Page 1

Designs for the recovery of

La Data, Urbino

1


2


URBINO 2013: La Data Nestled between the walls of Francesco di Giorgio’s 15th-century stables built for Duke Federico da Montefeltro, Giancarlo De Carlo’s steel super structure has remained still and silent, waiting to support a variety of uses for the Comune di Urbino. Finished in 2007, the threelevel structure and the light wells (patios) carved from the interior space stand in contrast to, and detached from, the massive brick wall that is all that remains of Francesco di Giorgio’s original construction. Designed as a flexible armature to support several functions, including Library, Exposition Space, Café/bar, and Urban/Territorial Center, the structure occupies three levels while preserving the expansive sense of space within this 135-meter-long building. How to insert and define a set of discrete functions while preserving the majesty and mystery of this uniquely-proportioned volume presents a design challenge of a high order. Accepting this challenge, students of the University of Texas at San Antonio College of Architecture Urbino Study-Abroad program, in collaboration with Monica Mazzolani and Antonio Troisi, of MTa Associati, heirs to De Carlo’s practice after his death in 2005, in the fall of 2013 developed five proposals for the completion of La Data. It is hoped that bringing these proposals to life will provide a visual stimulus to the community, leading perhaps to the beginning of a new life for the building. URBINO 2013: La Data Annidata tra le mura che Francesco Di Giorgio costruì nel 15° secolo per il Duca Federico da Montefeltro, la super struttura in acciaio di Giancarlo de Carlo è rimasta silente ed immobile, aspettando di sostenere i vari usi per la città di Urbino. Finito nel 2007 la struttura a tre livelli e i patii scolpiti nello spazio interiore sono in contrasto, e staccati, dall’imponente muro di mattoni che è ciò che rimane della costruzione originale di Francesco di Giorgio. Progettato come una flessibile corazza per soddisfare diverse funzionalità, inclusa una biblioteca, uno spazio per le esposizioni, un Cafè/bar, un Centro Urbano e del Territorio, la struttura occupa tre livelli e preserva il grande senso di spazio entro i suoi 135 metri di lunghezza dello stabile. Come inserire e definire un set di discrete funzioni e preservare allo stesso tempo la maestosità e il mistero in maniera proporzionalmente unica presenta una sfida progettuale di alto grado. Accettando questa sfida, gli Studenti dell’Università del Texas, San Antonio, della Facoltà degli Studi di Architettura appartenenti al programma studi esteri ad Urbino, in collaborazione con Monica Mazzolani e Antonio Troisi, dell’ MTa Associati Studio, eredi dell’opera di De Carlo dopo la sua morte nel 2005, alla fine del 2013 hanno sviluppato cinque diverse proposte per il compimento de La Data. Si spera che il portare alla vita queste proposte provvederà a portare uno stimolo visivo alla comunità, conducendola cosi all’inizio di una nuova vita dello stabile. Darryl Ohlenbusch AIA Urbino, 28 November 2013

3


4


Via Urbino

9

Il Nastro

19

Il Montefeltro

29

Il Sistema

39

Lo Spazio

49

James Gonzales, Allie McGehee, Raul Castano, Ashley Masch

Marisa Estrada, Nathan Flores , James Galindo

Sarah Hageman, Alan Alanis, Miguel Cantu

Stephanie Pecora, Kevin Bendtsen, Justin Simmons

Valeria Martinez, Sarah Lutze, Anthony Stermer 5


6

Images of Existing Site


Images of Existing Site

7


8


Lobby Perspective

Via Urbino

James Gonzales, Allie McGehee, Raul Castano, Ashley Masch

9


10


General Description

This design consists of four different functions occupying the existing space of La Data in Urbino. The Urban/Territorial Center occupies the entire third floor with space available to be rented out for different functions. The second floor is entirely dedicated to the library, as are parts of the first floor and the main ramp. The Library consists of a digital library as well as a traditional library with bookshelves, study rooms and lounge furniture. The part of the library on the first floor consists of a book store and a large reception desk that serves as a library help desk, as well as a tourist information desk, since this is the main entrance to the space. Adjacent to this portion of the library is a bar/café that consists of a large bar on one side of a stairwell, and a lounge area on the other side. Past the bar is an enclosed private gallery space for temporary exhibitions.

