Page 1

La speculazione finanziaria continua a lavorare a pieno ritmo. Le lobby bloccano ogni tentativo di regolamentazione dei mercati. Noi siamo chiamati a “stringere la cinghia” e ad accettare tagli al welfare e ai diritti. Hai mai pensato a chi fornisce la materia prima al sistema finanziario? Siamo noi: sottoscriviamo prodotti bancari, depositiamo i nostri risparmi, investiamo in titoli e fondi. Sono i nostri soldi, possiamo chiedere trasparenza, possiamo agire. Partecipa su www.nonconimieisoldi.org

KYOS VERONA OTTOBRE - NOVEMBRE - DICEMBRE 2012 N. 57 - DISTRIBUZIONE GRATUITA - POSTE ITALIANE S.P.A. - SPEDIZIONE IN ABBONAMENTO POSTALE - D.L. 353/2003 (CONV. IN L. 27/02/2004 N° 46) ART. 1, COMMA 1, CNS VERONA - PREZZO A COPIA € 2,0

Diventa protagonista Delle tue scelte finanziarie

KYOS VERONA OTTOBRE - NOVEMBRE - DICEMBRE 2012

Publistampa Arti grafiche | gennaio 2012

giocano alla finanza casinò con il risparmio Dei cittaDini?

MUSICA

KYOS COP__Ott_Nov_Dic_2.indd 1

OTTOBRE - NOVEMBRE - DICEMBRE 2012

ripartiamo dai giovani Adriano Celentano Gian Antonio Stella Philippe Daverio Emilio Giannelli The Collect Valeria Ferrari Emma Pecirep Verona Calcio Femminile Paolo Paternoster

ARTE

TEATRO

SPETTACOLO

DESIGN

SPORT

TEMPO LIBERO

PERSONAGGI

CULTURA

CUCINA

VIAGGI

AUTO

NATURA

22/11/12 17:34


Si d S declinano ecli clinano cli nan eventualii rresponsabilità espons espo nsab a i dovute ad errori tipografici o di stampa. a. Le L fotografi g e sono ono solo rappresentative.

Se puoi sognarlo, puoi scriverlo…

nterno

’i Scoprilo all

Speciale o b b o d d A

UN MONDO DI GIOCHI OC DAL 7/11 AL

KYOS 2 KYOS COP__Ott_Nov_Dic_2.indd COP_giugno_10.indd 2

13/12/2012

SIAMO PIENI DI IDEE

22/11/12 15:45 17:34 26/05/10


KYOS VERONA

editoriale

SIATE AFFAMATI, SIATE FOLLI xxx

Siate affamati, siate folli A circa un anno dalla scomparsa del mitico Steve Jobs, padre e padrone del gruppo americano Apple, inventore del Macintosh e dell'iPod, dell' IPhone e dell' iPad , risuonano ancora forti le sue parole rivolte ai giovani universitari americani: "...siate affamati, siate folli..." sopratutto con il persistente aggravarsi della crisi mondiale. Vi e' un generale appiattimento sulla visione della crescita, una grave mancanza di visione e fantasia, una totale incapacita' di immaginare un modello economico alternativo e di progettare un futuro diverso. Solo incoraggiando e promuovendo nuovi stili, comportamenti e iniziative di larghe schiere di giovani, potremo provare a vincere la sfida. Non e' importante fare solo cose giuste (magari perche' qualcuno le ha già fatte prima), e' importante credere fino in fondo alle cose che si fanno anche a costo di sacrificio e pazienza. La crisi occidentale in atto, infatti, altro non e' che la conferma che da qualche parte della terra qualcun altro sta cercando di uscire da una condizione di vita ben peggiore e

Kyos Verona Ottobre - Novembre - Dicembre 2012

KYOS 01-25_Ott_Nov_Dic_12ok.indd 1

assai piu' critica. Allora forse vale la pena di guardare al passato e ricordare il celebre discorso tenuto da Roberto Kennedy nel 1968 alla Kansas University: ...” Non possiamo misurare lo spirito nazionale sulla base dell’indice Dow Jones ne’ i successi del Paese sulla base del Prodotto Interno Lordo. Il PIL comprende l’inquinamento dell’aria, la pubblicita’ delle sigarette, le ambulanze per sgombrare le nostre autostrade dai disastri del fine settimana.... Comprende programmi televisivi che valorizzano la violenza per vendere prodotti violenti ai bambini. Cresce con la produzione di napalm, missili e testate nucleari. Il PIL non tiene conto della salute delle nostre famiglie, della qualita’ della loro educazione e della gioia dei loro momenti di svago. Non comprende la bellezza della nostra poesia e la solidita’ dei valori familiari. Non tiene conto della giustizia dei nostri tribunali, ne’ dell’equità dei rapporti fra noi. Non misura la nostra saggezza ne’ la nostra conoscenza ne’ la nostra arguzia ne’ il nostro coraggio ne’ la nostra compassione. Misura tutto, eccetto cio’ che rende la vita degna di essere vissuta”. 1

23/11/12 09:43


Tecnologia al servizio della comunicazione

fatti trasportare dal risparmio dei costi di comunicazione

KYOS VERONA NOVEMBRE 2010

risparmi fino al 30%

GRAZIE A chalco®: dall’idea al “PDF” in 4 mosse! print on demand: da 1 a 1000 copie... diverse stampa in remoto: 1.000.000 copie al giorno comunicazione one-to-one: personalizziamo i tuoi messaggi free press: l’impaginazione gratuita del futuro dal progetto creativo alla postalizzazione

Via Francia, 7/B - 37024 Negrar Verona Italy Tel: 045 810 12 04 - commerciale@printedita.com

www.printedita.com www.printedita.com 2

COP_novembre_10.indd 1 KYOS 01-25_Ott_Nov_Dic_12ok.indd 2

Kyos Verona Ottobre - Novembre - Dicembre 2012

M

23/11/12 09:43


KYOS VERONA - NOVEMBRE 2010 N. 49 - DISTRIBUZIONE GRATUITA - POSTE ITALIANE S.P.A. - SPEDIZIONE IN ABBONAMENTO POSTALE - D.L. 353/2003 (CONV. IN L. 27/02/2004 N° 46) ART. 1, COMMA 1, CNS VERONA - PREZZO A COPIA € 2,00

KYOS VERONA NOVEMBRE 2010

Ripartiamo dai giovani Trevisi e Andreoli Ho un sogno. Ideali, emozioni e creatività...

Adriano Celentano Rockeconomy

Gianantonio Stella

v

e

r

o

n

a

Premio 12 Apostoli Philippe Daverio e Emilio Giannini

rivista mensile di Verona

The Collective Un progetto contro la crisi

Ottobre - Novembre Dicembre anno 7 - numero 57

A.g.i.l.e. Creatività metropolitana

M28

Rivista free press di Verona e provincia. 8.000 copie distribuite nei migliori punti di incontro

Un futuro per gli ex magazzini generali

Editore PRINTEDITA Srl - Via Francia, 7/b - 37024 Negrar (Vr) - Tel. : (+39) 045 8101204 Fax: (+39) 045 6000531 kyosverona@printedita.com www.printedita.com

Giovani campionesse

N O V E M B R E

2 0 1 0

Valeria Ferrari e Emma Pecirep

AGSM Per lo sport veronese

Iscrizione al Tribunale di Verona n. 1786 - 17/01/2008 Poste Italiane s.p.a. - Spedizione in Abbonamento Postale - D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n° 46) art. 1, comma 1, CNS VERONA Registrazione al ROC n° 16808 Prezzo a copia € 2,00 Direttore responsabile Guido Benati

2

La nuova vita di Maistri Maistri innovation srl, tra continuità e innovazione

3

Dress2see Parola d’ordine: apparire

Hanno collaborato David Bonato, Ennevi, Mercedes Maltés, Falkensteiner

In Musica Nuovi dischi e nuove proposte

Supervisione Tecnica Gianna Calabria

Libri per l’autunno

Redazione Grafica Cinzia Signorini

Ciak si gira Venezia 2012

il trovatutto

Relazioni Pubbliche Luisa Calabria

Web 2.0

Sviluppo Commerciale e Pubblicità mail: kyos.pubblicita@printedita.com Tel. : (+39) 045 8101204

Vincere le sfide della sostenibilità

Altan

Luoghii fantastici

Arisa

Stampa L’Artegrafica S.n.c. Via C. Colombo, 41 - 31032 Casale sul Sile (TV) Tel. 0422.822754 - Fax 0422.822755 www.lartegrafica.com

IIl lago di Worther

6

3

8

3

0

4

2

4

4

4

6

4

Vintage

Ruben

Numero chiuso in redazione il:

KYOS 01-25_Ott_Nov_Dic_12ok.indd 3

2

rubriche

Redazione Cristiana Albertini, Guido Benati, Riccardo Ferraresso, Ilaria Noro e Alice Russo

SPETTACOLO

3

appuntamenti

Responsabile di redazione: Riccardo Ferraresso

ottobre 2012 MUSICA 20ARTE TEATRO

4 06 07 08 12 14 16 18 21 0

3 DESIGN

SPORT

TEMPO LIBERO

PERSONAGGI

CULTURA

CUCINA

VIAGGI

AUTO

NATURA

28/10/10 23/11/12 09:4312:38


HO UN SOGNO. IDEALI, EMOZIONI E CREATIVITÀ... Dal poliziotto-scrittore Gianpaolo Trevisi il nuovo libro “Coriandoli” a cura della Redazione

Si è svolto mercoledì 14 novembre, alle 18.45 nella Sala Convegni della Gran Guardia, l’incontro “Ho un sogno. Ideali, emozioni e creatività ai tempi della rete” che, ha avuto come protagonisti lo psichiatra veronese Vittorino Andreoli e il direttore della scuola di polizia di Peschiera Gianpaolo Trevisi. L’occasione nasce dalla recente pubblicazione di “Coriandoli”- edito Gabrielli Editore - l’ultimo libro del vicequestore aggiunto Trevisi che fino a qualche giorno fa ha diretto la squadra mobile della Questura di Verona. L’iniziativa, patrocinata dal Comune di Verona, è stata presentata dall’assessore ai Servizi sociali Anna Leso; insieme all’autore Trevisi, era presente Cecilia Gabrielli della casa editrice “Gabrielli Editore”. Un incontro rivolto a tutta la cittadinanza e, in particolare, ai giovani e alle varie realtà educative, che hanno potuto confrontarsi su temi quali i sentimenti e l’utilizzo, a volte improprio e inconsapevole, dei social network quali strumenti di relazione tre le persone. Il libro “Coriandoli” è una raccolta di pensieri di Gianpaolo Trevisi che si trasformano in poesia. La prefazione è di Vittorino Andreoli. “Coriandoli” è il quarto libro di Trevisi, dopo “Fogli di via, racconti di un vicequestore” edito nel 2008, “Un treno di vita” pubblicato nel 2009 e “La casa della cose” scritto nel 2011. L’ autore, di professione, fa il Capo della Squadra Mobile presso la Questura di Verona e tramite la letteratura cerca di fare una sintesi tra pensiero,

4

KYOS 01-25_Ott_Nov_Dic_12ok.indd 4

Kyos Verona Ottobre - Novembre - Dicembre 2012

23/11/12 09:43


emozioni e lavoro. In questo piccolo libro di poesie, scritte in tappe successive della vita, Trevisi per la prima volta mette allo scoperto se stesso, gli affetti, le attese, il dolore… (“di sicuro su queste pagine bianche sono rimasto nudo, ricoperto solo di milioni di coriandoli…”), con quella particolare tonalità mista di malinconia e allegria che connota la sua umanità. Perché “Coriandoli”? Ce lo spiega con le sue parole l’autore quando dice che “i pensieri sono come coriandoli, alle volte colorati e alle volte in bianco e nero, coriandoli che piccoli e leggeri si lanciano per aria e poi si fanno trasportare dal vento sino ad arrivare giù, a terra, a coprire il grigio dell’asfalto”. Le strade che Trevisi percorre nella sua professione, insieme ai suoi colleghi, sono tante volte segnate dalla violenza e dalla morte, esperienze per le quali sicuramente serve un antidoto per non lasciarsi travolgere e continuare ad essere se stessi. Un antidoto per l’anima, quindi, di un poliziotto o di chiunque altro, alla ricerca di quell’innocenza che non si può mai dire del tutto perduta

Kyos Verona Ottobre - Novembre - Dicembre 2012

KYOS 01-25_Ott_Nov_Dic_12ok.indd 5

5

23/11/12 09:43


LA VERONA DI CELENTANO Rockeconomy ha spopolato in tivù visto da una media di nove milioni di spettatori. La città è stata presa d’assalto dai fans del Molleggiato, arrivati persino dalla Russia. di Ilaria Noro Dal palco dell’Arena, protagonisti indiscussi della prima tivù canale 5 andata in onda la prima settimana di ottobre per ben due serate di fila, non sono stati gli artisti sopra e di fronte al palco; da Gianni Morandi ad Eros Ramazzotti. Non sono stati i personaggi del calibro di Gian Antonio Stella, Sergio Rizzo. E non è stato nemmeno Lui, il Molleggiato, Adriano Celentano che pure con il suo RockEconomy, ha ammaliato l’Arena e stipato di persone la Bra. Protagonista è stata Lei; la città, il centro storico e il cuore di Verona che dalle immagini girate dall’elicottero Mediaset hanno pulsato dentro le case dei molti veronesi sintonizzati sull’evento ma, soprattutto, nei salotti di milioni di italiani incollati al piccolo schermo durante le due serate di Rockeconomy. I vicoli e le vie, gli edifici e le Chiese, Castelvecchio: in una parola Verona, la bella. Le immagini che Celentano ha regalato ai milioni di spettatori sintonizzati sulla Mediaset sono stati una cartolina splendida della città, che ha reso orgogliosi i suoi abitanti e, questo l’augurio di molti, ha invogliato schiere di potenziali turisti a far rotta verso la lunga “S” dell’Adige. “Del resto, mai nessun concerto dal vivo in prima serata tv, nemmeno delle più grandi star internazionali, ha raggiunto un tale livello di interesse e di ascolti”, : gracchiavano i vertici Mediaset l’indomani della prima diretta. entusiasmo che si è riflesso anche la serata seguente: che ha collezionato la

seconda standing ovation. Adriano Celentano e RockEconomy hanno vinto la gara dello share, facendo registrare ottime percentuali. La prima serata dell’evento, trasmesso da Canale 5 in diretta dall’Arena, è stata vista da una media di oltre nove milioni di spettatori: 9.257.000 con uno share del 29.82 per cento la prima parte; 9.159.000, pari a uno share del 30.87 per cento, la seconda. L’ultimo segmento, rafforzato dalla chiusura dei programmi che facevano concorrenza sulle altre reti, ha toccato un picco del 34 per cento. L’ascolto medio è stato di quasi 9 milioni di telespettatori, con uno share medio di quasi il 32 per cento. Canale 5 ha così messo a segno il miglior risultato di prime time degli ultimi cinque anni, considerando tutti i generi televisivi. La curva d’ascolto minuto per minuto mostra un’onda anomala che sommerge quelle di tutti i canali in chiaro e via satellite. Ci sono due sole cadute, corrispondenti agli stacchi pubblicitari e poi un crollo verticale a fine trasmissione, intorno alle 23.20. Non è un record ma lo sfiora, considerando che l’ultima apparizione di Adriano, durante la prima puntata del Festival di Sanremo, toccò il 49,55 per cento di share, con 12.700.000 spettatori: un risultato fantastico che tuttavia è relativo ad un’ora circa di spettacolo mentre qui si tratta di tutta la serata. Quello di Celentano è stato un nuovo esordio dal vivo, dove nonostante le opinioni, gli ospiti e il lungo monologo iniziale centrato sui temi della decrescita felice e dell’economia sostenibile a farla

6

KYOS 01-25_Ott_Nov_Dic_12ok.indd 6

da padrone è stata la muisca. Il ritmo di Adriano, le sue gambe snodabili, la voce calda e l’intramontabile look con il cappello a lustrini calato sulla fronte hanno incendiato il pubblico areniano più di qualsiasi “sermone”. Una ventata di leggerezza, fra parentesi ben più profonde, accolte con l’entusiasmo della gioventù da schiere di adolescenti di “una volta”, accompagnati dai loro figli, davvero adolescenti. DALLA RUSSIA CON AMORE Sorpresa nella sorpresa, l’amore per il Molleggiato che tanto fa discutere in patria, zittisce invece al Nord. Nei giorni di ottobre che hanno ospitato la Celentanomania, la città è stata letteralmente invasa dai moltissimi cittadini russi, accorsi per non perdersi l’esibizione dell’artista nostrano per lo più in una cornice suggestiva e d’eccezione quale è stata l’Arena. Molti alberghi, soprattutto i più prestigiosi, hanno registrato, anche grazie ai fans provenienti dalle rive del Moskova il tutto esaurito. Così come parecchi ristoranti, che hanno sollazzato intere compagnie di russi con pasti luculliani, innaffiati da vini prestigiosi e costosi. Una vera e propria boccata d’ossigeno dato che la clientela italiana, negli ultimi anni, è restia a lasciarsi andare puntando spesso al risparmio. In arrivo al Catullo in questi giorni molti voli privati provenienti dalla Russia (Mosca e San Pietroburgo) per i fans di Celentano: il Molleggiato in Russia è un mito e i russi per un biglietto del concerto non badano a spese e pagano qualunque cifra, anche migliaia di euro.

