Issuu on Google+

Manuale per il Cliente Relaxbanking Versione Impresa informativa / dispositiva Note Applicative

Sommario Accesso .........................................................................................................................................................2 Funzioni informative....................................................................................................................................7 Gestione anagrafica ..................................................................................................................................11 Disposizioni.................................................................................................................................................14 Distinte ........................................................................................................................................................19 Disposizioni occasionali.............................................................................................................................25 Effetti ed esiti incassi ................................................................................................................................29 Bonifico Estero ...........................................................................................................................................32 Bollettino Freccia .......................................................................................................................................36 F24...............................................................................................................................................................48 Check POS ..................................................................................................................................................62 Info Impresa ..............................................................................................................................................67

1


Accesso Per utilizzare tutte le funzionalità informative e dispositive previste dai servizi RelaxBanking, è necessario disporre di un personal computer con un sistema operativo Windows (95, 98, ME, NT, 2000, XP) o Mac (OS 9) e browser Internet Explorer (versione 5.5 e successive) o Netscape (versione 4.7), oltre che di un accesso ad internet. Digitare, tramite la busta sigillata consegnata dall’agenzia, i codici di sicurezza nel campo Username con l’accortezza di digitare la lettera in maiuscolo e la relativa password a cinque cifre sul campo Password:

In prima istanza, quando viene rilasciata l’utenza dalla Banca, il codice utente oper è abilitato a tutte le funzioni del servizio Impresa, successivamente sarà possibile modificarne le caratteristiche tramite l’utente super, oppure, sempre tramite l’utenze super, definire dei nuovi operatori con vari livelli di personalizzazione. I campi username e password rimarranno già valorizzati.

Nota bene: l’utenza del cliente viene bloccata dopo 5 tentativi di inserimento della password. I tentativi non vengono azzerati nel caso in cui venga chiuso il browser ma solo digitando una password corretta. Il messaggio d’errore visualizzato dal cliente sarà il seguente:

Nota bene: la funzione di sblocco E’ DI ESCLUSIVA COMPETENZA DELLA BANCA PROPONENTE e ripristina le normali condizioni di accesso alla procedura, mantenendo la password variata a seguito del primo accesso al servizio.

2


Al termine dell’autenticazione, sarà presentata una toolbar contenente tutti i pulsanti dei servizi disponibili con l’evidenza di quelli cui è stato abilitato dalla Banca. La toolbar è composta di tre sezioni principali:

Area servizi - E’ composta dall’insieme dei pulsanti grafici posti nella parte alta della toolbar. In lei sono presenti tutti i pulsanti dei servizi disponibili con l’evidenza di quelli ai quali il cliente è stato abilitato.

Area utilità - In quest’area sono presenti le seguenti funzioni: ™ Area messaggi – contiene tutti i messaggi della Banca alla clientela, ordinati per data e priorità. In testa alla finestra si trovano anche i dati riguardanti l’utente collegato e le statistiche dei suoi ultimi accessi

™ Help – finestra contenente le informazioni sulle funzioni d’utilità, sulle regole d’apertura dei servizi e sul

semaforo di controllo per la scadenza delle sessioni. Posizionando il cursore del mouse su una delle tre aree saranno visualizzate le informazioni necessarie all’uso della toolbar ™ Profilo utente – funzione che richiama la pagina di servizio dell’utente collegato, dalla quale si potranno controllare i propri dati, modificare la password di collegamento ™ Uscita – disconnette l’utente dalla sessione chiudendo tutte le finestre dei servizi attivati.

Semaforo di controllo sezione - Il semaforo

è l’elemento grafico che controlla il tempo d’inattività della sessione di lavoro. Qualora nessun servizio della toolbar sia utilizzato per più di 12 minuti il semaforo passerà da verde a giallo e, dopo ulteriori otto minuti d’inattività, diventerà rosso: sarà necessario, a questo punto, rieseguire le operazioni di login della propria utenza.

Nota bene: l'aggiornamento Windows XP Service Pack 2 prevede un livello di sicurezza particolarmente alto che blocca la visualizzazione delle pagine internet che hanno caratteristiche similari ai POP-UP pubblicitari. La finestra di accesso al servizio o il successivo menù servizi, rispondono a questa casistica. Per ovviare all'inconveniente, bisogna compiere delle operazioni di configurazione di Internet Explorer. Il percorso corretto è, dalla barra del menù del browser: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. 8.

"Strumenti" "Blocco popup" “Impostazioni blocco POP-UP” inserire l’indirizzo www.isideonline.it nel campo descrizione “Indirizzo del sito web da cui consentire i POP-UP” “Aggiungi” ripetere l’inserimento per l’indirizzo www.relaxbanking.it “Aggiungi” “Chiudi”

E’ stata data la possibilità di definire un Nickname per l’accesso al servizio Relaxbanking, in sostituzione del codice utente. Per effettuare l'inserimento o la modifica del proprio Nickname è necessario premere il pulsante Profilo Utente nel Menù Servizi a seguito dell’accesso al servizio Relaxbanking.

3


Si aprirĂ  la pagina riepilogativa di fianco riportata, dove vengono visualizzati i dati del cliente con la tipologia di utenza assegnata ed eventuali servizi aggiuntivi.

Premendo sul bottone di fianco alla nuova voce Nickname appare la pagina di fianco riportata con l’help per la relativa definizione.

Cliccando sul bottone Modifica, si aprirĂ  la pagina di fianco riportata.

4


Le regole di codifica del Nickname sono le seguenti: • può contenere sia lettere che numeri • deve essere di lunghezza compresa tre i 5 ed i 14 caratteri • non deve essere utilizzato da un altro cliente. I dati modificabili sono i seguenti: • Numero telefonico • Fax • Indirizzo Email • Nickname (nel caso di presenza del nickname inserito, viene segnalato)

NOTA BENE: attualmente, il campo Codice IVR, non è valido. Anche se valorizzato, non sarà utilizzato. Una volta confermato l’inserimento con il bottone Conferma, viene proposta la pagina di riepilogo.

Rammentiamo la possibilità, sempre da questa pagina, di effettuare il Cambio Password, premendo sull’apposito bottone nella parte superiore della pagina stessa. Per effettuare il reset del codice RelaxBanking, cliccare, nel campo Tipo password, di fianco alla relativa voce, digitare la Vecchia password, la Nuova Password e la Conferma Password. Premere il pulsante Conferma.

5


Per entrare nell’On Line Banking utilizzando il nickname precedentemente impostato, inserirne il valore nel campo Codice Utente o Nickname della pagina di accesso al servizio.

Per le utenza di tipo Impresa, ogni operatore può definire il proprio nickname sempre tramite l’apposita funzione nella maschera Profilo utente. Questo andrà a sostituire totalmente l’accesso con Codice Utente, Operatore e Password: nella pagina di accesso sarà sufficiente inserire il Nickname e la relativa Password e non sarà più richiesto di inserire anche il campo Operatore.

6


Funzioni informative Per le utenze Impresa, selezionando una società e un conto corrente è visualizzato il saldo del conto selezionato, con la possibilità di effettuare altre funzioni informative dai menù a tendina saldo e movimenti e altre informazioni su c/c: Selezionando uno dei conti correnti abilitati ad operare tramite Internet, la schermata principale mostra il riepilogo della situazione contabile a lui collegata:

La sezione Saldo e movimenti contiene funzioni informative relative alle varie tipologie di saldo e funzioni di ricerca/visualizzazione movimenti. La sezione Altre informazioni su c/c presenta altre informazioni aggiuntive: situazione deleghe situazione assegni condizioni di conto corrente (a discrezione della Banca) E/C in PDF Il menù a tendina Saldo e movimenti contiene le seguenti funzioni di interrogazione del conto corrente: saldi saldi per valuta saldi per data contabile ricerca movimenti ultimi 10 movimenti ultimi 40 movimenti export movimenti.

7


La funzione Saldi visualizza il saldo contabile, liquido e disponibile. Nel caso in cui sia selezionato un conto corrente relativo ad una banca passiva, le informazioni relative al saldo disponibile non sono presenti perché non vengono veicolate dal sistema.

La funzione Saldi per valuta permette di raggruppare tutti i movimenti per data valuta: partendo dall’ultima data valuta disponibile viene generata una riga per ogni giornata.

Cliccando sulla sferetta presente sulla sinistra d’ogni riga, è possibile visualizzare e stampare il dettaglio di quella giornata di valuta ordinato per data contabile.

La funzione Saldi per data contabile permette di raggruppare tutti i movimenti per data contabile: partendo dall’ultima data contabile disponibile è generata una riga per ogni giornata. Cliccando sulla sferetta presente sulla sinistra d’ogni riga, è possibile visualizzare e stampare il dettaglio di quella giornata ordinato per data contabile, così come già esposto per la funzione Saldi per valuta.

8


La funzione Somme disponibili e indisponibili, permette di consultare la situazione generale del conto corrente con tutte le informazioni relative a disponibilità, indisponibilità e fidi concessi dalla banca: Tale funzione, nel servizio Relaxbanking, è presente solo sui conti correnti accesi sulla Banca proponente il servizio poiché le suddette informazioni non sono previste nell’area informativa del C.B.I. (Corporate Banking Interbancario). La funzione Ricerca movimenti consente di visualizzare movimenti particolari che rispondono alle caratteristiche specificate nella ricerca. E’ possibile scegliere: di ricerca”: ƒ un “Periodo selezionando un determinato periodo movimento”: ƒ un “Tipo scegliendo fra “tutti”, “credito”, “debito” (se non viene selezionata l’opzione li ricerca tutti) ƒ una “Causale movimento”: lista causali ABI (se non viene selezionata l’opzione li ricerca tutti) ƒ un “Ordine visualizzazione”: data contabile, data valuta, importo, descrizione (se non viene selezionata l’opzione imposta come default la data contabile). Selezionando il box in corrispondenza della voce Saldi iniziale e finale, si otterrà, per il periodo selezionato, il saldo di inizio ed il saldo finale. Il Saldo fine periodo è ovviamente uguale al saldo contabile riportato nella parte alta della pagina dei movimenti solo nel caso che il periodo finale coincida con quello di ultimo aggiornamento (o che non vi siano movimenti tra le due date). Qualora l’ordine di visualizzazione dei movimenti sia impostato per Data crescente, sarà proposto prima il Saldo inizio periodo ed alla fine il Saldo fine periodo. Si noti che, in base alle condizioni selezionate, è possibile che non tutti i movimenti del periodo debbano essere visualizzati: i saldi di inizio e fine periodo, comunque, tengono conto in ogni caso di tutti i movimenti aventi data contabile all’interno del periodo selezionato. I saldi di inizio e fine periodo vengono visualizzati solo se, in base alle condizioni selezionate, vi è almeno un movimento nel periodo prescelto. Dopo aver impostato un filtro di ricerca o selezionando direttamente la scelta Ultimi 10 movimenti (oppure Ultimi 40 movimenti), appare la maschera che riporta la lista dei movimenti richiesti. 9


Nel caso in cui la descrizione del movimento sia piuttosto estesa, è possibile chiedere il dettaglio, cliccando sulla data presente nella colonna Data operazione. Tale operazione visualizza la maschera di dettaglio movimento. I movimenti d’importo negativo sono evidenziati in rosso. L’importo del movimento è sempre espresso nella divisa del conto e qualora le due divise non coincidano, è indicato anche la divisa e l’importo originale. Cliccando su stampa si ottiene un report con la lista dei movimenti visualizzati. La funzione Export movimenti permette di salvare i movimenti in un file su disco in formato txt (plain text formatted) o C.B.I. (Corporate Banking Interbancario).

Dopo aver cliccato sull’immagine rappresentante il tipo di export, è visualizzata la maschera di esportazione. Cliccando sull’immagine Export completo si avvia l’esportazione di tutti i movimenti fino al giorno precedente (ovvero quelli consolidati): qualora siano già state effettuate esportazioni precedenti è possibile riprendere l’export dal precedente (export incrementale). La sezione Altre informazioni su C/C propone le voci riportate nell’immagine di fianco. Tali informazioni sono presenti solo sui conti correnti accesi sulla Banca proponente, poiché le suddette informazioni non sono previste nell’area informativa del C.B.I. (Corporate Banking Interbancario). La funzione Situazione Deleghe permette di visualizzare la lista dei nominativi delegati ed il relativo tipo di delega:

La funzione Situazione assegni visualizza la lista degli assegni dei carnet emessi sul conto corrente selezionato. Per ogni carnet è indicato la data d’emissione, il numero del 1° assegno (numero carnet) e una sfera a fronte d’ogni assegno presente in carnet: il colore della sfera indica lo stato dell’assegno come riportato nella legenda (giallo = annullato, rosa = bloccato, blu = pagato, verde = emesso). Cliccando sulla sfera di un assegno pagato appare il dettaglio del movimento di conto corrente generato dall’emissione dell’assegno.

10


La funzione Condizioni di c/c permette di visualizzare le condizioni di conto corrente attuali. Nella maschera è visualizzato la lista delle condizioni alla data di riferimento indicata. Le condizioni di conto corrente sono suddivise in tassi e altre condizioni, come spesso è riportato nell’estratto conto periodico delle banche.

