Issuu on Google+

LA VOCE DEL S@RRABUS COPIA GRATUITA

MENSILE DEL SUD-EST SARDO - anno III- numero XXVII - Giugno 2010 www.lavocedelsarrabus.it

Castiadas Pag. 10 Ottime prospettive per le attività turistiche della zona

Muravera Pag. 11 Gemellaggio con il paese di Bra grazie a progetto Ulisse

San Vito Pag. 12 Unione dei Comuni, varato il bilancio di previsione 2010

Villaputzu Pag. 13 Mattatoio sempre chiuso, protestano gli allevatori

Villasimius Pag. 14 «Capo Carbonara diventi sito d’interesse comunitario»

IL CASO. Una tempestosa seduta in Consiglio Comunale sancisce la frattura all’interno della maggioranza

Quintino Sollai “licenzia” Murgioni A Castiadas va in scena il ribaltone L’esponente del Pdl fiducioso: «Possibile una ricomposizione» PAG. 3 VIABILITÀ

APERTA DOPO LUNGA ATTESA, LA STATALE 125 DIMOSTRA TUTTI I SUOI LIMITI

Amministrative Pag. 4 Nessun consigliere provinciale per il Sarrabus Buccelli in lizza per la giunta

Amministrative 2 Pag. 5 Iniziate le grandi manovre per varare il nuovo esecutivo comunale di Muravera

Nuova Orientale con ingorgo incluso Delude il nuovo tratto della strada che colpiccole dimensioni e traffico impazzito nei lega il Sarrabus a Cagliari: due sole corsie di week-end estivi Servizio a pagina 4

-($16‡%$*6‡6+2(6

Maloccu Pag. 17 L’Aeroclub di Cagliari ai Comuni: «Disponibili a gestire il campo di volo»


2

La Voce del S@rrabus

PUBBLICITĂ€

0709931481 - lavocedelsarrabus@tiscali.it

Giugno 2010


Giugno 2010

0709931481 - lavocedelsarrabus@tiscali.it

PRIMO PIANO

La Voce del S@rrabus

3

CASTIADAS Il caso. Ribaltone in consiglio comunale dopo l’approvazione del bilancio di previsione con i voti dell’opposizione

«Voi mi state facendo terrorismo» Il sindaco ritira la delega a Murgioni di Sabina Sestu Il ribaltone è servito con tanto di schiaffo al neo-costituito gruppo consiliare del Pdl e all'ex sindaco storico del paese, Eugenio Murgioni, che è anche consigliere regionale, privato dal primo cittadino, Quintino Sollai, della sua delega di vice-sindaco e assessore all'Urbanistica. Il tutto sancito da un consiglio comunale tempestoso che ha ufficializzato una frattura nell'ormai ex-maggioranza, frattura che non si sa se, e in che modo, potrà essere ricomposta. Motivo di tutto questo sconquasso? Eugenio Murgioni ha promosso la costituzione del gruppo Pdl all’interno del consiglio comunale e i cui componenti, Murgioni compreso, in occasione della votazione del bilancio di previsione 2010, si sono, per così dire “eclissati”. «Avevamo altri impegni improrogabili», si sono difesi in aula. Mossa politica o semplice coincidenza? Fatto sta che quel bilancio è stato approvato con il soccorso dell'opposizione che ha accusato gli assenti di aver disertato l’importante appuntamento per giochi politici strategici. Ecco come si sono giustificati gli interessati: «Io per motivi personali dovevo partire – ha affermato Eugenio Murgioni avevo prenotato un viaggio per il 10 di aprile, convinto che la seduta per votare la previsione del Bilancio si sarebbe tenuta prima della mia partenza o subito dopo». Poi ha minimizzato l’accaduto. Per l'ormai ex-vicesindaco, infatti, non è successo niente di particolare, si è votato e il bilancio è passato. In quella seduta non ci sarebbe stata nessuna assenza strategica, tutti i consiglieri non presenti avevano

delle giustificazioni plausibili. Quintino Sollai, il sindaco del piccolo centro sarrabese, ha fatto notare che gli appuntamenti erano stati fissati precedentemente e nessuno degli assessori si era preso la briga di informare il consiglio dei propri impegni o di difficoltà per l’importantissima data stabilita. «Non potevo spostare il consiglio al 30 aprile – ha affermato infatti con decisione il primo cittadino di Castiadas – perché non si potevano materialmente convocare i consiglieri. Questo è il motivo per cui si è tenuto il 26 come precedentemente concordato. Mi sono trovato con pochissimi consiglieri di maggioranza e con tutti quelli della minoranza. Il numero legale c’era e il bilancio si è votato. Ringrazio la minoranza per questo». Il sindaco si è anche infastidito del fatto che, in quell'occasione, un consigliere di maggioranza si sia affacciato in sala consigliare per poi sparire.

L’opposizione, dal canto suo, si è scagliata contro la maggioranza, definita «incosciente». «Cinque assessori di maggioranza non erano presenti – ha asserito Piero Sanna, consigliere di minoranza - e noi per senso di responsabilità abbiamo votato il bilancio. Non vogliamo che ritorni il commissario prefettizio». L’assessore al bilancio Anna Virginia Bernardo si è sentita in dovere di precisare che la giunta in ogni caso non sarebbe caduta, in quanto il termine per la presentazione del bilancio di previsione è stata prorogata al 30 giugno.   «La mia assenza come assessore al bilancio è dovuta al fatto che ho capito male – si è difesa la Bernardo - io non sono mai mancata a questo tipo di votazioni, anche perché è l'atto più importante di una giunta comunale». «È facile fare terrorismo» ha proseguito la Bernardo rivolgendosi all’opposizione. Il sindaco le ha fatto notare che la

sua è stata una giustificazione assurda visto che aveva avuto regolare comunicazione scritta per la seduta: «Come mai non ti sei presentata?» le ha chiesto impazientemente senza ottenere risposta. «È un fatto politico creato dai cinque consiglieri assenti alla seduta più importante dell’anno – ha dichiarato Giorgio Melis, del gruppo di minoranza - qui ci vuole onestà intellettuale. Voi avete lasciato solo il sindaco. Non potete continuare a minimizzare su un fatto così grave». Dal canto suo, Eugenio Murgioni ha sì ammesso che in paese si è formato il Pdl Castiadas, ma niente più di questo. «Non si vuole soverchiare nulla – ha detto con decisione Murgioni – è un fatto politico che vuole rafforzare il sindaco Quintino Sollai e per accelerare la realizzazione del programma per il quale i cittadini ci hanno votato. Non c’è niente di particolare in tutto questo. Siete voi che avete approfittato di una nostra assenza per confondere le acque».  Immediata la risposta di Piero Sanna: «Sono cambiati gli equilibri politici - ha accusato -  Su undici consiglieri eletti in una lista civica cinque hanno formato un gruppo ben orientato politicamente. Si è voluta cambiare la motivazione che teneva in piedi la vostra coalizione. Voi avete cambiato la vostra strategia politica». La discussione si è protratta per oltre un’ora. Il sindaco ha ascoltato lo scambio di accuse all'interno dell'ormai ex maggioranza. È stata messa a votazione la revoca del mandato all’assessore Murgioni approvata grazie ai voti dell’opposizione e dei consiglieri di maggioranza esclusi dal nuovo gruppo. I cinque del Pdl si sono astenuti.

«Quello che succederà da qui in avanti non lo so – ha commentato Eugenio Murgioni al termine della seduta - La volontà è quella di cercare una soluzione con questa maggioranza che è stata votata dagli elettori. I cittadini che hanno partecipato al consiglio erano ansiosi di capire cosa stava accadendo. Questa seduta ha riportato al centro la verità dei fatti. L'opposizione ha fatto il suo gioco politico e dagli interventi dei consiglieri di maggioranza ho capito che c'è la volontà di trovare una sintesi verso una posizione costruttiva. Ora il pallino in mano ce l'ha in sindaco. E' lui che dovrà fare delle proposte che verranno valutate. Una cosa è certa: sia a me che al gruppo Pdl interessa solo il bene del paese e la realizzazione del programma».

La Voce del S@rrabus Associazione Radio La Voce editrice Presidente Don Emilio Manca DIRETTORE RESPONSABILE MICHELE GARBATO Capo Redattore Gianni Agus Redazione Sabina Sestu, Giancarlo Cuccu, Renzo Cuccu Hanno collaborato Stefania Cauli, Corrado Loi, Antonello Romano, Alessandro Bulla, Ignazio Monni, Mauro Murru, Stefano Galdi Foto Carla Scroccu, Alberto Masala Impaginazione e Grafica Simone Utzeri, Antonio Dentoni (grafico-voce@live.it) Telefono 0709931481 - 3939161711 E-mail lavocedelsarrabus@tiscali.it Internet www.lavocedelsarrabus.it Pubblicità 3479415600 Stampa Unione Editoriale S.p.A. Elmas Tiratura 8.000 copie

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Cagliari al numero 5/1995


4

La Voce del S@rrabus

SARRABUS

PROVINCIALI

0709931481 - lavocedelsarrabus@tiscali.it

Giugno 2010

VIABILITÀ

Elezioni. Nessun rappresentante della zona nell’assemblea della Provincia

Orientale Sarda. Pregi e difetti del tratto appena aperto

Sarrabus fuori dal Consiglio Nuova Statale 125 ma forse dentro la Giunta un’estate da caos Il Sarrabus rimane fuori dal Consiglio Provinciale. Nemmeno l’ottimo risultato in termini di voti ottenuto dai consiglieri uscenti Patrizio Buccelli (che correva per l’Udc) e di Gianfranco Piu (candidato per il Popolo delle Libertà) ha permesso di riconfermare la pur sparuta rapprsentanza sarrabese alla massima assemblea della Provincia di Cagliari. I ballottaggi in programma domenica 13 e lunedì 14 giugno, indipendentemente dal loro esito, non serviranno a cambiare la situazione. Un risultato, quello del voto di fine maggio, che lascia l’amaro in bocca. Patrizio Buccelli ha portato a casa 1548 voti, un ottimo successo personale, così come per Gianfranco Piu: il sindaco di Villaputzu ha totalizzato 1514 preferenze. Nello schieramento di centro-sinistra si sono ben comportati Vittorio Monni (UdsSocialisti) che ha portato a casa 1065 voti ed Elisabetta Valtan (PD). Quest’ultima ha conquistato 952 preferenze. Buon bottino anche per Mauro Enrico Vargiolu (PSd’Az): per lui 936 preferenze. Affermazioni personali anche per Lavinia Congiu dell’Mpa (522 voti) e Giorgio Melis dell’Idv) (343 preferenze) Soddisfazioni che però non sono state sufficienti per mettere piede in Consiglio. Alto astensionismo e frammentazione del voto sul banco degli imputati. Ma, nonostante ciò, esiste la possibilità che un sarrabese entri nella prossima giunta provinciale, ammesso che sia il candidato presidente della coalizione di centro-destra, Giuseppe Farris, a spuntarla. Patrizio Buccelli, forte del suo risultato elettorale, è seriamente candidato a entrare nel prossimo esecutivo: «Era difficilissmo convincere i cittadini a votare - ha dichiarato Buccelli L’astensionismo ha giocato un

Un momento dell’inaugurazione del nuovo tratto

brutto scherzo alle speranze di entrare in consiglio. Dal punto di vista personale, aver contribuito ad aver fatto diventare l’Udc il primo partito del collegio Villaputzu-Muravera è motivo di soddisfazione. Ora i partiti stanno trattando per la composizione della prossima Giunta: io credo che la zona avrà comunque un rappresentante all’interno dell’amministrazione, probabilmente

Ipse dixit Buccelli (Udc): «Buon successo personale. Potrei far parte del prossimo esecutivo provinciale» Valtan (Pd): «Contenta per i 952 voti. Il presidente Milia può recuperare svantaggio del primo turno»

il sottoscritto. Sono certo che l’Udc farà il mio nome». Sull’altro fronte, quello del centro-sinistra, parla Elisabetta Valtan: «La possibilità di entrare in Consiglio? Le mie possibilità sono molto esigue, nonostante il buon risultato elettorale - ha detto Valtan - Nel Sarrabus la tendenza è quella verso il centro-destra, io ero alla prima esperienza elettorale e mi sono dovuta confrontare con politici molto esperti, ma, nonostante questo sono ugualmente contenta dei 952 voti che mi hanno permesso di piazzarmi al quarto posto fra i candidati più votati. I ballottaggi? Tutto dipende dalle alleanze. Nonostante lo svantaggio del turno elettorale di fine maggio, Milia può recuperare. Un ruolo importante lo giocherà anche l’astensionismo, speriamo che i cittadini vengano a votare». Sul fronte dei risultati del primo turno elettorale, un buon successo lo ha ottenuto anche Indipendentzia Repubrica de Sardigan. Il movimento indipendentista ha candidato nel Sarrabus Elisabetta Pitzurra che è riuscita a conquistare 159 preferenze, l’1,54 per cento del totale, in linea con i sorprendenti risultati che il suo partito ha ottenuto in tutta l’Isola.

Quattro gallerie da attraversare, una delle quali risulta essere la più lunga di tutta l'Isola, quattro viadotti lunghi tra i 320 e i 540 metri e sospesi a un'altezza che in due occasioni raggiunge i 50 e i 60 metri ma solo due corsie e nemmeno tanto larghe. Alla faccia dei 63,70 milioni di euro spesi dall’Anas («è un'opera seguita interamente dal compartimento sardo dell'Anas - ha spiegato Giorgio Carboni, capo compartimento dell’Anas - per la quale sono state utilizzate tecnologie moderne e, soprattutto, impiegati solo operai sardi»). Una strada che nasce già vecchia e, se pur da un lato accorcia i tempi di percorrenza in direzione Cagliari (40-45 minuti da Muravera al Poetto, senza correre), dall’altro fa rimpiangere, durante il fine settimana, le curve della vecchia Orientale. La domenica sera, al termine di una bella giornata di sole, di quelle da “tutti al mare”, un serpentone interminabile di auto intasa il nuovo tratto all’incirca dall’uscita per Solanas fino alla rotonda de Is Canaleddus che riporta sulla litoranea per Villasimius, all’altezza di Cala

Regina, proprio là dove inizia il nuovo tratto dell’Orientale sarda. Che, al di là delle lunghissime code domenicali, una funzione l’avrà: «Opere come questa - ha commentato il presidente Cappellacci, che alla cerimonia di inaugurazione si è fatto sostituire dall’assessore ai Lavori Pubblici, Angelo Carta consentiranno alla Sardegna di recuperare il divario infrastrutturale rispetto ad altre regioni». Il nuovo tratto è lungo otto chilometri e 870 metri di strada a due corsie e i lavori per completare la nuova arteria non sono finiti: «Abbiamo investimenti in corso per 2 miliardi di euro - ha spiegato il capo compartimento Anas - Sui 117 chilometri della nuova Statale 125, ottanta sono già aperti al traffico, dieci lo saranno entro luglio, altrettanti sono in costruzione e 17 sono in progettazione». Il tratto che si prevede di aprire in estate è la “Variante esterna alla 554”, la strada a quattro corsie che oggi termina a Terra Mala. Il tracciato proseguirà sino alla vecchia 554 passando dietro il Simbiritzi. Più a nord, invece, apriranno altri dieci chilometri tra Tertenia e Tortolì.


