arredi: sedia scrivania e sedia letto (33) guardo la tv/gioco ai videogiochi 5,4% 120 min come ti piace: guardo la tv/gioco ai videogiochi in silenzio e sdraiato come ti piacerebbe: con un arredamento più idioneo con un materasso più alto su un letto inclinabile (36) faccio l’amore 18,9% 40 min come ti piace: calduccio e relax rilassata come ti piacerebbe: con della biancheria di qualità e stirata rilassata con uno specchio vicino su un letto grande e comodo (41) passo il tempo nel web 2,7% 30 min 8,1% 120 min come ti piace: a gambe incrociate sul letto come ti piacerebbe: in una casa calda in un letto più grande

210


211


212


considerando come variabili fisse i mq totali (40) e il numero di minuti nell’arco di una giornata (1440), si vanno a definire con un’equaglianza i mq necessari per ogni attività in base al tempo necessario per realizzarle. Lo spazio risultante non include l’ingombro degli oggetti/arredi. 1440 min/giorno 5-120 min 40 mq totali x=? • 40 : 1440 = x : 5 x = 0,13 mq • 40 : 1440 = x : 120 x = 3,33 mq

213


riordinare tempo: 5-120 min oggetti/arredi: armadio scaffali/libreria (37) metto i vestiti sulla sedia 2,7% 5 min come ti piace: molto velocemente e senza cura come ti piacerebbe: vorrei un oggetto che non facesse cadere le monete dalle tasche (38) riordino i vestiti 5,4% 30 min (39) riordino libri/dischi 2,7% 5 min 5,4% 120 min come ti piace: ascoltando musica, sfogliando e leggendo come ti piacerebbe: con una libreria pi첫 grande

214


215


216


considerando come variabili fisse i mq totali (40) e il numero di minuti nell’arco di una giornata (1440), si vanno a definire con un’equaglianza i mq necessari per ogni attività in base al tempo necessario per realizzarle. Lo spazio risultante non include l’ingombro degli oggetti/arredi. 1440 min/giorno 5-120 min 40 mq totali x=? • 40 : 1440 = x : 40 x = 0,13 mq • 40 : 1440 = x : 120 x = 3,33 mq

217


in bagno da regolamento edilizio di Milano, dimensione minimo 3,5 mq con il lato corto minimo 1,70 m

lavarsi tempo: 10-30 min oggetti/arredi: vasca lavandino doccia attivitĂ : (42) doccia/bagno 24,3% 10 min 5,4% 15 min 8,1% 20 min 2,7% 30 min come ti piace: appena sveglio cantando canzoni possibilmente brutte e che risalgono ad un periodo che va dal 1985 al 1997 al caldo rapidamente senza pensare ascoltando musica rilassata, con acqua molto calda ascoltando musica islandese con tranquillitĂ , senza fretta nella vasca con luce soffusa e cibo, libri, riviste con calma e con prodotti specializzati come ti piacerebbe: solo in casa con una doccia senza tenda con un getto piĂš potente con manopole freddo-calde separate con il miscelatore in una doccia imperiale in mosaico, per due persone, con effetto cascata con cromoterapia, aromaterapia in un bagno con le azulejos con vista mare e il soffitto a cassettoni di legno con una vasca di metallo con i piedini in una doccia vera e non in una vasca

218


219


220


considerando come variabili fisse i mq totali (40) e il numero di minuti nell’arco di una giornata (1440), si vanno a definire con un’equaglianza i mq necessari per ogni attività in base al tempo necessario per realizzarle. Lo spazio risultante non include l’ingombro degli oggetti/arredi. 1440 min/giorno 10-30 min 40 mq totali x=? • 40 : 1440 = x : 10 x = 0,27 mq • 40 : 1440 = x : 30 x = 0,83 mq

221


curarsi tempo: 20 min oggetti/arredi: mobiletto specchio lavandino attività : (43) cura personale (capelli, viso) 54% 20 min come ti piace: velocemente con parsimonia con molta luce in modo riflessivo e calmo senza essere in ritardo in silenzio come ti piacerebbe: velocemente davanti ad uno specchio grande con una buona illuminazione in modo riflessivo e calmo senza il gatto tra i piedi avendo piÚ spazio per i miei prodotti con un lavandino d’epoca (45) rifletto 2,7% 20 min (46) sistemo la barba 2,7% 10 min (47) canto 2,7% 15 min

222


223


224


considerando come variabili fisse i mq totali (40) e il numero di minuti nell’arco di una giornata (1440), si vanno a definire con un’equaglianza i mq necessari per ogni attività in base al tempo necessario per realizzarle. Lo spazio risultante non include l’ingombro degli oggetti/arredi. 1440 min/giorno 20 min 40 mq totali x=? • 40 : 1440 = x : 20 x = 0,55 mq

