Page 1

LA VOCE DEL S@RRABUS COPIA GRATUITA

MENSILE DEL SUD-EST SARDO - anno III- numero XXIV - Marzo 2010 www.lavocedelsarrabus.it

Castiadas Pag. L’assessore al Turismo: «Miglioremo i servizi»

10

Muravera Pag. 11 Azzerato il rischio alluvioni, il centro storico è edificabile

San Vito Pag. 12 Il Comune adotta la posta elettronica certificata

Villaputzu Pag. 13 Successo alla Bit di Milano il paese piace ai turisti

Villasimius Pag. 14 Il Comune cerca materiali storici inediti sul paese

COMMERCIO. Una nota catena di supermercati aprirà un super emporio nella zona industriale di San Vito

Arriva un mega hard-discount I negozianti: «Per noi è la fine» Il sindaco si difende: «Le autorizzazioni le ha date la Regione» MURAVERA

PAG. 3

IL PAESE SI PREPARA ALLE ELEZIONI PER IL NUOVO PRIMO CITTADINO

SINISTRA DESAPARECIDA

San Vito Pag. 4-5 Scuola e famiglie concordi «Non abbandoniamo i “bulletti” e i loro genitori»

Servizio a pagina 18

Il centro-destra correrà contro sè stesso per eleggere il sindaco del dopo-Piu.

Burcei Pag. 9 342 mila euro per adeguare l’illuminazione pubblica a criteri di risparmio energetico

SVOLTA A DESTRA

-($16‡%$*6‡6+2(6

Satira Pag. 25 Le ultime notizie fresche di cronaca e attualità dal mondo conosciuto e non


2

La Voce del S@rrabus

PUBBLICITĂ€

0709931481 - lavocedelsarrabus@tiscali.it

Marzo 2010


Marzo 2010

0709931481 - lavocedelsarrabus@tiscali.it

PRIMO PIANO

La Voce del S@rrabus

3

SARRABUS Il caso. Una nota catena di supermercati aprirà presto un punto vendita nella zona industriale di San Vito e si scatena la polemica

Un super discount per abbattere i prezzi I commercianti furenti: «Così ci rovinate» di Sabina Sestu Commercianti furenti. Utenti in trepida attesa. Sono queste le due opinioni contrastanti che girano attorno alla costruzione del grande hard-discount, con marchio Eurospin, che sorgerà in tempi brevi nella zona industriale de “Su Idili”. Si costruirà sulla strada statale 387, in posizione fortemente strategica, sarà infatti facilmente raggiungibile dagli utenti sarrabesi. Grande 800 metri quadri, fornirà prodotti alimentari a prezzi competitivi. La preoccupazione dei commercianti è per l’appunto questa: «Non riusciremo a competere con i prezzi che questo nuovo supermercato riuscirà a fare - afferma preoccupata Lorella, commerciante - i clienti sceglieranno di comprare all’Eurospin e noi ci troveremo presto costretti a chiudere». Tutti i negozianti sono spaventati da questa novità: «Nel periodo di crisi che tutta l’Italia sta attraversando è una mazzata alle nostre attività commerciali – esclama un altro rivenditore di generi alimentari sanvitese – i clienti non hanno grosse disponibilità finanziarie e se un grande marchio come l’Eurospin apre un punto vendita nella nostra zona, perderemo tutti i clienti». I gestori dei negozi sanvitesi, temendo per la chiusura dei propri esercizi commerciali, hanno richiesto un incontro con il sindaco, Patrizio Buccelli, per parlare delle loro rimostranze e preoccupazioni. Il sindaco nel corso di un'assemblea pubblica svoltasi ai primi di marzo, è stato chiaro: «Non potevo e non posso fare nulla – ha detto Buccelli - Per la legge regionale n° 5 del 2006 le autorizzazioni per aprire esercizi commerciali in zone D2 è di competenza regionale, non

comunale». All’accusa di non essere stati avvertiti per tempo, visto che la richiesta per l’apertura del discount è stata inoltrata due anni fa, il sindaco risponde così: «Non ero obbligato ad avvertire i cittadini, ma sarebbe stato loro dovere informarsi consultando l’albo pretorio». Durante l’incontro il sindaco ha esposto molto chiaramente la situazione che si prospetta con la costruzione del nuovo mega esercizio commerciale: «In un paese fino a 5000 abitanti non si può costruire un fabbricato superiore agli 800 metri quadri – ha detto Buccelli - Quindi la notizia che sarà un vero e proprio centro commerciale è falsa». Il primo cittadino sanvitese, che è anche il presidente dell'Unione dei Comuni del Sarrabus, rispondendo alla contestazione di alcuni commercianti, riguardo al fatto che la nuova costruzione si troverà in una posizione strategica e dotata di parcheggi, ha argomentato: «Voi avete dalla vostra parte la fidelizzazione dei clienti e anche se non avete uno spiazzo per i parcheggi, gli habitué non li perderete». Un altro commerciante si è lamentato del fatto che ad aprire la nuova attività non sia una imprenditore della zona. La risposta del sindaco non si è fatta attendere: «Se nessuno ha i capitali necessari per farlo non è colpa mia. D’altronde voi stessi non siete riusciti a mettervi d’accordo per creare un centro commerciale naturale, come invece è stato fatto a Villaputzu e Muravera. Se qualcuno di voi avesse voluto e potuto, la zona D2 su cui costruire sarebbe stata a vostra disposizione». Per gli abitanti del Sarrabus, al contrario, l’apertura di questo nuovo supermercato viene vista con occhio benevolo. «Aprono un

Assemblea infuocata Il sindaco di San Vito: «Non posso farci nulla: l’autorizzazione è di competenza regionale» I negozianti: «I clienti non hanno grosse disponibilità finanziare, rischiamo di perderli»

nuovo discount?” - chiede meravigliato il gestore di un bar nel centro di Muravera - se farà buoni prezzi sarò felicissimo di poter acquistare lì la merce che mi serve per la mia attività. Sarà un bel risparmio di tempo, visto che ora sono costretto ad andare a Cagliari per rifornirmi». Anche i comuni acquirenti sono felici nell’apprendere la novità: «Speriamo che sia grande e ben fornito - afferma un cittadino di Villaputzu che vuole mantenere l’anonimato, entusiasta nell'apprendere la notizia – chissà che non sia un’opportunità di sviluppo per l’intero territorio». Giorgio, 25 anni di San Vito, esclama: «Fanno benissimo a realizzarlo». Sono in tanti ad augurarsi che il Sarrabus venga preso in considerazione da importanti imprenditori, non solo del settore alimentare, che decidano di investire nella nostra zona.

La Voce del S@rrabus Associazione Radio La Voce editrice Presidente Don Emilio Manca DIRETTORE RESPONSABILE MICHELE GARBATO Capo Redattore Gianni Agus Redazione Giancarlo Cuccu, Renzo Cuccu Hanno collaborato Stefania Cauli, Sabina Sestu, Corrado Loi, Antonello Romano, Alessandro Bulla, Ignazio Monni, Stefano Galdi Foto Carla Scroccu, Alberto Masala Impaginazione e Grafica Simone Utzeri, Antonio Dentoni (grafico-voce@live.it) Telefono 0709931481 - 3939161711 E-mail lavocedelsarrabus@tiscali.it Internet www.lavocedelsarrabus.it Pubblicità 3479415600 Stampa Unione Editoriale S.p.A. Elmas Tiratura 8.000 copie Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Cagliari (n. 5/1995)


4

La Voce del S@rrabus

L’INCHIESTA

0709931481 - lavocedelsarrabus@tiscali.it

Marzo 2010

SAN VITO Bullismo. Nonostante le denunce, continuano i raid della baby gang. Il parroco del paese: «Stanchi di troppe violenze fisiche e verbali»

«Non abbandoniamo i “bulletti”» Scuola e famiglie: «Sí al recupero» di Sabina Sestu «Non hanno alcun rispetto per nessuno, né per le autorità né per le persone anziane. Vengono in chiesa per disturbare, sputano dappertutto e picchiano i ragazzini più piccoli. Aggrediscono verbalmente le suore urlando loro parolacce. Per non parlare degli schiamazzi che fanno nel sagrato della chiesa e per la mancanza di rispetto nei confronti degli anziani che frequentano la chiesa». Il j’accuse è duro e arriva direttamente dal parroco di San Vito, don Elvio Puddu. Destinatari i componenti della baby-gang che con le loro imprese si stanno facendo una fama sinistra a San Vito e non solo. Cinque di loro sono stati anche segnalati dai Carabinieri all’autorità giudiziaria. Ma pare non sia servito a nulla: gli adolescenti terribili continuano a colpire. Don Elvio, e con lui buona parte del paese, è preoccupato per la situazione: «Per questi ragazzi la vedo nera dice il parroco, riferendosi alla possibilità di un recupero per gli “adolescenti terribili” - dovrebbero essere allontanati dal paese e magari affidati ad un’istituzione che si occupi di casi difficili». Gli atti di bullismo e violenze fisiche e

psicologiche perpetrate a scuola rendono la vita difficile a tanti adoloscenti sanvitesi. Alcuni degli studenti della scuola media del piccolo centro sarrabese, preferiscono arrivare a scuola al suono della campanella, piuttosto che sostare nel piazzale antistante. I ragazzi, vittime predilette dei bulli, hanno cambiato le proprie abitudini pur di non ritrovarsi sotto il tiro dei loro “carnefici”. Da alcuni anni, infatti, percosse e derisioni fanno parte delle normali attività scolastiche. I cosiddetti “bravi ragazzi” non hanno più vita facile, le lezioni vengono interrotte frequentemente per riprendere i reprobi e le ore di ricreazione diventano un incubo. «Faccio tutto

ciò che è in mio potere per risolvere questa situazione - spiega Vanni Mameli, dirigente scolastico delle medie del paese - E’ mia ferma intenzione tentare di salvare tutti, vittime e carnefici. Mi sono già messo in contatto con Don Ettore Cannavera che si occupa del recupero di giovanissimi con problemi sociali, per fissare un incontro e parlare con genitori e ragazzi». Il rischio è che diventino una sorta di eroi per alcuni loro coetanei, un fatto di cui è ben conscio il parroco: «Da alcuni - spiega don Elvio - vengono visti come eroi perché sfidano le autorità e le regole degli adulti». Più esplicita una mamma che però, forse per paura, vuol rimanere anonima:

«Le ragazzine - dice - sono affascinate dall’immagine di “gioventù bruciata” che questi ragazzi rimandano. E i ragazzini li guardano ammirati perché hanno il coraggio di sfidare le regole di buon comportamento che noi gli insegniamo in famiglia». Ma la maggior parte dei genitori sono soprattutto preoccupati per le conseguenze psicologiche e di rendimento scolastico che questi atti di bullismo hanno sui loro figli. Alcuni ragazzi rientrano a casa da scuola affranti e con qualche livido e, per le regole non scritte che vigono a quell’età, non dicono nulla su ciò che gli è accaduto all’interno dell’edificio scolastico. Il loro rendimento scolastico ne risente fino al punto che sono costretti a parlarne con i propri genitori. Padri e madri si trovano nella difficoltà di agire legalmente nei confronti di questi adolescenti violenti, in quanto si pongono il problema di cosa accadrebbe loro se venissero denunciati alle autorità competenti. Sicuramente è una situazione che preoccupa ma su cui si dovrebbe agire al più presto. In tanti sono convinti che questi cinque ragazzi, se non si corre ora ai ripari, hanno davanti un futuro di violenza.

LA PSICOLOGA

No agli interventi punitivi, vanno aiutati i genitori Quali interventi possono essere realmente efficaci per poter modificare gli atteggiamenti inadeguati ed evitare che la vittima arrivi manifestare disagi e il bullo una situazione di rischio di emarginazione? Gli approcci individuali meno efficaci infatti, sembrano quelli di tipo punitivo, dal momento che tendono a lasciare il bullo nella sua incapacità di trovare prospettive e comportamenti diversi per affrontare la vita relazionale. Tali sistemi di intervento possono persino peggiorare la situazione. L’obiettivo, deve essere quello di favorire nel bullo comportamenti positivi da premiare, principalmente attraverso i rinforzi sociali che lui ricerca con i suo comportamenti negativi. In molti interventi attuali definiti di “parent training”, si conducono dei percorsi di aiuto ai genitori, volti a fornire informazioni sui metodi educativi più efficaci per inibire lo sviluppo di comportamenti disadattivi nei propri figli. Monia Piroddi - psicologa


Marzo 2010

0709931481 - lavocedelsarrabus@tiscali.it

L’INCHIESTA

La Voce del S@rrabus

5

SAN VITO L’intervista. Parla il padre di uno dei giovani sospettati di far parte di una band protagonista di atti di bullismo

«Sono tutti bravi a puntare il dito ma i nostri ragazzi sono in difficoltà» di Stefania Cauli L’espressione è di quelle che non lascia spazio ad interpretazioni. Un padre angosciato che chiede rispetto per la privacy della sua famiglia. Lo preoccupa il futuro, in particolare del suo figliolo, che le voci di paese indicano come uno dei componenti di una banda di “bulletti” che si stanno facendo conoscere per le loro “imprese” finite su tutti i giornali. «non riportate il mio nome», premette prima di parlare con la cronista de La Voce. La paura è comprensibile: quella di essere riconosciuto, ma è anche grande la voglia di parlare, di dire la sua sui fatti di “bullismo” che stanno facendo chiacchierare San Vito e l’intero Sarrabus. Lei ha un figlio adolescente che sembra appartenere a uno dei gruppetti che ultimamente seminano sgomento nel paese. Come ha reagito davanti a questa definizione? Ho letto con profondo dispiacere l’articolo pubblicato il mese scorso su questo giornale. Si parla di “mini-Bronx”, un termine francamente troppo forte ed esagerato per la realtà di San Vito. Come genitore l’ho presa malissimo: non si può neanche immaginare quanto tali parole si possano ripercuotere negativamente sulla vita familiare. Cosa intende per paese-dormitorio? A San Vito sembra che ogni possibilità di divertimento per i giovanissimi sia totalmente preclusa: non esiste un luogo in cui questi ragazzi si possano divertire e passare il tempo in modo creativo e divertente. Le piazze non sono adeguate: quella che era nata come pista di pattinaggio e un tempo era frequentatissima da bambini e adolescenti ora è utiliz-

zata solo due mesi all’anno per il torneo di calcetto; piazza Santa Barbara e piazza Sardegna sono luoghi proibiti dal momento in cui gli abitanti delle case vicine non sembrano tollerare la presenza di nessuno. La ludoteca infine, consente l’accesso fino a una determinata età e i ragazzini tra i 15 e i 17 anni si trovano così in mezzo alla

Ipse dixit «Continuerò a star vicino a mio figlio, cercando di fargli capire i suoi errori»

strada, tra i vecchi. Si parla in particolare della preoccupazione del parroco del paese e la situazione a scuola non sembra essere migliore. Come risponde a queste accuse? Questi ragazzi non hanno alcuno stimolo da parte di nessuno. Vivono una situazione difficile e tutti sono solo bravi a puntare il dito. I fatti di cui sono accusati sono le solite bravate che vengono compiute da sempre da ogni generazione di adolescenti. I nostri giovani devono essere capiti e aiutati e non messi alla berlina come si sta cercando di fare. Non hanno nessun incentivo a entrare in chiesa, arrivano solo accuse da un’istituzione che invece dovrebbe tendere la mano proprio a chi ne ha bisogno. A scuola non ne parliamo: ogni anno noi genitori siamo costretti a trattare con professori e

dirigenti scolastici nuovi. Non esiste continuità scolastica, di conseguenza gli insegnanti non fanno in tempo ad abituarsi e seguire questi ragazzi. Inoltre molti non vogliono rogne: appena qualcuno dà fastidio diventa un caso. Però sembra che tra questi atti rientrino anche percosse a collaboratori scolastici, e addirittura in altra sede si è parlato di denunce al Tribunale dei minori… Nessuno sa niente di queste denunce: non si è mai parlato di tribunali o cose di questo tipo. Ed è proprio per questo motivo che sono profondamente amareggiato per la diffusione di questa immagine di San Vito che viene data all’intera Sardegna e che, a mio parere, non rispecchia la realtà. Che messaggio vuole dare a chi è preoccupato per questi fatti e cosa farà lei come genitore? Io personalmente continuerò, come ho sempre fatto, a stare vicino a mio figlio, riconoscendo i suoi errori e cercando di fargli capire ciò che è giusto e ciò che è sbagliato. Questo dovrebbero fare tutti. La chiesa dovrebbe aprire le sue porte e prestare orecchio a chi sta vivendo un momento delicato come quello dell’adolescenza e, assieme alla scuola, dovrebbe essere un modello, un punto di riferimento e di appoggio, non un luogo dal quale si viene banditi. Nel nostro paese si dovrebbe prestare attenzione alle esigenze di questi ragazzi, i locali e le risorse non mancano, ciò che non sembra esserci sono l’interesse e la volontà di fare qualcosa. Tutti sembrano essersi dimenticati di essere stati giovani, molti di aver avuto figli adolescenti. Alcuni non sanno proprio cosa vuol dire e dovrebbero sforzarsi maggiormente per capire e rendersi utili alla società, non soltanto criticare.