Kyos Verona Ottobre - Novembre - Dicembre 2012

23/11/12 09:43


gian antonio stella di Guido Benati

Tra le penne più brillanti e taglienti d’Italia, è  editorialista e inviato del Corriere della Sera; con i suoi scritti ha influenzato il dibattito ma anche il linguaggio del nostro tempo. Nel 1996 con “Schei. Dal boom alla rivolta. Il mitico Nord Est” l’esordio da scrittore, a cui seguono numerosi altri scritti che toccano tra l’altro: l’ascesa leghista, il fenomeno dell’immigrazione, l’intolleranza crescente e in generale il malcostume politico e sociale che inquina l’Italia d’oggi. Tra le sue produzioni spicca “La casta. Così i politici italiani sono diventati intoccabili” (2007), scritto a quattro mani con Sergio Rizzo, e che svetta nella classifica dei libri più venduti con 1.200.000 copie e 22 edizioni; successo che gli è valso il titolo di inventore dell’Antipolitica. “Il viaggio più lungo” è un bestseller da 150.000 copie che a distanza di anni continua a conquistare nuovi lettori. Poi è diventato uno spettacolo che ha trionfato nei teatri italiani ed è stato portato in giro nel mondo, da Berlino al Venezuela, da Parigi agli Stati Uniti. Un racconto commosso e carico di sogni, malinconie e paure, degli italiani che un tempo cercavano una vita migliore nelle Meriche. Nel libro una miniera di curiosità e notizie insolite, raccolte in un dizionario inedito, che traccia una storia degli episodi noti e meno noti della nostra emigrazione. Perché fino a trent’anni fa gli immigrati degli altri eravamo noi.

E’  un grande sostenitore del rispetto delle regole e dei ruoli, a qualunque livello, fustigatore del malcostume, nemico dei “poteri forti” del mercato e difensore delle nuove generazioni sostenendo  che “un paese che non crede nei propri giovani rischia il naufragio e la deriva”.   Di recente nel suo libro “Vandali. L’assalto alle bellezze d’Italia” (2011) denuncia con forza e passione il progressivo degrado e disinteresse generale sul patrimonio culturale del nostro Paese.   Nello scorso mese di settembre è  stato a Verona, dove ha ricevuto il prestigioso premio MASI 2012 in qualità di “giornalista investigativo, attore e narratore della bella storia”. Di sé ama affermare: …….Da tanti anni non mi pongo il problema se quello che scrivo dia fastidio o piaccia a qualcuno ….   ……Sono cimbro, vicentino, veneto, italiano, europeo, no… la padania non mi interessa.   All’ esame di maturità ho preso 4 in italiano ….perché il linguaggio era troppo giornalistico !   ….sono un ragazzo del basso piave, innamorato del luogo ……sono posti che ti stregano e ti rubano l’anima….

• Immagini tratte da internet 7

KYOS 01-25_Ott_Nov_Dic_12ok.indd 7

23/11/12 09:43


IN SCENA AL NUOVO LO SHOW DEL PREMIO 12 APOSTOLI Nonostante i suoi 35 anni suonati, il prestigioso riconoscimento letterario, nato da un’idea di Orio Vergani e portato avanti da Indro Montanelli, Enzo Biagi e Cesare Marchi, si scopre giovane e ironico. Ma senza tralasciare lo spessore culturale che da sempre lo contraddistingue. a cura della Redazione Giunto quest’anno alla 35ª edizione, forte del contributo del suo nuovo direttore artistico Paolo Valerio, direttore del Teatro Stabile di Verona, il Premio 12 Apostoli si è reinventato, ampliandosi e stipando la platea e la prima fila delle balconate del teatro Nuovo per il tradizionale incontro con i premiati che quest’anno sono stati il critico d’arte, giornalista e organizzatore di mostre, Philippe Daverio,e il vignettista del Corriere della Sera Emilio Giannelli, cui è andato il Riconoscimento all’Arte. Inoltre, l’Omaggio al Passato, la terza branca di cui si è arricchito tre anni fa il Premio, menzione simbolica ad un letterato dei secoli scorsi, che è andato ad Ezra Pound ha richiamato a Verona la figlia del poeta; Mary De Rachelwitz.   L’incontro, aperto a tutti e gratuito, dei premiati con i veronesi è da anni il cavallo di battaglia di questa manifestazione, ormai ribattezzata un “antipremio”, come spiega lo stesso presidente Alessandro Sartori: “siamo per definizione l’antipremio, ovvero un riconoscimento genuino, che non comporta soldi, nato quasi per scherzo dall’incontro di Indro Mondi Guido Benati tanelli, Enzo Biagi, Cesare Marchi su spunto di una frase datata 1937 del celebre Orio Vergani”. Pur rimanendo saldo a questa sua contestualizza-

zione, cara agli organizzatori così come ai veronesi, a cambiare quest’anno è stata la concezione stessa del pomeriggio che, abbandonato in parte il suo stile più cattedratico, è stato un incontro in equilibrio tra arte e spettacolo, ironia e cultura con momenti di grande spessore culturale, ispirati da nomi che hanno segnato e segnano la storia del giornalismo del nostro Paese. A cui, però, si sono alternati momenti divertenti e decisamente briosi; grazie anche alla bravura della giornalista Rai Monica Rubele che ha condotto la manifestazione. Rimangono indelebili e prestigiosi, invece, i nomi degli “apostoli”, i giurati del Premio, che sono saliti sul palco del Nuovo ad intervistare Daverio e Giannelli. Marzio Breda, quirinalista del Corriere della Sera, scrittore ed esperto di Ezra Pound, ha dato il là al pomeriggio iniziando un’interessante e pungente intervista con Mary De Rachewiltz che ha scelto proprio il Premio 12 Apostoli per parlare in pubblico, cosa che non fa mai volentieri e che più spesso evita. Al suo fianco personaggi del calibro di Luca Goldoni, giornalista, scrittore, acuto osservatore dei vizi e delle virtù dei suoi concittadini nonché uno dei pilastri del Premio, Stefano Lorenzetto, giornalista de Il

8

KYOS 01-25_Ott_Nov_Dic_12ok.indd 8

Giornale, Alfredo Meocci, già caporedattore Rai con una carriera a cavallo tra giornalismo e incarichi politici e imprenditoriali, Lorenzo Reggiani, storico giornalista de L’Arena e docente universitario. Assente giustificato, il giornalista Ettore Mo che una manciata di ore prima dell’appuntamento al Nuovo è dovuto volare ad Haiti per seguire la nuova crisi che attanaglia la popolazione di quel Paese. Chiuso il sipario al Nuovo, si è  aperto il secondo momento importante del Premio, che ha visto protagonista la consegna concreta del riconoscimento a Daverio e Giannelli. E cioè una scultura in bronzo nata dalla creatività di Giorgio Gioco e una penna stilografica ad edizione limitata Montblanc; azienda che dal 2000 è vicina al Premio. Nella cornice del Ristorante 12 Apostoli, a due passi da piazza Erbe, premiati e apostoli, insieme alle autorità cittadine si sono seduti attorno ad una grande tavolata, pasteggiando con il tradizionale ma innovativo menù, studiato da Antonio e Giorgio Gioco e plasmato come ogni anno sulle peculiarità dei premiati. Piatti semplici ma raffinati, insaporiti anche da una spruzzata dalle ormai famose bottiglie di vino personalizzate, nate dalla creatività di Antonio.

Kyos Verona Ottobre - Novembre - Dicembre 2012

23/11/12 09:43


PHILIPPE DAVERIO “La cultura sulle ali di una… farfalla” Il papillon è al suo posto, accomodato intorno al collo. Il gilet e la giacca, la scelta del colore delle scarpe, i pantaloni e la sua espressione inconfondibile. Ogni dettaglio di Philippe Daverio racconta qualcosa del suo personaggio. E soprattutto niente è lasciato al caso. Come la farfallina, “pratica, molto più economica da far lavare in tintoria rispetto ad una cravatta. E soprattutto un fantastico oggetto da salvare dall’estinzione”. Il giornalista e critico d’arte Philippe Daverio ha vinto quest’anno il 35° Premio 12 Apostoli Montblanc e in un teatro Nuovo stipato di veronesi ha incontrato la città, senza tralasciare qualche intelligente e provocatoria bacchettata. “Mi piace Verona, ci torno sempre volentieri”, premette. “Ma è priva di un progetto culturale. Ai veronesi sembra andare bene così: certo è, però, che se la stagione lirica non viene rinnovata presto farà addormentare anche gli elefanti dell’Aida. Questa città è il crocevia per chi vuole andare in molti paesi d’Europa ma i veronesi sembrano non accorgersi delle potenzialità del loro territorio”. Parola di uno che di arte, cultura e intrattenimento ne sa a pacchi, letteralmente. Nato in Alsazia e naturalizzato italiano, Daverio ha infatti studiato alla Bocconi specializzandosi poi sull’arte italiana del XX secolo. Ha curato e aperto gallerie d’arte non solo nella sua città ma anche a New York. Dopo una breve esperienza in politica in un paesino della brianza dove è

stato assessore, nemmeno a dirlo, alla cultura, Daverio ora è conduttore di programmi di divulgazione culturale che hanno svelato i segreti e le chiavi di lettura delle più importanti opere d’arte, restituendoli così alla collettività. La bravura e il successo di Daverio sta nel coniugare il passato al presente rendendolo attuale e interessante, attraverso la genialità del suo linguaggio forbito ma al tempo stesso immediato, interessante e comprensibile al grande pubblico. Conosciuto come storico dell’arte alla fine degli anni ’90 nelle trasmissione Art’è, è approdato nel 2000 alla conduzione di Art.tu su RaiTre. È grazie a Passepartout (sempre sul terzo canale rai, dal 2001) che Daverio viene incoronato punto di riferimento per l’intrattenimento culturale e di spessore. Il programma d’arte diventa in breve un cult italiano e non solo, con un milione di spettatori a settimana: cifre importante per una trasmissione di impianto culturale. Il successo è dato dal format vincente inventato dallo stesso Daverio, capace attraverso la serie di monografie scelte e proposte, di raccontare una storia dell’arte alternativa dove la frontiera fra arti maggiori e minori, tra storia e antropologia, viene abolita. Il suo accento particolare, l’abbigliamento estroso, colorato e impreziosito dall’immancabile papillon, ne hanno fatto un’icona televisiva rendendolo un personaggio riconosciuto e amato da giovani e meno giovani.

LE MOTIVAZIONI DEI GIURATI                                                                                                                                                                                                                 “Nei suoi saggi, articoli e trasmissioni televisive, Daverio incrocia saperi diversi (dalla storia all’economia, dall’antropologia alla filosofia, dall’architettura al design), offrendo così un nuovo e penetrante approccio alla storia dell’arte. Studioso eclettico e cosmopolita, affabulatore affascinante, con la serie “Passepartout” e “Emporio Daverio” (in onda su RaiTre) ha saputo dimostrare che la televisione di Stato può recuperare ad alto livello una perduta vocazione pedagogica

Kyos Verona Ottobre - Novembre - Dicembre 2012

KYOS 01-25_Ott_Nov_Dic_12ok.indd 9

9

23/11/12 09:43


GIANNELLI EMILIO

“L’uomo dall’inchiostro intelligente”

di Ilaria Noro

Alla tavolata in onore suo e del collega Philippe Daverio, è arrivato in ritardo. Dopo l’incontro pubblico con i veronesi al Teatro Nuovo, infatti, per Emilio Giannelli c’è stato un repentino cambio di programma. La vignetta già preparata e inoltrata al Corriere della Sera, pronta per andare in stampa, in pochi minuti è diventata carta straccia. La condanna di Berlusconi, annunciata dalle agenzie di stampa qualche minuto prima che Giannelli salisse sul palco del Nuovo gli è valsa una telefonata da parte dei direttori e capi servizio del quotidiano. È così, tra un appuntamento in riva all’Adige e l’altro, il celebre vignettista del Corriere della Sera è tornato nella sua camera d’albergo e impugnata la matita, ha dato vita ad un altro disegno ironico, profondo, intelligente e dal suo tratto inconfondibile. “Ogni volta che preparo una vignetta in anticipo, è quasi sempre tempo perso perché mi tocca di buttarla e farne un’altra. È matematico”, racconta Giannelli che dal rigido mondo dei numeri e delle leggi della finanza è riuscito a conquistare anche l’orizzonte creativo dell’arte della satira. Prima che vignettista, infatti, Giannelli è avvocato, dirigente in pensione del Monte dei Paschi di Siena, cittadina dove abita e dove ama stare al riparo dai riflettori e dai grandi salotti metropolitani.

Ora che Berlusconi sta uscendo dalla scena politica principale, . “Morto un Berlusconi se ne fa un altro. A differenza di quanto si crede, però, il mio cavallo di battaglia è sempre stato Andreotti”, spiega la penna graffiante, divertente e ironica che spiega ogni mattina in pochi centimetri quadrati, con intelligenza, sapienza e un’adeguata dose di pepe, i fatti del mondo facendo sorridere e riflettere milioni di lettori. Conteso da giornalisti e direttori dei maggiori giornali nazionali, all’epoca anche dal giornalista italiano per antonomasia Indro Montanelli, e dopo aver collaborato per circa un decennio con Repubblica, prestando il suo tratto inconfondibile anche ad alcuni periodici tra cui Epoca, L’Espresso e Panorama, è approdato sulla prima pagina del Corriere della Sera nel 1991. “Le caricature sono sempre state la mia passione, oltre che una valvola di sfogo. Servono a farmi vivere meglio anche l”altro” mio lavoro, che è poi il principale. Fare schizzi sui fogli, caricaturare le persone è per me come una valvola di sfogo. È stato così anche alla maturità, preso dall’ansia per il compito di italiano presi a disegnare la presidente della commissione esaminatrice in mille modi non sapendo che bisognava consegnare anche la brutta copia. A quei tempi, gli insegnanti erano ancora vecchio stampo

10

KYOS 01-25_Ott_Nov_Dic_12ok.indd 10

e vissi dieci giorni con il terrore dell’orale, quando avrei incontrato la professoressa faccia a faccia”, ha ricordato Giannelli. Anche in quel caso, però, la sua proverbiale ironia l’ha tolto dal pasticcio. “Questa era la brutta, è che non ho avuto il tempo di copiarla in bella”; spiegò infatti in commissione. Il “Riconoscimento all’Arte”, è un premio parallelo al tradizionale Premio 12 Apostoli che ha l’obbiettivo di dare risalto all’arte in ogni sua forma ed espressione, dalla musica alla pittura, dalla scultura alla fotografia, al cinema, ed è giunto quest’anno alla sua quarta edizione. Il “Riconoscimento all’Arte”, era andato nelle scorse edizioni a Giovanni Allevi, Riccardo Cocciante, Milo Manara ed Ermanno Olmi.     LE MOTIVAZIONI DEI GIURATI “Prima che far ridere una vignetta deve far pensare”: ecco il comandamento che ha sempre guidato il lavoro di Giannelli sui diversi quotidiani e periodici e, dal 1999, in esclusiva sulla prima pagina del Corriere. Con il linguaggio del paradosso, dell’ironia, della caricatura, i suoi disegni satirici (raccolti in numerosi volumi) alzano il velo sul lato oscuro del potere, confermandosi molto spesso più efficaci di un editoriale”.

Kyos Verona Ottobre - Novembre - Dicembre 2012

23/11/12 09:44

KYO


03 (C ON

LE - D. L. 35 3/ 20

G IU G N O

Ago_12

1

- SP ED IZI

A - PO STE

KYOS VERONA

GR AT UIT

ZIO NE N. 56 - DI STR IBU RE 20 12

nte in de

Storie

KY OS

MUSICA

ARTE

TEATRO

re da compila NAMENTO

SPETTA COLO

DESIG N

llo

in stampate

SPORT

K+ TEMPO

LIBERO

iative ento o per iniz e dell’abbonam per la gestion ee Printedita Srl are, modificar ti e trattati da sult izza con util cui o tra tti, niti sarann are i relativi diri ali da me for mento esercit I dati per son mo si e. lsia ). nal qua azio rò in 24 Negrar (Vr di carattere red del D.Leg. 196/03 io pot ncia 7/b 370 t. 7 ita Srl via Fra Ai sensi dell’Ar do a Printed i dati, scriven cancellare i mie Firma

A DI ABBO

ndo na contribue CARTOLIN no Kyos Vero an un r pe ere a casa ,00 Euro desidero ricev izione con la cifra di 20 sped contribuendo alle spese di per un anno na ro Ve os Ky 0 Euro to a cifra di 20,0 l’abbonamen izione con la ed sp di e es alle sp

SI Regalo I MIEI DATI

Nome Indirizzo Città e Codice Fiscal Partita IVA e ail Indirizzo em R

REGALO PE

Nome Indirizzo Città e Codice Fiscal Partita IVA o ail Indirizzo em

Cognome

crescita

di decr escita Maurizi o Pallan te Fabio Sa lviato Banca Etica Sonohra

VE RO NA

.indd

2012

TO - SE TTE MB

felceme

- LU GL IO iu_Lug_

GI UG NO

COP__G

EMBRE

- AG OS

oldi.or g

KYOS

O-SETT

NE S.P .A .

ie

La specu la regolame zione finanziaria co n Noi siam tazione dei merc ntinua a lavorare o chiama ati. a pieno ri ti a “strin Hai mai p tmo. Le lo ge e bby blocc Siamo no nsato a chi for nis re la cinghia” e a ano ogni i: sottosc d accetta c e tentativo la m a riviamo p teria prim re Sono i no di ta g li al w rod aa stri soldi, possiamo otti bancari, depo l sistema finanzia elfare e ai diritti. s rio it chiedere Par tecip traspare iamo i nostri rispa ? a su w w nza, pos siamo ag rmi, investiamo in w.nonco ire. titoli e fon nimieis di.

-AGOST

ITA LIA

GIUGNO

- LUGLI

Diventa Delle t protagonista ue scel te fina nziar

- L U G L IO

ON E IN AB BO

ME NT O

PO STA

O- AGO STO - SE TTEMBR E 20 NA

12

V. IN L. 27 /0 2/

20 04 N° 46 ) AR T. 1, CO MM

A 1, CN S VE RO NA

- PR EZ ZO

A CO PIA

Publistam pa Arti

€ 2,0

grafiche |

gennaio 201 2

giocano finanza alla con il r casinò Dei citt isparmio aDini?

PERSO NAGG

I

CULTU

RA

CUCIN

A

VIAGG

I

AUTO

NATU

RA

14/06/12

15:19

C .A.P.

