Page 1

MMXXI ANNO XIII

N° 97 Agosto - Août - August - ‫ سطسغأ‬2021 Magazine non periodico e gratuito fondato e diretto da Jean Bruschini nel 2008

LA DEA MADRE

LA DÉESSE MÈRE - LA DIOSA MADRE

LORETTA ROSSI STUART

A PAGINA 3 IL PALINSESTO DI KULTURA WEB TV A PAGE 3 TOUS LES PROGRAMMES DE KULTURA WEBTÉLÉ EN LA PÁGINA 3 LOS PROGRAMAS DE KULTURA WEB TV


KULTURA WEBTV : Editoriale - Éditorial - Editorial Kultura Magazine è un giornale multimediale, gratuito, non periodico, laico, apolitico e plurilingue per la promozione dell’Arte e della Cultura, creato da Jean Bruschini nel 2008. Per contattare la redazione e/o inviare testi, scrivere a: kultura@hotmail.it La pubblicazione è gratuita e aperta a tutti: autori, artisti, editori, enti e associazioni. La pubblicità di settore è gratuita. Kultura Magazine e Kultura WebTélé sono strumenti di diffusione indipendenti. Kultura Magazine est un journal multimédia, gratuit, non périodique, laïque, apolitique et multilingue pour la promotion de l’Art et de la Culture, créé par Jean Bruschini en 2008. Pour contacter la rédaction et/ou envoyer des textes, écrivez à : kultura@hotmail.it La publication est gratuite et ouverte à tous : auteurs, artistes, éditeurs, organismes et associations. La publicité sectorielle est gratuite. Kultura Magazine et Kultura WebTélé sont des instruments de diffusion indépendants. Kultura Magazine es un periódico multimedia, gratuito, no periódico, laico, apolítico y multilingüe para la promoción del Arte y la Cultura, creado por Jean Bruschini en 2008. Para contactar con la redacción y / o enviar textos, escribir a: kultura@hotmail.it La publicación es gratuita y abierta a todos: autores, artistas, editores, organizaciones y asociaciones. La publicidad del sector es gratuita. Kultura Magazine y Kultura WebTV son medios independientes. DIRITTO D’AUTORE: tutto i diritti appartengono ai rispettivi autori (loghi, testi, foto, musica). La redazione riceve il materiale via email e non è in grado di verificare la paternità di ogni singola opera. Segnalateci eventuali abusi. DROIT D’AUTEUR: tous les droits appartiennent aux auteurs respectifs (logos, textes, photos, musique). L’équipe éditoriale reçoit le matériel par courrier électronique et n’est pas en mesure de vérifier la paternité de chaque œuvre individuelle. Signalez tout abus. DERECHOS DE AUTOR: todos los derechos pertenecen a los respectivos autores (logotipos, textos, fotos, música). El personal editorial recibe el material por correo electrónico y no puede verificar la autoría de cada trabajo individual. Informar cualquier abuso.

IN QUESTO NUMERO - DANS CE NUMERO - EN ESTE NÚMERO: . LORETTA ROSSI STUART: LA DEA MADRE (LA DÉESSE MÈRE - LA DIOSA MADRE) di Claudio Donati ..............................................................................................pag. 5 . I VIDEO CONSIGLIATI ...............................................................................................7

. L’infanticidio: breve excursus s’un crimine antico di Anita Napolitano .....................................................................................13 . Dal medioevo alla posta elettronica di Jean Bruschini .........................................................................................22 Inoltre: POESIE, LIBRI, FOTO E CD di tanti autori

2


KULTURA WEBTV : il palinsesto - les émissions - los programas KulturaWeb TV: due rubriche settimanali live streaming Kultura Web Télé : deux émissions hebdomadaires en direct Kultura Web TV: dos programas semanales en transmisión en vivo

Kultura WebTv è un’emittente in streaming, fruibile via Internet ed interamente dedicata all’Arte e alla Cultura. Apolitica, laica e completamente indipendente, è stata fondata da Jean Bruschini nel 2004 con la prospettiva di offrire ampia visibilità ad artisti emergenti e non. Oltre ai programmi preregistrati, Kultura trasmette Live due rubriche settimanali: PAUSA CAFFÈ, rubrica culturale del venerdì mattina (alle ore 10 in Italia) e LA MUCCA PAZZA, rubrica tra satira e cultura, in onda il giovedì sera a partire dalle ore 22 (ora italiana) e a cui partecipano artisti da vari paesi del mondo. Gli utenti collegati possono assistere alla diretta oppure partecipare attivamente in teleconferenza. Kultura WebTv est une chaîne de streaming, accessible via Internet et entièrement dédiée à l’Art et à la Culture. Apolitique, laïque et totalement indépendante, elle a été fondée par Jean Bruschini en 2004 dans le but d’offrir une large visibilité aux artistes émergents et professionnels. En plus des programmes préenregistrés, Kultura diffuse en direct deux émissions hebdomadaires : PAUSE CAFE’, émission culturelle du vendredi matin (10h à Paris) et LA VACHE FOLLE, une émission diffusée le jeudi soir à partir de 22 (heure de Paris), à laquelle participent des artistes de divers pays du monde. Les utilisateurs connectés peuvent regarder la diffusion en direct ou participer activement par téléconférence. Kultura WebTv es una emisora ​​de streaming, accesible a través de Internet y totalmente dedicada al arte y la cultura. Apolítica, laica y completamente independiente, fue fundada por Jean Bruschini en 2004 con el objetivo de ofrecer una amplia visibilidad a artistas emergentes y no emergentes. Además de los programas pregrabados, Kultura emite en directo dos columnas semanales: DESCANSO CAFÉ, una columna cultural el viernes por la mañana (a las 10 am en Italia) y LA VACA LOCA, una columna entre la sátira y la cultura, emitida el jueves por la noche a partir de 22 h (a las 22 pm en Italia) y en el que participan artistas de varios países del mundo. Los usuarios conectados pueden ver la transmisión en vivo o participar activamente en una teleconferencia. PAUSA CAFFÈ - PAUSE CAFÉ - DESCANSO CAFÉ Venerdì - Vendredi - Viernes ITALIA: h10 FRANCE: 10h MEXICO: 14h BOGOTA: 15h LIMA: 15h SANTIAGO: 16h CARACAS: 16h MONTREAL: 16h BUENOS AIRES: 17h MONTEVIDEO: 17h MAROC: 20h TUNISIE: 21h ALGERIE: 22h

LA MUCCA PAZZA

LA MUCCA PAZZA: LA VACHE FOLLE - LA VACA LOCA Giovedì - Jeudi - Jueves ITALIA: h22 FRANCE: 22h MEXICO: 14h BOGOTA: 15h LIMA: 15h SANTIAGO: 16h CARACAS: 16h MONTREAL: 16h BUENOS AIRES: 17h MONTEVIDEO: 17h MAROC: 20h TUNISIE: 21h ALGERIE: 22h

3


KULTURA WEBTV : il palinsesto - les émissions - los programas - tv programs

AIUTACI A DIFFONDERE KULTURA MAGAZINE

Le donazioni volontarie, anche minime, sono ben accette. Impaginare questa rivista richiede molto lavoro, tempo e denaro. Se intendi contribuire:

LA MUCCA PAZZA storica trasmissione Live, in onda dal 2008. Gli utenti si collegano via Zoom in teleconferenza e partecipano alla trasmissione come protagonisti, promuovendo le proprie attività artistiche/culturali, per leggere poesie o comunicati. Durante la trasmissione può accadere di tutto, poiché non è indispensabile essere troppo seri.

PER SEGUIRE LA DIRETTA STREAMING POUR REGARDER LA DIFFUSION EN DIRECT PARA VER LA TRANSMISIÓN EN VIVO

LA VACHE FOLLE émission historique, diffusée depuis 2008. Les utilisateurs se connectent via Zoom par téléconférence et participent à la diffusion en tant que protagonistes, faisant la promotion de leurs propres activités artistiques/culturelles, pour lire des poèmes ou des communiqués de presse. Tout peut arriver pendant la diffusion, car ici vous n’avez pas besoin d’être trop sérieux. LA VACA LOCA transmisión histórica en vivo, transmitida desde 2008. Los usuarios se conectan a través de Zoom por teleconferencia y participan en la transmisión como protagonistas, promoviendo sus actividades artísticas / culturales, para leer poemas o notas de prensa. Cualquier cosa puede suceder durante la transmisión, ya que no es necesario que sea demasiado serio.

WEBSITE: https://sites.google.com/view/kulturawebtv/segui-la-diretta?authuser=0 YOUTUBE: https://www.youtube.com/channel/UCpJ3XpeIJDgm5O4oj_ZAQIg FACEBOOK: https://www.facebook.com/ giancarlo.bruschini/ 4


LA DEA MADRE LA DÉESSE MÈRE - LA DIOSA MADRE -

LORETTA ROSSI STUART

‫ةهلآلا مالا‬

Loretta Rossi Stuart é una ballerina, attrice e show girl italiana. Autrice di un romanzo di connotazione tantrica, “Erosnauti, viaggiatori nell’eros di tutti i tempi” (Ed. Streetlib) che tratta di reincarnazione, carnalità e spiritualità. Loretta Rossi Stuart est une danseuse, actrice et show girl italienne. Elle est l’auteure d’un roman à connotation tantrique, “Erosnautes, voyageurs dans l’eros de tous les temps” (Ed. Streetlib) qui traite de la réincarnation, du charnel et de la spiritualité. Loretta Rossi Stuart es una bailarina, actriz y show girl italiana. Autora de una novela de connotación tántrica, “Erosnauts, viajeros en el eros de todos los tiempos” (Ed. Streetlib), que trata sobre la reencarnación, la carnalidad y la espiritualidad.