IL COMMENTO

Non abbassiamo la guardia ma evitiamo allarmismi Forse c’è un eccesso di allarmismo nel valutare i fenomeni di bullismo per i quali San Vito è balzata agli “onori” delle cronache. In realtà non c’è nulla di nuovo sotto il sole: generazioni di adolescenti si sono susseguite negli anni assistendo ed essendo vittime e fautori di questi atti. Ragazzi etichettati come “difficili” o “bulli”, che seminavano il terrore nelle scuole venivano considerati privi di speranze per il futuro da insegnanti esausti e genitori preoccupati. Una volta cresciuti, invece, sono diventati adulti responsabili, in cui chiunque può riconoscersi scavando nei propri ricordi di adolescente. Questo non vuol dire giustificare atti di violenza e comportamenti irrispettosi: il fenomeno fa parte della storia sociale di qualsiasi generazione. Non è facile ma ciò che si dovrebbe fare sarebbe distinguere fra atti che poi possono portare chi li compie su una cattiva strada ed episodi che fanno parte della cosiddetta “normalità”. E allora ognuno di noi ripensi alla propria gioventù e, non c’è dubbio, riemergeranno fatti che, col senno di poi, potrebbero essere classificati come “bullismo”. Quindi, non abbassiamo la guardia sui fatti che stanno facendo parlare San Vito e dintorni ma stiamo attenti alle facili generalizzazioni e alle altrettanto facili “condanne” che potrebbero pesare come macigni su vite troppo giovani per sopportare marchi del genere. (s.c.)


6

La Voce del S@rrabus

PUBBLICITĂ€

0709931481 - lavocedelsarrabus@tiscali.it

Marzo 2010


Marzo 2010

0709931481 - lavocedelsarrabus@tiscali.it

IL PUNTO DI VISTA

La Voce del S@rrabus

7

CHIESA La missiva. Una parola in difesa dei genitori in una società così difficile e piena di problematiche

La rivincita del papà “assenteista” Gentilissimi genitori. Marzo è il mese della festa di San Giuseppe, il padre di Gesù. Ecco perchè in marzo si celebra la “Festa del Papà”. Una festa importante. Importante come è importante il Papà. Carissimi papà, per favore fermatevi un momento e leggete tutta questa breve lettera. Parla di voi, per dirvi che siete indispensabili per la crescita armoniosa dei figli. Voi siete insostituibili perchè regalate loro addirittura sei doni. Eccoli in breve. Primo dono: il papà fa vedere un modo di vivere diverso dalla mamma. La mamma gioca in un modo, il papà in un altro; la mamma sgrida in un modo, il papà in un altro;

la mamma sopporta le patacche, il papà le accetta sorridendo... Il figlio deve poter vedere anche lo stile di vita maschile, per non crescere scompensato, sbilanciato. È sicuro: di sola mamma non si cresce completi. Secondo dono: il papà dà maggior sicurezza. Per questo rende più forte il figlio, più padrone di sè. Chi ha avuto un bravo papà sarà un adolescente che resiste meglio all’influenza del gruppo. Terzo dono: il papà apre al mondo. Fa vedere al bambino che non c’è solo la mamma, ma anche lui, anche altri. Dove c’è il papà, il piccolo trova meno difficile staccarsi da casa per andare alla scuola dell’infanzia.

Quarto dono: il papà favorisce una più precisa identità sessuale, sia nel bambino che nella bambina. Vi sono devianze sessuali che derivano dal fatto che, special-

mente nell’infanzia, non si è visto che la figura femminile. Quinto dono: il papà prepara l’idea di Dio. Tutti sanno che i piccoli stravedono per il loro papà: “mio papà sa guidare anche senza le mani”, diceva Monica, quattro anni. Per il bambino Dio è come il papà un papà buono gli fa pensare un Dio buono. E così il padre diventa il primo messaggero di Dio, il suo primo rappresentante. Sesto dono: il papà regala al bambino una mamma più distesa, serena e calma. Oggi le mamme sono sempre più stressate e tese. Ebbene, se il papà è presente non solo fisicamente, ma con tutto se stesso, la mamma può prendersi un po’ di fiato, può godersi un po’ di pace.

È proprio questa la mamma, rilassata e quieta, che il bambino sogna. Vi siete convinti, papà, di quanto siete importanti? Allora, per favore, non restate in panchina, ma entrate in gioco. Papà, tornate a casa, tornate in famiglia. Senza di voi il bambino è come una scarpa scompagnata. Grazie di avermi letto vi affido al vostro grande protettore, San Giuseppe, mentre vi auguro una dolcissima festa. Un saluto cordiale da uno che è felice d’essere padre di tanti buoni fedeli come voi. Con tanta cordialità. Il vostro parroco.

Teologia. Interpelliamo il catechismo universale della Chiesa sulla sua realtà più preziosa

Il significato dell’Eucarestia 271. Che cos’è l’Eucaristia? È il sacrificio stesso del Corpo e del Sangue del Signore Gesù, che Egli istituì per perpetuare nei secoli, fino al suo ritorno, il sacrificio della Croce, affidando così alla sua Chiesa il memoriale della sua Morte e Risurrezione. È il segno dell’unità, il vincolo della carità, il convito pasquale, nel quale si riceve Cristo, l’anima viene ricolmata di grazia e viene dato il pegno della vita eterna. 272. Quando Gesù Cristo ha istituito l’Eucarestia? L’ha istituita il Giovedì Santo, “la notte in cui veniva tradito” (1 Cor 11,23), mentre celebrava con i suoi Apostoli l’Ultima Cena.

273. Come l’ha istituita? Dopo aver radunato i suoi Apostoli nel Cenacolo, Gesù prese nelle sue mani il pane, lo spezzò e lo diede loro dicendo: «Prendetene e mangiatene tutti: questo è il mio corpo offerto per voi». Poi prese nelle sue mani il calice del vino e disse loro: «Prendete e bevetene tutti: questo è il calice del mio sangue per la nuova ed eterna alleanza, versato per voi e per tutti in remissione dei peccati. Fate questo in memoria di me». 274. Che cosa rappresenta l’Eucarestia nella vita della Chiesa? È fonte e culmine di tutta la vita cristiana. Nell’Eucaristia toccano il

loro vertice l’azione santificante di Dio verso di noi e il nostro culto verso di lui. Essa racchiude tutto il bene spirituale della Chiesa: lo stesso Cristo, nostra Pasqua. La comunione della vita divina e l’unita del Popolo di Dio sono espresse e prodotte dall’Eucaristia. Mediante la celebrazione eucaristica ci uniamo già alla liturgia del Cielo e anticipiamo la vita eterna. 275. Come viene chiamato questo sacramento? L’insondabile ricchezza di questo Sacramento si esprime con diversi nomi, che evocano suoi aspetti particolari. I più comuni sono: Eucarestia, Santa Messa, Cena del Signore, Frazione del

pane, Celebrazione eucaristica, Santo Sacrificio, Santa e Divina Liturguia, Santi Misteri, Santissimo Sacramento dell’altare, Santa Comunione. 276. Come si colloca l’Eucarestia nel disegno divino della salvezza? Nell’Antica Alleanza l’Eucarestia è preannunziata soprattutto nella cena pasquale annuale, celebrata ogni anno dagli Ebrei con i pani azzimi, a ricordo dell’improvvisa e liberatrice partenza dall’Egitto. Gesù l’annuncia nel suo insegnamento e la istituisce celebrando con i suoi Apostoli l’Ultima Cena durante un banchetto pasquale. La Chiesa, fedele al comando del Signore: “fate questo in memoria

di me” (1 Cor 11,24), ha sempre celebrato l’Eucarestia, soprattutto la domenica, giorno della risurrezzione di Gesù.

Sacre Scritture. Da sempre operai, padroni, lavoro, ingiustizia e sfruttamento

La giusta mercede nella Bibbia Non ritterrai presso di te sino all’indomani la paga del tuo operaio. (Lev. XIX) Non rifiuterai la mercede all’indigente e al povero, sia tuo fratello sia forestiero, che abita con te nella regione, o vive entro le tue porte. Anzi nel giorno stesso, prima del tramonto del sole, gli pagherai il prezzo del suo lavoro, perchè egli è povero e con quello sostiene la sua vita. Così egli non griderà contro di al Signore, e tu non diverrai colpevole d’un peccato. (Deut. XXIV) Chiunque abbia fatto per te un qualche lavoro, tu subito dagliene la mercede. Mai rimanga in tua mano la paga del tuo operaio. (Tob. IV)

Non maltrattare l’operaio che con sacrificio lavora, nè il lavoratore che ci mette l’anima sua. Il lavoratore assennato ti sia caro come l’anima tua. Non lo defraudare della sua libertà, nè lo lasciar nell’indigenza... il pane dei bisognosi è la vita dei poveri: chi lo ruba è un assassino! chi toglie a uno il sudato pane, è come chi uccide il prossimo. chi sparge il sangue e chi defrauda il lavoratore sono fratelli. (Eccles. XXXIV) Guai a colui che edifica la sua casa con l’ingiustizia e le sue stanze senza retribuire. Chi tiene a servito il suo prossimo gratuitamente e non gli rende la debita mercede. Guai a chi dice: mi fabbricherò una vasta casa e

sale spaziose, a chi apre ampie finestre e le dipinge con il minio. (Ger. XXII) Mi accosterò a voi per fare giustizia, e sarò pronto a rendere testimonianza contro gli incantatori, gli adulteri e gli spergiuri. contro a coloro che defraudano la mercede agli operai, che opprimono le vedove e gli orfani, che sopraffanno il forestiero, e che non hanno avuto timore di me. (Mal. III) «Guarite gli infermi, mondate i lebbrosi, scacciate i demoni; avete ricevuto gratuitamente, gratuitamente date. Non tenete nelle vostre cinture nè oro nè argento; non abbiate bisaccia, nè due vesti, nè calzari, nè bastone, perchè l’operaio è

degno della sua mercede». (Mat. X) Ebbene adesso, o ricchi, piangete, urlate a motivo delle miserie che verranno sopra di voi. Le vostre ricchezze si sono imputridite, e i vostri vestiti sono statio rosi dalle tignole. L’oro e l’argento vostro è arrugginito. La ruggine sarà come testimonianza contro di voi e quasi fuoco divorerà le vostre carni. Vi siete adunati tesori d’ira per gli ultimi giorni. Ecco, la mercede dei lavoratori che hanno mietuto i vostri campi, frodata da voi, alza le grida, e queste grida son giunte alle orecchie del Signore. Avete condannato e ucciso il giusto, perchè non vi ha fatto resistenza. (Lett. S. Giac. V)

Parrocchia San Nicola di Bari Muravera Orari S. Messe Feriale ore 17.30 Vespertina ore18.00 Domenica e Festivi ore 7.30 - 9.30 - 11.00

La Chiesa ricorda ai fedeli che ogni Venerdì di Quaresima siamo tenuti all’astinenza e al digiuno


8

PUBBLICITÀ

La Voce del S@rrabus

0709931481 - lavocedelsarrabus@tiscali.it

Marzo 2010

Una soluzione semplice per bere acqua pura, leggera e viva dal rubinetto di casa tua come da una sorgente di montagna con notevole riduzione dell’utilizzo della plastica a salvaguardia dell’ambiente. I VANTAGGI

Dal Rubinetto di casa tua

ACQUA PURA FRESCA ed ENERGETICA

come dalla sorgente di montagna.

Rivitalizzatore e debatterizzatore d’acqua. Il benessere del nostro corpo dipende da due importanti fattori: dalla quantità e sopratutto dalla qualità dell’acqua che beviamo. Con Revital è possibile recuperare il suo stato vero e vivo, quello che assicura una migliore nutrizione cellulare ed una profonda detossinazione. E questo direttamente dal rubinetto di casa! In questo modo, grazie al profondo drenaggio svolto da quest’acqua ed al riequilibrio acido-basico, potremmo compiere un’azione preventiva verso vari disturbi con la conseguente possibilità di migliorare il nostro stato di forma. I materiali nobili utilizzati nella costruzione di Revital, la sua forma a chiocciola realizzata per dare all’acqua durante la sua vortificazione, una struttura regolare che spezza le molecole in piccoli gruppi rendendoli maggiormente assimilabili dalle cellule, fanno di Revital il più semplice, il più tecnologico, il più affidabile, il più garantito strumento per la rivitalizzazione dell’acqua.

SCOPRITE IL PIACERE DI BERE UN’ACQUA: 5&3"1&65*$"t-&((&3"t%*&5&5*$"t&/&3(&5*$" 3*7*5"-*;;"5"t13*7"%*#"55&3*t%*3&55".&/5&%"-36#*/&550 4*$630t("3"/5*50"7*5"t*/"3(&/50t$&35*'*$"50 13*70%*."/65&/;*0/&t/0'*-53* PROVALO SENZA IMPEGNO DIRETTAMENTE A CASA TUA TELEFONANDO AL 334.1636795

I COMPONENTI Dispositivo Revital per rubinetto

Revital Block

Dispositivo Revital per doccia

Piccole dimensioni GRANDE RISULTATO Magnetizzazione + Ripristino Energetico + Rivitalizzazione

La soluzione per sconfiggere definitivamente il calcare grazie alla tecnologia dei magneti permanenti Eterno, Potente, Efficace Di facile installazione

Per una pelle morbida e rilassata Come coadiuvante a problematiche dermatologiche

NO FILTRI - NESSUNA MANUTENZIONE - CE - PRODOTTO ITALIANO Conforme alle direttive del Ministero della Salute D.M. 443/21/12/90 REVITAL È DISTRIBUITO DA RCB PROFESSIONAL ࢸ

Info: 334.1636795 (Muravera)

evital ... energia e benessere

Cerchiamo personale di vendita e responsabili di zona per tutta la Sardegna. Info: 334.1636795


Marzo 2010

La Voce del S@rrabus

0709931481 - lavocedelsarrabus@tiscali.it

La notizia. L’obiettivo è quello di razionalizzare e ridurre i consumi

Riconoscimento

Risparmio energetico, arrivano i fondi

Maresciallo di Burcei a direzione Beni culturali

342 mila euro per rendere piÚ efficiente l’illuminazione pubblica Con un importo complessivo di 342 mila euro, il comune di Burcei adeguerà l’illuminazione pubblica alle esigenze di risparmio energetico. Dalla Regione, infatti, sono giunti 270 mila euro, frutto di un bando cui il Comune ha preso parte. La Giunta Municipale ha integrato la somma con 73 mila euro di fondi propri. Il programma prevede la sostituzione di 430 corpi illuminanti, non piÚ idonei, e 105 pali collegati alle linee elettriche che si dipartono dai quadri ubicati nella via Municipio e via Nuova. L’intervento, che interesserà la maggior parte delle strade del centro abitato, sarà realizzato nel rispetto delle linee guida, approvate dalla Regione, con l’obiettivo di razionalizzare e ridurre i consumi energetici, tutelare e migliorare l’ambiente, conservare gli equilibri ecologici naturali, favorire la ricerca scientifica e divulgativa svolta dagli osservatori astronomici. L’Amministrazione Comunale ha partecipato al bando regionale con l’intento di rimodernare gran

9

Maria Assunta Lorrai, un maresciallo dei carabinieri di Burcei, è stata nominata direttore generale dei Beni culturali della Sardegna. Laureata in scienze politiche, lavora da tempo agli affari generali del Mibac, e fa parte dello staff del commissario straordinario all’emergenza dell’area archeologica di Roma, uno dei maggiori patrimoni al mondo. ÂŤTutela, valorizzazione e organizzazione. PuntualitĂ nell’applicazione della norma ma anche massima collaborazione con gli enti locali, a partire dalla RegioneÂť, questo il ‘programma’ del neo direttore dei Beni culturali della Sardegna.