Provincia

Cognome

C .A.P.

Provincia

94503968 11700 0000 corrente. 0094503968 H 07601 postale n. 00 r (Vr) nto te co 66 en l rr IT de co o o N nt er egra IBA ndo il num bonifico sul co 7/b, 37024 N — COD. Pago tramite intedita Sr l - via Francia 1 — C AB 11700 llettino postale indicate cartolina. bo Pr en 60 a es 07 o pr ite at la st BI am tr A te do in Posta — to anche ttuato allegan l 045 810 12 c/o Banco effettuare il pagamenevuta del pagamento effe INTEDITA - Te one presso PR zi da re la È possibile fax, email o posta la ric re ento, contatta Inviare tramite dell’abbonam di pagamento ità al od m tre al ioni relative ad osverona@printedita.com Per informaz ky 600 05 31 5 04 x Fa 04

KYOS 11 KYOS 01-25_Ott_Nov_Dic_12ok.indd COP_giugno_10.indd 1

23/11/12 09:44


UN PROGETTO GIOVANE PER USCIRE DALLA CRISI Un’idea per promuove la nascita di imprese e progetti innovativi? “The collective”, uno spazio condiviso dove più professionisti indipendenti possono operare, con l’opportunità di avviare collaborazioni o anche semplicemente di scambiarsi esperienze e contatti. di Alice Russo

Francesco Adami

I giovani e la crisi. Come stanno reagendo? Abbiamo intervistato Alessandro Ditecco e Francesco Adami, due giovani che hanno creato “The collective”, un luogo dedicato ad aziende e liberi professionisti del settore creativo e digitale.

Alessandro ha studiato lettere, senza però laurearsi: ha quindi iniziato a lavorare per diversi anni nell’advertising come copywriter, anche se quello che lo appassionava davvero era il lato visivo della comunicazione. Per questo ha lasciato tutto per reinventarsi di una Guido Benati in nuova professione in cui avrebbe potuto unire le sue due passioni: design e informatica.

Francesco appartiene invece alla primissima generazione dei nativi digitali grazie a suo padre che ha lavorato “una vita” in IBM. Laureato in architettura al Politecnico di Milano, con questo progetto ha potuto coltivare la sua passione per tutto ciò che riguarda il mondo dell’informatica. Come avete iniziato? Quali sono stati i vostri primi passi? C’è un arco di venti mesi tra l’idea iniziale e l’apertura al pubblico di The Collective; un lungo periodo durante il quale il progetto è stato affinato, ripensato, proposto a diverse persone, temporaneamente accantonato e quindi ripreso, per arrivare infine, intorno agli ultimi mesi del 2011, alla costituzione del team di lavoro che l’avrebbe portato a compimento.

12

KYOS 01-25_Ott_Nov_Dic_12ok.indd 12

• Foto fornite da “The collective”

Kyos Verona Ottobre - Novembre - Dicembre 2012

23/11/12 09:44


I primi passi sono stati la ricerca di sponsor e risorse economiche per finanziare il progetto, e naturalmente la ricerca di uno spazio. Queste prime due fasi si sono concluse intorno a febbraio 2012. Quali sono i clienti abituali che frequentano the Collective? The Collective si rivolge ai professionisti della creatività e del digitale: gli utilizzatori del nostro spazio appartengono alle tante e varie professioni che fanno capo all’industria creativa o web & mobile. Abbiamo scelto di limitare l’accesso solo ad alcuni settori perché riteniamo che persone dello stesso ambito o di ambiti complementari abbiano una maggior probabilità di instaurare proficue relazioni professionali: conoscono le stesse tematiche, parlano la stessa lingua. Pensate che questa iniziativa possa essere una buona soluzione per far fronte a questo periodo di crisi? Il coworking può essere senz’altro una risposta alla crisi, per almeno due motivi: dà la possibilità di avere un ufficio a un costo molto accessibile; e dà l’opportunità di far crescere il proprio business grazie allo scambio quotidiano di esperienze, risorse, contatti tra persone diverse. I freelance sono abituati a lavorare in isolamento, custodendo gelosamente le proprie conoscenze; il coworking al contrario invita all’abbattimento di ogni barriera in favore della condivisione. E la condivisione porta alla crescita, personale e professionale. A questo proposito vogliamo chiarire un punto che è spesso fonte di frain-

• Alessandro Tidecco

tendimenti: i membri di un coworking non sono mai obbligati a collaborare tra loro o stringere legami formali/societari di alcun tipo: ognuno può benissimo lavorare in autonomia e utilizzare lo spazio come un mero ufficio a tempo. Ci penserà poi la magia del coworking a fare il resto: mettere in comune lo spazio di lavoro è solo l’inizio, spesso si cerca solo un ufficio condiviso e si finisce per trovare nuovi partner o collaboratori per la propria attività! Secondo voi, i giovani con le loro idee innovative, potrebbero contribuire a una ripresa generale? I giovani e le loro idee sono una risorsa dal valore inestimabile, e malgrado la congiuntura economica particolarmente sfavorevole di questi ultimi tempi bisogna ammettere che per chi intende fare impresa oggi esistono opportunità attivate sia dal pubblico che dal privato impensabili fino a qualche anno fa. Per questo il consiglio che ci sentiamo di dare è, riprendendo il pensiero di Steve Jobs: “Siate autori del vostro futuro. Il vostro tempo è limitato, non usatelo per compiacere le aspettative di qualcun altro. Abbiate il coraggio di realizzare i vostri sogni e di seguire le vostre passioni. E ricordate che è proprio nei momenti di maggiore crisi come quello che stiamo vivendo che si creano le premesse per il cambiamento”. Avete in mente qualche progetto per il futuro? In questi primi mesi di attività abbiamo osservato attentamente il mercato, raccolto feedback dalla community, e apportato continui miglioramenti ai nostri servizi. Oggi crediamo di aver raggiunto una maggiore maturità e ci sentiamo pronti al passo successivo. Con l’esperienza accumulata e con alcune nuove risorse che abbiamo a disposizione, per il vicino futuro c’è in programma un progetto di espansione.Tornate da noi tra qualche mese e saremo felici di raccontarvi tutto a riguardo..

Kyos Verona Ottobre - Novembre - Dicembre 2012

KYOS 01-25_Ott_Nov_Dic_12ok.indd 13

13

23/11/12 09:44


LA FESTA È SERVITA... KYOS VERONA

editoriale

SOTTO IL CAVALCAVIA Il grigio della città metropolitana si colora e prende vita con la giovane creatività di A.g.i.l.e. di Ilaria Noro

Un po’ di pulizia, una mano di vernice colorata, un’illuminazione adeguata e il cemento freddo e inospitale degli scorci metropolitani, ormai tanto frequente appena fuori l’ansa dell’Adige, perde quella patina di freddo squallore per trasformarsi nella location ideale per una serata di musica, per fare sport, organizzare attività  ricreative, mostre e addirittura conferenze. Con pochi gesti, tanta buona volontà e l’idea giusta, insomma, si può facilmente trasformare uno spazio vuoto e degradato in un angolo di città  accogliente e di nuovo vivo, riconsegnandolo di fatto ai suoi abitanti. Ne sono convinti i giovani professionisti che hanno fondato l’associazione Agile, Arte/Giovani/Impresa/ Lavoro/Etc e che stanno mappando in modo capillare tutte le aree pubbliche dismesse e inutilizzate. Si tratta dei punti morti, e spesso problematici quanto a degrado, sporcizia e cattive frequentazioni, che si contano a decine in città, in particolare nella prima periferia del centro, cui i ragazzi di Agile intendono donare  nuova vita attraverso il progetto “Dietro l’angolo: riuso di spazi in disuso”. “Il nostro obiettivo è  l’utilizzo temporaneo di alcuni spazi in disuso nell’area urbana per la realizzazione di eventi di promozione dell’arte, della creatività e della capacità d’impresa veronese”, spiega Michele De Mori di Agile. Il progetto si articola in varie fasi. Partendo dalla mappatura capillare delle aree abbandonate e dal relativo studio dell’identità di quartiere si arriva 14

KYOS 01-25_Ott_Nov_Dic_12ok.indd 14

a coinvolgere attivamente le realtà che gravitano attorno all’area; dagli enti alle scuole alle attività commerciali. “Si identifica così l’evento e la funzione che potrebbe assumere lo spazio e si organizza”, spiega De Mori. I giovani di Agile hanno già  testato questo modus operandi a fine estate, organizzando un evento proprio sotto il cavalcavia di viale Piave, dove sono riusciti ad organizzare una mostra internazionale in cui hanno ospitato i progetti architettonici sul futuro di Verona Sud realizzati da architetti e professionisti stranieri, per lo più spagnoli. Tra questi l’idea, che a molti è sembrata bizzarra, di collegare direttamente la zona al centro città tramite una sorta di bidonvia; sulla falsa riga di quella che “sorvola”  la parte del porto di Barcellona. “Si tratta di idee di riqualificazione di questa parte della città  molto belle e significative proprio perché, per quanto difficilmente realizzabili, regalano un punto di vista interessante di come altre persone con altra quotidianità  e inserite in un contesto sociale, politico e culturale differente, leggono e interpretano le esigenze della nostra città”, spiegano i giovani di Agile che per allestire il tutto sotto il cavalcavia, con tanto di festa con musica serale, hanno lavorato un paio di giorni per ripulire la zona da cartacce e altra sporcizia; hanno pitturato di verde brillante uno dei piloni grigi che sorreggono la strada che porta alla Fiera, hanno illuminato la zona e “oplà, il <gioco> è  presto fatto”. L’evento,

Kyos Verona Ottobre - Novembre - Dicembre 2012

23/11/12 09:44


che ha avuto il patrocinio del Comune ed è stato seguito anche dal sindaco Flavio Tosi, dal vicesindaco Vito Giacino e dal presidente della quinta circoscrizione Fabio Venturi, ha riscosso un ottimo successo di presenze: giovani e non solo che, almeno per una giornata, si sono riappropriati di quello scorcio di città  che di solito si vede solo sfrecciando in auto, diretti al lavoro o di ritorno a casa. Al momento, “Dietro l’angolo”  è  ancora alla fase uno, quella della mappatura. Ma ora che i giovani di Agile hanno già dimostrato sul campo, anzi sotto il cavalcavia, che il progetto più  che una buona idea è un’ottima occasione di incontro facilmente realizzabile, procederanno spediti. E a basso costo. Oltre al cavalcavia, altri spazi già identificati da Agile sono i giardini dietro via Pallone, a cavallo con via del Pontiere, e il sottopasso perdonale di Porta Vescovo, in Borgo Venezia. In questo periodo di sfide dure, dal lavoro che manca alla crisi incalzante, ancora una volta sono dunque i giovani e inventare e a reinventarsi non solo il proprio futuro ma anche quello della città. Senza troppo appoggiarsi a terzi e, soprattutto, al pubblico (il contributo richiesto al Comune, oltre ai necessari permessi si riduce a ben poco; “una cifra più che altro simbolica”, spiegano i ragazzi), il loro obiettivo è dunque quello di colonizzare un angolo abbandonato della città per restituirgli non solo nuova vita ma anche un nuovo ruolo. E così le zone meno frequentate, che di solito sono anche le più buie, sporche e degradate in cui, se possibile, si evita anche di passare a piedi soprattutto nelle ore serali e notturne, diventano invece meta pensata e voluta. “Siamo convinti che queste iniziative, più che altre iniziative come le telecamere o il presidio di queste zone a rischio da parte delle forze dell’ordine, possano effettivamente rendere sicure e riconsegnare un ruolo attivo a queste zone svuotate”, spiegano ad Agile.

• Alcuni scorci metropolitani Kyos Verona Ottobre - Novembre - Dicembre 2012

KYOS 01-25_Ott_Nov_Dic_12ok.indd 15

15

23/11/12 09:44


Erano il crocevia del commercio dove venivano smistati i prodotti, per lo più ortofrutticoli, provenienti da tutto il Paese e dirottati in gran parte del Nord Europa. Sono stati per anni il centro dello spaccio, del degrado. Ora, potrebbero diventare un polo culturale e professionale di primo piano per la città; ospitando le sedi degli ordini professionali cittadini, un auditorium, uffici e locali. Si tratta dell’area e degli edifici degli ex Magazzini generali. Costruiti a partire dal 1927, a cavallo fra il quartiere fieristico e quello di Santa Teresa, affacciati su viale Piave, l’ampio piazzale e la quindicina di edifici tra uffici, siti logistici, celle frigorifere e silos, rappresentano un capitolo importante nell’assetto urbano veronese e hanno tante facce e molte storie. Alcune belle e maestose, che nonostante gli anni che hanno arrugginito i ferri e intaccato le strutture, sono ancora imponenti e lasciano facilmente intuire il glorioso passato. Altre tristi e logore, impregnate della sporcizia e del degrado cui sono state relegate per quasi trent’anni, nascoste alla vista dall’alto muro di cinta in cemento armato che ha contribuito dagli anni ’80 in poi a trasformare l’area in un ghetto: una zona franca della legalità, considerata off limit. Il passato, il presente e i molti progetti sul futuro degli ex Magazzini generali sono oggetti di studio del gruppo M28, un team di lavoro formato da storici,

16

KYOS 01-25_Ott_Nov_Dic_12ok.indd 16

architetti e ingegneri, e responsabile di progettazione e direzione lavori per la trasformazione dei magazzini 15, 16 e 17: la punta più a nord dell’immensa area di proprietà  della fondazione Cariverona. Le idee su come utilizzare questa zona di città  sono molte ma quella che sembra ormai aver fatto breccia definitivamente vuole creare qui la nuova cittadella delle professioni e un polo culturale all’avanguardia. Potrebbe esserci spazio anche per locali notturni, per decentrare in questa zona parte della movida che fa rotta in centro storico, idea questa cara al presidente della quinta circoscrizione Fabio Venturi. Ma fonti ben informate riportano della volontà della Cariverona di ospitare solo attività  diurne, che alle 20 chiudano i battenti. Questo il futuro prossimo, in fase di definizione. Il presente, invece, vede al lavoro nei magazzini 15, 16, 17 il team di professionisti M28, formato da architetti, ingegneri e storici. Un gruppo eterogeneo, incaricato dalla fondazione Cariveron, il cui obiettivo è di ricostruire nel dettaglio ogni singolo frammento di storia passata da quegli edifici per riprogettare consapevolmente gli spazi. “In modo tale da innovare e rinnovare ma senza perdere di vista le origini storiche, economiche, commerciali per cui sono nati. Per questo, il nostro lavoro è di una documentazione capillare di ogni singolo aspetto e fatto

Kyos Verona Ottobre - Novembre - Dicembre 2012

23/11/12 09:44


AGLI EX MAGAZZINI GENERALI IL FUTURO GIOVANE DI M28 Un team di professionisti, tra cui storici ed esperti in Beni culturali, sta ridisegnando il profilo di questa parte di città per anni in mano al degrado di Ilaria Noro

che abbia interessato gli ex magazzini”, spiega Erika Bossum, degli storici di M28, professionisti che fanno capo all’Università di Verona. “Lavorare in team con professionalità tanto differenti è una sfida che si traduce in una convivenza non sempre facile. Ma sicuramente stimolante e dunque positiva”, aggiunge Bossum. Del resto, l’area che sono chiamati a riqualificare riveste un’importanza particolare per la città. Una volta oltrepassato il cancello, rimane ben poco del luogo buio e tetro stampato nell’immaginario collettivo dalle cronache che così spesso raccontavano di spaccio, prostituzione, corpi consumati dalla droga e ritrovati senza vita proprio in quegli stessi spazi dalle forze dell’ordine, non di rado con la siringa ancora piantata nel braccio. E anzi, le spiegazioni degli esperti di M28 rendono invece più facile ricostruire mentalmente l’attività frenetica che ha interessato quella parte di città dagli anni ’30 fino ai primissimi anni ’80. Dal portone principale, distante qualche centinaio di metri ma proprio di fronte alla Porta Nuova del Sanmicheli, entravano ogni giorno decine di treni. Ai magazzini lavoravano centinaia di persone; impiegati, operai, macchinisti. Qui, venivano stipati, conservati e ridistribuiti quintali di prodotti, per lo più i frutti della terra, ma anche carne e cereali. E veniva prodotto, conservato e venduto anche il ghiaccio, quando ancora il frigorifero era ben diverso

dall’elettrodomestico presente oggi in ogni casa. Progettati e costruiti per la maggior parte dall’ingenger Pio Beccherle, la stessa mente che delineò linee ed edifici dell’Ospedale maggiore civile di Borgo Trento, i magazzini erano diretti da un ente autonomo ma compartecipato anche da Comune e Provincia, oltre che retto dalla Cassa di risparmio. Ed erano un esempio di efficienza, tecnologicamente tra i più avanzati d’Europa, complice soprattutto la Stazione frigorifera al padiglione 10: la struttura circolare sovrastata dalla grande cupola che ancora oggi troneggia l’intera area.

Kyos Verona Ottobre - Novembre - Dicembre 2012

KYOS 01-25_Ott_Nov_Dic_12ok.indd 17

I magazzini passarono indenni, o quasi, l’assalto delle decine e decine di ordigni che fino al ’45 bersagliarono l’area, a due passi dalla stazione. A far morire il nodo commerciale non sono state le bombe e, anzi, negli anni ’60 l’attività conobbe nuova linfa. Ma quello che non fece la Seconda guerra mondiale lo attuò il progresso. L’area, circondata da altre industrie, costruzioni, aree residenziali, non aveva più possibilità di espandersi. Inoltre, le merci iniziarono gradualmente a viaggiare su gomma, abbandonando la strada ferrata. E dunque quella non era più una posizione strategica. L’attività ha traslocato al Quadrante Europa, dove prosegue tutt’ora. E gli ormai ex magazzini generali sono caduti nell’oblio fino a qualche anno fa quando una parte dell’area è  stata riconsegnata alla città: si tratta del padiglione 22, ora in comodato d’uso all’associazione culturale indipendente Interzona. Il grande progetto complessivo di riqualificazione dell’area, che ha animato per decenni il dibattito politico cittadino, è però  in fase di definizione ed è inserito nel più ampio piano di rinnovamento di Verona Sud, con tanto di nuove infrastrutture.