Il mio incontro con la Dea Madre di Claudio Donati E’ una delle prime, afose giornate d’estate, quella in cui decido di avventurarmi sul Monte Soratte per intraprendere un percorso fotografico con Loretta Rossi Stuart. Non ci vediamo da quasi un anno. Da tempo ho voglia di fotografarla, ma bisognava saper aspettare quel qualcosa di inaspettato che attendeva silenziosamente entrambi proprio lì, tra le fascinose asperità del monte che anticamente ospitava sanguigne ritualità pagane. La incontro nel centro di Sant’Oreste, mi accoglie in una piccola, confortevole casa che ha tutto il sapore di un ritiro spirituale fra i taciti viottoli del borgo. Il tempo di offrirmi un caffè, mentre insieme decidiamo gli ultimi dettagli del personaggio che vogliamo rispolverare fotograficamente dal suo fastoso passato, e ci incamminiamo verso il luogo dove Loretta ha promesso di condurmi. Percorriamo una serie di curve su strada dissestata in auto, infine ci fermiamo, imbraccio le attrezzature e seguo Loretta nel folto di una boscaglia pietrosa. Già abbigliata del suo anacronistico abito del color dell’autunno, mi guida sicura fra gli alberi, ed è una macchia di sfavillante amaranto che incede verso il luogo dove presto verrà posseduta dall’antico personaggio della Dea Madre. Quando giungiamo presso un rudere desolato, sono spaesato e già immerso nel clima di magia del luogo. Loretta schiude dunque un’apparentemente insignificante porticina di legno incastonata fra le rocce, e mi fa cenno di entrare. Il caldo, così come l’umanità, ci abbandonano improvvisamente entrando nell’eremo di Santa Romana. Non appena posiziono gli illuminatori, rischiarando l’ambiente, si sviluppano dall’ombra striature cangianti sulle sinuose pareti rocciose che ci si stringono attorno. Il tempo d’impugnare la macchina fotografica, e già Loretta è lì, luminosa e bellissima nelle vesti della Dea Madre, pronta a posare per me. Contagiato dal suo carisma e da quella luce propria che emana la Dea Madre, abbandono me stesso all’atmosfera ieratica che mi avviluppa sempre più. Ci muoviamo fra gli anfratti rocciosi, che toccati dagli illumina5


KULTURA WEBTV : LA DEA MADRE - LA DÉESSE MÈRE - LA DIOSA MADRE - ‫ةهلآلا مالا‬ tori assumono dapprima i colori di un magma ribollente, per poi sfumare verso i toni bluastri e divini dell’incarnazione muliebre voluta da Loretta con tanta decisione. Mi abbandono al flusso delle cose, e ottengo delle immagini irripetibili. Quando più tardi abbandoniamo l’eremo silenzioso, porto con me per l’intero tragitto del ritorno le suggestive pose assunte per me dalla Dea Madre, tanto quanto l’eco costante e conciliante dell’acqua pendente dal soffitto della grotta. Ci salutiamo nel centro di Sant’Oreste, esatamente dove ci siamo incontrati al principio dell’avventura, un’avventura di cui siamo entrambi consapevoli d’aver forse percorso soltanto i primi passi. La mitica e primordiale figura muliebre sulla quale Loretta sta conducendo approfonditi studi ci si è appena rivelata. Mentre ritorno in auto verso Roma, ripenso all’esperienza vissuta, meditando sulla possibilità di esporre quanto prima in una mostra gli scatti della bellissima Loretta Rossi Stuart e della Dea Madre. Ci lega inoltre un altro progetto cinematografico, del quale sono regista, in cui Loretta ha interpretato uno dei personaggi onirici incontrati dalla protagonista. Il titolo del film è Il Viaggio di Gelasia, ed intende narrare con la forma iniziatica della fiaba il tema attuale dei disturbi di ansia e panico, che possono trovare una via di guarigione soltanto nel vero amore. Claudio Donati nasce a Roma, dove si laurea in Storia e Critica del Cinema al DAMS di ROMA TRE. Appassionato di cinema, si cimenta nella regia di cortometraggi e si avvicina alla fotografia per continuare la ricerca sull’immagine e le sue potenzialità espressive. Si occupa inoltre della realizzazione di book fotografici, servizi fotografici per matrimoni ed eventi. Claudio Donati est né à Rome, où il est diplômé en histoire et critique du cinéma au DAMS de ROMA TRE. Passionné de cinéma, il s’engage dans la réalisation de courts métrages et se rapproche de la photographie pour poursuivre ses recherches sur l’image et son potentiel expressif. Il s’occupe également de la création de livres photo, de séances photo pour les mariages et les événements. Claudio Donati nació en Roma, donde se licenció en Historia y Crítica de Cine en el DAMS de ROMA TRE. Apasionado del cine, se dedica a la dirección de cortometrajes y se acerca a la fotografía para continuar investigando sobre la imagen y su potencial expresivo. También se ocupa de la creación de álbumes de fotos, sesiones de fotos para bodas y eventos.

©Testi e foto di Claudio Donati linkedin.com/in/claudio-donati-66740521 claudio.donati.ld@gmail.com

6


KULTURA WEBTV : I video consigliati

L’Italia non ama i propri figli. Jean Bruschini intervista 5 ragazzi italiani che studiano e lavorano in Germania.

I colori del tempo - Showreel Claudio Donati in una sua produzione in qualità di regista.

Showreel Loretta Rossi Stuart Una compilation con varie interpretazioni dell’attrice.

Mario De Rosa Poesia dialettale “Virtet’aruci”

Mujeres del mundo Recital Poetico Casa Editorial Papel y Lapiz

Julio César Pavanetti Gutiérrez lee un poema en el XIV FIP Palabra en el mundo en Chiapas

LA RIVISTA È INTERATTIVA, CLICCA PER ESSERE INDIRIZZATO AL VIDEO LE MAGAZINE EST INTERACTIF, CLIQUEZ POUR ÊTRE ADRESSÉ À LA VIDÉO LA REVISTA ES INTERACTIVA, HAGA CLIC PARA DIRIGIRSE AL VIDEO

7


KULTURA WEBTV : Poesia - Poésie - Poemas: kultura@hotmail.it si stende in silenzio ai piedi delle piramidi, solidale con l’eternità dei predecessori. Penetra lo sguardo dell’Uomo nella carne e lo spirito guarda attraverso i suoi occhi. In una vita precedente ha pianto la ragione di essere l’ombra dei cedri e dei fichi sulle colline della grazia. La vita è sopportabile per l’abbondanza di senso che offre quando respiriamo. Quella speranza Due coppe di assenzio e nella noia del vissuto la sinfonia stridula, dislessica come una promessa, arresta i battiti del cuore demolendo la mente. un fruscio di suoni - l’Uomo. L’Uomo ignoto sostenne L’orologio batte il gong il fremito della ricerca, incantanto e poi il nulla. divaga l’anima Eclissi totale! nel brivido della novità. Infinite volte, il silenzio Con indulgenza carica assordante plasma di stanchezza illusione evanescente, l’Uomo legge i filosofi. ambiguità perversa. Si distinguono L’Uomo - un cavallo di razza procrea l’ontologico equilibrio. dai semplici mortali, essi rimanendo Nella similitudine omerica prigionieri degli interessi ama e sogna angosciato dalla natura di ostilità benigna, e delle formule scritte sulle tavolette di marmo antico, perdendosi nel nulla, testimonianze nell’eco vibrante di tempi tramontati. nella notte di voci solitarie. Il sogno dell’Uomo penetra L’Uomo straziato dal dolore constante la veglia, vigila condannato nel sonno che marcisce all’affanno perpetuo. L’Uomo ha paura dei lati oscuri nei bivi dei sensi perplessi, scansando noie dell’anima-donna. ataviche e illusioni. Nell’introspezione Elegia dell’Uomo convinto sono geroglifici da decifrare, prima dell’inizio come quelli trovati del mormorio dello spirito, accanto alle mummie egizie. inconfesso e occulto Con le bende al cuore, stillando il sangue,

L’Uomo dell’eclissi totale Lidia Popa: Roma, Italia

8

deriso e nostalgico, madrigale furioso del mondo addolorato, forza originaria esaurita dallo smacco del tempo. Sospiro di battuta bucolica, l’Uomo non può essere una pianta, nemmeno un mesto lamento dell’intelligenza a mendicare il mondo delle donne. Cosciente del naufragio spirituale, del desiderio nell’incompiutezza, cessa questo eterne supplizio dei mondi ineffabili, animando con un brivido la follia dell’assoluta sincerità. L’Uomo - uno sprazzo di luce nell’oscurità del midollo dell’anima, riempiendo un foglio avorio di vivide scosse spirituali. La coscienza dell’Uomo è al limite della sopportazione. E se mi perderò, tu, Uomo mi ritroverai nei versi distesi sulla camicetta di seta, vedi e non vedi, perché la vita è insopportabile per l’indefinito che nasconde. Gli sbadigli della speranza, le noie dell’evidente demoliscono la mente, arrestando i battiti del cuore stremato dal mistero dell’Uomo ideale che non esiste. https://www.facebook.com/lidia.popa1


