Page 1

Reggio Emilia 15 novembre 2011

L’industria che verrĂ

presentazione della ricerca

futuri possibili per il manifatturiero reggiano

Alessandra Lanza – Giuseppe Schirone


riservatezza Questo documento è la base per una presentazione orale, senza la quale ha quindi limitata significatività e può dar luogo a fraintendimenti. Sono proibite riproduzioni, anche parziali, del contenuto di questo documento senza la previa autorizzazione scritta di Prometeia.

copyright © 2011 prometeia

riservato e confidenziale 15 novembre 2011 | L’industria che verrà – futuri possibili per il manifatturiero reggiano | 2


agenda

1|

l’intervento IRE - Prometeia

2|

economia e industria: tendenze di breve periodo

3|

una fotografia aggiornata dell’industria reggiana

4|

driver macroeconomici ed industriali di lungo periodo

5|

gli scenari per il manifatturiero reggiano

riservato e confidenziale 15 novembre 2011 | L’industria che verrà – futuri possibili per il manifatturiero reggiano | 3


l’intervento IRE - Prometeia

metodi e obiettivi | … sinergie per tempi incerti analisi quantitativa ruolo industria reggiana (territorio, club 15) analisi settoriale di lungo periodo

analisi qualitativa

interviste agli opinion leader

performance economico-finanziarie modelli econometrici

prospettiva strategica

delineare alcuni futuri possibili al 2020 per il manifatturiero reggiano riservato e confidenziale 15 novembre 2011 | L’industria che verrà – futuri possibili per il manifatturiero reggiano | 4


l’intervento IRE - Prometeia

analisi quantitativa | mappa del sistema informativo E’ stato predisposto un sistema informativo costituito in parte da informazioni ricavate da statistiche ufficiali (numerosità imprese, valore aggiunto, occupazione, commercio estero, etc…) e in parte da informazioni proprietarie di Prometeia (bilanci), il tutto opportunamente codificato e declinato per i principali settori economici della provincia *

db flussi commercio estero

db struttura anagrafica imprese

db bilanci Oltre 2600 aziende analizzate

* I sette comparti (raggruppati in tre macrosettori) analizzati sono: Meccanica e meccatronica: meccanica agricola, meccanica strumentale, componenti e lavorazioni meccaniche; Intermedi per l’industria: intermedi in gomma-plastica; Made in Italy: alimentare, sistema moda, piastrelle

riservato e confidenziale 15 novembre 2011 | L’industria che verrà – futuri possibili per il manifatturiero reggiano | 5


l’intervento IRE - Prometeia

analisi qualitativa | 30 interviste ad opinion leader

 grandi imprese e PMI  diversi modelli di business  performance differenziate  colloqui individuali approfonditi  periodo marzo-maggio 2011

riservato e confidenziale 15 novembre 2011 | L’industria che verrà – futuri possibili per il manifatturiero reggiano | 6


l’intervento IRE - Prometeia

analisi del cambiamento | nell’ambiente esterno, nel settore/territorio/impresa impatto

preferenze dei consumatori

?

made in…

2

?

prodotti succedanei

?

taglia dimensionale ottimale

maggiori

punti di rottura

tendenze di fondo

reti competitor esteri

3 sistema specifico (terr./sett./imp.)

incertezze

medio

prezzi degli input di produzione

contesti settoriali

massimo

fiscalità sull’energia

?

market Access

consumi finali

contesto istituzionale

organizzazione commerciale

tecnologie di produzione

lobbying competitività di prezzo

rumore

demografia

framework retail

1

segnali deboli

debole

occupazione manifatturiera

ambiente esterno

macroeconomia

bassa

media

alta

Incertezza/controllo mercati finanziari

real estate

Fonte: Futuribles (2010)

riservato e confidenziale 15 novembre 2011 | L’industria che verrà – futuri possibili per il manifatturiero reggiano | 7


l’intervento IRE - Prometeia

a chi serve ? | un contributo per imprese, corpi intermedi e stakeholder tendenze

scenari

strategie

tendenze macroeconomiche ed industriali

analisi SWOT socio-economia del territorio

scenari a medio termine competitività dell’industria

alle imprese

contributo alla definizione di nuove strategie di sviluppo

… a chi serve? per disporre di elementi di benchmarking competitivo utili a costruire crisi”” il proprio futuro “oltre la crisi

