Issuu on Google+

1 2 3

 News  in  Movimento    

News  in  Movimento  

 

  1,  Sabato  30  Marzo  2013   Numero  

                 

M5S  Nazionale  3  

M5S  Regionale  1  

M5S  Comunale  2  

-­‐  Incontro  col  Pd   -­‐  Discorso  di  Di  Battista  alla   Camera  sulla  questione   Marò    

-­‐  Petizione  rifiuti   -­‐  Benzene  nell’Alaco  

-­‐  Safe  City    

   

Inizia  la  raccolta  firme  per  la   petizione  sui  rifiuti  in  Calabria   I   problemi   principali   della   Calabria   sono   costituiti   dalle   grandi   distanze   tra   i   comuni,   che   molto   spesso   hanno   un   numero   esiguo   di   abitanti,   in   un   territorio  che  presenta  una  viabilità  a  dir   poco   difficile,   con   molte   discariche   comunali,   il   più   delle   volte   «   non   a   norma   »   in   quanto   non   adeguatamente   impermeabilizzate   né   dotate   di   sistemi   di   captazione   del   biogas,   e   pochi   impianti   di   effettivo   smaltimento   dei   rifiuti.   Sono     presenti   impianti   di   trattamento   meccanico   –   biologico   (tmb)   che,   tuttavia,   sono   mal   distribuiti   sul  territorio  e  sono  caratterizzati  da  una   eccessiva   produzione   di   scarti,   che   raggiungono   la   percentuale   del   40   per   cento   dei   rifiuti   solidi   urbani   in   entrata,   a   fronte   di   una   media   nazionale   che   vede   scarti   in   uscita   dagli   impianti   di   trattamento,   che   si   attestano   intorno   al  

23-­‐24  per  cento.  […]  Il  motivo  principale   di   tale   fallimento   deve   essere   individuato   nei   numerosi   conflitti   tra   l’ufficio  del  commissario  e  gli  enti  locali,   che   hanno   paralizzato   tutte   le   iniziative   dei  vari  commissari  delegati  che  si  sono   succeduti   nel   tempo,   oltre   che   nella   inidoneità   di   alcune   scelte   operative   di   questi   ultimi   e,   in   definitiva,   nella   loro   incapacità.   […]In   teoria   gli   impianti   di   trattamento   meccanico-­‐biologico   sono   destinati   a   selezionare   i   rifiuti   tal   quale,   mediante   la   separazione   della   frazione   umida   –   da   trasformare   in   fos   –   da   quella   secca,   destinata   ad   essere   raffinata   per   diventare   cdr   che   viene   bruciato   in   un   termovalorizzatore;   tuttavia,   nella   realtà,   tali   impianti   si   limitano   ad   effettuare   una   semplice   «   vagliatura   »   dei   rsu,   con   conseguente   produzione   di   prodotti   di   pessima  

      qualità.   I   tmb   presenti   nella   regione   sono   sette   e   sono   così   ubicati:   Catanzaro,   Lamezia   Terme   (CZ),   Reggio   Calabria   (località   Sambatello),   Siderno   (RC),   Rossano   (CS),   Gioia   Tauro   (RC),   Crotone   (KR)   e,   ad   eccezione   dei   primi   due   (Catanzaro   e   Lamezia   Terme),   sono   tutti   gestiti   dalla   TEC   SpA,   società   del   gruppo  Veolia,  leader  internazionale  nel   settore  dello  smaltimento  dei  rifiuti.  […]   La   conclusione   è   che   in   Calabria   gli   impianti   di   tmb   effettuano   solo   un   trattamento   preliminare   dei   rifiuti   tal   quale,   riconsegnandone   la   maggior   parte   ad   un   sistema   di   discariche   controllate   e   di   servizi   del   tutto  


4 1 2 3

inadeguati.   […]   Comunque   –   sin   d’ora  –  si  può  dare  atto  del  fatto  che   la   regione   Calabria   si   caratterizza:   1)   per   l’assenza   della   raccolta   differenziata   a   livelli   quantitativi   degni  di  rilevanza;  2)  per  la  presenza   di   un   unico   impianto   tecnologico   di   smaltimento   dei   rifiuti   con   produzione   di   energia,   quello   di   Gioia   Tauro,   che   tuttavia,   a   dispetto   delle   maggiori   potenzialità   smaltisce   solo   circa   il   10   per   cento   del   totale   della   produzione   annua   dei   rifiuti   della  regione.  […]  

Safe  City:  riflessioni  del  M5S   Lettera   di   un   ‘cittadino’   sulla   questione  Safe  City.  

Sitografia:   http://files.meetup.com/3861182/co mmissione%20inchiesta%20rifiuti.pd f  

Paolo   Parentela  va   in   Parlamento:   giacca  e   cravatta  e…   un  biglietto   del  bus!  