17

23/11/12 09:44


KYOS VERONA

UNA PASSIONE CHE VIENE DAL CUORE Valeria Ferrari, cresciuta sul tatami del Judo Valpolicella, pratica judo dall’età di quattro anni. Lo scorso anno ha vinto gli italiani Under 20 e i campionati italiani assoluti nei 78 kg. Ora si allena a Roma nel gruppo sportivo delle Fiamme Gialle. di Alice Russo

• Foto fornite da Judo Valpolicellla

Valeria, è vero che hai iniziato a praticare judo da piccolissima? Come mai hai scelto questo sport? La mia vita nel mondo del judo è iniziata molto presto: ho iniziato a frequentare i corsi all’età di quattro anni insieme a mia sorella più grande in una palestra vicino a scuola. Ho deciso di provare questo sport perché avevo una maestra di ginnastica che lo praticava. La passione è nata subito, mi sono innamorata del judo mentre lo praticavo. Si tratta di uno sport molto duro, per questo se non ti nasce dentro è difficile andare avanti.

ni assoluti, sempre 78 kg, mentre agli europei mi sono piazzata settima.

per mia grande gioia. Che scuola hai frequentato? Come hai fatto a conciliare lo sport allo studio? Ho frequentato il liceo socio-psico-pedagogico Carlo Montanari. Devo ammettere che è stata dura conciliare tutto, ma allo stesso tempo sono stata aiutata dagli insegnanti e dal preside dell’istituto: per questo vorrei ringraziare tutti, senza il loro aiuto non sarei mai riuscita a combinare i successi sportivi con quelli scolastici, considerate le numerose assenze!

Quali sono i prossimi impegni ufficiali che dovrai affrontare? I prossimi impegni sono i campionati italiani Under 23 e se tutto va bene i campionati europei. ...In bocca al lupo Valeria!

Adesso a che livello pratichi judo? Adesso vivo a Roma nella caserma di Ostia, e in pratica il judo è diventato il mio sport-passione-lavoro a tempo pieno. Ho cambiato allenatore anche se sono sempre in contatto con il mio vecchio allenatore. Ora ho la fortuna di poter dedicare tutto il giorno all’allenamento, sei giorni su sette. Prima, con la scuola, facevo fatica a conciliare tutto e mi allenavo meno.

Come è poi proseguito il tuo percorso? A undici anni ho deciso di cambiare palestra, perché la voglia di affrontare più gare mi ha spinta a voler iniziare a praticare questo sport a livello agonistico. Sono quindi entrata a far parte del judo Valpolicella, sotto la guida di Pietro De Luca. Da quel momento in poi ho iniziato a gareggiare seriamente, e sono arrivati i primi risultati finché lo scorso anno sono stata chiamata nel gruppo sportivo delle fiamme gialle

Quali sono stati i tuoi migliori successi fino ad ora? Nel 2009 ho vinto italiani, europei e mondiali Under 17 e sono arrivata seconda agli “Eyof ”, ovvero alle olimpiadi della gioventù europea. Nel 2010 mi sono dovuta operare al crociato e sono stata un anno ferma: per questo infortunio ho dovuto rinunciare alle olimpiadi giovanili di Singapore. L’anno scorso ho vinto gli italiani Under 20 e i campionati italiani assoluti nei 78 kg. Quest’anno sono arrivata terza agli italiani Under 20 e seconda nei campionati italia18

KYOS 01-25_Ott_Nov_Dic_12ok.indd 18

Kyos Verona Ottobre - Novembre - Dicembre 2012

23/11/12 09:45


• Foto fornite da Slaven Pecirep

KYOS VERONA

EMMA, RAGAZZA D’ORO Karate: una passione di famiglia che ha portato Emma Pecirep sul tetto del mondo di Alice Russo

Giovane e donna, Emma Pecirep, negrarese di adozione, negli ultimi anni ha ottenuto numerosi successi nel mondo del karate. Emma è nata il 14 novembre del 1993, figlia d’arte, suo padre e suo fratello le hanno trasmesso l’amore per questo sport. Kyos l’ha incontrata per farsi raccontare la sua storia. Quando è inziata questa passione che ti accompagna fin dall’infanzia? Chi te l’ha trasmessa? Già all’età di cinque anni ho iniziato a intraprendere il mio percorso nel settore sportivo. Mio padre Marijan è maestro di karate, quindi ho iniziato a praticare questo sport fin da piccolissima. Naturalmente poi sono stata ispirata e condizionata anche da mio fratello Slaven, ogni volta che vedevo un suo allenamento la passione in me cresceva. Si tratta quindi di una passione tramandata... Ovviamente l’imput l’ho ricevuto dalla mia famiglia, ma devo ammettere che lo stimolo in me è cresciuto con il passare del tempo, perchè quando ho inziato a vincere delle gare ho capito che non mi sarei mai accontentata dei traguardi raggiunti, ma che avrei voluto ottenerne sempre di nuovi. Le cinquantacinque medaglie che ho conquistato e i dieci

trofei che ho vinto mi danno ogni giorno una grande soddisfazione, e mi infondono la forza di affrontare qualsiasi difficoltà. Devo però aggiungere che i risultati sono importanti in una carriera agonistica, ma niente vale di più dello sport in sè; il karate ti aiuta a migliorare le capacità psico motorie, ma è di aiuto anche da un punto di vista psicologico, rafforza il tuo carattere, e ti da la forza di affrontare gli ostacoli della vita. Hai citato numerosi tuoi trionfi, quali sono stati i più importanti? In una carriera agonistica i risultati sono tutti molto importanti, direi che i più significativi sono i due ori, i due argenti e il bronzo che ho conquistato al “Trofeo del mondo”. Sono comunque tanti i podi nazionali e internazionali che ho ottenuto, e li ritengo tutti molto significativi. Grazie al mio ultimo risultato nazionale a Roma ho ottenuto il secondo dan di cintura nera. Quali sono i prossimi impegni ufficiali che dovrai affrontare? Adesso mi sto preparando per una gara molto importante che vi svolgerà a Napoli a metà dicembre,

Kyos Verona Ottobre - Novembre - Dicembre 2012

KYOS 01-25_Ott_Nov_Dic_12ok.indd 19

devo ringraziare Francesco Giacomello, Diana Marchesini e ovviamente mio fratello e mio padre: tutti gli atleti della mia palestra in qualche modo hanno il merito di aiutarmi a preparare al meglio le gare che devo affrontare. Questa tua passione ti impegna molto? Quante volti ti alleni a settimana? Nel periodo di gare ci alleniamo molto, anche due volte al giorno. Sono al primo anno della facoltà di giurisprudenza, quindi devo stare ben attenta a organizzare sport e studio. Oltretutto almeno due volte a settimana curo l’altra mia grande passione: il cavallo. Quali sono gli obbiettivi che ti sei posta per il futuro? Vorrei sfondare ancora nel mondo dello sport, ovvero vincere quanto posso e comunque allenarmi finchè sara possibile perchè il karate ti fa vivere meglio e ti fa sentire sempre giovane e scattante: basta vedere mio papà campione europeo master! Inoltre spero di fare carriera e finire la facoltà di giurisprudenza a Verona e magari, perche no, diventare un buon avvocato.

19

23/11/12 09:45


LA NUOVA AVVENTURA DELLE RAGAZZE DEL VERONA CALCIO Al via la nuova stagione di calcio femminile: le ragazze del Verona Calcio partono con grandi ambizioni. Quest’anno con un sogno in più: l’avventura in Champions è iniziata nei migliori dei modi.. chissà.. di Alice Russo La stagione del Verona calcio femminile è ripartita! Le ragazze hanno potuto riabbracciarsi durante il ritiro agostano di San Zeno di Montagna e hanno potuto conoscere le nuove arrivate. La formazione scaligera risulta rinforzata e pronta per competere ad alti livelli, come da tradizione. Nonostante qualche infortunio di troppo a inizio stagione, la squadra ha ottenuto risultati importanti in Coppa Italia, ha conquistato punti fondamentali in campionato e si è superata nella vittoria in rimonta contro il Birmingham, nella magica notte di Champions Proprio in Europa si è vista la miglior partita delle ragazze: il match di andata era terminato a favore delle inglese, ma la squadra scaligera ha reagito nella partita di ritorno, facendo sognare i quasi 5mila del Bentegodi e passando il turno. Da segnalare una prestazione superba di Girelli, che a fine gara ha commentato l’impresa soddisfatta: “Ci siamo guardate negli occhi e ci siamo

dette che potevamo farcela! É stata una notte da sogno, tutte noi abbiamo voluto dedicare la vittoria alle nostre compagne infortunate che avrebbero voluto giocare nel loro stadio.” Ora le ragazze affronteranno le campionesse di Svezia, che lo scorso anno sono giunte fino in semifinale. La gara di ritorno si giocherà nuovamente nella splendida cornice del Bentegodi, il 7 novembre: inutile dire che servirà tutto l’affetto dei veronesi. Maria Karlsson presenta così la prossima sfida: “Loro sono una grande squadra, con molte giocatrici individualmente forti, sarà quindi un buon banco di prova per noi, ma sono fiduciosa di poter ottenere ancora di più da questa Champions League”. Tra le new entry da segnalare le laziali Tatiana Zorri e Valentina Maceri, e le venete Marta Mason e Claudia Squizzato. Altrettanto validi sono gli acquisti di Elena Maffezzoni, proveniente dal Franciacorta e di Mirella Capelloni giovane attaccante bresciana. A difendere la rete gialloblù, oltre alla confermatissima svedese Stephanie Ohrstrom, premiata come miglior portiere della passata stagione, quest’anno ci sarà Sabrina Tasselli, proveniente dal Tavagnacco. La linea difensiva vanta una delle migliori coppie del campionato: Maria Karlsson e Marina Toscano Aggio. A loro vanno aggiunte Michela Ledri, la nota più lieta del Mondiale Under 19 italiano, Veronica Belfanti fresca anche lei di convocazione azzurra, e le due nuove arrivate Claudia Squizzato ed Elena Maffezzoni. Di grande qua-

20

KYOS 01-25_Ott_Nov_Dic_12ok.indd 20

lità e quantità il centrocampo scaligero: Tatiana Zorri ha un curriculum impressionante impreziosito da 155 presenze in nazionale, Marta Carissimi, Federica Di Criscio e Carolina Pini sono le altre azzurre confermate in quel ruolo. Sulle fasce scenderanno in campo Silvia Toselli, Martina Gelmetti, Valentina Maceri e capitan Melania Gabbiadini. Davanti le giovani di qualità Martina Battocchio, Mirella Capelloni e Marta Mason, assieme alla pur sempre giovane ma con già più di 50 gol in carriera Cristiana Girelli. Attendiamo, come sempre, i tifosi allo Stadio Olivieri di via Sogare per assistere alle partite casalinghe delle gialloblù. Forza Verona!

Kyos Verona Ottobre - Novembre - Dicembre 2012

23/11/12 09:45


KYOS VERONA

Intervista a Paolo Paternoster, Presidente di Agsm, per capire come l’azienda municipalizzata sostiene gli sport veronesi. di Ilaria Noro

Come nasce l’idea di affiancare il marchio AGSM ad alcune realtá dello sport cittadino? E’ una idea che è nata lo scorso anno: sport significa salute e aggregazione, per Agsm vuol dire anche stare vicino a realtà o associazioni che possono contare su centinaia di iscritti, con ovvi riscontri positivi in termini di contatti.

Quante associazioni sportive sono coinvolte e in che modo? Agsm, a Verona e provincia, è Main sponsor di una decina di realtà sportive, professionistiche, semiprofessionistiche e dilettantistiche. Agsm supporta, oltre all’Hellas Verona, il Verona Calcio femminile, il Verona Calcio a 5 sia femminile che maschile, e altre realtà di altri spot quali rugby, basket e pallavolo.

rettamente a contattare centinaia di loro iscritti, con ovvie opportunità commerciali da parte di Agsm. In questo campo, ci sono dei progetti ai quali AGSM sta lavorando per il futuro? Qualche anticipazione? Abbiamo collaborato fattivamente con l’Uni-

versità di Verona, sponsorizzando corsi di lauree triennali sulle energie rinnovabili. Siamo inoltre partner di importanti istituti scolastici,

come il Pasoli di Verona, con il quale stiamo condividendo molti progetti. È doveroso citare “la scuola in ospedale”, che permette di far seguire a coloro che sono costretti a rimanere in ospedale per mesi le lezioni a distanza via web, grazie al supporto informatico di Agsm e agli insegnanti. Non solo sport: ci sono altre tipologie di associazioni che AGSM sponsorizza? Agsm è vicina, oltre al mondo dello sport, anche all’associazionismo; collaboriamo in modo proficuo con le circoscrizioni. Ricordo, tra l’altro, la stretta collaborazione con l’assessore al sociale di Verona per le iniziative a favore dei più bisognosi, quella con l’assessore al commercio per l’addobbo del centro storico e di alcuni quartieri con le luminarie natalizie. La nostra vicinanza al mondo della scuola, col nostro personale presente giornalmente negli istituti veronesi per parlare ai ragazzi di risparmio energetico è un’altra iniziativa molto importante. Cito inoltre i nostri sforzi per aiutare associazioni come ABEO o manifestazioni come ALL TOGHETER FOR CHILDREN, a favore dei bambini meno fortunati.

Qual’é il valore aggiunto che le realtá sportive sostenute da AGSM possono dare all’azienda? Come già detto, le associazioni sportive importanti, come l’Hellas, ci danno ampia visibilità mediatica, mentre quelle minori ci portano di-

Kyos Verona Ottobre - Novembre - Dicembre 2012

KYOS 01-25_Ott_Nov_Dic_12ok.indd 21

21

23/11/12 09:45


KYOS VERONA

Scholosshotel Velden sssss

22

KYOS 01-25_Ott_Nov_Dic_12ok.indd 22

Kyos Verona Ottobre - Novembre - Dicembre 2012

23/11/12 09:45


KYOS VERONA

appuntamenti

Amici della Musica Verona

Cena con delitto

18 e 27 novembre e 7 dicembre

23 novembre

Un calendario ricco di veri e propri eventi, che si differenziano per interpreti, genere, storia e strumenti, caratterizzerà la 103a Stagione concertistica degli Amici della Musica di Verona.

Singolare cena durante la quale i commensali verranno coinvolti nell’investigazione di un misterioso omicidio nel suggestivo Castello di Bevilacqua.

Teatro Ristori e Gran Guardia, Verona

Castello di Bevilacqua Verona

Per informazioni: www.castellobevilacqua.com

Per informazioni: www.amicidellamusicaverona.it

8° edizione Palio dell’Olio

Negrar a lume di candela

15 dicembre

01 dicembre

Serata conclusiva con nomina Cavaliere del Sovrano Ordine della Clava di Ercole.

Una notte in cui la luce elettrica delle vie centrale del comune verrà tenuta soffusa e saranno poste candele accese.Inizio nel tardo pomeriggio sino a notte tarda, musica, giochi, bancarelle e assaggi di prodotti tipici animeranno il centro di Negrar

Negrar, Verona

Negrar, Verona

Samsara Tour

Teatro Salieri - Musica

10 dicembre ore 21.00

8 e 27 novembre, 11 dicembre

Alice in concerto con Samsara Tour dal titolo del suo ultimo album di inediti. Il concerto fa parte della storica rassegna “Cantautori DOC”

Ha inizio la nuova stagione musicale di Teatro Salieri, quest’anno suddivisa in quattro ricchi programmi tematici. La prima parte della stagione vedrà come protagonisti musicisti d’eccellenza.

Legnago, Verona

Teatro Ristori, Verona

Per informazioni: www.teatrosalieri.it

Teatro Nuovo Miseria e Nobiltà

Montagna Cinema

11-12-13-14-15 dicembre ore 20.45 16 dicembre ore 16.00

dal 09 novembre 2012 al 1 febbraio 2013

di Eduardo Scarpetta con Geppy Gleijeses, Lello Arena e Marianella Bargilli.

Presso la Sala Polifunzionale P.zza della Comunità ore 21.00 Rassegna cinematografica dedicata alla montagna

Per informazioni: www.teatrostabileverona.it

Per informazioni: www.valpolicellaweb.it

Verona

Valgatara Marano di Valpolicella, Verona

La redazione non è responsabile di eventuali cambiamenti di date e/o programmi

Kyos Verona Ottobre - Novembre - Dicembre 2012

KYOS 01-25_Ott_Nov_Dic_12ok.indd 23

23

23/11/12 09:45


KYOS VERONA

appuntamenti

Stagione Sinfonica

Aperitivi musicali

16 e 24 dicembre

4 novembre ore 17,30

Musiche di grandi maestri e coreografie di indiscusso fascino riscalderanno le serate di tutti gli appassionati, offrendo spettacoli di grande qualità e sicuro successo nella storica location del Teatro Filarmonico.

Trio Tiepolo Maria Odorizzi (violino) Annalisa Petrella (violoncello) Laura Tringale (pianoforte)

Per informazioni: www.arena.it

Per informazioni: www.dimteatrocomunale.it

Teatro Filarmonico, Verona

Castelnuovo, Verona

Un’ora di musica - Quartetto Maffei

Terzo Concerto

16 e 17 novembre ore 20.00

16 e 17 novembre ore 20.00

Si esibiranno: Marco Fasoli, violino Filippo Neri, violino Giancarlo Bussola, viola Paola Gentilin, violoncello

Concerto per pianoforte e orchestra diretto dal M° Ola Rudner.