Giugno 2010

COPERTINA

0709931481 - lavocedelsarrabus@tiscali.it

La Voce del S@rrabus

5

Muravera L’intervista. Il 21 giugno s’insedierà il Consiglio Comunale del dopo Piu, al timone c’è l’ex assessore allo sport e turismo

Marco Fanni è il nuovo sindaco Chiedo chiarezza e serenità di Gianni Agus Via Europa, palazzo municipale, piano secondo. Colpi di martello alla porta. E’ rotta, non si chiude. Gli operai del Comune sono al lavoro mentre il sindaco è seduto in quella che era la poltrona di Salvatore Piu. Camicia bianca, un po’ stordito, parla al telefono mentre un altro squilla – sempre un cellulare – e un terzo, quello fisso sopra la scrivania, prosegue il concerto. Marco Fanni, nuovo primo cittadino di Muravera, è molto impegnato. Sotto i suoi occhi c’è un foglio di carta, prende appunti, fa un elenco - forse il centesimo – di cose da fare. E’ un po’ come un alunno a scuola, il primo giorno: sta ancora metabolizzando uno dei suoi piÚ grandi successi, l’esser diventato sindaco del suo paese. Stordito e pimpante allo stesso tempo, entusiasta e determinato, pronto a mettere in moto la macchina per fare tanta strada. E adesso al volante c’è lui. Da assessore a sindaco. Come ci si sente? Anche se ho fatto l’assessore per dieci anni adesso le sensazioni sono completamente diverse. Non so come spiegarlo, posso dire che è una bella sensazione. La prossima tappa è la presentazione della nuova giunta... C’è tutto il passaggio di consegne da ultimare, gli adempimenti burocratici, Poi presenteremo la giunta lo stesso giorno dell’insediamento del consiglio comunale, il 21 giugno. A chi andranno i cinque assessorati? Non posso comunicarlo ora, non sarebbe giusto. Ho già le idee chiare ma prima dobbiamo confrontarci e discuterne tutti assieme. Posso dire che saranno prese in considerazione soprattutto le competenze di ciascuno oltre alle preferenze ottenute.

IL TOTO-GIUNTA

Manca vicesindaco e Marci al turismo

Il nuovo primo cittadino Marco Fanni e la sua probabile vice Noemi Manca

Il vicesindaco sarà una persona di assoluta fiducia? Tutti hanno la mia fiducia, allo stesso modo Non tutti, però, potranno fare gli assessori‌ SÏ, però tutti i consiglieri saranno impegnati perchÊ avranno delle deleghe. Nessuno resterà con le mani in mano. E quelli che son rimasti fuori, che non hanno preso le preferenze necessarie? Siamo un gruppo importante, tutti e 17, Mi auguro che anche i 5 rimasti fuori continuino a collaborare per la crescita del paese. Dopo gli adempimenti burocratici quali sono le prime emergenze, se ce ne sono, da affrontare? Sono tante le questioni da affrontare. Dobbiamo predisporre al meglio la stagione estiva, sistemare la polizia municipale, riorganizzare gli uffici. E soprattutto impostare un metodo di confronto continuo con i cittadini attraverso le consulte di quartiere.

Chiederà dei consigli all’ex sindaco, Salvatore Piu? Certo. Anzi, chiederò consigli a tutti Prima era un assessore in mezzo ad altri assessori che oggi, magari, faranno solo i consiglieri. Crede sia difficile gestirli, far capire che adesso lei è il sindaco? No, non credo proprio. Siamo una squadra unita e la cosa piÚ importante è la chiarezza e la serenità. Se ci sarà da usare il pugno duro lo userò. Accetterà le critiche, magari quelle della stampa? Senz’altro. Scrivetelo pure, mettetelo in evidenza: le critiche saranno sempre ben accette, soprattutto se di tipo costruttivo. Mi auguro solo non ci sia uno sparare al bersaglio senza alcun motivo. Il centro commerciale naturale di cui anche il Comune è socio è stato un errore. Il paese ha bisogno di questo centro? Il paese ne ha assolutamente bisogno. Ci sono stati degli errori, è

vero, ma adesso tutti assieme troveremo una soluzione per ricreare un centro commerciale. Aspetto di confrontarmi con i commercianti. Posso assicurare che si andrà avanti in questa direzione facendo tesoro degli errori commessi in passato. Lei è un imprenditore. Come gestirà il suo tempo adesso? Mi dimetterò da tutti gli incarichi societari che ho per dedicare le mie forze ad amministrare questo paese. Lei è stato rinviato a giudizio. I cittadini possono considerarla un sindaco al di sopra di ogni sospetto? Ci tengo a sottolineare la separazione netta tra pubblico e privato. Le questioni giudiziarie riguardano esclusivamente la mia attività di imprenditore privato, nulla hanno a che fare con il Comune. Ma da un punto di vista morale è difficile separare le due cose‌ Soltanto chi non fa mai nulla non commette errori. La cosa importante è non sottrarsi alle proprie responsabilità.

Giunta pronta, o quasi. Il sindaco ha le idee chiare: gli assessori verranno scelti in base alle competenze e alle preferenze ottenute. Vediamo allora quali potrebbero essere gli incarichi. Come vicesindaco, nonostante la giovane età, potrebbe essere nominata Noemi Manca, la piÚ votata in assoluto con 185 preferenze. A lei potrebbe andare anche l’assessorato alla cultura e alla pubblica istruzione. Al turismo, sport ed ambiente potrebbe andare Marco Marci, l’assessore uscente piÚ votato ed uno fra i piÚ esperti in materia. Un posto in giunta anche per Marco Falchi (potrebbe gestire i servizi sociali), il secondo piÚ votato con 175 preferenze. Per gli ultimi due posti in lizza Claudio Concas (urbanistica o lavori pubblici), Dario Mura e Francesco Todde con l’ultimo favorito per la gestione del bilancio. Difficile ipotizzare new entry anche perchÊ, come ha spiegato il sindaco Marco Fanni, per gli altri – normativa permettendo – ci saranno comunque delle deleghe. C’è poi da eleggere il nuovo presidente della Pro Loco, Noemi Manca infatti riveste il ruolo di consigliere (e assessore) e adesso risulta incompatibile. Nomina che dovrà avvenire attraverso i voti dei soci convocati regolarmente in assemblea. Nel programma della nuova amministrazione anche alcune commissioni consiliari. Incarichi per tutti insomma, opposizione

di Ignazio e Marco Cell. 393.2226542 - 393.2226152

%$5s7$%$&&+,s3,==(5,$ 61$&.s%,67(&&+(5,$ /RF6DQ*UHJRULR66.P7HOs%XUFHL9LD5RPD


6

La Voce del S@rrabus

PUBBLICITĂ€

0709931481 - lavocedelsarrabus@tiscali.it

Giugno 2010


Giugno 2010

0709931481 - lavocedelsarrabus@tiscali.it

IL PUNTO DI VISTA

La Voce del S@rrabus

7

LA STORIA Racconti. Un prete, un padre (ateo) e quel figlio abortito e mai morto

L’indimenticabile, la profondità la coscienza in un incontro inatteso È un uomo sulla quarantina, elegante e triste. Mi accorgo che desidera parlarmi e lo incoraggio, salutandolo per primo. “Posso?”, chiede gentilmente mettendosi al mio fianco. “Le dico subito, reverendo, che sono ateo. La fede non esercita alcun fascino su di me. Vorrei chiederle un consiglio per un dramma che mi porto dentro e di cui non riesco a liberarmi. Si tratta di un aborto, effettuato dalla mia ragazza con il mio consenso, quindici anni fa. Ci sembrò, allora, l’unica cosa logica da fare per una gravidanza non voluta. A dire il vero non ci pesò granchè. In seguito ci lasciammo. Oggi sono padre di due splendidi bambini avuti dalla mia attuale moglie. Il pensiero di quel bimbo che non facemmo nascere, però, mi perseguita. Come un fantasma si presenta ogni qualvolta accarezzo e gioco con i miei piccini. Cosa posso fare per quel figlio che non volemmo accogliere?”. Sono preso alla sprovvista. Non pensavo che questo distinto signore volesse parlarmi di un vecchio aborto procurato. Passeggiando, ci dirigiamo verso la campagna. Non capisco perchè si rivolga ad un prete un uomo che dice di non credere. L’onestà

mi obbliga a non fare sconti, a costo di essere spietato; e la carità mi chiede di aiutarlo a ritrovare la serenità perduta. “non le nascondo che mi trova impreparato – spiego -. Se fosse un credente le direi che Dio conosce il suo dolore e le offre il per-

dono; che Gesù ha promesso agli uomini – anche al suo bambino – la vita eterna; che un giorno lo ritroverà nel cielo dove fu accolto nel momento del rifiuto. Le direi anche che la persona con cui parla stamattina, un semplice prete, porta con sè un potere

La lettera. Contrasti in famiglia, un consiglio per dirimerli

Com’è difficile vivere insieme capiamo anche chi sta con noi Gentilissimi genitori Lasciate che, mai come questa volta, vi parli con il cuore. Il cuore mi porta a dirvi “Grazie!” perchè anche in questo mese accogliete con amore questa semplice lettera. Il cuore mi porta a sognare e a pregare perchè nella vostra famiglia non vi siano mai crisi di cuori. Se ciò avvenisse, sarebbe davvero triste! Che importa avere la casa superaccessoriata, con tanto di elettrodomestici, di televisione a colori, di apriscatole, di tritatutto, di tappeti... se poi in essa si urla per nulla, si fa il broncio, non ci si parla...? Per non essere lungo ed annoiarvi, vi dico subito che le famiglie si ammalano perchè ognuno ruota attorno a se stesso, chiuso in se stesso, senza pensare agli altri, senza mettersi dal punto di vista degli altri. Invece, se ognuno si trasferisse nell’altro, l’aria di casa cambierebbe

da oggi a domani. Facciamo qualche esempio. Se il marito si mettesse dalla parte della moglie, allora non allagherebbe più il bagno ogni volta che fa la doccia; non lascerebbe più gli abiti disseminati qua e là quando si spoglia; non dsi disinteresserebbe più delle faccende domestiche; non penserebbe ai figli solo quando il campionato di calcio è finito..., perchè sa che tutte queste cose non piacciono alla moglie. La moglie, da parte sua, se si mettesse a vivere dal punto di vista del marito, non accoglierebbe più con un fiume di parole quando ritorna dal lavoro; non impiegherebbe più di un’ora, prima d’essere pronta ad uscire; non farebbe più chiacchierate infinite al telefono..., perchè sa che tutto questo non piace al marito. E i figli? Anche i figli cambierebbero, se si mettessero dalla parte dei genitori. Allora non considererebbero più la

madre come una serva e il papà come un portafoglio; non negherebbero loro le parole che abbracciano e compensano i tanti sacrifici: “Grazie”, “Ciao”, “Scusa”, “Torno presto”... Ecco l’aria di casa cambiata; ecco una famiglia dove non si vive più solo “accanto” gli uni agli altri come le sedie, ma si vive “insieme”, con la mente e i cuori intrecciati. Vogliamo provare la terapia del “trasferirsi nell’altro” per far fare un salto di qualità alla nostra famiglia, per renderla ancora più viva, più tonica? E’ ciò che auguro a tutte le famiglie della parrocchia. Con grande desiderio che in ogni casa vi sia sempre calore, anche con i termosifoni spenti, vi saluto con tanta simpatia e con tanta cordialità, cioè – lo dice la parola – con tanto cuore. Con cordialità! Il vostro parroco – Don Emilio

immenso, smisurato, incredibile, che potrebbe darle tanta pace. Parlo della confessione: un balsamo potentissimo che lenisca le ferite nascoste e dia la certezza che Dio ha perdonato il peccato commesso. Potrei dirle ancora tante cose. Lei, però, non crede, e io non so trovare parole di conforto senza rischiare di essere banale. Il suo cuore lacerato è un cuore nobile se ancora piange per un aborto di tanti anni fa. Le potrei consigliare di fare volontariato a favore della vita nascente, o impegnarsi nelle adozioni a distanza per aiutare i piccoli africani a non emigrare. Potrei anche invitarla a donare qualche ora della sua giornata ai bambini più sfortunati della mia parrocchia. Codesti rimedi le darebbero un pò di sollievo. Ma lei mi chieda cosa si può fare per quel bambino abortito, per quel figlio trascinato via senza il suo consenso. Lei vuol mettere a tacere la vocina fastidiosa che la inquieta quando accarezza i suoi figlioli, e questa impresa è ardua. Lungi da me il tentativo di infierire sul suo dolore, ma l’unica cosa certa è che il suo bambino andò via per sempre, quella mattina di tanti anni fa. Via senzqa lasciar

tracce. Sotto gli occhi e con il consenso di chi lo aveva chiamato al mondo...”. Passeggiamo ancora senza dirci niente. Un ateo e un prete. Un uomo che crede che sia vuoto il cielo, e un altro che ha scommesso la sua vita su Colui che lo abita. Un ateo che sente il bisogno di raccontare la sua angoscia a un prete. Una storia tenuta in cuore e mai raccontata prima. Un prete che raccoglie e fa suo il grido di questo sconosciuto. Due uomini che si incontrano per caso – ma esiste il caso? – e sentono di essere fratelli. Quante vittorie sbandierate sul fronte dell’aborto! Quanti inni alla libertà, pagata con il sangue dei più deboli e indifesi. Chi trovò costui a consigliarlo allora? Chi si è fatto carico del tormento di questo padre allora mancato? Intervenire su una donna per eliminare il figlio che non vuole ormai è tanto facile e banale. Più difficile è ritrovare, poi, la serenità perduta. Ce lo insegna quest’uomo che non crede, al di sopra quindi di ogni sospetto. Quindici anni son bastati per far tacere la voce di quel bambino che non vide il sole. Un bambino che ancora non vuol morire.

