Issuu on Google+

Anno V - n. 9 - MAGGIO 2009


Anno V - n. 9 - MAGGIO 2009


Anno V - n. 9 - MAGGIO 2009

3


4

Anno V - n. 9 - MAGGIO 2009


SPECIALE

ELEZIONI PROVINCIALI 2009 In collaborazione tra

Mediacast Edizioni Scrl & Convergenze Spa LunedĂŹ 8 giugno 2009, durante le operazioni di spoglio delle schede elettorali per le Elezioni Provinciali, sul portale www.paestumchannel.it andrĂ  in onda, in diretta streaming, una tribuna politica permanente, con risultati dai seggi in tempo reale, interviste ai candidati e commenti.

Per informazioni e contatti: www.paestumchannel.it Anno V - n. 9 - MAGGIO 2009

5


6

Anno V - n. 9 - MAGGIO 2009


Anno V - n. 9 - MAGGIO 2009

7


8

Anno V - n. 9 - MAGGIO 2009


di Carmine Caramante direttore responsabile

Scegliamo di vincere Pasquale Marino, l’unico voto utile Cari concittadini,

il 6 e 7 giugno prossimi, tutti insieme, saremo chiamati al voto per l’elezione del Presidente della Provincia e per il rinnovo del Consiglio Provinciale. Questa volta, sarà diverso. Abbiamo un’occasione unica, assolutamente da non perdere. Il nostro Sindaco, Pasquale Marino, il Sindaco della Gente, si è, con coraggio, rimesso di nuovo a disposizione del nostro paese per renderlo più forte, per riportare Capaccio Paestum nella stanza dei bottoni, laddove si decidono le sorti dei territori, si assegnano i finanziamenti, si esaminano i progetti, si programmano i grandi eventi. Per troppo tempo, siamo rimasti orfani di un rappresentante capace di garantire alla nostra cittadina visibilità ed importanza, forza e rispetto al di fuori dei confini comunali. Oggi, questa possibilità si ripresenta, con Pasquale Marino candidato nel Partito Democra-

tico a sostegno del Presidente Angelo Villani. In qualità di Sindaco, il nostro primo cittadino, tornate a salire le scale di Palazzo Sant’Agostino, dopo l’esperienza maturata nel periodo 1985-’94 come vice Presidente, Assessore all’Agricoltura e Assessore al Turismo, innescherà, finalmente, quella filiera amministrativa che per Capaccio Paestum rappresenterà il punto di svolta. Questo, credo debba essere il messaggio fondamentale di questi ultimi momenti di campagna elettorale. Nel corso di questo mese, l’intera Amministrazione comunale, la maggioranza consiliare, lo staff, tanti collaboratori, amici e simpatizzanti hanno speso il loro impegno per portare avanti contenuti e proposte, per illustrare il lavoro compiuto e progettato in questi due anni dalla Quarta Amministrazione Marino. Abbiamo riscontrato, tra la gente, nelle varie località di Capaccio Paestum, affetto, partecipazione e consenso all’azione svolta in questo primo scorcio di legislatura. La gente ha capito, sa di avere a che fare con un gruppo serio, guidato da un Sindaco leale e dal volto umano. In questi 24 mesi, non ci siamo mai sottratti al dialogo con i cittadini, siamo stati in mezzo alla gente, abbiamo comunicato le nostre scelte chiedendo la partecipazione del popolo, abbiamo informato i capaccesi, anche e soprattutto attraverso questo periodico, sulle attività dell’Amministrazione, tante, spalmate in vari settori con oculatezza e volontà di innovare. Per questo, e per molto altro, siamo fiduciosi. Ancora una volta, il 6 e 7 giugno, i cittadini di Capaccio Paestum sapranno scegliere, voteranno per vincere, per Pasquale Marino alla Provincia di Salerno. L’unico voto utile.

Anno V - n. 9 - MAGGIO 2009

9


10

Anno V - n. 9 - MAGGIO 2009


di Alfonso

Stile

direttore editoriale

Speciale Elezioni Provinciali 2009: il responso delle urne, in tempo reale, sul nostro portale www.paestumchannel.it Al fine di rendere a tutti i

cittadini capaccesi un servizio giornalistico sempre efficiente, professionale, al passo con i tempi e le moderne tecnologie, soprattutto in momenti importanti per la vita sociale e politica della nostra coScrl in sinergia munità, la Mediacast Edizioni Scrl, Spa in occasione con l’azienda Convergenze Spa, delle elezioni per il rinnovo del Consiglio provinciale, curerà una tribuna politica permanente che verrà videotrasmessa, in diretta streaming, paestum channel .it sul portale Internet www. www.paestum paestumchannel channel.it .it. La trasmissione, dal titolo “Speciale Elezioni Provinciali 2009”, 2009” andrà in onda il giorno lunedì 8 giugno prossimo, ad urne chiuse, durante le operazioni di spoglio delle schede elettorali: saranno invitati a partecipare tutti i candidati capaccesi, con servizi, interviste e commenti di ospiti e colleghi giornalisti, fornendo in tempo reale, agli utenti collegati, tutti i risultati del voto dai seggi del Collegio elettorale n° 11 (Capaccio, Roccadaspide, Castel San Lorenzo, Giungano, Trentinara, Felitto), per poi analizzare, con l’intervento di personalità autorevoli, quello che sarà il responso finale delle urne. L’orario d’inizio della diretta streaming sul nostro portale è previsto per le ore 15:00 dell’8 giugno. È la prima volta che una testata giornalistica, a Capaccio Paestum, offre in video-diretta un servizio simile ed a fruibilità gratuita, sfruttando appieno le opportunità offerte dal web. Lo “Speciale” godrà di tutti i crismi di una normale trasmissione tv: lo studio sarà allestito presso la sede della Convergenze Spa, a Capaccio Scalo. In qualità di direttore editoriale della Mediacast

Edizioni Scrl, sono orgoglioso di poter annunciare la realizzazione di uno “Speciale Elezioni” di tale caratura (vi assicuro, non è impresa facile). A stimolarci, è stato l’obiettivo che ci siamo prefissati, ovvero quello di assicurare non solo un servizio prezioso per la cittadinanza e mai fornito prima d’ora, ma anche quello di creare un serio e leale momento di confronto tra le varie forze politiche presenti sul territorio, attraverso il coinvolgimento diretto dei vari esponenti di partito locali. Il lavoro giornalistico necessario e le annesse esigenze software-hardware per la diretta richiederanno tanta professionalità, garantita da una équipe di tecnici e collaboratori preparati ed entusiasti, che desidero ringraziare pubblicamente. Non dimenticate, dunque: l’appuntamento è fisChannel sato per lunedì 8 giugno su Paestum PaestumChannel Channel. Concludo con un altro invito: recarsi alle urne, a votare, è un nostro diritto. Esercitiamolo. Tutti.

Anno V - n. 9 - MAGGIO 2009

11


12

Anno V - n. 9 - MAGGIO 2009


Anno V - n. 9 - MAGGIO 2009

13


DOPO 40 ANNI, IL SOGNO È REALTÀ LICEO “PIRANESI” inaugurato alla presenza del Presidente della Provincia, Angelo Villani, dell’Assessore provinciale alla Scuola, Pasquale Stanzione e del Sindaco di Capaccio Paestum, Pasquale Marino di Alfonso Stile

Dopo quasi 40 anni di attesa, è

stata finalmente inaugurata, ieri mattina, la nuova sede del liceo scientifico statale “G.B. Piranesi” di Capaccio Paestum. Presenti, per la storica occasione, numerose autorità scolastiche e politiche: il dirigente scolastico, Angelo Capo Capo, che ha fatto gli onori di casa; il Presidente della Provincia di Salerno, Angelo Villani lani; l’Assessore provinciale alla Scuola, Pasquale Stanzione Stanzione; il Sindaco di Capaccio Paestum, Pasquale Marino; Marino il Provve14

ditore agli Studi di Salerno, Luca Iannuzzi; il vice Sindaco di Iannuzzi Capaccio Paestum, Lorenzo Tarallo; l’Assessore comunale alla Cultura e Pubblica IstruzioGuglielmotti; ne, Eugenio Guglielmotti l’Assessore comunale allo SpetLucia il presitacolo, Enzo Di Lucia; dente della BCC di Capaccio, Enrico Di Lascio; Lascio numerosi dirigenti scolastici degli istituti locali e limitrofi. “Si tratta del giorno più bello della mia vita - ha esordito il prof. Capo - dopo tanti anni di periAnno V - n. 9 - MAGGIO 2009

pezie burocratiche, abbiamo finalmente donato a Capaccio Paestum un liceo scientifico degno di tale nome e della nostra città. I sacrifici sono stati veramente tanti, ma non abbiamo mai mollato, ed oggi sono davvero orgoglioso di aver raggiunto questo importante traguardo. Ringrazio indistintamente tutti coloro che mi sono stati vicini in questa lunga e faticosa avventura, per fortuna conclusasi con un lieto fine eccezionale. Sono contento per tutti i miei ragazzi e per


le loro famiglie, che hanno patito con noi tanti disagi”. “Sono commosso, oggi è una data storica per la nostra comunità ha chiosato il Sindaco, Pasquale Marino - sono molte le persone che si sono adoperate, in tutti questi anni, affinché quello che sembrava solo un sogno diventasse realtà. Ora, nell’ammirare questo splendido e moderno edificio, mi sento orgoglioso e felice per i nostri giovani, che potranno studiare in una scuola eccellente che molti ci invidieranno”. “L’edilizia scolastica si conferma una delle priorità della nostra agenda e i fatti parlano per noi ha dichiarato il Presidente della Provincia, Angelo Villani - da tre istituti nuovi ogni 5 anni, siamo stati capaci di quadruplicare la realizzazione arrivando a ben 12 nuovi plessi, non più appartamenti adattati a scuole ma luoghi idonei dove far studiare i nostri ragazzi. Capaccio meritava un liceo come questo, davvero un nuovo fiore all’occhiello della nostra provincia”. Particolarmente significativo l’intervento dell’Assessore provinciale Pasquale Stanzione, rivolto a tutti gli studenti presenti: “Il nuovo liceo ‘Piranesi’ è tutto vostro, cari ragazzi, abbiatene cura. E state tranquilli: nonostante le stupidaggini messe in giro da qualcuno, l’edificio è completamente agibile e dotato di tutte le certificazioni necessarie. I lavori per la costruzione della palestra e dell’auditorium saranno terminati in estate. Anziché leggere inesattezze, vorrei che gli stessi che hanno avuto da ridire sui tempi di apertura del nuovo liceo, dicessero che abbiamo risparmiato ben 171mila euro all’anno tra fitto e spese varie…”. “Sono molto felice per i nostri giovani studenti – ha aggiunto l’Assessore comunale alla Pubblica Istruzione, Guglielmotti – che rap-

presentano la linfa del futuro. Questo nuovo edificio rafforza la nostra idea circa la realizzazione di una cittadella scolastica a Capaccio Scalo, moderna e funzionale, che possa convogliare molti plessi cittadini, oggi dislocati in edifici obsoleti che necessitano di una continua manutenzione con relativi onerosi costi per le casse comunali”. Entusiastici, infine, i commenti dei rappresentanti d’istituto degli studenti, ovvero Antonio Guarino, Mariano Ciuccio, Anno V - n. 9 - MAGGIO 2009

Domenico Rosa e Umberto Puca Puca: “Siamo tutti contentissimi, il nuovo liceo è bellissimo, ampio e con numerosi laboratori per attività didattiche. Presto saranno pronte anche la palestra e l’auditorium. Qualcuno si è lamentato per i lavori in corso, ma a nostro avviso si tratta solo di esagerazioni, perché le aule sono pulite e sicure, senza dubbio molto migliori di quelle dove eravamo prima… Ringraziamo di cuore il prof. Capo per tutto ciò che ha fatto per noi”. 15


16

Anno V - n. 9 - MAGGIO 2009


La carica di Lorenzo Tarallo

“IL NOSTRO SINDACO ALLA PROVINCIA, UN’OCCASIONE DA NON PERDERE” di Carmine Caramante di Alfonso Stile

Carico come una molla, Lorenzo Tarallo Tarallo, vice Sindaco del Comune di Capaccio Paestum e coordinatore cittadino del Partito Democratico, non ha dubbi: il SinMarino è l’unidaco, Pasquale Marino, co candidato capaccese ad avere le giuste possibilità di varcare la soglia di Palazzo Sant’Agostino. Mancano pochi giorni, ormai, alla tornata elettorale per le Provinciali. Come procede la campagna elettorale? “Benissimo. Noto con tanto orgoglio che la nostra comunità ha recepito subito il messaggio che abbiamo lanciato dal palco durante ogni comizio, ovvero la decisiva importanza che ricopre l’elezione del nostro Sindaco, Pasquale Marino, al Consiglio provinciale”. Molti i programmi che il Sindaco intende portare sul tavolo provinciale. “Abbiamo spiegato chiaramente su cosa lavorerà il Sindaco se dovesse varcare, come sono sicuro che accadrà, l’ambita soglia di Pa-

lazzo Sant’Agostino. Al primo posto vi è l’occupazione: la nostra comunità, infatti, può beneficiare di nuovi posti di lavoro attraverso i canali del turismo, dell’ambiente e, soprattutto, delle attività produttive. Abbiamo intenzione di dare i giusti input lungo queste tre direttive, anche attraverso la modifica del PUC, per dare uno slancio economico fondamentale al nostro territorio”. Perché, quello per Pasquale Marino, è “l’unico voto utile”? “Con il dovuto rispetto, gli altri candidati capaccesi non hanno alcuna possibilità di essere eletti, e non c’è bisogno che sia io a spiegare il perché. La politica è fatta di numeri, ed in base alle percentuali ed alla frammentazione dei voti nel nostro collegio, è molto difficile che possano raggiungere il quoziente necessario all’elezione. Numeri alla mano, dunque, l’unico voto utile è Pasquale Marino, il solo ad avere concrete chance di approdare alla Provincia. È un’occasione unica, un treno da non perdere”. Nel centrodestra così tanti candidati... per cercare di “ostacolare” l’elezione del Sindaco? Anno V - n. 9 - MAGGIO 2009

“Mi sembra ovvio, sempre in riferimento all’insufficienza dei numeri elettorali che hanno, ma non ci riusciranno comunque, la matematica non è un’opinione... Certi poteri forti hanno deciso le sorti del nostro Comune, in passato, e intendono farlo ancora oggi. Noi, invece, siamo dalla parte delle persone meno abbienti e più bisognose, e per fortuna la gente questo lo ha capito bene. Questo porterà il Sindaco alla Provincia”. Che sensazion sensazionii state avvertendo attorno al Sindaco Sindaco,, invece, negli altri comuni del collegio elettorale n n°° 11? “Le stesse, molto positive, che percepiamo a Capaccio. Marino è il Sindaco della gente e quindi di tutti, il candidato per antonomasia del nostro collegio. Ho notato, ma non mi sono affatto scandalizzato né sorpreso, alcuni clamorosi casi di trasformismo politico, ovvero personaggi che hanno cambiato partito e casacca ostentando solo personalismo con candidature per rappresentare solo sé stessi, non per il bene del territorio. Ma la gente non è stupida, per fortuna, e si guarda molto bene dal votare i voltagabbana e chi cambia facilmente bandiera. Chi voterà per Pasquale Marino, invece, premierà la coerenza dell’uomo e del politico”. 17


18

Anno V - n. 9 - MAGGIO 2009


Anno V - n. 9 - MAGGIO 2009

19


20

Anno V - n. 9 - MAGGIO 2009


Indetto il bando per la direzione dei lavori

ARRIVA IL METANO, ALTRO PASSO VERSO IL FUTURO Grandi vantaggi in termini di risparmio e sicurezza di Alfonso Stile

Il Sindaco di Capaccio

Paestum, Pasquale Marino rino, nei giorni scorsi, ha annunciato l’indizione del Bando di selezione dell’Ufficio di Direzione Lavori per l’esecuzione delle opere relative alla “Concessione per la realizzazione e gestione del servizio di distribuzione del gas naturale nei comuni di Capaccio ed Albanella Bacino Campania 55”. Un risultato che l’attuale Amministrazione comunale ha raggiunto perseguendo un iter iniziato alla fine degli anni ’90 con la prima Amministrazione Marino. Grande la soddisfazione della Giunta e dell’intera maggioranza consiliare, che ha ringraziato il Sindaco per la costanza e l’abnegazione dimostrata sia in questi due anni di governo cittadino che nelle precedenti ammi-

nistrazioni da lui guidate. Raggiante il commento del primo cittadino capaccese, Pasquale Marino: “Oggi siamo finalmente nelle condizioni di

Anno V - n. 9 - MAGGIO 2009

poter dire ai nostri cittadini che, molto presto, il metano sarà realtà. In tutti questi anni, da Sindaco, ho sempre posto grande attenzione sull’importanza che questo servizio e questa fondamentale innovazione avevano per il territorio. Non abbiamo mai abbandonato il progetto o mollato la presa, nonostante diverse difficoltà burocratiche. Alla fine, la nostra tenacia è stata premiata. In poche settimane, il bando per la direzione dei lavori sarà espletato e inizierà l’opera di metanizzazione del territorio. È un passo in avanti importante per la nostra comunità, che arrecherà a tutta la cittadinanza grandi vantaggi, sia in termini di risparmio che di sicurezza”.