"Il   vergognoso   e   inutile   sperpero   di   denaro  pubblico  -­‐  si  legge  in  una  nota   -­‐  che   ne   consegue     finirà   per   esporre   la   cittadinanza   ad   un   controllo   fortemente   limitativo   della   privacy,   senza   alcun   beneficio   concreto.   La   sicurezza  non  si  ottiene  attraverso  un   controllo   invasivo   sulla   vita   quotidiana   dei   cittadini,   ma   destinando   le   risorse   economiche   ad   attività   che   limitino   le   iniquità   e,   di   conseguenza,   la   possibilità   di   deviazioni   criminali.   Le   zone   a   sud   della   città   vivono   nel   degrado   più   totale  e  non  è  installando  telecamere   (che   potrebbero   essere   distrutte   in   una   notte   da   qualche   delinquente   di   turno)   che   si   attenua   il   senso   di   insicurezza   percepito   dalla   popolazione.   Sarebbe   più   opportuno   “accendere  la  luce”  sui  quartieri  più  a   rischio,   far   si   che   la   cittadinanza   ne   torni   a   prendere   orgogliosamente   il   possesso,   affinché   possa   viverli   in   maniera   diversa   e   con   serenità,  

VIBO VALENTIA – La vicenda

i cittadini sono costretti da mesi a

alle proprie comunità. […] Gli

del benzene nell'invaso dell'Alaco

rifornirsi con i bidoni presso le fonti

abitanti di Serra San Bruno e non

(Serra San Bruno, Vibo Valentia),

di cui per fortuna la Calabria è

solo, assieme ai comitati dell'acqua

che fornisce acqua a 88 Comuni

ancora dotata. L'indagine sull'Alaco

bene

del Vibonese e del Catanzarese, ha

d'altronde è ancora aperta: l'impianto

seguono la vicenda, sono pronti a

raggiunto

protestare in massa e noi con loro.

limite

di

fu sequestrato nel maggio 2012 e

L'Arpacal

ha

pare non si sia ancora trovato quel

parlato di "composti aromatici da

certificato che attesta la tipologia e

benzene, espressi come benzene",

la potabilità dell'acqua, certificato

dopo aver fornito i risultati più che

che manca da quando la diga

allarmanti delle ultime analisi.

sull'Alaco fu eretta e l'invaso entrò

L'acqua

è

in funzione. I politici stanno a

maleodorante e sporca, per questo,

guardare, nessuno da risposte certe

sopportazione.

2    

dei

rubinetti

 

creando,   prima,   quei   presupposti   necessari   che   spaziano   dalla   riqualificazione   delle   aree   abbandonate   ai   collegamenti   tra   periferie   e   centro   urbano.   Solo   una   crescita   virtuosa   di   tutta   la   città   potrà   allontanare   in   maniera   definitiva   la   criminalità   dalle   strade   e   non   un   occhio   tecnologico   che   si  limiterebbe  solamente  a  nasconderla.   Se   si   aggiunge   l'emergenza   del   servizio   mensa   nelle   scuole,   dei   trasporti,   e   del   decoro   urbano   si   giunge   a   rapida   conclusione   su   quale   sarebbe   una   più   corretta   distribuzione   delle   risorse   economiche,   più   funzionale   a   risolvere   veramente   i   problemi   in   cui   versa   la   città   di   Catanzaro   in   questo   delicato   momento.   Da   deputato     adotterò   tutti   gli   strumenti   che   il   Parlamento   mi   attribuisce   affinché   sia   fatta   luce   su   questa   vicenda,   attivando   canali   di   comunicazione   costanti   con   il   Ministero   dell'Interno   e   con   l'Autorità   Garante   della   Privacy,   senza   tralasciare   di   raccogliere   quante   più   informazioni   possibili     sulla   società   “Bunkersec”   coinvolta   nel   progetto   “Safe   City”dal   Comune  di  Catanzaro.”     Paolo  Parentela  e    il  M5S  Cz    

Benzene  nell’Alaco  ?  

ogni

 

comune

che

da

sempre

Sitografia: http://www.calabria5stelle.it/notizie /18-comunicati/22-benzene-nellalaco-scopelliti-ci-metta-la-facciae-dia-risposte-ai-vibonesi.html