Design Approach

The design of this space embraces both the heritage of Urbino, as well as the emerging and inevitable modernization of present times. The Urban/Territorial Center will be used as a permanent display of the history and development of the city of Urbino, including pictures, models and other objects that are crucial to telling the story of Urbino. The original brick walls will remain uncovered but with modern partitions to display the works. The library is both digital and traditional, therefore it will be a neutral space. There will be a well-lit area for reading and studying and comfortable and appropriate furniture for relaxing and reading. The bar/café is a classic example of Italian lifestyle. Whether you are just entering the first floor, or you are about to leave, anyone who passes through here can enjoy a coffee or a drink. This space is fun and flowing to emphasize its position in the center of the space. Because the gallery is for private functions, it is being made into a flexible space that can be interpreted as both modern and traditional. Partitions are being added between existing columns to make the most of the existing structure.

Descrizione generale

Il progetto consiste in 4 diverse funzioni che occupano lo spazio de La Data in Urbino. Il centro Urbano/Territoriale occupa l’intero terzo piano con un spazio che può essere utilizzato per diversi fini. Il secondo piano è dedicato interamente alla biblioteca che ha parte anche al primo piano e nella rampa principale. La biblioteca consiste in una biblioteca digitale e in una più tradizionale con librerie, sale studio e salotti. La parte della biblioteca al primo piano consiste in un negozio di libri e un grande banco reception che funziona come punto informazioni della libreria e come banco informazioni turistiche ed è l’entrata principale all’edificio. Adiacente all’ingresso della biblioteca c’è il bar/Cafè che consiste in un gran bar lungo la scala e in una salotto nel lato opposto. Più in la del bar si trova una galleria privata dedicata ad esibizioni temporanee.

Approccio al design

Il progetto di questo spazio abbraccia sia l’eredità di Urbino sia l’emergente ed inevitabile modernizzazione del tempo presente. Il centro Urbano/Territoriale sarà utilizzato come schermo permanente della storia e dello sviluppo di Urbino, includendo immagini, esempi e altri oggetti cruciali per raccontare la storia di Urbino. L’originale muro in mattoni rimarrà scoperto ma con moderni tramezzi per esporre il lavoro. La biblioteca è sia digitale che tradizionale quindi sarà uno spazio neutrale. Ci sarà un’area ben illuminata per la lettura e lo studio e un’area confortevole ed attrezzata per lo svago e il relax. Il bar/Cafè è un classico esempio dello stile italiano. Se stai entrando o uscendo dal primo piano, chiunque passi li può gioire di un caffè o di un drink. Questo spazio è piacevole ed è un movimento che enfatizza la sua posizione all’interno dello stabile. Essendo la galleria adibita a funzioni private, si sviluppa su uno spazio flessibile che può essere interpretato sia come moderno che come tradizionale. I tramezzi sono aggiunti alle preesistenti colonne per esaltare al meglio la struttura esistente.

11


Use Diagram from MTa Associati

12

Reinterpreted Use Diagram


S.2

S.1

S.3

G.R 1

G.R 1

S.2

S.1

S.3 0

2m

4m

8m

12m

Floor Plans

13


14

Section 1

Section 2


Section 3

S.2

S.1

S.3

West Elevation with Front Wall Removed

15


Graphic Rendering 1

16


Graphic Rendering 2

17


18


Il Nastro

Marisa Estrada, Nathan Flores, James Galindo

19


20


General Description

This layout emphasizes the idea of “center” by delineating the middle floor as the central thoroughfare. This layers the floors from top to bottom as private, public and then private. The top floor is entirely library space, and contains two closed reading/study areas. The library offers a comfortable, quiet and private place to study while still interacting with the entire space. The bottom floor is used for the Private Gallery. While this space is large and open, it maintains a private sense in its dramatic presentation of history and art. The larger open spaces can be used for large sculptures with abundant natural light, while a series of panels diffuses the light for the intimate controlled displays. This floor also contains a Bar with exterior seating inhabiting the first light well and a small bookshop for the Gallery. In the center floor are located the Urban/Territorial Center and an extension of the library. This floor is entirely interactive and open to the general public, offering hands-on learning and a digital library. The floors are designed to celebrate the space and breathe new life into this beautiful monument of Urbino..