Gestione anagrafica Selezionando Gestione anagrafica appare la lista delle funzioni disponibili: • • • • • •

Ricerca: per cercare e modificare le anagrafiche di clienti, dipendenti, fornitori e fornitori esteri Inserimento: per inserire tutte le tipologie di anagrafiche ed i conti associati Associa Anagrafica: per associare alla società corrente anagrafiche censite da altre società Dissocia Anagrafica: per dissociare alla società corrente anagrafiche censite da altre società Carica Anagrafica: per caricare un file contenente anagrafiche di clienti, fornitori o dipendenti in un particolare tracciato. Banche Estere: per inserire le banche estere che sono poi selezionabili nella scelta del conto quando si censisce/modifica un fornitore estero

La funzione Ricerca permette di visualizzare le anagrafiche inserite selezionando il Tipo Anagrafica (cliente, dipendente, fornitore, fornitore estero) ed eventualmente è possibile raffinare la ricerca inserendo ulteriori dati nei campi visualizzati (Codice Nome, Intestazione, Cod.fiscale/P.IVA, codice SIA, Conto), permette di inserire una nuova anagrafica, oppure, selezionandone una dalla lista, modificarla, eliminarla e visualizzarne il dettaglio, premendo sul relativo bottone. Selezionando un’anagrafica precedentemente inserita è possibile modificarla cliccando sulla relativa intestazione, eliminarla, inserirne una nuova e stamparla cliccando sul relativo tasto.

11


Per inserire un’anagrafica bisogna accedere alla funzione Inserimento e compilare i campi richiesti come da maschera di fianco riportata. Alcune precisazioni: nel campo Codice è possibile inserire una qualsiasi codifica mnemonica dell’anagrafica • il Codice Fiscale è obbligatorio solo per le anagrafiche dei clienti. Dopo aver inserito i dati generali, si deve attribuire il Tipo di Anagrafica: ogni anagrafica può essere associata ad una o più tipologie contemporaneamente ed avere quindi più dettagli. •

Premendo sul bottone Dati dei Conti avremo la seconda videata relativa all’inserimento che varia a seconda o della tipologia di anagrafica censita. Per l’anagrafica di tipo cliente la maschera è quella a fianco riportata: per la selezione degli ABI e CAB è possibile richiamare l’apposita funzione di ricerca cliccando sull’icona . Nella seconda riga è possibile inserire il codice debitore necessario per la presentazione di disposizioni RID Per l’anagrafica di tipo dipendente avremo la maschera a fianco: E’ necessario indicare le coordinate bancarie ABI, CAB, conto corrente, (il (codice paese, check digit e Cin sono facoltativi) , il numero di matricola e il tipo di pagamento con cui il dipendente vuol ricevere lo stipendio. Per la selezione degli ABI e CAB è possibile richiamare l’apposita funzione di ricerca cliccando sul tasto . Per ogni anagrafica è richiesto il tipo di pagamento che può essere impostato selezionandolo dalla lista che appare nella maschera. Per l’anagrafica di tipo fornitore avremo la maschera a fianco: E’ necessario indicare le coordinate bancarie ABI, CAB, conto corrente con cui il fornitore viene liquidato. il (codice paese, check digit e CIN sono facoltativi), Per la selezione degli ABI e CAB è possibile richiamare l’apposita funzione di ricerca cliccando . Per ogni anagrafica è richiesto il tipo di pagamento che deve essere impostato selezionandolo dalla lista che appare nella maschera.

12


Per l’anagrafica di tipo fornitore estero avremo la maschera a fianco:

è necessario indicare il codice IBAN oppure un’altra codifica per le coordinate bancarie del fornitore. Se viene selezionato il tipo conto estero sarà possibile indicare la banca estera (che dovrà essere censita a priori dall’apposita funzione Banche Estere del menu Gestione Anagrafica). Per entrambi i tipi di conto (estero o Italiano), dovrà essere indicato la divisa ed il tipo di pagamento

Nota per la compilazione dei campi: per la compilazione del conto beneficiario devono essere utilizzati solo caratteri NUMERICI e ALFABETICI MAIUSCOLI: ogni altro carattere (es. punto, virgola, barra, spazio, ecc..) non sarà considerato valido. La compilazione automatica del conto con l’inserimento degli zeri a sinistra del conto e la modifica che porta i caratteri da minuscoli a maiuscoli, è eseguita automaticamente dalla procedura. ƒ

I controlli eseguiti dalla procedura di Relaxbanking.it nell’inserimento o modifica dell’anagrafica saranno i seguenti: ƒ

ƒ

nell’inserimento / modifica dell’anagrafica del dipendente / fornitore, in fase di caricamento flussi esterni con inoltro immediato, viene modificato il conto beneficiario allineando a destra la cifra e riempiendo a sinistra con zeri. Durante l’inserimento di una disposizione il Relaxbanking.it effettua un controllo delle anagrafiche inserite, comprendente un controllo sulla sezione dei conti, a seconda la tipologia di disposizione il Relaxbanking valuterà se l’anagrafica è idonea o meno all’invio della disposizione prescelta.

Per rendere disponibili le anagrafiche a tutte le società che le dovranno utilizzarle (qualora ne siano state create di nuove con l’utenza SUPER), è necessario associarle con la funzione Associa Anagrafica, ad eccezione della società corrente (quella che le ha inserite) per la quale sono automaticamente associate. Con tale funzione è possibile associare alla società corrente anagrafiche censite da un qualunque operatore dell’utente. Con la funzione Dissocia Anagrafica ogni società potrà vedere le rispettive anagrafiche create. Solo le anagrafiche associate alla società corrente sono disponibili nell’inserimento delle disposizioni.

Carica Anagrafica La funzione permette di caricare su Relaxbanking Impresa, un file contenente le anagrafiche di clienti, fornitori, dipendenti e fornitori esteri con un apposito tracciato record specifico che è possibile visualizzare cliccando su 13


specifico tracciato Per identificare il file anagrafico da importare bisogna cliccare il bottone Sfoglia. Se il file selezionato non è nel formato corretto, è prodotta una segnalazione di errore. La funzione Banche Estere è utilizzata per censire una banca estera che sarà possibile richiamare nel momento in cui si censisce un fornitore estero nella sezione conti

Disposizioni Cliccando su Disposizioni appare la lista delle disposizioni che possono essere presentate con Relaxbanking Impresa: • • • • • • •

Bonifici / Assegni circolari Bonifici Esteri Pagamento Effetti Stipendi Ri.Ba. RID M.AV.

I passaggi necessari ad effettuare una presentazione di disposizioni sono i seguenti: 1. inserire la disposizione (bonifico / assegno circolare, pagamento effetti, stipendio, riba, rid , M.A.V. , Bonifico Estero) 2. creare una distinta associando le varie disposizioni (una distinta per ogni tipo disposizione) 3. autorizzare la distinta apponendo le firme richieste per la società corrente 4. inoltrare la distinta autorizzata. Nelle maschere relative alla gestione delle varie disposizioni (Disposizioni Æ Bonifici oppure Ri.Ba. oppure Stipendi etc etc) è possibile effettuare un ordinamento degli elementi presenti nelle liste visualizzate semplicemente selezionando la colonna prescelta (cliccando quindi sulla relativa intestazione [ad esempio Importo]). Per inserire una disposizione è necessario dal, menù "Disposizioni", selezionare la tipologia desiderata (Bonifici/Assegni circ., Bonifici Esteri, Pagamento Effetti, Stipendi, Ri.Ba., RID, M.AV.) e successivamente cliccare sul bottone nuovo. Per trovare una disposizione inserendo degli specifici parametri premere sul tasto ricerca. Per eliminare una disposizione dalla lista bisogna selezionarla e poi procedere con il bottone elimina. Per stampare la lista delle disposizioni è sufficiente cliccare sul bottone stampa.

14


Disposizione Bonifici/Assegni Circolari è necessario indicare: - importo - data valuta - descrizione - dati del fornitore dove è possibile inserire una nuova anagrafica, aggiornare l’archivio anagrafico esistente (spuntando Aggiorna anagrafica fornitore) oppure è , richiamare le possibile, cliccando sull’icona anagrafiche esistenti in archivio. - tipo pagamento: - Bonifico ordinario - Assegno Circolare - Assegno Circolare non trasf - Assegno di quietanza (F.A.D.) Una volta compilati tutti i campi richiesti, premere il tasto conferma.

Disposizioni Bonifici Esteri è necessario indicare: - importo - divisa (vi è un’ ampia scelta nel menù a tendina) - selezionare una tra “data valuta di addebito” e “data di esecuzione” inserendola poi nello spazio poco più a destra - selezionare una tra “data valuta di accredito” e “data disponibilità” inserendola poi nello spazio poco più a destra (per gli ultimi due punti sarà necessario anche inserire un “tasso di accredito”) - tipo pagamento tra quelle presenti nel menù a tendina, - selezionando “Clean Payment” se si vuol definire il bonifico come “senza riserva” (una volta emesso non potrà più essere richiamato) - tipo istruzioni banca ordinante: se lo si lascia in bianco l’addebito finisce sul c/c ordinario, se si seleziona “conto anticipi secondo accordi” l’ addebito sarà su un conto anticipi, selezionando infine “contratto in cambi” significa che l’ esecuzione del bonifico è vincolata al contratto in cambi stipulato con la banca (specificandolo nell’ apposito spazio a destra) - istruzioni speciali alla banca banca beneficiaria - riferimento (testo libero oppure documenti strutturati) - Dati del fornitore dove è possibile inserire una nuova anagrafica, aggiornare l’archivio anagrafico esistente (spuntando Aggiorna anagrafica fornitore) oppure è , richiamare le - possibile, cliccando sull’icona anagrafiche esistenti in archivio.

15


Nell’ inserimento di un bonifico estro è obbligatorio indicare il paese del beneficiario e i dati della prima CVS andando sul bottone dati CVS. Per ogni CVS inserita, sono obbligatori il tipo CVS e la causale valutaria. Le CVS vanno inserite nell’ ordine presentato a video: se per il bonifico estero si vogliono inserire due CVS, dovranno essere inseriti i dati delle sezioni “Dati della CVS n° 1” e “Dati della CVS n° 2”. Dalla maschera possibile: confermare i dati della CVS inserite. Se non sono stati indicati i dati obbligatori, verrà visualizzata una maschera con l’ elenco degli errori che consentirà di tornare a quella di inserimento/modifica CVS del bonifico estero mentre, se non ci sono errori, verrà inserito/modificato e sarà visualizzata la lista bonifici esteri aggiornata (se si proviene da una richiesta di inserimento) o il dettaglio del bonifico estero (se si proviene da una richiesta di modifica), tornare alla maschera precedente (Lista bonifici per l’inserimento, Dettaglio bonifico per la modifica), confermare i dati della delle CVS e visualizzare la maschera di Inserimento/modifica dati bonifico, stampare la maschera.

Cliccando sul link di scelta causale , sarà visualizzata la maschera di ricerca causale valutaria. Sarà possibile limitare la lista delle causali estratte indicando fra i criteri di ricerca la causale e/o descrizione, anche parzialmente. Il pulsante Annulla interrompe la ricerca e visualizza la maschera di Inserimento/modifica CVS del bonifico estero. Cliccando sul pulsante Conferma sarà visualizzata la lista delle causali estratte e sarà possibile selezionarne una affinché sia assegnata alla CVS in Inserimento/modifica.

16


Disposizione Pagamento Effetti: Dati obbligatori: - ABI - Cod.Fisc./P.Iva ordinante - Tipo Effetto (Effetto con spese, Effetto senza spese, Riba) - Numero avviso - Importo - Data scadenza (obbligatoria in mancanza flag A Vista) Dati facoltativi : - CAB - Descrizione creditore - Riferimento operazione Disposizione Stipendio: E’ necessario indicare: - Importo: - Data valuta: - Descrizione: - Dati del dipendente dove è possibile inserire una nuova anagrafica, aggiornare l’archivio anagrafico esistente (spuntando Aggiorna anagrafica dipendente) oppure è possibile, , richiamare le cliccando sull’icona anagrafiche esistenti in archivio. - Tipo pagamento: o Bonifico/Giroconto/Girofondo o Assegno Circolare o Assegno Circolare non trasf o Assegno di quietanza (F.A.D.) Una volta compilati tutti i campi richiesti, premere il tasto conferma. Disposizione Riba: Dati obbligatori - Importo - Data Scadenza - Riferimenti al debito - Numero Ricevuta - Requisiti anagrafici/conti del debitore Dati facoltativi - Richiesta esito (richiesta notifica del pagato, richiesta notifica del pagato, secondo accordi bilaterali) - Tipo documento debitore (ricevuta bancaria, conferma d’ordine bonifico, secondo accordi bilaterali) - Stampa avviso: (avvisi da banca domiciliataria, secondo accordi bilaterali) - Bollo intendenza di Finanza - Flag il debitore è una BANCA

17


Successivamente è possibile inserire un cliente nell’ apposita, aggiornando l’archivio anagrafico esistente (spuntando Aggiorna anagrafica cliente) oppure è possibile cliccando sull’icona richiamare le anagrafiche esistenti in archivio. Infine per confermare la presentazione bisogna cliccare sul bottone conferma. Disposizione RID: Dati obbligatori - Importo - Data scadenza - Riferimento al debito - Requisiti anagrafici/conti del debitore Dati Facoltativi - Data limite pagamento - Data decorrenza garanzia - Tipo incasso - Flag il debitore è una banca Successivamente è possibile inserire un cliente nell’ apposita, aggiornando l’archivio anagrafico esistente (spuntando Aggiorna anagrafica cliente) oppure è possibile cliccando sull’icona richiamare le anagrafiche esistenti in archivio. Infine per confermare la presentazione bisogna cliccare sul bottone conferma. Disposizione MAV Dati obbligatori: - Importo - Data scadenza - Num. disposizione - Riferimenti al debito - Modalità stampa e invio bollettino al cliente - Tipo bollettino (secondo accordi bilaterali, emissione bollettino postale, emissione bollettino bancario) - Requisiti anagrafici/conti del debitore Successivamente è possibile inserire un cliente nell’ apposita, aggiornando l’archivio anagrafico esistente (spuntando Aggiorna anagrafica cliente) oppure è possibile richiamare le cliccando sull’icona anagrafiche esistenti in archivio. Infine per confermare la presentazione bisogna cliccare sul bottone conferma.