1 2 3

L'ultimo   Mercoledì   di   Marzo   è   stato   il   giorno   prescelto   per   il   primo   incontro   'pubblico'   tra   il   PD   e  il  Movimento  5  Stelle.  Da  un  lato   del   tavolo   possiamo   trovare   l'Onorevole   Bersani   e,   dal   lato   opposto,   i   CapiGruppo   Roberta   Lombardi   e   Vito   Crimi.   Il   dibattito   è  stato  aperto  dalla  delegazione  del   PD:   Bersani   è   latore   di   un   breve   incipit   riguardo   quelli   che   sono   i   temi   scottanti   del   programma   del   suo   partito.   Il   primo   suo   'pacchetto   governo'  prevede  difatti  argomenti   come:  lavoro,  pagamenti  che  vanno   alle  piccole  imprese,  piano  di  opere   da  affidare  direttamente  ai  comuni,   riforma   della   politica,   legge   atta   a   rivedere   il   finanziamento   pubblico   ai   partiti,   l'antimafia,   l'anticorruzione,   le   norme   sul   conflitto   di   interessi…    Il   secondo   grosso   blocco   riguarda   una   'Seconda  Costituzione'  che  -­‐sempre   con   parole   sue-­‐   afferma   stia   cercando   di   venire   alla   luce   da   vent'anni,  che  per  vent'anni  è  stata   dibattuta   e   che   tuttora   si   conclude   con   un   nulla   di   fatto.   Le   proposte   continuano,   ci   sono   il   superamento   delle   Province,   il   ridimensionamento   del   numero   dei   Parlamentari…   l'elenco   è  

 

infinito  ma  resta  semplicemente  questo:   un   elenco.   Nessuna   parola   in   più   di   spiegazioni,   nessuna   precisazione   fornita,   nessuna   quantità   suggerita.   Ciò   su   cui   invece   si   sofferma   maggiormente   è   la   proposta   di   un   nuovo  Organismo,   privo   di   retribuzioni   -­‐una   sorta   di   servizio   civico-­‐,   composto   da   Parlamentari  e  non  solo,  "che  attraverso   un   meccanismo   normativo"   in   fase   di   progettazione   "consegni   in   sede   redigente  al  Parlamento  per  il  sì  o  per  il   no   un   progetto   di   Riforma.   Questo   secondo   registro"   sarebbe   "il   luogo   in   cui   esercitare   il   massimo   di   co-­‐ responsabilità"   anche   con   l'opposizione.   Forse  un  Governo  con  un  nuovo  nome  e   privo   di   un   enorme   giro   e   spreco   di   denaro  pubblico?  Ovviamente  il  Secondo   Registro   partirebbe   solo   nel   caso   in   cui   partisse  il  Primo  poiché,  per  necessità,  la   Legislatura  deve  essere  avviata;  ed  ecco   quindi  il  punto  focale,  quello  a  cui  voleva   arrivare   quasi   certamente   sin   dall'inizio:   il  voto  di  fiducia.  Chiede  alle  altre  'forze'   di   essere   responsabili.   Tutte   le   altre   possibili   soluzioni   non   durerebbero,   a   suo   dire;   a   quanto   pare   lui   è   "pronto   a   prendersi   una   responsabilità   enorme"   e   fa  appello  affinché  ognuno  prenda  per  sé   una   piccola   parte.     Solo   dopo   questo   appello,   prende   voce   la   CapoGruppo  

Roberta  Lombardi.  Con  estrema   diplomazia   afferma   "che   sono   vent'anni   che   noi   ascoltiamo   queste   parole   e   noi   non   incontriamo   le   parti   sociali   perché   noi   siamo   quelle   parti   sociali.   Quei   cittadini,   quei   lavoratori,   quei   cassaintegrati,   quegli   studenti   fuori   sede,   quei   disoccupati   che   vivono   tutti   i   giorni   la   realtà   di   questo   Paese   […]  Lei  (Bersani  -­‐  N.d.T.)  diceva   'solo   un   insano   di   mente   potrebbe   avere   la   tentazione   di   voler   governare',   la   fregola,   noi   siamo   quegli   insani   di   mente   perché   noi   abbiamo   un   progetto   politico   a   trent'anni   per   questo   Paese   […]   Noi   siamo   disposti   a   prenderci   le   nostre   responsabilità,   come   cittadini,   riprenderci   quella   sovranità   popolare   che   la   Costituzione   ci   ha   riconosciuto,   riprenderci   il   nostro   Paese   e   abbiamo   anche   la   credibilità   per   fare   tutto   questo   perché   non   sono   vent'anni   che   parliamo   delle   stesse   cose   senza   realizzare   nulla   di   quello   che   è   stato   promesso   in   svariate   competizione   elettorali".     A   questo   punto   subentra   il   CapoGruppo   Vito   Crimi;   l'argomento   che   vuole   affrontare  è  quello  della  'fiducia   in   bianco':   proprio   perché   loro   sono   la   voce   del   Paese   devono   riportare   quello   che   il   Paese   chiede,  il  Paese  chiede  che  ci  sia   un   riscontro   tra   i   programmi   dei   partiti   e   la   loro   effettiva   attuazione   e   sulle   fondamenta   del   Movimento   è   scritto   chiaramente   che   la   fiducia   in   bianco   non   deve   essere   attribuita   assolutamente   a   coloro   i   quali   si   sono   sempre   rivelati   solo   fumo.     Bersani,   però,   non   ci   sta.   Non   vuole   essere   accomunato   a   quei   partiti  che  si  sono  risolti  con  un   nulla  di  fatto.  Non  vuole  sentirsi   dire   'prendetevi   le   vostre   responsabiità',   nonostante   comunque   sia   stato   il   primo   a  

