Page 1

Mercoledì 12 novembre 2008

Torneo amatoriale di calcio a 5 - Palacalcetto Progna - Ripalimosani

E’ l’Atalanta la quinta forza del campionato Era molto attesa l’undicesima giornata poiché erano in programma gli scontri al vertice tra le prime quattro: l’Inter capolista contro la Juve seconda e l’altra seconda, la Samp, contro la Roma terza. Perplessità e sorpresa per una Juve che ha deluso le aspettative subendo da parte dell’Inter la stessa tipologia di partita che l’aveva contraddistinta in tante gare impostate sul gioco collettivo con ripartenze veloci e letali. Nel complesso Progna e compagni sono stati superiori, ben disposti in campo, controllo dell’incontro nelle sue fasi e con le sostituzioni giuste al momento giusto, come l’ingresso di Langianese autore di tre reti. Ai bianconeri solo qualche sterile iniziativa, incapaci di reagire, contratti e quasi timorosi, che hanno potuto accorciare solo nel finale su due identici calci piazzati. Big match dalle mille emozioni, quello disputato tra Roma e Samp. Partita molto tirata, veloce e senza esclusione di colpi, contraddistinta da vigore fisico e ottima preparazione atletica con i giocatori che non si sono risparmiati nell’arco di tutta la partita e col risultato incerto fino al fischio finale. I blucerchiati sfruttano al meglio sia le solite accelerazioni e gli assist di Berardini, sia le irruenti azioni di sfondamento verso la porta avversaria. Primo tempo chiuso in parità sul 2 a 2 con la Roma che concretizza però solo su punizione. Nel secondo, acquisito il doppio vantaggio, la squadra di mister Novellino si difende con decisione e accanimento mettendo spesso in difficoltà in contropiede gli avversari. La squadra di mister Miniello, che si è dannato l’anima per tutto l’incontro, esce a testa alta ma con molto rammarico, consapevole dell’occasione persa. Da elogiare Ciarlariello, ultimo a mollare ed autore di due reti, così come i due portieri, soprattutto quello della Roma, che hanno evitato segnature che sembravano già realizzate. Quinta forza del campionato l’Atalanta che consolida la sua posizione vincendo col Palermo che probabilmente ha molto da recriminare contro la malasorte, avendo colpito spesso i sostegni della porta avversaria e avendo giocato alla pari almeno nel primo tempo, poi le solite incertezze ed un calo fisico hanno permesso agli avversari, bravi nel gestire incontro e parziale, di vincere comunque con merito. Un Napoli ormai a fasi alterne perde col Cagliari. Nel primo tempo la squadra di mister Di Tota fa gioco e chiude in vantaggio proprio allo scadere. Nel secondo la compagine di Di Geronimo le tenta tutte ma i tentativi a rete vengono sventati dal portiere avversario. Improvviso uno-due dei rossoblu con pareggio e sorpasso: la partita fino allora non bella e nè veloce, si accende e diventa avvincente ma a nulla servono i tentativi di Cartoccio, tornato al goal, e compagni di raggiungere la parità. Sofferta vittoria di un buon Bologna nell’incontro con la solita Fiorentina che delude puntualmente nel finale di gara. Primo tempo meglio la squadra di mister Alfonso, Viola con le redini del gioco nel secondo ma che non approfittano di un calciatore avversario in porta al posto del titolare espulso: Giuseppe Alfonso si è rivelato un’autentica sorpresa come portiere. I giocatori di Di Toro buttano

Atalanta Palermo

31

9 4

Arbitro: Griguolo ATALANTA: Avorgna, Di Niso, Timo, De Marco, Pacitti, Barbiero, Marcellino, Tullo, Pasqualone, Perris, D’Elisiis, Di Palma. RETI: Pacitti (3), Di Niso (2), Pasqualone (2), Marcellino, autorete. PALERMO: Supino, D’Alessandro, Silvaroli D., Petrecca, Paolone A., Paolone F., Calabrese, Di Cillo, Paolone D., Silvaroli A., D’Onofrio, Trivisonno, Ricciardella. RETI: Paolone A. (2), Paolone F., Paolone D.