21


22

Anno V - n. 9 - MAGGIO 2009


Via al bando di selezione delle proposte

CONCORSO D’IDEE PER PAESTUM Obiettivo la riqualificazione dell’area sottoposta ai vincoli della 220/57 di Alfonso Stile

Approvati gli atti per l’indizione

del “Concorso internazionale di idee per Paestum e per i nuclei urbani di Licinella, Torre di Mare e Santa Venere”. Così come deliberato dal Consiglio comunale con propria deliberazione n. 104 del 27/11/ 2008, il concorso richiede proposte per attivare un processo di riqualificazione generale e l’individuazione di un ambito, da sviluppare negli eventuali successivi livelli di progettazione preliminare, definitiva ed esecutiva all’interno di vincoli economici prestabiliti, a scelta del concorrente. Tre i premi finali previsti dal bando: 36.000 euro alla prima ideaprogetto classificata, 18.000 euro alla seconda e 9.000 alla terza. “Da quando ci siamo insediati chiosa il Sindaco, Pasquale Marino - la nuova squadra amministrativa ha posto l’accento sulla spinosa questione riguardante l’area della 220/57 e della sua riqualificazione finalizzata alla possibilità

di ottenere, poi, condoni e sanatorie per molti edifici e attività produttive della zona. Il Concorso d’idee che, tra qualche giorno, dopo la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale, andremo a bandire è una strada percorribile che presto porterà, senz’altro, a grandi risultati sia sotto il punto di vista progettuale che sul piano mediatico. Ringrazio, infine, l’architetto RodolfoSabelli Sabelli, dirigente del Settore Lavori Pubblici, per l’impegno profuso nell’accelerare le pratiche per l’indizione del concorso”. “Questo Concorso internazionale d’idee rappresenta un percorso innovativo per il Comune di Capaccio Paestum - spiegano i consiglieri comunali Carmine Caramante Caramante, Presidente della Commissione Beni Culturali, e Vito Scairati Scairati, PresiAnno V - n. 9 - MAGGIO 2009

dente della Commissione Pianificazione Territoriale - un rovesciamento di prospettiva nella risoluzione di una delle questioni più discusse che insistono nell’assetto del nostro territorio, ovvero il rapporto tra istanza storicoarcheologica e diritto alla casa e libertà d’impresa del cittadino. Un Concorso d’idee internazionale che, siamo sicuri, coinvolgerà e porterà a Paestum grandi nomi dell’urbanistica moderna e che darà all’ente comunale nuove possibili soluzioni. Sulla questione della 220, tanto si è dibattuto, tante sono state le parole spesso dettate al vento. Noi stiamo affrontando il problema sul piano tecnico. Questo Concorso d’idee è un passo decisivo ma non l’unico: ci stiamo muovendo anche sul fronte dell’ottenimento, da parte della Regione Campania, di un Piano Paesaggistico per l’area, legislativamente necessario per arrivare, dopo un’attenta e circostanziata opera di riqualificazione, ai condoni e alle sanatorie”. 23


24

Anno V - n. 9 - MAGGIO 2009


Il Comune di Capaccio Paestum

ha reso noto che sono stati indetti i seguenti bandi di assunzione: a) Avviso pubblico per titoli ed esami per n. 1 posto di ruolo di Vigile Urbano, full-time a tempo indeterminato, categoria C; b) Avviso pubblico per titoli ed esami per la formazione di graduatoria triennale di Vigili Urbani a tempo determinato, categoria C; c) Avviso pubblico per curriculum e colloquio per n. 1 Consulente esterno esperto in materia giuridica-tecnica in Urbanistica-Edilizia, per il periodo giugno-dicembre 2009; d) Avviso pubblico per curriculum e colloquio per n. 1 Consulente esterno esperto in materia giuridica-tecnica in Demanio Marittimo e Patrimonio Comunale, per il periodo giugno-dicembre 2009. “In questi due anni, la nostra Amministrazione ha concentrato molti sforzi sul fronte occupazionale - spiega il Sindaco, Pasquale Marino - riuscendo nello stesso tempo a concretizzare posti di lavoro reali e a dotare l’ente comunale di nuove professionalità in diversi settori, nei quali occorreva un potenziamento degli organici. Con la società in house ‘Paestum Servizi Srl’, inoltre, abbiamo formato e occupato personale addetto alla riscossione dei tributi e ci siamo dotati di short-list che stanno producendo grandi risultati sul fronte dell’elaborazione di progetti per il Comune, molti dei quali già candidati al Parco Progetti Regionale”. Per info, consultare il sito www.comune.capaccio.sa.it o recarsi presso l’Ufficio Personale in Capaccio Capoluogo (tel. 0828/812243).

La consegna dei tesserini Il Sindaco, Pasquale Marino, attesta l’abilitazione dei 12 nuovi messi notificatori ed accertatori tributari

IL LAVORO AL PRIMO POSTO Bandi di assunzione per Vigili Urbani e consulenti professionali all’Ufficio Tecnico di Alfonso Stile

Nei giorni scorsi, inoltre, si è tenuta la cerimonia di consegna degli attestati di abilitazione ai 12 nuovi messi notificatori e accertatori tributari esterni, selezionati e posti alle dipendenze del Comune di Capaccio Paestum dalla società “Capaccio Paestum Servizi Srl”. I dodici dipendenti sono entrati immediatamente in servizio, dopo aver espletato un corso durato 12 lezioni ed aver superato l’apposito esame d’idoneità, organizzato dal Comune in conformità all’art. 1 comma 179 della Legge n. 296/2006. A conAnno V - n. 9 - MAGGIO 2009

segnare gli attestati ed i tesserini di riconoscimento, è stato il primo cittadino capaccese, Pasquale Marino. Alla cerimonia di consegna, hanno presenziato anche: l’Assessore allo Sport e Spettacolo, Vincenzo Di Lucia; Lucia il direttore generale, Pasquale Silenzio Silenzio; il segretario generale, Andrea D’Amore D’Amore; il responsabile del Settore Tributi, Giovanni Puglia Puglia; il responsabile del Settore Finanziario, Carmine Vertullo Vertullo; l’amministratore unico della “Capaccio Paestum Servizi Srl”, Velia Cursaro Cursaro. 25


ESTATE 2009 - L’Assessore allo Spettacolo, Vincenzo Di Lucia, annuncia in anteprima i principali eventi del Premio Charlot e del Paestum Festival

SALEMME, SIANI E BUCCIROSSO SULLE NOTE DEI POOH E PINO DANIELE Il concerto di Uto Ughi, all’ombra del Tempio di Nettuno, in diretta Rai di Alfonso Stile

Sarà un’esta-

te 2009 entusiasmante e tutta da vivere quella che attende Capaccio Paestum: nella splendida cornice dell’area archeologica, infatti, si esibiranno artisti, cantanti e comici di caratura internazionale, in un perfetto mix di appuntamenti che attirerà ovviamente migliaia di turisti, fans ed appassionati di musica, teatro, danza e cultura. Ad annunciare, in anteprima per “PaestumLife”, i principali appuntamenti del tabellone estivo, è l’Assessore allo Sport e Spettacolo, Vincenzo Di Lucia Lucia, raggiante nell’illustrare, in dettaglio, le date più importanti del palinsesto 2009. Assessore Di Lucia, anche quest’anno 26

avete messo a punto un calendario di eventi di prima grandezza... “Non poteva essere altrimenti. Ormai, Capaccio Paestum può considerarsi fiore all’occhiello della provincia di Salerno per quanto concerne la mole e l’importanza degli appuntamenti estivi. Ci attende davvero una bella stagione, in tutti i sensi”. Un ‘assist prezioso’ per tutti gli operatori turistici ed alberghieri di Capaccio. “Sicuramente. Da sempre invito tutti gli operatori locali a sfruttare meglio possibile gli eventi dell’estate quali occasioni per incentivare l’economia e l’arrivo di turisti a Capaccio Paestum. Organizzare dei pacchetti-vacanze in occasione degli appuntamenti più importanti è un’idea da perseguire, così come promuovere il palinsesto estivo Anno V - n. 9 - MAGGIO 2009

attraverso i siti Internet di alberghi, ristoranti e lidi, divulgando anche le apposite locandine e brochure”. Quali saranno le manifestazioni di punta? “Il binomio formato dal Premio Charlot e dal Paestum Festival si è rivelato molto gradito e di successo. Gli eventi previsti, infatti, abbracciano un pubblico vasto, spaziando dal concerto di musica classica alle gag dei comici, dalla danza ai cantanti che hanno fatto la storia della musica leggera italiana. Per questo, abbiamo ribadito la nostra fiducia ai direttori artistici Claudio Tortora e Mario Crasto De Stefano, sottolineandone la competenza, la professionalità e l’esperienza. Il Premio Charlot, dunque, si terrà dal 26 al 30 luglio prossimi, mentre il Paestum Festival dal 10


luglio al 30 agosto. Desidero ringraziare ovviamente anche il Sindaco, Pasquale Marino, sempre favorevole all’arrivo di artisti e personaggi noti allo scopo di garantire alla nostra città non solo un tabellone estivo di spessore e all’altezza dell’importanza della nostra città, ma anche un elevato tornaconto in termini d’immagine ed affluenza turistica a beneficio di tutte le attività locali”. L’apertura ufficiale del tabellone estivo pestano coinciderà con... “...Il concerto di Uto Ughi del 26 giugno. Sarà un onore ospitare un maestro del violino riconosciuto a livello mondiale come Ughi, il quale si esibirà di sera all’ombra del maestoso Tempio di Nettuno, una cornice davvero superlativa che esalterà la diretta tv organizzata dalla Rai per l’occasione”. Un inizio davvero col botto, dunque. E poi?

“Poi proseguiremo con una parentesi riservata alla bellezza femminile, con la selezione regionale di Miss Italia 2009, che attirerà fanciulle e famiglie da tutta la Campania”. Assessore... ci può anticipare quelli che saranno gli appuntamenti principali da non perdere e da segnare in rosso sul calendario? “È un piacere farlo, in anteprima assoluta, per il vostro giornale. Dunque, iniziamo dal 25 luglio, quando, in esclusiva, ci sarà il debutto del nuovo spettacolo del comico napoletano Alessandro Siani. Poi, sarà la volta della commedia di Carlo Buccirosso, di scena il 2 agosto. L’11 agosto, sono sicuro che l’Arena dei Templi di Paestum traboccherà di un pubblico senAnno V - n. 9 - MAGGIO 2009

za tempo con l’atteso concerto dei Pooh, probabilmente uno degli ultimi con la band al completo. Il 14 agosto, altro delirio collettivo nell’area archeologica per l’esilarante show di un grande della comicità italiana come Vincenzo Salemme, evento da tutto esaurito. Sold out previsto anche per il concerto di Pino Daniele del 20 agosto, altro big della musica leggera italiana e non solo. Insomma, ce n’è davvero per tutti i gusti”. Uno spot per invitare la gente a trascorrere le proprie vacanze a Paestum Paestum.. “Credo che la nostra cittadina non abbia bisogno di slogan, perché si presenta da sola. Un tabellone estivo di tale portata, coniugato con la bellezza del nostro mare e la bontà dei nostri prodotti tipici, rappresentano da soli ottimi motivi per scegliere Capaccio Paestum quale meta per le proprie vacanze, tra divertimento e tranquillità”. 27


28

Anno V - n. 9 - MAGGIO 2009


Nei prossimi giorni, asfalto nuovo anche in Via Gueglia

STRADE, IL LAVORO CONTINUA

Stanziati i fondi per la risistemazione di Via Sterpinia di Alfonso Stile

Non si ferma l’opera di ripavimentazione e manu-

tenzione delle arterie cittadine. L’Assessorato ai Lavori Pubblici, coordinato dall’Assessore Roberto Ciuccio Ciuccio, in collaborazione con i tecnici della Provincia di Salerno, sta portando avanti un’azione finalizzata alla risistemazione dei manti stradali degli snodi viari di Capaccio Paestum, operazione che, causa le continue piogge invernali, non si è potuta effettuare nei mesi scorsi. A tempo di record, sono state asfaltate, nelle ultime settimane: Via Giustizia, Via Laghetto, Via Santa Venere, Via del Sele, Via Dalla Chiesa, Via Terra delle Rose, Viale della Repubblica, Via Fornilli, Via Laura, Via Nettuno e Via Porta Marina. Imminente la ripavimentazione di Via Gueglia; stanziati 500mila euro per Via Sterpinia.

Via Fornilli

Viale della Repubblica

Via Laura

Via Nettuno

Via Porta Marina

Anno V - n. 9 - MAGGIO 2009

29


30

Anno V - n. 9 - MAGGIO 2009


- PAGINA AUTOGESTITA -

“Capaccio Paestum Città” Associazione Iniziative Culturali ed Istituzionali Via Magna Graecia - Capaccio

PASQUALE MARINO, IL VOTO UTILE Il coordinamento dell’Associazione, nel contesto elettorale che vede candidato il Sindaco di Capaccio Paestum, Pasquale Marino, per l’elezione del Consiglio Provinciale, ritiene opportuno esprimere il positivo convincimento sull’utilità dell’impegno diretto del primo cittadino. Il Comune di Capaccio Paestum è stato fuori dall’Amministrazione Provinciale per 15 anni e non sarebbe auspicabile che vi rimanesse ancora. I problemi fondamentali dello sviluppo territoriale ed economico sono sempre condizionati dalle scelte di politica provinciale, in particolare per un territorio come quello di Capaccio che presenta, nel suo seno, grandi realtà archeologiche, storiche, religiose, agricole, naturalistiche, turistiche e balneari. Le scelte di maggiore rilevanza urbanistica come il riordino della zona costiera comunale per la creazione di “Paestum Città del Mare”, la creazione della “Nuova Città di Capaccio Scalo”, il rilancio di Capaccio Paese quale “Città Capoluogo” dipendono, in larga parte, da scelte che richiedono la condivisione della Provincia. Pertanto, lo sviluppo turistico del litorale e dell’intero territorio, il miglioramento della balneazione, il rilancio dell’agricoltura, la realizzazione di infrastrutture generali intercomprensoriali, l’incentivazione delle vie del traffico, la riqualificazione dei corsi d’acqua, la difesa e lo sviluppo in termini ecocompatibili della valorizzazione e fruibilità del fiume Sele, RICHIEDONO che il Comune sia rappresentato, attraverso un proprio autorevole interlocutore, nell’Amministrazione Provinciale di Salerno. L’Associazione ritiene che nell’attuale situazione non vi possa essere interlocutore più qualificato del Sindaco, Pasquale Marino. In tal modo si manifesterà un voto certamente “UTILE” per il territorio.