Design Approach

This complex historical space in conjunction with the given program can be broken up into distinct sections. Each of these sections has specific functions that inform the design of the space. To connect all the spaces together and maintain the unity of the floors a series of vertical slats act as ceiling fabrication. This helps hide HVAC and other mechanical systems and also helps with light distribution and diffusion. These ribbons are oriented to emphasize the brick walls that define this building. The flooring and furnishing materials accent the use of each space: Travertine in the gallery spaces, a subtle neutral tone for the library, and a colorful palate for the central floor, housing the urban center and digital library, delineating the central floor as the main thoroughfare. To further emphasize the history of this building there is lighting imbedded in the flooring lining the wall to dramatically express the brick.

Descrizione generale

La struttura enfatizza l’idea di “centro” delineando il piano centrale come via principale. Ciò stratifica i piani dall’alto verso il basso come privati, pubblici e ancora privati. Il piano superiore è interamente dedicato alla biblioteca e contiene due aree chiuse per la lettura. La biblioteca offre uno spazio privato, quieto, confortevole per lo studio e contemporaneamente permette l’interazione con lo spazio restante. Il piano superiore è dedicato ad una Galleria Privata. Nonostante lo spazio sia largo ed aperto mantiene un aspetto privato nella sua accentuata presentazione storica ed artistica. Il grande spazio aperto può essere usato per l’esposizione di grandi sculture vista la ricca quantità di luce naturale, mentre una serie di pannelli diffonde la luce grazie a schermi regolati. In questo piano inoltre c’è un Bar con dei posti a sedere all’interno del patio e una piccola libreria per la Galleria. Nel piano centrale è ubicato il Centro Urbano Territoriale e un’estensione della biblioteca. Questo piano è completamente interattivo e aperto al pubblico, offre un apprendimento partecipativo e una biblioteca digitale. I piani sono realizzati per celebrare lo spazio e respirare una nuova vita in questo meraviglioso monumento di Urbino.

Approccio al design

Il complesso spazio storico insieme al programma consegnato può essere diviso in diverse sezioni. Ognuna di queste sezioni ha specifiche funzioni che improntano il design dello spazio. Per creare una connessione tra tutti gli spazi e mantenere l’unità dei piani si è pensato ad una serie di assi verticali che fungono da soffitto. Ciò aiuta sia a nascondere l’ HVAC e altri sistemi meccanici sia la distribuzione della luce e della sua diffusione. Questi nastri sono orientati in modo tale da enfatizzare i muri in muratura che caratterizzano la costruzione. Il materiane della pavimentazione e dell’arredamento accentua l’uso di questo spazio: Travertino nello spazio della Galleria, un sottile tono neutrale per la biblioteca, e un gusto multicolore per il piano centrale, ospitando il Centro Urbano e la biblioteca digitale, delineando il piano centrale come le via principale. Per enfatizzare ulteriormente la storia di questo monumento ci sono delle luci incastonate nel pavimento che rivelano in modo teatrale i mattoncini.

