Issuu on Google+

2DP IL MAGAZINE DI DUEDIPICCHE

NEW URBAN CYCLING WAY un nuovo modo di vivere la città

THE ITALIAN CYCLING FASHION ISSUE numero dedicato alle nuove tendenze del pedalare

012

ISSUE n.01


2DP IL MAGAZINE DI DUEDIPICCHE

www.duedipicchecicli.com

NUMERO

1 - 2012

ISSUE

Director MANOLO MONTEVECCHI

Art Direction ALBERTDESIGN

www.albertdesign.net Photography ALBERTDESIGN

www.albertdesign.net Print TIPOGRAFIA SARTORE

www.tipografiasartore.it

Duedipicche is a brand of Alpina (www.alpinabike.com). Producing handcrafted fully assembled bicycles in Cesena, Romagna Italy. Each model is the result of research that focuses on human beings need for mobility and satisfaction. The bicycles of Duedipicche bridge the gap between the classic bicycle image and the current trends. Through producing objects more technologically advanced and at the same time aesthetically pleasing. Through cycling we want to demonstrate that we can all improve and contribute to a better healthier world. Duedipicche è un marchio del gruppo Alpina (www.alpinabike.com). Produce biciclette artigianali totalmente assemblate a mano in Italia nello stabilimento di Cesena, Romagna. Ogni modello è frutto di una ricerca che pone al centro l’essere umano, con le sue necessità di mobilità e soddisfazione. I cicli Duedipicche gettano un ponte tra l’immagine classica che spesso conferiamo alla bicicletta e la tendenza attuale a produrre oggetti sempre più tecnologicamente ed esteticamente avanzati, in grado di agire sullo status sociale di chi li desidera fino a riuscire a possederli. Attraverso la bicicletta vogliamo dimostrare di poter ancora intervenire sullo stato delle cose, migliorandolo. Vogliamo dare il nostro contributo ad un’evoluzione del mondo finalmente sana e a misura d’uomo.


STARTER

INDEX

FOREWORD by Manolo Montevecchi .................................................................................................................5 NEWS What’s up in Italy .......................................................................................................................................6 STATISTICS Italy versus Europe ...........................................................................................................................8 CONTENTS

REPORT 20 Bike-Friendly cities in the World ........................................................................................................9 ARCHITECTURE The Washington DC Bycicle Transit Center ..........................................................................10 PAINTING THE FUTURE The Duedipicche Color Revolution ......................................................................15 GARAGE How-to and bicylce-care .....................................................................................................................18 DREAMWORLDS The Enduro Racing Experience ...........................................................................................23 SPORT 2.0 3, 2, 1...Polo! ...................................................................................................................................26 MUSIC A bike playlist .........................................................................................................................................28 SKEGGIA A cycle for truly Urban Riders ...........................................................................................................30 HEALTH Wellness info .........................................................................................................................................40 THE NEW CLASSIC Introducing Doppietta ...................................................................................................41 STYLE How to wear .............................................................................................................................................43 MUST HAVES Comfortable in the Jungle ..........................................................................................................48

32 COVER STORY

COLLECTION

ACCESSORIES

ENDURO .............................50

BASKETS & BABY CHAIRS .......58

STRADA ..............................50

BAGS .......................................59

DOPPIETTA .........................51

CLOTHING ..............................60

POLO BIKE ..........................51

HELMETS .................................61

SKEGGIA MAN / WOMAN ...52 CUCCIOLO ..........................53 RAMPIKINO .........................53 DIVINO / DIVINA ................54 PAPEETE / MOVIDA ............55 0 IN CONDOTTA .................56


FOREWORD (by Manolo Montevecchi)

WELCOME We live through invisible major connected networks. We are social creatures, accustomed to using terms such as community, multitasking, and virtuality. We listen to music with our MP3 players and our television is YouTube. We are the generation that has escaped the danger of the millennium Bug, the generation that welcomed the dawn of the new millennium We are educated to navigate the contemporary, immersed in the endless sea of technology, heads full of ideas, events, numbers, usernames and passwords to remember. In all this, I created Duedipicche. The brand Duedipicche is my idea of contemporary cycling, suitable for the new spaces and new social activities of our time, but still shaped by the hands of a craftsman. Through this publication 2DP will address the following challenges: return to the idea that the bike is still the most important means for urban mobility. A new brand is growing on the wave of European sensibility. The world that has already created a bike path, our tendency is to stimulate the community and to recover the advantages of instinctive, clean and therapeutic ways of living. This journal contains a series of bicycles, Duedipicche created to represent the link between this world and human nature in an intuitive way. Welcome, then, and take a few minutes to enter the world of Duedipicche.

BENVENUTO Viviamo connessi tra noi da grandi reti invisibili. Siamo creature sociali, abituate a utilizzare termini come community, multitasking, virtuale. Ascoltiamo la musica con MP3 e la nostra televisione è Youtube. Siamo la generazione che ha scampato il pericolo del Bug e ha visto l’alba del nuovo millennio. Siamo persone educate a navigare la contemporaneità, a sguazzare nel mare sconfinato della tecnologia, la testa riempita di concetti, appuntamenti, numeri, username e password personali da ricordare. In tutto questo, che è anche il mio mondo, ho deciso di inserire Duedipicche. Il marchio Duedipicche rappresenta la mia idea della bicicletta contemporanea, adatta ai nuovi spazi e alle nuove attività sociali del nostro tempo, plasmata ancora oggi dalle mani di un artigiano. La sfida che lancio con questa pubblicazione è la sfida che 2DP nasce per affrontare: riconsegnare alla bicicletta quel ruolo di mezzo importante per la mobilità urbana individuale che in Italia rimane al momento appannaggio dei mezzi a motore. Il nuovo marchio sta crescendo sull’onda di una sensibilità europea e mondiale che ha già segnato una strada; la tendenza è quella di sensibilizzare la Comunità al recupero del mezzo a pedali che ha il vantaggio di rappresentare un lato istintivo, pulito e terapeutico delle nostre esistenze. Questa rivista contiene esempi di una sensibilità illuminata, di curiosità e consigli utili per costruire anche in Italia una mentalità urbana consapevole e moderna. Contiene inoltre una serie di biciclette, Duedipicche, nate per rappresentare l’anello di congiunzione tra questo mondo ipertecnologico e la natura umana così corporea e intuitiva. Benvenuto allora, prenditi qualche minuto per entrare nel mondo Duedipicche. Buona lettura.

DUEDIPICCHE

5

2012 ISSUE


NEWS

APRIL 2011

Italy, Government approves draft law to the bike in the city. Bicycle parking facilities will be mandatory in public buildings, subway and railway stations. Encourage the use of the bicycle in urban settings. This is the purpose of the Bill proposed by the Minister of Environment and Protection of Land and Sea, Stefania Prestigiacomo, and approved on April 7, 2011 by the Council of Ministers under this slogan: “THE BIKE IS MAN’S MOBILITY”. RESERVED SPACES FOR TWO WHEELS. The DDL provides for the adoption of concrete measures to encourage the use of cycling in the city, starting with the integration of transport systems. Tram and auotobus will offer the carriage of folding bicycles, regardless of number and time. In addition, the bill states that public buildings with courtyards or common areas, must reserve a space for bicycle users, which must be properly reported on the corporate website reference. Similarly, Underground and train stations must have parking for bikes, under the jurisdiction of local governments.

BIKE SHARING, NOTICES AND CONTESTS. And for those who have so far been forced to ride in city traffic, envying the model cycle of Amsterdam and the Nordic countries, the Ministry of the Environment points out that 14 million euros have been allocated to projects calling for bike sharing systems associated with power through renewable sources. Addressed to the Italian authorities and the managers of national and regional parks, the initiative provides, the implementation of a system of bike paths controlled via webcam, the creation of parking spaces reserved for bicycles and the supply of electric bikes. This was launched in the same direction through the competition Bi-city. Addressing the Commons that the day of May 9, dedicated as national Bike Day. Launched as an experiment last spring and receiving a warm welcome, the “National Bike Day” will take place annually on the second Sunday of May. At the heart of the measure, the hope of Minister Prestigiacomo Biciday is that Bike Day “become the natioDUEDIPICCHE

6

2012 ISSUE

nal day of healthy and sustainable mobility.” The great success of last year, with hundreds of thousands of people, families, groups organized in the streets on two wheels, is a demonstration of the need to protect the environment and health of citizens through the promotion of policies aimed at eco-sustainable living and mobility. The Day aims to become an opportunity to meet and re-appropriation of the city, too often the prey of chaotic traffic and pollution, but also a revival of conviviality and sociability of urban spaces.”


ATTUALITÀ

APRILE 2011

Italia, governo approva disegno di legge per la bici in città. Parcheggi per bici saranno obbligatori in edifici pubblici, metro e stazioni. Incentivare l’uso della bici in contesti urbani. Questo il proponimento del Disegno di Legge proposto dal ministro dell’Ambiente e della tutela del territorio e del mare, Stefania Prestigiacomo e approvato il giorno 7 aprile 2011 dal Consiglio dei ministri sotto questo slogan: “LA BICI MOBILITA L’UOMO”.

SPAZI RISERVATI ALLE DUE RUOTE. Il DDL prevede l’adozione di misure concrete per favorire l’utilizzo delle due ruote in città, a partire dall’integrazione dei sistemi di trasporto. Tram e gli auotobus dovranno predisporsi al trasporto delle biciclette pieghevoli, senza limiti di numero e di orario. Inoltre, Il disegno di legge dispone che gli edifici pubblici con cortili o spazi comuni, riservino uno spazio alle biciclette degli utenti, che dovrà essere appositamente segnalato sul sito istituzionale di riferimento. Allo stesso modo, stazioni metropolitane e ferroviarie dovranno dotarsi di parcheggi bici, sotto la giurisdizione delle amministrazioni locali.

BIKE SHARING, BANDI E CONCORSI. E per chi è stato finora costretto a pedalare nel traffico cittadino, invidiando il modello ciclabile di Amsterdam e paesi nordici, il Ministero dell’Ambiente ricorda che 14 milioni di euro sono stati destinati al bando per progetti di bike sharing associati a sistemi di alimentazione mediante fonti rinnovabili. Rivolto ai Comuni italiani e agli enti gestori dei parchi nazionali e regionali, l’iniziativa prevede, infatti, la realizzazione di sistemi di piste ciclabili controllate via webcam, la creazione di parcheggi attrezzati e riservati alle biciclette e la fornitura di bici elettriche. Nella stessa direzione è stato lanciato, infine, il concorso Bicity. Rivolto ai Comuni che nella giornata del 9 maggio, dedicata al B-Day, avranno riservato solo alle biciclette la tratta più lunga in relazione agli abitanti, il concorso premierà le 8 amministrazioni più verdi con una targa stradale e una bici blu. Istituzionalizzazione del B-Day. Ha trovato poi parere favorevole dal Governo la replica della giornata della bicicletta. Lanciata in via sperimenDUEDIPICCHE

7

2012 ISSUE

tale la primavera scorsa, riscuotendo un’ottima accoglienza, la “Giornata Nazionale della Bicicletta” si svolgerà ogni anno la seconda domenica di maggio. Cuore del provvedimento, l’auspicio del Ministro Prestigiacomo è che il Biciday “diventi la giornata nazionale della mobilità sana e sostenibile”. Il grande successo della scorsa edizione, con centinaia di migliaia di persone, famiglie, gruppi organizzati in piazza sulle due ruote, è la dimostrazione di quanto sia avvertita l’esigenza di tutelare l’ambiente e la salute dei cittadini anche attraverso l’incentivazione di politiche rivolte alla mobilità eco-sostenibile”. La Giornata intende diventare “un’occasione di incontro e di riappropriazione delle città, troppo spesso preda del traffico caotico e inquinante, ma anche un’occasione di convivialità e di rilancio degli spazi della socialità urbana”.