Verranno sostituiti 430 corpi illuminanti e 105 pali non piĂš idonei

parte dell’impianto di illuminazione pubblica nel segno del risparmio energetico, che riferito alla parte dell’impianto oggetto dell’intervento sarà del 34 per cento circa del contributo sul contenimento dell’inquinamento

luminoso. L’Amministrazione si impegnerà per reperire le somme necessarie per il completamento e la messa a norma della restante parte dell’impianto di illuminazione relativo alla zona di Pranus.

FARMACIA PIREDDA

D.ssa Piredda Luciana

,1)$1=,$v'(502&260(6,v6$1,7$5,$v),727(5$3,$v20(23$7,$v9(7(5,1$5,$v25723(',$v&2168/(1=(

LOC. OLIA SPECIOSA v7HO)D[HPDLOOXFLDQDSLUHGGD#WLVFDOLLW


10

La Voce del S@rrabus

0709931481 - lavocedelsarrabus@tiscali.it

Marzo 2010

Turismo. Gigi Molinari: «Il successo degli agriturismo ottima occasione per allungare la stagione»

Castiadas, dalla Bit indicazioni confortanti L’assessore: «Miglioreremo tutti i servizi» Castiadas punta le sue carte sul miglioramento dei servizi al turista, sulle spiagge a numero chiuso e sulla salvaguardia ambientale delle località che costituiscono il fiore all’occhiello del territorio comunale. La trasferta di Milano, per partecipare alla Borsa Internazionale del Turismo, è stata produttiva. La stagione che sta per incominciare nasce con buone premesse: le presenze sono cresciute in media del cinque per cento, così come le giornate trascorse sul territorio dai turisti. «Il segno più è confortante ha spiegato l’assessore al Turismo Gigi Molinari - tenuto conto che località turistiche vicine molto conosciute come Villasimius hanno risentito della crisi in atto ed hanno registrato una flessione». A Milano Castiadas si è presentata con brochures sul territorio e sulle sue attività produttive, che hanno raccolto l’interesse degli

operatori del settore. Proprio sulla comunicazione punta il Comune per far conoscere meglio le località che sono il fiore all’occhiello del paese: «Abbiamo concordato una serie di articoli con riviste nazionali specializzate nel settore turistico

La notizia Il Comune punta sulla comunicazione per pubblicizzare il territorio

- ha detto Molinari - ma ci aspettiamo buoni risultati anche dalle partecipazioni alle altre fiere a livello europeo. Ne abbiamo in programma complessivamente 27. Cercheremo di stringere legami con quelle località che garantiscano collegamenti aerei

diretti con Cagliari, sia a livello di voli di linea che low-cost». L’obiettivo è anche valorizzare quelle strutture che attirano turisti anche fuori dai “soliti” quattro mesi estivi. «Gli agriturismi sono una nostra ricchezza - conferma l’assessore Molinari quelli del nostro territorio stanno andando molto bene e ci stanno garantendo presenze anche fuori stagione. Un passo importante per avere turisti a Castiadas per tutto l’anno». Ora al Comune e alla Pro-Loco si lavora per mettere a punto il calendario degli appuntamenti estivi. «Stiamo lavorando di concerto con gli altri comuni - dice l’assessore al Turismo - vogliamo evitare che i vari eventi si accavallino e ci si faccia un’inutile concorrenza fra di noi. Il cartellone, comunque, sarà di sicuro interesse, con spettacoli che non mancheranno di attirare turisti e residenti». Un buon segnale, vista la nota litigiosità fra i comuni sarrabesi.

Il tuo o compagno m a g n di i Vi Viaggio i a g g I l t u c o p o d V i o co ia io Pingu no Filiale Fi liale di di V Villaputzu illaputzu d dii Sonia Sonia Porcu Porcu

Via V ia N Nazionale, a z i o n a l e, 1 14 4 - TTel el 0 070996163 70996163 - FFax ax 0 070997147 70997147 fi filialevillaputzu@pinguinoviaggi.net l i a l e v i l l a p u t z u @ p i n g u i n ov i a g gi . n e t Pasqua P asqua ssulle ulle ttracce racce di di Dracula Dracula in in Romania. Dal 31 Marzo R omania. D al 3 1M arzo aall 5 Aprile Aprile con con vvoli oli d daa C Cagliari agliari a B Bucarest ucarest ((non non d diretti), iretti), 6g giorni iorni iin n½p pensione. ensione. D Daa € 925,00. 925,00.

MSC MSC CROCIERE CROCIERE

Vieni a sscoprire Vieni coprire le le super super o offerte ffe ff erte n ate d particolari accordi accordi tra tra nate daa particolari MSC M SC Crociere Crociere e Pinguino Pinguino Viaggi. Viaggi. Per gli Per gli ssposi posi in in Viaggio Viaggio di di Nozze Nozze sset et di di v valige alige Carpisa Carpisa in in REGALO. REGALO.

Pasqua a P Pasqua Praga. raga. D Dal al 2 aall 6 A Aprile prile ccon on vvolo olo d diretto iretto d daa C Cagliari. agliari. daa € 4 d 499,00. 99,00.

Cerchi una lista di nozze originale? Fatti regalare una Luna di Miele indimenticabile creata su misura per te e targata Pinguino Viaggi!

IIll viaggio vi ag g i o è una una specie specie ddii porta, po rta, attraverso attraverso la quale, q uale , si si esce esce la dalla dalla realtà. realtà.

Tour T our G Grecia recia C Classica lassica e M Meteore. eteore. O gni ssabato abato d al 1 0A prile al al 30 30 Ogni dal 10 Aprile Ottobre daa C Cagliari. O ttobre ccon on vvoli oli d agliari. Otto Otto giorni pensione daa € 995,00. g iorni iin n½p ensione d 995,00.

Fascino F ascino Mediterraneo Mediterraneo con con partenza partenza da Olbia, ogni ogni giovedì giovedì dal 3 Giugno Giugno al 23 Settembre. Settembre. Quote Quote da € 590,00 a testa. testa. viaggiano I bambini viagg iano GRATIS. GRATIS.


Marzo 2010

La Voce del S@rrabus

0709931481 - lavocedelsarrabus@tiscali.it

11

La notizia. Nuova variante al piano di assetto idrogeologico

Solidarietà. Nei giorni scorsi al centro prelivi dell’ospedale

Azzerato rischio alluvioni centro storico edificabile

Corsi formativi di Comune e Pro-Loco, sono aperte le iscrizioni per l’anno 2010

di Alessandro Bulla ll consiglio comunale di Muravera ha approvato una nuova variante al piano di assetto idrogeologico. Variante resa possibile grazie agli interventi che hanno ridotto i pericoli, cominciare da quelli rilevati, a suo tempo, nel centro storico, oggi ridotto dal livello di pericolosità elevata per il rischio piene a “rischio medio”. Le aree sono comprese tra la via Rossini e la via Verdi, la zona di via Sant’Antonio e parte delle vie Marconi e Speranza. Nella zona di completamento urbanistico sono state classificate a “rischio medio” le aree comprese tra via Manzoni e via Giardini, tra via Giardini e viale dei Platani e tra via Roma, via Pascoli e via Gramsci. In queste zone, sino ad ieri, sui fabbricati non erano ammessi interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria e di restauro e risanamento conservativo proprio a causa del pericolo alluvione. Adesso dopo la variante in tutte le zone potrà riprendere l’attività edilizia

Le aree in questione sono comprese fra le vie Rossini, Sant’Antonio, Marconi e Speranza

che dall’entrata in vigore del piano regionale idrogeologico era stata bloccata. Previo un studio di compatibilità e il parere del genio civile sarà possibile realizzare nuove costruzioni, effettuare cambiamenti di destinazione d’uso e eseguire ampliamenti, sopraelevazioni e integrazioni di volumi e superfici.

Sono aperte le iscrizioni per i corsi di formazione, laboratori e workshop del Centro di Formazione permanente del Comune di Muravera curati dalla Pro-Loco muraverese. L’offerta formativa è articolata in aree disciplinari come linguist, informatica, food&wine, marketing e comunicazione, management, laboratori didattici ed educativi. Questi ultimi sono dedicati ai bambini di età compresi fra i 5 ed i 12 anni, per i quali sono previsti anche degli incontri di studio assistito rivolti anche a bimbi di madrelingua

diversa dall’italiano. Tra le novità anche il laboratorio di ceramica ed il corso sulla coltivazione dei bonsai. I moduli di domanda sono disponibili presso l’ufficio di segreteria del Sindaco del Comune di Muravera. Previsti anche corsi finalizzati al potenziamento delle competenze per lo sviluppo turistico locale che permetterà anche di acquisire le conoscenze base della lingua inglese e tedesca, quelle indispensabile per lavorare nel settore del turismo che a Muravera si considera settore portante dell’economia locale.

Costa Rei, questo mese aprirà la nuovissima caserma dei carabinieri costata 320 mila euro

Pavia, Francesca Sanna Sulis “Donna sarda 2010” nel corso di una solenne cerimonia

Sagra degli Agrumi 38esima edizione all’insegna di tradizione e novità

Confesercenti corso somministrazione e vendita di alimenti e bevande

A marzo sarà ultimata, a Costa Rei, la caserma dei Carabinieri. Il cantiere è stato aperto da tempo in un’area messa a disposizione dal Comune, poco distante dalla chiesa e dall’ufficio turistico di via Ichnusa. E’ costata 320mila euro. Il progetto è stato concordato con la prefettura di Cagliari e il comando regionale dei carabinieri. (a.b.)

Francesca Sanna Sulis è stata proclamata "Donna Sarda 2010". I circoli culturali sardi "Logudoro" di Pavia e "Sardegna" di Como hanno promosso una "Giornata di studi in onore e memoria dell’imprenditrice, che si è tenuta nei giorni scorsi presso l'Aula Ugo Foscolo dell'Università degli Studi di Pavia. Nella prima parte dell'incon-

A Muravera ci si prepara per la XXXVIII edizione della Sagra degli agrumi che si svolgerà il 9-10 11 aprile prossimi. Si lavora alacremente al programma sia in Comune, che alla Pro Loco e nelle altre associazioni locali coinvolte nella preparazione dell’evento che quest’anno sarà ancora più ricco.

Confesercenti organizza a Muravera un corso abilitante per somministrazione e vendita di alimenti e bevande. La durata sarà di 120 ore e potranno iscriversi un massimo di 20 persone. Ci sarà anche obbligo di frequenza. Informazioni presso l’ufficio di segreteria del Sindaco.

tro, coordinato dal presidente del circolo Logudoro , Gesuino Piga, sono intervenuti, Renata Crotti, Assessore al Turismo e Attività Termali della provincia di Pavidi, Pierangela Abis, coordinatrice donne della FASI; e i sindaci Alessandro Cattaneo (Pavia), Salvatore Piu (Muravera), Pier Paolo Fois (Quartucciu).

38ª SAGRA DEGLI AGRUMI Muravera tt"QSJMF

Sapori e profumi del Sarrabus Ampi servizi e curiosità nel prossimo numero de La Voce del Sarrabus


12

La Voce del S@rrabus

0709931481 - lavocedelsarrabus@tiscali.it

La novità. Buccelli: «Non saremo più costretti a conferire l’umido a Villacidro»

Marzo 2010

Tecnologia. La posta elettronica avrà valore legale

Rifiuti solidi urbani, accordo fra L’email certificata Provincia ed Unione dei Comuni approda in Comune Il Presidente della Provincia di Cagliari Graziano Milia e il Presidente dell’Unione dei Comuni del Sarrabus Patrizio Buccelli, hanno firmato in questi giorni l’accordo di programma per la Governance del sistema di trattamento dei rifiuti solidi urbani del Sarrabus. Dopo l’approvazione dell’accordo, da parte del Consiglio Provinciale avvenuta all’unanimità il 7 dicembre del 2009, Buccelli e Milia hanno sottoscritto l’importante documento col quale le parti convengono di affidare all’Unione dei Comuni del Sarrabus, comprendente i Comuni di Villasimius, San Vito, Villaputzu, Muravera e Castiadas, la gestione dell’impianto, sito nel comune di Villasimius, di preselezione dei rifiuti urbani per la separazione della frazione secca e conseguente stabilizzazione della frazione organica, nonché di un impianto di produzione di compost di qualità per il trattamento della frazione umida proveniente dalla raccolta differenziata. L’Unione dei Comuni si impegna ad assumere la proprietà dell’impianto a partire dalla formale conclu-

sione delle attività di avvio e collaudo entro il 2010. La Provincia da parte sua, si impegna ad assicurare tutta la necessaria collaborazione tecnica, per garantire l’ottimale know-how per la presa in carico dell’impianto. Una volta che l’impianto sarà nella disponibilità dell’Unione, lo stesso entrerà nel sistema complessivo di gestione dei RSU, secondo le scelte di programma e di gestione del servizio che saranno assunte dell’Unione dei Comuni del Sarrabus. “Questo importante risultato -

dichiara il Presidente dell’Unione dei Comuni del Sarrabus Patrizio Buccelli - ci consentirà di centrare due obiettivi concreti, da una parte la spendita di 2 milioni e 800 mila euro messi a disposizione dalla Regione per il potenziamento delle linee per la produzione di compost di qualità. Dall’altra, il nuovo impianto consentirà ai nostri comuni di ottenere un benefico effetto sulla riduzione dei costi di smaltimento e di trasporto che attualmente sono molto onerosi, in quanto non saremo più costretti a conferire l’umido a Villacidro”.

“Il Comune di San Vito ha attivato la Posta Elettronica Certificata”. Lo ha annunciato il sindaco, Patrizio Buccelli. La Posta Elettronica Certificata (PEC) è un sistema di posta elettronica nel quale è fornita al mittente documentazione elettronica, con valenza legale, attestante l'invio e la consegna di documenti informatici. "Certificare" l'invio e la ricezione - i due momenti fondamentali nella trasmissione dei documenti informatici - significa fornire al mittente, dal proprio gestore di posta, una ricevuta che costituisce prova legale dell’avvenuta spedizione del messaggio e dell’eventuale allegata documentazione. Allo stesso modo, quando il messaggio perviene al destinatario, il gestore invia al mittente la ricevuta di avvenuta (o mancata) consegna con precisa indicazione temporale. Nel caso in cui il mittente smarrisca le ricevute, la traccia informatica delle operazioni svolte, conservata per legge per un periodo di 30 mesi, consente la riproduzione, con lo stes-

so valore giuridico, delle ricevute stesse. “La Posta Elettronica Certificata – ha spiegato Buccelli nasce con l'obiettivo quindi di trasferire in ambito digitale il concetto di “Raccomandata con Ricevuta di Ritorno” con evidenti vantaggi in termini di rapidità di consegna rispetto alla posta tradizionale. Rispetto alla posta elettronica standard la PEC garantisce la sicurezza e la certificazione della trasmissione. Il valore legale è assicurato dai Gestori di posta PEC del mittente e del destinatario che certificano: la data e l’ora dell’invio del messaggio dal parte del mittente, la data e l’ora dell’avvenuta consegna del messaggio al destinatario, l’integrità del messaggio e di eventuali allegati nel processo di trasmissione dal mittente al destinatario. I gestori di posta certificata forniscono anche, al mittente e al destinatario, notifica di eventuali anomalie verificatesi durante la trasmissione. La comunicazione ha valore legale solo se sia il mittente che il destinatario utilizzano la PEC”.

IF;9?7B;

=?E?;BB;H?7B =?E?;BB;H?7B?IJ7DEPP;8EC8ED?;H; B?IJ7DEPP;8EC8E   ED?;H; 9 7I7B?D=>?7 7HJ?9EB?:  7H;= 7B E 97I7B?D=>?7HJ?9EB?:7H;=7BE

97I7B?D=>? 9 7I7 B?D=>?