Il Presidente dell’Associazione Dr. Paolo Paolino Anno V - n. 9 - MAGGIO 2009

31


32

Anno V - n. 9 - MAGGIO 2009


VIDEOSORVEGLIANZA, OBIETTIVO SICUREZZA 26 telecamere in funzione 24 ore su 24 sull’intero territorio comunale di Alfonso Stile

È stato ulteriormente potenziato e reso operativo il progetto di videosorveglianza del territorio comunale. Il Comune di Capaccio Paestum si pone, così, ai primi posti su scala nazionale, per estensione di territorio monitorato. Un’esigenza primaria per l’Amministrazione Marino che, nell’ambito del programma di sicurezza urbana, si era prefissa lo scopo di realizzare un servizio di videosorveglianza che consentisse di tenere sottocontrollo e registrare, 24 ore su 24, tutto ciò che accade nelle zone più a rischio del paese. La realizzazione degli impianti è stata resa possibile sulla scorta della presentazione di progetti che hanno riscosso l’approvazione della Commissione regionale. Il servizio permetterà di tenere sotto controllo il traffico veicolare, consentendo anche una più dettagliata ricostruzione delle dinamiche degli eventuali incidenti stradali occorsi in ambito comunale. Maggiore attenzione sarà riservata anche alle attività in corso nelle immediate vicinanze dei plessi scolastici,

spesso presi di mira da bande di vandali. Un vasto impiego nel campo della prevenzione, dunque, cui si affianca l’esigenza di creare un servizio che sia di supporto a tutti i reparti di polizia presenti sul territorio per lo svolgimento delle attività d’indagine. Questi i punti nevralgici dove, ad oggi, sono già in atto le riprese: la sede comunale di Capaccio Capoluogo, la zona della Madonna del Granato, la contrada Scigliati, le rotatorie di Capaccio Scalo e via Procuzzi, l’incrocio tra via Salvo D’Acquisto e viale della Repubblica, piazza Santini, piazzale Rigamonti, via Italia ‘61, la piazzetta di Gromola e i plessi scolastici di Capaccio Scalo, Rettifilo, Gromola, Licinella e Laura. Di recente, è stata fissata un’altra telecamera in località Torre di Mare, precisamente in via Principe di Piemonte. Altre quattro telecamere saranno, inoltre, presto attivate su via Posidonia nel tratto Laura-Varolato. Cinque nuove telecamere saranno collocate, a breve, per il controllo delle aree poste nei pressi Anno V - n. 9 - MAGGIO 2009

della stazione ferroviaria di Paestum. La realizzazione dell’infrastruttura sarà effettuata dopo la stipula del contratto tra il Comune e la Telecom. A darne notizia �� l’Assessore alla Nacarlo, Sicurezza, Salvatore Nacarlo che sta fortemente sostenendo il progetto per il rafforzamento del sistema di videosorveglianza. “In quest’ultimo periodo – afferma Nacarlo – numerose sono state le segnalazioni dei cittadini del grave stato d’insicurezza che regna e si percepisce davanti e all’interno della stazione di Paestum. Una situazione che si è creata dopo la scellerata decisione dell’Amministrazione Sica di chiudere il passaggio a livello di Paestum. Questa scelta, infatti, oltre a spaccare in due il paese, ha provocato uno stato d’isolamento del luogo, con tutto ciò che ne è conseguito”. L’intero sistema di videosorveglianza sul territorio comunale di Capaccio Paestum sarà collegato con la centrale operativa della Polizia Municipale, diretta dal comandante Antonio Rinaldi Rinaldi, coordinatore del progetto. 33


34

Anno V - n. 9 - MAGGIO 2009


MASTER DI PAESTUM, SI PARTE CON LE LEZIONI Iscritti 25 giovani studenti provenienti da tutta Italia di Alfonso Stile

Lunedì 25 maggio scorso, pres-

so la Sala Convegni del Museo “Paestum nei Percorsi del Grand Tour”, sono iniziate ufficialmente le lezioni inerenti il Master universitario di II livello in “Politiche del Turismo Sostenibile” di Paestum, sede per l’Italia dell’Università Europea per il Turismo. L’istituzione di tale sede universitaria nella città dei Templi è stata fortemente voluta, avviata e concretizzata dall’Amministrazione del Comune di Capaccio Paestum, retta dal Sindaco Pasquale Marino, dalla Fondazione “Giambattista Vico” di Vatolla e dalla Banca di Credito Cooperativo di Aquara, in stretta sinergia e collaborazione con la II Università degli Studi di Napoli e l’European University for Tourism, e gode del patrocinio del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali, della Provincia di Salerno e della Fondazione “Milillo”. Nell’occasione, per porgere gli auguri di rito ai 25 studenti iscritti e provenienti da tutta Italia, erano presenti le seguenti autorità: Pasquale Marino, Marino Sindaco di

Capaccio Paestum; Eugenio Guglielmotti, Assessore comuGuglielmotti nale alla Cultura e Pubblica Istruzione; Enzo Di Lucia Lucia, Assessore comunale allo Sport e SpetCaramante, tacolo; Carmine Caramante consigliere comunale e presidente della Commissione Cultura; Vincenzo Pepe, Pepe Presidente della Fondazione “Vico” di Vatolla; Gaetano Liccardo Liccardo, decano della II Università degli Studi di Napoli e fondatore dell’Università di Malta in Italia; Gian Maria Piccinelli Piccinelli, Preside della Facoltà di Studi Politici e per l’Alta Formazione Europea e Mediterranea “J. Monnet” di Napoli; Amilcare Troiano Troiano, Presidente del Parco Nazionale Cilento e Vallo di Diano; Luigi Scorziello Scorziello, Presidente della Bcc di Aquara (in rappresentanza della CCIAA di Salerno e delle imprese locali); Franco Rossi, Rossi Rettore della II Università degli Studi di Napoli, Anno V - n. 9 - MAGGIO 2009

Messina Rettore e Salvatore Messina, dell’Università Europea per il Turismo, che terrà il primo ciclo di studi. “C’è stata grande partecipazione da parte del mondo imprenditoriale e privato, di associazioni e cittadini, i quali tenevano molto a questa iniziativa - spiega l’Assessore Guglielmotti - con l’inizio delle lezioni abbiamo sancito un momento direi storico per quanto concerne la formazione universitaria a Paestum. Ora, però, bisogna ulteriormente rafforzare questo progetto dialogando con altri enti limitrofi, perché il solo Comune di Capaccio Paestum non può sostenerlo a lungo termine. Più Comuni insieme possono dare le risorse necessarie per istituire uno o più corsi di Laurea. Ringrazio tutti coloro che, come me, hanno creduto fermamente nell’istituzione di un’università a Paestum”. 35


36

Anno V - n. 9 - MAGGIO 2009


Anno V - n. 9 - MAGGIO 2009

37


Lettera aperta del candidato della lista dei Liberal Democratici

Quaglia inaugura il tour elettorale a Ponte Barizzo Il candidato al Consiglio provinciale della lista dei Liberal Democartici, Pasquale Quaglia glia, ha inaugurato la propria campagna elettorale nella contrada di Ponte Barizzo, presso il ristorante “La Cascina”. Molte le persone presenti per l’occasione, che hanno fatto da cornice al tavolo dei relatori: oltre al candidato Quaglia, sono intervenuti i consiglieri comunali Nicola Ragni, Franco Longo e Maria Vicidomini Vicidomini, oltre ad Enzo Di Riso e Lucio Conforti forti. Particolarmente sentite le parole di Pasquale Quaglia, riassunte dal candidato dei Liberal Democratici in una lettera aperta diffusa alla stampa.

Cari Elettrici ed Elettori,

a pochi giorni dalle elezioni, ho deciso di far chiarezza su quanto avvenuto a seguito della mia decisione di accettare la proposta di candidarmi. La mia scelta si è rivelata scomoda per quelli che credevano, e continuano a credere, di avere l’esclusiva della politica capaccese. Questi hanno ritenuto, sollecitando le immotivate ed eticamente scorrette dimissioni dei delegati al Consorzio, di crearmi difficoltà, cercando di mandare all’aria il lavoro di anni alla guida dell’Ente consortile, peraltro condiviso da una parte degli stessi dimissionari. Ho sempre agito con serietà e lealtà, senza tema di smentita, facendo il bene dell’Ente e dei consorziati. Vi ho dedicato anni del mio lavoro raggiungendo risultati importanti, grazie alla mia caparbietà e serietà politica che hanno permesso, a me ed i miei collaboratori, di finalizzare 38

obiettivi fino ad ora mai raggiunti. Il commissariamento non ha creato problemi a me, ma solo all’Ente! Non ha fatto altro che interrompere questo lavoro, peraltro danneggiandolo. Ma una cosa è certa: gli atti compiuti per sostituire i dimissionari sono legittimi e mi batterò per difenderli in tutte le sedi consentite. E allora mi chiedo: può una candidatura muovere così tanta ostilità? Possono eventi politici avere così dure ripercussioni su di un lavoro gestito, per anni, con passione e costanza? Possono tante persone che prima consideravo amiche, che mi hanno sempre incitato ad andare avanti assicurandomi il proprio sostegno, essersi lasciate coinvolgere in uno spietato gioco di potere che ha danneggiato anche l’immagine del nostro paese? Tutto questo non fa altro che trasmettere messaggi di sfiducia e delusione, ed alimenta la diffidenza dei cittadini verso le Istituzioni! Oggi è il momento, per la nostra comunità, di esprimere con forza e coraggio le sue potenzialità negli ambiti in cui è sicuramente protagonista più di ogni altra realtà, quali l’agricoltura e l’allevamento, il turismo, l’ambiente, Anno V - n. 9 - MAGGIO 2009

l’imprenditoria, puntando sulla qualità degli investimenti ed esercitando con forza e responsabilità le proprie competenze. Questi saranno gli obiettivi della mia candidatura e vi assicuro che affronterò, con coraggio e determinazione, il ruolo provinciale che spero mi conferirete. Insieme a voi, contribuirò a togliere il nostro paese dalla situazione di continuo rischio di impoverimento culturale, sociale ed economico in cui è stato ridotto per superficialità ed incuranza. Concludendo, un appello a te, caro elettore. È ora di essere protagonista con il tuo voto, di evitare di dare agli altri un’altra possibilità. È ora di essere stanchi di subire le ingiustizie di una condotta che ha visto, per troppo tempo, soddisfare solo i bisogni politici di fautori di false promesse. È ora di cambiare! La mia candidatura con i Liberal Democratici nasce proprio sulla base di un impegno preso e profuso in tutti questi anni nell’interesse del mio paese che, attraverso quanto programmato ed avviato nelle vesti di Presidente del Consorzio, con il consenso di voi elettori, continuerà anche alla Provincia di Salerno. Pasquale Quaglia


- SPAZIO ELETTORALE AUTOGESTITO A PAGAMENTO -

Anno V - n. 9 - MAGGIO 2009

39


40

Anno V - n. 9 - MAGGIO 2009


Anno V - n. 9 - MAGGIO 2009

41


42

Anno V - n. 9 - MAGGIO 2009


Di Lascio: “3.200.000 euro di utile netto d’esercizio”

APPROVATO IL BILANCIO 2008 L’annuale assemblea dei soci del-

la Banca di Credito Cooperativo di Capaccio, convocata domenica 24 maggio scorso presso l’hotel Ariston di Paestum, ha approvato il Bilancio al 31 dicembre 2008. Un risultato molto significativo e sottolineato dal presidente della cassa rurale capaccese, Enrico Di Lascio Lascio. “L’assemblea ordinaria, al termine della quale abbiamo approvato il Bilancio al 31 dicembre 2008, oltre a sancire, di fatto, l’ottimo lavoro svolto dalla nostra banca, è stata anche un’occasione per fissare nuovi obiettivi per il futuro, partendo da basi solide nella consapevolezza che la strada intrapresa è quella giusta da seguire”. Un Bilancio 2008 che ha soddisfatto i soci della Bcc Bcc,, presidente? “Assolutamente sì, oltre le più rosee previsioni. Abbiamo sfiorato, infatti, i 3,2 milioni di euro di utile netto di esercizio. Una grande soddisfazione per tutta la BCC e soprattutto personale. Da quando sono alla guida di questo importante istituto di credito, con l’aiuto del precedente e dell’attuale Consiglio d’Amministrazione, lavorando in maniera armoniosa, abbiamo raggiunto questo risultato, nonostante il 2008 fosse contrassegnato, specialmente nel secondo semestre, da un disagio economico molto forte che ha interessato anche il nostro territorio”. In che modo avete conseguito tale risultato? “Abbiamo adottato una politica prudenziale, ovvero elargendo oculatamente il credito a molti clienti anziché distribuire lo stes-

so importo a pochi clienti. In questo modo facciamo gli interessi dell’azienda e del territorio, poiché il rischio viene spalmato su più unità e il credito elargito a più soggetti”. Una Bcc di Capaccio che cresce, dunque, tenendo bene d’occhio le proprie casse. “Proprio così, ma non solo. Dagli ultimi dati pervenuti dalla FederCampania, la nostra banca risulta la prima, a livello regionale, in termini di patrimonialità; siamo tra le prime posizioni anche per l’utile netto d’esercizio, con risultati Icaap eccellenti, tenendo presente che la Bcc di Capaccio è una delle poche banche, in Campania, a non aver effettuato fusioni con altre consorelle. Tutto ciò lascia presagire un futuro brillante nel medio-lungo termine”. Quali sono le categorie più esposte alla crisi? “Il nostro territorio vive di economia agricola e turistica, quindi una grossa percentuale di lavoro della banca è destinata a tali attività. Il settore agricolo vive una crisi ormai cronica, mentre quello dell’allevamento zootecnico che sembrava fino a poco tempo fa essere un’isola felice nello sceAnno V - n. 9 - MAGGIO 2009

nario agricolo locale, inizia ad accusare qualche rallentamento. Discorso diverso merita il settore turistico, che potrebbe decollare definitivamente e bene se ci fossero maggiori input sotto l’aspetto delle infrastrutture pubbliche e delle sinergie aziendali. Credo, infatti, che dovrebbe esserci maggior organizzazione fra le varie categorie turistiche, quali lidi, campeggi, villaggi, alberghi, ecc. Sono strutture eccellenti e siamo orgogliosi di averne molte come nostre clienti. La vicinanza della banca agli imprenditori locali è testimoniata, ad esempio, dai finanziamenti deliberati ultimamente, a tassi agevolati, ai titolari dei lidi che hanno subito danni alle proprie strutture balneari a causa delle mareggiate dello scorso inverno”. I capaccesi riescono ancora a risparmiare soldi a fine mese? “La famiglia capaccese è risparmiatrice e conservatrice per natura, e tramanda tale tradizione di padre in figlio”. Riuscite a calamitare clienti anche dai comuni limitrofi? “Ci stiamo adoperando per aumentare la clientela non capaccese. Ovviamente, non avendo una conoscenza diretta in questi territori per noi nuovi, usiamo molta prudenza nell’elargizione del credito”. Da cittadino capaccese, cosa si aspetta dalle prossime Elezioni Provinciali? “Che Capaccio possa avere, finalmente, uno o più rappresentanti nel Consiglio provinciale, vista l’importanza strategica che riveste. In bocca al lupo a tutti i candidati”. Alfonso Stile 43