18


Distinte Cliccando sulla funzione Distinte è possibile eseguire le operazioni di fianco riportate. Le possibili scelte sono: • • • • • • • •

Ricerca: per la modifica, l’eliminazione, visualizzazione del dettaglio o stampa di una distinta Inserimento: permette l’inserimento di una distinta Autorizzazione: per autorizzare una distinta precedentemente inserita Inoltro: effettua l’invio della distinta precedentemente autorizzata Scartate/Non accettate: visualizza le distinte scartate/Non accettate ed il dettaglio della motivazione di un eventuale errore o requisito richiesto Storico Distinte : visualizza le distinte inoltrate da sette giorni Invio flussi esterni: permette di caricare sul RelaxBanking e inviare automaticamente distinte in formato CBI preparate con un qualsiasi pacchetto applicativo. Genera Stipendi: permette di effettuare il pagamento degli stipendi in modo più veloce

Selezionando la voce Ricerca, viene data la possibilità di cercare le distinte che si trovano in Stato: - Non Autorizzata /Autorizzata - Inoltrata/Estratta Banca - virtuale/Pervenuta alla banca - Scartata Bisogna selezionare il Tipo Disposizione che si vuole cercare (Riba, Rid, Mav, Bonifici/Assegni Circolari, Stipendi, Pagamento effetti, Bonifici esteri). Come illustrato dalla figura a fianco è possibile impostare diversi filtri in modo tale da cercare una ben precisa distinta. Non inserendo alcun dato verrà fatta un’estrazione di tutte le distinte che corrispondono allo Stato e al Tipo Distinta indicato. Di seguito viene riportato un esempio di un risultato di ricerca di una distinta di tipo Riba in stato non autorizzato. E’ possibile cliccare sui seguenti bottoni: - Ricerca: viene richiamata la funzione di ricerca viene richiamata la - Nuovo: funzione di inserimento - Elimina: possono essere eliminate le distinte che si trovano in stato non autorizzata e scartata, mentre per le distinte in stato inoltrata/estratta banca virtuale/pervenuta alla banca è possibile storicizzarle - Stampa: viene stampata la lista delle distinte. Le distinte possono essere ordinate per (N.Dist., Conto Ordinante, N.Disp., Importo, Stato, Data Creaz.Data Aut., Data Spedii.) cliccando sulle rispettive voci. Cliccando sul numero distinta in corrispondenza del campo N.Dist. è possibile visualizzare la distinta.

19


E’ possibile a questo punto cliccare sui seguenti bottoni: -

-

Modifica: Questa funzione è presente

solo nel caso in cui la distinta si trova in stato non autorizzata e serve ad esempio ad eliminare/dissociare le disposizione inserite torna alla maschera Annulla: precedente Dettaglio: viene visualizzato il dettaglio della distinta e delle singole disposizioni Stampa: stampa il dettaglio della distinta

La figura a fianco mostra il dettaglio di una distinta

Inserimento Con questa funzione è possibile creare la distinta desiderata. I dati obbligatori sono: Il tipo di distinta, il conto corrente ordinante, il Sia mittente è necessario per i rapporti passivi e per le disposizioni

RID.

Il codice Sia ordinante può essere diverso dal codice SIA mittente, ma deve comunque essere lo stesso per tutte le singole disposizioni. E’ possibile inserire un riferimento alla distinta nel campo Note. 20


Associa Si possono selezionare una o più disposizioni e premere il bottone associa, oppure selezionarle tutte con il bottone Ass.Tutto Verrà illustrata la maschera di inserimento con le disposizioni associate: a questo punto se si vuole procedere con la creazione della distinta, bisogna premere il bottone Conferma. Se ci sono delle disposizioni da dissociare, bisogna spuntare quelle desiderate e premere il bottone dissocia prima di effettuare la conferma Autorizzazione Per autorizzare le distinte create è sufficiente ‘spuntare’ ( ) le distinte e premere il bottone Firma. Con il bottone Stampa verranno stampate l’elenco delle distinte

Inoltro Il procedimento è simile all’autorizzazione, bisogna ‘spuntare’ ( ) la distinta e premere il bottone Inoltra. Con il bottone Stampa verranno stampate l’elenco delle distinte. Il Relaxbanking per motivi di sicurezza chiede l’inserimento della

password dispositiva, dopo averla correttamente digitata facendo

attenzione ai caratteri maiuscoli/minuscoli è possibile premere il bottone Conferma.

Verrà visualizzato il messaggio a fianco a seguito della conferma della password dispositiva. NB: Se durante una sessione di lavoro viene inserita la password dispositiva per l’invio di disposizioni, questa non viene più richiesta in caso di invio di successive disposizioni, almeno che non si interrompa la sessione di lavoro e si effettua un nuovo accesso.

Lo stato della distinta Non Autorizzata, Inoltrata, Estratta Banca virtuale, Pervenuta alla banca è possibile visualizzarlo dal menù menu Ricerca. Lo stato della distinta Scartata, Non Accettata è possibile visualizzarlo dall’apposita funzione Scartate/Non

Accettate

21


Scartate/Non accettate Nella

maschera

funzione viene riportato l’elenco delle distinte che sono state scartate o non accettate.

Scartate/Non

della

Accettate

Cliccando in corrispondenza della colonna PROG. il numero progressivo della distinta interessata, si ha la descrizione dell’errore bloccante, con la specifica di quale disposizione, all’interno della distinta, ha generato l’errore. Per effettuare il Ripristino della distinta è sufficiente selezionare la distinta interessata ( ) e premere sul bottone Ripristina. La distinta sparirà dall’elenco Lista distinte scartate e verrà reinserita fra quelle “da autorizzare” e sarà disponibile nella funzione Autorizzazione. A questo punto è possibile autorizzare e inoltrare nuovamente la disposizione. Se lo scarto è avvenuto a causa di un errore bloccante è possibile correggere l’errore andando sul menu ricerca (in questo caso si metterà nel campo stato: Non Autorizzate) in modo tale da individuare la nostra distinta ed effettuare una modifica/ dissociazione della/e disposizione/i e correggere l/errore e dopo sarà possibile ricreare la distinta ed autorizzarla/inoltrarla

Esempio:

La figura di fianco mostra il dettaglio della distinta n.188 in cui si può notare che la causa dello scarto è stato dovuto dalla disposizione n.165 in cui non era indicato il corretto CAB

Storico Distinte Selezionando la voce Storico distinte, è possibile visualizzare, per la tipologia selezionata, tutte le distinte manualmente storicizzate dal menu ricerca e tutte quelle già inoltrate (o estratte) da almeno sette giorni: sono automaticamente storicizzate tutte le distinte in stato Pervenuto alla Banca. Le distinte non ancora storicizzate sono consultabili dalla funzione

Ricerca.

Le distinte rimangono visibili nella funzione di Storico Distinte un numero di mesi stabilito dalla Banca. Selezionando una distinta e premendo il tasto Dettaglio o Stampa, si ha la possibilità di visualizzare / stampare i dati generali delle disposizioni associate alla stessa.

22


Genera Stipendi Questa funzione permette in modo veloce di inviare una distinta stipendi con pochi passaggi. Infatti la creazione della distinte avviene semplicemente selezionando il conto ordinante e la data valuta (ed eventualmente se necessario il Sia mittente).

Con il bottone dati stipendi si accede all’elenco di tutti i dipendenti censiti in anagrafica dove è necessario inserire solamente l’importo dello stipendio. La distinta, una volta creata, con il bottone conferma, potrà essere Autorizzata ed Inoltrata.

Flussi Esterni Dalla voce Invio del menù Flussi esterni è possibile importare un file di distinte, di qualsiasi tipologia, rispondente al formato standard CBI (www.acbi.it). Quindi è possibile utilizzare qualsiasi programma di contabilità, l’importate che il file prodotto sia conforme agli standard tecnici previsti dal CBI. Selezionando un conto (dalla lista proposta in base alla tipologia di flusso selezionata), digitando un codice SIA (è possibile selezionarli cliccando sul tasto Scelta SIA qualora l’utente abbia più società e, di conseguenza, più codice SIA). Tali dati sono forzati su quelli, eventualmente diversi, presenti sul file importato: tali informazioni sono facoltative nella maschera. Nella Lista Conti sono proposti i conti su cui è possibile effettuare il tipo di presentazione selezionata.

23


E’ obbligatorio specificare il tipo di distinte contenute nel flusso (Ri.Ba., RID, bonifici) e, naturalmente il nome del file (premendo il bottone Sfoglia è possibile ricercare il file su tutto il PC).

NOTA BENE: è possibile importare anche files in formato ZIP. La fase di caricamento di un flusso prevede l’inserimento nei dati di RelaxBanking delle distinte, delle disposizioni e delle anagrafiche non precedentemente censite. Qualora nel flusso sono contenute disposizioni su anagrafiche già censite dall’utente è possibile procedere ad un eventuale aggiornamento delle stesse selezionando la funzione Sovrascrivi le anagrafiche con lo stesso codice utente. Se non è selezionato, non si avrà l’aggiornamento dei dati anagrafici. Selezionando Inoltra immediatamente le distinte importate le disposizioni caricate vengono inoltrate direttamente della fase di caricamento e non sono modificabili da parte del cliente; disattivando tale funzione le distinte verranno semplicemente caricate nel RelaxBanking in stato non aut (da autorizzare) e possono essere modificate dal cliente prima dell’autorizzazione e dell’inoltro (che in questo caso sono manuale). Selezionando Aggiungi l’anagrafica emittente se mancante si permette di completare un eventuale file che non riporti i dati dell’utente: non attivando tale funzione, se manca l’anagrafica dell’utente in un tipo di file in cui è obbligatoria, la distinta verrà scartata e, se ripristinata, potrà essere modificata manualmente. Alla voce Lista esiti, è riportata la lista delle distinte importate tramite la funzione Invio. Cliccando sull’icona , posta in fondo alla riga che riporta i dati della distinta, è possibile eliminare la distinta dalla Lista Esiti Flussi Esterni.

La distinta non sarà eliminata dall’elenco delle distinte che si trova nella funzione Distinte, alla voce Gestione Distinte.

Qualora lo stato della distinta sia Errato, si potrà visualizzare il motivo dello scarto cliccando in corrispondenza della Data e Ora Invio della disposizione.

24


Esempio dettaglio anomalia flusso esterno

NOTE BENE: il controllo formale della correttezza della distinta importata viene eseguito immediatamente. Un eventuale errore di questo tipo di conseguenza, viene immediatamente segnalato nella Lista esiti flussi esterni con lo stato Errato. Qualora invece il controllo formale sia andato a buon fine, la distinta, nella Lista esiti flussi esterni, sarà in stato OK ma il successivo controllo ha generato altri errori (ad esempio, il cliente ha superato i massimali giornalieri concessi dalla Banca per l’operatività in Relaxbanking), la distinta sarà scartata. L’evidenza sarà alla voce Gestione distinte del menù Distinte dove la distinta sarà stata in stato Scartata. La motivazione sarà esposta alla voce Distinte scartate del menù Distinte.

Disposizioni occasionali Le funzioni disponibili sono le seguenti: Bonifico stessa banca Bonifico altra banca Bonifico postale Giroconto Girofondo Le funzionalità di Bonifico, Giroconto e Girofondo sono On Line, ovvero in tempo reale: questo permette di eseguire un’operazione esattamente come se Vi trovaste allo sportello.