Per informazioni: www.arena.it

Per informazioni: www.arena.it

Piccolo teatro di Giulietta, Verona

Teatro Ristori, Verona

Quarto Concerto

Macbeth

24 e 25 novembre ore 20.00

13 dicembre ore 20.30

Concerto per violino e orchestra su musiche di Beethoven e Mozart

In scena il verdiano melodramma in quattro parti su libretto di Francesco Maria Piave , tratto da Shakespeare, diretto dall’israeliano Omer Meir Wellbner.

Per informazioni: www.arena.it

Per informazioni: www.arena.it

Teatro Filarmonico, Verona

Teatro Ristori, Verona

Così è (se vi pare)

Moscheta

Teatro Nuovo, Verona

Teatro Nuovo, Verona

dal 6 al 11 novembre ore 20.45

dal 20 al 25 novembre ore 20.45

di Luigi Pirandello con Giuliana Lojodice, Pino Micol, Luciano Virgilio

di Angelo Beolco detto Ruzante con Tullio Solenghi e Maurizio Lastrico

Per informazioni: www.teatrostabileverona.it

Per informazioni: www.teatrostabileverona.it La redazione non è responsabile di eventuali cambiamenti di date e/o programmi

24

KYOS 01-25_Ott_Nov_Dic_12ok.indd 24

Kyos Verona Ottobre - Novembre - Dicembre 2012

23/11/12 09:46


KYOS VERONA

appuntamenti

Apriti cielo

Irene Grandi e Stefano Bollani

Teatro Nuovo, Verona

Teatro Filarmonico, Verona

dal 13 al 15 novembre ore 21.00

21 novembre ore 21.00

Scritto diretto e interpretato da Ficarra e Picone

Irene Grandi, una delle più belle voci italiane e Stefano Bollani, l’eclettico e talentuoso pianista jazz, per la prima volta assieme hanno registrato un disco che unisce talento, classe, ironia e creatività

Per informazioni: www.teatrostabileverona.it

Per informazioni: www.arena.it

Castagne e Bardolino San Zeno di Montagna, Verona

Mercato contadino Peschiera del Garda, Verona

fino all’11 novembre.

1, 8, 15, 22 e 29 novembre, 6 e 13 dicembre

Da metà ottobre a metà novembre a San Zeno di Montagna sul Monte Baldo, balcone affacciato sul lago di Garda e patria del marrone di San Zeno D.O.P., la cucina autunnale delle castagne incontra il vino rosso Bardolino.

Ogni giovedì: mercato settimanale con stand alimentari, frutta e verdura, carne e salumi, pesce, vino, formaggio, miele e altro ancora.

Per informazioni: www.ristosanzeno.it

Per informazioni: www.comune.peschieradelgarda.vr.it

Cochi e Renato

Corso di archeologia

San Giovanni Lupatoto, Verona

Legnago, Verona

30 novembre ore 21.00

8, 15, 22 e 29 novembre

Eccoli qua, quelli che nel 63 senza saperlo hanno inventato il cabaret e ripropongono ancora spettacoli esilaranti.

Interessante corso di archeologia che andrà ad illustrare le origini e l’evoluzione della storia del nostro territorio dalle prime tracce risalenti al periodo  paleolitico all’epoca medioevale.

Per informazioni: www.culturalupatotina.it

Per informazioni: www.centroambientalearcheologico.it

Viaggio nella biodiversità

Academy Live Concert

Parco Natura Viva, Bussolengo

Corso Castelvecchio, Verona

3, 4, 10, 11, 17, 18,24 e 25 novembre

30 novembre

Per fare due passi nei percorsi del Parco a contatto con la natura

Rassegna di concerti live sulle ali della musica classica e lirica nella suggestiva cornice del Circolo Ufficiali in Castelvecchio. Artisti selezionati si esibiranno in queste prestigiose sale ripercorrendo le mille sfaccettature della musica classica e non solo.

Per informazioni: www.parconaturaviva.it

Per informazioni: www.accademiaedizioni.com

La redazione non è responsabile di eventuali cambiamenti di date e/o programmi

Kyos Verona Ottobre - Novembre - Dicembre 2012

KYOS 01-25_Ott_Nov_Dic_12ok.indd 25

25

23/11/12 09:46


KYOS VERONA

appuntamenti

Biagio Antonacci

Alla scoperta del Parco dell’Adige

2 novembre ore 21.30

1 novembre ore 8.30

Un evento live che si preannuncia di grande intensità e di particolare suggestione; un’atmosfera magica sulle note di uno dei più popolari cantautori italiani, per vivere una serata unica e indimenticabile.

Marcia non competitiva su tre percorsi piani di 5, 10 e 16 chilometri attraverso il polmone verde della città scaligera.

PalaOlimpia, Verona

Porto San Pancrazio, Verona

Per informazioni: www.boxofficeverona.it

Teatro acrobatico

IMonastero di San Zeno

21 novembre ore 21.00

20 ottobre e 17 novembre

Uno spettacolo sgangherato. Una discarica di uomini e cose. Un angolo poco “ordinato” del mondo per gli scarti della società.

La visita comprende l’antica torre dell’Abazia di San Zeno, la Sala del Capitolo, il Sacello di San Benedetto, parte più antica dell’Abazia, la paleocristiana chiesa di San Procolo con la suggestiva necropoli romana e medievale.

Per informazioni: www.culturalupatotina.it

Per informazioni: www.ctgverona.it

San Giovanni Lupatoto, Verona

San Zeno, Verona

Giovanni Allevi

Verona Cabaret Ridens Factory

10 novembre ore 18.00

8 e 22 novembre, 6 dicembre

A distanza di oltre due anni dall’ultimo album Alien, l’enfant terrible del pianoforte torna con un progetto sinfonico assolutamente inedito, contenente la sua prima composizione per violino e orchestra. Incontriamo Giovanni Allevi in occasione dell’uscita di Sunrise.

Il Teatro Ss. Trinità vi invita alla nuova stagione che riparte alla grande con il cabaret veronese. Capo comico sarà come sempre Cristian Calabrese accompagnato dalla bellissima e brava attrice Silvia Busuioc.

Per informazioni: www2.fnac.it

Per informazioni: www.veronacabaret.it

Fnac, Verona

Verona

Val...Polis...Cellae

Umberto Smaila al Piper

3 novembre

6, 12, 27 novembre 11 e 18 dicembre

L’Associazione Strada del Vino Valpolicella, ha lo scopo di promuovere e valorizzare il territorio di produzione del vino Valpolicella DOC e di far scoprire ai visitatori i valori naturali, culturali e ambientali, i vigneti e le cantine, i prodotti tipici, i ristoranti e le trattorie.

Umberto Smaila sarà nuovamente protagonista della notte veronese per regalarci un’altra serata spettacolare. Il grande showman saprà intrattenere i clienti del Piper con una performance briosa.

Per informazioni: www.stradadelvinovalpolicella.it

Per informazioni: info@piperverona.it

Valpolicella, Verona

Verona

La redazione non è responsabile di eventuali cambiamenti di date e/o programmi

26

KYOS 26-48_Ott_Nov_Dic_12.indd 26

Kyos Verona Ottobre - Novembre - Dicembre 2012

23/11/12 09:47


KYOS VERONA

appuntamenti

Halloween e Flash Mob a Gardaland

Omaggio a Carlo Lizzani

3 e 4 novembre

6 novembre

Di certo non c’è luogo migliore per trascorrere Halloween tra zucche, streghe volanti, scheletri, fantasmi...

Sette celebri pellicole firmate da uno dei maestri del Neorealismo italiano, Carlo Lizzani: film che hanno segnato la storia del cinema e la storia d’Italia degli ultimi sessant’ anni.

Per informazioni: www.gardaland.it

Per informazioni: www.cinemaverona.portaliweb.com

Castelnuovo del Garda, Verona

Cinema Kappadue, Verona

Jazz & More al Gran Can Pedemonte, Verona

9 novembre 4° concerto: Inside Quartet

21 dicembre 7° concerto: Stefano Benini Duo

23 novembre 5° concerto: Jacopo Jacopetti Trio

31 dicembre New Year Jazz Eve

7 dicembre 6° concerto: Exit Signs Trio Per informazioni: www.hotelgrancan.it

Giovani oggi, adulti domani

Festival del cinema Africano

5, 12, 19 e 26 novembre 3 e 10 dicembre

dal 16 al 25 novembre

Polo didattico Giorgio Zanotto, Verona

Verona

Un’ occasione di incontro, da non perdere, con il cinema e la cultura africana, con i suoi cineasti…

Per l’Anno Accademico 2012-2013, l’Università organizza un ciclo tematico di conferenze “Giovani oggi, adulti domani. Quali scenari nel mondo globalizzato?”

Per informazioni: www.univr.it foto ENNEVI

Per informazioni: www.cinemafricano.it

Sweet Salgari

Mercato dell’Antiquariato

fino al 23 novembre

dal 28 ottobre al 24 aprile 2013

La mostra esporrà le tavole originali di Sweet Salgari, Coconino Press, che metteranno in risalto il ritratto dello scrittore, quello delle sue città e della sua epoca: di Verona, dove era nato, della Torino belle epoque e dell’Italia in cui visse.

Esposizione e vendita di mobili, argenteria, libri antichi e stampe, porcellane, varia oggettistica da collezione, orologi d’epoca e molte rarità sui banchi degli oltre 100 espositori.

Piazza San Fermo, Verona

Valeggio sul Mincio, Verona

Per informazioni: www.valeggio.com

Per informazioni: www.terradisalgari.it La redazione non è responsabile di eventuali cambiamenti di date e/o programmi

Kyos Verona Ottobre - Novembre - Dicembre 2012

KYOS 26-48_Ott_Nov_Dic_12.indd 27

27

23/11/12 09:47


KYOS VERONA

appuntamenti

Veronafil

Esposizione canina

dal 23 al 25 novembre

1 e 2 dicembre

L’Associazione Filatelica Numismatica Scaligera organizza ogni anno una grande manifestazione denominata “Veronafil”, annoverata tra le massime realtà operative nel settore della filatelia, numismatica, hobbystica.

Presso i padiglioni dela Fiera di Verona si organizzerà anche quest’anno la nuova edizione dell’Esposizione Internazionale Canina. Appuntamento molto atteso da allevatori, professionisti e semplici appassionati, sarà l’occasione perfetta per assistere a numerose competizioni.

Per informazioni: www.veronafil.it

Per informazioni: www.apme.magix.net

Verona

Veronafiere, Verona

Fiercavalli

Notte al museo

dall’8 all’11 novembre

9 e 30 novembre

Fieracavalli è un’esposizione fieristica dedicata ai cavalli e all’equitazione che si svolge a Verona con cadenza annuale dal 1898 ad inizio di novembre. È considerata la più grande manifestazione equestre in Italia

Per i bambini che non hanno paura di dormire senza genitori e sono amanti delle avventure

Per informazioni: www.fieracavalli.it

Per informazioni: www.spazioaster.it

Veronafiere, Verona

Museo di storia naturale, Verona

Job & Orienta

Elettroexpo

dal 22 al 24 novembre

24 e 25 novembre

JOB&Orienta, la più importante mostraconvegno dedicata a orientamento, scuola, formazione e lavoro che si tiene alla Fiera di Verona.

Materiale radiantistico per C.B. e radioamatori; apparecchiature per telecomunicazioni; surplus; telefonia; computers; antenne e parabole per radioamatori e TV.

Per informazioni: fair.veronafiere.it/joborienta/

Per informazioni: www.elettroexpo.it

Veronafiere, Verona

Veronafiere, Verona

Mineral Show - Geo Shop

Veneto Spettacoli di Mistero

dal 7 al 9 dicembre

fino all’1 dicembre

Minerali, Fossili non italiani, Malacologia, Entomologia, Pietre preziose, semipreziose, dure e loro applicazioni, Lavorati, Attrezzature di ricerca scientifica e pubblicazioni.

Lasciatevi coinvolgere dalla magia dell’evento, ormai consolidato, che vedrà in piazze, ville, aie, teatri e aree naturali, la rivisitazione delle antiche leggende del territorio, spesso provenienti direttamente dalla tradizione orale, in una infinita teoria di fascinazione e di scoperta.

Per informazioni: www.veronamineralshow.com

Per informazioni: www.spettacolidimistero.it

Veronafiere, Verona

Verona

La redazione non è responsabile di eventuali cambiamenti di date e/o programmi

28

KYOS 26-48_Ott_Nov_Dic_12.indd 28

Kyos Verona Ottobre - Novembre - Dicembre 2012

23/11/12 09:47


KYOS VERONA

appuntamenti

Gino Paoli e Danilo Rea Teatro Salieri, Legnago

Malika Ayane Teatro Filarmonico, Verona

27 novembre

5 novembre ore 21.00

Il secondo cartellone musicale è dedicato alla Canzoni d’Italia, ossia all’ascolto di quella musica e di quelle parole che rappresentano un po’ la colonna sonora della vita di tutti, anche di coloro che prediligono altri ascolti ma che ritrovano dovunque gli echi di “canzonette” o i versi della canzone d’autore.

MALIKA AYANE torna ad esibirsi dal vivo, dal 5 novembre a Verona, con “RICREAZIONE Tour”, il live show che vedrà protagonisti, oltre ai suoi più amati successi, anche i brani dell’ultimo disco di inediti “RICREAZIONE”. Per informazioni: www.arena.it

Per informazioni: www.teatrosalieri.it

Mercato Campagna Amica a Km 0

Mercatino delle tre “A”

2, 9, 16, 23 e 30 novembre 7 e 14 dicembre

17 novembre 15 dicembre

Mercato “a km 0” con stand alimentari di frutta e verdura, vini, formaggi, e altro ancora proveniente da coltivazioni caratteristiche del territorio.

Su una delle piazze più belle di Verona si svolge un tradizionale mercatino dell’antiquariato con pezzi antichi, artigianali e da collezione.

Per informazioni: www.veronatura.it

Per informazioni: www.comune.verona.it

San Bonifacio, Verona

Mercato Km 0 di Campagna Amica

Piazza San Zeno, Verona

Mercato Km 0 di Campagna Amica

Castel d’A zzano, Verona

Lazise, Verona

2, 9, 16, 23 e 30 novembre 7 e 14 dicembre

2, 9, 16, 23 e 30 novembre 7 e 14 dicembre

Ogni venerdì ricco mercato agricolo a km 0, con vendita di prodotti agricoli direttamente dal produttore al consumatore.

Ogni venerdì ricco mercato agricolo a km 0, con vendita di prodotti agricoli direttamente dal produttore al consumatore.

Per informazioni: www.verona.coldiretti.it

Per informazioni: www.verona.coldiretti.it

Mercato a Km 0 Brenzone, Verona

Mercato Km 0 di Campagna Amica Bussolengo, Verona

1, 8, 15 22 e 29 novembre, 6 dicembre

6, 13, 20 e 27 novembre, 4 e 11 dicembre

Ricco mercato agricolo a km 0, con vendita di prodotti agricoli direttamente dal produttore al consumatore.

Ricco mercato agricolo a km 0, con vendita di prodotti agricoli direttamente dal produttore al consumatore.

Per informazioni:

Per informazioni: www.comune.brenzone.vr.it

www.verona.coldiretti.it

La redazione non è responsabile di eventuali cambiamenti di date e/o programmi

Kyos Verona Ottobre - Novembre - Dicembre 2012

KYOS 26-48_Ott_Nov_Dic_12.indd 29

29

23/11/12 09:47


KYOS VERONA

appuntamenti sport

Campionato di calcio serie A Stadio M.Bentegodi, Verona

a cura della Redazione

ChievoVerona - Fiorentina 21 ottobre ore 15,00

ChievoVerona - Siena 25 novembre ore 15,00

ChievoVerona - Pescara 31 ottobre ore 15,00

ChievoVerona - Roma 16 dicembre ore 15,00

ChievoVerona - Udinese 11 novembre ore 15,00 Per informazioni: www.chievoverona.it

Campionato di calcio serie Bwin Stadio M.Bentegodi, Verona HellasVerona - Grosseto

14 ottobre ore 15,00

HellasVerona - Lanciano

27 ottobre ore 15,00

HellasVerona - Cesena

17 novembre ore 15,00 HellasVerona - Ascoli

8 dicembre ore 15,00

HellasVerona - Sassuolo

3 novembre ore 15,00

Per informazioni: www.hellasverona.it

Calcio Seria A femminile Stadio Olivieri, Verona Verona - Fiammamonza

FOCUS

Verona - Mozzanica

27 ottobre ore 14.30

1 dicembre ore 14,30

Verona - Riviera di R.

Verona - Carpisa Napoli

15 dicembre ore 14,30

10 novembre ore 14.30 Verona - Como 2000

17 novembre ore 14.30 Per informazioni: www.cfbardolino.it

Lega Pallavolo serie A PalaOlimpia, Verona

Marmi Lanza Verona - Castellana Grotte

4 novembre ore 18,00

Marmi Lanza Verona - Banca Lanutti Cuneo

18 novembre ore 18.00

Marmi Lanza Verona - Lube Macerata

25 novembre ore 18,00

Marmi Lanza Verona - Itas Trentino

9 dicembre ore 18,00

Per informazioni: www.bluvolleyverona.it La redazione non è responsabile di eventuali cambiamenti di date e/o programmi

30

KYOS 26-48_Ott_Nov_Dic_12.indd 30

Kyos Verona Ottobre - Novembre - Dicembre 2012

23/11/12 09:47


KYOS VERONA

appuntamenti sport

Legadue Basket

PalaOlimpia, Verona Tezenis Verona - FMS Ferentino 8 dicembre ore 18,15

Tezenis Verona - Sigma Barcellona 27 ottobre ore 20,45

Tezenis Verona - Givova Scafati 15 dicembre ore 20,45

Tezenis Verona - Orlandina 3 novembre ore 20,45 Tezenis Verona - Basket Bologna 17 novembre ore 20,45

Per informazioni: www. scaligerabasket.it

Rugby - Serie A

Stadio Gavagnin - Nocini, Verona Cus Verona Rugby - Rugby Brescia SSD

28 ottobre ore 14,30

Cus Verona Rugby - Accademia Tirrenia

11 novembre ore 14,30

Cus Verona Rugby - Rubano Rugby Srl

9 dicembre 14,30

Per informazioni: www.rugbyverona.it

Rugby - Serie A

San Pietro in Cariano, Verona

FOCUS

Santamargherita - Cus Padova ASD

Santamargherita - Amatori Parma Rugby

21 ottobre ore 15.30

2 dicembre ore 14.30

Santamargherita - Autosonia Avezzano

Santamargherita -Zhermack Badia

4 novembre ore 14.30

16 dicembre ore 14.30

Per informazioni: www. valpolicellarugby.org foto ennevi

Jumping Verona

Veronafiere, Verona dall’8 all’11 novembre Jumping Verona rappresenta l’unica tappa italiana del più importante circuito indoor internazionale, la Rolex FEI World Cup e quest’anno festeggia la sua dodicesima edizione.