44

Anno V - n. 9 - MAGGIO 2009


Anno V - n. 9 - MAGGIO 2009

45


46

Anno V - n. 9 - MAGGIO 2009


L’attività dell’Associazione capaccese “Il Rumore” Il 24 aprile 2009, un gruppo di giovani capaccesi ha costituito l’Associazione culturale “Il Rumore”. “L’idea - spiega il presidente, Gaetano Valva - nasce dopo aver visto altre realtà, dove il modo di confrontarsi è diverso dal nostro. Intendiamo creare un punto d’incontro per i giovani di Capaccio Paestum attraverso la diffusione della cultura e l’organizzazione di eventi, favorendo il divertimento ed il confronto con diverse culture territoriali. Infatti, siamo già in sintonia con l’Associazione ‘Cento Passi’ di Agropoli, che ringrazio per il sostegno fornito, unitamente a tutti i ragazzi che hanno creduto in questo progetto. La nostra Associazione è aperta a tutti i giovani ed è apolitica e apartitica; chiunque può partecipare, ma senza fare campagna di partito all’interno del gruppo. Contiamo sulla collaborazione delle istituzioni locali che, in verità, fino ad ora non è mancata. Il Sindaco Pasquale Marino ci ha

fornito una sede, sita a Capaccio Scalo in via Magna Graecia, presso i palazzi Quaranta, che ritengo la Casa di tutti i giovani di Capaccio”. Qui, ogni giovedì alle ore 20:00, iscritti e simpatizzanti si riuniscono per confrontarsi, discutere e dare una risposta ai vari interrogativi posti all’attenzione dell’Assemblea, ma anche per trovare soluzione, perché no, a problemi personali attraverso la consulenza offerta gratuitamente da gio-

vani professionisti a tutti gli iscritti. È possibile, comunque, ricevere informazioni ogni giorno, recandosi presso la “Multiservizi” di Lucio Capo ed Elio Malfeo (via Magna Graecia, n. 179 - Capaccio Scalo), sede originaria dell’Associazione, oppure collegandosi al sito www.ilrumore.com. E vi è di più. Si può anche diventare amico/a dell’associazione “Il Rumore” mediante il contatto Facebook! L’Associazione si è presentata ufficialmente alla cittadinanza il 21 maggio scorso, organizzando una serata con ingresso gratuito presso il pub Covent Garden. Come dire, fatti e non parole! Soci fondatori: Gaetano Valva (presidente), Luigi Marone (vice presidente), Marco Tafuro (segretario), Davide Annunziato (tesoriere), Mario Eletto, Alfonso Fortino, Raffaele Annunziato, Giovanni Ventre, dott. Adriano Verderame (presidente del collegio dei probiviri). Rosario Buccella

Mare Sicuro: 1° Memorial “Antonio Vecchio” Il 14 giugno 2009, Paestum ospiterà la prima manifestazione a carattere sportivo, educativo e culturale inerente al salvataggio in mare. Denominata “Mare Sicuro”, intitolata alla memoria del compianto avvocato Antonio Vecchio e patrocinata dal Comune di Capaccio Paestum, è organizzata dalla MedService s.r.l. che ha potuto contare sul sostegno di numerosi enti ed istituzioni. In particolare: Guardia Costiera di Agropoli; Società Nazionale di Salvamento Genova sez. Salerno; Soc. Nazionale Salvamento sez. NettunoAnzio; Scuola Cani Salvataggio Tir-

reno S.I.C.S.; C.O.Re. Campania 118 servizio di Elisoccorso; Consorzio Lidi di Paestum; BCC di Capaccio; Associazione Albergatori Paestum; Laboratorio Nautico Giaro sez. Roma; EPT di Salerno. L’idea nasce dal riscontro di una diffusa carenza, nel settore della balneazione, della sicurezza in mare dovuta alla mancanza Anno V - n. 9 - MAGGIO 2009

di consapevolezza rispetto ai pericoli derivanti da un’intensa attività di balneazione e di diporto, aggravata dalla scarsa conoscenza delle situazioni di pericolo insite nell’ambiente marino. Il programma della manifestazione prevede: - simulazione di salvataggio in mare con uomini; - simulazione di salvataggio in mare con cani (unità cinofile); - simulazione di salvataggio in mare con mezzi (imbarcazioni e moto d’acqua); - simulazione e tecniche di salvataggio in situazioni estreme. 47


48

Anno V - n. 9 - MAGGIO 2009


Anno V - n. 9 - MAGGIO 2009

49


50

Anno V - n. 9 - MAGGIO 2009


Anno V - n. 9 - MAGGIO 2009

51


52

Anno V - n. 9 - MAGGIO 2009


Ricci s’aggiudica l’Half Marathon di Agropoli G ianluca

Ricci, atleta del Montemiletto Team Runner, si è aggiudicato la decima edizione dell’Agropoli Half Marathon, organizzata dalla Libertas Agropoli , stabilendo anche il nuovo record della gara. La marocchina Laaroussi Khadija è la vincitrice tra le donne. Oltre 1500 i podisti ai nastri di partenza e successo di pubblico per l’evento sportivo considerato tra i più belli nel suo genere a livello nazionale. L’Agropoli Half Marathon ha festeggiato, dunque, in grande stile il suo decimo anniversario con la presenza del grande Pietro Mennea, testimonial della manifestazione. “Sono soddisfatto per la gara ha affermato il vincitore, Gianluca Ricci - correre insieme ad atleti come Rugut e Lamachi non è facile ed essere arrivato primo è davvero un grande risultato. Ho sentito che potevo farcela verso il 15 chilometro. Sono ancora più felice perchè oltre ad aver migliorato il mio personale su questa gara rispetto allo scorso anno di ben 2 minuti, ho anche stabilito il record dell'Agropoli Half Marathon. Un ringraziamento e una dedica speciale va al mio allenatore Mario Scarola».

“È stato un grande successo ed abbiamo festeggiato al meglio i primi dieci anni dell'Agropoli Half Marathon - ha dichiarato Roberto Funicello, presidente Libertas Agropoli (nella foto) oltre 1500 atleti dimostrano l’importanza e l’attesa per la gara che

si sviluppa su un percorso bello e veloce. Quest’anno Gianluca Ricci, vincitore della gara, ha anche migliorato il record della corsa impreziosendo ulteriormente l’evento. La presenza di Pietro Paolo Mennea, inoltre, quale testimonial accresce e offre ulteriore valore a ciò che stiamo portando avanti da tempo, grazie alla collaborazione di tante persone, dall’Amministrazione comunale alle forze dell’ordine, e ai tanti ragazzi che collaborano per la buona riuscita della mezza maratona”. Matteo Galdi

Ancora un trionfo per Giusy Bilancieri La

giovanissima atleta giunganese Giusy Bilancieri, di appena 9 anni, bissa ancora un successo nella corsa dei 60 metri piani per la categoria esordienti, nell’ambito di una gara regionale disputatasi di recente nella città di Battipaglia. Il talento della piccola Bilancieri, orgoglio sportivo di tutta Giungano, lascia ben sperare per successi futuri.

Francesco Umile Danielli

Anno V - n. 9 - MAGGIO 2009

53


54

Anno V - n. 9 - MAGGIO 2009


Anno V - n. 9 - MAGGIO 2009

55


Il significato storico del 2 giugno

QUANDO L’ITALIA SCELSE LA REPUBBLICA di

Angela De Rosa

Repubblica o Monarchia?

Bastò una croce su un simbolo per cambiare il futuro dell’Italia. Il 2 giugno 1946 1946, il primo referendum istituzionale chiamava gli Italiani alle urne per esprimere quale forma di governo dare al Paese. Indetta dopo la Seconda Guerra Mondiale, la consultazione elettorale si svolse in un clima di tensione: gli anni del conflitto bellico erano appena terminati e la caduta del fascismo aprì la strada alla possibilità di formare o ricostituire partiti liberi. Intorno ad alcune figure storiche o carismatiche, sorsero così nuclei politici che avrebbero dato nuova vita a movimenti riorganizzati in entità idonee ad assumere la funzione di indirizzo della vita pubblica. Ma non mancarono

56

preoccupazioni: le nuove formazioni non disponevano, infatti, di alcuna rappresentanza presso la cittadinanza, non essendosi tenute elezioni. La svolta fu nel 1944, quando Palmiro Togliatti Togliatti, segretario del Partito Comunista Italiano, propose, in un discorso passato alla storia come “svolta di Salerno” Salerno”, di accantonare la questione istituzionale fino alla fine della guerra. A questa soluzione convennero la maggior parte dei partiti, con la richiesta di estromissione di Vittorio Emanuele III dalla politica diretta. Fu così istituita la “luogotenenza”, attraverso la quale una personalità avrebbe rappresentato la Corona: sarà Umberto II di Savoia, Savoia erede al trono, che riscontrò immediato gradimento.

Anno V - n. 9 - MAGGIO 2009

Questo faceva sperare che potesse ridare alla causa monarchica il consenso perduto. L’accoglimento della proposta di Togliatti permise di formare un governo in parte idealmente rappresentativo del CLN apertamente repubblicano, sia per impostazione politica di fondo, sia perché imputava alla monarchia (in modo particolare a Vittorio Emanuele III) la responsabilità di aver permesso al fascismo di affermarsi in Italia e di averla coinvolta in una disastrosa guerra. Il decreto luogotenenziale n° 151 del 25 giugno 1944, emanato durante il governo Bonomi, tradusse in norma l’accordo che, al termine della guerra e non appena le condizioni generali lo avessero reso possibile, fosse indetta una consultazione popolare per scegliere la forma dello Stato e per eleggere un’assemblea costituente che avrebbe avuto il compito di redigere una nuova Carta costituzionale. Il Consiglio dei Ministri Ministri, presieduto da Ivanoe Bonomi Bonomi, emanò anche il decreto legislativo n°23 del 2 febbraio 1945 1945, che riconosceva il diritto di voto alle donne. donne Venne così riconosciuto il diritto al suffragio universale, dopo i vani tentativi fatti nel lontano 1881 e nel 1907 dal movimento femminista ispirato da Maria Montessori Montessori. Solo nella primavera dell’anno successivo sarà possibile accelerare la contemporanea concretizzazione dei due decreti legislativi. La campagna referendaria fu alquanto accesa e contrassegnata da incidenti e polemiche, soprattutto al Nord, dove i monarchici si scontrarono, in un clima di intimidazione, con i repubblicani. Il 2 giugno 1946, donne e uomini votarono per il Referendum istituzionale e per le elezioni dell’Assemblea costituente. Il gentil sesso, per la prima volta, esprimeva il proprio voto elettorale: si trattò di un


passaggio fondamentale per la storia dell’Italia contemporanea e dell’emancipazione femminile. L’affluenza registrata alle urne fu 89,1% su 28.005.449 di dell’89,1% aventi diritto al voto (i votanti furono 24.947.187). I risultati ufficiali del referendum istituzionale furono proclamati solo il 18 giugno dalla Corte di Cassazione conferendo la vittoria della Repubblica blica, che aveva ottenuto ben 12.718.641 voti (pari al 54,3%) a dispetto della Monarchia che aveva ottenuto 10.718.502 voti (pari al 45,7%), mentre i voti nulli erano stati 1.498.136. L’Italia era spaccata in due: al Nord la Repubblica aveva vinto con il 66,2%, mentre al Sud la Monarchia prevalse con il 63,8%. Tutti i partiti di PCI, PSI sinistra (PCI, PSI) si espressero apertamente a favore del sistema repubblicano, così come il PRI PRI. Il PLI appoggiò la monarchia, mentre la Democrazia Cristiana lasciò libertà di voto, anche se fece proprio il sistema repubblicano. La scelta della DC fu dovuta dalla necessità di non far spostare le masse

meridionali, a larghissima maggioranza monarchiche, verso i partiti monarchici o qualunquisti e poter, così, assicurarsi un ampio consenso nelle contestuali elezioni parlamentari. Tale scelta risultò vincente. L’Italia, infatti, si divise in due. Basti pensare ad alcune regioni, quali il Veneto, il Trentino, la Calabria e la Basilicata, dove prevaleva il voto cattolico a favore della DC. Nelle prime due, infatti, si affermò la DC alle elezioni parlamentari e la Repubblica nel referendum, nelle ultime due, invece, prevalsero DC e Monarchia. La nascita della Repubblica fu accompagnata da polemiche di una certa consistenza circa la regolarità del referendum che la sancì. Ancora oggi, a distanza di oltre sessant’anni dall’esito del voto referendario, vengono mosse critiche e accuse di illegittimità del risultato da parte dei sostenitori della causa monarchica. Tali attacchi alla legittimità del voto a favore della Repubblica riguardano i presunti brogli elettorali che si sarebbero verificati, secondo i sosteniAnno V - n. 9 - MAGGIO 2009

tori di questa tesi, modificando i risultati nelle circoscrizioni dove il voto repubblicano era già comunque vincente. I monarchici attribuirono la loro sconfitta anche a scorrettezze nella convocazione dei comizi e nello svolgimento del referendum, presentando numerosi reclami giudiziari che vennero però respinti dalla Corte di Cassazione. All’ufficializzazione dei risultati, Umberto di Savoia rivolse un proclama agli italiani, in cui contestava l’esito del referendum per poi lasciare il Paese, in aereo, per Lisbona. Con Alcide De Gasperi che aveva già assunto nella sua persona i poteri di Capo di Stato, la Corte di Cassazione, il solo organo a cui spettasse stabilire chi avesse vinto, sancì la vittoria della Repubblica. Sono state proposte interpretazioni sociologiche del voto, che avrebbero intravisto la causa delle preferenze tra Monarchia e Repubblica, forse da ricercarsi in una differenziazione sociale: i ceti più istruiti sarebbero stati repubblicani mentre quelli dove l’analfabetismo era maggiore avrebbero avuto una preferenza per il campo monarchico. Questa tesi, che cercava di far leva sulla contrapposizione città-proletariato industriale e campagna-proletariato contadino, non trova ormai sostenitori. Con la legge n° 54 del 5 marzo 1977, la festività del 2 giugno è stata abbandonata per alcuni decenni. Reso nuovamente giorno festivo nel 2001 su iniziativa del secondo Governo Amato e soprattutto dell’allora Presidente della Repubblica, Carlo Azeglio Ciampi, Ciampi ogni 2 giugno si celebra la Festa della Repubblica italiana, la principale festa nazionale civile, in maniera simile al 14 luglio francese (anniversario della Presa della Bastiglia) e al 4 luglio statunitense (giorno in cui, nel 1776, venne firmata la dichiarazione d’indipendenza). 57


58

Anno V - n. 9 - MAGGIO 2009


Anno V - n. 9 - MAGGIO 2009

59


L’importante strumento urbanistico passa ora al vaglio della Provincia

Approvato all’unanimità il nuovo PUC Per il progettista im-

pegnato nella redazione di un Piano Regolatore si presenta, innanzitutto, la necessità di capire essenzialmente i fattori naturali ed ambientali del luogo che ha in esame, allo scopo di tracciare un disegno tendente ad assicurare un progresso di vita alla popolazione residente, che cerca velocemente di condensarsi tutta nel centro urbano per fruire di un maggiore ed agevole benessere. Lo studio dell’urbanistica consiste proprio nella ricerca di una soluzione lungimirante, avente alla base una proporzionalità indispensabile per la crescita equilibrata di un paese o di una grande città. Nel borgo rurale di Giungano, diviso sempre a metà per le differenti opinioni tra gli stessi amministratori, questa

volta per il bene di tutti è stata accantonata l’atavica conflittualità, e così maggioranza ed opposizione hanno trovato la giusta linea d’intesa nell’approvare il nuovo strumento urbanistico che consentirà, certamente, il definitivo rilancio economico di Giungano. Soddisfatti il Sindaco, Francesco Palumbo Palumbo, e l’Assessore all’Urbanistica Vincenzo Curcio Curcio, i quali asseriscono: “Abbiamo tenuto conto delle problematiche del nostro territorio, soprattutto per favorire le attese di tutti i cittadini nel redigere un equo PUC. Per cui, pur se più volte contestato, alla fine è prevalso il buon senso e la con-

corde volontà di redigere un legittimo progetto, ora al vaglio definitivo dell’Amministrazione provinciale”. Con la delibera del Piano Urbanistico Comunale è stata portata a temine una situazione da molti anni tormentata, che già negli anni ‘90 vide la nomina di tre commissari ad acta ed un lungo iter burocratico per potere legiferare sul proprio territorio comunale. La giusta scelta del consesso civico assegna, finalmente, giustizia alla collettività di Giungano, la quale potrà fruire, a breve, dei benefici di questo progetto che, peraltro, è finalizzato a sostenere una sana crescita economica e sociale, in particolare a favore delle future generazioni locali.