STATISTICS

La bicicletta in Italia e in Europa A list of Italian and European bike statistics confrontation. Dalla tabella sottostante si nota che c'è un uso della bicicletta nei vari stati europei molto diverso. Nei Paesi Bassi ce n’è più di una per abitante, ogni olandese percorre in media 1019 km all'anno. In Italia ci sono 0,44 biciclette per abitante. A causa del clima umido e spesso ricco di precipitazioni, nei Paesi Bassi, paese con il più alto numero di biciclette per abitante in Europa, è molto diffusa la Bicicletta da pista a scatto fisso quindi, preferita a quella tradizionale per la sua mancanza di freni a leva e quindi minor possibilità di slittamento sul piano stradale umido a causa del bloccaggio delle ruote. Nella città di Münster, in Germania, ci sono più biciclette che abitanti. Anche nella capitale tedesca, Berlino, le biciclette sono molto diffuse, tanto dall'avere le piste ciclabili affiancate alla maggior parte dei marciapiedi.

The table below shows bicycle use in various European Countries. In the Netherlands there is a larger per capita of bicycle user, every Dutch travels on average 1019 km per year. Due to the humid climate often rich in precipitation, the Netherlands, a country with the highest number of bicycles per capita in Europe, is widespread of fixed bicycle. Using the traditional bike with its lack of a brakes lever and therefore there is less chance of slipping on the wet road surfaces due to wheel lock. In the city of Münster, Germany, there are more bicycles than inhabitants. Even in the German capital, Berlin, bicycles are very popular, so are bike lanes alongside most of the sidewalks.

Biciclette e reti ciclabili in alcuni Paesi europei. Bicycles and cycling networks in selected European countries. Paese

Numero Bici

Country

Number of bikes

Holland

16 Millions

Bici Per 1000 Abitanti

Percorrenza Media Per Abitante (Km)

Rete Ciclabile Prevista (Km)

Bikes for 1000 people

Average distance for each inhabitant

Planned cycle network (Km)

1010

1019

6000

Di Cui Realizzata Realized cycle network 30%

Denmark

5 Millions

980

958

3665

100%

Germany

72 Millions

900

300

35000

N.D.

Sweden

4 Millions

463

300

N.D.

N.D.

Italy

25 Millions

440

168

12000

10%

France

21 Millions

367

87

8000

20%

UK

17 Millions

294

81

16000

50%

Ireland

1 Millions

250

228

N.D.

N.D.

Spain

9 Millions

231

24

N.D

N.D.

Greece

2 Millions

200

91

N.D

N.D.

DUEDIPICCHE

8

2012 ISSUE


REPORT

For more details about this chart and compilation criteria, you can find all the information on Copenhagenize Consulting website below.

20 bike-friendly Cities in the World. One study determined the top 20 cities most suitable for cycling. Amsterdam is confirmed at the top and Italy is not even represented. November 2011

AMSTERDAM54 COPENHAGEN52 BARCELONA45 TOKYO41 BERLIN41 MUNICH40 PARIS39 MONTREAL38 DUBLIN37 BUDAPEST36 PORTLAND36 GUADALAJARA36 HAMBURG36 STOCKHOLM33 HELSINKI31 LONDON31 SANFRANCISCO30 RIODEJANEIRO30 VIENNA30 NEWYORK29

Per i dettagli di questa classifica, tutte le informazioni riguardanti Copenhagenize Consulting e i criteri utilizzati nella compilazione, digitare l’indirizzo web sotto.

http://copenhagenize.eu/index/index.html

In this particularly difficult period for the European landscape, the continent excels if and only for the quality of life offered to its citizens who choose the bicycle as a means of moving around the city. It works and functions very well in Amsterdam, at the top of the list compiled by Copenhagenize Consulting. (a consulting firm specializing in the study of the relationship between urban planning and bicycles), What should make us reflect, however, is the absence in the ranking of Italian centers: one moves better in metropolitan areas such as Rio or New York rather than in Rome or Milan. THE CLASS - 80 major world cities are compared, judged and studied for six months (presence of bicycle lanes, parking and other services that improve the lives of those who use two wheel modes of transportation to go to work, school or out shopping). The Top ten cities are Amsterdam,Copenhagen, Barcelona, Tokyo, Berlin, Monaco, Paris, Montreal, Dublin and Budapest. In the middle is the U.S., where the car is the center of daily life (Portland, New York and San Francisco were high ranking). Ranking also are places less predictable, such as Rio de Janeiro, a city that offers cycling since 1992, and Guadalajara, in the forefront in the promotion of bike-sharing and bike-friendly culture. European cities which stand out are London, Vienna, Stockholm, Hamburg and Helsinki and all of Asia. STUDY - To check these conditions the index of Copenhagen studied the presence of local organizations to protect the rights of cyclists, bike culture among the population, the presence of infrastructure (no stairs, yes to bike paths, signage, and bike parking )and the existence and spread of bike sharing. It was then measured and analyzed for 5 years. Monitoring the increase in the percentage of each persons time spent on a bike in their every day life. Other details: perception of safety and accident prevention, the political climate around the established urban riding as well as the commitment of the municipalities. WHY NOT ITALY? – Rome and Milan were the two Italian cities analyzed but not listed among the top twenty. The reasons for this rejection is the difficulty in restoring the bicycle as a means of transport. The comparison with other cities such as Barcelona and Paris is unforgiving: In Italy there are still quite widely separated facilities for cyclists, and there is still a high number of people cycling. The quality of Italian cycling is improving but only by a fraction and only in small towns.

DUEDIPICCHE

9

2012 ISSUE

In questo periodo particolarmente difficile per il panorama Europeo, il vecchio continente sembra eccellere se non altro per la qualità della vita offerta ai suoi cittadini che scelgono la bici come mezzo di spostamento in città. Si pedala particolarmente bene ad Amsterdam, al vertice della classifica stilata da Copenhagenize Consulting (società di consulenza, specializzata nello studio del rapporto tra urbanistica e biciclette), ma servizi di supporto e rispetto per il ciclista sono qualità comuni anche a Copenaghen e Barcellona. Ciò che deve far riflettere è però l’assenza in graduatoria di centri italiani: ci si muove meglio in aree metropolitane come Rio o New York piuttosto che nelle nostre Roma o Milano. LA CLASSIFICA - Sono confrontate 80 grandi città mondiali, giudicate secondo parametri studiati per sei mesi (presenza di piste ciclabili, parcheggi e altri servizi che migliorano la vita a chi usa le due ruote per andare a lavorare, a scuola o a far la spesa). La classifica si apre con Amsterdam e Copenaghen, poi Barcellona, Tokyo e Berlino nei primi 5 posti e prosegue con Monaco, Parigi, Montreal, Dublino e Budapest nelle prime 10. Da metà in poi arrivano anche le americane, dove l’auto il centro della vita quotidiana (Portland, New York e San Francisco). In classifica anche luoghi meno prevedibili, ad esempio Rio de Janeiro, città che offre piste ciclabili già dal 1992, o Guadalajara, all’avanguardia nel bike sharing e nella promozione di una cultura bike-friendly. Totalmente l’Asia, l’Europa si distingue per Londra, Vienna, Stoccolma, Amburgo ed Helsinki. LO STUDIO - Per verificare tali condizioni l’indice di Copenaghen ha studiato la presenza di organizzazioni locali di tutela per diritti dei ciclisti, la cultura della bici tra la popolazione, la presenza di infrastrutture (niente scale, sì a piste ciclabili, segnaletica, parcheggi), la diffusione del bike sharing. è stato poi misurato l’aumento negli ultimi 5 anni della percentuale di viaggio che ogni lavoratore quotidianamente compie in bici. Altri particolari: percezione della sicurezza e la prevenzione degli incidenti, il clima politico instaurato intorno alla pedalata urbana, l’impegno dei comuni. E L’ITALIA? – Roma e Milano sono le due città italiane analizzate e non inserite tra le prime venti. Le motivazioni di questa bocciatura sono da ricercarsi nella difficoltà nel ristabilire la bicicletta come mezzo di trasporto. Il paragone con altre città come Barcellona e Parigi è impietoso: In Italia non sono ancora abbastanza diffuse infrastrutture separate per i ciclisti, e non c’è ancora un alto numero di cittadini in bici. La qualità dell’offerta italiana è in miglioramento invece nei medi e piccoli centri.


ARCHITECTURE


KGP DESIGN STUDIO BICYCLE TRANSIT CENTER WASHINGTON DC Progetto Bicycle Transit Center

Project Bicycle Transit Center

Programma Bicycle parking and retail

Program Bicycle parking and retail

Località Union Station - Columbus Plaza 50 Massachusetts Avenue, NE Washington, DC 20002

Location Union Station - Columbus Plaza 50 Massachusetts Avenue, NE Washington, DC 20002

Area Totale 1,750 square feet

Total Area 1,750 square feet

Data di completamento October 2009

Date Completed October 2009

Architetti KGP Design Studio

Architects KGP Design Studio

Esempio di architettura sostenibile che favorisce l’utilizzo della bicicletta nelle zone urbane.