Per informazioni: www.fieracavalli.it La redazione non è responsabile di eventuali cambiamenti di date e/o programmi

Kyos Verona Ottobre - Novembre - Dicembre 2012

KYOS 26-48_Ott_Nov_Dic_12.indd 31

31

23/11/12 09:47


KYOS VERONA

La nuova vita di Maistri

MAISTRI INNOVATION SRL, TRA CONTINUITÀ E INNOVAZIONE Nella morsa della crisi che sta stritolando molte delle piccole e medie imprese che sono la linfa vitale del nostro tessuto economico, finalmente c’e una buona notizia. A gettare un salvagente e a traghettare in acque sicure la storica azienda veronese di cucine Maistri, che da qualche mese tempo era alla deriva nelle acque increspate della crisi, un’altra azienda veronese, specializzata in arredamenti per negozi; la Asso Spa. La Asso Spa dai primi di novembre è subentrata alla Maistri rendendo di nuovo operativi gli stabilimenti di San Pietro in Cariano e di Corrubio di Negarine. Degli oltre 60 dipendenti prima in forze all’azienda, ne sono gia’ stati reintegrati 25: circa il 35 per cento. Altri, potranno rientrare nei prossimi mesi, compatibilmente con le esigenze dettate dalla produzione. Come mostra anche il nome, il nuovo assetto imprenditoriale di Maistri Innovation Srl ruota attorno a due concetti basi che mirano a mantenere gli aspetti peculiari più importanti di ciò che Maistri Spa rappresentava nel settore, senza però tralasciare l’aspetto innovativo che ha portato la nuova gestione e che si concretizzerà nei prossimi mesi. “Nella situazione economica attuale la scelta di rilevare un’azienda e a maggior ragione la scelta di rilevare un azienda in difficoltà va fatta anche con un briciolo di pazzia; questa scelta è stata fatta in quanto è una sfida che ci appassiona e per la quale metteremo a disposizione tutte le nostre forze ed esperienze per cercare di portare questa realtà aziendale ai livelli che le competono”. A parlare sono Giovanni Venturini e Vittorio Zardini, rispettivamente presidente e vicepresidente di Asso

32

KYOS 26-48_Ott_Nov_Dic_12.indd 32

Spa, l’azienda veronese specializzata in arredamenti per negozi e radicata in Valpolicella, che ha deciso di subentrare a Maistri Spa, ora in concordato volontario in Tribunale e sostanzialmente ferma già da qualche mese. La nuova società si chiama ora Maistri Innovation Srl. L’amministratore è Vittorio Zardini, che si occupa direttamente dell’azienda e di portare avanti il marchio Maistri, in collaborazione il socio Giovanni Venturini. La scelta di mantenere la denominazione sociale è stata fortemente voluta con l’obiettivo specifico di dare continuità tra passato e futuro. Ma di segnare anche la svolta che si vuole imprimere all’azienda : l’innovazione. “Abbiamo i piedi ben saldi a terra e subentriamo ad una realtà già radicata sul territorio con l’obiettivo di regalarle la stabilità di cui, tolto l’ultimo periodo, ha sempre goduto, tanto nel mercato locale quanto in quello internazionale. A noi dunque il compito di traghettare Maistri in acque più sicure, mantenendo alta l’attenzione verso il cliente, seguendolo nelle fasi di scelta della cucina, in quella dell’allestimento e proseguendo con la garanzia d’assistenza”, puntualizza Zardini. La direzione generale di Maistri Innnovation srl sarà affidata a Valentino Alaia, al quale verrà demandata la gestione operativa e commerciale della società. “Per noi continuità significa essere coscienti della responsabilità alla quale siamo chiamati nel valorizzare ciò che Maistri ha sempre rappresentato, e cioè un importante patrimonio di storia, competenze industriali e cultura di prodotto espressione diretta del

Kyos Verona Ottobre - Novembre - Dicembre 2012

23/11/12 09:48


territorio veronese in cui questo marchio è nato e ha sempre operato. Tutto ciò declinato secondo una visione del mercato innovativa in termini distributivi, applicando le migliori tecnologie nel rispetto dell’ambiente, e finalizzando le nostre azioni e le nostre scelte a una sempre maggior soddisfazione del cliente, che è stato e resta al centro della nostra attività di impresa”, spiega Alaia. Aspetto fondamentale delle trattative condotte nelle ultime settimane per la definizione del nuovo assetto aziendale, è stato l’accordo sindacale. Degli oltre 60 dipendenti che contava Maistri Spa, e che ora sono in cassa integrazione straordinaria, ne vengono riassorbiti da subito 25; circa il 40 per cento. Maistri Innovation srl, avrebbe avuto la volontà di riassorbire l’intero organico, tuttavia la mole di lavoro attuale non permette tale operazione, e quindi la società si è trovata nella scomoda posizione di definire un organico ridotto. Rimane saldo però l’obiettivo, e l’auspicio, che nel prossimo futuro il lavoro aumenti e si riesca a reintegrare altro personale. “Un ringraziamento fin d’ora va fatto a tutto il personale ed al sindacato che sono riusciti a capire il momento di difficoltà che l’azienda sta attraversando ed hanno rinunciato a qualche privilegio che avevano acquisito in passato dando la possibilità all’azienda di ripartire”, spiegano i vertici Asso Spa. “Per una serie di motivazioni, per il personale e per considerazioni generali di sviluppo la Asso Spa ha deciso di intraprendere questa nuova iniziativa subentrando alla Maistri Spa, consapevole delle difficoltà del momento ma comunque certa che la realtà

di Maistri vada valorizzata e sviluppata come forte realtà aziendale veronese”. Obiettivo primario, ora, quello dunque di riprendere la produzione già la prossima settimana, creando simultaneamente nuove sinergie. L’inserimento di Maistri nel gruppo aziendale di Asso porterà infatti ad un’ottimizzazione delle risorse sia umane che produttive. “Il lavoro che c’è da fare è molto e non sarà facile, ma l’obiettivo  è quello di creare una squadra solida e motivata che ci permetta di rientrare nel mercato competitivamente”, concludono. UN “ASSO” PER LA VALPO Asso Spa è un’azienda nata nel ’93 e che da oltre vent’anni opera nel settore della produzione, realizzazione e vendita di negozi. Fortemente radicata sul territorio, ha il suo cuore pulsante in Valpolicella a San Pietro in Cariano dove l’azienda ha la sua sede principale con gli spazi, divisi in due capannoni più l’area degli uffici amministrativi, destinati a produzione, realizzazione e magazzino. A Rubano, in provincia di Padova, hanno sede invece gli uffici commerciale e tecnico. Dagli esordi ad oggi, l’azienda si è specializzata e continua ad innovarsi in tutte le tipologie di arredo; dal corner (angoli di abbigliamento monomarca), al megastore passando per la realizzazione di pacchetti “chiavi in mano”. I prodotti realizzati in Valpolicella, grazie al contributo di una serie di artigiani e maestri del legno che rappresentano un valido aiuto per l’azienda, raggiun-

gono tutti gli angoli del globo; dall’America Latina al Giappone. Tra i clienti fidelizzati che si appoggiano sistematicamente ad Asso per la realizzazione degli allestimenti delle proprie catene di negozi, aziende quali Calzedonia, Benetton e Guess. “Venturini, presidente e amministratore, e il socio nonché vice presidente Zardini, rappresentano la spina dorsale dell’azienda la cui forza è data dal contributo portato quotidianamente dai due nuclei familiari. Complessivamente, Asso Spa conta 56 dipendenti tra operai, tecnici, impiegati e dirigenti di cui 42 operativi nella sede veronese e 14 in quella padovana. “Sono persone che sono state formate aziendalmente e creano una fondamentale risorsa umana che permette una completa operatività e gestione dell’ordine. Si tratta di un team di persone giovani che sono la forza operativa aziendale”, spiega Venturini. “Grazie anche a loro, Asso Spa è un’azienda dinamica e flessibile, in grado di intervenire e assistere il cliente rapidamente anche nell post vendita”. Nella logica che le è propria di continua innovazione, coniugando rischio e la cautela necessaria imposta dal particolare momento economico, Asso Spa ha già dato vita ad un programma di sviluppo che prevede l’inserimento di un nuovo prodotto rivolto principalmente ad ambienti lavorativi, sanitari e di fitness in hpl, che verrà immesso sul mercato nel 2013.

33

KYOS 26-48_Ott_Nov_Dic_12.indd 33

23/11/12 09:48


KYOS VERONA

PRAGA, UN ITINERARIO BOHÈMIEN di Alice Russo

La capitale della Repubblica Ceca è una delle più belle città d’Europa e una delle capitali più economiche da visitare: non è difficile infatti organizzare un week end low cost a Praga. Situata a cavallo del fiume Vltava, Praga è composta da cinque quartieri principali. È consigliabile iniziare il proprio viaggio da Hradcany, una delle parti più antiche della città, dove il castello e la cattedrale dominano lo spazio circostante. Per raggiungere il castello bisogna camminare pa-

34

KYOS 26-48_Ott_Nov_Dic_12.indd 34

recchio, ma i venditori di souvenir e gli artisti rendono il percorso molto piacevole. Dopo aver visitato il castello, scendendo dalla collina, si possono visitare le numerose variopinte casette sbilenche, tra le quali la più significativa è certamente la numero ventidue, l’abitazione di Franz Kafka. Il fatto curioso è che la maggior parte degli edifici ha un doppio numero civico: quelli su fondo blu indicano la posi-

Kyos Verona Ottobre - Novembre - Dicembre 2012

23/11/12 09:48


Raffinata, mistica, e ricca di stupende opere architettoniche, Praga è una delle città più incantevoli d’Europa. Per secoli è stata la patria spirituale di musicisti, poeti e artisti.

zione dell’edificio lungo la via e sono disposti in ordine sequenziale, con i numeri pari su un lato della strada e i dispari sull’altro; i numeri su fondo rosso indicano invece la posizione dell’edificio nel quartiere sulla base del vecchio sistema di numerazione delle case, per cui di solito il numero non ha alcuna relazione con quelli degli edifici vicini. Vi sono numerosi ponti a Praga, ma uno in particolare richiama flotte di turisti: Karlov most (Ponte Carlo). Le sue solide mura gotiche e la pavimentazione in ciottoli sono fiancheggiate da trenta statue, prevalentemente di santi. Lasciato il ponte ci si addentra nel cuore della città vecchia, dove si trova una delle aree pubbliche più impressionanti d’Europa: la Staromestskè nàmestì. L’attenzione sarà immediatamente catturata dalla facciata del vecchio municipio, che ospita un bizzarro orologio astronomico. Il meccanismo è composto da tre elementi principali: il quadrante astronomico, sul quale, oltre all’ora, sono rappresentate le posizioni in cielo del Sole e della Luna, insieme ad altre informazioni astronomiche; il “Corteo degli Apostoli”, un meccanismo che, allo scoccare di ogni ora, mette in movimento delle figure rappresentanti i 12 Apostoli; e un quadrante inferiore composto da 12 medaglioni raffiguranti i mesi dell’anno. Le quattro figure che fiancheggiano l’orologio

si animano allo scoccare di ogni ora. Ognuna di esse rappresenta i vizi capitali: lo scheletro simboleggia la morte, il turco la lussuria, il personaggio con lo specchio impersona la vanità e il viandante con la borsa (in origine un usuraio ebreo, sostituito dopo la seconda guerra mondiale) rappresenta l’avarizia. La sera la città offre un’infinità di scelte per divertirsi, soprattuto per gli amanti della musica classica. Dormire a Praga in modo economico non è un problema, l’offerta è ampia e diversificata. Nel centro storico vi sono sia hotel di lusso, sia hotel e pensioni più economici dove con poche decine di euro si può alloggiare in soluzioni comode e ben servite, spesso all’interno di palazzi d’epoca. Fino a una ventina di anni fa erano molto diffuse le pensioni familiari, poche stanze generalmente ben curate dove il costo era davvero irrisorio per i turisti provenienti dall’Europa occidentale. Purtroppo oggi non sono più così diffuse, ma nelle zone più periferiche si possono comunque trovare soluzioni a buon mercato. Mangiare a Praga è molto economico: le birrerie e le osterie offrono sempre piatti tipici, dalle carni di maiale, anatra e oca arrosto, alle zuppe, ai gulasch, ai formaggi di pecora, accompagnati dai tipici vini locali, Pezinok,Velké Pavlovice, della Moravia, o dalle birre, una tra tutte la Pilsner.

Kyos Verona Ottobre - Novembre - Dicembre 2012

KYOS 26-48_Ott_Nov_Dic_12.indd 35

35

23/11/12 09:48


KYOS VERONA

moda

DRESS2SEE di Mercedes Maltès

Parola d’ordine: apparire

Anche quest’anno la moda invernale si è fatta in cinque per farci sognare ancora una volta, molto diverse le proposte di tendenza cosi come i colori presentati dalle aziende per questo autunno/inverno 2012 . Glitter, argento, oro, bronzo, strass, rosso fuoco, viola, magenta, pelle, sono solo alcune delle nuove proposte per la sera. Quale scegliere... non fatevi prendere dall’imbarazzo della scelta, dal modello più bon-ton a quello più glamour oppure quello più sexy!Abbiamo cercato per 36

KYOS 26-48_Ott_Nov_Dic_12.indd 36

Kyos Verona Ottobre - Novembre - Dicembre 2012

23/11/12 09:48


KYOS VERONA

moda

voi alcuni esempi di queste tendenze per aiutarvi nella vostra scelta... Abitini interi dai richiami anni 60, strati di tulle, impreziositi da luminosi cristalli che conferiscono ancor più rigore ed eleganza ai toni del ghiaccio, carta da zucchero e nero. Vestiti corti e drappeggiati portati insieme a stivali alti con il tacco di strass e a una giacca di raso o saten nera. Abito corto di paillettes, da portare con un lungo cappotto con cintura, sandali gioiello o borchiati morbidi drappeggi di tessuto che si appoggiano delicatamente sul corpo, lasciando scoperte le spalle creando un sensuale gioco di contrapposizione con i corpetti strizzati in vita. Ritorna anche lo stile impero, abito a bustier stretto sotto il seno ma che cade poi morbido e leggero lungo fino ai piedi, da abbinare con un girocollo e orecchini pendenti, per renderlo più glamour, con un copri spalle e una pochette gioiello. Swarovski, incastonati su abiti dai colori sgargianti come verde e lime; non mancano neanche le stampe simil pelle di serpente che rendono ancor più incisivi abiti e completi ben strutturati e dalla silhouette rigorosa.

Kyos Verona Marzo-Aprile-Maggio Ottobre - Novembre2012 - Dicembre 2012

KYOS 26-48_Ott_Nov_Dic_12.indd 37

Rigore e linearità sono i punti di forza, abiti dal gusto retrò disegnati su linee geometriche e tagli puliti si sfrutta il Black, White e gold con fugaci concessioni al mauve e all’acquamarina per rendere evidente i lunghi abiti. Grandi collane rigide nei toni dell’oro conferiscono un’allure ancor più determinata alla femminilità, la quale non può far a meno di emergere negli impalpabili outfit da sera impreziositi da enormi colli in pelliccia, imponenti collier e fiocchi in raso. Unica concessione dal tocco più stravagante: il tailleur da sera con gamba dritta tempestato da luminosissime paillettes nere. Sensualità in primo piano. Il corpo femminile è il grande protagonista, messo a nudo grazie a sfrontati giochi di trasparenze che lasciano il decolleté a vista sotto top e coloratissimi abiti dalle lunghezze minimal e dalla struttura molto geometrica, capace di mettere in risalto i fianchi, ponendo l’accento e i punti hot del corpo negli abiti lunghi fino ai piedi che fluttuano nell’aria grazie ai sapienti giochi di lunghezze. Abiti meravigliosi ed eleganti per concludere in bellezza l’anno, infatti, la festa di capodanno è un momento importante che deve essere festeggiato con il giusto look! .   Buon divertimento e buone festività!

37

23/11/12 09:48


KYOS VERONA

musica

NOVITÀ D’AUTUNNO...

di David Bonato

METHODICA / Light My Fire EP (Vrec)

RITA COLANTONIO / I Like My Coffee (Maxy Sound)

Dopo un anno di concerti importanti arrivati dopo la prestigiosa vittoria a Sonorità Emergenti, concorso che ha portato i Methodica ad aprire gli Skunk Anansie, gli Uriah Heep, Anathema e molti altri, è uscito il nuovo lavoro discografico della band veronese che, a distanza di qualche anno dall’esordio “Searching For Reflections”, torna a pubblicare un nuovo EP intitolato “Light My Fire”. Anche se a dir il vero l’unico vero inedito è “Knast”, “carcere” in tedesco, che delinea un fronte più aggressivo nella musica della band, l’EP racchiude in 4 brani (+ un videoclip) tutta l’essenza del gruppo di San Martino Buon Albergo. La title track “Light My Fire” è la versione in radio edit pubblicata l’anno scorso nella compilation “Waiting For The Moon - A tribute to Jim Morrison and The Doors” dove una selezione delle migliori band veronesi hanno reinterpretato i brani dei mitici Doors. Visto il successo dell’iniziativa il gruppo ha voluto pubblicare ufficialmente “Light My Fire” anche in un proprio disco. Così il brano, completamente stravolto in chiave progressivo, suona intimo a tratti (grazie all’abile inserzione del pianoforte) e maestoso nella parte centrale quando tutto il gruppo cresce all’unisono. Il brano è inserito anche nella versione extended, più lunga di circa un minuto. A seguire altre due radio edit dei precedenti singoli inclusi nell’esordio dei Methodica: “Neon” e “The Marble Column”, versioni molto ridotte nel minutaggio che ben rappresentano l’impatto di una band che riesce ben a coniugare la matrice progressive con una melodia riuscita. I Methodica hanno un pubblico, un suono ben preciso ed un progetto a lungo termine. Sicuramente una posizione che potrebbe nel tempo portare la band ad un livello di notorietà nazionale importante.

