Issuu on Google+

ISSUE 03 APRILE 2011 FREEPRESS

Pill3.indd 1

27-03-2011 18:49:47


Round TWO

EDITORIALE Ispo 2011

CONTENTS PAGINA 2

Editoriale

PAGINA 4-12 Daily Dose

PAGINA 13

Daily News

PAGINA 14-16

Product Focus

PAGINA 18

Web & Shop Statisticks

PAGINA 20 ISPO REPORT Adidas Eyewear (Pagina 22) Amplid Boards & Skis (Pagina 23) Elan / Artec Snowboards (Pagina 26) Bataleon / Yes / Celsius / Flux (Pagina 27) Blackhole Boards (Pagina 28) Dainese Protection (Pagina 29) Drake Snowboards (Pagina 30) DC Shoe Co Usa (Pagina 31) Flow / Armada / Ripcurl (Pagina 32) Head Snowboards (Pagina 33) Hostile Snowboards (Pagina 34) Icon Snowboards (Pagina 35) Jones Snowboards (Pagina 35) Level & Bliss Gloves (Pagina 36) Lib Tech & Gnu (Pagina 37) Oakley Goggles (Pagina 37) Nike Snowboarding (Pagina 38) Nitro Snowboards (Pagina 40) Oxbow: Revolt Jacket (Pagina 41) K2 & Ride Snowboards (Pagina 42) Rough Snowboards (Pagina 43) Rome Snowboards (Pagina 44) Salomon Snowboards (Pagina 45) Spy Optics (Pagina 45)

PAGINA 46

Zero G Shop

COLOPHONE EDITOR

Denis Piccolo, Paolo Salvatore, Cristian Murianni

DIRETTORE

Denis Piccolo denis@jpgedizioni.com

COORDINAMENTO EDITORIALE Nicolò Balzani nik@jpgedizioni.com

ART DIRECTOR Silvia Zucchiatti (CoreNetwork Ufficio Stampa Zimtstern in Italia) con Corinne Lammer (Zimtstern Pr Head Manager)

George Boutall george@evergreendesignhouse.com

CONTRIBUTORS

Enrico Santillo / enrico@jpgedizioni.com

WEB LIKEMILK.COM

A1 - A2 - A5 - A1... Battaglia navale? Strani formati di stampa? Molto più semplicemente i padiglioni dell’Ispo, quelli percorsi dalle suole delle mie scarpe... un andirivieni continuo, un chiaccherio continuo, un saluto continuo in tutte le lingue che il mio cervello conosce. Stand, riders, managers, dealers, tutti carichi di attese e tirati a lucido per non farsi sfuggire nulla, niente e nessuno. C’è chi ritorna a casa arricchito di sapere, chi impoverito di energie, chi con ottimi feedback e chi con pessimi ricordi... ma l’Ispo rimane la vetrina più importante per farsi notare nel mercato, comunque e sempre, e questo 2011 non ha fatto eccezione, anzi. Dubbi? Andatevi a sfogliare le pagine di questo nuovo numero per farli svanire! Nicolò Balzani

Nicolò Balzani / nik@jpgedizioni.com Enrico Santillo / enrico@jpgedizioni.com

PHOTO SENIOR

Roberto Bragotto

DIRETTORE COMMERCIALE

Paolo Salvatore paolo@jpgedizioni.com

CONTATTI ESTERI

Martina Minetti

FOTOGRAFI & FILMER

Denis Piccolo, Murio, Andrea Rigano Cristian Scalco, Alessandro Belluscio

EDITORE

JPG edizioni Via Colle di Andromeda, 4 65016 MONTESILVANO (PE) Tel. (085) 9151471 - Fax (085) 9151230 P.IVA: 01875110684 www.likemilk.com | benvenuti@jpgedizioni.com

STAMPA

Grafiche Ambert Verolengo - TO - 011.2495371

DISTRIBUZIONE

FreePress Sequence Snowboarding rivista mensile registrata al tribunale di Pescara il 14/05/2003 al numero 173/5

COVER

Matias Radaelli - Drake - Ph: Anton Epelde

2 Pill3.indd 2

27-03-2011 18:49:52


DOUBLE DECADE

Pill3.indd 3

27-03-2011 18:49:56


Daily DOSE

THIRTYTWO: VINCE L’ISPO BOARD-SPORTS AWARD

La tavola di Nima Jalali ritorna con una nuova veste grafica e si preannuncia ancora più cattiva per un jibbing veramente senza limiti. Da quest’anno anche in versione Mini per i piccoli ripper che vogliono spakkare fin da subito! Disponibile nelle misure: 95, 105, 115, 125, 135, 148, 154, 156, 159 cm

www.thirtytwo.com

BONFIRE: TIMBERLINE LTD JACKET www.bonfiresnowboarding.com

Distribuito da: Snow Time srl Tel. 0445621023 | snow_time@libero.it

BATALEON: WHATEVER www.woodmorning.eu

Thirtytwo è orgogliosa di annunciare di aver vinto il premio ISPO Boardsports 2011Award con la Reppin Hoodie dotata dell’incredibile brevetto Sti REPEL™! Largo quindi alla tecnologia STI REPEL™ che per la stagione 2011/2012 sarà utilizzata su ben 3 modelli di felpe, la Reppin, la Northern Lights e la Amer e sul pantalone tecnico skinny fit Kermit, della Cascade collection.

Amplid Snowboards: Dopamine

Ispirata ad una polo a righe con un raffinato design da usare non solo sulla neve ma anche tutti i giorni. Size: XS-M-L-XL-XXL

www.amplid.com

Distribuito da: Amer Sports Italia S.p.a Tel. 0422 5291

BURTON: MR. NICE GUY

Distribuito da: Friendistribution Tel. 0564.21366 | info@friendistribution.it

www.burton.com

THIRTYTWO BOOTS: 86FT SERIES 2012

Non importa che tipo di condizioni incontrerete, o la tipologia di terreno che vi accingete ad affrontare, qualsiasi sia il vostro livello di riding la Whatever vi saprà soddisfare. Nuovo Freestyle TBT shape, per una tavola twin amante anche dell’all mountain, con Lightning edges per cambi lamina veloci e precisi, flex medio ed un pop vigoroso. Whatever, whenever, wherever questa tavola vi saprà condurre in tutte le direzioni, nessun problema. Disponibile nelle misure: 150, 153, 156, 158w, 159.

www.thirtytwo.com

Tavola True Twin, con Jibrocker e anima in materiale riciclato WDT Polywood. Offre pure performance freestyle e jibbing ad un prezzo ragionabile. Tutti i prodotti Amplid sono realizzati ni Europa! Disponibile nelle misure 147, 150, 153 e 156 cm.

Distribuito da: Wood Morning S.r.l. Tel. 06 43251922 | wmorning@gmail.com

BLACK HOLE: V SKATE www.blackholesnowboards.com

Distribuito da: ABC Distribution srl. Tel. 0463/422401 | italy@amplid.com

La tavola di Keegan Valica per andare ovunque, True Twin Shape e la tecnologia Squeezebox… Disponibile nelle misure: 152, 155, 157 wide, 158, 160 cm

ARTEC SNOWBOARDS: NIMA JALALI Il modello 86FT, scelto dai rider Joe Sexton e Chris Grenier che ne hanno fatto un loro pro-model, è uno scarpone Confort Fit dal flex medio morbido per un feelig massimo con le strutture che vi passeranno sotto la soletta. Coloratissimo sarà disponibile anche in una linea ladies di cui Anne-Flore Marxer è la testimonial già da questa stagione!

Distribuito da: Sport Agency Tel. 00800 28786613 | info@burton.it

www.artecsnowboards.com

BURTON: MALAVISTA EST www.burton.com

Distribuito da: Friendistribution Tel. 0564.21366 | info@friendistribution.it

APO SNOWBOARDS: COIN COIN www.apo-snow.com

Tavola freestyle, che non disdegna affatto il jibbing come la pista! Il pro model del vincitore dello Stop It di Modena, Gerome Mathieu, ritorna in versione rocker e con una grafica originale, scelta dal rider stesso. Disponibile nelle misure 154, 156, 158 cm.

La V Skate raccoglie la pesante eredita dell’Escape Banana, top sellers by Black Hole, sempre con shape Twin Tip e camber inverso ma dalla grafica skate style.

Il meglio della tecnologia inserita in questo attacco per la stagione 2011/2012 con la piastrabase flessibile EST, Heel Hammock per fare aderire al meglio lo scafo all’attacco e i pad con sistema Autocant… come pretendere di più!

Distribuito da: Friendistribution Tel. 0564.21366 | info@friendistribution.it

Distribuito da: D.P.S. Srl | Tel. 0342 610365 info@blackholesnowboards.com

Distribuito da: Sport Agency Tel. 00800 28786613 | info@burton.it

4 Pill3.indd 4

27-03-2011 18:50:03

ADV se


DAINESE.COM

PRESENTED AT

SECOND SKIN JACKET

Removable collar with balaclava cap for emergency use Air vents on shoulders

Removable soft Pro-Shape protectors (Certified to CE EN 1621.1)

Internal Primaloft® One padding Internal pocket for mp3, wallet, goggles and gloves D-Dry® membrane (20.000 mm water column) Special 4 way stretch waterproof fabric Cuff with innovative elastic adjustment system and snap closing

DAINESE SECOND SKIN, FIRST ON THE SNOW. As a world’s first, Dainese presents a revolutionary protector built into the garment that is capable of adapting to the shape of the body. Pro-Shape protectors on the shoulders and elbows are certified to European Standard EN 1621.1/97 and combine protection with maximum flexibility and comfort.

5 ADV second Pill3.indd 5 skin 250x350.indd 2

11/03/11 18.14 27-03-2011 18:50:03


Daily DOSE

CAPITA SNOWBOARDS: HORRORSCOPE FK www.capitasnowboarding.com

Innovativo sotto guanto Dainese con inserti protettivi rigidi in PU su nocche dorso, polso, nocche dita e palmo. Particolare costruzione a tre placche a protezione del mignolo con tecnologia DCP. La costruzione di questo sotto guanto in lycra permette di indossarlo sotto qualunque guanto tradizionale, assicurando così una protezione non invasiva.

FLOW SNOWBOARDS: DRIFTER www.flow.com

FORUM SNOWBOARDS: THE DESTROYER www.forumsnowboards.com

Distribuito da: Dainese S.p.a Tel. 0444224100 | info@dainese.com

DC SHOES: CEPTOR www.dcshoes.com

La Horrorscope Fk era nata come tavola ad edizione limitata, invece, è diventata una delle più vendute di casa Capita. Vincitrice nel 2010 del Good Wood by Transworld Snowboarding si ripresenta per essere la tavola da jibbing per rider che sanno quello che vogliono. Disponibile nelle misure: 145, 147, 149, 151, 151 wide cm Distribuito da: A4 Distribution Tel. 0342 683494 | info@a4distribution.it

Il più versatile boot del pianeta si presenta con un sistema di allacciatura tradizionale come piace a Devun Walsh e Lauri Heiskari, i pro rider Dc che lo indosseranno per tutta la stagione 2011/2012. Distribuito da: California Sport Tel. 011.92.77.943 | info@californiasport.it

ELECTRIC: EG2 DAINESE: GT HELMET

www.electricvisual.com

La nuova Drifter è la tavola per tutti i rider e per tutte le occasioni, costruita con fibre di basalto combinate a strisce di gomma sotto le estremità degli attacchi per garantire il pieno controllo della tavola anche nelle situazioni più estreme. Pop Cam, miscela espoliva di rocker e camber! Grafica by La Og Abel uno degli artisti più fashion d’America! Distribuito da: Oberalp Tel. 0471 242900 | info@oberalp.it

FLOW SNOWBOARDS: NXT FSE www.flow.com

www.dainese.com

Tavola scelta da Mr. Simon Gruber per il prossimo inverno è possibile trovarla nella versione con camber tradizionale oppure con Double Dog per un park riding super aggressivo! Disponibile nelle misure: 148, 152, 154, 154 wide, 156, 156 wide, 158, 158 wide cm Distribuito da: Sport Agency Tel. 339 1224105 | info@theprogram.com

FOURSQUARE OUTERWEAR: TRADE www.foursquareouterwear.com

Maschera Oversize a lente sferica colorata con una realizzazione grafica veramente innovativa e firmata da art design di successo. Disponibile anche nei modelli realizzati per Andreas Wiig e Jikka Backstrom! Distribuito da: Comvert Srl Tel. 0240708037 | electric@comvert.com Innovativo casco Gran Turismo Dainese in policarbonato, omologato secondo la normativa europea 1077 type A. Si caratterizza per una presa d’aria basculante collocata nella zona frontale. La presenza di due estrattori posteriori facilita la fuoriuscita del vapore acqueo prodotto durante l’utilizzo. Il bordo frontale deformabile assicura un perfetto sealing con la maschera.

FIDELITY: REVOLUTION DJ www.woodmorning.eu

L’attacco più semplice e facile da calzare sul mercato torna con una costruzione leggerissima e super performante! Base in alluminio forgiato, Power Strap morbida ma resitente e pads anti shock… impossibile chiedere di più! Distribuito da: Oberalp Tel. 0471 242900 | info@oberalp.it

FORUM SNOWBOARDS: REPUBLIC

Distribuito da: Dainese S.p.a Tel. 0444224100 | info@dainese.com

www.forumsnowboards.com

Distribuito da: Sport Agency Tel. 339 1224105 | info@theprogram.com

GLORYFY www.gloryfy.com

DAINESE: UNDERGLOVE PRO www.dainese.com

Perché Fidelity ha chiamato questa borsa Revolution Dj? Non è difficile capirlo, questa borsa è progettata proprio per coloro che della musica ne fanno un mestiere! Vuoi mettere presentarti con la tua Revolution Dj Stereo bag …tutto un altro stile! Oltre alle casse incorporate ha uno compartimento protetto porta pc, uno scompartimento porta vinili, grandi tasche laterali per le tue cuffie da dj, e frontali per la tua organizer! Vi chiederete come abbiate fatto senza!

Grafica dark per essere super cattivo dalla testa ai piedi… il tutto con il top delle tecnologie by Forum Good Vibes, che hanno portato questo attacco ad essere uno dei più performanti in commercio.

Gli occhiali indistruttibili! Li puoi piegare e infilare in tasca senza il minimo problema e ritorneranno sempre nella posizione d’origine. Prodotto innovativo da tenere sott’occhio per il prossimo inverno… sarà una nuova moda?

Distribuito da: Wood Morning S.r.l. Tel. 06 43251922 | wmorning@gmail.com

Distribuito da: Sport Agency Tel. 339 1224105 | info@theprogram.com

Distribuito da: Oberalp Tel. 0471 242900 | info@oberalp.it

6 Pill3.indd 6

27-03-2011 18:50:21


7 Pill3.indd 7

27-03-2011 18:50:23


Daily DOSE

GNU SNOWBOARDS: PARK PICKLE www.gnu.com

Il nuovo modo per divertirsi! All’Ispo hanno girato tra i padiglioni attirando l’attenzione di tutti. Un nuovo stile di interpretare lo skatepark!

JONES SNOWBOARDS: FLAGSHIP www.jonessnowboards.com

LIB TECH: TRAVIS RICE PRO www.lib-tech.com

HOSTILE: EXCUSE www.hostile.it

Tavola con tecnologia a due raggi di curvatura differenti e Banana Btx camber per spingere al massimo in park, il tutto garantito dal brand più rivoluzionario degli ultimi 10 anni! Anche con la nuova veste grafica green fluo denominata Forest Bailey! Disponibile nelle misure: 147, 150, 153, 156, 156 wide, 159, 159 wide cm Distribuito da: Holy Sport Tel. 0584 913743 | info@holysport.com

Dopo anni di duro lavoro Hostile è riuscita a creare un nuovo attacco all’avanguardia, capace di soddisfare le esigenze di qualsiasi rider. La reattività della base e il grande appoggio dello spoiler regalano potenza e feeling sin dalle prime curve. L’Airpad posto sotto il tallone ammortizza gli atterraggi grossi e imprime sicurezza sul duro! Distribuito da: Hostile Snowboard Tel: 0174597316 | info@hostile.it

HOSTILE: PARK www.hostile.it

HEAD SNOWBOARDS: FORCE I KERS

Quest’inverno il marchio del mito del freeride Jeremy Jones è andato benissimo e il prossimo anno propone ancora più tavole Split, come la Hovercraft che è in commercio anche nella versione standard. Disponibile nelle misure: 152, 156, 160 e 156 Split. Distribuito da: Wave Distribution Tel. 347 4999218 | alex@wavedistribution.it

K2 SNOWBOARDS: NATIONAL www.k2snowboarding.com

www.ridehead.com

Il Park è una delle scarpe più gettonate della collezione Hostile. Il suo flex intermedio la rende molto polivalente e adatta a tutti i tipi di rider! La sua scarpetta termoformante prenderà la forma del tuo piede in un nanosecondo! Distribuito da: Hostile Snowboard Tel: 0174597316 | info@hostile.it

INVICTA: THE ACTIVE EXPERIENCE GLOVE www.invicta.it

Tavola dotata del Kers, sistema di fibre posizionate nel Nose e nel Tail che permette alla tavola di rispondere ad ogni imput, riuscendo a dare una maggiore spinta per l’Ollie! Grafica disegnata a mano in ogni singolo esemplare dai pro rider Head! Disponibile nelle misure: 149, 153, 156, 159, 162 cm

Nuovissimo attacco di casa K2 con Tweakback™ Hightback in urtano e Harshmellow Shockpads™ che permettono una mobilità e una compattezza mai provati prima! Disponibile nella due colorazioni: Blue, White. Distribuito da: The Group Distribution 0536 60731 | info@thegroupdistribution.it

K2 SNOWBOARDS: UFO www.k2snowboarding.com

Siete pronti a vedervi questa tavola ai piedi di Travis Rice nel suo prossimo video in uscita in autunno? Nel mentre potete impossessarvene per poter spakkare come il suo creatore! Da provare anche nella versione Banana Hammock, Split e Horsepower! Disponibile nelle misure: 153, 157, 161.5 3 164.5 cm Distribuito da: Holy Sport 0584 913743 | info@holysport.com

NITRO SNOWBOARDS: REDUCER www.nitro.it

Nuovo boots che si basa sulla nuova tecnologia Reducer che permette di diminuire al massimo tutti gli ingombri in eccesso per garantire una risposta immediata e impareggiabile. Distribuito da: Nitro Distribution Italia nitro@nitro.it

NITRO SNOWBOARDS: PHANTOM www.nitro.it

Distribuito da: Mares Spa Tel. 0185 20111 | info-head@it.head.com

FREELINE SKATES www.freelineskates.com

Il top dei materiali per performance, vestibilità e comfort, impareggiabili. Guanto in tessuto Gore-Tex®, imbottitura Thinsulate™ Supreme ed isolamento Thermolite Micro®. Per quei rider che fanno dello snowboard una filosofia di vita, e non vogliono che il guanto sia da meno.