FESTE RELIGIOSE

Corpus Domini, ricorrenza che coinvolge sempre di più la cittadinanza Domenica 6 giugno scorso... come oramai da tanti anni, l’intera comunità muraverese ha festeggiato il “corpus domini”. Questa ricorrenza sta risultando particolarmente sentita dalla collettività del centro sarrabese che sempre più numerosa partecipa alla liturgia eucaristica e alla processione che si snoda lungo le vie del centro abitato. Quest’anno, particolare curioso, è stato l’allestimento delle “cappelline”, preparate con cura dagli abitanti dei diversi

rioni interessati dal passaggio della processione, che si sono impegnati a lungo per rendere onore al “corpo del Signore”. Come sempre non poteva mancare l’allestimento de “sa rammadura”, lungo le vie del paese, trasformate per l’occasione in veri e propri prati di mille colori che hanno reso l’atmosfera particolarmente suggestiva, soprattutto durante il passaggio della processione che mai come quest’anno è stata così partecipata.


8

PUBBLICITĂ€

La Voce del S@rrabus

/

"

Giugno 2010

0709931481 - lavocedelsarrabus@tiscali.it

& 2 4 . , 0$

.

'+

#

* # #

8

,&-

)

.

)

/ 0

')

'

** *

"

0

'

+$

4 **

. ,&-

.

2

*

$

& % !

%

(+

' #

#

! "

& 2

#

,

##

#$

4 ** .-,

0

2 *

%

'(

&

& 2 .-,

%

&-. " & &

2 *

%

,

3 *

1# '0

* *

6 7

5

* "

** !

, #(

# $$

1 #

*


Giugno 2010

La Voce del S@rrabus

0709931481 - lavocedelsarrabus@tiscali.it

Amministrative. Ignazio Monni, Maria Clotilde Scalas, Enzo Monni e Giovanna Zuncheddu forse in Giunta

9

La notizia

Giuseppe Caria riconquista il Comune

Poche ciliegie, la sagra è Provincia, Vittorio Monni spera nel “ripescaggio” per il Consiglio stata annullata di Francesco Monni Anche Burcei è tornata al voto per eleggere il nuovo consiglio comunale che dovrà governare il paese per i prossimi cinque anni. Dopo una campagna elettorale lunghissima la popolazione ha rieletto Giuseppe Caria, dando fiducia alla coalizione che lo ha sostenuto. Per Caria si tratta del secondo mandato consecutivo dopo la vittoria ottenuta alle precedenti elezioni amministrative tenutesi nel 2005. La lista capeggiata dal Sindaco in carica ha avuto la meglio sulle altre tre liste presenti in campo, racimolando un numero di preferenze pari a 903. Seconda si è classificata la lista capeggiata da Paola Zuncheddu, che ha avuto un numero di preferenze pari a 379, mentre terzo si è posizionato Antonio Monni, con un numero di voti pari a 317. Quarta, con un numero di preferenze pari a 217, si è infine posizionata la lista capeggiata dall’attuale Vice Sindaco Giovanni Battista Lobina. Alto anche il numero dei votanti, pari a 1876, a dimostrazione di un grande interesse, da parte della popolazione, per questa competizione elettorale. In Consiglio comunale, inoltre, nelle fila della minoranza, (oltre ai capolista

Monni, Zuncheddu e Lobina), siederà anche Giuseppe Serra, il più votato, con 51 preferenze personali, nella lista guidata da Paola Zuncheddu. Nei banchi della maggioranza siederanno, invece, i seguenti eletti: Ignazio Monni, Enzo Monni, Maria Clotilde Scalas, Giovanna Zuncheddu, Daniela Zuncheddu, Francesco Pisu, Francesco Urru e Marcello Malloru. Per quanto riguarda la nuova Giunta essa dovrebbe quasi certamente essere composta da Ignazio Monni, Maria Clotilde Scalas, Enzo Monni (unico consigliere “reduce” dalla precedente esperienza amministrativa) e Giovanna Zuncheddu. Tanti i problemi ancora sul

campo che il paese si attende vengano immediatamente affrontati. La conferma di Caria, infatti, viene letta come una possibilità, per il Sindaco e la sua amministrazione, di proseguire sin da subito il lavoro iniziato nei precedenti cinque anni di governo. E’ quello che si attende tutta la popolazione dopo una campagna elettorale, che per fortuna, non ha mai travalicato il limite di un confronto civile tra i contendenti. Nella stessa data si sono svolte anche le elezioni per il rinnovo del Consiglio Provinciale di Cagliari in cui erano presenti anche due candidati locali. Per la lista Sardegna Unita, collegata al candidato Presidente

Giuseppe Farris, è sceso in campo Vittorio Monni, mentre con i Rosso Mori (lista collegata con il candidato Presidente Graziano Milia) correva Antonio Monni. Il primo ha avuto un numero di preferenze pari a 1065, raggiungendo una percentuale di voti pari al 10,34% nella circoscrizione del Sarrabus, che gli ha consentito di essere il più votato all’interno del suo partito. Ora l’eventuale elezione è legata all���esito del ballottaggio che si terrà il 13 e 14 giugno. In caso di vittoria di Farris, infatti, anche Burcei potrebbe avere un proprio rappresentate tra i banchi del prossimo Consiglio Provinciale. Antonio Monni, invece, consigliere provinciale uscente, ha avuto un numero di preferenze pari a 370 complessive che non gli hanno consentito di essere confermato nuovamente tra i banchi del prossimo Consiglio Provinciale. Con queste votazioni termina una campagna elettorale lunghissima, partita già alla fine del 2009. Ora si aspetta l’insediamento della nuova Giunta Comunale. La popolazione si aspetta che la maggioranza inizi immediatamente il proprio lavoro, puntando al miglioramento delle condizioni socio-economiche di tutta la comunità.

Niente ciliegie e, quindi, niente sagra. Quest’anno la produzione del prelibato frutto, a causa delle avverse condizioni atmosferiche, è stata praticamente nulla. Il Comune, comunque, in collaborazione con i Comitati di S.Barbara 2010 e 2011 e le associazioni di volontariato di Burcei ha organizzato, lo scorso 5 giugno, una manifestazione di degustazione dei prodotti tipici locali, particolarmente gradita dai visitatori. (f.m.)

Loc. Marina di San Giovanni Muravera Bar Marina Giò - Tel 334 2456207 Marco e il suo staff, vi aspettano anche quest’anno al Bar, Pizzeria, Paninoteca Marina Giò, dove potrete trascorrere il vostro tempo nella nostra meravigliosa terrazza sul mare ascoltando tanta bella musica e giocando a biliardino, freccette, oppure con i nostri giochi da tavolo. Potrete assaporare le nostre magnifiche coppe gelato, oppure, degustate i nostri antipasti misti e le nostre pizze preparate per voi sia a pranzo che a cena. Per i nostri piccoli clienti organizziamo, feste di compleanno e tanti gustosissimi rinfreschi adatti a qualsiasi occasione! Inoltre in previsione dei mondiali di calcio, quest’estate proietteremo per voi tutte le partite previste, potrete godervi così lo spettacolo delle grandi squadre seduti al fresco vicino al mare per poter gridare tutti assieme “Forza Azzurri”. Non aspettare, vieni a trovarci per scoprire tutte le nostre specialità... Ti aspettiamo!!!

RISTORANTE PIZZERIA RISTORANTE SUL MARE

Aperto tutti i giorni Ristorante Pizzeria Marina Giò - Tel 333 9860200

A pranzo menù turistico € 12,00

info@marinagio.it www.marinagio.it


10

La Voce del S@rrabus

0709931481 - lavocedelsarrabus@tiscali.it

Giugno 2010

Turismo. Ottime prospettive per Castiadas e l’intera costa sud-orientale

Calcio e dintorni

Estate all’insegna dell’ottimismo piÚ prenotazioni rispetto al 2009

Il paese unito: ÂŤPronti per la storiaÂť

C’è un moderato ottimismo tra gli operatori turistici di Castiadas e dell'intera costa sud orientale per l’andamento della stagione 2010 che sta cominciando ad entrare nel vivo. Le aspettative del mondo del turismo sono tante.  I primi test di bassa stagione sono considerate positive e lasciano ben sperare per l’immediato futuro. L’obiettivo è confermare il risultato splendido dello scorso anno, in assoluto il piÚ positivo di tutta la regione. Nelle strutture ricettive del sud-est, comprese quelle di Castiadas, c’è stato, infatti, un aumento sia degli arrivi che delle presenze, nonostante la grave crisi economica. Secondo uno studio che è stato fatto dai piÚ importanti tour operator stranieri e italiani, la costa sud orientale, anche quest’anno, è una delle mete piÚ ambite e desiderate da chi si propone di andare in vacanza. La bellezza dell’entroterra, il mare cristallino, la qualità delle strutture e dei servizi, oltre ai prezzi contenuti, costituiscono

C’è grande attesa a Castiadas, il piÚ piccolo dei paesi del Sarrabus, poco piÚ di 1.400 abitanti, per la finalissima di ritorno dei playoff nazionali di Eccellenza che il Castiadas disputerà domenica a Muravera contro il Cesenatico.  L’entusiasmo dei tifosi castiadesi è alle stelle e gli spalti del comunale di Muravera domenica saranno stracolmi come mai. C’è grande ottimismo e fiducia. Tutti sono convinti che il traguardo della serie D possa essere raggiunto. Un obiettivo impensabile sino a 4 anni fa. La squadra del Sarrabus giocava, infatti, nel campionato di seconda categoria. La presidenza di Saverio Onano ha portato nella società una mentalità vincente. Il punto di forza della nostra squadra - sottolinea il direttore sportivo Giuseppe Onano - è il gruppo che si è ben amalgamato e sa lottare impegnandosi sempre allo spasimo. L’altro punto di forza e la solidità della società che non ha mai fatto colpi di testa e ha agito sul mercato sempre con oculatezza facendo i passi in base alle disponibilità finanziarie reali. (a.b.)

un grande richiamo per i turisti. Il consorzio operatori turistici di Costa Rei, Castiadas, Muravera e Villaputzu, ha svolto una campagna promozionale che potrebbe dare buoni frutti. Le attuali prenotazioni sono infatti superiori a quelle dello scorso anno. Vi è un

consistente aumento della domanda straniera (Regno Unito, Germania, Spagna, Paesi Scandinavi) attribuibile all’aumentata offerta di collegamenti aerei diretti. Uno degli obiettivi è anche quello di migliorare la percentuale di utilizzo delle strutture

ricettive che lo scorso anno è stata del 42,43 per cento. In ripresa è anche il mercato delle seconde case che nel 2007 e 2008 ha attraversato un periodo difficile. Si prevedono buoni affari sia per gli agriturismo che i bed end breakfast. (a.b.)

FARMACIA PIREDDA D.ssa Piredda Luciana

INFANZIA DERMOCOSMESI SANITARIA FITOTERAPIA OMEOPATIA VETERINARIA ORTOPEDIA CONSULENZE LOC. OLIA SPECIOSA ¡7HO)D[HPDLOOXFLDQDSLUHGGD#WLVFDOLLW‡&267$5(,9LD,FKQXVDVQF7HO)D[


Giugno 2010

La Voce del S@rrabus

0709931481 - lavocedelsarrabus@tiscali.it

La notizia. Nove ragazzi partiranno dal Sarrabus per uno stage in aziende agricole

11

Comune. L’amministrazione spenderà 130mila euro

Bra-Muravera, gemellaggio Piano di valorizzazione grazie al progetto “Ulisse” di territorio ed arenili Bra-Muravera, dal Piemonte alla Sardegna un progetto che vuole unire le due città, favorendone la reciproca integrazione. Centro della storica regione del Sarrabus, Muravera, a sud della Serdagna, con i suoi 5.150 abitanti, un rapporto con la città della Zizzola ce l’ha da tempo. I ragazzi della cittadina sarda hanno frequentato più di una volta le Casermette di Pian del Re. Qui ad accoglierli gruppi di volontari che hanno fatto loro conoscere le meraviglie della Granda. Ma anche i ragazzi di Bra hanno potuto godere delle bellezze della Sardegna: lo scorso anno sono stati ospiti di una casa parrocchiale di Muravera. Un rapporto, quello con la città sarda, ricco di amicizia, di voler fare qualcosa insieme. Tra i volontari braidesi coinvolti a Pian del Re, Tony Dellavalle, un vulcano di altruismo e idee. Ed è proprio lui che una famiglia di Muravera ha voluto come padrino dell’ultimo nato. Durante i suoi soggiorni nella cittadina sarda, Tony si è guardato attorno, ha visto una realtà economica povera, ragazzi senza speranza di un futuro lavorativo. Non ci ha pensato due volte: bisogna far vivere a questi ragazzi esperienze positive che riescano a ridare loro il senso del lavoro e del futuro. “Ulisse”: è il nome del progetto ideato dal volenteroso braidese. Un progetto ampio ed ambizioso. Ha contatto le scuole di Muravera per coinvolgerle in questo percorso, le amministrazioni comunali e poi, tornato a Bra, si è messo subito alla ricerca di volontari disposti a credere nel suo progetto. Nove ragazzi partiranno dalla Sardegna per uno stage lavorativo sotto la Zizzola. Bisognava però anche trovare le aziende disponibili. “Le volevo con caratteristiche particolari – spiega Tony – e le ho trovate”. Sono aziende agricole del territorio che faranno lavorare i ragazzi, spiegando loro l’ABC del lavoro in campagna. Questo il primo anno, ma non ci si ferma qui. Il secondo anno i ragazzi faranno esperienza in un altro settore e il terzo in un altro ancora, fino ad arrivare al quarto anno pronti per uno stage all’estero. Torneranno nella loro Sardegna con un arricchimento, quello di un’esperienza lavorativa positiva: “Vedranno il frutto

Costerà 130mila euro il piano di valorizzazione e di riqualificazione urbana del territorio e degli arenili nel comune di Muravera. Prevista la sistemazione e alla manutenzione delle stradine panoramiche e di accesso al mare a ridosso delle spiagge per favorire l'accessibilità pedonale e ciclabile. Saranno eseguiri anche interventi di manutenzione del verde a Costa Rei. In programma pure la manutenzione della viabilità pedonale esistente e la realizzazione di piccole opere di protezione ai marciapiedi e interventi di miglioramento delle condi-

zioni di accessibilità, di pulizia periodica dei litorali e della fascia costiera per una estensione di circa 25 chilometri. Il progetto prevede pure la pulizia, il taglio e la potatura della vegetazione presente nel Rio Prumareddu e la sostituzione completa degli accessi agli arenili per disabili realizzati in legno. Garantita infine la pulizia e la raccolta di eventuali cumuli di rifiuti di giardinaggio depositati su strade e aree pubbliche, la bonifica di cumuli di rifiuti ingombranti e inerti e di giardinaggio depositati su strade e aree pubbliche.