A sustainable example of architecture that promotes the bicycle utilization in urban areas.

il Bicycle Transit Center della Union Station a Washington DC è un parcheggio custodito gratuito di nuova generazione. Con una capacità di 150 biciclette in 1.750 metri quadrati rappresenta l’elemento di riferimento, lo stato dell’arte dell’architettura sociale urbana. Questo moderno complesso dalla struttura in acciaio e vetro

Bicycle Transit Center at Union Station, Washington DC houses secure parking for 150 bicycles in 1,750 square feet of a ground breaking state of the art transportation facility. This free-standing, modern glass and steel structure which is located close to the National Capitol enhances the commuter’s alternatives as well as DUEDIPICCHE

Site plan Bicycle Transit Center

che si trova nei pressi del Campidoglio Nazionale aumenta le possibilità dell’utente pendolare, ponendosi come modello internazionale per la sostenibilità urbana. Il progetto, che è stato progettato da KGP Design Studio, è parte di una crescente rete di bike stations e di centri di transito collegati che sono stati costruiti nelle maggiori città degli Stati Uniti. La struttura di 1.750 piedi quadrati è divisa in due sezioni: parcheggio biciclette e retail. L’area di parcheggio prevede 150 posizioni con cremagliera di stoccaggio custodita, parcheggio non custodito per 40 biciclette e una zona sosta breve per 10 cicli. L’area retail prevede il noleggio bici e la disponibilità di accessori e ricambi. Il centro di di transito fornisce spogliatoi, 40 armadietti a breve e lungo termine, e 50 piedi quadrati di magazzino. Il Transit Center permette ai pendolari di fruire i mezzi pubblici da e per Union Station, riporre le loro biciclette e andare al lavoro, fare shopping o godere del tempo libero favorendo così la sostenibilità urbana. Il tutto in un ambiente sicuro e semi-coperto. Al Transit Center, per i clienti è possibile registrare la presenza del proprio mezzo o pagare una piccola quota giornaliera per bloccare le loro bici

11

2012 ISSUE

being a international model for urban sustainability. The project which was designed by KGP Design Studio is part of a growing network of bike stations and linked transit centers which are being constructed in major cities across the U.S. The 1,750 sq. ft. structure is divided into two: bicycle parking and retail; the parking area provides for 150 secure bicycle parking rack positions, non-secure parking for 40 bicycles and short term parking for 10 bicycles. While the retail area provides for bike rental, repair and retail accessories; furthermore, the transit center provides changing rooms, 40 short and long term lockers, and a 50sq. ft. storage area. The bike transit center allows commuters to take public transportation to and from Union Station, pick up their bicycles and go to work, shopping or entertainment thus assisting in urban sustainability and all this in a secure and semi-enclosed environment. At the transit center, clients are able to sign up for memberships or pay a small day fee to lock their bikes in one of the secure double height bike racks that will take up two-thirds of the building’s space. The design of the transit center is created of stone, double ceramic fritted gla-


sun

sun

view Ceramic Frit 2 layers 4

in uno dei rack di sicurezza a doppia altezza che sono presenti su due terzi dello spazio totale. Il progetto del Transit Center è costituito da pietra, doppie vetrate in vetro sinterizzato e metallo con accenti creati da telai metallici, griglie e infissi luce (introdotti alla fine del secolo scorso). Delle Volte a botte sono state utilizzate negli spazi formali e una volta a parziale è stata predisposta nella train room, dove era necessaria una maggiore campata per il movimento dei pedoni e dei bagagli. La struttura è situata tra la Grand Beaux Arts Union Station di Daniel Burnham e il Museo Nazionale. La forma tagliente ed i materiali utilizzati sono in contraddizione con l’area circostante, garantendo l’attenzione dei pedoni al progetto. Il Transit Center è un progetto sostenibile che utilizza luce naturale non solo per l’illuminazione ma anche per il raffreddamento, ottenuto per convezione naturale secondo il principio di Bernoulli. Questo “non-edificio”, descritto come un qualco-

zing and metal with accents created by metal frames, grills and light fixtures (introduced at the turn of the century). Barrel vaults were used in the formal spaces and a partial vault was used in the train room where a larger span was required for movement of pedestrians and luggage. The sunken football shaped glass and steel structure is situated between Daniel Burnham’s Grand Beaux Arts Union Station and the National Postal Museum. The sharp shape and the materials used contradict with the surrounding area thus conveying the pedestrians’ attention to the project. The transit center is constructed with sustainable design by KGP Design Studio, thus utilizing the natural light as well as allowing for cooling by natural convection and Bernoulli principle. This “nonbuilding” which is described as something between a canopy and a building due to the lack of walls and roof, per sec, is clearly transparent and particularly different to the surrounding environment of the granite clad walls of Union Station. DUEDIPICCHE

12

2012 ISSUE


sa a metà tra baldacchino ed edificio a causa della mancanza di pareti e tetto, è trasparente e particolarmente differente dall’ambiente circostante, caratterizzato dalla facciata in granito della Union Station. La costruzione permette un abbondante passaggio di luce naturale attraverso le vetrate e agisce inoltre come una lente attraverso la quale si può visualizzare lo spazio interno ed esterno. Allo stesso tempo è discreta vetrina delle modalità di transito alternativa per turisti e pendolari. Il Bicycle Transit Center funge da canale attraverso il quale i civili sono incoraggiati a usare bici e mezzi di trasporto alternativi come estensione delle modalità di transito tradizionali. La struttura si avvale della sua posizione prominente per diventare un visibile modello di trasporto sostenibile, oltre che un centro focale per la comunità ciclistica. Il Transit Center è pianificato, implementato e gestito da Mobis Trasporti / Bike Station come una struttura completamente protetta.

The construction allows for abundant natural light to pass through, furthermore, it acts as a lens through which one can view the outside or the inside, at the same time it will discretely showcase alternative modes of transit for visitors and commuters. The Bicycle Transit Center serves as a channel through which civilians are encouraged to use bicycles and alternative transportation means as an extension to the existing transit modes. The facility has taken advantage of its prominent location to become a visible transportation model as well as a focal center for the bicycle community. The transit center is planned, implemented and operated by Mobis Transportation/ Bike Station as a completely secure facility.

DUEDIPICCHE

13

2012 ISSUE


PAINTING THE FUTURE

THE COLOR REVOLUTION Searching for the perfect customized citybike. Duedipicche fights for an urban space more suitable for travel by the pedaling foot proposing a line of products designed to put in a minority the gray dullness of city traffic Alla ricerca della Citybike definitiva tra personalizzazione, comfort e colori sgargianti. Duedipicche si batte per uno spazio urbano sempre pi첫 a misura di pedale proponendo una linea di prodotti studiati per mettere in minoranza il grigiore del traffico metropolitano.

DUEDIPICCHE

15

2012 ISSUE


Divino Produced by Duedipicche

Divino - Divina - Papeete & Movida snapshots Green - Pink - Blue

DUEDIPICCHE

16

2012 ISSUE


Divina miscellanea green model

Movida Pink model with case

Divina Blue model with basket

Divino, Divina, Papeete & Movida Enjoy your Colors in the City Four models are available in the options of White or Grey Traffic paint and decorated with a personalized package all of which are all unique, lively and colorful.

D

uedipicche proposes Divino, Divina, Papeete and Movida, 4 models of city bikes with a unique package, developed with the aim of allowing each client to create their own custom-made bike. A level of exclusivity is a pride for Duedipicche, a small company able to devote care and attention to hand craft each cycling product, giving their customers a range which merges with the character and personality of the guide.

the city. From car seats for children, to the front baskets and storage bags, each item is available in numerous variants to meet your specific need for convenience and security, helping to make the city less gray, and more fluent and lively.

Quattro modelli disponibili nelle varianti di verniciatura Bianco o Grigio Traffic e allestibili con un pacchetto di personalizzazione unico al mondo, vivace, coloratissimo.

The project also includes Urban Duedipicche a collection of clothing inspired by the same aesthetic principles that inspire comfort produced by the brand of Cesena.

Locks & Lights

The frames for men and women are available available in white or Traffic gray all with the possibility of using a complementary color of the 3 proposals for the front or rear luggage rack, cover and graphics on the mudguard, AXA Defender lock and light front leds. In support of any bike they can ask for a whole range of complementary accessories designed to handle any needs that may arise in DUEDIPICCHE

D

uedipicche propone Divino e Divina, Papeete e Movida, 4 modelli di citybike con un pacchetto di personalizzazione unico al mondo, sviluppato con lo scopo di consentire ad ogni cliente di ritagliarsi la propria bici su misura. Un livello di esclusività che rappresenta un orgoglio per Duedipicche, una piccola azienda in grado di dedicare una cura e un’attenzione artigianale a ogni singolo ciclo prodotto, garantendo ai propri clienti gamma in grado di fondersi con il carattere e la personalità di chi la guida. I telai da uomo e da donna sono disponibili con verniciatura bianca o nell’inedita colorazione Traffic con possibilità di abbinare una tinta complementare tra le 3 proposte per il portapacchi anteriore o posteriore, la grafica su carter e parafango, lucchetto AXA Defender e luce anteriore a LED. A corredo di ogni bicicletta è inoltre possibile richiedere tutta una gamma di

17

2012 ISSUE

accessori integrativi pensati per rendere ogni mezzo adatto alle diverse esigenze che possono presentarsi in città. Dal seggiolino per i più piccoli, passando per il cestino anteriore fino ad arrivare alle borse portaoggetti, ogni articolo è disponibile in numerose varianti e risponde a un bisogno specifico

Divino snapshot Selle Royal Saddle

di praticità e sicurezza, contribuendo a rendere la città meno grigia ma sempre più scorrevole e vivace. Il progetto Urban Duedipicche comprende anche una collezione di abbigliamento ispirata ai medesimi principi estetici e di comfort che animano la produzione del marchio Cesenate.


EXPERTS EXPL AIN HOW TO TAKE CARE OF YOUR DUEDIPICCHE BIKE AND PRESERVE THE WARR ANT Y

Garage SAFETY AND CARE FOR CYCLING

CLE AN & CARE

HOW TO : PRESERVE YOUR BIKE CONDITIONS AND GUAR ANTEE

Cleaning, lubrication and periodic activities are often overlooked but absolutely essential to achieve a safe and efficient riding experience. Here’s how.

Pulizia, lubrificazione e controlli periodici sono attività spesso dimenticate ma assolutamente fondamentali per ottenere un mezzo sicuro e performante. Ecco come.


THE BIKE-DE TECTOR Bike Care

Mud, rain, smog have ruined way to a sunny day? It is a good time to give the bike a cleaning. Fango, smog e pioggia hanno lasciato spazio a una giornata di sole? È un buon momento di dare una pulita alla bici. http://www.youtube.com/ watch?v=gbuydDHhyjw

A “CIVIC” E X AMPLE http://www.guerrilla-innovation.com/archives/2011/10/000811.php The Danish people have many opportunities to clean their bikes, some service stations in selected small areas of Copenhagen were craeated with pro-bicycle tools, they are equipped with pumps, water and soap, sponges, paper towels and plastic gloves. They also take advantage of kits with wrenches, oil and tire levers.

Basta poco: un automobilista poco educato, un giorno di pioggia e una pozzanghera possono rendere la tua bicicletta molto sporca. Ecco uno dei motivi per cui è importante sapere come rimediare personalmente.

A rude driver, a day of rain and a puddle can make your bike very dirty. This is one of the reasons why it is important to know how to fix and clean it yourself.