21


Use Diagram from MTa Associati

22

Reinterpreted Use Diagram


S.3

S.2

S.1

S.P

G.R 1

-10

-5

Third Floor Plan

0

10

20

SCALE : 1:20m NTS

-10

-5

Second Floor Plan

0

10

20

SCALE : 1:20m NTS

G.R 2

S.3

S.2

S.1

S.P 0

Ground Floor Plan

2m

4m

8m

12m

-10

-5

0

Floor Plans 10

SCALE : 1:20m NTS

20

23


24

Section Perspective

Section 1


Section 2

Section 3

0

2m

4m

8m

12m

West Elevation with Front Wall Removed -10

-5

0

10

25 20


26

Graphic Rendering 1


Graphic Rendering 2

27


28


Il Montefeltro

Sarah Hageman, Alan Alanis, Miguel Cantu

29


30


General Description

The cafe is located on the first floor between the main entrance on the north end and the light well next to it, which allows the cafe to take advantage of both outdoor areas. Next to the cafe, the transition to the library starts to develop by the change of space use and materials. Throughout the library are semi-private and semi-public areas. The second floor serves as exhibition space for temporary collections, with the museum shop located right above the cafe. The exhibit area can be extended by hanging artwork from the ceiling structure. The third floor holds the Urban/Territorial Center, visitors center information desk, and a gift shop. The gift shop is located on top of the gift shop from the second floor. Having these three commercial areas right on top of each other creates a vertical connection that will encourage people to circulate up and down through the three levels.

Design Approach

The architectural approach that has guided this project is to maintain the integrity of the space by not creating visual obstructions This is done by using transparent materials, leaving the existing brick wall undisturbed, and using materials that will contrast with the existing brick wall.

Descrizione generale

Il Cafè è collocato al primo piano tra l’entrata principale a nord della struttura e il patio, che permettono al Cafè di beneficiare di entrambe le aree esterne. Accanto al cafè, la transizione per la biblioteca inizia a svilupparsi con lo scambio dell’uso del materiale e dello spazio. Attorno alla biblioteca ci sono aree semi private e semi pubbliche. Il secondo piano offre uno spazio espositivo per una collezione contemporanea, con il negozio del museo situato sopra il Cafè. L’area espositiva può essere ampliata con le esposizioni di lavori artistici pendenti dal soffitto. Il terzo piano ospita il Centro Urbano Territoriale, un banco informazioni per i visitatori, e un negozio di articoli da regalo. Il secondo negozio è collocato sopra il primo e crea una connessione verticale che incoraggerà la gente ad andare su e giù attraverso i tre livelli.

Approccio al design

L’approccio architettonico che ha guidato questo progetto ha il fine di mantenere l’integrità dello spazio non creando ostruzioni visive. Ciò è possibile attraverso l’utilizzo di materiali trasparenti, lasciando intatti i muri e usando materiali che non contrastano con i muri già esistenti.

31


Use Diagram from MTa Associati

LIBRARY CAFE

32

MUSEUM URBAN TERRITORIAL CENTER STAIR ELEVATOR

Reinterpreted Use Diagram


S.P-2

S.3 S.1

S.4

S.3 S.1

S.4

G.R 3

G.R 1

G.R 2

S.P-2

0

2m

4m

8m

12m

Floor Plans

33


Section Perspective

34

Section 1


Section 2

Section 3

Section 4

0

2m

4m

8m

12m

West Elevation with Front Wall Removed

35


36

Graphic Rendering 1


Graphic Rendering 2

Graphic Rendering 3

37


38


Il Sistema

Kevin Bendtsen, Justin Simmons, Stephanie Pecora

39


40


General Description

In this design the library is located on the north end on all three levels. This arrangement can make closing off the library to the other spaces very easy when operating hours are over. The exposition space is located on the south half of the ground level as well as the south half of the middle level. This separation of spaces makes it easy to have multiple exhibitions featured simultaneously. The Urban/Territorial Center is located on the top floor which would be easily accessible to visitors of the city. This space would be a mixture of Urbino history, current Urbino events, and a bookshop. The café in this space is located in the middle of the middle level between the library and exposition space. This space acts as the “heart” of the building and promotes a gathering of people from all of the spaces.