3  


4 1 2

rivolgere   loro   questo   appello.   Afferma   che   la   fiducia   può   essere   data   e   può   essere   tolta,   che   c'è   un   modo   "di   non   darla,   consentendo".     Gli   risponde   di   nuovo   Crimi:   "il   Presidente   Grasso   ha   trovato   in   noi   l'unico   appoggio"   e   "noi   abbiamo  chiesto  di  far  iniziare  il   Parlamento   a   lavorare   e   si   sta   attivando   una   procedura   di   una   lentezza,   dal   punto   di   vista   di   attività   Parlamentare,   violando   anche   i   regolamenti   e   prorogandoli   e   interrogandoli,   semplicemente   per   subordinare   la  formazione  delle  Commissioni   alla   formazione   del   Governo.   Ora,   è   sicuramente   prassi   […]   ma   il   cambiamento   passa   anche   da   quello.   Poteva   essere   un'occasione   per   mettere   in   cantiere   le   commissioni   parlamentari,   era   Lunedì   la   scadenza   ed   è   stata   disattesa   da   tutte   le   forze   politiche   ad   eccezione   da   noi   e   del   gruppo   misto.   Potevano   essere   messe   già   a   lavoro   […]   dei   disegni   di   legge,   delle   proposte   di   cambiamento."     Conclude   Bersani:   si   è   richiesto   necessario   del   tempo,   quarantotto   ore   piuttosto   che   settimane   o   mesi,   per   riflettere   sull'eventualità   di   una   assenza   di   Governo   e   della   formazione   di   un  Regime  di  natura  unicamente   Parlamentare.   Su   questa   'promessa',   Bersani   e   i   CapoGruppo   si   sono   salutati   chiudendo  così  l'incontro.  Non  ci   resta   che   aspettare   questi   due   giorni   e   vedere   se   il   PD   ha   di   nuovo,   solo,   gettato   parole   al   vento.     Sitografia:   http://www.youtube.com/watc h?v=V2b5bT7JTUA&feature=yo utu.be      

4    

Di  Battista  –  Movimento  5  Stelle  

Discorso  di  Di  Battista  alla  Camera  dei   Deputati  sulla  questione  Marò   “Con   questo   intervento   portiamo   la   voce  dei  cittadini  italiani  che  in  rete   hanno   partecipato   al   confronto   su   questo   tema.   Noi   del   Movimento   5   Stelle   siamo   arrivati   in   questa   aula   parlamentare   per   specifica,   libera   ed  unica  volontà  del  popolo  italiano.   Noi   siamo   nuovi   e   per   questo   poco   esperti   delle   vostre   abitudini,   delle   dichiarazioni  cavillose  e  dei  doppi  e   tripli   giochi.   Siamo   deputati   ma   continuiamo   ad   essere   cittadini   e   pretendiamo   di   essere   informati,   in   modo   chiaro   e   trasparente.   Vi   abbiamo   ascoltato   con   attenzione,   signori   Ministri,   senza   preconcetti   nè   pregiudizi,   anche   perchè   voi   siete   tecnici   non   politici,   voi   siete   i   professionisti.  Abbiamo  ascoltato  le   vostre   spiegazioni   e   le   vostre   argomentazioni   su   questa   assurda   vicenda   e   non   siamo   soddisfatti.       Non   ci   bastano   le   sue   dimissioni,   Ministro   degli   Esteri.   Noi   vogliamo   capire   e   capire   bene.   Questa   dei   nostri  fanti  di  marina  è  una  vicenda   oscura,   nebulosa,   confusa   e   certamente   infelice.   E’   una   vicenda   definita   da   tutti   gli   osservatori   internazionali   come   una   pagliacciata.   Criticata   da   tutti:   dalla  