Cleaning the Cabinet Use a soft brush to remove mud and dust. Wipe dry and rub it on the pipes and then with a soft cloth for best results.In case of prolonged inactivity or large dirt it is better to use a sponge and bucket of water. Then wipe and polish with a chamois leather towel. Cleaning components Like all mechanical components bicycle gears has to be treated with care. The normal maintenance is carried out using a product which can clean and degrease (gasoline is not recommended) and then with water and shampoo which you can also use to clean the whole bike. Once dried you should lubricate all the components. Lubrication Essential to give the moving parts better smoothness and durability. Specific products are suggested, avoid sprays which are difficult to measure and harmful to the environment. One way to do it yourself is to mix the proper lubricant (oil or other Teflon) with gasoline. The mixture (approximately 3 parts of gasoline for 2 parts of oil) can easily be spread on the chain using a soft

Pulizia del telaio Utilizzare un pennello non troppo duro per rimuovere fango e polvere. Passarlo a secco sui tubi e strofinare poi con un panno morbido per il miglior risultato. In caso di inutilizzo prolungato o grande sporcizia fare ricorso a spugna e secchio d’acqua. Asciugare poi con una pelle di daino. Pulizia componenti Come tutti i componenti meccanici della bicicletta il cambio deve essere trattato con cura. La normale manutenzione si può effettuare con un prodotto in grado di pulire e sgrassare (non è consigliabile la benzina) e poi anche con acqua e shampoo con cui si pulisce tutta la bicicletta. Una volta asciugato conviene lubrificare i componenti. Lubrificazione Fondamentale per conferire alle parti in movimento la migliore scorrevolezza e durata possibile. I prodotti specifici sono straconsigliati, evitare invece spray, difficili da dosare e dannosi per l’ambiente. Un metodo fai da te per ottenere una bona lubrificazione co consiste nel miscelare l’apposito lubrificante (olio teflonato o altro) con della benzina. La miscela ottenuta

I danesi ne hanno combinata un’altra delle loro: In alcune stazioni di servizio selezionate di Copenaghen sono state create piccole aree pro-bicicletta dotate di pompe, acqua e sapone, spugne, asciugamani di carta e guanti di plastica. È possibile anche usufruire di un kit con chiavi esagonali, olio e leve per pneumatici.

brush. The fluidity of the preparation ensures good consumption and, as soon as the gas evaporates, what remains is a very light film of oil to coat the sides of your components. You can also obtain a product already packaged in the form of oil can, where you can pass over and lubricate all the links in the chain, drop by drop. You should also then lubricate the moving parts in the derailleur gear. Behave similarly for all other parts such as levers and friction, originating brake arches, the interior of the sheath and the bearings of each pedal. Periodic checks To ensure total safety and efficiency that your whole bike can offer you must perform a series of simple but important control check. Here are the main ones. The brakes system Regardless of the type of brake pads mounted first check the rubber. The rubber which is the main component performing the braking function should not be consumed or worn down. Check that their position is correct, it should fit snugly

DUEDIPICCHE

(indicativamente 3 parti di benzina per 2 parti d’olio) può agevolmente essere spalmata sulla catena facendo ricorso ad un pennellino non troppo duro. La fluidità del preparato garantisce un’ottima penetrazione e, non appena la benzina si sarà volatilizzata, non resterà che un leggerissimo velo d’olio a ricoprire le parti. Più pratico è invece procurarsi un prodotto già confezionato in forma di oliatore, con il quale passare tutte le maglie della catena, goccia a goccia. Con lo stesso andremo infine a lubrificare anche le parti in movimento sia del cambio che del deragliatore. Comportarsi allo stesso modo per le altre parti che originano attriti quali leve e archetti dei freni, l’interno delle guaine, i cuscinetti dei pedali. Controlli periodici Per garantirci una totale sicurezza e tutta l’efficienza che la nostra bicicletta è in grado di offrirci, è necessario compiere una serie di facili ma importanti controlli . Ecco i principali. L’impianto frenante Indipendentemente dal tipo di freno montato verificare innanzitutto i pattini di gomma. Chiamati a svolgere la funzione frenante, non

19

2012 ISSUE

on the brakes at the edge of the rim. The adjustment on the levers and its fit has its own importance. The braking action should be modular and safe and must first start at the slightest pressure one gives to the lever. To adjust for a perfect fit use the lever and adjust the screw placed on the handlebars. For safe braking is also necessary to control the mounting of the brake shoes to the frame. This test is simple, just take the bike with the brake on and trying hard to push it, check that there is no extra movement. To ensure a smooth and gradual control it is essential for all moving parts to be lubricated at the points of friction. But be careful not to smear excess oil onto the brakes and rims. The wheel hubs The smoothness of the wheels is created when the wheel is in a perfect circular shape as well as the highest quality of materials used. Periodically (depending on the mileage) hubs can be disassembled, inspected and lubricated. For this operation, it isrecommended to use a licensed Duedipicche

devono essere consumati. Controllare che il loro posizionamento sia corretto, in frenata devono infatti aderire perfettamente ai bordi del cerchione. Anche la regolazione del gioco sulle leve ha la sua importanza. L’azione frenante per essere ben modulabile e sicura deve poter iniziare fin dalla prima leggera pressione esercitata sulla leva. Per regolare il gioco della leva si fa ricorso agli appositi registri a vite sistemati sul manubrio. Per una frenata sicura è anche necessario tenere sotto controllo il fissaggio delle ganasce dei freni al telaio. Tale verifica è semplice, basta tener frenata la bici con un freno per volta e, cercando con forza di spingerla, controllare che non vi sia gioco. Per assicurarsi un comando morbido e progressivo è necessario che tutte le parti mobili siano lubrificate nei punti di attrito. Attenzione però a non imbrattare d’olio freni e cerchioni. I mozzi ruote La scorrevolezza delle ruote è assicurata dal perfetto stato delle sfere e dei coni, oltrechè dalla elevata qualità dei materiali impiegati. Periodicamente (in relazione ai chilometri percorsi) i mozzi vanno smontati, con-


I TECNICI DUEDIPICCHE TI SPIEGANO COME AVER CUR A DELL A TUA BICICLETTA E PRESERVARNE L A GAR ANZIA

WHEN THE CHAIN FALLS OFF? Who has not experienced the annoying problem when your chain falls off? Here is a short lesson on how to re-attach your bike chain.

mechanic. A similar situation has to be done for both the bottom bracket (the one to be clear on which the cranks rotate) for the steering. And in fact, it is very easy to have damage caused by a loose component which is slow or too narrow. The do it yourself method is therapeutic and charming, but in this case it is better to leave it to the professionals. Recording gear Normally, a change may be calibrated well and recorded after an initial trial period and does not need further intervention. In the case where the chain tends to jump over the largest sprocket and the smallest and escape, we operate one of the two small screws (usually marked with the letter H in the regulation of those deputies sull’ingranaggio outer limit and the letter L to the inner gear). The thing itself is not complicated, but to get a good result it takes experience and a good hand.It is also recommended in this case to use a licensed mechanic to avoid risking damage that would invalidate the warranty. One answer to an imprecise shifter when the chain skips over or is having difficulty switching between them, you should take the tension of the string of changes, unscrew and then slight-

trollati e lubrificati. Per questa operazione, particolarmente delicata soprattutto nella fase finale di regolazione del gioco, è consigliato ricorrere ai meccanici licenziatari Duedipicche. Analogo discorso va fatto sia per il movimento centrale (quello per intenderci su cui ruotano le pedivelle) che per quello dello sterzo. E’ facile infatti provocare seri danni causati sia da un gioco troppo lento sia da uno troppo stretto. Il do it yourself è terapeutico e affascinante, ma in questo caso meglio lasciar fare ai professionisti. Registrazione del cambio Di norma, un cambio tarato bene ed eventualmente registrato dopo un primo periodo di rodaggio, non ha bisogno di ulteriori interventi. Nel caso in cui la catena tendesse a saltare oltre il pignone più grande o quello più piccolo e a fuoriuscire, dovremo agire su una delle due piccole viti (normalmente contrassegnate con la lettera H quelle deputate alla regolazione del fine corsa sull’ingranaggio più esterno e con la lettera L quelle per l’ingranaggio più interno). La cosa in sè non è complicata, ma per ottenere un buon risultato ci vuole esperienza e una buona mano. Consigliato anche in questo caso il ricorso al meccanico per evitare di rischiare danni che possano invalidare la garanzia. Se invece riscontriamo

1. Turn your bicycle. Place the chain on the rear sprocket, and then place a small part of the chain on the front flange. Then turn to the flange and the foot pedal. The chain will wrap alone. Be careful not to get your hands stuck or pinched. 2. Then stretch the chain back, pulling on the rear wheel to make it back into the groove provided in order in the fork. Loosen the nuts that hold the wheel in place with a wrench or loosen the quick release skewer. When the chain is sufficiently tight, reattach

ly tighten the nut at the entrance of the chain. Emergency response The drilling Holes on the paved road are mainly caused by glass, nails or a sharp blow that causing a crushing chamber cut. This cuts both the air chamber and the tire.The steps required for replacement or repair a tire are to use two plastic levers, extracting

una risposta imprecisa al comando del cambio, se cioè anzichè spostarsi di un ingranaggio per volta, la catena ne salta qualcuno o al contrario fatica a passare dall’uno all’altro, basterà intervenire sulla tensione della corda del cambio, svitando o avvitando leggermente la ghiera posta all’ingresso del cambio.

the wheel, centering on the right fork. 3. If you are unable to stretch the chain enough, search the mesh equipped with special hooks. Remove the hook by a thin or grippers with the tip of a screwdriver. Then jump to a mesh and replace the chain connecting the two joints.

dlebars. Loosen the nuts that hold the axle to the frame. If they are extremely tight, spray some lubricant on the nuts - a silicone lubricant or even vegetable oil will do the trick. (Many modern bikes will not have nuts. They have a quickrelease which you can easily loosen and remove the wheel). Take the wheel out of the frame. If it’s the rear wheel, you will need to lift the chain clear of the gear cluster. To ease the removal of a rear wheel, shift the chain to the smallest gear on the wheel before loosening the skewer or nuts. If it’s the front wheel, that one will be a little easier.

what has cut or torn the tire and or for removing the tire completely , do not use metal that can damage the rim and a new inner tube, then use a repair kit consisting of adhesive and patch to patch the hole. How to remove a tire. If you ride a bicycle, sooner or later you will need to fix a flat or change (replace) a tire. Before beginning this process, turn your bike upside down, distributing its weight on the seat and hanDUEDIPICCHE

Interventi di emergenza La foratura Le forature su strada asfaltata sono causate principalmente da vetri, chiodi o da un colpo secco che causa lo schiacciamento della camera tagliandola. Quindi si taglia sia la camera sia il copertone. I componenti necessari per l’operazione di sostituzione o riparazione della camera d’aria sono tre: Due levette estrattrici di plastica necessarie per togliere il copertone, non usare quelle in metallo che possono danneggiare il cer-

20

2012 ISSUE

You may also need to release the brakes if they interfere with wheel removal. Deflate the tube completely by pressing down on the inner part of the valve. Take a couple of tire levers (you can purchase these at your local bike/outdoor store). You can use the handle of a spoon or similar object if you don’t have tire levers but be very careful, as you risk scratching or damaging the rims of the wheel and/or puncturing the inner tube. Ease one lever in under the wheel rim and lever out the edge of the tire (taking great care not to punctu-

chio; Una nuova camera d’aria; oppure il kit di riparazione composto da colla e toppa. Come togliere il copertone? Se la ruota bucata è la posteriore prima di sfilarla occorre posizionare la catena sul pignone più piccolo. Se possibile togliere la ruota dalla forcella per lavorare meglio. Se invece la ruota è bloccata da dadi e non si vuole svitarli, occorre rivoltare la bicicletta in modo che le ruote si trovino in alto e lavorare in quella posizione. Poi svitare il cappuccio che chiude la valvola che consente di gonfiare la camera d’aria e il dado di fermo ai piedi della stessa, che la blocca al cerchio. Si inserisce poi l’estremità ricurva delle due levette di plastica tra il cerchio e il copertone (la parte ricurva verso l’interno); la prima levetta si posiziona in prossimità della valvola della camera, la seconda ad una distanza di circa 8-10 cm. La particolare forma ricurva della leva consente - con qualche piccolo movimento - di agganciare il bordo interno del copertone. Si opera in questo modo: prima si aggancia il bordo del copertone con la prima leva e poi con la seconda. Una volta agganciato il copertone si fa leva con entrambe verso l’esterno affinché quella parte di copertone agganciato dalle leve debordi dal cerchio. Quando è un po’ deborda-