all’associazione

per rafforzare ulteriormente il proprio ruolo di luogo privilegiato di riflessione strategica

agli stakeholder

per riflettere su un contributo dell’ “industria” a supporto delle strategie di sviluppo territoriale riservato e confidenziale 15 novembre 2011 | L’industria che verrà – futuri possibili per il manifatturiero reggiano | 8


agenda

1|

l’intervento IRE - Prometeia

2|

economia ed industria: tendenze di breve periodo

3|

una fotografia aggiornata dell’industria reggiana

4|

driver macroeconomici ed industriali di lungo periodo

5|

gli scenari per il manifatturiero reggiano

riservato e confidenziale 15 novembre 2011 | L’industria che verrà – futuri possibili per il manifatturiero reggiano | 32


una fotografia aggiornata dell’industria reggiana

la struttura del manifatturiero reggiano | valore della produzione

Stime Prometeia al 2009

riservato e confidenziale 15 novembre 2011 | L’industria che verrà – futuri possibili per il manifatturiero reggiano | 33


una fotografia aggiornata dell’industria reggiana

Reggio Emilia | un’ineludibile vocazione industriale importanza dell’industria | peso % del fatturato industriale sul totale economia provinciale Italia:26.7%

club dei 15 | valore del fatturato manifatturiero 2009 valore del province Club dei faturato 2009 15 (mig. di euro) Brescia Vicenza Bergamo Treviso Modena Varese Reggio Emilia Mantova Como Ancona Pordenone Lecco Novara Prato Belluno Biella

29939 28604 26117 23546 22658 19519 15409 12408 10517 8233 8024 7497 6487 5765 4527 2933

peso % su imndustria Italia 7.2 6.9 6.3 5.6 5.4 4.7 3.7 3.0 2.5 2.0 1.9 1.8 1.6 1.4 1.1 0.7

Reggio Emilia si colloca al settimo posto in termini assoluti tra le aree più industrializzate

Vicenza Varese Treviso Reggio Emilia

 … al quarto posto in termini relativi rispetto al PIL provinciale

Prato Pordenone Novara Modena

 le attività terziarie riconducibili all’ industria portano al 60% il contributo del manifatturiero all’economia provinciale

Mantova Lecco Como Brescia Biella Bergamo Belluno Ancona 0.0

10.0 20.0 30.0 40.0 50.0

Fonte: Futuribles (2010)

riservato e confidenziale 15 novembre 2011 | L’industria che verrà – futuri possibili per il manifatturiero reggiano | 34


una fotografia aggiornata dell’industria reggiana

l’impatto della crisi? | pervasivo… la crescita delle imprese reggiane | dispersione dei risultati 100%

80%

60%

40%

20%

0% 00

01

% imprese pro d. in calo

02

03

04

05

% imprese pro d. in cre scita media

06

07

08

09

% imprese pr od. in fort e crescita

 la quota di imprese con valore della produzione in calo è aumentata dal 30% del 2007 a quasi l’80% nel 2009. La quota di imprese in forte crescita (>20%), è passata dal 30 al 10%

riservato e confidenziale 15 novembre 2011 | L’industria che verrà – futuri possibili per il manifatturiero reggiano | 35


una fotografia aggiornata dell’industria reggiana

elevata propensione all’export | ma…

export manifatturiero nel 2010

7.7 miliardi di € in crescita del 13.5% rispetto al 2009  il 50% del fatturato è realizzato sui mercati esteri  quasi la metà delle esportazioni provinciali sono alimentate dei settori della meccanica  circa ¼ dai settori del Made in Italy

esportazioni in € correnti, quote per comparto anno 2010 (elaborazioni su dati Istat) riservato e confidenziale 15 novembre 2011 | L’industria che verrà – futuri possibili per il manifatturiero reggiano | 36


una fotografia aggiornata dell’industria reggiana

elevata propensione all’export | …molto concentrate sui mercati vicini struttura geografica