KULTURA WEBTV : Poesia - Poésie - Poemas : kultura@hotmail.it Cordial saludo, un abrazo desde Colombia. Envío poemas, espero sean de su agrado Atentamente, YALEIDYS VILORIA NORIEGA (Saloa-Cesar, Colombia, 1978) Licenciada en Lengua Castellana e Inglés, Especialista en Lúdica Educativa. Docente en el área de humanidades. Miembro activo de los colectivos Papel y Lápiz y LibertArte. Inspirada por el entorno en su totalidad. La naturaleza es el refugio y enlace de energía cósmica que entretejen un enjambres de grafías que se conciben in vitro entre la humanidad interna y externa del ser, la poesía es el producto de esta relación incorpórea a veces mezclada con el ímpetu cabalgante de la prosa traviesa en la narración de anécdotas costumbristas. El llanto del silencio

Las Filas de la muerte

El silencio destroza la noche con sus dedos de metal, Las filas de la muerte azotan tu mirada, deambula infraganti entre sollozos y quejidos, la virtud de la vida, se asoma a la deriva, la crueldad de sus inquietantes y primitivos ojos, sombras inicuas que corren sin cesar, la buscan entre pedazos rasgados. la muerte es la vida, un convenio de paz. Su sarcástico llanto congela la lúgubre penumbra, y despertó empapado, dudando el encuentro. Destrozos entre el tiempo místico y banal. La Tristeza me encarna Incertidumbre, triste esperanza, encarna con asechanzas el verbo y el púgil, sombreada noche de puños, Polutan sor peri, una batalla se acerca, la aurora necia es alguacil, solo queda de la lucha, esa chamuscada carcajada, presa y sin dolientes que agonizante la lona descubrió. Con mordiscos y pocas raspaduras la negrura de su piel advirtió. Y entre marañas, uñas y golpetazos al amanecer enfrentó.

9

Rumiante luz que ejecuta un molde, espectro en tétrica existencia, arcoíris en decadencia, alucinas el final, duelo, suelo y sinsentido, lo único a ganar.


KULTURA WEBTV : Poesia - Poésie - Poemas: kultura@hotmail.it Julio César Pavanetti Gutiérrez (Julio Pavanetti) https://www.liceopoeticodebenidorm.com/ https://www.facebook.com/liceopoeticodebenidorm Poeta e direttore culturale, nato a Montevideo [Uruguay] il 27 luglio 1954. Nel 1977, ha deciso di lasciare l’Uruguay nel contesto di una situazione socio-politica molto difficile, a seguito della dittatura civile-militare che ha sequestrato il paese dopo un colpo di stato. Da allora fino al 2013 ha vissuto a Benidorm, Alicante [Spagna], attualmente risiede a Villajoyosa, Alicante [Spagna]. Fondatore e attuale presidente dell’associazione internazionale di poeti “Liceo Poético de Benidorm”. Julio Pavanetti es Poeta y Gestor Cultural, nacido en Montevideo [Uruguay] el 27 de julio de 1954. Su nombre completo es Julio César Pavanetti Gutiérrez. Decide abandonar Uruguay en 1977, en el contexto de una situación sociopolítica muy difícil, producto de la dictadura cívico-militar que se apoderó del país tras un golpe de estado. Desde entonces hasta 2013 ha vivido en Benidorm, Alicante [España], actualmente reside en Villajoyosa, Alicante [España]. Fundador y actual presidente de la asociación internacional de poetas ‘Liceo Poético de Benidorm’. LAS AGUJAS DEL TIEMPO Cambian de formas como el dios Proteo. Vitruvio ya decía que en las noches Clepsidra le robaba al agua el tiempo. Y con el sol, el gnomon era el guía cuya sombra indicaba la medida del paso de las horas. Guardianas del museo de los tiempos, las agujas se buscan y se encuentran a las puertas del laberinto horario. Su destino es extraño, reposan o despiertan bruscamente remarcando crepúsculos y auroras, victorias y fracasos. Retroceden o avanzan silenciosas obedeciendo a algún raro capricho, con suerte adversa o suerte más propicia, más allá de la celda transparente de ese tiempo que nunca se detiene. El tiempo minucioso lima horas, esas horas que, a veces, se hacen largas... Pero la vida es corta.

IN UN VERSO Ho voluto scrivere i miei pensieri, esporre le domande che mi inquietano, denunciare oltraggi ed ingiustizie, mostrare la mia disubbidienza davanti all’eccesso, il mio rifiuto assoluto al dispotismo, la mia indignazione tenace di fronte alla corruzione. Ho voluto esprimere le mie divergenze, filosofare, cercare luce nelle ombre, affrontare le trasformazioni del corpo, trovare risposte ai miei dubbi. Ho voluto lasciare solo in un verso - sapendo che sono polvere e tutto eccede – un messaggio di amore per il futuro prima di scomparire nella penombra. Ho voluto, affinando la mia coscienza, calcolare la distanza tra la vita e la morte che è in un poeta, ma oggi mi mutilano lo sconforto e la vergogna. Il sole riscalda poco dietro il patibolo della sera. L’afflizione è una pozzanghera che l’ombra ingrandisce e che indebolisce il mio scopo di ricerca ostinata di una poesia che testimoni l’ultimo desiderio.

VIDEO: Corazón abierto, presentazione del libro di Julio Pavanetti 10


KULTURA WEBTV : Poesia - Poésie - Poemas I vapori della speranza. Barconi come pentole a pressione, in esse bollono i sogni immaginati. Le onde s’accavallano sulle anime dannate dal pensiero d’approdare. La valvola di scarico sibila col vapore di corpi accatastati fino a bucare i timpani del cuore. Ignari, con la parola morte, firmano il contratto della loro vita. L’infanzia, un’odissea, che naufraga sull’isola delle speranze uccise.

Anna Giordano è ospite fissa alle rubriche: LA MUCCA PAZZA, il giovedì sera alle 22 e PAUSA CAFFÈ, il venerdì mattina alle 10

Sono penna-dipendente, subisco volentieri trasfusioni d’emozioni in vena poetica, applico la terapia del racconto per sanare la febbre della scrittura, che si manifesta con attacchi notturni e diurni provocando un piacevole trasporto che colma ogni lacuna della mia anima. Per ulteriori informazioni consultare i seguenti link: http://anna-giordano.blogspot.com http://oltrelasiepelaverita.blogspot.com

Vite traghettate muoiono negli abissi, di un mare solamente nostro, e l’impotenza di non salvarli tutti, ci rende solo amari spettatori

I vecchi Fissano il vuoto in cerca di qualcosa è nel passato che amano sostare da quel presente si sentono già assenti.

Ingordigia Pezzi di pane, l’Africa, un cibo Afrodisiaco che ognuno cerca d’arraffare.

Abbandonati sulla panchina nel prato affogano la solitudine nell’abbraccio del sole, in cerca di calore che ormai da troppo tempo al gelo li ha affidati.

In molti hanno riempito la dispensa lasciando chi è affamato guardare la loro pingue pancia e quel pane, proibito di toccare, ammuffisce là, e non li sfama!

11


KULTURA WEBTV : il libro - le livre - el libro LE FOTO SALVATE di Tosca Pagliari

Le foto salvate Copertina flessibile 294 pagine ISBN-10:1792714777 ISBN-13:978-1792714771 € 14,51 Amazon libri

SINOSSI Da una casa caduta in rovina emergono vecchie fotografie ed insieme ad esse tutto un passato da rivivere cercando di riallacciare le fila delle varie le storie che si sono incrociate. In un viaggio di poco più di cento anni si ripercorrono differenti luoghi, personaggi, parlate e mentalità. Il tutto in un suggestivo intrecciarsi di destini. Ogni personaggio che appare sulla scena porta in sé anche un po’ di chi lo ha preceduto perché nulla accade per caso. Nella saga familiare la casa stessa mantiene un’energia particolare diventando personaggio tra i vari personaggi. Gli eventi si svolgono a partire dal 1860 tra Toscana e Sicilia e si assiste ai vari cambiamenti storici, sociali, economici e culturali fino agli inizi degli anni Settanta. Tutto ha inizio da una baronessa siciliana ripudiata e da un garibaldino toscano. Le due storie scorrono parallele fino ad incontrarsi con l’apparire sulla scena della protagonista, una bambina che si troverà a crescere in realtà diverse e ne diventerà il collante amalgamandole nel suo temperamento fino alle soglie dell’adolescenza. Da adulta inseguirà il sogno di riscattare la casa ed in ogni modo cercherà di coinvolgere i propri figli con il racconto dei fatti per dare loro l’occasione di elaborare un’ identità più profonda. Palpitanti UniVersi di Tosca Pagliari

Palpitanti UniVersi Copertina flessibile: 174 pagine ISBN-10:1326765116 ISBN-13:978-1326765118 € 8,5 Amazon libri

Ecco la mia raccolta di poesie vecchie e nuove. Le ho messe insieme senza rispettare un ordine cronologico, ma distribuendole per emozioni legate a ricordi, immagini, pensieri, sensazioni. Ho inserito anche alcune delle poesie scritte in epoca giovanile. Sono divise in diverse sezioni. DAL QUADERNO BLU (scritte durante il periodo mia giovinezza). CIELO, TERRA E MARE ( ambientazioni naturalistiche che fanno scaturire riflessioni interiori). PENSIERI E SENTIMENTI ( una sfaccettatura di tutti quei sentimenti che possono accendersi nell’animo umano). TEMPO FUORI E DENTRO ( Si tratta di un tempo che perde la dimensione reale e non e piu quantificabile poiche diventa tempo interiore). DEDICHE (sono omaggi, sono fiori del cuore regalati ad alcune persone). MODERNA-MENTE (racchiude impressioni su temi attuali). LA MAESTRA (poesie scritte recentemente per i miei giovanissimi alunni). Ho aggiunto anche degli AFORISMI (sono il mio specchio interiore senza pretese di possedere grandi verita). 12