E SE CADE L A CATENA? A chi non è mai capitato il fastidioso inconveniente della catena che si toglie? In questi casi occorre rimettere in sede la catena per poter continuare la nostra pedalata, ma come fare? Piccola guida che vi consentirà di non farsi trovare più impreparati.

re the inner tube) and pry it up over the wheel rim. Move around the rim about an eighth of the circumference and repeat the process again, leaving the first tool in place. Now zip the second lever around the wheel and the tire should come right off on one side. Remove the wheel and tube completely - you may need to unscrew a small nut at the base of the valve stem to take out the inner tube if you use presta valves, which are found on high end bikes, usually not BMX bicycles. Nearly all road bikes come with presta valves.Inspect the punctured tube to find the hole, determining whether the problem is on rim or tire side of tube. Adjust rim tape to cover protruding spoke or remove any embedded sharp object (glass) from inside of tire casing. Either patch or replace the inner tube; or put on your new tire. Check the tire wall for an arrow or similar to indicate the direction of rotation - some tires have a “direction specific” tread pattern. Put one side in first, then ease the partially inflated tube into the tire and locate the valve in the hole in the rim. Make sure that no part of the tube is sticking out. Starting at the tire

to, si fa scorrere la levetta più lontano dalla valvola seguendo la circonferenza del cerchio, finché il copertone non salta fuori completamente. Ora si può sfilare sia il copertone, sia la camera d’aria facendo uscire dal foro del cerchio la valvola. Ispezione del copertone Una volta sfilata la camera d’aria è importante che venga ispezionato il copertone, sia nella parte interna sia esterna, facendo scorrere le dita per rilevare la presenza del corpo che ha causato il buco. Montare la nuova camera d’aria Si prepara la camera d’aria gonfiandola leggermente per darle rotondità e maneggiarla meglio. Quindi si prende il copertone e si circonda il cerchio nella sua completa circonferenza inserendo, tra le guide dello stesso, solo la metà del copertone in modo da lasciare libera - verso l’esterno – un’intercapedine in cui verrà inserita la camera d’aria. Si prende la camera e spostando leggermente il copertone si infila la valvola nell’apposito foro presente nel cerchio. Quindi con le dita si cerca di infilare la camera d’aria sotto il copertone proprio n e l l ’ i n t e rc a p e d i n e che avevamo creato in precedenza. Una volta effettuata questa operazione, con le dita (indice, medio e pollice come

1. Capovolgere la vostra bicicletta. Posizionare la catena sul pignone posteriore e appoggiare poi una piccola parte della catena sulla flangia anteriore. Far poi girare la flangia, azionando il pedale. La catena si avvolgerà da sola. Attenzione alle mani. 2. Se la bicicletta in questione è senza cambio, tendere nuovamente la catena, tirando sulla ruota posteriore per farla arretrare nella scanalatura prevista allo scopo nella forcella. Svitare i dadi che mantengono in posizione la ruota con una chiave fissa o allentare

edge closest to the valve, use your thumbs to work the other side of tire over the rim and into well. You may need to use the same tool you took it off with to do the very last bit and pop it back onto the wheel. Before inflating, use your thumbs again to ease the tire from the rim all around the circumference, peeking in to make sure that the tire is not pinching any part of the tube against the rim. When you inflate the tube, if it is pinching, it will pop, and you will have to repeat the entire process, and buy a new tube. Inflate the tube slowly and carefully at first, all the time checking to make sure the tire is on evenly and there is no “pinching”. You’re now ready to put the wheel back on the bike. Using the Repair Kit The air chamber is inflated with holes so that you can find the hole (usually a breath of air that you feel closer to the rubber lips, or, even better, partially submerging the tube in a basin full of inflated ‘water: bubbles are produced by the air escaping this is the location of the hole). Completely deflates the room without losing the position of the hole, maybe circle with a marker. Around the same, DUEDIPICCHE

leva) si cerca di far scivolare l’altra metà del copertone all’interno della guida del cerchio. Questa manovra all’inizio è semplice; ma si fa via via più dura all’avvicinarsi del compimento delle circonferenza del cerchio e, verso la fine, rimane non inserito circa una quindicina di centimetri di copertone. Si dovrebbe continuare con le dita sforzandosi di inserire tutto il copertone nelle guide, ma se non si riesce si riprendono le leve che ci avevano aiutato a togliere il copertone e inserendole una alla volta tra copertone cerchio, ci consentiranno - facendo su di esse leva – di far scattare la parte rimanente del copertone all’interno della guida del cerchio e… chiudere “il cerchio”. Fare molta attenzione che nella fase di inserimento della camera, non si pizzichi quest’ultima sia con le levette, sia tra la copertura e i bordi del cerchio. Per evitare le pizzicature gonfiare un po’ la camera d’aria fino a tendere il copertone e poi torcere il copertone per tutta la circonferenza della ruota. L’operazione consentirà alla camera di liberarsi da eventuali pizzicate cerchio-copertone. Per facilitare la distensione della camera si può usare del talco. Poi si potrà gonfiarla alla pressione d’esercizio. Fare molta attenzione al momento di estrarre la pompa dalla valvola. Infatti tirando troppo si potrebbe

21

2012 ISSUE

i bloccaggi rapidi. Quando la catena è sufficientemente tesa, fissare nuovamente la ruota, centrandola bene sulla forcella. 3. Nel caso in cui non si riesca più a tendere la catena a sufficienza, è consigliabile eliminare una maglia. Cercare la maglia speciale munita di gancio. Togliere il gancio per mezzo di una pinza a ganasce sottili o con la punta di un cacciavite. Far quindi saltare una maglia e riposizionate la catena unendo i due giunti.

after cleaning with sandpaper, spread a little ‘of mastic, and let dry. Expect half a minute to 10 minutes drying time, depending on the type of glue used. Then apply the patch by pressing and holding for at least one minute. Attention It may happen that after a violent collision the radius of the wheel could penetrate the protective cap where the rim is located. In this case you will not find a foreign body in the tire. The radius should be repaired otherwise the new inner tube will remain punctured.

strappare la valvola. È meglio tirare leggermente dando delle oscillazioni a destra e sinistra. Uso del Kit di riparazione La camera bucata viene gonfiata in modo che se ne possa individuare il buco (di solito un soffio d’aria che si percepisce avvicinando le labbra alla gomma, o, ancor meglio, immergendo la camera d’aria parzialmente gonfiata in una bacinella piena d’acqua: il foro sarà segnalato dalle bollicine prodotte dall’aria che fuoriesce). Si sgonfia completamente la camera senza perdere la posizione del buco, magari cerchiandolo con un pennarello. All’intorno dello stesso, dopo averlo pulito con la carta vetrata, si spalma un po’ di mastice, si attende da mezzo minuto a 10 minuti, in base al tipo di mastice usato, si applica la toppa premendo forte e mantenendo la pressione per almeno un minuto. Attenzione Può capitare che in seguito ad un urto violento un raggio della ruota perfori il tappino protettivo che sta nel cerchione. In tal caso non si troverà un corpo estraneo nel copertone. Il raggio va riparato altrimenti ovviamente anche la nuova camera d’aria verrà bucata.


DREAMWORLDS

ENDURO THE RACING EXPERIENCE ONCE UPON A TIME THERE WERE CORAGEOUS MEN WHO CHALLENGED THEIR LIMITS ON THE ROAD. THEIR CHALLENGES INSPIRED ENDURO, THE NEW DUEDIPICCHE BICYCLE. COMFORT AND SAFETY CONTAINED IN WILD AND SPIRITED TRANSPORTATION. C’ERA UNA VOLTA UN TEMPO IN CUI UOMINI CORAGGIOSI SFIDAVANO I PROPRI LIMITI SULLE STRADE. ORA LE LORO IMPRESE RIVIVONO IN UNA BICICLETTA DUEDIPICCHE: ENDURO. SPIRITO SELVAGGIO, COMFORT E SICUREZZA AL SUO MASSIMO.

DUEDIPICCHE

23

2012 ISSUE


The wild bike “I wish I was going someplace. I wish you were going someplace. We could go together. “ The wild one.

Double lights

The design of this scrambler takes its inspiration directly from the dusty tracks of the ‘60s and ‘70s. Of the legendary British Enduro motorcycles with the magic of twin headlights, narrow handlebars, wide tires and fenders shortened to look rugged and tough. Particularly stylish with the Brooks leather saddle, fitted as standard. The connotation of “bad boy” on the bicycle can also be accentuated in four available colors including; aggressive racing red and orange or classic army green or milk, all standing out with contrasting racing stripes.To complete the technical equipment there are mounted Enduro Shimano Roller brakes that provide a “motorcycle” effect as well as a Shimano Nexus three-speed gearbox.

Il design di questa scrambler prende ispirazione direttamente dai circuiti impolverati degli anni ‘60 e ‘70. Delle leggendarie motociclette inglesi Enduro ha ereditato la magia del doppio faro, un manubrio Condor stretto, parafanghi accorciati e gomme larghe per un look robusto e grintoso. Particolare eccellente è anche la sella Brooks in cuoio, montata di serie. La connotazione di “bambina cattiva” della bicicletta è sottolineata anche da quattro colorazioni disponibili tra cui gli aggressivi arancio o rosso corsa e i più classici verde militare o latte, su cui si stagliano le striscie racing a contrasto. A completare la dotazione tecnica di Enduro sono montati i freni Shimano Roller che assicurano un’esperienza frenante “da moto” e un cambio a tre velocità Shimano Nexus.

Nexus shifter

Brooks saddle DUEDIPICCHE

24

2012 ISSUE


SPORT 2.0

BIKE POLO

It’s all about Attitude While racing cyclists drink sports drinks and are refueled with energy bars, the polo-bikers are having a beer and Snickers. The urban version of the classic polo horse is now very fashionable and an increasing sport amongst boys and girls around the world. Challenging each other in public playgrounds, pleasure of being together still triumphs over competition at any cost. DUEDIPICCHE

26

2012 ISSUE

Mentre nelle corse i ciclisti bevono sport-drinks e si rifocillano con barrette energizzanti, nel Bike-Polo si fanno una birra e uno Snickers. La variante urbana del Polo classico a cavallo è oggi di gran moda e sempre piÚ ragazzi e ragazze in tutto il mondo si sfidano nei playground cittadini, dove il piacere dello stare insieme sembra ancora trionfare sulla competizione ad ogni costo.


3,2,1... POLO

Polo Bike Produced by Duedipicche

It’s called the evolution of the Hardcourt Polo replacing the horse with a bicycle. It is played in car parks, playgrounds, skating rinks and empty fields and often found in cities. The purpose of a game played by two teams of three players each, is to score 5 goals in a door hitting the ball with a bat. The game begins when the referee says “3,2,1, Polo!” Now widespread in the world, in Italy this sport is gaining admirers thanks to the growing interest of sponsors within the organization. The first Hardcourt Bike Polo Italian Championship took place in 2010 in Rome. In that edition the crowned champion was Malaforca (Fano), who also won the 2011 edition at Padua. Duedipicche wanting to express his love for the game, created the beautiful Polo Bike that you can see above. And then: 3,2,1 ... POLO!