Chiuso un atavico contenzioso grazie a Serafini Il dott. Fabio Serafini, a capo del servizio ragioneria del Comune di Giungano, nominato direttore generale dell’Acquedotto Calore-Lucano di Agropoli poco più di un anno fa, ha dato subito prova della sua capacità nella gestione di un Ente non privo di atavici problemi organizzativi e amministrativi. Infatti, è riuscito a chiudere l’annosa controversia con il Comune di Albanella che, cominciata negli anni ‘70, 60

ormai annoverava ben 11 decreti ingiuntivi, 11 sentenze di primo grado, 3 sentenze di Corte d’Appello e 2 sentenze della Cassazione. L’atto transattivo sottoscritto dagli Enti, per un valore di circa 700mila euro, ha dimostrato il forte segnale di rinnovamento perseguito dalla nuova gestione. Stesso impegno sarà profuso per un’analoga controversia con il Comune di Ogliastro Cilento. Altri importanti risultati sono stati raggiunti sia Anno V - n. 9 - MAGGIO 2009

nella riorganizzazione delle risorse umane e della riprogrammazione degli obiettivi strategici aziendali, sia nel rifacimento delle condotte idriche e del potenziamento della captazione idrica alle sorgenti abbandonate da anni. Il diverso approccio di nuovi manager come il dott. Serafini, nella gestione di enti pubblici, fa ben sperare per lo sviluppo e la crescita dei nostri territori.


a cura di

Matteo Galdi

Corrispondente da Giungano

Intitolata al compianto Sindaco di Giungano scomparso nel 2000

Una piazza in memoria di Del Galdo Per il premuroso intervento del-

l’Amministrazione civica guidata dal Sindaco, Francesco Palumbo, alla presenza di molte autorità politiche e civili, con la solenne benedizione del parroco don Peppino Dianese, il 30 aprile scorso si è svolta la cerimonia d’intitolazione di una nuova piazza con giardini dedicata alla memoria di Francesco Del Galdo, già Sindaco di Giungano dal 1985 al 1991. Sono intervenuti i familiari dell’illustre defunto; Antonio Valiante, vice Presidente del Consiglio Regionale della Campania; il presidente del Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano, Amilcare Troiano; il Sindaco di Capaccio, Pasquale Marino; di Trentinara, Lorenzo Fraiese; di Roccadaspide, Girolamo

Auricchio, ed inoltre l’ex Sindaco di Giungano Rosario Guglielmotti, l’ex vice Francesco Di Marco ed una larga partecipazione di cittadini. La cerimonia è ben riuscita, con momenti che hanno toccato

Presentato il libro “L’ulivo, l’oro del Cilento” Promosso dal Comune di Giungano, con delega all’Assessore alla Cultura e Politiche Sociali, Franco Russomando, si è svolto presso il convento Benedettino la presentazione del volume “L’Ulivo: l’Oro del Cilento - Un approccio nuovo all’Econonia ed al Paesaggio”, a cura dell’arch. Ferdinando Iannuzzi. Sono intervenuti il Sindaco Francesco Palumbo, la prof.ssa Aulisio Camilla, il dott. Bruno Danise (dirigente Stapa-Cepica di Salerno) e la dott.ssa Vittoria Brancaccio (presidente Agriturist). Hanno preso parte al convegno numerosi cittadini ed addetti al settore produttivo olivicolo. f.u.d.

toni di profonda commozione nel ricordare la figura del compianto Del Galdo, insegnante ad Isca Albano in giovanissima età e poi colonnello della VI Compagnia dei Vigili Urbani di Roma. Fondò, a Giungano, la lista dei “Ramoscello d’Ulivo” e s’insediò alla casa comunale per la prima vota nel 1985, restandovi per circa due consecutivi periodi legislativi. Nei vari interventi delle autorità, sono state poste in rilievo le tante importanti delibere a firma dell’ex primo cittadino Francesco Del Galdo. Questi morì a Roma nel giugno del 2000 ed ora riposa nel cimitero del suo paese di Giungano, la cui comunità, con questo atto, lo ha voluto immortalare tra i figli migliori del Cilento.

Al convento Benedettino di Giungano, la V Edizione di “Poeti e scrittori in erba” e la prima rassegna “Maggio Musicale” Nel suggestivo convento Benedettino ha avuto luogo, alla presenza di autorità e in una cornice di numerose mamme e papà, la V edizione del concorso “Poeti e Scrittori in Erba” riservato ai ragazzi delle classi 3a, 4a e 5a della scuola elementare “A. Stromilli”. Nel corso della manifestazione, allestita dalla Pro Loco, è stato attribuito un lungo plauso all’insegnante Antonietta Cantalupo, che con grande maturità ha ben diretto i bambini nelle varie esibizioni recitative. Il 16 maggio scorso si è svolto, altresì, il concerto del chitarrista Gianluigi Giglio. Manifestazione dell’Assessorato al Turismo e Beni Culturali della Campania e l’Ente Provinciale del Turismo di Salerno che, in sinergia con il Comune di Giungano e l’Azienda Soggiorno e Turismo di Paestum, che hanno organizzato la prima rassegna di “Maggio musicale nelle chiese della tradizione”, un tour che ha toccato sette paesi cilentani. F rancesco Umile Danielli Francesco Anno V - n. 9 - MAGGIO 2009

61


62

Anno V - n. 9 - MAGGIO 2009


Anno V - n. 9 - MAGGIO 2009

63


64

Anno V - n. 9 - MAGGIO 2009


Sviluppo e progresso a Capaccio Paestum tra ‘800 e ‘900

a cura di

Paolo Paolino

La piana di Paestum: il regime fondiario dal feudo al latifondo

- Parte XI -

(segue dal numero precedente)

1952/1956 Nel 1952 vince le elezioni per il rinnovo del Consiglio comunale la lista capeggiata dal dottor Roberto Fiorentino, espressione della DC, dello schieramento conservatore degli agrari. Questa vittoria dipese prevalentemente dalla sinistra, che si presentò divisa alla competizione elettorale: socialisti da una parte con il Sindaco Paolino e comunisti dall’altra con il geometra Antonio Scanalino. In questo periodo non sono molte le iniziative portate avanti, però si registrano alcuni eventi di rilevante importanza, come l’inaugurazione del Museo Nazionale di Paestum e la realizzazione del Getsemani. Ma è anche il periodo in cui, a seguito della riforma fondiaria e delle occupazioni dei latifondi, si realizza il progetto di colonizzazione con la creazione di oltre 300 poderi e numerose quote. I dirigenti locali della Dc e la Coldiretti di Bonomi riescono a gestire tutta la fase della colonizzazione con notevoli vantaggi politici. 1956/1960 Si ricostituisce l’unità della sinistra con la lista dell’Orologio, che vince le elezioni con Salvatore Paolino nuovamente Sindaco, artefice e animatore del movimento operaio e per l’occupazione delle terre. Si riprende il programma di opere che era stato avviato nel periodo 1946/1952; s’impri-

me una svolta allo sviluppo del paese; sorgono le prime iniziative turistiche; Paestum incomincia ad essere il polo d’interesse culturale e turistico, grazie anche al lavoro di ricerche archeologiche incentrate nell’area della città antica. La pineta ed il mare diventano meta di vacanze per ospiti italiani e stranieri. Nascono i primi alberghi, ristoranti, campeggi e altre strutture similari. È l’inizio di un grande sviluppo per Capaccio. Capaccio Scalo diventa il centro di servizi di tutta la piana: scuole, banca, biblioteca, palestra, uffici comunali, chiesa, l’ufficio postale e caserma. L’ufficio anagrafe e di stato civile viene trasferito da Paestum a Capaccio Scalo. È il periodo di maggiore sviluppo per il nostro paese, incomincia a dare i primi risultati il nuovo regime fondiario. 1960/1964 Ritorno all’amministrazione comunale dei civici sostenitori dalla DC. Diviene Sindaco l’avv. Raffaele Spirito. Il periodo è caAnno V - n. 9 - MAGGIO 2009

ratterizzato dall’incarico conferito agli ingegneri Fuccella, Zanzara e all’architetto Visconti, del piano di zona e del programma di fabbricazione. Continua lo sviluppo, soprattutto quello agricolo. È tempo di affermazione delle produzioni agricole: i carciofi, coltivati in quasi tutta la piana, conquistano i mercati nazionali, i pomodori richiesti dalle industrie conserviere , il tabacco e lo sviluppo della zootecnia. I risultati della Riforma Fondiaria, in questo periodo, fanno registrare un notevole incremento della produzione lorda vendibile. Il benessere nelle campagne è diffuso. In parallelo, si incrementa l’industria turistico-alberghiera. Paestum attira sempre più nuovi flussi turistici. Il livello sociale ed economico si eleva e la partecipazione dei cittadini alla vita pubblica si fa più intensa. La piana assume una nuova fisionomia ambientale e una diversa geografia agraria. (continua nel prossimo numero) 65


66

Anno V - n. 9 - MAGGIO 2009


Anno V - n. 9 - MAGGIO 2009

67


CARTOLINE DAL MONDO - MESSICO

Chichén Itzá di Domenico Volpe

Chichén Itzá (la pronuncia è Cicen Itsa) è il più importante complesso archeologico Maya situato in Messico Messico, sito precisamente nel nord della penisola dello Yucatan Yucatan. Le rovine, che si estendono su un’area di 3 km², appartenevano ad una grande città che fu uno dei più importanti centri della regione intorno al periodo epiclassico della civiltà Maya, fra il VI e l’XI secolo. Il sito comprende numerosi edifici rappresentativi di diversi stili architettonici; fra i più celebri si possono indicare la piramide di Kukulkan (nota osservatocome El Castillo), l’osservatorio astronomico (il Caracol) e il Tempio dei Guerrieri uerrieri. Il sito di Chichén Itzá è stato dichiarato patrimonio dell’umanità UNESCO nel 1988. Costituisce una proprie-

tà federale dello stato del Messico ed è amministrato dall’Istituto Nazionale di Antropologia e Storia Instituto Nacional de An(Instituto tropologia e Historia, INAH INAH). Chichen Itza è sicuramente uno dei siti archeologici più famosi al mondo: ogni giorno, centinaia di turisti “rischiano la vita” cercando di raggiungere la cima del Castillo (chiamato anche piramide di Kukulcan), superando indenni tutti gli scalini. Sono 365 365: non è un numero casuale. Il Castillo, infatti, è alendario un enorme calendario alendario. I quattro lati hanno un totale di 91 gradini che, con la piattaforma sulla cima, fanno appunto 365. In qualunque guida dello Yucatan si fa riferimento alla bellezza ed al fascino di questo sito archeologico e si racconta della insidiosa scalinata del

Il Tempio dei Guerrieri 68

Anno V - n. 9 - MAGGIO 2009

Castillo, delle interminabili partite di pelota che terminavano con la morte dei vincitori (o dei vinti... non è ben chiaro ancora). Le mie aspettative non sono state tradite. Durante gli equinozi di primavera e di autunno autunno, si verifica un affascinante fenomeno: sulla scalinata si forma un’ombra che ricorda il serpente piumato. Un’altra attrazione è costituita dal campo di pelota , il più grande e imponente di tutto il Messico. Le regole del gioco della pelota non sono ben chiare: probabilmente sono cambiate nel corso degli anni.


La piramide di Kukulkan

Il cenote Sagrado costituisce una delle altre attrattive della zona archeologica. Questo cenote è un imponente pozzo naturale di circa 60 m di diametro e di 35 m di profondità. Nei primi anni ‘900, Edward Thompson Thompson, professore di Harvard e console americano nello Yucatan, acquistò la zona in cui si trovano oggi le rovine. Fece dragare il cenote ed emersero numerosi reperti, gioielli e ossa. (Foto e reportage a cura di Domenico Volpe, www.fotovolpe.it)

Le mille colonne Anno V - n. 9 - MAGGIO 2009

69


70

Anno V - n. 9 - MAGGIO 2009


Anno V - n. 9 - MAGGIO 2009

71


Il

Centro per l’Impiego di Vallo della Lucania informa che, da una selezione nelle Gazzette Ufficiali, sono pubblicati, tra l’altro, anche i seguenti concorsi e selezioni: 3 posti di professore straordinario, presso l’Accademia Navale di Livorno per il settore scientifico-disciplinare ING-IND/01 - Architettura navale, scad. 8 giugno 2009 (V. G.U. 4^ S.S. n. 35 del 08.05.2009). 3 posti di laureati in lettere o lingue e letterature straniere, presso il Ministero degli Affari Esteri, scadenza 8 giugno 2009 (V. G.U. 4^ S.S. n. 35 del 08.05.2009). 2 posti a tempo determinato di ricercatore III livello, presso l’Istituto Nazionale di Ricerca Metrologica, scadenza4 giugno 2009 (V. G.U. 4^ S.S. n. 34 del 05.05.2009). 29 posti presso l’Agenzia Nazione dei Giovani, scadenza 8 giugno 2009 (V. G.U. 4^ S.S. n. 35 del 08.05.2009) così distinti: - 17 posti di istruttore di amministrazione, cat. C1; - 4 posti di funzionario d’amministrazione, cat. D1; - 4 posti di funzionario di programmi internazionali, cat. D; - 1 posto di dirigente tecnico, categoria D1; - 1 posto di dirigente amministrativo, cat. D1; - 2 posti di funzionario dell’informazione, cat. D1. 1 posto di geometra, categoria C1, presso il Comune di Sorisole, scadenza 5 giugno 2009 (V. G.U. 4^ S.S. n. 33 del 28.04.2009). 72

2 posti presso il Comune di Bisceglie, scad. 4 giugno 2009 (V. G.U. 4^ S.S. n. 34 del 05.05.2009) così distinti: - 1 posto di agente di polizia municipale, cat. C1; - 1 posto di agente di capo servizio affari legali, cat. D3. 2 posti di insegnante scuola dell’infanzia, cat. C1, presso il Comune di Bracciano, scadenza 4 giugno 2009 (V. G.U. 4^ S.S. n. 34 del 05.05.2009). 1 posto di funzionario tecnico, categoria D3, presso il Comune di Fiano Romano, scadenza 4 giugno 2009 (V. G.U. 4^ S.S. n. 34 del 05.05.2009). 3 posti di istruttore direttivo, cat. D1, presso il Comune di Grosseto, scadenza 4 giugno 2009 (V. G.U. 4^ S.S. n. 34 del 05.05.2009). 1 posto di geometra, categoria C1, presso il Comune di Monselice, scadenza 4 giugno 2009 (V. G.U. 4^ S.S. n. 34 del 05.05.2009). 2 posti di agente di polizia locale, categoria C1, presso il Comune di Opera, scad. 4 giugno 2009 (V. G.U. 4^ S.S. n. 34 del 05.05.2009). 1 posto di istruttore contabile/ amministrativo, cat. C1, presso il Comune di San Giorgio di Legnano, scadenza 4 giugno 2009 (V. G.U. 4^ S.S. n. 34 del 05.05.2009). 3 posti part-time di geometra, categoria C1, presso il Comune di Zagarolo, scadenza 4 giugno 2009 (V. G.U. 4^ S.S. n. 34 del 05.05.2009). Anno V - n. 9 - MAGGIO 2009

5 posti presso la Provincia di Ancona, scadenza 4 giugno 2009 (V. G.U. 4^ S.S. n. 34 del 05.05.2009) così distinti: - 3 posti di geometra, cat. C1; - 2 posti di collaboratore amministrativo, cat. B3. 75 posti presso la Rende Servizi Srl Unipersonale, scadenza 4 giugno 2009 (V. G.U. 4^ S.S. n. 34 del 05.05.2009) così distinti: - 74 posti part-time a tempo determinato di operai, I livello; - 1 posto di operaio addetto alle pulizie, I livello. 1 posto di assistente sociale, cat. D1, presso il Comune di Chiudino, scadenza 8 giugno 2009 (V. G.U. 4^ S.S. n. 35 del 08.05.2009). 2 posti presso il Comune di Favria, scadenza 8 giugno 2009 (V. G.U. 4^ S.S. n. 35 del 08.05.2009) così distinti: - 1 posto di vigile urbano, cat. C1; - 1 posto di collaboratore tecnico, categoria C1. 1 posto di istruttore direttivo tecnico, categoria D1, presso il Comune di Francavilla in Sinni, scadenza 8 Giugno 2009 (V. G.U. 4^ S.S. n. 35 del 08.05.2009). 1 posto di architetto, categoria D3, presso il Comune di Prato Sesia, scadenza 10 giugno 2009 (V. G.U. 4^ S.S. n. 35 del 08.05.2009). 1 posto di funzionario amministrativo, cat.D1, presso il Comune di San Severino Marche, scadenza 8 giugno 2009 (V. G.U. 4^ S.S. n. 35 del 08.05.2009). 2 posti di istruttore amministra-


tivo-contabile, categoria C1, presso il Comune di Zagarolo, scadenza 8 giugno 2009 (V. G.U. 4^ S.S. n. 35 del 08.05.2009).