KULTURA WEBTV : L’infanticidio: breve excursus s’un crimine antico L’infanticidio: breve excursus s’un crimine antico di Anita Napolitano - Roma Il fenomeno dell’infanticidio, ossia l’uccisione volontaria del neonato o del bambino, affonda le proprie radici in tempi assai remoti e riguarda, non solo le più famose popolazioni occidentali che ci hanno preceduto, ossia i Greci e i Romani, ma anche altre genti più antiche o primitive, come ci tramanda la storia. Esso è narrato dalla letteratura ed è presente in molti rituali mistico-religiosi. Parlando di infanticidio, bisogna distinguere l’aspetto del cosiddetto feticidio, che, sebbene equiparato giuridicamente al primo, è dettato da ragioni molto diverse. Il feticidio, infatti, sta ad indicare l’uccisione del nascituro prima o durante il parto. Nei secoli scorsi, questa pratica era usata di frequente dalle donne non sposate, ossia entrate in gravidanza senza matrimonio; poiché tale condizione era ritenuta immorale, l’uccisione del feto aveva lo scopo di difendere l’onore della ragazza e di ripristinarlo insieme a quello della sua famiglia. Diverse, invece, le motivazioni alla base dell’infanticidio. Etimologicamente, la parola infanticidio ha origine da infante, che deriva, a sua volta, dal latino infans, bambino. Infante fu introdotto in Spagna nel XIII secolo, per designare il figlio maschio, primogenito e legittimo, del re. In seguito, questo titolo fu sostituito da quello di Principe delle Asturie, poiché il primogenito era destinato a diventare Re di Castiglia. Il nome infante, tuttavia, non venne abolito, ma trasferito a tutti gli altri figli del re e, generalmente, fu esteso per indicare ogni bambino comune. Poiché solo il figlio primogenito maschio poteva accedere al trono, spesso accadeva che la regina, e lo stesso re, uccidessero il primo nato, al fine di garantire la successione al secondogenito. Ciò avveniva quando il neonato era in vita già da diversi giorni, quindi non più in forma di feto. Appare chiaro come la decisione che spingeva all’infanticidio, nell’ambito delle case reali, fosse per motivi puramente politici, ossia per ragion di Stato. Nelle famiglie comuni, invece, esso serviva a occultare l’adulterio compiuto dalla donna, o anche per eliminare figli dall’aspetto sgradevole o con malattie deformanti. In merito a quest’ultimo caso, la storia e la letteratura ci offrono svariate testimonianze. Ad esempio, lo storico greco Licurgo, nei suoi scritti sugli usi e costumi del popolo spartano, riferisce la brutale usanza di gettare i bambini affetti da malformazioni nella voragine sottostante al Monte Taigeto. In questo caso, i motivi dell’infanticidio vanno individuati nel modus vivendi e nella cultura della popolazione di Sparta, storicamente nota per la crudeltà e per l’inclinazione alla guerra e a tutto quanto la riguardasse; di conseguenza, le virtù privilegiate erano la perfetta salute e il vigore fisico. Dal momento che gli Spartani addestravano fin dalla prima infanzia i propri figli all’arte del combattimento, era considerata vergogna crescere bambini malati, deformi, incapaci di difendersi. Sopprimendoli, dunque, essi si liberavano di pesanti fardelli, inutili e nocivi alla società. Come s’è accennato, oltre ai Greci, anche i Romani praticavano l’infanticidio, con motivazioni che rientrano sia nella sfera storica, sia in quella mistico-religiosa. Molti storici concordano nell’attribuire a Livia, seconda moglie dell’Imperatore Augusto, l’uccisione del bambino legittimo erede al trono, per sostituirvi il suo primogenito avuto dal matrimonio precedente. Sotto l’impero di Nerone, inoltre, erano diffusi riti religiosi e magici importati dall’Oriente, che prevedevano anche il sacrificio dei neonati. In epoca posteriore alla nascita di Cristo, si ha testimonianza di popolazioni di origine celtica e scandinava, che veneravano le divinità offrendo loro il sangue dei bambini. Né va dimenticato l’eccidio dei primi nati ebrei da parte degli Egizi, documentato dai 13


KULTURA WEBTV : L’infanticidio: breve excursus s’un crimine antico nostri Testi Sacri e da altri scritti storici. In questo caso, le ragioni che mossero il popolo egizio a commettere tale strage, oltre che un esplicito significato religioso, ebbero di sicuro una forte valenza politica, poiché, com’è noto, il popolo ebreo stava conoscendo una tale espansione demografica da non poter essere più tenuto a lungo in schiavitù. Un popolo estraneo al ceppo europeo, che impiegava anch’esso l’infanticidio con finalità religiose, è quello degli Aztechi. Come quasi tutti i popoli precolombiani, essi praticavano una religione politeistica e avevano una cultura religiosa molto profonda. Ossessionati dalla precarietà cosmica, credevano che la loro esistenza fosse costantemente minacciata dalle popolazioni nemiche e dalla collera degli Dei. Essi, pertanto, pregavano le divinità, offrendo loro sacrifici umani nei quali, spesso, immolavano i bambini. Come per gli Spartani, tali sacrifici erano concepiti per il bene della comunità, ritenendo che, più numerose erano le vittime, più gli Dei avrebbero concesso prosperità al popolo. Come sappiamo, in letteratura sono molte le vicende che narrano storie di infanticidio. Per tornare all’antichità, è d’obbligo ricordare la tragedia Medea, nelle due versioni scritte rispettivamente da Euripide e da Seneca. La maga Medea, in preda al furore causatale dal tradimento di Giasone, uccide per vendetta i propri figli. Anche qui predomina l’elemento mistico: infatti, la donna, prima di compiere l’atto criminoso, esegue un rito magico di propiziazione. Essendosi così assicurata il favore degli Dei, ella compie l’assassinio, col quale potrà cancellare per sempre ogni legame con Giasone. Ma, al di là di questa motivazione psicologica, molti scrittori ritengono che, in realtà, Medea avesse ucciso i propri figli per impedire che la progenie greca potesse un giorno soppiantare quella orientale, come poi, di fatto, accadde. Anche in Medea, dunque, esiste un movente politico dell’infanticidio, come abbiamo osservato già a proposito degli Egizi. Una leggenda antecedente al mito di Medea, riguardante anch’essa il sacrificio di un figlio, è quella narrata da Omero nell’Iliade, dove il re Agamennone uccide Ifigenia bambina per propiziarsi gli Dei e vincere la guerra contro Troia. Nuovamente prevale anche qui il motivo religioso unito alla finalità politica. Ma, uscendo dal mito e dalla letteratura, e guardando ai giorni nostri, dobbiamo osservare con costernazione che il crimine dell’infanticidio continua a mietere ancora molte vittime, e in numero che, di anno in anno, tende ad aumentare in modo esponenziale. Ce ne informa, attraverso i media, la cronaca nera, sempre più fitta di delitti particolarmente violenti. Ma, i motivi scatenanti non sono troppo diversi da quelli del passato. Si uccidono i figli in tenera età per vendicarsi di un tradimento, oppure per grave disagio psicologico e sociale da parte della madre o del padre; si immolano neonati nei riti praticati dalle sette di Satana; si impiegano bambini come kamikaze o si sfruttano per scopi bellici in quei Paesi dove i conflitti sono più aspri e senza soluzione. Tutte queste motivazioni, come in passato, hanno lo scopo di giustificare un atto criminale che, non solo pone fine a una vita umana in tenera età, ma mina profondamente la società, riducendola nella specie e impoverendola nei suoi valori strutturali. Un episodio atroce di infanticidio fu quello accaduto a Roma nel 2012, quando Patrizio Franceschelli, il 4 febbraio, nei gelidi giorni della neve, lanciò nel Tevere il proprio figlioletto Claudio di appena 16 mesi. L’uomo, subito reo confesso, compì il crimine in seguito all’ennesimo litigio con l’ex compagna e mamma del piccolo, per vendetta contro la donna che lo aveva lasciato. Il corpicino del bimbo fu trovato solo il 29 marzo, alla foce del Tevere, quando due ragazzi notarono un fagottino nel fiume e diedero l’allarme. Il padre, già arrestato con l’accusa di omicidio volontario, aggravato dal vincolo di parentela, fu condannato a trent’anni. L’opinione pubblica rimase fortemente scossa dalla vicenda. Altrettanto io, che decisi di scrivere una poesia in memoria del piccolo Claudio. La riporto qui, a conclusione di questo mio excursus sull’infanticidio, con l’intento di offrire al lettore qualche spunto di riflessione:

14


KULTURA WEBTV : L’infanticidio: breve excursus s’un crimine antico Ninna nanna Al bimbetto gettato nel Tevere (il 2 febbraio 2012 dal papà) Ninna nanna, nanna ninna er pupetto vo’ la zinna Al Fiume barbuto, Beatrice ha affidato il bianco respiro… e il fetido braccio dell’ orbo quel giorno sull’ orlo di marmo ha amputato… Sul ponte glorioso… tra i ponti allineati, piove la neve… e il sole bagnato ha bendato le ciglia. E da lì che è volato… giù, giù tra gli opachi fondali e… tra i ciuffi di erba bagnata. Beatrice ha comunque sperato e senza la testa…lì, lì, lì in ginocchio ha pregato. E su, su, su in cima al castello l’ arcangelo biondo ha riposto la spada e contempla le strade , le case e le vite di carta… Chino è il suo capo e attenti i suoi occhi a cercare il figlio adottivo del fiume, e giù, giù, giù con mano fiorita… il bimbo accarezza. E su, su, su quando il buio inghiotte la luce, le acque clandestine s’ acquietano, piove la neve E giù, giù, giù fradice le zolle dal cuore grosso tacciono. E su, su, su increduli i gabbiani d’ asfalto cercano riparo sotto le arcate dei ponti allineati. Affannate giungono le figlie di Tevere con la cornucopia, Beatrice piange e canta la ninna nanna: Ninna nanna nanna ninna er pupetto vo’ la zinna... E giù, giù, giù dorme il figlio di Medeo nel giaciglio di fogliame. Requie non trova il braccio orbato e giù, giù, giù nell’ abisso ammara e il bimbetto gli tende le candide manucce . Note: Fiume barbuto: Tevere Beatrice Cenci: giovane nobildonna romana accusata di parricidio e giustiziata in pubblica piazza a Castel Sant’ Angelo. Una leggenda narra che il fantasma dell’ eroina si aggira nei pressi del greto del fiume dove è stata rinvenuta la spada lunga 101 cm Ponte glorioso: ponte Mazzini che collega il lungotevere dei Sangallo al lungotevere della Farnesina dove è stato gettato il bimbo dal papà L’ arcangelo biondo nell’ atto di rinfoderare la spada giustapposto sull’ antico Mausoleo di Adriano situato sulla sponda destra del Tevere... lascia immaginare una pace mai definitiva. Ninna nanna nanna ninna er pupetto vo’ la zinna… testo di Trilussa rivisitato da Baglioni Anita Napolitano SE GRADISCI IL LAVORO CHE STIAMO SVOLGENDO PER OFFRIRE VISIBILITA’ GRATUITA, CLICCA QUESTO LINK E ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE YOUTUBE KULTURA WEBTV. SI VOUS AIMEZ LE TRAVAIL QUE NOUS FAISONS POUR VOUS OFFRIR UNE VISIBILITÉ GRATUITE, CLIQUEZ SUR CE LIEN ET ABONNEZ-VOUS À NOTRE CHAÎNE WEBTV YOUTUBE KULTURA SI LE GUSTA EL TRABAJO QUE ESTAMOS HACIENDO PARA OFRECERLE VISIBILIDAD GRATUITA, HAGA CLIC EN ESTE ENLACE Y SUSCRÍBETE A NUESTRO CANAL YOUTUBE KULTURA.

15


KULTURA WEBTV : L’infanticidio: breve excursus s’un crimine antico Anita Napolitano è nata a Roma, città in cui vive e lavora. Si è laureata in Scienze umanistiche all‘Università La Sapienza di Roma con una tesi di antropologia sociale dal titolo: Il rito, il teatro, lo spettacolo. Ha scritto vari testi teatrali, tra i quali ricordiamo: Il monologo “Beatrice Cenci: la notte prima di essere decapitata” rappresentato nella prestigiosa cornice di Castel Sant’Angelo dall’attrice Valeria Zazzaretta e nell’Abbazia di San Salvatore Telesino (BN). Nell’ambito del Festival internazionale delle Nazioni con Angelo Filippo Iannoni Sebastianini e Carla De Angelis ha organizzato “Gli Eventi del Tempietto” Spazio Poetico dal 2015 al 2019.

Il video-documentario: BEATRICE CENCI: LA NOTTE PRIMA DI ESSERE DECAPITATA È tratto da un monologo di Anita Napolitano e interpretato dall’attrice Valeria Zazzaretta. Regia e voce narrante di Jean Bruschini; Scenografia: Luana Trabuio; Costumista: Luigia Guarnieri Valeria Zazzaretta, attrice. Ha interpretato molti ruoli sia per il cinema sia per la televisione. Per conoscerla meglio, visita i seguenti siti: http://www.fabioiellini.com/ValeriaZazzaretta.html https://www.rbcasting.com/rb/web/valeriazazzaretta

A sinistra: l’attrice Valeria Zazzaretta; nell’immagine a destra, Bestrice Cenci. Olio di Guido Reni, 1599. Beatrice Cenci (Roma, 6 febbraio 1577 – Roma, 11 settembre 1599) fu una giovane nobildonna romana abusata dal padre e in seguito giustiziata per parricidio.

16


KULTURA WEBTV : Poesia - Poésie - Poemas ANGELA PENAGOS LONDOÑO Medellín - Colombia Poeta, contadora de historias, gestora cultural, presidente de la Red de mujeres artistas de Medellín, presentadora del programa Alma de artista del Canal Zona 6 TV. Ha publicado los libros de poesía: Silencio del mandala, Ecos de Marimba, Umbral del Ángel, Flor de Ariza, ganador de estímulos 2016 de la Alcaldía de Medellín, Titania, premio nacional de poesía otorgado por el Museo Rayo en el XXXV encuentro de Mujeres poetas colombianas en Roldanillo-Valle, 2019 y que será editado este Canastilla de hilos año por Sial Pigmalión de España.

Abuelita de maíz Corazón de vida, de agua, delantal de oliva, su voz cae sobre el mundo en amasares de ternura con arrullos de amor. Mujercita grano de maíz.

A veces los hilos se quedan guardados Alma de mujer igual que las ideas Una mujer tiene alma de sol entero, que nacen y mueren en mí. trae reflejos de ternura con música de los afectos.

Una mujer, conoce la luz del paraíso que mira a veces en la costumbre de su oficio.

La vi moliendo la tristeza sacudiendo el olvido en su tránsito de nieve.

Una mujer, imagina la vida en plural, camina por las calles con esa amiga que conoce el sufrimiento.

Abuelita semilla antigua tiempo de eternidad raíz de tierra.

Una mujer, se levanta muchas veces Imagina nuevos sueños, en esta ciudad

Eres corazón del cielo puerta de la montaña hogar del sol

Verde azulado, rojo húmedo, blanco flotante en el recuerdo que hilvanan las heridas de las sombras. Mis manos enhebran la aguja y bordan el tiempo en leve luz de minutos. Hoy se que vine a remendar la tristeza con puntadas repetidas y gotas que llegan de la nube. Por el dedal, las tijeras y el ovillo asciendo al otro santuario de mi madre y en el fondo del muro, nadie, nadie perturba el ritual del adiós.

17


KULTURA WEBTV : Il libro - le livre - el libro

Barastiria: la nuova dimensione dei viaggi interstellari “Mi sentivo divisa tra un passato in cui ero stata una figlia umana e serena, e un futuro, il quale appariva ambiguo, oscuro. Di una cosa ero certa: in quel futuro prossimo, non sarei più stata la stessa.” Ritorno a Barastiria è il titolo del nuovo libro edito dalla Casa Editrice Horti di Giano. Nato dalla penna di Viviana Maria Nobile, questo testo racconta la storia di Sora, una giovane orfana terrestre che, a seguito di un evento molto doloroso, decide di intraprendere un viaggio per conoscere meglio se stessa e la sua storia. Disponibile dal 21 Maggio 2021 sul sito dell’editore (www.hortidigiano.com), in tutti gli store online e nelle librerie. Una storia a cavallo tra due mondi. Le città della Terra sono state da tempo colonizzate dai Gofra, un popolo ibrido formatosi dall’unione tra terrestri e Faeliti, quest’ultimi provenienti da una dimensione spaziale lontana: Barastiria. Sora è una giovane orfana terrestre cresciuta come una guerriera, a Torino, da un’amorevole famiglia Gofra che le ha insegnato i sani valori della vita. Ma la pace non è di casa e presto un evento porterà la ragazza a crescere rapidamente, dovendo affrontare un viaggio interstellare per scoprire le sue origini. Viviana Maria Nobile ha magistralmente plasmato un personaggio umano nei modi quanto ricco di risorse interiori, che dovrà però scoprire e comprendere passo dopo passo, colpo dopo colpo. Il senso di una vita sa essere terribile quanto arricchente e profondo sul piano delle emozioni: bisogna saper scindere.” Ritorno a Barastiria, nella fusione tra fantascienza e fantasy, racconta con una scrittura coinvolgente e dallo stile cinematografico, una storia di crescita e di cambiamento che porterà la protagonista a fare delle scelte difficili ma necessarie. Ritorno a Barastiria avvince e convince: non resta altro, allora, che lasciarsi trasportare dagli eventi. Viviana Maria Nobile è nata il 27 Agosto del 1994 a Siracusa. Attualmente studia Giurisprudenza, collabora con giornali on-line e si occupa della sua casa editrice Strige Edizioni insieme alla scrittrice Giovanna Strano. Possiede un titolo di maturità scientifica, sta studiando per conseguire il secondo diploma di Istituto Tecnico settore moda. Questo è il suo romanzo d’esordio, pubblicato con la Horti di Giano. “Mangiatrice” costante di fantasy, young adult, distopici, storici, narrativa generale e saggi. Affina e modella il suo stile ma leggendo e studiando i classici e la letteratura straniera. Adora i conigli. Edizioni Horti di Giano – www.hortidigiano.com – info@hortidigiano.com ACQUISTALO SU AMAZON: Amazon Libri 18


KULTURA WEBTV : Nuovi talenti - Les nouveaux talents - Nuevos talentos GIUSEPPE CALINI - Polvere, strada e rock’n’roll GENERE Rock PROVENIENZA Legnano (Mi) ITALIA ALBUM Polvere, strada e rock’n’roll