Rita Colantonio rientra nei parametri dell’Artista a tutto tondo: fine cantautrice di un pop/jazz d’autore, conduttrice radiofonica RAI, doppiatrice, attrice (Pupi Avati, Luca Lucini, Gary Winick), intraprendente regista, realizza cortometraggi e filmati che valicano i confini italiani ( Festival di Cannes, Clermont-Ferrand, Filmets Barcellona, I’ve seen Films, in concorso al David di Donatello). Con questa premessa si presenta il nuovo videoclip di Rita Colantonio “I Like My Coffee”, singolo estratto dall’EP “By My Side”, girato ed interpretato dall’eclettica artista veronese. Rita propone un jazz d’autore, rilassato e sensuale, che incanta e avvolge nel suo spirito retrò anni cinquanta, unendo in un’ottica cinematografica interpretazione e  canto. Il videoclip del brano, in lizza al Filmets Badalona Film Festival 2012, è ambientato nel prestigioso locale bolognese “Chet Baker” e vede la partecipazione straordinaria di Brando Giorgi, attore  in numerose fiction Rai (“Caterina e le sue figlie”, “Io non dimentico”, “Centovetrine”). Il clip alterna il bianco e nero al colore dei flashback, in un microcosmo di tipologie umane e di sentimenti che è un piccolo compendio sull’amore non corrisposto, in un triangolo che vede protagonisti il  giovane cameriere  del locale (inizialmente invaghito della cantante), l’artista stessa (prigioniera dei rimpianti del passato), e una ragazza che frequenta il locale puramente per rivedere il cameriere di cui è segretamente innamorata. Nel finale trionferanno i volti puliti, i sorrisi sinceri e gli sguardi luminosi dei due giovani più propensi ad aprire i loro cuori alla vita, con coraggio, mentre gli adulti persi nel loro disincanto sembrano restare soli. Il brano, pubblicato dall’etichetta Maxy Sound, è stato  inciso alla Fonoprint di Bologna, arrangiato dal Maestro Piero Odorici (musicista  molto noto nell’ambiente jazz) che nel brano è anche sax solista, con Nico Menci al piano, Paolo Benedettini al basso, Owen Hart Jr. alla batteria.

www.methodicaband.com

www.ritacolantonio.it

MANTOVA QUARTER PAST ONE / Blue (Vrec) Se a Verona vi mancano i Canadians forse è il momento di spostarsi di qualche kilometro verso il mantovano ed ascoltare questo nuovo album dei Quarter Past One. La band di Diego Sabatino propone un college rock coinvolgente e solare con forti richiami americani (vedi R.E.M.). “Blue” è un disco da ascoltare per intero che potrebbe portare molti proseliti alla band. Fresco. https://www.facebook.com/quarterpastoneofficial

VICENZA DIEGO PETTENA - Una Felicità Qualsiasi (Autoprodotto) Se la classe non è acqua sentiremo ancora parlare di Diego Pettena, cantautore (a 4 mani con Andrea Gobbo) vicentino che in una semplice manciata di canzoni si presenta a cuore aperto con la sua semplicità e bontà. Un solo EP è ancora presto per valutarne le potenzialità ma il gusto nella scrittura e negli arrangiamenti (con due veronesi come strumentiste). Così non puoi fare a meno di ottime canzoni come “Anime”, la title track o “Attimi”. Di classe. www.diegopettena.it

38

KYOS 26-48_Ott_Nov_Dic_12.indd 38

Kyos Verona Ottobre - Novembre - Dicembre 2012

23/11/12 09:48


À

SAJANEGA / Smetto Quando Voglio (Vrec)

SKA-J / Socco (Azzurra Music)

Spassosissima questa band vicentina composta da quattro ragazzi che propongono un sano rock’n’roll diretto e divertente totalmente in italiano. Questo “Smetto Quando Voglio”, in realtà il secondo album della band, è formato da undici canzoni schiette e divertenti, con riff azzeccati ed immediati, che fanno girare il cd con particolare fluidità. I testi, decisamente leggeri renderebbero perfetta la band per un “american pie” all’italiana. Da qui escono brani scanzonati come “Pronto Soccorso”, “I Tuoi Fuori Città” o la splendida “Estate Senza Fine”. Se girate su Youtube, nel loro canale ufficiale, troverete le lezioni per diventare una rock star in 24 ore e su come rimorchiare una ragazza dandole lezioni di chitarra. Idee geniali per una giovanissima band con ampi margini di crescita ma che già propone un suono rock ben compatto e brani già ottimamente scritti anche negli arrangiamenti. I Sajanega sono: Jimmy Cruscotto alla chitarra e voce nonchè allevatore di trote, il Cuzze alla batteria (e giocatore di Poker), Jonny Maggio al basso e Frankie Lunotto alle tastiere. Cercateli e scoprite le loro canzoni: le giornate saranno meno grigie!

A brevissima distanza dal best of recensito su queste pagine la scorsa primavera gli Ska-J tornano con un nuovo album di inediti confermando la propria vena compositiva e soprattutto il loro riconoscibilissimo sound. “Socco” (in italiano “Zuccone”) è il settimo album in studio della band e comprende dodici nuovi brani (più la versione in italiano di “Socco” e la bonus track “Santamarta”, di cui tre cover rivisitate sulle consuete coordinate sonore mix tra ska jazz e reggae. Tra gli inediti cantati in veneziano da Furio spiccano la title track “Socco” (divertente invettiva contro gli zucconi) e “Vivere a Venezia”, mentre uno dei brani più riusciti in italiano è “Centro Vitale” cantato da Ilenya. Da segnalare anche i coinvolgenti brani strumentali (“Perchè No” o “Cous Cous”) con risultati sempre convincenti. Nel disco anche la cover del brano di Gino Paoli “Senza Fine”, scritta dal cantautore friulano per la voce di Mina e qui ottimamente interpretato da Ilenya. Un’altra chicca è la cover di “Fever”, brano scritto negli anni cinquanta da Eddie Cooley e John Davenport riportata al successo di recente anche da Michel Bublè, per chiudere poi con “So in Love” di Cole Porter, dal musical “Kiss Me, Nate”. Gli Ska-J sono Marco “Furio” Forieri (voce, sassofono, autore, editore, ideatore, “vulcano” di idee) ed Ilenya De vito (voce). Completano la line-up Luca Toso (sax), Filippo Vignato (trombone - recente vincitore del Premio Barga Jazz), Sandro Caparelli (contrabbasso), Luca Scaggiante (chitarra/ voce) e Alan Liberale (batteria).

https://www.facebook.com/Sajanega

www.skaj.it

BOLOGNA TOMMASO TAM - Meccanismo Base (San Luca Sound) Arriva da Bologna questo cantautore atipico con i Beatles nel cuore e un talento psicadelico da non tralasciare. “Meccanismo Base” suona volutamente “indie” ed essenziale: immediato a tratti (“Nella Doccia”), misterioso (“Dietro L’Angolo”), ironico (“Un Discreto Chitarrista”). Si può ancora giocare con la musica senza entrare nei classici clichè. Bellissima la copertina dove sfere, cubi (di Rubik) e triangoli coesistono su un tavolo da biliardo. Originale. www.tommasotam.it

Kyos Verona Ottobre - Novembre - Dicembre 2012

KYOS 26-48_Ott_Nov_Dic_12.indd 39

L’AQUILA VENTRUTO - Terapie di Fantasia (Latlantide/Edel) Merita una citazione il progetto del cantautore pugliese Stefano Ventruto intitolato “Terapie di Fantasia”: in dieci canzoni pop/blues lo psicologo chitarrista offre un ventaglio di brani semplici ma efficaci, con testi positivi e suoni rilassanti. Un disco che gira piacevolmente nello stereo, soprattutto i singoli “Dove Sei”, “Fantasie” (il video è stato girato sul Lago di Garda) e “Il Diario”. Approfondendo si scopre che il cantautore usa una maschera a fin di bene per esorcizzare le paure dei suoi pazienti (l’artista è specializzato in traumi psicologici da terremoto). Propedeutico. www.ventruto.it

39

23/11/12 09:48


KYOS VERONA

consigli di lettura

LIBRI PER L’AUTUNNO

a cura della Redazione

Se ti abbraccio non aver paura Fulvio Evras Marcos Y Marcos Il verdetto di un medico ha ribaltato il mondo. La malattia di Andrea è un uragano, sette tifoni. L’autismo l’ha fatto prigioniero e Franco è diventato un cavaliere che combatte per suo figlio. Un cavaliere che non si arrende e continua a sognare. Per anni hanno viaggiato inseguendo terapie: tradizionali, sperimentali, spirituali. Adesso partono per un viaggio diverso, senza bussola e senza meta. Insieme, padre e figlio, uniti nel tempo sospeso della strada.Tagliano l’America in moto, si perdono nelle foreste del Guatemala. Per tre mesi la normalità è abolita, e non si sa più chi è diverso. Per tre mesi è Andrea a insegnare a suo padre ad abbandonarsi alla vita. Andrea che accarezza coccodrilli, abbraccia cameriere e sciamani.E semina pezzetti di carta lungo il tragitto, tenero Pollicino che prepara il ritorno mentre suo padre vorrebbe rimanere in viaggio per sempre. Se ti abbraccio non aver paura è un’avventura grandiosa, difficile, imprevedibile. Come Andrea. Con otto romanzi pubblicati, finisce che ti chiamano scrittore: e può capitare che un bel giorno sia una storia a cercare te. Un personaggio in carne e ossa che ti colpisce come uomo, come padre, come insegnante di liceo. Il protagonista di un viaggio straordinario. “Ascoltami” ha detto Franco Antonello a Fulvio Ervas davanti a uno spritz “la storia che ti voglio raccontare ha la forza della vita vera e la bellezza di un sogno”.Fulvio l’ha sentito forte e chiaro: questo è un padre che ama veramente suo figlio, che cerca di fare qualcosa di importante per lui. Per suo figlio, che è autistico. Sul divano, davanti ai manicaretti di Paola, sotto la pergola dell’uva fragola, il loro dialogo è durato un anno intero. Finché Fulvio non ha sentito tra le dita il romanzo di questa storia. Pagine: 130 Prezzo: 10,20€

Cuori allo specchio Massimo Gramellini Longanesi 2012

Questo libro nasce dall’esigenza di mettere un po’ di ordine in ciò che ordine non ha: l’amore. Lo fa con l’aiuto di tanti. Dei lettori, innamorati e non, che da molti anni raccontano le loro storie alla rubrica “Cuori allo specchio”. E della persona che pur essendo un uomo – peggio, un giornalista – ha provato a dare a quelle storie una risposta: dapprima timidamente e poi con un coinvolgimento sempre maggiore. Attraverso le voci degli amici di carta dai 14 agli 80 anni che risuonano in queste pagine, ciascuno di noi avrà la possibilità di immergersi in un’avventura davvero unica: vivere insieme ai protagonisti le situazioni sentimentali più comuni e più varie, specchiandosi nelle esperienze degli altri per trovare una soluzione ai propri problemi. E accorgersi, magari, di custodirla già dentro di sé. Pagine: 352 Prezzo: 12,90 €

Facebook in the rain Paola Mastrocola Guanda 2012

Evandra vive in un piccolo paese del Centro Italia dove fa la casalinga. Rimane vedova all’improvviso, e la sua vita si svuota. Ha una figlia lontana, amiche indaffarate. L’unica salvezza è andare al cimitero, trovarsi con le altre vedove a disporre i fiori per i propri cari. Ma la pioggia... La pioggia ha un ruolo determinante in questa storia. Di colpo Evandra scopre un mondo meraviglioso che fino ad allora le era del tutto ignoto: prende lezioni di Facebook e la sua vita cambia, si popola di personaggi un po’ veri e un po’ finti, buoni, cattivi, enigmatici, timidi. E tra questi, persino un innamorato... Una moderna favola d’amore, ambientata in un’epoca, la nostra, dove il virtuale si confonde con il reale, ma dove anche s’incontrano quelle anime semplici, appartate e solitarie, che Paola Mastrocola sa far vivere con felice ironia. Pagine: 132 Prezzo: 10,00 €

40

KYOS 26-48_Ott_Nov_Dic_12.indd 40

Kyos Verona Ottobre - Novembre - Dicembre 2012

23/11/12 09:49


Alzando da terra il sole. Parole per l’Emilia Autori vari Mondadori 2012 Ventisette le vittime. Centinaia i feriti. Migliaia gli sfollati. I crolli degli edifici storici, le torri, i castelli, le chiese, e di quelli del lavoro, i capannoni. Le case e le scuole lesionate e inagibili. E poi le ferite ai luoghi della vita culturale: i musei, i teatri, le biblioteche. La Biblioteca comunale di Mirandola, elegantemente intitolata a Eugenio Garin, è la più importante fra quelle colpite dal terremoto del 20 maggio. La sede che la ospitava, l’antico Convento dei Gesuiti, è oggi gravemente dissestata. I fondi che la costituiscono, con i preziosi incunaboli e cinquecentine, tra cui alcune prime edizioni delle opere di Giovanni e Giovan Francesco Pico, sono stati traslocati in parte in appositi locali nei pressi di Bologna, messi a disposizione dalla Soprintendenza ai beni librari della regione Emilia Romagna, in parte in una scuola di Mirandola. Chi ci pensava al terremoto in Emilia? Nella Bassa, poi? Nessuno. Neppure le normative antisismiche. Nessuno ha mai pensato alla pianura come un pezzo di zolla africana che dall’Appennino preme contro le Alpi spingendo nel profondo con forze terrificanti. Eppure tutti abbiamo sentito il boato che il 20 maggio ha fatto ballare l’Emilia, con uno scrollone che ha coinvolto soprattutto il modenese, e poi il ferrarese e il mantovano. La botta modenese è stata avvertita in un’area molto vasta, in tutta l’Italia Centro-Settentrionale e persino in mezza Europa. Una ferita emotiva profonda e uno stordimento nelle viscere in una terra, per psicologia e antropologia, abituata ad aiutare, non ad essere aiutata. E allora “quel gran pezzo dell’Emilia”, come la definiva Edmondo Berselli, ha sofferto, ha stretto i denti, ha reagito. Terra di nichilisti, ma empirici, di balzani, ma creativi, ha dato vita tra Bologna, Modena, Reggio Emilia, Ferrara e Mantova - che è Lombardia solo sulla carta geografica - a mille iniziative di sostegno e di aiuto. Di coesione sociale, di orgoglio civico. Si sono mobilitati per primi i cantanti, poi gli artisti, e subito dopo anche gli scrittori. Guarda caso, il terremoto ha colpito i luoghi dove si svolgono i più importanti festival culturali italiani. Senza fisime e senza casacche di appartenenza editoriale, il meglio dell’intelligenza emiliana ha aderito alla realizzazione di questo libro no profit, promosso da Mondadori editore e dalla Fondazione Arnoldo e Alberto Mondadori. Ci sono narratori famosi assieme a giovani molto capaci, intellettuali di grido, decani del giornalismo e belle promesse. Artisti e poeti, cantanti e comici. Persino un cuoco, il migliore d’Italia. Tutti generosamente e appassionatamente impegnati a pronunciare queste parole per l’Emilia. Pagine: 312 Prezzo: 15,00 €

Kyos Verona Ottobre - Novembre - Dicembre 2012

KYOS 26-48_Ott_Nov_Dic_12.indd 41

41

23/11/12 09:49


KYOS VERONA

cinema

IL CINEMA DEI FESTIVAL: VENEZIA 2012

rich Seidl, un film particolare che tratta, come spesso già successo in questo festival, il tema religioso in termini molto critici, quasi al limite del paradosso. La storia parla di una donna invasata di cultura religiosa “mariana”, che a tratti diventa ossessiva e pericolosa. Il tema è trattato con alcune scene forti e non sarà facile vederlo nelle sale italiane.

Come tutti sanno i film dei festival risultano di difficile comprensione per il grande pubblico abituato ormai alla macedonia zuccherosa di immagini insistenti prettamente televisive. L’attuale cinema italiano soffre di una sorta di provincialità, scavalcata dalla prepotente tecnica americana e dall’originalità di idee di altri Paesi. Per questo i film di Venezia si vedono raramente, nei cineforum o nei cineclub, di sicuro meno nei grandi circuiti che, come si sa, abbondano di film stranieri. La Mostra di Venezia si è chiusa con il Leone d’Oro ad un film particolare, violento e tenero, profondo e irritante, carico di emotività: “Pietà” del regista sud coreano Kim Ki-duk, che racconta la storia di un giovane usuraio violento colpito e catturato dall’amore incondizionato di una donna che si rivelerà essere sua madre.

Si è chiusa ormai da un mese la 69° edizione della Mostra del Cinema di Venezia e stanno iniziando ora a uscire nelle sale alcuni film visti in anteprima al Lido.