Nuovo boots di K2 con sistema Double Boa® per una regolazione immediata sia della scarpetta interna che della tomaia esterna, costruzione sul tallone in materiale shock absorbing Harshmellow. Lo scarpone da veri extraterrestri!

L’attacco che da anni domina i park di tutto il mondo è stato rivisto e migliorato con un nuovo spoiler, nuova base e nuovi pads anti shock. Per tutti i rider che sanno cosa vogliono!

Distribuito da: Invicta S.p.a. Tel. 011 9970511 | info@invicta.it

Distribuito da: The Group Distribution 0536 60731 | info@thegroupdistribution.it

Distribuito da: Nitro Distribution Italia nitro@nitro.it

8 Pill3.indd 8

27-03-2011 18:50:37


Pill3.indd 9

27-03-2011 18:50:39


Daily DOSE

NITRO SNOWBOARDS: LOVE www.nitro.it

mortizzazione continua e costante durante la surfata, mentre il sottile strato di gomma naturale garantisce un’ottima presa in tutte le condizioni di neve e ghiaccio.

QUIKSILVER: CANDIDE THOVEX JACKET ROME: MOB www.quiksilver-europe.com

www.romesnowboards.com

Distribuito da: Northwave S.r.l Tel: 0423 2884 | info@northwave.com

DRAKE: URBAN www.northwave.com

Il campione del mondo in carica di freeride Candide Thovex ha disegnato un look semplice, che riflette il suo playground: tripla striscia a blocchi di colore, e diverse sfumature di verde abbinate e combinate al bianco ghiaccio. La sua giacca porta il simbolo del leone, il suo animale totem, ed è realizzata in Quiktech 10.000. Distribuito da: Haapiti Srl | 02 39005065 showroom.milano@quiksilver-europe.com

Rivisitazione grafica delle T1 153! Tavola realizzata in collaborazione con l’omonima crew austriaca, produttrice di video snow e capi di abbigliamento alternativo.

QUIKSILVER: MATHIEU CREPEL JACKET

Il nuovo bindings di Rome, con tecnologia VRod BasePlate che permette all’attacco di adattarsi immediatamente al flex e al tipo di camber della tavola! Leggero e performante proprio quello che ci voleva! Distribuito da: Option Srl Tel. 06 97606206 | info@option.it

ROME: LIBERTINE www.romesnowboards.com

www.quiksilver-europe.com

Distribuito da: Nitro Distribution Italia nitro@nitro.it

NITRO SNOWBOARDS: ABARTH www.nitro.it

Leggerissimo boot, disponibile anche con il nuovo sistema da allacciatura rapida PureFlex Lacing System, fa dello skate style il suo punto forte. Disponibile nelle colorazioni: Black, Brick Red, Lucite/Black. La tavola per tutti i jibber! Disponibile sia in versione classic camber che flat! Per raggiungere, sempre e comunque, nuovi livelli di divertimento e dominare il park. Disponibile nelle misure: 149, 153, 156, 158 cm Distribuito da: Northwave S.r.l Tel: 0423 2884 | info@northwave.com

DRAKE: SUPER SPORT www.northwave.com

L’ambasciatore di Quiksilver per la preservazione delle montagne Mathieu Crepel firma una linea dall’eco-design, realizzata al 100% in poliestere riciclato. Graficamente, Mathieu ha scelto il tema “revival” in memoria del suo primo viaggio in Groenlandia, realizzata in tessuto Quiktech 10.000.

Distribuito da: Option Srl Tel. 06 97606206 | info@option.it

RIDE SNOWBOARDS: DH www.ridesnowboards.com

Distribuito da: Haapiti Srl | 02 39005065 showroom.milano@quiksilver-europe.com

QUIKSILVER: UTILITY LINE www.quiksilver-europe.com

Nata dalla collaborazione tra Abarth e Nitro, questa tavola è in edizione limitata, ed è implementata con il massimo delle tecnologie by Nitro per il 2011/2012. Disponibile nelle misure: 157, 159 e 162 cm. Distribuito da: Nitro Distribution Italia nitro@nitro.it

NORTHWAVE: DECADE RM www.northwave.com

Lo scarpone Decade RM, fa parte del pacchetto di prodotti dedicati al pro rider finlandese Risto Mattila. La suola del nuovo Decade garantisce un miglior confort e un minor peso. La balestra consente un’am-

Il nuovo SuperSport, con l’avanzatissimo Bridge Design, contiene il massimo delle tecnologie by Drake! Una risposta super veloce, leggerezza e comfort che permetteranno di dare il massimo in pipe come nel freeride! Disponibile anche nella versione Mint firmata da Antti Autti... per poter rideare come un vero pro.

La linea Utility è un incrocio tra lo street style e i codici del surf, un viaggio tra i versanti brulli dell’Argentina per incontrare la leggenda dello snowboard Serge Vitelli… Il risultato è un mix di generi diversi e originalità. Questa linea è realizzata con il miglior comfort e innovazione: Gore-Tex, Quiktech 10000

La tavola leggendaria del marchio americano ritorna più arrabbiata che mai. Grazie al camber tradizionale e con fianchetti Slimewall 85 A offre super prestazioni in tutto il park. Disponibile nelle misure: 151, 153, 153 wide, 155, 156 wide, 157, 159, 159 wide, 162 wide.

Distribuito da: Northwave S.r.l Tel: 0423 2884 | info@northwave.com

Distribuito da: Haapiti Srl | 02 39005065 showroom.milano@quiksilver-europe.com

Distribuito da: The Group Distribution 0536 60731 | info@thegroupdistribution.it

10 Pill3.indd 10

27-03-2011 18:50:52


Pill3.indd 11

27-03-2011 18:51:03


Daily DOSE

ROUGH SNOWBOARDS: HIGHLIGHTER L

SMITH: VARIANT BRIM WOMAN

www.roughsnowboards.com

www.smithsport.com

SHRED: HALF BRAIN HELMET + OMNIBOT GOGGLE www.shredoptics.com

Distribuito da: Safilo Spa Tel. 049 6985111 | europe@smithsport.com

Distribuito da: Rough Snowboard info@roughsnowboards.com

SMITH: I/O

www.salomonsnowboard.com

www.smithsport.com

Il nuovo casco Half Brain è al 100% ispirato e testato dai nostri atleti. Progettato con lo stile originale di Shred, è dotato del nuovissimo sistema SHREDVent che offre la massima ventilazione senza lasciar passare il freddo all’interno del casco stesso. Nuova maschera Omnibot è un insieme di ventilazione superiore su di un frame poliuretanico molto grande e flessibile, combinata con un look retro. Le lenti cilindriche sono facilmente intercambiabili, per performance ottimali in condizioni di luce variabile. Distribuito da: Anomaly Action Sports Srl Tel. 041 251 7271 | info@shredoptics.com

SIGNAL SNOWBOARDS: OG151 JAKE

www.vans.com

Il casco simbolo di Smith si declina al femminile: nasce VARIANT BRIM WOMAN che, come il fratello Variant Brim-AD, si distingue per le innovative caratteristiche tecniche, come l’innovativo sistema di ventilazione, basato sulla tecnologia “AirEvac™2”, che permette la ventilazione integrata tra casco e maschera per un effetto anti-fog, e sul nuovo ed innovativo “Low Profile Dual Regulator Climate Control”, ovvero un sistema di ventilazione localizzato sia nella zona anteriore che posteriore del casco.

Il brand di Ivrea quest’anno fa sul serio e se vuoi fare parte anche tu di una delle realtà più alternative del panorama dei board sport italiani ti consigliamo la poliedrica Highlighter L: All Mountain Board con camber inverso, 155 cm! Tutte le tavole Rough sono in vendita on line: www.roughsnowboards.com

SALOMON SNOWBOARDS: POWDER SNAKE

VANS: ANDREAS WIIG E CELTEK

La linea Vans Snowboard Boots 2012 propone una vasta gamma di modelli adatti per tutti I livelli di riding, dai modelli più tecnici per performance di alto livello come il Cirro ed il Veil, fino ai più popolari Encore e HiStandard. La prossima stagione, oltre agli ormai classici modelli Andreas Wiig, Aura, Fargo e Jamie Lynn, ci sono anche alcune novità come la collaborazione con Celtek, il cui pack comprende scarpone, scarpe e guanti. Distribuito da: Vans Italia Tel. 0423 683701

La maschera da sci I/O si distingue per l’esclusivo sistema di intercambiabilità della lente: la lente può infatti essere sostituita con rapidità, semplicemente sollevando le due clip sul frontale. L’innovativa struttura rimless conferisce a questo modello un design all’avanguardia ed una leggerezza incomparabile, mentre le lenti sferiche “CarbonicXTM” garantiscono una visione perfetta, eliminando ogni rischio di distorsione visiva.

ZIMTSTERN: FLASH JACKET & DIA JACKET (WMNS) www.zimtstern.com

Distribuito da: Safilo Spa Tel. 049 6985111 | europe@smithsport.com

www.signalsnowboards.com

SP: TEAM www.sp-united.com

Non è mai stato creato nulla di simile nello snowboard! Disponibile nelle misure: 153, 156, 160, 163, 166 cm e nelle colorazioni Red, Green, Purple, Yellow Distribuito da: Amer Sports Italia S.p.a Tel. 0422 5291

L’attacco Team è la novità della gamma 2011/2012. Questo attacco adotta il sistema Fastec ad ingresso posteriore e si posizione nella fascia alta di gamma. Base e cricchetti in alluminio così come anche i dischi. Peso meno di Kg. 2 al paio.

Per il secondo anno consecutivo il marchio svizzero vince il premio Eco Responsibility Award by Ispo. Infatti tutti i prodotti realizzati da Zimtstern sono approvati dalla label bluesign®, che certifica una produzione senza l’utilizzo di sostanze chimiche dannose all’ambiente e garantisce l’utilizzo al minimo di energia per la produzione dei capi. Se a tutto ciò ci aggiungiamo uno stile pulito e sobrio, le basi per il successo sono garantite!

Distribuito da: Wave Distribution Tel. 347 4999218 | alex@wavedistribution.it

Distribuito da: StudioZeta Tel. 03208192900 | info@studiozeta.eu

SALOMON SNOWBOARDS: RHYTHM www.salomonsnowboard.com

E’ finita l’era dei soliti attacchi neri, la novità di quest’anno è che puoi sbizzarrirti nei diversi colori non rinunciando alla qualità di aderenza, controllo e facile regolabilità. Colori: Red, Green, Purple, Yellow Distribuito da: Amer Sports Italia S.p.a Tel. 0422 5291

Distribuito da: Free On Board Tel. 070.4510514 | contact@freeonboard.it

12 Pill3.indd 12

27-03-2011 18:51:12


Daily NEWS

RIDERS: COME AND GO!

CLOSE THE DOORS 2011 www.bardonecchiaski.com

TEST THE BEST by SALOMON SPIA SHOP www.spiashop.com

itinerante, attraverserà l’Italia da nord a sud, partendo da San Martino di Castrozza per arrivare fino a Catania, dove è in programma una session davvero particolare in cima all’Etna.  Alla carovana di Fiat Freestyle Team si uniranno anche i Nitro RoadWarriors che viaggeranno a bordo dei loro Fiat Qubo Trekking. Il materiale raccolto durante il viaggio da tre diversi team di rider e fotografi, sarà il tema di una mostra itinerante. Premi esclusivi saranno riservati al team che avrà realizzato i migliori scatti. La sera, tutti a far festa in discoteca con gli atleti del Fiat Freestyle Team e gli ospiti di Riders Palace!

VANS OFF THE WALL SPRING CLASSIC www.vans.com

Il rider austriaco Werner Stock, cambia casacca passando da Salomon a Burton Snowboards e festeggia il passaggio andando ad aggiudicarsi il terzo posto all’Air & Style di Innsbruck!

Dall’esperienza del Close The Doors 2010, dove i migliori snowboarder nazionali si sono dati appuntamento a Bardonecchia Snowpark per un’avvincente jam di due giorni sulle strutture create ad hoc da Doors, giungiamo a questa seconda edizione del grande evento di chiusura della stagione del freestyle di Bardonecchia con un format ampliato e ricco di sorprese. Nella giornate del 2 e 3 aprile ci saranno: Test tavole 2011/2012, con tutti i top brand – Slopestyle Contest by Samsung Galaxy con prizemoney di 2,000 € - Shooting con Sequence e le migliori riviste di settore europee.

Anche quest’anno Salomon Spia Shop offre la possibilità di testare in anteprima ski e snowboard Salomon della stagione invernale 2011/2012. Si toccheranno le nevi delle più ambite località sciistiche della bergamasca: 13 marzo a Monte Pora, 19 marzo a Foppolo, 20 marzo a Carona, 26/27 marzo a Colere.

BURTON PARK JAM TOUR 2011 info.europe@burton.at

Skate contest di minirampa dal respiro internazionale che si svolgerà dal 6 all’8 maggio 2011 a Varazze. La rampa, montata sulla spiaggia adiacente al molo del surf, celebre spot varazzino e meta ambita dei surfisti italiani, richiamerà l’attenzione degli skater più forti della scena europea e oltreoceano; non mancheranno inoltre i party serali che feranno ballare e divertire tutti con live concert e Dj set internazionali.

45° NORD BMX CONTEST Il fortissimo rider svedese, Hampus Mossesson, passa da Omatic ad Apo Snowboards, dove sembra firmerà un proprio pro model.

www.vans.com

HardBooter’s Day www.hardbooters.com

Per il secondo anno consecutivo Vans ritorna all’interno del 45° Nord Entertainment Center di Torino, portando sport, musica e spettacolo dal 16 al 17 aprile. Quest’anno saranno le BMX a farla da padrone, infatti i migliori biker italiani si sfideranno sulla doppia spina montata nell’area esterna del 45° Nord. Sabato sera tutti all’afterparty che prenderà vita ai piedi della rampa, con band e dj set. Per la scena italiana segnaliamo due nuove new entry nel team Rough Snowboards, che sono quelle di: Tommy Lanza, uno dei rookie più promettenti della scena street italiana, e Pat Campanaro, rider del Minnesota con numerose street video part in produzioni americane!

105 FREESTYLE SERIES www.freestyleseries.com

105 Freestyle Series by Burn Energy Drink è il circuito di 6 tappe che vede protagonisti i migliori rider della scena italiana ed internazionale, coinvolti in due giorni di Big-Air contest. Il tour, che ha avuto inizio lo scorso 12 febbraio, ha ancora in programma tre tappe:  12-13 Marzo: Passo San Pellegrino – Val di Fassa - Moena, 19-20 Marzo: Prato Nevoso e terminerà il 26 e 27 Marzo a Livigno. Il tour è aperto a snowboarder e freeskier invitati all’evento.

Burton, dopo il successo dell’anno scorso, riproporrà il Park Jam Tour 2011. Eventi realizzati per fare avvicinare i giovani rider ai contest, tutti quanti rigorosamente sponsorizzati da Burton e valevoli per il circuito TTR. Ecco le date: 13 Marzo: 5ive Alpspitzpark Nesselwang (Germany) | 27 Marzo: Burton Park Spitzingsee (Germany) 2 Aprile: 2011 Burton Park Damuls (Austria)

FIAT FREESTYLE TEAM PICTURES AWARD

Il 16 aprile tutti a Courmayeur per il sesto Memorial Davide Marciandi, storico ed indimenticato rider italiano, per l’evento più cool di inizio primavera! Il contest è rigorosamente riservato a tutti gli amanti dell’attrezzatura hard che si sfideranno in una gara di slalom sulle piste del Plan Checrouit. Durante la manifestazione è previsto il consueto, King Of Style, dove sfileranno tutti i rider in possesso dell’abbigliamento più eccentrico e storico degli anni ‘90 e verrà stabilito, appunto, il King of Style 2011! L’iscrizione comprende: maglietta dell’evento, birra e partecipazione al contest di slalom, il tutto a 25,00 euro.

Da domenica 20 a domenica 27 marzo, i rider del FIAT Freestyle Team saranno impegnati nel tour FFT Pictures Award, organizzato da Facciosnao in collaborazione con Fiat Freestyle Team. Lo speciale shooting

13 Pill3.indd 13

27-03-2011 18:51:18


Product FOCUS

CAPITA SNOWBOARDS A4 Distribution | Tel. 0342 683494 | info@a4distribution.it | www.capitasnowboarding.com

Totally F’kn Awesome 155

Precisione, velocità e prestazione sono le tre parole chiave di questa tavola. La grafica ed i colori anni ‘80 poi danno quel tocco di stile che da sempre contraddistingue Capita.