Bologna Fiorentina

4 3

Arbitro: Griguolo BOLOGNA: Corbo, Alfonso G., D’Ambrosio, Di Vico, Alfonso A., Romano, Scauzilli, Barisciano, Iammarone, De Oto, Iaverone, Mandrone, Romani. RETI: Romano, Alfonso G., Iaverone, Di Vico. FIORENTINA: Silvaroli, Levratti, Pasqualone, Di Claudio, Di Gioia, Cirenei, Scoccimarra, Castellano, Grasso, Passarella, Colitti, Pinelli, Luisi. RETI: Levratti, Scoccimarra, Pinelli.

Cagliari Napoli

3 2

Arbitro: Mitri CAGLIARI: Cerviero, Colavita F., Colavita M., Colavita N., Colucci, De Rita, Massari, Palmieri, Pasquale, Tartaglia A., Tartaglia F., Testa F., Testa L.. RETI: Massari (2), Tartaglia F. NAPOLI: Di Tota, Commisso, Di Maria, Mastrovita, Pascale, De Nigris, Evangelista, Cartoccio, Di Tommaso, Zicchillo. RETI: Carticcio, Di Tommaso.

L’Atalanta

Nei big match l’Inter supera la Juventus e la Sampdoria batte la Roma Lecce scatenato: ne fa 12 alla Reggina via un’altra partita favorendo la vittoria degli avversari a pochi minuti dalla fine. ‘Mea culpa’ del Genoa nella sconfitta con la Lazio, in una partita non esaltante e equilibrata dove per poco più di un tempo, ringraziando anche le parate del proprio estremo difensore De Cesare, sembra destinato alla vittoria. Ma Baranello autore di una tripletta e la tenacia che ormai la contraddistingue portano la squadra di mister Colarocchio a superare gli avversari di slancio e a colpire definitivamente in contropiede il team di mister Marino tutto proteso alla ricerca del pareggio. Fondamentali gli interventi del portiere della Lazio Palange nel finale di gara. Con un primo tempo veramente brutto ed inconcludente, sbagliando tutto quello che c’è da sbagliare soprattutto sotto rete avversaria, il Milan pregiudica la sua gara contro il Chievo, ben messo in campo, e chiudendo il primo tempo sotto di 4 reti. Più deciso e concreto nella ripresa accorciando le distanze e tentando un insperato recupero, ma esponendosi alle ripartenze dei ragazzi di Ripalimosani a cui bastava difendere con ordine l’ampio margine già acquisito nella prima frazione per portare a casa i tre punti. Risultato condizionato dall’inferiorità numerica per tutta la partita, quello tra il Lecce e la Reggina che ha affrontato l’incontro solo con quattro calciatori disponibili. La compagine di mister Perrella ha comunque onorato l’impegno e quello di mister Fagnano non ha preso sotto gamba gli avversari chiudendo l’incontro per 12 a 1 con Tullio Fagnano autore di cinque reti. Partita non esaltante e tecnicamente povera quella tra l’Udinese ed il deludente Catania, senza idee e mordente. Dopo un primo tempo veramente scialbo chiuso sull’1 a 0 per i bianconeri, quest’ultimi nella ripresa allungano fino al 3 a 0. Improvvisamente il Catania torna in partita giungendo ad un pareggio sofferto ed insperato grazie anche ad uno stato confusionale incomprensibile degli avversari. Ma il tutto viene vanificato da un

Centro Nazionale Sportivo Libertas Via Po’, n. 22 - 00198 Roma tel. 06.8840527 - fax. 06.8840696 www.libertasnazionale.it Gruppo arbitri Libertas Molise Centro Regionale Sportivo Libertas Molise e-mail: libertasmolise@libero.it

Classifica

Inter Juventus

4 2

Arbitro: Griguolo INTER: Caruso, Cornacchione, Eliseo, D’Alessandro, Progna, Piccirilli, Di Niro, Fiorilli, Langianese, Errico, Apicella, Bentivoglio. RETI: Langianese (3), Progna. JUVENTUS: Marino, Capuano, Sanginario, Reale, Giarrusso, Varriano, Maselli, Di Lallo, Sassi, Cavalieri, De Santis, Brunetti, Di Toro. RETI: Capuano, Maselli.