Inaugurato il nuovo centro giovani del paese delle loro fatiche – dice Tony che ci tiene a precisare – ho chiesto alle aziende di farli lavorare molto, come si usa fare in campagna, perché apprezzino al termine il frutto della loro fatica e capiscano che il lavoro, fatto con impegno, porta frutti”. Fin qui è già un bel progetto, ma “Ulisse” vuole di più: il progetto si deve autofinanziare. Come fare? Anche qui l’ingegno di Tony non si è fermato: facciamo una cooperativa sociale. Spiega: “Le famiglie che aderiscono versano un contributo di 300 euro che verrà loro restituito in merce. Potranno decidere se frutta, verdura, vino. Dal Piemonte porteremo i nostri formaggi, i nostri vini, prodotti che nell’isola non vengono coltivati, così come dalla Sardegna potremmo porta-

re a Bra frutti che vengono coltivati nell’isola”. L’ambizioso progetto è stato presentato in un modo particolare. Sono stati invitate famiglie di braidesi alla tenuta di “Palazzo Rosso”. C’erano tutti, bambini, ragazzi, adulti e qualcuno con qualche anno in più. “Questa scelta – ha detto Tony – perché dobbiamo riprendere le vecchie tradizioni di incontrarsi a mangiare un boccone tutti insieme, compresi i bambini perché anche loro possano ascoltare. Dobbiamo ritrovare la gioia dello stare insieme, chiacchierando e mangiando pane e salame, per arrivare ad aiutarsi nei momenti di difficoltà. Questa credo sia proprio la chiave vincente per superare i momenti di crisi: aiutarsi a vicenda”.

E' stato inaugurato il nuovo Centro Giovani del paese. Si trova presso il 2° piano dello stabile comunale delle scuole medie. Il centro è dotato di una sala prove

musicale, una sala cinema ed un internet point gratuito. Il servizio è rivolto a tutti i ragazzi di Muravera di età compresa tra i 13 e i 29 anni.


12

La Voce del S@rrabus

0709931481 - lavocedelsarrabus@tiscali.it

Giugno 2010

Oratorio

La notizia. Due milioni e 800mila euro per l’impianto di compost a Villasimius

Appuntamenti

Unione dei Comuni del Sarrabus varato il bilancio di previsione

Solenne festa Gara canora per San Vito per i piccoli di San Vito Martire

Tempo di manovra finanziaria anche per l’Unione dei comuni del Sarrabus. L’organismo che vede consorziate, per la gestione di alcuni servizi, le amministrazioni di Muravera, Castiadas, San Vito, Villaputzu e Villasimius, porterà in Consiglio il bilancio di previsione 2010. Le linee di indirizzo della manovra, in realtà, sono già state definite e prevedono novità per i residenti dei cinque Comuni interessati. «Dopo la firma dell'Accordo di Programma con la Provincia - dichiara Patrizio Buccelli Presidente dell'Unione dei Comuni del Sarrabus - manderemo avanti la spendita dei 2 milioni e 800 mila euro ci consentirà di potenziare il nuovo impianto di Villasimius per la produzione di compost di qualità ma soprattutto consentirà ai nostri comuni di ottenere un benefico effetto sulla riduzione dei costi di smaltimento e di trasporto che attualmente sono molto onerosi, in quanto l’umido non sarà più conferito a Villacidro». «Abbiamo già stanziato le somme necessarie per la predisposizione di un unico Piano di Protezione Civile per tutti e cinque i

San Vito festeggia il Santo Patrono. Il prossimo 15 giugno, si celebra San Vito Martire, a 1707 anni dal martirio, con la Santa Messa alle ore 19 presso la parrocchia, preceduta dal cosiddetto triduo di preparazione da sabato 12 a lunedì 14 con la tradizionale cerimonia de S’intregu del Comitato. La processione storica per le vie dell’abitato sanvitese, avverrà domenica 20, alla presenza delle associazioni civili e religiose, gruppi folk, suonatori di launeddas, cavalieri, concludendo con la benedizione eucaristica. Il programma civile della festa, prevede invece sabato 19 giugno alle ore 22 musica etnica con Istentales, mentre domenica 20 alle ore 22.30 musica di ogni genere con il gruppo Ipotesi. Nel 2003, in occasione del 1700° anniversario del martirio del Patrono, una statua raffigurante San Vito è stata posta all’ingresso del paese, proprio per ricordare un momento così importante per il centro sarrabese. (s.g.)

Parla il presidente «Pronti i fondi per Piano Unico Protezione Civile»

Comuni del Sarrabus - evidenzia il Presidente Buccelli - Con il Piano saranno individuate le principali criticità presenti sul territorio, in particolare gli eventi idrogeologici ed il censimento delle risorse disponibili per fronteggiare tali eventi, unitamente alle modalità di coordinamento tra i Comuni e gli altri soggetti coinvolti nel sistema di protezione civile».

Tutte le camere con

Un momento della premiazione

Ventidue i bambini, lo scorso 5 giugno, si sono esibiti con quattordici canzoni all'oratorio parrocchiale. L’iniziativa è stata del Circolo ANSPI. San Giovanni Bosco di San Vito. Al termine, le giovani promesse musicali sono state giudicate da una giuria che ha premiato le canzoni vincitrici. “Domo Mia” cantata da Noemi Atzeni, ha conquistato il primo posto, mentre “Mamma fammi tante coccole” cantata da Ludovica Pisanu e Liliana Galdi il secondo e la piccola Carolyn Lai il terzo con “Le tagliatelle di Nonna Pina”. (s.g.)


Giugno 2010

La Voce del S@rrabus

0709931481 - lavocedelsarrabus@tiscali.it

Il caso. Gli operatori del settore sono costretti ad “emigrare” ad Esclalaplano

13

Il test. Protestano ambientalisti e pacifisti

Il mattatoio è sempre chiuso Motore Zefiro 9 protestano gli allevatori la prova è riuscita di Alessandro Bulla Il mattatoio comunale continua ad essere chiuso nonostante le continue proteste degli allevatori e dei macellai. La struttura, unica in tutto il territorio del Sarrabus e del Gerrei, gestita da un privato, aveva sospeso le attività il primo gennaio per consentire la realizzazione di «necessari e inderogabili lavori» sollecitati dal servizio veterinario dell’azienda sanitaria otto di Cagliari, richiesti dopo un sopralluogo. Il gestore, che afferma di pagare un canone annuo «molto oneroso», ha chiesto al Comune, proprietario della struttura, di eseguire i lavori, il cui costo complessivo si aggira intorno ai sessantamila euro. Oltre alla manutenzione ordinaria, il servizio veterinario ha imposto la sistemazione della gabbia dei bovini e l’acquisto di due nuove pistole per l’abbattimento degli animali. Il mattatoio di Villaputzu, abilitato per macellare 20 bovini alla settimana, ha ottenuto a fine dicembre dello scorso anno il “numero Cee” che consente di esportare in tutti i paesi dell’Unione europea le carni macella-

te. Negli ultimi due anni le macellazioni venivano effettuate solo una volta alla settimana, il martedì.  La maggiore attività si è sempre svolta nel periodo estivo e per le festività pasquali e natalizie. Attualmente gli allevatori e i macellai del territorio sono costretti a servirsi dei mattatoi di Escalaplano, Nurri e Selargius. «I costi della macellazione sono notevolmente aumentati - dice un allevatore che chiede di mantenere l’anonimato - i nostri ricavi già non renumerativi sono notevol-

mente diminuiti. Ci auguriamo che chi di dovere si adoperi per sistemare il mattatoio e consentire così la sua riapertura. I politici del territorio, ai quali abbiamo chiesto di intervenire per perorare la nostra causa, non si sono affatto interessati e non hanno fatto niente. Se la situazione non si dovesse sbloccare organizzeremo delle clamorose manifestazioni di protesta. E avremo sicuramente l’appoggio della popolazione del bacino di utenza del mattatoio» .

Immobiliare

E' perfettamente riuscita la terza prova di funzionamento del propulsore “Zefiro 9”, il razzo progettato per il trasporto, in orbite basse o polari, di piccoli carichi (tra i 300 e i 2000 chili). Il test era in programma nel distaccamento a mare di Capo San Lorenzo del poligono interforze del salto di Quirra. Le prove precedenti di accensione si erano svolte, sempre nel poligono sardo, il 20 dicembre del 2005 e il 27 marzo del 2008. La prima si era risolta con un grande successo. Il secondo test, invece, era stato negativo. Quella svoltasi recentemente nel poligono di Capo San Lorenzo, rappresenta il terzo stadio del vettore aerospaziale che sarà utilizzato dall’agenzia spaziale europea per il trasporto e la manutenzione dei satelliti che orbitano attorno alla terra. Un progetto il cui sviluppo tecnico è affidato alla Elf, società partecipata dall’italiana Avio e dall’Asl. Il test ha avuto una durata complessiva di 120 secondi. Ampiamente soddisfatti i tecnici dell’Avio spa. La prova ha infatti consentito di raccogliere i dati balistici fondamentali per valutare la rispon-

Finimm Agency Di Gianluca Crisci

denza alle richieste del progetto propulsore. Il test è stato contestato dalle dalle associazioni pacifiste e ambientaliste del territorio: «Grazie al silenzio complice e consapevole delle autorità politiche e sanitarie che in teoria dovrebbero tutelare la salute della popolazione - si legge in una nota dei pacifisti - è stato commesso un delitto in pieno giorno. Ancora una volta decine di tonnellate di combustibile sono state bruciate in un centinaio di secondi producendo nuvole di fumi che si sono diffuse per chilometri, avvelenando lentamente le persone e il territorio circostante». Puntuale la replica delle autorità militari: «Le attività aerospaziali - sottolinea il capitano Marco Usai, addetto stampa del poligono interforze del salto di Quirra - vengono condotte molto sporadicamente, circa una volta all’anno e non sono affetto pericolose e nocive». I militari aggiungono che, i satelliti hanno una grande importanza per le telecomunicazioni, per le tv satellitari, per la telefonia cellulare, per il monitoraggio ambientale e per la meteorologia. (a.b.)

VILLAPUTZU Via Nazionale, 40/A Tel 0708875903 Fax 0709977402 Mobile 3358238207 info@finimmagency.it www.sarrabus.finimmagency.it

Muravera, vendesi villetta caposchiera seminterrato: salone\cucina, bagno, garage coperto. Piano terra: salone, cucina, bagno, balcone. Primo piano: 3 camere, bagno, balcone, giardino su 3 lati. € 210.000

Muravera, appartamento al piano terra, così composto: salone, cucinotto, 2 camere, bagno, ampia veranda coperta, cantina, 2 posti auto, cortile condominiale. € 175.000

Villaputzu, vendesi appartamento così composto: salone, angolo cottura, camera matrimoniale, bagno, ampia veranda panoramica, posto auto. € 68.000

Muravera, vendesi nuovo appartamento così composto: salone\cucina, 2 camere da letto, disimpegno, bagno, veranda, seminterrato 50 mq. € 135.000

Muravera, nuovo appartamento al primo piano così composto: salone\cottura, 2 camere, bagno, ampie verande e parcheggio coperto. Arredato e completo di tutti i confort. € 140.000

Villaputzu, vendesi nuovo appartamento con giardino così composto: salone\cottura, 2 camere, bagno, veranda, cantina, posto auto. € 140.000

Porto Corallo, vendesi unità immobiliari. Tipologia bilocale a partire da € 130.000 Tipologia trilocale a partire da € 145.000

Villaputzu, vendesi nuova villetta a schiera su 3 livelli così composta: salone, cucina, 3 camere, 2 bagni, ripostiglio, cortile e veranda, ampio seminterrato allo stato grezzo. € 170.000

Porto Corallo, a pochi passi dal mare, struttura commerciale attualmente adibita ad attività di ristorazione. La superficie con le pertinenze è di 450 mq. Prezzo interessante

Villaputzu, appartamento da realizzare. Composizione tipo: salone\cottura, 2 camere, disimpegno, bagno, veranda, posto auto coperto, giardino condominiale di 120 mq. Le superfici sono personalizzabili. € 115.000

SanVito, vendesi terreno con destinazione d’uso commerciale di 1200 mq con progetto approvato per la costruzione di un capannone di 500 mq. Oneri edificazione assolti. Trattativa riservata

Muravera, vendesi locale commerciale 160 mq + 80 mq di cortile, attualmente l’interno è allo stato grezzo. € 170.000

Muravera (Loc. Costa Rei), vendesi unità immobiliari varia tipologia a partire da € 140.000

Muravera, vendesi nuovo appartamento al primo piano così composto: salone\cottura, 3 camere da letto, 3 verande, giardino, seminterrato 40 mq . € 175.000

Muravera, nuova villetta panoramica così composta: salone\cottura, 2 bagni, 3 camere, 2 balconi, giardino fronte e retro, ampio seminterrato. Trattativa riservata

Muravera, vendesi in zona centrale villetta a schiera su 2 livelli così composta: salone\cottura, 2 camere, 2 bagni, balcone, ripostiglio, veranda, cortile. € 160.000

Villaputzu, vendesi ottimo appartamento al secondo piano così composto: ampio salone, cucina, 2 camere, bagno, balcone, posto auto. € 95.000