Rocker di lunga data, giunto al 18° album. Giuseppe Calini è sempre stato coerente con la sua musica, con le sue idee, con se stesso.Suona da una vita e non si è mai piegato alle major e alle mode del momento.Per lui la musica deve essere sincera, senza effetti particolari e con ritocchi di post produzione.La sua Telecaster, so che ne possiede una quindicina, l’immancabile Vox AC30 e la sua voce sono l’inconfondibile biglietto da visita. Rock puro, senza fronzoli.Come scrive Priulla nell’enciclopedia hard e heavy italiana… “gli anni passano, le generazioni si scontrano, ma c’è un cuore in cui il rock delle origini non smette mai di battere”. Mi sembra dica tutto. Legato alla sua città nell’ultimo video recitano anche i Legnanesi (famosa compagnia teatrale). L’ultimo singolo racconta una storia vera che come sempre Giuseppe propone con ottimismo. Guai se non fosse così per chi suona rock, figuriamoci per lui. Per lui il rock non è solo musica ma uno stile di vita. Marco Filetti

ACQUISTA SU AMAZON MUSIC FORCE - Dal settembre 2008 l’Ass. Cult. Music Force diventa anche Editore Musicale occupandosi direttamente di produzione e promozione discografica. Una realtà in continuo movimento che attraverso i suoi canali riesce a far veicolare flussi di cultura, energia ed arte al livello nazionale ed internazionale grazie alla sua vivace e intraprendente attività di progettazione e realizzazione. www.musicforce.it

Music Force 1. Produzione e promozione discografica 2. Distribuzione e vendita discografica 3. Produzione video e programmi tv 4. Produzione e promozione eventi live e manifestazioni 5. Didattica musicale

Music video by Giuseppe Calini performing “Biglietto per la vita” © 2021 Music Force 19


KULTURA WEBTV : il libro - le livre - el libro Casualità o destino: questo è il dilemma IL FILO DELL’ETERNO RITORNO Si dice che il minimo battito d’ali di una farfalla sia in grado di provocare un uragano dall’altra parte del mondo. Sembra fantasia, ma in realtà diversi studi dimostrano che “L’effetto Farfalla” esiste e dimostra la teoria del caos. Ma che succede, quando questa teoria, si mescola e si intreccia con la leggenda esattamente contraria, ovvero quella del “Filo rosso del destino”? In questo romanzo, intitolato Il filo dell’eterno ritorno scritto da Simone Del Fiore, ha come protagoniste di questa storia queste due teorie affascinanti, dove l’una esclude l’altra… In teoria. Edito dalla Casa Editrice Horti di Giano, Il filo dell’eterno ritorno è un thriller psicologico fantascientifico che rapirà il lettore sin dalle prime pagine. Disponibile dal 9 Aprile 2021 sul sito dell’editore: (www.hortidigiano.com), in tutti gli store online e nelle librerie. “A seguito di un incidente in moto, Abel finisce in coma per poco più di tre ore, durante le quali sogna sedici anni di un’altra vita. Nonostante abbia vissuto ogni singolo momento con la sua nuova famiglia, al risveglio si rende conto che nulla di ciò che aveva vissuto era reale. Ciò che lo sconvolge più di tutto è uno strano filo rosso legato al mignolo della sua mano, che solo lui vede e che non riesce a togliere. Questo sembra non avere fine ma ha paura di scoprire dove conduca. Quando si convince di essere impazzito, dopo quasi un anno di terapia per liberarsi del ricordo di una moglie e due figli mai avuti, accade l’inatteso. A pochi giorni dal primo anniversario dell’incidente, incontra una ragazza identica alla donna che ha sposato nella vita parallela e l’assurdo gli sembra divenire possibile.” Il filo dell’eterno ritorno è un romanzo unico nel suo genere. Non rientra nelle classiche categorie: al suo interno si incontrano diversi generi letterari e diverse chiavi di lettura. Caratterizzato da un ritmo incalzante, è un testo perfetto per un lettore curioso, che vuole esplorare il mondo della casualità, del destino e della psicosi. Simone Del Fiore nasce a Roma nel 1996. Scrive romanzi e collabora a vari progetti per cinema e teatro come dialoghista, soggettista e sceneggiatore, oltre a lavorare come editor e grafico freelance presso case editrici e case di produzione cinematografiche. Edizioni Horti di Giano – www.hortidigiano.com – info@hortidigiano.com ACQUISTALO SU AMAZON: Amazon Libri

20


KULTURA WEBTV : Poesia - Poésie - Poemas Il poeta è un albatro ed. Odissea

Laura Margherita Volante (Italia)

Sociologa, nota poetessa, scrittrice e aforista originaria di Alessandria e residente nelle Marche. Metamorfosi ed. Odissea Ero un ruscello e sono diventata un mare... non ho avuto paura e mi tremava l’anima in un cuore di farfalla... Sono volata dai monti al mare fra maree in tempesta seguite dalla calma di acque calde e ferme. Fu la fermezza di un cuore in subbuglio per i suoi cavallucci e stelle marini. Una grossa conchiglia sulla riva mi disse: “ascolta il rumore del mare... È sempre lo stesso da millenni...” Porsi l’orecchio e sentii la voce della madre Terra.

Il poeta è un albatro maestoso fra cieli Infiniti senza orizzonti e confini. Poi come Icaro precipita sul suolo di casa dove viene messo al ludibrio... Il poeta stanco con le ali accasciate si scusa del suo essere incapace di tessere i fili dell’ortica per l’amico, che amico no, non è... L’inganno fatale colpisce l’anima inerme, ma un’ispirazione lo eleva come preghiera per l’altrui orticello, senza acqua neppure per dissetare il merlo. Le ali spiegate tornano a vibrare oltre le nuvole in un altrove, luogo benedetto dalla parola dei giusti.

Eccome! se sanno... ed. Odissea Nel mondo sanno chi sei...perché non rubi l’aria... non ti metti in vista o ti credi di essere chissà chi... E allora sanno chi sei...molti fanno finta di niente... e sanno chi sei...nemmeno son grati di tale maniera di essere al mondo, loro che temono l’ombra di chi splende di una piccola luce propria, ma proprio piccola come un lumino del cimitero... sempre acceso per dare gloria ai defunti Sanno chi sei e anche se non rubi lo spazio, lo buchi e...monna osserva il mondo come una dea dell’Olimpo...non si tocca e si sa che c’è... il silenzio dei più è indifferenza verso il loro lato migliore... se solo lo sapessero...

Articoli e relazioni di Laura Margherita Volante

I nostri figli: questi dispersi… Quale orientamento? (clicca) “la perdita della capacità di sperare, e quindi la capacità di realizzare un progetto futuro è all’origine del disagio giovanile e che le forme più gravi di tale disagio coincidano con la morte del progetto futuro...”

21


KULTURA WEBTV : La chiocciolina - Arobase - Arroba DAL MEDIOEVO ALLA POSTA ELETTRONICA di Jean Bruschini

@

Gli italiani ci vedono una chiocciolina, i francesi una lumachina, i tedeschi una scimmia e i finlandesi un gatto. Per gli ungheresi è un bruco e per i russi un cane: la fantasia non ha limiti, dunque. Partendo dall’idea che nessun simbolo nasce per caso, abbiamo ripercorso la storia della chiocciolina @ (che l’esperto chiama “at”), fino all’introduzione nel mondo informatico e al suo uso generalizzato negli indirizzi di posta elettronica. Il simbolo più usato dai moderni navigatori di Internet ha almeno 500 anni. La scoperta si deve a Giorgio Stabile, docente di Storia della Scienza presso l’Università “La Sapienza” di Roma. La chiocciola appariva frequentemente sulle lettere mercantili e sui documenti commerciali già all’epoca della Repubblica di Venezia, e veniva usata come abbreviazione con il significato “at price of” (al prezzo di). La chiocciola è sicuramente uno di quei simboli a “legatura” inventati dai monaci copisti medievali fondendo due lettere dell’alfabeto: la A e la D, per rendere in modo più economico la preposizione-avverbio “ad”, tradotta letteralmente in latino “ad diem” per indicare un momento e un luogo specifico. Infatti, nel Libro del Sacro Monte de’ Morti della confraternita del SS. Rosario di Castel Sant’Angelo (datato 1800), il simbolo @ precedeva la data di morte delle persone elencate e, forse per evitare confusione con A.D. (Anno Domini), che poteva anch’esso comparire nelle date, fu abbreviato con una legatura. In America latina e nell’area di lingua spagnola la chiocciola era conosciuta con il nome di “Arroba”, derivante dall’arabo “rub’a” (un quarto) che indicava una unità di misura: un chiaro riferimento ad un uso commerciale presente anche in Iraq, Egitto, Arabia, fino alla Spagna in Andalusia, Aragona, Castiglia (zone di diretta influenza Araba durante la lunghissima invasione). Il termine Arroba (o Arrova) indicava sia una unità di peso specifica, 25 libbre, che una misura di vino: @ = anfora. Ma come arriva la chiocciola sui nostri indirizzi e-mail? Fu Ray Tomlinson, un ingegnere americano, il primo a realizzare un sistema di posta elettronica da utilizzare su Arpanet, l’antenato di Internet. Gli serviva un simbolo da inserire tra il nome del destinatario e l’indirizzo del computer dove andava spedita la posta elettronica. La prima e-mail sperimentale inviata da Tomlinson nel 1972 era brevissima, conteneva soltanto una “L” (che sta per “Login”), ma confermò l’efficacia della nuova tecnologia. Attento custode della propria integrità linguistica, il Comitato Generale per la Terminologia Francese ha deciso di attribuire un nome “ufficiale” alla chiocciolina, ribattezzandola “Arobase”, termine secondo loro più prossimo all’originale “Arroba”. E noi? Scrittore di divulgazione scientifica, Jean Bruschini è nato a Roma ed è Presidente dell’Associazione EstroVerso per la Promozione dell’Arte e della Cultura. Fondatore delle WebTv Kultura e del Kultura Magazine, il cui obiettivo è quello di diffondere gratuitamente la Cultura a livello internazionale, ha scritto diversi libri storici e scientifici, nonché articoli su numerosi periodici. Tra le conferenze di spicco, ricordiamo “LA DOLCE VIA DEL BENESSERE, presso la FAO e i corsi presso la scuola di Erboristeria del Vaticano. LIBRI SU AMAZON