evoluzione delle esportazioni

175 165 155 145

media anni 2008-’10, mondo=100

135 125 115 105

R eggi o Em il ia

giu-11

2010

2008

2006

2004

2002

2000

95

I tali a

elaborazioni su dati a valori correnti, anno 2000=100

riservato e confidenziale 15 novembre 2011 | L’industria che verrà – futuri possibili per il manifatturiero reggiano | 37


una fotografia aggiornata dell’industria reggiana

l’uscita (?) dalla crisi | alcune evidenze dall’analisi dei bilanci (1/4) valore della produzione: 15.5 miliardi di € stimati per il 2010 variazioni % medie annue

differenza % su livello 2007

- 10 % +9% - 1.5 % -8% - 10 % - 11 % - 21 % - 22 % - 23 % anno 2010: stime su campione bilanci IRE-PROM (oltre 2600 imprese, 90% produzione provinciale) riservato e confidenziale 15 novembre 2011 | L’industria che verrà – futuri possibili per il manifatturiero reggiano | 38


una fotografia aggiornata dell’industria reggiana

l’uscita (?) dalla crisi | alcune evidenze dall’analisi dei bilanci (2/4) redditività: 4.7 il Roi medio stimato per il 2010 (4.4 Roi medio manifatturiero Italia) livello medio del Roi

anno 2010: stime riservato e confidenziale 15 novembre 2011 | L’industria che verrà – futuri possibili per il manifatturiero reggiano | 39


una fotografia aggiornata dell’industria reggiana

l’uscita (?) dalla crisi | il 20% delle imprese ancora in sofferenza (3/4) la redditività industriale delle imprese reggiane | dispersione dei risultati 10 0%

8 0%

6 0%

4 0%

2 0%

0% 00

01

02

% impr ese co n ROI negat ivo

03

04

05

06

% impre se con ROI "medio "

07

08

09

10

% imprese con ROI "elevato "

 tra il 2007 e il 2009 è quasi raddoppiata la quota di imprese con redditività negativa, ma nel 2010 si è assistito (stima) ad un forte miglioramento riservato e confidenziale 15 novembre 2011 | L’industria che verrà – futuri possibili per il manifatturiero reggiano | 40


una fotografia aggiornata dell’industria reggiana

l’uscita (?) dalla crisi | aumenta la dispersione dei risultati (4/4) situazione stimata al 2010: analisi per comparto quota di imprese con Roi < 0

analisi su campione chiuso di bilanci di oltre 1900 imprese della provincia

quota di imprese con Roi “elevato”*

* Roi 2010 > Roi medio anni duemila, per comparto

riservato e confidenziale 15 novembre 2011 | L’industria che verrà – futuri possibili per il manifatturiero reggiano | 41


agenda

1|

l’intervento IRE - Prometeia

2|

economia ed industria: tendenze di breve periodo

3|

una fotografia aggiornata dell’industria reggiana

4|

driver macroeconomici ed industriali di lungo periodo

5|

gli scenari per il manifatturiero reggiano

riservato e confidenziale 15 novembre 2011 | L’industria che verrà – futuri possibili per il manifatturiero reggiano | 42


driver macroeconomici ed industriali di lungo periodo

spostamento baricentro crescita | â&#x20AC;Ś nuove autostrade per il commercio mondiale (1/2)

fonte: standard chartered, the super-cycle report (2011)

riservato e confidenziale 15 novembre 2011 | Lâ&#x20AC;&#x2122;industria che verrĂ â&#x20AC;&#x201C; futuri possibili per il manifatturiero reggiano | 43


driver macroeconomici ed industriali di lungo periodo

spostamento baricentro crescita | middle class in forte espansione nell’area asiatica (2/2)

fonte: standard chartered, the super-cycle report (2011)

riservato e confidenziale 15 novembre 2011 | L’industria che verrà – futuri possibili per il manifatturiero reggiano | 44


driver macroeconomici ed industriali di lungo periodo

Innovation

onde di innovazione | accelerazione del ritmo del cambiamento RIVOLUZIONE INDUSTRIALE

RIVOLUZIONE DIGITALE Sesta ondata

Elettronica, Aviazione Industria Aerospaziale, sviluppo computer mainframe Elettricità, Chimica Motori a combustione interna

