Issuu on Google+

CISL

Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori FEDERAZIONE NAZIONALE DELLA SICUREZZA LA SEGRETERIA NAZIONALE

Roma, 9.1.2013 00185 Roma – Via dei Mille, 36 Tel. (06) 4469831 – 4457113 – 4940558 Fax 4450621 E-mail: fns@cisl

Mannone(FNS CISL) la Corte Europea ha sentenziato su ciò che denunciamo da anni sull’emergenza carceri. “La sentenza sulla violazione dei diritti umani, tortura e trattamento disumano o degradante inflitta dalla Corte europea per i diritti dell'uomo nei confronti dell'Italia appare inequivocabile e purtroppo attesa” dichiara il Segretario Generale della FNS CISL Pompeo Mannone successivamente alle notizie della sentenza di Strasburgo. “Ribadiamo quello che la FNS CISL ha sempre sostenuto” continua il Segretario Generale della FNS CISL “ovvero che il problema del sistema penitenziario italiano rappresenta l'apice del malessere che in profondità colpisce l'intera giustizia italiana. Il mal funzionamento del processo penale italiano, l'uso eccessivo delle misure di custodia cautelare in carcere e la poca propensione verso le misure alternative alla detenzione ne costituiscono alcuni esempi”. “Confidiamo in una assunzione di responsabilità e di impegno da parte del prossimo Governo che si traducano in fatti concreti e immediati che riporti la problematica del carcere al centro dell'attenzione del Parlamento e che affronti il problema carcere nella sua più completa organicità. Colpendo in maniera radicale la piaga del sovraffollamento e di conseguenza da un lato si garantisca la dignità dei detenuti nella esecuzione della pena e dall'altro si ristabiliscano quelle essenziali e imprescindibili normali condizioni di lavoro per il personale penitenziario che oggi sono pesantissime con turni di lavoro massacranti.” Conclude Mannone Ufficio stampa FNS CISL


Cisl FNS Sardegna