Nota bene: tale funzione non è attivabile a livello di singolo cliente ma deve essere la Banca proponente a dover aderire al servizio per tutta la propria clientela. La disposizione sarà, quindi, contabilizzata e inviata in rete immediatamente dopo la conferma, fornendo, nel messaggio d’esito, il numero di CRO e il numero del bonifico per un eventuale riscontro in banca. L'ordine di Bonifico stessa banca, altra banca, postale può essere sia su stessa Banca sia su altro Istituto. Per impartire un ordine di bonifico occorre compilare la maschera riportata con tutti i dati richiesti relativi al beneficiario. Nel caso di bonifico su altra Banca dovrà essere specificato anche il codice ABI / CAB della Banca destinataria. Nel caso di Bonifico altra banca la videata sarà come quella di fianco riportata. 25


Cliccando sul tasto

è possibile eseguire la ricerca dell’ABI – CAB del beneficiario.

Dal 16 giugno 2003, è entrata in vigore la nuova normativa bancaria riguardo le COORDINATE BANCARIE DEL BENEFICIARIO. La normativa prevede che: il conto beneficiario venga allineato a destra, riempiendo a sinistra con zeri, per la compilazione del conto beneficiario vengano utilizzati solo caratteri NUMERICI e ALFABETICI MAIUSCOLI: ogni altro carattere (es. punto, virgola, barra, spazio, ecc..) non sarà considerato valido. La compilazione automatica del conto con l’inserimento degli zeri a sinistra del conto e la modifica che porta i caratteri da minuscoli a maiuscoli, è eseguita automaticamente dalla procedura. Ove siano presenti caratteri non conformi alla normativa, riguardo al Conto Beneficiario, il cliente sarà avvisato con il messaggio: "Il bonifico contiene coordinate beneficiario errate e può essere sottoposto a penale. Forzare l'invio? SI - NO". Alla pressione del SI il bonifico è inoltrato e potrebbe essere sottoposto a penale. Alla pressione del NO il bonifico non è inoltrato ed il campo conto beneficiario è cancellato in modo da farlo reinserire. Si procede, come precedentemente descritto, fino alla corretta compilazione del campo. Nel caso di Bonifico stessa banca e Bonifico postale, sarà precompilato il campo ABI, mentre sarà cura del cliente compilare il campo CAB: cliccando sul tasto all’indirizzo.

è possibile eseguire la ricerca in base alla località o

Nota bene: il campo Valuta Beneficiario propone un periodo entro cui impostare tale data. Questo parametro è fissato direttamente dalla Vs Banca proponente e per un corretta esecuzione del bonifico, bisogna rispettarlo. Qualora venga riportata l’immagine esposta di fianco, vuol dire che il cliente ha selezionato una data valuta 2 giorni lavorativi oltre la data di inserimento del bonifico. Il bonifico sarà lavorato automaticamente 2 giorni prima della data valuta da Voi indicata. Cliccando sul bottone Esegui, sarà proposto il riepilogo del bonifico inserito.

26


Nel caso di Giroconto la videata successiva sarà la seguente. Per impartire un ordine di giroconto sarà sufficiente selezionare il conto d’addebito e quello d’accredito (ovviamente appartenenti alla stessa banca), la divisa, l’importo e la valuta da riconoscere sul conto d’accredito.

Nota bene: nel caso in cui la Banca proponente sia attiva con l’On Line dispositivo, ovvero con il servizio che consente l’esecuzione immediata dell’operazione, il cliente avrà l’addebito e l’accredito immediato dell’operazione ma la Data valuta rispetterà quanto indicato nell’apposito campo. L’operazioni di Girofondo è un trasferimento di fondi da un conto all’altro di uno stesso intestatario presso Banche diverse. Con questa funzione si permette al cliente di specificare una valuta a piacere senza dover pagare le penali della rete. Occorre compilare la maschera con i dati richiesti: Beneficiario: i campi Indirizzo, Cap, Città e Provincia sono facoltativi. Si noti che non compare il campo ‘Cognome e Nome’ del Beneficiario. Tale campo comparirà poi nella maschera di conferma, e verrà valorizzato automaticamente con la stessa anagrafica del conto ordinante scelto. Relativamente alle coordinate bancarie del conto beneficiario, i campi codice paese, check digit e cin sono facoltativi. Gli unici campi obbligatori relativamente al Beneficiario sono i campi abi, cab e conto. La funzione è operativa su tutti i conti che il cliente trova a disposizione sulla sua utenza, sia in accredito che in addebito. Si possono accreditare tutti i Vs conti, anche quelli non visibili. Dati girofondo: I campi Importo e Valuta Beneficiario sono obbligatori, il campo Descrizione è preimpostato fisso a “girofondi”, senza possibilità di modifica. Ordinante: il cliente può scegliere come Conto di addebito uno qualsiasi fra i conti che vede su Relax Banking (sia attivi che passivi) purchè con Codice ABI diverso da quello del conto beneficiario. Si possono accreditare tutti i Vs conti, anche quelli non visibili. 27


Una volta inseriti correttamente i dati obbligatori e gli eventuali dati facoltativi, premendo il tasto “Esegui”, si ha accesso ad una maschera di riepilogo dei dati inseriti dove sia il campo “Cognome e Nome” del Beneficiario che il campo “Cognome e Nome” dell’Ordinante hanno lo stesso valore: A questo punto, premendo il tasto “Conferma”, si avrà una maschera di risposta che indica se la disposizione è stata correttamente inoltrata, e lo stato della disposizione. Qualora il girofondo sia da Banca attiva a Banca passiva (e se la Banca aderisce al servizio On Line), la disposizione viene inoltrata immediatamente. Negli altri casi (da passiva a attiva, da passiva a passiva o da attiva non aderente all’On Line), la disposizione sarà inoltrata tramite le fasi di elaborazione BATCH, ovvero quanto inviato la mattina sarà recapitato alla Banca destinataria nel pomeriggio, quanto inoltrato il pomeriggio sarà recapitato la mattina successiva. La funzione Lista disposizioni consente di visualizzare la lista delle disposizioni effettuate, suddivise per data, tipologia, divisa, importo e stato dell’operazione, nonché di reimpostarle. Nella colonna visualizzare il disposizione.

Tipo,

possiamo dettaglio della

Possiamo reimpostare il bonifico nel caso in cui il beneficiario e/o la descrizione siano ricorrenti cliccando sul tasto Reimposta che si può vedere in basso a destra nella videata di fianco riportata.

28


Il campo Messaggio d’esito, riporta le informazioni relative al bonifico eseguito, tra cui il numero di CRO (numerazione univoca, a livello interbancario, che è assegnata al singolo bonifico disposto su altro Istituto). E’ utile conoscere quali possono essere i vari livelli d’elaborazione che possono assumere i bonifici:

In attesa (T): una volta confermata una disposizione, questa viene inserita in OnLine Banking con lo stato in attesa Preso in carico (C): all’atto della verifica del bonifico, questi risulterà in stato preso in carico. A questo punto

la disposizione attende un ritorno da parte della banca per chiudere la transazione. Gli stati accettati dopo lo stato “C” saranno solo una “E” o una “R”. Lo stato “C” è anche quello in cui rimangono le disposizioni effettuate fuori degli orari d’apertura degli sportelli bancari. Inoltrato (I): se una disposizione non può essere presa in carico per problemi di tipo tecnico, questa viene inoltrata con le fasi di elaborazione serale eseguito (E): se la disposizione viene correttamente elaborata, verrà aggiornato lo stato, inserendo, nel messaggio di esito, la dicitura “Disposizione eseguita correttamente: N° Bonifico xxxxxx, CRO xxxxxx”. Rifiutato (R): se la disposizione riceve esito verrà aggiornato lo stato, inserendo, nel messaggio di esito, il motivo del rifiuto.

Effetti ed esiti incassi Selezionando Effetti appare la lista delle funzioni disponibili.

La funzione SBF del menù Effetti permette di visualizzare i saldi e i movimenti dei conti di portafoglio della Banca proponente il servizio raggruppati per valuta media e numero distinta con possibilità di visualizzare la lista e il dettaglio degli effetti relativi. Selezionando il rapporto interessato, è proposta la lista delle distinte presentate, ordinate per data valuta media. In questa finestra è effettuare tre operazioni: -

possibile

la stampa, la selezione di un diverso rapporto, visualizzare il dettaglio della distinta.

sul lato sinistro di Cliccando sulla sferetta ogni distinta in elenco è possibile visualizzare l’elenco degli effetti che la compongono. Per visualizzare il dettaglio di un effetto presente sul basta cliccare sulla sferetta lato sinistro dello stesso.

29


Tale operazione visualizza una piccola finestra soprastante con informazioni più dettagliate, non presenti nella lista per problemi di spazio. Dalla lista effetti è possibile tornare alla lista distinte, cliccando sul pulsante indietro presente in alto a destra di ogni finestra. E’ possibile ottenere una stampa delle distinte e del dettaglio effetti cliccando sul bottone stampa delle relative maschere. Selezionando un altro rapporto i dati presenti su video vengono sostituiti dalla lista distinte del nuovo rapporto selezionato. Selezionando Esiti Incassi appare la lista delle funzioni disponibili.

Nota bene: In questa sezione saranno presenti gli esiti di tutte le presentazioni effettuate dal indipendentemente dalla modalità di presentazione degli effetti.

cliente,

Per facilitare la visualizzazione dei dati relativamente alla funzione Esiti Incassi, è stata inserita la possibilità di eseguire dei filtri di ricerca. La descrizione è relativa solo alla voce Insoluti, essendo identica alla funzionalità Pagati e Richiamati.

Cliccando sul pulsante Filtro, si apre la finestra di fianco riportata. Per impostare eventuali parametri di ricerca, è presente anche una voce Totali in cui indicare il Tipo Raggruppamento. Come esempio è stata effettuata una ricerca raggruppando per Scadenza.

30


Nel caso non sia richiesto nessun tipo di raggruppamento verranno visualizzati solo i totali come somma di importi e numero di esiti.

La funzione Export consente di esportare le varie tipologie di esito, per le varie tipologie di disposizione. Deve essere effettuata anche la scelta del relativo rapporto di appoggio dell’effetto. Ulteriore scelta, il Tipo Export: selezionando Cbi, sarà prodotto un file i cui tracciati rispettano gli standard ABI. Potete trovarne evidenza nell’apposita sezione “Tracciati standard” del sito www.associazionecbi.it. La scelta Text, consente l’export in formato testo. Sia per la scelta Cbi che Text, viene proposta la possibilità di esportare l’elenco completo degli esiti o di riprendere dall’ultimo export effettuato (in entrambi i casi, sempre in base alla selezione effettuata).

31


Bonifico Estero Nel servizio Relaxbanking è disponibile la funzionalità dei Bonifici Esteri. Selezionando la voce Bonifici Esteri all’interno del menù Disposizioni, è possibile procedere all’inserimento o alla modifica dei dati necessari alla corretta compilazione del Bonifico,

Dalla maschera di inserimento/modifica Bonifico

Estero è possibile: •

• •

confermare i dati del bonifico estero (se non è stata inserita almeno una CVS verrà visualizzata la relativa maschera di inserimento), annullare i dati inseriti e tornare alla lista (se si sta inserendo un nuovo bonifico estero) o al dettaglio della disposizione (se si è in modifica bonifico estero), visualizzare la maschera di inserimento CVS, stampare l’attuale maschera di inserimento / modifica bonifico estero.

Per inserire un bonifico estero è obbligatorio indicare: • • • • •

il fornitore estero, l’importo, la divisa, il tipo pagamento, il riferimento in testo libero o, in alternativa, i dati del primo documento strutturato di riferimento.

Per indicare il fornitore estero è necessario cliccare o testo scelta sull’apposito link (immagine fornitore estero): sarà aperta la maschera di ricerca e selezione fornitore estero di fianco riportata Sarà possibile indicare uno o più criteri di ricerca fra quelli disponibili (intestazione del fornitore, codice fiscale/partita IVA, codice IBAN, tipo conto, intestazione Banca estera, località sportello Banca estera) e il tipo di ordinamento da applicare alla lista dei fornitori esteri estratti con la ricerca.

32


I valori inseriti nei campi di ricerca possono essere anche parziali. Per cercare un fornitore per intestazione è possibile inserirne anche solo una parte. Per tutti i fornitori esteri con conto in Italia su una specifica Banca, è possibile selezionare il campo Tipo conto con il valore Italiano e digitare nel campo del codice IBAN il codice ABI della Banca italiana di appartenenza del conto del fornitore. Per annullare la ricerca e tornare alla maschera di

Inserimento / modifica del bonifico estero è possibile premere il pulsante Annulla.

Per eseguire la ricerca secondo i criteri indicati, cliccare sul pulsante Conferma. Verrà visualizzata la lista dei fornitori esteri estratti: per selezionare uno dei fornitori presenti nella lista cliccare sull’intestazione del fornitore.