Quarta ondata

Terza ondata

Vapore, cotone, industria pesante

Commercio, Acciaio, Energia idrica

Internet everywhere Abilitazione del network globale Completa unione tra software e network Teleoperatività e telepresenza

Quinta ondata

Diffusione PC e network digitali; telefonia mobile; Distribuzione software information technology a client e user

Seconda ondata

Prima ondata

1785

1845

60 anni

1900

55 anni

1950

5 0anni

1990

40 anni

2010

2 0anni

6 mesi!

riservato e confidenziale 15 novembre 2011 | L’industria che verrà – futuri possibili per il manifatturiero reggiano | 45


driver macroeconomici ed industriali di lungo periodo

volatilità produzione industriale mondiale | scostamenti tassi mensili da tassi medi ciclo 2,0

Crisi 2001 e ripresa

1,0

0,0

-1,0

Il mondo piatto di metà anni 2000 -2,0 Gen ‘95

Gen ‘99

Gen ‘03

Gen ‘07

Gen ‘11

riservato e confidenziale 15 novembre 2011 | L’industria che verrà – futuri possibili per il manifatturiero reggiano | 46


driver macroeconomici ed industriali di lungo periodo

catching-up qualitativo | dagli “emergenti” non solo beni tradizionali …. commercio mondiale | quote degli esportatori emergenti per tipologia di beni (indice 2000=100 e valore nel 2010) 23%

42%

alta complessità e innovazione

bassa complessità, alta innovazione totale manufatti

39% 43%

bassa complessità e innovazione

fonte: Prometeia, dati Mopice

riservato e confidenziale 15 novembre 2011 | L’industria che verrà – futuri possibili per il manifatturiero reggiano | 47


driver macroeconomici ed industriali di lungo periodo

mercati delle commodity | â&#x20AC;Ś tensioni permanenti il fabbisogno energetico e di materie prime dei paesi emergenti rappresenta il principale vincolo per una crescita mondiale senza inflazione 3.0

prezzi reali in $ delle materie prime deflazionati con il prezzo dei manufatti

2.5 2.0 1.5 1.0 0.5 0.0 69

72

75

78

81

84

87

90

alimentari

93

96

99

industrial

02

05

08

11

14

17

20

brent

fonte: rapporto di previsione Prometeia, aprile 2011

riservato e confidenziale 15 novembre 2011 | Lâ&#x20AC;&#x2122;industria che verrĂ â&#x20AC;&#x201C; futuri possibili per il manifatturiero reggiano | 48


agenda

1|

l’intervento IRE - Prometeia

2|

economia ed industria: tendenze di breve periodo

3|

una fotografia aggiornata dell’industria reggiana

4|

driver macroeconomici ed industriali di lungo periodo

5|

gli scenari per il manifatturiero reggiano

riservato e confidenziale 15 novembre 2011 | L’industria che verrà – futuri possibili per il manifatturiero reggiano | 49


gli scenari per il manifatturiero reggiano

elaborazione scenari | step dell’analisi creazione/distruzione di valore sourcing

manufacturing

scenari settoriali

scenari totale industria reggiana

meccanica strumentale

scatto

distribution

SWOT analysis

meccanica agricola

punti di forza

debolezze

opportunità

minacce variabili chiave

componenti e lav. mecc. gomma-plastica

base

alimentare

influenti

comunicanti

autonome

dipendenti

sistema moda piastrelle

transizione

Scenari al 2020 che simulano gli effetti QUANTITATIVI possibili connessi al perseguimento di strategie alternative, fra quelle ipotizzabili dall’indagine QUALITATIVA riservato e confidenziale 15 novembre 2011 | L’industria che verrà – futuri possibili per il manifatturiero reggiano | 50


gli scenari per il manifatturiero reggiano

sourcing | ovvero risorse sempre più scarse Sourc ing Punti d i forza • skill e know-how manifatturiero • capacità endogena di generare risorse per investimenti • relativa coerenza fra modello sociale e modello economico del territorio

Punti d i debolezza • basso potere di mercato rispetto ai fornitori di commodity industriali… e vischiosità nel pass-throught a valle • tendeziale riduzione della marginalità e della capacità endogena di sostenere gli investimenti