Si chiama Hardcourt l’evoluzione del Polo che sostituisce al cavallo una bicicletta e che si gioca in playground semimprovvisati quali parcheggi o piste da pattinaggio a rotelle, spesso presenti nelle città. Lo scopo di una partita, giocata da due squadre da tre giocatori ciascuna, è segnare 5 goals in una porta colpendo la palla con una mazza. Il gioco inizia quando l’arbitro dice “3,2,1, Polo!”, dopo di che si scatena la bagarre. Ormai diffuso nel mondo, in Italia questo sport sta guadagnando estimatori anche grazie all’interesse crescente degli sponsors e all’organizzazione, avvenuta nel 2010 in quel di Roma, del 1° Campionato Italiano di Hardcourt Bike Polo. In quell’edizione si laurea campione la compagine Malaforca (Fano), che si è aggiudicata anche l’edizione 2011 a Padova. Anche Duedipicche ha voluto esprimere il suo amore per il gioco, realizzando la splendida Polo Bike che potete vedere sopra. E allora: 3,2,1...POLO!

3 HARDCOURT THINGS. Scan QR codes with your smartphone or type suggested URL in your browser to see what’s on. Rules

Contacts, clubs, fouls. Discover all the rules of this sport on the official website of the Italian championship. Contatti, mazze, falli. Scopri tutte le regole di questo sport sul sito ufficiale del campionato italiano. http://ihbpc.org/regole-2/regolecomplete-ihbpc/

EHBPC ‘11

A nice video on the experience of a group of Italian boys in Barcelona for the European Championship Bike Polo. Un bel video sull’esperienza di un gruppo di ragazzi italiani a Barcellona per il campionato europeo Bike Polo. http://www.youtube.com/ watch?v=10Fu6j2PW34

DUEDIPICCHE

27

2012 ISSUE

Girls

Promotional video for the tournament Hell’s Belles women, held in London This October. Video promozionale per il torneo femminile Hell’s Belles, svoltosi quest’ottobre a Londra. http://www.youtube.com/ watch?v=LzWwQ7tRGxI


Playlist

THE BIKE

A

M U S I C

C O L L E C T I O N

10

THE BIKE SONG MARK RONSON & THE BUSINESS

Record Collection

10 TRACCE MUST-HAVE DA SCARICARE (LEGALMENTE) PER IL VERO BIKE-MANIAC. 10 MUST-HAVE TRACKS TO DOWNLOAD (LEGALLY) FOR THE TRUE BIKE-MANIAC. F O R

T H E

09

TOUR DE FRANCE ÉTAPE 1 KRAFTWERK

Tour de France Soundtrack

WHEN I GET YOU ALONE ROBIN THICKE

A Beautiful World

SOTTO QUESTO SOLE BACCINI & LADRI DI BICICLETTE

Le donne di Modena

APOLOGY SONG THE DECEMBERIST

01

Jazz

08 LDN LILY ALLEN

Alright, Still

BICYCLE BICYCLE YOU ARE MY BICYCLE - BE YOUR OWN PET

Be Your Own Pet

03

BICYCLE SONG (bonus track) RED HOT CHILI PEPPERS

By the Way

BICYCLE RACE QUEEN

B I K E - L O V E R

05

06 5 Songs

04

U R B A N

%'

BARTALI PAOLO CONTE

Blue Swing

Inspired by the Tour de France, this Queen’s Classic (1978) is a hymn to the pleasure of the ride, a mustiPod track for those who love their bikes. Ispirato dal Tour de France, il Classico dei Queen (1978) è un inno al piacere del pedalare, immancabile ancora oggi nell’ipod di chi ama la propria bici.

DUEDIPICCHE

28

2012 ISSUE


02. BARTALI The song is dedicated to Elvis to the great Italian racer Gino Bartali. Conte describes the elegance and irony during a bicycle race. 02. La canzone è dedicata da Paolo Conte al grande corridore italiano Gino Bartali. Conte descrive con la conscueta eleganza e ironia ciò cha accade durante una corsa ciclistica.

03. BICYCLE SONG It is the Bonus Track “By the Way”, an album of great success from the California Red Hot Chili Peppers. The song is a hymn of love dedicated to the bicycle. 03. Bicycle Song è la Bonus Track di “By the Way”, album di grande successo dei californiani Red Hot Chili Peppers. La canzone è un inno d’amore alla bicicletta.

04. SOTTO QUESTO SOLE Award winning Italian song at Festivalbar 1990. It speaks of wanting to escape the typical Summer, spent on strenuous bike rides with friends. 04. Canzone italiana vincitrice del Festivalbar 1990 e grande tormentone estivo di quell’anno. Parla della voglia di evasione tipica dell’Estate, trascorsa tra faticosi giri in bicicletta in compagnia degli amici.

05. BICYCLE BICYCLE YOU ARE MY BICYCLE Punk rock song, funny video with the band doing everything in spite of being on a bike the entire time. 05. Canzone punk-rock, il divertente video vede i componenti della band compiere ogni genere di dispetto in sella ad una bicicletta. Piacerà ai ragazzacci.

06. APOLOGY SONG It was originally the voice mail as a legitimate excuse for the loss of his beloved bicycle named Madeline. 06. Apology song venne originariamente suonata alla segreteria telefonica di

Pop music often seeks the eternal in the everyday. The songs are trying to stop time around an exciting time, and this track by Mark Ronson speaks to the kid in all of us. Talking of the part of each of us looking for a 07. WHEN I GET YOU ALONE Beethoven. It is a song by the funky 10. La musica Pop cerca spesso l’eterrhythm, the video shows the singer no nel quotidiano. Le canzoni tentano rolling through the streets of Manhattan di fermare il tempo attorno ad un with his BMX. Thicke plays a courier momento emozionante, e questa traccia who runs from one side of town to di Mark Ronson parla al bambino che è make his deliveries. in ogniuno di noi. 07. When I Get You Alo- NON TUTTI SANNO CHE IL VIDEO Parla della DI “BICYCLE RACE” FECE SCANDAne contiene un campioLO PER LA PRESENZA DI 65 MOparte di namento della Sinfonia DELLE NUDE CHE GAREGGIAVANO ogniuno di n. 5 di Beethoven. È CON LA LORO BICI AL WIMBLEnoi che ricerun brano dal ritmo DON GREYHOUND STADIUM. ALLA ca una vita funkeggiante, il videoRICONSEGNA DELLE BICI, NOLEGpiù semplice, clip mostra il cantante GIATE, AL GRUPPO FU CHIESTO DI priva di nosfrecciare per le strade SOSTITUTIRE TUTTE LE SELLE. iose complidi Manhattan con la sua NOT EVERYONE KNOWS THAT THE cazioni, e lo BMX. Thicke interpreta VIDEO FOR “BICYCLE RACE” MADE fa magari in un corriere che corre da SCANDAL FOR THE PRESENCE OF sella ad una una parte all’altra del 65 NAKED BIKE RIDING MODELS. bicicletta di città per effettuare le cui è innasue consegne. morato. un amico del cantante della band come scusa legittima per la perdita della sua amata bicicletta di nome Madeline.

08. LDN is the abbreviation for the text of “London.” The pop song of 2006 it describees a series of events related to the city during a bike ride through the streets of the capital. 08. LDN è l’abbreviazione per gli SMS di “Londra”. Il brano pop del 2006 descrive una serie di eventi legati alla città che avvegono durante un giro in bicicletta per le vie della capitale inglese.

09. TOUR DE FRANCE Kraftwerk is a single released in 1983. Using a sample of voices and mechanical sounds associated with cycling in addition to a basic electro-percussionist. Celebrate the Tour de France, as a joy of living. 09. Tour de France è un singolo di Kraftwerk uscito nel 1983. Usa campionamenti di voci e rumori meccanici associati al ciclismo in aggiunta ad una base elettro-percussionistica. Celebra il Tour de France come gioia di vivere. 10. THE BICYCLE SONG DUEDIPICCHE

29

2012 ISSUE


Q U A L I T À

A R T I G I A N A L E

I TA L I A N A

-

T R A D I T I O N A L

I TA L I A N

Q U A L I T Y

SKEGGIA

Un’ eleganza contemporanea al servizio dei veri Urban Riders. A contemporary Elegance for true Urban Riders.

DUEDIPICCHE

30

2012 ISSUE


Skeggia uomo Produced by Duedipicche (Women versions also available)

Un’ eleganza contemporanea al servizio dei veri Urban Riders. A contemporary Elegance for true Urban Riders. Creation of the new fixed: skeggia is ideal for modern,individual urban mobility. The coaster brake prevents the lock of the wheels, which is important to prevent disastrous falls in the case of wet or slippery asphalt. Attention to detail and design make it a desirable object for those who love elegance as well as a fresh look. The unique shape of the frame, with a matching chain circle defines this handlebar road bike as a new style icon in the world of fixed A FRESH DESIGN WITH PERFECT FINISHES FOR gears. For gentlemen as well as the younger generation. Nasce la nuova THE DINAMIC GOOD LIFE. fixed: Skeggia è la soluzione ideale per la moderna mobilità urbana indiUN DESIGN FRESCO viduale, il freno a contropedale infatti impedisce il bloccaggio totale delle E FINITURE PERFETTE PER ruote, caratteristica importante per prevenire rovinose cadute in caso IL BUON VIVERE DINAMICO. di asfalto bagnato o scivoloso. Il suo design e le finiture curate in ogni dettaglio la rendono l’oggetto del desiderio di chi ama un look fresco ma allo stesso tempo elegante. La forma unica del telaio, la catena in tinta con il cerchio e il grintoso manubrio sono particolari che definiscono questa bicicletta da strada una nuova icona di stile nel mondo delle scatto fisso. Per gentiluomini un po’ ragazzacci.

DUEDIPICCHE

31

2012 ISSUE


DUEDIPICCHE

INSTANT LIGHTS BY ALBERTDESIGN STARRING ALICE YARI


All the pictures in this editorial are taken in “Jesolandia” park, Jesolo (Venice). Duedipicche wants to thank all the staff for their availability. Tutte le fotografie presenti questo servizio sono state scattate al Luna Park “Jesolandia” a Jesolo (Venezia). Duedipicche ringrazia lo staff per la disponibilità dimostrata.


Ah, but remember that the city is a funny place Something like a circus or a sewer And just remember different people have peculiar tastes and the Glory of love, might see you through. Ricorda che la città è un posto divertente, qualcosa di simile a un circo o a una fogna e ricordati che gente diversa ha gusti particolari e la Gloria dell’amore potrebbe capirti.

Lou Reed

(Coney Island baby)


DUEDIPICCHE

19

2012 ISSUE


HEALTH

Keep fit with your bike Going to work, working out or for the weekend. It seems that the dear old bike is slowly returning to being “the most loved mode of transportation by Italians.” The tips for proper use and the many benefits? Let’s find out together. Cardiovascular system and balance There is evidence that cycling improves the efficiency of the heart and lungs, stabilizes blood pressure, increases oxygenation and promotes the elimination of waste all while not putting stress on the joints a perfect balance. The constant practice tones the muscles of the lower limbs, upper back and abdominal muscles. The latter work is when you pedal, because they contract to have a proper set-up in the saddle, and because of balance the muscular contraction which is under the back is also strengthened.