Flex: Tavola dal flex reattivo e vivace, estremamente precisa in conduzione, stabile in powder e potente sui salti. Soletta: Molto veloce e dalla grafica accattivante.

ra, infatti, agisce in maniera particolare sulla zona centrale della lamina; la sensazione di controllo e grip che ne risulta è veramente impressionante.

Costruzione/Shape: Tavola con leggero camber tra gli attacchi ed un profilo rocker alle due estremità.

Test In Freeride: Lo shape e la speciale punta allungata permettono una buona galleggiabilità ed un ottimo controllo alle alte velocità; tirare curvoni in powder con la TFA è una vera libidine.

Test in Pista: Se vi piacciono le grandi emozioni la Totally F’kn Awesome è degna delle vostre aspettative: rapidissima nei cambi e reattiva negli ollies, questa tavola fa della presa di spigolo e della conduzione le proprie armi vincenti. La sua particolare sciancratu-

Test In Park: Pop e potenza sono le armi vincenti di questa tavola che sui kicker sembra una molla; grazie alla grande stabilità in rincorsa ed atterraggio, la TFA si fa apprezzare particolarmente sulle strutture più grosse dove la precisione è tutto.

Foto: Courtesy Scuola Sci Monte Bianco | Rider & Words: Mattia Piccardi

DRAGON GOGGLES APX Option Distribution | Tel. 06 97606206 | info@option.it| www.dragonalliance.com

È veramente un prodotto rivoluzionario soprattutto per quello che riguarda la lente, non più incastonata all’interno del frame, e dal suo shape, non più sferico come tutti i modelli tradizionali, ma torico!

LENTE ESTERNA: La lente è esterna al frame, quindi, non è incorporata all’interno della maschera ma è fissata con un sistema di ancoraggio brevettato da Dragon. Il campo visivo, in questo modo, sarà molto più ampio e, senza il bordo, la visibilità ed in generale la luminosità sono al top! ANTI-FOG: Il Super Anti-Fog System (presente su tutta la collezione Dragon) rallenta incredibilmente il tempo di appannamento delle lenti rendendo le maschere Dragon molto più performanti rispetto alla media di tutte le altre. In effetti sia il trattamento che subiscono le lenti che la costruzione stessa della maschera, hanno come fine quello di limitare al massimo il fenomeno dell’appannamento. FOAM: Il foam lungo tutto il perimetro si adatta perfettamente al viso, creando una sorta di camera che isola completa-

mente dall’esterno. PROTEZIONE: Due lenti sigillate tra di loro e trattate con il sistema Super Anti-Fog. La lente interna è in celluloide, il classico materiale usato per le lenti delle maschere, mentre quella esterna è in policarbonato, lo stesso materiale che viene utilizzato per le lenti degli occhiali da sole, quindi con delle caratteristiche di filtraggio dei raggi Uva/Uvb al top della categoria. Inoltre, la lente esterna è di tipo Torico, ovvero, la superficie di curvatura della lente non è sferica, ha un grado di curvatura verticale ed un grado di curvatura orizzontale diverso e questo, a differenza di molte altre maschere, permette alla APX di donare a chi la indossa una visibilità del tutto priva di riflessi e di effetti distorsivi. Il modello è in vendita con doppia lente intercambiabile ed una custodia semirigida.

14 Pill3.indd 14

27-03-2011 18:51:28


Product FOCUS

DRAKE SNOWBOARDS Northwave S.r.l | Tel. 0423 2884 | info@northwave.com | www.northwave.com

DF2 156

Una delle tavole All-Round Freestyle più azzeccate degli ultimi anni, veramente ben concepita e rifinita con cura. Per chi desidera una tavola sola adatta ad ogni condizione. Flex: Tavola dal flex docile ma al tempo stesso reattivo, facile in flat, precisa in conduzione, stabile in powder. Soletta: Veloce e resistente all’usura, dotata di finitura Structurn. Costruzione/Shape: Tavola rocker con leggero camber sotto ai piedi

Foto: Courtesy Scuola Sci Monte Bianco | Rider & Words: Mattia Piccardi

Test in Pista: Pochi secondi sono sufficienti ad innamorarsi della DF2: facile in curva, precisa in presa di spigolo, veloce nei cambi ed estremamente giocosa nel jibbing. Dotata di un buon pop che permette ollie e inversioni di spigolo veramente divertenti, questa tavola sembra non avere punti deboli.

Test In Freeride: Il suo shape unito al flex progressivo fanno della DF2 una buona tavola da Powder, leggera, rapida e tanto maneggevole nello stretto quanto stabile e veloce in campo aperto. Test In Park: Grazie alla sua leggerezza, la DF2 dà il massimo in park; il flex docile e la buona torsione garantiscono una grande manovrabilità su Rail e Box. Sui kicker si apprezzano particolarmente la progressività e la reattività che permettono, in fase di stacco e di atterraggio, una grande tranquillità e naturalezza, lasciando un grande margine di correzione degli errori.

DRAKE BINDINGS Reload Northwave S.r.l | Tel. 0423 2884 | info@northwave.com | www.northwave.com

Confortevole, leggero e versatile; se cercate un attacco freestyle che vi dia grande sensibilità e naturalezza il Reload è la vostra scelta. Highback: struttura incredibilmente leggera e ergonomica, copia i movimenti del gambaletto dello scarpone come se ne facesse parte integrante. Straps: la strap di caviglia, leggera e anatomica, fascia l’articolazione senza farsi quasi sentire, permettendo un ottimo controllo e un buon sostegno in frontside. La strap di dita, convertibile, avvolge e blocca perfettamente la punta dello scarpone. Piastra Base: leggera, poco ingombrante e flessibile quanto basta per permettere la naturale torsione della tavola.

Test: nonostante a prima vista il Re-Load appaia come un attacco minimalista, grazie anche al suo particolare spoiler, la sensazione che si ha fin dalle prime curve è di avere un buon controllo ed una grande naturalezza di movimento. Il pregio maggiore di questo attacco è la sua sconvolgente leggerezza, per mezzo della quale si riesce a sentire perfettamente la tavola ed a sfruttare al meglio le proprie energie fino alla fine della giornata. Una volta chiuse le strap, che avvolgono il piede senza dare il minimo fastidio, la piastrabase si incolla alla suola dello scarpone e, grazie al morbido pad che ricopre l’intera superficie di appoggio, la sensazione di comfort che si percepisce è veramente impagabile.

15 Pill3.indd 15

27-03-2011 18:51:40


Winter STATISTICS

ROUGH SNOWBOARDS Rough Snowboards | info@roughsnowboards.com | www.roughsnowboards.com

Megaphone 157cm Per gli amanti delle tavole potenti e precise, la Megaphone è una grande tavola freestyle, particolarmente indicata per gli appassionati di backcountry.

Flex: Tavola molto reattiva e vivace, stabile in powder e precisissima in conduzione grazie agli inserti in carbonio. Soletta: Soletta superveloce particolarmente resistente ai graffi. Costruzione/Shape: Tavola dal particolare shape a profilo piatto al centro e inverted dagli attacchi alle due estremità. Test in Pista: La prima caratteristica che colpisce della Megaphone è l’incredibile precisione in conduzione; una volta messa sullo spigolo disegna una traiettoria impeccabile senza la minima incertezza. Lo shape Double Kink permette una buona gestibilità in flat, mentre il flex molto reattivo è garanzia di ollie molto ampi e potenti.

Foto: Courtesy Scuola Sci Monte Bianco | Rider & Words: Mattia Piccardi

Test In Freeride: Se in pista la Megaphone è divertente, in powder è addirittura sorprendente. Velocissima nei cambi, questa tavola galleggia come un 165 nonostante la sua misura piuttosto ridotta (abbiamo provato una 157), con il vantaggio di essere supermaneggevole ed incredibilmente stabile sui terreni sconnessi. Test In Park: Sui salti medi e grossi, la reattività e precisione della Megaphone sono una garanzia di affidabilità. Grazie al suo pop vivace ed al grande equilibrio con questa tavola si raggiungono altezze ed ampiezze superiori alla media.

UNION BINDINGS Atlas Northwave S.r.l | Tel. 0423 2884 | info@northwave.com | www.northwave.com

Preciso, affidabile, piuttosto facile da regolare, l’Atlas è un attacco dalle grandi prestazioni e dal peso minimo, ottimo per il rider tecnico che vuole affidabilità e controllo. Highback: Probabilmente lo spoiler più leggero mai prodotto, nonostante sia piacevolmente flessibile in torsione, fornisce un ottimo appoggio. Straps: la strap di caviglia fascia perfettamente l’articolazione permettendo un grande sostegno in frontside unita ad una sensazione di perfetta comodità. La strap di dita, ampia e leggerissima, avvolge molto bene la punta dello scarpone tramite i due profili e la finestra centrale. Piastra Base: solida e leggera, con molteplici possibilità di regolazione, sostiene

egregiamente il piede e permette un grande feeling con la tavola. Test: La leggerezza di questo attacco nasconde delle sorprese; dallo spoiler discreto e minimalista ci si aspetterebbe un’estrema flessibilità ma, al contrario, si scoprono un grandissimo sostegno allo scarpone e un’incredibile precisione sia in frontside che in backside. In curva, quindi, si riescono a trasferire tutte le energie direttamente alla tavola con la diretta conseguenza di riuscire a gestire le prese di spigolo con grande precisione. In park l’Atlas si è dimostrato ottimo sui salti (anche grazie alla buona ammortizzazione della piastra base) e confortevole sui box.

16 Pill3.indd 16

27-03-2011 18:52:05


Pill3.indd 17

27-03-2011 18:52:07


Winter STATISTICS

WEB&SHOP STATISTICS Testo: Nicolò Balzani | Grafici: George Boutall

Anche in questo numero abbiamo intervistato (cinquanta) board shop italiani, ai quali abbiamo fatto quattro semplici domande riguardante il loro “rapporto” con il mondo di internet.

SI 96% NO 68%

SI 32% NO 4% Avete un sito internet?

Sul vostro sito fate vendita on line?*

SI 98% DIRETTO 87%

WEB13% NO 2% Quale percentuale delle vostrE vendite passa dal web ed invece è diretta?*

Avete una pagina Facebook del vostro negozio/azienda?

*Domande rivolte solo a quei dealers che hanno risposto positivamente al quesito precedete

18 Pill3.indd 18

27-03-2011 18:52:07

Senza ti


tav o l e , at ta c c h i , s c a r p o n i , p r o t e z i o n i , a c c e s s o r i co n u n r a p p o r to q ua l i tĂ  / p r e z zo c h e v i s t u p i r Ă 

hostile snowboard w w w. h o s t i l e . i t

Pill3.indd 19 Senza titolo-1 1

27-03-2011 18:52:07 24-03-2011 15:41:34


20 Pill3.indd 20

27-03-2011 18:52:12


21 Pill3.indd 21

27-03-2011 18:52:17


Ispo REPORT

ADIDAS EYEWEAR Silhouette Italia Srl | Tel. 031 525656 | office@it.silhouette.com | www.adidas.com/eyewear

Stefano Carrara Words: Nicolò Balzani

ID2 Pro, elegante, pratica e con un sistema di doppia lente intercambiabile veramente pratico ed innovativo. Incuriositi, abbiamo testato sulla neve la ID2 Pro, e chiesto a Stefano Carrara, Brand Manger Italia di Adidas Eyewear, di raccontarci le sue specifiche tecniche. Presentati spiegando chi sei e cosa fai? Mi chiamo Stefano Carrara e ricopro il ruolo di Brand Manager Italia, per Adidas Eyewear.

ID2 PRO GOGGLES

Quali sono le novità della prossima stagione? Un’importante novità riguarda la nascita di una nuova versione della pluri premiata maschera ID2, la ID2 Pro. Oltre che a dare la possibilità di sostituire la fascia elastica e il Frame frontale, grazie al pratico sistema Quick - Change Lens System e alla vasta scelta di colorazioni offerte da Adidas Eyewear, la ID2Pro utilizza uno speciale sistema per il cambio delle lenti, che permette di adattarsi ad ogni situazione climatica, in maniera facile e veloce. Già la versione base di questa maschera, ovvero la ID2, monta doppie lenti adatte o a condizioni di piena luce o a condizioni di nebbia e scarsa visibilità. La versione Pro, dispone di un filtro solare aggiuntivo, che si applica sopra i primi due, che permette di adattare rapidamente la maschera alle diverse condizioni di luce con un semplice gesto.

Spiegami come funziona esattamente questo sistema di montaggio? Il filtro aggiuntivo, dotato della tecnologia LST Active permette, anche usando una sola mano, di inserire la lente con un movimento verso la parte superiore della montatura, e con un secondo movimento verso la parte inferiore, in modo pratico e veloce. Ciò vuol dire massima calzata e adattabilità in tutti i tipi di situazione Altre caratteristiche tecniche? La parte superiore del Frame, è composta da un particolare materiale chiamato Nano Foam. La sua funzione è quella di evitare la formazione di ghiaccio e accumulo di neve, nei punti di ricircolo dell’aria. Ottimo è anche il comfort di questo prodotto, reso possibile grazie alla soffice spugnatura e alle strisce di silicone sulla fascia, decisamente la nostra maschera di punta! Quale sarà il costo di mercato? La linea di maschere Adidas Eyewear ha una fascia di prezzo che parte dai 90 euro. La ID2 e la ID2 Pro vendute rispettivamente con due e tre lenti, hanno un prezzo di 170 euro e 199 euro.

FEATURES: Sistema di ventilazione forzata, strato anti-fog e materiale nano-foam per garantire l’impermeabilità e una visione senza condensa. • Filtri resistenti che offrono 100% di protezione dai raggi UV. • Un ampia visione senza distorsioni. • Il filtro base può essere anche facilmente cambiato. • La soffice spugnatura e l’assoluta stabilità, grazie alle strisce siliconate sulla fascia, garantiscono il massimo comfort nella calzata. • Per tutti gli entusiasti dello sport che hanno bisogno di una lente correttiva, ID2 pro, come tutti i modelli Adidas Eyewear, permette di inserire un inserto oftalmico. • ID2 Pro è disponibile in Nero/Verde, Bianco/ Nero, Nero/ Bianco o nella versione Verde/ Nera MG design di Marko Grilc. TEST: Grazie alla forma della lente della ID2 Pro, di tipo grandangolare, la visibilità è estremamente ampia; sul viso il telaio è molto anatomico e non si prova quella fastidiosa sensazione di chiusura del naso tipica di molte maschere di queste dimensioni. Il sistema di circolazione dell’aria garantisce una buona traspirazione, in questo modo non si hanno praticamente appannamenti o, comunque, dopo pochi secondi l’umidità interna si dissolve. La caratteristica principale di questa maschera, però, è il fantastico sistema caratterizzato da una classica doppia lente interna abbinata a un’ulteriore lente esterna a specchio: con un semplicissimo movimento si può applicare o togliere la parte specchiata, passando così in pochi istanti da una maschera adatta al sole ad una per la nebbia. Tanto semplice quanto geniale! Il tocco finale che rende questo articolo ancor più innovativo è la possibilità di sostituire la parte esterna del frame: in questo modo sembra di avere due maschere di colori diversi! Foto: Scuola Sci Monte Bianco | Words: Mattia Piccardi

22 Pill3.indd 22

27-03-2011 18:52:29


Ispo REPORT

AMPLID BOARDS & SKIS Words: Nicolò Balzani

ABC Distribution srl | +39 0463 422401 italy@amplid.com | www.amplid.com

Peter Bauer

per me un mito, un’icona storica di uno snowboard che, forse, non esiste più. Da cinque anni Peter ha creato Amplid, il suo brand di board e ski rigorosamente Made in Europe, che si è subito affermato come marchio indipendente e libero dagli stereotipi del mercato.