Op portunità • migliorare l’interazione con il sistema formativo tecnico locale • estendere le esperienze positive di collaborazione virtuosa con il sistema universitario ed i centri di trasferim ento tecnologico • salvaguardare e sviluppare le risorse “core” manifatturiere e favorire la crescita del middle-management interno continuare a destinare le risorse finanziarie generate agli investimenti • Minacce • extra-costi (rispetto ai competitor) per l’approvvigionamento di materie prime • inerziale riduzione del “saper fare” manifatturiero • evoluzione in direzione business unfriendly del territorio

riservato e confidenziale 15 novembre 2011 | L’industria che verrà – futuri possibili per il manifatturiero reggiano | 51


gli scenari per il manifatturiero reggiano

manufacturing | l’arte industriale del “saper fare” Manufacturin g Punti d i forza • efficientamento e riduz ione break-even • innovazione di prodotto • riduzione eccesso d’offerta via selezione competitor • flessibilità operativa nel breve ed ottica strategica di medio termine (garantita dal modello di governance)

Punti d i debolezza • capacità endogena delle filiere di generare innovazione • difficile replicabilità dei modelli di business attuali nei nuovi mercati (per scarsità di risorse finanziarie e manageriali, ma non solo) • difficoltà “culturali” all’utilizzo di m etodologie per la produttività per le aziende meno strutturate (es. sub-fornitura)

Op portunità • continuare a privilegiare la marginalità • aumentare la presenz a strutturata nei mercati lontani • ottimizzare il trade-off efficienza/differenziazione • ridurre le inefficienze nascoste • mantenere il gap tecnologico vis a vis dei competitor • aumentare la co-innovazione con i clienti far leva sul proprio sistema di eccellenza per consolidare le barriere all’entrata •

Minacce • difficoltà a sfruttare gli spazi di crescita sui nuovi mercati che comportano IDE diretti • catching-up qualitativo da parte di competitor • perdita di know-how manifatturiero riservato e confidenziale 15 novembre 2011 | L’industria che verrà – futuri possibili per il manifatturiero reggiano | 52


gli scenari per il manifatturiero reggiano

distribution/accesso al mercato | cosa fa(rà) davvero la differenza Ap procc io al mercato Punti d i forza • elevata vocazione all’export e presidio strutturato dei mercati maturi • presenza diretta delle aziende capo-filiera nei nuovi mercati • crescente attenzione alle fasi finali della catena del valore

Punti d i debolezza • adozione di strategie commerciali “hit&run” nei nuovi mercati • forte sbilanciamento geografico sui mercati maturi • ridotta attenzione alla fase com merciale/distributiva in m olte realtà B2B e B2C

Op portunità • presidiare i mercati maturi non ancora coperti, creando barriere all’ingresso per i nuovi competitor • creare partnership e aggregazioni per approcciare i nuovi mercati “lontani” • per la sub-fornitura: seguire le aziende leader nei processi di internazionalizzazione commerciale e produttiva utilizzare piattaforme web per azioni B2B e B2C, per il marketing e la fidelizzazione clienti •

Minacce • basse prospettive di crescita per i mercati maturi • crescente concorrenza dei nuovi competitor sui mercati maturi grazie al catching-up qualitativo e/o via innovazione tecnologica (es. riduzione del costo delle personalizzaz ioni e/o delle produzioni in piccoli lotti) • rottura delle filiere

riservato e confidenziale 15 novembre 2011 | L’industria che verrà – futuri possibili per il manifatturiero reggiano | 53


gli scenari per il manifatturiero reggiano

l’industria reggiana al 2020 | le variabili chiave

medio

massimo

impatto differenziazione e controllo dei mercati

onde tecnologiche spostamento baricentro crescita

MAGGIORI INCERTEZZE

PUNTI DI ROTTURA (var. comunicanti)