Design Approach

The design concept revolves around the parts of the body in relation to the spaces of the building. The heart of the building is the café in which all of the visitors in other spaces would flow to; the visitors acting as the blood and the spaces acting as the veins. There is a system of panels that partially enclose the café and act as the ribcage protecting the heart. These panels conceal the café without completely blocking it from sight as well as keeping the noise from escaping the space. There is a form of light emitting from the café that creates a glow that visitors would be attracted to. The bar top and other fixtures/seating are created by this system of panels. Outside of the cafe the panels fade away into the adjacent spaces while creating some fixtures in those spaces as well. The other spaces are left mostly open so that the visitor can see from one to another down the length of the building. Having so few additions in the space accentuates the length of the building and the goal is to have the visitor want to travel all the way down the building.

Descrizione Generale

In questo progetto la biblioteca è disposta nella parte estrema nord dei tre livelli. Questa sistemazione permette l’interazione nei restanti spazi quando la biblioteca è chiusa. Lo spazio espositivo è dislocato sulla metà sud del piano terra e sulla metà sud del secondo piano. Questa separazione di spazio permette facilmente di avere più esibizioni presentate simultaneamente. Il Centro Urbano Territoriale è collocato all’ultimo piano in modo tale da rendere facile l’accesso a tutti i visitatori della città. Questo spazio vorrebbe essere un insieme di cose: storia di Urbino, attuali eventi in Urbino e una libreria. Il Cafè è lo spazio collocato nel centro del secondo piano tra la biblioteca e lo spazio espositivo. Questo rappresenta “il cuore” della struttura e promuove l’incontro delle persone provenienti da ogni luogo.

Approccio al design

Il progetto dello spazio ruota attorno al concetto delle parti del corpo in relazione con lo spazio della struttura. Il cuore della struttura è il Cafè nel quali tutti i visitatori possono fluire da ogni posto; i visitatori rappresentano il sangue e lo spazio rappresenta le vene. C’è un sistema di pannelli che cinge parzialmente il Cafè e funge da cassa toracica che protegge il cuore. Questi pannelli nascondono il Cafè senza ostruirne completamente la vista e senza farne uscire i rumori. C’è una luce emessa dal Cafè che crea un bagliore che attrae i visitatori. La parte superiore del bar e altri impianti/posti a sedere sono creati da questo sistema di pannelli. Fuori dal Cafè i pannelli si affievoliscono nello spazio adiacente creando ulteriori impianti. Gli altri spazi sono lasciati maggiormente aperti così che i visitatori possano vedere da una parte all’altra la lunghezza della struttura. Avendo cosi pochi componenti aggiuntivi si accentua la lunghezza dello stabile e l’obiettivo è che il visitatore abbia voglia di girare tutt’attorno allo stabile.

41


Use Diagram from MTa Associati

42

Reinterpreted Use Diagram


S.1

S.3

S.2

G.R 3 G.R 4

G.R 1

G.R 2

S.1

S.3

S.2

0

2m

4m

8m

12m

Floor Plans

43


Section 1

Section 2

Section 3

0

44

2m

4m

8m

12m

West Elevation with Front Wall Removed


Graphic Rendering 1

45


46

Graphic Rendering 2

Graphic Rendering 3


Graphic Rendering 4

47


48


Lo Spazio

Valeria Martinez, Sarah Lutze, Anthony Stermer

49


50


General Description

Lo Spazio presents a contemporary option for the completion of La Data. It was designed to be a physical representation of the interaction between two strangers. To achieve this, public and private spaces were designed as a metaphor for the activities that occur when meeting someone. The café was seen as a conversation and was made to be the most public space. It sits centrally located or in direct connection between all building spaces. The urban/territorial Center was the prime space to introduce the character of the city to a stranger and was placed at the south end of the building on the ground floor. The Library was imagined as the brain of a person and was placed on the top two floors, away from main entrances; this allowed for emphasis on the private nature of a person’s mind. Lastly, the gallery, a revenue- producing space, represented the heart of a person. It required a direct connection to the main entrance on the ground floor while allowing for different levels of privacy; to accomplish this, it was placed on all three floors.