Perché hai voluto creare un marchio con un nome singolare come Amplid e quali sono stati i motivi che ti hanno spinto a fondare una tua azienda? Dopo anni di collaborazione con Burton come rider, l’azienda mi voleva inserire nel settore dello sviluppo tecnico, ma la cosa non mi entusiasmava. Cinque anni fa, anche se i tempi non erano maturi, ho deciso di iniziare un mio business, mi sono fatto coraggio e mi sono buttato. Il brand avrebbe dovuto chiamarsi Frequency solo che, poco dopo, ho scoperto che il marchio era già stato utilizzato, quindi la scelta è caduta su Amplitude, nome impossibile da registrare visto la sua moltitudine di significati e di ultilizzo, quindi abbiamo deciso di togliere le ultime lettere ed è rimasto Amplid più corto e quindi più facile da registrare. Cos’è cambiato, non solo a livello tecnico, ma a livello di mentalità nello snowboarder medio, da quando, anni fa, facevi gare ad oggi? Tanto per non dire tutto, a partire dal fatto che fino a qualche anno fa gli snowboardisti odiavano gli sciatori e viceversa. Era la conseguenza di una battaglia tra due generazioni, padre e figlio perché il papà trova stupido ciò che fa il figlio e il figlio non voleva fare ciò che fa il papà. Adesso, non è fondamentale quello che sei, skier o Board 2011/2011: Libertine e High Def

boarder, ma che trick sei capace di fare. Per il nostro marchio questo è importante, perché Amplid è l’unico brand che ha sempre venduto sia sci che snowboard. Se noti, sul mercato, ci sono aziende, come Rossignol o Salomon, che da 50 anni hanno prodotto sci, ma appena si sono accorti che lo snowboard stava diventando una novità, hanno creato linee di tavole. Non esite passione e amore per lo sport ma una mera necessità economica. Altre aziende, invece, come Libtech, prima snobbavano il pianeta freeski, adesso li producono insieme alle tavole. Il nostro marchio, invece, mantiene credibilità in entrambi i campi e questo è un segno distintivo di affidabilità e coerenza per il dealers. Perchè ci sono così tanti piccole/ medi brand che creano un proprio prodotto e invece nello sci no? Quanto è utile? Un primo motivo riguarda la domanda di mercato: nel carattere dei clienti di snowboard c’è un certo idealismo e individualismo, tutti vogliono il loro marchio con una grafica che li differenzi dalla massa, ne consegue una quantità enorme di marchi. Un secondo motivo riguarda le possibilità del mercato: il consumatore non guarda molto dove la tavola viene costruita e con che materiali, ma compra in base alla grafica. Ci sono tante fabbriche in Cina che producono tavole e, purtroppo, per

fare un marchio poche centinaia di pezzi… ci appiccichi una grafica fashion et voilà! Il tutto a discapito della qualità! Sarebbe più importante che il consumatore guardasse la qualità e il metodo costruttivo… utopia? Come dividi, in percentuale, la produzione di Amplid tra sci e snowboard? 63% della nostra produzione è dedicata allo sci ed il restante, ovviamente, allo snowboard. Quindi ha una minore produzione nello snowboard, rispetto allo sci? Il potenziale totale del mercato dello snowboard è notevole, però è difficile entrare nei negozi perché c’è troppa “burtonite” e “nitronite”. Non c’è nessuno sport con due marchi che sono così dominanti come nello snowboard. Per lo sci è un pò più facile dividersi la torta.

non è una tecnologia o una costruzione ma un’ideologia. Tornando alle novità di quest’anno? In Amplid abbiamo sviluppato una tecnologia chiamata WDT PolyWood Core, un processo che permette di riciclare la segatura avanzata durante la produzione di una tavola. Il core delle nostre tavole nasce dall’unione della segatura unita con poliuretano. La produzione è la fase dove si spreca più energia, quindi questa tecnologia garantisce un risparmio anche energetico e la tavola può essere venduta ad un prezzo interessante (349,00 €). Questo tipo di core lo possiamo trovare sui modelli Dopamine, Libertine e su alcuni nostri ski. Due pionieri dello snowboard Peter e Andrea Costa

Dove sono realizzati i prodotti by Amplid? I nostri prodotti sono prodotti in Europa, solo gli attacchi da snowboard vengono prodotti fuori, e questo ci riempie di orgoglio e ci differisce dalla grandissima parte dei marchi! Per quanto riguarda lo snowboard, in che percentuale, le tavole sono in camber tradizionale e in camber inverso? 50% tradizionale e 50% camber alternativo. Per camber alternativo intendiamo piatto (zero) oppure inverso. Il rocker è sicuramente un trend molto importante sul mercato, ogni innovazione è sempre positiva. Il rocker è un eccellente prodotto soprattutto in neve fresca, ma se un rider vuole saltare e cerca pop in coda, nessuna costruzione può rimpiazzare il camber. Attenzione che il camber

23 Pill3.indd 23

27-03-2011 18:52:40


24 Pill3.indd 24

27-03-2011 18:52:40


25 Pill3.indd 25

27-03-2011 18:52:40


Ispo REPORT

ELAN/ARTEC SNOWBOARDS Distribuito da: Snow Time srl | Tel. 0445621023 | snow_time@libero.it | www.artecsnowboards.com

Max Pagani Words: Nicolò Balzani

Come sono andate le vendite in Lombardia nella stagione 2010/2011? In generale molto bene, per i brand Elan e Artec Snowboards, le vendite sono aumentate del 20 % rispetto alla passata stagione! Spiegami quali differenze commerciali ci sono tra Artec ed Elan Snowboards? I due prodotti si distinguono tra loro sia per la fascia di prezzo che per l’utenza. Artec Snowboards è un marchio core che offre un’ottima qualità con una fascia di prezzo medio alta, e spesso, i suoi clienti sono riders con più esperienza alle spalle. Elan invece è un brand più commerciale, con una ampia gamma di prodotti sia freeride che freestyle senza trascurare il primo prezzo dove Elan è al primo posto per la qualità. Quali sono i punti di forza dei due brand? Sicuramente la qualità del prodotto. Elan Snowboards, in Europa rimane il più importante produttore di tavole, per quanto riguarda la qualità e la quantità. Tantissimi brand infatti, scelgono di produrre le proprie tavole da snowboard presso la nostra fabbrica. Artec inoltre, è riuscita ad espandersi molto, grazie agli ottimi risultati ottenuti nei vari test, come per esempio l’approvazione da parte di Transworld Snowboarding. Sono dotati di un’ottimo rapporto tra qualità e prezzo, sia per il negoziante che per il singolo cliente, inoltre offrono due anni di garanzia sul prodotto ed una assistenza clienti molto efficace. Raccontaci le novità di Artec Snowboards del prossimo anno? Partendo da un’ottima base della passata stagione, Artec ha scelto di modificare leggermente i modelli Rocker Pro Model, inserendo una speciale laminazione in carbonio. A differenza dello scorso anno, è stato scelto di dare molta importanza anche alla grafica, caratterizzando la linea di tavole 2011/2012 con delle colorazioni fluo, riuscendo ad ottenere un’ottimo prodotto, sia dal punto di vista grafico che tecnologico. Quale modello consiglieresti ad un Rider amante del jibbing? Sicuramente la Nima Jalali 154 per chi preferisce il Rocker. La Gabe Taylor 155, ai tradizionalisti.

Durante i nostri test estivi sono le tavole più testate ma anche quelle più apprezzate. Aspettando di poterle nuovamente testare eravamo curiosi di sapere quali novità ci fossero in serbo per il prossimo inverno e abbiamo chiesto a Max Pagani, agente per la Lombardia, di raccontarcele! Tornando sul discorso Outerwear, vorrei che tu mi dicessi i motivi, che dovrebbero portare un Rider a scegliere 686 Clothing? Il Brand 686, si è sempre distinto rispetto agli altri marchi, grazie al suo originale Design e alla sua ottima qualità. E’ decisamente il giusto compromesso per i rider più esigenti, che scelgono di non rinunciare allo stile e alla tecnicità del prodotto.

Stephane Grenier (686 Marketing Manager)

Board 2011/2012: Gabe Taylor e Nima Jalali

26 Pill3.indd 26

27-03-2011 18:52:52


Ispo REPORT

BATALEON/YES/CELSIUS/FLUX Words: Enrico Santillo

Wood Morning S.r.l.| Tel. 06 43251922 | wmorning@gmail.com | www.woodmorning.eu

Fabrizio Messineo

Dopo averne parlato nel primo numero di The Pill, ci ritroviamo di nuovo in compagnia di Fabrizio Messineo e della sua WoodMorning. Un’azienda giovane che continua a dimostrare dinamicità e intraprendenza nel settore Board sport, per questa ragione abbiamo scelto di conoscere le novità della prossima stagione.

Ciao Fabrizio, come sta andando e com’è andata la stagione per WoodMorning? Per fortuna la stagione è iniziata davvero bene, soprattutto con le vendite nel Nord Italia, grazie alle precoci e abbondanti nevicate nell’arco alpino, mentre per quanto riguarda il centro non posso di certo dire la stessa cosa. Ora che siamo entrati nella seconda fase di questa stagione e la neve è arrivata un pò dappertutto, la situazione è decisamente migliorata ed è più omogenea in tutta Italia. Parliamo del vostro trend, come lo vedi? Al momento la situazione è ancora in evoluzione. Non abbiamo finito la campagna vendite e quindi non abbiamo i dati alla mano. Comunque parlando con i negozianti quello che emerge è una situazione di ascesa. Per quanto riguarda il prodotto tecnico ci troviamo decisamente in una situazione di ascesa, così come per gli accessori. Discorso a parte per l’abbigliamento ed i Boots penalizzati sia da una maggiore offerta di prodotto che da un calo anche negli acquisti degli utenti finali.

Fabrizio Messineo e Fabrizio Giusto... I boss di Woodmorning!

Yes Snowboard e Bataleon cosa ci racconti? Vanno alla grande, piacciono entrambi, piace il TBT (Triple Base Technology) di Bataleon e il CamRock di Yes Snowboard. Novità del prossimo anno, sono le nuove tavole Lobster dei fratelli Helgasons, che verranno distribuite da noi e che saranno caratterizzate dalla TBT. Loro si occuperanno solamente delle grafiche e della lunghezza delle tavole, mentre lo Shape e la Triple Base Technology sono un brevetto di Bataleon e, quindi, continueranno ad essere prodotte da Bataleon Snowboards per Lobster Snowboards. Approfondiamo il discorso del “mercato accessori”, come sta andando?

I fratelli Helgason con il loro nuovo brand: Lobster snowboards

Per quanto ci riguarda è una costante conferma con piccole importanti crescite ogni anno. Elm ha indubbiamente consolidato la sua posizione e con l’introduzione di una piccola linea Streetwear accostata ai suoi storici cappelli e beanies ha ricominciato a crescere, nonostante il trend attuale del mercato non offra molti spazi. Anche Ashbury ci stà dando grandi soddisfazioni. Le maschere costano il giusto ed hanno un grande rapporto qualità prezzo, anche se probabilmente l’elemento trainante del Brand è proprio la sua natura giovane e radicale. Con Celtek siamo soddisfatti del lavoro portato a casa questo primo anno. Le linee piacciono, ai negozianti ed ai clienti, e le vendite sembrano essere andate bene un po’ ovunque.

Quali novità ci saranno, per quanto riguarda i brand tecnici distribuiti da WoodMorning per la stagione 2011/2012? Partendo da Yes Snowboard, posso dirvi che ha fortemente ampliato la gamma di prodotti con molte misure in più e parecchie novità. Classico esempio può essere la Basic, che rimane il modello più venduto e più economico della gamma di tavole Yes, che dal prossimo anno verrà prodotta in moltissime misure perfino quelle da bambino, richieste fortemente da tutti i vari distributori Yes Europea. Non possiamo che aspettarci una crescita esponenziale. Da Bataleon invece ci aspettiamo una crescita più graduale essendo sul mercato da più anni. Ci saranno interessanti novità come una numerosa gamma di modelli, nuovi shape, 5 tipi di TBT a differenza dei 3 precedenti, più misure disponibili e, a gran richiesta, più modelli Wide. Con Flux invece abbiamo fatto veramente un ottimo lavoro, sopratutto nella parte del Triveneto, dove abbiamo constatato un maggior successo rispetto alle altre zone d’Italia, anche grazie all’affidabilità del prodotto. Il punto forte di Flux Bindings? Sicuramente la linea di attacchi DS e RK, caratterizzati da un Highback composto principalmente da uretano, un materiale usato anche nello skate che permette all’attacco di avere una performance davvero impressionante. Inoltre il must di quest’anno è la leggerezza. Flux Bindings ha lavorato sodo per riuscire ad ottenere le stesse qualità del prodotto ed un peso inferiore del 10-15%, andando a migliorare il sistema di regolazione dell’High-back ed eliminando qualsiasi elemento superfluo. Arrivati a questo punto, non mi rimane che parlarvi del difficile mercato degli scarponi e dell’eccellente, ma faticoso, lavoro svolto da noi per quanto riguarda Celsius Boots. I pro riders e gli ambassadors sono soddisfatti dell’ottima calzata, dal design e dall’ottima qualità dello scarpone. Noi di WoodMorning abbiamo intenzione di continuare così e di riuscire a far conoscere e far entrare in contatto Celsius Snowboard con il maggior numero di appassionati. Posso dire di essere pienamente soddisfatto per quanto riguarda le vendite, invece per gli incassi... Speriamo bene!

27 Pill3.indd 27

27-03-2011 18:53:01


Ispo REPORT

BLACK HOLE BOARDS D.P.S. Srl | +39 0342 610365 | info@blackholesnowboards.com | www.blackholesnowboards.com

Marco Gerosa Words: Enrico Santillo

Black Hole, è il marchio storico dello snowboard italiano e Marco Gerosa è il suo creatore. A distanza di più di 15 anni dalla sua nascita, Black Hole, continua ad essere il brand italiano di settore numero 1. All’Ispo 2011 abbiamo incontrato Marco, che ci ha spiegato il nuovo camber e le novità riguardanti il suo Brand per il 2012. Quali sono le Highlights di Black Hole per il prossimo inverno? BlackHole, per la stagione 2011/2012, ha scelto di fare una rivisitazione dei due modelli di maggior successo, l’ Escape Banana e la Scratch Twin. L’Escape Banana, tavola Twin Tip con camber inverso, il prossimo anno si presenterà in due versioni grafiche denominate: V Skate e Family, leggermente irrigidite rispetto all’anno scorso. La V-Skate, avrà una grafica che riprende il Longboard skate sulla base, mentre sul top sarà rivestita da un materiale in nylon ruvido con impresse le impronte dei piedi e dei grab. La Family, invece, nella grafica rispecchierà il nostro concept aziendale, ovvero quello di praticare questo sport tutti insieme, dal pro rider alla famiglia. La fase successiva dello sviluppo tavole, si è concentrata nel migliorare il modello Scratch Twin. Una tavola reattiva e più rigida rispetto alle due precedenti, che permette al rider, di compiere ollie in modo semplice e senza sforzi,

ed avere un controllo perfetto sia negli atterraggi che in conduzione. Per questo modello sono disponibili due tipi di camber. Tradizionale e Three Stage. Parlami del camber “Three Stage”? Il camber Three Stage, dà alla tavola una forma simile ad una “V” tagliata nel mezzo, Flat nella parte centrale sotto gli attacchi, e forma a “V” nel Nose e nel Tail. Un sistema studiato per i rider che preferiscono una tavola estremamente maneggevole, ottima sui rail e box. Perchè la scelta di due tipi di ponte, tradizionale e Three Stage, sulla stessa tavola? Questa scelta è stata fatta appositamente per gli amanti del modello Scratch Twin. Noi crediamo che ogni rider si distingua per il proprio stile, e BlackHole in questo modo, offre la possibilità di scegliere quale tipo di camber sia giusto a seconda dello stile di riding. Board 2011/2012: Family

28 Pill3.indd 28

27-03-2011 18:53:15


DAINESE PROTECTION

Fabio Muner

Dainese S.p.a | Tel. 0444224100 | info@dainese.com | www.dainese.com

Chi sei? Sono Fabio Muner, Marketing Manager di Dainese e caschi moto AGV. Parlami delle novità di quest’ anno? Di novità ce ne sono tante! A ISPO abbiamo presentato i primi prodotti tessili con protezioni integrate; nuove tecnologie protettive nel mondo del guanto, ma soprattutto, ciò che andrà a segnare la storia della protezione per il prossimo decennio, cioè l’inizio dello sviluppo tecnologico dell’Airbag per il mondo degli sport invernali, grazie all’accordo che abbiamo appena stipulato con la FIS. Di che cosa si tratta esattamente? Si tratta di un sistema elettronico in grado di calcolare, attraverso un algoritmo di attivazione particolarmente accurato, la situazione di “incidente” nel quale può essere coinvolto l’atleta. Tale sistema, dopo aver riconosciuto la probabile caduta, attiva il gonfiaggio dell’air bag (attraverso un generatore di gas) capace di proteggere l’atleta da possibili traumi, derivanti dalla caduta, nella parte alta del corpo. È un prodotto che sarà vendibile al pubblico? Questo è l’obiettivo finale, coerente con il concetto di protezione “democratica” di Dainese. Pensiamo di fare lo stesso percorso che abbiamo fatto con il primo back-protector della storia agli inizi degli anni ’80, dalle competizioni al mercato. Anche l’air bag moto ha poi seguito questa esperienza. Inizialmente abbiamo sviluppato il D-Air Racing, sistema airbag per moto da pista, nel 2000 e abbiamo lanciato il prodotto sul mercato solo nella campagna vendite 2011. È un prodotto che è completamente integrato all’interno della tuta di Valentino Rossi, Nicky Hayden e

Ispo REPORT

Words: Nicolò Balzani

Marco Simoncelli, solo per citare i piloti più noti, ed è completamente indipendente dalla moto. È nostra intenzione portare questa tecnologia anche nelle competizioni invernali. È fondamentale avere l’accordo con la Federazione Internazionale Sci per poter raccogliere i dati durante le gare della Coppa del mondo, dati che ci permetteranno di sviluppare il sistema elettronico finale. Presenterete questo prodotto all’Ispo? No, il prodotto è ancora in fase di sviluppo. Presentiamo all’ISPO il sistema intelligente che abbiamo sviluppato per la motocicletta e che andremo poi a “customizzare” per il mondo dello sci. Quali sono, invece, le novità già in corso? Abbiamo presentato Second Skin, il primo capo tessile con protezioni omologate integrate su spalle e gomiti. È un concetto innovativo, in quanto siamo riusciti a integrare protezione e ergonomia del capo; ottimizzando una volta ancora il rapporto tra confort e sicurezza. Ovviamente, come tutti gli altri nostri capi, anche Second Skin è stata studiata per essere portata assieme ai nostri back protector. Abbiamo poi sviluppato una nuova protezione soft che si chiama Flip Air e dei nuovi sotto guanti protettivi. Ecco, puoi parlami di questi nuovi guanti? La caratteristica di questi glove è che sono composti da un primo strato protettivo con inserti morbidi o rigidi su nocche e dita, e un guanto esterno ad isolamento termico. Il massimo delle performance e del calore con la massima protezione. Per i caschi cosa proponete per la stagione 2012?

Dainese, marchio che richiama le moto e la velocità, è presente nel mondo della neve dal 1995. Siamo stati al loro stand, dove abbiamo incontrato il marketing manager Fabio Muner, che ci ha svelato i progetti dell’azienda vicentina legati agli sport invernali. Abbiamo un bellissima collezione di caschi All Round, i Colors, nome che deriva dalle colorazioni particolarmente “eye-catching” della linea. Il prodotto però tecnologicamente più avanzato è il casco GT, sviluppato assieme ai GT goggles. Si tratta di un innovativo casco Gran Turismo in policarbonato, omologato secondo la normativa europea 1077 type A. Si caratterizza per una presa d’aria basculante collocata nella zona frontale dove si misura la maggior pressione dell’aria in modo da

assicurare la miglior areazione possibile in caso di necessità. La presenza di due estrattori posteriori facilita la fuoriuscita del vapore acqueo prodotto durante l’utilizzo. Il bordo frontale deformabile assicura un perfetto “sealing” con la maschera evitando fastidiosi spifferi d’aria. Il rotore di regolazione taglia assicura un fit perfetto. Il frame, la struttura, dei GT goggles è stata studiata anch’essa per diventare un tutt’uno con questo casco e un unico sistema protettivo per l’atleta.