(var. truppa)

crescita dimensionale

TENDENZE DI FONDO (var. influenti) acquisto commodity miglioramento qualitativo offerta nuovi competitor

aumento produttività

rapporti banca-impresa

piattaforme web

investimenti in tecnologia

debole

RUMORE

rapporti università-impresa

managerializzazione

(var. autonome) ricambio generazionale basso

perdita know-how manifatturiero medio

SEGNALI DEBOLI (var. dipendenti) alto

controllo riservato e confidenziale 15 novembre 2011 | L’industria che verrà – futuri possibili per il manifatturiero reggiano | 54


gli scenari per il manifatturiero reggiano

l’approccio al cambiamento | quattro possibili risposte per le imprese le 4 possibili risposte delle imprese al cambiamento

orizzonte

medio termine

PRO-ATTIVI

PRE-ATTIVI si preparano ai cambiamenti prevedibili e li anticipano, consapevoli che la riparazione costa più della prevenzione

di fronte al cambiamento, le imprese adottano diversi orizzonti temporali di riferimento e mostrano gradi di reattività reattività differenziati.

agiscono per provocare i cambiamenti desiderati

PASSIVI

REATTIVI

subiscono il cambiamento

attendono che il fuoco sia divampato per combatterlo

breve termine bassa

reattività

in assenza, di collegamenti forti fra anticipazione ad azione, le strategie adottate portano a risultati subsubottimali

alta

Fonte: Futuribles (2010) riservato e confidenziale 15 novembre 2011 | L’industria che verrà – futuri possibili per il manifatturiero reggiano | 55


gli scenari per il manifatturiero reggiano

alta

media

bassa

attitudine al cambiamento

l’industria reggiana al 2020 | sintesi delle ipotesi le imprese “investono” e crescono (capitale, qualità, network, ecc.) e riescono a cogliere le opportunità nei mercati esteri: aumenta la quota di export (mercati tradizionali e nuovi), migliorano le relazioni di filiera, organizzazione e processi vengono adeguati alle necessità del nuovo contesto

scenario scatto

solo i leader investono e“staccano” il gruppo che riproduce i comportamenti del recente passato, focalizzati su “bassi” investimenti, innovazione “al margine” e mercati maturi

base

le imprese non inseguono gli spostamenti della domanda sui nuovi mercati; permangono limiti strutturali legati alla dimensione sub-ottimale in alcune nicchie e all’organizzazione (inefficienze-X)

transizione

prodotto/ mercato

dimensione ottimale

organizzazione/ governance

riservato e confidenziale 15 novembre 2011 | L’industria che verrà – futuri possibili per il manifatturiero reggiano | 56


gli scenari per il manifatturiero reggiano

lâ&#x20AC;&#x2122;industria reggiana al 2020 | i tre scenari a confronto (1/2)

riservato e confidenziale 15 novembre 2011 | Lâ&#x20AC;&#x2122;industria che verrĂ â&#x20AC;&#x201C; futuri possibili per il manifatturiero reggiano | 57


gli scenari per il manifatturiero reggiano

l’industria reggiana al 2020 | i tre scenari a confronto (2/2) oltre 6 miliardi € la differenza sul livello di fatturato a fine del periodo (pari al 40% del fatturato 2010)

redditività livello del Roi

… corrispondenti a circa 27 mila posti di lavoro

valore della produzione var. % medie annue

 in termini di redditività, il differenziale tra i due scenari è pari a 3.5 punti di Roi riservato e confidenziale 15 novembre 2011 | L’industria che verrà – futuri possibili per il manifatturiero reggiano | 58


gli scenari per il manifatturiero reggiano

in breve | … negli scenari post-crisi oltre la metà della extracrescita dipende direttamente dalle scelte delle imprese Scenario scatto grado di controllo delle variabili chiave da parte delle imprese

-

+

55% ambiente esterno

strategie distintive imprese

45% 55%

prodotto/mercato

dimensione ottimale

organizzazione

riservato e confidenziale 15 novembre 2011 | L’industria che verrà – futuri possibili per il manifatturiero reggiano | 59


grazie per lâ&#x20AC;&#x2122;attenzione maggiori informazioni? tel. +39 051 648 0911 alessandra.lanza@prometeia.it giuseppe.schirone@prometeia.it

Bologna, via Marconi 43 Milano, via Gonzaga 7 Roma, via Tirso 26 www.prometeia.it

riservato e confidenziale 15 novembre 2011 | Lâ&#x20AC;&#x2122;industria che verrĂ â&#x20AC;&#x201C; futuri possibili per il manifatturiero reggiano | 60

prometeia_manifatturiero_reggiano  

prometeia_manifatturiero_reggiano

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you