22


KULTURA WEBTV : E-BOOK Barro fresco en las paredes Fango fresco sulle pareti La boue fraîche sur les murs Javier Quiñonez Quiroz

E-BOOK Spanish Edition En su interior se muestra cómo la nostalgia es lo único capaz de arrancar de nosotros espacio y tiempo de las entrañas de la memoria. Hace crearnos con la voz que tenemos y los años que un día habitamos. Edizione spagnola di Javier Quiñonez Quiroz Formato: Formato Kindle Édition espagnole de Javier Quiñonez Quiroz Format : Format Kindle

Papel y Lápiz Casa Editorial

Barro fresco en las paredes es una obra latente y manifiesta de la vida del autor donde magistralmente combina poemas y breves narraciones. En su interior se muestra cómo la nostalgia es lo único capaz de arrancar de nosotros espacio y tiempo de las entrañas de la memoria. Hace crearnos con la voz que tenemos y los años que un día habitamos. En este libro se dibuja un pasado con alas del ahora, es el eco de un verso que se hizo cuerpo, balanceándose en la hamaca que hoy muestra una pausa de la vida. No pudo ser mejor el título elegido para una obra que recuerda cómo el barro fresco permanece en las paredes de la remembranza y tiene una forma de inmortalidad. Nos muestra metáforas de agua, tierra, polvillo y arcilla, donde confluye a través de distintos escenarios la realidad cuando la lluvia golpea las calles polvorientas y renace en la huella de nuestros pies que solo por el lodo se crea. Fango fresco sui muri è un’opera latente e manifesta della vita dell’autore che integra magistralmente poesie e racconti. Mostra come la nostalgia sia l’unica cosa capace di strappare spazio e tempo dalle viscere della memoria. Ci crea con la voce che abbiamo e gli anni che abitiamo. In questo libro il passato è disegnato con le ali dell’adesso, è l’eco di un verso che si è fatto corpo, dondolandosi nell’amaca, pausa di vita. Il titolo evoca l’argilla fresca che resta sui muri del ricordo conservando una forma di immortalità. Ci mostra metafore di acqua, terra, polvere e argilla, dove la realtà converge attraverso diversi scenari, quando la pioggia colpisce le strade polverose e rinasce nell’impronta dei nostri piedi creata dal fango. La boue fraîche sur les murs est une œuvre latente et manifeste de la vie de l’auteur où il combine magistralement poèmes et nouvelles. À l’intérieur, il montre à quel point la nostalgie est la seule chose capable d’arracher l’espace et le temps des entrailles de la mémoire. Il nous crée avec la voix que nous avons et les années qu’un jour nous habitons. Dans ce livre un passé se dessine avec les ailes du présent, c’est l’écho d’un vers devenu corps, se balançant dans le hamac qui marque aujourd’hui une pause dans la vie. Le titre choisi pour une œuvre qui rappelle à quel point l’argile fraîche reste sur les murs du souvenir et a une forme d’immortalité ne pourrait être mieux. Il nous montre des métaphores de l’eau, de la terre, de la poussière et de l’argile, où la réalité converge à travers différents scénarios lorsque la pluie frappe les rues poussiéreuses et renaît dans l’empreinte de nos pieds qui n’est créée que par la boue. 23


KULTURA WEBTV : Poesia - Poésie - Poemas Mario De Rosa nasce a Morano Calabro il 6/9/53 ,dove risiede fino al 2019, anno in cui si trasferisce a Castrovillari (CS). Dopo il diploma del 1972, s’iscrive al magistero dell’Università di Roma “La Sapienza”, alla facoltà di Lingue e Letterature Straniere, con specializzazione in Tedesco.

POESIA Dalla violenza, dalle mode, dai vili travagli del tuo tempo, non farti rubare quel seme d’immenso. è tuo! è di tutti! Se l’ami e lo coltivi, lenirà le tue pene come umori d’autunno

Mario De Rosa est né à Morano Calabro le 09/06/53, où il réside jusqu’en 2019, date à laquelle il déménage à Castrovillari (CS). Après avoir obtenu son diplôme en 1972, il s’inscrit à l’Université de Rome « La Sapienza », à la Faculté des langues et littératures étrangères, avec une spécialisation en allemand. Mario De Rosa nació en Morano Calabro el 9/6/53, donde reside hasta 2019, cuando se traslada a Castrovillari (CS). Después de graduarse en 1972, se matriculó en la Universidad de Roma “La Sapienza”, en la Facultad de Lenguas y Literaturas Extranjeras, con especialización en alemán. Promoter di poesia, nelle scuole, nelle piazze, e in varie associazioni letterarie. Ideatore e realizzatore del premio internazionale: “Morano Calabro Città d’arte” LUNGOMARE

UNA PARTENZA ANCORA

Il lungomare deserto dopo la pioggia, presta orecchio ai litigi degli uccelli. Si passeggia noi del nido sul pontile deserto , confortati da iodio e da risacca. E’ stretto a volte sul legno, spuma nervoso il mare. Ci s’incontra tra gabbiani poco adatti al volo con l’autismo dei figli che seguono, un cirro profondo in mezzo al cielo.

Si strappano i figli dei giorni da questo luogo esangue che più non conosce amore o sale disciolto in lacrime.

MARIO DE ROSA IL FILO CHE ANCHE AL BUIO TI GUIDA Libreria Editrice Urso Collana “ARABA FENICE” n. 232 ISBN 978-88-6954-064-6 24

Traditi nel profondo da un potere sconcio vacilla la fierezza per quella terra natìa di scellerati ostaggio. Urla il vento fra gli alberi con le radici impotente perché nonostante tutto ha stami atavici il sogno . Mario è ospite fisso alle rubriche: LA MUCCA PAZZA, il giovedì sera alle 22 e PAUSA CAFFÈ, il venerdì mattina alle 10


KULTURA WEBTV : il palinsesto - les émissions - los programas - tv programs Es una colección de 11 cuentos donde se encuentran historias de suspenso, amor, intriga, narradas con un ameno e inconfundible estilo que atrapa, conmueve e invita a la reflexión. El Callejón (Il Vialetto), opera dello scrittore colombiano Jorge Paodi Quiroga. Si tratta di una raccolta di 11 racconti dove sono presenti storie di suspense, amore, intrighi, narrate con uno stile divertente e inconfondibile che affascina, commuove e invita alla riflessione.

El Callejón, del escritor Colombiano Jorge Paodi Quiroga

El Callejón (L’impasse), oeuvre de l’écrivain colombien Jorge Paodi Quiroga. C’est une collection de 11 histoires où il y a des histoires de suspense, d’amour, d’intrigue, narrées avec un style divertissant et incomparable qui captive, émeut et invite à la réflexion.

Fonseca, La Guajira, Colombia. 1964) Abogado, especialista en Derecho Procesal; Docente universitario en las áreas del Derecho Procesal, Derecho Penal y Metodología de la Investigación; Conferencista en temas de superación personal y liderazgo. Político y Empresario.Desde muy temprana edad incursionó en el mundo de la Literatura. Escritor de prosa y poesía, que ha conjugado con la elaboración de artículos científicos en el área del Derecho.Su concepción de la Literatura, como medio de expresión, influencia y esparcimiento, se plasma en sus escritos caracterizados por una narrativa costumbrista amena y dinámica que mezcla emociones que pueden conducir al lector de las lágrimas a la hilaridad y al punto proponerle profundas reflexiones. El valor de la escritura, cuando se estima como o actividad del alma que no busca aprobación una aceptación, está en la excelsa posibilidad de ser dueño de lo que se plasma y por eso, cada obra, cada escrito, debe contener la esencia de las experiencias personales y la fantasía infinita de la imaginación como impronta genética que la vincula indivisiblemente con su creador.