K:C9>I6 EGDBDO>DC6A: [^cdVZhVjg^bZcidbZgXZ

EGDBDO>DC>

hjijii^^bVgX]^XVhV

;>CD6A*%


Marzo 2010

La Voce del S@rrabus

0709931481 - lavocedelsarrabus@tiscali.it

Vacanze. Successo del paese alla popolare rassegna milanese

LA FOTONOTIZIA

Un verdetto dalla Bit Villaputzu piace ai turisti Villaputzu piace. Ormai è un fatto assodato e a decretarlo è stata la Borsa Internazionale del Turismo di Milano, da sempre un termometro della stagione turistica che incomincerà tra non molto. Lo scorso anno è andata benissimo, dicono in Comune, con un aumento del 25 per cento sul fronte delle presente, alla faccia della crisi. L’obiettivo per quest’anno è ripetere l’exploit e magari migliorare. Le premesse ci sono tutte. A Milano sono andati il sindaco Gianfranco Piu, e gli assessori Antonio Codonesu e Pierpaolo Piu. Nello stand della Provincia è stata presentata la nuova brochure con l’offerta turistica del paese. La novità di quest’anno è rappresentata dalla possibilità di utilizzare, la prossima estate, la spiaggia di Murtas che nel corso di tutto l’anno è militarizzata. Grazie ad un accordo con la base militare di Perdasdefogu la spiaggia sarà dotata di servizi sanitari e aree parcheggio. «Un’offerta – ha detto il sindaco Gianfranco Piu - estremamente interessante sotto il profilo artistico, sto-

Una panoramica di Murtas

La novità A Murtas da quest’anno anche i servizi sanitari

rico e culturale. Insomma non offriamo solo il mare, ma anche un porto da 400 posti barca e l’area mineraria dismessa di Baccu Locci. Per il futuro credo sia opportuno presentarsi alla Bit come Unione dei Comuni del Sarrabus»

Immobiliare

RICHI ER OE PER UN GIORN O. Richi eroe per un giorno tra i suoi beniamini. Carabinieri e Vigili del Fuoco sono i suoi idoli. Il suo sogno è quello di indossare la divisa ma non ha ancora scelto se quella dei Carabinieri o dei Vigili. Nel frattempo coltiva un altro

Finimm Agency Di Gianluca Crisci Muravera, vendesi villetta caposchiera seminterrato: salone\cucina, bagno, garage coperto. Piano terra: salone, cucina, bagno, balcone. Primo piano: 3 camere, bagno, balcone, giardino su 3 lati. € 210.000

Muravera, appartamento al piano terra, così composto: salone, cucinotto, 2 camere, bagno, ampia veranda coperta, cantina, 2 posti auto, cortile condominiale. € 175.000

13

obiettivo che è quello, come ci ha spiegato, “di poter partecipare alla festa della Benemerita”. Per ora, dice, “mi accontento di indossare il casco dei Vigili del Fuoco”. E allora eccolo qui, ritratto con quelli che un giorno potrebbero diventare i suoi colleghi... (s.g.)

VILLAPUTZU Via Nazionale, 40/A Tel 0708875903 Fax 0709977402 Mobile 3358238207 info@finimmagency.it www.sarrabus.finimmagency.it

Villaputzu, vendesi nuovo appartamento indipendente così composto: salone\cucina, bagno, 3 camere, giardino, cortile, cantina. € 145.000

Porto Corallo, vendesi villetta così composta: salone\cottura, camera matrimoniale, disimpegno con letto a castello, bagno, veranda, giardinetto a 150 mt dal mare. € 130.000

Villaputzu, vendesi nuovo appartamento indipendente così composto: ampio salone e cucina, bagno, 2 camere, ripostiglio, veranda, giardino più posto auto (in fase di ultimazione). € 130.000

Porto Corallo, vendesi villetta: salone\cottura, camera matrimoniale, cameretta, bagno, veranda con vista panoramica a 150 mt dal mare. € 145.000

Muravera, vendesi nuovo appartamento così composto: salone\cucina, 2 camere da letto, disimpegno, bagno, veranda, seminterrato 50 mq. € 135.000

Villaputzu, vendesi appartamento così composto: salone, angolo cottura, camera matrimoniale, bagno, ampia veranda panoramica, posto auto. € 68.000

Muravera, vendesi appartamento in zona centrale così composto: salone\cottura, camera da letto matrimoniale, bagno, balcone, climatizzata, ascensore. € 89.000

Villaputzu, vendesi casa così composta: seminterrato, salone, cucina, 2 camere, 1 cameretta, 2 bagni, giardino. € 130.000

Muravera, vendesi nuovo appartamento al primo piano così composto: salone\cottura, 3 camere da letto, 3 verande, giardino, seminterrato 40 mq . € 175.000

Villaputzu, vendesi nuova villetta a schiera su 3 livelli così composta: salone, cucina, 3 camere, 2 bagni, ripostiglio, cortile e veranda, ampio seminterrato allo stato grezzo. € 170.000

Villaputzu (Loc. Pranu Portu), vendesi terreno di 4000 mq a circa 500 m dal mare. Trattativa Riservata

Castiadas, vendesi 6 ettari di terreno agricolo pianeggiante adiacente a strada asfaltata. € 180.000

Muravera, vendesi in zona centrale villetta a schiera su 2 livelli così composta: salone\cottura, 2 camere, 2 bagni, balcone, ripostiglio, veranda, cortile. € 170.000

Villaputzu, vendesi ottimo appartamento al secondo piano così composto: ampio salone, cucina, 2 camere, bagno, balcone, posto auto. € 95.000

Villaputzu, vendesi appartamento con ampio cortile così composto: salone\cucina, 3 camere, bagno, balcone. € 120.000

San Priamo, vendesi terreno edificabile mq 1050 (zona B 3 metri cubi al metro quadro). € 105.000

Villaputzu, vendesi locale artigianale di 100 mq trasformabile in appartamento . € 70.000

Castiadas, vendesi graziosa porzione di villetta al piano terra così composta: salone\cucina, 2 camere matrimoniali, bagno, ampie verande, giardino. € 160.000


14

La Voce del S@rrabus

0709931481 - lavocedelsarrabus@tiscali.it

Comune. L’Amministrazione punta sulla costituzione di un grande archivio

Marzo 2010

Petizione. I cittadini si rivolgono anche ai Carabinieri

A.A.A. materiali storici Disservizi alle Poste inediti di Villasimius cercasi la protesta prosegue Una ricerca di lungo periodo sui materiali rari e inediti di qualunque epoca che rappresentino testimonianze storiche, sociali, culturali e paesaggistiche della comunità e del territorio. L'iniziativa è del Comune di Villasimius che diviene soggetto promotore e ordinatore di un percorso di piena valorizzazione di evidenze documentali altrimenti sconosciute. L’Amministrazione comunale attribuisce a questa iniziativa un importante significato strategico. In questa fase iniziale, con una promozione dell’iniziativa su larga scala prevista anche verso i visitatori italiani e stranieri, si ricercheranno le persone che ancora hanno la disponibilità o il possesso di fotografie e diapositive antiche o recenti, video su formati ora non più utilizzati quali 8, super 8 o betamax, stampe e carte geografiche, articoli di riviste o persino pagine di diario personale. Il censimento consentirà alle strutture organizzative comunali di individuare l’esistenza di materiali di natura eterogenea, rari, inediti o del tutto ignoti, realizzati o conservati in forma prevalentemente amatoriale e in possesso o nella disponibilità di privati. L’obiettivo ultimo è rappresentato dalla costituzione di fondi documentali classificati e organizzati, fisicamente accessibili e liberamente consultabili su rete telematica. La mera conservazione di testimonianze culturali, sociali o tradizionali non assicura infatti la loro conseguente promozione o valorizzazione ma soprattutto, come la storia insegna, il passag-

Prosegue la mobilitazione dell’associazione “Cittadini per Villasimius” per l’ufficio postale. Nei giorni scorsi, una petizione sottoscritta da seicento residenti è stata indirizzata alla direzione provinciale di Poste italiane, al sindaco Tore Sanna e al comandante della Stazione dei carabinieri, il maresciallo Sandro Sirigu. Secondo l’associazione, come è scritto in un comunicato, l’ormai insostenibile disorganizzazione del servizio, continua a provocare inaccettabili disagi, code e confusione agli sportelli, con quotidiani litigi tra utenti e dipendenti. E purtroppo la situazione è destina-

ta a peggiorare nel periodo estivo quando ci saranno i turisti». Con la petizione, l’associazione vuole adesso sollecitare la direzione provinciale delle Poste: «È indispensabile un intervento urgente per mettere fine al disservizio». In un incontro fra il sindaco, Tore Sanna, e il direttore della filiale di Cagliari di Poste Italiane, Pietro La Bruna, quest’ultimo “ha constatato e apertamente convenuto sull’inaccettabile qualità del servizio al pubblico, determinato dalla persistente mancanza di personale addetto alle operazioni di sportello”. Una pecca che il dirigente delle Poste si è impegnato a cancellare in tempi brevissimi.

Un concorso d’idee per il manifesto turistico

gio allo stato di cimelio delle testimonianze rende più fragile la stessa autoconsapevolezza delle comunità locali, che per potersi rinnovare nella complessità contemporanea hanno piuttosto l’esigenza di sapersi proporre come sistemi sociali coerenti e porsi anche in discussione nei confronti degli interlocutori esterni. La scheda di censimento dei materiali documentali sarà dispo-

nibile presso il Comune di Villasimius e sul sito internet www.comune.villasimius.ca.it. Chi intende partecipare all’iniziativa potrà inoltre ricevere ogni informazione utile prendendo contatto con il servizio Cultura al numero di telefono 0707930250, o tramite la mail cultura@comune.villasimius.ca.it, o con l’Ufficio relazioni con il pubblico – 070/7930208.

Concorso d’idee per la realizzazione del manifesto annuale turistico-culturale. Il tema è, in maniera esplicita o evocativa, il territorio di Villasimius, della sua caratteristica qualità ambientale e della sua vocazione di ospitalità turistica avanzata. Il logo vincente sarà utilizzato dal Comune senza limiti temporali. Il manifesto vincente sarà utilizzato dal Comune nel corso del 2010. Il Comune utilizzerà liberamente il logo e il manifesto su ogni forma e supporto dedicati alla comunicazione. Pertanto il logo e il manifesto saranno liberamente utilizzati, a titolo d’esempio, sulla carta intestata dell’istitu-

zione, sulle locandine, brochure, pieghevoli, depliant, sul proprio sito internet istituzionale, su sistemi di messaggistica cartacea e telematica, su pubblicità televisiva e telematica.

STOP ALLA BOLLETTA DELLA LUCE!

IMPIANTI FOTOVOLTAICI

Un investimento che si ripaga da solo. Impianti fotovoltaici a partire da € 5500,00, con progetto e pratiche GSE comprese. Preventivo e sopralluogo GRATUITO.


Marzo 2010

La Voce del S@rrabus

0709931481 - lavocedelsarrabus@tiscali.it

15

La notizia. L’assemblea ha approvato all’unanimità la proposta della Giunta

Unione dei Comuni

Accordo strategico territoriale Gerrei arriva il sí del Consiglio Provinciale

Un servizio unico per i rifiuti solidi urbani del Gerrei

Sì unanime del consiglio provinciale di Cagliari all'accordo strategico territoriale del Gerrei illustrato dall'assessore alla Programmazione, Franco Marras. “La Provincia di Cagliari e i Comuni di Armungia, Ballao, Escalaplano, Goni, San Basilio, San Nicolò Gerrei, Sant'Andrea Frius, Silius e Villasalto, attraverso la sottoscrizione di questo accordo – ha spiegato l'esponente dell'esecutivo Milia – definiscono in modo condiviso la pianificazione del territorio e delle sue risorse, elemento centrale per le politiche dello sviluppo”. Marras ha anche ricordato che sono stati già approvati i piani strategici territoriali della Trexenta, del medio Campidano e del Parteolla. “Contiamo di approvare entro la fine del mandato - ha concluso – anche quelli del Sarrabus e del Sarcidano per arrivare all'approvazione dell'intero piano strategico provinciale”. A nome della delegazione di sindaci e amministratori comunali presenti ha preso la parola il sindaco di Goni e presidente dell'Unione dei Comuni del Gerrei, Armando Delussu. “Questo strumento – ha rilevato – offre una grande opportunità al terri-

Un servizio unico per la raccolta dei rifiuti solidi urbani per i paesi che fanno parte dell'Unione dei Comuni del Gerrei. Lo scopo è garantire ai cittadini costi più bassi ed un servizio più efficiente. Del progetto si sta interessando l'Unione dei Comuni presieduta dal sindaco di Goni Armando Delussu. Attualmente il servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani nel territorio è effettuata da ogni singola amministrazione comunale. Stessa operazione si conta di fare per la Polizia Municipale.

Ristorante R istorante

Un’immagine del Palazzo Regio, sede del Consiglio Provinciale

torio che viene consultato nella fase di programmazione. Abbiamo bisogno di sostegno, soprattutto perché succede spesso che prevalgono le istanze dei territori che hanno più potere negoziale e noi, con i nostri 10 mila abitanti e i problemi legati all'isolamento e allo spopolamento, chiediamo la stessa attenzione che si ha per altri territori”. Ambrogio Muscas (Udeur) ha denun-

ciato i disagi legati al pendolarismo degli studenti, Gianfranco Piu (Fortza Paris) ha auspicato che il consiglio possa dare al più presto il via libera anche all'accordo strategico del Sarrabus, per Patrizio Buccelli (Udc), “è importante che un territorio per troppo tempo abbandonato si ritrovi attorno a un progetto di sviluppo condiviso”. “Dobbiamo pensare – ha detto Andrea Busia (La Margherita) –

Pizzeria Pizzeria con con forno forno a legna (anche da asporto) asporto)

al futuro che vogliamo dare alle aree interne e ai territori più poveri”. L'importanza dello sviluppo sostenibile attraverso la valorizzazione delle risorse umane è stata evidenziata anche da Roberto Milia (Idv) e Rita Corda (Pd) mentre Antonello Murgia (RC) ha parlato di accordo di programma come strumento di valorizzazione dei punti di eccellenza del territorio.

Bisteccheria Bisteccheria

Ampia Ampia sala per er banchetti nuziali

4BMBDPOWFHOJt%JTDPCBSt1BSDIFHHJJOUFSOJFBNQJTQB[JWFSEJDPOQBSDPHJPDIJBODIFQFSJQJáQJDDPMJ

NOTTEDÌ 7JMMBQVU[VtVia La Marmora angolo via Verdi - Cell. 345 1777535 - 346 3118888 - 329 4799617


16

La Voce del S@rrabus

PUBBLICITĂ€

0709931481 - lavocedelsarrabus@tiscali.it

Marzo 2010

esclusivista del marchio

e della

che puoi trovare al Mercatino Paderi

chi si ferma è perduto!