Il Leone d’Argento è stato assegnato a “The Master” di Paul Thomas Anderson, storia di un viaggio personale, di un aggancio tra un ex soldato disperato in cerca di sè  stesso e un “maestro” che lo introduce nel mondo spirituale. Una storia  ambientata nell’America degli anni ‘50, che si può facilmente collegare alla crisi dei nostri giorni. I due attori principali, Joaquin Phoenix e Philippe Seymour Hoffman hanno ricevuto entrambi la Coppa Volpi per la miglior interpretazione maschile. La Coppa Volpi femminile è andata a Hadas Yaron, giovane interprete del film israeliano Lemale et Hà Chalal di Rama Bursthein, quasi una commedia che riesce però ad entrare in profondità sul legame religioso, sull’idea del matrimonio, sul ruolo della donna e sul valore della tradizione ebraica. Un’attenzione merita il Premio speciale della giuria a Paradies: “Glaube” di Ul-

Il cinema italiano è rimasto quasi all’asciutto, pur avendo presentato due film in concorso di grande qualità. Parliamo di “Bella Addormentata” di Marco Bellocchio e “E’ stato il figlio” di Daniele Ciprì. Bellocchio, come si sa, affronta un tema cruciale e inquietante come l’eutanasia citando, solo per dovere di cronaca, la storia di Eluana Englaro. Il racconto si snoda in diverse direzioni raccontando sentimenti ed emozioni con un  feed  back quasi telefilmico. “E’ stato il figlio” è invece un affresco familiare del nostro sud, raccontato con maestria e ottima fotografia dal siciliano Daniele Ciprì. Bravissimo in tutti e due i film Toni Servillo ma l’unico premio al nostro cinema è andato a Fabrizio Falco, giovane interprete in entrambe le pellicole. Terzo film in concorso “Un giorno speciale” di Francesca Comencini, in cui un incontro “casuale” diventa occasione per una riflessione sulla vita: Gina e Marco scoprono il limite tra l’apparire e l’essere sè stessi. Il bravo Filippo Scicchitano, giovane scoperta con la sua simpatia e spontaneità riscatta la qualità del film. Un cenno merita il film italiano di animazione di Enzo D’Alò, che rivisita la fiaba di Pinocchio con disegni e musiche davvero speciali. Alberto Barbera, nuovo direttore della Mostra di Venezia, ha sottolineato il percorso di rinnovamento del Festival, che prevede il progetto Biennale Col-

di Cristiana Albertini

42

KYOS 26-48_Ott_Nov_Dic_12.indd 42

Kyos Verona Ottobre - Novembre - Dicembre 2012

23/11/12 09:49


lege for Cinema, un laboratorio permanente per giovani talenti emergenti. Inoltre la 69°edizione aveva in programma un numero più ridotto di film in concorso e una sezione in meno: vedere tutti i films è stato più facile! Marco Muller è sbarcato dalla laguna alla capitale diventando il nuovo direttore. Il Festival del Cinema di Roma si svolgerà dal 7 di novembre e durerà dieci giorni. Siamo curiosi di capire e vedere il nuovo taglio che darà Muller alla Mostra capitolina.

lo del Cinema da anni propone film di alta qualità spesso fuori dai normali circuiti. Il Cineclub durante l’anno propone rassegne e incontri speciali, come quella sul cinema russo. In Biblioteca Civica a Verona il Centro Audiovisivi organizza da tempo, con grande successo,  corsi  di lettura, comprensione, studio e montaggio dell’immagine e del film con lezioni di esperti, docenti universitari e critici cinematografici... Scusate se è poco!

Segnaliamo alcune iniziative importanti della nostra città per il cinema: il cineforum Pindemonte  ha già in cartellone molti dei film citati e propone inoltre proiezioni gratuite di pellicole della Mostra. Il Circo-

12-14 ottobre 2° edizione del TRIK ANIMATION FILM FESTIVAL tecniche e creatività del cinema d’animazione/ cortometraggi del Clip Award Luogo:Verona, Porta Vescovo ,Cortile Mercato Vecchio e Teatro camploy 3 giorni e 3 notti

Kyos Verona Ottobre - Novembre - Dicembre 2012

KYOS 26-48_Ott_Nov_Dic_12.indd 43

43

23/11/12 09:49


KYOS VERONA

autunno in tavola

A TAVOLA

CREMA DI PATATE CON FUNGHI MISTI

RISOTTO CON LA ZUCCA

AUTUNNO

Un misto di funghi per una ricetta davvero delicata, da preparare nella stagione fredda. Per rendere speciale questo piatto occorrono funghi freschi, soprattutto porcini e finferli.

KYOS 26-48_Ott_Nov_Dic_12.indd 44

Ingredienti per 4 persone: 320 grammi di riso brodo vegetale quanto basta 400 grammi di polpa di zucca mezza cipolla olio quanto basta 1 noce di burro 60 grammi di formaggio prezzemolo, sale e pepe quanto basta

Ingredienti per 4 persone: 400 grammi di patate 150 grammi di funghi porcini 100 grammi di finferli 1 litro di brodo vegetale 4 cucchiai di panna fresca 4 cucchiai di parmigiano grattuggiato 2 rametti di prezzemolo 1 porro 1 spicchio d’aglio olio, sale e pepe quanto basta Preparazione: Fare appassire il porro in una pentola con dell’olio. Unire le patate sbucciate e tagliate a pezzetti, aggiungere 8 decilitri di brodo e cuocere per 15 minuti. Dopo aver lavato i funghi, tenere da parte del porcino a fette e dei pezzi di finferli. Scaldare 3 cucchiai di olio con lo spicchio d’aglio, unire i funghi e farli cuocere a fuoco basso per 8 minuti. Unire metà dei funghi alle patate in cottura e frullare il tutto, aggiungendo la panna e il formaggio. Se la crema risultasse troppo densa aggiungere ancora brodo. Aggiungere alla crema preparata i funghi tenuti da parte e il prezzemolo. Saltare per pochi istanti in una padella con un filo di olio le fette di porcino tenute da parte. Distribuire la crema in piatti fondi guarnendola con i porcini.

44

Un vero classico di questo periodo. Per preparare al meglio questo risotto si usa la zucca detta “marina” o “di Chioggia” che matura in autunno inoltrato.

Preparazione: Fare imbiondire la cipolla in una pentola, aggiungere la zucca precedentemente tagliata a pezzetti, poi insaporire con sale e pepe. Lasciare cuocere fino a ottenere una purea. In una casseruola tostare il riso con l’olio, unendo il brodo bollente poco per volta. Lasciare cuocere per 10 minuti a fuoco basso, a questo punto aggiungere la purea e ultimare la cottura. Mantecare con la noce di burro, il grana e il prezzemolo. Servire con qualche fettina di zucca scottata.

Kyos Verona Ottobre - Novembre - Dicembre 2012

23/11/12 09:49


KYOS VERONA

eventi

IL WEB 2.0 PER LA SOSTENIBILITÀ Arriva a Padova la nuova tappa del corso “Comunicare con il web e i social network per vincere le sfide della sostenibilità e della solidarietà”. Come si può sfruttare in modo sano lo strapotere che il mondo informatico ha acquisito in questi anni? Il corso “il web 2.0 per la sostenibilità” vuole dare a tutti l’opportunità di approfondire l’utilizzo di internet finalizzato a promuovere la propria attività e a tessere relazioni online. Il corso è organizzato da Zoes, una piattaforma informatica divenuta negli anni un punto di riferimento dove si incontrano persone, istituzioni e realtà interessate ad un futuro equo. Zoes è quindi uno strumento per favorire la diffusione di stili di vita sostenibili, per mettere in rete i vari modi di fare economia responsabile socialmente e ambientalmente, in una prospettiva di risoluzione della crisi ecologica, sociale ed economica che stiamo attraversando. Tale piattaforma offre la possibilità di rendere visibili le tante realtà intorno a noi che già si impegnano per un mondo migliore: è un social network per discutere e far crescere una cultu-

ra della sostenibilità e del valore, anche economico, delle relazioni tra persone. Il corso si terrà a novembre all’azienda agricola biologica della Banca Etica “La Costigliola”, a Padova. Attraverso workshop, analisi teoriche e studio di esperienze di successo, i partecipanti saranno accompagnati nella conoscenza degli strumenti del web, approfondendo le piattaforme tematiche, per comporre una “cassetta degli attrezzi” che li metta in condizione di definire la migliore strategia di comunicazione digitale per la propria organizzazione.

A guidare il corso ci sarà Gianluca Diegoli, esperto di comunicazione, che vanta una lunga esperienza professionale in imprese tradizionali. Il suo campo di indagine è “l’integrazione tra (social) web, marketing e comunicazione. Domitilla Ferrari, docente presente agli incontri, lavora per la redazione digital di Arnoldo Mondadori Editore ed è una profonda conoscitrice del mondo del web sociale, dei suoi strumenti e di come devono essere usati. Al corso non mancherà Andrea Tracanzan, responsabile comunicazione della Banca Popolare Etica, una delle menti più brillanti dietro Zoes.it e lucido conoscitore di ciò che possiamo definire web 2.0.

La Costigliola è un’azienda agricola con indirizzo biologico e un centro culturale di Banca Etica. Fin dalla sua fondazione, Banca Etica ha cercato un luogo in cui sviluppare un centro formativo dove poter favorire un sistema di sviluppo sostenibile, promuovendo uno sviluppo umano e sociale fondato sui valori della solidarietà civile e non sulla ricerca esclusiva del profitto. Lo scopo è sempre stato quello di favorire i progetti e le iniziative innovatrici dal punto di vista sociale e ambientale. Nel 2006 Banca Etica decise di prendere in gestione ”La Costigliola” per dare una casa a queste idee.

Kyos Verona Ottobre - Novembre - Dicembre 2012

KYOS 26-48_Ott_Nov_Dic_12.indd 45

45

23/11/12 09:49


KYOS VERONA

in viaggio Publiredazionale

SARÀ UN AUTUNNO DA RE! Foglie dorate, un leggendario castello sul Lago e magiche atmosfere natalizie e magiche atmosfere natalizie di Guido Benati

Lo splendido paesaggio della Carinzia dispiega i suoi colori più caldi, le vigne sono pronte a regalare vini color dell’oro o del rubino, il lago di Worther brilla con paesaggi mozzafiato e invita ancora a gite in barca e passeggiate nella natura. Il caratteristico paese di Velden, adagiato sul lago si mostra in tutta la sua magia ed esclusività: il paesaggio è probabilmente uno dei più caratteristici di tutta l’Austria. Eleganti casette, che fanno da cornice alla lussuregiante vegetazione alpina, sono poste a confine con le dolci acque del lago, su cui si affacciano anche hotel e servizi turistici di lusso. Il più notevole di essi risale al Seicento, quando il principe di Khevenhüller fece edificare l’omonimo castello diventato poi il simbolo del luogo. Lo Schloss Velden sorge ancora oggi nel centro della città, con il suo caldo colore giallo, ma si è trasformato in un esclusivo Hotel di lusso perfetto per chi vuole sentirsi un Re. Lasciarsi catturare dal relax di questi splendidi luoghi è facile! Al lago, ai profumi alpini e alla lieve brezza che arriva dalle vicine montagne si aggiungono i servizi a 5 * dell’Acquapura Spa del Fakensteiner ShlossHotel Velden: il Beachclub con piscina e cabine private in cui pranzare, dedicarsi ai massaggi o seguire la tv, sauna e bagno turco, vitality pools, trattamenti esclusivi, organizzazione di convegni   e matrimoni,

46

KYOS 26-48_Ott_Nov_Dic_12.indd 46

Kyos Verona Ottobre - Novembre - Dicembre 2012

23/11/12 09:50


ristorante gourmet con squisita cucina Alpe-Adria, e per finire un assistente privato. Per un’atmosfera ancora più magica ed esclusiva le camere dell’hotel sono arredate in uno stile di carattere e raffinato che richiama i colori autunnali e il caldo giallo dell’esterno. Non mancano televisore LCD e tutti i confort tecnologici. Con l’arrivo dell’Avvento, poi, c’è un motivo in più per visitare questo posto da sogno: la tradizionale sfilata dei Krampus e i Mercatini dell’Avvento. I mercatini sono un tradizionale luogo di ritrovo prenatalizio per grandi e piccini e offrono prodotti locali come formaggio, speck o pane, miele, punch fatto in casa, glühmost (mosto caldo) o glühwein (vin brulé), distillati, dolciumi, decorazioni natalizie, corone dell’Avvento, prodotti artigianali, oggetti di arte vetraria e molto di più! Un ottimo modo per iniziare  gli acquisti natalizi in modo piacevole in una cittadina decorata a festa, lontano dal frastuono e dalla frenesia! I krampus invece sono dei diavoli travestiti che accompagnano San Nicolò, nella tradizionale sfilata lungo le strade del paese che si tiene l’8 dicembre. I Krampus sono uomini-caproni scatenati e molto inquietanti che si aggirano per le strade alla ricerca dei bambini “cattivi”. Le loro facce sono coperte da maschere diaboliche e paurose; i loro abiti sono laceri, sporchi e consunti. I Krampus quando vagano per le vie dei paesi provocano rumori ottenuti da campanacci o corni, che li accompagnano nel tragitto. Ma non abbiate paura, se siete stati buoni durante l’anno i Krampus non vi faranno alcun male!

Kyos Verona Ottobre - Novembre - Dicembre 2012

KYOS 26-48_Ott_Nov_Dic_12.indd 47

47

23/11/12 09:50


soldi.org PRINTEDITA PRINTEDITA Servizi per per lala comunicazione comunicazione Servizi stampa ee lala stampa Via Francia, Francia,7/b 7/b Via Negrar Negrar --Verona Verona 045 045 810 810 12 12 04 04 www.printedita.com www.printedita.com

Istituto Design FALKENSTEINER Palladio Verona Hotel & Resdence Via Settembrini, 5 (VR) 045 80 14 580 www.falkensteiner.com segreteria@istitutopalladio.it

RADIO VERONA RADIO VERONA S.r.l.S.r.l. Della Scienza, ViaVia Della Scienza, 25 25 37139 Verona 37139 Verona www.radioverona.it www.radioverona.it

tazione a partire da 7 notti

tazione a partire da 3 notti

ENNEVI BANCA FALKENSTEINER ViaVERONAFIERE XXIV Maggio, 12/b POPOLARE Hotel & Resdence Ente Verona Autonomo per le Fiere di 37123 ETICA Verona, 045 83 42 347 www.falkensteiner.com V.le del Lavoro 8, www.ennevifoto.com Verona i Falkensteiner Hotels & Residences in Austria, Italia, Croazia, Repubblica Ceca, Slovacchia e Serbia prenotando mediante il sito Tel. 0458298111, re il Nr. del buono già al momento della prenotazione. Il buono non è valido nei periodi di alta stagione e in combinazione con offerte ere.it uono a soggiorno per camera e non è previsto l’incasso inwww.veronafi contanti.

ENNEVI Via XXIV Maggio, 12/b 37123 Verona 045 83 42 347 www.ennevifoto.com

info@falkensteiner.com, www.falkensteiner.com

REGINA Verona, La Grande Mela www.magazziniregina.it

BUONO DEL VALORE DI

Ð 120,- con prenotazione a partire da 7 notti Ð 50,- con prenotazione a partire da 3 notti

Il presente buono è valido fino al 27.12.2010 presso tutti i Falkensteiner Hotels & Residences in Austria, Croazia, Repubblica Ceca e Slovacchia. Il Buono non è valido in combinazione con offerte speciali e Pacchetti. È possibile utilizzare solo un buono a soggiorno e non è previsto l‘incasso in contanti. Prenotazione in base alle richieste disponibilità e alle politiche di riempimento di ogni singolo hotel.

Prenotazioni al numero 0472/978108 KYOS 26-48_Ott_Nov_Dic_12.indd 48

www.falkensteiner.com 23/11/12 09:50


Si d S declinano ecli clinano cli nan eventualii rresponsabilità espons espo nsab a i dovute ad errori tipografici o di stampa. a. Le L fotografi g e sono ono solo rappresentative.

Se puoi sognarlo, puoi scriverlo…

nterno

’i Scoprilo all

Speciale o b b o d d A

UN MONDO DI GIOCHI OC DAL 7/11 AL

KYOS 2 KYOS COP__Ott_Nov_Dic_2.indd COP_giugno_10.indd 2

13/12/2012

SIAMO PIENI DI IDEE

22/11/12 15:45 17:34 26/05/10


La speculazione finanziaria continua a lavorare a pieno ritmo. Le lobby bloccano ogni tentativo di regolamentazione dei mercati. Noi siamo chiamati a “stringere la cinghia” e ad accettare tagli al welfare e ai diritti. Hai mai pensato a chi fornisce la materia prima al sistema finanziario? Siamo noi: sottoscriviamo prodotti bancari, depositiamo i nostri risparmi, investiamo in titoli e fondi. Sono i nostri soldi, possiamo chiedere trasparenza, possiamo agire. Partecipa su www.nonconimieisoldi.org

KYOS VERONA OTTOBRE - NOVEMBRE - DICEMBRE 2012 N. 57 - DISTRIBUZIONE GRATUITA - POSTE ITALIANE S.P.A. - SPEDIZIONE IN ABBONAMENTO POSTALE - D.L. 353/2003 (CONV. IN L. 27/02/2004 N° 46) ART. 1, COMMA 1, CNS VERONA - PREZZO A COPIA € 2,0

Diventa protagonista Delle tue scelte finanziarie

KYOS VERONA OTTOBRE - NOVEMBRE - DICEMBRE 2012

Publistampa Arti grafiche | gennaio 2012

giocano alla finanza casinò con il risparmio Dei cittaDini?

MUSICA

KYOS COP__Ott_Nov_Dic_2.indd 1

OTTOBRE - NOVEMBRE - DICEMBRE 2012

ripartiamo dai giovani Adriano Celentano Gian Antonio Stella Philippe Daverio Emilio Giannelli The Collect Valeria Ferrari Emma Pecirep Verona Calcio Femminile Paolo Paternoster

ARTE

TEATRO

SPETTACOLO

DESIGN

SPORT

TEMPO LIBERO

PERSONAGGI

CULTURA

CUCINA

VIAGGI

AUTO

NATURA

22/11/12 17:34

Kyos Verona Ottobre Novembre Dicembre 2012  

Ripartiamo dai giovani