225


espletare tempo: 15 min oggetti/arredi: mobiletto wc attività : (44) espleto 5,4% 15 min come ti piace: leggendo un romanzo avvincente prendendo tutto il tempo che mi serve con pazienza giocando con il telefono ascoltando musica come ti piacerebbe: leggendo un romanzo avvincente prendendo tutto il tempo che mi serve e con una finestra con molta calma, leggendo o ascoltando musica con un’insonorizzazione

226


227


228


considerando come variabili fisse i mq totali (40) e il numero di minuti nell’arco di una giornata (1440), si vanno a definire con un’equaglianza i mq necessari per ogni attività in base al tempo necessario per realizzarle. Lo spazio risultante non include l’ingombro degli oggetti/arredi. 1440 min/giorno 15 min 40 mq totali x=? • 40 : 1440 = x : 15 x = 0,41 mq

229


abaco delle aree quali dimensioni hanno le aree riferite alle attivitĂ in base ai minuti di durata e utilizzo

cucinare in cucina 0,13-3,88 mq

lavorare in cucina 0,55-1,66 mq

in salotto 1,66-6,66 mq

mangiare in cucina 0,13-3,33 mq

in camera 1,66-13,3 mq in salotto 0,83 mq

in camera 0,83-1,66 mq

230


svagarsi in cucina 5-5,55 mq

in camera 0,83-13,33 mq

in salotto 0,83-3,33 mq riordinare in camera 0,13-3,33 mq

in camera 1,11-13,33 mq lavarsi in bagno 0,27-0,83 mq

rilassarsi in salotto 0,83-5 mq

curarsi in bagno 0,55 mq

espletare in bagno 0,41 mq

231


232


le aree Le dimensioni hanno le aree risultanti dall’equazione • 40 : 1440 = x : min

233


le attività quali attività vengono svolte all’interno delle stanze

(01) preparo il frullato per la colazione in cucina

(12) taglio le verdure in cucina

(02) impasto la sfoglia per la pasta in cucina

(13) peso la pasta in cucina

(03) colazione in cucina

(14) apparecchio la tavola in cucina

(04) pranzo in cucina in salotto in camera

(15) bevo il caffè in cucina

(05) cena in cucina in salotto in camera (06) fotografo i piatti che cucino in cucina (07) cucino in cucina (08) studio in cucina in salotto in camera

234

(16) lavoro in cucina in salotto in camera (17) chiacchiero con amici in cucina (18) lavo i piatti in cucina (19) lavo cibi in cucina (20) tosto il pane in cucina

(09) guardo la tv in cucina

(21) apro il frigo e scelgo i cibi in cucina

(10) preparo il caffè in cucina

(22) innaffio il cactus in cucina

(11) riempio e svuoto la lavastoviglie in cucina

(23) raccolgo le posate in cucina


(24) scongelo i cibi in cucina

(37) metto i vestiti sulla sedia in camera

(25) cucino a vapore in cucina

(38) riordino i vestiti in camera

(26) scaldo l’acqua per il the in cucina (27) uso il computer in cucina in salotto in camera

(39) riordino libri/dischi in camera

(28) sfoglio riviste in cucina (29) riposo in salotto in camera (30) leggo un libro in salotto in camera (31) guardo un film/telefilm in salotto in camera (32) chiacchiero e faccio feste in salotto in camera (33) guardo la tv/gioco ai videogiochi in salotto

(40) mi sveglio in camera (41) passo il tempo nel web in camera (42) doccia/bagno in bagno (43) cura personale (capelli, viso) in bagno (44) espleto in bagno (45) rifletto in bagno (46) sistemo la barba in bagno (47) canto in bagno

(34) suono musica in salotto in camera (35) converso al telefono in salotto in camera (36) faccio l’amore in salotto in camera

235


236


le attività sulle aree quali attività vengono svolte all’interno delle stanze e la loro estensione in base ai minuti di durata

237


i mq per attivitĂ

mangiare cucina soggiorno camera da letto 5,82 mq

lavorare cucina soggiorno camera da letto 21,85 mq

riordinare camera da letto 3,33 mq

238


svagarsi cucina soggiorno camera da letto 12,21 mq

rilassarsi soggiorno camera da letto 18,33 mq

lavarsi curarsi espletare bagno 1,79 mq

239


i mq per attivitĂ con gli arredi/oggetti

240


gli arredi/oggetti gli arredi considerati nelle interviste

241


gli arredi/oggetti gli arredi proporzionati in base alle percentuali di interesse nelle interviste

e fornello 32,4 % tavolo 27% tavolo e sedia 13,5% macchina del caffè 10,8% frigorifero e congelatore 10,8% lavandino 10,8% microonde 5,4% tostapane 2,7% f poltrona 2,7% g divano 27% h tavolino 5,4% i tv 2,7% l scrivania e sedia 16,2% m sedia 5,4% n letto 32,4% o scaffali/libreria 32,4% p vasca 8,1% doccia 19,6% q (bidet) r wc 16,2% s lavandino 16,2% specchio 16,2% mobiletto 2,7%