0XUDYHUDvVia Roma, 59 - Tel. 070 9931385


Marzo 2010

0709931481 - lavocedelsarrabus@tiscali.it

IL FORUM DEI LETTORI

La Voce del S@rrabus

17

LA MISSIVA

LA SEGNALAZIONE

L’opinione. Scrive la dirigente dell’Istituto compresivo di San Nicolò Gerrei

San Vito. Un cittadino si lamenta: lettere senza risposta

Nuovi indirizzi per le scuole? Strada dissestata Mai fatta alcuna consultazione il Comune tace In merito all’articolo “Nuovi indirizzi per le scuole sarrabesi” mi permetto di esprimere il mio disappunto per come “ancora una volta” vengono fatte certe scelte. Infatti, l’articolo recita testualmente: “Abbiamo approvato condividendo integralmente le proposte formulate dai Collegi dei Docenti dei due Istituti Superiori del Sarrabus”. Forse qualcuno dimentica che “gli utenti” degli Istituti Superiori del Sarrabus sono ragazzi che provengono dagli Istituti di istruzione secondaria di primo grado (ex scuola media) del territorio il cui orientamento va seguito per ben otto anni (cinque anni di scuola elementare più tre di scuola media) da docenti che fanno parte degli Istituti Comprensivi. Quindi, appare alquanto indelicato che nessun dirigente degli istituti comprensivi sia stato interpellato per operare e portare avanti certe scelte

fatte esclusivamente da amministratori e docenti delle Superiori. Se si fosse invece applicato con fatti e non a parole, il principio della continuità tra i vari ordini di scuola, nell’ottica dell’esclusivo interesse dell’alunno, qualcuno si sarebbe preoccupato di chiedere almeno la prima classe del liceo musicale dal momento che abbiamo nel territorio, ben tre scuole ad indirizzo musicale (San Vito, Muravera, Silius) alle quali, molto

probabilmente, si aggiungerà l’anno prossimo Villaputzu. Non mi sembra corretto consultare i dirigenti delle scuole “Inferiori” chiamate così per distinguere il grado d’istruzione e non per qualità, solo quando c’è “l’accaparramento” alle iscrizioni dal momento che il numero degli studenti pendolari è determinante nel tenere in piedi alcuni Istituti Superiori. Antonietta Granata (Villaputzu)

Da oltre 25 anni vivo in Sardegna -dove pago le tasse - e da altrettanti abito nel territorio di San Vito e devo percorrere delle strade di campagna (non percorribile in caso di pioggia) perennemente distrutte per arrivare a casa mia e dove alle mie lettere con la richiesta chi dovrebbe sistemare queste strade non risponde nessuno - se poi chiedo di persona al Comune o mi si dice che non ci sono soldi, e quando chiedo se li posso riparare io a spese mie mi viene risposto si ma “attenzione alla Forestale...”. Dove, dopo diverse lettere (naturalmente senza risposta) e al sindaco come a diversi altri ufficio del comune di San Vito alla mia domanda dove posso portare i miei rifiuti (abito vicino al nuraghe Asoru), e dopo alcune domande al sindaco di recintare e rendere il Nuraghe (che da tanti viene utilizzato come latrina) accessibile al pubblico con visite guidate, naturalmente tutte

senza risposta oggi mi è arrivata una e-mail da Vienna con la domanda a quale indirizzo spedirmi la cartolina di elezione del presidente austriaco. Cinque minuti dopo la mia risposta mi arriva un altra e-mail con la scusa di aver scritto il mio nome in maniera sbagliata. Dal cognome del impiegato “Malek” è da dedurre che è di origine egiziano. Forse sarebbe opportuno di impiegare alcuni egiziani al Comune di San Vito per migliorare il rapporto con i cittadini... Georg Doneus (San Vito)

Gli antimilitaristi? Si occupino Sicurezza dell’asilo dei problemi del Sarrabus i dubbi di una lettrice Nel Sarrabus esiste un tasso agghiacciante di disoccupazione, mentre gli antimilitaristi s’inventano di tutto per mandare in rovina la nostra comunità. Se avessero veramente a cuore il destino di Villaputzu farebbero bene se si prendessero cura delle infrastrutture del paese. Le strade interne del nostro paese sono da terzo mondo, un disastro totale, buche e crepe dappertutto, di cui la via Cairoli è un esempio clamoroso. Oppure mettere mano alla fatiscente rete idrica. E, se veramente volessero aiutare la nostra gente dovrebbero impegnarsi per far costruire una pista ciclabile per Porto Corallo con annessa illumi-

nazione, oppure illuminare con un paio di faretti quell’orribile mostro d’acciaio che scavalca il Flumendosa e costruirci in entrambi i fianchi due marciapiedi affinché si possa andare a

Muravera a piedi e in bicicletta. Queste sono le priorità che servono al nostro paese, e non quella di creare disoccupazione e umiliazione scacciando i militari dal nostro territorio. Egidio Loi (Villaputzu)

Io e mio marito con le nostre due bimbe abitiamo qui a Muravera già da qualche anno per motivi di lavoro e ci troviamo piuttosto bene. La nostra bimba più piccola ha appena compiuto 2 anni e mi è capitato più volte di portarla a giocare ai giardinetti di via Montessori (giardinetti che anche se non perfetti apprezzo molto). Lì ho potuto notare una cosa che mi ha turbato non poco. Riguardo all'asilo comunale mi è sembrato non ci sia nessun tipo di sicurezza, almeno dalla parte del giardino (non ho controllato l'entrata principale). Qualunque squilibrato potrebbe varcare le reti di recinzione. Da una parte sono

bassissime, dall'altra anche un bambino un po' più sveglio potrebbe spostarla. Anche se magari le porte possono essere chiuse da dentro, che dire di quando i bambini sono fuori in giardino? E' esagerato pensare che, con i tempi che corrono, qualche malintenzionato possa varcare la recinzione e fare del male ai nostri bimbi visto che oltretutto mi è sembrato siano troppi rispetto alle maestre? Spero tanto di sbagliarmi e che qualcuno possa tranquillizzarmi, anche perché prima o poi vorremmo mandarci anche la nostra piccina. M.C (Muravera)


18

La Voce del S@rrabus

SARRABUS

0709931481 - lavocedelsarrabus@tiscali.it

Marzo 2010

MURAVERA Elezioni amministrative. Grandi manovre in paese per il rinnovo del Consiglio comunale e la nomina del nuovo sindaco

Il centro-sinistra è “desaparecido” la destra sfida se stessa con due liste L’ex sindaco Piero Loddo e l’assessore Marco Fanni potrebbero essere i due sfidanti per la carica di primo cittadino

Chi l’ha vista faccia un fischio. Sarà la sinistra la grande assente nella corsa elettorale che a maggio o giugno (la data non è stata ancora ufficialmente stabilita) porterà al rinnovo del Consiglio Comunale di Muravera e all’elezione del nuovo sindaco del paese. Un appuntamento che chiuderà ufficialmente un’epoca, quella di Salvatore Piu. Il sindaco in carica ha governato il paese per dieci anni, nel corso dei quali ha tenuto anche a battesimo l’Unione dei Comuni del Sarrabus, del quale è stato il primo presidente. Sinistra desaparecida quindi. E’ il segno dei tempi evidentemente. Nessuna lista, nessun candidato sindaco, e personaggi, un tempo considerati di que-

sta parte politica che correranno in liste di centro-destra. Allo stato attuale saranno due le formazioni a sfidarsi, anime di un

Popolo della Libertà che in paese, come nel resto d’Italia, manifesta profonde divisioni. Cinque i nomi di candidati sin-

daci che circolano in questo periodo pre-elettorale in paese: l’ex sindaco Piero Loddo, un politico di grande esperienza, attuale vice-sindaco e assessore all’Urbanistica, Roberto Plaisant, Marco Fanni (considerato dai più il delfino dell’attuale primo cittadino Salvatore Piu), Marco Falchi e il farmacista Giorgio Congiu, della cui candidatura aveva anticipato il nostro giornale nei numeri scorsi. Due le liste, dicevamo, espressione di “correnti” (se così vogliamo chiamarle) del Popolo delle Libertà: una che, in campo regionale, fa capo a Carlo Sanjust e l’altra a Giorgio La Spisa. Della prima potrebbero far parte Piero Loddo e Roberto Plaisant e a formarla potrebbero essere anche esponenti dell’Udc e indipendenti di sinistra, fra cui Fiorella Caredda, medico dell’ospedale San Marcellino, che lo scorso anno, in tempi di campagna elettorale per le regionali, veniva data in corsa per un posto nel listino collegato al governatore uscente, Renato Soru. Un appoggio importante arriverebbe, secondo i ben informati anche dal sindaco di San Vito, consigliere provinciale

dell’Udc e presidente dell’Unione dei Comuni, Patrizio Buccelli, cittadino muraverese. La seconda formazione in campo per conquistare il Comune di Muravera, anch’essa di centro-destra, potrebbe essere capitanata da Marco Fanni, considerato da molti il successore designato di Salvatore Piu per lo scranno di primo cittadino. Un apporto importante potrebbe arrivare anche dall’imprenditore Claudio Concas che lo scorso anno aveva corso per un seggio in Consiglio Regionale col Nuovo Psi, intenzionato, stando ai rumores di paese, ad appoggiare i fedelissimi del sindaco uscente. Una formazione, quest’ultima, che potrebbe essere profondamente rinnovata: si parla infatti sempre più insistentemte della candidatura di Stefania Sestu, rampolla di un’importante famiglia del paese, e di Noemi Manca, presidentessa della Pro-Loco. E non si esclude che anche l’attuale sindaco, Salvatore Piu, corra per un seggio in consiglio comunale. Assai improbabile la presentazione di una terza lista, costituita, si mormora soprattutto da giovani.


Marzo 2010

0709931481 - lavocedelsarrabus@tiscali.it

La Voce del S@rrabus

19


La Voce del S@rrabus

PUBBLICITÀ

0709931481 - lavocedelsarrabus@tiscali.it

Marzo 2010

Domu Incantada

Hotel Ristorante ... un bel posto per sognare

questa sala è su sposisardegna.it

inserisci la tua attività su sposisardegna.it

questa pasticceria è su sposisardegna.it

www.sposisardegna.it Ampia sala ricevimenti Menù personalizzati per matrimoni questa HOTEL è su sposisardegna.it

siamo a Muravera dietro il distributore Q8 - Tel 070 9932039 http://www.sposisardegna.it

http://www.domuincantada.it

foto di : lemonjenny www.flickr.com/photos/pupmkinjuice

20


Marzo 2010

0709931481 - lavocedelsarrabus@tiscali.it

SARRABUS

La Voce del S@rrabus

21

RICERCA Scienza. Un ricercatore sarrabese è impegnato in un ambizioso progetto dell’Università di Cagliari

Sarrabus, uno studio genetico contro le malattie autoimmuni Perchè nel Sarrabus si registra una forte incidenza di malattie autoimmuni, ovvero quelle patologie che alterano il normale funzionamento del sistema immunitario? La domanda se l’è posta un team di ricercatori dell’Università di Cagliari di cui fa parte un sarrabese, Massimiliano Sestu di San Vito. La risposta potrebbe arrivare da una ricerca genetica che verrà condotta sulla popolazione del Sarrabus. «Il progetto di ricerca mira a fornire dei dati genetici che giustifichino l’aumento d’incidenza di determinate patologie autoimmuni nella popolazione sarrabese ha spiegato Massimiliano Sestu - Sappiamo che la popolazione sarrabese presenta delle peculiarità genetiche che la distinguono da altre popolazioni sarde. La Sardegna è costituita da 24 sub-regioni genetiche una delle quali è il Sarrabus che è un isolato genetico del tutto particolare. Lo studio genetico ha la finalità di stabilizzare le diversità genetiche della popolazione sarrabese e cercare di capire perché la stessa presenti un aumento di incidenza per determinate patologie rispetto ad altre popolazioni sarde, italiane e di altre nazioni. I risultati attesi da tale studio s’in-

Massimiliano Sestu, il ricercatore protagonista dell’indagine

quadrano nella ricerca di specifiche regioni genetiche inerti, cioè che non esprimono per caratteri genetici somatici, ma che siano indicative di predisposizioni allo sviluppo di determinate patologie autoimmuni come tiroiditi di Hashimoto, diabete e sclerosi multipla». Il beneficio di una simile ricerca si traduce in una sola paro-

la: prevenzione. «Proprio così conferma Sestu - Ormai si sa dalla Medicina che la vera terapia sia inquadrabile nella prevenzione primaria e in questo caso una prevenzione che presuma un esame genetico indicativo alla predisposizione dello sviluppo alla malattia. Per cui qualsiasi persona del Sarrabus voglia sottoporsi ad un

test genetico di questo tipo potrà in futuro recarsi presso i nostri laboratori. Lo studio genetico sarà sviluppato tenendo conto di una serie di criteri fondamentali che prevedono che si debba analizzare materiale genetico proveniente da persone autoctone del Sarrabus almeno da tre generazioni, che non siano imparentate tra loro.

Inoltre parallelamente a tale studio nel nostro laboratorio si stanno svolgendo attività molto importanti e innovative di diagnostica molecolare oncologica in collaborazione con il Dipartimento di Chirurgia Generale del Policlinico Universitario diretto dal Professor Angelo Nicolosi , riguardanti le neoplasie maligne di tiroide e mammella. Sono molto fiducioso nei risultati che ci attendiamo. Speriamo bene». Questo il calendario dei prelievi per le persone che intendano dare una mano alla ricerca: MURAVERA. 13 marzo dalle 9 alle 13 e dalle      15 alle 17 ambulatorio Asl in via Sardegna trav. via Dario Cinus. VILLAPUTZU. 20 marzo dalle 9 alle 13 e dalle      15 alle 17 ambulatorio Asl in via Crispi 7. CASTIADAS. 27 marzo dalle 9 alle 13 e dalle      15 alle 17 ambulatorio Asl in località Olia Speciosa. A San Vito i test si sono svolti lo scorso 6 marzo. Per chi non riuscisse a recarsi ai suddetti ambulatori può contattare Massimiliano Sestu ai seguenti recapiti: telefono laboratorio 070 51096483, facebook studio genetico sulla popolazione sarrabese, email: maxsestu@tiscali.it.


22

SARRABUS

La Voce del S@rrabus

0709931481 - lavocedelsarrabus@tiscali.it

IN BREVE

SCUOLA L’iniziativa. Successo di un concorso a premi per gli alunni delle elementari di San Vito

“Progetti d’istituto”, i bambini di San Vito diventano protagonisti “Progetti d’Istituto”. E’ questo il titolo della manifestazione svoltasi lo scorso 6 febbraio nella sala riunioni del comune di San Vito. L’iniziativa è stata dell’Istituto comprensivo Pascoli Satta di San Vito. Durante la manifestazione sono stati illustrati i progetti realizzati grazie ai contributi della Regione Sardegna e ai contributi del Comune di San Vito. Per rappresentare più compiutamente quello che è stato il percorso scolastico degli alunni, le attività svolte e il prodotto del lavoro compiuto; oltre a quanto è stato esposto nella sala, sono state proiettati alcuni videoclip prodotti durante l’attuazione dei progetti proposti dai docenti dei tre gradi d’istruzione (Scuola dell’infanzia, primaria e secondaria di primo grado). In seguito si è proceduto alla premiazione dei vincitori del concorso “La mia Scuola” (Sofia Pisanu per la scuola dell’infanzia, Giada Aledda per la scuola primaria e Nicola Zucca per la scuola secondaria di primo grado, che hanno realizzato gli elaborati che abbelliranno la copertina del POF.), ideato e organizzato dal dirigente scolastico Vanni Mameli. I premi sono stati consegnati dal Sindaco del Comune di San Vito Patrizio Buccelli e dal Parroco Don Elvio Puddu i quali, con le Professoresse Bruna Vacca e

Un momento della premiazione Adelaide Murgioni (insegnanti di educazione artistica della scuola secondaria di primo grado), Carla Corona (insegnate della scuola primaria e C.D.S.), hanno fatto parte della commissione giudicatrice. I vincitori hanno ricevuto un buono pari alla somma di 100, 150 e 200 euro. Al termine, nella stessa sala, i partecipanti hanno potuto visitare la mostra afferente il prodotto dei progetti relativi ai laboratori di musicoterapia, di disegno, di decoupage, di lingua sarda, di fiabe, di carta ricicla-

ta, di lavorazione del pane, madre terra. Grande soddisfazione è stata espressa sia dal Sindaco Patrizio Buccelli che dal dirigente scolastico Prof. Vanni Mameli, i quali hanno tenuto a sottolineare quanto la Regione Sardegna e l’Amministrazione Comunale siano stati importanti per porre in essere i progetti ed ottenere la buona riuscita della manifestazione che ha raggiunto il consenso da parte dell’alto numero di persone intervenute. Una grande manifestazione che dimostra

Marzo 2010

quanto l’Istituto comprensivo stia ponendo grande impegno affinché la scuola cresca in quanto luogo di aggregazione, educazione e socializzazione, oltre che d’istruzione, per gli studenti della comunità Sanvitese. Gli ultimi fatti di cronaca, riferiti a episodi antisociali posti in essere da alcuni studenti, riportati sulla stampa regionale, non devono oscurare l’impegno posto dal Dirigente e dagli insegnanti per educare gli studenti a una civile e rispettosa vita sociale. (g.c.)

Cercasi volontari per il Comitato di Sant’Agostino Il comitato di Sant’Agostino cerca volontari per l’edizione 2010 della festa di Muravera. Da diverse settimane sono iniziati gli incontri per preparare la manifestazione che si svolgerà, come di consueto, a fine agosto. «L’obiettivo principale - si legge in una nota - è quello di realizzare una festa che sia all’altezza delle aspettative di tutti.Ci rivolgiamo a voi che in questi anni avete partecipato in diversi modi (a iniziare dal lato economico) a unirvi a noi. Siamo sicuri che con l’aiuto di tutti potremmo migliorare ancora di più. Le riunioni sono fissate il venerdì, presso l’oratorio alle ore 21.30. Il primo giro di questua popolare, come consuetudine, il lunedì successivo alla sagra degli agrumi».