pubblica   opinione,   dagli   organismi   rappresentativi   delle   forze   armate   e  da  ultimo  dai  vertici  delle  stesse.   In   questa   vicenda   ci   sono   dentro   i   nostri   fanti   di   marina   con   i   loro   destini,   ci   sono   armatori   privati   con   i   loro   interessi   privati,   rappresentati   diplomatici,   sottosegretari   e   Ministri   della   Repubblica.   C'è   dentro   un   Paese   come   l'India,   un   grande   Paese   con   il   quale   ci   siamo   rapportati   prima   con   supponenza   ed   arroganza   poi,   dopo   l'evento   imposto   all'ambasciatore   Mancini   di   lasciare   il   Paese,   evento   senza   precedenti   nella   storia,   con   arrendevole   sottomissione.   C'è   dentro   la   Nato   con   i   suoi   programmi,   c'è   dentro   anche   la   dignità   di   due   pescatori   morti   e   delle   loro   famiglie   vittime   dimenticate   di   questa   assurda   storia.   C'è   dentro   soprattutto   l'onore   del   Popolo   Italiano.   Pertanto,   signori   Ministri,   ribadiamo   che   siamo   assolutamente   insoddisfatti   delle   giustificazioni   fornite   per   questa   tragica   vicenda   e   vi   chiediamo   di   riferire  in  dettaglio  e  con  chiarezza   quanto   accaduto   dal   15   febbraio  


4 3 5

2012   ad   oggi.   Non   vi   stiamo   chiedendo   un   favore,   la   trasparenza  è  un  vostro  dovere   nei   confronti   del   vostro   datore   di   lavoro,   il   popolo   italiano,   lo   stesso   popolo   che   vi   ricompensa   lautamente   per   ricevere   in   cambio   pressapochismo   e   superficialità.   Vogliamo   sapere   se   alle   ore   17   circa   la   nave   Enrica   Lexie,   era   o   non   era,   in   acque   internazionali.   Ad   oggi,   a   quanto   ne   sappiamo,   le   uniche   certezze   sono   i   dati   recuperati   dal  gps  della  petroliera  italiana,   le   rivelazioni   della   Maritm   Rescue   Center   di   Mumbai   e   l'esame   balistico   effettuato   dai   periti   Indiani   che   confermerebbero   un   posizionamento   della   nave   di   20,5   miglia   a   largo   dell'India,   ovvero   nella   zona   definita   contigua   e   quindi   di   pertinenza   dello  stato  costiero.  Voi,  signori   Ministri,   sostenete   altro.   Bene,   fornite   prove   circostanziate   e   pubblicatele   online   perchè   lo   dovete   ai   cittadini.   Vogliamo   sapere   inoltre   se   a   bordo   della   stessa   nave   vi   erano   solo   i   due   fucilieri   della   marina,   La   Torre   e   Girone,   o   se   la   scorta   era   composta   da   altri   uomini   e   vogliamo   saperlo   qui.   In   tale   eventualità  vogliamo  sapere  chi   era   il   comandante   responsabile   di   questo   reparto   e   cosa   abbia   fatto   per   tutelare   i   suoi   sottoposti.  Vogliamo  visionare  i   documenti   che   regolamentano   l'utilizzo   di   professionisti   militari   italiani   su   navi   private.   Vogliamo   sapere,   dettagliatamente,   le   disposizioni   d'ingaggio   consegnate   ai   militari   a   bordo.   Vogliamo   sapere,   signori   Ministri,   quale   sia   stata   l'autorità   che,   consultandosi   con   gli   armatori   della   Lexie,   ha   consentito   l'inversione   di   rotta   della   nave,   come   intimato   dalle  

 

autorità   Indiane.   Inversione   effettuata   dopo   due   ore   dall'incidente!   Vogliamo   sapere   il   nome,   il   cognome   e   il   grado   dell'autorità  militare  che  ha  ordinato  ai   nostri   due   fucilieri   di   scendere   a   terra   e   consegnarsi   di   fatto   alle   autorità   Indiane   dello   stato   del   Kerala,   violando   le   norme   a   tutela   dei   diritti   umani   secondo   cui   nessun   individuo   dev'essere   consegnato   a   un   Paese   dove   rischia   di   essere   sottoposto   a   pena   di   morte.   E   ancora,   signori   Ministri,   vogliamo   sapere   se   ci   sono   state   dazioni   di   denaro   a   favore   delle   autorità   Indiane   o   dei   loro   singoli   rappresentanti,   l'esatto   ammontare   di   tali   eventuali   dazioni,   le   precise   motivazioni  e  se  per  puro  caso  ci  sono   stati   riferimenti   diretti   o   indiretti   con   l'operazione   Finmeccanica.   Il   sospetto   è  condiviso:  il  fatto  che  il  Ministro  della   Difesa   di   New   Delhi   abbia   sbloccato   l'accordo   commerciale   da   300   milioni   di   euro   con   la   WASS   di   Livorno   per   la   fornitura   di   siluri   ad   alta   tecnologia   c'entra   qualcosa   con   la   consegna   dei   nostri   soldati?   Gli   affari   sono   più   importanti   delle   vite   umane   signori   Ministri?   Pretendiamo   che   il   documento   scritto   dal   Ministero   degli   Esteri   Indiano   che   attesta   che   non   ci   sarà   la   pena   di   morte   per   i   nostri   militari,   visionato   dal   sottosegretario   de   Mistura,   sia   reso   pubblico   immediatamente   chiarendo   ogni   dubbio   sulla   sua   reale   esistenza.   Per   concludere   vogliamo   sapere   chi   ha   avuto   l'originale   intuito   di   ideare,   proporre   ed   articolare   questo   tipo   di   situazione   maldestra,   ambigua,   furbastra   e   caratterizzata   da   doppi,   tripli   e   quadrupli   giri   di   valzer.   Chi   ha   avallato   tutto   ciò?   Chi   ha   avallato   tra   le   nostra  autorità  diplomatiche,  militari  e   politiche   questa   meravigliosa   strategia   che   tra   parole   date   e   ritirate,   promesse   fatte  e  non  mantenute,  impegni  scritti  e   rinnegati,   ha   sacrificato   la   libertà   e,   non  sia  mai,  la  vita  stessa  di  due  soldati   obbedienti   agli   ordini   ricevuti.   Comportamenti  del  genere  enfatizzano   purtroppo   le   convinzioni,   sbagliate,   di   chi   all'estero   ci   riconosce   soltanto   come   mafia,   intrallazi   e   responsabilità,  