SALUTE

In forma con la bici Per andare a lavorare, allenarsi, per le uscite del fine settimana. Sembra proprio che la vecchia, cara bicicletta sta lentamente tornando “la più amata dagli italiani”. Le dritte per un corretto utilizzo e i tanti benefici? Scopriamoli insieme. Sistema cardiocircolatorio ed equilibrio È provato che pedalare migliora l’efficienza di cuore e polmoni, stabilizza la pressione arteriosa, nei livelli minimi e massimi, accresce l’ossigenazione e favorisce l’eliminazione delle scorie; le articolazioni non si affaticano, l’equilibrio si perfeziona. La pratica costante tonifica i muscoli degli arti inferiori, superiori, della schiena e degli addominali. Questi ultimi, lavorano sia quando si pedala, perché si contraggono per avere un corretto assetto in sella, sia perché bilanciano la contrazione muscolare a cui è sottoposta la schiena.

The benefits for the line Pedaling for a suitable period (minimum 35/40 minutes, explains Marco Ceriani, a nutritionist) is part of high energy aerobic activities. Exercising regularly, at low intensity, with a constant rate of pedaling burns fat (primary fuel), increases metabolism, the body is defined, toned muscles and stretched. While remaining in the target heart rate zones, ideal in avoiding the production of lactic acid, which poisons the muscles and worsens performance. Supply Bike and diet, the ideal combination. In an hour of pedaling, you can burn 400 to 500 calories. Aerobic activity needs basic energy to be carried out in a fun, effective and functional way. And remember never workout on an empty stomach, just limit what you eat and check your calorie count during the day. Half an hour before exercising, consume simple carbohydrates (fruit juice, fruit) or protein (a tablespoon of parmesan cheese, 50 grams of cottage cheese with pine nuts). Drink often and in small sips. And if the temperature is hot, use supplements or salt. Advice to get in shape without risk Fundamental position on the bike: The seat height should allow the almost complete relaxation of the lower limb at the same time allowing the pedal to reach the lowest point. Sup-

I vantaggi per la linea Pedalare per un periodo di tempo adeguato (minimo 35/40 minuti, spiega Marco Ceriani, nutrizionista, rientra nelle attività aerobiche ad elevato consumo energetico. Allenarsi con regolarità, a bassa intensità, con un ritmo costante della pedalata permette di compiere uno sforzo prolungato. Così si bruciano grassi (carburante primario), aumenta il metabolismo, il corpo si definisce, i muscoli si tonificano e si allungano. E si rimane nella target zone cardiaca, ideale per evitare la produzione di acido lattico, che intossica il muscolo e peggiora la performance. Alimentazione Bici e dieta, connubio ideale. In un’ora di pedalata, si possono bruciare dalle 400 alle 500 calorie. L’attività aerobica ha bisogno di una base energetica per essere svolta in modo divertente, efficace e funzionale, quindi mai allenarsi a digiuno, basta limitare il carico e controllare le calorie durante la giornata. Mezz’ora prima, assumete carboidrati semplici (succo di frutta, frutta) o più proteici (una noce di parmigiano, 50 gr di ricotta con pinoli). Bevete spesso, a piccoli sorsi. E se fa molto caldo, usate gli integratori idrosalini. I consigli per rimettersi in forma senza rischi Fondamentale la posizione in bici: l’altezza della sella deve permettere la distensione quaDUEDIPICCHE

40

2012 ISSUE

port on the pedal should be made with the most top part of the foot, never with the heel. Training: how to organize the first releases and how to intensify your workout If you want to achieve results is essential to know and work within your limits. Gradually increasing your workout allowing the correct time for recovery. For starters, 2 / 3 times a week for 25/30 minutes is optimal. Then gradually increase workout time on your bike. Start with a flat path, then move on to a more rolling hills and finally climb those mountains. Those who are already trained, can start with flat, hilly or mountain paths. And at the end of the ride use the bike as a tool After the ride, remember the importance of stretching. Chest and shoulders in the saddle, feet resting on the ground, twist your hands behind your back and stretch pecs and shoulders. Seal: 15’’. Hamstring and calf stretch: stand up from the saddle, handlebar closer to the dock, plug in the brake levers. Push the back heel down. 10’’x leg. For the hamstrings: standing calf resting on the seat, grasp the tip of the foot, stretching the muscles of the chain posterior.15’’. 2 reps x leg.

si totale dell’arto inferiore quando il pedale raggiunge il punto più basso. L’appoggio sul pedale va fatto con la parte più avanzata del piede, mai con il tallone. Il training: come organizzare le prime uscite e come intensificare l’allenamento Se volete ottenere dei risultati è fondamentale conoscere e lavorare entro i propri limiti, con gradualità, seguendo un incremento costante e progressivo dei carichi di lavoro e con giusti tempi di recupero. Per chi comincia, vanno bene 2/3 uscite settimanali da 25/30 minuti. Prima in pianura, poi aumentate gradualmente il tempo in sella. Partite con un percorso piatto, per poi passare a uno più ondulato e infine alle salite. Chi è già allenato, può iniziare con un’ora e scegliere il percorso che vuole. E alla fine la bici come attrezzo Dopo la pedalata, importanza allo stretching. Ecco il suo mini circuito. Pettorali e spalle: in sella, piedi in appoggio al suolo, intrecciare le mani dietro la schiena e allungare pettorali e spalle. Tenuta:15’’. Stretching bicipite femorale e polpaccio: alzarsi dalla sella, avvicinare il bacino al manubrio, presa sulle leve dei freni. Spingere il tallone posteriore verso il basso. 10’’x gamba. Per gli ischiocrurali: in piedi, polpaccio in appoggio sulla sella, afferrare la punta del piede, allungando i muscoli della catena posteriore.15’’. 2 ripetizioni x gamba.


introducing

DOPPIETTA The new Classic Doppietta is a walking bicycle inspired by the cycles of the Italian army Alpini and Bersaglieri with an Italian, modern twist.

Doppietta è una bicicletta da passeggio dal design che si ispira ai cicli degli Alpini e dei Bersaglieri italiani, rivisitato in chiave moderna.

PROFILE

CITYBIKE

COLOR AVAILABILITY

WINE RED - ARMY GREEN - WHITE

DISCOVER MORE ON

WWW.DUEDIPICCHECICLI.COM


DANDY LICIOUS Doppietta is a bike that points to the future with an eye on retro walking cycling styles. Dedicated to those who want to hit the city while maintaining impeccable style. The stylistic concept of Doppietta wink for two-wheelers used by Italian Alpini, especially in the early decades of the last century give us is a truly very special example of the tradition of Italian craftsmanship. Combined with the best design and components all handcrafted and assembled in Italy. Completed with lace leather handlebars, Brooks saddle series, front and rear Shimano Roller heeled, bright double headlights. The link with the glorious Italian military

bikes is accented by the color of paint. You can choose from the army green version, in addition to the classic red wine and white color version. Two goals, the proposal for Duedipicche dandy of the new millennium. Doppietta è una bicicletta che punta al futuro con un occhio allo stile inconfondibile dei cicli da passeggio retrò. Dedicata a chi desidera colpire mantenendo uno stile impeccabile in città. Il concept stilistico di Doppietta strizza l’occhio alle due ruote utilizzate dagli Alpini italiani soprattutto nei primi decenni del secolo scorso e ci consegna un mezzo

DA ABBINARE...WOMAN

veramente molto particolare. La tradizione artigianale italiana si sposa con il design e i migliori componenti assemblati completamente a mano in Italia. Laccio per manubrio in pelle, sella Brooks di serie, freno anteriore Shimano Roller e posteriore a contropedale, doppio luminoso faro anteriore. Il collegamento con le gloriose biciclette militari italiane passa anche dal colore della verniciatura, è disponibile infatti la variante army green, oltre alla classica rosso vino e all’inedita bianca. Doppietta, la proposta Duedipicche per i dandy del nuovo millennio.

DA ABBINARE...MAN

Diva Sunglasses

Aviator Sunglasses

Cheltzie Linen Check Jacket

Tailored Suit and Shirt

Tenny Ruffled Lace Wrap Blouse

Handmade Striped Tie

Leather Oval Buckle Belt

Leather Buckle Belt

Clarissa Riding Pants

Silverstone Convertible Bag

Sandy Pants

Farima Vachetta Sandals

Loafers

COLORE / COLOR

FRAME STEEL JUNCTIONS

TELAIO ACCIAIO CON CONGIUNZIONI

FORK STEEL JUNCTIONS

FORCELLA ACCIAIO CON CONGIUNZIONI

SPEEDGEAR 1 SPEED

CAMBIO 1 VELOCITÀ CP

WINE RED / VINO

BRAKES SHIMANO ROLLER

FRENI SHIMANO ROLLER

WHITE / BIANCO

DUEDIPICCHE

42

2012 ISSUE

ARMY / VERDE MILITARE


%6

DUEDIPICCHE

& %*1*$$ ) &

43



2012 ISSUE


STYLE

HOW TO WEAR

T-SHIRT The trend is having a T-shirt new period of glory. Duedipicche offers an exclusive line and colorful. “New Generation” T-shirt printed cotton limited edition that pays tribute to the home Cesena. La tendenza della maglietta stampata sta vivendo un nuovo periodo di gloria. Duedipicche propone una linea esclusiva e coloratissima, una “New Generation” di T-shirt in cotone stampato limited edition che rende omaggio al mondo della casa Cesenate.

DUEDIPICCHE

46

2012 ISSUE


WIND JACKET

Find your Way through the wind

www.duedipicchecicli.com


1

M

MUST-HAVES

WIND JACKET

Contemporary shape and quality finishing in a garment that helps you to join the subway even when weather unfavorable. Available in white and army green.

Comfortable in the Jungle Here is a line of Originals Duedipicche 100% Made in Italy designed and built for those who want to experience the city life, comfortable and completely cool.

Taglio contemporaneo e finiture di qualità creano un indumento indispensabile per raggiungere la metro quando gli agenti esterni sono avversi. Disponibile in due colori, bianco e verde militare.

Ecco una linea di Originals Duedipicche 100% Made in Italy pensata e realizzata per chi desidera vivere la città in modo autoironico, confortevole e assolutamente cool.

2

5

8

LONG SLEEVE POLO

100% cotton long sleeve polo with double embroidery on chest and right sleeve. Various colors available.

100% cotone per questa polo a manica lunga con doppio ricamo su petto e manica. Disponibile in vari colori.

POLO SPORT

Technical polo shirt with zipped collar, highly breathabl and ideal for sport. Embroidered with the “Alpina” logo. Maglia polo dal tessuto tecnico ad alta traspirazione, ideale per lo sport. Colletto con zip e logo “Alpina” ricamato a colori.

SUMMER JACKET

Screen lined nylon Jacket with extractable badgeholder. Giubbetto estivo in nylon con fodera retinata. Portabadge estraibile a scomparsa.