Qualora venga valorizzato il campo Contratto in sarà automaticamente valorizzato il campo Tipo istruz. banca ordinante con il valore fare riferimento ad un contratto in cambi.

cambi,

Qualora non sia stato selezionato il Tipo istruzioni della sezione Istruzioni speciali alla Banca beneficiaria e viene indicato il Tipo contatto, il Nominativo o l’Ufficio di riferimento per il contatto, sarà automaticamente selezionato il tipo istruzione Avvisare tramite telefono. 33


Nell’inserimento di un bonifico estero, è obbligatorio indicare il paese del beneficiario e i dati della prima CVS, sezione dati della cvs n. 1. Per ogni CVS inserita,sono obbligatori il tipo CVS e la causale valutaria. Le CVS vanno inserite nell’ordine presentato a video: se per il bonifico estero si vogliono inserire due CVS, dovranno essere inseriti i dati delle sezioni “Dati della CVS n. 1” e “Dati della CVS n. 2”. Dalla maschera è possibile: • confermare i dati delle CVS inserite. Se non sono stati indicati i dati obbligatori verrà visualizzata una maschera con l’elenco degli errori che consentirà di tornare a quella di Inserimento / modifica CVS del bonifico estero mentre, se non ci sono errori, verrà inserito / modificato il bonifico estero e sarà visualizzata la lista bonifici esteri aggiornata (se si proviene da una richiesta di inserimento) o il dettaglio del bonifico estero (se si proviene da una richiesta di modifica), • tornare alla maschera precedente (Lista bonifici per l’inserimento, Dettaglio bonifico per la modifica), • confermare i dati delle CVS e visualizzare la maschera di Inserimento / modifica dati bonifico, • stampare la maschera.

Cliccando sul link di scelta causale, sarà visualizzata la maschera di ricerca causale valutaria. Sarà possibile limitare la lista delle causali estratte indicando fra i criteri di ricerca la causale e/o descrizione, anche parzialmente. Il pulsante Annulla interrompe la ricerca e visualizza la maschera di Inserimento / modifica CVS del bonifico estero. Cliccando sul pulsante Conferma sarà visualizzata la lista delle causali estratte e sarà possibile selezionarne una affinché sia assegnata alla CVS in Inserimento / modifica.

34


Dopo aver selezionato la voce Bonifici Esteri dal menu Disposizioni, sarà visualizzata la lista dei bonifici esteri inseriti ma non ancora collegati a distinta. Dalla lista sarà possibile eseguire le seguenti operazioni: • ordinare la lista secondo una o più delle colonne presenti (max 3 livelli di ordinamento), sia in ordine crescente che decrescente, • eliminare uno o più bonifici esteri, • stampare la lista bonifici esteri, • aprire la maschera di dettaglio bonifico estero, • aprire la maschera per inserire un nuovo bonifico estero. Per eliminare una o più disposizioni di bonifici esteri è sufficiente selezionare le disposizioni dalla lista cliccando sull’apposito box di selezione

e premere il pulsante

.

Se la cancellazione della/e disposizione/i è riuscita con successo la lista verrà automaticamente aggiornata. E’ possibile stampare la lista dei bonifici esteri semplicemente cliccando l’apposito pulsante

.

Per visualizzare in dettaglio tutti i dati di una disposizione di bonifico estero, cliccare sull’intestazione del fornitore della disposizione: sarà aperta la maschera di dettaglio bonifico estero. Dal dettaglio bonifico estero è possibile: • • • •

aprire la maschera di modifica del bonifico estero, tornare alla lista, aprire la maschera di dettaglio delle CVS inserite per il bonifico estero, stampare la maschera di dettaglio bonifico estero.

I dati del bonifico estero sono suddivisi in sezioni: • • • •

dati del beneficiario, dati del bonifico, istruzioni speciali Banca beneficiaria, riferimento.

La sezione relativa alle istruzioni speciali alla Banca beneficiaria, è visibile solo se nel bonifico estero sono presenti dati relativi a tale sezione. La sezione relativa al riferimento può essere visibile in forma di documenti strutturati (come nell’immagine sopra) o in testo libero. Cliccando sul pulsante Modifica, viene visualizzata la maschera di Inserimento / modifica del bonifico estero, con i relativi campi della maschera valorizzati. Il pulsante Annulla chiude la maschera di dettaglio e visualizza di nuovo la lista bonifici esteri, mantenendo le impostazioni di ordinamento precedentemente impostate. Per stampare la maschera cliccare sull’apposito pulsante Stampa.

35


Il pulsante Dati CVS visualizza la maschera di dettaglio delle CVS inserite per il bonifico estero. Sarà visibile una sezione Dati della CVS n. X per ogni CVS inserita (max 6 CVS). Dalla maschera di dettaglio CVS del bonifico estero è possibile: • • • •

aprire la maschera di modifica del bonifico estero, tornare alla lista, visualizzare la maschera di dettaglio dati del bonifico estero, stampare la maschera di dettaglio CVS del bonifico estero.

Bollettino Freccia Una volta abilitato il Cliente ad operare con il Bollettino Freccia, le funzioni disponibili saranno quelle riportate nella maschera di fianco esposta.

La funzione è utilizzata per effettuare l'emissione di un bollettino. Cliccando sulla voce Emissione, oltre alle coordinate bancarie (nel nuovo formato IBAN), alla ragione sociale ed alla divisa, già precompilate, si possono inserire: -

-

Motivo del pagamento: inserire una breve descrizione del pagamento richiesto (max 40 caratteri) Data scadenza: cliccare sul pulsante (...) e selezionare la data di scadenza del bollettino che si vuole emettere. La data dovrà necessariamente essere successiva a quella in cui si sta compilando il bollettino. Importo: inserire nel campo alla sinistra la parte intera dell'importo 36


(omettendo qualunque carattere non numerico quali € o ,) e nel campo alla destra la parte decimale dell'importo (sempre e solo numeri). Il Codice Identificativo Bollettino è un codice di 21 caratteri alfanumerici che serve per identificare un bollettino emesso, nell'ambito di una stessa azienda creditrice. E' possibile, come da normativa ABI, selezionare una fra tre modalità di generazione del codice: •

Codice fiscale (o partita IVA) del debitore: selezionando questa modalità il codice generato sarà composto da un prefisso di cinque caratteri equivalente al codice SIA della azienda che emette il bollettino, più sedici caratteri equivalenti al codice fiscale (od alla partita IVA con riempimento con zeri a sinistra) del debitore. Inserimento manuale: selezionando questa modalità si può inserire manualmente i sedici caratteri da affiancare sempre al codice SIA per completare la generazione del Codice Identificativo Bollettino. Questa modalità è utilizzabile solo se si intende emettere il bollettino nei confronti di un singolo debitore (non è selezionabile l'emissione per gruppo). Inserimento da sistema: selezionando questa modalità il codice generato sarà composto da un prefisso di cinque caratteri equivalente al codice SIA della azienda che emette il bollettino, più sedici caratteri generati automaticamente dal sistema. Questa modalità garantisce la generazione di un codice univoco all'interno di tutto il sistema.

SINGOLA tasto potrà essere selezionato direttamente un cliente dell'Anagrafica clienti su cui emettere il bollettino. Premendo

il

ANAGRAFICA

Per effettuare la ricerca di una anagrafica digitare le iniziali del nominativo e/o del codice fiscale e premere il pulsante RICERCA. Il bollettino sarà automaticamente caricato con i dati relativi al cliente selezionato. Cliccando sul nominativo si apre la finestra in cui è rappresentato il riepilogo dei dati pagamento ed i dati del debitore selezionato.

Nella finestra sono presenti i pulsanti: • MODIFICA: per modificare i dati relativi al pagamento • CONFERMA: conferma il bollettino per continuare l'elaborazione • CAMBIA ANAGRAFICA: permette di variare il debitore associato al bollettino • ANNULLA: torna indietro

37


Il pulsante MODIFICA apre la finestra di fianco riportata e di modificare i dati precedentemente inseriti.

Il pulsante CONFERMA all’emissione del bollettino.

corso

Premendo il tasto GRUPPO si potrà selezionare, dall'archivio dei gruppi di debitori, un gruppo verso cui emettere il bollettino, oppure crearne uno nuovo. Sarà generato un bollettino per ogni debitore presente all'interno del gruppo selezionato ed ogni bollettino verrà precaricato automaticamente con i dati del rispettivo debitore. In questo modo puoi emettere un bollettino con stesso importo, stessa causale e stessa data di scadenza per ogni debitore nel gruppo operando come se si trattasse di una emissione semplice. Dopo aver inserito i dati relativi al pagamento del bollettino se si desidera emettere per gruppo di anagrafiche premere il pulsante GRUPPO.

38


Premendo

il

pulsante

RICERCA, saranno esposti i

risultati in base a quanto inserito nel campo nominativo.

Selezionare un gruppo fra l'elenco che verrà proposto, cliccando sul nominativo.

Si aprirà la finestra con i dati del bollettino ed i dati del gruppo. I bottoni disponibili sono: • MODIFICA: apre la finestra che consente di modificare i dati relativi al pagamento • CONFERMA: conferma il bollettino e continua l'elaborazione • CAMBIA GRUPPO: permette di variare il gruppo associato al bollettino • ANNULLA: torna indietro.

La funzione Consulta Emissione consente la ricerca dei bollettini acquisiti, siano essi stati inseriti manualmente attraverso il data entry del sistema o esportati come flusso attraverso la funzionalità apposita.

39


La ricerca dei bollettini acquisiti può essere effettuata secondo i seguenti criteri: • • • • •

data scadenza (intervallo da .. a): data indicata sul bollettino emesso come di scadenza dello stesso data acquisizione (intervallo da .. a): data di acquisizione del bollettino (inserimento manuale o esportazione) data stampa (intervallo da .. a): data di richiesta stampa del bollettino nominativo debitore stato bollettino: bollettini in qualunque stato, solo bollettini non emessi, solo bollettini emessi, solo bollettini pagati

Se non vengono impostati i filtri si ricercano tutti i bollettini. Una volta impostati i dati per i filtri di ricerca premi il pulsante RICERCA della sezione di ricerca bollettini, sarà presentata una lista di bollettini rispondenti ai criteri di ricerca inseriti. Per consultare il riepilogo di ogni singolo bollettino, cliccare sul simbolo

.

Dal riepilogo del bollettino si potrà scegliere se emettere il bollettino, (ri)stamparlo, modificarlo o eliminarlo (nel caso in cui non sia già stato emesso) oppure ritornare alla lista bollettini estratta in precedenza. Dalla lista, utilizzando i check box, si potranno selezionare uno o più bollettini da stampare (o ristampare). Sarà creata coda di stampa nella quale si potrà puoi aggiungere a piacere uno o più bollettini (selezionando il check-box di uno o più bollettini e premendo il pulsante AGGIUNGI). Una volta aggiunti alla coda di stampa tutti i bollettini desiderati, premendo il pulsante RIEPILOGO sarà evidenziata una lista dei bollettini che stanno per essere stampati.

voce GRUPPI si apre la finestra di fianco riportata per l'inserimento di un nuovo gruppo e visualizzazione di un gruppo già esistente.

Cliccando

sulla

ANAGRAFICHE

Le anagrafiche relative possono essere organizzate in gruppi. Si può creare un nuovo gruppo, assegnarli una o più anagrafiche, quindi emettere un nuovo bollettino per il gruppo. In questo modo si può emettere un bollettino con stesso importo, stessa causale e stessa data di scadenza per ogni debitore nel gruppo operando come se si trattasse di una emissione semplice. Attraverso questa schermata, si può ricercare i gruppi di anagrafiche inseriti in precedenza per consultarli o modificarli (variarne la descrizione, assegnare o rimuovere anagrafiche al gruppo stesso) ed inserirne di nuovi.

40


Per ricercare un gruppo, inserire un nome o parte di esso nel campo nominativo e cliccare su RICERCA, oppure, senza inserire nulla, premendo il tasto RICERCA, per ottenere la lista di tutte le anagrafiche.

E' possibile creare un nuovo gruppo. Cliccare su NUOVO GRUPPO. Sarà presentata una schermata dove digitare il nominativo che si desidera assegnare al gruppo e l'eventuale descrizione. Al termine dell’inserimento dei dati cliccare su INSERISCI: sarà presentato il nuovo gruppo a conferma del corretto inserimento. Cliccando sul nome del gruppo, si potrà accedere alle opzioni avanzate del gruppo quali la modifica, l'eliminazione e soprattutto la gestione delle controparti contenute nel gruppo stesso. La modifica gruppo consente di variare il nome assegnato e la descrizione. L'eliminazione rimuove il gruppo dalla rubrica, senza eliminare le controparti contenute. La gestione anagrafica consente di aggiungere e rimuovere anagrafiche dal gruppo.

Un gruppo, appena creato, risulta vuoto: in gestione anagrafica sono disponibili due liste di anagrafiche dove quella superiore è composta dalle anagrafiche già presenti nel gruppo e quella sotto dalla anagrafiche in rubrica non facenti parte del gruppo. E’ possibile selezionare una o più anagrafiche dalla lista inferiore e INSERISCI per cliccare su assegnarle al gruppo su cui stai operando, oppure selezionare una o 41


più anagrafiche dalla lista superiore e cliccare su RIMUOVI per rimuoverle dal gruppo. Ogni volta che viene spostata un’anagrafica, le due liste vengono aggiornate. Terminati gli spostamenti voluti, per rendere effettiva la modifica, cliccare su CONFERMA.