Marzo 2010

SOCIALE

0709931481 - lavocedelsarrabus@tiscali.it

La Voce del S@rrabus

23

VOLONTARIATO San Vito. Un’associazione si batte a favore delle persone affette da disagi psichici

A difesa della salute della mente La scommessa: cercare una sede adeguata per le attività di Stefano Galdi Quando la sofferenza puoi toccarla con mano, allora capisci che è giunta l’ora di porvi rimedio. Come? Lidia Todde, sanvitese, si pose questa domanda nel 1996, promuovendo un comitato spontaneo denominandolo “A Difesa della Salute Mentale”. Purtroppo in quegli anni i casi di disagio psicologico nel territorio sarrabese erano alquanto allarmanti. Ed è proprio questo fattore scatenante che getta le basi per quella che diventerà l’attuale Associazione Onlus. Obiettivo Sanità Sardegna. E’ il 27 Settembre del 2000 quando il gruppo si consolida con a capo Lidia, prodigandosi a difesa di un territorio fortemente penalizzato sotto il profilo sanitario. Si batte contro i continui casi di malasanità prettamente causati dall’ottusità burocratica delle strutture. Ma il sodalizio non pone in risalto solo ed esclusivamente gli aspetti negativi della Sanità, bensì anche quelli positivi, cercando di accompagnarli al fine di raggiungere un obiettivo sempre maggiore. Educazione sanitaria, prevenzione, manifestazioni, sono le tappe raggiunte nel lasso di un decennio di vita associativa del gruppo, attualmente composto da

cento soci di cui sette facenti parte del consiglio direttivo: oltre Lidia è composto da altre tre sanvitesi, M. Bonaria Mulas, Giovanna Meloni e Adriana Portas, Laura Agnelli di Muravera, Gabriella Massessi e Maria Piredda, entrambe di Villaputzu. Uno dei progetti più acclarati profusi dall’Associazione sicuramente è quello della realizzazione del progetto “Pro Gentes Casa Residenziale di Accoglienza per Anziani e Persone con Handicap Psico-Fisico” consistente nella realizzazione di una struttura che possa accogliere persone

anziane, disabili e con problematiche psicofisiche, affinché non avvenga il cosiddetto sradicamento dal contesto sociale in cui sono adagiati con gli affetti, le abitudini di vita, ma soprattutto evitare quel drastico remore di dover affrontare una trasferta obbligata presso il capoluogo sardo. Dal 2006 ad oggi, però il progetto, seppur l’area ove edificare la struttura è stata individuata in San Vito nella località periferica dell’abitato denominata Pranu Narbonis, tramite la concessione in comodato d’uso da parte dell’Amministrazione Comunale di

San Vito, è ancora in fase di stanziamento da parte degli Enti competenti. Ma Lidia, durante la nostra intervista dice di non arrendersi e di proseguire ponderata sulla sua strada. Altri interventi sono per lei all’ordine del giorno. Solleciti e reclami all’Azienda Sanitaria Locale sono il suo pane quotidiano. Chiede delucidazioni sul perché dei tagli all’assistenza dei disabili gravi, sul potenziamento dei servizi sanitari del territorio, prevalentemente per quanto concerne la figura di nuove branchie mediche specialistiche presso il poliambulatorio di Muravera, sulla mancata erogazione di visite neurologiche domiciliari. Le sue richieste appaiono nettamente incisive agli occhi dei suoi destinatari, ottenendo nella maggior parte dei casi risvolti positivi, come l’attivazione di consulenze pneumologiche e l’acquisizione di strumentazione ecocardiografica già a partire da questo mese presso il poliambulatorio Muraverese. La promessa inoltre dell’assistenza neurologica a domicilio con l’attribuzione di competenze salariali specifiche ai medici preposti. Tra gli eventi importanti per i quali l’Associazione si è prodigata, possiamo evidenziare: convegni sulla salute, gruppi d’incontro terapeuti-

ci territoriali, conferenze sulla promozione della salute mentale, la realizzazione del progetto Yoga rivolto a categorie di persone svantaggiate sempre sotto il profilo psico-fisico, indagine sociale in collaborazione con i medici di base sulle patologie più marcate riscontrate nel territorio. Per il futuro invece, risalta quello di un corso di formazione per il prossimo 20 e 21 Marzo per operatori e familiari di persone affette da demenza o disagio psichico. Gli uffici dell’Associazione sono dislocati a San Vito in Via Aldo Moro n. 50 e per qualsiasi tipologia di richiesta o necessità è possibile contattare i recapiti telefonici 070/9927275 347/3849655.

Primavera e Pasqua Voli diretti da CAGLIARI

Soggiorni Liberi

Malta

da

€ 290,00

€ 365,00

Tesseramento alla Pro-Loco di San Vito Sono aperte le iscrizioni per il tesseramento 2010 alla Pro Loco di San Vito. Gli uffici di Via Aldo Moro n. 50 presso il nuovo stabile comunale, resteranno aperti il martedì e il giovedì dalle ore 16 alle ore 18 ed il sabato dalle ore 17 alle ore 19.

1980/2010

30 anni di viaggi

I nostri TOUR

Praga

da

IN BREVE

da

Parigi

Malta e Gozo

€ 555,00

da

5 giorni / 4 notti 5 giorni / 4 notti 4 giorni / 3 notti dal 2 al 5 Marzo/Aprile Marzo/Aprile Aprile e Pasqua e Pasqua

€ 595,00

5 giorni / 4 notti dal 2 al 6 Aprile

Provenza

da

€ 790,00

6 giorni / 5 notti dal 1 al 6 Aprile

Prenotazioni ed informazioni in tutte le Agenzie di Viaggi - WWW.REITOUR.COM


24

La Voce del S@rrabus

PUBBLICITÀ

ARREDAMENTI

0709931481 - lavocedelsarrabus@tiscali.it

Marzo 2010

COME NESSUNA

% ste 5 l 3 spo e id ee t on ucin c S ec ll u s

Sconti dal 30% al 50% su tutti gli altri ambienti 0òFSUBWBMJEBöOPBM

APERTO SABATO POMERIGGIO SAN VITO

7JB/B[JPOBMF Bt/VPWP4IPX3PPNWJB/B[JPOBMF  5FMTFDDJBSSFEBNFOUJ!UJTDBMJJU


L’UNIONE TARDA L’UNIONE TARDA € 1

Mercoledì 10 Marzo 2010

LOTTA ALL’ALCOOL

CRISI E DINTORNI

Festival di Sanremo: dal 2011 prova del palloncino obbligatoria prima del televoto.

Mc Donald's: La Spisa lancia il panino sardo

A cura di Corrado Loi

MOBILITÀ

Il premier Berlusconi Non si placano gli effetti della crisi. dichiara: «Dal 2012 Finiremo una escort tutti in per tutti!» mutande?

GIORNALE + PRIMO FASCICOLO RADIOTELESCOPIO Molti €uri

In allegato con L’Unione Tarda: Costruisci il tuo

La fedele riproduzione in scala 1:1. Considerato che si preannuncia una lunga fase di cantiere i nostri lettori riceveranno, con il primo fascicolo in allegato, unu taulloni di tre metri per il ponteggio.

* Ogni riferimento a fatti e/o persone è puramente casuale.

IL FATTO UN PUGNO DI "MOCCIOSI" TERRORIzzA I NOSTRI PAESI

«Così come sono, risultano davvero troppo difficili, professori e studenti sono confusi». Da ambienti vicini al ministero trapelano diverse indiscrezioni, tra cui l'ipotesi di fermare le tabelline al numero 5.

Accuse di plagio al TG 1

Clamoroso:Emilio Fede lascia il TG 4 «Da quando al TG 1 c'è quel Mingherlini... Minchiolini... Minzolini o come caspita si chiama, il mio telegiornale al confronto sembra Tele Kabul». Dopo un inutile tentativo di mediazione da parte di Gianni Letta, Emilio Fede ha iniziato uno sciopero della fame che terminerà solo quando gli verranno riconosciuti i diritti d'autore.

Allarme "baby gang" nel Sarrabus. Scritte inneggianti a Winnie The Pooh e Ben 10. Biberon bruciati nelle piazze, cocktails micidiali di biscotti Plasmon sciolti negli yogurt Fruttolo, tricicli lanciati a folle velocità in spericolate gimkane nelle vie del centro e altre efferatezze. Sono questi alcuni degli ultimi episodi di teppismo infantile che stanno destabilizzando la vita, un tempo tranquilla, dei paesi del Sarrabus. La gente chiede a gran voce misure straordinarie da parte delle forze di Polizia, ma intanto cresce la paura di nuovi atti di violenza.

Giornata storica per gli iracheni Il ritorno alla piena democrazia del paese arabo è stato celebrato, in un clima festoso, con le elezioni presidenziali del 7 Marzo. File interminabili alle cabine elettorali e traffico caotico per le vie di Bagdad, senza tuttavia particolari problemi di ordine pubblico. Tutti scomparsi i candidati e gli elettori cristiani, ma si pensa ad un virus influenzale.

coppia, lei casalinga paranoica, lui maresciallo dell'Esercito. Lei è convinta che la loro casa sia infestata da nanoparticelle, così piazza una videocamera accesa 24 ore su 24 nella camera da letto nella certezza di individuarle. Passano i giorni, i mesi e quasi due ore di film, ma non accade praticamente nulla, almeno sino all'imprevedibile colpo di scena finale: quasi tutti gli spettatori escono dalla sala con tre palle.

Che fine hanno fatto i Morgan? Un famoso cantante partecipa ad un droga party, e scompare misteriosamente alla vigilia di un importante concerto.

Tutta colpa dell'inquinamento del fiume Lambro

La Lega rinnega il Po: «È diventato più nero di un immigrato nigeriano» A rischio, con l'acqua del fiume inquinata, il rito dell'ampolla previsto per Settembre alle falde del Po, anche se l'opposizione prega Bossi e compagni di anticipare il rito a questi giorni. Calderoli maledice la perdita di petrolio: "trote, cigni, gabbiani, oche, son diventati tutti scuri peggio dei terùn...". Primi episodi di intolleranza tra uccelli di diverso colore, mentre dal Presidente Napolitano parte un monito alla non discriminazione. Capezzone, portavoce del PDL: "mi occuperò degli uccelli personalmente".

Bertolaso ancora vittima della cervicale Era appena sbarcato in Cile per portare il suo contributo alla popolazione duramente colpita dal terremoto. Il capo della Protezione Civile è stato prontamente soccorso da due professioniste brasiliane, fortunatamente già provviste di tanga e condom.

IL CINEMA DE L’UNIONE TARDA Paranormal activity. Una

Dopo il successo dell'iniziativa promossa dal Ministro leghista Zaia col panino Mc Italy, l'assessore regionale all'Industria La Spisa lancia la linea Mc Donald's made in Sardinia, che si chiamerà Mc Piras, basata esclusivamente su prodotti sardi DOC. Il pacchetto prevede: a) "civraxiu" imbottito con cotenna di cinghiale e ravanelli piccanti, spalmato con strutto di maiale e crema di "casu marzu". b) gassosa Puddu o chinotto Siete Fuentes. c) dessert a base di "cixirau" o in alternativa mele cotogne sciroppate.

Proseguono le riforme della scuola. Gelmini: «Riscriveremo le tabelline»

Radiotelescopio di San Basilio

Elettori iracheni si avviano all’urna

Prestigioso riconoscimento per Mauro Pili

Parla il vincitore di Sanremo 2010. Valerio Scanu: «La mia musica riempirà gli stadi»

L'ex Governatore è stato nominato, dopo una commossa cerimonia svoltasi al Palazzo della Regione, "Leader d'Opposizione a Vita". Mauro Pili ha colto l'occasione per annunciare quella che sarà la sua prossima battaglia politica: incaprettare Cappellacci ad una pala eolica, seppellire vivo Soru a Tuvixeddu, per poi candidarsi indisturbato alla carica di Governatore nelle prossime elezioni regionali.

Sport. Era il giocatore più conteso del mercato

Fortunatamente, ci vorranno diversi anni prima che i lavori del nuovo Sant'Elia abbiano inizio, ma il cantante non si abbatte: «Ok, mi accontenterò di riempire il Charlie...»

Primo colpo dei fratelli Cuccu: il Muravera acquista dj Gianni Giuseppe Onano, Direttore Sportivo del Castiadas, non ci sta: "Aveva già firmato per noi, ci rivolgeremo al Tar", mentre il fratello Mirko, fantasista della stessa squadra, aggiunge: "Ora si fa tutto più difficile". Felice il nuovo patron del Muravera Renzo Cuccu: "Ora sarà tutta un altra musica!", mentre il fratello Giancarlo ribatte alle accuse di Onano: "Chi di TAR ferisce di Consiglio di Stato perisce".


26

PUBBLICITÀ

La Voce del S@rrabus

0709931481 - lavocedelsarrabus@tiscali.it

Marzo 2010

Teatro dei Ragazzi 2010 26 marzo ore 10.30 Rosaspina. Un teatro

5 - 10 ANNI

L’USIGNOLO DELL’IMPERATORE da Andersen regia Angelo Generali

15 aprile ore 10.30 Cada Die Teatro

5-1 ANNI0

MARIPOSA La farfalla meccanica scritto e diretto da Giancarlo Bliffi

Quinta stagione Biglietti scuole Elementari: € 4,00


Marzo 2010

CULTURA

0709931481 - lavocedelsarrabus@tiscali.it

La Voce del S@rrabus

27

STORIA Viaggio nel passato. Dal Dizionario Geografico dell’Angius uno spaccato della vita del Sarrabus nel XIX secolo

Villaputzu, il giardino del sud-est Nell’800 il paese contava 2300 abitanti e l’economia era agricola di Andrea Zinzula Dopo Muravera il viaggio mensile nel Sarrabus dell’ottocento prosegue con Villaputzu. Le notizie riportate da Angius nel Dizionario geografico storico statistico commerciale degli Stati di sua Maestà il Re di Sardegna però risultano molto scarse a differenza di quelle degli altri comuni. Non sappiamo il motivo di questa lacuna nel materiale informativo. L’abate parla di “mancanza di anticaglie”. Tuttavia riporteremo di seguito tutte le notizie raccolte. “Villapuzzo o Villaputzu; comune della Sardegna, nel mandamento di Muravera, nella provincia di Lanusei, e nella diocesi dell’Ogliastra: dipende dal tribunale di prima cognizione, dall’intendenza di Lanusei; e dall’uffizio d’insinuazione di Tortolì: è capo di distretto esattoriale. Sta nel Capo di Cagliari, a greco di questa città. […] Come capo di distretto villa puzzo comprende Muravera, Foghesu e San Vito”. Il paese contava 610 famiglie e 954 case per un totale di 2391 abitanti. L’ECONOMIA «Il suo territorio è uno dei più fertili dell’isola secondo Angius e produceva grano, orzo, legumi, lino, ortaggi e frutta d’ogni specie. La parte coltivabile è di una prosperità sorprendente, ma sinora ristretta a starelli 456. Ordinariamente si seminano starelli 800 di grano, 400 d’orzo, 125 di legumi e 100 di lino. Le numerose vigne del territorio e la qualità dell’uva fanno sì che il vino prodotto sia tra i più apprezzati dell’isola. In un terreno occupato uguale a starelli 4140 di ottimi bianchi e neri l’ordinaria quantità della vendemmia è di caratelli 1550, che contengono quartare 465,000. Altra importante fonte di sopravvivenza risulta essere la pastorizia. A Villaputzu si contano 600 buoi, 700

LETTERATURA

San Vito concorso letterario “A colori, a gusti a parole”

vacche, 70 cavalli, 380 giumenti, 2500 capre, 1500 pecore e oltre 2000 suini. L’abbondanza degli animali da pascolo garantisce una grande produzione di formaggi, di pelli e di cuoio. “Dalla vendita di pelli e cuoja ricavavano per capi di animali di pastura 4000, lire 2000; per capi selvatici 150, lire 300”.. Sorprendentemente l’economia spicca per originalità rispetto agli altri centri sarrabesi. E’ emerso infatti che api e sanguisughe erano spesso fonte di reddito. Le api sono allevate con diligenza dai villaputzesi; chè si noverano 3500 alveari, dai quali ridonda un superfluo vendibile in miele, di libbre 250. […] alcuni tra agricoltori, pastori e tessitori ottengono un lucro vistoso dalle sanguisughe che pescano nel Sarrabus e vendono ai contrabbandieri, i quali

le pagano grassamente». PORTO CORALLO Nell’analizzare l’economia Angius cita Porto Corallo un luogo destinato all’esportazione, unico nell’intero territorio del Sarrabus che descrive come aperto dal lato di Levante e Scirocco, ma coperto da quello di tramontana per una piccola prominenza. Così come unico nel territorio risultava all’epoca un monte granatico dotato di starelli 1000, L. 750. “Nel territorio di Villapuzzo trovasi inoltre l’antracite in uno scisto, che cangiasi nel granwacke a grana fina, ma non pare idoneo a essere adoperato nelle fucine come quello di Seuì”. LE INCURSIONI BARBARESCHE Come già visto per Muravera anche il territorio di Villaputzu era flagellato spesso dalle incursioni dei

corsari africani. Una delle più recenti incursioni risale al 1801 quando venne assalita la Torre di Porto Corallo. I guardiani dell’avamposto si trovarono in quei momenti privi della polvere da sparo e dunque incapaci di difendersi. La reazione dei villaputzesi (a testimonianza di una grande unità della popolazione) non si fece attendere: corsi in spiaggia armati di coraggio e di armi rudimentali scacciarono gli invasori rovesciando a mare quei barbari. Aspetti di un Sarrabus ormai passato che riserva tutto il fascino della propria storia per la maggior parte ancora tutta da scoprire. Il prossimo mese, tratteremo il paese di San Vito che dalle prime indicazioni risultava essere di gran lunga il più popolato con i suoi 2700 abitanti.