Villaputzu, vendesi appartamento (in fase di ultimazione) così composto: salone\cottura, 2 camere, bagno, balcone, posto auto. € 100.000

Villaputzu, vendesi casa così composta: seminterrato, salone, cucina, 2 camere, 1 cameretta, 2 bagni, giardino. € 130.000

Castiadas, vendesi unità immobiliari di varia tipologia, prezzi a partire da € 135.000


14

La Voce del S@rrabus

0709931481 - lavocedelsarrabus@tiscali.it

La richiesta. La proposta è stata avanzata dal Comune alla Regione Sardegna

Giugno 2010

Sport. 200 ragazzi selezionati da Antognoni e Graziani

Capo Carbonara sito Piccoli calciatori d’interesse comunitario al Tanka Village I confini dell'area protetta di Capo Carbonara potrebbero diventare un sito di interesse comunitario. Un riconoscimento prestigioso che farebbe onore a Villasimius e all’intero Sarrabus. Una richiesta in tal senso è stata avanzata alla Regione Autonoma della Sardegna dal sindaco di Villasimius Salvatore Sanna. «Nello specchio acqueo della zona protetta - sottolinea il direttore dell’Area Marina Simone Atzeni - ci sono diverse specie di flora protetta, come vari tipi di poseidonia, identificate dalla “direttiva habitat” approvata dal consiglio dell’unione europea. Questi habitat necessitano di un’area di protezione ulteriore che funga da cuscinetto, sia per la preservazione della specie, sia perché tra i confini del territorio identificato e i confini attuali dell’area marina protetta di Capo Carbonara si rilevano numerosi passaggi di specie animali, con

L’ex centravanti del Torino, Francesco Graziani

Ipse dixit Il direttore dell’Area Marina Protetta: «Necessaria una ulteriore zona di protezione»

particolare riguardo ai cetacei e agli esemplari di caretta caretta». Il comune di Villasimius gestisce anche i siti di interesse comunitario Costa di Cagliari, Campulongu, Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis. Nelle competenze dell'ente anche l’area marina protetta di Capo Carbonara, istituita dal ministero dell’ambiente e della tutela del territorio il 1 settembre 1999.

Più di duecento ragazzi, fra i 12 e i 25 anni, provenienti da tutta Italia, hanno sognato per due giorni di emulare le gesta dei grandi campioni di calcio di serie A. I giovanissimi hanno partecipato al primo evento organizzato dalla società dei campionissimi del passato Sergio Brio, Giancarlo Antognoni e Ciccio Graziani, in programma a cavallo fra maggio e giugno a Villasimius, tramite un sito internet. Lo scopo era quello di individuare i nuovi talenti

del calcio. L’evento, che si è svolto al Tanka Village ha visto la presenza di osservatori inviati da squadre professionistiche quali Parma, Lecce, Empoli e Reggiana femminile alla caccia di campioncini in erba che potranno effettuare un provino con le società professionistiche e sognare di calcare un giorno i campi più prestigiosi d'Italia. I partecipanti sono stati selezionati dopo un attento esame dei video da loro inviati al sito Newfootaballtalent.com.


Giugno 2010

La Voce del S@rrabus

0709931481 - lavocedelsarrabus@tiscali.it

La notizia. La studiosa osserverà il fenomeno delle stelle cadenti

15

Villasalto. La manifestazione si è svolta dal 5 al 7 giugno

L’astrofisica Margherita Hack Festa di Santa Barbara a Pranu Sanguni ad agosto trionfo della tradizione di Alessandro Bulla L’astrofisica Margherita Hack sarà a Pranu Sanguni dal 10 al 12 agosto ospite del comitato “Pro Sardinia radio telescope”, fondato da Max Cordeddu. La professoressa emerita dell’università di Trieste la notte di San Lorenzo osserverà il fenomeno delle stelle cadenti dalla collina ai cui piedi è in fase di completamento il montaggio della parabolica.   Margherita Hack accompagnata da Tommaso Maccacaro, presidente dell’istituto nazionale di astrofisica, l’ente che assieme alla Regione e al ministero dell’università, ha finanziato il progetto, e da Nichi D’Amico direttore del progetto Sardinia Radio telescope, quel giorno visiterà il cantiere, il complesso megalitico di Pranu Muttedu a Goni e il museo dedicato ad Emilio Lussu ad Armungia. Inoltre parteciperà a incontri e dibattiti con gli studenti delle facoltà di fisica e astrofisica dell’università di Cagliari.  Il testimonial del radiotelescopio Max

Margherita Hack

Cordeddu ha espresso soddisfazione per le dichiarazioni dell’assessore regionale del bilancio e della programmazione Giorgio La Spisa sulle disponibilità di fondi nazionali e regionali per il funziona-

mento del Sardinia Radio Telescope. «Vorremmo che adesso l’assessore sostenga anche la realizzazione del campus universitario eco sostenibile», dice Max Cordeddu.

È stata un successo, come da tradizione, la festa di Santa Barbara il più importante appuntamento religioso di fine primavera del Gerrei che ha richiamato centinaia di fedeli provenienti da Sarcidano, Sarrabus, Ogliastra, Trexenta e Parteolla. Si è rinnovato il rito di devozione nei confronti della santa protettrice dei minatori e dei vigili del fuoco la cui origine si perde nella notte dei tempi. I festeggiamenti, organizzati da un comitato popolare composto da nove donne, hanno preso il via sabato pomeriggio alle con la messa celebrata dal parroco don Gianfranco Zuncheddu nella chiesa

di San Michele Arcangelo. Al termine il simulacro della santa è stato portato in processione nella chiesa a lei dedicata. Poi l’esibizione del maestro di launeddas Sandro Frau di San Vito e un concerto di musica etnica del gruppo «Chelos». Domenica 6, nel pomeriggio, processione del Corpus Domini e serata di ballo liscio animata dall’orchesta spettacolo “La Romagna”.   Lunedì 7 è stata la volta della messa presieduta da monsignor Mani arcivescovo della diocesi di Cagliari e della solenne processione storica. Poi l’esibizione del gruppo folkloristico San Cristoforo, fuochi d’artificio e il cabaret col gruppo cagliaritano Lapola.  (a.b.)


16

PUBBLICITÀ

La Voce del S@rrabus

PIOMBINI

0709931481 - lavocedelsarrabus@tiscali.it

Giugno 2010

Acquistando un divano Doimo un secondo rivestimento gratuito con tessuto antimacchia Offerta valida fino al 30 Giugno

Faa Rosina

Prezzi particolari sulla merce esposta

Abbiamo la ricetta giusta

DOIMO SALOTTI

NON C’È MACCHIA CHE TENGA Godetevi un comfort a prova di macchia che ama il tempo e vi offre una resistenza senza paragoni. Scoprite l’esclusivo tessuto antimacchia, anallergico e antibatterico di Doimo Salotti.

OMAGGIO ESCLUSIVO Solo per questo mese il 2° rivestimento ANTIMACCHIA

6$19,72‡Via delle Canne, 3 - Tel/Fax 070 9927033 ‡Via Nazionale, 260 - Tel 070 9927049 - mail: mobilifr@tiscali.it

Aperto Mercoledì pomeriggio, chiuso il Sabato pomeriggio


Giugno 2010

SARRABUS

0709931481 - lavocedelsarrabus@tiscali.it

La Voce del S@rrabus

17

MALOCCU La proposta. La prestigiosa associazione del capoluogo si mobilita per rilanciare l’aviosuperficie del sud-est dell’Isola

L’Aeroclub di Cagliari ai sindaci del Sarrabus «Dateci in concessione il campo di volo» di Sabina Sestu La pista chiude. Decisione autonoma dell’attuale gestore del campo di volo di Maloccu, la famiglia Contini. Ma non è l’ultima parola in questa lunga vicenda che vede coinvolti due comuni e un privato. L’Aeroclub di Cagliari è, infatti, disposto a gestire il campo di volo. «La mia associazione è interessata a interloquire con gli enti competenti – afferma Vincenzo Anelli, presidente dell’aeroclub – Vogliamo proporre una soluzione che potrebbe risolvere la controversia nata con l’attuale gestore e creare nuove prospettive di sviluppo, non solo per Castiadas ma per l’intero Sarrabus». Viste le competenze acquisite dagli ormai settanta anni di attività della scuola di volo di Cagliari, Anelli è convinto di poter rilanciare la piccola pista di volo e di farla sviluppare in tutte le sue potenzialità. «Proponiamo agli enti coinvolti, i comuni di Villaputzu e Castiadas, ma anche al presidente dell’Unione dei Comuni, Patrizio Buccelli - continua il presidente Anelli – di gestire il campo di volo di Maloccu. Possiamo rendere la struttura totalmente operativa risolvendo i problemi che fino ad

Un gruppo di piloti dell’Aeroclub di Cagliari

ora si sono presentati, come la manutenzione ordinaria della pista, che in questo momento versa in condizioni non di certo ottimali, ma anche le competenze tecniche per la cura degli aerei che vi transiterebbero». Il presidente è convinto che la pista, ora come ora, sia mal gestita e mal funzionante, lo dimostrerebbero gli incidenti mortali che l’hanno resa tristemente famosa in questi anni. Anelli mette però in evi-

denza che l’associazione che lui rappresenta è senza scopo di lucro e si finanzia esclusivamente attraverso il tesseramento dei soci, il che in parole povere si traduce nella non disposizione di fondi per l’acquisto del terreno e delle strutture che vi sono costruite. «I vantaggi per la zona sarebbero di tipo esclusivamente pratico, slegati da una semplice transazione finanziaria legata alla vendita del terreno. Questo

significa che la proprietà rimarrebbe sempre in mano al comune di Villaputzu – prosegue Anelli – di fatto però, intorno ad un campo di volo si possono sviluppare interessanti opportunità per gli imprenditori della zona. Il vantaggio di concedere a noi la disponibilità della struttura sta nelle nostre competenze e conoscenze del mondo del volo. Poiché siamo collegati con tutti gli aero club d’Italia e con tanti

altri a livello europeo, se Maloccu dovesse essere gestita da noi potrebbe contare su diverse presenze durante tutto l’anno». L’Aero Club di Cagliari si presenta come scuola di volo e di formazione piloti e questo, secondo il suo presidente, potrebbe essere un ulteriore opportunità per i sarrabesi con la passione del volo. «Intendo proporre al sindaco Piu di Villaputzu l’istituzione di borse di studio gratuite per aspiranti piloti della zona – ha affermato Anelli – visto che l’associazione che rappresento ha l’autorizzazione per rilasciare brevetti di volo. La passione del volo potrebbe tradursi per i più meritevoli anche in un interessante opportunità di lavoro per il futuro. Molti dei nostri allievi hanno realizzato questo sogno». L’Aero Club di Cagliari ha la sua sede nell’aeroporto di Elmas e lì ha poche possibilità di espandersi. Trova molto interessante il sito di Maloccu sia per la sua posizione che per le grandi opportunità ricettive che si possono sviluppare. Ora la parola passa ai due sindaci interessati, Piu di Villaputzu e Sollai di Castiadas. Prenderanno in considerazione la proposta del presidente Anelli?


18

La Voce del S@rrabus

PUBBLICITĂ€

0709931481 - lavocedelsarrabus@tiscali.it

Giugno 2010

www.ilfalconiere.it

Per la vostra pubblicità contattateci allo 070 9931481 oppure all’indirizzo grafico-voce@live.it

La G Gioconda Gioccondaa

tende dal řťŠŚ řťŠŠŚ

Tende Solari e Pergotende su misura, Cornici al taglio e pronte Tende a Rullo, Veneziane, PlissÊ, a pacchetto e tecniche Tessuti d’arredo, bastoni e scorritenda in acciaio, ferro battuto Decoupage, Materiali per belle arti e decorazione, Arredi per esterni.

Tende da sole e interne 7HQGHDEUDFFLD7HPSRWHVWFPĹ›Ĺ˜Ĺ˜[ĹšĹ˜Ĺ˜ Trasporto, messa in opera, certificazione e garanzia inclusi Ĺ’ĹžĹ?Ĺ˜Ĺ˜DOPHVH ),1$1=,$0(172,1řŚ0(6,$7$662Ĺ˜ *previa approvazione finanziaria

RIVENDITOTRE RIVENDITOTRE AUTORIZZATO: AUTORIZZA ATO:

CORRADI

Una buona protezione dal sole estivo garantisce un soggiorno piĂš confortevole, oltre che un notevole risparmio di energia elettrica per il condizionamento. Ma tutto questo solo se vi affidate a specialisti e a prodotti di eccellente qualitĂ . Chi spende poco spende due volte. Per questo motivo noi abbiamo Rullo contro i raggi solari deciso di installare solo Tende Solari di alta qualitĂ  e delle migliori marche tra cui: Arquati, Tempotest, Corradi, interne come Kadeco, Scaglioni tutti marchi di alta qualitĂ , a prezzi accessibili e resistenti nel tempo. Messa in opera professionale e certificata. Assistenza WHFQLFDFHUWLILFDWRGLFRQIRUPLWÄ&#x;JDUDQ]LDILQRDĹ DQQLSURGRWWL italiani con certificazione di classe di resistenza alle intemperie.