Design Approach

The approach to redesigning La Data was initiated by imagining the different experiences a stranger to Urbino would undergo when entering the city. This process was then interpreted to be the first meeting between two people and was then physically represented through spatial forms and layouts within the building. First, the intention of each space as private or public was defined; the gallery was seen as a private, the library as semi-private and the urban/territorial center and café as public. These spaces were then designed as individuals to become part of a larger system of interactive spaces that would eventually characterize the building form. The transitions between public and private spaces were treated as buffer zones to direct people into different destination points throughout the building; directional and spatial questions were answered through form design and detail work. Through material choices, such as transparent materials over solid ones, repetitive like the consistent use of panels as barriers to define space, and the use of color (bright colors for public spaces to help draw attention to its social nature), the character of Il Spazio is made real.

Descrizione generale

Lo spazio presenta una versione contemporanea per il compimento de “La Data”. E’ stata progettata per essere una rappresentazione fisica dell’interazione di due sconosciuti. Per realizzare ciò, gli spazi pubblici e privati vengono rappresentati come una metafora delle attività svolte quando ci si incontra. Il Cafè è visto come una “conversazione” ed è il luogo maggiormente pubblico. È situato al centro in connessione con le altre costruzioni. Il Centro Urbano/Territoriale è il primo punto di incontro per introdurre i personaggi della città allo straniero ed è collocato nella parte estrema sud dell’edificio, nel piano terra. La biblioteca è immaginata come la mente di una persona e posizionata in cima al secondo piano, lontana dalle principali entrate, ciò per enfatizzare il concetto della natura privata della mente umana. In fine c’è la galleria, per la cui visione bisogna pagare. Rappresenta il cuore dell’uomo. Ciò richiede una diretta connessione con l’entrata principale al piano terra e contemporaneamente l’entrata a diversi livelli privati: per questo è posta al terzo piano.

Approccio al design

L’approccio per riprogettare la Data inizia immaginando le diverse esperienze a cui deve sottoporsi uno straniero quando entra in città. Questo motivo è stato poi interpretato come l’incontro tra due sconosciuti e rappresentato fisicamente attraverso le forme spaziali e la struttura interna del monumento.. Per prima cosa è definita l’intenzione di rendere privato o pubblico ogni spazio; la galleria è vista come uno spazio privato, la biblioteca come un luogo semiprivato e il centro Urbano/Territoriale e il cafè come pubblico. Questi spazi sono progettati come individuali in modo tale da diventare poi parte di un sistema più grande di spazi interattivi caraterizzano la forma dell’edificio. La transizione tra spazio pubblico e privato è trattata come zona cuscinetto per indirizzare le persone a diverse destinazioni nell’edificio; i temi dello spazio e della direzione furono trattate attraverso forme progettuali e lavori di dettagli. Attraverso la scelta del materiale, cosi come materiali trasparenti su materiali solidi, ripetitivi come il consistente uso di pannelli come barriere per definire lo spazio, e l’uso dei colori (colori chiari per gli spazi pubblici tali da aiutare a guidare l’attenzione alla propria natura sociale), Il personaggio de “lo spazio” è reso reale.

51


Use Diagram from MTa Associati

52

Reinterpreted Use Diagram


G.R

P.2 /S.1

S.2

P.1

S.3 0

2m

4m

8m

12m

Floor Plans

53


Section Perspective 1

54

Section Perspective 2


Section 1

Section 2

Section 3

0

2m

4m

8m

12m

West Elevation with Front Wall Removed

55


56

Graphic Rendering


Urbino, Fall 2013 Acknowledgements We would like to thank the following individuals for their participation and support of this project Monica Mazzolani and Antonio Troisi, MTa Associati, Milano Eugenia Esposito and Mirko Marinelli, GEV Urbino Roberta Cossu Berte (Translation Services)

57

UTSA Architecture La data Project Urbino 2013  

Urbino 2013 Fall La Data Project UTSA Location: Urbino, Italy Professor: Darryl Ohlenbusch

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you