Lazio Genoa

6 4

Arbitro: Griguolo LAZIO: Palange, Di Pasquale, Pagliani, Priano, Colarocchio, Abate, Fierro, Baranello, Fiore, Prigioniero, Fusaro. RETI: Baranello (3), Abate (2), Fusaro. GENOA: De Cesare, Del Monaco, De Francesco, Di Lallo, Marino, Galoppo, Calcutta, Petrilli, Lo Presti, Dispensa, Carpintieri. RETI: Dispensa (2), Di Lallo, Marino.

Milan Chievo

3 5

Arbitro: Miozza MILAN: Presutti M., Presutti A., Matteo, Di Lallo, Lattanzio, Lommano, Vena, Silvaroli, Trivisonno, Paolini, Theodosakis, Antino. RETI: Trivisonno (2), Theodosakis. CHIEVO: Zeolla, Tocci, Miniello, Storto, Lanese, Chiocchio, Vitantonio, Masiello, Marinelli, Mandato, Trivisonno. RETI: Lanese (2), Vitantonio (2), Miniello.

Reggina Lecce

1 12

Arbitro: Miozza

Prossimo turno 12^ giornata

REGGINA: Corvinelli, Perrella, De Socio, Mazzarino, Di Cillo, Brunetti, Vitarelli, Agosto, Valente, Di Iorio, Markaj, Prljaska, Nikaj. RETI: Perrella. LECCE: Micatrotta, Graziano, Izzo, Barrasso, Credigo, Fagnano T., De Rubertis, Messore, Fagnano M., Presutti. RETI: Fagnano T. (5), Barrasso (4), Fagnano M. (2), autorete.

Roma Sampdoria

4 5

Arbitro: Miozza ROMA: Civico, Campanella, Armanetti, Romano, Santoro, Rapi, Piscopo, Cianciulli, Ciarlariello, Caradonio, Passarelli. RETI: Ciarlariello (2), Armanetti, Caradonio. SAMPDORIA: Ibero, Di Criscio, D’Amico, Marinelli, Berardini, Piacci, Impalà, Di Vico, Palladino, De Santis, Trivisonno, Iagnemma, Cavallo. RETI: Di Vico, D’Amico, Piacci, Berardini, Impalà.

colossale ed incredibile errore del portiere su una palla innoqua e per nulla pericolosa, che consente la vittoria all’Udinese per 4 a 3. Partita divertente che non ha rispecchiato la posizione in classifica quella del recupero di lunedì valido per l’ottava giornata. Una sorprendente e caparbia Reggina pareggia per otto a otto contro una

deludente Atalanta. Unica consolazione per i nerazzurri è la conquista della testa della classifica marcatori da parte di Pacitti. Dal 16 al 30 novembre aprirà il calcio mercato, si potranno inserire nuovi calciatori per chi non avesse la lista completa e sostituirne al massimo tre di quelli già in organico. livio

Udinese Catania

4 3

Arbitro: Miozza UDINESE: Lombardi, Palladino, Trivisonno, Setaro, Mastroiacovo Dam., Mastroiacovo Dan., Foligno, Piccolomo, Ciaramella. RETI: Piccolomo, Setaro, Mastroiacovo Dan., Foligno CATANIA: Cicchella M., De Lucrezia, Lanese, Fiammelli, Cicchella A., Impalà, Liberatore, De Santis, Lombardi, Marracino, Carnevale, Di Iorio. RETI: Lanese, Cicchella A., Marracino.

Undicesima giornata  

Undicesima giornata di campionato in PDF

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you