Sotto: Sistema D air

29 Pill3.indd 29

27-03-2011 18:53:24


Ispo REPORT

DRAKE SNOWBOARDS Northwave S.r.l | Tel. 0423 2884 | info@northwave.com | www.northwave.com

Davide Smania Words: Nicolò Balzani

Chi sei? Davide Smania, Product Manager per quanto riguarda i prodotti Drake, quindi tavole e attacchi. Fungo sostanzialmente da interfaccia tra l’interno ed l’esterno dell’azienda. La mia fortuna è che sono riuscito a trasformare una passione che è iniziata ben 15 anni fa, quindi metà della mia vita, nel mio lavoro. Tutto è iniziato nella prima adolescenza con lo skate, ma poi ho trasferito questa mia attitudine per i board sport in montagna e al mare, dove si può apprezzare di più il contatto con la natura. Cosa significa Product Manager in un’azienda italiana come questa? Il mio lavoro sfrutta un insieme di punti di forza all’interno dell’azienda per riuscire a ottenere un prodotto interessante, sia in termini estetici, tecnici che di prezzo. Partendo dal design, collaborando con l’ingegnere, si studiano tutte le varie componenti tecniche, per poi arrivare alla parte commerciale, proponendo un campionario, sviluppando una collezione e seguendola nel mercato. In realtà spesso si parte dal fondo, cioè si analizzano le problematiche e le necessità del mercato e si trovano le soluzioni per la collezione successiva. Che problematiche ha il mercato italiano? Al momento non c’è tutto questo entusiasmo all’acquisto. Si parla di uno sport tecnico e specifico, quindi anche impegnativo dal punto di vista economico. All’interno dei board sport, forse lo snowboard è uno tra i più dispendiosi, anche in termini di costo variabile (intendo il costo di ogni uscita). In alcuni casi è stato un pò posticipato l’acquisto, considerata anche la situazione economica globale, ma fortunatamente ci sono state Binding 2011/2012: Radar

molte novità nelle tavole, tra le cambrature soprattutto, che hanno portato una ventata di aria fresca. Perché uno dovrebbe comprare i prodotti Northwave e Drake? I nostri prodotti si propongono anche per un ventaglio di cliente molto ampio, dal freerider fino al ragazzino impazzito di rail. Hanno un buon appeal e un ottimo prezzo, qualità che ci fa essere molto competitivi rispetto alla concorrenza. Un esempio sono i nostri attacchi, come il King, il Fifty e il nuovo Reload, prodotti validissimi, esteticamente molto apprezzati e con una importante tecnologia costruttiva. Alla fine, qui in Northwave, investiamo tantissimo sui nostri prodotti, anche sulle tavole che sono gli ultimi arrivati nella nostra collezione hardgoods. Le novità di Drake per il prossimo anno? Per quanto riguarda le tavole abbiamo una novità nella DF2 a livello di cambratura ibrida: tavola permissiva grazie al triplo rocker, ma performante e reattiva per i due camber posti sotto ai piedi. La Urban nella nuova versione flat è fantastica nei box e nei rail, oltre che nei flat tricks. Per quanto riguarda gli attacchi è sicuramente il Reload il pezzo più interessante e da me preferito. Con il nuovo hiback Light Frame e il carrello alleggerito abbiamo ottenuto un perfetto mix tra leggerezza e resistenza, tra sostegno e mobilità, tutti elementi fondamentali nel freestyle.

30 Pill3.indd 30

27-03-2011 18:53:29


Ispo REPORT

DC SHOE CO USA GP Casana California Sport | +39 011.92.77.943 | info@californiasport.it | www.dcshoes.com

Words: Nicolò Balzani

Ciao Gp, parlami delle news del prossimo anno by DC. Partiamo da questo nuovo prodotto, lo scarpone Super Park, che in realtà conosciamo già come posizionamento, è uno scarpone dedicato a chi vive in park. La grossa novità di quest’anno è il sistema di chiusura tradizionale a laccio, ma unito ad un sistema Boa che va a tendere i lacci sul collo del piede. Quindi riusciamo ad abbinare la precisione e la chiusura differenziata data dai lacci, alla praticità Boa, in modo che, quando il laccio, con la sua naturale caratteristica di elasticità, si rilascia un po’ durante la giornata, si può regolare direttamente senza aver bisogno di riaprire lo scarpone.

Boot 2011/2012: Super park con l’innovativo sistema di chiusura.

In questo Ispo non potevamo mancare all’appuntamento allo stand DC, dove ad accoglierci, c’è Gian Paolo Casana di California Sport che, come di consueto, si rivela un perfetto interlocutore sfoderando una breve, ma completa, presentazione dei prodotti winter 2012 del marchio americano! 2011/2012 board collection.

Alcune novità sulle tavole? Grande novità della stagione è la tavola Ply, tavola studiata per avere un’alta gamma di utilizzo! La tavola abbina un camber tradizionale tra gli attacchi, una zona flat sotto gli attacchi e un camber inverso su punta e coda. È presente in diverse misure e su due, quelle utilizzate da Torstein e Aaron, abbiamo l’opzione della grafica tradizionale o personalizzata dai due pro. Sulla Ply, così come su tutta la nuova gamma DC, è presente la nuova soletta strutturata con finitura a pietra in modo da avere piccoli incavi che facilitano l’eliminazione dell’acqua e rendono la tavola più veloce sulla neve. Tutta la gamma Ply (anche donna) è caratterizzata dalla grafica che richiama le lettere del marchio DC, tutti i disegni hanno immagini che rappresentano oggetti il cui nome inizia in ingelse con D o con C. Quindi sono anche davvero simpatiche da vedere, oltre che veloci, performanti e divertenti sulla neve.

31 Pill3.indd 31

27-03-2011 18:53:36


Ispo REPORT

FLOW/ARMADA /RIPCURL Oberalp | +39 0471 242900 | info@oberalp.it | www.flow.com

Words: Nicolò Balzani

Ciao Ale, sei tornato alla ribalta con un pool di marchi molto importanti, come sono andati quest’inverno? Da Armada abbiamo avuto un risultato veramente eccellente e il magazzino è stato totalmente svuotato. Per Flow abbiamo consegnato molto bene e il sell out è stato più che soddisfacente, mentre per Rip Curl nell’estivo abbiamo fermato il trend negativo degli anni precedenti e, questa inversione di tendenza, non ci può che rendere soddisfatti del lavoro svolto. Quali sono le tue/vostre intenzioni per far conoscere ancora di più i tre marchi che rappresenti? Per l’inverno prossimo andremo in giro per i resort a fare testare i nostri prodotti, per questa ragione abbiamo organizzato un Demo Tour di sette (7) date! In aggiunta, faremo anche un Video Tour nelle 10 regioni più importanti, questo è un progetto ancora da definire ma sicuramente ci sarà un filming ed un editing originale mai visto prima! Flow è un marchio storico nel mondo dello snowboarding, cosa gli manca e cosa gli è mancato per fare il salto di qualità nelle vendite? Oggi Flow è conosciuta soprattutto per l’attacco e lavoreremo per farlo conoscere ancora di più perché è l’icona principale del marchio. Attraverso di esso spingeremo perché tutto il resto della gamma, tavole e scarponi, abbia il successo che merita. Mi vorrei soffermare sui boots che sono veramente di qualità eccellente ma, essendo un mercato particolare, abbiamo intenzione di portarlo nei nostri Tour, fare dei clinic e test appositi nei negozi per spingerli ancora di più.

Alessandro Ricci

da pochi mesi, dopo anni d’esperienza nelle vendite e nel marketing di numerosi action sport brand, è diventato il Sales Manager di Oberalp, la ditta di Bolzano che importa brand prestigiosi come, Flow Snowboards, Armada Skies e Rip Curl Clothing. Ecco le novità by Oberalp per la prossima stagione Winter 2012.

Come pensi di incrementare il successo di un prodotto affermato come Armada? I trend degli ultimi anni ci hanno permesso di aumentare i pezzi venduti senza incrementare il numero di shops, questo non significherà sicuramente che andremo nei negozi multisport tradizionale. Quello che mi auguro è che i tanti board shops si convincano dell’importanza del freeski ed investano sui nostri prodotti, all’unisono considerati ottimi. Credi che il freeski sia l’action sport del futuro? Credo che, nella cultura italiana, lo sci sia avvantaggiato rispetto alla tavola e, siccome i giovani d’oggi sono molto

evoluti ed aperti a nuovi modi di interpretare questo sport, il freeski avrà importanti margini di crescita. Le novità di Armada per il prossimo inverno 2012? La gamma è stata ampliata con degli sci un po’ più “Italian Style”, quindi leggermente più rigido e sciancrato per permettere anche di girare in pista con una certa stabilità. Quindi, creazione di modelli più All Mountain direzionati alle piste. Invece per Flow? Dopo il successo delle passate stagioni riscosso dal camber inverso, dal prossimo anno presenteremo prodotti anche con camber zero, prodotti validi per tutte le tipologie di riding. Avremo una linea con camber tradizionale, che riteniamo non sia assolutamente finito, e per questa ragione la linea delle tavole 2012 sarà suddivisa circa: 33% Camber Inverso, 33% Camber Zero e 33% Camber Positivo. Quali forme di advertising avete intenzione di attuare per i tuoi marchi? Sicuramente il web è molto visitato e attira una cospicua massa di giovani, quindi terremo in considerazione questa forma di pubblicità. Per quello che riguarda i magazine crediamo fortemente nei Free Press Magazine, visto la facilità di recepire informazioni dalla rete e la carenza di soldi nelle tasche dei ragazzi. Vorremmo creare anche un Team, sia per Armada che per Flow, non di rider qualsiasi ma di top rider… pochi ma buoni! Perché comprare abbigliamento Rip Curl? Per il fatto che, sui prodotti di media gamma, abbiamo un rapporto qualità prezzo difficile da battere. Nell’alta gamma abbiamo delle interessanti innovazioni tecnologiche, come il nostro tessuto “Mirage” elastico in tutte le quattro direzioni e senza cuciture, che permette così al capo di seguire il movimento del rider. Collezioni Rip Curl 2012? Rip Curl è l’azienda che investe di più in produzioni eco sostenibili, per questa ragione circa il 15% della nostra produzione ha questa caratteristica. Il brand è molto vicino ai problemi del nostro pianeta, tanto da aver creato una sua fondazione denominata “Save The Planet”, e producendo capi da plastica e neoprene riciclato.

M9 Se Binding, Quantum Board e Hylight Boot con Zip Fit.

32 Pill3.indd 32

27-03-2011 18:53:44


HEAD SNOWBOARDS Mares Spa | 0185 20111 | info-head@it.head.com | www.ridehead.com

Ciao Xavier, raccontaci le nuove tecnologie che saranno presenti nella linea di tavole 2011/2012?   Il prossimo anno avremo tre tipi di linee differenti. Quella tradizionale, da noi chiamata Camba, Rocka con Camber negativo e Flamba con Camber piatto. Il punto forte della linea Camba tradizionale è sicuramente la Force I. Kers, eletta come migliore tavola 2011 durante i test di Hotline. Quest’anno la decisione è stata quella di dare molta importanza anche alla grafica, così abbiamo scelto di portare i tre riders Christophe Schmidt, Shayne Pospisil e Fredrik Evensen direttamente nella fabbrica di Taiwan per disegnare a mano ogni singolo esemplare. Un’altra tavola da non sottovalutare è la AK, caratterizzata dal sistema Snake-camber che permette al Nose di alzarsi di ben 5 cm, per non affaticare la gamba posteriore durante le lunghe giornate in Powder. Per la linea Rocker abbiamo aggiunto il Kers, un sistema usato anche in Formula 1, che grazie a delle fibre posizionate nel Nose e nel Tail permette alla tavola di rispondere ad ogni imput, riuscendo a dare una maggiore spinta per l’ollie. Questo sistema lo abbiamo adottato anche nelle tavole Flamba, come per esempio nella Evil Kers  Flamba, la tavola promossa da tutto il nostro Team Rider durante i test a Folgefonna.   Invece, per quanto riguarda gli attacchi?

Una persona gentile, disponibile e sempre pronta a rivelarci interessanti news, riguardanti il brand Head Snowboards. Lui, Xavier Mora, ricopre il ruolo di Global Brand Manager per la sezione freestyle di Head, e queste sono le novità della prossima stagione.

Ispo REPORT

Xavier Mora Words: Enrico Santillo

I nostri attacchi saranno caratterizzati da varie tecnologie tra cui: il sistema “Auto Open Total”, ovvero un’apertura di 180° più pratica e veloce per allacciare e slacciare le strap. Inoltre abbiamo continuato a mantenere altre tecnologie di successo come “LS High Back”, un supporto “alato” di forma asimmetrica, più duro e leggero che garantisce il massimo controllo della tavola in ogni situazione. Un’importante novità è sicuramente quella dell’aggiunta di una parte in silicone nella base dell’attacco, che oltre ad ammortizzare i colpi più duri, crea un’effetto “a ventosa” permettendo al piede di rimanere immobile.   Abbiamo parlato delle tavole e degli attacchi, cosa mi dici dei Boots? Per gli scarponi abbiamo tre tipi di apertura, il Traditional, lo Speed lancing e il Boa. Il sistema Boa, sicuramente di maggior successo rispetto agli altri, è suddiviso in tre tipologie: il Boa classico, il Boa Coiler e il Boa Instep Grasp. Quest’ultimo è un sistema di allacciatura che blocca efficacemente il tallone. Quest’anno, in esclusiva per Head, abbiamo sperimentato nei nostri laboratori un materiale chiamato “mu-func”, usato nelle scarpette interne dei modelli di alta gamma dell’uomo e della donna. Grazie ai nostri test in laboratorio, abbiamo constatato che il “mu-func”, permette al piede di raggiungere una temperatura di 3° centigradi in più, rispetto ad un semplice scarpone da neve.

Rudy (Responsabile boots), Xavier e Cristian Wolf (Responsabile boards and bindings)

33 Pill3.indd 33

27-03-2011 18:54:15


Ispo REPORT

HOSTILE SNOWBOARDS Hostile Snowboard | 0174 46 200 | info@hostile.it | www.hostile.it

Words: Enrico Santillo

Gianni Roà.

Produrre un brand Made in Italy, è sicuramente una scelta molto coraggiosa, soprattutto negli ultimi anni dove molti brand esteri sono divenuti colonne portanti di questo vasto mercato e dei veri punti di riferimento per tantissimi snowboarder. Tutto questo non ha spaventato il protagonista di questa intervista, che con il passare degli anni, è riuscito a far diventare il suo brand, Hostile Snowboards, apprezzato in Italia e non solo!

Presentati spiegando chi sei e cosa fai? Sono l’Amministratore Delegato e l’anima commerciale di Hostile Snowboards, l’azienda che ho fondato nel 1999… e che gestisco insieme a mio figlio Andrea che, oltre ad essere un rider esperto, è anche un progettista preparato e brillante. Io mi occupo delle vendite e della gestione e lui si occupa, insieme al nostro team agonistico, dello sviluppo dei prodotti. Abbiamo la sede a Mondovì, alle pendici di Prato Nevoso, nel cuore del Piemonte, regione famosa per le sue montagne e le sue località sciistiche. Per un’azienda come la nostra, che produce snowboard e attrezzature per gli sport invernali, non potevamo scegliere un posto migliore! Come è andata questa stagione per il tuo marchio? Da buon piemontese, di solito amo essere prudente, ma quest’anno mi sento di dire che è andata bene. Siamo cresciuti considerevolmente e abbiamo incrementato le vendite di circa il 30% rispetto allo scorso anno. Un segno indiscutibile del fatto che le nostre scelte sono state corrette, sia sul versante dei prodotti, che dei prezzi, secondo me. Abbiamo lavorato sodo per dare qualità al giusto prezzo ai nostri clienti e loro ci hanno premiato. Inoltre ci siamo allargati anche all’estero. Hostile è molto apprezzata in Argentina, Romania e Svizzera, tutte aree molto promettenti e con possibilità di sviluppo che intendiamo consolidare nelle prossime stagioni. Insomma, “pistola in mano” stiamo conquistando fette di mercato importanti, spesso anche in concorrenza con i grandi colossi stranieri del settore (NdR: il marchio di Hostile è uno “scugnizzo” armato).

Quali sono i motivi di questa crescita? Prima di tutto la qualità dei nostri prodotti, che è il risultato di investimenti importanti nella Ricerca e Sviluppo e di un’attenzione continua ai materiali e alle tecniche di produzione. Io e mio figlio siamo costantemente impegnati a selezionare e seguire i fornitori migliori e facciamo assemblare le nostre tavole soltanto in Austria e Germania da aziende che abbiamo scelto e che andiamo a visitare personalmente, più volte l’anno. Solo così, con un’attenzione costante a tutti gli aspetti della produzione, dalla progettazione fino al momento in cui nostri articoli arrivano nei negozi, riusciamo a rimanere competitivi anche rispetto ai marchi che, per avere margini maggiori, producono in Cina o risparmiano sulla ricerca. E’ faticoso, ma – come dimostrano i dati – alla fine anche premiante! Quali saranno le novità e le tecnologie del prossimo anno? Le novità saranno molte in tutte le fasce di prodotto, da quelle base a quelle per i rider più fanatici. Innanzitutto nella nostra nuova collezione troverete snowboards con tutti i tipi possibili di camber, rocker e double camber. Nei bindings, poi, ci saranno due new entry. Due modelli leggerissimi e performanti, davvero …Hostili! La tecnologia sarà un aspetto determinante anche negli scarponi, che saranno tutti equipaggiati con un nuovo sistema Fastlace che renderà più agevole l’allacciatura. E questo solo per citare qualcuna delle molte novità che abbiamo in cantiere. Però non sarà solo l’aspetto tecnico a rendere la nuova collezione davvero straordinaria. Anche la grafica sarà completamente rinnovata.