1 posto di dirigente analista, presso l’azienda U.S.L. n. 11 di Empoli, scadenza 16 giugno 2009 (V. G.U. 4^ S.S. n. 35 del 08.05.2009).

1 posto part-time di istruttore amministrativo, cat. B1, presso l’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Rieti, scadenza 8 giugno 2009 (V. G.U. 4^ S.S. n. 35 del 08.05.2009).

1 posto di collaboratore amministrativo, cat. D1, presso l’U.L.SS. n. 6 di Vicenza, scadenza 8 giugno 2009 (V. G.U. 4^ S.S. n. 35 del 08.05.2009).

1 posto di collaboratore amministrativo, cat.B3, presso il Comune di Bruzzano Zeffirio, scadenza 11 giugno 2009 (V. G.U. 4^ S.S. n. 36 del 12.05.2009). 1 posto di assistente sociale, cat. D1, presso il Comune di Calusco D’Adda, scadenza 11 giugno 2009 (V. G.U. 4^ S.S. n. 36 del 12.05.2009). 1 posto di istruttore di vigilanza, cat. C1, presso il Comune di Cortale, scadenza 11 giugno 2009 (V. G.U. 4^ S.S. n. 36 del 12.05.2009). 2 posti di tecnico sanitario di radiologia medica, cat. D1, presso l’Azienda Ospedaliera della Provincia di Lodi, scadenza 4 giugno 2009 (V. G.U. 4^ S.S. n. 34 del 05.05.2009). 13 posti di tecnico sanitario di radiologia medica, cat. D1, presso le aziende U.S.L. di Pistoia, Firenze e Prato, scad. 4 giugno 2009 (V. G.U. 4^ S.S. n. 34 del 05.05.2009). 2 posti di dirigente/addetto attività di comunicazione, presso l'Ente per i servizi tecnico-amministrativi di area sud est della Regione Toscana, scad. 8 giugno 2009 (V. G.U. 4^ S.S. n. 35 del 08.05.2009).

1 posto di ingegnere, cat. D1, presso l’Istituto oncologico Veneto, scadenza 8 giugno 2009 (V. G.U. 4^ S.S. n. 35 del 08.05.2009). 1 posto di assistente sociale, cat. D1, presso l’U.L.S.S. n. 16 di Padova, scadenza 8 giugno 2009 (V. G.U. 4^ S.S. n. 35 del 08.05.2009). 8 posti presso l’Azienda Ospedaliera “Ospedale Maggiore” di Crema, scadenza 11 giugno 2009 (V. G.U. 4^ S.S. n. 36 del 12.05.2009) così distinti: - 3 posti di operatore socio sanitario, categoria Bs; - 2 posti di infermiere professionale, categoria D1; - 1 posto di educatore professionale; - 1 posto di assistente sociale, categoria D1; - 1 posto di tecnico di radiologia. 2 posti presso l’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Cagliari, scadenza 11 giugno 2009 (V. G.U. 4^ S.S. n. 36 del 12.05.2009) così distinti: - 1 posto di dirigente amministrativo; - 1 posto di dirigente farmacista. 3 posti di assistente amministrativo, categoria C1, presso l’Azienda Ospedaliero-Universitaria Anno V - n. 9 - MAGGIO 2009

“Maggiore della Carità” di Novara, scadenza 11 giugno 2009 (V. G.U. 4^ S.S. n. 36 del 12.05.2009). 36 posti di infermiere professionale, categoria D1, presso l’ Azienda Ospedaliero-Universitaria Ospedali Riuniti di Trieste, scadenza 11 giugno 2009 (V. G.U. 4^ S.S. n. 36 del 12.05.2009). 3 posti di educatore assistenziale, categoria B1, presso l’ I.P.A.B. Casa di Riposo “Istituto D. Romana” di Castellamonte, scadenza 11 giugno 2009 (V. G.U. 4^ S.S. n. 36 del 12.05.2009). 1 borsa di studio presso il Consiglio per la Ricerca e la Sperimentazione in Agricoltura, scadenza 4 giugno 2009 (V. G.U. 4^ S.S. n. 34 del 05.05.2009). 1 borsa di studio per laureati con titolo di dottore di ricerca per studi e ricerche nel campo dell'area scientifica “Scienze e tecnologie alimentari” da usufruirsi presso il C.N.R. - Istituto di scienze delle produzioni alimentari (ISPA),unità organizzativa di supporto di Lecce, scadenza 15 giugno 2009 (V. G.U. 4^ S.S. n. 34 del 05.05.2009).

Per i concorsi riferiti alla: - cat cat.. B1, generalmente è richiesto il titolo di studio di Scuola Media Inferiore; - cat cat.. B3 e/o C1, è richiesto il titolo di studio di Scuola Media Superiore; - cat cat.. D1 e/o D3 è richiesta la laurea. 73


74

Anno V - n. 9 - MAGGIO 2009


a cura di

Enza Maffia Responsabile Centro SoleLuna di Pazzano

Maria Palmieri e lo spirito della “Lega per i diritti degli handicappati” Intervista a Maria Palmieri

ospite del Centro Socio Educativo “Sole Luna” di Capaccio e Presidente dell’Associazione “Lega per i diritti degli handicappati”. La distanza che separa le classi sociali è un fattore storico. Cambia in base alla comunità o configurazione sociale di appartenenza. La disuguaglianza tra gli uomini e i conflitti da essa generati hanno proclamato una società permeata da una cultura egualitaria a cui fanno riferimento diverse ideologie affermando l’uguaglianza come principio mondiale e politico collettivo. Presidente Maria Palmieri, cosa ha significato per lei l’apertura del Centro socioeducativo “SoleLuna”? “Sia come Presidente dell’associazione ‘Lega per i diritti degli handicappati’ che come persona diversamente abile, l’apertura del centro ha significato per noi una grande conquista. Sono grata e riconoscente a tutte le associazioni che lottano per la tutela del disabile, all’Amministrazione Marino che ha fortemente lavorato e lavora alle Politiche Sociali, ai servizi attivati dal Piano Sociale di Zona. Parlando in prima persona, il disabile soffre di solitudine, costretto ad intere giornate in casa, senza nessuna occupazione, isolato dal mondo esterno, consapevole di non poter dare nessun contributo alla società. Questo è stato l’ input che mi ha spinto ad occu-

parmi di queste problematiche. Vorrei, per le generazioni future, delle strutture adeguate, in quanto, oltre alla riabilitazione sanitaria, è indispensabile educare persone che dalla vita sono state già penalizzate”. Cosa pensa che debba cambiare in questa società? “Sono cambiati i parametri sociali. Una volta la famiglia rappresentava un porto sicuro, basata su solidi valori, tramandati da padre in figlio; questa catena si è spezzata, l’equazione è diventata famiglia, individualità, fiducia e fedeltà assoggettate alla convenienza. L’uomo, dimenticando se stesso nella corsa all’apparire, ha smesso di sognare. I sogni non aiutano soltanto a vivere, ma a realizzare obiettivi e progetti, fondamentali per la crescita della società. Per tanti anni Anno V - n. 9 - MAGGIO 2009

abbiamo lottato per le barriere architettoniche, ma molto più difficile è scalfire le barriere sociali e mentali. Il mio messaggio è di guardare oltre. In un corpo imperfetto, batte un cuore capace di amare e desiderare come una qualsiasi persona normale”. Quale messaggio darebbe ai giovani? “La vita è un dono prezioso, spesso viene bruciata o spezzata in un attimo, rallentarne il corso fa si che essa non ci passi accanto senza averla vissuta. L’esperienza mi ha insegnato che quando ci viene regalato qualcosa troppo facilmente, non gratifica e non è apprezzato. Volontà e tenacia, onestà, rispetto per sé stessi e per gli altri, premiano sempre, perché valori di un mondo civile che rendono l’uomo libero”. 75


76

Anno V - n. 9 - MAGGIO 2009


a cura della dott.ssa

(Lun-Ven 9:00-13:00, Mar-Gio 15:00-19:00)

“La famiglia moderna è oggigiorno in una situazione di crisi: si stanno mettendo gradualmente in discussione i suoi lati positivi come pure la sua validità all’interno della società occidentale e ciò avviene in modo più radicale, come si può immaginare, tra i giovani […]. La famiglia è comunque senza dubbio l'istituzione più importante della sfera privata […]. Si è avuto un sostanziale mutamento nella posizione sociale complessiva della famiglia. Ciò comporta una conseguenza degna di nota, vale a dire un'enorme differenza nel rapporto microcosmo e macrocosmo […]. Oggi, nelle società moderne, la barriera tra il microcosmo della famiglia e il macrocosmo della società è in genere molto marcata e palese, ne consegue che l'individuo, dalla sua nascita alla maturità, varca una serie di soglie socia-

li chiaramente definite. Il varcare queste soglie molto frequentemente lo conduce ad estraniarsi dalla famiglia dove ha iniziato la sua carriera nella società”. (P.L - B. BERGER, La dimensione sociale della vita quotidiana, il Mulino, Bologna, 1987). La famiglia ha subito, negli ultimi anni, notevoli trasformazioni; ha perso la centralità che occupava nella società italiana, notoriamente molto legata ad una visione tradizionale dell’organizzazione familiare, è passata da agenzia primaria di socializzazione ad una delle agenzie di produzione e riproduzione dei modelli educativi, di accudimento e di cura dei minori e degli anziani. Il percorso di trasformazione è strettamente legato ai processi di cambiamento che hanno coinvolto l’intera società italiana. La riduzione del numero dei componenti, che è passato

(Mar-Gio 15:00-19:00)

L’ L’Agenzia Nazionale per i giovani, con sede in Roma, assume 29 unità di personale per i diversi profili: - 4 posti di Funzionario d’Amministrazione con contratto a tempo indeterminato. Requisiti per l’ammissione: laurea di 1° livello in Scienze Economiche/Scienze Giuridiche; diploma di laurea, ovvero laurea magistrale in Economia e Commercio, Economia delle Amm. Pubbliche e delle Istituzioni Internazionali o Giurisprudenza. -17 posti di Istruttore di Amministrazione con contratto a tempo indeterminato. Requisiti per l’ammissione: diploma di scuola secondaria di 2° grado; esperienza di lavoro, maturata in rapporti regolati da contratti di lavoro subordinato, parasubordinato o atipico, c/o Pubbliche Amministrazioni di stati membri dell’Unione Europea, presso organismi comunitari o organizzazioni non governative riconosciute dal Governo italiano, in attività di gestione di programmi nazionali o comunitari rivolto ai giovani, per un periodo complessivo non superiore ad 1anno. - 1 posto di Dirigente Tecnico con contratto a tempo indeterminato. Requisiti per l’ammissione: diploma di Laurea, ovvero Laurea Magistrale in Scienze Politiche o in Lingue e Letterature Straniere o in Lettere o in Scien-

nell’arco di trent’anni (dal 1971 al 2003) da 3,35 a 2,6 per nucleo, è solo uno degli elementi da tenere in considerazione. L’importanza e la centralità della famiglia e delle sue continue trasformazioni, è riconosciuta dal Piano Sociale di Zona S6 come tema prioritario d’intervento, che l’ha posta al centro della sua programmazione e progettazione, anche attraverso la realizzazione dell’avviso pubblico “Famiglia… al centro!” , che prevede la possibilità di chiedere contributi indiretti a sostegno dei nuclei familiari con minori e non. Inoltre, sono previste una serie di incontri ed iniziative che consentono agli operatori di confrontarsi su una tematica così importante, ma che permettono anche ai cittadini residenti sul territorio di partecipare ad incontri e scambi di esperienza su questo tema così importante.

a cura di Elena Tolomeo e Sissi Avino

ze dell’educazione; trovarsi in una delle seguenti posizioni: dipendente di ruolo delle Pubbliche Amministrazioni, muniti di laurea, che abbiano compiuto almeno 5 anni di servizio; soggetti in possesso della qualifica di Dirigente in Enti e Strutture Pubbliche muniti di diploma di Laurea. - 1 posto di Funzionario della Comunicazione e delle relazioni esterne con contratto a tempo indeterminato. Requisiti per l’ammissione: laurea di 1° livello in Scienze della Comunicazione, Scienze Politiche e delle Relazioni Internazionali, Scienze del Servizio Sociale, Scienze Economiche, Scienze dell’Amministrazione, Scienze Sociali per la cooperazione, lo sviluppo e la pace o in Scienze Sociologiche; diploma di laurea ovvero laurea magistrale in Scienze Politiche, Scienze della Comunicazione,Relazioni Pubbliche o in Sociologia ed equipollenti alle classi delle lauree specialistiche. - 1 posto di Funzionario dell’Informazione con contratto a tempo indeterminato. Requisiti per l’ammissione sono i seguenti: diploma di laurea ovvero laurea magistrale in Fisica, Matematica, Scienze Statistiche, Ingegneria Gestionale, Ingegneria Elettronica , Ingegneria Informatica ed equipollente alle classi delle Lauree specialistiche. Anno V - n. 9 - MAGGIO 2009

Annalisa Del Verme

- 4 posti di funzionario di programmi internazionali, con contratto a tempo indeterminato. Requisiti per l’ammissione: diploma di laurea ovvero laurea magistrale in Scienze Politiche, Lingue e Letterature Straniere o in Lettere o in Scienze dell’Educazione ed equipollente alle classi delle lauree specialistiche. - 1 posto di dirigente Amministrativo, con contratto a tempo indeterminato. Requisiti per l’ammissione: diploma di laurea ovvero laurea magistrale in Economia e Commercio ed equipollenti alle classi delle lauree specialistiche; trovarsi in una delle seguenti condizioni: dipendente di ruolo delle Pubbliche Amministrazioni , muniti di laurea, che abbiano compiuto almeno 5 anni di servizio; soggetti in possesso della qualifica di Dirigente in Enti e Strutture Pubbliche; cittadini italiani, forniti di idoneo titolo di studio universitario, che hanno maturato, con servizio continuativo per almeno 4 anni presso enti e organismi internazionali. Vi informiamo che le domande di partecipazione ai concorsi sono scaricabili dal sito www.agenziagiovani.it/lavoro oppure potete ritirar ritirarll e presso il nostro ufficio ufficio,, il martedì e giovedì vedì,, dalle 15:00 alle 19:00 19:00.. 77


78

Anno V - n. 9 - MAGGIO 2009


a cura del dott.