Cliccando sulla voce Stampe, si accede all'archivio delle stampe in formato PDF richiesto al sistema. Sarà presentata una lista di flussi di stampa prodotti (solo in modalità stampa locale) nel caso sia stata richiesta la stampa di uno o più bollettini, mentre apparirà una lista vuota nel caso non sia stato richiesta alcuna stampa. Il periodo di tempo per cui il sistema conserva le stampe PDF prodotte viene comunicato al momento della richiesta della stampa. La lista presentata è ordinabile cliccando sulla intestazione di ogni singola colonna. E’ possibile scaricare in locale un singolo flusso stampa cliccando con il tasto destro del mouse sul simbolo del PDF e, dopo aver scelto dal menù contestuale la voce "Salva con nome..." o "Save as...", assegnare un nome al documento e confermarne il salvataggio in locale, oppure puoi visualizzarlo semplicemente cliccando sul simbolo del PDF. Per visualizzare correttamente i documenti PDF è necessario il software Acrobat Reader (free). N.B.: non sono attualmente gestiti i flag relativi alle voci Centralizzati Debitore e Centralizzati Creditore. Premendo il pulsante RICERCA saranno proposti i risultati della ricerca in base ai valori inseriti. .

Cliccando sulla "lente" si apre la finestra di dettaglio, in cui è visualizzato l'elenco dei bollettini che fanno parte del flusso.

42


Cliccando sulla matita si apre il dettaglio del bollettino.

Premendo STAMPA si può effettuare nuovamente l'emissione del bollettino.

Descrizione dei formati di stampa selezionabili: - Orizzontale: predispone la stampa del bollettino in formato orizzontale. - A4 carta semplice: imposta la stampa del bollettino in formato verticale A4 predisposto per carta semplice. In alto a destra verranno stampati i dati del Creditore (denominazione ed indirizzo) ed in alto a sinistra il logo della Azienda, nel caso questo sia stato fornito all'Istituto di Credito. - A4 carta intestata: imposta la stampa del bollettino in formato verticale A4 predisposto per carta intestata. Non viene stampato il logo dell'Azienda. Descrizione delle modalità di stampa selezionabili: • Locale (PDF, bollettini raggruppati): predispone un file PDF, scaricabile dalla sezione stampe del menÚ a sinistra, contenente tutti i bollettini selezionati per la stampa. Premendo

il

pulsante

STAMPA si apre la finestra

di fianco riportata.

43


La funzione Rendicontazione consente la consultazione dei flussi di rendicontazione ricevuti quali disposizioni di Bollettini Bancari, con ricerca da singolo bollettino.

Di seguito si precisa il significato assunto da alcuni termini relativamente alle disposizioni di Bollettino Bancario: • Banca tesoriera: è la Banca con la quale il cliente creditore intrattiene rapporto di conto e provvede all’accredito dei fondi ricevuti dalla banca esattrice • Banca esattrice: è la Banca presso la quale il debitore effettua il pagamento del debito. E’ possibile ricercare i pagamenti ricevuti secondo i seguenti criteri: • conto corrente di accredito: il conto corrente presso la banca tesoriera sul quale hai ricevuto il pagamento • tipo bollettino: tutti i tipi, solo quelli emessi via web tramite questo servizio, solo quelli emessi con altri strumenti • codice identificativo pagamento: codice di 21 caratteri del bollettino • data valuta (intervallo da .. a): valuta di accredito • data rendicontazione (intervallo da .. a): data effettiva del pagamento • importo (intervallo da .. a): importo della rendicontazione Una volta impostati i dati per i filtri di ricerca, si dovrà premere sul RICERCA: pulsante verrà presentata una lista di pagamenti ricevuti rispondente ai criteri impostati. Sulla lista è possibile consultare il dettaglio di un pagamento cliccando sull'importo relativo al pagamento. Dopo aver cliccato sull' importo relativo al pagamento, si otterrà un riepilogo, così suddiviso: o

Dati rendicontazione: • C/C accredito • Data rendicontazione • Data valuta • Importo

o

Dati bollettino: • Nominativo debitore • Abi esattrice • Cab esattrice • Numero incasso • Codice identificativo Pagamento 44


• • •

Data pagamento Data scadenza C/C accredito dichiarato

I campi Nominativo debitore e Data Scadenza sono disponibili solo se il pagamento è relativo ad un bollettino emesso tramite questo stesso servizio. Nel caso di pagamento relativi a bollettini emessi precedentemente o attraverso altre modalità, tali campi non sono valorizzati. La funzione Bollettini ricevuti consente di visualizzare dei bollettini da pagare emessi da un creditore che utilizza lo stesso applicativo RelaxBanking.. Si consiglia prima di pagare un bollettino visualizzato tramite la funzione in oggetto, di aspettare che arrivi il rispettivo cartaceo tramite posta ordinaria.

Cliccare sul bollettino che intende pagare e preme il pulsante AGGIUNGI, il risultato è rappresentato dalla finestra di fianco riportata.

Per continuare l'operazione l'utente deve premere il pulsante RIEPILOGO che apre la finestra di fianco riportata. E’ possibile selezionare il C/C su cui vuole effettuare l'addebito ed eventualmente deselezionare i bollettini di cui non vuole effettuare il pagamento. Premendo il pulsante PAGA si conferma l'operazione il cui risultato è rappresentato dalla finestra di fianco riportata.

45


La funzione Nuovo Pagamento consente di accedere alla compilazione di un nuovo Bollettino Freccia. Se il Bollettino Bancario Freccia è in formato cartaceo, è possibile utilizzare questa funzionalità per pagarlo direttamente on-line con addebito diretto sul conto corrente bancario. E’ possibile scegliere se compilare i singoli campi del bollettino, così come sono stampati sul modello cartaceo ricevuto, oppure se compilare la code-line, copiandola da quella che si trova in basso nel modello cartaceo. I campi da inserire sono: • Codice identificativo pagamento: codice di 21 caratteri indicato sul bollettino • Coordinate bancarie creditore: codice IBAN indicato sul bollettino • Motivo del pagamento: la causale del pagamento (opzionale) • Data scadenza: data di scadenza del bollettino (opzionale) • Nominativo creditore: nome del Creditore verso cui si vuole disporre il pagamento (opzionale) • Nominativo debitore: nome del debitore che effettua il pagamento; da notare che puoi pagare anche un bollettino indirizzato ad altri, ad esempio un tuo familiare, anche se questi non ha un conto corrente intestato presso questo Istituto. • Importo: l'importo da pagare in Euro, suddiviso in parte intera e centesimi • Codice divisa: campo non modificabile preimpostato ad 'E' (Euro) I campi contrassegnati dal simbolo (*) sono obbligatori. I campi da inserire, per la compilazione della code-line, sono: • Code-line: codice di 62 caratteri indicato in basso sul bollettino; da notare che i caratteri già visualizzati a video non devono essere digitati • Data scadenza: data di scadenza del bollettino (opzionale) • Nominativo debitore:Nominativo debitore: nome del debitore che effettua il pagamento; da notare che puoi pagare anche un bollettino indirizzato ad altri, ad esempio un tuo familiare, anche se questi non ha un conto corrente intestato presso questo Istituto. • Motivo pagamento: la causale del pagamento (opzionale). I campi contrassegnati dal simbolo (*) sono obbligatori. Una volta compilati i dati del pagamento, cliccare su CONFERMA per visualizzare un riepilogo del pagamento, dove sarà possibile verificare la correttezza dei dati inseriti. Nel caso di qualche errore di compilazione, è possibile tornare indietro con il tasto MODIFICA per effettuare le correzioni. 46


Se i dati risultano corretti, è possibile procedere con il pagamento con il tasto CONFERMA. A questo punto il sistema, risponderà con un messaggio di presa in carico dell'ordine di pagamento e si potrà procedere con la stampa della lettera accompagnatoria del pagamento effettuato, in formato PDF. Premendo

il

pulsante

CONFERMA il risultato viene

visualizzato nella finestra di fianco riportata per una verifica dei dati da parte dell'utente. il pulsante si effettua il pagamento del bollettino. Premendo

CONFERMA

Se il bollettino risulta già pagato la procedura permette il reinserimento che eventualmente viene respinto dal sistema informativo della Banca in una fase successiva. La funzione Consulta Pagamenti consente di accedere alla ricerca e consultazione dei Bollettini. La lista iniziale presenta tutti i bollettini pagati. Per restringere l'elenco dei bollettini visualizzati puoi utilizzare i seguenti criteri: • data scadenza (intervallo da .. a): data indicata sul bollettino emesso come di scadenza dello stesso.

Se non vengono impostati i filtri si ricercano tutti i bollettini. Una volta impostati i dati per i filtri di ricerca premi il CERCA: pulsante verrà presentata una lista di bollettini rispondenti ai criteri di ricerca inseriti.

47


Per consultare il riepilogo di ogni singolo bollettino è possibile cliccare sul simbolo “lente”.

F24 Deleghe F24 Alla voce Deleghe F-24, sono elencate le funzioni specifiche per gestire il pagamento della delega:

ATTENZIONE: l'importo massimo di accettazione e il termine ultimo per la presentazione della delega è stabilito dalla Vostra Banca.

Inserimento Deleghe E’ riportato l’elenco delle deleghe in archivio. A video sono proposti i seguenti dati: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. 8.

Codice fiscale contribuente Dati anagrafici contribuente Importo delega Data Pagamento Comune contribuente Provincia contribuente Indirizzo contribuente Stato in cui si trova la delega, che può assumere i seguenti valori: - Creata 48


9. Flusso

Associata a distinta di pagamento Associata a distinta di revoca Delega Accettata Delega Rifiutata Revoca Accettata Revoca Rifiutata Delega Pagata Delega Non Pagata Esterno

Selezionando una delega, è possibile utilizzare i pulsanti che appaiono alla fine della lista, con le seguenti possibilità: • • • • • •

Nuovo: permette l’inserimento della delega Modifica: il pulsante è abilitato nel caso che la delega sia nello stato di creata, permette l’eventuale modifica dei dati. Elimina: il pulsante è abilitato nel caso che la delega sia nello stato di creata, permette la cancellazione della delega. Dettaglio: permette la visualizzazione della delega. Stampa: effettua una stampa simile al modello cartaceo. Non ha nessun valore contabile. Errori: evidenzia nel dettaglio gli eventuali errori

Inserimento Delega Tramite il pulsante Nuovo, è aperta una finestra per l’inserimento dei dati del contribuente. Sono richiesti, obbligatoriamente, i seguenti dati: 1. Dati contribuente (selezionabile anche tramite il nel caso siano già stati tasto salvati precedentemente tramite l’ opzione “salva anagrafica”): − −

Codice Fiscale o Partita IVA. Dati Anagrafici: cognome o Ragione Sociale, Nome, Data di Nascita, Sesso (in caso di Società lasciare a spazio), comune di nascita e provincia. I campi Data di Nascita, comune e provincia non sono necessari se il contribuente è una società. Domicilio Fiscale: comune, Provincia, Via e numero civico.

2. Modalità di pagamento: -

C/C Addebito: l’utente deve scegliere uno fra i suoi conti d’appartenenza. Destinatario Stampa: titolare C/C o Contribuente o mittente del flusso. Lista Cod. Fiscali Titolari C/C: sono elencati i codici fiscali associati al c/c, può essere fatto anche un inserimento manuale.

Una volta compilati i dati del contribuente, si può procedere con la compilazione del tributo, cliccando sul pulsante che ne identifica la tipologia: •

Erario: apre la finestra per la gestione della sezione Erario. 49


• • • • • •

INPS: apre la finestra per la gestione della sezione INPS. Regioni/Enti: apre la finestra per la gestione della sezione Regioni ed Enti Locali. INAIL/Altri enti: apre la finestra per la gestione della sezione INAIL ed Altri enti Accise: apre la finestra per la gestione della sezione Accise Fine: conferma la delega effettuando i controlli e la correttezza dei singoli dati. Annulla: non conferma l’inserimento della delega o eventuali modifiche.

Sezione Erario Il cliente, in questa finestra, può inserire i dati relativi alla sezione Erario: qualora si dovessero inserire anche altri tributi, si potrà farlo contestualmente, cliccando sul pulsante relativo. Cliccando sul pulsante Fine, invece, si confermerà l’inserimento della delega. Nel caso il cliente avesse la necessità di consultare i Codici Tributi digitabili in questa sezione, può utilizzare la funzione di HELP, cliccando in testa alla colonna Codice Tributo (evidenziato in diverso colore). Sarà visualizzata la finestra con l’elenco dei codici tributi:

Nel caso, il cliente abbia la necessità di consultare i Codici Ufficio digitabili in questa sezione, può utilizzare la funzione di HELP, cliccando su Codice Ufficio (evidenziato in diverso colore). Sarà visualizzata la finestra con l’elenco dei codici ufficio:

50


Sezione INPS Il cliente, in questa finestra, può inserire i dati relativi alla sezione INPS: nel caso in cui debba inserire anche altre sezioni, può digitare successivamente il pulsante relativo oppure il pulsante Fine, per confermare la delega. Nel caso, il cliente abbia la necessità di vedere i codici sede digitabili in questa sezione, può utilizzare la funzione di HELP, cliccando sul nome Codice Sede (evidenziato in diverso colore). Sarà visualizzata la finestra con l’elenco dei codici sede:

Nel caso, il cliente, abbia la necessità di vedere le causali contributo digitabili in questa sezione può utilizzare la funzione di HELP, cliccando sul nome causale contributo evidenziato con un diverso colore. Sarà visualizzata la finestra con l’elenco dei codice sede.