AARQUATI ARQU ATI

MURAVERA MURAVERA Viale Via ale dei Platani, 18/ 18/A /A A ttel\fax el\ \fax 0 070 70 99 30 301 c cel el 34 347 7 117 79 92 2 874 874 lagiocondasardegna@gmail.com lagiocon ndasardegna@gmail.com o www.lagiocondatendaggi.com www.la agiocondatendaggi.com m


Giugno 2010

0709931481 - lavocedelsarrabus@tiscali.it

IL FORUM DEI LETTORI

LA RISPOSTA

19

La Voce del S@rrabus

LA STORIA

Laore. Il responsabile della sede di Muravera replica ad un lettore

Sanità. L’odissea di una donna muraverese

Patentino verde, ristabilire un’informazione corretta

Addio alla miopia? Non in Sardegna

"Poche idee ma confuse", così si può definire il commento apparso nello scorso numero a firma del signor Picariello in merito al Patentino Verde. Al di là dell'umorismo di quel commento e delle tante inesattezze contenute, c'è poco da scherzare su temi importanti quali la salute e la vita delle persone perché sono migliaia ogni anno i casi di intossicazioni gravi e talvolta mortali a causa dell'uso superficiale e incompetente di veleni quali sono i fitofarmaci. Perciò è necessario che chi usa questi prodotti dimostri con un esame serio, perchè seri sono gli argomenti, di essere consapevole di cosa sta facendo. L'esame si sostiene dopo aver frequentato un corso gestito da Laore e comprende lezioni svolte sia da medici ASL che da personale interno, tutti altamente qualificati. Il corso del Patentino Verde è completamente gratuito (nelle altre regioni d'Italia è invece a pagamento e non costa poco), consta di 9 lezioni per il primo conseguimento e di 5 lezioni per il semplice rinnovo ed è consentita l'assenza ad una lezione, mentre nell'esame sono consentiti 2-3 errori. Nel corso si imparano i concetti base dei trattamenti, a cominciare dalla loro eventuale opportunità, e questo a

A.F. 38 anni di Muravera è una delle tante persone a soffrire di miopia, porta gli occhiali sin da bambina, da svariati anni le lenti a contatto. Una vita penalizzata. Le mancano 5 gradi abbondanti a occhio, senza lenti non distinguerebbe una tigre del Bengala da un segugio. Saputo da un’amica che a Roma l’intervento per la correzione della miopia è mutuabile (si pagano solo le visite), si anima di speranza ed inizia a sognare una vita senza più occhiali e lenti, niente più colliri e congiuntiviti. Pensa: “se è possibile farlo a Roma, lo sarà anche in Sardegna, dopotutto sempre in Italia siamo”. Fiduciosa chiama una famosa clinica di Cagliari. Al call-center le risponde una voce femminile non meno acida del “casu ageru” che la informa della non mutuabilità dell’intervento. Sconsolata A.F. prova a chiamare un’altra clinica, stavolta a Quartu S.E., una voce maschile più dolce (tipo dolce sardo) le da la triste notizia: “mi dispiace, solo a pagamento. 1800/3000 euro a occhio, dipende da chi opera”. Della serie, se vuoi quello bravo prepara 6000 euro. Certo, un gioco da ragazzi trovare 6000 euro con la crisi che impazza. Ma, i cittadini di una nazione, non dovrebbero godere degli stessi diritti? Forse che i sardi pagano meno tasse (vero caso mai il contrario)

seguito del riconoscimento della patologia ed alla stima del danno, in modo che si possa decidere il trattamento solo quando questo è veramente necessario: imparare questo permette all'agricoltore di risparmiare moltissimo. Si impara inoltre a conoscere i pesticidi, il loro meccanismo di azione, come si usano, quali precauzioni prendere e come intervenire in caso di intossicazione, tutti principi fondamentali per imparare a non

procurare danno a se stessi, agli altri ed all'ambiente. Gli agricoltori ci conoscono bene e sanno di poter contare sul nostro aiuto. E non sarebbe male che ci conoscesse anche il signor Picariello che invito a frequentare uno dei nostri corsi - tutti gratuiti, come sempre - sono convinto che troverà molti argomenti interessanti ed utili da imparare.

Carmelo Viviani - Laore Muravera

degli altri? Non tutti i soldi che mandiamo a Roma ci tornano indietro, come se non bastasse, un miope sardo è penalizzato rispetto ad un laziale nelle stesse condizioni. Oltre al danno la beffa. Ovviamente un sardo può andare a Roma e pagarsi solo le visite, ma una volta che sommi viaggio, vitto e alloggio per svariate volte, sei punto e a capo. E’ evidente che per qualcuno noi sardi siamo, tasse e periodi elettorali a parte, cittadini di serie “B”, zona retrocessione per giunta. Nell’attesa del giorno in cui anche i sardi potranno godere di pari diritti, ad A.F. non resta che tenersi la sua invalidante miopia. Da parte nostra l’augurio di non doversi mai trovare, sprovvista di lenti a contatto, a tu per tu con una tigre del Bengala.

L.B. - Muravera


20

La Voce del S@rrabus

PUBBLICITÀ

0709931481 - lavocedelsarrabus@tiscali.it

“….Vogliamo prenderci cura della bellezza e della salute dei tuoi capelli, garantendoti sia in Salone che a casa i trattamenti più indicati. Dal mese di aprile, la tua fedeltà sarà premiata offrendoti un servizio di bellezza che durerà tutto l’anno….”

Richiedi in Salone la... Colour Prestige Card! Tanti vantaggi riservati per te…

Chiamaci allo 070 9977003 per fissare un appuntamento Orari: dal Martedì al Giovedì dalle 8.30 alle 12.00 e dalle 16.00 alle 19.30 Venerdì e Sabato orario continuato dalle 8.30 alle 19.00

7*--"165;6t Via Nazionale 171/A - Tel 070 9977003 Flavio Parrucchieri utilizza prodotti L’Oréal Professionnel

Giugno 2010


Giugno 2010

SOCIALE

0709931481 - lavocedelsarrabus@tiscali.it

VOLONTARIATO

La Voce del S@rrabus

21

CAGLIARI

L’INIZIATIVA

Villaputzu

Muravera. L’evento sarà riproposto nei prossimi anni

Manifestazione. Solenne cerimonia alla Legione

Un nuovo direttivo per l’Avocc

Tanti ragazzi alla gara podistica organizzata dall’Avis del Sarrabus

I volontari sarrabesi alla festa per i 196 anni dell’Arma dei Carabinieri

L’Associazione di Volontariato COAS CASULA di Villaputzu ha insediato un nuovo consiglio direttivo, presieduto da Ennio Quaresima, sessantunenne, ufficiale dell’Aeronautica in pensione. Quaresima nel suo delicato incarico sarà coadiuvato dal presidente uscente Gaetano Cristiano, che rivestirà la carica di vice presidente e dagli altri componenti: Mario Melis, Rosanna Congiu, Christian Locci, Nice Coas, Fabrizio Piazza, Giuseppe Amico e Luisa Pilia. Nata nel 1992, l’A.VO.C.C. ha un ruolo importante nel volontariato Sarrabese, assicurando un servizio di ambulanza accreditato con il 118 oltre al servizio di trasporto a favore di persone non deambulanti della comunità villaputzese e non solo. (s.g)

La sezione AVIS del Sarrabus, scende in campo con lo sport. Il 6 giugno scorso ha organizzato a Muravera lungo la Via Sarrabus, la prima gara podistica non competitiva, riservata ai bambini dai 6 ai 9 anni ed ai ragazzi dai 10 ai 13 anni. Settanta i ragazzi che hanno preso parte all’iniziativa. Un modo per coinvolgere i giovani adolescenti che diverranno i futuri donatori di sangue. L’iniziativa ha visto coinvolta l’intera popolazione sarrabese allo scopo di sensibilizzarla sulla continua carenza di donazioni. Il direttivo della sezione avisina presieduto da Carletto Aledda, è sempre più sensibile alle tematiche giovanili, cercando di invogliare proprio questa ampia fascia della popolazione

a rapportarsi con i principi solidali e morali che il sodalizio porta avanti. Un evento che sicuramente verrà riproposto anche nei prossimi anni, perché coinvolgere i giovani nel gioco e nell’aggregazione, facendoli sentire parte integrante della società è fondamentale per la loro crescita morale. (s.g.)

BURCEI

Maratona volontariato Si svolgerà il prossimo 27 giugno la maratona del volontariato. L’iniziativa è dei giovani volontari del Tucum del paese. Si parte alle 9.30 dalla piazza del Popolo. Iscrizioni entro il 24 giugno. (s.g.)

Le Associazioni di volontariato Solidarietà Onlus Sarrabus di San Vito, A.VO.C.C. di Villaputzu, A.V.R.A. di Villasalto e Confraternita Misericordia di Silius sono stati gli ospiti speciali della cerimonia per celebrare il 196° anniversario di fondazione dell'Arma dei Carabinieri svoltasi lo scorso 5 giugno a Cagliari alla caserma “Zuddas”, sede del Comando Legione Carabinieri Sardegna. La partecipazione è stata realizzata grazie al solidale impegno profuso nell’organizzazione dell’iniziativa, da parte del Capitano Lo Iacono, comandante della Compagnia di San Vito e del Generale Carmine Adinolfi, comandante della Legione Sardegna. Un momento che sicuramente i partecipanti non dimenticheranno. (s.g.)

VILLASIMIUS

Successo a fine maggio per la sagra de “sa costedda” La Sagra de sa Costedda conquista cittadini e turisti. L’iniziativa, svoltasi a fine maggio a Villasimius, è stata ideata dal Forum dei Giovani del paese. Sa Costedda è una focaccia rustica sarda: semplice, ma genuina e profumata. Il suo condimento è fatto di pomodori o cipolle, aggiunto all’impasto di farina e aromi naturali e poi passata al fuoco del forno. Per l’occasione, sono stati utilizzati 90 chili di pomodori e oltre 500 cipolle. (a.p.)


22

PUBBLICITÀ

La Voce del S@rrabus

0709931481 - lavocedelsarrabus@tiscali.it

Giugno 2010

=?E?;BB =?E?;BB;H?7B?IJ7DEPP;8EC8ED?;H; B;H?7B?IJ  7DEPP;  8EC8ED?;H; 9 7I7 7B?D=>?7HJ?9EB?  :  7H;= 7B E 97I7B?D=>?7HJ?9EB?:7H;=7BE

D<C>BDB:CID>BEDGI6CI: ÝJC6D886H>DC:96G>8DG96G:

7ViiZh^bd"8dbjc^dcZ"8gZh^bV"AVjgZV"CdooZ"'*•Z*%•6cc^kZghVg^d 7ViiZh^bd "8dbjc^dcZ  Z"8g   Zh^bV"  AVjgZV"Cdo   ooZ"'*•Z*%•     •6cc^k  ZghVg^d L_WHecWWd]$L_W=_WhZ_d_\hedj[<7HC79?79ED=?K L_WHecWWd   d]$L_W=_Wh   Z_d_\h edj [<7HC7 9?79ED=?K # CKH7 CKH7L;H7#J[b$&-&//)&,)' C L;H7#J[b$&-&//)&,) [     )'

Per la vostra pubblicità contattateci allo 070 9931481 oppure all’indirizzo grafico-voce@live.it

www.centroaffitti.com Piazza Sardegna, 18 09043 Muravera (CA) Telefono e fax 070 991191 Cellulare 333 2417362

VILLASIMIUS - LOC. CAMPULONGU MT 50 DALLA SPIAGGIA CASTIADAS - LOCALITÀ OLIA SPECIOSA

Iscrizione al Ruolo Agenti d’Affari in Mediazione n°974

PRONTA CONSEGNA Vendesi villette su un solo piano e su due piani composte internamente da due camere, due bagni, soggiorno, cucina, ampie verande, ottime rifiniture. A partire da euro 170.000,00

VENDESI VILLA ESCLUSIVA CON VISTA MARE SUL GOLFO DI VILLASIMIUS E SUL PORTO Composta da soggiorno, cucina, quattro camere da letto, tre bagni, mq interni 220. Immenso giardino su quattro lati, Finemente ristrutturata. Dotata di piscina privata, riscaldamento e climatizzazione, posti auto interni coperti. Trattative riservate

COSTA REI MT 900 DALLA SPIAGGIA

VILLASIMIUS LOC. CAPO BOI A MT 200 DALLA SPIAGGIA

2 villette a schiera adiacenti in bifamiliare, composte ognuna da due camerette matrimoniali, bagno, soggiorno con angolo cottura, veranda con vista mare, ampio giardino, dotate di aria condizionata, completamente ristrutturate, posto auto privato interno. Ottima rendita. TRATTATIVE RISERVATE

VENDESI VILLA ESCLUSIVA Composta da soggiorno, due cucine, cinque camere da letto, tre bagni, mq interni 230. Immenso giardino su quattro lati. Finemente ristrutturata. Dotata di piscina privata, idromassaggio, riscaldamento e climatizzazione, posti auto interni coperti, allarme antifurto.

COSTA REI MT 900 DALLA SPIAGGIA Vendesi villetta di nuova costruzione, indipendente con giardino su tre lati, composta internamente da due camere matrimoniali, cameretta, due bagni, soggiorno con angolo cottura, veranda con vista stupenda sul mare, posto auto privato. Euro 310.000,00


Giugno 2010

0709931481 - lavocedelsarrabus@tiscali.it

TURISMO

La Voce del S@rrabus

23

REPORTAGE Itinerari. A piedi attraverso uno degli angoli più suggestivi del sud-est della Sardegna fra natura selvaggia e spiagge dorate

A passeggio per i sentieri nascosti Capo Ferrato svela i suoi tanti segreti di Simone Utzeri Uno dei paradisi naturali della nostra Sardegna e del Mediterraneo è senza ombra di dubbio il promontorio di Capo Ferrato, che con la sua suggestiva macchia mediterranea offre agli appasionati della natura e non un mix di rocce, vegetazione, pascoli e spiagge da lasciare senza fiato anche il più incredulo degli osservatori. Il promontorio di Capo Ferrato è d’origine vulcanica, caratterizzato da pareti a strapiombo sul mare, da splendide architetture basaltiche e granitiche e dalle sue calette silenziose. Il percorso che vi proponiamo è adatto a tutti, non ci sono particolari difficoltà, e il tempo che ci si impiega per percorrerlo è di circa due ore. Le prime luci dell’alba rendono il paesaggio ancor più suggestivo, le rocce della costa, dai colori variopinti, passano da un colore rosa a una sfumatura più scura dove si evince l’origine vulcanica del promontorio. Il sentiero che attraversa le bellezze naturali della costa di Capo Ferrato parte dalla strada provinciale 97 che da Castiadas

porta a Muravera, in prossimità della località di “Maloccu” e proseguendo sulla destra si raggiunge la località “Perda S’Acchilloni”. Percorrendo il sentiero si raggiunge una delle bellezze archittetoniche del secolo scorso, il faro di Capo Ferrato, una costruzione voluta dalla Regia Marina nel 1925, che si innalza maestoso per undici metri d’altezza sul promontorio da cui prende il nome. A ridosso della zona del faro si prosegue nella macchia bassa in una lieve discesa dove si staglia la baia delle Anfore e verso nord “Portu s’Ilixi”, una stupenda spiaggia con un pittoresco scoglio al centro. Da non perdere assolutamente la possibilità di immergersi per poter vedere da vicino la fauna marina adornata da pareti colorate, spugne a candelabro, gorgonie e antri rocciosi. Immersione, tuttavia, da effettuarsi con persone esperte: la profondità massima raggiungibile è di 35 metri. Un imperdibile viaggio adornato da una costa bellissima, acque trasparenti per una giornata lontano dai percorsi tradizionali.