come   anziani   corteggiatori   di   nipoti   di   Capo   di   Stato   esteri,   come   aguzzini   diretti   o   indiretti   di   dittatori   in   fuga   che   pensavano   di   potersi   fidare   dei   loro   baciamano   amici   italiani.   Comportamenti   del   genere   mettono   in   pericolo   la   vita   di   tanti   altri   nostri   connazionali   diplomatici  in  India  e  nel  mondo,   oggi   accusati   ingiustamente,   indiscriminatamente,   di   essere   inaffidabili.   Approfittiamo   inoltre   per   ricordare   al   Governo   che   gli   oltre   2900   nostri   connazionali   detenuti   all'estero   meritano   la   stessa   attenzione   istituzionale   e   anche   mediatica   riservata   ai   nostri   fanti   di   marina.   Chi   ha   avallato  ha  fatto  perdere  la  faccia   all'ambasciatore   Mancini   e   ha   gettato   discredito   sul   nome   dell'Italia   nel   mondo.   Chi   ha   avallato,   signori   Ministri,   è   responsabile.   Chi  è  responsabile  deve  andare  a   casa.   Accogliamo   con   soddisfazione   le   sue   dimissioni.   Noi   siamo   nuovi   signori   Ministri,   siamo   nuovi   e   siamo   giovani.   Ci   siamo   chiesti,   in   questi   primi   giorni   di   lavoro,   se   saremo   all'altezza   del   compito   che   il   popolo  italiano  ci  ha  affidato.  Beh,   se   voi   siete   i   tecnici,   i   cosiddetti   esperti,   non   abbiamo   dubbi   che   i   cittadini   nelle   istituzioni   sapranno  fare  molto  meglio!"       Alessandro  Di  Battista,  M5S  alla   Camera     Sitografia:   http://www.beppegrillo.it/2013 /03/m5s_camera_di_battista.htm l     https://www.youtube.com/watc h?v=Q4qaPH1FDWI    

5  


1 2 3

Ciò  che  della  Politica     NON  SI  DICE  

Roberta Lombardi, capogruppo M5S alla Camera, ha presentato una video-relazione della giornata trascorsa nei palazzi tra riunioni e incontri, in cui smaschera la porcata di fine legislatura. Di seguito l'estratto del suo intervento. "Si è tenuta la riunione dei capigruppo con tre atti da approvare in tempi brevi per scadenze di legge o per urgenza. Visto che le commissioni non partono per problemi di poltrone, si deve istituire una Commissione speciale. L'atto più importante è larelazione al Parlamento del Governo sull'allentamento del vincolo di bilancio e la revisione (in negativo) dei saldi di finanza pubblica, per un futuro decreto legge che stanzi i soldi creati con nuovo debito pubblico, per i pagamenti dei crediti delle imprese verso la PA. Si tratta di 40 miliardi: 20 miliardi per il 2013 e 20 per il 2014. Bisogna allentare il Patto di stabilità per un decreto legge visto che la materia è urgente. Fermo restando che siamo assolutamente a favore del pagamento dei crediti alle PMI, non ci hanno convinto due punti della relazione di Grilli. Il primo: "una parte dei pagamenti alle imprese confluirà