242


243


gli arredi/oggetti gli arredi e gli oggetti e le loro necessarie vicinanze e polarità per stabilire l’effettuarsi di un’attività

244


PROGRAM

06 MANIFESTO Rebus di parole e segni

245


246


247


248


249


250


PROGRAM

07 RIFERIMENTI Altre case ideali

251


Buckminster Fuller, Dymaxion house, 1929

252


Le Corbusier, Beistegui Apartment, 1931

253


Franco Albini Stanza per uomo, 1936

254


Mies Van de Rohe 50 x 50 house, 1951

255


Peter and Aliason Smithson, the House of the Future, 1956

256


Monsanto Coorporation, Casa del futuro, 1957

257


Kiyonori Kikutake, The metabolist sky house, 1958

258


Reiner Banham, A home is not a house, 1965

259


Superstudio, Monumento continuo, 1966

260


Joe Colombo, Casa personale, 1970

261


Ettore Sottsass, Environment, The New Domestic Landscape, 1972

262


Superstudio, An Alternate Model of Life on Eart, The New Domestic Landscape, 1972

263


Ugo La Pietra, House Environment, The New Domestic Landscape, 1972

264


Gae Aulenti, House Environment, The New Domestic Landscape, 1972

265


Joe Colombo, Total Furnishing Unit, The New Domestic Landscape, 1972

266


John Hejduk, disegno di casa, anni 70

267


John Hejduk, House of States of head, 1975

268


John Hejduk, esempio di Diamond House, anni 70

269


Hiromi Fujii, House within a house, Todoroki residence, 1976

270


Ugo La Pietra, La casa telematica, 1982

271


Gaetano Pesce, La casa pluralista, 1989

272


Shigeru Ban, The Naked House in Kawagoe, 2000

273


SANAA, Moriyama House, 2005

274


Doshi Levien, Das Haus, Imm Cologne, 2012

275


Junya Ishigami, A Kitchen, 2012

276


Junya Ishigami, House for a couple, 2013

277


278


PROGRAM

08 AT T O F I N A L E Un nuovo possibile paradigma dell’abitare in condivisione a Milano

279


280


281


282


283


284


285


286


287


288


289


290


291


292


293


294


RESOURCE

Marc Augé, Per un’antropologia della mobilità Il ragazzo di campagna, film con Renato Pozzetto, diretto da Castellano e Pipolo, 1984 Paul Virilio, Lo spazio critico Zygmun Bauman, La vita liquida Giandomenico Amendola, La città postmoderna Jean Baudrillard, Il sisitema degli oggetti Paul Virilio, Lo spazio critico Joan Ockman, Architecture Culture 1943-1968, Andrea Branzi, La crisi della qualità Bernard Tschumi, Architettura e disguinzione Maria Luisa Palumbo, New Wombes, Electronic Bodies and Architectural Disorders Lessons from Bernard Rudofsky, Life as a Voyage Michel Foucault, Utopie eterotopie Ettore Sottsass, Esercizi di viaggio Airbnb Pavilion, FULCRUM #96

09 BIBLIOGRAFIA Libri e riferimenti

295


296


RESOURCE

Toni e Tina per avermi sempre supportato e sopportato Monica ed Eugenio per aver fatto lo stesso Andrea per esser arrivato nelle nostre vite Fede per essere arrivato nella mia Vale e Sinem per essere state amiche e coinquiline preferite Lucia Roberto e Viola per essere stati i colleghi preferiti e pure amici grandi Ile Fra Stefy per essere amiche da lontano Ludo per essere da anni mia amica compagna di fatiche di risate di consigli Erica e Sara perchè anche se lontane rimaniamo sempre il gruppo longhi migliore Marti e Vichy perchè non sappiamo dove siamo a vicenda ma quando ci vediamo non cambia mai niente Alice per i suoi consigli di trucco e per costringermi a scegliere i film Elena Scquizzato per il supporto e per l’amore per il colore nero Alessandro Calabrese perchè è il mio amico Roberta Durante perchè scrive le poesie e la tengo sempre vicina a me Ascanio Sforza per aver ridotto le mie capacità di sopportazione a zero Beyoncé perchè senza il suo nuovo disco questa tesi non sarebbe mai finita via Savona 57 per avermi fatto da nuova casa Riopan per far sempre star meglio il mio stomaco i tramezzini i toast e gli hamburger le tisane

10 RINGRAZIAMENTI Persone e riferimenti

297


298

Profile for Gennaro  Postiglione

Squared square meters  

Squared square meters: Un nuovo possibile paradigma dell'abitare in condivisione a Milano, Laura Doardo (POLMI DEC2014).

Squared square meters  

Squared square meters: Un nuovo possibile paradigma dell'abitare in condivisione a Milano, Laura Doardo (POLMI DEC2014).

Advertisement