Casa Editorial PAPEL & LAPIZ

25


KULTURA WEBTV : Aforismi - Aphorismes - Aforismos - Aphorisms Le più belle frasi sulla cultura Les plus belles phrases sur la culture Las frases más bonitas sobre la cultura Hatred is something peculiar. You will always find it strongest and most violent where there is the lowest degree of culture. L’odio è qualcosa di singolare. Lo troverai sempre più forte e violento dove il livello culturale è più basso. La haine nationale est quelque chose de singulier. Vous la trouverez toujours plus forte et plus ardente aux degrés inférieurs de la culture. El odio es algo peculiar. Siempre resulta más fuerte y violento, donde hay el menor grado de cultura. (Johann Wolfgang von Goethe) La cultura non si eredita, si conquista. La culture ne s’hérite pas, elle se conquiert. La cultura no se hereda, se conquista. (Andrè Malraux)

Only the educated are free. Solo chi è colto è veramente libero. Seuls les instruits sont libres. Sólo los educados son libres (Epitteto)

Mass society does not want culture, but only entertainment. La società di massa non vuole cultura, ma svago. La société de masse ne veut pas de culture, mais de divertissement. La sociedad de masas no quiere cultura, sino entretenimiento. (Hannah Arendt)

Chi ha a cuore il valore della cultura non può che essere pacificsta. Ceux qui se soucient de la valeur de la culture ne peuvent être que pacifiques. Aquellos que se preocupan por el valor de la cultura solo pueden ser pacíficos. (Albert Einstein)

Vuoi pubblicare un tuo aforisma? Invialo all’indirizzo: Voulez-vous publier votre aphorisme ? Envoyez-le à l’adresse : ¿Quieres publicar tu aforismo? Envíelo a la dirección: kultura@hotmail.it

26


KULTURA WEBTV : Poesia - Poésie - Poemas Michelle Giullianna Parodi Flórez (Ipiales, Nariño, Colombia. 2000) Activista social, feminista, poeta e instrumentista empírica de música. Bachiller del Colegio Politécnico Marcelo Miranda. Dedica los espacios para formarse en lo social, llevando procesos con estudiantes de secundaria y jóvenes. Miembro fundador de la Casa Editorial “Papel y Lápiz” en la ciudad de Ipiales. Integrante del Colectiva Plenilunio y Colectiva poético Aquelarre. Desde los 11 años fue Clarinetista en la Banda Mariscal Sucre. Durante cinco años representó a la institución e Ipiales llevándola a concursos departamentales, como: Primer Concurso de Bandas en el año 2012, Samaniego Alma Musical y Cultural de Nariño XXIX Concurso Departamental de Bandas Musicales, Encuentro de Danzas y Tríos (Samaniego, 2012) HASTA HOY DECIDES EN MÍ

ABORREZCO LA GUERRA

Legué a normalizar su nombre, otorgar la autoridad necesaria, para detentar la potestad, de sostener descubiertos y expuestos los rostros de abatimiento que he llegado a cargar. Llegué a poetizar los momentos, ofrecer cigarrillos en medio de la noche y presentarle una carta abierta de licores. Desearía conservar una campana en mi mente, activarla cuando se aproxime ligeramente el temor, se vaya enmascarando con la inseguridad. Y en esta tenebrosidad (vida), termina por sumarse la ansiedad, me mantiene absorta. Convivo con esta guerra interna, porque algún día, decidí identificar todas las maldiciones que llegaron a mí. ¡Mierda, lo normalicé!

Por ciertas tradiciones, cada 31 de diciembre, se despide al Año Viejo, con la creación de una figura que lo represente. Ya se miraban a los niños parando el tráfico, colocando desde un extremo de su casa, una cuerda que va de cuadra a cuadra, pidiendo: “Una monedita para el Año Viejo”. Se pintan de colores las calles, la Carrera Sexta ya es abordada por jóvenes y frente a la Medalla Milagrosa, no encuentras el único puesto venta que no te reciban con alegría. Eso, es un insulto. El Año Viejo es quemado faltando cinco para las doce, se escucha la canción de Néstor Zavarce. Mi vida y la de mi familia, también iba a terminar. Aborrezco la guerra. Te llevo en el alma, 31 de diciembre de 2009, porque no solamente le diste, un giro de Ciento Ochenta grados a nuestra vida, sino, por arrebatarnos el “Derecho de vivir en paz”. Aborrezco la guerra.

27


KULTURA WEBTV : Poesia - Poésie - Poemas Lucianna Argentino (Italia) (Le previsioni furono imprecise sul tempo e sul luogo ma indovinarono l’intensità di ciò che accadde). Ne vidi i segni nel suo sguardo di lupo tra bagliori di muschi e di licheni e la luce dei tramonti nella steppa. Ora sento lui fiutare il mio desiderio, inseguirlo catturarlo, tenerlo in bocca in un nido di fiato e di saliva. Mi abbandono a lui quando spinge e spinge, oltre e più oltre il piacere e liberiamo il corpo dall’anima del corpo facciamo una perla di purissima lucentezza un tempio di perfettissima innocenza.

Attracca nel porto felice del mio grembo lui - nave ammiraglia sbarca nella voglia che delle sue mani supplica la mia pelle, lui che abbracciandomi abbraccia la mia vita e la mia morte. E’ l’elemento assorbente - lo zero gravido d’infinito poi mi penetra e apre radure tra il mio corpo e la mia anima, crea un luogo che non è dell’uno né dell’altra.

IN CANTO A TE di Lucianna Argentino Samuele Editore

PAUSA CAFFÈ Rubrica di poesia Tutti i venerdì mattina alle ore 10 28


KULTURA WEBTV : il palinsesto - les émissions - los programas - tv programs Notti d’Estate di Fabio Degan Notti accese come lanterne affollate di falene notti che entrano dalle finestre aperte come un grande mare scuro, navigate dallo spiro delle fronde, profonde e a fior di pelle, accese e quiete, flutto di candela A piedi nudi sui balconi dove l’estate risacca queste notti di raso, glitterate di grilli che pettinano il silenzio, trillanti di luci, cariche di tigli e di vento Istantanee di verande flashate sulla pellicola nera perfetta Notti benzinate di fienofresco Sudate di sogni folti Si appiccica alle ali, inquieta, L’aria di seta Fabio con uno dei suoi cavalli. Fabio avec un de ses chevaux. Fabio con uno de sus caballos.

Tanti zombie vagolanti con i trolley rotolanti ecco i viaggiatori planctonici languori di ostacoli foresta (qualcuno che si arresta) ed io fuori di testa arzigogolo zigzag e in furia li scavalco con occhi da granfalco la gente che qui arranca la furia che mi affranca

29


KULTURA WEBTV : N° 97 - Index ARTE, CULTURA, MUSICA, POESIA ART, CULTURE, MUSIQUE, POÉSIE Pag 2 … Editoriale Pag 3 … Palinsesto WebTv Kultura Pag 5 … Loretta Rossi Stuart :” La dea madre”. Di Claudio Donati ARTICOLO Pag 7 … I Video consigliati Pag 8 … Lidia Popa: “L’Uomo dell’eclissi totale” POESIA Pag 9 … Yaleydys Viloria Noriega: “El llanto del silencio” POESIA Pag 10 … Julio César Pavanetti Gutiérrez: “Las agujas del tiempo” POESIA Pag 11 … Anna Giordano: “I vapori della speranza” POESIA Pag 12 … Tosca Pagliari: “Le foto salvate” LIBRO Pag 13 … Anita Napolitano: “L’infanticidio: breve excursus s’un crimine antico” ARTICOLO Pag 17 … Angela Penagos Londoño: “Alma de mujer” POESIA Pag 18 … Viviana Maria Nobile: “Ritorno a Barastiria” LIBRO Pag 19 … Giuseppe Calini: “Polvere, strada e rock’n’roll” MUSICA Pag 20 … Simone del Fiore : “Il filo dell’eterno ritorno” LIBRO Pag 21 … Laura Margherita Volante: “Il poeta è un albatro” POESIA Pag 22 … Jean Bruschini: “Dal medioevo alla posta elettronica” ARTICOLO Pag 23 … Javier Quiñonez Quiroz: “Barro fresco en las paredes” E-BOOK Pag 24 … Mario De Rosa: “Il filo che anche al buio ti guida” LIBRO Pag 25 … Jorge Paodi Quiroga: “El Callejón (Il Vialetto)” LIBRO Pag 26 … Aforismi: le più belle frasi sulla Cultura Pag 27 … Michelle Giullianna Parodi Flórez: “ Aborrezco la guerra” POESIA Pag 28 … Lucianna Argentino: “In canto a te” LIBRO Pag 29 … Fabio Degan: “Notti d’estate” POESIA

PER PARTECIPARE ALLA RUBRICA “L’INTERVISTA”, IN ONDA SU KULTURA WEBTV, INVIA CURRICULUM ARTISTICO ALLA REDAZIONE E VERRAI RICONTATTATO/A POUR PARTICIPER À LA RUBRIQUE “L’INTERVIEW”, DIFFUSÉE PAR KULTURA WEBTV, ENVOYEZ LE CURRICULUM ARTISTIQUE À LA RÉDACTION ET VOUS SEREZ RECONTACTÉS. PARA PARTICIPAR EN LA SECCIÓN “ENTREVISTA”, EMITIDA POR KULTURA WEBTV, ENVÍE EL CURRÍCULO ARTÍSTICO A LA OFICINA EDITORIAL Y SERÁ CONTACTADO/A kultura@hotmail.it 30


KULTURA WEBTV

Alcune interviste passate il servizio è gratuito e riservato ad autori, artisti ed editori Leonardo Vannimartini (musicista) Valeria Zazzaretta (attrice) GiuliaLuz (cantante) Aleco (cantante) Annalaura Siercovich (autrice) Giovani italiani all’estero per lavorare Chiama per programmare la tua intervista +39 3792068012 Appelez pour planifier votre enterview +39 3792068012 Llame ahora para programar su entrevista +39 3792068012

31

Profile for Kultura WebTv

Kultura Magazine n° 97  

Magazine non periodico, gratuito e internazionale dedicato alla Promozione dell'Arte e della Cultura

Kultura Magazine n° 97  

Magazine non periodico, gratuito e internazionale dedicato alla Promozione dell'Arte e della Cultura

Advertisement

Recommendations could not be loaded

Recommendations could not be loaded

Recommendations could not be loaded

Recommendations could not be loaded