24

PUBBLICITÀ

La Voce del S@rrabus

Risttoran Ristorante nte Pizzeria Pizz zeria a

Giugno 2010

0709931481 - lavocedelsarrabus@tiscali.it

S “N Su “Nuraxi” Nur N urraxi axi”i”

"QFSUPUVUUJJHJPSOJt$POTFHOFBEPNJDJMJP " Q F S U P  U V U U J  J  H J P S O J  t  $P O T F H O F  B  E P N J D J M J P .FOáBCBTFEJQFTDF . FOáBCBTFEJQFTDF $FOBUJQJDB4BSEB $FOBUJQJDB4BSEB #BODIFUUJ #BODIFUUJ

Men Menù nù completi comple eti a partire partire da d

€ 20,0 20,00 20 0 00 .63"7&3"tVia . 6 3 "7 & 3 "  t  V i a R Roma, oma, 2 257 5 7 - TTel el 0 070 70 9 9930991 930991 - 3 347 47 8 8180898 180898 - w www.sunuraxi.com w w. s u n u r a x i . c o m

Nuova Nuov va aper apertura rtura anche a Cost Costa sta Reii

Menù tipici Menù tipiici Pizza a pranzo pranzzo Pizza C e tipica Sarda ena Sarda d Cena M enù ù a base di pesc ce Menù pesce $045"3&*tVia 070 9919020 $ 0 4 5"  3 & *  t  V i a IIchnusa c h n u s a - TTel el 0 70 9 919020


Giugno 2010

TURISMO

0709931481 - lavocedelsarrabus@tiscali.it

25

La Voce del S@rrabus

REPORTAGE Itinerari. Alla scoperta di una località amata dai religiosi e di coloro alla ricerca di storia e misticismo

La magia del Santuario di San Priamo un luogo sospeso fra passato e presente di Simone Utzeri Non è una meta ambita solo dai religiosi ma anche da coloro che per un motivo o per un altro vogliono impossessarsi di un pò di storia, di archeologia e un pizzico di misticismo. Stiamo parlando del santuario di San Priamo, nel comune di San Vito, situato sull’omonimo monte a due passi dal villaggio che porta proprio quel nome, San Priamo. Villaggio costruito a cavallo delle due grandi guerre e le cui abitazioni sembrano essersi fermate a quel tempo. Il santuario stesso non è da meno: costruito intorno al tredicesimo secolo, nonostante le sue ristrutturazioni non sembra affatto essersi trasformato. Una delle particolarità rilevanti del santuario è il fatto di essere stato costruito proprio su una tomba, una “domus de janas” scavata nel granito in un periodo antecedente alla posa delle fondamenta della chiesa. Da questa tomba sgorga una sorgente d’acqua che secondo una leggenda sarebbe capace di curare molti mali. Questa tomba è stata inglobata all'in-

terno della chiesa ed è situata all'estrema sinistra dell'attuale chiesa di San Priamo. L'ingresso del santuario è rivolto ad est ed è costituito da un grande portone in legno preceduto da gradoni in granito. Internamente la chiesa è costituita da un'unica navata con archi a tutto sesto. Alcune delle bellezze del santuario sono esposte al Museo Archeologico di Cagliari, bellezze come i marmi in stile tardo-barocco che decoravano l’altare maggiore. Il “viaggio nel tempo” non si ferma qui. Attraverso uno stretto sentiero, che si snoda a sud della chiesa, percorre il perimetro del monte e porta alle rovine di un nuraghe che vale la pena di vedere. Non molto lontano dal centro abitato di San Priamo, a ridosso della strada statale 125 intorno al 55° chilometro, si staglia il nuraghe Asoru completamente restaurato in anni recenti. Tuttavia non mancano le comodità del caso, infatti, proprio ai piedi del piccolo monticello del santuario di San Priamo è situato un ostello.

Nuraghe

Santuario di San Priamo Ostello

SS

San Priamo

12

5

Villaggio di San Priamo

25

1 SS

Fonte Google Earth


26

La Voce del S@rrabus

EDICOLA E DICOLA − L LIBRERIA IBRERIA C ARTOLERIA CARTOLERIA

MURAVERA MURAVERA Via Europa, Europa, a 6 Via Tel. 070 070 9 9930476 Tel. 9930476

La cartolibreria Valente è a Muravera in via Europa 6 e fa parte del gruppo Edicolè. Ogni mese vi offre grosse offerte che vanno dal 20 al 30% sulle varie case editrici proposte dal gruppo Edicolè. Vasto assortimento di libri sardi di tutti i generi, carte stradali e per le tue vacanze le guide turistiche di tutto il mondo. Valente è rivenditore autorizzato dei marchi Tscrivo, Invicta, Seven.

PUBBLICITÀ

0709931481 - lavocedelsarrabus@tiscali.it

Giugno 2010


Giugno 2010

SALUTE

0709931481 - lavocedelsarrabus@tiscali.it

La Voce del S@rrabus

27

ALIMENTAZIONE La curiosità. Bianco, vellutato, compatto, light, ai cereali e alla frutta, anatomia di un cibo dallle numeroso qualità

Yogurt, un alimento dalle tante virtù valido aiuto nelle diete ipocaloriche di Francesca Dominici* Bianco, vellutato, compatto, light, biologico, ai cereali o alla frutta, lo yogurt rappresenta un alimento leggero, fresco, nutriente, sano ed equilibrato, gradito al palato dei grandi come a quello dei piccini. Le sue particolari caratteristiche nutrizionali lo rendono un prodotto che può essere consumato in qualsiasi momento della giornata: a colazione, come spuntino della mattina o del pomeriggio. E' un alimento completo dal punto di vista nutrizionale e facilmente digeribile in quanto il lattosio, grazie alla fermentazione, viene scisso in zuccheri più semplici come il glucosio e galattosio. Originario della zona corrispondente all'attuale Turchia questo latte denso e gustoso ha superato un esame lungo quasi quattromila anni: lo hanno gradito in Africa, Europa e Asia. Per le tribù nomadi era il koumiss e mentre in India c'è il dahi, in tutto il Medio Oriente si gusta il laban: liquido, solido o sotto forma di panetto essiccato al sole. Più vicino a noi lo yogurt greco, il latte bulgaro, il kefir e il gioddu sardo. Tutti comunque hanno una caratteristica comune: pullulano di invisibili e salutari

enzimi, i batteri termofili, studiati dal premio Nobel Ylya Metchnikoff agli inizi del '900, dopo secoli di consumo ignaro. Oggi lo yogurt si beve, si mangia, si spalma sul pane e, dulcis in fundo, utilizzato come ingrediente di gustosissimi gelati. Riesce a sostituire anche la panna, risultando altrettanto soffice e leggero. L'insospettabile versatilità in cucina gli ha assicurato un vero e proprio boom: un italiano su tre ne consuma ogni giorno 125 g. I motivi di questo crescente consumo sta nel fatto che

innumerevoli studi e ricerche hanno evidenziato le proprietà salutari dello yogurt, e nella capacità dimostrata dall’industria alimentare nel mettere a punto sapori e consistenze sempre più in linea con il nostro gusto e palato. Lo yogurt intero e alcune varietà di yogurt magro (per esempio quello greco) hanno un indice di sazietà molto elevato per cui sono molto indicati per essere inseriti in diete ipocaloriche. Tante virtù racchiuse in un vasetto di soli 125 grammi, apporta una

buona quantità di calcio e di magnesio, le proteine presenti contengono tutti gli aminoacidi essenziali, ossia quelli che l'uomo non è in grado di produrre da solo. Le proteine in esso contenute, già parzialmente predigerite dai fermenti lattici, risultano facilmente assimilabili, caratteristica che lo rende particolarmente adatto all'alimentazione degli sportivi, ai soggetti in fase di crescita, agli anziani. I lipidi vengono assorbiti facilmente in seguito all'omogenizzazione del prodotto, le vitamine del gruppo B, fornite dai fermenti lattici, svolgono un'azione protettiva sia a livello epatico che intestinale. Questo alimento vanta inoltre proprietà nutrizionali degne di nota: contiene meno lattosio del latte (tale caratteristica lo rende adatto anche a coloro che hanno intolleranza al lattosio); favorisce l'assorbimento del Calcio e del Fosforo in esso contenuto (previene l'osteoporosi); esercita un'azione antibiotica sui microrganismi intestinali patogeni (migliora le difese immunitarie); stimola la flora intestinale fermentativa, inibendo quella putrefattiva (regolarizza la funzionalità intestinale). Lo Yogurt ha un basso potere calorico, in esso infatti sono perfetta-

mente bilanciati proteine, lipidi e glucidi, ottimale è invece l'apporto di vitamine e sali minerali, circa 60 Kcal per 100 gr (yogurt intero con latte di mucca). Il contenuto calorico dello yogurt varia molto a seconda della tipologia, se magro, intero, con frutta, con altri alimenti. È consigliabile assumerlo nelle diete dimagranti: lo yogurt da latte scremato con frutta o cereali e senza zucchero. Nelle diete per patologie intestinali, invece, e a seguito di un trattamento antibiotico e in caso di diarrea meglio lo yogurt bianco da latte scremato (senza frutta, cereali e zucchero). Per riattivare il transito intestinale: Yogurt scremato o intero con frutta e cereali. Lo yogurt è un alimento funzionale per i suoi effetti benefici per la salute perché, come già detto, oltre a conservare tutte le proprietà nutritive ed il valore energetico del latte, ha effetti positivi per la digestione del lattosio. Concludendo, impariamo a leggere le etichette nutrizionali,è un importante veicolo di educazione alimentare, utile per una corretta alimentazione, ma soprattutto per un consumo informato e consapevole. *Specialista Scienza Alimentazione

FARMACIA DR. G. CONGIU

ƉĞƌƚƵƌĂĞƐƟǀĂĂŽƐƚĂZĞŝ

MURAVERA ͻsŝĂZŽŵĂ͕ϭϰϱͰĂͲdĞůϬϳϬϵϵϯϬϱϲϲ

COSTA REI ͻsŝĂĚĞŝdĂŵĞƌŝĐŝ͕ϮϯϯͲdĞůϬϳϬϵϵϭϰϳϳ


Giugno 2010

SPORT

0709931481 - lavocedelsarrabus@tiscali.it

La Voce del S@rrabus

28

CALCIO Play off. Dopo il Camaiore battuto nella doppia sfida, i biancoverdi ipotecano la serie D vincendo sul campo del Cesenatico

Castiadas, l’irrefrenabile voglia Per Onano e compagni anche il tifo degli immigrati sarrabesi di Renzo Cuccu Ora sarebbe un peccato, il primo atto della finale vede i bianco - verdi con il favore dei pronostici, il salto di categoria è ad un passo, non riuscirci sarebbe una delusione cocente e immeritata. il Castiadas sbanca anche Cesenatico, sotto gli occhi attenti di Pierpaolo Bisoli (prossimo allenatore del Cagliari) mette l’ennesima perla nel forziere di questa indimenticabile stagione vincendo per uno a zero sul campo dei romagnoli. La formazione sarda del presidente Saverio Onano, guidata da un tecnico - giocatore giovane e bravo come Andrea Piccarreta - compie l’ennesimo miracolo. Un miracolo questa volta figlio di una maturità tecnica per certi versi inaspettata. Come sembra lontana la trasferta in terra Toscana, quando i bianco verdi dopo essere passati in vantaggio, non seppero gestire l’entusiasmo e la gara, chiudendo sconfitti con un bugiardo tre a uno. Ecco forse la svolta di questi play off nazionali di Eccellenza si è avuta proprio in quella partita. Si è preso coscienza che essere un buon gruppo non era più sufficiente che la stagione chiedeva in quel momento un ulteriore passo in avanti nella crescita mentale collettiva, un lavoro sapiente con le capacità comunicative di Saverio Onano e la mano del tecnico che plasma i suoi ragazzi sino a renderli ancora una volta vincenti. Il ritorno contro il Camaiore sull’infuocato sintetico di Muravera si era trasformato ancora una volta nell’ennesimo dentro o fuori della stagione . La prestazione del Castiadas doveva essere perfetta, ma come nei migliori thriller Mirko

Onano e compagni hanno voluto aggiungere del sale ad un copione che già era complicato. Hanno regalato la fine di un sogno ai loro sostenitori, andando sotto per due a zero, per poi riaprirlo nel secondo atto e scrivere una sceneggiatura imprevedibile quanto bellissima: realizzare quattro reti in rimonta senza subirne nessuno. Settecento persone con il cuore in tumulto sulle tribune cocenti del comunale di Muravera in attesa di un unico urlo liberatorio, con l’ansia di vedere quella magia che fa oltrepassare la palla oltre la linea bianca, sino a farla rotolare tra le accoglien-

Castiadas über alles I castiadesi non finiscono di stupire dopo essere stati la matricola terribile dell’Eccellenza si confermano anche nei play off sui campi di Camaiore e Cesenatico

ti maglie della rete per fissare il risultato sul cinque a due. E solo allora che esplode l’apoteosi, la liberazione e una gioia irrefrenabile ti assale e ti impregna la pelle con il sapore dolce della vittoria. Per i giocatori la gioia di aver fatto quanto non era possibile chiedergli, quasi un momento di appagamento che si chiama finale nazionale dei play off. Poi arriva il martedì e ci si accorge che il percorso e lungo ancora due settimane che la fame di vittoria non è ancora appagata che si può provare a rendere possibile ciò che si riteneva impossibile, la voglia di provarci ti assale. I percorsi del

preparatore Mauro Bernardini da ripetere sino allo sfinimento, le urla del tecnico a soffocare quella voglia di vacanza che in questa stagione sembra non voler arrivare, poi pensi alla parolina “finale” e tutto sembra più leggero. Alla vigilia della gara la partenza dei giocatori e di tutto lo staff al seguito dall’aereoporto di Cagliari - Elmas regala sensazioni inedite, ci si guarda incuriositi, improvvisamente tornano alla mente i campi sterrati di Gavoi, Villanovatulo, Orroli e ti accorgi quale miracolo sportivo si sia compiuto. Il Castiadas vola verso Bologna per poi trasferirsi a Cesenatico e provare ancora una volta a stupire tutti. Bastano quattro minuti e Marco Dessena ripete il miracolo della palla che si insacca e la tribuna che ospita i tifosi esplode in canti di gioia, sono arrivati da tutte le parti: Castiadas, Villaputzu, Muravera e persino dalla penisola, per sostenere la squadra che oggi rappresenta la nostra isola la Sardegna. Un rientro difficile, voli persi, sbarco ad Olbia tragitto in pullman non scalfiscono il morale del popolo bianco - verde del Castiadas, anzi in qualcuno sorge il dubbio che la sorte abbia voluto regalare a squadra e tifosi, un anticipo di quella che sarà la prossima stagione, ma prima ci sarà da chiudere i conti con la gara di ritorno fissata per domenica 13 giugno, ancora contro i rosso - blu del Cesenatico che con un percorso diverso vogliono vivere in fondo lo stesso sogno dei padroni di casa. La parola fine di una stagione semplicemente irripetibile è lontana poche ore, il finale vorremmo fosse quello inciso nelle menti dei nostri tifosi.