Giacomino De Palma

(Parte III)

Medico - già Sindaco di Capaccio

Smettere di fumare prima che sia troppo tardi In considerazione dei numero-

si danni correlati al fumo di sigarette, è necessario promuovere un’opera di prevenzione estesa a tutti i livelli sociali ed economici; non basta l’aver approvato negli ultimi tempi leggi molto più restrittive che vietano di fumare nei locali pubblici o ad uso pubblico, occorre soprattutto che queste disposizioni vengano fatte rispettare. L’informazione va portata negli ambienti in cui si è stimolati ad accendere, o a provare, come si dice, la prima sigaretta. Nelle scuole e negli ambienti di lavoro, l’informazione deve essere completa, non solo generica, trasmessa in altre parole attraverso il semplice ammonimento a non fumare; deve essere dettagliata sui danni provocati dal fumo, possibilmente con proiezioni di documentari, con cartelloni pubblicitari, coinvolgendo la stampa e il mezzo televisivo, con convegni e libretti illustrativi. In occasione di una delle ultime “Giornate senza fumo” promosse dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, il Moig (Movimento Italiano Genitori) ha lanciato un allarme: “L’età media della prima sigaretta, in Italia, continua ad abbassarsi fino a toccare la soglia dei dieci anni; il

tabagismo è un problema che non riguarda solo adulti, giovani e adolescenti, ma addirittura i bambini; è questa, oggi, la vera emergenza su cui tutti, genitori, medici e insegnanti, devono concentrarsi. Autorevoli studiosi, ricercatori e accademici di differenti discipline e Paesi, hanno fotografato la situazione allarmante dei giovani d’oggi, legata all’aumento del tabagismo in età sempre più precoce”. Un fenomeno preoccupante, dalle ricadute potenzialmente devastanti, come ha sottolineato il prof. Allegra, che ha puntato il dito su quella che si sospetta una vera e propria futura emergenza sani-

Anno V - n. 9 - MAGGIO 2009

taria. Il prof. Allegra denuncia: “Il fumo sta diventando un’abitudine sempre più precoce, nonostante oggi se ne conoscono bene le conseguenze letali sulla salute. Iniziare a fumare da adolescenti, a volte addirittura in età prepubere, significa affrontare una soglia di rischio di neoplasia polmonare statisticamente provata. Il fumo, poi, è sempre più un problema al femminile. Se non si verifica al più presto un’inversione di tendenza, tra pochi anni il numero di fumatrici supererà quello dei fumatori, con la conseguenza che, allo stereotipo del cinquantenne fumatore incallito, subentra quello della fumatrice trentacinquenne, la quale rischia, oltre ai tumori tipicamente femminili (tumore della mammella, tumore dell’utero), anche il cancro del polmone con analoghe se non maggiori probabilità”. Dati statistici ci dicono che la tendenza, la voglia di “provare” cresce sempre di più negli anni, e allora l’ambiente scolastico, a cui prima accennavo, diventa la vera palestra su cui si gioca la lotta contro il fumo. Se mai si inizia mai si fumerà! L’esempio degli adulti è poi l’opzione più convincente. (continua nel prossimo numero)

79


80

Anno V - n. 9 - MAGGIO 2009


a cura di

Francesca De Stefano Dottoressa in Scienze del Turismo (IULM Milano)

I grandi Saloni milanesi nel settore arredo-casa Ricchi di prodotti e di spunti il

“Salone Internazionale del Mobile”, “Euroluce”, il “Salone Internazionale del Complemento d’Arredo” e il “Salone Satellite”, ritornati ad animare il quartiere Fiera Milano di Rho con un programma fitto di appuntamenti ed eventi, tra cui di grande rilievo la mostra a Palazzo Reale in collaborazione con il Comune di Milano. Sugli oltre 220mila metri quadrati espositivi del quartiere fieristico di Rho, grandi progetti, grandi allestimenti e grande affluenza sono stati gli ingredienti base di quello che è considerato l’evento principale in assoluto del settore arredo-casa a livello internazionale. Accanto al Salone Internazionale del Mobile Mobile, alla sua 48ª edizione, e al Salone Internazionale del Complemento d’Arredo d’Arredo, quest’anno è ritornata la sempre attesa Euroluce Euroluce, il Salone Internazionale dell’Illuminazione punto di riferimento del settore per la sua offerta ad ampio raggio che rappresenta uno scenario unico del sistema-luce, aperto anche verso altri settori quali l’illuminazione stradale, l’illuminotecnico, le sorgenti luminose e i loro sistemi di con-

trollo. Da sempre catalizzatore di grande folla, è sceso nuovamente in campo l’immancabile SaloneSatellite SaloneSatellite, giunto alla 12ª edizione, con la sua sferzata di creatività giovanile al servizio delle imprese. Si è rinnovato anche il sodalizio con il Comune di Milano che, per la terza volta, ha offerto ai Saloni la prestigiosa sede di Palazzo Reale, Reale quest’anno per un evento inedito nel suo genere che ha messo a confronto arredi moderni e antichi per riscoprire le origini del nostro Made in Italy: dal 22 aprile al 21 giugno, infatti, verrà ospitata la mostra “Magnificenza e Progetto - Cin-

Anno V - n. 9 - MAGGIO 2009

quecento anni di grandi mobili italiani a confronto”, con concept di Cristina Acidini e Luigi Settembrini Settembrini. È l’anno della crisi crisi, ma proprio per questo i Saloni sono più che mai riconosciuti dalle aziende come il migliore strumento di marketing, offrendo loro ampia visibilità utile a trasmettere un segnale positivo in questo momento non facile e a mettere le basi per una ripresa del settore. Variegata, come sempre, la proposta merceologica, che ha presentato l’arredo domestico a 360 gradi, sia per quanto riguarda tipologie e stili (dal pezzo unico al coordinato e dal classico al design al moderno) che a ciò che detteranno le tendenze di domani. Stimolanti le proposte dei 702 giovani del SaloneSatellite, da sempre palcoscenico privilegiato per la creatività giovanile, con un allestimento dedicato al benessere e tante sorprese. Nel Giardino della Triennale di Milano, dal 22 aprile sarà visibile: I=N=V=O=C=A=T=I=O=N (I call your image to mind), una nuvola luminescente dell’artista inglese Cerith Wyn Evans Evans, fatta di lunghi tubi al neon che si attorcigliano su se stessi.

81


82

Anno V - n. 9 - MAGGIO 2009


Anno V - n. 9 - MAGGIO 2009

83


84

Anno V - n. 9 - MAGGIO 2009


a cura di

Rosario Buccella Avvocato e Pubblico Ministero

Vicinitas est mater discordiarum L’art. 832 del codice civile stabi-

lisce che “il proprietario ha il diritto di godere e disporre delle cose in modo pieno ed esclusivo…”, e questo, secondo un vecchio brocardo latino, usque ad inferos et usque ad sidera, cioè dagli inferi fino al cielo. Quindi, sembrerebbe pacifico che, entro i propri confini, ognuno possa fare ciò che preferisce, nel rispetto dei diritti altrui: “questo è mio, quello è tuo”. Tuttavia, non sempre è così facile. Anzi, i rapporti di vicinato sono delicati e spesso finiscono per essere non buoni (vicinitas est mater discordiarum). Figuriamoci, poi, quando più soggetti sono comproprietari di uno stesso bene (c.d. comunione). A volte, può diventare difficile contenere i rapporti entro i confini della cordialità: la situazione si complica. Infatti, più soggetti insieme saranno titolari “in modo pieno ed esclusivo” del medesimo diritto di proprietà, per quota (sia chiaro, non di più diritti di proprietà perchè non sarebbe possibile: la proprietà è un diritto esclusivo!). In sostanza, ogni proprietario esplicherà il proprio diritto sulla cosa in base alla quota (ideale) della quale è titolare. Ad esempio, se sono proprietario al 50% di un appartamento, non

sono titolare materialmente di metà appartamento, ma di tutto l’appartamento al 50%. Una tipologia particolare di comunione, che non favorisce la “cordialità dei rapporti”, è il condominio. In questo caso, nel medesimo stabile, si hanno parti di proprietà esclusiva di ogni singolo condomino (es. il proprio appartamento) e parti in comunione tra tutti condomini (le scale, i muri maestri, i cortili, ecc.). Ed i problemi non mancano… La legge, infatti, prevede che è obbligatoria la formazione di un regolamento di condominio qualora i condomini siano più di dieci e si rende necessaria la nomina di un amministratore quando i condomini siano più di quattro. E proprio la figura dell’amministratore di condominio si sta affermando in modo crescente nella società moderna. Tant’è che, ormai da tempo, si parla dell’istituzione di un apposito albo, oggi non previsto, ma da tanti ritenuto necessario, essendo richiesta una sempre maggiore specializzazione in materia, tra nuovo e vecchio… Infatti, alle difficoltà di compiere scelte condivise, in virtù di preferenze ed esigenze che verosimilmente possono non coincidere tra

Anno V - n. 9 - MAGGIO 2009

i condomini, spesso si aggiungono dissapori derivanti da vicende di carattere pecuniario (non proprio sconosciute al diritto). Una situazione delicata si può verificare qualora alcuni condomini paghino le spese contratte dal condominio ed altri no. Che cosa succede? Il creditore contro chi potrà agire? Secondo le regole generali, in casi simili (c.d. obbligazioni solidali passive), ogni debitore ha l’obbligo di eseguire la prestazione per intero. Quindi, il debitore che adempirà avrà poi il diritto di agire (in regresso) nei confronti dei suoi condebitori, nel limite delle singole quote. E i condomini, in questi casi, dove si collocano? Sono condebitori qualsiasi? Cioè, si seguono le regole generali? Secondo la Corte di Cassazione, no! “Le responsabilità dei singoli partecipanti per le obbligazioni assunte dal condominio verso i terzi, contratte dall’amministratore in rappresentanza dei condomini spiega la Suprema Corte - sono governate dal criterio della parziarietà e non della solidarietà, sicché il singolo condomino risponde solo nei limiti della rispettiva quota e non dell’intero debito (S.U. 9148/08)”. Quindi, “io pago il mio, tu paghi il tuo…”.

85


86

Anno V - n. 9 - MAGGIO 2009


a cura di

Franco Napoleone Maître Sommelier

Le cantine del Cilento

A partire da questo numero di

“PaestumLife”, iniziamo un viaggio virtuale attraverso tutte le principali aziende vinicole cilentane cilentane, il cui obiettivo finale sarà quello di avere un quadro ben delineato di tutte (o quasi) le etichette prodotte nel nostro territorio. Il nostro tour parte da Rutino Rutino, antico borgo medioevale, situato alle porte del Cilento Cilento: qui è situata l’Azienda Vitivinicola “Alfonso Rotolo”. Rotolo” I vigneti sono ubicati ad un altitudine fra i 320 e i 500 metri sul livello del mare, tutti con ottima esposizione alla luce solare. L’azienda offre diverse tipologie di vini che ora andiamo ad analizzare: - Aglianico del Cilento doc doc, prodotto con uve aglianico al 100% con affinamento in bottiglia; - Urmi Paestum rosso igt igt, prodotto con uve aglianico e barbera; questo vino ha un processo di maturazione in rovere per 6 mesi;

- Fiano Paestum igt, igt prodotto con uve fiano 100% provenienti dal vigneto Fontanelle in Rutino; la lavorazione avviene in acciaio inox a temperatura controllata; - Valentina fiano Paestum igt, prodotto con uve fiano 100% provenienti dalla vigna San Rocco in Rutino; la fermentazione è in parte termocontrollata in acciaio inox e in parte in barriques; poco prima dell’imbottigliamento, le due parti vengono assemblate. Questo vino è talmente caro ad Alfonso Rotolo che lo ha voluto chiamare con lo stesso nome di sua figlia!; - Passula passito, passito prodotto con uve moscato e malvasia; le uve, raccolte ben mature, vengono appassite all’ombra fino a fine dicembre; la fermentazione avviene in piccole botti di rovere. Questo è un prodotto molto par-

Anno V - n. 9 - MAGGIO 2009

(I parte) ticolare, il classico vino da meditazione,che si abbina molto bene a pasticceria secca; - Respiro Aglianico del Cilento doc, doc prodotto con uve aglianico 100% provenienti dalla vigna S.Rocco in Rutino; le uve, raccolte in piccole casse, vengono selezionate accuratamente in vigna e subito avviate alla pigiatura. La vinificazione è tradizionale in rovere e la maturazione avviene in barriques nuove di rovere francese per 24 mesi con affinamento in bottiglia; - Il pluripremiato Respiro è il vero e proprio fiore all’occhiello dell’azienda: un vino importante per occasioni importanti! Vorrei consigliarvi, a tal proposito, un abbinamento un po’ bizzarro ma sicuramente gustoso: un calice di Respiro ed una tavoletta di cioccolato fondente… ai posteri l’ardua sentenza!

87


88

Anno V - n. 9 - MAGGIO 2009


a cura di

CD: LE NOVITÀ DEL MESE

Oreste Garofalo

DJ - SottoDisco

DEPECHE MODE Sounds of the Universe

MOGOL AUDIO 2 L’album

ARTISTI UNITI PER L’ABRUZZO Domani 21.04.2009

I Depeche Mode hanno raggiunto lo

Prima puntata della nuova impresa

Domani 21/04/2009 è stato registra-

status di classici della musica contemporanea: le loro canzoni si portano bene ogni anno e, soprattutto, riescono ad essere il collante trans-generazionale di un pubblico che era giovane quando si presentarono come alfieri del suono sintetizzato 30 anni fa e che è giovane anche oggi nonostante la differenza d’età che ormai lo divide da Martin Gore, Andrew Fletcher e Martin Gahn. 13 brani offerti con generosità contro tutte le mode più effimere ed evanescenti.

di Mogol, che pone la sua immagine di autore in prima persona accanto a quella dei due esecutori e compositori Audio2, nel firmare questo insolito album, autentica sorpresa della primavera italiana 2009. La collaudata impronta battistiana del duo non scompare nelle 10 tracce che compongono l’album, e i testi (“mogoliani DOC”, inevitabilmente) non riescono a esorcizzare il fantasma del menestrello di Poggio Bustone.

to in un solo giorno, il 21 aprile 2009, in un solo luogo, le Officine Meccaniche Recording Studios di Milano. Tutti gli artisti e le persone coinvolte hanno partecipato al progetto a titolo gratuito. Iniziativa autonoma nell’ambito della campagna “Salviamo l’arte in Abruzzo” attraverso la raccolta fondi promossa sul conto corrente: n° 95882221, IBAN: IT-85-X-0760103200-000095882221. CODICE BIC o SWIFT: BPPIITRRXXX - causale “Domani 21-04-09”.

a cura di

Fumare come un turco... Un po’ di tempo fa, leggendo un

articolo relativo al vizio del fumo, ho pensato alla classica frase: “Fumi come un turco!”. Preso dalla curiosità, ho cercato di scoprirne il motivo e l’origine. Si tratta di uno stereotipo, in verità, abbastanza fondato: infatti, la Turchia rappresenta uno dei Paesi con il maggior numero di fumatori al mondo, ai primi posti tra i produttori e gli esportatori di sigarette. Da tale nazione arriva il 4% della produzione mondiale di tabacco e ne viene esportata una quantità pari a circa 560 milioni di dollari ogni anno. Il vizio del fumo, inoltre, è stato sempre molto radicato nella società turca, tanto che, in passa-

to, lo status di una persona corrispondeva in maniera direttamente proporzionale alla lunghezza della sua pipa. Riguardo all’origine di questo stereotipo, probabilmente risale alla seconda metà del XVI secolo quando regnava il sultano Murad IV, estremamente severo nei confronti del consumo di caffè e tabacco, considerati alla stregua di pericolose droghe. I consumatori erano perseguiti duramente (una delle pene previste era il taglio del naso e perfino la decapitazione). Morto il Pascià oppressore, i turchi tornarono a fumare e, probabilmente, in reazione al divieto e alle pene subite, lo fecero anche in modo eccessiAnno V - n. 9 - MAGGIO 2009