Da quest’anno abbiamo un nuovo Art Director, che coordina il nostro team di creativi. I primi risultati di questa nuova collaborazione li vedrete già nel 2012. Io e Andrea abbiamo potuto sbirciare qualche anteprima e vi assicuro che siamo rimasti senza fiato! Non posso dire di più, per adesso, perchè è ancora tutto top-secret, ma se siete curiosi, vi suggerisco di tenere d’occhio il nostro sito, durante l’estate. Chissà che qualche immagine non ci scappi… Magari anche sui nostri nuovi ski freestyle, che dal prossimo inverno amplieranno la gamma prodotti, ma non fatemi dire di più, o poi dovrò vedermela con mio figlio! Come pensate di pubblicizzare il vostro marchio nella prossima stagione? Da quest’anno lavoreremo molto sul brand. Abbiamo assunto una società dii marketing con l’obiettivo di far crescere Hostile e di consolidare la nostra comunicazione. Stiamo lavorando sul logo, che si evolverà, crescendo insieme ai nostri riders. Stiamo investendo molto anche per consolidare il rapporto fra noi e i no-

stri clienti. Vogliamo permettere ai riders di dire la loro sulle prossime collezioni e dare più spazio alle community che sono cresciute intorno all’azienda. Il sito internet diventerà uno strumento sempre più potente e con sempre maggiori informazioni per tutti. Non ci limiteremo solo al “virtuale”, però. Saremo anche molto presenti sul territorio con i Test Tour, perché chi prova Hostile non la lascia più. Davvero. In percentuale, avete venduto più tavole a Camber normale o a Camber inverso? Questa stagione, abbiamo venduto più tavole a camber, perché la nostra collezione 2010/11 comprendeva solo due modelli con rocker. Dal prossimo anno, però, la storia sarà molto diversa. Arricchiremo la nostra gamma con tutte le tipologie di camber e rocker in tutte le fasce prezzo. Quello più preparato a rispondere a questa domanda, comunque, è mio figlio Andrea, che si occupa della progettazione. Se volete saperne di più scrivete a lui. La mail la trovate sul nostro sito: www.hostile.it

Collezzione Hostile: Excuse Bindings, Pimp Me Board e Sublime Boot.

34 Pill3.indd 34

27-03-2011 18:54:20


ICON SNOWBOARDS Isabelle Costantini | 3937095476 | iccorsica@hotmail.com

Ciao Antti, come ti è venuta in mente di creare il tuo marchio? L’idea è nata dal fatto che in Finlandia ci sono tantissimi rider super spessi e mancava un brand che li potesse supportare e, soprattutto, che fosse finlandese come loro! Il nostro scopo è stato, fin dall’inizio, di creare un marchio che valesse tanto quanto la scena finlandese a livello mondiale. Ad oggi girano per noi molti rider “nostrani” e il nostro team annovera nomi importanti come Jaakko Sappala e Fredu Servio. (P.s: Andate a vedervi il video Euro Gap 3!) Fredu Sirvio: Heartbreak collection

Ispo REPORT

Antti Bergman Words: Nicolò Balzani

Come sta andando il tuo brand negli ultimi anni? La crisi economica si è sentita indubbiamente, non solo per il mercato dello snowboard, ma i nostri prodotti sono andati sempre bene e sono cresciuti costantemente non solo in Scandinavia. Bisogna considerare che lo snowboard è cresciuto come sport e noi con lui. Perché un negozio o un rider dovrebbe comprare i vostri prodotti? I nostri prodotti sono realizzati, creati e sviluppati da rider! Il nostro marchio è fatto da rider e per i rider con prodotti prettamente dedicati allo snowboard, oltre a ciò, sono fatti con materie di primissima qualità e studiati nel minimo dettaglio, nulla è lasciato al caso. Quali sono le highlight del prossimo anno? Per quello che riguarda le tavole, la Go è la nostra tavola più venduta, con un prezzo molto interessante e tanta tecnologia! Tavola All Mountain/Freestyle direzionale che è disponibile in 4 misure (153, 156, 159,162 cm) con un camber zero nel mezzo, mentre ha un rocker su punta/coda e rinforzi in carbonio sull’estremità. La consiglio sia per la powder che per il pipe! Avete anche una linea d’abbigliamento? Si, ampliamo la nostra gamma by Icon con l’outerwear. Il nostro rider di punta, Fredu Sirvio ha firmato una sua propria linea chiamata Heartbreak Collection che non è molto tecnica ma con uno look innovativo, trasgressivo, interamente fatta in pelle sintetica e, soprattutto, che esce dagli schemi!

Icon Snowboards, interessante incontrare un brand finlandese in uno sport che fa della Finlandia una delle sue nazioni di punta. Antti Bergman è il fondatore, proprietario e manager del marchio insomma un tutto fare molto intraprendente ed originale come lo dimostrano le grafiche della sua board collection e la sua clothing collection signature series by Fredu Servio!

Jones Snowboards Wave Distribution | +39 347 4999218 | alex@wavedistribution.it | www.jonessnowboards.com

Jeremy Jones Words: Nicolò Balzani

Mr. Jeremy Jones un’icona e un mito per milioni di rider al mondo non solo freerider. Dopo i successi della scorsa stagione ecco presentarci la nuova collezione Jones Snowboards per la stagione 2011/2012. Ciao Jeremy, come ti è balenata l’idea di creare un board brand con il tuo nome? Dopo anni di riding non trovavo prodotti che mi soddisfacessero appieno e che si adattassero al mio stile, quindi la scelta è stata una logica conseguenza. Ho creato un prodotto che piace a me come a tanti altri, fatto con passione e consapevolezza. Quali novità ci sono nella nuova collezione targate Jones Snowboards? Innanzitutto sono aumentate le tavole Split che hanno avuto un notevole successo di vendita. La Solution sarà in vendita in versione split in tutte cinque le misure e, novità assoluta, abbiamo creato una versione da donna, o per pesi leggeri, con 154 cm di lunghezza.La Mountain Twin e l’Overcraft saranno anche loro disponibili in versione split ma in una singola lunghezza. La tecnica costruttiva sarà una perfetta combinazione di rocker e camber con la tecnologia Magne-Traction, che permette l’utilizzo delle board su tutti i tipi di terreno.

Sei stato contento della prima stagione? Si, devo dire che sono stato molto contento, soprattutto perchè ho sentito molti shops in giro per il mondo soddisfatti dei prodotti sotto tutti i punti di vista, per me questo è l’indicazione che sono sulla strada giusta. Quale è stata la ricetta del successo delle tue tavole? Sicuramente avere portato novità nel mercato producendo tavole che, sotto l’aspetto qualitativo e del design, nessuno aveva ancora pensato di produrre e per una fetta molto consistente di rider. Quali saranno gli obiettivi per il prossimo inverno? L’attenzione dell’azienda è verso i rider esperti che apprezzano la nostra innovazione e la tipologia di tavole che produciamo. Non facciamo tavole da street e per young blood tipo Twint Tip 152, la nostra utenza è diversa da quella di tanti altri brand e, forse, è la nostra forza.

35 Pill3.indd 35

27-03-2011 18:54:30


Ispo REPORT

LEVEL & BLISS GLOVES Level | 0342 564250 | feedback@levelgloves.com | www.levelgloves.com

Come sta andando il trend di Level negli ultimi anni? Per Level sta crescendo, perché l’anno scorso, nonostante la crisi, abbiamo avuto più di un migliaio di riordini. Per la linea Bliss è andata ancora meglio, rispetto a 2-3 anni fa, è cresciuta molto. Quello che mi piace è che se ne parla sempre di più, la gente la conosce non solo in Italia ma anche in Europa. In percentuale, quanto spazio dà Level alla linea uomo rispetto a quella femminile? Diciamo che non c’è una percentuale uomo e una donna, perché oggi molte delle nostre linee sono unisex, quindi indossate da uomini e donne. Il settore femminile è una buona fetta di mercato, le donne se vogliono qualcosa lo comprano subito. Se devo darti una percentuale direi un 60% uomo e 40% donna, ma questa distinzione è data dalle linee che vestono solo uomini e quelle che vestono solo donne, non tenendo conto dell’unisex.

Level Gloves da 5 anni ha creato una linea di guanti da donna e ha puntato su una ragazza di Bologna, trapiantata in Valtellina, per il design e la sua promozione. Scommessa vinta? Lo abbiamo chiesto alla diretta interessata, Valentina Trentini, che ha portato creatività ed innovazione tipiche di una lady rider giramondo. Ciao Vale, racconta un pò chi sei? Sono Valentina Trentini, ho 27 anni, sono di Bologna, però vivo da tre anni a Bormio con il mio fidanzato, Stefano Munari (uno dei top rider italiani) e lavoro per Level Gloves.

Parlami del tuo team Bliss. Il team è cresciuto tantissimo dall’anno scorso, quest’anno abbiamo Aimee Fuller, Sarka Pancochova, Tania Detomas, Anni Kuorti, Emma Bernard, Claire Chapotot e Bibi Maiocco, per lo snowboard; Arianna Tricomi, Silvia Bertagna e Katia Griffith, per il freeski e due fotografe molto importanti Eleonora Raggi e Vanessa Andrieux. Il progetto si sta evolvendo, perché disegniamo i guanti insieme alle atlete, in modo che possano dare input per migliorare il prodotto. Per il prossimo anno abbiamo intenzione di disegnare molto di più con loro e di occuparci anche della linea dei beanies, disegnando un cappellino personale per ogni atleta.

Vale Trentini Words: Nicolò Balzani

Cosa ci dobbiamo aspettare, a livello grafico, dalla linea che presenterete per il 2011/2012? La linea Bliss è una linea nuova, molto più fresca, perché negli anni scorsi abbiamo realizzato prodotti per un target di sole donne, invece nel prossimo futuro ci orienteremo anche al mondo delle ragazze. Quest’anno abbiamo disegnato anche per le junior, quindi per bambine dai 9 ai 14 anni. La linea sarà più giovane, colorata e, soprattutto, curata nei dettagli e negli accessori. Un esempio è il modello Pipe, presentato con brillanti incastonati sul dorso. Nella linea Level, invece, sono rivolti più verso colori classici e tagli per un target più alto. Ci sono novità tecniche? Abbiamo sempre la collaborazione con Gore Tex, e usiamo Primaloft per le imbottiture, quindi guanti di altissima qualità, molto tecnici e caldi. Abbiamo anche ampliato la gamma degli Overgloves e, ci tengo a precisare, che siamo l’unica azienda nel mondo dello snowboard e sci a farli. Quanti modelli ci sono NELLA collezione? Quest’anno sono 16 modelli Bliss e circa 120 per Level, più le varianti colore. Non contando i beanies, le skipoles e i bakcpack! L’hIGHlight di quest’anno by Level e Bliss? La novità più importante la definirei di concept e di design nuovo, presente sia nella linea Bliss che in quella Level, ed è il guanto Rocker brevettato da noi. La sua caratteristica è di avere le due dita centrali unite e le altre libere, per formare il simbolo del Rock’n’roll!

Stefano Munari con il nuovo guanto Rocker.

Fai solo quello? No, lavoro anche per Snowboard Mag, ma principalmente mi dedico a Level. Come sei arrivata al mondo dello snowboard e a lavorare con Level? Ho iniziato a snowbordare 12 anni fa, ero con un gruppo di ragazzi di Bologna, andavamo a fare gare per tutto l’Appennino e sulle Alpi. Ho conosciuto l’azienda Level 3-4 anni fa perché il cugino di Stefano, Max Perotti, ci lavora da ormai 10 anni e mi ha detto che cercavano una ragazza che disegnasse la linea Bliss by Level, dedicata interamente alle donne, una linea di guanti molto più fashion e attenta ai dettagli. Mi hanno preso per collaborare con loro e da lì ho iniziato la mia esperienza. Cosa significa lavorare per un marchio come Level? Significa avere un sacco di opportunità. Sono cresciuta professionalmente insieme al progetto Bliss by Level, nato 5-6 anni fa dalla geniale mente del mio capo Mauro Compagnoni e che continua a svilupparsi anno dopo anno. Per creare nuove grafiche e nuovi stili devi avere tanta creatività e loro ti aiutano molto, trasmettendoti tutta la loro esperienza. La cosa bella in Level è che ci sono un sacco di donne che ci lavorano, quindi è un’azienda con pari opportunità per tutti, anzi, le donne sono davvero molto importanti al suo interno!

36 Pill3.indd 36

27-03-2011 18:54:41


Ispo REPORT

LIB TECH & GNU Ettore Rusinà Holy Sport | 0584 913743 | info@holysport.com | www.lib-tech.com

Words: Nicolò Balzani

Park Pickle la nostra Twin Tip, due raggi di sciancratura asimmetrici, per lamina back e lamina front. Questa tecnologia è stata adottata a scelta su altri due modelli: la Riders Choice, che può essere anche in versione normale, e sull’Impossible, che è una tavola con il meglio della tecnologia, alla pari dell’Altered Genetics e del Banana Magic di Lib Tech. Una novità in comune tra Gnu e Lib Tech è che entrambe hanno fatto le tavole Split!

Ettore è l’agente per il Nord Ovest di Lib Tech e Gnu, nonché un vero intenditore dei marchi di casa Quiksilver, che negli ultimi anni hanno creato una vera e propria moda con un boom di vendite mai visto prima nel mercato dei board sport! seguendo un profilo ellittico, in modo da Ciao Ettore le nuove tecnologiE applicate sulle Lib Tech per la prossima stagione? Tra le nuove tecnologie abbiamo l’ampliamento dell’utilizzo della fibra di basalto al posto della fibra di vetro, che è ricavata dalla roccia vulcanica ed è il 30% più leggera di quella di vetro. Questa tecnologia è applicata su tavole di fascia medio alta, come Cygnus, Skunk Apes, Travis Rice e il nuovo modello Attack Banana.

Ho sentito parlare del nuovo shape su che modello lo si trova? Sull’Attack Banana che è una new entry ed è presentata con un nuovo shape EC2 (Elliptical Banana), che è una via di mezzo tra una Banana, quindi con banana tra gli attacchi e punta e coda che salgono dritte, e il C2, banana tra gli attacchi e punta e coda con camber, seguendo un profilo circolare. Il nuovo shape ha sempre il banana tra gli inserti, ma punta e coda scendono in maniera meno accentuata,

caricare meno sulla neve quando si ridea.

Altre novità? Per il powder c’è il modello nuovo è la Nina (pronuncia Nigna), con una combinazione di rocker e camber, cioè il camber sotto l’attacco posteriore e il rocker sulla punta, per cui una volta sopra, con il peso si schiaccia la coda e va ad alzarsi automaticamente la punta. Invece per Gnu? Per il prossimo inverno abbiamo una tecnologia a lamine asimmetriche, nata due anni fa con la-

Board 2011/2012: Attack Banana

OAKLEY GOGGLES Nel numero precedente abbiamo ampiamente parlato dell’abbigliamento 2012 del brand dalla grande O, in questo, invece, ci soffermiamo sulla nuova e sorprendente maschera. Il termine sorprendente calza proprio a pennello per questo prodotto, chiamato Airbrake, che ci viene illustrato da Mathias Basedow, Oakley Pr Specialist:

“La maschera è stata presentata da Shaun White agli X Games di Aspen, la sua caratteristica è il nuovo sistema che permette la sostituzione della lente con un semplice gesto e in un lampo, denominato SwitchLock: ruotando la leva del meccanismo di blocco, la lente si svincola dalla montatura e può essere immediatamente sostituita con un’altra, più adatta

Mathias Basedow Words: Nicolò Balzani

alle condizioni del tempo, riducendo al minimo le distorsioni visive. La maschera è in vendita con una seconda lente sostitutiva” Se non l’avessimo visto con i nostri occhi non ci crederemmo, una semplice pressione, un semplice movimento di un (1) secondo e la lente è pronta ad essere sostituita! Impressionate!