3

T-SHIRT

Cotton printed Tee available in5 color options: Melange Gray,White, Light blue, Green and Orange. T-shirt in cotone stampata disponibile in 5 coloratissime varianti: Grigio Melange, Bianco, Azzurro, Verde e Arancio.

6 °

“BOWLING” BAGS

“Bowling-style” PVC bag, black with white finishing. Available in medium and large. Borsa modello “bowling” in PVC nera con inserti bianchi. È disponibile modello medio e grande.

9

DIVINA

Divina bike with cases, the best way to travel your city in style and comfort. (Case available as optional) Bicicletta Divina con portaoggetti, il modo migliore per girare la città con comfort e stile inconfondibile. (Portaoggetti disponibile a parte).

DUEDIPICCHE

48

2012 ISSUE

4 °

7

TIRE BELT

Total-recovery is the password used to define the Duedipicche belt collection, totally handmade in Italy with cleaned and treated bicycle tires. A very chic proposal for a unique series of product. All’insegna del recupero totale la collezione di cinture Duedipicche realizzate con le coperture di bicicletta ripulite e trattate. Una proposta chic e particolare che consente di ottenere prodotti unici e totalmente fatti a mano in Italia.

SHORT SLEEVE POLO

Embroidered Duedipicche logo with double piping on the collar, this polo shirt is made of 100% jersey cotton. Doppio piping sul colletto e logo Duedipicche ricamato per questa polo 100% cotone Jersey pettinato.

10

YAKKAY HELMETS

The creative helmets collection by Yakkay allows you to diversify your style whilst always maintaining your safety. Una creativa linea di caschi urban in collaborazione con Yakkay, ti permette di completare il tuo stile in perfetta sicurezza.


ENDURO

26 Nexus 3V FRAME: Steel junctions FORK: Steel junctions SPEEDGEAR: Nexus 3 speed WHEEL: Double chamber TELAIO: Acciaio con congiunzioni FORCELLA: Acciaio con congiunzioni CAMBIO: Nexus a 3 velocità RUOTA: A doppia camera

AVAILABLE COLORS

Colori disponibili

BLACK

WHITE

ORANGE

ARMY

Nero

Bianco

Arancio

Militare

STRADA

28 Nexus 3V FRAME: Steel junctions FORK: Steel junctions SPEEDGEAR: Nexus 3 speed WHEEL: Double chamber TELAIO: Acciaio con congiunzioni FORCELLA: Acciaio con congiunzioni CAMBIO: Nexus a 3 velocità RUOTA: A doppia camera

AVAILABLE COLORS

Colori disponibili

BLACK

WHITE

Nero

Bianco DUEDIPICCHE

50

2012 ISSUE


DOPPIETTA

28 1V contropedale FRAME: Aluminum FORK: Steel 1’ 1/8 SPEEDGEAR: 1 speed with coaster brake WHEEL: Aluminum Erre 28 TELAIO: Alluminio FORCELLA: Acciaio 1’ 1/8 CAMBIO: 1 velocità con contropedale RUOTA: Erre 28 in alluminio

AVAILABLE COLORS

Colori disponibili

WINE

ARMY

WHITE

Vino

Militare

Bianco

POLO BIKE

Mallet not included Mazza non inclusa

28 single speed FRAME: Steel junctions FORK: Steel junctions SPEEDGEAR: 1 speed WHEEL: 140 spikes TELAIO: Acciaio con congiunzioni FORCELLA: Acciaio con congiunzioni CAMBIO: 1 velocità RUOTA: 140 raggi

AVAILABLE COLORS

Colori disponibili

APPLE

ORANGE

WHITE

Verdemela

Arancio

Bianco DUEDIPICCHE

51

2012 ISSUE


SKEGGIA MAN

28 single speed contropedale FRAME: Steel FORK: Steel 1’ SPEEDGEAR: 1 speed with coaster brake WHEEL: Double chamber TELAIO: Acciaio FORCELLA: Acciaio 1’ CAMBIO: 1 velocità contropedale RUOTA: A doppia camera

AVAILABLE COLORS

Colori disponibili

BLACK

WHITE

ORANGE

Nero

Bianco

Arancio

SKEGGIA WOMAN

28 single speed contropedale FRAME: Steel FORK: Steel 1’ SPEEDGEAR: 1 speed with coaster brake WHEEL: Double chamber TELAIO: Acciaio FORCELLA: Acciaio 1’ CAMBIO: 1 velocità contropedale RUOTA: A doppia camera

AVAILABLE COLORS

Colori disponibili

BLACK

WHITE

ORANGE

Nero

Bianco

Arancio DUEDIPICCHE

52

2012 ISSUE


CUCCIOLO 26 1V

FRAME: Steel FORK: Steel 1” SPEEDGEAR: 1 speed with coaster brake WHEEL: FCD aluminum TELAIO: Acciaio FORCELLA: Acciaio 1” CAMBIO: 1 velocità contropedale RUOTA: FCD alluminio

AVAILABLE COLORS

Colori disponibili

RED

ORANGE

AVIO

Rosso

Arancio

Blu Avio

RAMPIKINO 26 1V

FRAME: Steel junctions FORK: Steel junctions SPEEDGEAR: 1 speed WHEEL: FCD aluminum TELAIO: Acciaio con congiunzioni FORCELLA: Acciaio c/congiunzioni CAMBIO: 1 velocità RUOTA: FCD alluminio

AVAILABLE COLORS

Colori disponibili

ORANGE MATTE BLACK

Arancio

Nero Opaco DUEDIPICCHE

53

2012 ISSUE


DIVINO

28 man 1V FRAME: Steel junctions FORK: Steel junctions SPEEDGEAR: 1 speed WHEEL: FDC aluminum TELAIO: Acciaio con congiunzioni FORCELLA: Acciaio con congiunzioni CAMBIO: 1 velocità RUOTA: FDC alluminio

AVAILABLE COLORS

Colori disponibili

WHITE

TRAFFIC

Bianco Grigio Traffic

DIVINA

28 woman 1V FRAME: Steel junctions FORK: Steel junctions SPEEDGEAR: 1 speed WHEEL: Double chamber TELAIO: Acciaio con congiunzioni FORCELLA: Acciaio con congiunzioni CAMBIO: 1 velocità RUOTA: A doppia camera

AVAILABLE COLORS

Colori disponibili

WHITE

TRAFFIC

Bianco Grigio Traffic DUEDIPICCHE

54

2012 ISSUE


PAPEETE

26 man 1V (Or 6V) FRAME: Steel junctions FORK: Steel 1” SPEEDGEAR: 1 speed (or Shimano 6 speed) WHEEL: FDC alluminio TELAIO: Acciaio con congiunzioni FORCELLA: Acciaio 1” CAMBIO: 1 velocità (o Shimano 6 v) RUOTA: FDC alluminio

AVAILABLE COLORS

Colori disponibili

WHITE

TRAFFIC

Bianco Grigio Traffic

MOVIDA

26 woman 1V (Or 6V) FRAME: Steel junctions FORK: Steel 1” SPEEDGEAR: 1 speed (or Shimano 6 speed) WHEEL: FDC aluminum TELAIO: Acciaio con congiunzioni FORCELLA: Acciaio 1” CAMBIO: 1 velocità (o Shimano 6 v) RUOTA: FDC alluminio

AVAILABLE COLORS

Colori disponibili

WHITE

TRAFFIC

Bianco Grigio Traffic DUEDIPICCHE

55

2012 ISSUE


0 IN CONDOTTA 20 1V

FRAME: Folding steel FORK: Steel 1’” SPEEDGEAR: 1 speed WHEEL: BMX 72 spikes TELAIO: Acciaio FORCELLA: Acciaio 1” CAMBIO: 1 velocità RUOTA: BMX 72 raggi

AVAILABLE COLORS

Colori disponibili

ORANGE MATTE BLACK

Arancio

Nero Opaco

DUEDIPICCHE

56

2012 ISSUE


ACCESSORIES

Check out the options proposed by Duedipicche


BASKETS Cestini

A series of four baskets, opional accessories can be fitted on models Divino / Divina e Papeete / Movida Una serie di quattro cestini portaoggetti, accessori opzionali equipaggiabili a richiesta sui modelli Divino / Divina e Papeete / Movida.

BABY CHAIRS Seggiolini

Three models of child safety seats. opional accessories can be fitted on models Divino / Divina e Papeete / Movida Tre modelli di seggiolini per bimbo, equipaggiabili a richiesta sui modelli Divino / Divina e Papeete / Movida.

DUEDIPICCHE

58

2012 ISSUE


SINGLE OR DOUBLE BAGS Borse singole o doppie

A series of four storage bags, opional accessories can be fitted on models Divino / Divina e Papeete / Movida. Available in single and double bag versions. Una serie di quattro borse portaoggetti, equipaggiabili a richiesta sui modelli Divino / Divina e Papeete / Movida. Disponibili in versione singola o doppia.

BOWLING BAGS Borse bowling

“Bowling-style” PVC bag, black with white finishing. Medium and large size are available. Borsa modello “bowling” in PVC nera con inserti bianchi. È disponibile il modello medio e grande.

DUEDIPICCHE

59

2012 ISSUE


CLOTHING

Abbigliamento

DUEDIPICCHE

60

2012 ISSUE


HELMETS

in collaboration with

YOUTH MODEL

Duedipicche is attentive to your safety, we offer you a collection of truly innovative and lightweight helmets. Designed by Dutch brand YAKKAY, every helmet can be covered with a cover that transforms it from being pure protection to a look matching your personal style. The covers are interchangeable, allowing you to easily change your helmet depending on what you decide to wear. Duedipicche è attento alla tua sicurezza, per questo ti propone una collezione di caschi ultraleggeri veramente innovativa. Concepito dal marchio olandese YAKKAY, ogni casco può essere coperto con una cover che lo trasforma da oggetto di pura protezione a vero e proprio elemento di stile abbinabile ai look più diversi. Le cover sono intercambiabili, questo ti consentirà di modificare facilmente il tuo outfit a seconda di ciò che deciderai di indossare.

YOUTH MODEL

Cambridge Red/White

Cambridge check

Cambridge check

Cambridge gold

Paris black oilskin

Milano blue denim

YOUTH MODEL

YOUTH MODEL

Tokyo rose

Tokyo blue stripe

Tokyo new jazz

Tokyo blue stripe

DUEDIPICCHE

61

2012 ISSUE


ADV IF YOU ARE INTERESTED IN ADVERTISING IN

2DP

PLEASE CONTACT OUR ADVERTISING SALES TEAM info@alpinabike.com

DUEDIPICCHE

62

2012 ISSUE

C


E M O C ! IN 2DP

DID YOU ENJOYED THE 2DP EXPERIENCE?

JOIN OUR COMMUNITY

Just click the “like” button on our Official Facebook Page (search for Duedipicche Cicli or scan the QR code below) and stay connected with a list of news and special contents from the Duedipicche universe.

www.duedipicchecicli.com


un marchio del gruppo Alpina Via Archimede 485. 47521 CESENA (FC) - ITALY TEL +39 0547 645699 FAX +39 0547 645783 MAIL info@alpinabike.com WEB duedipicchecicli.com


Catálogo Duedepicche 2012