Alfonso Fortino Dottore in Scienze Politiche

vo e da tale Paese si diffuse in tutta Europa. Tuttavia, negli ultimi anni, i turchi stanno perdendo il “primato” in questo campo: sembra, infatti, che i maggiori consumatori di tabacco al mondo siano i russi e i cinesi (63% di maschi adulti fumatori). Anche i giapponesi (53%) hanno “sorpassato” i turchi che, con il loro 51%, si trovano solo al quarto posto nella classifica mondiale. Inoltre, proprio in questi giorni, entrerà in vigore una legge che vieta il fumo nei luoghi pubblici che risulterà essere una delle legislazioni antifumo più rigide del mondo. Col passare del tempo, lo stereotipo del turco fumatore diverrà probabilmente obsoleto. 89


90

Anno V - n. 9 - MAGGIO 2009


a cura di

Paolo Del Basso

Medico, umorista

La Divina Tragedia (Parte VII) Con una manovra rapida e preci-

sa, da abile chirurgo, snidò con la punta del bisturi dalla mia barba incolta una zecca, regalo d’addio del mio cane fedele, unico e solo ad augurarmi buon viaggio. La navigazione procedeva regolare. Lo scafo blu solcava le onde con baldanza memore delle competizioni nelle acque del Tirreno con le motovedette della Guardia di Finanza; nel mare blu, senza una stella lassù, senza una luce quaggiù si riusciva fortunosamente a sfuggire ai pattugliatori libici. Improvvisamente, una brusca virata del pilota ci sbalzò e sotto coperta, l’uno sull’altro, trasalimmo impauriti allorché la prua della nostra imbarcazione cozzò violentemente contro una massa metallica a forma di enorme sigaro, con cannoncino a prua e torretta al centro. Sottomarino! I nostri scafisti impallidirono; noi eravamo già rassegnati a doverci arrendere alla polizia libica e dare così addio ai nostri sogni di gloria. Tre uomini, in tuta nera, puntando il mitra, salirono con un balzo sulla nostra imbarcazione; ci tranquillizzarono, in italiano perfetto, dichiarando di non essere a noi ostili ma solo volontari antilibici. I loro capi volevano parlarci o meglio ricevere sul sottomarino una delegazione di tre nostri rappresentanti. Naturalmente, per non smentire la ben consolidata statistica che su tre ita-

liani uno sicuramente deve essere napoletano, mi trovai a rappresentare una parte dei miei compagni. Scendemmo nel ventre dello scafo attraverso la torretta, guardati a vista da marines o marò vestiti di nero, con i denti bianchi, gli occhi azzurri e i capelli castani. Uno di loro ci avvertì con discrezione che i capi erano due, uno a poppa ed uno a prua, di identica estrazione, comune fede e obiettivo politico, ma completa incompatibilità personale. Percorremmo un lungo corridoio metallico zeppo di manometri, barometri, termometri ed infine anche un quadro a mezzo busto di Sofia Loren. “Adesso vi incontrerete con il nostro capo di poppa”, disse il sottocapo che, nel dire “capo”,

Anno V - n. 9 - MAGGIO 2009

intostò il collo sotto il capo in segno di rispetto. Superati alcuni siluri, una macchina per caffé espresso e un provolone Auricchio, al mio padiglione auricolare giunse il motivo di una canzone, parole e musica, vecchia conoscenza della mia infanzia “Tripoli bel suol d’amore…” e, mentre le note echeggiavano, comparve Alessandra, più agguerrita che mai ma che ben presto, notate le italiche sembianze, ci offrì un magnifico sorriso panoramico a na “tazzulella e cafè”. Ci esortò ad essere orgogliosi di essere italiani, memore dell’impero romano e di quello di suo nonno, e di organizzare in Libia la resistenza e che i dettagli operativi li avremmo ricevuti dall’altro capo, a prua. Salutandoci con affetto e simpatia, anche a nome di zia Sofia, ci misurò la pressione e, con un saluto mezzo romano e mezzo napoletano, ci congedò. Ripercorremmo a ritroso il sottomarino verso prua a passo spedito per raggiungere l’altro comando. Man mano che ci avvicinavamo ci giungeva all’olfatto un profumo di saltimbocca alla romana, coda alla vaccinara e agnello a scottadito, mentre all’udito una canzoncina rinverdiva i miei ricordi di figlio della lupa “faccetta nera, bella abissina..”. E così entrammo nella stanza del secondo capo… (continua

nel

prossimo

numero numero))

91


92

Anno V - n. 9 - MAGGIO 2009


I 9 Punti Chiave della filosofia di Louise Hay Questo mese, nel completare la conoscenza dei nove Punti chiave, scopriamo anche le potenzialità dei Punti 7, 8, 9, ricordandoci sempre che: l’Essere Umano è frutto dell’Universo e ne esprime l’unità di coscienza e la molteplicità delle dimensioni e dei livelli. 7) IL PERDONO APRE LA VIA ALL’AMORE L’Amore è l’obiettivo. L’Amore Incondizionato. Come ci arriviamo? Attraverso la porta del Perdono. Il perdono è come gli strati di una cipolla. Qualche volta è meglio cominciare con il perdonare le persone che sono più facili da perdonare, muovendosi verso dolori sempre maggiori man mano che diveniamo più esperti in questo processo. E così possiamo “sfogliare” i dolori uno ad uno fino a che non arriviamo ad un livello più profondo di comprensione. Troveremo l’Amore ad aspettarci. Amore e Perdono vanno mano nella mano. 8) L’AMORE È... LA PIÙ POTENTE FORZA DI GUARIGIONE CHE C’È L’Amore stimola il nostro sistema immunitario. Noi non possiamo guarire, o diventare interi, in un’atmosfera di odio. E mentre impariamo ad amare noi stessi diventiamo potenti. L’Amore ci aiuta a passare da vittime a vincitori. Il nostro Amore per noi stessi ci attrae verso quello di cui abbiamo

bisogno per il nostro cammino di guarigione. Le persone che si sentono a posto con se stesse sono attraenti naturalmente.

e mi sento privilegiata di vivere in esso. Amo tutta questa energia. Se riesci a far tue queste semplici conoscenze, tuoi diverranno...

9) SEMPLICEMENTE DECIDETE DI VOLERE Non è necessario aspettare di sapere come fare tutte queste cose. Tutto quello che dobbiamo fare è volerle fare. Perché i nostri pensieri sono creativi. Se avete un pensiero, “Io voglio cominciare a rilasciare il giudizio, o a perdonare, o ad amare me stesso”, voi state mandando quel messaggio nell’Universo. E nel ripeterlo ancora e ancora, mettete in moto le Leggi dell’Attrazione. Nuove strade si dispiegheranno per aiutarvi. L’Universo vi ama ed è lì pronto ad aiutarvi a manifestare qualunque cosa voi decidiate di credere e di pensare. Sii veramente desideroso di avere una buona vita, e... cerca di far tue queste semplici parole che seguono

I 13 PRINCIPI REGOLATORI 1. Conosci te stesso 2. Conosci la tua Via (e la tua Arte) 3. Impara 4. Applica la conoscenza con saggezza 5. Raggiungi l’equilibrio 6. Tieni le parole in buon ordine 7. Tieni i tuoi pensieri in ordine 8. Celebra la vita 9. Armonizzati coi cicli della Terra 10. Respira e mangia correttamente 11. Esercita il corpo 12. Medita 13. Onora l’Essenza Divina

Nella infinità della vita in cui mi trovo, tutto è perfetto, pieno, completo. È proprio vero che la salute totale e’ lo stato naturale del mio Essere. Rinuncio con consapevolezza a tutti quei meccanismi mentali dentro di me che potrebbero manifestarsi e portare malattia. Amo e accetto me stessa. Amo ed accetto il mio corpo. Gli do da mangiare cibo e bevande nutrienti. Lo esercito in modi divertenti. So che il mio corpo è un macchinario straordinario ed incredibile, Anno V - n. 9 - MAGGIO 2009

Riflessioni (da Louis Hay) Cari Amici, vogliamo anche ricordarvi che presso l’A.N.T.E.O. “Nuova Era” si tengono Corsi e Consulenze di ReiKi “Energia Universale”. “Io credo che esista un’Essere Supremo, l’Infinito Assoluto, una Forza che governa il mondo e l’universo, un Potere Spirituale Invisibile dinanzi al quale tutti gli altri poteri appassiscono nella loro insignificanza. Questo Potere è incomprensibile per l’uomo. Inimmaginabile, non misurabile, è la Forza Universale della Vita, da cui ogni singolo essere riceve continue benedizioni. Io chiamerò questa Energia REIKI”. 93


94

Anno V - n. 9 - MAGGIO 2009


a cura di

L’importanza di bere acqua Arriva l’estate, il sudore aumenta e le gole si seccano. A tal proposito, desidero ricordarvi l’importanza del bere acqua. L’acqua è fondamentale per l’organismo: è, infatti, il mezzo attraverso il quale si svolgono tutte le reazioni metaboliche; interviene nei processsi digestivi, nella regolazione della pressione osmotica, nel trasporto delle sostanze nutritive e nel mantenimento della temperatura corporea.

Quando l’acqua introdotta e formatasi nell’organismo equivale a quella eliminata (urine, sudore, respirazione e traspirazione) l’individuo è in equilibrio idrico. L’acqua è il nostro costituente fondamentale: nell’organismo umano adulto è presente in una quantità pari al 60% del peso corporeo. Bere abbondantemente aiuta a mantenere la pelle ben idratata, giovane ed elastica, soprattutto nei mesi estivi,

Maria Rosaria De Mata Istruttrice di Fitness

quando l’esposizione ai raggi del sole comporta una maggior perdita di liquidi. La giusta quantità d’acqua permette al cervello di controllare correttamente i meccanismi di termoregolazione corporei. La mancanza d’acqua, invece, genera scompensi come: crampi, spossatezza e mancamenti nei casi di disidratazione più gravi. L’organismo necessita di almeno due litri d���acqua al giorno.

a cura di

In arrivo l’iPhone OS 3.0 (segue dal numero precedente)

...IInoltre, sono state introdotte nuove Applicazioni Native. - Voice Memo: per registrare note vocali e suoni; - Inviare e ricevere file: ci sarà una nuova applicazione per scambiare file tra iPhone e iPod Touch; - Peer to Peer: utilizzando il bluetooth, i dispositivi potranno trovarsi tra di loro e far partire una comunicazione WiFi, senza però necessitare di una rete WLAN locale (vuol dire che due dispositivi potranno comunicare tra loro senza Internet, l’era dei giochi multiplayer ha inizio...); - Controllo remoto sui brani: con due dispositivi collegati tra loro, si riuscirà a navigare nell’applica-

zione iPod del secondo dispositivo, vedendo tutte le canzoni a disposizione Aggiunte circa 1000 nuove API. Ma la novità più grande potrebbe essere la possibilità di visualizzare elementi in Flash su Safari. Su questo argomento, Apple ha dichiarato che c’è ancora da lavorare. Ma, in compenso, hanno spiegato che il maggior utilizzo del Flash è dettato dall’uso di Player Video e di banner pubblicitari. Per entrambi, sono stati adottati nuovi standard di conversione video, e quindi, automaticamente, dovremmo riuscire a vedere sia i banner che i video online all’interno di Safari stesso. Infine, vi saranno tante altre novità come la possibilità di creare account iTunes diretta-

Anno V - n. 9 - MAGGIO 2009

Ivan De Rosa Laureando in Informatica

mente dall’iPhone, la possibilità di votare i video YouTube YouTube, eseguire il Login con il proprio account YouTube e Sottoscriversi ai video; Call Log, Log ovvero la possibilità di avere maggiori informazioni dalle chiamate perse, ricevute ed effettuate, si potrà creare meetings per comunicare in gruppo e tanto altro ancora. Che dire, la Apple ci stupirà con il suo nuovo firmware e consentirà il salto di qualità che tanti auspicano, unendo in modo efficace le funzionalità del telefono e quelle del pc. Ovviamente, il firmware 3.0 è in versione beta1 beta1, quindi non scaricabile al momento e lo stesso sarà modificato più volte fino ad arrivare al suo rilascio definitivo che avverrà in estate.

95


96

Anno V - n. 9 - MAGGIO 2009


Benvenuta GELSOMINA

Benvenuta ADELE SOFIA L’11 aprile 2009, a South Bend (Usa) ha dischiuso il suo sorriso sul mondo la piccola Adele Sofia Ciao Carnes, per la gioia di papà Trevis, mamma Serena, dei nonni Angelo Ciao e Adele De Rosa, degli zii e parenti tutti. Augurissimi dalla Redazione di PaestumLife!

Auguri HANNALISE Il 26 aprile ‘09, la dolcissima Hannalise Petillo ha compiuto 1 anno. Auguri da mamma Angela, papà Vincenzo, parenti, amici e dalla nostra Redazione!

L’8 marzo 2009, ha spalancato i suoi occhi sul mondo la piccola Gelsomina Paolantonio per la gioia di papà Antonio, mamma Carmen Alfano, dei nonni Vincenzo e Gelsomina, Raffaele e Lina, degli zii Michele, Alfonso e Anna. Augurissimi dalla Redazione di PaestumLife!

Auguri ISABELLA Il 15 maggio 2009, la tenera Isabella Grippo ha compiuto 1 anno. Auguri da papà Roberto, mamma Stefanie Scorzelli, dai nonni Giovanni e Sabine, Giovanni e Teresa, dagli zii Mario e Sonia, parenti, amici e dalla nostra Redazione!

I campioni di ballo LA PERLA DEL DRAGO & ROLAND’S SCHOOL Ancora successi per gli allievi delle scuole di ballo “La Perla del Drago” e “Roland’s School” di Capaccio. Al campionato regionale FIDS, le coppie Silvia Desiderio-Marco Maiellaro e Ilaria Santalucia-Fausto Mondelli si sono classificate prime (cat. B3) nel liscio unificato, balli caraibici e latino americani. Buona prova anche della coppia Francesca Maiellaro-Luigi Salerno, piazzatasi al 5° posto (cat. C3).

Anno V - n. 9 - MAGGIO 2009

Auguri FEDERICA PIA Il 15 aprile 2009, la piccola Federica Pia Guadagno ha festaggiato il suo 1° compleanno, per la gioia di papà Lino e mamma Caterina. Augurissimi da parenti e amici, uniti a quelli della nostra Redazione!

Auguri DANIELA Il 15 maggio ‘09, la bellissima Daniela Desiderio ha compiuto 15 anni. Augurissimi dai familiari, parenti, amici e dalla nostra Redazione!

Auguri ANGELO Terzo anno di attività De Cesare Parrucchieri Il 17 maggio 2009, il grande Angelo De Cesare compie 25 anni! Per lui, gli auguri di papà Gaetano, mamma Anna, nonna Gilda, del fratello Antonio e di Cristina, e della fidanzata Lucia. Auguri anche da tutto lo staff del salone De Cesare Parrucchieri, che il 9 aprile scorso ha celebrato il 3° anno di attività. Auguri e complimenti anche dalla nostra Redazione!

97


a cura di

Maurizio Di Spirito

Esperto Lotto

98

Anno V - n. 9 - MAGGIO 2009


Anno V - n. 9 - MAGGIO 2009


Anno V - n. 9 - MAGGIO 2009


CDC - PaestumLife - Maggio 2009