37 Pill3.indd 37

27-03-2011 18:54:52


Ispo REPORT

Nike Snowboarding Nike Italy | 051 61155 | www.nikesnowboarding.com

“Afterbang”, un video cult per ogni rider che si rispetti, vedeva tra i suoi protagonisti gente del calibro di Jussi Oksanen, David Benedek, JP Solberg e… Bobby Meeks, l’attuale Nike Snowboarding Global Brand Manager! Molti manager all’Ispo si aggiravano per i loro stand altezzosi e poco propensi a fare una chiacchierata, apparivano come dei piccoli re che controllavano il loro regno. Bobby non sembrava far parte di questa categoria, pantaloni skinny style e cappellino di lana, e, nonostante le ore passate allo stand, rispondeva alle mie domande con semplicità, cortesia e competenza. Ciao Bobby, quale è il tuo ruolo in Nike? Sono Team manager e brand manager globale per Nike Snowboarding. Nel mio curriculum vitae ci sono 11 anni in giro per il mondo come pro rider. Che difficoltà hai riscontrato passando da pro rider a manager? Sono passato da svegliarmi tutte le mattine per rideare ad andare in ufficio, non è stato facile abituarsi. Ora la mia vita è molto più ripetitiva ma non la vedo come una cosa negativa, tutt’altro, adesso ho conquistato una certa stabilità mentre prima ero in giro per il mondo tutto l’anno. La mia giornata inizia alle 9:00 am e finisce alle 5:00 pm, molto più tranquilla la vita così con orari fissi e senza troppi sbattimenti. Lavorare per un brand come Nike è stata una grandissima occasione ma allo stesso tempo sono dovuto partire da zero perché ho imparato un nuovo lavoro, cosa per me stimolante! Devo ringraziare Nike che, fin dagli inizi, non mi ha mai messo fretta permettendomi di as-

similare con calma gli orari, i ritmi di lavoro e crescere senza troppo stress. Nike mi ha dato il tempo di imparare nonostante provenissi da un mondo e da uno stile di vita completamente differente, non so quanti altri brand avrebbero fatto lo stesso! Cosa significa fare il tuo lavoro in uno dei sport brand più importanti del mondo? Mi occupo del marketing, dello sport marketing, in particolare del Team e, con ogni singolo membro, da Danny Kaas a Nicholas Muller, c’è un rapporto d’amicizia, è bello lavorare con loro e per loro! Recentemente mi hanno dato ancora più responsabilità soprattutto da quando Brian Craighill, il boss del marketing e mio mentore, è andato in pensione e mi tocca prendere il suo posto. Quanto è difficile lavorare per Nike? Ripeto, Nike è stata molto paziente con me lasciandomi mie tempi e i mie spazi e, per uno con il mio carattere, è stato fondamentale. La responsabilità è tanta ma allo stesso tempo è una sfida eccitante perché, in fondo, sia io che Nike siamo partiti da zero, loro come brand appena inserito nel mondo dello snowboard ed io come manager di una grande società. Nike, agli inizi, non era come Burton con grandi basi solide nel mondo dello snow… insomma una nuova esperienza per loro come per me. Sfida elettrizzante!

Quale è La differenza tra mercato americano ed europeo? Il mercato americano e più focalizzato sulla scena core dello sport, mentre quello europeo è a più ampio respiro, offre più opportunità ed incremento del business. A noi americani può sembrare che il nostro movimento sia al centro di tutto ma ci sono un sacco di rider forti in Europa che influenzano ed hanno influenzato lo snowboard in maniera impressionante, come Daniel Frank, Gigi Ruf o Nicholas Muller. Molti rider europei sono famosi anche in America e fanno tendenza al pari, se non di più, dei miei connazionali. Il claim di Nike per il prossimo inverno? Fare snowboard... stare nell’ambiente, rideare, il resto conta poco. Io posso parlare ore di Nike ma la cosa più importante è la gente che lo pratica.

Bobby Meeks Words: Nicolò Balzani

Quali sono gli highlight per il prossimo inverno? Abbiamo sviluppato molto i nostri prodotti tecnici, ma direi che la vera novità è la creazione di una linea sola di boots, non più differenziata come negli anni passati (Nike Snowboarding e Nike 6.0). Quindi dal prossimo anno si parlerà di boot Nike, non più Nike Snowboarding e 6.0? I motivi di questa scelta? Nike crede che avere un marchio solo abbia più senso soprattutto per i rivenditori. Per i clienti diventava complicato differenziare tra i prodotti e riconoscerli. Crediamo che ci possa essere più opportunità nell’unire i marchi che lasciarli divisi, soprattutto a livello distributivo.

Perché la politica pubblicitaria del brand è basata sui rider? Perchè i rider sono importanti e tutto inizia e può finire con loro, lo posso affermare con certezza perché lo sono stato anche io. Gli atleti sono il punto focale del brand e tutto gira intorno a loro, questo è il successo di Nike. In passato ho collaborato con altre company che non lavoravano nello stesso modo, lasciando il team in secondo piano e non ascoltando i loro feedback, ed i risultati sono stati scarsi. Il rider Nike viene prima anche del prodotto, che poi è assemblato e creato a seconda delle sue esigenze e con i materiali al top della nostra produzione. La nostra politica è fare contratti a lunga scadenza per rimarcare l’immagine del brand su un rider e poter avere input sempre più validi e con sempre più esperienza.

38 Pill3.indd 38

27-03-2011 18:54:59


Ispo REPORT New Outerwear and Boot Collection

Massimo e Alvaro Dal Farra

MASSIMO MAZZA Finita l’intervista mi sono fermato a parlare con Massimo Mazza, Brand Manager Action Sports per l’Italia, il quale mi ha dato alcune delucidazioni riguardo la nuova collezione Nike Boots 2011/2012: “I boots dalla prossima stagione saranno brandizzati Nike! Non più nè Nike 6.0 nè Nike Snowboarding, solo Nike. Succederà quindi che i clienti Nike 6.0 avranno accesso a tutta la collezione dei boots Nike ad eccezione dei due modelli Kaiju e Danny Kass, che saranno esclusiva dei clienti Nike Snowboarding. I modelli dedicati ai rivenditori Nike 6.0, tutti boots di alta qualità con un prezzo super competitivo, sono: Zoom Force 1, che s’ispirano alle famose sneakers Air Force 1, caratterizzate dal sistema Zoom Air nel tallone, pelle sintetica di primissima qualità ed un flex medio ideale per tutti i tipi di riding. Vapen, che prendono il nome dalle lance vikinghe, rappresentano la novità più importante. Boots entry level ma d’altissima fattura, caratterizzati da ottimo sostegno e reattività, come il resto della gamma. Come primo anno di distribuzione dei nostri prodotti siamo molto soddisfatti dei risultati ottenuti sin’ora, ma crediamo, altresì, che ci possano essere notevoli margini di miglioramento. In questa prospettiva abbiamo deciso di aumentare i negozi Nike Snowboarding da 3 a 10 e, come precedentemente detto, utilizzeremo il solo nome Nike per tutti i boots, sicuri che il prodotto sarà così più facile da riconoscere ed acquistare”.

39 Pill3.indd 39

27-03-2011 18:55:13


Ispo REPORT

NITRO SNOWBOARDS Nitro Distribution Italia | nitro@nitro.it | www.nitro.it

Ciao Tommy, ho visto che quest’anno ci sono tantissime innovazioni per quello che riguarda il tuo brand? In Nitro non ci fermiamo mai, cerchiamo sempre di sviluppare la nostra tecnologia e renderla accessibile a tutti. Con questo pensiero abbiamo creato la nuova linea Nitro 2011/2012. Non vogliamo che tutti i nostri sforzi siano a disposizione di pochi ma di molti e questo, credo, possa essere stato il successo dei nostri brand! Ho visto che avete realizzato una nuova linea di attacchi veramente sorprendente, ogni modello ha un proprio tipo di spoiler, i motivi di questa scelta? Raiden è un marchio in forte ascesa, la gente si sta accorgendo che insieme alle nostre tavole può avere degli attacchi, come degli scarponi, veramente performanti. Per questa ragione abbiamo realizzato modelli di attacchi ognuno con una tecnologia differente, non solo per quello che riguarda gli spoiler! Nei boot avete tirato fuori un nuovo prodotti con una nuova tecnologia veramente interessante! Si, insieme a Sergio Stramare (andatevi a leggere la sua ITW sul numero di gennaio), abbiamo progettato un nuovo shape molto più compatto che riduce al minimo lo spazio tra la scarpetta e lo scafo, creando così un prodotto ancora più sensibile a qualsiasi imput proveniente dal rider. Questa nuova tecnologia si chiama Reducer e sarà disponibile sui nostri modello di punta, il Select e il Reducer.

Mi rendo conto solo alla fine di questa intervista che, fino a qualche istante prima davanti al mio microfono c’era Tommy Delago! Forse da questa inconsapevolezza nascono le mie domande al Boss di Nitro Corp fondata nel lontano 1990, un pioniere, ma anche un innovatore, dello snowboard degli ultimi 20 anni!

Per quello che riguarda le linea hardgood, abbiamo visto un’inversione di tendenza rispetto agli anni scorsi, con colorazioni e grafiche colorate… Non esattamente, i nostri colori istituzionali sono sempre rimasti, il nero (tipico colore Nitro) c’è ed è dominante. Possiamo dire che quest’anno la collezione Nitro è accompagnata anche da altri colori, come l’arancione per esempio, ma sono un contorno. Le grafiche le più originali sono quelle “animal style” realizzate da Dennis McNett, artista di fama internazionale che collabora da un paio di anni con

Tommy Delago Words: Nicolò Balzani

noi, nella collezione Pro Off che quest’anno è ulteriormente ampliata. Ecco, per le nuove tavole che cosa ci dobbiamo attendere? Le novità di quest’anno sono molte, a cominciare dall’aggiunta di 3 modelli firmati dai nostri pro riders come Mark Swoboda, Ben Bilocq e Anton Gunnarsson nella serie Pro One Off. Vorrei soffermarmi a parlare delle due novità più importanti della collazione: Le Factory una tavola che ha il top della tecnologia by Nitro, dei veri gioielli! Infatti, abbiamo preso i nostri shape di maggior successo, li abbiamo ricostruiti con i migliori materiali e le migliori soluzioni tecnologiche disponibili. Questa stagione offriamo delle super versioni del T1 153, della Rook 156, della Team 159 e della Team Wide 162. Tavole leggerissime dalla reattività inaudita e dallo snap fulmineo, che porteranno i rider ad andare più in alto con più controllo e manovrabilità di quanto si possa immaginare! La Thief, una tavola unica nel suo genere, infatti a seconda della lunghezza cambia anche la larghezza (la 155 ha una larghezza standard, la 163 è una wide). Queste tavole si presentano con camber standard, rinforzi in kevlar sotto gli attacchi, una nuova anima rinforzata nelle zone più sollecitate, laminati in fiberglass triax e fibre di basalto. Vi siete un po’ italianizzati creando una tavola firmata da Abarth, giusto? Si abbiamo stabilito una partnership con Abarth. Dal prossimo inverno le loro macchine da rally avranno il nostro logo impresso sulla carrozzeria e noi creeremo una linea di tavole polivalenti firmate da Abarth, appunto, disponibile solo in pochissimi pezzi limited edition. Ma la nostra partnership con l’Italia va oltre, infatti dal prossimo anno avremo un modello della Fiat Qubo con il nostro nome! Come siete riusciti ad instaurare quella partnership? Nitro è un brand indirizzato ai giovani e Fiat aveva bisogno di farsi conoscere da questo tipo di clientela a livello internazionale. La Qubo poi esce ad un prezzo veramente competitivo come i prodotti firmati da Nitro… l’accoppiata perfetta in Italia come in tutta Europa!

Boards 2011/2012: Marc Swoboda Pro Model e la Linea Nitro+Abarth

40 Pill3.indd 40

27-03-2011 18:55:21


Ispo REPORT

OXBOW: Revolt Jacket Words: Nicolò Balzani

Oxbow Italia | +39 393 959 0984 | lcanali@oxbow.fr | www.oxboworld.com

Luca Canali

è il nuovo brand manager per l’Italia di Oxbow, storico marchio surfwear e outerwear francese, approfittiamo dell’Ispo per metterlo alla prova e farci raccontare le nuova “tripla” ed originale giacca ideata dal brand.

“È una giacca della linea Switch, quindi collezione dedicata ai core shop, punti vendita selezionati a distribuzione limitata. Il modello si chiama Revolt e viene venduta in tre mezze giacche, con una zip dietro la schiena in modo da poter essere aperta davanti e dietro

e divisa a metà. Quindi si acquistano tre pezzi e si possono combinare tra di loro. È una giacca in laminato 10k, light insulated con sistema Recco e ghetta staccabile. Vengono proposte 2 varianti per ciascun pacchetto 3in1, e lo stesso vale per la donna.”

Shell laminato impermeabilita’ 10.000 mm e traspirabilita’ 10.000 g MP3 pocket imbottita

con passanti per filo

Google Pocket

Zip nastrate

Ventilazioni laterali

Skipass pocket Recco

Polsino interno

per la massima tenuta contro freddo, aria e neve.

Ghetta staccabile

combinabile con il pant per evitare qualsiasi infiltrazione di neve.

41 Pill3.indd 41

27-03-2011 18:55:30


Ispo REPORT

K2 & RIDE BOARDS Matteo Tini Words: Nicolò Balzani

The Group Distribution | 0536 60731 | info@thegroupdistribution.it | www.ridesnowboards.com

è alloggiato il disco, di nuove e più ridotte dimensioni, funge da supporto per poter traslare (aumentando o diminuendo di lunghezza) sia la parte posteriore che la parte anteriore dell’attacco. Hanno ideato questa tipologia di attacco sulla nuova base che ha la particolarità di avere la parte interna scorrevole e dovel loop è vincolato fino alla parte anteriore dell’attacco stesso, per dare una maggiore rigidità e una maggiore possibilità di regolazione dell’attacco. Novità per quanto riguardA le tavole? Con Ride c’è stata una maggior tendenza ad andare sempre più sul rocker. Sulle tavole freestyle, soprattutto quelle che da pipe come la DH2, c’è stata una riduzione del camber nella parte centrale della tavola e una tecnologia rocker in punta e coda. Quindi viene mantenuto, su alcune tavole, un leggerissimo camber in positivo al centro, fino poi ad arrivare alle tavole flatline di K2. Le tavole da pipe sono le uniche a mantenere ancora un pò il camber. E per gli scarponi? C’è stato, già per quest’anno, un miglioramento della scarpetta interna. Sia Ride che K2 hanno sviluppato sempre di più il concetto del sistema Boa, allargandone la gamma. K2, ad esempio, offre il Thraxis, che ha tre Boa per la regolazione della scarpetta interna, della parte alta e bassa dello scafo.

Matteo Tini, insieme ai fratelli Costa, fa parte di The Group Distribution importatore dei marchi Ride e K2, diventati, nel giro di pochissimi anni , tra i Top brands italiani con numeri di vendita in crescita esponenziale… un trend inarrestabile, anche per il 2012?

Quindi quest’anno che tipologia AVETE venduto maggiormente? Rocker! Le nostre tavole, sia K2 che Ride, hanno la particolarità di essere tutte flat al centro; quindi non abbiamo delle positività. Abbiamo, al massimo, la tavola flat, poi cambia la porzione di tavola interessata dal rocker, a seconda della sua altezza e lunghezza e della struttura interna della tavola.

Parlami delle novità per il prossimo anno… Su Ride è stata aggiornata e rivoluzionata gran parte della linea degli attacchi con un nuovo concetto di base modulare, che può essere applicata a varie tipologie di attacchi. Ciò che cambiano sono gli spoiler, le fasce e le loro rigidità. È uscito, per la prima volta l’anno scorso, l’attacco Optimo, dove la parte centrale in cui

Per Ride sono stati introdotti nuovi modelli di tavola? Si, c’è l’Arcade, che è la nuova tavola, la DH2 è stata completamente rivista così come la DH. In quale regione italiana vendete di più? Noi con Ride e K2 vendiamo per macro zone, quindi direi le due macro zone del nord d’Italia. Nella zona più a est vendiamo maggiormente abbigliamento e scarpe, mentre a ovest vendiamo più l’attrezzo tradizionale, tavola e attacco.

Lo stand Ride : Il più sensuale e amato dagli italiani.

Chi sei e cosa fai nella vita? Sono Matteo Tini e lavoro per Ride e K2 da una vita! In questo momento mi occupo sia degli aspetti commerciali che di gestione all’interno dell’ufficio. Ride come è andata quest’anno? Quest’anno bene! Le vendite di questa stagione sono state positive, sia nelle tavole, negli attacchi, che negli scarponi e nell’abbigliamento. Siamo molto soddisfatti, abbiamo seguito il trend del mercato, quindi è stato tutto un pò più rallentato. Con l’arrivo della neve le vendite sono poi proseguite positivamente. Quanto è aumentato il vostro trend di vendita? Noi siamo aumentati circa del 30% globalmente! QualI SONO lE tavolE più vendutE? Per Ride, le più vendute sono: DH2, che è un pò la tavola storica, Crush e Machete board con orientamento prevalentemente freestyle. Camber? Bella domanda! Per quanto riguarda K2 è completamente sparito, non fa più tavole con il camber. Abbiamo ancora due modelli di tavole su Ride, con un leggero camber.

42 Pill3.indd 42

27-03-2011 18:55:40


ROUGH SNOWBOARDS Rough Snowboards | info@roughsnowboards.com | www.roughsnowboards.com

Ispo REPORT

Zampa e Marco Words: Nicolò Balzani

Com’ è Nato il progetto Rough? Ciao, siamo Andrea Zampieri (Zampa) e Marco Sabolo di Rough Snowboards, il progetto Rough è nato molti anni fa da me (Andrea) e Beppe Demonte RIP (pioniere della scena italiana) che un pomeriggio in Senales al Big A, filosofizzando sullo snowboard in Italia ci chiedevamo il perchè nella nostra nazione non fosse presente un marchio “core “di tavole, fatto e gestito da snowboarders, che riuscisse ad unire lo snowboard design italico alle esigenze tecniche dei riders di casa nostra. Detto! Fatto! Cosi nasce Rough snowboards, un progetto ambizioso che negli anni ci sta ripagando dei molti sforzi fatti e delle nottate insonni passate a progettare e disegnare. Come è andata e sta andando la stagione? La stagione è andata molto bene anche se purtroppo la neve non ci ha aiutato molto quest’anno. Sempre più snowboarders stanno usando Rough e si stanno avvicinando al nostro marchio, finalmente in molti stanno capendo che una buona tavola per funzionare non deve per forza venire dagli Usa e che le sue prestazioni non sono direttamente proporzionali alla popolarità dei pro riders che la utilizzano. Come mai avete deciso di essere così masochisti da vendere on line, non vi conviene la vendita diretta? Purtroppo questa è stata una scelta obbligata da molti fattori che dopo spiegherò meglio, ma le cose in Rough stanno cambiando e proprio dalla prossima stagione inizieremo a distribuire i nostri snowboards in alcuni negozi selezionati in modo da far conoscere il marchio ad ancora più riders. La nostra scelta di vendere on line è stata determinata dal fatto che ci siamo resi conto che, uscendo da nuovo brand ed impattando contro le multinazionali internazionali non avevamo molta possibilità di sopravvivenza. Molte volte ci siamo sentiti rispondere: “Perchè dovrei vendere Rough spiegando per mezz’ora al rider cos’è e come funziona quando nello stesso tempo posso far uscire dal mio shop 3 boards di big brands?” Lo stand con la nuova “Revolution Series”.