6    

Porcata  di  fine  legislatura   immediatamente al settore NON   SI  Dcreditizio, ICE   sarà presentato in quanto una quota del portafoglio di debiti risulta già ceduto (pro solvendo o pro soluto) alle banche. Se da un lato questo aspetto diminuisce l'impatto sul sistema economico, dall'altro contribuisce a ridurre le tensioni all interno del sistema creditizio. [...] si attende una riduzione dei tassi d'interesse alla clientela e un'attenuazione delle tensioni sull'offerta di credito.". Ossia: i cittadini prendono un impegno per 40 miliardi di debito pubblico, di cui una parte (nessuno sa quanta) andrà direttamente alle banche e da questa generosa, ennesima, regalìa ci si aspetta che subito erogheranno prestiti e finanziamenti alle PMI italiane. L'esperienza di questi anni ci ha reso cauti sugli effetti nell'economia reale dei finanziamenti alle banche. L'altro punto: "gli interventi programmati prevedono il pagamento di una quota dei debiti relativi alle spese di investimento nell'ordine dello 0,5 punti percentuali di PIL, per cui il livello programmatico dell'indebitamento netto per l'anno 2013 si dovrebbe attestare al 2,9% del PIL, rispettando in tal modo i vincoli di bilancio imposti a livello europeo". Il 2,9% del PIL, come indebitamento netto, è sotto il famoso 3% del rapporto deficit/PIL. Ossia con questo decreto legge, che

dal Consiglio dei Ministri per poi essere approvato in una Commissione speciale che avrà 3 - 4 giorni per curarne la fase istruttoria, presentarlo in aula e votarlo velocemente, ci stiamo giocando tutto l'indebitamento che possiamo stanziare per la crescita per il 2013. Un decreto fatto in fretta e furia nelle segrete stanze come è solita fare la politica per una porcata di fine legislatura. Noi ci siamo opposti. Questa questione deve venire in aula e seguire un iter normale. Chiediamo alla presidente Boldrini di istituire le Commissioni permanenti e permettere il dibattito in aula in sedute pubbliche, di modo che tutti possano capire cosa sta succedendo con i soldi dei cittadini." Roberta Lombardi, capogruppo portavoce del M5S alla Camera

Sitografia: http://www.beppegrillo.it/2013/03/la _porcata_di_fine_legislatura.html

http://www.youtube.com/watch?v=S5ZS fMVY8oM


1 2

L’importanza  del  Questore   NON  SI  DICE   “Ecco cosa succede alla Camera con due questori del Pdl e uno del Pd. Alla Camera dei Deputati ci sono persone che, pur non avendo fatto il concorso per lavorare nel pubblico impiego, hanno diritto a una strana specie di posto fisso, pagato con fondi statali, ma regolato da contratti di natura privatistica che vengono puntualmente rinnovati allo scadere di ogni legislatura. Questa prassi, iniziata nel 1993 e ormai consolidata, sopravvivendo all’avvicendarsi dei governi pdl-pd meno elle, prevede che i soldi dedicati al pagamento di queste persone provengano direttamente dal bilancio della Camera. Sulla base, infatti, dell’ultima delibera adottata venerdì 21 dicembre del 2012 dall’Ufficio di Presidenza, per il personale compreso nell’allegato A link (103 persone) “ciascun gruppo parlamentare destini almeno il 25% del contributo complessivo ad esso spettante all’erogazione degli emolumenti al personale in questione”. Quand’anche il gruppo parlamentare non dovesse assumerli, ci sarebbe una sorta di sanzione. La delibera specifica che: “nel caso in cui il gruppo non assuma una o più unità di personale ad esso spettanti, si prevede la parziale decurtazione del contributo annuale e il contestuale trasferimento del medesimo ammontare al gruppo misto, per fronteggiare gli oneri conseguenti all’assunzione del dipendente che non abbia trovato collocazione presso altro gruppo”. Quindi, se un gruppo parlamentare non assume un certo numero di queste persone “il contributo è ridotto in misura pari ad euro 65.000 su base annua per ciascun dipendente non assunto” e tali soldi finiscono al gruppo misto della Camera, il quale, in questo caso, dovrà assumere coloro che non sono stati scelti dai partiti. Queste 103 persone avranno diritto al mantenimento dello stipendio precedente. In aggiunta, ci sono altre 506 persone (i cui nomi sono contenuti nell’allegato B), per lo più assunte dai partiti negli anni passati, che avrebbero difficoltà a trovare un nuovo impiego. L’ufficio di Presidenza della Camera dei Deputati ha pensato bene, lo scorso dicembre, di deliberare che “ciascun gruppo è tenuto ad assumere almeno un dipendente inserito nell’elenco di cui all’allegato B alla presente

 