51


Sezione Regioni Il cliente, in questa maschera, può inserire i dati relativi alla sezione Regioni: nel caso in cui debba inserire anche altre sezioni, potrà inserirle successivamente cliccando sul relativo pulsante, oppure il pulsante Fine per confermare la delega. Nel caso il cliente abbia la necessità di vedere i Codici regione digitabili in questa sezione, può utilizzare la funzione di HELP, cliccando sul nome Cod. Reg. evidenziato con un diverso colore. Sarà visualizzata la finestra con l’elenco dei codici regione:

Nel caso il cliente abbia la necessità di vedere un codice tributo (digitabile in questa sezione - Regione), può utilizzare la funzione di HELP cliccando sul nome Cod. Tributo evidenziato con un diverso colore. Sarà visualizzata la finestra con l’elenco dei codici tributo:

52


Sezione Enti Locali Il cliente, in questa maschera, può inserire i dati relativi alla sezione Enti Locali: nel caso in cui debba inserire anche altre sezioni, potrà inserirle successivamente cliccando sul relativo pulsante, oppure il pulsante Fine per confermare la delega. Nel caso il cliente, abbia la necessità di vedere i Codici Enti locali digitabili in questa sezione (Enti locali), può utilizzare la funzione di HELP cliccando sul nome Cod. Ente Locale evidenziato con un diverso colore. Sarà visualizzata la finestra con l’elenco dei codici Enti locali: Nel caso il cliente abbia la necessità di vedere i Codici tributo digitabili in questa sezione (Enti locali), può utilizzare la funzione di HELP cliccando sul nome Cod. Tributo evidenziato con un diverso colore. Sarà visualizzata la finestra con l’elenco dei codici tributo:

Sezione Inail/Altri Enti Il cliente, in questa finestra, può inserire i dati relativi alla sezione INAIL / Altri Enti, se deve inserire anche altre sezioni può digitare successivamente il pulsante relativo oppure il pulsante Fine per confermare la delega. Nel caso l’utente abbia la necessità di vedere i “codici sede” digitabili in questa sezione può utilizzare l’help cliccando sul nome “Codice Sede ” evidenziato con un diverso colore, verrà visualizzata la finestra con l’elenco dei codici sede.

53


Nel caso l’utente abbia la necessità di vedere i “codici ente” digitabili in questa sezione(Altri Enti) può utilizzare l’help, cliccando sul nome “Cod.Ente ” evidenziato con un diverso colore, verrà visualizzata la finestra con l’elenco dei codici ente. Nel caso l’utente abbia la necessità di vedere i “codici sede” digitabili in questa sezione(Altri Enti) può utilizzare l’help cliccando sul nome “Cod.Sede” evidenziato con un diverso colore, verrà visualizzata la finestra con l’elenco dei codici ente.

Nel caso l’utente abbia la necessità di vedere le “causali contributo” digitabili in questa sezione(Altri Enti) può utilizzare l’ “help” cliccando sul nome “Causale Contributo” evidenziato con un diverso colore, verrà visualizzata la finestra con l’elenco delle causali contributo.

54


Sezione Accise Il cliente, in questa finestra, può inserire i dati relativi alla sezione “Accise”. Se deve inserire anche altre sezioni può digitare successivamente il pulsante relativo oppure il pulsante “Fine” per confermare la delega. Nel caso l’utente abbia la necessità di vedere i “Codici Regione” digitabili in questa sezione può utilizzare l’help cliccando sul nome “Codice Regione” evidenziato con un diverso colore, verrà visualizzata la finestra:

Nel caso, il cliente, abbia la necessità di vedere i “Codici Tributo” digitabili in questa sezione, può utilizzare l’help cliccando sul nome “Codice Tributo ” evidenziato con un diverso colore, sarà visualizzata la finestra:

55


Pulsante Fine Alla pressione del pulsante Fine, sono effettuati i controlli sui dati inseriti: nel caso vengano rilevati errori, viene visualizzata una finestra di avvertimento (vedi esempio sotto). Il cliente dovrà quindi posizionarsi nella sezione indicata al fine di correggere l’errore e premere il pulsante Fine.

Altrimenti, è visualizzato l’elenco delle deleghe inserite.

In questo caso lo stato della distinta risulta “Creata”. E’ necessario associare la delega ad una distinta di pagamento. Cliccare nel menù principale la voce Gestione Distinte.

Gestione distinte Pulsanti: • •

• • • •

Pagamenti: Propone tutte le distinte per le cui deleghe è stato richiesto il pagamento da parte dell’utente. Revoche: Propone tutte le distinte per le cui deleghe è stata richiesta la revoca da parte dell’utente. Sono le deleghe di cui precedentemente è stato richiesto il pagamento, la banca le ha accettate ma l’utente non le vuole più pagare richiedendone la revoca. La revoca può essere richiesta entro tempi stabiliti se lo stato risulta “Accettata”. Nuovo: Viene abilitato se precedentemente è stato premuto il pulsante “Pagamenti” o “Revoche”. Permette la creazione di un nuova distinta di pagamento o revoca. Modifica: Viene abilitato se precedentemente è stato premuto il pulsante “Pagamenti” o “Revoche”. Permette la modifica di una distinta di pagamento o revoca che ancora non è stata presa in carico dalla banca virtuale. Elimina: Viene abilitato se precedentemente è stato premuto il pulsante “Pagamenti” o “Revoche”. Permette la cancellazione di una distinta di pagamento o revoca che ancora non è stata presa in carico dalla banca virtuale. Dettaglio: Viene abilitato se precedentemente è stato premuto il pulsante “Pagamenti” o “Revoche. Permette di visualizzare il dettaglio della distinta selezionata.

Nel caso di Inserisci e Modifica si visualizza la finestra sotto riportata:

56


A sinistra sono presenti le deleghe disponibili per creare una distinta di pagamento o di revoca. In primo luogo, il cliente deve indicare quale Banca deve provvedere al pagamento delle deleghe che desidera inserire all’interno della distinta: nella casella Ricevente (cod. ABI), saranno automaticamente proposti gli Istituti con cui il cliente intrattiene rapporti con i relativi codici SIA. Rammentiamo che il rapporto su cui sarà effettuato l’addebito dell’importo della delega, è stato inserito all’atto della generazione della singola delega. Nel caso distinta di pagamento verranno visualizzate solo quelle in stato “creata” e con “data pagamento” che rientra nei limiti previsti dalla specifica normativa. Il cliente premerà sui pulsanti “>” ,“>>” per inserire la/e delega/e nella distinta o “<” ,”<<” per eliminare la/e delega/e dalla distinta. Pulsanti: • •

Conferma: conferma l’operazione effettuata. Annulla: annulla l’operazione effettuata.

Autorizzazione Distinte La distinta per essere inviata deve essere autorizzata. Cliccare nel menù principale la voce “Autorizzazione Distinte” verrà visualizzata la finestra sotto descritta.Sono proposte le distinte che devono essere firmate. Bisognerà spuntare la/le distinta/e da autorizzare e premere il tasto “firma”. Se sono presenti distinte firmate non ancora autorizzate significa che devono essere autorizzate anche da altri operatori.

Inoltro Distinte La distinta autorizzata deve essere inoltrata. Cliccare nel menù principale la voce Inoltro Distinte verrà visualizzata la finestra sotto descritta: Propone le distinte, di pagamento o revoca, autorizzate che devono essere inoltrate. Premendo il pulsante Inoltra la distinta viene presa in carico dalla Banca Virtuale dove, tramite un diagnostico, viene effettuato il controllo di tutti i dati inseriti. 57


La risposta della Banca Virtuale può essere: ƒ

ƒ

“Distinta Estratta banca virtuale” la distinta è corretta è visibile cliccando su Gestione Distinte e premendo a seconda del tipo distinta Pagamenti o Revoche, l’evolversi degli stati della distinta si potranno visualizzare su Inserimento Distinta. “Distinta scartata” visibile cliccando su Inoltro Distinte. Le funzioni disponibili, a questo punto, sono: - Elimina: elimina la distinta scartata - Visualizza Errori: visualizza gli errori presenti nella distinta - Ripristina: ripristina la distinta.

Nel caso di errore di una o più deleghe associate ad una singola distinta effettuare le seguenti operazioni: a) b) c) d) e) f) g)

Premere il pulsante “Ripristina” Cliccare nel menù principale su “Gestione Distinte” Premere, a seconda del tipo distinta, su “Pagamenti” o “Revoche” Individuare la distinta dove sono presenti la/e delega/e errata/e Selezionare la distinta e premere il pulsante “Modifica” Per tutte le deleghe errate: selezionare la delega errata e premere il pulsante “<” Se si desidera correggere la/e delega/e - Cliccare su “Inserimento Distinta” selezionare la/e delega/e e correggere gli errori - Cliccare su “Gestione Distinte” premere il pulsante “Pagementi” o “Revoca” selezionare la distinta che era errata, premere il pulsante “Modifica”, - associare la/e delega/e corretta/e - procedere come descritto nel capitolo Autorizzazione Distinta h) Se non si desidera correggere le deleghe ma inviare la distinta con le deleghe rimanenti passare dal punto f) a quanto descritto nel capitolo Autorizzazione Distinta.

Invio Flussi Esterni Cliccare nel menù principale la voce Invio Flussi Esterni. Verrà visualizzata la finestra sotto descritta. Per la gestione dei flussi esterni è necessario inserire i seguenti campi: -

-

Lista conti: selezionare un contro corrente Lista Cod. Fiscali Titolari C/C: selezionare un codice fiscale associato al conto corrente, è possibile inserire manualmente un codice fiscale Sia: selezionare il codice SIA se il cliente ne possiede almeno di uno Nome File: tramite il pulsante “Sfoglia” è possibile selezionare il file di cui si deve effettuare l’invio. Sovrascrivi il mittente: se si desidera sovrascrivere l’anagrafica del flusso con quella presente in archivio Inoltra immediatamente le distinte importate: se si desidera autorizzare ed inoltrare automaticamente le distinte, senza eseguire ulteriori passaggi.

Il procedimento risulta analogo a quelle caricate manualmente: ƒ ƒ

“Autorizza Distinte” “Inoltro Distinte”

La differenza risulta esserci da “Inoltro Distinte”. Se nel flusso sono presenti degli errori le deleghe non possono essere modificate perché trattasi di flusso esterno. Se invece risultano corrette allora l’operatività risulta identica.

58


Per i commercialisti Per permettere l'utilizzo del servizio F24 anche ad un eventuale commercialista è stata creata la funzione per la digitazione del conto corrente appartenente al contribuente. L'attivazione della funzione al cliente spetta alla banca. Nella sezione "Inserimento dati contribuente", sarà visibile un pulsante che aprirà la maschera dove si potrà procedere con l’ inserimento delle coordinate bancarie. Il Codice Sia deve appartenere all'utente "Online Banking" (commercialista) che in questo caso ha solo la funzione di mittente dei dati. L'addebito sul conto corrente, banca passiva/attiva, deve essere autorizzato dal contribuente tramite modulo cartaceo in cui si attesta che il commercialista può utilizzae il rapporto di c/c. Questi moduli sono presenti nel sito www.associazionecbi.it nel Menù "Servizio CBI" alla voce F24 Documentazione. Il controllo dei dati inseriti è fatto solo sull'esistenza della banca su cui viene destinato l'addebito. L'utente dovrà scegliere,essendo il mittente, quale "SIA" utilizzare fra quelli censiti. Premendo il pulsante "Nuovo" il controllo torna alla maschera precedente. Il codice fiscale/partita iva del titolare del conto corrente in questo caso non deve essere digitato in quanto prenderà in automatico quello del contribuente.

La schermata dell’ “invio flussi esterni”, per queste tipologie di clienti, non varia minimamente da quella descritta nella pagina precedente. I conti presenti nel flusso non verranno controllati : all’ interno di quest’ ultimo però non ci dovranno essere rapporti appoggiati su ABI differenti.