“A colori, a gusti, a parole”. E’ il titolo di un concorso letterario dedicato a brevi racconti che, nell’edizione 2010, avrà come tema “il piacere”. L’iniziativa è dell’Associazione Culturale “Orme Creative” di Castiadas. Saranno ammesse a partecipare opere non coperte dai diritti d’autore che dovranno pervenire entro e non oltre il prossimo 29 marzo. I racconti saranno poi esaminati da una giuria che sceglierà i cinque finalisti i quali saranno invitati a partecipare alla premiazione che avverrà il prossimo 25 aprile alle ore 17 presso la Casa Cauli in via Nazionale a San Vito. Al vincitore andrà un premio di 250 euro. Per maggiori informazioni è sufficiente scrivere all’indirizzo mail ormecreativecastiadas@gmail.com

APERTO TUTTO L’ANNO La Terrazza sul Mare

A pranzo menù turistico a soli 15,00 € $045"3&*t Via Marco Polo, 4 - Tel. 070 9916111 - Cell. 377 7099180


28

La Voce del S@rrabus

PUBBLICITÀ

0709931481 - lavocedelsarrabus@tiscali.it

Marzo 2010

MAGILU M AG ILU IINTERNATIONAL NT E RN AT IO N AL s srl rl

~ ~

G E

PROPONE PR O OPONE LA T TOVAGLIA OVAGL LIA A MA MAGICA AGICA /0/1&3%&*$0-03*t/0/4*3&453*/(&t4&.1-*$*5™%*-"7"((*0"Å0Åt/0/4*45*3" / 0/1&3%&*$0-03*t/0/4*3&453*/(&t4&.1-*$*5™%*-"7"((*0"Å0Åt/0/4*45*3" L’opportunità L ’opportunità p per er i rristoratori istoratori d dii rrisparmiare isparmiare ttempo empo e s sopratutto opratutto d denaro, enaro, c confezionate onfezionate su su m misura isura c con on ttessuti essuti a antimacchia ntimacchia rresistentissimi esistentissimi

Confezioniamo C onfezioniamo anche anche eleganti eleganti g gonne onne p per er ttavoli avoli d da a buffet buffet e c coprisedia oprisedia con con vasto va asto a assortimento ssortimento di di ffantasie antasie e colori colori

Possibilità P ossibilità di s soddisfare o oddis fare rich richieste ieste di pe pezzi zzi sing singoli oli per pr privati. rivati. Cerchiamo C erchiamo agenti agenti e per zone zone libere libere e-mail magilu.int magilu.international@libero.it erna ational@libero.it info@magiluinternational.it info@m magiluinternational.it www.magiluinternational.it www w .magiluinternational.it al.it

Preventivi P reventivi personalizzati personalizzati su su richiesta richiesta senza senza costi costi ne ne iimpegni mpegni telefonando telefonando a all 333 333 9 9913879 913879

Per la vostra pubblicità contattateci allo 070 9931481 oppure all’indirizzo grafico-voce@live.it


Marzo 2010

0709931481 - lavocedelsarrabus@tiscali.it

SALUTE

La Voce del S@rrabus

29

CONTROLLI La raccomandazione. Occorre verificare la propria salute in modo regolare anche se ci si sente sani come pesci.

Un check-up? Può salvare molte vite Prevenire è molto meglio che curare di Antonella Rubiu* La prevenzione è fondamentale per diagnosticare precocemente malattie che spesso presentano sintomi solo quando sono avanzate. Prevenire significa anche migliorare gli stili di vita in modo da ridurre al minimo i fattori di rischi, abolire fumo e alcool, evitare l’esposizione al sole nelle ore calde e comunque sempre con filtri solari adeguati, svolgere attività fisica e mantenere un corretto comportamento alimentare. I check up generici andrebbero effettuati su persone sane che non presentano sintomi in modo da verificarne lo stato di salute, ciò può significare che una vita sana si può conservare tale. Tutti i controlli vanno effettuati dietro consiglio del proprio medico curante che a seconda di età, sesso, familiarità con alcune malattie personalizza la tipologia di analisi senza effettuare esami inutili. Il check up comprende una visita medica e una serie di esami di laboratorio, glicemia, emocromo, assetto lipidico, pressione arteriosa, esame urine, sono tra i più diffusi accompagnati da un elettrocardiogramma in modo da esaminare la situazione clinica del paziente. Ovviamente avere un valore al di fuori della norma non significa essere malati ma, i risultati ottenuti permettono al medico di modificare abitudini spesso

sbagliate e in alcuni casi sufficienti per prevenire ed evitare patologie importanti e/o intraprendere di conseguenza una cura adeguata. I controlli vanno effettuati in particolare dopo i 40 anni e ripetuti con periodicità secondo il parere del proprio medico. L’uomo non ha le scadenze che invece obbligano la donna ad effettuare i controlli a partire dall’adolescenza ma questo non significa sottovalutare la propria salute. Prima dei 40- 50 anni si devono effettuare gli esami di routine, superati questi anni è fondamentale per l’uomo tenere sotto controllo la prostata,

che con l’avanzare degli anni aumenta di volume e spessore e può mascherare patologie anche gravi. Da non trascurare la tiroide organo di stress, che sottoposta a diverse pressioni può determinare alcuni fastidi e quindi importante verificarne la buona funzionalità. Quando si arriva ai 50- 60 anni oltre agli esami eseguiti negli anni precedenti bisogna effettuare la ricerca del sangue occulto nelle feci, eventuale colonscopia, esame audiometrico e doppler venoso. La donna deve iniziare l’iter delle analisi prima dell’uomo, con l’arrivo del ciclo

mestruale è fondamentale una visita ginecologica, successivamente bisogna consultarla ancora per avere maggiori indicazioni sull’uso della pillola che in molti casi viene assunta senza gli opportuni controlli. I 25-30 anni prevedono il pap test, emocromo e tutti gli esami di routine che il medico ritiene opportuno effettuare. A 40 anni gli ormoni femminili iniziano il loro declino, si innalza il colesterolo, aumenta il peso e le varici. Con i 50 anni arriva il tempo della menopausa e quindi oltre agli esami precedenti bisogna valutare il tessuto osseo che diminuisce di compatezza, poichè non più sostenuto dagli ormoni femminili, la naturale conseguenza è quella di cadere nell’agguato dell’osteoporosi, è quindi fondamentale sottoporsi alla MOC. Anche per la donna è bene effettuare la ricerca del sangue occulto nelle feci. Raggiunti i 60 anni gli esami vanno effettuati con maggiore frequenza ma bisogna anche considerare una visita neurologica per monitorare la circolazione. Gli esami precedentemente elencati sono solo indicativi per fare prevenzione e quindi diagnosi precoce è fondamentale partecipare ai programmi di screening, che a seconda del sesso e dell’età permettono di individuare tumori precocemente e di poter essere trattati in fase iniziale ottenendo così una diminuzione della

mortalità e migliorando la vita quotidiana dell’individuo. Gli screening si sono dimostrati efficaci per i tumori della mammella tramite la mammografia, della cervice uterina pap test e del colon retto con la ricerca del sangue occulto nelle feci. Nei programma di screening l’azienda sanitaria invita la popolazione ritenuta a rischio ad effettuare il test gratuitamente, l’adesione è volontaria ma la partecipazione è segno di civiltà. Questo è ciò che ha dimostrato il Sarrabus-Gerrei nell’adesione massiccia allo screening del colon retto effettuato nel 2009 che con il suo risultato ha salvato dalle 40 alle 50 vite umane. Gli screening coordinati a livello regionale in collaborazione con la ASL di riferimento, comprendono un piano diagnostico–terapeutico completamente gratuito, che accompagna l’individuo dal test e laddove sia necessario al trattamento. L’alta qualità che accompagna ogni fase dello screening deve servire per far aderire numerosi, senza paura della diagnosi, in modo da individuare malattie prima che manifestino sintomi evidenti. Considerando l’importanza di questi risultati e la notevole diffusione delle patologie tiroidee c’è da augurarsi che presto si valuti la possibilità di effettuare uno screening per tali patologie. *Farmacista

FARMACIA

DR. G. CONGIU

MURAVERA ‡ Via Roma, 145\a - Tel 070 9930566


30

La Voce del S@rrabus

DDidu Virgil Virgilio ilio

PUBBLICITĂ€

0709931481 - lavocedelsarrabus@tiscali.it

Marzo 2010

-52!6%2!sVia Roma, 226 Tel. 070 9931321 6),,!3)-)53sVia del Mare, 49 Tel. 070 791692

I Sapori che Cercavi...


Marzo 2010

SPORT

0709931481 - lavocedelsarrabus@tiscali.it

La Voce del S@rrabus

31

CALCIO Eccellenza. Il Villasimius, sempre più solo in coda alla classifica, vede ormai la salvezza come una chimera

Muravera e Castiadas col fiatone A cinque giornate dal termine del campionato si fa dura la lotta play off di Renzo Cuccu È un mese buio, quello appena trascorso per le squadre sarrabesi del campionato regionale di Eccellenza. Il Muravera, mantiene la seconda piazza ma deve guardarsi dal ritorno di Fertilia e San Teodoro che incalzano a due lunghezze. Intanto il vertice si è allontanato sino a dodici punti, che a cinque giornate dalla conclusione assegnano di fatto ill passaggio di categoria alla favorita della vigilia: il Portotorres. In casa Castiadas quattro punti nelle ultime cinque giornate, frutto di quattro pareggi e una sconfitta, fanno precipitare Piccarreta e compagni dal terzo al quinto posto della graduatoria, a due sole lunghezze dall’arrembante Progetto Sant’Elia, sesto e con tanta voglia di play off. Il Villasimius, dopo i primi timidi segnali di risveglio precipita all’ultimo posto e vede la salvezza sempre più come un’autentica chimera. Il Muravera di Luis Ayrton Barroso Oliveira, ha mostrato segnali contrastanti, con un rendimento in linea alle aspettative quando la squadra gioca sul terreno amico del comunale, per

Leonard Orsi “il Principe” difensore del Castiadas

perdersi inesorabilmente quando gioca in trasferta. Se possono esserci mille attenuanti per la sconfitta rimediata a Valledoria, la batosta subita sul campo dell’Olmedo lascia assolutamente sconcertati. La formazione gialloblu ha comunque dalla sua ill tanto fieno messo in cascina nei tempi migliori che gli da un

www.ilfalconiere.it

margine rassicurante per la partecipazione ai play off. I cinque punti di vantaggio sulla sesta posizione con una classifica avulsa che sorride ai muraveresi ne sono la conferma. I prossimi impegni per il Muravera sono molto delicati, i giallo blu dovranno infatti vedersela con la capolista Porto Torres in casa

e con il Castiadas, sempre sul terreno del comunale di Muravera ma con i bianco verdi nelle vesti di padroni di casa. Due partite che diranno tanto del cammino futuro di Lulù e compagni. Il Castiadas, paga probabilmente il prezzo di una stagione lunghissima, iniziata lo scorso agosto. La crisi di risultati è arrivata puntualmente, subito dopo la conquista della salvezza. In breve tempo la formazione neo promossa ha dilapidato un patrimonio di punti importante, vedondolo ora ridotto a due sole lunghezze da quel Progetto Sant’Elia che appare al momento come la squadra più in forma del torneo. Se da una attenta analisi si può dire che i bianco verdi abbiano contratto un bel credito con la dea bendata, deve anche essere riconosciuto che la squadra appare meno brillante e soprattutto meno efficcace in fase realizzativa in questa parte di campionato. Il Calendario sembra non dare tregua, il Castiadas deve affrontare infatti nelle prossime gare nell’ordine il derby con un Villasimius disperato alla spasmodica ricerca di punti salvezza e poi quello con il

Muravera che non può più permettersi ulteriori distrazioni, se vuole mantenere la posizione di privileggio attualmente occupata. La formazione del presidente Saverio Onano deve al più presto trovare la verve realizzativa dei suoi attaccanti che sin qui hanno determinato i successi di questa formazione, se sarà così, il sogno di centrare il secondo obiettivo stagionale potrà essere realizzato, per la gioia dei suoi sostenitori. Il Villasimius, sta mostrando la corda, la formazione sarrabese è il fanalino di coda del campionato e nulla lascia presagire che possa esserci una inversione di tendenza. L’organico allestito non appare in grado di reggere l’urto di un torneo molto equilibrato per valori tecnici, che non lascia spazio a partite che possono sembrare semplici. I quindici punti a disposizione di questo ultimo scorcio di torneo, possono sembrare tanti ma in realtà hanno già scritto una sentenza che nessuno vorrebbe pronunciare. Tre retrocessioni dirette, con la seria possibilità che possano diventare cinque, la dicono tutta sulle difficoltà di una salvezza per i giallo blu.


32

La Voce del S@rrabus

SPORT

0709931481 - lavocedelsarrabus@tiscali.it

Marzo 2010

IL PERSONAGGIO Muravera. Parla il trequartista gialloblù: «Non ho risentito del cambio di tecnico, sia Piras che Lulù sono molto preparati»

Manrico Porceddu, la fantasia al potere «Ho già vinto tutto ma ora voglio i play-off con questa squadra» di Giancarlo Cuccu E’ senz’altro uno dei giocatori più esperti della formazione gialloblù, Manrico Porceddu nato a Cagliari 32 anni fa è un punto di forza del Muravera 2009/2010. Sempre sorridente, tende a smorzare ogni tensione e non risparmia mai un sorriso a nessuno. Manrico sei un cagliaritano doc... Si cagliaritano di “Mulinu Becciu”, il mio quartiere è stata anche la mia prima squadra. Lì infatti ho iniziato a giocare a calcio. Gli allenamenti e le partite non mi bastavano mai e quindi continuavo a giocare con gli amici nei diversi e polverosi spazi del quartiere. Dopo di che? Sono andato nella squadra del Presidente Orrù, l’Atletico, dove ho giocato per 13 anni, giungendo fino alle serie “D”. C’è stata anche una breve parentesi con il Carloforte in eccellenza. Poi un passaggio all’Ischia, sempre in eccellenza ed il trasferimento all’estero. Ho infatti giocato un anno nella serie “A” maltese con il Msida San Joseph che in quella stagione era allenato da Petrone ed il cui Presidente era Goveani. Poi il rientro in sardegna e quindi Villacidrese, Tavolara, Decimese, Quartu 2000 e Selargius

Manrico Porceddu, uno dei punti di forza del Muravera 2009/2010

prima del passaggio al Muravera... Tante squadre, molte soddisfazioni... Ho vinto tanto in tutti questi anni; tre tornei di eccellenza (due con l’Atletico e uno con il Selargius). Cinque coppe italia (due con l’Atletico, una con l’Ischia, una con il Tavolara e una con il Sanluri) Tra le tue squadre il Muravera... A dire il vero mi trovo abbastanza bene per merito del gruppo che è formato prevalentemente da amici. La posizione in classifica ci da ancora ragione nonostante l’ultima

prestazione sia stata incolore. Tutti gli intervistati fino ad ora hanno sempre evidenziato l’amalgama del gruppo... Sono molto legato ai miei compagni di squadra. Piludu, Cadeddu, Ferraro, Cadelano, Aramu e Cinus li conoscevo tutti. Con Davide Puddu poi... siamo vicini di casa; abitiamo nello stesso palazzo, per cui è chiaro che c’è un rapporto di amicizia che va ben oltre il mero pallone. Per il resto? Non posso certamente nascondere il fatto che abbiamo notevol-

mente risentito del problema societario. Non ci voleva proprio in quel momento non in quel momento. Infatti il Porto Torres stava soffrendo e noi potevamo in qualche maniera sfruttare l’occasione. Il cambio di allenatore ha influito? Personalmente non ho risentito più di tanto il cambio del tecnico, anche perchè sia Piras che Lulù, nonostante le diverse metodologie impiegate negli allenamenti, sono entrambi molto preparati.