A questo punto avevamo bisogno di credibilità, e chi meglio dei riders stessi può dire se funziona o no uno snowboards e chi può giudicare se un marchio è o non è cool? Ecco spiegata la scelta di vendere direttamente ai riders, i quali fidandosi e dandoci molti consigli ci hanno permesso di arrivare fini a qua. La grafica di quest’anno è da paura… come l’avete scelta? Rough da quando è nata ha sempre cercato di tramettere dei messaggi ai riders con le proprie tavole, il claim del prossimo anno sara il DIY “do it yourself ” interpretato al meglio nelle nostre 2 linee dai nostri art director Geor-

ge Boutall e Joe Lesina, che si sono ispirati agli attrezzi del “fai da te” per le solette della linea Fondation, mantenendo il topsheet quasi neutro, in modo che ogni rider possa personalizzarselo come meglio crede. Sulla linea Revolution hanno, invece, voluto trasmettere un messaggio più forte del DIY ispirandosi al movimento punk ‘80 con colori pastello e grafiche molto curate. Quanto è importante L’aspetto grafico di una tavola nella vendita? Più della tecnologia interna? L’aspetto grafico è molto importante per il marchio in quanto rispecchia cosa vogliamo tramettere di stagione a stagione ai riders.

La tecnologia è invece fondamentale, in ogni singola tavola, cerchiamo di realizzare tavole concrete e semplici da utilizzare senza spingerci troppo in là con stranezze “estetiche” che alla fine non ripagano il rider, ali di gabbiano, cunette e 4 camber in una sola tavola li lasciamo ad altri. Come e dove sono costruite le vostre tavole? Le nostre tavole sono prodotte in Austria dove riteniamo che la tecnologia e l’esperienza presente non sia paragonabile a nessun altro posto al mondo. Le 2 linee sono interamente in legno, la Fondation serie ha inverted camber a raggio singolo, anti-shock woodcore e risulta essere molto facile e permissiva con il suo flex morbido e molto pop . La Revolution serie ha il double kink camber, gli skate kicks e cosa importantissima il popsickle, cioè inserti in carbokevlar a V sul tail e sul nose che le conferiscono un pop pazzesco e una tenuta davvero micidiale per poter affrontare i kickers e strutture a velocità davvero super! Quale board brand ritenete più innovativo e/o da cui prendete spunto? Per fortuna sino ad ora sono gli altri che guardano noi e prendono spunto (vedi recenti copiature da parte dei big). Noi andiamo avanti per la nostra strada, non c’interessa nulla di cosa fanno gli altri a livello grafico,marketing o tecnico, sappiamo di essere bravi in ciò che facciamo quindi perchè prendere spunti? La creatività è uno dei punti più forti del nostro marchio e per questo non finirò mai di ringraziare George e Joe per il grande contributo che danno a Rough con le loro doti artistiche. Il successo di Rough Snowboards? Sicuramente è dovuto all’impegno che mettiamo tutti i giorni per far crescere il marchio e per fare le cose come si deve, siamo tutti riders e la filosofia di base è che quello che facciamo lo dobbiamo poi usare noi... quindi meglio fare le cose fatte bene! DO IT YOURSELF OR DIE!

43 Pill3.indd 43

27-03-2011 18:55:48


ROME SNOWBOARDS Option Distribution | Tel. 06 97606206 | info@option.it | www.romesnowboards.com

Mauro Spuri Words: Nicolò Balzani

Mauro, Option Distribution di Roma, è il brand manager per l’Italia di Rome Snowboards, Dragon Goggles e Rusty Clothing, a lui spetta il compito di illustrarmi le novità dei suoi brand. Allora Mauro dalla gamma del prossimo anno cosa dobbiamo attenderci? La gamma per il prossimo anno sarà caratterizzata da tre tipi di camber: positivo, inverso ed ibrido (il camber della tavola passa da positivo ad inverso). Il mix o la caratterizzazione di queste tre tecnologie sviluppa l’intera collezione di tavole. In questo modo, qualunque sia il tuo stile di snowboard, Rome fa per te! Naturalmente, il camber non rappresenta tutta la tecnologia racchiusa all’interno delle tavole, si è lavorato anche sulle zone di impatto, la flessibilità e la trasmissione dell’ energia. Per questo Rome ha messo a punto 3 tecnologie: Hotrods, PressurePop e Stringer Tech. In sintesi, le diverse combinazioni disponibili di piastre, stringhe e barre (tutte disponibili in kevlar, carbonio o vetroresina), permettono di variare come mai il comportamento generale della tavola, fino ad ottenere il risultato ottimale.

Per quello che riguarda gli attacchi? Associata alle tavole abbiamo una linea di attacchi veramente innovativa. Infatti, con l’introduzione del camber inverso, Rome ha creato due nuovi sistemi, che vanno perfettamente ad adattare lo stile di riding al tipo di flex e shape della tavola: “Yes I Can’t System” ed il “VRod Baseplate”. Lo “Yes I Can’t System” è un sistema di pads intercambiabili che permette di modificare l’altezza e l’inclinazione della base interna dell’attacco (dove poggia la suola dello scarpone per intenderci). Il sistema “VRod Baseplate” riguarda invece la base dell’attacco che, essendo leggermente rialzato sia in punta che in coda, permette di rendere le tavole con camber inverso molto più reattive. Nei boots infine? Rome ha brevettato un sistema Speed Lace, denominato PureFlex Lacing System. Il sistema super veloce di allaccio Pureflex, dotato di 4 zone di controllo, riesce a garantire flessibilità e comfort inaspettati .

Garage Rocker 154

44 Pill3.indd 44

27-03-2011 18:56:00


SALOMON SNOWBOARDS Amer Sports Italia S.p.a | 0422 5291 | www.salomonsnowboard.com

Words: Nicolò Balzani

Lorenzo Semino

è responsabile vendite Liguria, Piemonte e Valle d’Aosta per Salomon Snowboards, ormai ex rider che ha trasformato la sua passione per lo snowoboard in una fonte inesauribile di conoscenze sul passato, presente e futuro del brand di casa Amer Sport!

Ciao Lory, allora raccontami le novità di Salomon iniziando dai boot. Inizierei parlandoti del Outsider, che è la scarpa nostra da jibbing, ha una maggiore mobilità articolare soprattutto nella parte posteriore che risulta completamente aperta… permettendo un riding senza ostacoli con una perfetta mobilità e, grazie alla scarpetta interna, c’è uno svincolo maggiore per avere più scioltezza anche nella camminata. Un altro modello è il Fusion F4, che prende ispirazione dal vecchio F24, una vera scarpa sostenuta e compatta. La particolarità è la sua allacciatura completamente esterna che si divide in tre parti, inoltre ha: scarpetta Fusion completamente integrata nello scafo, la soletta è molto bassa e di un centimetro più corta rispetto ai boots tradizionali, ammortizzatori in aria e, soprattutto, grazie al sistema 3D Web Lace autonomo, un cavo solo che regola l’allacciatura, sia della parte bassa e che della parte alta del boot, andando così a incidere sulla flessibilità senza problemi di spanciamenti.

Adesso tocca alle tavole… Visto l’enorme successo ricevuto con la Grip, Salomon ha creato la Man’s Board (Directional Twin), una tavola ancora più cattiva, con un camber più pronunciato della Grip. Rispetto a quest’ultima ha un rocker 10 cm punta e coda, chiamato Cross Profile, e nella parte centrale ha un camber tradizionale. In più ha l’estremità di 8 mm più alte della Grip, per migliorare ancora la galleggiabilità in neve fresca. Per ultimi gli attacchi cosa abbiamo? L’attacco su cui puntiamo per il prossimo inverno è il modello Rhythm che esce ad un prezzo veramente interessante, 139 euro, infatti se ne vendendo un botto! Attacco dal design bello aggressivo in 4 colorazioni che fa del suo punto di forza la leggerezza, con cricchetti in alluminio, Pads in multizone in, strep 3D Prime e Highback in Freeframe! Sembra uno spot ma credo che sia proprio il caso di dire: “Qualità e prezzo senza confronti”!

Lory con la nuova Man’s Board

SPY OPTICS Devid De Palma Spy Optic s.r.l | 0332949833 | www.spyoptic.com

sta della crew The Seventh Letter, writers di Los Angeles, che hanno collaborato anche con Converse. La caratteristica tecnica più importante per la prossima stagione è sicuramente la collaborazione con Carl Zeiss Vision per quanto concerne la tecnologia sulle lenti e il lancio, in contemporanea, della tecnologia SPY+ contact by Carl Zeiss vision, un’innovativo trattamento che permette di sperimentare al meglio l’esperienza visiva soprattutto in condizioni di visibilità non ottimali. Tutte le maschere Platoon verranno fornite di una lente bonus gratuita, proprio per poter testare e valutare di persona l’effettivo valore delle lenti in questione. Perché un rider dovrebbe scegliere di comprare Spy? L’immagine di Spy, all’interno del mondo dell’occhiale, è un’immagine core, legata ai rider e alle loro

Words: Nicolò Balzani

filosofie di vita. I nostri prodotti sono creati da rider per rider! Motivo più che sufficiente per sceglierle! Come hai intenzione di investire per far crescere il marchio il prossimo inverno? Per il prossimo inverno faremo degli investimenti su attrezzature per la produzione video e viaggi sul territorio europeo con focus improntati sulle nostri regioni chiave (Alpi e Costa Basca). In questa fase beneficeremo dell’aiuto dei nostri local marketing managers che possono vantare connessioni con network ben stabiliti frutto di anni di collaborazioni. Focalizzeremo la nostra attenzione sulle produzioni video e la creazione di materiali ad hoc, che metteranno in risalto non solo l’aspetto tecnico dei nostri rider ma, anche il lifestyle, la parte che sta dietro al magico mondo degli action sports.

Goggle 2011/2012: Platoon

Un rider completo, ma soprattutto un Team Manager competente che lavora per uno dei goggles brands più originali e core con grande professionalità! Quali sono GLI highlights per il prossimo inverno 2012? Sicuramente inizierei presentandoti le nostre nuove maschere! La Platoon e’ un nuovo modello di maschera Oversized, che mancava all’interno della nostra collezione. Testata sulle nevi canadesi e accolta con grande entusiasmo dall’intero team internazionale attualmente composto da Louie Vito, Danny Larsen,

Eero Niemela, Stevie Bell, Darrell Mathes e Will Lavigne, la Platoon è solo la chicca di un lavoro di sviluppo che è tornato ad essere molto piu’ vicino alle reali esigenze della family. Per l’anno a venire le tematiche principali sono le collaborazioni con: riders, “artisti” e brand non convenzionali (ndr Les Ettes). Tornando alla Platoon possiamo vantare una collaborazione con Push, arti-

45 Pill3.indd 45

27-03-2011 18:56:09


Shop CHECK

ZERO G Lo Shop Dei Balocchi:Toyland Words: Nicolò Balzani

per quello che riguarda l’Apparel. In che periodo vendete di più? Sicuramente a dicembre per le tavole e agosto per le bike. La parte più difficile del tuo lavoro? Quando c’è tanta gente, è difficile rimanere sempre calmi e tranquilli. La tua opinione riguardo la vendita on line? Penso che la vendita su internet possa benissimo essere complementare allo shop, in fondo sono due vendite differenti. Quando una persona prova e vede un capo d’abbigliamento in un negozio è una cosa completamente diversa rispetto ad internet, dove è difficile lasciarsi coinvolgere da qualche cosa e scegliere un prodotto. Credo che gli utenti che vogliano comprare in rete abbiano già le idee chiare su come e dove comprare. La vendita on line è mirata ma difficilmente è completa e ampia come quella in uno shop.

Sono anni che, guardando le sue vetrine, inizio a sognare una discesa in powder o una bella jibbing session e, come me, decine di rider provenienti da tutto il globo. Zero G è una specie di negozio dei balocchi, Land of Toys, che ogni rider vorrebbe avere sotto casa per poter sognare ad occhi aperti attraverso le sue migliaia di tavole e sci appoggiati alle pareti. Il negozio di Chamonix è uno dei più rinomati dell’arco alpino francese creato con originalità da, Martin Green, un altrettanto originale signore inglese! Ecco come funziona uno shop da 500 tavole vendute all’anno raccontato da Martin e dal suo braccio destro Tom Wilson-North. Raccontami la storia di questo meraviglioso shop? Zero G nasce nell’87 in una location differente da quella attuale ma gli sport che trattiamo sono sempre stati gli stessi cioè bike e snowboard. Zero G è famoso anche in Italia e molta gente arriva da voi da tutta l’Europa per fare i suoi acquisti, quale è il suo segreto? Sicuramente essendo a Chamonix la cosa è amplificata, siamo nella patria europea del freeride e, non posso negare, che è abbastanza facile lavorare. Qui puoi riderare tutti i giorni in panorami unici al mondo e poi puoi anche comprare il meglio dei brand mondiali per accontentare la sete di riding. Non è da sottovalutare che le persone che vengono in località come questa sono benestanti, si possono permettere di spendere. Credo che il nostro successo venga dalla qualità dei marchi che teniamo, intorno a questo negozio ci sono molti shop monomarca che tengono solo una tipologia di prodotto, mentre noi abbiamo il meglio di tutti i board brand e questo ci avvantaggia grazie ad una maggior qualità e quantità di materiale. Quale tipologia di tavole, a seconda del range di prezzo e del marchio, è più facile vendere nel vostro negozio? Non vorrei dividerla in range di prezzo, ma preferirei a seconda della tipologia. Basti pensare che le nostre vendite sono indirizzate al 75% su tavole a camber inverso e per la maggior parte tavole All Mountain. In questo inizio di stagione le LibTech, con tecnologia MagneTraction, sono andate via come il pane… anche se indubbiamente il

marchio con un maggior numero di pezzi venduti è stato Burton. Ma la vera novità per noi sono state le tavole di Jeremy Jones! Il modello più venduto? Direi il Custom Flying V. Allora la domanda mi sorge spontanea, ma il rocker è moda? Sicuramente si, anche se sono indubbie le sue performance e la maggior manovrabilità in neve fresca. A mio avviso saranno ancora di moda per un paio di anni per poi trovare una propria collocazione e stabilità nel mercato. Quante board brand avete all’interno dello shop?Circa otto brand, di cui due producono split boards. Le split board si stanno vendendo molto bene, basta tenere presente che in tutta la stagione passata abbiamo venduto 8 split, invece ad oggi (15 dicembre) sono già 35 quelle vendute, quasi esclusivamente Jones Snowboards! Credo che l’entrata nel mercato di tavole prettamente indicate per il freeride, come le Jones, sia stata necessaria per quella grande fetta di freeriders scarsamente considerata da altri marchi.

snowboard per le donne è stato una catastrofe, forse anche perché il negozio è gestito da uomo o magari perché le ragazze non hanno più voglia di snowboard! La grafica dell’anno scorso non ha agevolato, troppo retrò con forti colori fluo, un trend sbagliato soprattutto per una clientela esigente come quella femminile, che guarda poco le performance del prodotto. Le nostre tavole in promozione sono, per la maggior parte, proprio di questo genere! Invece per quello che concerne l’abbigliamento? 60% - 30% - 10% e le percentuali te le posso confermare anche

Il mercato delle sneakers come lo vivete? La gente è diventata pazza negli ultimi sei mesi per le sneakers, abbiamo continuamente fatto riordini su riordini ma non bastavano mai! Credo che in un anno il mercato si sia quadruplicato, grazie soprattutto all’entrata modelli ultra colorati e fluo. Se ne avessi un camion pieno qui fuori lo comprerei perchè sarei sicuro della vendita finale! In questo segmento di mercato le donne fanno sentire la loro importanza come anche il bambino e le vendite sono pari a quelle dell’uomo. È una moda come i pant skinny! Invece il mercato delle bike? È molto più difficile a differenza di quello delle tavole. Una bike è composta da parecchi componenti, conoscerli tutti per spiegarli e consigliare i più adatti non è facile. Negli ultimi anni, anche per la forte predisposizione della località verso la mountin bike e il downhill, abbiamo sempre avuto un incremento di vendite. Se vogliamo andare più nello specifico si è visto un incremento anche per quello che riguarda gli accessori, dai caschi alle protezioni e tutto quello che ne concerne. Cosa è per voi la crisi economica? Che cosa è? Non la conosciamo qui e possiamo dire di essere fortunati, Chamonix è un’isola felice che non sembra appartenere al resto del mondo!

Martin Green

Quante tavole vendete ogni anno? Dalle quattrocento alle cinquecento tavole all’anno. Aspetta un minuto che controllo… (un rapido check al computer)… l’anno scorso, che non è stata una stagione eccezionale, abbiamo venduto 408 tavole! Invece il mercato delle tavole da donna come si comporta qui da voi? In percentuale ti dico: 80% uomo, 10% bambino e 10% donna. Il mercato delle tavole da

46 Pill3.indd 46

27-03-2011 18:56:16


FAKE

PRESSING ROCKER BOARDS IS LIKE FAKE TITS IT MIGHT LOOK GOOD, BUT YOU CAN FEEL THE DIFFERENCE

Distribuzione italiana: Wood Morning SRL Tel/Fax (+39) 0643251922 www.woodmorning.eu

47 Pill3.indd 47

27-03-2011 18:56:17


Pill3.indd 48

2012-Preview Ad ISPO A3-fend.indd 1

27-03-2011 18:56:20

24.12.10 09:50


The Pill 03