Laura  Bottici  –  Questore  Movimento  5  Stelle  al  Senato  

deliberazione per ogni 5 deputati appartenenti al gruppo medesimo. A tal fine il gruppo è tenuto a destinare all’assunzione dei soggetti dell’allegato B almeno il 30% dell’ammontare complessivo annuo del contributo ad esso assegnato”. Di questi 506 nomi, almeno 126 troverebbero collocazione. Se ne deduce che il 55% del bilancio dei gruppi parlamentari viene ad essere destinato per pagare gli stipendi di queste persone fortunate, anche se i gruppi stessi non volessero usufruire delle relative prestazioni professionali. Sicuramente, tra costoro, ci sono seri professionisti con molti anni di esperienza alle spalle. Questo sistema, però, non consente di verificarne con esattezza identità (accanto ai nomi non è presente la data di nascita) e curricula (non presenti negli allegati A e B). La mancanza di informazioni indispensabili come la data di nascita, non consente di risalire con certezza a molti dei nomi noti contenuti, in particolare, nell’allegato B. Analizzando proprio alcuni di quei profili, tra i 506 spuntano nominativi “illustri” come quelli degli ex parlamentari, Giorgio Stracquadanio, Rino Piscitello, e Roberto Rao, ma anche nomi di deputati in carica come Sestino Giacomoni o addirittura un sottosegretario all’Economia ancora in carica come Gianfranco Polillo. Ciò vale a dire che se i partiti, ancora una volta graniticamente coalizzati, impediranno al Movimento di avere almeno un questore, continueranno ad esistere cittadini di serie A, che potranno lavorare per il Parlamento, a prescindere dalle loro effettive competenze, e cittadini di serie B che, pur avendone tutti i titoli, non potranno essere impiegati dai gruppi parlamentari." Roberta Lombardi, capogruppo e portavoce M5S alla Camera

Sitografia: http://www.beppegrillo.it/2013/03/limportanza_del_questore.html http://www.youtube.com/watch?v=0UgEE6kolqs (Dal minuto 3:58)

7  


1 2

 News  in  Movimento  

  1,  Sabato  30  Marzo  2013   Numero   Link  da  noi  consultati:     www.beppegrillo.it   www.movimentocatanzaro.it   www.meetup.com/Movimento-­‐5-­‐stelle-­‐ Calabria    

Su  Facebook  vi  consigliamo:   Movimento  5  Stelle  Catanzaro   Movimento  5  Stelle  Calabria  

Rosy  Bindi  non  ha  visto  niente!  

News  in  movimento   Beppe  Grillo  

"L'utilità   di   una   forza   fuori   del   sistema   in   Parlamento   si   è   palesata   sin   dalla   prima   settimana   di   insediamento.   Il   MoVimento   5   stelle   ha  rivelato   l'esistenza  di   una   delibera   parlamentare,   secondo   la   quale   è   obbligatorio   da   parte   dei   nuovi   gruppi   parlamentari,assumere   personale   che   già   ha   prestato   servizio   per   i   partiti.   Laura   Castelli  del  M5s  ha  rivelato  che  i   gruppi   parlamentari   devono   destinare   il   55%   del   budget,   a   loro   destinato   per   l'assunzione   di   collaboratori,   alla   scelta   di   persone  contenute  in  due  elenchi   nei   quali   vi   è   l'indicazione   solo   del  nome  e  cognome,  mancando,   molte   volte   anche   indicazione   del   loro   curriculum   vitae.   La   Castelli   rivela   che   "si  tratta  di  ex   dipendenti   di   partito,   che   qualcuno   vuole   che   ritornino   in   Parlamento".   La   delibera   è   stata   adottata   dalla   Camera   lo   scorso   Dicembre   e   obbliga   i   gruppi   parlamentari   ad   assumere   queste   persone   senza   concorso.   Martina   Proietti   ha   realizzato   una   inchiesta   per   la   trasmissione   "L'ultima   parola"   intervistando   Rosy   Bindi   (Pd),   che   all'epoca   era   all'ufficio   della   Presidenza   della   Camera.   "Non   ho   visto   mai   nulla,   chieda   ai   questori"   -­‐   risponde  irritata  il  deputato  Pd  -­‐   "Se   uno   non   vuol   parlare,   non  

 

parla  perché  le  ho  già  risposto.   Io   non   ho   mai   visto   questa   delibera,   frutto   dell'opera   dei   questori.   A   noi   non   è   mai   arrivato  niente!”  

 

Sitografia:   http://www.beppegrillo.it/20 13/03/rosy_bindi_non.html   http://www.youtube.com/wa tch?v=Bg8HeVxyc7o  “L'Ultima   Parola  :  "Assumi  un  trombato  doc"   22/03/2013“    

Vi  ringraziamo  per   l’attenzione,   Il  MeetUp  Catanzaro  


News in movimento