Ed ora? Adesso le cose sono state sistemate e noi cercheremmo in tutte le maniere di giungere ai play-off. Come vedi il tuo futuro? Professionalmente desidero ritagliarmi uno spazio da tecnico. Quattro anni fa ho conseguito il patentino, dopo aver frequentato con Gianfranco Zola un corso organizzato ad hoc dall’Associazione allenatori. Però ho anche necessità di iniziare seriamente a pensare al domani. Sono alla ricerca di un lavoro che possa garantirmi il futuro. Per quanto riguarda i passatempi, ho una passione sfrenata per la pesca subacquea e per il Beach tennis che pratico con gli amici sulla spiaggia del poetto. Inoltre da dieci anni sono fidanzato con Claudia con la quale spesso condivido lunghi viaggi in giro per il mondo, utilizzando treni, aerei ma anche navi soprattutto quelle da crociera che ci hanno ospitato in diverse occasioni. In conclusione, cosa ti senti di dire agli sportivi muraveresi? Che ci impegneremo al massimo per garantire la continuazione del torneo anche al termine della “Regular season”. I nostri tifosi meritano i play-off e noi, a questo punto del campionato, non possiamo tirarci indietro.

RISTORANTE & PIZZERIA RISTORANTE SUL MARE

Chiuso il lunedì Venite a chiederci personalmente le vostre specialità della casa con variazioni a tema. I nostri piatti vanno dalle Bavette al tartufo, Ravioli ai funghi, Ravioli di pesce con vongole, Carciofi alla bottarga, ai pesci locali. Provate voi stessi le specialità del nostro chef Luca...

info@marinagio.it www.marinagio.it


Marzo 2010

SPORT

0709931481 - lavocedelsarrabus@tiscali.it

La Voce del S@rrabus

33

IL PERSONAGGIO Qui Castiadas. Salvatore Bruno: ÂŤSono un mediano e amo stare in mezzo al campo ma pur di giocare farei di tuttoÂť

Un siciliano alla conquista dell’Isola Con la mia Sicilia sogno una finale contro la rappresentativa sarda di Renzo Cuccu Un campionato difficile quello di Eccellenza Regionale, per gli alti valori tecnici che esprime, soprattutto dopo l'introduzione di ben cinque fuoriquota nella categoria superiore, la serie D. La naturale conseguenza di questa decisione della Federazione Gioco Calcio, ha finito per far migrare tanti giocatori di categoria superiore, appunto nell'Eccellenza, facendo salire come detto sia il tasso tecnico che quello legato all'esperienza. Un campionato che però sancisce l'obbligo anche per questa categoria della presenza in campo per tutta la durata della gara di due giovani appartenenti agli anni 1990 e 1991. Per questi ragazzi una opportunità per esprimere il loro valore ma anche una canche che spesso non dà altre possibilità. Il personaggio di questo mese è un ragazzo che gioca nel Castiadas e per farlo ha dovuto lasciare la sua Sicilia per approdare nel Sud Est sardo. Salvatore Bruno, qui per tutti Totò anche se in famiglia preferiscono chiamarlo Salvo, nativo di Isola delle Femmine sta disputando la sua prima stagione con la maglia del Castiadas, mostrando mezzi fisici importanti e una grande determinazione nel conquistarsi una maglia da titolare. Allora Totò hai lasciato la tua isola per finire in un altra isola, come ti trovi? Sicuramente bene, anche perchè la mia città ha molte similitudini con questa realtà, quindi in fondo per molti versi è come stare a casa. Per farti un esempio nella mia esperienza a San Benedetto del Tronto contavo i giorni che mancavano per rientrare a casa, qui il tempo invece vola veloce. Mi sento stimato e ho un buon rapporto con tutti, anche se con il mister c’è qualcosa di speciale , infatti Andrea Piccarreta, mi tratta come se fossi

Salvatore Bruno, centrocampista del Castiadas

suo figlio. Sei giovanissimo, non hai ancora vent'anni ma hai già una buona esperienza lontano da casa, dove hai giocato finora? Ho iniziato nella scuola calcio di Capaci, per passare al calcio Sicilia, una società satellite del Palermo. Il salto tra i grandi se cosÏ si può dire l’ho fatto nella stagione 2008/2oo9 passando alla Sambenedettese che è una nobile decaduta del calcio italiano che militava in Prima Divisione, io con questa squadra ho fatto il campionato Nazionale Beretti che è il corrispondente al campionato Primavera delle squadre professionistiche.

Ipse dixit ÂŤDopo aver centrato la salvezza, ora puntiamo ai play off, che voglio assolutamente giocare. Lo meritiamo noi ma soprattutto i tifosiÂť

Stare lontano da casa alla tua età non è molto semplice, come si affronta la vita di tutti i giorni? Come ho già detto con molta serenità, mi mancano gli affetti piÚ cari, ma per il resto mi sento a casa. Ho imparato a rendermi autonomo, imparando a cucinare almeno l’essenziale, sotto la guida attenta del Falco Viani che dietro ai fornelli vola sempre altissimo. Giochi da centrocampista, in quale posizione preferisci essere utilizzato? Mi reputo un mediano, quindi giocare in mezzo e meglio che esterno ma, pur di giocare farei anche il terzino.

La lotta per un posto tra gli undici è dura visto il livello dei tuoi compagni, chi tra di loro ti ha fatto una impressione maggiore? Christian Viani su tutti, è il giocatore che mi ha colpito maggiormente per il suo estro pazzesco. Per quanto riguarda i miei diretti concorrenti fuoriquota, sicuramente Umberto Festa è quello piÚ dotato di mezzi tecnici. In ogni caso la concorrenza è molto alta, perchè la squadra è oltremodo competitiva in ogni reparto, fuoriquota compresi. Un siciliano nella rappresentativa di categoria con la Sardegna, non ti fa sentire a disagio? Magari dovrai affrontare proprio la tua Sicilia. Nella fase iniziale un po di disagio l’ho avuta, anche perchè i miei compagni spesso mi chiedevano cosa ci fa un siciliano nella rappresentativa sarda. Mi trovo molto bene e il mio sogno nel cassetto è di poter incontrare magari nelle fasi finali la mia Sicilia. Cosa ti aspetti da questa stagione che oramai sta volgendo al termine. Abbiamo raggiunto la salvezza che era il nostro principale obiettivo, ora l’attenzione si sposta sui play off, li voglio assolutamente giocare, lo meritiamo noi ma soprattutto i nostri tifosi. Stiamo attraversando un momento non molto fortunato ma restiamo sempre in corsa e alla fine spero di poter gioire con i miei compagni. I tuoi genitori nella tua vita che ruolo hanno, come si vive lontano dagli affetti piÚ cari? Un ruolo molto importante. Anche nella mia scelta di giocare al calcio, mi sostengono moralmente ogni giorno, nonostante la distanza che ci divide. Per dare l’idea dello splendido rapporto che ho con Cosimo mio padre e Grazia mia madre, io ho due sorelle maggiori, Maria Grazia e Alessandra e nonostante tutto mi sento spesso trattato come ose fossi un figlio unico.

di Ignazio e Marco Cell. 393.2226542 - 393.2226152

%$5s7$%$&&+,s3,==(5,$ 61$&.s%,67(&&+(5,$ /RF6DQ*UHJRULR66.P7HOs%XUFHL9LD5RPD


34

La Voce del S@rrabus

SPORT

0709931481 - lavocedelsarrabus@tiscali.it

Marzo 2010

CALCIO Serie minori. Il Porto Corallo in Promozione arranca e i play-off si allontanano, decisive le ultime sei partite di campionato

San Vito con il vento in poppa La squadra bianco celeste ipoteca il salto in Prima Categoria di Renzo Cuccu Con la diciottesima vittoria di questo campionato, il San Vito mette una seria ipoteca allo storico passaggio in Prima Categoria. La squadra affidata al tecnico nostrano Enzo Miccuci sta dimostrando di essere padrona indiscussa del campionato, a dirlo sono i numeri: venti gare disputate, diciotto vittorie, un pareggio e una sola sconfitta, quarantasette gol fatti che ne fanno il miglior attacco del campionato e quindici reti subite che dicono che il San Vito possiede la miglior difesa del torneo. A tenere il passo ma a debita distanza il Girasole seconda con un ritardo di otto lunghezze, quando mancano sei giornate al termine del campionato. Un margine significativo, creato giornata dopo giornata, superando le difficoltà che di volta in volta si sono presentate. Un successo costruito in casa, valorizzando e sfruttando le capacità di giocatori sarrabesi. Un lavoro che ha trovato in Alberto Paderi un perfetto esecutore, il collante capace di assemblare giocatori provenienti da diverse categorie. Una società condotta magistralmente da un regista spesso occulto come il presidente Marco Marteddu che una volta individuati i suoi più stretti collaboratori ha dato un mandato in bianco riponendo piena fiducia nelle sue

In primo piano Enzo Miccuci, allenatore del San Vito Calcio

scelte. Il tecnico Enzo Miccuci, ha messo in questa avventura anima e corpo, lavorando in maniera spesso quasi maniacale, tanto da trovare in alcune circostanze anche degli ostacoli per il suo fare che poteva sembrare legato più ad una categoria superiore che alla realtà della Seconda Categoria.Una programmazione perfetta che pone basi importanti anche

per il futuro prossimo. Sulle ali dell’entusiasmo e della competenza si sono create le avventure sportive più significative come con il Castiadas dei miracoli e il Porto Corallo tanto per citare alcuni recenti esempi locali, senza trascurare lo stesso Muravera di alcuni anni fa. Mancano ancora sei domeniche alla fine del campionato, ma la vittoria potrebbe essere dietro

l’angolo già tra due domeniche e allora solo allora, si potrà festeggiare per una nuova pagina di storia del calcio sarrabese, con la cenerentola che diventa finalmente principessa. Il Porto Corallo, sbaglia l’approccio nell’anticipo che avrebbe potuto lanciarla nell’olimpo del campionato di Promozione Regionale. Una sconfitta inaspettata quella rimediata contro il

Villanovatulo battutto a più riprese in Coppa Italia e in campionato, in un momento in cui il torneo è entrato nel vivo e non permette più errori. La gara di sabato è stata un po lo specchio della stagione dei villaputzesi che molto credito hanno accumulato nei confronti della fortuna. Una squadra che certamente ha dalla sua la difficoltà di chi è stata costruita in corsa ma questo non può essere una attenuante. L’organico allestito dal patron Franco Massessi è ora di tutto rilievo per la categoria, almeno negli undici iniziali, un discorso diverso può essere fatto per quanto riguarda i componenti la panchina o fuoriquota che in un torneo di vertice devono in qualche maniera fare la differenza. A sei giornate dalla conclusione del campionato il ritardo di Corrado Lampis e dei suoi ragazzi è di quattro punti sulla seconda e di tre sulla terza in classifica. Ai giallo neri si prospettano sei partite che avranno il sapore di sei finali per poter agguantare un obiettivo che si è creato solo strada facendo, i play off. Un traguardo che ad inizio di campionato non rientrava nelle mire della società, disposta piuttosto a fare un torneo che potesse garantire una salvezza senza patemi d’animo, ma ora con gli innesti messi in campo e con una classifica così, provarci è assolutamente un obbligo.


Marzo 2010

0709931481 - lavocedelsarrabus@tiscali.it

SPORT

La Voce del S@rrabus

35

VILLASIMIUS L’iniziativa. Il 27 e 28 marzo gli appassionati delle due ruote si daranno appuntamento in Sardegna

Avventure in moto attraverso il sud-est 160 chilometri per scoprire gli angoli più belli della nostra zona Saranno tanti e provenienti da tutta l’Italia i motociclisti che prenderanno parte alla nona edizione della “Motocavalcata Nazionale del Sud-Est Sardegna - Memorial Stefano Morea”. L’edizione di quest’anno si terrà il 27 e 28 marzo a Villasimius. «Sarà come sempre una bella occasione per fare del sano fuoristrada in moto e quad - ha spiegato Giampaolo Carboni, presidente del Motoclub Villasimius, promotore dell’iniziativa - senza cronometristi, prove speciali, controlli a timbro. L’unico scopo di questa manifestazione è quello di fare un bel giro in moto, di vedere bei posti, stare con tanti altri appassionati dell’off-road a due ruote». Il percorso sarà di 140/160 chilometri che permetteranno di ammirare la bellezza del paesaggio del sud-est della Sardegna. «Ci saranno diversi tratti impegnativi per gli esperti - ha detto Carboni - “bypassabili” con un percorso alternativo per chi vuole tenere un’andatura più rilassata. In ogni caso, anche il percorso alternativo impone una certa esperienza di guida in fuoristrada, oltre che a

Un’immagine di una delle passate edizioni del motoraduno

Il percorso Ci saranno diversi tratti impegnativi ma anche alternative per chi vuole tenere andature rilassate

gomme tassellate e abbigliamento adatto. A tutti gli iscritti verrà fornita assistenza per il recupero della moto in caso di guasto e offerto uno "pranzo sul campo" a metà percorso; inoltre, gli iscritti riceveranno in omaggio un simpatico gadget del Motoclub Villasimius. É previsto un unico riforni-

mento “volante”  lungo il percorso così anche i “due tempi” che notoriamente hanno meno autonomia possono affrontare tranquillamente il giro». Il 26 marzo è previsto un piccolo “prologo” per i motociclisti che arriveranno a Villasimius con anticipo: «Proprio così - ha puntualizzato il presidente del Motoclub Villasimius - pensavamo ad un breve giro in notturna, la “Bat-cavalcata”, al termine della quale si andrà tutti insieme a mangiare una pizza in un locale dove vedremo il filmato della scorsa edizione». Gli organizzatori non hanno lasciato nulla al caso e tanto meno sul fronte della sicurezza: «Sono da rispettare a tutti i costi le normali regole del buon senso in moto - ha spiegato Giampaolo Carboni - niente competizioni che creano pericolo per sè stessi e per gli altri, niente sorpassi a destra, aiutare chi si trova in difficoltà, mantenere le distanze di sicurezza, casco ben allacciato». Insomma ci sono tutti gli ingredienti per un fine settimana da incorniciare per gli appassionati della motocicletta e della natura.

RAGAZZI SPECIALI

Quattro medaglie per gli atleti dell’Olimpia

Quattro medaglie, di cui due d’oro sono il bottino degli atleti della Polisportiva Olimpia Sarrabus che il 27 e 28 febbraio scorsi hanno partecipato a Sassari, ai Giochi Regionali Special Olympics di nuoto. Sugli scudi Claudia Boi di Muravera, vincitrice di due ori nei 25 metri stile libero e nei 25 metro dorso. Per Michele Podda di Villaputzu, argento nel 25 metri stile libero, mentre Riccardo Schirru, nella stessa specialità, si è classificato terzo.


36

La Voce del S@rrabus

B

#JNC

PUBBLICITÀ

0709931481 - lavocedelsarrabus@tiscali.it

. .BS[P .BS[P Festa del F d Papà Pap pà p

Marzo 2010

P

#JNC

"SUJDPMJEBSFHBMPt(JPDBUUPMJt1SJNBJOGBO[JBt1SPGVNFSJBt$BSUPMFSJBt"SUJHJBOBUPTBSEPt"SUJDPMJNBSFFTQJBHHJB "SSFEPHJBSEJOPt&TDIFWJWFt"SUJDPMJGPUPHSBöDJDPOTUBNQFEJHJUBMJJNNFEJBUFEB$IJPTDP,PEBL

La Voce del sarrabus  

Giornale del sarrabus Gerrei