59


Situazione Deleghe Questa funzione permette di agevolare la visione delle deleghe F24 presentate. Qui di seguito riportiamo una descrizione dei parametri di ricerca presenti: -

Codice Fiscale: CodiceFiscale/Partita Iva digitato nella sezione Contribuente Cognome/ Ragione Sociale: Cognome/ RagioneSociale digitato nella sezione Contribuente Nome: Nome digitato nella sezione Contribuente Numero Distinta Pagamento: Numero della distinta creata per la richiesta di pagamento della delega Numero Distinta Revoca: Numero della distinta creata per la richiesta revoca della delega Importo: Importo delega Data Pagamento: Data Pagamento delega Data Creazione Delega: Data creazione delega Lista Conti: Elenco conti utenti attivi/passivi di addebito deleghe appartenenti all'utente Abi: Abi libero del conto, utile se attiva la funzione di digitazione conto manuale in "Inserimento Deleghe" Cab: Cab libero del conto, utile se attiva la funzione di digitazione conto manuale in "Inserimento Deleghe" Conto: Numero del conto, utile se attiva la funzione di digitazione conto manuale in "Inserimento Deleghe" Flusso Esterno: Indica se la provenienza della delega è da flusso esterno Sezioni: Permette di filtrare le deleghe per sezione avvalorata

Stato deleghe.Permette di filtrare le deleghe per tipologia di stato: • Creata: la delega è stata creata tramite la funzione Inserimento Delega, modificabile • Associata a distinta di pagam.: è stata creata la distinta (Gestione Distinte, nuova distinta di pagamento) per effettuare l'invio alla banca, lo stato permane fino a che la banca non risponde (si ricorda che la distinta deve essere in seguito autorizzata ed inoltrata tramite le apposite funzioni). Non modificabile, dissocciarla dalla distinta se stato scartata o non aut. • Delega accettata: la delega è stata accettata dalla banca (stato precedente "Associata a distinta di pagam"). Non modificabile • Delega rifiutata: la delega è stata rifiutata dalla banca (stato precedente "Associata a distinta di pagam"). Non modificabile • Associata a distinta di revoca: è stata creata la distinta (Gestione Distinte, nuova distinta di revoca) per effettuare l'invio alla banca, lo stato permane fino a che la banca non risponde (si ricorda che la distinta deve essere successivamente autorizzata ed inoltrata tramite le apposite funzioni), per assumere il seguente stato la delega deve essere in precedenza accettata. Non modificabile • Revoca accettata: la revoca è stata accettata dalla banca (stato precedente "Associata a distinta di revoca"). Non modificabile • Revoca rifiutata: la revoca è stata rifiutata dalla banca (stato precedente "Associata a distinta di revoca"). Non modificabile • Delega pagata: la delega è stata pagata dalla banca (stato successivo a Delega Accettata o Revoca Rifiutata). Non modificabile • Delega non pagata: la delega non è stata pagata dalla banca (stato successivo a Delega Accettata o Revoca Rifiutata). Non modificabile

60


Situazione distinte Questa funzione permette di agevolare la visione delle distinte presentate. Qui di seguito riportiamo una descrizione dei parametri di ricerca presenti: -

Numero Distinta: Numero della distinta di invio deleghe Importo: Importo totale della distinta (ad una distinta possono appartenere più deleghe) Data Creazione: Data Creazione della distinta inserita dalla funzione "Gestione Distinte" pulsante "Pagamenti" o "Revoche". Data Inoltro: Data di invio distinta alla banca Numero Deleghe: totali deleghe appartenenti alla distinta Flusso Esterno: Visualizza le distinte importate da flusso esterno Tipo Distinta:Visualizza le distinte di pagamento o di revoca Lista Abi Ricevente: Abi dei propri conti attivi/passivi a cui possono essere inviate le deleghe Abi: Se l'utente ha la funzione di digitazione conti attiva può inserire l'abi del conto di addebito

Stati distinte. Permette di filtrare le deleghe per tipologia di stato: • non aut.: risulta essere creata tramite funzione "Gestione Distinte" • autorizzata: risulta essere autorizzata tramite funzione "Autorizzazione Distinte", stato precedente "non. aut." • inoltrata: risulta essere richiesto l'invio alla banca tramite funzione "Inoltro Distinte", stato precedente "autorizzata" • estratta banca virtuale: la distinta è presa in carico dalla banca, stato precedente "inoltrata" • scartata banca virtuale:la distinta è presa in carico dalla banca ma causa errori viene respinta, stato precedente "inoltrata" Nella finestra di Elenco Distinte sono presenti le distinte risultanti dai parametri impostati dalla schermata principale.

Cliccando sul numero della distinta si apre la finestra con il dettaglio della Distinta.

61


Cliccando sul numero delle deleghe si apre la finestra con l'elenco delle deleghe associate alla distinta.

Cliccando sul numero delega si apre la finestra dove è presente il dettaglio della delega.

Check POS E’ un prodotto che si rivolge ai titolari d’esercizi commerciali, consentendo loro di poter effettuare, in autonomia ed in modalità dinamica, aggregazioni statistiche circa l’operatività dei propri punti vendita. La funzionalità non è On-Line in quanto l’estrazione dei dati avviene tramite fasi eseguite quotidianamente durante le elaborazioni notturne. Il servizio è attivabile per i clienti Relaxbanking che sono intestatari di uno o più codici esercente. 62


Sono visualizzabili i seguenti dati: Elenco movimenti bancomat giornalieri Elenco totali mensili per tipologia di carte.

Nota bene: vengono mantenuti in essere i movimenti degli ultimi 3 mesi + il mese in corso. Alla pressione del pulsante CHECK POS dal menù servizi, si aprirà la finestra di fianco riportata. Ad ogni cliente cui è stato attivato il servizio, CHECK POS corrisponde uno o più esercenti, a sua volta per ogni esercente corrispondono uno o più negozi. Il cliente può scegliere la visualizzazione dei dati di uno o tutti gli esercenti effettuando la selezione tramite l’apposito menù a tendina Liste esercenti.

Una volta effettuata la scelta è visualizzata, a titolo informativo, la figura che segue dove è riportata la lista dei negozi.

63


consente Il bottone la visualizzazione dei totali mensili suddivisi per tipologia di carta, dove il cliente può impostare i parametri di ricerca per la visualizzazione dei dati: Negozi: scelta di visualizzazione dei dati di uno o più negozi contemporaneamente Carte: scelta di visualizzazione dei dati di una o più carte contemporaneamente Da Data: data inizio ricerca A Data: data fine ricerca.

Il tipo di ricerca può essere impostato per: Totali Carte per periodo: elenco dei totali mensili (numero operazioni con relativi importi), suddivisi per carte per il periodo selezionato ed il totale (somma di tutte le operazioni ed importi) nella parte finale. Se fosse stata richiesta la visualizzazione di più negozi, è aggiunta la colonna con l'intestazione del negozio per indicare il riferimento del negozio.

64


Totali per Carte: elenco dei totali suddivisi per carte per il periodo selezionato nei “Totali carta per periodo” ed il totale (somma di tutte le operazioni ed importi) nella parte finale. Sarà evidenziata una riga per tipologia di carta se esistono movimenti per quella tipologia.

Totali per negozi: questa selezione è utile se si visualizzano contemporaneamente i dati di più negozi. Elenco dei totali suddivisi per i negozi per il periodo selezionato nei “Totali carta per periodo” ed il totale (somma di tutte le operazioni ed importi) nella parte finale. Ci sarà una riga per negozio se esistono movimenti per quel negozio.

Totali per carte e negozi: questa selezione è utile se si visualizzano contemporaneamente i dati di più negozi. Elenco dei totali suddivisi per carte e negozi per il periodo selezionato nei “Totali carta per periodo” ed il totale (somma di tutte le operazioni ed importi) nella parte finale. Ci sarà una riga per tipologia di carta e negozio se esistono movimenti per quel tipo di carta e per quel negozio.

65


è possibile Con il bottone visualizzare i movimenti giornalieri relativi alle carte Bancomat, dove il cliente può impostare i parametri di ricerca per la visualizzazione dei dati: Negozi: scelta di visualizzazione dei dati di uno o più negozi contemporaneamente. Carte: scelta di visualizzazione dei dati di una o più carte contemporaneamente. Da Data: data inizio ricerca. A Data: data fine ricerca. Da Importo: Importo minimo di ricerca. L'importo cercato sarà maggiore o uguale all'impostato. A Importo: Importo massimo di ricerca. L'importo cercato sarà minore o uguale all'impostato. Il tipo di movimento può essere impostato per: Tutti: saranno visualizzati tutti i movimenti Effettivi: saranno visualizzati solo i movimenti in essere. Storni: saranno visualizzati solo gli storni.

Il resoconto, in base al periodo selezionato, apparirà come riportato nell’immagine di fianco.

66


Info Impresa INFO IMPRESA è un servizio orientato a tutta la clientela Corporate, Small Business e di liberi professionisti. INFO IMPRESA è un servizio fruibile dalla clientela all’interno della “Toolbar” del RELAXBANKING SSO di facile consultazione che offre informazioni professionali online di tipo commerciale, burocratico e finanziario. Il servizio è particolarmente utile per le imprese che vogliono valutare eventuali partner d’affari, in quanto offre loro informazioni aggiornate utili per verificare l’affidabilità e la solvibilità dei soggetti osservati; il servizio permette inoltre, di scegliere tra più di 2.000 attività commerciali per reperire tutte le informazioni e la modulistica necessaria all’apertura di una nuova attività d’impresa. I servizi offerti includono: Informazioni Camerali, Informazioni Finanziarie, Bilanci Aziendali, Informazioni Burocratiche e Report Integrati. INFO IMPRESA è semplice ed economico in quanto attraverso un unico accesso si ha la consultazione di materiale informativo proveniente da più fornitori inserito all’interno del RELAXBANKING SSO. Attraverso un’unica interfaccia web il cliente riceve tutte le informazioni senza dover sottoscrivere accordi con i vari fornitori d’informazioni. In INFO IMPRESA confluiscono attualmente i servizi di Information Providers estremamente qualificati: CRIF Business Information Services S.p.A., GEST S.r.l., Milano Finanza e ASSEFORCAMERE. Inoltre sono previsti in futuro accordi con altre società per offrire nuovi servizi sempre più qualificati. Il costo del servizio per il cliente, è legato all’effettivo utilizzo. Per una maggiore trasparenza, un listino prezzi online elenca i costi di ogni singola operazione. Per quanto concerne il pagamento, l’addebito avviene con modalità posticipata, direttamente da parte di Infogroup sul conto corrente del cliente. Il cliente, per accedere al servizio, deve sottoscrivere tramite la Banca un contratto con Infogroup S.p.A.: la stampa del contratto avverrà automaticamente al momento dell’attivazione del cliente. Il contratto tra Infogroup ed il cliente finale dovrà essere conservato presso la Banca. Questo dovrà essere reso disponibile ad Infogroup nel caso di specifica richiesta o d’eventuali contestazioni. Nell’ottica di snellire gli adempimenti e i relativi costi dell’operatività amministrativa, per la stampa, l’affrancatura, l’imbustamento e la spedizione delle fatture, è stato pensato di incaricare Infogroup nel espletare tali attività nei confronti della clientela. L’addebito al cliente del corrispettivo dovuto ad Infogroup avverrà sul conto corrente riportato a margine del contratto nella parte riguardante la disposizione d’addebito permanente sottoscritta dal cliente, mediante notifica di fattura che potrà avvenire nella modalità scelta: posta ordinaria, via e-mail o via Internet con stampa direttamente all’interno del servizio. Per i clienti che nell’arco del mese hanno superato un’ importo di € 70,00 la fatturazione avverrà mensilmente. 67


Nell’eventualità in cui il cliente non superi nel mese l’importo di € 70,00 la fatturazione al cliente slitterà fintanto che il cliente non superi la soglia dei € 70,00 e comunque non oltre i tre mesi. Per ricapitolare quanto sopra illustrato di seguito si schematizza con degli esempi: • se il cliente nel mese di maggio spende € 68,00 a giugno € 40,00 la fattura da parte di Infogroup verrà fatta al cliente i primi giorni di luglio; • se il cliente nel mese di maggio spende oltre € 70,00 la fattura verrà fatta da Infogroup i primi giorni di giugno; • se il cliente spende a maggio € 20,00 a giugno € 10,00 e a luglio € 25,00 (il cliente non ha superato nei tre mesi € 70,00) Infogroup fatturerà comunque al cliente i primi giorni di agosto quello che il cliente ha consumato nel trimestre € 55,00. Servizi offerti:

Servizio INFO CAMERALI (Provider - CRIF BUSINESS INFORMATION SERVICES S.p.A.) Servizi offerti: • Pregiudizievoli • Protesti • Soci e Partecipazioni • Registro Imprese: • Visura ordinaria • Visura storica

Servizio Bilanci (Provider - GEST S.r.l.) Servizi offerti: • Bilancio: • sintetico • sintetico con indici • integrale • integrale comparato • Bilanci ottici: o completo o solo Prospetto Contabile o solo Nota Integrativa

Servizio Report Integrati (Provider - GEST S.r.l.) Servizi offerti: • Report Base • Report Base Rating • Report Pro • Report Pro Rating

Servizio Info Burocratiche (Provider – ASSEFORCAMERE Soc. Con. A r.l.) Servizi offerti: • Info Burocratiche

Servizio Informazioni Finanziarie (Provider – Milano Finanza) Servizi offerti: • Informazioni Finanziarie

Servizio INFO PROFESSIONALI (Provider - zucchetti.com) Servizi offerti: • Info Professionali 68


Impresa