STOP ALLA BOLLETTA DELLA LUCE!

IMPIANTI FOTOVOLTAICI

Un investimento che si ripaga da solo. Impianti fotovoltaici a partire da € 5500,00, con progetto e pratiche GSE comprese. Preventivo e sopralluogo GRATUITO.


Giugno 2010

0709931481 - lavocedelsarrabus@tiscali.it

SPORT

La Voce del S@rrabus

29

PERSONAGGI Intervista. Renato Cacciabue a ruota libera sul futuro della compagine sarrabese e sulla travagliata stagione appena trascorsa

«Per il Muravera la vedo grigia» L’ex Ds punta sulla scuola calcio di Giancarlo Cuccu Forse nella prima vera giornata di caldo di questo inizio giugno, lo incontriamo nel suo Hotel al centro di Muravera. Tardo pomeriggio, lui ha clienti in albergo e noi dobbiamo chiudere il giornale, ci ripromettiamo di accorciare i tempi ma, come sempre accade in queste occasioni i tempi si allungano sempre. Desideriamo parlare con lui di cosa ci si aspetta per l’imminente stagione balneare ed invece chiudiamo chiaccherando sulla prossima stagione calcistica del Muravera, della quale, almeno per il momento, giura di non saper nulla. Renato Cacciabue, cinquantanove anni portati molto bene, conosciuto ed apprezzato imprenditore turistico è probabilmente il più ricercato per sponsorizzazioni e contributi che mai fa mancare alle società sportive e alle diverse associazioni disseminate nel territorio. Gli piace tutto lo sport che non pratica personalmente, ma segue con passione. Particolarmente affezionato alla Polisportiva Muravera, sin dagli anni 70’ è stato dirigente, sponsor ed anche presidente per almeno due stagioni. Si è rimesso in gioco dopo alcuni anni di “riposo” durante l’appena conclusa stagione. Cosa ti ha spinto ad accettare l’invito e ad assolvere l’incarico di Direttore Sportivo? La voglia di tentare di salvare il Muravera. Senza il mio intervento e quello soprattutto di alcuni amici, il Muravera avrebbe chiuso il campionato il 3 gennaio... Addirittura... Si... quando il presidente dagli spalti del comunale ha annunciato che le casse della società

Renato Cacciabue, ex direttore sportivo del Muravera

erano praticamente vuote e non c’erano nemmeno i soldi per la trasferta a Fertilia, ho deciso di proporre il mio aiuto... non solo economico! E cioè? Per conto della società, considerato che i rapporti tra la proprietà e gli atleti erano oramai logorati, è stata istituita questa figura che doveva servire principalmente a rasserenare gli animi e cercare in qualche maniera di procurare denaro per il proseguo del campionato. Cosa è successo? Dopo innumerevoli riunioni

private e qualcuna pubblica, ho ricevuto l’incarico dalla società. Con alcuni amici siamo partiti “volgarmente” a caccia di soldi! Inizialmente il paese ha risposto e grazie a diversi contributi siamo riusciti a racimolare i fondi necessari per garantire le trasferte di gennaio e febbraio. Abbiamo trovato anche il denaro per pagare i rimborsi del mese di gennaio ad una buona parte dei giocatori. Qual’è il motivo per il quale si è deteriorato il rapporto con la proprietà? Si è deteriorato quando mi

sono reso conto che da parte della società non c’era la possibilità o la volontà di dar seguito alle promesse fatte. Che futuro intravedi per il Muravera? La situazione attuale è abbastanza ingarbugliata. Posso dire, analizzando il contesto dall’esterno in considerazione del fatto che nonostante i miei sforzi economici e il tempo dedicato alla società, non risulto nel libro soci, che al momento attuale non si vede una soluzione. Non mi risulta nessuna riunione in cui sia stato presentato un qualsiasi

bilancio inerente la stagione passata, ne tanto meno un bilancio preventivo per la stagione futura. Nel paese non circola nessuna voce relativamente alla nuova campagna acquisti e intanto si avvicina inesorabilmente la data di scadenza di iscrizione al campionato. Intanto per non perdere il vizio, hai messo in piedi una nuova scuola calcio... Effettivamente è un’idea che avevo già dai tempi in cui ero presidente del Muravera. Tant’è vero che già da allora avevo reso indipendente il settore giovanile dalla squadra madre. Ora con la collaborazione di diversi amici è tornata a galla l’idea. Lo staff tecnico sarà diretto dal nostro Lulù Oliveira a cui la scuola calcio è intitolata. Per riuscire nell’intento abbiamo raggiunto un compromesso con il Comune di San Vito per utilizzare oltre al campo di Muravera, anche quello di San Vito. La scuola calcio “Il Falco” è aperta a tutti i ragazzini del Sarrabus-Gerrei dai cinque anni in su. Ogni categoria sarà seguita da più istruttori patentati. Perchè i genitori dovrebbero scegliere la scuola calcio “Il Falco”?: Per alcuni motivi molto semplici. Innanzitutto la volontà da parte di tutti (dirigenti e tecnici) di fare in modo che l’attività sia più ludica che sportiva. C’è poi da dire che le quote versate da ciascun genitore, saranno utilizzate solo ed esclusivamente per l’attività dei propri figli. Consegneremo immediatamente, all’atto dell’iscrizione, tutto il materiale necessario per l’attività dei ragazzini. Inoltre garantiremo a tutti i giovani atleti, le visite mediche sportive e l’assicurazione.


30

La Voce del S@rrabus

SPORT

0709931481 - lavocedelsarrabus@tiscali.it

Giugno 2010

OROSEI La notizia. L’atleta villaputzese ha gareggiato con 470 concorrenti da tutto il mondo ottenendo un onorevole piazzamento

“Gegio” Mascia, orgoglio sarrabese si fa onore all’Xterra di triathlon di Giancarlo Cuccu Lo scorso 30 maggio, a Orosei si è disputata la gara di Triathlon denominata “Xterra” alla quale hanno partecipato 470 atleti provenienti da tutto il mondo, tra i quali il famoso Franky Batielier. Anche il Sarrabus è stato degnamente rappresentato con il suo atleta Sergio (Gegio) Mascia che alla sua prima apparizione ha ottenuto un importante piazzamento, classificandosi 287°. Il concorrente di Villaputzu, si è particolarmente distinto nella prova di nuoto che si è disputata nell’incantevole baia di Cala Ginepro, effettuando la sua performance in un tempo di tutto riguardo, nonostante la temperatura dell’acqua, circa 17 gradi, impedisse i giusti movimenti della sua nuotata . La seconda parte della gara riservata alla corsa in montain bike, si è disputata all’interno del parco naturale “Bidderosa” – un’area protetta tra le più belle del mondo – che ha provato il nostro atleta lungo tutti i 32 chilometri dell’insidioso tracciato. Infine la massacrante corsa a piedi di 10 chilometri, probabilmente la più dura per il

buon “Gegio” che, nonostante il gran caldo sofferto, si è impegnato fino allo spasimo, pur di ottenere un piazzamento che in qualche maniera potesse renderlo felice. Al termine della manifestazione la faccia del nostro atleta manifestava una grande soddisfazione per il personale risultato che per un principiante al suo debutto è senz’altro da ritenersi lusinghiero. Ora aspettiamo la prossima gara in Sardegna per avere una conferma sulle qualità atletiche nel nostro buon “Gegio” che ogni giorno si allena per qualche ora con il chiaro intento di migliorare il suo rendimento per raggiungere al più presto il suo unico obiettivo: scalare quanto prima le classifiche di questa affascinante disciplina sportiva. Auguri caro “Gegio”... auguri davvero anche dalla nostra redazione.

La gara si è svolta nella splendida cornice del parco naturale “Bidderosa”


Giugno 2010

0709931481 - lavocedelsarrabus@tiscali.it

SPORT

La Voce del S@rrabus

31

CALCIO GIOVANILE La polemica. L’edizione 2010 di “Crescere con il calcio” non manca di sollevare discussioni nell’ambiente sportivo

«Vogliamo essere ammessi al torneo» Appello al Coni dall’A.S.D. Sarrabus Esclusi dall’edizione 2010 di “Crescere con il calcio”, il prestigioso torneo internazionale che ogni anno porta a Villaputzu molte squadre giovanili di calcio dall’Italia e dall’estero. Uno schiaffo difficile da digerire per i piccoli atleti dell’A.S.D. Sarrabus, una delusione cocente che ha convinto i dirigenti della società muraverese a prendere carta e penna per scrivere niente di meno che al Coni a Roma, alla Federazione Italiana Gioco Calcio, all’assessore allo sport del Comune di Villaputzu e ai dirigenti dell’A.S. Villaputzu, società organizzatrice del torneo. «Venuto a conoscenza dell’invito diffuso tra tutte le Società sportive esistenti nel territorio - si legge nella missiva firmata da Cosimo Saponaro, responsabile tecnico della Scuola Calcio dello Sport Club Sarrabus - anche lo scrivente ha opportunamente atteso ma, come poi ha potuto appurare, l’A.S.D. Sarrabus non figurava tra quelle gradite. Spinto dalla volontà dei bambini di volersi cimentare con i pari età, spesso compagni di classe e di giochi, il sottoscritto contattava il responsabile della manifestazione, già Direttore Tecnico della Società organizzatrice, il quale non dava sufficienti giustifi-

cazioni sull’esclusione». In buona sostanza sarebbero state privilegiate società sarde, nazionali ed estere con un “pedigree” migliore rispetto all’A.S.D. Sarrabus, «attiva nel territorio del Sud-Est dal 1993 - scrive Saponaro - dove risulta tra le società più accreditate e presenti nelle manifestazioni calcistiche e che certamente sarebbe stata onorata di partecipare al tor-

neo in argomento con le proprie categorie del settore scolastico, ora al primo anno di attività. Le tre squadre interessate sono composte da circa quaranta tesserati provenienti da tutto il bacino del Sarrabus, con una netta predominanza di bambini di Villaputzu». Ai quali verrebbe però negata la possibilità di confrontarsi con squadre più prestigiose, un’occasione più

unica che rara per fare esperienza e migliorarsi. Un fatto che amareggia dirigenti e piccoli calciatori. «La disconoscenza dei diritti che hanno i bambini di agire in un contesto sportivo - così si conclude la lettera indirizzata ai massimi organismi calcistici nazionali dove divertirsi, sviluppandosi tecnicamente e psicologicamente esula dall’imposizione di essere

un campione ad ogni costo, risulta ancor più inaccettabile per chi dovrebbe aver fatto, in quel ruolo, dello sport una scelta di vita». Difficile dire come si concluderà la vicenda che rischia di gettare un’ombra sul prestigioso torneo internazionale sarrabese che, stando alle indiscrezioni, potrebbe saltare proprio a causa di queste polemiche.


32

La Voce del S@rrabus

PUBBLICITร€

0709931481 - lavocedelsarrabus@tiscali.it

Giugno 2010

Offerte di Giugno 4QJBHHJOBSFTJOBโ‚ฌ 4,99 t5BWPMBOVPUPโ‚ฌ 8,99t4FEJBSFTJOBโ‚ฌ 4,99t%VFCPSTFGSJHPโ‚ฌ 5,99 (B[FCPYโ‚ฌ 24,90t0NCSFMMPOFBMMVNJOJPยNโ‚ฌ 17,90 t"MUBMFOBDPOQBSBTPMFโ‚ฌ 79,90 .BUFSBTTJOPUFMBUPโ‚ฌ 11,90t7BMJHFUUBQJDOJDUBWPMP THBCFMMJโ‚ฌ 33,90E TANTE ALTRE!!!

Bandiere, B andiiere, magliette magliette e ccappellini appe ellini dellโ€™Italia dell d โ€™Italia

โ‚ฌ 339,00 339,00 0

โ‚ฌ 119,00 119 9,0 ,00

โ‚ฌ 75,00

โ‚ฌ 55,00

"SUJDPMJEBSFHBMPt(JPDBUUPMJt1SJNBJOGBO[JBt1SPGVNFSJBt$BSUPMFSJBt"SUJHJBOBUPTBSEPt"SUJDPMJNBSFFTQJBHHJB " SUJDPMJEBSFHBBMPt(JPDB  UUPMJt1SJN NBJOGBO[JBt1    SPGVNF FSJBt$BSUPMFSJBt"SUJJHJBOBUPTBSEPt"SUJDDPMJNBSFFTQJBHHJB "SSFEPHJBSEJOPt&TDIFWJWFt"SUJDPMJGPUPHSBรถDJDPOTUBNQFEJHJUBMJJNNFEJBUFEB$IJPTDP,PEBL " SSFEP PHJBSEJOPt&TDIFWJW   WFt"SUJDPMJGPUPHSBรถDDJD  POTUBNQFEJHJUBBMJJNNFEJB  UFEB$IJP   PTDP,PEBL

GIFT SHOP di d M Mocco occo L Lanfranco anfranco - SAN VI VITOt7JBEFMMF3POEJOJ 5FM TOt 7JBEFMMF  3 POEJOJ 5FM F  


La Voce del Sarrabus - giugno 2010